Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme"

Transcript

1 G Pareschi Principio di induzione Il Principio di Induzione (che dovreste anche avere incontrato nel Corso di Analisi I) consente di dimostrare Proposizioni il cui enunciato è in funzione di un numero che varia nell insieme dei numeri naturali (o, più generalmente in sottoinsiemi del tipo {n Z n a}, dove a Z è un fissato numero intero) Ad esempio: () per ogni n N, la somma dei primi n numeri naturali è uguale a n(n + )/, oppure: () ogni numero naturale maggiore o uguale a è prodotto di numeri naturali primi Nel caso () l enunciato è: P(n): la somma dei primi n numeri naturali è uguale a n(n + )/, o, in simboli, n n(n + )/ Tale enunciato dipende dalla variabile n, che varia nell insieme dei numeri naturali N Nel secondo caso, l enunciato è P(n): ogni numero naturale n è prodotto di numeri primi o, in simboli, n N, n, h N e p,, p h N, primi, tali che n = p p h Anche in questo caso l enunciato dipende da n, che varia nell insieme {n N n } Parlando informalmente, il Principio di Induzione è il Principio della scala infinita Supponiamo di avere un scala infinita, i cui gradini corrispondono ai numeri naturali In questo contesto il Principio di Induzione si potrebbe enunciare così: supponiamo di sapere che una data persona: (a) è in grado di salire il primo gradino; (b) se è ad un certo gradino, diciamo n, allora è in grado di salire sul gradino successivo (diciamo n + ) Allora questa persona è in grado di salire ogni gradino della scala all infinito (cioè per ogni n) Passiamo alle formulazioni rigorose e alle corrispondenti dimostrazioni Proposizione (Principio di Induzione) Sia a Z e sia P {n Z n a} Se l insieme P verifica le seguenti condizioni: (a) a P ; (b) sia n a Se n P allora n + P ; allora P = {n Z n a} Proof Dimostrazione per assurdo Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme {n Z n a} Consideriamo cioè l insieme Q = {n Z n a e n P } Dobbiamo dimostrare che, se valgono le proprietà (a) e (b), allora Q = Supponiamo che Q non sia vuoto Osserviamo che Q è un sottoinsieme dell insieme dei numeri interi limitato inferiormente (perchè Q un sottoinsieme dell insieme {n Z n a}) Allora Q possiede certamente un elemento minimo q 0 Certamente q 0 > a, per la proprietà (a) Ne segue che anche () q 0 Q Insiemi X dotati di una relazione d ordine (vedi lezioni successive) con la proprietà seguente: ogni sottoinsieme A X limitato inferiormente possiede un elemento minimo sono detti insiemi ben ordinati Quindi, nella dimostrazione, stiamo usando il fatto che Z è ben ordinato Ad esempio, R non è ben ordinato (esistono sottoinsiemi di R, ad esempio la seniretta aperta (0, + ), che non hanno elemento minimo)

2 (altrimenti, per la proprietà (b), se non fosse così, q 0 = (q 0 ) + apparterebbe a P, e quindi non a Q) La () è in contrasto con il fatto che q 0 sia il minimo di Q Quindi, l ipotesi che Q non sia vuoto ci porta ad una contraddizione Dunque Q deve essere necessariamente vuoto Caso particolare Sia P N Se P verifica le seguenti condizioni: (a) P ; (b) sia n N Se n P allora n + P ; allora P = N Proof È la Proposizione precedente con a = Come anticipato sopra, il Principio di Induzione si usa spesso nella forma seguente Versione 3 Sia a Z e n a, sia P(n) una proposizione (ossia un enunciato che o è vero o è falso) Se (a) P(a) è vera; (b) n a, se P(n) è vera allora P(n + ) è vera; allora P(n) è vera n a Proof Si applica la Proposizione all insieme P = {n Z n a, e P(n) è vera} Esempio 4 Torniamo all esempio () dell introduzione: dimostriamo, per induzione, che, n N, la somma dei primi n numeri naturali è n(n + )/ In simboli, n(n + ) n N In questo caso l enunciato dipendente da n N è () P(n) : Cominciamo con il verificare il Passo base: P() è vera In altre parole ( + ) n(n + ) che è ovvio Compiamo ora il passo induttivo, cioè la dimostrazione dell implicazione P(n) P(n + ) In questo caso, dobbiamo dimostrare la seguente proposizione (3) Ipotesi induttiva: Se allora (4) Tesi: n+ Dimostrazione : Si ha che n+ n (n + )(n + ) i + (n + ) = = = n(n + ) (n + )(n + ) i + (n + ) Per ipotesi induttiva, n(n + ) + (n + )

