PERCORSO DIDATTICO SUL FUSTO E SULLA GEMMA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PERCORSO DIDATTICO SUL FUSTO E SULLA GEMMA"

Transcript

1 PERCORSO DIDATTICO SUL FUSTO E SULLA GEMMA Daniela Basosi, Lucia Lachina ) DESCRIVERE UN FUSTO LEGNOSO Procuratevi un ramo di albero da frutto e chiedete ai ragazzi di descriverlo. Fate discutere gli alunni e aiutateli fino ad ottenere una descrizione adeguata. Soprattutto accertatevi che abbiano osservato la presenza della corteccia, se così non fosse aiutateli, usando un coltellino o un trincetto per separare il rivestimento legnoso. Fatelo osservare anche con la lente oppure riprodurre con la tecnica del frottage per aiutare l osservazione. 2) DESCRIVERE FUSTI ERBACEI Procuratevi alcuni fiori tipo garofano, dalia ecc. e chiedete ai ragazzi di osservare i gambi e descriverli. Chiedete anche di annotare, in base alle loro osservazioni, le differenze che hanno notato fra i gambi dei fiori e il ramo precedentemente osservato. Discutetene quindi con loro. Sicuramente una delle differenze oltre al colore e alle sensazioni tattili sarà la presenza o meno della corteccia. Fate anche notare la flessibilità maggiore del fusto erbaceo. Mettete a confronto in una tabella le due tipologie di fusti analizzando somiglianze e differenze. 1 Gruppo di ricerca e sperimentazione didattica di educazione scientifica del CIDI di Firenze

2 3) ERBA O ALBERO? Quando gli alunni saranno sicuri delle differenze fra fusto legnoso e fusto erbaceo, sottoponete alla loro osservazione una piantina di salvia o di rosmarino di almeno due anni. Chiedete loro di descrivere i fusticini partendo dal suolo e andando fino alla sommità dei rami. *Gruppo di ricerca e sperimentazione didattica di educazione scientifica del CIDI di Firenze Fate leggere e discutere le osservazioni. Emergerà così la struttura inizialmente legnosa che sulle sommità diventa erbacea, caratteristica di molti arbusti detti suffrutici. 4) TUTTI GLI ARBUSTI SONO SUFFRUTICI? (per approfondire) Procuratevi una piantina di mirto o di pitosforo e chiedete ai ragazzi di osservare fusto e rami confrontandoli con la pianta di rosmarino o di salvia. Chiedete loro di annotare eventuali osservazioni e aiutateli ponendo le seguenti domande: 1) le basi dei rami delle piante osservate sono legnose o erbacee? 2) le parti finali dei rami sono legnose o erbacee? 3) i rametti di salvia sono più o meno flessibili dei rametti di pitosforo? Dal confronto risulteranno evidenti le differenze fra le parti alte delle ramificazioni che risulteranno erbacee nella salvia e nel rosmarino e legnose nel pitosforo e nel mirto. Questi ultimi sono arbusti del tipo frutice. 5) L ACQUA PASSA ATTRAVERSO I FUSTI DELLE PIANTE Per questa esperienza servono due barattolini di vetro, due garofani bianchi, freschi, con lo stelo intatto, due coloranti per alimenti di colori vivaci, per esempio rosso e verde, acquistabili presso una buona drogheria o un fornitore per pasticcerie. Questa esperienza richiede uno o due giorni di tempo per la lettura. I fase: riempite parzialmente di acqua un bicchiere e sciogliete il colorante finché l acqua risulti molto colorata. Ponete il garofano nell acqua e chiedete agli alunni di riassumere le fasi di preparazione e di lavoro dell esperienza con ordine, chiedete anche loro di provare a ipotizzare ciò che succederà, motivandolo. Dopo due giorni circa sarà possibile osservare le modificazioni sui petali del garofano e quindi discutere le ipotesi formulate dagli alunni, le loro osservazioni e i commenti precedentemente scritti. II fase: a questo punto prendete il secondo garofano e con l aiuto di un trincetto dividete longitudinalmente lo stelo in due parti fino a metà altezza.

3 Preparate due bicchieri con acqua e sciogliete in uno il colorante rosso e nell altro il colorante verde. Mettete il fiore a cavallo fra i due bicchieri in modo che una estremità del gambo sia nell acqua rossa e una in quella verde. Chiedete ai ragazzi di riassumere questa nuova fase dell esperienza e di annotare le loro considerazioni. Dopo due giorni riaprite la discussione facendo leggere le osservazioni di ciascuno e verificandone l attendibilità o meno dall esito dell esperienza. Infatti il garofano avrà per metà assorbito il rosso e per metà il verde e le metà non saranno casuali, ma i ragazzi verificheranno la corrispondenza con le due parti di gambo immerse. Questa esperienza farà comprendere che lungo il gambo avviene la conduzione dell acqua e permetterà di accennare alla presenza di tubi conduttori (capillari) all interno del gambo paragonabili alle nostre vene e arterie.

4 6) OSSERVAZIONI SULLE GEMME I mesi invernali sono ottimi per fare osservazioni sulle gemme, tuttavia per il seguente lavoro è necessario precedentemente far osservare ai ragazzi alcuni rametti scelti a fine autunno quando molte foglie sono cadute e qualche altra ancora sopravvive, attaccata al ramo. Ciò consentirà di far notare loro le inserzioni delle foglie ai rami e le cicatrici che esse lasciano cadendo. Questi stessi rametti, dopo circa venti giorni, verranno tagliati e osservati in classe. Procuratevi dunque alcuni rametti durante la fase di riposo invernale degli alberi a foglie caduche, che avrete reperito in zona da raggiungere con comodità nei dintorni della scuola, anche nel giardino, se c è. Suddividete i ragazzi a gruppetti di tre o quattro intorno ad un tavolo e consegnate ad ogni gruppetto un ramo e una lente di ingrandimento.

