SENTENZA DELLA CORTE (Sesta Sezione) 2 luglio 2009 «Marchi Registrazione internazionale Protocollo relativo all Intesa di Madrid Regolamento (CE) n.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SENTENZA DELLA CORTE (Sesta Sezione) 2 luglio 2009 «Marchi Registrazione internazionale Protocollo relativo all Intesa di Madrid Regolamento (CE) n."

Transcript

1 SENTENZA DELLA CORTE (Sesta Sezione) 2 luglio 2009 «Marchi Registrazione internazionale Protocollo relativo all Intesa di Madrid Regolamento (CE) n. 40/94 Art. 146 Identità degli effetti di una registrazione internazionale e di un marchio comunitario all interno della Comunità Regolamento (CE) n. 1383/2003 Art. 5, n. 4 Merci sospettate di violare un marchio Intervento delle autorità doganali Titolare di un marchio comunitario Diritto di ottenere l intervento anche in Stati membri diversi da quello destinatario della domanda d intervento Estensione al titolare di una registrazione internazionale» Nel procedimento C-302/08, avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta alla Corte, ai sensi dell art. 234 CE, dal Finanzgericht München (Germania), con decisione 19 giugno 2008, pervenuta in cancelleria l 8 luglio 2008, nella causa Zino Davidoff SA contro Bundesfinanzdirektion Südost, LA CORTE (Sesta Sezione), composta dal sig. J.-C. Bonichot, presidente di sezione, dai sigg. J. Makarczyk e L. Bay Larsen (relatore), giudici, avvocato generale: sig. D. Ruiz-Jarabo Colomer cancelliere: sig. R. Grass vista la fase scritta del procedimento, considerate le osservazioni presentate: per la Zino Davidoff SA, dall avv. U. Hildebrandt, Rechtsanwalt; per il governo ceco, dal sig. M. Smolek, in qualità di agente; per il governo italiano, dalla sig.ra I. Bruni, in qualità di agente, assistita dal sig. G. Albenzio, avvocato dello Stato; per il governo portoghese, dai sigg. L. Inez Fernandes e R. Solnado Cruz, in qualità di agenti; federalismi.it n. 13/2009

2 per la Commissione delle Comunità europee, dai sigg. H. Krämer e B.- R. Killmann, in qualità di agenti, vista la decisione, adottata dopo aver sentito l avvocato generale, di giudicare la causa senza conclusioni, ha pronunciato la seguente Sentenza 1 La domanda di decisione pregiudiziale verte sull interpretazione dell art. 5, n. 4, del regolamento (CE) del Consiglio 22 luglio 2003, n. 1383, relativo all intervento dell autorità doganale nei confronti di merci sospettate di violare taluni diritti di proprietà intellettuale e alle misure da adottare nei confronti di merci che violano tali diritti (GU L 196, pag. 7), e dell art. 146 del regolamento (CE) del Consiglio 20 dicembre 1993, n. 40/94, sul marchio comunitario (GU 1994, L 11, pag. 1), come modificato dal regolamento (CE) del Consiglio 27 ottobre 2003, n (GU L 296, pag. 1; in prosieguo: il «regolamento n. 40/94»). 2 Tale domanda è stata presentata nell ambito di una controversia che vede contrapposte la Zino Davidoff SA (in prosieguo: la «Davidoff») e la Bundesfinanzdirektion Südost in merito ad una domanda della Davidoff volta alla confisca in dogana di merci sospettate di violare taluni marchi oggetto di registrazioni internazionali dei quali essa è titolare. Contesto normativo 3 L art. 1 del regolamento n. 1383/2003 dispone quanto segue: «1. Il presente regolamento stabilisce le condizioni d intervento dell autorità doganale qualora le merci sospettate di violare un diritto di proprietà intellettuale: a) siano dichiarate per l immissione in libera pratica, l esportazione o la riesportazione ( ); b) siano scoperte, in occasione di un controllo effettuato su merci introdotte nel territorio doganale della Comunità o in uscita da questo ( ), vincolate ad un regime sospensivo ( ), in procinto di essere riesportate previa notifica ( ) o poste in zona franca o deposito franco ( ). 2. Il presente regolamento stabilisce inoltre le misure che le autorità competenti devono adottare quando è stato accertato che le merci di cui al paragrafo 1 violano effettivamente un diritto di proprietà intellettuale». 4 L art. 2 del medesimo regolamento enuncia che: 2

3 «1. Ai fini del presente regolamento, per merci che violano un diritto di proprietà intellettuale, si intendono: a) le merci contraffatte, vale a dire: i) le merci, compreso il loro imballaggio, su cui sia stato apposto senza autorizzazione un marchio di fabbrica o di commercio identico a quello validamente registrato per gli stessi tipi di merci, o che non possa essere distinto nei suoi aspetti essenziali da tale marchio di fabbrica o di commercio e che pertanto violi i diritti del titolare del marchio in questione ai sensi della normativa comunitaria, quali previsti dal regolamento (CE) n. 40/94 del Consiglio, del 20 dicembre 1993, sul marchio comunitario o ai sensi della legislazione dello Stato membro in cui è presentata la domanda per l intervento delle autorità doganali; ( ) ( ) 2. Ai fini del presente regolamento per titolare del diritto si intende: a) il titolare di un marchio di fabbrica o di commercio ( ) 5 L art. 5 è formulato nei seguenti termini: «1. In ogni Stato membro il titolare del diritto può presentare al servizio doganale competente una domanda scritta per ottenere l intervento delle autorità doganali quando le merci si trovano in una delle situazioni di cui all articolo 1, paragrafo 1 (domanda d intervento). ( ) 4. Quando il richiedente è titolare di un marchio comunitario ( ), la domanda d intervento può essere finalizzata ad ottenere, oltre all intervento delle autorità doganali dello Stato membro in cui essa è presentata, l intervento delle autorità doganali di uno o più altri Stati membri. 6 La Comunità ha aderito, con effetti dal 1 ottobre 2004, al protocollo relativo all Intesa di Madrid concernente la registrazione internazionale dei marchi, adottato a Madrid il 27 giugno 1989 (in prosieguo: il «protocollo»), in forza della decisione del Consiglio 27 ottobre 2003, 2003/793/CE (GU L 296, pag. 20). 7 L art. 4 del protocollo prevede quanto segue: «Effetti della registrazione internazionale 1) a) A decorrere dalla data della registrazione o dell iscrizione ( ), la protezione del marchio in ciascuna delle parti contraenti interessate sarà la medesima come se questo 3