3 Ma, portando a denominatore comune, n(n + ) n(n + ) + (n + ) (n + )(n + ) + (n + ) = = In definitiva abbiamo dimostrato che, se vale l ipotesi induttiva (3) allora n+ (n + )(n + ) Abbiamo quindi stabilito il passo induttivo, cioè che (3) implica (4) A volte è utile usare la seguente leggera variante del Principio di Induzione Variante 5 (Variante del Principio di Induzione) Sia a Z e sia P {n Z n a} Se l insieme P verifica le seguenti condizioni: (a) a P ; (b) Sia n a Se {m Z a m n} P allora n + P ; allora P = {n Z n a} Proof La dimostrazione è del tutto simile a quella della Proposizione Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme {n Z n a} Consideriamo cioè l insieme Q = {n Z n a e n P } Dobbiamo dimostrare che, se valgono le proprietà (a) e (b), allora Q = Osserviamo che Q è limitato inferiormente, poichè Q un sottoinsieme dell insieme {n Z n a} Supponiamo che Q non sia vuoto Allora, poichè Q è un sottoinsieme limitato inferiormente dell insieme dei numeri interi, Q possiede un elemento minimo q 0 Certamente q 0 > a, per la proprietà (a) Ne segue anche che esiste un m Q tale che a m q 0 (altrimenti, per la proprietà (b), se non fosse così, q 0 apparterebbe a P, e quindi non a Q) Ciò è in contrasto con il fatto che q 0 sia il minimo di Q Quindi Q deve essere necessariamente vuoto Versione 6 Sia a Z e n a, sia P(n) una proposizione (ossia un enunciato che o è vero o è falso) Se (a) P(a) è vera; (b) n a, se P(m) è vera m tale che a m n, allora P(n + ) è vera; allora P(n) è vera n a Proof Come quella della Versione 3 La differenza dalla Versione sta nell ipotesi induttiva Mentre nella Versione tale ipotesi è che P(n) è vera, nella versione è che P(m) è vera per ogni m tale che a m n Esempio 7 Cerchiamo di apprezzare la leggera differenza tra le due versioni nell esempio () dell introduzione: dimostriamo, per induzione, che ogni numero naturale maggiore o uguale a due è prodotto di numeri primi (non necessariamente distinti, chiaramente) In simboli, n, h N e p,, p h, numeri naturali primi, tali che n = p,, p h In questo caso l enunciato dipendente da n {n N n } è P(n) : h N e p,, p h, numeri naturali primi, tali che n = p,, p h Passo base: P() è vera In altre parole, il numero è prodotto di numeri primi Questo è ovvio perchè è primo (in simboli = p p h con h = e p = ) Passo induttivo: P(m) vera, m tale che m n, P(n + ) vera In questo caso dobbiamo dimostrare la seguente Proposizione: 3

4 4 (5) Ipotesi induttiva: Se m tale che m n h N e p,, p h numeri primi tali che m = p p h allora (6) Tesi: k N e p,, p k numeri primi tali che n + = p p k Dimostrazione : Se n + è primo allora la Tesi è ovvia Se invece n + non è primo, si ha che che n + = a b, con a, b n Per ipotesi induttiva, a e b sono prodotti di primi Quindi anche n + = a b lo è In simboli: per ipotesi induttiva h a N e p,, p ha numeri primi tali che a = p p ha e h b N e p,, p hb numeri primi tali che b = p p hb Dunque n + = a b = p p ha p p hb Raccolta di alcuni esercizi d esame sul principio di induzione Attenzione: questi sono alcuni esercizi d esame, sugli argomenti di questa dispensa Non sono una selezione di quelli che ritengo più significativi, ma solamente quelli tratti daglia appelli di cui sono in possesso del file sorgente Siete quindi invitati a cercare di risolvere gli esercizi, su questi argomenti, tratti dai TUTTI gli esami degli anni passati (oltre agli esercizi assegati, naturalmente) Esercizio Sia a R tale che 0 < a < Dimostrare per induzione che ( a) n < +na, per ogni n Soluzione Sia a (0, ) Passo base: Per n = la disuguaglianza da dimostrare e : a < +a, che si verifica osservando che, moltiplicando e dividendo il primo membro per + a, essa è equivalente a a +a < +a, e quindi a Passo induttivo: l ipotesi e : ( a) n < +na La tesi e : ( a)n+ < +(n+)a Per dimostrare la tesi, si scrive il primo membro ( a) n+ = ( a) n ( a) Per ipotesi induttiva (e usando che a > 0), si ha che ( a) n+ = ( a) n ( a) < a +na Dunque, per a dimostrare la tesi, e sufficiente dimostrare che: +na +(n+)a, per ogni n Portando i membri di quest ultima disuguaglianza a comune denominatore, si vede che essa e equivalente a ( a)( + (n + )a) ( + na)( + (n + )a + na ( + na)( + (n + )a), e quindi a: ( a)( + (n + )a) < + na, cioé: + na (n + )a < + na, che è banalmente vera per ogni n a < Esercizio Sia h un numero reale diverso da a) Dimostrare per induzione che n i=0 h hn+ h per ogni n 0 b) Verificare esplicitamente tale formula per h = e n = SOLUZIONE Verifichiamo l uguaglianza per n = 0: 0 =0 h h 0 =, h h = Supponiamo ora che l uguaglianza sia vera per un n N e dimostriamo che la stessa uguaglianza è vera per n + : n+ h h i + h n+ = hn+ + h n+ = hn+ + (h )h n+ = h h i=0 i=0

