Giardini che profumano di campagna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giardini che profumano di campagna"

Transcript

1 Il Divulgatore n 5/2010 VIVAISMO ORNAMENTALE Giardini che profumano di campagna Nella progettazione di parchi e giardini urbani un opportunità interessante che si va diffondendo è rappresentata dall inserimento di specie frutticole, orticole e aromatiche. In particolare fra le piante da frutto dovranno essere scelte specie autoctone, più resistenti e in grado di valorizzare l identità del territorio. Vanni Tisselli CRPV Soc. Coop. Cesena Lo sviluppo urbanistico che ha caratterizzato le nostre città negli ultimi decenni ha posto agli amministratori pubblici l esigenza di inserire nell ambito dei piani regolatori la creazione di aree verdi - siano essi parchi, viali alberati o più semplicemente giardini - allo scopo di migliorare il benessere dei cittadini. Le aree verdi hanno l obiettivo di contrapporsi alla congestione urbana, all inquinamento atmosferico e acustico, di riequilibrare paesaggi privi di armonia e troppo cementificati, di rendere fruibili agli abitanti spazi dove socializzare, mantenere un contatto con la natura, svolgere attività sportiva e non ultimo di avere una funzione educativa nei confronti dei bambini e dei ragazzi.tenuto conto delle diverse funzioni che ogni area verde è chiamata a svolgere, è necessario che la progettazione sia eseguita da esperti in varie discipline: dall ingegnere, all architetto, all agronomo, al biologo, al paesaggista che in modo congiunto devono individuare le migliori soluzioni nel rispetto delle peculiarità paesaggistiche del luogo e delle esigenze di salute e benessere per l uomo. Senza approfondire gli aspetti tecnici della progettazione e i suoi riflessi sociali, possiamo affermare che dal punto di vista agronomico il risultato ultimo di un area verde deve essere quello di ricostruire un habitat naturale adatto alle specie vegetali che sono state scelte e favorevole anche alla vita di animali, in particolar modo selvatici, che giocano un ruolo importante nell equilibrare un nuovo ecosistema e nel mantenere elevato il livello della biodiversità. Una scelta decisiva La scelta delle specie da utilizzare è fondamentale perché esse svolgono svariate funzioni: da quella semplicemente ornamentale, a quella di filtro e pulizia dell aria, senza escludere quella educativa e di ricovero e alimentazione per gli animali. Troppo spesso in passato, sull onda di una ricerca dell esotico e talora per la mancanza di uno studio attento delle esigenze agronomiche, sono state messe a dimora piante che non erano tipiche del patrimonio vegetale del territorio con effetti spesso negativi sia dal punto di vista paesaggistico che sanitario. Quando si progettano viali o barriere per proteggersi dal vento e per occultare stabilimenti industriali o fatiscenti sono generalmente utilizzati alberi ad alto fusto di tipo forestale; nella realizzazione di parchi o semplicemente giardini trovano invece spazio anche alberi e arbusti appartenenti alle specie frutticole utilizzate in agricoltura o selvatiche. Al momento della scelta si devono tenere in considerazione numerosi aspetti, fra i quali alcuni rivestono particolare importanza (si veda sotto). Generalmente sono da preferire specie autoctone, che aldilà di essere più adattate alle caratteristiche pedologiche e climatiche del territorio, consentono di mantenerne l identità. Un aspetto importante da esaminare è inoltre l esigenza di manutenzione, soprattutto quando si parla di verde pubblico. Un errata valutazione dei costi di allevamento, di potatura e di rimozione dei frutti che cadono a terra, potrebbe, infatti, determinare l impossibilità di eseguire le operazioni richieste con conseguenze molto negative sull aspetto estetico ma soprattutto sulla longevità delle piante. L Emilia Romagna è una regione ricca di specie arboree e arbustive adatte a essere utilizzate nei parchi e giardini; a fianco sono riportate alcune note riguardanti specie autoctone che valorizzano l identità territoriale o specie minori o selvatiche a rischio di estinzione. Tenuto conto che molte di esse appartengono alla famiglia delle rosacee, che comprende anche la maggior parte delle specie da frutto coltivate, occorre verificare che non vi siano rischi di trasferire delle patologie alle specie coltivate. Come gestire gli alberi da frutto Poiché le specie descritte sono caratterizzate da una buona rusticità, sovente non sono necessari gli interventi tipici delle colture da frutto, tuttavia è opportuno seguire alcune indicazioni di base. Per l impianto si deve prestare attenzione a che il materiale vivaistico sia sano e che i sesti d impianto siano

2 adeguati allo sviluppo completo della pianta. La fertilizzazione è importante nei primi anni dall impianto quando le radici sono ancora poco sviluppate; è opportuno porre sostanze organiche nella buca al momento dell impianto per favorire lo sviluppo radicale, in seguito le radici sono in grado di recuperare dal terreno quanto serve alla pianta. Nei primi anni d impianto è necessario anche curare l irrigazione soprattutto se la stagione estiva è particolarmente calda e siccitosa. Per quanto riguarda le altre pratiche si deve effettuare la potatura per guidare la forma iniziale, successivamente per rimuovere rami secchi o malati. Se si sono effettuate scelte corrette, la difesa attiva deve essere ridotta al minimo, adottando, per quanto possibile, tecniche di lotta biologica. Infine per quanto riguarda il controllo delle malerbe, nei primi anni si possono adottare pacciamature per ridurre i costi legati all eliminazione meccanica o manuale delle infestanti. L impiego di orticole e officinali Le aiuole rappresentano certamente un elemento chiave dell arredo urbano e spesso le piante da fiore accompagnano fontane e altre strutture architettoniche. Alcune specie orticole migliorate per gli aspetti estetici possono rappresentare una valida alternativa alle specie floreali, creando nuovi motivi di interesse. Nell ambito delle specie orticole, particolarmente apprezzati sono i peperoncini decorativi, alcune specie di cavoli, alcune liliacee quali gli agli ornamentali a cui talora si uniscono specie aromatiche quali la lavanda, il rosmarino il timo e la salvia. Queste ultime si prestano talora per aiuole verdi non fiorite, altre volte vengono utilizzate per la loro fioritura e per i profumi che le contraddistinguono. Sono particolarmente indicate a costituire aiuole che abbiano anche funzione didattica. In generale, per garantire lo sviluppo e l effetto decorativo desiderati utilizzando specie orticole e aromatiche, sono necessarie alcune precauzioni. Nell impianto la scelta delle specie e varietà deve ricadere su quelle meno sensibili ai problemi di inquinamento (essendo usate per aiuole e bordure spesso devono convivere a contatto con gas di scarico). Occorre inoltre che si adotti un opportuno sesto d impianto, infatti piante troppo fitte o troppo rade possono avere problemi di sviluppo ed estetici. La fertilizzazione deve essere effettuata fin dalla preparazione del terreno con apporto di concimi organici o a lenta cessione che abbiano un rapporto fra elementi fertilizzanti in grado di favorire la fioritura: in generale per stimolare la fioritura il fosforo è l'elemento migliore, per avere colori molto accesi invece il potassio è particolarmente indicato. All interno delle aiuole lo strato del terreno ha spesso un ridotto spessore e sono necessari frequenti interventi irrigui. È opportuno pertanto utilizzare un impianto a manichetta o meglio disporre ali gocciolanti con alimentazione temporizzata possibilmente sotto pacciamatura per ridurre i costi d intervento. Le esigenze idriche sono comparabili a quelle delle specie floricole annuali. La difesa antiparassitaria è simile a quella praticata negli orti con il vantaggio che la pianta non essendo destinata a un uso alimentare può sopportare attacchi di parassiti non distruttivi; è consigliabile la lotta biologica. Il controllo delle malerbe, infine, deve ricorrere per quanto possibile alla pacciamatura di tessuto nero riutilizzabile negli anni. Per ultimo, le specie orticole sono presenti all interno dei tradizionali orti di quartiere, nei quali la coltivazione non differisce sostanzialmente da quella adottata per le stesse specie nelle aziende orticole. È necessario adottare una rotazione fra le colture disponendo le piante più alte sul lato che crea meno ombreggiamento e lasciare fasce di rispetto per l insediamento di insetti utili e per il controllo biologico dei parassiti. Occorre infine non forzare le piante con eccessive concimazioni azotate, che portano a un accumulo di acqua nei tessuti rendendoli più suscettibili ad attacchi patogeni. Preferire l apporto di letame o compostati di qualità. ASPETTI DA CONSIDERARE NELLA SCELTA DELLE SPECIE ARBOREE Rispondenza alle caratteristiche pedoclimatiche della zona Tolleranza ai parassiti animali e vegetali Rusticità (ridotte esigenze nutrizionali e irrigue) Ridotte esigenze di potature e cure colturali Habitus vegetativo (dimensione e forma) Tipo di fogliame (sempreverde o a foglia caduca) Tipo e colore dei fiori e delle foglie Presenza di frutti Assenza di malattie comuni alle piante di interesse agrario