5 Chiedete ai ragazzi di annotare singolarmente le loro osservazioni sui rami. Fate confrontare e discutere le descrizioni fino ad ottenere testi accettabili. Soprattutto fate notare, se non fosse stato fatto, la presenza di nodi e internodi su cui i ragazzi hanno già lavorato. Invitate gli alunni ad osservare attentamente le zone nodali e a disegnarle. Come si presentano? Che cosa potrebbero essere le cicatrici ben visibili? Gli alunni dovrebbero essere a questo punto consapevoli che le gemme spuntano dove sono evidenti le cicatrici delle foglie cadute. Fate raccogliere a questo punto rametti di sempreverdi per osservare la posizione delle gemme e chiedete: in che posizione si trovano rispetto alle foglie? Gli alunni dovrebbero osservare che le gemme sono collocate nel punto in cui la foglia, ancora presente, si attacca al ramo (ascellare) 7) COME SONO DISPOTE LE GEMME SUI RAMI? Procuratevi alcuni rametti di pioppo, di acero, di quercia, o simili. Distribuite un rametto di ogni tipo ai gruppi di alunni e fate fare singolarmente le osservazioni sulla disposizione delle gemme nei tre tipi di ramo. Sarà importante anche far disegnare ai ragazzi i rametti. Quando gli alunni saranno pronti, fate leggere le osservazioni di ciascuno. Gli alunni avranno usato molti termini del linguaggio comune per spiegare le varie posizioni delle gemme. Quando, dopo il confronto, saranno chiare le differenze di posizione, potrete introdurre la corretta nomenclatura scientifica : saranno alterne le gemme del pioppo, verticillate o raggruppate quelle della quercia e opposte quelle dell acero. Questo tipo di osservazione sarà funzionale in seguito apprendere come riconoscere le piante.

6

7

8 8) C E RELAZIONE FRA LA DISPOSIZIONE DELLE FOGLIE E LA DISPOSIZIONE DELLE GEMME? E FRA LA DISPOSIZIONE DELLE GEMME FIORALI E I FIORI? Per questo utile confronto procuratevi alcuni rametti di pesco o albicocco o ciliegio con le gemme fiorali in stato di crescita, ma non ancora aperte. Mettete i rametti in acqua e fate scrivere ad ogni ragazzo le proprie osservazioni per circa una decina di giorni, dedicando all esperienza dieci minuti ogni due giorni. A questo punto molti fiori saranno sbocciati, ma le gemme fogliari non saranno ancora aperte. Fate leggere ai ragazzi le osservazioni scritte e fateli discutere. Sarà evidente la coincidenza delle disposizioni delle gemme fiorali precedenti e dei fiori sbocciati e saranno visibili i vari stadi di sviluppo delle gemme. Proseguendo la stessa esperienza per altri dieci giorni, gli alunni vedranno aprirsi anche le gemme fogliari, potranno osservare la caduta delle perule (foglioline di contenimento delle gemme) e avranno un'ulteriore verifica della coincidenza delle gemme fogliari con la disposizione delle foglie. Per far comprendere anche che da gemme apicali si sviluppano rami conviene far osservare un sempreverde a più riprese sul finire dell inverno e all inizio della primavera per far cogliere la differenza di colore e di consistenza fra ramo vecchio e ramo nuovo. 9) CHE COSA C E DENTRO UNA GEMMA? Utilizzando l esperienza sopra descritta, è possibile far condurre agli alunni alcune osservazioni simili a quelle consigliate per la germinazione del seme. Staccate da un rametto dei precedenti tre o quattro gemme a stadi diversi di crescita e sezionatele longitudinalmente. ( si consigliano gemme grandi tipo quelle della magnolia). Chiedete agli alunni di osservarle attentamente e di descriverle, aiutandosi anche con disegni.

9 Ponete loro le seguenti domande: 1- Riuscite ad ordinare le gemme in ordine di sviluppo? Provate. 2- Quali parti riuscite a distinguere in ogni gemma? 3- A cosa assomigliano queste parti? Ascoltate le loro risposte e discutete con loro fino ad ottenere descrizioni accettabili. A questo punto potete introdurre qualche termine scientifico corretto, perché gli alunni avranno sicuramente notato le foglioline che avvolgono le gemme, dette perule e avranno notato anche che esse cadono all apertura delle gemme stesse. Avranno osservato la struttura embrionale all interno delle gemme che riproduce in miniatura il futuro ramo, apice vegetativo, con le foglioline embrionali, esattamente come nel seme è visibile la futura piantina in embrione.

PERCORSO DIDATTICO SUL FIORE

PERCORSO DIDATTICO SUL FIORE PERCORSO DIDATTICO SUL FIORE Daniela Basosi, Lucia Lachina 1 2011 Il fiore è l organo della riproduzione nelle Piante fanerogame. Il percorso didattico ha lo scopo di far osservare il fiore nella sua struttura,

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Le piante si presentano

Le piante si presentano Estinzione e conservazione Unità didattica 1 Le piante si presentano Durata 2 ore Materiali per ciascun gruppo - schede di lavoro reperibili nelle risorse multimediali, estinzione e conservazione, unità

Dettagli

A COSA SERVE IL FUSTO? Il fusto si trova fuori dal terreno e serve a

A COSA SERVE IL FUSTO? Il fusto si trova fuori dal terreno e serve a A COSA SERVE IL FUSTO? Il fusto si trova fuori dal terreno e serve a sostenere la pianta contenere i vasi in cui scorre la linfa Il fusto tende sempre a crescere verso l alto. Ci sono diversi tipi di fusto:

Dettagli

LE FOGLIE. classe 2^ scuola primaria

LE FOGLIE. classe 2^ scuola primaria LE FOGLIE classe 2^ scuola primaria Per i bambini, scoprire ciò che li circonda è sempre un avventura magica e piena di risorse. La realtà nella quale si trova la nostra scuola offre diversi stimoli dal

Dettagli

LE PIANTE. acqua anidride carbonica

LE PIANTE. acqua anidride carbonica Unità La foglia e la fotosintesi La foglia è la parte principale della pianta, perché nelle foglie la pianta produce il proprio cibo. luce solare acqua anidride carbonica clorofilla glucosio ossigeno Nella

Dettagli

Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta

Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta La progettualità della classe seconda di scuola primaria è partita dalla realizzazione, effettuata nel precedente anno scolastico, di un piccolo

Dettagli

Le piante. Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto.