5 h n+ h + h n+ h n+ h Quindi l uguaglianza è vera per ogni n 0 = hn+ h Esercizio 3 Si definisca: w 0 =, w = 3 e, per ogni n, w n = w n + w n Dimostrare che w 0 + w + + w n = w n w n+ per ogni n Si dimostra l asserzione richiesta per induzione Per n = è vera: w 0 + w = 3 e w w = 3 5 = 3 Passo induttivo: assumiamo per ipotesi che w + + w n = w n w n+ e dimostriamo che Per l ipotesi induttiva abbiamo w + + w n + w n+ = w n+ w n+ w + + w n + w n+ = w n w n+ + w n+ = w n+ (w n + w n+ ) Poiché per definizione vale w n+ = w n + w n+, l espressione (*) è uguale a w n+ w n+, come richiesto Esercizio 4 Dimostrare per induzione che n 3 +5n è divisibile per 6, per ogni numero naturale n Per n = abbiamo = 6 Dunque P () è vera Facciamo vedere che P (n) P (n + ): assumendo n 3 + 5n divisibile per 6, anche (n + ) 3 + 5(n + ) risulta divisibile per 6 Scriviamo (n + ) 3 + 5(n + ) = n 3 + 3n + 3n + + 5n + 5 = n 3 + 5n + 3n(n + ) + 6 e osserviamo che, poiché n(n+) è sempre divisibile per due (uno fra n ed n+ è pari), 3n(n+) è sempre divisibile per 6 Ne segue che n 3 +5n divisibile per 6 implica (n+) 3 +5(n+) divisibile per 6, come richiesto Esercizio 5 Sia F : N R la funzione definita ricorsivamente definita da F () =, F (n) = n + F (n ), per n (a) Calcolare F (), F (), F (3), F (4) (b) Dimostrare per induzione che F (n) = n +n (a) F () =, F () = + F () = 3, F (3) = 3 + F () = 6, F (4) = 4 + F (3) = 0 (b) P () : F () = + (vera) Ipotesi induttiva: Tesi: P (n) : F (n) = n + n P (n) P (n + ) : F (n + ) = (n + ) + (n + ) = n + 3n + Per definizione F (n + ) = n + + F (n) Per ipotesi induttiva F (n) = n +n Da cui come richiesto F (n + ) = n + + n + n = n + 3n +, Una funzione, definita su N (o, più generalmente, su un insieme del tipo {n Z n a}), è definita ricorsivamente, o induttivamente se si definisce f(), e poi, dato n N, si defisce f(n) in funzione di f(),, f(n ) 5 ( )

6 6 Esercizio 6 Dimostrare per induzione che n 3 + 3n + 5n è divisibile per 3, per ogni n Chiamiamo P (n) la proposizione n 3 + 3n + 5n è divisibile per 3 P () è vera: infatti = 9 è divisibile per 3 Dimostriamo che se P (n) è vera (ipotesi induttiva), anche P (n + ) è vera: (n + ) 3 + 3(n + ) 3 + 5(n + ) = = (n 3 + 3n + 5n) + 3n + 9n + 9 È evidente che 3n + 9n + 9 è divisibile per 3; dunque assumendo n 3 + 3n + 5n divisibile per 3, anche (n + ) 3 + 3(n + ) 3 + 5(n + ) è divisibile per 3, come richiesto Esercizio 7 Dimostrare per induzione che n n Per n =, l enunciato è P () :, ed è vero n, per ogni numero naturale Facciamo vedere che dall enunciato ennesimo P (n) : n n, segue l enunciato (n + )-simo P (n + ) : (n+) n+ Se P (n) è vero, abbiamo intanto la stima n + (n + ) n + (n + ) Se facciamo vedere che n + (n + ) n +, abbiamo dimostrato l enunciato P (n + ) La disequazione (*) è equivalente a n + (n + ) n + (n + ) n n + = n(n + ), che è soddisfatta per ogni numero naturale n La dimostrazione è completa Esercizio 8 Trovare una formula generale per la somma n Dimostrare per induzione che la formula trovata è quella giusta Si tratta di una serie geometrica Per n =,, 3, 4, si trova che la somma è uguale rispettivamente a 3, 7, 5, 3, e si riconoscono le potenze di meno La formula cercata è quindi n = s n = n+ Dimostriamo la validità della formula per induzione: per n = abbiamo che + = s = + Questo è corretto Supponendo che la formula valga per n, abbiamo che s n+ = s n + n+ = ( n+ ) + n+ = n+ Vediamo che la formula vale anche per n +, come richiesto Esercizio 9 Dimostrare per induzione che n k= k n per ogni n Per n = l affermazione è vera Supponendo l affermazione vera per n N facciamo adesso vedere che vale anche per n + Abbiamo che n+ k= = n k k= + Dobbiamo k (n+) dimostrare che questo è n+ Per l ipotesi d induzione abbiamo che n k= k n Basta quindi dimostrare che n + (n+) n+ Questo segue dal fatto che (n+) n(n+) = n n+ Esercizio 0 I numeri di Fibonacci F n sono definiti da F 0 =, F = e induttivamente da F n = F n + F n per n (a) Calcolare F 5 ( )

7 7 (b) Dimostrare per induzione che mcd(f n, F n ) = per ogni n (a) F = F 0 + F =, F 3 = F + F + = 3, F 4 = F + F 3 = 5, F 5 = F 3 + F 4 = 8 (b) n = : mcd(f 0, F ) = mcd(, ) = Passo induttivo: supponiamo che mcd(f n, F n ) = Si deve dimostrare che mcd(f n, F n+ ) = Sia m un numero naturale che divide sia F n che F n+ = F n + F n Allora m divide anche la differenza F n+ F n = F n Quindi m divide sia F n che F n e dunque, per l ipotesi induttiva, m = L asserzione è dimostrata Esercizio Dimostrare per induzione che divide 4 n+ + 5 n per ogni n N formula vale per n =, perché abbiamo che = Per dimostrare la formula per n +, scriviamo 4 n+ + 5 (n+) = 4(4 n+ + 5 n ) 4 5 n + 5 (n+) = = 4(4 n+ + 5 n ) 5 n ( 4 + 5) = 4(4 n+ + 5 n ) + 5 n Siccome per ipotesi la formula vale per n, il fattore 4 n+ +5 n è divisibile per Concludiamo che l ultima espressione è divisibile per e quindi che la formula vale per n + Esercizio Siano G n Z definiti ricorsivamente da G =, G = e G n = G n + 3G n per n 3 (a) Calcolare G 5 (b) Dimostrare per induzione che G n+ G ng n+ = ( 3) n per ogni n N (a) Abbiamo che G 3 = + 3 = 4, G 4 = = 7 e quindi G 5 = = 9 (b) Siccome abbiamo che G G G 3 = 3 =, l affermazione è corretta per n = Supponiamo adesso che la formula valga per n e dimostriamola per n + Abbiamo che G n+ G n+ G n+3 = G n+ (G n+ + 3G n ) G n+ (G n+ + 3G n+ ) = = 3(G n+ G n G n+) = 3( 3) n = ( 3) n+ Nell ultimo passaggio usiamo l ipotesi induttiva, ossia l uguaglianza G n+ G ng n+ = ( 3) n Esercizio 3 Dimostrare per induzione che n k=0 (k+)(k+3) = n n+ La per ogni n Per n =, la somma ha solo il termine con k = 0 ed è uguale a /3 = n/(n + ) Supponiamo adesso che la fomula valga per n e cerchiamo di dimostrarla per n + Per induzione abbiamo che k=0 n (k + )(k + 3) = come richiesto k=0 (k + )(k + 3) + (n + )(n + 3) = n n + + (n + )(n + 3) = = n(n + 3) + (n + )(n + 3) = n + n + 3

G. Pareschi GENERALITÀ SULLE FUNZIONI. CARDINALITÀ

G. Pareschi GENERALITÀ SULLE FUNZIONI. CARDINALITÀ G. Pareschi GENERALITÀ SULLE FUNZIONI. CARDINALITÀ 1. Definizione di funzione Definizione 1.1. Siano X e Y due insiemi. Una funzione f da X a Y è un sottoinsieme del prodotto cartesiano: f X Y, tale che

Dettagli

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive.

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Lezione 6 Prerequisiti: L'insieme dei numeri interi. Lezione 5. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Questa è la prima lezione dedicata all'anello

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

19. Inclusioni tra spazi L p.

19. Inclusioni tra spazi L p. 19. Inclusioni tra spazi L p. Nel n. 15.1 abbiamo provato (Teorema 15.1.1) che, se la misura µ è finita, allora tra i corispondenti spazi L p (µ) si hanno le seguenti inclusioni: ( ) p, r ]0, + [ : p

Dettagli

16. Vari modi di convergenza delle successioni di funzioni reali misurabili.

16. Vari modi di convergenza delle successioni di funzioni reali misurabili. 16. Vari modi di convergenza delle successioni di funzioni reali misurabili. L argomento centrale di questa ultima parte del corso è lo studio in generale della convergenza delle successioni negli spazi

Dettagli

G. Pareschi RELAZIONI. RELAZIONI DI EQUIVALENZA. 1. Definizione e terminologia

G. Pareschi RELAZIONI. RELAZIONI DI EQUIVALENZA. 1. Definizione e terminologia G. Pareschi RELAZIONI. RELAZIONI DI EQUIVALENZA. 1. Definizione e terminologia Definizione 1.1 Relazione. Dati due insiemi A e B un sottoisieme R A B è detto una relazione binaria tra A e B. Se A = B allora

Dettagli

Equazioni alle differenze finite (cenni).

Equazioni alle differenze finite (cenni). AL 011. Equazioni alle differenze finite (cenni). Sia a n } n IN una successione di numeri reali. (Qui usiamo la convenzione IN = 0, 1,,...}). Diremo che è una successione ricorsiva o definita per ricorrenza

Dettagli

x u v(p(x, fx) q(u, v)), e poi

x u v(p(x, fx) q(u, v)), e poi 0.1. Skolemizzazione. Ogni enunciato F (o insieme di enunciati Γ) è equisoddisfacibile ad un enunciato universale (o insieme di enunciati universali) in un linguaggio estensione del linguaggio di F (di

Dettagli

5. La teoria astratta della misura.

5. La teoria astratta della misura. 5. La teoria astratta della misura. 5.1. σ-algebre. 5.1.1. σ-algebre e loro proprietà. Sia Ω un insieme non vuoto. Indichiamo con P(Ω la famiglia di tutti i sottoinsiemi di Ω. Inoltre, per ogni insieme

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

TEORIA DEI NUMERI SUCCESSIONI

TEORIA DEI NUMERI SUCCESSIONI Liceo Scientifico G. Salvemini Corso di preparazione per la gara provinciale delle OLIMPIADI DELLA MATEMATICA INTRO TEORIA DEI NUMERI SUCCESSIONI NUMERI INTERI QUESITO Un quesito (facile) sulle cifre:

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla ESERCITAZIONI DI ANALISI FOGLIO FOGLIO FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI Marco Pezzulla gennaio 05 FOGLIO. Determinare il dominio e il segno della funzione ( ) f(x) arccos x x + π/3.

Dettagli

Parte I. Relazioni di ricorrenza

Parte I. Relazioni di ricorrenza Parte I Relazioni di ricorrenza 1 Capitolo 1 Relazioni di ricorrenza 1.1 Modelli Nel seguente capitolo studieremo le relazioni di ricorrenza. Ad esempio sono relazioni di ricorrenza a n = a n 1 + n, a

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

Corso PAS Anno 2014. ESEMPIO. Per n = 3, Z 3 contiene 3 elementi:

Corso PAS Anno 2014. ESEMPIO. Per n = 3, Z 3 contiene 3 elementi: Corso PAS Anno 2014 Matematica e didattica 3 Correzione esercizi 1. Definizione. Sia n un fissato intero maggiore di 1. Dati due interi a, b si dice che a è congruo a b modulo n, e si scrive a b (mod n),

Dettagli

Esercizi di Matematica Discreta e Geometria. Parte II

Esercizi di Matematica Discreta e Geometria. Parte II Esercizi di Matematica Discreta e Geometria Parte II 14 gennaio 2010 AVVISO: Sia i testi che gli svolgimenti proposti possono contenere errori e/o ripetizioni Essi sono infatti opera di vari collage e,

