NORME E ATTIVITÀ A TUTELA DEI DOLENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NORME E ATTIVITÀ A TUTELA DEI DOLENTI"

Transcript

1 ISTUZIONE OPEATIVA NOME E ATTIVITÀ A TUTELA DEI I DMP-C04 ev. 0 del Data applicazione edazione Verifica Approvazione Sig. Matteo imoldi Dott.ssa Lucia Dolcetti Dott.ssa Lucia Dolcetti

2 Pagina 2 di 8 STATO DELLE EVISIONI ev n Data Descrizione modifica edazione Verifica Approvazione Prima emissione Sig. Matteo imoldi Dott.ssa Lucia Dolcetti Dott.ssa Lucia Dolcetti INDICE 1. OGGETTO E SCOPO Il presente documento, riprendendo e sistematizzando le indicazioni già fornite nel corso degli anni, descrive le attività messe in atto dalla Direzione Medica di Presidio al fine di assicurare la correttezza e la trasparenza dei comportamenti adottati dal personale dell Azienda Ospedaliera nei confronti dei dolenti. 2. CAMPO DI APPLICAZIONE Tutta L Azienda Ospedaliera Polo Universitario L. Sacco 3. IFEIMENTI NOMATIVI D.P.. 285/90 Approvazione del regolamento di polizia mortuaria Codice penale Codice di procedura penale 4. DOCUMENTI INTENI DI IFEIMENTO Carta dei Servizi Direzione medica di Presidio P DMP-01 Area delle funzioni medico legali I DMP-C03 5. ESPONSABILITA Illustrare in modo chiaro e trasparente le regole aziendali per l assistenza ai parenti del defunto nello svolgimento dell iter burocratico e cerimoniale post mortem Consegnare una copia delle egole aziendali per l assistenza ai parenti del defunto ai parenti del defunto OPEATOI SANITAI UU.OO. OPEATOI CAMEA MOTUAIA

3 Pagina 3 di 8 Provvedere alla vestizione del defunto su esplicita delega dei parenti Vigilare sulla libera scelta dell Impresa funebre da parte dei parenti = esponsabile 6. MODALITA OPEATIVE La Direzione Medica di Presidio coordina le attività della Camera Mortuaria, luogo dove sostano le salme dei deceduti in ospedale in attesa dell espletamento delle formalità necessarie per il seppellimento. Compiti della Camera Mortuaria sono: - il ritiro della salma dal reparto di degenza; - la verifica dei documenti necessari per la segnalazione del decesso e per l avvio delle pratiche relative, e l eventuale assistenza nella loro compilazione; - l assistenza alla famiglia del deceduto per poter agevolare l iter burocratico conseguente al decesso; - la vestizione e la conservazione della salma fino alla consegna della stessa all impresa funebre per le pratiche post decesso (funerale, sepoltura, cremazione). Il personale della Camera Mortuaria, dopo aver portato la salma presso la camera mortuaria aziendale, ha il compito di: 1. illustrare in modo chiaro e trasparente le regole aziendali per l assistenza ai parenti del defunto nello svolgimento dell iter burocratico e cerimoniale post mortem: il personale spiega che sono garantiti dall Azienda Ospedaliera l igiene, la vestizione ed la custodia della stessa; spiega in quale modo sia possibile provvedere allo svolgimento del funerale, della sepoltura e/o della cremazione del defunto (scelta di un Impresa funebre privata o scelta di un Impresa funebre convenzionata con il Comune di residenza), quali siano le azioni da svolgere nei due casi e specifica che la scelta tra le due opzioni viene effettuata liberamente dalla famiglia; 2. consegnare una copia delle egole aziendali per l assistenza ai parenti del defunto ai parenti del defunto stessi, che devono siglarla per presa visione (allegato 1); 3. a seconda della scelta effettuata dai parenti: qualora questi scelgano di rivolgersi a un impresa funebre privata, mettere a loro disposizione l elenco telefonico; qualora invece optino per un impresa funebre convenzionata con il Comune di pertinenza, fornire loro le indicazioni logistiche necessarie per contattare l Ufficio Comunale addetto; 4. fare compilare ai familiari il modulo in cui si dichiara l avvenuto ritiro della documentazione necessaria ad effettuare la denuncia di decesso (Accertamento di morte, Istat, Avviso di morte) e/o il conferimento di delega a un impresa funebre affinché provveda all esecuzione del funerale e in cui dichiarano per iscritto la loro volontà di fare effettuare la vestizione della salma al personale della Camera Mortuaria Aziendale o al personale dell Impresa Funebre da loro scelta (allegato 2); 5. vigilare sulla libera scelta dell Impresa funebre da parte dei parenti, come previsto da norma di legge, monitorando le attività delle imprese funebri sui pazienti deceduti all interno dell Azienda Ospedaliera, attraverso la rendicontazione periodica delle stesse.

4 Pagina 4 di 8 Per coloro che lo desiderano è possibile rispondere ad un questionario di customer satisfaction (allegato 3) che consente di esprimere la valutazione, da parte dei congiunti, del servizio reso. Viene inoltre effettuata dal Coordinatore infermieristico del servizio una registrazione delle imprese che effettuano i servizi funebri che invia mensilmente alla Direzione Medica di Presidio. Tali dati vengono successivamente aggregati su base annuale, elaborati statisticamente (percentuale di servizi affidati a ciascuna impresa sul totale dei servizi effettuati) dal personale di segreteria della Direzione Medica di Presidio secondo lo schema riportato in allegato 4 e inviati ai competenti uffici regionali.