4 marchio fosse stato direttamente depositato presso l Ufficio di tale parte contraente. Se non è stato notificato all Ufficio internazionale nessun rifiuto ( ) o se un rifiuto notificato ( ) è stato ritirato in seguito, la protezione del marchio nella parte contraente interessata sarà, a decorrere da tale data, la medesima come se questo marchio fosse stato registrato dall Ufficio di questa parte contraente. 8 L art. 146 del regolamento n. 40/94, rubricato «Efficacia delle registrazioni internazionali che designano la Comunità», così dispone: «1. La registrazione internazionale che designa la Comunità europea ha la stessa efficacia di una domanda di marchio comunitario (...). 2. Se non viene notificato alcun rifiuto ( ) o se tale rifiuto è stato ritirato, la registrazione internazionale di un marchio che designa la Comunità europea ha la stessa efficacia della registrazione di un marchio come marchio comunitario ( ). Causa principale e questione pregiudiziale 9 Il 10 maggio 2007 la Davidoff ha presentato all Oberfinanzdirektion Nürnberg, divenuta Bundesfinanzdirektion Südost, una domanda ai sensi dell art. 5, n. 4, del regolamento n. 1383/2003 per la confisca in dogana di merci sospettate di violare dodici marchi oggetto di registrazioni internazionali dei quali essa è titolare. 10 Detta domanda è stata respinta il 22 agosto 2007 con la motivazione che l art. 5, n. 4, del regolamento n. 1383/2003 contempla unicamente il «titolare di un marchio comunitario» e che il regolamento medesimo non è stato modificato dal legislatore comunitario nonostante l adesione della Comunità al protocollo. 11 La Davidoff ha proposto ricorso contro tale diniego dinanzi al Finanzgericht München. 12 Detto giudice ritiene che le disposizioni comunitarie di cui trattasi presentino taluni problemi d interpretazione. 13 Dal canto suo, esso reputa che, al di là della sua mera formulazione, l art. 5, n. 4, del regolamento n. 1383/2003 si applichi anche al titolare di un marchio oggetto di registrazione internazionale, essendo un marchio siffatto equiparabile, quanto alla sua efficacia nella Comunità, ad un marchio comunitario. 14 In tale contesto, il Finanzgericht München ha deciso di sospendere il procedimento e di sottoporre alla Corte la seguente questione pregiudiziale: 4

5 «Se l art. 5, n. 4, del regolamento [n. 1383/2003] debba essere interpretato, alla luce dell adesione della Comunità europea al [protocollo], nel senso che, nonostante l utilizzo della nozione di marchio comunitario, esso comprende anche le registrazioni internazionali di marchi ai sensi degli artt. 146 e segg. del regolamento [n. 40/94]». Sulla questione pregiudiziale 15 Con la sua questione il giudice del rinvio chiede, in sostanza, se l art. 5, n. 4, del regolamento n. 1383/2003, letto alla luce dell art. 146 del regolamento n. 40/94, consenta al titolare di un marchio oggetto di registrazione internazionale di ottenere, analogamente al titolare di un marchio comunitario, l intervento delle autorità doganali di uno o più Stati membri diversi da quello in cui presenta la sua domanda. 16 A tale riguardo occorre rilevare che il regolamento n. 1383/2003 è stato adottato prima dell adesione della Comunità al protocollo in virtù della decisione n. 2003/ Ai sensi dell art. 4, n. 1, del protocollo, la protezione di un marchio oggetto di registrazione internazionale è, in ciascuna delle parti contraenti designate dal titolare di detto marchio, la medesima come se quest ultimo fosse stato direttamente depositato presso l Ufficio di tale parte contraente. 18 L ottavo considerando del regolamento n. 1992/2003 enuncia che quest ultimo reca le misure necessarie a rendere operativa l adesione della Comunità al protocollo. 19 Il sesto considerando del regolamento n. 1992/2003 sottolinea, tra l altro, che è necessario consentire ai titolari di registrazioni internazionali ai sensi del protocollo di chiedere la protezione dei propri marchi in forza del sistema del marchio comunitario. 20 Il primo considerando rammenta che, nel sistema del marchio comunitario, i marchi comunitari godono di una protezione uniforme e hanno efficacia su tutto il territorio della Comunità. 21 Sulla scorta di tali considerando, l art. 146, n. 2, del regolamento n. 40/94, inserito dal regolamento n. 1992/2003, prevede che la registrazione internazionale di un marchio che designa la Comunità ha la stessa efficacia della registrazione di un marchio come marchio comunitario. 22 Ne risulta che, in tal modo, il legislatore comunitario ha inteso equiparare, quanto alla loro efficacia, i marchi oggetto di una registrazione internazionale a quelli comunitari, come rilevato dal giudice del rinvio, dalla ricorrente nella causa principale, dall insieme degli Stati membri che hanno presentato osservazioni, nonché dalla Commissione delle Comunità europee. 5

6 23 L art. 5, n. 4, del regolamento n. 1383/2003 si riferisce, precisamente, ad una procedura tesa all attuazione nella Comunità della protezione di un marchio comunitario, relativamente agli effetti di quest ultimo. 24 Stando al suo enunciato, tale disposizione consente esclusivamente al «titolare di un marchio comunitario» di ottenere, nell ambito di una domanda d intervento, oltre all intervento delle autorità doganali dello Stato membro in cui tale domanda è presentata, quello delle autorità doganali di uno o più altri Stati membri. 25 Nondimeno, a seguito dell equiparazione dei marchi oggetto di una registrazione internazionale ai marchi comunitari, si deve necessariamente ammettere che, in linea con l intenzione del legislatore comunitario alla base dell adozione del regolamento n. 1992/2003, l applicazione dell art. 5, n. 4, del regolamento n. 1383/2003 può essere richiesta anche dal titolare di un marchio oggetto di una registrazione internazionale. 26 Occorre quindi risolvere la questione pregiudiziale dichiarando che l art. 5, n. 4, del regolamento n. 1383/2003, letto alla luce dell art. 146 del regolamento n. 40/94, dev essere interpretato nel senso che esso consente al titolare di un marchio oggetto di registrazione internazionale di ottenere, analogamente al titolare di un marchio comunitario, l intervento delle autorità doganali di uno o più Stati membri diversi da quello in cui presenta la sua domanda. Sulle spese 27 Nei confronti delle parti nella causa principale il presente procedimento costituisce un incidente sollevato dinanzi al giudice nazionale, cui spetta quindi statuire sulle spese. Le spese sostenute da altri soggetti per presentare osservazioni alla Corte non possono dar luogo a rifusione. Per questi motivi, la Corte (Sesta Sezione) dichiara: L art. 5, n. 4, del regolamento (CE) del Consiglio 22 luglio 2003, n. 1383, relativo all intervento dell autorità doganale nei confronti di merci sospettate di violare taluni diritti di proprietà intellettuale e alle misure da adottare nei confronti di merci che violano tali diritti, letto alla luce dell art. 146 del regolamento (CE) 20 dicembre 1993, n. 40/94, sul marchio comunitario, come modificato dal regolamento (CE) del Consiglio 27 ottobre 2003, n. 1992, dev essere interpretato nel senso che esso consente al titolare di un marchio oggetto di registrazione internazionale di ottenere, analogamente al titolare di un marchio comunitario, l intervento delle autorità doganali di uno o più Stati membri diversi da quello in cui presenta la sua domanda. 6

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 9 dicembre 2010 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 9 dicembre 2010 (*) AVVISO IMPORTANTE:Le informazioni contenute in questo sito sono soggette ad una Clausola di esclusione della responsabilità e ad un avviso relativo al Copyright. SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 9

Dettagli

Normativa comunitaria. La direttiva 75/442

Normativa comunitaria. La direttiva 75/442 Corte di Giustizia UE Ordinanza 28 settembre 2004, causa C-115/03 - Gestione dei rifiuti - Rifiuti pericolosi - Obbligo di tenere un registro di rifiuti pericolosi - Per gli studi medico-dentistici Sussiste.

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 2 luglio 2015

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 2 luglio 2015 SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 2 luglio 2015 «Rinvio pregiudiziale Articoli 49 TFUE, 102 TFUE e 106 TFUE Libertà di stabilimento Principio di non discriminazione Abuso di posizione dominante Articolo

Dettagli

Sentenza della Corte di giustizia delle Comunità europee del 29 novembre 2007

Sentenza della Corte di giustizia delle Comunità europee del 29 novembre 2007 Sentenza della Corte di giustizia delle Comunità europee del 29 novembre 2007 Nel procedimento C-68/07, avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta alla Corte, ai sensi degli artt.

Dettagli

Raccolta della giurisprudenza

Raccolta della giurisprudenza Raccolta della giurisprudenza SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 27 marzo 2014 * «Trasporti marittimi Regolamento (CEE) n. 3577/92 Nozione di cabotaggio marittimo Servizi di crociera Crociera con attraversamento

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA UE, NONA SEZIONE, 4 SETTEMBRE 2014 CAUSA C-452/13

CORTE DI GIUSTIZIA UE, NONA SEZIONE, 4 SETTEMBRE 2014 CAUSA C-452/13 CORTE DI GIUSTIZIA UE, NONA SEZIONE, 4 SETTEMBRE 2014 CAUSA C-452/13 «Rinvio pregiudiziale - Trasporto aereo - Regolamento (CE) n. 261/2004 - Articoli 2, 5 e 7 - Diritto a compensazione pecuniaria in caso

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Spazio di libertà, sicurezza e giustizia Cooperazione giudiziaria in materia civile Regolamento (CE) n. 864/2007 Articolo

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 3 settembre 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 3 settembre 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 3 settembre 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Direttiva 93/13/CEE Articolo 2, lettera b) Nozione di consumatore Contratto di credito concluso da una persona fisica che

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 26 febbraio 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 26 febbraio 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 26 febbraio 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Protezione dello strato di ozono Sistema per lo scambio di quote di emissioni di gas a effetto serra nell Unione europea

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 23 aprile 2009 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 23 aprile 2009 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 23 aprile 2009 (*) «Direttiva 87/102/CEE Tutela dei consumatori Credito al consumo Inadempimento del contratto di vendita» Nel procedimento C-509/07, avente ad oggetto

Dettagli

Corte di giustizia europea, Grande Sezione, 21/7/2005 n. C- 231/03

Corte di giustizia europea, Grande Sezione, 21/7/2005 n. C- 231/03 Corte di giustizia europea, Grande Sezione, 21/7/2005 n. C- 231/03 SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) «Artt. 43 CE, 49 CE e 81 CE Concessione relativa alla gestione del servizio pubblico di distribuzione

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Decima Sezione) 4 giugno 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Decima Sezione) 4 giugno 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Decima Sezione) 4 giugno 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità Direttiva 92/83/CEE Accisa Birra Articolo 4 Piccole birrerie indipendenti Aliquote ridotte di accisa Presupposti

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria Corte di Giustizia CEE Sezione V Sentenza del 05/02/2004 Massima: L'art.5, punto 1, della Convenzione 27

Servizio di documentazione tributaria Corte di Giustizia CEE Sezione V Sentenza del 05/02/2004 Massima: L'art.5, punto 1, della Convenzione 27 Servizio di documentazione tributaria Corte di Giustizia CEE Sezione V Sentenza del 05/02/2004 Massima: L'art.5, punto 1, della Convenzione 27 settembre 1968, concernente la e commerciale, come modificata

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 10 ottobre 2013 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 10 ottobre 2013 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 10 ottobre 2013 (*) «Assicurazione della responsabilità civile risultante dalla circolazione di autoveicoli e controllo dell obbligo di assicurare tale responsabilità

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 13 gennaio 2005 (1)

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 13 gennaio 2005 (1) SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 13 gennaio 2005 (1) «Parità di trattamento tra uomini e donne Congedo di maternità Acquisto di diritti previdenziali» Nel procedimento C-356/03avente ad oggetto la

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE. 14 maggio 2002 (1) «Ravvicinamento delle legislazioni - Marchi - Direttiva 89/104/CEE -

SENTENZA DELLA CORTE. 14 maggio 2002 (1) «Ravvicinamento delle legislazioni - Marchi - Direttiva 89/104/CEE - 1/5 AVVISO IMPORTANTE:Le informazioni contenute in questo sito sono soggette ad una Clausola di esclusione della responsabilità e ad un avviso relativo al Copyright. SENTENZA DELLA CORTE 14 maggio 2002

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE DEL 22 OTTOBRE 1987. - FOTO-FROST CONTRO HAUPTZOLLAMT LUEBECK-OST. - DOMANDA DI PRONUNCIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DAL

SENTENZA DELLA CORTE DEL 22 OTTOBRE 1987. - FOTO-FROST CONTRO HAUPTZOLLAMT LUEBECK-OST. - DOMANDA DI PRONUNCIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DAL SENTENZA DELLA CORTE DEL 22 OTTOBRE 1987. - FOTO-FROST CONTRO HAUPTZOLLAMT LUEBECK-OST. - DOMANDA DI PRONUNCIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DAL FINANZGERICHT HAMBURG. - INCOMPETENZA DEI GIUDICI NAZIONALI A

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 17 settembre 2014

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 17 settembre 2014 SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 17 settembre 2014 «Rinvio pregiudiziale Sistema comune d imposta sul valore aggiunto Direttiva 2006/112/CE Gruppo IVA Fatturazione interna per i servizi forniti da

Dettagli

Raccolta della giurisprudenza

Raccolta della giurisprudenza Raccolta della giurisprudenza SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 13 marzo 2014 * «Rinvio pregiudiziale Direttiva 2006/114/CE Nozioni di pubblicità ingannevole e di pubblicità comparativa Normativa nazionale

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 26 marzo 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 26 marzo 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 26 marzo 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Assicurazione obbligatoria della responsabilità civile risultante dalla circolazione di autoveicoli Direttiva 90/232/CEE Articolo

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 15 settembre 2011 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 15 settembre 2011 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 15 settembre 2011 (*) «Unione doganale Dichiarazione in dogana Accettazione di tale dichiarazione da parte dell autorità doganale Invalidazione di una dichiarazione

Dettagli

Ordinanza. Contesto normativo. 3 I considerando 14 e 15 del regolamento n. 261/2004 enunciano quanto segue:

Ordinanza. Contesto normativo. 3 I considerando 14 e 15 del regolamento n. 261/2004 enunciano quanto segue: Corte di Giustizia UE, Quinta Sezione, ordinanza 14 novembre 2014, causa C-394/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Regolamento di procedura Articolo 99 Trasporto aereo Regolamento (CE) n. 261/2004 Ritardo prolungato

Dettagli

Pagina iniziale > Formulario di ricerca > Elenco dei risultati > Documenti Goldbet Sportwetten GmbH Massimo Sperindeo, Sentenza Contesto normativo

Pagina iniziale > Formulario di ricerca > Elenco dei risultati > Documenti Goldbet Sportwetten GmbH Massimo Sperindeo, Sentenza Contesto normativo InfoCuria - Giurisprudenza della Corte di giustizia italiano (it) Pagina iniziale > Formulario di ricerca > Elenco dei risultati > Documenti Lingua del documento : italiano SENTENZA DELLA CORTE (Terza

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 27 marzo 2014 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 27 marzo 2014 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 27 marzo 2014 (*) «Cittadinanza dell Unione Principio di non discriminazione Regime linguistico applicabile ai processi civili» Nella causa C-322/13, avente ad oggetto

Dettagli

Corte giustizia comunita' Europee Sez. II, 18-12-2008, n. 349/07. SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 18 dicembre 2008

Corte giustizia comunita' Europee Sez. II, 18-12-2008, n. 349/07. SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 18 dicembre 2008 Corte giustizia comunita' Europee Sez. II, 18-12-2008, n. 349/07 SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 18 dicembre 2008 «Codice doganale comunitario Principio del rispetto dei diritti della difesa Recupero

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 18 dicembre 2007 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 18 dicembre 2007 (*) AVVISO IMPORTANTE:Le informazioni contenute in questo sito sono soggette ad una Clausola di esclusione della responsabilità e ad un avviso relativo al Copyright. SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione)

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE. (Quinta Sezione) 14 novembre 2014. Nella causa C-394/14. contro. LA CORTE (Quinta Sezione),

ORDINANZA DELLA CORTE. (Quinta Sezione) 14 novembre 2014. Nella causa C-394/14. contro. LA CORTE (Quinta Sezione), ORDINANZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 14 novembre 2014 «Rinvio pregiudiziale Regolamento di procedura Articolo 99 Trasporto aereo Regolamento (CE) n. 261/2004 Ritardo prolungato di un volo Diritto dei

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA UE. Sentenza 21-07-2011 nel procedimento 397/09

CORTE DI GIUSTIZIA UE. Sentenza 21-07-2011 nel procedimento 397/09 CORTE DI GIUSTIZIA UE Sentenza 21-07-2011 nel procedimento 397/09 Fiscalità Direttiva 2003/49/CE Regime fiscale comune applicabile ai pagamenti di interessi e di canoni effettuati tra società consociate

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 22 dicembre 2010 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 22 dicembre 2010 (*) AVVISO IMPORTANTE:Le informazioni contenute in questo sito sono soggette ad una Clausola di esclusione della responsabilità e ad un avviso relativo al Copyright. SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 22

Dettagli

composta da A. Borg Barthet, facente funzione di presidente della sesta sezione, E. Levits e M. Berger (relatore), giudici,

composta da A. Borg Barthet, facente funzione di presidente della sesta sezione, E. Levits e M. Berger (relatore), giudici, ARRÊT DE LA COUR (sixième chambre) 4 dicembre 2014 «Rinvio pregiudiziale Spazio di libertà, sicurezza e giustizia Cooperazione giudiziaria in materia civile Competenza giurisdizionale dei giudici dello

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 17 dicembre 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 17 dicembre 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 17 dicembre 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Regolamento (CE) n. 44/2001 - Ambito di applicazione Competenze esclusive Articolo 22, punto 1 Controversia in materia

Dettagli

Corte di Giustizia UE, Quarta Sezione, sentenza 11 dicembre 2014, causa C-212/13

Corte di Giustizia UE, Quarta Sezione, sentenza 11 dicembre 2014, causa C-212/13 Corte di Giustizia UE, Quarta Sezione, sentenza 11 dicembre 2014, causa C-212/13 Corte di Giustizia UE, Quarta Sezione, sentenza 11 dicembre 2014, causa C-212/13 (*) «Rinvio pregiudiziale Direttiva 95/46/CE

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 26 febbraio 2015 «Rinvio pregiudiziale Direttiva 2001/84/CE Articolo 1 Proprietà intellettuale Vendita all asta di opere d arte originali Diritto dell autore di un

Dettagli

Regolamento (CE) n. 1992/2003 del Consiglio del 27 ottobre 2003

Regolamento (CE) n. 1992/2003 del Consiglio del 27 ottobre 2003 Regolamento (CE) n. 1992/2003 del Consiglio del 27 ottobre 2003 che modifica il regolamento (CE) n. 40/94 sul marchio comunitario allo scopo di rendere operativa l'adesione della Comunità europea al protocollo

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 17 marzo 2016 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 17 marzo 2016 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 17 marzo 2016 (*) «Trasporti aerei Regolamento (CE) n. 261/2004 Articolo 7 Compensazione dei passeggeri in caso di cancellazione o di ritardo di più di tre ore di

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 luglio 2014

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 luglio 2014 SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 luglio 2014 «Fiscalità IVA Direttiva 77/388/CEE Articolo 17, paragrafo 5, terzo comma, lettera c) Articolo 19 Detrazione dell imposta assolta a monte Operazioni

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) 14.11.2003 L 296/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 1992/2003 DEL CONSIGLIO del 27 ottobre 2003 che modifica il regolamento (CE) n. 40/94 sul

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA UE. SENTENZA 13 febbraio 2014 nel procedimento 466/12

CORTE DI GIUSTIZIA UE. SENTENZA 13 febbraio 2014 nel procedimento 466/12 CORTE DI GIUSTIZIA UE SENTENZA 13 febbraio 2014 nel procedimento 466/12 Rinvio pregiudiziale ravvicinamento delle legislazioni diritto d autore e diritti connessi Direttiva 2001/29/CE società dell informazione

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 19 luglio 2012 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 19 luglio 2012 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 19 luglio 2012 (*) «Mercato interno Direttiva 98/34/CE Norme e regole tecniche Procedura d informazione nel settore delle norme e delle regolamentazioni tecniche Slot

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 2 luglio 2009 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 2 luglio 2009 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 2 luglio 2009 (*) «Franchigia dai dazi all importazione Regolamento (CEE) n. 918/83 Art. 27 Merci singolarmente di valore trascurabile spedite collettivamente Spedizioni

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 22 dicembre 2010 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 22 dicembre 2010 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 22 dicembre 2010 (*) «Tariffa doganale comune Classificazione doganale Nomenclatura combinata Sezione XVII Materiale da trasporto Capitolo 87 Vetture automobili,

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 22 marzo 2012 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 22 marzo 2012 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 22 marzo 2012 (*) «Marchio comunitario Definizione e acquisizione Marchio anteriore Modalità di deposito Deposito per via elettronica Mezzo che consente di identificare

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 17 marzo 2005 (1)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 17 marzo 2005 (1) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 17 marzo 2005 (1) «Tariffa doganale comune Voci doganali Classificazione doganale di un apparecchio di registrazione digitale Classificazione nella nomenclatura combinata»

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 27 febbraio 2014 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 27 febbraio 2014 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 27 febbraio 2014 (*) «Previdenza sociale Regolamento (CEE) n. 1408/71 Assegni familiari Articoli 77 e 78 Prestazioni per figli a carico di titolari di pensioni o di

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 3 aprile 2008 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 3 aprile 2008 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 3 aprile 2008 (*) «Unione doganale Transito comunitario Riscossione dell importo dell obbligazione doganale Stato membro competente Prova della regolarità dell operazione

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 23 aprile 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 23 aprile 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 23 aprile 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità Sesta direttiva IVA Articolo 11, parte A Destinazione di un bene assimilato a una cessione a titolo oneroso Destinazione

Dettagli

Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE

Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE Direttiva 2006/112/CE Insolvenza Procedura di concordato

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA UE

CORTE DI GIUSTIZIA UE CORTE DI GIUSTIZIA UE SENTENZA 27 ottobre 2011 nel procedimento 530-09 IVA Direttiva 2006/112/CE Artt. 52, lett. a), e 56, n. 1, lett. b) e g) Luogo delle operazioni imponibili Collegamento fiscale Progettazione,

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 13 febbraio 2014 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 13 febbraio 2014 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 13 febbraio 2014 (*) «Inadempimento di uno Stato Licenziamenti collettivi Nozione di lavoratori Esclusione dei dirigenti Direttiva 98/59/CE Articolo 1, paragrafi

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 10 luglio 2014 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 10 luglio 2014 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 10 luglio 2014 (*) «Rinvio pregiudiziale Marchi Direttiva 2008/95/CE Articoli 2 e 3 Segni idonei a costituire un marchio Carattere distintivo Rappresentazione, mediante

Dettagli

Corte di Giustizia UE, sez. II, sentenza 16 luglio 2015, C-255/14

Corte di Giustizia UE, sez. II, sentenza 16 luglio 2015, C-255/14 Corte di Giustizia UE, sez. II, sentenza 16 luglio 2015, C-255/14 Sentenza 1 La domanda di pronuncia pregiudiziale verte sull interpretazione degli articoli 65 TFUE e 9 del regolamento (CE) n. 1889/2005

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE. Seconda Sezione. 19 luglio 2012

SENTENZA DELLA CORTE. Seconda Sezione. 19 luglio 2012 SENTENZA DELLA CORTE Seconda Sezione 19 luglio 2012 «Direttiva 2006/112/CE Articolo 56, paragrafo 1, lettera e) Articolo 135, paragrafo 1, lettere f) e g) Esenzione delle operazioni di gestione patrimoniale

Dettagli

Sentenza della Corte del 13 febbraio 1985

Sentenza della Corte del 13 febbraio 1985 Sentenza della Corte del 13 febbraio 1985 Aissatou Diatta contro Land Berlino - (Domanda di pronunzia pregiudiziale, proposta dal Bundesverwaltunhgd Gericht). Lavoratori migranti Diritto di soggiorno della

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 18 aprile 2013 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 18 aprile 2013 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 18 aprile 2013 (*) «Marchi Regolamento (CE) n. 40/94 Articolo 15, paragrafo 1 Nozione di uso effettivo Marchio utilizzato unicamente in quanto elemento di un marchio

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 9 luglio 2009 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 9 luglio 2009 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 9 luglio 2009 (*) «Regolamento (CE) n. 44/2001 Art. 5, punto 1, lett. b), secondo trattino Regolamento (CE) n. 261/2004 Artt. 5, n. 1, lett. c), e 7, n. 1, lett. a)

Dettagli

Codice doganale dell Unione e distruzione di merci illegali: osservazioni a caldo

Codice doganale dell Unione e distruzione di merci illegali: osservazioni a caldo Codice doganale dell Unione e distruzione di merci illegali: osservazioni a caldo Mario Antinucci In data 12 giungo 2013 il Palmento Europeo ed il Consiglio hanno adottato il Regolamento n. 608 del 2013

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 27 giugno 2013 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 27 giugno 2013 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 27 giugno 2013 (*) «Riconoscimento di diplomi e di titoli Direttiva 2005/36/CE Professione di fisioterapista Riconoscimento parziale e limitato delle qualifiche professionali

Dettagli

Corte di Giustizia UE, sez. V, sentenza 9 ottobre 2014, C-299/13

Corte di Giustizia UE, sez. V, sentenza 9 ottobre 2014, C-299/13 Corte di Giustizia UE, sez. V, sentenza 9 ottobre 2014, C-299/13 Sentenza 1 La domanda di pronuncia pregiudiziale verte sull interpretazione degli articoli 5, paragrafo 2, e 6 della direttiva 2008/7/CE

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 22 ottobre 2009 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 22 ottobre 2009 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 22 ottobre 2009 (*) «Sesta direttiva IVA Artt. 9, n. 2, lett. e), quinto trattino, e 13, parte B, lett. a), c) e d), punti 2 e 3 Nozione di operazioni di assicurazione

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 6 marzo 2014

SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 6 marzo 2014 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 6 marzo 2014 «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Direttiva 2006/112/CE Articolo 17, paragrafo 2, lettera f) Condizione relativa alla rispedizione di un bene a destinazione

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Sentenza della Corte (Quarta Sezione) del 14 luglio 2005. Michail Peros contro Techniko Epimelitirio Ellados

Sentenza della Corte (Quarta Sezione) del 14 luglio 2005. Michail Peros contro Techniko Epimelitirio Ellados Sentenza della Corte (Quarta Sezione) del 14 luglio 2005 Michail Peros contro Techniko Epimelitirio Ellados Domanda di pronuncia pregiudiziale: Symvoulio tis Epikrateias - Grecia Direttiva 89/48/CEE -

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 28 giugno 2012 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 28 giugno 2012 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 28 giugno 2012 (*) «Medicinali per uso umano Direttiva 2001/83/CE Articolo 77 Distribuzione all ingrosso di medicinali Autorizzazione speciale obbligatoria per i

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 2 ottobre 2008 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 2 ottobre 2008 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 2 ottobre 2008 (*) «Tariffa doganale comune Nomenclatura combinata Classificazione doganale Voci 8541, 8542 e 8543 Accoppiatori ottici» Nel procedimento C-411/07,

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 22 dicembre 2010 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 22 dicembre 2010 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 22 dicembre 2010 (*) «Nozione di giurisdizione nazionale ai sensi dell art. 234 CE Riconoscimento dei diplomi Direttiva 89/48/CEE Avvocato Iscrizione all albo dell

Dettagli

Tutela della lavoratrice madre e fecondazione in vitro

Tutela della lavoratrice madre e fecondazione in vitro Tutela della lavoratrice madre e fecondazione in vitro La Corte di Giustizia della Comunità Europea si chiede se rappresenti una lavoratrice gestante ai sensi dell art. 2, lett. a), prima frase, della

Dettagli

Corte di Giustizia UE : i passeggeri dei voli possono chiedere il risarcimento per negato imbarco.

Corte di Giustizia UE : i passeggeri dei voli possono chiedere il risarcimento per negato imbarco. Corte di Giustizia UE : i passeggeri dei voli possono chiedere il risarcimento per negato imbarco. Ancora più tutelati i consumatori per i viaggi in aereo. I passeggeri di voli comprendenti più tratte

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 21 ottobre 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 21 ottobre 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 21 ottobre 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Direttiva 2010/13/UE Nozioni di programma e di servizio di media audiovisivo Determinazione dell obiettivo principale di

Dettagli

Cgue, indennità di licenziamento: nessuna discriminazione per l handicap Cgue Sentenza 6 dicembre 2012 Causa C 152 11 commento e testo

Cgue, indennità di licenziamento: nessuna discriminazione per l handicap Cgue Sentenza 6 dicembre 2012 Causa C 152 11 commento e testo Cgue, indennità di licenziamento: nessuna discriminazione per l handicap Cgue Sentenza 6 dicembre 2012 Causa C 152 11 commento e testo (Guida al Diritto) Il divieto di qualsiasi discriminazione basata

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Decima Sezione) 5 febbraio 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Decima Sezione) 5 febbraio 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Decima Sezione) 5 febbraio 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Carta dei diritti fondamentali dell Unione europea Accordo quadro CES, UNICE, CEEP sul lavoro a tempo determinato Normativa

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA UE (Seconda Sezione) 21 ottobre 2015. Causa C-347/14

SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA UE (Seconda Sezione) 21 ottobre 2015. Causa C-347/14 SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA UE (Seconda Sezione) 21 ottobre 2015 Causa C-347/14 Sentenza 1 La domanda di pronuncia pregiudiziale verte sull interpretazione dell articolo 1, paragrafo 1, lettera a),

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 3 settembre 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 3 settembre 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 3 settembre 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità Imposta sul valore aggiunto (IVA) Direttiva 2006/112/CE Articolo 148, lettera a) Cessione di beni Nozione Esenzione

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 22 maggio 2014 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 22 maggio 2014 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 22 maggio 2014 (*) «Politica sociale Organizzazione dell orario di lavoro Direttiva 2003/88/CE Diritto alle ferie annuali retribuite Composizione della retribuzione

Dettagli

Commissione delle Comunità europee, rappresentata dai sigg. H. Støvlbæk e R. Amorosi, in qualità di agenti, con domicilio eletto in Lussemburgo,

Commissione delle Comunità europee, rappresentata dai sigg. H. Støvlbæk e R. Amorosi, in qualità di agenti, con domicilio eletto in Lussemburgo, SENTENZA DELLA CORTE di GIUSTIZIA UE (Terza Sezione) 16 settembre 2004. «Inadempimento di uno Stato Inquinamento e fattori nocivi Protezione del suolo Fanghi di depurazione Trasmissione di informazioni

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 3 aprile 2008

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 3 aprile 2008 SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 3 aprile 2008 «Direttiva 2000/35/CE Lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali Art. 3, n. 1, lett. c), ii) Ritardi di pagamento Bonifico bancario

Dettagli

Commissione Tributaria Provinciale di Enna sezione terza sent. n. 140 del 2010

Commissione Tributaria Provinciale di Enna sezione terza sent. n. 140 del 2010 ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 01/04/2010 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/29248-commissione-tributaria-provinciale-di-ennasezione-terza-sent-n-140-del-2010 Autore: sentenza Commissione Tributaria

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 16 luglio 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 16 luglio 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 16 luglio 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Cooperazione giudiziaria in materia civile e commerciale Competenza in materia di obbligazioni alimentari Regolamento (CE)

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 16 gennaio 2014 (*) «Rinvio pregiudiziale Direttiva 2004/38/CE Articolo 28, paragrafo 3, lettera a) Protezione

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 16 gennaio 2014 (*) «Rinvio pregiudiziale Direttiva 2004/38/CE Articolo 28, paragrafo 3, lettera a) Protezione SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 16 gennaio 2014 (*) «Rinvio pregiudiziale Direttiva 2004/38/CE Articolo 28, paragrafo 3, lettera a) Protezione contro l allontanamento Modalità di calcolo del periodo

Dettagli

Motivazione della sentenza

Motivazione della sentenza Nel procedimento C-557/07, avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta alla Corte, ai sensi dell art. 234 CE, dall Oberster Gerichtshof (Austria) con decisione 13 novembre 2007, pervenuta

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) 17 marzo 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) 17 marzo 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) 17 marzo 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Politica sociale Direttiva 2008/104/CE Lavoro interinale Articolo 4, paragrafo 1 Divieti o restrizioni imposti quanto al ricorso

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 19 dicembre 2013 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 19 dicembre 2013 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 19 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Direttive 90/619/CEE e 92/96/CEE Assicurazione diretta sulla vita Diritto di rinuncia Assenza di informazione sulle condizioni

Dettagli

composta dal sig. J.N. Cunha Rodrigues, Presidente di Sezione, dai sigg. U. Lõhmus, A. Rosas, A.Ó Caoimh (relatore) e A. Arabadjiev, giudici,

composta dal sig. J.N. Cunha Rodrigues, Presidente di Sezione, dai sigg. U. Lõhmus, A. Rosas, A.Ó Caoimh (relatore) e A. Arabadjiev, giudici, SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 14 giugno 2012 (*) «Concorrenza Articolo 101 TFUE Settore automobilistico Regolamento (CE) n. 1400/2002 Esenzione per categorie Sistema di distribuzione selettiva

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 3 settembre 2014 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 3 settembre 2014 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 3 settembre 2014 (*) «Rinvio pregiudiziale Direttiva 79/7/CEE Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di previdenza sociale Assicurazione contro gli infortuni

Dettagli

consumatori; in prosieguo: il «BVV»), in merito alla legalità delle modalità di commercializzazione di tali voli. Contesto normativo 3 A termini del

consumatori; in prosieguo: il «BVV»), in merito alla legalità delle modalità di commercializzazione di tali voli. Contesto normativo 3 A termini del Biglietti aerei online: è il cliente a scegliere se assicurarsi contro l annullamento del volo Corte di Giustizia UE, nella causa C 112/11. commento e testo Avvocati.it Chi vende biglietti aerei su internet

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 15 febbraio 2007 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 15 febbraio 2007 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 15 febbraio 2007 (*) «Convenzione di Bruxelles Art. 1, primo comma, prima frase Ambito di applicazione Materia civile e commerciale Nozione Azione per il risarcimento

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 16 gennaio 2014 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 16 gennaio 2014 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 16 gennaio 2014 (*) «Rinvio pregiudiziale Direttiva 2004/38/CE Diritto dei cittadini dell Unione e dei loro familiari di circolare e soggiornare liberamente nel territorio

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 14 gennaio 2010 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 14 gennaio 2010 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 14 gennaio 2010 (*) «Regolamento (CEE) n. 2913/92 che istituisce un codice doganale comunitario Artt. 78 e 203 Regolamento (CEE) n. 2454/93 Art. 865 Regime di perfezionamento

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Decima Sezione) 13 giugno 2013 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Decima Sezione) 13 giugno 2013 (*) 1 di 7 18/06/2013 17.23 SENTENZA DELLA CORTE (Decima Sezione) 13 giugno 2013 (*) «Inadempimento di uno Stato Direttiva 2002/91/CE Rendimento energetico nell edilizia Articoli 7, paragrafi 1 e 2, 9, 10

Dettagli

CANCELLAZIONE DEL VOLO INTRA-COMUNITARIO: CHI È IL GIUDICE TERRITORIALMENTE COMPETENTE?

CANCELLAZIONE DEL VOLO INTRA-COMUNITARIO: CHI È IL GIUDICE TERRITORIALMENTE COMPETENTE? CANCELLAZIONE DEL VOLO INTRA-COMUNITARIO: CHI È IL GIUDICE TERRITORIALMENTE COMPETENTE? Corte di giustizia europea 9.7.2009, C 204/08 di Luca D Apollo Il fatto Il sig. Rehder, residente in Monaco di Baviera,

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 11 aprile 2013 *

SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 11 aprile 2013 * SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 11 aprile 2013 * «Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Accordo quadro CES, UNICE e CEEP sul lavoro a tempo determinato Clausola 2 Ambito di applicazione dell accordo

Dettagli

Convenzione europea relativa al rimpatrio dei minori. L'Aja, 28 maggio 1970

Convenzione europea relativa al rimpatrio dei minori. L'Aja, 28 maggio 1970 Convenzione europea relativa al rimpatrio dei minori L'Aja, 28 maggio 1970 Gli Stati membri del Consiglio d'europa, firmatari della presente Convenzione: Considerando che la loro stretta unione si manifesta,

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 30 gennaio 2014 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 30 gennaio 2014 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 30 gennaio 2014 (*) «Direttiva 2004/83/CE Norme minime sull attribuzione dello status di rifugiato o di beneficiario della protezione sussidiaria Persona ammissibile

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA (Settima Sezione) 25 settembre 2008 (*)

SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA (Settima Sezione) 25 settembre 2008 (*) SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA (Settima Sezione) 25 settembre 2008 (*) «Inadempimento di uno Stato Direttiva 2000/59/CE Impianti portuali di raccolta per i rifiuti prodotti dalle navi e i residui del

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 10 ottobre 2013 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 10 ottobre 2013 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 10 ottobre 2013 (*) «Appalti pubblici Direttiva 2004/18/CE Capacità economica e finanziaria Capacità tecniche e professionali Articoli 47, paragrafo 2, e 48, paragrafo

Dettagli

61987J0186. raccolta della giurisprudenza 1989 pagina 00195 edizione speciale svedese pagina 00001 edizione speciale finlandese pagina 00011

61987J0186. raccolta della giurisprudenza 1989 pagina 00195 edizione speciale svedese pagina 00001 edizione speciale finlandese pagina 00011 61987J0186 SENTENZA DELLA CORTE DEL 2 FEBBRAIO 1989. - IAN WILLIAM COWAN CONTRO TRESOR PUBLIC. - DOMANDA DI PRONUNCIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DAL TRIBUNAL DE GRANDE INSTANCE DI PARIGI. - TURISTI IN QUANTO

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) 26 febbraio 2013 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) 26 febbraio 2013 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) 26 febbraio 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Trasporto aereo Regolamento (CE) n. 261/2004 Articoli 6 e 7 Volo con una o più coincidenze Riscontro di un ritardo all arrivo

Dettagli

Smaltimento o recupero dei pali elettrici per telecomunicazioni? Il caso finlandese risolve il dubbio

Smaltimento o recupero dei pali elettrici per telecomunicazioni? Il caso finlandese risolve il dubbio Smaltimento o recupero dei pali elettrici per telecomunicazioni? Il caso finlandese risolve il dubbio SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA UE - Sez. Seconda- - in causa C n. 358/11 n 429 del 7 marzo 2013,

Dettagli