3 ALBERI E ARBUSTI DA FRUTTO GIUGGIOLO Albero alto 6-7 metri, dall'aspetto piuttosto contorto, con rami irregolari e spinosi. Ha un apparato radicale molto sviluppato in profondità e un accrescimento molto lento, così come la messa a frutto. Ora è poco diffuso ed è presente soprattutto a ridosso delle case rurali. Predilige terreni sabbiosi o sassosi mentre i terreni umidi sono da sconsigliare; vive in zone con clima temperato. I frutti, di color rosso marrone scuro a maturità, hanno la dimensione di una grossa oliva nel caso di varietà locali, mentre raggiungono dimensioni decisamente più grosse nelle varietà provenienti dall oriente, anche se il sapore è meno intenso. Le bacche mature possono fornire alimento per l avifauna quando la polpa perde consistenza e si ha un suo avvizzimento. MELO O PERO COTOGNO La mela o pera cotogna si differenzia dalle mele o dalle pere trattandosi di una specie a sé: Cydonia oblonga. Specie molto antica, già nota ai tempi dei babilonesi, in Italia è stata molto coltivata fino a anni fa mentre oggi, non interessando alla grande distribuzione organizzata, è utilizzata soprattutto in orti e frutteti domestici per un consumo diretto. La pianta presenta uno sviluppo contenuto e per questo la gestione della chioma necessita di pochi interventi di potatura. È di un certo interesse estetico sia per il fogliame semilucido sia per la bella fioritura tardo-primaverile (da fine aprile a inizio maggio) caratterizzata da fiori bianchi o rosa, con cinque petali, aventi un diametro di 4-7 cm. Presenta frutti di colore giallo intenso, spesso di buona pezzatura (superiori a una mela), poco regolari, che secondo la specie possono assumere la forma di una mela o di una pera. Pianta sufficientemente rustica, si adatta anche a suoli poveri purché ben drenati. Normalmente non richiede irrigazioni e concimazioni e non presenta attacchi fungini e parassitari. Quasi tutte le varietà sono autosterili, quindi per avere frutto occorre impiantare almeno due varietà diverse. MELOGRANO È una specie ancora molto coltivata nei paesi asiatici del Medio Oriente. La coltivazione non presenta particolari difficoltà. Il suo naturale sviluppo è a cespuglio, avendo una forte tendenza a produrre polloni radicali che, se ripetutamente tagliati consentono un portamento ad albero isolato. Il melograno è una pianta molto tollerante alla siccità e se non subisce nel periodo invernale temperature particolarmente basse (inferiori a 10 C) è molto resistente a ogni tipo di malattia. È invece soggetto all attacco di afidi, che nell ambiente naturale possono essere facilmente controllati da insetti predatori. Non ha particolari esigenze di suolo pur prediligendo terreni argillososabbiosi e tendenzialmente calcarei. Il melograno è utilizzato come pianta ornamentale nei giardini, ma si presta bene a un impiego anche all interno di parchi possibilmente in aree riparate o a ridosso di qualche costruzione; le varietà nane vanno tenute in vaso sui terrazzi. Assume aspetti molto attraenti, soprattutto per quanto riguarda la sua ramificazione, la fioritura vermiglia (ben descritta nella poesia del Carducci) e la produzione di frutti che a maturazione assumono un colore rosso intenso, con dimensioni superiori anche ai 10 cm di diametro. NESPOLI Il nespolo comune è un albero di dimensioni medio grandi, di larghezza spesso superiore all'altezza (che può raggiungere i 4-5 m), che perde le foglie in inverno. I fiori, di colore bianco puro, sono semplici, a cinque petali; la fioritura nel complesso è molto decorativa e anche il fogliame mantiene una bella colorazione verde intenso, salvo d inverno quando perde le foglie Produce frutti di piccola dimensione: 2-2,5 cm di diametro. Il nespolo del Giappone è una pianta molto resistente al freddo, inoltre la fioritura tardiva è largamente successiva alle ultime gelate. A differenza del nespolo comune è una pianta sempreverde, con foglie grandi di color verde scuro e semi-lucide nella parte superiore, e ha un apparato radicale superficiale. Fin dalla sua introduzione in Europa dal lontano Giappone, questa specie è stata impiegata a scopo ornamentale e paesaggistico anche se dal secolo scorso, grazie alla selezione realizzata dagli agricoltori, si sono ottenute varietà con frutti grossi, che oggi trovano utilizzo anche commerciale per l'alimentazione umana. Rispetto ad altre specie sopra descritte appare maggiormente sensibile all antracnosi e alla ticchiolatura.

4 NOCCIOLO Il nocciolo è un grosso arbusto cespuglioso, altro da 3 a 6 m. Sono coltivate numerose varietà da frutto e ornamentali: tra queste ultime sono notevoli la varietà pendula, la varietà contorta e la varietà fusco-rubra, a foglie porporine. È una pianta colonizzatrice che, avendo esigenze modeste in fatto di terreno e di clima, si adatta a svariate condizioni ambientali. Presenta diverse avversità se in impianti specializzati, mentre appare rustica quando isolata. OLIVO Questa specie, nota per l indubbia importanza produttiva in tutta l area del Mediterraneo, sta assumendo un notevole interesse anche come pianta ornamentale all interno di parchi e giardini domestici. È una pianta molto longeva, sempreverde, la cui attività è pressoché continua con attenuazione nel periodo invernale. Essendo una pianta eliofila, soffre l'ombreggiamento e le basse temperature. Le gelate possono danneggiare il legno già a temperature di 7 C; caratteristica è invece la sua resistenza alla siccità anche per periodi mediamente lunghi. Le esigenze pedologiche sono modeste e la pianta vegeta bene anche su terreni grossolani o poco profondi, con rocciosità affiorante. Soffre invece nei terreni pesanti e soggetti al ristagno. Fra gli alberi da frutto è una delle specie più tolleranti alla salinità, pertanto può essere coltivato anche in prossimità dei litorali. La pianta, sempreverde con chioma fitta e foglie piccole e lucide e un tronco che con l invecchiamento assume forme nodose e contorte, è molto elegante e all interno di un parco assolve a una funzione estetica oltre che educativa per le scolaresche. PERO VOLPINO Il pero volpino è un antico albero da frutto tipico in Romagna, dove era utilizzato per sostenere i filari di viti, e ancora oggi si può trovare nelle campagne preferibilmente in collina o vicino a case rurali. Alla bianca fioritura primaverile fa seguito la produzione di frutti rotondeggianti di piccola dimensione (4-5 cm) di color marrone brunastro particolarmente rugginoso. Sulle piante adulte gli interventi di potatura sono di solito limitati al taglio dei rami secchi e di eventuali polloni. La pianta normalmente è abbastanza resistente anche agli attacchi di parassiti e patogeni e difficilmente si hanno problemi che possano compromettere lo sviluppo e la produzione dei frutti. SORBI Il sorbo degli uccellatori è così chiamato perché è fonte di cibo per i tordi e altri uccelli, che ingoiano le bacche intere nei mesi invernali. La pianta raggiunge anche 12 m di altezza. Presenta una chioma non particolarmente fitta con foglie caduche lanceolate di 5 cm di lunghezza. Si presta a essere utilizzato all interno di parchi con l obiettivo di attirare soprattutto l avifauna. Il sorbo comune è ampiamente diffuso nei boschi e nei luoghi rocciosi. Si adatta comunque anche agli ambienti di pianura. Esistono diverse specie cui appartengono sia arbusti sia alberi alti fino a 6-7 m. Dopo la fioritura, che avviene in maggio-giugno, si ha la formazione di frutti ovoidali o rotondi, di dimensioni variabili di 1-3 cm a seconda della specie, rosso aranciati quando sono maturi. Un tempo i frutti erano comunemente mangiati anche dall uomo, oggi si prestano ad essere cibo appetito da diversi uccelli. PIANTE OFFICINALI E AROMATICHE LAVANDA La lavanda è una pianta molto rustica, che ben si adatta alle diverse situazioni pedoclimatiche: infatti può crescere anche spontanea e spesso la si trova in terreni aridi e sassosi a formare dei bellissimi cespugli. È una pianta poliennale che si avvantaggia della potatura per mantenere compatta la vegetazione con beneficio dell effetto ornamentale. Esistono numerose specie del genere Lavandula che si distinguono per il portamento, per il tipo di fiore e per l intensità del profumo. L effetto ornamentale è massimo nel periodo della fioritura, che varia da specie a specie e va dalla primavera all'estate. I fiori sono riuniti in infiorescenze a spiga, portate da lunghi steli; ciascuna spiga contiene un numero variabile di fiori molto profumati. La lavanda si presta a essere utilizzata per formare aiuole o per bordare le stesse; si ha un bell effetto decorativo anche quando è posta a margine di strade o piste ciclabili. La lavanda può presentare problemi di malattie fungine che possono richiedere qualche trattamento fungicida.

5 ROSMARINO Rosmarinus officinalis L. è un arbusto sempreverde che può raggiungere anche i 2,5 m di altezza, con rami generalmente eretti o in alcune cultivar prostrati. Le foglie sono di colore verde e lucide sulla pagina superiore, biancastre e tomentose su quella inferiore. I fiori sono riuniti in piccole infiorescenze di colore azzurro pallido o azzurro intenso, in alcune varietà si hanno fiori bianchi. Utilizzata come pianta per gli aromi, trova interessante collocazione anche come macchia arbustiva all interno di parchi e giardini, come bordura di aiuole o per la formazione di siepi. È una pianta generalmente rustica che non richiede cure particolari, fatta eccezione per interventi di potatura che ne regolano lo sviluppo, evitando che si abbia l invecchiamento dei rami con rischio di svuotamento interno della vegetazione dovuto alla cascola delle foglie. TIMO Il timo ( Thymus serpyllum e Thymus vulgaris) è originario della regione mediterranea occidentale. Cresce spontaneo in tutta l'area mediterranea fino ai m di altitudine. Preferisce terreni calcarei e leggeri, mentre su quelli mal drenati ha vita breve. Vegeta bene in terreni ben esposti al sole e fiorisce da giugno a settembre. Il colore dei suoi fiori è un rosso violetto e lo rende indicato nella composizione di aiuole miste dove siano presenti altre specie con fioritura simultanea o sfasata. SALVIA Esistono diverse specie di salvia fra cui la Salvia splendens da tempo molto utilizzata nel settore del giardinaggio. La salvia comune (Salvia officinalis) è una tipica specie aromatica, ma per il suo portamento non eccessivamente sviluppato e per la sua fioritura caratterizzata da fiori violacei si presta a essere utilizzata in aiuole o per bordure alla stregua della lavanda. È una specie poco esigente che non necessita di grandi attenzioni sia per quanto riguarda il tipo di terreno che l eventuale concimazione. Consigliabile una leggera potatura al termine della fioritura. SONO ORTAGGI MA NON SI MANGIANO PEPERONCINI DECORATIVI Questa tipologia di peperone, del genere Capsicume dalle molte varietà, viene coltivata soprattutto per l effetto ornamentale dei suoi frutti molto variopinti. Esistono numerosissime varianti che si differenziano sia per la forma - che può essere allungata, rotonda, a campana, con frutti singoli o a mazzetti - sia per il colore che varia dal verde quando il frutto è immaturo al giallo, al rosso al blu, passando per infinite tonalità intermedie. L effetto maggiormente decorativo si ha quando sulla stessa pianta si trovano contemporaneamente bacche di colori diversi. Il peperoncino nei nostri ambienti è una tipica coltura annuale, che si trapianta in primavera, fiorisce in estate e fruttifica nel periodo estivo autunnale, garantendo un buon effetto cromatico fino al tardo autunno, momento in cui si possono verificare brinate o gelate che determinano la morte delle piante. Nelle zone con clima mite la pianta può sopravvivere e il sole diretto durante l'inverno può favorire la vivace colorazione delle bacche. È una specie abbastanza rustica che si consiglia di concimare con concimi a lenta cessione; relativamente all irrigazione evitare ristagni idrici che possono comportare lo sviluppo di funghi. Talvolta si richiedono trattamenti per controllare le malattie fungine o alcuni insetti quali cocciniglia. Può essere utilizzata sia per aiuole monotematiche sia in associazione con altre specie da fiore. CAVOLI ORNAMENTALI I cavoli ornamentali appartengono alla specie Brassica oleracea, che racchiude i normali cavoli da consumo e in particolare al gruppo Acephala utilizzato a scopo ornamentale per la bellezza delle sue foglie, che invece di chiudersi rimangono aperte, si arricciano ai bordi e assumono diverse colorazioni dal giallo al rosso al viola soprattutto nella parte più interna. Sono piante annuali o biennali che si adattano alle zone fredde e consentono di avere aiuole colorate anche nel periodo invernale, quando la maggior parte delle piante da fiore non può essere coltivata. Pur essendo adatte a climi freddi, per migliorare la colorazione del fogliame è consigliabile posizionare la pianta in una zona esposta a pieno sole. Le piante devono essere regolarmente concimate e irrigate senza eccessi, che determinerebbero un esuberante crescita della pianta in altezza con effetti negativi sia dal punto di vista ornamentale che di esposizione agli attacchi parassitari, in particolare fungini e batterici. Occorre prestare attenzione al controllo di afidi, lumache e limacce, le quali sono particolarmente ghiotte delle foglie di cavolo.

6 AGLI ORNAMENTALI Nell ambito del genere Allium esistono numerose specie che oggi possono trovare impiego a scopo ornamentale soprattutto all interno di aiuole che prevedano la presenza di più specie. Alcuni agli sono caratterizzati da uno stelo fiorale che può raggiungere il metro di altezza, altri rimangono di taglia più ridotta, attorno ai cm. Le infiorescenze presentano notevoli diversità circa la forma: vi sono infatti specie con fiore globoso, che raggiunge anche i 15 cm di diametro e altre con infiorescenze semisferiche o spargole. I fiori presentano varie colorazioni sempre ben marcate dal bianco, al rosa, al giallo, all azzurro, al lilla. Molte specie soprattutto di taglia ridotta possono rimanere nel terreno per più anni in quanto il bulbo si rinnova e tende a moltiplicarsi colonizzando il terreno attorno; per altre specie di taglia elevata con fiore globoso si consiglia al termine della fioritura di estirpare il bulbo e conservarlo per l anno successivo. Poiché la pianta in vegetazione non è particolarmente decorativa e in fase di fioritura le foglie tendono a ingiallire e seccare, è consigliabile inserire l aglio in mezzo ad altre piante verdi o da fiore che nascondano la sua vegetazione. Per ottimizzare la fioritura si consiglia una posizione in pieno sole o mezz ombra. Le piante di aglio sono generalmente rustiche e necessitano di una ridotta manutenzione.

Vivaio aperto - Perugia

Vivaio aperto - Perugia Vivaio aperto - Perugia Corso di potatura dei frutti INTRODUZIONE ALLA POTATURA 13 e 20 Febbraio 2010 - Bricocenter Perugia Estratto lezione dott. Agronomo Luca Crotti Questo documento è un estratto del

Dettagli

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Scheda operativa n.5 LE COLTIVAZIONE DELLE PIANTE OFFICINALI Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Premessa Le piante officinali rappresentano

Dettagli

Le siepi sono costituite da filari di piante, spesso sempreverdi, e sono utilizzate per vari scopi: segnare il confine e separare le proprietà;

Le siepi sono costituite da filari di piante, spesso sempreverdi, e sono utilizzate per vari scopi: segnare il confine e separare le proprietà; LE SIEPI Le siepi sono esseri viventi che appartengono al mondo vegetale; le loro foglie infatti contengono la clorofilla e altre sostanze. Le siepi possono essere fogliose, lisce, verdi, spinose, diramate,

Dettagli

Periodo di potature? Fate attenzione...

Periodo di potature? Fate attenzione... Periodo di potature? Fate attenzione... Gli alberi non sono tutti uguali e non si potano tutti allo stesso modo o con la stessa frequenza. La potatura delle specie arboree viene, infatti, effettuata per

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele.

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea La macchia mediterranea si chiama così perché é formata da vegetazione che ama i terreni asciutti, il sole, molta luce, un

Dettagli

P.I.I. FISAC-TREVITEX. Relazione tecnica descrittiva degli interventi a verde

P.I.I. FISAC-TREVITEX. Relazione tecnica descrittiva degli interventi a verde P.I.I. FISAC-TREVITEX Relazione tecnica descrittiva degli interventi a verde Il progetto del verde prevede il mantenimento di porzioni di aiuole già esistenti e la creazione di nuove aree per una superficie

Dettagli

Completa e Colora GIOCO 01

Completa e Colora GIOCO 01 GIOCO 01 ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA www.sardegnaforeste.it REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Completa e Colora stropicciato I suoi fiori sono grandi e rosa, con petali dal caratteristico aspetto......................

Dettagli

I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno.

I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno. I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno. L eccesso di piogge (forze lunari) in presenza di calore, aumenta

Dettagli

Alcune malattie fungine dell olivo

Alcune malattie fungine dell olivo Alcune malattie fungine dell olivo Massimo Pilotti CRA- Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale ROMA Malattia fungina nota già nel dopoguerra nelle zone di coltivazione meridionali. Segnalazioni del

Dettagli

Piccolo giardino Cosa fare e cosa non fare Senza complicarsi la vita

Piccolo giardino Cosa fare e cosa non fare Senza complicarsi la vita Piccolo giardino Cosa fare e cosa non fare Senza complicarsi la vita Per fare un piccolo giardino bastano anche dimensioni ridottissime, come può essere con un contenitore di medie dimensioni, dove vengono

Dettagli

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO Operazioni PREPARAZIONE DEL TERRENO Il terreno ideale da giardino è quello con tessitura argillosa-sabbiosa, friabile. Se il terreno dovesse essere pesante e compatto bisognerà correggerlo incorporando

Dettagli

Istruzioni aiuole fiorite per l ombra Verdeacolori in vaso da 9x9 cm

Istruzioni aiuole fiorite per l ombra Verdeacolori in vaso da 9x9 cm Istruzioni aiuole fiorite per l ombra Verdeacolori in vaso da 9x9 cm Posizione di impianto Queste consociazioni sono da posizionare in ombra luminosa. Per ombra luminosa intendiamo un luogo dove il sole

Dettagli

CALCIOCIANAMIDE. COMPOSIZIONE CONCIME CE AZOTO (N) totale 19,8% di cui nitrico 1,5% OSSIDO DI CALCIO (CaO) 50% CONFEZIONI:

CALCIOCIANAMIDE. COMPOSIZIONE CONCIME CE AZOTO (N) totale 19,8% di cui nitrico 1,5% OSSIDO DI CALCIO (CaO) 50% CONFEZIONI: CALCIOCIANAMIDE NITRATA GRANULARE È un prodotto microgranulare azotato ideale per ogni coltura orticola, frutticola e floricola; particolarmente indicata per terreni a ph acido svolge un azione fertilizzante

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi LA PATATA Famiglia delle solanacee Genere solanum Pianta erbacea coltivata come annuale ma che in natura si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi I fiori sono riuniti a

Dettagli

Abies, Abete (Pinaceae)

Abies, Abete (Pinaceae) , Abete (Pinaceae) Conifera dalla forma elegante e imponente, quasi sempre conica, molto diffusa come pianta ornamentale nei giardini e nei parchi pubblici e privati, in particolare per il colore degli

Dettagli

Birdgarden Un giardino biologico

Birdgarden Un giardino biologico Birdgarden Un giardino biologico - Progettazione del giardino - Scelta delle piante ed essenze vegetali - Creazione di laghetti e/o piccoli stagni - Installazione di nidi e mangiatoie - Come attirare le

Dettagli

Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006

Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006 Impianto e cure colturali di Lampone e Rovo Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006 Propagazione Introduzione - lampone Questo lavoro è nato da una precedente raccolta di diapositive destinata ad un

Dettagli

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a L ACQUA L elemento acqua è costituente degli esseri viventi, sia animali che vegetali, superando in alcuni casi anche il 90% della composizione. L acqua per le piante è un elemento indispensabile in quanto

Dettagli

Citrus, Agrumi (Rutaceae)

Citrus, Agrumi (Rutaceae) Citrus, Agrumi (Rutaceae) Nel genere Citrus sono compresi molti alberi e arbusti originari del dell'asia sud-orientale dalle dimensioni medie e dalla crescita lenta. Sono famosi per le loro foglie profumate,

Dettagli

Ammendante Compostato Misto

Ammendante Compostato Misto Ammendante Compostato Misto Cos è il Compost? Il Compost deriva da rifiuti, come buona parte dei fertilizzanti, dal letame alla farina di carne, dal cuoio idrolizzato al solfato ammonico. Il Compost non

Dettagli

Hydrangea (Ortensia)

Hydrangea (Ortensia) Hydrangea (Ortensia) Origine: Cina, Giappone, Stati Uniti. Habitus di crescita: Arbusto con portamento cespuglioso. Raggiunge altezze di 1-2 m (raramente fino a 3-4 m). Persistenza fogliame: deciduo. Foglie:

Dettagli

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE La Serra Nuova dedicata ad alcuni ambienti del Sud Africa rappresenta una delle sfide più ardue per chi lavora nell Orto Botanico di Torino. Su una superficie di

Dettagli

C1202. Riferimento commessa: giugno 2013. ing. Michele D Alessandro Direzione tecnica. Viale Lombardia 5 20131 Milano

C1202. Riferimento commessa: giugno 2013. ing. Michele D Alessandro Direzione tecnica. Viale Lombardia 5 20131 Milano Riferimento commessa: Viale Lombardia 5 20131 Milano Tel. 02.70632650/60 fax 02.2361564 citra@citrasrl.it www.citrasrl.it C1202 giugno 2013 REV prof. arch. Giorgio Goggi Responsabile tecnico-scientifico

Dettagli

LA COLTIVAZIONE DEGLI AGRUMI ORNAMENTALI Qualche consiglio generale...

LA COLTIVAZIONE DEGLI AGRUMI ORNAMENTALI Qualche consiglio generale... LA COLTIVAZIONE DEGLI AGRUMI ORNAMENTALI Qualche consiglio generale... Grosso modo le tecniche colturali sono le stesse per tutti gli agrumi ornamentali (per ornamentali intendiamo specie anche decorative,

Dettagli

Mastergreen per i professionisti

Mastergreen per i professionisti Mastergreen per i professionisti Linea caratterizzata da una vasta gamma di prodotti destinati ad un cliente esigente e preparato. Si articola in miscugli di sementi unicamente di provenienza americana,

Dettagli

Giornate tecniche 2011

Giornate tecniche 2011 Giornate tecniche 2011 Seminario: Aspetti applicativi della potatura delle piante ornamentali Relatore: dott. agr. Antonio Sagaria Data: 13 febbraio 2011 DICHIO vivai garden DICHIO vivai garden Un albero

Dettagli

i quaderni dell orto Lattughe Le sempre verdi

i quaderni dell orto Lattughe Le sempre verdi i quaderni dell orto Le sempre verdi dell orto 1 Verdura fresca durante tutto l anno Insieme al pomodoro, la lattuga è l ortaggio più diffuso e popolare negli orti familiari. Croccante, fresca e gustosa

Dettagli

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Presentazione dei risultati del secondo biennio di attività Linee guida e disciplinari per la produzione di sementi biologiche D.ssa Alessandra Sommovigo

Dettagli

MICRODOCHIUM NIVALIS TYPHULA INCARNATA LAETISARIA FUCIFORMIS (FILO ROSSO)

MICRODOCHIUM NIVALIS TYPHULA INCARNATA LAETISARIA FUCIFORMIS (FILO ROSSO) MICRODOCHIUM NIVALIS Dopo un prolungato periodo di condizioni atmosferiche fredde e umide si possono formare macchie circolari depresse di circa 5 cm. O inferiori che cambiano rapidamente di colore dal

Dettagli

PROGETTO PER ORTO BIOLOGICO COOP. AGESPHA ONLUS ED AZIENDA AGRICOLA CALIARI

PROGETTO PER ORTO BIOLOGICO COOP. AGESPHA ONLUS ED AZIENDA AGRICOLA CALIARI PROGETTO PER ORTO BIOLOGICO COOP. AGESPHA ONLUS ED AZIENDA AGRICOLA CALIARI La Cooperativa Agespha ha stipulato una collaborazione con l Azienda Agricola Caliari di Bussolengo un progetto di Orto Biologico

Dettagli

Nome: Descrizione: Esposizione: Potatura: Rinvaso: Concimazione: Avvoglimento Filo: Stili: Malattie - Parassiti: Nome: Descrizione: Esposizione:

Nome: Descrizione: Esposizione: Potatura: Rinvaso: Concimazione: Avvoglimento Filo: Stili: Malattie - Parassiti: Nome: Descrizione: Esposizione: Acero Palmato Piccolo albero caducifoglie Proteggere dal sole e da forti venti. Innaffiare abbondantemente in estate. Piccoli rami nei mesi vegetativi. Drastiche in inverno. Ogni 2 anni in primavera. Ogni

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO SEMINARIO TECNICO ALBICOCCHE DI QUALITA :tecniche agronomiche, innovazione varietale e strategie di mercato APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO Sala Consiliare Comune di Scanzano

Dettagli

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE 1 I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE Nella fascia tropicale ci sono tre paesaggi: la foresta pluviale, la savana, il deserto. ZONA VICINO ALL EQUATORE FORESTA PLUVIALE Clima: le temperature sono

Dettagli

PRESEMINATO CARATTERISTICHE COMUNI

PRESEMINATO CARATTERISTICHE COMUNI PRESEMINATO è il biotessile preseminato, interamente biodegradabile, contenente sementi di prima qualità, fornito in rotoli, che consente la realizzazione di inerbimenti in varie situazioni a seguito della

Dettagli

Catalogo dei principali prodotti per l anno 2013/2014

Catalogo dei principali prodotti per l anno 2013/2014 Catalogo dei principali prodotti per l anno ABELIA GRANDIFLORA L Abelia è una pianta arbustiva molto versatile che può essere impiegata con un ottimo risultato sia in siepi libere sia come arbusto semplice.

Dettagli

(GERANI E SURFINIE) FLORA HORTUS

(GERANI E SURFINIE) FLORA HORTUS Hortus Flora (Gerani & Surfinie) Acid Rose Terriccio per Agrumi Terriccio per Colture Biologiche Terriccio per Orchidee Terrazzo Fiorito Terriccio per Tappeti Erbosi BelPrato Sport TSi-70 Verde Pensile

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO di AGRARIA - SACEG Scheda tecnica triticale Dott. Giovanni Pruneddu Tecnica colturale triticale Tipi di triticale Fra le varietà disponibili sul mercato possiamo

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

News Letter Selecta Italia

News Letter Selecta Italia Luglio 2005 News Letter Selecta Italia SOMMARIO: Riunione Agenti Primaverili 2005/06. pag. 1 Esposizione Commerciale Selecta Italia 2005/06 pag. 1 Papagena TM : novità Selecta Italia 2005/06 pag. 2 Los

Dettagli

CORSI DIDATTICI PER AMATORI 2010-2011

CORSI DIDATTICI PER AMATORI 2010-2011 PROGRAMMA DEI CORSI DIDTICI PER AMORI 2010-2011 Uffici e Laboratori: Via delle Vignazze, 1-21010 GOLASECCA (VA) - ITALY 1/9 PROPOSTA DI CORSI DIDTICI DI GIARDINAGGIO Il settore del giardinaggio e della

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE

PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO IMBOSCHIMENTO TERRENI NON AGRICOLI PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE COMMITTENTE: Comune di Viadana PROGETTISTA RINNOVA GREEN ENERGY SRL dott. for. Alberto Bergonzi

Dettagli

presso gli Orti Urbani Garbatella

presso gli Orti Urbani Garbatella Progetto Laboratorio Didattico di Permacultura Sommario Scopo del progetto...2 Situazione attuale...3 Il Laboratorio di Permacultura in dettaglio...6 Corso di Introduzione alla Permacultura...7 Schema

Dettagli

Impareremo come trattare i vostri fiori o le vostre piante col passare delle stagioni. Preservarle dai freddi invernali e dal forte caldo estivo.

Impareremo come trattare i vostri fiori o le vostre piante col passare delle stagioni. Preservarle dai freddi invernali e dal forte caldo estivo. Impareremo come trattare i vostri fiori o le vostre piante col passare delle stagioni. Preservarle dai freddi invernali e dal forte caldo estivo. sul balcone o terrazzo. Di Fiorita Dino Il giardiniere

Dettagli

IL COMPOSTAGGIO: IMITIAMO LA FORESTA. (scuola primaria)

IL COMPOSTAGGIO: IMITIAMO LA FORESTA. (scuola primaria) IL COMPOSTAGGIO: IMITIAMO LA FORESTA (scuola primaria) INFEA - MATERIALE DIDATTICO Laboratorio Il compostaggio: imitiamo la foresta (scuola primaria) Il compostaggio domestico Il compostaggio domestico

Dettagli

CYMBIDIUM. Origine: Nepal e Nord India

CYMBIDIUM. Origine: Nepal e Nord India Azienda Agricola Nardotto Capello di Nardotto Claudio C.so Repubblica 266 18033 Camporosso (IM) ITALY Nursery CITES P-IT-1002 Tel. +39.0184.29.00.69 Fax +39.0184.25.46.49 P.Iva IT01478300088 CATTLEYA Origine:

Dettagli

PIANTE DI NATALE: ORIGINALI IDEE REGALO TRA TRADIZIONI E CURIOSITÀ

PIANTE DI NATALE: ORIGINALI IDEE REGALO TRA TRADIZIONI E CURIOSITÀ PIANTE DI NATALE: ORIGINALI IDEE REGALO TRA TRADIZIONI E CURIOSITÀ Con l avvicinarsi delle festività di Natale ci affrettiamo ad addobbare le nostre case con mille decorazioni colorate, luci, candele,

Dettagli

II incontro autunnale-2e

II incontro autunnale-2e ALBERI nel loro ambiente II incontro autunnale-2e UTE aa 2014-2015 Bollate - Novate Giovanni Regiroli - biologo Ultimo capitolo: le buone e le cattive pratiche nell impianto, nella potatura, nel mantenimento,

Dettagli

Lo specialistà dei prati

Lo specialistà dei prati Lo specialistà dei prati 13 13 13 15 16 17 19 23 24 25 26 27 28 29 29 30 14 Introduzione L erba del vicino è sempre più verde. E proprio vero? Blumen ha pensato di sfatare questo detto. Realizzare un bellissimo

Dettagli

Indice. Premessa. Capitolo 1 Il territorio

Indice. Premessa. Capitolo 1 Il territorio Indice Premessa XI Capitolo 1 Il territorio 1. Il paesaggista nel territorio 1 2. Analisi territoriale 2 2.1. Metodologia di analisi 3 Analisi del territorio: metodologia di base 4 Scheda 1.1 - Scala 6

Dettagli

Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione.

Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione. Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione. Destinatario: alunno con deficit cognitivo di grado lieve e sindrome ipercinetica da danno cerebrale lieve

Dettagli

Le avversità delle piante ornamentali

Le avversità delle piante ornamentali Seminario Grottammare (AP) Le avversità delle piante ornamentali La gestione delle avversità in ambito urbano Luigi Delloste Per avversità ambientale si intende qualsiasi evento, sia di origine climatica

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Produzione piantine da orto, vivaisti dal 1928. Vivai La Malfa Antonino

Produzione piantine da orto, vivaisti dal 1928. Vivai La Malfa Antonino Produzione piantine da orto, vivaisti dal 1928 Vivai La Malfa Antonino STORIA PIANTE ORTO INNESTATE PIANTE MELANZANA & CARCIOFO PIANTE PEPERONE PIANTE POMODORO & MELONE PIANTE BRASSICACE PIANTE OBBY *

Dettagli

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1 U N I T A N 1 1 IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE Libro di geografia classe 1 - Scuola secondaria di primo grado Pagina

Dettagli

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ CILIEGIO Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

Dettagli

La Processionaria del Pino

La Processionaria del Pino La Processionaria del Pino Thaumetopoea pityocampa www.gruppoindaco.com Thaumetopoea pityocampa (Den. et Schiff.) Lepidoptera, Fam. Thaumetopoeidae Cos'è la Processionaria o a del pino La Processionaria

Dettagli

Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari. Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti

Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari. Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti Introduzione Anche per gli apiari, come per tutte le aziende zootecniche, la corretta gestione dell allevamento

Dettagli

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani Attenzione!! Cenni di potatura di alcune piante da frutto: Pomacee Drupacee Vite Olivo Agrumi Ma prima.un po di...riscaldamento

Dettagli

ILEX AQUIFOLIUM L. Agrifoglio; Pungitopo maggiore; Alloro spinoso FAMIGLIA AQUIFOLIACEAE

ILEX AQUIFOLIUM L. Agrifoglio; Pungitopo maggiore; Alloro spinoso FAMIGLIA AQUIFOLIACEAE ILEX AQUIFOLIUM L. Agrifoglio; Pungitopo maggiore; Alloro spinoso FAMIGLIA AQUIFOLIACEAE Si presenta come arbusto sempreverde con portamento cespuglioso o come albero, a tronco diritto e corteccia di colore

Dettagli

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani Cenni di potatura di alcune piante da frutto: Pomacee Drupacee Vite Olivo Agrumi Ma prima.un po di...riscaldamento

Dettagli

PRODOTTI PER! AGRICOLTURA BIOLOGICA!

PRODOTTI PER! AGRICOLTURA BIOLOGICA! Catalogo Prodotti PRODOTTI PER AGRICOLTURA BIOLOGICA Dal 1997 ci occupiamo di sostenere l agricoltura biologica e migliorare l ambiente, tramite prodotti biologici, che formuliamo e confezioniamo direttamente

Dettagli

Le piante sulla nostra tavola

Le piante sulla nostra tavola Unità didattica Piante e Alimentazione Le piante sulla nostra tavola Durata 0 minuti Materiali necessari - almeno un ortaggio da ciascun organo di una pianta, si consigliano: - carote - piselli o fagioli

Dettagli

Per il fior fiore delle piante. Informazioni utili e consigli per la cura delle orchidee

Per il fior fiore delle piante. Informazioni utili e consigli per la cura delle orchidee Per il fior fiore delle piante. Informazioni utili e consigli per la cura delle orchidee Varietà e caratteristiche 4 Scelta della posizione e cura 6 Il Medico delle piante 10 Servizio e contatto 12 L orchidea:

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Progetto Miglioramento della Qualità della Produzione dell olio di oliva ed impatto ambientale

Progetto Miglioramento della Qualità della Produzione dell olio di oliva ed impatto ambientale A G E A Agenzia per le erogazioni in agricoltura Progetto Miglioramento della Qualità della Produzione dell olio di oliva ed impatto ambientale Associazione Produttori Olivicoli C.N.O. aderente al Finanziato

Dettagli

L argilla assorbe elementi nutritivi e li cede lentamente alle piante - si evita un sovradosaggio di concimazione

L argilla assorbe elementi nutritivi e li cede lentamente alle piante - si evita un sovradosaggio di concimazione TERRICCI FRUX Prodotti con garanzia di successo per la buona qualità dell argilla. I terricci Frux sono prodotti di qualità, per la presenza di pregiate materi prime quali argilla montmorillonitica dei

Dettagli

piante da coltivazione

piante da coltivazione piante da coltivazione Zampe di Asparago I Magnifici Blu è un azienda specializzata nella produzione e commercializzazione di zampe di asparago per il coltivatore professionale. Possediamo campi sperimentali

Dettagli

Relatore: Caven Elger

Relatore: Caven Elger Relatore: Caven Elger 1. Parametri basali: temperatura, luce, concime ed acqua 2. Cura dopo la fioritura 3. Fioritura ripetuta 4. Danni da parassiti 5. Danni non da parassiti 6. Caduta dei boccioli 7.

Dettagli

VERIFICA Climi e biomi I/1 I/2 I/3. Vero o Falso? Vero o Falso? Indica tra quelli elencati quali sono gli elementi che determinano il clima.

VERIFICA Climi e biomi I/1 I/2 I/3. Vero o Falso? Vero o Falso? Indica tra quelli elencati quali sono gli elementi che determinano il clima. ERIICA Climi e biomi Cognome Nome Classe Data I/1 ero o also? Il clima della fascia mediterranea è caratterizzato da estati calde e siccitose La regione della vite corrisponde all incirca alla fascia climatica

Dettagli

NOVITà NATURAL POWER

NOVITà NATURAL POWER NOVITà per il florovivaismo NATURAL POWER Il nuovo fertilizzante biostimolante naturale e sicuro in ogni aspetto. Hicure aiuta a ridurre lo stress abiotico, migliora la qualità della pianta e ne aumenta

Dettagli

LA LUCE Le piante sono completamente dipendenti dalla luce per la costruzione di tutte le sostanze necessarie alla crescita ed alla fioritura.

LA LUCE Le piante sono completamente dipendenti dalla luce per la costruzione di tutte le sostanze necessarie alla crescita ed alla fioritura. LA LUCE Le piante sono completamente dipendenti dalla luce per la costruzione di tutte le sostanze necessarie alla crescita ed alla fioritura. La, pianta, tramite le sue parti verdi, è un sensore recettivo

Dettagli

Prove in campo CONCIMAZIONE E PACCIAMATURA DEGLI ORTAGGI. a cura di Carlo Cavalli

Prove in campo CONCIMAZIONE E PACCIAMATURA DEGLI ORTAGGI. a cura di Carlo Cavalli Centro istruzione Professionale Agricola Assistenza Tecnica della Confederazione italiana agricoltori piazza Caiazzo 3 20124 Milano tel. 02/ 6701083 66982569 - fax 02/66984935 e-mail cipa-at.lombardia@cia.it

Dettagli

orticoltura take-away

orticoltura take-away presenta orticoltura Dispense della lezione 30 maggio 2015 - Orti al Centro Le Solanacee e le Leguminose LA FAMIGLIA DELLE SOLANACEE Le Solanaceae sono una famiglia di piante che comprende più di 2500

Dettagli

"ORO NERO" Fertilizzante organico, biologico, ottenuto da solo letame.

ORO NERO Fertilizzante organico, biologico, ottenuto da solo letame. "ORO NERO" Fertilizzante organico, biologico, ottenuto da solo letame. Figura 1 PRESENTAZIONE HUMUS (PORCELLINO) il prezioso e indispensabile nutriente biologico, per tutte le coltivazioni da interni e/o

Dettagli

Giardinaggio Agricoltura Paesaggio Boschi Golasecca (Va) - Lago Maggiore CALENDARIO

Giardinaggio Agricoltura Paesaggio Boschi Golasecca (Va) - Lago Maggiore CALENDARIO Giardinaggio Agricoltura Paesaggio Boschi Golasecca (Va) - Lago Maggiore 2014 CALENDARIO corsi, gite didattiche e tutte le nostre novità! 27/01 03/02 07/02 08/02 15/02 07/03 08/03 22/03 31/03 04/04 05/04

Dettagli

I PANNELLI FOTOVOLTAICI E LE PIANTE ENTRANO IN COMPETIZIONE PER LA MEDESIMA FONTE DI ENERGIA

I PANNELLI FOTOVOLTAICI E LE PIANTE ENTRANO IN COMPETIZIONE PER LA MEDESIMA FONTE DI ENERGIA I PANNELLI FOTOVOLTAICI E LE PIANTE ENTRANO IN COMPETIZIONE PER LA MEDESIMA FONTE DI ENERGIA LA LUCE E IL FATTORE FONDAMENTALE PER IL SUCCESSO DELLA COLTURA La normativa in vigore (IV Conto Energia) impone

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE. Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio

PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE. Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio SCUOLA PRIMARIA GALILEO GALILEI CLASSE 3A e 3B ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Le attività si sono svolte

Dettagli

Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità

Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità ALLEGATO 3 Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità Oggetto Lavori di manutenzione ordinaria del verde, per la rete stradale della Provincia di Monza e Brianza (anno 2012 2013) CUP B86G12000110003

Dettagli

Acquisti.Benza.it. I CONSIGLI DEL NOSTRO AGRONOMO, il Dott. Enrico Leva: ORTO

Acquisti.Benza.it. I CONSIGLI DEL NOSTRO AGRONOMO, il Dott. Enrico Leva: ORTO 1 di 5 13/07/2013 15.22 Oggetto: [Benza.it] I consigli dell'agronomo, speciale Prati Mittente: "Newsletter Benza.it" Data: 12/03/2013 20.41 A: mastrobenza@gmail.com Acquisti.Benza.it

Dettagli

MA OLTRE ALLE VARIETA E MOLTO IMPORTANTE CONOSCERE IL CICLO VEGETATIVO DELL OLIVO E LA SUA COLTIVAZIONE

MA OLTRE ALLE VARIETA E MOLTO IMPORTANTE CONOSCERE IL CICLO VEGETATIVO DELL OLIVO E LA SUA COLTIVAZIONE MA OLTRE ALLE VARIETA E MOLTO IMPORTANTE CONOSCERE IL CICLO VEGETATIVO DELL OLIVO E LA SUA COLTIVAZIONE IN..PRIMAVERA. LA PRIMAVERA CORRISPONDE AL RISVEGLIO VEGETATIVO DELLA PIANTA DOPO LA PAUSA DEI MESI

Dettagli

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI la potatura in sintesi (Testo ispirato al decalogo delle potature della Scuola di Agraria del Parco di Monza, modificato e integrato) a cura di GIOVANNI NALIN TRA ERRATE

Dettagli

La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura. www.biodiversityfriend.org

La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura. www.biodiversityfriend.org La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura www.biodiversityfriend.org Nel corso del 2010, dichiarato dalle Nazioni Unite Anno Internazionale della Biodiversità, WBA onlus

Dettagli

Opportunità di commercializzazione e Tecnica di coltivazione dell ASPARAGO in Italia

Opportunità di commercializzazione e Tecnica di coltivazione dell ASPARAGO in Italia Piacenza, 1 dicembre 2009 Opportunità di commercializzazione e Tecnica di coltivazione dell ASPARAGO in Italia Luciano Trentini CSO - Centro Servizi Ortofrutticoli 1 1 LA PRODUZIONE DI ASPARAGO NEI PRINCIPALI

Dettagli

CALANCOLE (Kalanchoe)

CALANCOLE (Kalanchoe) CALANCOLE (Kalanchoe) Il nome latino è Kalanchoe, si tratta di un genere costituito da poco più di un centinaio di piante, appartenenti alla famiglia delle crassulacee, succulente, di origine Africana

Dettagli

SunPatiens, Sakata presenta la rivoluzione nelle piante fiorite

SunPatiens, Sakata presenta la rivoluzione nelle piante fiorite NOVITA VARIETALI SunPatiens, Sakata presenta la rivoluzione nelle piante fiorite Finalmente un'impatiens che ama il sole. Distribuita da Planta A 25 anni dall'introduzione nel mercato floricolo dell'impatiens

Dettagli

FORRICALE Varietà di origine spagnola

FORRICALE Varietà di origine spagnola FORRICALE Varietà di origine spagnola LETIZIA ERBA MEDICA LA VARIETÁ Origine: sintetica a 3 costituenti (70% ecotipo romagnolo, 20% ecotipo polesano, 10% varietà francese) Costitutore/responsabile selezione

Dettagli

Populus nigra L. e Populus alba L. (Pioppo nero e pioppo bianco)

Populus nigra L. e Populus alba L. (Pioppo nero e pioppo bianco) SALICACEE Nella famiglia delle Salicacee fanno parte piante per lo più legnose distribuite nelle zone temperate dell'emisfero boreale. Nella flora italiana la famiglia è rappresentata da due generi, Populus

Dettagli

La Signora Ines Tondini & Uva del Tundé. Azienda Agrituristica L Azdora. Via Vangaticcio 14 (RA); 0544/497669 335/6683087

La Signora Ines Tondini & Uva del Tundé. Azienda Agrituristica L Azdora. Via Vangaticcio 14 (RA); 0544/497669 335/6683087 La Signora Ines Tondini & Uva del Tundé Azienda Agrituristica L Azdora Via Vangaticcio 14 (RA); 0544/497669 335/6683087 Vitigno Uva del Tundè Genere/specie: vite da uva rossa per vinificazione, appartenente

Dettagli

Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione della vite Annata agraria 2009-2010

Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione della vite Annata agraria 2009-2010 22 febbraio 2011 Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione della vite Annata agraria 2009-2010 L Istat rende disponibili, per l annata agraria 2009-2010, i principali risultati dell indagine

Dettagli

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Giuliano Mosca, Dipartimento Agronomia ambientale e Produzioni vegetali Università degli Studi di Padova 2.1 Introduzione Il frutto del

Dettagli

Quale cibo per il futuro?

Quale cibo per il futuro? Quale cibo per il futuro? C. Forni Laboratorio di Botanica e Fitotecnologie Università degli Studi di Roma Tor Vergata forni@uniroma2.it Frascati Scienza 22 9 14 1 Le piante sono costituite da tante molecole

Dettagli

ANNO Superficie (ha) 1929 2.832 1955 4.839 1960 5.206 1965 4.992 1975 6.652 2000 7.800 2006 12.057 2014 16.624

ANNO Superficie (ha) 1929 2.832 1955 4.839 1960 5.206 1965 4.992 1975 6.652 2000 7.800 2006 12.057 2014 16.624 Il nocciolo è coltivato in Piemonte fin dalla fine del XIX secolo. La varietà utilizzata era conosciuta come Tonda Gentile del Piemonte o Ronde du Piémont. Il prodotto veniva esportato nei paesi esteri,

Dettagli

Intervento comprensivo di ogni onere, macchina operatrice, attrezzatura, terreno vegetale o : esemplari di altezza da 6 m a 12 m 154,562 20,09 134,47

Intervento comprensivo di ogni onere, macchina operatrice, attrezzatura, terreno vegetale o : esemplari di altezza da 6 m a 12 m 154,562 20,09 134,47 descrizione ribasso % costo unitario n. Abbattimento di alberi adulti a chioma espansa in parchi e giardini. Intervento comprensivo di ogni onere, macchina operatrice, attrezzatura, raccolta e conferimento

Dettagli

Famiglia delle. Cucurbitaceae. Melone Cucumis melo L.

Famiglia delle. Cucurbitaceae. Melone Cucumis melo L. Famiglia delle Cucurbitaceae Melone Cucumis melo L. - Ortaggio di importante valore diatetico per l elevato contenuto di Vitamina A e Vitamina C, e per la ridotta quantità di calorie (33 calorie per 100

Dettagli

MALATTIE DEL TAPPETO ERBOSO

MALATTIE DEL TAPPETO ERBOSO SOLUZIONI PROFESSIONALI PER LA GESTIONE DEL PRATO MALATTIE DEL TAPPETO ERBOSO Marciume Rosa Invernale (Microdochium nivale) Malattia tipica della stagione invernale SINTOMI Si manifesta al principio con

Dettagli

VIVAISMO E GIARDINAGGIO

VIVAISMO E GIARDINAGGIO CORSO DI VIVAISMO E GIARDINAGGIO INTRODUZIONE Il vivaismo rappresenta un segmento molto importante della filiera produttiva agricola, perché dalla capacità propositiva delle aziende vivaistiche e dalla

Dettagli