5 Pagina 5 di 8 7. MODULI / ALLEGATI Allegato 1 Direzione Medica di Presidio Gentile Signora/ Signore, nel porgere le condoglianze da parte della nostra Azienda per il lutto che L ha colpita, riteniamo doveroso in tale triste circostanza fornirle alcune informazioni: la scelta dell impresa per le onoranze funebri è di Sua sola ed esclusiva competenza; nessuna impresa ha esclusive o appalti di servizi con la nostra Azienda Ospedaliera; agli incaricati delle imprese di pompe funebri non è assolutamente consentito frequentare la nostra struttura per offrire i propri servizi; parimenti, la sottoscrizione dell'eventuale affidamento d'incarico all'impresa, da parte sua, non potrà avvenire all'interno della nostra Azienda Ospedaliera; la si invita a segnalare eventuali interferenze, o sollecitazioni non richieste, alle autorità competenti (in primo luogo all'ufficio elazioni con il Pubblico, alla Direzione Medica di Presidio e, nei casi più rilevanti, ai Carabinieri); è compito degli operatori del reparto di degenza e della camera mortuaria curare l igiene e la custodia della salma; la vestizione della salma è un compito affidato al personale della camera mortuaria o, in caso di scelta di impresa di pompe funebri, agli operatori della medesima su Sua delega scritta; nel caso di mancata individuazione di un'impresa da parte Sua, gli operatori della nostra camera mortuaria eseguiranno la vestizione della salma, senza alcun onere economico a Suo carico, nei seguenti orari: dal lunedi al venerdi, dalle ore 8 alle ore 14; sabato e domenica, dalle ore alle ore 14.30; tutti i documenti riguardanti il decesso sono gratuiti e possono essere trasmessi al competente ufficio comunale: dall'impresa di onoranze funebri prescelta, su Sua delega, o, nel caso di mancata individuazione di un'impresa da Lei o altro familiare previa sottoscrizione di dichiarazione per il ritiro dei documenti; dall'azienda Ospedaliera.. E nostro auspicio che Lei non venga turbata da nessun comportamento difforme a tali norme; ove ciò non avvenisse, ci scusiamo e Le chiediamo di volerci segnalare tali disfunzioni per gli opportuni provvedimenti. Nel rinnovarle le espressioni di condoglianza, ci auguriamo che queste informazioni possano contribuire alla soluzione di alcune delle problematiche che si presentano in questa triste circostanza. PE PESA VISIONE... Il Direttore Medico di Presidio (Dott.ssa Lucia Dolcetti) Milano Via G.B. Grassi 74

6 Pagina 6 di 8 Allegato 2 Milano li. Alla cortese attenzione Azienda Ospedaliera Luigi Sacco Milano Il sottoscritto Telefono... (Grado di parentela)...del/della defunto/a Sig./Sig.ra deceduto a Milano presso l il... Dichiara di ritirare la documentazione necessaria ad effettuare la denuncia di decesso di cui all art. 138.D. n 1238 del 9 luglio DELEGA L impresa.. a provvedere all esecuzione della cerimonia funebre. La vestizione della salma verrà eseguita: Impresa funebre Personale Camera Mortuaria AziendaleIn fede Sigla Matr.. Data e ora. (Spazio a cura del personale di camera mortuaria) Osservazioni. (Spazio a cura del personale di camera mortuaria)

7 Pagina 7 di 8 Allegato 3 Il sistema di rilevazione della qualità percepita nella Sanità lombarda CUSTOME SATISFACTION (Decreto del 18/12/2006 della DGS) Questionario Camera Ardente Data compilazione (gg/mm/aaaa) D01 Quale grado di soddisfazione esprime rispetto alla qualità delle indicazioni fornite dagli operatori sanitari addetti alla Camera Mortuaria? Per niente soddisfatto Molto soddisfatto D02 Quale grado di soddisfazione esprime rispetto alla riservatezza assicurata dagli operatori sanitari addetti alla Camera Mortuaria? Per niente soddisfatto D03 Quale grado di soddisfazione esprime rispetto alla logistica ed alla adeguatezza strutturale della Camera Ardente? Molto soddisfatto Per niente soddisfatto Molto soddisfatto D04 Quale grado di soddisfazione esprime rispetto alla disponibilità manifestata dal personale sanitario addetto alla Camera Mortuaria? Per niente soddisfatto Molto soddisfatto A05 Sesso F M A07 Scolarità Nessuna Scuola obbligo Scuola superiore Laurea A06 Età A08 Nazionalità Italiana Extraeuropea Europea

8 Pagina 8 di 8 Allegato 4 AZIENDA N. % AZIENDA N. % 1 Impresa funebre Impresa funebre Impresa funebre Impresa funebre Impresa funebre Impresa funebre Impresa funebre Impresa funebre Impresa funebre TOTALE

Flusso procedurale in caso di decesso del paziente. Scopo della procedura pag. 3. Operatori coinvolti pag. 3. Campo di applicazione pag.

Flusso procedurale in caso di decesso del paziente. Scopo della procedura pag. 3. Operatori coinvolti pag. 3. Campo di applicazione pag. 1 AZIENDA OSPEDALIEA SAN GIOVANNI ADDOLOATA DATA ELABOAZIONE evisione: Dicembre 2013 Pag. 2/10 INDICE Scopo della procedura pag. 3 Operatori coinvolti pag. 3 Campo di applicazione pag. 3 Matrice delle

Dettagli

GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA

GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA Comune di Budrio Settore Affari Generali Servizio Comunicazione e Certificazione GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA Abbiamo predisposto questa guida nell intento di facilitare i contatti

Dettagli

A.S.P. CASA di RIPOSO SAN GIUSEPPE Azienda di Servizi alla Persona Largo della Vittoria, 20 26031 Isola Dovarese (CR)

A.S.P. CASA di RIPOSO SAN GIUSEPPE Azienda di Servizi alla Persona Largo della Vittoria, 20 26031 Isola Dovarese (CR) A.S.P. CASA di RIPOSO SAN GIUSEPPE Azienda di Servizi alla Persona Largo della Vittoria, 20 26031 Isola Dovarese (CR) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CAMERA MORTUARIA DELLA A.S.P. CASA DI RIPOSO SAN GIUSEPPE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA CODICE COMUNE N. 11137 Pag.n. 1 Comune di Zibido S. Giacomo Provincia di Milano SIGLA G.C. N 78 DATA 11/04/2011 Oggetto: APPROVAZIONE E RIARTICOLAZIONE DEL NUOVO SERVIZIO CIMITERIALE VERBALE DI DELIBERAZIONE

Dettagli

Customer satisfaction 2012

Customer satisfaction 2012 Customer satisfaction 2012 Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta Presentazione risultati (Gennaio 2013) DATI GENERALI 2 Il campione 2012 Totale rilevazioni Primo 1349 Secondo 1299 Totale 2012

Dettagli

i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA

i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA AGEC gestisce i servizi Cimiteriali dal 1999, impegnandosi a garantire un servizio di qualità, nel rispetto del decoro e della riservatezza. Tutti i servizi

Dettagli

Trasporto della salma (prima dell accertamento di morte) in altro Comune nell ambito del territorio della Regione Lombardia.

Trasporto della salma (prima dell accertamento di morte) in altro Comune nell ambito del territorio della Regione Lombardia. Trasferimento salme e ceneri fuori dal Comune di Ceresara Trasporto della salma (prima dell accertamento di morte) in altro Comune nell ambito del territorio della Regione Lombardia. E possibile trasportare

Dettagli

DIMISSIONE: temporanea o definitiva

DIMISSIONE: temporanea o definitiva INDICE ISTUZIONE OPEATIVA Data 01/01/2014 Pagina 1 di 8 1. OBIETTIVO... 2 2. DEFINIZIONE... 2 3. DIMISSIONE TEMPOANEA... 2 3.1 PESONALE COINVOLTO E ESPONSABILITÀ... 2 4. DOCUMENTI A SUPPOTO... 3 5. MODALITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI Art. 1 Oggetto del regolamento. Il presente Regolamento disciplina il servizio di trasporti funebri nel territorio comunale espletato nel rispetto delle norme di cui al Capo

Dettagli

Customer satisfaction 2012

Customer satisfaction 2012 Customer satisfaction 2012 Ospedale S. Paolo Presentazione risultati Febbraio 2013 Indice Dati generali Servizi Ambulatoriali Laboratorio Degenze Questionari Analisi in dettaglio ambulatori Criticità ambulatori

Dettagli

Protocollo Operativo

Protocollo Operativo Rev. 1/6 EMISSIONE Redatto da: Dr.ssa Bartolomea Sgrò, Dr. Alessandro Aiello ( Resp. Uffic. Infer.) Emesso da: Dr.ssa Bartolomea Sgrò (Dirigente Medico di Direzione Sanitaria) Firma del Coordinatore Sanitario

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N 283 COPIA UFFICIO: STATO CIVILE N 3 29-03-2013 IL DIRETTORE DELL'AREA SERVIZI AL CITTADINO:

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N 283 COPIA UFFICIO: STATO CIVILE N 3 29-03-2013 IL DIRETTORE DELL'AREA SERVIZI AL CITTADINO: Palazzo Comunale Via Tizzoni,2 Telefono 02.92.781 Fax 02.92.78.235 C.A.P. 20063 Codice Fiscale e Partita Iva 01217430154 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N 283 COPIA UFFICIO: STATO CIVILE Data N 3 29-03-2013

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 674 Data : 20/07/2010 SETTORE: SETTORE SERVIZI ISTITUZIONALI Servizio : Stato Civile Leva Servizi Cimiteriali I.D. n. 4826767 del 20/07/2010 OGGETTO : Convenzione per

Dettagli

COMUNE DI JOLANDA DI SAVOIA Provincia di Ferrara ****** SETTORE TECNICO ORDINANZA DIRIGENZIALE N. 15 / 2015

COMUNE DI JOLANDA DI SAVOIA Provincia di Ferrara ****** SETTORE TECNICO ORDINANZA DIRIGENZIALE N. 15 / 2015 COMUNE DI JOLANDA DI SAVOIA Provincia di Ferrara ****** SETTORE TECNICO ORDINANZA DIRIGENZIALE N. 15 / 2015 OGGETTO: ESUMAZIONI ORDINARIE NEL CIMITERO DI JOLANDA DI SAVOIA - ANNO 2016. IL DIRIGENTE/IL

Dettagli

C O M U N E D I A R C E N E Provincia di Bergamo CONVENZIONE

C O M U N E D I A R C E N E Provincia di Bergamo CONVENZIONE C O M U N E D I A R C E N E Provincia di Bergamo CONVENZIONE TRA IL COMUNE E L IMPRESA DI ONORANZE FUNEBRI PER PRESTAZIONI DI SERVIZI FUNEBRI ANNO 2012 Approvato con determinazione n. 427 del 20/12/2011

Dettagli

Come fare la denuncia di morte decesso a casa decesso in ospedale o istituto privato Dove fare la denuncia di morte Morte avvenuta in casa

Come fare la denuncia di morte decesso a casa decesso in ospedale o istituto privato Dove fare la denuncia di morte Morte avvenuta in casa Come fare la denuncia di morte La denuncia di morte deve essere fatta da un familiare o da una persona incaricata, entro 24 ore, all'ufficio di Stato Civile. Le pubbliche assistenze e le agenzie di pompe

Dettagli

COMUNE DI SORGONO PROVINCIA DI NUORO Area Tecnica CARTA DEI SERVIZI SERVIZI CIMITERIALI Norme di riferimento La presente Carta dei Servizi, strumento di tutela dei cittadini, è stata formulata nel rispetto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Premessa:

CARTA DEI SERVIZI. Premessa: CARTA DEI SERVIZI Premessa: La Carta dei Servizi è uno strumento utile al cittadino per essere informato sulle caratteristiche del servizio offerto, sulla organizzazione degli uffici comunali, sugli standards

Dettagli

Pianificazione Cimiteriale: fra nuove regole e antichi doveri

Pianificazione Cimiteriale: fra nuove regole e antichi doveri Pianificazione Cimiteriale: fra nuove regole e antichi doveri Lo stato dell arte in Regione Toscana Emanuela Balocchini Servizi di Prevenzione in sanità Pubblica e veterinaria Regione Toscana 1 Quali ambiti

Dettagli

REGIONE TOSCANA AZIENDA USL 3 DI PISTOIA. Via Sandro Pertini, 708 51100 Pistoia C.F./P. Iva 01241740479

REGIONE TOSCANA AZIENDA USL 3 DI PISTOIA. Via Sandro Pertini, 708 51100 Pistoia C.F./P. Iva 01241740479 Avviso pubblico per assunzione a tempo determinato di n. 2 OPERATORI TECNICI NECROFORI CATEGORIA B PERIODO DI PUBBLICAZIONE DAL 31 Gennaio 2011 AL 7 Febbraio 2011 PUBBLICA AMM/NE UNITA RICHIESTE PROFILO

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION

CUSTOMER SATISFACTION PAGINA 1 DI 5 1 SCOPO 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 RIFERIMENTI... 2 4 RESPONSABILITA... 3 5 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI.. 3 6 MODALITÀ DI GESTIONE.. 3 6.1 STRUMENTO PER LA RILEVAZIONE DEL GRADO DI SODDISFAZIONE.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALLA CAMERA MORTUARIA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALLA CAMERA MORTUARIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALLA CAMERA MORTUARIA ART. 1 L Asp Centro Servizi alla Persona di Ferrara gestisce, in nome e per conto del Comune di Ferrara, la Camera Mortuaria ubicata a Ferrara in Via Fossato

Dettagli

Spett.le. Via. Egregi Signori, facciamo seguito alle intese intercorse per confermarvi quanto segue. Premesso che:

Spett.le. Via. Egregi Signori, facciamo seguito alle intese intercorse per confermarvi quanto segue. Premesso che: Spett.le. Via Oggetto: Designazione a Responsabile Esterno del trattamento dei Dati Personali ai sensi dell art. 29 D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (di seguito Codice Privacy ) Egregi Signori, facciamo seguito

Dettagli

i servizi cimiteriali i Servizi cimiteriali PoStuMi e le AutorizzAzioni

i servizi cimiteriali i Servizi cimiteriali PoStuMi e le AutorizzAzioni i servizi cimiteriali i Servizi cimiteriali PoStuMi e le AutorizzAzioni AGEC gestisce i servizi Cimiteriali dal 1999, impegnandosi a garantire un servizio di qualità, nel rispetto del decoro e della riservatezza.

Dettagli

Qualità percepita dagli utenti dell Azienda Ospedaliera Guido Salvini nell anno 2013 AREA DEGENZA

Qualità percepita dagli utenti dell Azienda Ospedaliera Guido Salvini nell anno 2013 AREA DEGENZA AZIENDA OSPEDALIERA GUIDO SALVINI GARBAGNATE MILANESE Direzione Generale Ufficio Marketing e Comunicazione Relazioni con il Pubblico Tel. 2/994326 Fax 2/9943278 E-mail: marketing@aogarbagnate.lombardia.it

Dettagli

COMUNE DI CLUSONE SERVIZIO HOME AUTISMO

COMUNE DI CLUSONE SERVIZIO HOME AUTISMO D O M A N D A D I A M M I S S I O N E Cognome Nome Luogo di nascita ( ) Data di nascita / / Stato civile Cod. Fiscale Luogo di residenza ( ) Cittadinanza Tessera sanitaria Telefono Via N. Nominativo, indirizzo,

Dettagli

DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE. Determinazione n. 143

DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE. Determinazione n. 143 O P E R A R O M A N I (Azienda Pubblica di Servizi alla Persona) Via Roma, 21 38060 - NOMI (TN) Costituita ai sensi della L.R. 21 settembre 2005, n. 7. DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE Determinazione n. 143

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INCARICO. Il sottoscritto. nato a il residente. a in via n.

DICHIARAZIONE DI INCARICO. Il sottoscritto. nato a il residente. a in via n. Mod. 1 DICHIARAZIONE DI INCARICO Il sottoscritto nato a il residente a in via n. consapevole delle sanzioni penali richiamate dall art. 76 del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445 in caso di dichiarazioni mendaci,

Dettagli

ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE

ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO PER LOCALIZZAZIONE DELLA CASA DEL COMMIATO. L'anno Duemilatredici il giorno Ventiquattro del mese di Luglio alle ore 18.30, nella sala delle adunanze

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Regolamento recante disciplina sulla conservazione, l affidamento e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 6 del 14 marzo 2011 In vigore dal 19

Dettagli

Comune di Cinisello Balsamo Settore Servizi ai Cittadini U.O.C. Servizi Demografici e Cimiteriali Servizi Cimiteriali

Comune di Cinisello Balsamo Settore Servizi ai Cittadini U.O.C. Servizi Demografici e Cimiteriali Servizi Cimiteriali Comune di Cinisello Balsamo Settore Servizi ai Cittadini U.O.C. Servizi Demografici e Cimiteriali Servizi Cimiteriali SCHEMA DI CONVENZIONE TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LE IMPRESE ESERCENTI L ATTIVITA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI CAPO I CLASSIFICAZIONE DEL TRASPORTO FUNEBRE ART. 1 (Definizione di trasporto funebre) Per trasporto funebre si intende il

Dettagli

Medicina Necroscopica in ambito ospedaliero PA.DS.21. Procedura Aziendale per la Gestione della

Medicina Necroscopica in ambito ospedaliero PA.DS.21. Procedura Aziendale per la Gestione della Procedura Aziendale per la Gestione della Medicina Pag. 1/23 Procedura Aziendale per la Gestione della Medicina Necroscopica relativa ai pazienti deceduti in ospedale, feti, prodotti abortivi e parti anatomiche

Dettagli

D.B. Service S.r.l Sede legale Via San Martino, 16 20122 - Milano Sede Commerciale - Via Regina Elena, 46 74123 Taranto Tel 099.

D.B. Service S.r.l Sede legale Via San Martino, 16 20122 - Milano Sede Commerciale - Via Regina Elena, 46 74123 Taranto Tel 099. Carta Dei Servizi Indice Fondamenti della Carta dei Servizi Cos è la Carta dei servizi Principi fondamentali generali Principali riferimenti normativi Validità e aggiornamento La Carta dei Servizi : diffusione

Dettagli

, il / / e residente a. codice fiscale, tel. della salma del/della defunto/a. n. p. s. ),deceduto/a a il / / (atto n. p. s. ), in vita residente a,

, il / / e residente a. codice fiscale, tel. della salma del/della defunto/a. n. p. s. ),deceduto/a a il / / (atto n. p. s. ), in vita residente a, Marca da bollo 16,00 Spett.le Ufficio Servizi Cimiteriali Servizio SUAP Piazza San Michele 1 30020 QUARTO D ALTINO Tel. 0422 826233 Fax. 0422 826256 servizicimiteriali@comunequartodaltino.it PEC comune.quartodaltino.ve@pecveneto.it

Dettagli

Carta. Servizi. dei. L Azienda. Principi fondamentali. Standard qualitativi

Carta. Servizi. dei. L Azienda. Principi fondamentali. Standard qualitativi Carta dei Servizi L Azienda Principi fondamentali Standard qualitativi PERCHÉ UNA CARTA DEI SERVIZI AMSEF s.r.l. onoranze funebri è Azienda multiservizi leader a livello nazionale nel settore con una

Dettagli

l emendamento, l art.21 del Regolamento di Polizia mortuaria: il Comune fornisce gratuitamente la cassa di cui l art.20.1.1 e 1.5.1.

l emendamento, l art.21 del Regolamento di Polizia mortuaria: il Comune fornisce gratuitamente la cassa di cui l art.20.1.1 e 1.5.1. CONSIGLIO COMUNALE DEL 29.11.2012 Interventi dei Sigg. consiglieri Regolamento di polizia mortuaria. Modifiche ed integrazioni. Approvazione nuovo testo coordinato con le modifiche. Passiamo al sesto punto:

Dettagli

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO rev. 03 Data: 04-12-2012 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA E LE IMPRESE FUNEBRI PER L ASSUNZIONE DEI SERVIZI FUNERARI ISTITUZIONALI.

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA E LE IMPRESE FUNEBRI PER L ASSUNZIONE DEI SERVIZI FUNERARI ISTITUZIONALI. Comune di Caronno Pertusella P.zza Aldo Moro n 1-21042 Caronno Pertusella (VA) CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA E LE IMPRESE FUNEBRI PER L ASSUNZIONE DEI SERVIZI FUNERARI ISTITUZIONALI.

Dettagli

COMUNE DI TOVO SAN GIACOMO (PROVINCIA DI SAVONA) REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

COMUNE DI TOVO SAN GIACOMO (PROVINCIA DI SAVONA) REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI COMUNE DI TOVO SAN GIACOMO (PROVINCIA DI SAVONA) REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con D.C.C. n. 4 DEL 19.01.2006 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

SO.CREM - VARESE Società Varesina per la Cremazione c/o Palazzo Comunale Via Sacco 5 - Varese via Marcobi 10 Varese tel 0332 234216

SO.CREM - VARESE Società Varesina per la Cremazione c/o Palazzo Comunale Via Sacco 5 - Varese via Marcobi 10 Varese tel 0332 234216 SO.CREM - VARESE Società Varesina per la Cremazione c/o Palazzo Comunale Via Sacco 5 - Varese via Marcobi 10 Varese tel 0332 234216 VADEMECUM PER IL SOCIO SOMMARIO SO. CREM Associazione senza scopo di

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE DELIBERA

LA GIUNTA REGIONALE DELIBERA LA GIUNTA REGIONALE Richiamata la legge regionale 31 maggio 2004, n. 29 (Affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti); Vista la proposta di legge Modifica

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 348 DEL 31 /05/2012

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 348 DEL 31 /05/2012 AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 348 DEL 31 /05/2012 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO AZIENDALE

Dettagli

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto e finalità. 1. Il presente

Dettagli

OGGETTO: DOMANDA DI CONTRIBUTO ECONOMICO PER IL SOSTEGNO DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI CUI ALL ART. 13, COMMA 4, LETT. C), DELLA L.R. 11/2006.

OGGETTO: DOMANDA DI CONTRIBUTO ECONOMICO PER IL SOSTEGNO DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI CUI ALL ART. 13, COMMA 4, LETT. C), DELLA L.R. 11/2006. Al Comune di LATISANA Ente Gestore del Servizio Sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale di Latisana Piazza Indipendenza n. 74 33053 LATISANA (UD) OGGETTO: DOMANDA DI CONTRIBUTO ECONOMICO PER IL SOSTEGNO

Dettagli

INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri.

INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri. INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri. APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.43 DEL 28.12.2009 TITOLO 1

Dettagli

I SERVIZI FUNERARI. Uffi ci di Onoranze Funebri di Verona dalle alle Da lunedì a venerdì 8.30 17.00 Sabato 8.30 13.00 Domenica 9.00 12.

I SERVIZI FUNERARI. Uffi ci di Onoranze Funebri di Verona dalle alle Da lunedì a venerdì 8.30 17.00 Sabato 8.30 13.00 Domenica 9.00 12. I SERVIZI FUNERARI Tutti i servizi funerari Agec sono certifi cati ISO 9001. I servizi funerari sono costantemente monitorati attraverso indicatori di effi cacia e rilevazioni del grado di soddisfazione

Dettagli

Comune di Piobesi Torinese (Provincia di Torino)

Comune di Piobesi Torinese (Provincia di Torino) Comune di Piobesi Torinese (Provincia di Torino) DOCUMENTO SPECIFICAZIONE DEL SERVIZIO E DELLA GESTIONE DELL IMPIANTO CREMATORIO Contratto di concessione per la progettazione, realizzazione e gestione

Dettagli

In caso di morte di un parente o di una persona cara è necessario effettuare, prima della sepoltura, alcune operazioni.

In caso di morte di un parente o di una persona cara è necessario effettuare, prima della sepoltura, alcune operazioni. In caso di morte di un parente o di una persona cara è necessario effettuare, prima della sepoltura, alcune operazioni. Se il decesso avviene in casa, occorre: 1) chiamare il medico di medicina generale

Dettagli

1331 22/02/2012 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO. Identificativo Atto n. 116

1331 22/02/2012 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO. Identificativo Atto n. 116 Identificativo Atto n. 116 1331 22/02/2012 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO INDICAZIONI REGIONALI PER PERCORSI FORMATIVI PER ADDETTI ALL ATTIVITA FUNEBRE IL DIRIGENTE DELLA U.O. ATTUAZIONE

Dettagli

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata Pag 1 di 6 TRASPORTO DEL PAZIENTE per l esecuzione di esami / visite specialistiche / trasferimenti / esami radiologici all interno. EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA FUNZIONE Afd Paolo Scattolin

Dettagli

Via Bellini, 29-21019 Somma Lombardo (VA) Tel e Fax 0331250152 - E-mail: anzianisomma@tin.it L AZIENDA DEI SERVIZI ALLA PERSONA IL GIRASOLE

Via Bellini, 29-21019 Somma Lombardo (VA) Tel e Fax 0331250152 - E-mail: anzianisomma@tin.it L AZIENDA DEI SERVIZI ALLA PERSONA IL GIRASOLE Via Bellini, 29-21019 Somma Lombardo (VA) Tel e Fax 0331250152 - E-mail: anzianisomma@tin.it CONTRATTO D INGRESSO R.S.A. DGR. 3540/2012 Vista la richiesta relativa all inserimento del Sig./Sig. ra nato/

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLA MEDICINA NECROSCOPICA RELATIVA AI PAZIENTI DECEDUTI IN OSPEDALE (C.O.B.)

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLA MEDICINA NECROSCOPICA RELATIVA AI PAZIENTI DECEDUTI IN OSPEDALE (C.O.B.) Pagina 1 di 11 REGIONE LAZIO PROCEDURA PER LA NECROSCOPICA RELATIVA AI (C.O.B.) Data Rev. Redatto Verificato e approvato 10/10/2003 01/12/2011 0 1 Dott. Luca Guerini Dirigente Medico D.S. COB Dott. Franco

Dettagli

Regolamento per l esecuzione delle verifiche secondo i requisiti del DPR 462/01

Regolamento per l esecuzione delle verifiche secondo i requisiti del DPR 462/01 Regolamento per l esecuzione delle verifiche secondo i requisiti del DPR 462/01 In vigore dal 17 Marzo 2010 RINA SERVICES S.p.A. Società coordinata dal Socio unico RINA S.p.A. Via Corsica 12 16128 Genova

Dettagli

Città di Candelo Gemellata con La Roche sur Foron

Città di Candelo Gemellata con La Roche sur Foron REGIONE PIEMONTE Città di Candelo Gemellata con La Roche sur Foron PROVINCIA DI BIELLA Disciplinare operativo per il rilascio delle autorizzazioni alla dispersione delle ceneri ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI LIMONE PIEMONTE Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 33 del 08.04.2008

Dettagli

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI Settembre/Ottobre 2009 QUESTIONARIO: Analisi della soddisfazione del paziente sul servizio. U.O. coinvolte

Dettagli

Sommario Preambolo. Preambolo. Il Consiglio regionale

Sommario Preambolo. Preambolo. Il Consiglio regionale Proposta di legge di modifica della legge regionale 31 maggio 2004, n. 29 (Affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti) Sommario Preambolo Art. 1 Sostituzione

Dettagli

DOMANDA DI FINANZIAMENTO AI SENSI DELL ART. 3 LEGGE REGIONALE 6 DICEMBRE 1999 N. 23 PRESTITO SULL ONORE

DOMANDA DI FINANZIAMENTO AI SENSI DELL ART. 3 LEGGE REGIONALE 6 DICEMBRE 1999 N. 23 PRESTITO SULL ONORE Alla D.G. Famiglia e Solidarietà Sociale Il richiedente deve compilare 3 copie della presente domanda: -la prima da consegnare allo STAP per la protocollazione -la seconda da consegnare al Comune di residenza

Dettagli

ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO DELLE STRUTTURE CIMITERIALI

ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO DELLE STRUTTURE CIMITERIALI CIMITERI Gli uffici amministrativi si trovano presso il Cimitero S. Michele, in Piazza dei Castellani. Orari di apertura al pubblico uffici amministrativi: Mattino: dal lunedì al venerdì: 08:00-11:30 Pomeriggio:

Dettagli

Scheda di rilevazione su cremazioni defunti, affidamento e dispersione ceneri nei Comuni Toscani. Anno 2014

Scheda di rilevazione su cremazioni defunti, affidamento e dispersione ceneri nei Comuni Toscani. Anno 2014 Scheda di rilevazione su cremazioni defunti, affidamento e dispersione ceneri nei Comuni Toscani Anno 2014 Comune di.. Provincia di Data di rilevazione: / / 1. Il piano regolatore dei cimiteri è stato

Dettagli

RICHIEDENTE Cognome e Nome Sesso Codice fiscale Rapporto di parentela

RICHIEDENTE Cognome e Nome Sesso Codice fiscale Rapporto di parentela N. PRAT. CREMAZIONE Comune di morte Prov. Stato iniziale Luogo dove si trova la salma CHIUSURA ANTICIPATA Comune destinazione finale Prov. Stato finale DEFUNTO Cognome e Nome Sesso Cognome coniuge Codice

Dettagli

DIREZIONE SERVIZI CIVICI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2012-121.0.0.-75

DIREZIONE SERVIZI CIVICI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2012-121.0.0.-75 DIREZIONE SERVIZI CIVICI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2012-121.0.0.-75 L'anno 2012 il giorno 17 del mese di Dicembre il sottoscritto Romani Clavio in qualita' di dirigente di Direzione Servizi Civici,

Dettagli

AFI HCS ONLINE PROGRAMMA SERVIZI

AFI HCS ONLINE PROGRAMMA SERVIZI AFI HCS ONLINE PROGRAMMA SERVIZI Per ottemperare alle disposizioni di legge nazionali (Legge sulla Privacy), Le chiediamo gentilmente di compilare e sottoscrivere il modulo di adesione al programma. Informativa

Dettagli

Capitolato Servizio Call-Center

Capitolato Servizio Call-Center Azienda Servizi Spoleto S.p.A. Via dei Filosofi, 59 06049 Spoleto (PG) Capitolato Servizio Call-Center Periodo 01.07.2014 31.12.2014 Gestione del servizio di Call-Center telefonico dell A. Se. SpA Art.

Dettagli

DELIBERA DI G.C. N. 105 DEL 13.09.2005 2 LA GIUNTA COMUNALE. Letta la seguente relazione del Responsabile di Polizia Mortuaria:

DELIBERA DI G.C. N. 105 DEL 13.09.2005 2 LA GIUNTA COMUNALE. Letta la seguente relazione del Responsabile di Polizia Mortuaria: DELIBERA DI G.C. N. 105 DEL 13.09.2005 2 In continuazione di seduta. LA GIUNTA COMUNALE Letta la seguente relazione del Responsabile di Polizia Mortuaria: Vista la Legge n. 130 del 30/03/2001 che ha introdotto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO CARTELLE CLINICHE. Guida informativa per l utente. Atrio monobloccopoliclinico

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO CARTELLE CLINICHE. Guida informativa per l utente. Atrio monobloccopoliclinico SERVIZIO CARTELLE CLINICHE Guida informativa per l utente Gentile Signora/Signore, Le presentiamo questa guida che potrà esserle utile per l accesso corretto a questo servizio, in modo che Lei sia facilitata/o

Dettagli

Modello da utilizzare per Utenze condominiali Alla Regione Toscana Settore Cittadinanza Sociale Assessorato alle Politiche sociali e sport

Modello da utilizzare per Utenze condominiali Alla Regione Toscana Settore Cittadinanza Sociale Assessorato alle Politiche sociali e sport Modello da utilizzare per Utenze condominiali Alla Regione Toscana Settore Cittadinanza Sociale Assessorato alle Politiche sociali e sport Istanza ai sensi degli artt. 46 e 47 del DPR 445 del 28 dicembre

Dettagli

! " #!! $ % &$! ' ( " ' ) &* ' # # + + #! $ # % &*

!  #!! $ % &$! ' (  ' ) &* ' # # + + #! $ # % &* C.A.P. 09070 - Via Umberto I n. 16 - tel. 0783.410219 fax: 0783.411176 - P.I.: 00070490958! " #!! $ % &$! ' ( " ' ) &* ' # # + + #! $ # % &* Approvato con deliberazione C.C. n in data INDICE: Art.1 OGGETTO

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale. Regione Emilia-Romagna AZIENDA U.S.L. DI IMOLA

Servizio Sanitario Nazionale. Regione Emilia-Romagna AZIENDA U.S.L. DI IMOLA Servizio Sanitario Nazionale Regione Emilia-Romagna AZIENDA U.S.L. DI IMOLA AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI N. 3 INCARICHI LIBERO- PROFESSIONALI DI MEDICO GENERICO ADDETTO ALL EFFETTUAZIONE DI CONTROLLI

Dettagli

Procedura per il trasporto intra ed extraospedaliero dei pazienti

Procedura per il trasporto intra ed extraospedaliero dei pazienti PA SQ 26 ev. 1 del 28 /4/2015 Data applicazione edazione Verifica Approvazione 28.4.2015 Dr.P.Olivieri Dr.ssa A. Bellotto Dr.ssa G.Saporetti Dr.ssa L.Dolcetti Dr. E.Goggi U.O. QUALITA ISCHIO CLINICO E

Dettagli

ISTANZA E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CREMAZIONE E DISPERSIONE CENERI

ISTANZA E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CREMAZIONE E DISPERSIONE CENERI Marca da bollo ISTANZA E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CREMAZIONE E DISPERSIONE CENERI Al Signor Sindaco del Comune di San Mauro Torinese Atteso che giorno è deceduto luogo decesso comune residenza Il/la

Dettagli

MODULO DI ACCOGLIMENTO R.S.A. DI MANTOVA

MODULO DI ACCOGLIMENTO R.S.A. DI MANTOVA ALLEGATI 1 Allegato 1 Modello di domanda di accoglimento R.S.A. di Mantova Allegato 2 Modello di domanda di accoglimento C.D.I. Allegato 3 Modello di domanda di accoglimento I.D.R. Allegato 4 Modello di

Dettagli

Principi fondamentali Standard Qualitativi

Principi fondamentali Standard Qualitativi Principi fondamentali Standard Qualitativi UNICA AZIENDA DI ONORANZE FUNEBRI A PARTECIPAZIONE PUBBLICA DEI COMUNI DI RAVENNA E FAENZA II Perché una Carta dei Servizi La presenza pubblica nel settore delle

Dettagli

L anno 2011 il giorno.. del mese di., nelle sede dell Unione Pratiarcati ubicata ad Albignasego in Via Roma n. 224 TRA

L anno 2011 il giorno.. del mese di., nelle sede dell Unione Pratiarcati ubicata ad Albignasego in Via Roma n. 224 TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DEL SERVIZIO DI GESTIONE GLOBALE DEL CICLO DELLE VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA IVI COMPRESA LA RISCOSSIONE DELLE STESSE. L anno 2011 il giorno.. del mese

Dettagli

funzioni: informazione

funzioni: informazione : - LA CARTELLA CLINICA di ricovero, ambulatoriale, di pronto soccorso * LA RICHIESTA * IL RILASCIO * TEMPI DI CONSEGNA - IL CERTIFICATO DI DEGENZA - LA DOCUMENTAZIONE PER IMMAGINI (copie di radiogrammi

Dettagli

CITTA di IMPERIA. Viale Matteotti, 157 UFFICIO POLIZIA MORTUARIA

CITTA di IMPERIA. Viale Matteotti, 157 UFFICIO POLIZIA MORTUARIA CITTA di IMPERIA Viale Matteotti, 157 UFFICIO POLIZIA MORTUARIA Regolamento relativo alla dispersione ed alla conservazione personale delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti Comune di Arezzo Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti (deliberazione CC n. del in vigore dal) NORME GENERALI

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Il Codice di condotta commerciale per la vendita di gas naturale Cosa riguarda Quando si applica Con la liberalizzazione del mercato del gas naturale, tutti i clienti del servizio gas hanno la possibilità

Dettagli

10 marzo 2008, sede del Polo Oncologico di Torino.

10 marzo 2008, sede del Polo Oncologico di Torino. 10 marzo 2008, sede del Polo Oncologico di Torino. Progetto elaborato dal Tavolo di Confronto costituito da: Comitato di Gestione del Fondo Speciale per il Volontariato in Piemonte, Centri di Servizi per

Dettagli

Carta dei Servizi. L Azienda. Principi fondamentali. Standard qualitativi

Carta dei Servizi. L Azienda. Principi fondamentali. Standard qualitativi Carta dei Servizi L Azienda Principi fondamentali Standard qualitativi Perchè una Carta dei Servizi La presenza pubblica nel settore delle onoranze funebri è una tradizione consolidata nel territorio

Dettagli

FEDERAZIONE SOVRAZONALE PIEMONTE 3 TORINO OVEST s.c.a.r.l. Codice Fiscale Partita IVA 10751090019 REA:TO - 1158850

FEDERAZIONE SOVRAZONALE PIEMONTE 3 TORINO OVEST s.c.a.r.l. Codice Fiscale Partita IVA 10751090019 REA:TO - 1158850 FEDERAZIONE SOVRAZONALE PIEMONTE 3 TORINO OVEST s.c.a.r.l. Codice Fiscale Partita IVA 10751090019 REA:TO - 1158850 OGGETTO DELL APPALTO/FORNITURA FUNZIONE ACQUISIZIONE BENI E SERVIZI SERVIZIO DI TRASLOCHI,

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

COMUNE DI LESSONA. Provincia di Biella

COMUNE DI LESSONA. Provincia di Biella COMUNE DI LESSONA Provincia di Biella REGOLAMENTO PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI ( Legge 130/2001- L.R.20/2007 ) Approvato con deliberazione C.C. n. 6 del 19.3.2008

Dettagli

ISTANZA E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CREMAZIONE E AFFIDAMENTO DELL URNA

ISTANZA E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CREMAZIONE E AFFIDAMENTO DELL URNA Marca da bollo ISTANZA E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CREMAZIONE E AFFIDAMENTO DELL URNA Al Signor Sindaco del Comune di San Mauro Torinese Atteso che giorno è deceduto luogo decesso comune residenza Il/la

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P I E MO NTE Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

GESTIONE PROTESI DENTARIE

GESTIONE PROTESI DENTARIE GESTIONE PROTESI DENTARIE Direzione: Direzione Sanitaria Codice: GEN-DS-IL-GESTIONE PROTESI DENTARIE-00 Rev. 0.0 Data: 20/08/08 D.S. U.G.R. Direttore Sanitario Coordinatore U.G.R. REVISIONI1 Rev. Data

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALL AFFIDAMENTO E ALLA DISPERSIONE DELLE CENERI TITOLO I : AFFIDO PERSONALE DELLE CENERI

DISCIPLINARE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALL AFFIDAMENTO E ALLA DISPERSIONE DELLE CENERI TITOLO I : AFFIDO PERSONALE DELLE CENERI DISCIPLINARE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALL AFFIDAMENTO E ALLA DISPERSIONE DELLE CENERI TITOLO I : AFFIDO PERSONALE DELLE CENERI 1. Condizioni L autorizzazione all affidamento personale delle

Dettagli

DISCIPLINARE PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI COORDINAMENTO PER LA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE E IN FASE D ESECUZIONE DI CUI AL DLGS 81/2008 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI PER Con la presente

Dettagli

attestata la regolarità amministrativa ai sensi della deliberazione di Giunta regionale sopra citata;

attestata la regolarità amministrativa ai sensi della deliberazione di Giunta regionale sopra citata; Determinazione del Responsabile del Servizio Sanità Pubblica della Regione Emilia Romagna 6 ottobre 2004, n. 13871 DISCIPLINA DELLE MODALITÀ TECNICHE DELLE PROCEDURE PER IL TRASPORTO DELLE SALME, DEI CADAVERI

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA UFFICIO STATISTICA E CENSIMENTI

COMUNE DI SENIGALLIA UFFICIO STATISTICA E CENSIMENTI COMUNE DI SENIGALLIA UFFICIO STATISTICA E CENSIMENTI 6 CENSIMENTO GENERALE DELL'AGRICOLTURA AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER SOLI TITOLI PER CONFERIMENTO DI N. 9 INCARICHI DI RILEVATORE PER IL 6 CENSIMENTO

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1578/2014 ADOTTATA IN DATA 09/10/2014

DELIBERAZIONE N. 1578/2014 ADOTTATA IN DATA 09/10/2014 DELIBERAZIONE N. 1578/2014 ADOTTATA IN DATA 09/10/2014 OGGETTO: Contratto di prestazione d opera intellettuale a titolo gratuito per attività di collaborazione volontaria presso l U.S.C. Ostetricia e ginecologia

Dettagli

Carta dei Servizi Informatici Dipartimentali

Carta dei Servizi Informatici Dipartimentali Carta dei Servizi Informatici Dipartimentali Milano, settembre 2009 v.1.3 Pagina 1 Premessa La predisposizione di questa sperimentale Carta dei Servizi Informatici Dipartimentali (Carta SID) vuole rispondere

Dettagli

S.C. Risorse umane. Direttore ad interim: Maria Teresa Aletti

S.C. Risorse umane. Direttore ad interim: Maria Teresa Aletti S.C. Risorse umane Direttore ad interim: Maria Teresa Aletti AVVISO INTERNO PER IL CONFERIMENTO DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA COORDINAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI SUPPORTO AL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA

Dettagli

LEGGE REGIONALE (n. 4)

LEGGE REGIONALE (n. 4) LEGGE REGIONALE (n. 4) approvata dal Consiglio regionale nella seduta antimeridiana del 30 settembre 2008 ----- ----- - 1 - Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. La presente legge disciplina l affidamento delle

Dettagli

DOMANDA DI FINANZIAMENTO AI SENSI DELL ART. 3 LEGGE REGIONALE 6 DICEMBRE 1999 N. 23 PRESTITO SULL ONORE

DOMANDA DI FINANZIAMENTO AI SENSI DELL ART. 3 LEGGE REGIONALE 6 DICEMBRE 1999 N. 23 PRESTITO SULL ONORE Il richiedente deve compilare 3 copie della presente domanda: - la prima da consegnare allo STER per la protocollazione - la seconda da consegnare al Comune di residenza - la terza da tenere quale ricevuta

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI CITTA' di CANALE Provincia di CUNEO REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato con

Dettagli