Le piante. Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto. di Gaia Brancati Le piante Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto. Il fusto Il fusto tende a crescere verso l alto. Quando esso

Dettagli

Periodo di potature? Fate attenzione...

Periodo di potature? Fate attenzione... Periodo di potature? Fate attenzione... Gli alberi non sono tutti uguali e non si potano tutti allo stesso modo o con la stessa frequenza. La potatura delle specie arboree viene, infatti, effettuata per

Dettagli

Le piante sulla nostra tavola

Le piante sulla nostra tavola Unità didattica Piante e Alimentazione Le piante sulla nostra tavola Durata 0 minuti Materiali necessari - almeno un ortaggio da ciascun organo di una pianta, si consigliano: - carote - piselli o fagioli

Dettagli

I CIRCOLO DIDATTICO SESTO FIORENTINO CLASSI II A.S. 2012-2013

I CIRCOLO DIDATTICO SESTO FIORENTINO CLASSI II A.S. 2012-2013 I CIRCOLO DIDATTICO SESTO FIORENTINO CLASSI II A.S. 2012-2013 INDICAZIONI PER IL CURRICOLO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA E PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE Il metodo di lavoro sarà di tipo fenomenologicooperativo,

Dettagli

VEGETALI U N S O T U R I O L O P S I T T O S U N O D. Vegetali V5 I SEMI V1 V2 V3 V8 U1

VEGETALI U N S O T U R I O L O P S I T T O S U N O D. Vegetali V5 I SEMI V1 V2 V3 V8 U1 VEGETAL L P E U R S T Vegetali SEM V1 V2 V3 V8 U1 1 VEGETAL L P E U R S T SEM Quando un seme cade nel terreno può germogliare se trova le condizioni adatte. Esperienza 1: om è fatto un seme. Materiale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO MUGELLO. Classi seconde Scuola Primaria

ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO MUGELLO. Classi seconde Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO MUGELLO Classi seconde Scuola Primaria SCEGLIAMO I SEMI abbastanza grandi in modo da poter essere facilmente osservati, manipolati, smontati rappresentativi di monocotiledoni

Dettagli

n. 53 giugno 2014 ADOTTIAMO UNA QUERCIA Fare scienza nella prima classe primaria di Simona Bardessaghi*

n. 53 giugno 2014 ADOTTIAMO UNA QUERCIA Fare scienza nella prima classe primaria di Simona Bardessaghi* ADOTTIAMO UNA QUERCIA Fare scienza nella prima classe primaria di Simona Bardessaghi* Il racconto di un percorso sul mondo vegetale, svolto proprio all inizio del cammino scolastico, si snoda con chiarezza

Dettagli

Colori, fiori e impollinatori

Colori, fiori e impollinatori Unità didattica 9 Piante nell arte Colori, fiori e impollinatori 162 Durata 3 ore Stagione Primavera / estate Materiali - matite colorate - lenti di ingrandimento - cronometro - nastro bi-adesivo - foglio

Dettagli

IL MIO GRANDE MASO FORMAZIONE PROFESSIONALE 22. La verdura VERDURA

IL MIO GRANDE MASO FORMAZIONE PROFESSIONALE 22. La verdura VERDURA I MI GRND MS FRMZIN PRFSSIN 22 1 a verdura a paprica a carota Il carciofo insalata Il broccolo a verza Il cetriolo o zucchino Il porro a rapa Il cavolino di Bruxelles a patata VRDUR I MI GRND MS FRMZIN

Dettagli

Identikit di un ortaggio

Identikit di un ortaggio Unità didattica 3 Piante e Alimentazione Identikit di un ortaggio Durata 80 minuti Materiali - schede di lavoro F5, F6, F7, F8-1 melanzana - 1 peperone rosso - 1 pomodoro - 1 patata - 1 cipolla - 1 carota

Dettagli

Scuola E. DE AMICIS S. Maria del Giudice anno scolastico 2011/12 Classe IV INS. Bandini Monica

Scuola E. DE AMICIS S. Maria del Giudice anno scolastico 2011/12 Classe IV INS. Bandini Monica Scuola E. DE AMICIS S. Maria del Giudice anno scolastico 2011/12 Classe IV INS. Bandini Monica Oggi 10 Novembre abbiamo osservato alcuni semi: semi di lenticchie, di fagiolo, di mais. Tutti i semi al tatto

Dettagli

IL SUOLO Terra e terreni. Materiale per la scuola primaria

IL SUOLO Terra e terreni. Materiale per la scuola primaria IL SUOLO Terra e terreni Materiale per la scuola primaria SCIENZE Terra e terreni Sommario Attività 1 Sai che cosa sono?...pag. 37 Attività 2 Che cosa è successo?... 38 Attività 3 Che cosa c è nella terra?...

Dettagli

Un regalo per un amico

Un regalo per un amico Unità didattica 4 Piante nell arte Un regalo per un amico Durata 2 parti da 40 minuti Materiali - ampia gamma di semi (da frutti di stagione) - utensili di creta o di vetro - vasi - aghi e fili - colla

Dettagli

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno scolastico 2013/14 LA STORIA Questa storia comincia il primo

Dettagli

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 9 h A casa: 4 h

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 9 h A casa: 4 h 88 l e z i o n i d i g i ta l i U n i tà d i A P P R e n d i M e n t o A10 LA LUCE Tempi In aula: 9 h A casa: 4 h Luoghi Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore 1 PC per lavori individuali Per alcune

Dettagli

Vivaio aperto - Perugia

Vivaio aperto - Perugia Vivaio aperto - Perugia Corso di potatura dei frutti INTRODUZIONE ALLA POTATURA 13 e 20 Febbraio 2010 - Bricocenter Perugia Estratto lezione dott. Agronomo Luca Crotti Questo documento è un estratto del

Dettagli

Attività di Educazione Ambientale per le SCUOLE DELL INFANZIA

Attività di Educazione Ambientale per le SCUOLE DELL INFANZIA Attività di Educazione Ambientale per le SCUOLE DELL INFANZIA PRECISAZIONI: I percorsi sono consigliati per tutte le classi: varierà la specificità ed il grado di approfondimento del programma. La maggior

Dettagli

Azione 1- Italiano come L2-La lingua per studiare

Azione 1- Italiano come L2-La lingua per studiare Azione 1- Italiano come L2-La lingua per studiare Disciplina:Scienze Livello:A2-B1 COME SI NUTRE UNA PIANTA? Gruppo 6 Autori:Albanello Aida, Peretti Chiara, Pontara Susanna, Pignataro Stefania. Destinatari:Percorso

Dettagli

Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema. Laboratori del Sapere Scientifico

Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema. Laboratori del Sapere Scientifico Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema Laboratori del Sapere Scientifico ESPERIENZA SULLA SEMINA. La germinazione SVOLTA NELLA CLASSE 2

Dettagli

PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE. Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio

PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE. Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio SCUOLA PRIMARIA GALILEO GALILEI CLASSE 3A e 3B ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Le attività si sono svolte

Dettagli

Unità di apprendimento. Le stagioni

Unità di apprendimento. Le stagioni Direzione Didattica 3 Circolo Gubbio SCUOLA DELL INFANZIA DI BRANCA E TORRE CALZOLARI Unità di apprendimento Le stagioni A.S. 2012/13 AUTUNNO BISOGNO FORMATIVO Esplorare e conoscere la natura. OBBIETIVO

Dettagli

Giornate tecniche 2011

Giornate tecniche 2011 Giornate tecniche 2011 Seminario: Aspetti applicativi della potatura delle piante ornamentali Relatore: dott. agr. Antonio Sagaria Data: 13 febbraio 2011 DICHIO vivai garden DICHIO vivai garden Un albero

Dettagli

ISTITUTO BEATA MARIA DE MATTIAS SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO A.S.2015-2016 I DONI DELLA NATURA

ISTITUTO BEATA MARIA DE MATTIAS SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO A.S.2015-2016 I DONI DELLA NATURA ISTITUTO BEATA MARIA DE MATTIAS SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO A.S.2015-2016 I DONI DELLA NATURA SCHEDA PROGETTO Indicazioni Nome Progetto Area di Riferimento Estensore/i Descrizione I DONI DI MADRE NATURA

Dettagli

Alla ricerca delle piante minacciate

Alla ricerca delle piante minacciate Estinzione e conservazione Unità didattica 4 Alla ricerca delle piante minacciate Durata 4 ore (1 ora al giorno) Materiali - Liste rosse (vedi nelle note per gli insegnanti) - computer - quaderno di scienze

Dettagli

LABORATORIO DI SCIENZE I semi germinano PLESSO LA RITA CLASSE III A.S. 2010-2011

LABORATORIO DI SCIENZE I semi germinano PLESSO LA RITA CLASSE III A.S. 2010-2011 LABORATORIO DI SCIENZE I semi germinano PROTAGONISTI : INSEGNANTE: SCUOLA PRIMARIA PLESSO LA RITA CLASSE III A.S. 2010-2011 PIRO RITA Con la realizzazione di questo esperimento i bambini si sono resi conto

Dettagli

Dal tridimensionale al bidimensionale

Dal tridimensionale al bidimensionale PRIMARIA OGGI: COMPLESSITÀ E PROFESSIONALITÀ DOCENTE Firenze, 13-14settembre 2013 Dal tridimensionale al bidimensionale Elena Scubla I Circolo Didattico Sesto Fiorentino INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO

Dettagli

ARIA, ACQUA,TERRA: SCAMBI DI MATERIA DELLE PIANTE CON L AMBIENTE

ARIA, ACQUA,TERRA: SCAMBI DI MATERIA DELLE PIANTE CON L AMBIENTE 1 ARIA, ACQUA,TERRA: SCAMBI DI MATERIA DELLE PIANTE CON L AMBIENTE Classe I B Scuola Secondaria I grado L. Fibonacci -Pisa Insegnante Stefania Ferretti 2 ALBERO O ARBUSTO? 19 / 02 / 2009 Nel giardino della

Dettagli

Dalla geometria in 3D alla geometria in 2D dal cubo al quadrato

Dalla geometria in 3D alla geometria in 2D dal cubo al quadrato Dalla geometria in 3D alla geometria in 2D dal cubo al quadrato Firenze, 5 maggio 2013 Scuola Città Pestalozzi 8 SEMINARIO NAZIONALE SUL CURRICOLO VERTICALE Classe prima e seconda Paola Bertini, Antonio

Dettagli

Api che vanno, bombi che vengono

Api che vanno, bombi che vengono Unità didattica 7 Piante e Alimentazione Api che vanno, bombi che vengono Durata 1 ora più osservazioni all aperto Materiali - schede di lavoro F24 (se possibile stampata a colori), F25 e F26 - schede

Dettagli

Attività didattiche. I semi

Attività didattiche. I semi Attività didattiche I semi w w w. f o n d a z i o n e s l o w f o o d. i t Premessa Qui di seguito trovi quattro proposte di attività, suddivise per fasce d età, tutte relative al tema della semina e della

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Le proiezioni ortogonali. Autore Sabrina Rosano. Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici.

Descrizione dell unità. Titolo Le proiezioni ortogonali. Autore Sabrina Rosano. Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici. Descrizione dell unità Titolo Le proiezioni ortogonali Autore Sabrina Rosano Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici. Finalità e obiettivi di apprendimento Far comprendere

Dettagli

E LUCE FU PROGETTO DI SCIENZE SULLA LUCE

E LUCE FU PROGETTO DI SCIENZE SULLA LUCE E LUCE FU PROGETTO DI SCIENZE SULLA LUCE Gruppo : DOCENTI DI CLASSE TERZA Ordine di Scuola: PRIMARIA Istituti coinvolti: ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRESCORE CREMASCO Classi/anni: CLASSI TERZE /ANNI NOVE Competenze:

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti.

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti. Scienze Competenze TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Osserva con attenzione il suo corpo, L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità

Dettagli

PROGETTO AREA SCIENTIFICA SCUOLA DELL INFANZIA CHARLIE CHAPLIN: AMPLIAMENTO A.S. 2009/2010:

PROGETTO AREA SCIENTIFICA SCUOLA DELL INFANZIA CHARLIE CHAPLIN: AMPLIAMENTO A.S. 2009/2010: PROGETTO AREA SCIENTIFICA SCUOLA DELL INFANZIA CHARLIE CHAPLIN: CRESCI INSIEME A ME FIORI E PIANTE A SCUOLA. AMPLIAMENTO A.S. 2009/2010: SANE MERENDE A SCUOLA Il progetto di durata biennale ha come obiettivi

Dettagli

Movimento dell acqua attraverso le membrane

Movimento dell acqua attraverso le membrane Movimento dell acqua attraverso le membrane Il percorso presentato è solo una parte di un percorso più ampio, che si può ipotizzare come parte di un curricolo verticale che si sviluppa dalle prime classi

Dettagli

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici Dott.ssa Monica Dacomo Attività per la scuola secondaria di I grado Chi o cosa provoca le nostre emozioni? Molti pensano che siano le altre

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA G.RODARI

SCUOLA DELL INFANZIA G.RODARI SCUOLA DELL INFANZIA G.RODARI Camminando all interno della nostra scuola, scopriamo una porta che dà sul nostro giardino aperta! Andiamo a curiosare Ma cosa c è lì per terra?... Una lettera.misteriosa,

Dettagli

Attività didattiche. Gli alimenti: impariamo a degustarli e riconoscerli. Paola Viesi

Attività didattiche. Gli alimenti: impariamo a degustarli e riconoscerli. Paola Viesi Attività didattiche Gli alimenti: impariamo a degustarli e riconoscerli w w w. f o n d a z i o n e s l o w f o o d. i t Premessa Qui di seguito trovi tre proposte di attività per imparare a conosce, distinguere

Dettagli

Attività didattiche. Piante e foglie

Attività didattiche. Piante e foglie Attività didattiche Piante e foglie w w w. f o n d a z i o n e s l o w f o o d. i t Premessa Qui di seguito trovi tre proposte di attività relative al tema dell identificazione delle piante e delle loro

Dettagli

A T T I V I T A ' D I L A B O R A T O R I O D I S C I E N Z E C L A S S E 1 ^ C 2 0 1 1 / 2 0 1 2

A T T I V I T A ' D I L A B O R A T O R I O D I S C I E N Z E C L A S S E 1 ^ C 2 0 1 1 / 2 0 1 2 Esperimento n 1 Un po di acqua Una siringa da 5 ml Lenticchie Proviamo a comprimere una piccola quantità di lenticchie precedentemente inserite nel cilindro della siringa Proviamo ora a comprimere nella

Dettagli

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO 2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO Responsabile: Mario Pividori - Dip. TESAF (UNIPD) 049 8272711

Dettagli

2. E necessario procurarsi anche altri materiali artistici che possano essere usati per costruire un strumento musicale.

2. E necessario procurarsi anche altri materiali artistici che possano essere usati per costruire un strumento musicale. Unità didattica 2 Piante nell arte Strumenti musicali Durata 180 minuti Stagione Maggio; Ottobre - sambuco nero (Sambucus nigra) o salice - bambù - taglierino (attenzione nel farlo usare ai bambini) -

Dettagli

UDA: ALIMENTAZIONE. Cosa metti nel carrello della spesa? Infanzia + classi I- II Primaria

UDA: ALIMENTAZIONE. Cosa metti nel carrello della spesa? Infanzia + classi I- II Primaria UDA: ALIMENTAZIONE Cosa metti nel carrello della spesa? Infanzia + classi I- II Primaria ALIMENTAZIONE = assunzione di sostanze nutritive variabile nel tempo e nello spazio tra cui il POMODORO con EFFETTI

Dettagli

Scopriamo il nostro giardino

Scopriamo il nostro giardino Scuola materna S.S. Redentore A.S. 2008/2009 Ins. Anna Bagnarol Scopriamo il nostro giardino Al progetto hanno partecipato i bambini della sezione dei GRANDI. Obiettivi generali: L obiettivo principale

Dettagli

Acqua, sapone e superfici minime

Acqua, sapone e superfici minime SISSA PER LA SCUOLA Acqua, sapone e superfici minime Un gioco matematico per le scuole medie Titolo: Acqua, sapone e superfici minime Area: Matematica Tipo di attività: Gioco A chi è rivolta: Ragazzi delle

Dettagli

La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono

La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono L autunno è una stagione con caratteristiche sue proprie, non è soltanto un periodo di passaggio tra le calde giornate estive e i primi geli invernali.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 L Isola che non c è Asilo Nido Via Dublino, 34 97100 Ragusa Partita Iva: 01169510888 Tel. / Fax 0932-25.80.53 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 Prima unità di apprendimento: Settembre

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Laboratori didattici. Proposte didattiche ed educative del Giardino Botanico Alpino Rezia di Bormio SO

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Laboratori didattici. Proposte didattiche ed educative del Giardino Botanico Alpino Rezia di Bormio SO Proposte didattiche ed educative del di Bormio SO Il costituisce un punto di riferimento per la riproduzione di specie rare, una fonte di divulgazione scientifica, un richiamo per gli appassionati della

Dettagli

TIMBRI E STAMPE TIMBRANDO LE STAGIONI Che cos è un timbro? Come si realizza? Che cosa produce?

TIMBRI E STAMPE TIMBRANDO LE STAGIONI Che cos è un timbro? Come si realizza? Che cosa produce? LABORATORIO DIDATTICO CREATIVO Timbri e stampe è una proposta di laboratorio didattico rivolto alle classi della Scuola dell infanzia per l anno scolastico 2014-15. L obiettivo è avvicinare il bambino

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

LA MAPPA CONCETTUALE Lezione n. 10

LA MAPPA CONCETTUALE Lezione n. 10 LA MAPPA CONCETTUALE Lezione n. 10 Finalità: Sistemattizzare i concetti probabilistici studiati. Realizzare la mappa concettuale. Metodo: Costruzione della mappa concettuale lavornado in gruppi. Discussione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO MASTER: MISSB. UDA di Fisica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO MASTER: MISSB. UDA di Fisica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO MASTER: MISSB UDA di Fisica CLASSE V Scheda di Fisica di: Rosalia Rinaldi Prof.ssa Sperandeo 1 PREMESSA: Calore e temperatura sono concetti che ricorrono frequentemente

Dettagli

A COSA SERVE IL FIORE?

A COSA SERVE IL FIORE? A COSA SERVE IL FIORE? Il fusto ha il compito di produrre i semi destinati a dar vita a nuove piante. PETALO COROLLA CALICE SEPALO PEDUNCOLO Il fiore è sostenuto da un peduncolo verde, che termina nel

Dettagli

Completa e Colora GIOCO 01

Completa e Colora GIOCO 01 GIOCO 01 ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA www.sardegnaforeste.it REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Completa e Colora stropicciato I suoi fiori sono grandi e rosa, con petali dal caratteristico aspetto......................

Dettagli

Nella stesura del percorso di scienze per la classe seconda ho desiderato

Nella stesura del percorso di scienze per la classe seconda ho desiderato LA LINGUA E I DENTI dall albero al corpo umano in seconda primaria di Silvia Bonati* Può iniziare il percorso di conoscenza del corpo umano nella classe seconda della scuola primaria. Un percorso che,

Dettagli

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA Per capitozzatura si intende il taglio della parte apicale del fusto e di grossi rami la capitozzatura NON E UNA TECNICA DI POTATURA ma UN DANNEGGIAMENTO

Dettagli

PSICOLOGIA. La ricerca nelle scienze sociali. Le tecniche di rilevazione dei dati. L'osservazione. il testo:

PSICOLOGIA. La ricerca nelle scienze sociali. Le tecniche di rilevazione dei dati. L'osservazione. il testo: il testo: 01 Le tecniche di rilevazione dei dati Le principali tecniche di raccolta dei dati si dividono in: tecniche descrittive: il ricercatore osserva ciò che sta studiando. Sono tecniche descrittive

Dettagli

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO Operazioni PREPARAZIONE DEL TERRENO Il terreno ideale da giardino è quello con tessitura argillosa-sabbiosa, friabile. Se il terreno dovesse essere pesante e compatto bisognerà correggerlo incorporando

Dettagli

Un viaggio con...i semi

Un viaggio con...i semi PERCORSI DIDATTICI di: Un viaggio con...i semi Liliana Coltorti, Bifolchi Pierrica scuola: F. Conti (I. C. Jesi Centro) area tematica: Scienze pensato per: 6-7 anni OBIETTIVI 1) Esercitare la percezione

Dettagli

Viaggio nel Mondo del Caffè

Viaggio nel Mondo del Caffè in collaborazione con Presenta Viaggio nel Mondo del Caffè LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE E LO SVOLGIMENTO DEL LABORATORIO LUDICO DIDATTICO 1. Introduzione al laboratorio: contenuti e destinatari 2.

Dettagli

Orto Circuito. Proposta programma di attività

Orto Circuito. Proposta programma di attività Orto Circuito Proposta programma di attività Le attività di realizzazione dell orto e delle aree annesse sono destinate agli alunni della scuola e rappresentano delle attività ludico-didattiche legate

Dettagli

Scatti di scienza: la bellezza di un'immagine

Scatti di scienza: la bellezza di un'immagine Scatti di scienza: la bellezza di un'immagine SCATTI DI SCIENZA è un progetto sulla fotografia e sul filmato scientifico nato dalla collaborazione tra SCIENZA UNDER 18 e il DIPARTIMENTI DI FISICA DELL

Dettagli

PROGETTO di comunicazione ed educazione alimentare ALIMENTAZIONE E VITA. Scuola dell infanzia M.Beci Istituto Comprensivo G.

PROGETTO di comunicazione ed educazione alimentare ALIMENTAZIONE E VITA. Scuola dell infanzia M.Beci Istituto Comprensivo G. Allegato 1 PROGETTO di comunicazione ed educazione alimentare ALIMENTAZIONE E VITA Scuola dell infanzia M.Beci Istituto Comprensivo G.Binotti di Pergola motivazione Il nostro progetto si prefigge la costituzione

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE Classe prima

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE Classe prima Classe prima Classe I competenza matematica e SPERIMENTARE CON OGGETTI E MATERIALI competenze di base in scienza e tecnologia competenza digitale Osservare, descrivere elementi della realtà circostante

Dettagli

Le siepi sono costituite da filari di piante, spesso sempreverdi, e sono utilizzate per vari scopi: segnare il confine e separare le proprietà;

Le siepi sono costituite da filari di piante, spesso sempreverdi, e sono utilizzate per vari scopi: segnare il confine e separare le proprietà; LE SIEPI Le siepi sono esseri viventi che appartengono al mondo vegetale; le loro foglie infatti contengono la clorofilla e altre sostanze. Le siepi possono essere fogliose, lisce, verdi, spinose, diramate,

Dettagli

Basilico, prezzemolo, sedano, menta, salvia, rosmarino, timo, salvia e cipolla!

Basilico, prezzemolo, sedano, menta, salvia, rosmarino, timo, salvia e cipolla! ISTITUTO COMPRENSIVO OLCESE SCUOLA MEDIA STATALE FERRUCCIO PARRI ROMA Gli alunni delle classi ID e IE del plesso di scuola media di Via del Pergolato 112 di Roma hanno aderito al progetto SAPERE I SAPORI

Dettagli

Curricolo di matematica problemi con equazioni figurali

Curricolo di matematica problemi con equazioni figurali Curricolo di matematica problemi con equazioni figurali Presentazione dell attività svolta nelle classi delle Scuole Primarie e Secondarie di Primo Grado degli Istituti Comprensivi di Reggio Emilia: Pertini

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

IL FAI DA TE NEL SOFTWARE DIDATTICO

IL FAI DA TE NEL SOFTWARE DIDATTICO IL FAI DA TE NEL SOFTWARE DIDATTICO La realizzazione delle tastiere virtuali didattiche - 3 a parte Prosegue l articolo in cui l autore chiarisce che l individuazione o l impostazione della struttura logica

Dettagli

PROGETTO: L ALBERO DAI FIORI ARCOBALENO

PROGETTO: L ALBERO DAI FIORI ARCOBALENO PROGETTO: L ALBERO DAI FIORI ARCOBALENO Utenti destinatari Scuola dell Infanzia S. Agostino. Gruppo omogeneo 5 anni Periodo di applicazione (ore totali 15) marzo / aprile / maggio Docenti coinvolti Lorenzina

Dettagli

ISOLE DI BRISSAGO INDICE DELLE SCHEDE DIDATTICHE. Isole di Brissago- Schede didattiche ad uso delle scuole obbligatorie. Pagina Argomento Classe

ISOLE DI BRISSAGO INDICE DELLE SCHEDE DIDATTICHE. Isole di Brissago- Schede didattiche ad uso delle scuole obbligatorie. Pagina Argomento Classe 1 INDICE DELLE SCHEDE DIDATTICHE ISOLE DI BRISSAGO Pagina Argomento Classe 1 Indice e tabella riassuntiva 2 Scheda 1 per docente: gioco di ricerca sull isola Elementare/prima media 3 Scheda 1 per allievi

Dettagli

Attività didattiche MEZZI DI TRASPORTO AEREI. turismo impieghi speciali ricognizione sezioni speciali. linea trasporto bombardamento caccia

Attività didattiche MEZZI DI TRASPORTO AEREI. turismo impieghi speciali ricognizione sezioni speciali. linea trasporto bombardamento caccia Classe quarta U.D.A. TECNOLOGIA Ins. PANARESE ANNA TITOLO: Progettiamo e costruiamo modelli di mezzi di trasporto Apprendimento unitario: riconoscere le funzioni dei mezzi di trasporto e individuare problemi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE E TECNOLOGIA A.S. 2013/2014 CURRICOLO Ambito disciplinare SCIENZE SCIENZE E TECNOLOGIA

Dettagli

I CIRCOLO DIDATTICO SESTO FIORENTINO IL FENOMENO DELLA COMBUSTIONE

I CIRCOLO DIDATTICO SESTO FIORENTINO IL FENOMENO DELLA COMBUSTIONE I CIRCOLO DIDATTICO SESTO FIORENTINO IL FENOMENO DELLA COMBUSTIONE COMPETENZE ATTESE AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA Osservare, registrare, classificare organismi viventi e fenomeni fisici con la guida dell

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTAZIONE PROGETTO GIARDINO

SCHEDA DI PROGETTAZIONE PROGETTO GIARDINO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di MALCESINE Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria e Scuola Secondaria di I Grado Via Campogrande, 1 37018 Malcesine VR Telefono 0457400157 Fax 0456570669 www.icsmalcesine.it

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

LABORATORIO C.R.E.A. "S.O.S. NATURA - SPECIALE FORESTE" CLASSE 1 a sez. C a.s. 2010-2011

LABORATORIO C.R.E.A. S.O.S. NATURA - SPECIALE FORESTE CLASSE 1 a sez. C a.s. 2010-2011 LABORATORIO C.R.E.A. "S.O.S. NATURA - SPECIALE FORESTE" CLASSE 1 a sez. C a.s. 2010-2011 NELL ANNO INTERNAZIONALE DEDICATO ALLE FORESTE LA CLASSE 1 a C HA PARTECIPATO AL LABORATORIO C.R.E.A. CON LA SUPERVISIONE

Dettagli

La radice e le sue funzioni

La radice e le sue funzioni La radice e le sue funzioni Completa le spiegazioni, poi collega con una freccia la descrizione della funzione svolta dalle radici dei vegetali al nome corrispondente. Le radici sono organi specializzati

Dettagli

Azienda Agrituristica - Fattoria Didattica

Azienda Agrituristica - Fattoria Didattica L Azienda Agrituristica Fattoria Didattica L Agrumeto è situata nella regione del Parteolla, in agro di Donori, piccolo paese a vocazione agricola a circa 25 Km. da Cagliari. Il paesaggio è collinare,

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE L insegnamento delle scienze dovrebbe essere caratterizzato dall utilizzo e dall acquisizione delle metodologie euristiche, che alimentano

Dettagli

SOLUZIONI E MISCUGLI PERCORSO PER LA SCUOLA ELEMENTARE

SOLUZIONI E MISCUGLI PERCORSO PER LA SCUOLA ELEMENTARE SOLUZIONI E MISCUGLI PERCORSO PER LA SCUOLA ELEMENTARE 1 STADIO Identificazione e definizione delle soluzioni Obiettivo : il bambino, attraverso un approccio fenomenologico, impara il concetto di SOLUZIONE

Dettagli

L intelligenza numerica

L intelligenza numerica L intelligenza numerica Consiste nel pensare il mondo in termini di quantità. Ha una forte base biologica, sia gli animali che i bambini molto piccoli sanno distinguere poco e molto. È potentissima e può

Dettagli

Brunella Tirelli Numeri e piante

Brunella Tirelli Numeri e piante 4 Area: numeri, natura, Brunella Tirelli Numeri e piante Obiettivi Matematica Conoscere e rappresentare le frazioni decimali Comprendere il rapporto tra le frazioni decimali e la loro rappresentazione

Dettagli

LA REGINA MADRETERRA. Scuola dell infanzia di Podenzano

LA REGINA MADRETERRA. Scuola dell infanzia di Podenzano LA REGINA MADRETERRA Scuola dell infanzia di Podenzano AREA DI APPARTENENZA: Tutti i campi d esperienza Tutti ALUNNI DESTINATARI: IDEA E TEMA CENTRALE: Questo progetto mira a fornire ai bambini la possibilità

Dettagli

La candela accesa. Descrizione generale. Obiettivi. Sequenza didattica e metodo di lavoro. Esperimenti sulla crescita delle piante

La candela accesa. Descrizione generale. Obiettivi. Sequenza didattica e metodo di lavoro. Esperimenti sulla crescita delle piante Esperimenti sulla crescita delle piante unità didattica 1 La candela accesa Durata 60 minuti Materiali per ciascun gruppo - 1 candela - 1 vaso di vetro - 1 cronometro - 1 cannuccia - fiammiferi - 1 pezzo

Dettagli

La tensione superficiale dà l'impressione che l'acqua abbia una sorte di pelle elastica e sottile.

La tensione superficiale dà l'impressione che l'acqua abbia una sorte di pelle elastica e sottile. LA TENSIONE SUPERFICIALE Osserviamo l acqua che sgocciola da un rubinetto chiuso male. Ogni goccia che si forma rimane attaccata al rubinetto per un istante, prima di cedere alla gravità e di cadere in

Dettagli

I 5 SENSI DELLE STAGIONI

I 5 SENSI DELLE STAGIONI PROGETTO DIDATTICO SCUOLA DELL INFANZIA E. RAVASCO Via Lodi, 220 Genova I 5 SENSI DELLE STAGIONI VIAGGIO ATTRAVERSO LE STAGIONI: VISTE, SENTITE, ODORATE, TOCCATE, GUSTATE Il progetto si pone come obiettivo

Dettagli

LEGGERE IL TESTO. 1^ tappa

LEGGERE IL TESTO. 1^ tappa LEGGERE IL TESTO 1^ tappa Per poter risolvere esattamente un problema matematico la prima cosa da fare è leggere bene il testo per comprendere la situazione che dobbiamo risolvere. Per fare questo serve

Dettagli

Giornate tecniche 2011

Giornate tecniche 2011 Giornate tecniche 2011 Seminario: Aspetti teorici e applicativi della potatura delle piante da frutto Relatore: dott. agr. Salvatore Gaudio Data: 12 febbraio 2011 Aspetti teorici ed applicativi della potatura

Dettagli

Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema. Laboratori del Sapere Scientifico

Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema. Laboratori del Sapere Scientifico Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema Laboratori del Sapere Scientifico Laboratorio del Sapere Scientifico Dal Seme alla Pianta ciclo

Dettagli

Obiettivo del gioco: capire i meccanismi del mercato gestito dalle multinazionali nei paesi in via di sviluppo

Obiettivo del gioco: capire i meccanismi del mercato gestito dalle multinazionali nei paesi in via di sviluppo THINKING DAY 22 FEBBRAIO 2005: LA NOSTRA VOCE INSIEME A QUELLA DELLE GUIDE DEL MONDO: SÌ ALLA PACE, NO ALLA FAME! I NOSTRI DIRITTI, LE NOSTRE RESPONSABILITÀ: IL DIRITTO DI ESSERE ASCOLTATI Attività di

Dettagli

5 PROPOSTE DI INCONTRO SCUOLA-FAMIGLIA

5 PROPOSTE DI INCONTRO SCUOLA-FAMIGLIA 5 PROPOSTE DI INCONTRO SCUOLA-FAMIGLIA Una tazza di caffè, the e qualche dolcetto renderanno il clima meno formale e più cordiale in qualsiasi situazione in cui un gruppo di persone si incontra. L atmosfera

Dettagli

Seriare e classificare oggetti in base alle loro proprietà. Osservare momenti significativi nella vita di piante e animali.

Seriare e classificare oggetti in base alle loro proprietà. Osservare momenti significativi nella vita di piante e animali. CLASSE PRIMA Sviluppa un atteggiamento di curiosità e di ricerca esplorativa. Sa raggruppare classificare e ordinare in base ad una caratteristica. Individuare la struttura di oggetti semplici e descriverli

Dettagli