Dettagli

Note di matematica per microeconomia

Note di matematica per microeconomia Note di matematica per microeconomia Luigi Balletta Funzioni di una variabile (richiami) Una funzione di variabile reale ha come insieme di partenza un sottoinsieme di R e come insieme di arrivo un sottoinsieme

Dettagli

Parte 6. Applicazioni lineari

Parte 6. Applicazioni lineari Parte 6 Applicazioni lineari A Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Applicazioni fra insiemi, 2 Applicazioni lineari tra spazi vettoriali, 2 3 Applicazioni lineari da R n a R

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI. 1) Dimostrare che l insieme. non è ricorsivo. Soluzione: Definiamo l insieme

ESERCIZI SVOLTI. 1) Dimostrare che l insieme. non è ricorsivo. Soluzione: Definiamo l insieme ESERCIZI SVOLTI 1) Dimostrare che l insieme Allora notiamo che π non è vuoto perché la funzione ovunque divergente appartiene all insieme avendo per dominio l insieme. Inoltre π non coincide con l insieme

Dettagli

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Versione ottobre novembre 2008 Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Contenuto 1. Applicazioni lineari 2. L insieme delle

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0.

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0. Problema. Sia W il sottospazio dello spazio vettoriale R 4 dato da tutte le soluzioni dell equazione x + x 2 + x = 0. (a. Sia U R 4 il sottospazio dato da tutte le soluzioni dell equazione Si determini

Dettagli

Il principio di induzione e i numeri naturali.

Il principio di induzione e i numeri naturali. Il principio di induzione e i numeri naturali. Il principio di induzione è un potente strumento di dimostrazione, al quale si ricorre ogni volta che si debba dimostrare una proprietà in un numero infinito

Dettagli

LEZIONE 23. Esempio 23.1.3. Si consideri la matrice (si veda l Esempio 22.2.5) A = 1 2 2 3 3 0

LEZIONE 23. Esempio 23.1.3. Si consideri la matrice (si veda l Esempio 22.2.5) A = 1 2 2 3 3 0 LEZIONE 23 231 Diagonalizzazione di matrici Abbiamo visto nella precedente lezione che, in generale, non è immediato che, data una matrice A k n,n con k = R, C, esista sempre una base costituita da suoi

Dettagli

G. Pareschi ALGEBRE DI BOOLE. 1. Algebre di Boole

G. Pareschi ALGEBRE DI BOOLE. 1. Algebre di Boole G. Pareschi ALGEBRE DI BOOLE 1. Algebre di Boole Nel file precedente abbiamo incontrato la definizione di algebra di Boole come reticolo: un algebra di Boole e un reticolo limitato, complementato e distributivo.

Dettagli

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag. SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

risulta (x) = 1 se x < 0.

risulta (x) = 1 se x < 0. Questo file si pone come obiettivo quello di mostrarvi come lo studio di una funzione reale di una variabile reale, nella cui espressione compare un qualche valore assoluto, possa essere svolto senza necessariamente

Dettagli

NULLSTELLENSATZ PER TUTTI

NULLSTELLENSATZ PER TUTTI NULLSTELLENSATZ PER TUTTI MARCO MANETTI Dedicato alla memoria di Franco Conti Il Nullstellensatz, detto anche teorema degli zeri di Hilbert, è la generalizzazione in più dimensioni del teorema fondamentale

Dettagli

Il valore assoluto. F. Battelli Università Politecnica delle Marche, Ancona. Pesaro, Precorso di Analisi 1, 22-28 Settembre 2005 p.

Il valore assoluto. F. Battelli Università Politecnica delle Marche, Ancona. Pesaro, Precorso di Analisi 1, 22-28 Settembre 2005 p. Il valore assoluto F Battelli Università Politecnica delle Marche Ancona Pesaro Precorso di Analisi 1 22-28 Settembre 2005 p1/23 Il valore assoluto Si definisce il valore assoluto di un numero reale l

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI LOGARITMICHE Esercizi risolti Classi quarte

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI LOGARITMICHE Esercizi risolti Classi quarte EQUAZIONI E DISEQUAZIONI LOGARITMICHE Esercizi risolti Classi quarte La presente dispensa riporta la risoluzione di alcuni esercizi inerenti equazioni e disequazioni logaritmiche. N.B. In questa dispensa,

Dettagli

Matematica Discreta. Gianfranco Niesi. Appunti per il corso di. C.S. in Informatica. Dipartimento di Matematica A.A. 2005-2006

Matematica Discreta. Gianfranco Niesi. Appunti per il corso di. C.S. in Informatica. Dipartimento di Matematica A.A. 2005-2006 Appunti per il corso di Matematica Discreta C.S. in Informatica UNIVERSITÀ DI GENOVA A.A. 2005-2006 Gianfranco Niesi Dipartimento di Matematica URL: http://www.dima.unige.it/ niesi 4 ottobre 2005 2 Indice

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

Algebra e Geometria. Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2)

Algebra e Geometria. Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2) Algebra e Geometria Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2) Traccia delle lezioni che saranno svolte nell anno accademico 2012/13 I seguenti appunti

Dettagli

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

Matematica 3. Dipartimento di Matematica. ITIS V.Volterra San Donà di Piave. Versione [2015-16]

Matematica 3. Dipartimento di Matematica. ITIS V.Volterra San Donà di Piave. Versione [2015-16] Matematica 3 Dipartimento di Matematica ITIS V.Volterra San Donà di Piave Versione [05-6] Indice I Numeri e Funzioni Numeri 3. Premessa............................................. 3. Tipi di numeri..........................................

Dettagli

1 Massimi e minimi liberi 1. 2 Massimi e minimi vincolati 7. 3 Soluzioni degli esercizi 12

1 Massimi e minimi liberi 1. 2 Massimi e minimi vincolati 7. 3 Soluzioni degli esercizi 12 UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica 1 Massimi e minimi delle funzioni di più variabili Indice 1 Massimi e minimi liberi 1 Massimi e minimi vincolati 7 3 Soluzioni degli esercizi

Dettagli

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio. Funzioni e insiemi numerici.4 Verificare che (A B) (A B) = (A A ) B. ) Sia (a, b) (A B) (A B). Allora a (A A ) e b B, da cui (a,

Dettagli

Esercizi Capitolo 2 - Analisi di Algoritmi

Esercizi Capitolo 2 - Analisi di Algoritmi Esercizi Capitolo - Analisi di Algoritmi Alberto Montresor 19 Agosto, 014 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare

Dettagli

Alcune nozioni preliminari di teoria elementare di insiemi e funzioni

Alcune nozioni preliminari di teoria elementare di insiemi e funzioni Alcune nozioni preliminari di teoria elementare di insiemi e funzioni Alberto Pinto Corso di Matematica - NUCT 1 Insiemi 1.1 Generalità Diamo la definizione di insieme secondo Georg Cantor, matematico

Dettagli

Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1. Federico Lastaria federico.lastaria@polimi.it

Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1. Federico Lastaria federico.lastaria@polimi.it Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1 Federico Lastaria federico.lastaria@poi.it Primi teoremi di caclolo differenziale Ottobre 2010. Indice 1 Funzioni derivabili su un intervallo 1 1.1

Dettagli

Note del corso di Calcolabilità e Linguaggi Formali - Lezione 6

Note del corso di Calcolabilità e Linguaggi Formali - Lezione 6 Note del corso di Calcolabilità e Linguaggi Formali - Lezione 6 Alberto Carraro 30 novembre DAIS, Universitá Ca Foscari Venezia http://www.dsi.unive.it/~acarraro 1 Funzioni Turing-calcolabili Finora abbiamo

Dettagli

(ETC) MATRICOLE DISPARI

(ETC) MATRICOLE DISPARI Elementi di Teoria della Computazione (ETC) MATRICOLE DISPARI Docente: Prof. Luisa Gargano BENVENUTI! Finalità: Fornire gli elementi di base delle teorie che sono di fondamento all'informatica 1. Computabilità

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA LINEARE

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA LINEARE APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA LINEARE Le equazioni di primo grado Le disequazioni di primo grado I sistemi di primo grado ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le equazioni di primo grado 3 1.1 Le uguaglianze.......................................

Dettagli

SISTEMI DI NUMERAZIONE DECIMALE E BINARIO

SISTEMI DI NUMERAZIONE DECIMALE E BINARIO SISTEMI DI NUMERAZIONE DECIMALE E BINARIO Il sistema di numerazione decimale (o base dieci) possiede dieci possibili valori (0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8 o 9) utili a rappresentare i numeri. Le cifre possiedono

Dettagli

Prob(CCCCCCCCCC) = 1 2 10

Prob(CCCCCCCCCC) = 1 2 10 12. Contenuto di Informazione Algoritmico (AIC) - 17/05/12 Vogliamo adesso introdurre una nozione di contenuto di informazione di una stringa infinita, prodotta da una sorgente di informazione, che non

Dettagli

1 Applicazioni Lineari tra Spazi Vettoriali

1 Applicazioni Lineari tra Spazi Vettoriali 1 Applicazioni Lineari tra Spazi Vettoriali Definizione 1 (Applicazioni lineari) Si chiama applicazione lineare una applicazione tra uno spazio vettoriale ed uno spazio vettoriale sul campo tale che "!$%!

Dettagli

1. I limiti delle funzioni.

1. I limiti delle funzioni. 1. I iti delle funzioni. 1.1. Considerazioni introduttive. La nozione di ite di una funzione reale di variabile reale costituisce una naturale generalizzazione della nozione di ite di una successione.

Dettagli

IL CALCOLO VETTORIALE (SUPPLEMENTO AL LIBRO)

IL CALCOLO VETTORIALE (SUPPLEMENTO AL LIBRO) IL CALCOLO VETTORIALE SUPPLEMENTO AL LIBRO CLAUDIO BONANNO Contents. Campi di vettori e operatori 2. Il lavoro di un campo di vettori 5 2.. Lavoro e campi conservativi 6 2.2. Lavoro e campi irrotazionali:

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

Matematica generale CTF

Matematica generale CTF Successioni numeriche 19 agosto 2015 Definizione di successione Monotonìa e limitatezza Forme indeterminate Successioni infinitesime Comportamento asintotico Criterio del rapporto per le successioni Definizione

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

La Logica Proposizionale. (Algebra di Boole)

La Logica Proposizionale. (Algebra di Boole) 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ANGIOY La Logica Proposizionale (Algebra di Boole) Prof. G. Ciaschetti 1. Cenni storici Sin dagli antichi greci, la logica è intesa come lo studio del logos, che in greco

Dettagli

4.1 Modelli di calcolo analisi asintotica e ricorrenze

4.1 Modelli di calcolo analisi asintotica e ricorrenze 4 Esercizi Prima Parte 4.1 Modelli di calcolo analisi asintotica e ricorrenze Esercizio 4 1 Rispondere alle seguenti domande: 1. Come misuriamo l efficienza di un algoritmo?. Quali sono gli algoritmi più

Dettagli

SPAZI METRICI. Uno spazio metrico X con metrica d si indica con il simbolo (X, d). METRICI 1

SPAZI METRICI. Uno spazio metrico X con metrica d si indica con il simbolo (X, d). METRICI 1 SPAZI METRICI Nel piano R 2 o nello spazio R 3 la distanza fra due punti è la lunghezza, o norma euclidea, del vettore differenza di questi due punti. Se p = (x, y, z) è un vettore in coordinate ortonormali,

Dettagli

PRIMAVERA IN BICOCCA

PRIMAVERA IN BICOCCA PRIMAVERA IN BICOCCA 1. Numeri primi e fattorizzazione Una delle applicazioni più rilevanti della Teoria dei Numeri si ha nel campo della crittografia. In queste note vogliamo delineare, in particolare,

Dettagli

Aritmetica: operazioni ed espressioni

Aritmetica: operazioni ed espressioni / A SCUOLA DI MATEMATICA Lezioni di matematica a cura di Eugenio Amitrano Argomento n. : operazioni ed espressioni Ricostruzione di un abaco dell epoca romana - Museo RGZ di Magonza (Germania) Libero da

Dettagli

Appunti di LOGICA MATEMATICA (a.a.2009-2010; A.Ursini) Algebre di Boole. 1. Definizione e proprietá

Appunti di LOGICA MATEMATICA (a.a.2009-2010; A.Ursini) Algebre di Boole. 1. Definizione e proprietá Appunti di LOGICA MATEMATICA (a.a.2009-2010; A.Ursini) [# Aii [10 pagine]] Algebre di Boole Un algebra di Boole è una struttura 1. Definizione e proprietá B =< B,,, ν, 0, 1 > in cui B è un insieme non

Dettagli

L anello dei polinomi

L anello dei polinomi L anello dei polinomi Sia R un anello commutativo con identità. È possibile costruire un anello commutativo unitario, che si denota con R[x], che contiene R (come sottoanello) e un elemento x non appartenente

Dettagli

Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello. V. M. Abrusci

Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello. V. M. Abrusci Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello V. M. Abrusci 12 ottobre 2015 0.1 Problemi logici basilari sulle classi Le classi sono uno dei temi della logica. Esponiamo in questa

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

f: AxB f(x)=y, f={ per ogni x in A esiste unica y in B f(x)=y} f={<1,2>, <2,3>, <3,3>} : {1,2,3} {1,2,3} f(1)=2, f(2)=3, f(3)=3

f: AxB f(x)=y, f={<x,y> per ogni x in A esiste unica y in B f(x)=y} f={<1,2>, <2,3>, <3,3>} : {1,2,3} {1,2,3} f(1)=2, f(2)=3, f(3)=3 Insieme delle parti di A : Funzione : insieme i cui elementi sono TUTTI i sottoinsiemi di A f: AxB f(x)=y, f={ per ogni x in A esiste unica y in B f(x)=y} f={, , } : {1,2,3} {1,2,3}

Dettagli

Prodotto libero di gruppi

Prodotto libero di gruppi Prodotto libero di gruppi 24 aprile 2014 Siano (A 1, +) e (A 2, +) gruppi abeliani. Sul prodotto cartesiano A 1 A 2 definiamo l operazione (x 1, y 1 ) + (x 2, y 2 ) := (x 1 + x 2, y 1 + y 2 ). Provvisto

Dettagli

DOMINI A FATTORIZZAZIONE UNICA

DOMINI A FATTORIZZAZIONE UNICA DOMINI A FATTORIZZAZIONE UNICA CORSO DI ALGEBRA, A.A. 2012-2013 Nel seguito D indicherà sempre un dominio d integrità cioè un anello commutativo con unità privo di divisori dello zero. Indicheremo con

Dettagli

riesaminare l insieme dei naturali dal punto di vista delle proprietà che lo caratterizzano;

riesaminare l insieme dei naturali dal punto di vista delle proprietà che lo caratterizzano; Capitolo 1 Successioni Obiettivi Obiettivo generale del capitolo è introdurre le successioni numeriche, presentando alcune delle proprietà che esse ereditano dall insieme dei numeri naturali. Obiettivi

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE

LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE La sequenza costituisce un esempio di SUCCESSIONE. Ecco un altro esempio di successione: Una successione è dunque una sequenza infinita di numeri reali (ma potrebbe

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

NUMERI E SUCCESSIONI

NUMERI E SUCCESSIONI NUMERI E SUCCESSIONI Giovanni Maria Troianiello 1 Notazioni insiemistiche. Numeri naturali, interi, razionali Notazioni insiemistiche Si sa cosa s intende quando si parla di insieme (o famiglia, o classe)

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

STRUTTURE ALGEBRICHE

STRUTTURE ALGEBRICHE STRUTTURE ALGEBRICHE 1. Operazioni algebriche binarie Dato un insieme M, chiamiamo operazione algebrica binaria definita su M una qualunque applicazione f che associa ad ogni coppia ordinata (a, b) di

Dettagli

f(x) = 1 x. Il dominio di questa funzione è il sottoinsieme proprio di R dato da

f(x) = 1 x. Il dominio di questa funzione è il sottoinsieme proprio di R dato da Data una funzione reale f di variabile reale x, definita su un sottoinsieme proprio D f di R (con questo voglio dire che il dominio di f è un sottoinsieme di R che non coincide con tutto R), ci si chiede

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Successioni e serie numeriche Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

Soluzioni del giornalino n. 16

Soluzioni del giornalino n. 16 Soluzioni del giornalino n. 16 Gruppo Tutor Soluzione del Problema 1 Soluzioni corrette ci sono pervenute da : Gianmarco Chinello, Andrea Conti, Simone Costa, Marco Di Liberto, Simone Di Marino, Valerio

Dettagli

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica...

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica... UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di variabile reale Indice Grafico di una funzione reale 2 Funzioni elementari 2 2. Funzione potenza................................................

Dettagli

Due dimostrazioni alternative nella teoria di Ramsey

Due dimostrazioni alternative nella teoria di Ramsey Due dimostrazioni alternative nella teoria di Ramsey 28 Marzo 2007 Introduzione Teoria di Ramsey: sezione della matematica a metà tra la combinatoria e la teoria degli insiemi. La questione tipica è quella

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente: Klaus Engel. Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria A.A. 2011/12

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente: Klaus Engel. Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria A.A. 2011/12 Appunti di Analisi Matematica Docente: Klaus Engel Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria A.A. / http://univaq.it/~engel ( = %7E) (Versione del 4 dicembre ) Note scritte in collaborazione

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

ALGEBRA I: MODULI. Abbiamo indicato con 0 A, 1 A lo zero e l unità nell anello A e con 0 M l elemento neutro del gruppo abeliano (M, +).

ALGEBRA I: MODULI. Abbiamo indicato con 0 A, 1 A lo zero e l unità nell anello A e con 0 M l elemento neutro del gruppo abeliano (M, +). ALGEBRA I: MODULI 1 GENERALITÀ SUGLI A-MODULI Il concetto di A-modulo generalizza quello di spazio vettoriale su un campo K Definizione 11 Sia A un anello commutativo con unità Un A-modulo è un insieme

Dettagli

Dispense del corso di ALGEBRA 1 a.a. 2008 2009

Dispense del corso di ALGEBRA 1 a.a. 2008 2009 Dispense del corso di ALGEBRA 1 a.a. 2008 2009 2 Indice I INSIEMI E NUMERI 5 1 Insiemi e applicazioni 7 1.1 Insiemi..................................... 7 1.2 Operazioni tra insiemi.............................

Dettagli

Algebra Lineare e Geometria

Algebra Lineare e Geometria Algebra Lineare e Geometria Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica A.A. 2013-2014 Prova d esame del 16/06/2014. 1) a) Determinare la matrice associata all applicazione lineare T : R 3 R 4 definita da

Dettagli

Insiemi con un operazione

Insiemi con un operazione Capitolo 3 Insiemi con un operazione 3.1 Gruppoidi, semigruppi, monoidi Definizione 309 Un operazione binaria su un insieme G è una funzione: f : G G G Quindi, un operazione binaria f su un insieme G è

Dettagli

Studio del grafico di una funzione reale

Studio del grafico di una funzione reale Capitolo 1 Studio del grafico di una funzione reale Questo testo è una guida per lo studio del grafico di una funzione. Non è un testo completo ma solo una bozza che servirà agli studenti per arrivare

Dettagli

Capitolo 2. Serie Numeriche

Capitolo 2. Serie Numeriche Capitolo 2 Serie Numeriche Iniziamo ricordando la nozione di successione e le operazioni definibili tra successioni. Questo permetterà di poter definire, con una certa semplicità la nozione di somma infinita

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica I

Esercizi di Analisi Matematica I Esercizi di Analisi Matematica I Andrea Corli e Alessia Ascanelli gennaio 9 Indice Introduzione iii Nozioni preliminari. Fattoriali e binomiali..................................... Progressioni..........................................

Dettagli

Probabilità discreta

Probabilità discreta Probabilità discreta Daniele A. Gewurz 1 Che probabilità c è che succeda...? Una delle applicazioni della combinatoria è nel calcolo di probabilità discrete. Quando abbiamo a che fare con un fenomeno che

Dettagli

Analisi Matematica 3 appunti

Analisi Matematica 3 appunti Corso di Laurea in Statistica Matematica e trattamento Informatico dei Dati Analisi Matematica 3 appunti Francesca Astengo Università di Genova, A.A. 20/202 Indice Capitolo. Serie numeriche. Brevi richiami

Dettagli

Esercizio 1 Dato il gioco ({1, 2, 3}, v) con v funzione caratteristica tale che:

Esercizio 1 Dato il gioco ({1, 2, 3}, v) con v funzione caratteristica tale che: Teoria dei Giochi, Trento, 2004/05 c Fioravante Patrone 1 Teoria dei Giochi Corso di laurea specialistica: Decisioni economiche, impresa e responsabilità sociale, A.A. 2004/05 Soluzioni degli esercizi

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Le reti elettriche possono contenere i componenti R, C, L collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi.

Le reti elettriche possono contenere i componenti R, C, L collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi. e reti elettriche in alternata (- ; - ; --) e reti elettriche possono contenere i componenti,, collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi. l loro studio in alternata parte dall analisi

Dettagli

Lezione 15: Un po di cose in generale

Lezione 15: Un po di cose in generale Lezione 15: Un po di cose in generale Abbiamo visto come possiamo associare ad alcune forme del piano o dello spazio delle espressioni analitiche che le rappresentano. Come un equazione sia una relazione

Dettagli

2 Progetto e realizzazione di funzioni ricorsive

2 Progetto e realizzazione di funzioni ricorsive 2 Progetto e realizzazione di funzioni ricorsive Il procedimento costruttivo dato dal teorema di ricorsione suggerisce due fatti importanti. Una buona definizione ricorsiva deve essere tale da garantire

Dettagli

APPUNTI ED ESERCIZI DI MATEMATICA DISCRETA. Margherita Roggero

APPUNTI ED ESERCIZI DI MATEMATICA DISCRETA. Margherita Roggero APPUNTI ED ESERCIZI DI MATEMATICA DISCRETA Margherita Roggero A.A. 2005/2006 M. Roggero - Appunti ed Esercizi di Matematica Discreta Introduzione Queste note contengono gli appunti del corso di Matematica

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli