Sede legale e direzione : via Colleoni, Castano Primo (MI) Tel. 0331/ Fax 0331/

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sede legale e direzione : via Colleoni, 5 20022 Castano Primo (MI) Tel. 0331/880356 - Fax 0331/880669 www.fondazionecolleoni."

Transcript

1

2 Sd ga dzon : va Coon, Casano Pmo (MI) T. 0331/ Fax 0331/ ma: 2

3 INDICE INTRODUZIONE CAPITOLO 1 PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE COLLEONI Un scoo d soa pag. 5 CAPITOLO 2 CONNOTAZIONI DELLA STRUTTURA Caasch da Rsdnza cam, spaz comun, pasa, codo, ascnso, bagn,mzzp amob zzaz ond osp,capp a, cmazzazon pag. 6 CAPITOLO 3 Opao da Rsdnza Oganco pag. 7 CAPITOLO 4 Svz o ag Osp Avà asssnza, svzo nmsco. Svzo soapco, svzo mdco. L a v àsoc o-an ma va,s v zgn a a osp. Mnù po, d no pag. 8 CAPITOLO 5 Scuzza su avoo sovganza sanaa. pag. 11 CAPITOLO 6 Noz u p amga vsao pag. 12 Gona bboca. I voonaao. Posson d cuo L vs ag osp. Dvo d umo. Psonazzazon d cam. Tua d pson. Rspo a aamno d da psona. Dnao ogg d vao. Opao gac CAPITOLO 7 Gonaa " po " dg Osp Panng gonaa po. pag. 14 CAPITOLO 8 Modaà d accognza n Rsa pag. 16 CAPITOLO 9 Cos d svzo Ra p cama, dposo cauzona. pag. 17 CAPITOLO 10 Rgoamno Aco 1>20 Dcsso osp pag. 18 CAPITOLO 11 Caa d D Caa d d da psona anzana. La psona anzana a cno d d d dov a psona anzana ha do.. a socà suzon hanno dov.. pag. 21 CAPITOLO 12 P aggungc Da Mano In no pag. 25 CAPITOLO 13 Qusonao d soddsazon Agao pag. 26 3

4 INTRODUZIONE Gn un n sauala codamn, asscuamo a L a Suo amga a pna dsponbà d nos opao gac n soddsa ogn Sua ncssà d suppoo auo p aona dc momno ch ha accompagnao a Sua sca dmnao a chsa d nos svz asssnza. La nos a Fondaz on F.Co ondmas o. n.. u. s.,è mpgna aad o ns m ad una modna d cac asssnza mdca, nmsca asssnza, anch un soggono p quano possb sno cco d appo uman. Ao scopo d acal a dgnza, quso opuscoo L poà on n modo smpc d cac acun nomazon ssnza su unzonamno su'oganzzazon da nosa Rsdnza. L samo conoscn, no, s voà comunca am qusonao d soddsazon agao Su vnua ossvazon, cch, o popos, ch saanno nu na gusa consdazon. E' con quso poposo d mpgno ch pogamo noso coda bnvnuo. La Dzon 4

5 CAPITOLO 1 PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE COLLEONI La conssa Fancsca D Mas vdova d nob Fdco Coon, donna assa mpgnaa n op caav a bnco da comunà, n 1896 acqusò un no n possmà da chsa d San Rocco, ov n 1902 c cosu un ospda ds na o ama a cas ansmno abb n, d uno d a o ssso, sbbn con pnza p coon d su, a qua g aban da Cascna Mapaga. P pnds cua d maa, vnno chama Suo d O d nd aca àod Maa Bambna, d 26 novmb d 1903 s poé accog pmo guppo d s dgn. I n agg un a a d c o o g na o, dov ovavano pos o anch una capp a ab az on d Suo, n1907 vnn cos u a una nuova aa ch pms d aumn a acapac àd ospda a40pos.dsgu oanch num od Suo u aumnao a cnqu ad ss s aggunso anch du nm ach. I 23 mazo d 1907 a Conssa dspos n suo samno ch aa sua mo vnss ondaa una Opa Pa (aa qua ascava n dà una ca pa d suo bn ) ch av bb dovu o o n mzzdsos n amn o a ospda,cu andon amm n s az on. La pa nobdonna moì 2 oob d 1910, dopo una ungav a spsapop d Fd dca à,com po a no a ap d pos a su a sua omba nc m o Monumna d Mano. Np no sp o d su vo on à vnn p an o s u a " Opa Pa Fancsca Coon D Mas,succssvamn asomaa n En moa con go dco d 17 mazo L a v à d n vnn o d sc p na da uno S a u o, basa o su d spos z on samna da Fondac, ch è maso n vgo sosanzamn naao sno ad ogg. N 1994 a Rgon Lombada ha conoscuo aa Fondazon a quaca d o. n.. u. s. (oganzzazon non ucava d uà soca). Da n coso dg ann 'ognao ospda s è po asomao n una Casa d poso, svaa ad osp d ssso mmn. L a ua d c oè u o dun cons s n n vn o d z o m na o a a n d 2000, n gado d ospa 108 osp n ambn unzona, umnos spondn a pù cn modn psczon n ma d sdnz p osp anzan non auosucn /o con paooga conco-dgnava. Ng um ann a Fondazon Coon onus, aa sdnza d Casano ha aancao a cn dcc nza p ass s nzaapaz n g a co,chadsso annopa n g an d a v àd n : I Cno Rabavo Gaco R.S.A. sd ad Asso ( Co). La CasaOsp a àanz an, R.S.A. d Rscadna (M). La Ca d naco ombo, R.S.A. sa a Moosoo d Cascago (VA). Da smb 2005 no, aa ungodgnza s è agguno un svzo d asssnza spcca, Cno Duno Ingao ch o asssnza duna a osp anzan n as nza p condzon d non auosucnza. A quso, è sguo n 2006 ambu a o o n m sco apo a oo, nzava nuova d vo p usua comp nz s dnz a d n. La Fondazon, con o ssso mpgno pouso dag Ammnsao d passao povvd aa oo gson mannndo d non soo a " dsposzon samna " da Conssa Fancsca D Mas vdova Coon, ma a nob pncp da su cu s appogga a naua sssa non ucava da Fondazon. 5

6 CAPITOLO 2 CONNOTAZIONI DELLA STRUTTURA L caasch da sdnza R.S.A. (Rsdnza Sanaa Asssnza) p anzan non auosucn 110 pos o 2.1 L Cam I 110 pos o sono acco n cam sngo, dopp p, modnamn ada, comp d svz doa d'mpano p nscamno cambo d'aa. 2.2 G spaz comun G amp soggon oca dsna a panzo a avà occupazona cav a pan n smnao pmono anquo svogs da va quodana. L'mpano d vdo duson da a possbà d sgu unzon gos oca na cappa. La sdnza è uo d un cn gand nvno dzo acoao su du pa ch hanno pmsso a azzazon d un nuovo dco n gado d ospa 90 pson suddvs su du pan, pù una pa ssn suuaa ch può ospa uo 20 pson. 2.3 Pasa azzaa Na pasa azzaa, doaa d appacchau p soknsapa, s sca a abazon mannmno d sdu capacà sch moo. 2.4 Codo I codo sono amp umnos, pv d ba achonch, mun d comano (d dvso coo a sconda d pano), cogano a oo va ambn n cu vvono g osp, sua bas d nuc compos. 2.5 Ascnso monagh L' dco è doao d ascnso monagh ch pmono d aggung agvomn va nuc g ambn adb a svz asssnza. 2.6 Bagn azza I bagn azza, psn n ogn nuco, o a svz gnc povvs d mangon d appoggo, sono doa d vasca da bagno doa d mscao con mpaua d'ogazon pogammaa dsposv auomac d sancazon, povvsa d accogmn gonomc ch ngono psn sa 'sgnza d'osp ch dcoà d'opao. 2.7 Sovao ca d asmno osp Ogn pano d dgnza è doao d "sovao d psona" a unzonamno co muno d dona mbacaua p g osp ch psnano pù sv dc moo. 2.8 Cappa S accd da umnoso ampo ngsso pncpa da sdnza. È doaa d ad smpc, ma mam d pavmno gno da baconaa pgao n uc cuva poducono un gand o. Pgvo sono va cupa daa vccha cappa saua sapnmn, nsm a' dcoa connn a "Maa Bambna" conbuscono a ca un' amosa caca d spuaà mscsmo. 2.9 Impano d cambo ascamno I qua consn mannmno d adgua condzon d cmazzazon aazon n ognp odod anno. 6

7 CAPITOLO 3 STRUTTURA ORGANIZZATIVA E ORGANIGRAMMA PERSONALE IMPIEGATO Oganco psona d asssnza: n. 1 Mdco Rsponsab da R.S.A. n. 2 Mdc d suppoo connuà + mdc spcas consun (saa, gaa). n. 1 Caponma sponsab da R.S.A. n. 1 Addo a svz ammnsav / uco osp da sdnza n. 12 Inm possona d nuco (copua 24 h) n. 41 Opao d svz soco-asssnza n. 3 Fsoaps da abazon n. 2 Anmao n. 4 Svz d puza da sdnza n. 1 Manuno 7

8 CAPITOLO 4 SERVIZI OFFERTI AGLI OSPITI 4. 1 L a v àass s nz a I uo o d op a o san a o s dc na non so o a av so a u o a osp n sp amn o db sognquo d an,con unz on dsup v s on,v g anza conoo, ma sopauo s aduc n capacà azona, d ascoo d anzon, con dsponbà a n az on a va a a gs on d mpo b o d anz ano con a v à d n z a va auonoma (ua d gona, goch, passgga n gadno, can, ba, gono da bzza, cc. ) o p og ua cond v s ( abo a o a p og o con duca c o a soapsa, o momn d ngazon con avà da Rsdnza Asssnza). L op a o cv d sgu nd caz ondmd co d n m p o ss ona p quano an pobmach sanao-gnch d amna. 4.2 I svzo nmsco Svo o da op a o p o ss ona, qu o d n m spon com uo o d am p nc pa a b sogn ass s nz a d osp v dnz sana. Compnd pocdmn pù popamn asssnza, qua a ppaazon sommnsazon d ap psc da mdco d bas, a vaz onp od cadpa am v a, n vn o n caso d mao /o pobmach d vdn naua sanaa, d ua g vnua pv p sam dagnosc. 4.3 I svzo d soknsapa I svzo ma a conasa dcadmno gna consdando capacà sdu d osp.l a v à vngono svo ungo u o a co d a s mana,sua bas d psczon mdch spcasch scondo quano sabo da pano abavo d cascun osp. Ta avà, qu d po ducavo d avazon unzona vngono svo n pasa, a qua avà udco-pscomooa pscosnsoa a gnnasca d gand guppo vngono ua a pano. 4.4 I svzo mdco Ass cu a ap vnz on, ad agnos, a ap a a ab az ond osp anz ano,a o pù d vo da popaoog a dcoso conco, dc cognv nuoogc con van svo soca, azona, compoamna. L a v à p vn va occupa anco a n anz ano uno spaz o d vo,ssndo vo a a a p o assd n unza, monoaggo d dab mo, dg abus amna, da dnu z on d a d s d a az on, a a p vnz on ddcub, d os opo os, d dab aa consvazon d una adguaa avà mna az ona.l a v à d agnos ca apu ca sa co a su a v s a md ca a ng sso p od ca,su a va u az on unz ona, agg o namn o d a ca a c n ca, v.v s spcasch (condzona da sgnz cnch pacoa), sug sam maochmc sumna (ssmac d a bsogno), su va nvn dagnosc su povvdmn apuc ch s ndsso ncssa duan a dgnza. 4.5 I svzo soco-anmavo Rsponsab dp og è duca cdcn o.i s v z om aavaozza a psona n quano a, anco pma d scop capacà sdu abà. Pano a soa psona passa a p sn sono ondamn a pun dpa nza pun adgua a accog nza una sna pmannza uua a cn o. L duca c povvd aa compazon a agg o namn o d a schda ps co-soc a n co abo az on con osp ( s è poss b ) con a amga. 8

9 PROGETTI INDIVIDUALI DI TIPO OCCUPAZIONALE: Consdando a soa p sona a v à svo p ma d ng sso s cchà, quando possb, d gaan una ca connuà d abudn abà. Rnano n pog ndvdua aboao (cuco, cucna, oo gadnaggo, pua), odno dg spaz pcco coaboazon con g opao d nuco. PROGETTI INDIVIDUALI MIRATI: Consdando pobmach spcch s avano camp spcc d avà (s. aboaoo d muscoapca-conao, aboaoo cognvo, aboaoo d scua, cambo d candao, cc.) PROGETTI GENERALI E PERIODICI: Sono avà ch hanno mpcamn unzon apuca d smoo. Rnano n qusa cagoa u aboao cav(ago, dcoo, pua, dsgn, dcoupag, cnch asch, manpoazon), aboao musca (coo, ascoo d ban oo soa, can ga a svà), aboao sagona ga a svà (ppaazon addobb, conz, caazzazon dg ambn n bas aa sagon) SERVIZIO DI ANIMAZIONE RSA CDI: G osp d cno duno ngao possono no pa c pa a momn an ma vo gan zza a n no d a Rsa.( Mns mn omboaa, sa n musca, sa d compann, smanamn aboaoo cuco, podcamn, p o pù duan a sagon sva aboaoo d p hapy cc.) 4.5. SERVIZI GENERALIALL OSPITE La cucna A pacoa sgnz nuzona da psona vn daa sposa con spcch d. Quaoa non sano psn szon amna dovu a maa, ag o noanz, mnùp vda cunsc b amn uab da osp. La gonaa amna pvd pma coazon, spunno, panzo, mnda cna. I pas vngono consuma n appos a sa a da p anzo. I pozonamno a dsbuzon d pas dv ss sguo soo da psona ncacao, n spo savaguada d nomav sana vgn. I mnù popos pvdono una oazon sagona sono supvsona anch con mdco a caposaa da Rsdnza. La socà ch oga svzo d cucna m vnuamn a dsposzon una dooga p pacoa sgnz. Coazon Spunno Panzo Mnda Cna O 8.30 O O O O

10 Mnu Tpo nvna Panzo Lundì Passao d vdua Pasna n bodo Cassuoa Mso d aa omagg Pona Vdua coa d sagon Fua d sagon / ua coa Mnson con cosno Basoncn d psc Vdua coa d sagon Fua d sagon / ua coa Mnsa d vdu con pasa Tono d paa Vdua coa d sagon Fua d sagon / ua coa Fua d sagon Madì Rsoo a vdu Congo n umdo Macdona d vdu Fua d sagon Mcodì Macchon a agu Faa con vdu Insaaa vd Fua d sagon Govdì Rsoo con ungh Boo mso con sasa vd Zucchn oa Fua d sagon Vndì Ravo buo sava Fo d psc a ono Paa a ono Fua d sagon Sabao Pasa a pso Pop a ono Fnocch aa pamgana Pasa paa Vdua coa d sagon Fua d sagon / ua coa Mnson pmava Invon d poscuo omaggo Vdua coa d sagon Fua d sagon / ua coa Passao d vdua Wus Lundì Paa Poscuo coo Fua d sagon Vdua coa d sagon Fua d sagon / ua coa Panzo Pasa pomodoo ps Aoso d maa a ono Pué d paa Fua d sagon Madì Rsoo a vdu P d poo a masaa Macdona d vdu Fua d sagon Mcodì Macchoncn a agu Tonnao Insaaa vd Fua d sagon Govdì Insaaa d so Scaoppa von a vno banco Cos ssa Fua d sagon Vndì Gnocch a pomodoo Fo d passa aa mans Cao co Sabao Mso d aa Vdua coa d sagon Fua d sagon / ua coa Mnson con so Tono d paa Vdua coa d sagon Fua d sagon / ua coa Quaducc n bodo Toa pasquana Vdua coa d sagon Fua d sagon / ua coa Passao d vdua con so Panzao Vdua coa d sagon Fua d sagon / ua coa Zuppa d vdu Mozzaa aa caps Pnna o o ana Popon do ch Fnocch aa pamgana Vdua coa d sagon Fua d sagon Domnca Cna Pancoo Vdua coa d sagon Fua d sagon / ua coa Rso pzzmoo Pzza Fua d sagon Vdua coa d sagon Lasagn a ono Poo a ono Doc Mnu Tpo svo Pzza Fua d sagon / ua coa Pancoo Bsaoa Fua d sagon Domnca Cna Anpaso assoo Rsoo con ungh Poo a ono con paa Fua d sagon Doc Fua d sagon / ua coa Cma d gum Aa omaggo Poscuo coo Vdua coa d sagon Fua d sagon / ua coa ALTRI SERVIZI Ea voun s v z odd s buz onau omaca d bvand cad, bb pascca vaa n un oca dsnao. E' gaano gauo svzo d pauccha pdcu. L u c oosp s ua oa ng ssosvo g a a oa v àd n o maz ondsm s amn o d vnua ona. Magazzno: svzo è pposo a cvmno d mc a oo conoo d aa dsbuzon d podo a sngo pa. La cua d puz dg spaz cov, d cam d av svz è asscuaa da psona ncacao da sdnza. Manunzon sab d mpan: svzo è asscuao da una squada d add ppos aa manunzon odnaa d mmob, a vd, mpan c d do-mo sana nonché aa conduzon da cna mca. 10

11 CAPITOLO 5 SICUREZZA SUL LAVORO E SORVEGLIANZA SANITARIA La gsazon Con dco gsavo 626/94 nsm ag aco da 2 16/9 d D. Lsg 494/96, è sao compao quado gsavo ch mpgna ammnsazon pubbch pva aa goosa vg anzon d nomav, mgoa gado d ua da sau d avoao mdan un ssma oganco d nd v duaz on,va u az on d m naz on o duz on d schn amb n d avoo. Sono sa nd v dua nom na p son sponsab p a uaz on, a gson d conoo d nom 626/94, pcsamn: sponsab d avoao p a scuzza (RSL); sponsab p a suua sanaa (RSPP); mdco compn p a sau d avoao, ch ha pdsposo pano sanao p sch spcc d psona (MC). 11

12 CAPITOLO 6 NOTIZIE UTILI PER FAMIGLIARI E VISITATORI Gona bboca P ch o dsda, sono a dsposzon dg osp gona vs. Ess no una bboca nna aa qua è possb accd vogndos a ducac possona. I voonaao La gg 1/86 da Rgon Lombada dnsc voonaao s v z o sodac adn n modo connuavo, snza n d uco, aavso psazon psona, voona gau, nd v dua mn o ng uppo,n amb od s u u pubb chop va d asssnza o n p op o.l Amm n s az on p omuov va o zza a v à dvo on a ao ch onsc un va do suppo o ag duca o p o ss ona n o gan zzaz on d momn cav a n no d a sdnza, o du an a b a s ag on a s no con g, usc, cc. Spccaamn, na suua opano voona sc a assocazon "Amc d Coon ". Posson d cuo Vn gaano ad ogn osp bà d cuo: p ch possa a gon caoca è d spon b un amp a con o vo capp a, sac do d a pa occh a ass cu ano ass s nza unzon d cuo. Ogn govdì pomggo, a o 16.00, è possb asss aa unzon da Sana Mssa. P ch possa a gon è possb conaa mns d va cu. L vs ag osp I amga d noma hanno bo accsso duan ua a gonaa,mn accsso è goamnao da o a o P mov gnc sana è vao sds su, aoa cam usa svz gnc sva ag osp. I vsao dvono asns n poa gn amna pché pobbo ss conondca spo aa da psona o a aamno amacoogco n coso. Du an v s md ch n occas on d g n d osp,pa n v s a o,sono nu a non psnza n cama. È poss b ua v s gu da a a s u u a a n dp nd v s on d amb n d svz o; a vs dovanno ss concoda con a Dzon, ch povvdà p accompagnamn o. S coda ch è svo : DIVIETO DI FUMARE In u oca da suua Lgg n 3 a.51 d 16/01/

13 Psonazzazon d cam La Dzon pm ncoagga a psonazzazon d cam, puché sano abb n modo dgnoso vngano spa nom d scuzza. È vao nodu uzza appacchau ch non auozza o a gas pché pobbo causa ncdn. Tua d pson spo a aamno d da psona In admpmno da gg n.675 d , a Fondazon gaansc aamno d da psona n spo d d, d bà ondamna, nonché da dgnà d pson sch, con pacoa mno a a s va zzaa dn àp sona. Dnao ogg d vao S consga vvamn d non n psso d sé somm d dnao ogg d vao, sdc na ogn po d sponsab à da pa dp sona d amm n s az on p o smamno o uo dg vnua vao. Opao gac Tuo psona dpndn è conoscb daa dvsa da ssno poan oo, gnaà quaca possona. 13

14 CAPITOLO 7 GIORNATA " TIPO " DEGLI OSPITI La gonaa d osp a nap odd mpgnosan a o-asssnza, soca udco a pod d poso. L a mn az on è pa co a mn cu a a,pass cu a a anz ano nu mn cao ncssa, mannndo una ca vaà dg amn consdando n m d sgnz dch, gus pacoa ga a adzon cuna d sngo anzan. L pvan avà gona sono: a za ag adua d g np sona d osp coazon momno d socazzazon momno goso acoavo avà d anmazon /o soapa scondo pogamma psabo daazon ppaazon panzo panzo accompagnamno osp p poso pomdano vaa anmazon pomdana scondo o schma smana mnda daazon cna nzo aamno p a no go d conoo camoma 14

15 CAPITOLO 8 MODALITÀ PER L ACCOGLIENZA IN R. S. A. L domand p ns mn o n s a d a sa sono dsponb su so da Fondazon oppu d amn p sso u c oosp d a s dnza. Sono cosu da una pa ammnsava da un pa sanaa, ch una voa compa n ogn oo pa comp d u m chs, dvono ss consgna a u c o osp. Lada adconsgnad adomanda, a ag àd osp ac c àsoc a ( a. 3)sono condzon d poà ch andanno a dmna a gaduaoa p ng sso n ungodgnza. Quandos ndd spon b un pos o n R. S. A., u c oosp o sponsab d a s dnza comun canoap mo ch dn n s ad a sa ad spon b àdpos oa vando: 1 ncono a amga/osp con qup gaca (mdco d nuco, I.P., ducao/anmao, v. FKT), a n d consuazza condzon sa cnch ch ass s nz a d am g a p qua è s a o ch s o ns mn o n R. S. A.( osp )con psnazon d svz ppos, dg spaz, dg ambn. 2 oganzzazon, una voa ch a as 1 è compaa, s povvd aa dnzon d ng sso n R. S. A. d osp, ss ab sc g o no, o a moda à da vo, vn ua p snzadaccompagna o/amga, g vnua documnazon mancan. 3 avo n s dnza accog nza da pa dg op a o d qu pdnuc ochdopo av a oconoscnza am a zza ocon osp, oaccompagnanop sso p op onuc o d appannza ov è coocaa a cama ov soggonà mosandog n sguo g ambn d svzo uogh comun. 4 ambnamno con osp psona ssso d nuco, appoonda conoscnza d uogh dg spaz,suppo o p o n amn o conoscmno d va opao, suppoo p g oa (pas, mnd, mssa, c.). 5 vsa mdca da pa d sanao d nuco, ch vauà unamn aa documn az on n posssso, vn ua p co so dcu a / o dsuppo o ass s nz a, qua và n sguo dno anch aavso Pano d Asssnza Indvdua (P.A.I.) abo a oda qu pdnuc o. 15

16 CAPITOLO 9 COSTI DEL SERVIZIO - ANNO 2011 Cama sngoa Da 01/01/2011: ,00 Cama du Da 01/01/2011: 1.735,00 Cama Da 01/01/ ,00 Pagamno mns ancpao NO Pavvso d dmsson NO Dposo cauzona (nuo a nd) Spcch conomch pacoa poscpao SI Gon d pavvso X 10 SI Impoo X una mnsà In caso d covo ospdao con dgnza supo a 7 gon conscuv, a a d dgnza mns n RSA subsc una duzon d 20%. In caso d dmsson /o dcsso d osp n o p m15 g o ndms, a a mns vn doa d 50%. Nssuna duzon n caso d dmsson /o dcsso da 16smo gono n po. La a compnd: Pdcu possona Acqua, Vno caè a pas Bb, succh d ua,, caè uo paso, Spunn mnd Usc Rscadamno La a NON compnd: Lavaggo bancha psona L sono a scadnza mns sono compssvamn n gm d accdamno gona. DEPOSITO CAUZIONALE INFRUTTIFERO Impoo da vsas n msua pa aa a mns d compnza. Eno a n d bbao d cascun anno, vn asc a oac ascunosp, appos ocdono asan sps sosnu suddvs a psazon sana d abgh, ao scopo d p m un adgua acomp az ond d ch a az on sca dcomp nza. ( Vd a.5 - a.6 - a.7 - a.8 d sgun goamno) 16

17 CAPITOLO 10 REGOLAMENTO ART. 1 Possono ss ammss aa R.S.A. pson adu d ssso mmn p qua ssano p suppos spc ca ng ssoncss àdass s nzacon nua,a mn non ng adod povvd ad una sna dcoosa ssnza, no ch s ovno n condzon pvs da psn Rgoamno. ART. 2 P ss ammss aa sdnza osp dvono av compuo, a momno da domanda, sssanacnqusmo anno d à. ART. 3 Ladomandadamm ss on n g md acc d amn o g ona dvss comp a a nogn sua pa, nonché codaa d ua a documnazon chsa, d sguo consgnaa o nd zza aa Uco Osp da suua p a qua s chd a dgnza. L Amm n s az oncons d a acomp zzadda d adocumn az on o n acondzon ssnza a n d au o zzaz ona ns mn on a s ad a saa vn ua,succss va amm ss ond osp a a s dnza. ( da adconsgnad adomanda, ag àd osp,c c àsoc a ) ns sc a ch s a nuna s ad ng ssochd n à ag adua o ad amm ss ond n va. ART. 4 L acc az ond n vad adomandaèso o g dad ad z onamm n s a vasan a a da RSA; comunqu è subodnaa a qus d donà pvs da sponsab sana aa dch a az onsc ad osp odunpa n chsassum a sponsab àdconosc mpgnas ad ossva dsposzon d sgun Rgoamno, nonché ogn aa noma ch, a modca od ngazon, dovss ss succssvamn manaa. ART. 5 L n àd a amns ès ab ada aamm n s az ond afondaz on n appo oacos o d vo d va svz, dmnaa sua bas d 365 gon anno. I vsamno da a dv ss uao no 15 gono d nzo d ogn ms am bonco bancao. ART. 6 I pagamno da a è mnszzao. Qua o a osp a dass ng sso sp oa ada ad amm ss ons ab a, obb godpagamn od a adco da ada ad amm ss on concodaa. In caso d covo gonao con dgnza supo a s gon a a mns và doa d 20%. In caso d dmsson d osp du an p mqu nd cg o ndms, a a mns và doa d 50%. Da sdcsmo gono n po, a a non subà duzon. ART. 7 L amm ss on/ cov od osp n s dnzaass s nz a ècond z ona a,g àa ng sso,dav samn od undpos ocauz ona n u o,pa a ammon a d a amns dcomp nza, n ag ona oo dcop u an vn ua àddannp ocu a omo os àd osp. Laconsgna ncop ad avvnu ov samn oddpos ocauz ona ècondzon ssnza p au o zzaz ona amm ss onn as u u amds madapa d Amm n sazon cna. ART. 8 La a compnd sgun psazon: 1. godmno d una cama ammobaa ad uno o pù pos d noma svz comp mn a d osp a à. 2. ogazon d pas scondo quano pvso daa aba dca saba daa dzon da sdnza, ncus d spca. 3. asssnza sanaa, nmsca soapca a cua d psona da R.S.A. 4. pdcu possona ART. 9 Savo cas d maaa nvadan, vo è ugua p u g osp pas, quaoa non sa saa concssa dspnsa spcca ad psonam, sono consuma n appos sa. ART. 10 L assgnaz ond a cam a v n s ab a da a d z on d a s dnza san a a, nu o con o,n m d possbà, da vnua p nza sp ssa da osp / o da suo am g a.è assouamn vao quasas cambo abao d cam a g osp. È acoà da dzon dspo a camb n appoo a sgnz d ospaà do ssso. 17

18 ART. 11 La sdnza gaansc a onua d svzo d avanda soo p a bancha da o da bagno. I ama dg osp dovanno, n modo soco gaan a onua d avaggo da bancha psona. ART. 12 L cu sana, mdcna g vnua aamn soapc sono a caco da RSA, sano a ca co d osp vn ua v s g samspc a s c.ipa n sono nu ad accompagna amga n caso d usca p vs d sam sana /o n caso d covo ospdao. Quaoa osso mpossba, sono nu a povvd n mo adando a compo a psona d oo duca. ART. 13 I n caso dma a a g av o nd spos z on d osp md co,qua o a o nga ncssa o,d spon mmd a o cov o n ospda comp n.qua o a sv cass a ncss à,du an cov o ospda o,dass s nzad u nao no u na d osp, am g a dov anno p ovvd a ass s nza a popa cua sps.imd cd En sono dsponb, scondo oa modaà pssa, p vnua cooqu con amga. ART. 14 Tu g osp hanno do d pacpa a avà d anmazon apa occupazona oganzza daa sdnza. ART. 15 L ass s nza a paca gosa sono asscua, ag osp ch nndsso govasn, psso a Cappa nna da sdnza, mo sando a bà d cuo. ART. 16 L assnz p una o pù gona, dbbono ss pvnvamn auozza daa dzon, p v a sgna az on d a du a a d assnza nonché d uogo d p son p sso cu osp nnd cas. L a on anamn o a b a oo p o ungamn o d assnza da a s u u a ddgnza saanno consda qua aca nunza a poso. In a caso, a dzon povvdà, n quano poss b,ad nv a osp ochd ag ona nd mmd a amn d spon b acam a. ART. 17 I n qua s asmomn o osp può ch d a d m ss on dandon comun caz on a a d zon con pavvso d gon dc (10).Lad z on, no,puòd m d u c o,con mds mop avv so dg o nd c( 10), osp ch non su ass p ù n posssso d ch s qu s d don à non oss n goa co vsamno dg mpo dovu p od a psazon, sava - nqus u mo caso -ogn pocdua od azon coava d vasa. ART. 18 G osp ch su ass o dd a a co smo o ch con o o compo amn o dovss o nuoc a o d n, a a mo a à o abuon nom d En, possono ss spu sda a s dnza con modaà pvs da psn Rgoamno. ART. 19 G osp possono cv vs d pan, amc o conoscn n ogn momno da gonaa, mo sando spo dg oa d vsa sugg. Iv s a o dov anno asc a osp amomn o d poso sa. ART. 20 È ao assouo dvo ag osp d usa n cam appacch c o on d quaunqu gn. Sono asì assavamn scus da cam an ma o cos p g ud z vo a g n,a a scuzza d a buon odn da sdnza. DECESSO OSPITI In caso d dcsso d un osp s sg a massma aspanza con mps d pomp unb. Lasc ad mp saèdsc us vacomp nzad am g a d osp s sso. La spsa ava a onoanz unb, ncuso svzo goso, quaoa chso, é a oa caco d amga. La gg gona 18/11/2003 n 22, dscpna con pcson a nomava n ma d avà unb goamnazon d cam moua n suu socosana, con spaazon na sva d avà una d quasvoga po daa gson d sdnz soco-asssnza. 18

19 CAPITOLO 11 CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA ANZIANA I n occas on d Anno I n naz ona d Anz ano n a mon a con a so uz on d Assmb a d Naz onun, a Rg on Lomba d a o a I s uz on a a socà ombada a Caa d D da Psona Anzana. G anzan appsnano un pamono d vao nsmab p a socà, non soo pché n ss s dnca a mmoa soca cuua d una popoazon, ma anch pché n msua smp cscn, cosuscono una sosa umana ava, un pamono d ng d spnz d qua a socà dspon, sa a suppoo d mopc avà d caa samn conomco, sa p do mpgo n avà d po cuua soca. Ta conoscmno mg daa cca scnca socoogca pù cn daa cons a az on d un num o smp magg o d p son ch agg ungono un à anagaca avanzaa n buon condzon psco-sch, ano da po on conbu a caa nnovavo. Tu av a anz ano é anch, n c condzon, una psona ag sa scamn ch pschcamn, p cu a sua dgnà ncssa d maggo ua. Pcò, c pncp, vad p a gnaà d cadn, dvono ss bad d nga. Lasa vagua d ad anz anod asuacu u acompo a ducaz ond apopo az on a sp o dsuod :ssa mp ca admp mn o duna s ddov da pa d asoc à,p mo aqua nd v duaz ondpo chchga an scano n g az on soca a vaozzazon d appo a gnazon dvs nonché a pacpazon d anz anoa av asoc a,c v cu u a da comunà. I n pa co a p sn documn o s n dbba sp a az on dquan op ano damn o ndamn a avo d pson anzan: suzon pubbch sponsab da azzazon d bn comun; agnz ducav d nomazon; n gso d svz sa d do pubbco ch pvao; a amga omazon soca; sngo cadn. Ad ssé vo o ausp c o ch p nc pqununc a ov no a g us a co ocazon a n no d a o o a v à, n pa co a ng a go a vdssa qua sau, goamn, ca d svz, n oo ndzz pogammac n consgun pass gsona, asscuando una paà a soggo ogao d svz soggo uo, gudcamn gaana. Pma d na n vvo d una dcnazon d d da psona anzana d cospondn dov da socà d suzon n suo conon, é oppouno ch ama b vmn a cun d p nc p ondamn a d o d namn o g u d co aano ch, ssndo vad p a gnaà d cadn, ovano a oo appcazon anch n conon da psona anzana. I nnanz u o, p nc p o d o d g us z a soc a, nunc a o da a co o 3, scondocommad acos uz on, nqus m n : Ecomp od arpubb ca muov g osaco d odn conomco soca ch, mando d ao a b à guag anza dc ad n, mpd scono p no sv uppo d a p sona 19

20 umana va pa c paz on d u avo a o a o gan zzaz on po ca, conomca soca d Pas. L scnz pscoogch pdagogch hanno ampamn dmosao ch o svuppo pno da psona umana é un pocsso connuo, non spcco d una cass d à pacoa, ma ch s snd daa nasca aa mo; pano obb go a oa arpubb ca,da av sodssa,a u aa socà aana, d muov g osaco ch pobbo mpd od asa a pocsso, cop u o a co d a v a non può sub s z on ga a à d a s ngo a psona. In scondo uogo, occo chama pncpo d sodaà, nuncao da a co o 2 d a Cos uz on nsgun m n : LaRpubb ca conosc ga an scd nv o ab d uomos acoms ngo os an o maz onsoc a ov ssvo g a sua p sona à ch d admp mn o ddov ndogab d sodaà poca, conomcasoc a. Va qund codao ch u spsson d sodaà, sano ss ndogab qund s obbgao da gg da Rpubbca, sano ss dogab ossa voona conducb aa ba pacpazon d cadno a buon unzonamno da socà d aa azzazon d bn comun -, sono u nazza aa gaanza da va azzazon d d da psona. L suzon pubbch, oa da sponsabà va da gaanza, non possono qund ch ss avovo ao svuppo massmo d una cuua da sodaà na socà aana. Inn, è oppouno coda pncpo d sau com do ondamna d uomo, ch ama o da a co o 32 n qus m n : La Rpubb ca u a a sa u com ondamn a d o d nd v duo n ss d a co v à gaansccu g a u ag nd gn.... Va codao, n mo, ch conco d sau a ma o da O gan zzaz on Monda da Sanà (OMS) compnd non soano bnss pscosco ma anch quo soca, ch a da sau uno sao d bnss goba da psona. L a nz on va, no,a a a su a o ch conc o d ndgnza, ch scondo so cosuzona - ap do a cu gau, non può pù ogg - s ma è sao gmo ao ss condoo a paam cosu su conco d mnmo va; pamn, non sua adguao un paamo ssao n mn scusv d ddo psona, ch non oss msso n sa azon con bsogno vo d sau da sngoa psona consdaa, vauao sua bas d paam obv d coso, pu sando comunqu mo obb go da sodaà ama. 20

21 LA PERSONA ANZIANA AL CENTRO DI DIRITTI E DI DOVERI Non vè con add z on a av co da o ch a p sona anz ana god,p u o a cod asuav a,d u d dc ad nanza conosc u a ap sona umana da nos oo d namn og u d co, p opo adc naz on adoz ondunaca ad d d a p sona anz ana ch ha com na à ds v da suppo o a az on d ducazon d svuppo d poch soca auspcaa n pmssa. La psona anzana ha do: D svuppa d consva a popa ndvduaà bà. D consva vd spa, n ossvanza d pncp cosuzona, pop cdnz, opnon snmn, anch quando ss dovsso appa anaconsc o ncon as ocon acu u adom nan d amb n umano d cu a pa. D consva pop modaà d condoa compab con go da convvnza soca, anch quando ss dovsso appa n conaso co compoamn domnan d suo ambn d appannza. D consva a bà d scg s connua a vv n popo domco. La socà suzon hanno dov: D sp a nd v dua à d ogn p sona anz ana, conoscndon bsogn d vando, n suo conon, nvn dcs soo n unzon da sua à anagaca. D spa cdnz, opnon snmn d pson anzan, sozandos d cog n s gn ca o n vo uz on d a cu u a d as oa d popoo d cu ss sono pa ngan. D spa modaà d condoa d pson anzan, conoscndo oo vao d v andod co gg od d d,snzapqus ovn mnoa obb go d auo. D spa a ba sca da psona anzana d connua a vv n popo domco, gaanndo sosgno ncssao, nonché n caso d assoua mpossbà cond z ond accog nza ch p m ano dcons va a cunasp d amb n d va ozaamn abbandonao. D ss accuda cuaa, quando ncssao, a popo domco, govandos d pù aggona mzz apuc. D connua a vv co pop ama ov n susssano condzon. D consva azon con pson d ogn à. D ss mssa n condzon d consva pop audn psona possona d po spm a popa ognaà cavà. D usuu, s ncssao, d om pù aggona d oppoun d abazon socazzazon snza dsc m naz onbasa su à. 21

22 D ss savaguadaa da ogn oma d vonza sca /o moa, v compsa om ss on d n vn ch possano m g o a su cond z on d v a d aumna dsdo pac d vv D accud cu a anz ano n dov è poss b a dom c o, o nndo ogn psazon sanaa soca nua u d oppouna. Gaan ndo a anz ano maao do a covo n suua ospdaa o abava p uo podo ncssao aa va ua da sua sau. D conasa, n amg n suzon, ogn oma d sopaazon pvacazon a danno dg anzan, vcando n pacoa ch ad ss sano gaan u g nvn ch possano anua a oo sonza mgoa a oo condzon ssnza. 22

23 CAPITOLO 12 COME RAGGIUNGERCI DA MILANO Auosada Mano - Tono usca a Boaoa su Tcno sgu ndcazon p Casano Pmo. IN TRENO Fov Nod Lna Mano-Novaa sazon a Casano Pmo. 23

24 CAPITOLO 13 QUESTIONARIO DI SODDISFAZIONE Gn.mo un, p vca monoa a quaà d avoo spsso a n d psgu man n va a a qua à d mpgno pouso vso nos osp, L chdamo d auac n quso pcoso, aavso a compazon d un qusonao ch vuo o a possbà ad ogn pan, d vdnza pun cc sopauo, d sugg u souzon a dvs pobm ch, vnuamn, sono sa ncona. V pghamo d appo una soa coca p ogn domanda d vnuamn sgnaac Vs.sugg mn,dsgu o o na c qus ona o,consgnando oa u c oosp d a R.S.A. o nsndo on appos acass nad acco as an a o. I sua d psn qusonao, una voa aboa, saanno consuab n oma caaca da chunqu voss an chsa, sono comunqu dsponb n psa vson Gaz p a coaboazon. 24

REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. Paciucci E. Ragno Servizio sicurezza e protezione - CNR

REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. Paciucci E. Ragno Servizio sicurezza e protezione - CNR REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. P E. R Svz szz pz - CNR L f sh s s mp pph ; p è pps pm pssbà p sss è ss vs, s s mp mq sz, ; s (, svh.) pss ss s z. I sh ss s spsv è sfvm fz m pph s p:

Dettagli

PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15

PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15 PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15 adempimenti di inizio anno 15 lunedì C.di C. 3AG 13.30 14.15 programmazione - visite studio - varie solo docenti 15 lunedì C.di

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

34. CILINDRI IN PRESSIONE

34. CILINDRI IN PRESSIONE G. Ptucc Lzon d Costuzon d Macchn 34. CILINDRI IN PRSSION quazon d obma astco In qusto catoo è sosto obma astco atvo a sod gomtcnt assasmmtc d oma cndca, ssso h costant, soggtt a cach agnt aant a ano otogona

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 8 LEGGE 3 luglio 2014, n. 99 Ratifica ed esecuzione dell'accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo degli Stati Uniti d'america sul rafforzamento della cooperazione nella

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

George Frideric Handel. Reduction. From the Deutsche Händelgesellschaft Edition Edited by Frideric Chrysander

George Frideric Handel. Reduction. From the Deutsche Händelgesellschaft Edition Edited by Frideric Chrysander Gorg Fdc Hndl GIULIO CESARE 1724 Rduction From th Dutsch Händlgsllschft Etion Etd by Fdc Chrysndr Copyght 2001-2008 Nis Scux. Licnsd undr th Ctiv Commons Attbution 3.0 Licns 2 3 INDICE 0-1 OUVERTURE 5

Dettagli

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI \ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOL AMENTO EDI L I ZI O E RI CHI AMO AL L E DI SPOSI ZI ONI DI L EGGE E REGOL AMENTI - TITOLO SECONDO - DISCIPLINA DEGLI

Dettagli

V _ TAS. C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2 0 04

V _ TAS. C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2 0 04 V _ TAS G e s t i o n e e co n t ro l l o d e l l a p ro g e tta z i o n e C o n f o rm e a l i a N o rm a U N I E N I S O 9 0 0 t ; 2 0 0 8 C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2

Dettagli

Ca ta l o go dei pro d o t t i. Spl i n e I m pla n t Syste m

Ca ta l o go dei pro d o t t i. Spl i n e I m pla n t Syste m Per ul teriori info r ma zioni sui nostri Prodotti, sui nostri pro g rammi pro fessi o nali e sul n ost ro p ro g ra m ma di Co n t i n u i ng Ed u cation, co n ta t ta te ci : Zimmer De n tal I tal y

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) 2 Il numero di ossidazione 1 Assegna il n.o. a tutti gli elementi dei seguenti composti. a) Hg 3 (PO 3 ) 2 Hg: +2; P: +3; O: 2 b) Cu(NO 2 ) 2 Cu: +2; N: +3; O:

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo.

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo. Anello. Un anello (A, +, ) è un insieme A con due operazioni + e, dette somma e prodotto, tali che (A, +) è un gruppo abeliano, (A, ) è un monoide, e valgono le proprietà di distributività (a destra e

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Interruttori per protezione motore P5M 68 Ausiliari per interruttore P5M 70 Sezionatori-fusibili STI 7 Limitatori di sovratensione di Tipo PRF Master 7 Limitatori

Dettagli

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e,

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e, Capitolo 10 La gavitazione Domande 1. La massa di un oggetto è una misua quantitativa della sua inezia ed è una popietà intinseca dell oggetto, indipendentemente dal luogo in cui esso si tova. Il peso

Dettagli

Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto italiano.

Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto italiano. Il punto Il punto è un elemento geometrico fondamentale privo di dimensioni ed occupa solo una posizione. Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren.

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren. Cari lettori Oggi della pulizia del nostro paese vi voglio parlare, che per come funziona, troppo cara ce la fanno pagare. Pe quanda solt co senec ne fasce pagà de rummat, Putignan er a iess nu paes, splendente

Dettagli

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE OO E AZZATO PECSONE raddrzzar ( refcar) sn crcu mpega per la rasfrmazne d segnal bdreznal n segnal undreznal. Usand, però, dd per raddrzzare segnal, s avrà l svanagg d nn per raddrzzare segnal la cu ampezza

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 MOD.COM/VIT COMUNE di VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 1 SEMESTRE (scrivere a macchina o in stampatello) 2 SEMESTRE 01 Denominazione del Villaggio Turistico

Dettagli

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Scheda n. 7 AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE A 2 A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Residenziale a blocco Superficie

Dettagli

CAMPIONE DELL URSS MKKKKKKKKN I/@?@7@?0J I@#@?,#@?J I#@+$#@?$J I@?@?"?$3J I?@?@?@'@J I")&?@%@?J I?"!@?"!"J I@?@-2-6?J PLLLLLLLLO

CAMPIONE DELL URSS MKKKKKKKKN I/@?@7@?0J I@#@?,#@?J I#@+$#@?$J I@?@??$3J I?@?@?@'@J I)&?@%@?J I?!@?!J I@?@-2-6?J PLLLLLLLLO CAMPIONE DELL URSS Alla fine di novembre del 1956 cominciò a Tbilisi la semifinale del 24 campionato dell Urss. Tal vi prese parte. Aspiravano al diritto di giocare il torneo di campionato, tra gli altri,

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

L Pett-L D Natoil. P L M-Ninn U Prijscij Je Asse Quann L Pett-L S avonn a Fe ; Mesc-Ch La Mamm, Jind O Quandariidd, Farein, Soil, E Tutt L Ngredijnd;

L Pett-L D Natoil. P L M-Ninn U Prijscij Je Asse Quann L Pett-L S avonn a Fe ; Mesc-Ch La Mamm, Jind O Quandariidd, Farein, Soil, E Tutt L Ngredijnd; L Pett-L D Natoil P L M-Ninn U Prijscij Je Asse Quann L Pett-L S avonn a Fe ; Mesc-Ch La Mamm, Jind O Quandariidd, Farein, Soil, E Tutt L Ngredijnd; Ecch La Pasta, Chioin Chioin Crescj, Finghe A Quann

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA SERVIZIO CONCESSIONI ==============REGISTRO DELLE CONCESSIONI============= ANNO 2014

PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA SERVIZIO CONCESSIONI ==============REGISTRO DELLE CONCESSIONI============= ANNO 2014 1 1 PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA SERVIZIO CONCESSIONI ==============REGISTRO DELLE CONCESSIONI============= ANNO 2014 N PROVV. DATA TITOLARE OGGETTO PROVV. (1) 1414 08.01.2014 TELECOM S.P.A. Autorizzazione

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

a M a r o n n a c a c c u m p a g n a!

a M a r o n n a c a c c u m p a g n a! a M a r o n n a c a c c u m p a g n a! I l s a l o t t o d e l l U n i t a l s i N a p o l i #acacciadisorrisi La foto vincitrice del Premio Social WIZARDD 205 LIKE INSTAGRAMM N. 7 Setembre 2014 HA VINTO

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

Interruttori di pressione Honeywell. Dati tecnici

Interruttori di pressione Honeywell. Dati tecnici Interruttori di pressione oneywell Alta pressione: Series, E Series Impostazione in fabbrica da 150 psi a 4500 psi [da 10,34 bar a 310,26 bar] Bassa pressione: L Series, LE Series Impostazione in fabbrica

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al L verbae n"..8j... Ogg, se marzo duemaqundc, ae ore 13.00, s è runta nea sede d questa sttuzone Scoastca a commssone Eettorae così composta RBEZZO ASSUNTA Presdente; VAL SABNA Segretaro, FATORELLO GAMPETRO

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni VBA Il Visual Basic for Application Le funz ioni Le procedure Funz ioni µ E pos s ibile (e cons igliato) s comporre un problema i n sotto- problemi e combinar e poi assieme le s oluz i oni per ottenere

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

INDICE TRATTAMENTO SUPERFICI

INDICE TRATTAMENTO SUPERFICI INDICE TRATTAMENTO SUPERFICI CODICE ARTICOLO DESCRIZIONE U.M. 5752050 SPAZZOLE-PAG.8 ASTA PER SCOVOLI IN PPL MM.1400 SIT PEZZO 5752050 SPAZZOLE-PAG.8 ATTACCO FLESSIBILE IN ACCIAIO PER SCOVOLI M.12 SIT

Dettagli

DE e DTE: PROVA SCRITTA DEL 26 Gennaio 2015

DE e DTE: PROVA SCRITTA DEL 26 Gennaio 2015 DE e DTE: PROVA SCRITTA DEL 26 Gennaio 2015 ESERCIZIO 1 (DE,DTE) Un transistore bipolare n + pn con N Abase = N Dcollettore = 10 16 cm 3, µ n = 0.09 m 2 /Vs, µ p = 0.035 m 2 /Vs, τ n = τ p = 10 6 s, S=1

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II Università degli Studi di Lecce Facltà di Ingegneria Infrmatica N.O. A.A. /4 esina Esame di Elettrnica Analgica II Studentessa: Laura Crchia Dcente: Dtt. Marc Panare INDICE Presentazine del prgett del

Dettagli

Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co. Pr ef er.

Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co. Pr ef er. Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co Tipo d. Incl. Po Posto Tip o Ris sto Cognome Nome Data Nascita Prov.

Dettagli

n de st oasi de relacchese, cibborio e de sollazzo,

n de st oasi de relacchese, cibborio e de sollazzo, n de st oasi de relacchese, cibborio e de sollazzo, Ecco ancora n occasione in cui veng a rompe r cazzo, Perché propo l artroieri sta signora ch è qui sotto Ha sgarato n artro anno, per cui mò sò ggià

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci JOH EBTI BCH Invnzon a u voc BWV 772 7 cura Lug Catal trascrzon ttuata con UP htt//ckngmuscarchvorg/ c 200 Lug Catal (lucatal@ntrrt) Ths ag s ntntonally lt ut urchtg nltung Wormt nn Lbhabrn s Clavrs, bsonrs

Dettagli

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI Giunzione a compara in lega di alluminio per utilizzo in ambienti interni ed eterni (cl. di erv. 2) Preforata con ditanze ottimizzate per giunzioni ia u legno (chiodi

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

ITALIA REPUBBLICA POSTA ORDINARIA. 2-1-1-2 S.S. 2 C.E.I. Luog. 500. 60 c. 50 c 5-1-1-5 S.S. 5 C.E.I. 503. 9-1-1-9 S.S. 9 C.E.I. Luog. 507.

ITALIA REPUBBLICA POSTA ORDINARIA. 2-1-1-2 S.S. 2 C.E.I. Luog. 500. 60 c. 50 c 5-1-1-5 S.S. 5 C.E.I. 503. 9-1-1-9 S.S. 9 C.E.I. Luog. 507. 10 c 20 c 25 c 1-1-1-1 S.S. 1 C.E.I. Luog. 499 2-1-1-2 S.S. 2 C.E.I. Luog. 500 3-1-1-3 S.S. 3 C.E.I. 501 40 c 50 c 60 c 80 c 4-1-1-4 S.S. 4 C.E.I. Luog. 502 5-1-1-5 S.S. 5 C.E.I. 503 6-1-1-6 S.S. 6 C.E.I.

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO 1 (Ridis. con modifiche da M. De Stefano, 2009) 2 3 Concetto di duttilità 4 5 6 7 E necessario avere i valori di q dallo strutturista ( ma anche qo). Per

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia I pincipi della Dinamica Un oggetto si mette in movimento quando viene spinto o tiato o meglio quando è soggetto ad una foza 1. Le foze sono gandezze fisiche vettoiali che influiscono su un copo in modo

Dettagli

Serie RTC. Prospetto del catalogo

Serie RTC. Prospetto del catalogo Serie RTC Prospetto del catalogo Bosch Rexroth AG Pneumatics Serie RTC Cilindro senza stelo, Serie RTC-BV Ø 16-80 mm; a doppio effetto; con pistone magnetico; guida integrata; Basic Version; Ammortizzamento:

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Sensori ad ultrasuoni

Sensori ad ultrasuoni Sensori ad ultrasuoni SENSORE AD ULTRASUONI SUM-P20 U H (cod. U12000002) CUSTODIA CILINDRICA METALLICA M12x1 USCITA ANALOGICA 0...10 SISTEMA DI RILEAMENTO Distanza di rilevamento Uscita analogica ( RL

Dettagli

O la, o che bon eccho! (The Echo Song)

O la, o che bon eccho! (The Echo Song) la che bn ecch! (The Ech ng) ATB Duble Chir a cappella rland di Lass (1532-1596) CANT (pran I) 2 ALT (Alt II) 2 TENRE (Tenr II) BA (Bass I) % E %E % E E 1 la la la la che bun che bun che bun che bun ec

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

(1) Livello Inquadramento

(1) Livello Inquadramento di Mutualità ed Assistenza MACERATA Via Gramsci, 38 Tel. 0733 230243 Fax. 0733 232145 E mail: info@cassaedilemacerata.it www. cassaedilemacerata.it DATI ANAGRAFICI DEL LAVORATORE ( per i nuovi assunti

Dettagli

VERIFICA DEI PRINCIPI DI KIRCHHOFF, DEL PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI, DEL TEOREMA DI MILLMAN

VERIFICA DEI PRINCIPI DI KIRCHHOFF, DEL PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI, DEL TEOREMA DI MILLMAN FCA D PNCP D KCHHOFF, DL PNCPO D SOAPPOSZON DGL FFTT, DL TOMA D MLLMAN Un qualunque circuito lineare (in cui agiscono più generatori) può essere risolto applicando i due principi di Kirchhoff e risolvendo

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata».

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata». Esercizi sul calcolo del ph Generalità introduttive 1. L'ammoniaca :NH 3 non possiede alcun ruppo ossidrilico. Come puoi spieare il suo comportamento basico? 2. Spiea il sinificato del termine «acido coniuato»

Dettagli

GRADUATORIA D'ISTITUTO PER NOMINE A TEMPO DETERMINATO - DEFINITIVA DENOMINAZIONE : SALERNO "MONTERISI" LORIA COMUNE : SALERNO

GRADUATORIA D'ISTITUTO PER NOMINE A TEMPO DETERMINATO - DEFINITIVA DENOMINAZIONE : SALERNO MONTERISI LORIA COMUNE : SALERNO AB77 - CHITARRA PAG. 1008 000001 BARONE MARIO SA/135710 0,00 0,00 6,00 126,00 66,00 15,00 Q X 213,00 2014 02/12/1985 (NA) BRNMRA85T02L245D VIA CARMINIELLO 7, E 14 80058 TORRE ANNUNZIATA (NA) SAMM17400V

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA. Catalogo Tecnico

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA. Catalogo Tecnico MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA Catalogo Tecnico Aprile 21 L azienda Brevini Fluid Power è stata costituita nel 23 a Reggio Emilia dove mantiene la sua sede centrale. Brevini Fluid Power produce

Dettagli

Graduatoria di Istituto II Fascia Personale Docente Scuola Infanzia TOEE14200C Data Produzione Graduatoria Definitiva: 15/11/2014 Co d.

Graduatoria di Istituto II Fascia Personale Docente Scuola Infanzia TOEE14200C Data Produzione Graduatoria Definitiva: 15/11/2014 Co d. Pst aduatria di Istitut II Fascia Persnale Dcente Scula Infanzia TOEE14200C Da Prduzine aduatria Definitiva: 15/11/2014 C Pst Cgnme Nme Pr Ann a Scula Acquis. Dmanda Pr Supplenza fin a 10gg COMUNE AN 1

Dettagli

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad Attraverso questo applicativo è possibile visualizzare tutti gli ingressi del DVR attraverso il cellulare. Per poter visionare le immagini

Dettagli

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento Ing. GianPiero Pavirani Bologna, 21 Novembre 2012 Sommario 1. Le attività di manutenzione 2. La normativa di riferimento: 1. 2. 3. Istruzione

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PO 7. 3 G estione del progetto Formativo C o p i a n C o n s e g n a t a / u p lo a d A : C N C q

PROCEDURA OPERATIVA PO 7. 3 G estione del progetto Formativo C o p i a n C o n s e g n a t a / u p lo a d A : C N C q Pag. 1/7 Indice 1.Scopo e campo di applicazione... 2 2.Responsabilità... 2 3. Modalità operative... 2 3.1 Pianificazione della progettazione e dello sviluppo... 2 3.2 Elementi in ingresso alla progettazione

Dettagli

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello "La scuola fa bene a tutti" 1 La trasparenza di una lingua L U P O /l/ /u/ /p/ /o/ C H I E S

Dettagli

LA TEORIA DELLA RELATIVITÀ GENERALE

LA TEORIA DELLA RELATIVITÀ GENERALE Fo h Eglsh so s blow af h Iala o. LA EOIA DELLA ELAIIÀ GENEALE I: Loao bo lobo@ahoo. www.fsa. Maggo 99. Ggo. Agoso. -I. -Ioo. -Caolo : Pss Goa. Pa..: Foalso lgh ah a sf. Pa..: Goa ffal bas. Pa..: Goa ffal

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE La presentazione dei dati per molte ricerche mediche fa comunemente riferimento a frequenze, assolute o percentuali. Osservazioni cliniche conducono sovente

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

Canzoni popolari. Melissa Jacobacci. 3 scuola elementare. Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli. 4 a scuola elementare

Canzoni popolari. Melissa Jacobacci. 3 scuola elementare. Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli. 4 a scuola elementare Canzoni popolari Melissa Jacobacci Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli 3 scuola elementare 4 a scuola elementare ALLA MATTINA C È IL CAFFE Alla mattina c è il caffè, ma senza zucchero, ma senza zucchero;

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli