CAPITOLATO D APPALTO (approvato con Determinazioni Dirigenziali n. 190/ e successiva n. 906/ della

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO D APPALTO (approvato con Determinazioni Dirigenziali n. 190/26.02.2014 e successiva n. 906/30.09.2014 della"

Transcript

1 COMUNE DI TARANTO DIREZIONE SERVIZI SOCIALI ISABILI - Via Veneto, Taranto T SERVIZIO DISABILI tel ; ; Fax ; ; e Affidamento della la esecuzione del servizio denominato ADE ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA PER MINORI DISABILI PER LA DURATA DI ANNI TRE TRE (CIG: ) CAPITOLATO D APPALTO (approvato con Determinazioni Dirigenziali n. 190/ e successiva n. 906/ della DIREZIONE SERVIZI SOCIALI) 1

2 CAPITOLATO D'APPALTO relativo all affidamento della esecuzione del servizio denominato ADE ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA PER MINORI DISABILI PER LA DURATA DI ANNI TRE (CIG: ) *************************************************************** Art.1 - Oggetto del Capitolato Oggetto del presente Capitolato è l affidamento del servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIV DUCATIVA A PER MINORI CON DISABILITÀ ABILITÀ in stato di disagio socio economico, a rischio di emarginazione ed istituzionalizzazione, da svolgersi nel Territorio dell ambito di TA per il triennio 2014/2016 secondo quanto disciplinato dal presente capitolato, ai sensi della L.R. n.19/06 e dell art. 87 della R.R. 4/2007. Art. 2 - (Soggetti ammessi alla gara e requisiti) a) Possono partecipare alla gara soggetti singoli o raggruppati previsti dalla vigente normativa in materia di appalti pubblici. In particolare sono ammessi : imprese, cooperative sociali e consorzi di cooperative sociali. b) Ai fini della selezione dei soggetti a cui affidare la gestione dei servizi e degli interventi sociali gli ambiti territoriali tengono conto dei seguenti requisiti (art. 22 R.R. n.4/2007): Iscrizione nel registro delle imprese della C.C.I.A.A., negli appositi albi regionali in conformità con la natura giuridica dei soggetti; Compatibilità della natura giuridica e dello scopo sociale dei soggetti con le attività oggetto dell appalto; Solidità economica e finanziaria; Possesso del Documento Unico di Regolarità Contributiva, rilasciato in data non anteriore ad un semestre dalla data di avvio dell affidamento. Art. 3 - (Oggetto del Servizio e durata) a) Il Servizio di Assistenza Domiciliare Educativa prevede interventi di natura socio educativa che vengono assicurati ai nuclei familiari, anche monogenitoriali, con minori in condizioni di disagio socio-educativo, relazionale e culturale, cui genitori necessitano di aiuto e di supporto nello svolgimento e nello sviluppo delle competenze educative. Tali prestazioni si caratterizzano sia in senso preventivo a favore del minore, sia in termini di sostegno diretto alla famiglia, al fine di salvaguardare la qualità del rapporto. b) Il servizio assicura interventi a valenza educativa e sociale svolti presso il domicilio dei minori. La progettazione e gestione del servizio dovrà espressamente riferirsi e perseguire le finalità, gli obiettivi e standard operativi indicati dalla L.R. 19/2006 e relativo regolamento di attuazione n. 4/2007 e ss.mm.ii. Le attività di assistenza saranno svolte per un monte ore complessivo mensile di massimo 550 ore per 36 mesi a decorrere dalla data dell'effettivo avvio del servizio, attraverso l impiego di n.11 educatori professionali, di cui 1 anche con funzioni di coordinamento, per 12 ore settimanali pro-capite Art. 4 - (Destinatari) 2

3 Destinatari del servizio sono i minori con disabilità di età compresa tra i 3 e i 16 anni con disabilità medio grave di natura motoria - psichica e neuro sensoriale e le loro famiglie residenti ne territorio del Comune segnalati e/o affidati al servizio sociale professionale ivi operante, referente dell area disabili, nonché ai servizi socio sanitari distrettuali. Art. 5 - (Importo a base di gara e criteri di aggiudicazione) Si pone a base di gara per la realizzazione del Servizio ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA PER MINORI CON DISABILITÀ la somma complessiva di ,00# al netto d'iva come per legge, da aggiudicarsi con procedura aperta ai sensi dell'art. 55 comma 5 del D.lgs. n. 163/2006 con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi dell'art.83 del D.lgs. n.163/2006. Art. 6 - (Modalità d accesso al servizio domiciliare) a) L accesso all assistenza educativa domiciliare di cui al presente appalto è strettamente subordinato e correlato alla segnalazione del caso da parte del servizio sociale professionale e/o su domanda presentata al Servizio Disabili del Comune che provvederà congiuntamente al Servizio specialistico ASL, a redigere relazione del caso contenente ogni notizia utile affinché la ditta aggiudicataria possa predisporre e realizzare per ogni utente il relativo piano assistenziale. La scheda progetto individuale dovrà contenere i seguenti elementi: Obiettivi Individuazione dell area di intervento specifico degli operatori impegnati, Indicazione delle risorse territoriali e non con cui si intende interagire, Scadenzario delle verifiche con gli operatori dei servizi coinvolti nel progetto e con gli utenti, Previsione della durata degli interventi, Valutazione finale. b) L ammissione e la dimissione dell utenza dovrà avvenire attraverso comunicazione del responsabile del servizio per l Ambito. Art. 7 - (Caratteristiche e finalità del Servizio) a) Gli interventi oggetto del presente capitolato sono ispirati alla L. R. 19/06 e al Regola mento Regionale attuativo n. 4/2007 e ss.mm.ii.. Il servizio dovrà comprendere gli interventi eseguiti da personale adeguatamente formato e in possesso del titolo di educatore professionale, come definiti nel Progetto Educativo Individualizzato PEI - con riferimento alle seguenti principali attività: Analisi e valutazione delle situazioni familiari e delle condizioni di vita dei minori; Elaborazione del progetto individualizzato di intervento d intesa con il servizio sociale professionale referente dell area disabili dell Ambito e definizione degli obiettivi e delle priorità; Osservazione degli stili educativi e di funzionamento familiare; Supporto pedagogico ed alla gestione delle competenze educative genitoriali, tramite l osservazione delle dinamiche intra-familiari, la mediazione del rapporto genitori - figli, lo stimolo all acquisizione di nuovi modelli educativi, il miglioramento dei rapporti tra servizi istituzionali e famiglia; Sostegno relazionale e sostegno alla quotidianità, nei casi di temporanea impossibilità della famiglia ad assicurare il soddisfacimento dei bisogni quotidiani del minore in relazione alla sua età (alimentazione, igiene personale, vigilanza, istruzione); Accompagnamento, orientamento ed aiuto allo studio e conduzione di attività educative; 3

4 Partecipazione ad incontri di verifica e monitoraggio con i servizi sociali e socio - sanitari coinvolti sul caso, d intesa con il servizio sociale professionale referente dell area minori del Comune; Creazione di una rete formale ed informale di supporto alla famiglia, frutto di collaborazioni ed intese con le associazioni, le organizzazioni di volontariato, la scuola e gli organismi presenti sul territorio ai fini della positiva integrazione dei minori nel contesto sociale. b) Nello specifico del presente capitolato, il servizio di Assistenza Educativa Domiciliare comprende attività domiciliari da erogarsi in prestazioni orarie in riferimento al bisogno degli utenti secondo il Progetto Educativo Individualizzato (PEI) concordato con la famiglia, gli operatori scolastici e dei servizi socio sanitari e con gli altri soggetti istituzionali che si occupano dei minori. c) Il servizio dovrà essere realizzato a cura di educatori professionali in possesso dei requisiti specifici previsti dall art. 46 del R.R. 4/2007 che siano in grado di operare a livello socioeducativo con le famiglie in difficoltà al fine di produrre cambiamenti funzionali nel tessuto relazionale dei nuclei familiari interessati, anche attraverso le seguenti prestazioni: pronto intervento per affrontare un bisogno improvviso dei minori e delle famiglie e consentire la gestione dell emergenza; appoggio e sostegno per l accompagnamento dei minori nei contesti educativi e scolastici, per favorire opportunità di socializzazione ed integrazione; rafforzamento dei comportamenti positivi genitoriali tramite il coinvolgimento attivo del contesto familiare; partecipazioni agli incontri d équipe, con i referenti scolastici e con i referenti dei con testi formativi- educativi di riferimento dei minori; azioni di supporto educativo nel contesto domiciliare in rapporto all età dei minori; raggiungimento autonomo dell abitazione degli utenti sul territorio. Gli educatori e la cooperativa aggiudicataria devono garantire la riservatezza delle informazioni riferite alle persone del nucleo familiare interessato all intervento. Art. 8 - (Organizzazione e modalità di espletamento del Servizio) a) L Aggiudicataria organizza il servizio sulla base di quanto riportato nel progetto presentato nell' offerta e nel presente Capitolato. b) Il servizio dovrà essere assicurato, di norma, nei giorni feriali e negli orari previsti dal PEI, nella fascia solitamente pomeridiana. Ciascuna prestazione di assistenza domiciliare deve intendersi al netto di qualsiasi attività collaterale, intendendo a carico dell aggiudicataria il tempo impiegato per i trasferimenti e relative spese. L'aggiudicataria dovrà curare, mediante specifiche procedure, le seguenti funzioni all interno del servizio di assistenza educativa domiciliare attivato: elaborazione di un programma generale del servizio e suo coordinamento tecnico; puntuale realizzazione delle funzioni assegnate agli educatori domiciliari all interno del Progetto Educativo Individualizzato; verifica del programma generale e dei programmi individualizzati; presa in carico del caso assegnato in accordo con il servizio sociale professionale comunale referente area disabili; rapporti costanti con il responsabile del servizio per l Ambito e con il servizio sociale professionale comunale referente dell area minori ; relazione bimestrale sull andamento del servizio da trasmettere al responsabile del servizio per l Ambito per quanto di competenza. L aggiudicataria individua un Responsabile Tecnico, con caratteristiche richieste al successivo paragrafo, garantendone la presenza continua, il quale costituirà il referente unico dell intero appalto e manterrà contatti costanti con la stazione appaltante per il controllo dell andamento del servizio. 4

5 L aggiudicataria è tenuta a garantire la continuità degli operatori individuati ed indicati all avvio del servizio, limitando al massimo avvicendamenti ed ogni elemento di disfunzione. L aggiudicataria dovrà garantire la pronta reperibilità del proprio responsabile tecnico il cui nominativo e recapito anche telefonico mobile sarà opportunamente comunicato all avvio del servizio. Il personale addetto al servizio di assistenza educativa domiciliare è tenuto a collaborare attivamente con ogni altro operatore impegnato sul caso. Il personale dovrà spostarsi sul territorio con proprio mezzo e/o messo a disposizione dall impresa appaltatrice, con impegno alla copertura assicurativa dei suddetti mezzi e dei terzi trasportati. Il personale dipendente dell aggiudicataria dovrà firmare su apposito foglio di servizio l ora di inizio e l ora di fine lavoro, costituendo il predetto foglio l unico documento utile per il calcolo delle ore di servizio effettivamente prestate e da fatturare nel mese, nonché di controllo dell attività svolta. Non potranno essere effettuate sospensioni o variazioni del servizio da parte dell aggiudicataria, senza la preventiva autorizzazione da parte dell Ente appaltante. Gli educatori domiciliari devono in ogni circostanza essere in numero adeguato alle richieste ed alla intensità dei bisogni e, comunque, non inferiori per numero a quelli necessari per l espletamento del monte ore mensile assegnato. Nella messa a regime dell ADE il numero degli educatori domiciliari non potrà essere al massimo 11 ( undici) Art. 9 - (Caratteristica del personale e formazione professionale) a) L aggiudicataria garantisce il regolare e puntuale adempimento del servizio oggetto del presente appalto, utilizzando operatori in possesso di laurea triennale in Scienze dell Educazione o altri titoli equipollenti sanciti nell'art. 46 del vigente R.R. n.4/2007, con una accertata esperienza presso un servizio analogo a quello oggetto del presente appalto. b) L aggiudicataria dovrà fornire l elenco nominativo e la qualifica degli operatori in forza, e per ciascuno di essi, la qualificazione ed il curriculum vitae, comprensivo degli studi, delle attività formative- professionali, che metta in evidenza anche le esperienze lavorative nello specifico settore oggetto del presente appalto. c) Gli educatori domiciliari devono conoscere la rete dei servizi offerti dal territorio, devono essere in grado di leggere i bisogni specifici del minori e di relazionarsi con essi, di intervenire nell ambito delle dinamiche familiari e delle situazioni di conflitto, di valutare i risultati ottenuti e di rapportarsi agli operatori degli altri servizi. d) L aggiudicataria, per il corretto espletamento del servizio oggetto del presente capitolato, garantisce la presenza del Responsabile tecnico che opera in stretta collaborazione con il servizio sociale referente area minori del Comune e con il responsabile del servizio per l Ambito. Il Responsabile tecnico è un esperto in grado di programmare, organizzare, gestire e rendere operativo il gruppo degli educatori domiciliari, rispetto ai quali ha funzioni di coordinamento. Il Responsabile Tecnico collabora attivamente con l èquipe dell ADE, costituita con gli operatori dei Comuni e dei servizi socio-sanitari distrettuali; valuta in sede di équipe i bisogni dell utente, crea reti di assistenza educativa in grado di favorire le attività dell ADE, svolge funzioni di collegamento, monitoraggio, valutazione dei risultati, controlla la qualità del servizio, riferendone costantemente al responsabile del Servizio per l Ambito. Il Responsabile Tecnico deve essere in possesso di laurea in Servizio Sociale o titolo equipollente, con almeno esperienza triennale. L aggiudicataria dovrà in sede di gara, dimostrare, con idonee certificazioni, l esperienza di servizio propria e degli educatori proposti. 5

6 Essa dovrà garantire la continuità di presenza del personale impiegato per lo svolgimento del servizio e che le assenze, a qualsiasi titolo, dello stesso siano sostituite da operatori in possesso degli stessi titoli di quelli sostituiti. L aggiudicataria dovrà impegnarsi a svolgere corsi di aggiornamento al proprio personale, in modo autonomo o partecipando ad iniziative analoghe promosse dal Comune dell Ambito e da altri Enti pubblici. L Ente appaltante potrà richiedere la partecipazione degli operatori dell' aggiudicataria ad iniziative formative organizzate anche di concerto con l ASL. Resta inteso che il costo degli operatori per le ore dedicate alla formazione tenuta dall Ente appaltante è a carico dell aggiudicataria. Art (Prescrizioni inerenti il personale e funzioni dell'impresa) a) L aggiudicataria si obbliga ad osservare per tutti i propri operatori impiegati, le norme e le prescrizioni dettate dalle leggi, dai contratti collettivi di lavoro, dai regolamenti sulla tutela, protezione, assicurazione ed assistenza e quant altro previsto a favore dei lavoratori stessi, assicurando il rispetto dei minimi contrattuali, nonché delle prescrizioni e degli accordi contrattuali e sindacali vigenti. b) Il personale incaricato all espletamento dei servizi dovrà: mantenere un comportamento decoroso e corretto nei riguardi degli assistiti e nei confronti del personale di ruolo dell Ente appaltante; evitare di prendere ordini da estranei nell esecuzione del servizio e astenersi dal chiedere e/o ricevere compensi e regalie; possedere capacità psico-fisiche e professionali per un soddisfacente espletamento dei servizi richiesti; essere munito di tesserino di riconoscimento vidimato dal Responsabile dell Ufficio di Piano; essere di pieno gradimento all Ente, il quale ha insindacabile facoltà di pretendere in ogni momento l allontanamento degli operatori non ritenuti idonei. c) L impresa, a tale riguardo, si impegna a mantenere stabilità del rapporto tra educatore, il minore e la sua famiglia, al fine di instaurare e mantenere nel tempo un rapporto di fiducia. Il personale tutto dovrà essere informato sul diritto alla riservatezza dei minori e delle loro famiglie, al fine di uniformarsi a tali esigenze di riservatezza. Il personale che, nell espletamento del servizio, dovesse venire a conoscenza di fatti di particolare emergenza o necessità che riguardino i minori, dovrà darne comunicazione al Responsabile del Servizio per l Ambito o al servizio sociale comunale referente perché possa tempestivamente intervenire. E a carico dell impresa appaltatrice ogni obbligo discendente dalla normativa vigente in materia di sicurezza, di igiene e medicina del lavoro ed in particolare alle disposizioni del D. Lgs. n.81/2008 All Ente appaltante è riconosciuto il diritto di contestare eventuale infrazioni lesive dei diritti dei lavoratori. L aggiudicataria si impegna in proposito, a favorire, a richiesta dell Ente ed entro il termine fissato dal medesimo, la documentazione attestante l osservanza di tutti gli obblighi medesimi. L Ente è esonerato da qualsiasi responsabilità per danni, infortuni od altro che dovessero accadere, per qualsiasi causa al personale dipendente della Cooperativa appaltatrice, nell esecuzione delle prestazioni oggetto del presente Capitolato, convenendosi a tale riguardo che qualsiasi eventuale onere è già compensato e compreso nei corrispettivi del contratto. Art (Programmazione e verifica dell'attività) 6

7 a) L Ente appaltante accerta il puntuale e regolare adempimento delle attività appaltate, valutando la qualità delle prestazioni degli operatori dell aggiudicataria rispetto agli obiettivi del servizio ed agli impegni assunti con il presente Capitolato. Nel caso si verificassero inadempienze di singoli operatori l Ente informerà l' aggiudicataria perché adotti i provvedimenti necessari. b) Sarà inoltre facoltà dell amministrazione appaltante affidare ad altra impresa l esecuzione delle prestazioni che l appaltatore non avesse eseguito in conformità degli obblighi contrattuali o che si fosse rifiutato di eseguire, ponendo a carico dello stesso le spese relative. Art (Corrispettivo, fatturazione, pagamenti e relazioni sul Servizio) a) La liquidazione del corrispettivo al netto del ribasso d'asta comprende e remunera, oltre l attività di assistenza individualizzata prestata dall educatore, anche la partecipazione a riunioni per il PEI, l attività di coordinamento a carico dell impresa tramite il responsabile tecnico, l attività connessa alla stesura di relazioni, la partecipazione ad incontri di valutazione promossi dall Ambito, la fornitura dei materiali eventualmente necessari allo svolgimento del servizio, i costi aziendali di gestione del servizio, ogni eventuale onere diretto o indiretto a carico dell aggiudicatario. b) Il corrispettivo delle prestazioni sarà determinato dal prodotto del costo orario dell offerta per il numero delle ore che saranno effettivamente svolte, previa verifica delle prestazioni e la buona esecuzione delle stesse. c) L aggiudicatrice provvederà ad emettere fatture mensili posticipate comprendenti il prezzo pattuito e il numero delle ore prestate nel mese di riferimento. Alle fatture saranno allegate schede mensili inerenti il servizio svolto, contenenti l attestazione da parte del servizio sociale comunale referente area disabili circa l effettiva erogazione del servizio. d) Le stesse devono contenere: nome e cognome degli utenti, nome e cognome degli educatori, numero delle ore giornaliere e complessivamente effettuate nel mese. Il prezzo orario determinato in sede di gara rimarrà fisso per tutto la durata del contratto. La liquidazione del corrispettivo è subordinata all'acquisizione, con esito favorevole, della regolarità contributiva (DURC) e nel rispetto delle norme vigenti in materia di tracciabilità dei flussi finanziari. Art (Tutela della privacy) E fatto divieto all impresa aggiudicataria ed al personale dalla stessa impiegato nel servizio di utilizzare le informazioni assunte nell espletamento delle attività per fini diversi da quelli inerenti l attività stessa. Il trattamento dei dati personali dei disabili e delle loro famiglie dovrà avvenire nel rispetto delle norme del D.Lgs. 196/03 Codice in materia di protezione dei dati personali. Art ( Criteri valutazione offerta) L'Ente appaltante procederà tramite bando di gara all'indizione della procedura, pertanto i Progetti, pervenuti nei termini previsti dal bando, saranno valutati da una Commissione, appositamente costituita che valuterà le proposte attribuendo il punteggio, per un totale massimo di 100 punti, che sarà assegnato in base ai seguenti criteri: OFFERTA TECNICA: Max punti 70 7

8 Sarà esaminato il progetto tecnico dettagliato (massimo 20 pagine) coerente con le voci di attribuzione dei punteggi elencati. Il progetto tecnico dovrà rispettare lo stesso ordine dei criteri di valutazione di seguito indicati, per una maggiore chiarezza e comprensione dello stesso. La commissione giudicatrice potrà attribuire i punteggi anche con valutazioni comparative. Il punteggio relativo all'offerta tecnica verrà attribuito in base alle seguenti aree di valutazione A) QUALITA' ORGANIZZATIVA DELL'IMPRESA Max punti 20, così articolati: Valutazione delle esperienze di gestione di servizi uguali a quelli in gara (1 punto per ogni anno fino ad un massimo di 10) Punti ; Esperienze professionali delle figure che saranno impegnate nell'espletamento del servizio, desumibile dall'organigramma proposto, nell'ambito del servizio oggetto del bando (0,5 punto per ogni anno di esperienza di ciascun operatore fino ad un massimo di 5) Punti 1 5 Strutturazione dell'impresa e presenza di sedi operative per servizi socio- educativi. (1 punto per ogni sede fino ad un massimo di 5) Punti 1-5 B) QUALITA' DEL SERVIZIO Max punti 45, così articolati: Capacità progettuale (descrizione tecnico organizzativa della gestione che si intende offrire) con riferimento a quanto richiesto nell Ambito del Capitolato di Gara Punti 1 20 Grado di innovatività rispetto alle metodologie di coinvolgimento degli utenti Punti 1 7 Sistema di monitoraggio, autocontrollo, autovalutazione e valutazione delle attività e del grado di soddisfacimento dell'utenza finalizzati al miglioramento continuo del servizio (trasmissione periodica di report, statistiche, indicatori di gradimento e di qualità da parte dell'utente) Punti1 8 Capacità di trasporto (con assunzione delle relative spese) e impiego di propri mezzi per l'accompagnamento degli utenti per esigenze particolari connesse al servizio Punti 1 10 C) QUALITA' ECONOMICA Max punti 5, così articolati: Compartecipazione eventuale del soggetto erogatore in termini di costi ed apporto di mezzi, strumenti e strutture utili alla realizzazione delle attività, migliorativa del servizio oggetto del bando Punti 1 5 Si potrà procedere alla valutazione dell'offerta economica solo dopo aver totalizzato minimo punti 40 nella proposta tecnica. OFFERTA ECONOMICA: Max punti 30 A) PREZZO 8

9 Nella determinazione di criteri relativi alla valutazione delle offerte, al fattore prezzo è attribuito un punteggio pari a 30 punti su 100, applicando la seguente formula: P = Valore dell'offerta minima presentata x 30 Valore dell' offerta considerata Art (Gratuità) Il servizio è gratuito, pertanto nessun compenso può essere richiesto all utente e alla sua famiglia per le attività domiciliari, da parte della cooperativa e del personale dipendente della stessa. Art (Divieti) E fatto divieto all aggiudicataria di prendere iniziative riguardanti il rapporto con la famiglia e/o con altri Enti e Istituzioni o fornire prestazioni su richiesta degli stessi, che non rientrano nel programma d intervento, senza preventivo accordo con l assistente sociale coordinatore del sevizio per conto della Direzione Servizi Sociali dell'ente appaltante. All interno l'educatore dovrà svolgere interventi che siano previsti nel PEI e autorizzati dal Civico Ente. Art (Assicurazioni sociali, contratti di lavoro, prevenzioni, infortuni) a) L Aggiudicataria si obbliga a stipulare, nei casi di assistenza domiciliare a favore degli assistiti, idonee assicurazioni al fine di coprire i rischi da infortuni e/o da danni provocati durante l esercizio delle prestazioni oggetto del presente capitolato d appalto b) L Organizzazione dovrà osservare tutte le norme relative alle retribuzioni ed alle assicurazioni sociali derivanti da leggi, decreti e contratti collettivi di lavoro. Essa dovrà provvedere al pagamento di tutti i contributi a carico dei datori di lavoro ed osservare le norme vigenti in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro. In nessun caso il Comune di Taranto potrà essere ritenuto in via diretta o indiretta, datore di lavoro del personale interessato, con espresso esonero da ogni responsabilità di tale titolo. c) I suddetti obblighi vincolano l impresa indipendentemente dalla sua natura, industriale o artigiana, dalla sua struttura o dimensione e da ogni altra sua qualificazione giuridica. L Organizzazione fornirà all Amministrazione Comunale copia dei modelli comprovanti l avvenuto versamento dei contributi previdenziali relativa agli addetti di cui al presente articolo. Tali modelli verranno allegati alle fatture mensili e saranno determinanti per la liquidazione delle stesse. Art (Responsabilità dell Organizzazione) Sarà obbligo dell aggiudicataria adottare nella esecuzione dell erogazione del servizio tutte le cautele necessarie per garantire l incolumità degli addetti ai lavori, dei cittadini, degli operatori, dell utenza e di chiunque altro e per non produrre danni ai beni pubblici e privati. Rimane espressamente convenuto che l aggiudicataria, in caso di infortunio, assumerà tutte le responsabilità sia civili che penali, dalle quali si intendono perciò sollevati nella forma più completa, l Amministrazione e il suo personale, e che resterà a carico dell aggiudicataria stessa il risarcimento degli eventuali danni causati a terzi. 9

10 Art (Danni a persone e cose) L aggiudicataria sarà sempre direttamente responsabile per tutti gli eventuali danni accertati di qualunque natura e per qualsiasi motivo arrecati a persone o cose che a giudizio dell Amministrazione risultassero causati nell esecuzione del presente appalto. L aggiudicataria in ogni caso dovrà provvedere a proprie spese a rifondere i danni causati e dovrà pertanto procedere alla stipula di un assicurazione per la responsabilità civile verso terzi. Art (Abusi, inadempienze e risoluzione del contratto) a) L Amministrazione Comunale avrà la facoltà di risolvere il contratto con tutte le conseguenze che detta risoluzione comporta, sia di Legge, sia previste dalle norme del presente capitolato nei casi in cui dovessero verificarsi: violazione degli obblighi contrattuali non eliminati dall Organizzazione appaltatrice anche a seguito di diffida formale dell Amministrazione Comunale; la sospensione o comunque la mancata esecuzione ingiustificata del servizio, anche per un solo giorno per tre volte nel corso dell anno; la reiterata violazione degli orari concordati dal Servizio, salvo casi di forza maggiore e senza che ne venga data tempestiva comunicazione all Amministrazione Comunale, nei modi e nei tempi da concordare fallimento dell aggiudicataria. b) Nei suddetti casi di risoluzione del contratto il Comune avrà la facoltà di affidare il Servizio al concorrente che segue in graduatoria per il periodo di tempo necessario a procedere al nuovo affidamento dello stesso e, comunque, per un tempo che non superi la scadenza dell originario affidamento attribuendone gli eventuali maggiori costi rispetto ai corrispettivi del Servizio convenuto con il presente capitolato all organizzazione aggiudicataria. In ogni caso fatto salvo il risarcimento degli eventuali danni derivanti dalle inadempienze. c) E' fatto assoluto divieto di subappalto. All aggiudicataria verrà corrisposto il prezzo contrattuale del servizio effettuato fino al giorno della disposta risoluzione, detratte le spese e i danni. Per l applicazione delle disposizioni del presente articolo l Amministrazione Comunale potrà rivalersi su eventuali crediti dell aggiudicataria nonché della cauzione nella misura del 2%, senza bisogno di diffida o formalità di sorta. Art (Coordinamento Tecnico) Il coordinamento del Servizio sarà a cura del Responsabile del procedimento supportato da figure con funzioni tecniche: raccordo fra le istituzioni coinvolte nel progetto: Asl, Comune, Famiglie; verifica di efficacia ed efficienza del servizio offerto, sul regolare funzionamento del servizio per i singoli casi e in particolare sull impiego del personale di assistenza educativa; punto di riferimento per l aggiudicataria e gli Enti coinvolti, a garanzia dell omogeneità metodologica del Servizio; partecipazione nell organizzazione relativa alla gestione delle sostituzioni del personale Art (Penalità) a) Nel caso in cui, l'aggiudicataria non ottemperasse pienamente agli obblighi derivanti dalle esecuzioni delle prestazioni contrattuali ovvero si riscontrassero deficienze nel servizio e la stessa non dovesse intervenire tempestivamente con provvedimenti atti a rimuovere le medesime, il Comune si avvarrà prioritariamente sul credito maturato dalla stessa e, nel caso di insufficienza dell'importo di credito, avrà diritto di rivalersi sulla cauzione: Tutte le eventuali 10

11 inadempienze devono essere notificate dalla Amministrazione Comunale, all'aggiudicataria, unicamente alla relativa contestazione e diffida ad adempiere. b) Nello specifico l' aggiudicataria è tenuta al pagamento di una pena pecuniaria (D.P.R.554/99 Art. 117) che varia da un minimo di 500,00# a un massimo di 1000,00#: 500,00# per ogni mancato singolo servizio giornaliero; 1000,00# per ogni mancata sostituzione dell'operatore; 1000,00# in caso di prestazioni di servizio giornaliero con personale privo di requisiti richiesti. Art.23 - (Controlli e verifiche ) L'Aggiudicataria dovrà scrupolosamente osservare tutte le disposizioni riportate nel presente capitolato. E' facoltà dell' Amministrazione Comunale effettuare, in qualsiasi momento tramite il personale degli uffici di competenza controlli per verificare la rispondenza del servizio fornito alle prescrizioni contrattuali. La verifica delle attività svolte sarà effettuata dalla Direzione Servizi Sociali Art ( Controversie) Per le controversie che potessero insorgere in conseguenza dell'esecuzione del servizio, non definibili in via breve tra le parti contraenti il foro competente sarà il foro di Taranto. Art (Spese Contrattuali) Tutte le spese di bollo, registro, copie di atti, diritti di segreteria etc. dipendenti dal contratto stesso, sono a totale carico della Cooperativa aggiudicataria. Il Responsabile Unico del Procedimento è la Dott.ssa Laura TROIANO tel. n ; fax n

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 Comune capo-fila TAORMINA

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 Comune capo-fila TAORMINA DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 Comune capo-fila TAORMINA CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PIANI INDIVIDUALIZZATI DISABILI GRAVI Art.1 Oggetto del Capitolato La disgregazione e frammentazione territoriale,

Dettagli

C O M U N E D I P I A N O R O

C O M U N E D I P I A N O R O CAPITOLATO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA PER ALUNNI DISABILI Art. 1 - Oggetto e modalità di svolgimento del servizio Oggetto del presente capitolato è la gestione delle attività di

Dettagli

COMUNE di BADESI PROVINCIA OLBIA-TEMPIO Area Servizi Sociali BANDO DI GARA ART. 1

COMUNE di BADESI PROVINCIA OLBIA-TEMPIO Area Servizi Sociali BANDO DI GARA ART. 1 COMUNE di BADESI PROVINCIA OLBIA-TEMPIO Area Servizi Sociali BANDO DI GARA Il responsabile dell Area Servizi Sociali rende noto che questo Comune intende procedere all appalto del servizio in oggetto:

Dettagli

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato CONTRATTO FRA IL COMUNE DI GENOVA E... PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO A FAVORE DI MINORI E NUCLEI DI NAZIONALITÀ STRANIERA SEGUITI DALL UFFICIO CITTADINI SENZA TERRITORIO PERIODO...

Dettagli

COMUNE DI SELARGIUS PROVINCIA DI CAGLIARI P.zza Cellarium, 1 - c.a.p. 09047 - tel. 070/8592349 fax 070/8592308

COMUNE DI SELARGIUS PROVINCIA DI CAGLIARI P.zza Cellarium, 1 - c.a.p. 09047 - tel. 070/8592349 fax 070/8592308 COMUNE DI SELARGIUS PROVINCIA DI CAGLIARI P.zza Cellarium, 1 - c.a.p. 09047 - tel. 070/8592349 fax 070/8592308 Area A2 - Socio Assistenziale CAPITOLATO SPECIALE Art. 1 OGGETTO Costituisce oggetto del presente

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L'AFFIDAMENTO AREA DIVERSABILI TRASPORTO SOCIALE AI CENTRI DI RIABILITAZIONE.

CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L'AFFIDAMENTO AREA DIVERSABILI TRASPORTO SOCIALE AI CENTRI DI RIABILITAZIONE. CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L'AFFIDAMENTO AREA DIVERSABILI TRASPORTO SOCIALE AI CENTRI DI RIABILITAZIONE. Art. l - PRINCIPI GENERALI Il presente capitolato ha per oggetto la gestione del servizio

Dettagli

ROMA CAPITALE Municipio 18 Roma Aurelio U.O.S.E.C.S. Servizi Sociali Il Dirigente

ROMA CAPITALE Municipio 18 Roma Aurelio U.O.S.E.C.S. Servizi Sociali Il Dirigente CONVENZIONE Attività di ballo e ginnastica presso i Centri Anziani del Municipio 18 CIG n. 5110477308 Il giorno. del mese di. dell anno 2013 presso la sede del Servizio Sociale del Municipio 18 Roma Aurelio,

Dettagli

BANDO DI GARA Progetto ENTER

BANDO DI GARA Progetto ENTER Municipio Roma 6 U.O.S.E.C.S. BANDO DI GARA Progetto ENTER ALLEGATO A A. Premessa Il Municipio Roma 6 intende esperire una procedura aperta per affidare il progetto ENTER inserito nel Piano Regolatore

Dettagli

COMUNE DI PALESTRINA

COMUNE DI PALESTRINA COMUNE DI PALESTRINA CAPITOLATO SPECIALE DI ONERI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA AI PORTATORI DI HANDICAP PRESSO LE SCUOLE DELL OBBLIGO NONCHE ASSISTENZA DOMICILIARE HANDICAPPATI E ANZIANI PRE SCUOLA E

Dettagli

Prot. n.5130/c14q Brescia 07 novembre 2013 /le. Il Dirigente scolastico dell Istituto Istruzione Superiore di Stato Andrea Mantegna di Brescia

Prot. n.5130/c14q Brescia 07 novembre 2013 /le. Il Dirigente scolastico dell Istituto Istruzione Superiore di Stato Andrea Mantegna di Brescia Istituto di Istruzione Superiore di Stato Andrea Mantegna Sede legale Via Fura, 96 C.F. 98092990179-25125 Brescia Tel. 030.3533151 030.3534893 Fax 030.3546123 e-mail: iabrescia@provincia.brescia.it sito

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA A1993/08-3 DISCIPLINARE DI GARA Allegato B) Alla determina n. del OGGETTO: Disciplinare di gara per il servizio di somministrazione lavoro a tempo determinato. Art. 1 Procedura semplificata ai sensi degli

Dettagli

FRA 1 - OGGETTO DEL SERVIZIO

FRA 1 - OGGETTO DEL SERVIZIO CONTRATTO PER LA FORNITURA DI SERVIZI DI MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DELLA CCIAA DI LODI PER IL PERIODO - 01/01/2011-31/12/2013 CIG 06218796C7 FRA Camera di Commercio di Lodi, P.IVA 11125130150

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEGLI INTERVENTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PERIODO 01.10.2011 30.06.2013. Art. 1 Oggetto dell appalto

CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEGLI INTERVENTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PERIODO 01.10.2011 30.06.2013. Art. 1 Oggetto dell appalto CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEGLI INTERVENTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PERIODO 01.10.2011 30.06.2013 Art. 1 Oggetto dell appalto Il presente capitolato ha per oggetto l appalto della gestione di

Dettagli

Prot. n. 1082/B15 Casalpusterlengo, 18/03/2014 BANDO PUBBLICO PER LA SELEZIONE ED IL RECLUTAMENTO DI PERSONALE ESPERTO ESTERNO DI MADRELINGUA INGLESE

Prot. n. 1082/B15 Casalpusterlengo, 18/03/2014 BANDO PUBBLICO PER LA SELEZIONE ED IL RECLUTAMENTO DI PERSONALE ESPERTO ESTERNO DI MADRELINGUA INGLESE MIUR Istituto Comprensivo di Casalpusterlengo Via Olimpo, 6 26841 CASALPUSTERLENGO (LO) Tel 037781940 037784379 Fax 037784363 0377910463 Codice Fiscale 90518620159 EMail: loic80900d@istruzioneit Prot n

Dettagli

Il giorno del mese di dell anno 2011 nella sede della ASL RM/A, - via Ariosto 3/5, in esecuzione della deliberazione n.

Il giorno del mese di dell anno 2011 nella sede della ASL RM/A, - via Ariosto 3/5, in esecuzione della deliberazione n. C O N V E N Z I O N E PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA NON SANITARIA AGLI OSPITI DELLA STRUTTURA RESIDENZIALE A BASSA INTENSITA ASSISTENZIALE PER PAZIENTI PSICHIATRICI DEL 2 DISTRETTO DELLA

Dettagli

TRA LE PARTI. E Affidatario: Cooperativa sociale... nella persona... nato a.. il... e residente in.. via n. Codice Fiscale...

TRA LE PARTI. E Affidatario: Cooperativa sociale... nella persona... nato a.. il... e residente in.. via n. Codice Fiscale... COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia Settore Servizi Sociali 30031, Via Cairoli n.39 041.5121911 Fax 041.410665 www.provincia.venezia.it/comune.dolo e-mail comune.dolo@provincia.venezia.it P.IVA 00655760270

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA REDATTA AI SENSI DEL D.P.R. 28/12/2000, N. 445

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA REDATTA AI SENSI DEL D.P.R. 28/12/2000, N. 445 Timbro della ditta OGGETTO: indagine di mercato col sistema del cottimo fiduciario per la fornitura TARGHETTE IDENTIFICATIVE di CIG: ZE609F9760 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA REDATTA AI SENSI DEL D.P.R. 28/12/2000,

Dettagli

CITTA DI POTENZA Unità di Direzione Istruzione

CITTA DI POTENZA Unità di Direzione Istruzione CITTA DI POTENZA Unità di Direzione Istruzione CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEL SERVIZIO DI INTEGRA- ZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ISCRITTI ALLE SCUOLE DELL

Dettagli

IL PRESENTE REGOLAMENTO È STATO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/11/2010 N. 67

IL PRESENTE REGOLAMENTO È STATO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/11/2010 N. 67 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO A COOPERATIVE SOCIALI DI SERVIZI CHE PREVEDONO L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE DI IMPORTO INFERIORE ALLE SOMME STABILITE DALLE DIRETTIVE COMUNITARIE IL PRESENTE

Dettagli

C I T T A D I T A O R M I N A PROVINCIA DI MESSINA Servizio di Solidarieta Sociale

C I T T A D I T A O R M I N A PROVINCIA DI MESSINA Servizio di Solidarieta Sociale C I T T A D I T A O R M I N A PROVINCIA DI MESSINA Servizio di Solidarieta Sociale CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI AIUTO DOMESTICO DISABILI GRAVI ASSISTENZA IGIENICO PERSONALE DISABILI GRAVI Art.1

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA L Amministrazione Comunale di Palermo deve procedere, ai sensi della L.R. 7/2002 e successive modifiche ed

Dettagli

DISCIPLINARE COMUNALE

DISCIPLINARE COMUNALE COMUNE DI GESICO GESTIONE DEL PROGRAMMA REGIONALE AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA LINEA D INTERVENTO 3 CONCESSIONE DI SUSSIDI PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO CIVICO DISCIPLINARE COMUNALE Programma anno

Dettagli

cooperativa sociale... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito e assistenza al pubblico) per le sedi del Servizio;

cooperativa sociale... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito e assistenza al pubblico) per le sedi del Servizio; ALLEGATO A SCHEMA DI CONVENZIONE OGGETTO: Convenzione tra Il Comune di Trieste Servizio Biblioteche Civiche e la cooperativa sociale.... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito

Dettagli

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA. Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Via Pio II 20153 Milano - CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

Dettagli

(VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011)

(VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011) REGOLAMENTO SULLA COOPERAZIONE SOCIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 123 DEL 8 OTTOBRE 2001 (VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011) ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI

COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI Nell ambito delle azioni previste dalla Legge 328/2000, volte ad assicurare l esistenza

Dettagli

Criteri e Regole per l istituzione e la gestione dell Elenco Fornitori

Criteri e Regole per l istituzione e la gestione dell Elenco Fornitori Criteri e Regole per l istituzione e la gestione dell Elenco Fornitori 1. Premessa L Istituto per il Credito Sportivo (di seguito anche Istituto o ICS ) intende istituire e disciplinare un Elenco di operatori

Dettagli

TRA LE PARTI PREMESSO

TRA LE PARTI PREMESSO CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO ALLA COOPERATIVA SOCIALE CASA BIANCA DELLA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO-REINSERIMENTO LAVORATIVO, DI AFFIANCAMENTO E SUPPORTO EDUCATIVO A FAVORE DI UTENTI SEGUITI

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI ENTE D AMBITO SOCIALE N. 34 VESTINA REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI 1 Articolo 1 DEFINIZIONI 1. Ai fini del presente regolamento per Piano Sociale di zona si intende quel provvedimento

Dettagli

ART. 1 - OGGETTO DELL INCARICO

ART. 1 - OGGETTO DELL INCARICO DISCIPLINARE RELATIVO AL CONTRATTO TRA IL COMUNE DI FORLI E IL SIG PER INCARICO PROFESSIONALE DI MEDIATORE FAMILIARE PRESSO IL CENTRO FAMIGLIE DEL COMUNE DI FORLI ART. 1 - OGGETTO DELL INCARICO 1. Il Comune

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO DEL PROGETTO MOBILITA SOCIALE Art.1 Oggetto del Capitolato Il progetto di mobilità sociale è uno strumento necessario per poter superare l estrema

Dettagli

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.. del SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.. del SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE ALLEGATO B) all Avviso Schema di CONVENZIONE TRA COMUNE DI FORLì E ASSOCIAZIONE DI (VOLONTARIATO /PROMOZIONE SOCIALE) (nome). PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO CRESCERE NEL CENTRO PREMESSO - che l Amministrazione

Dettagli

BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO CENTRO SOCIALE POLIFUNZIONALE IN FAVORE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI DI ETA COMPRESA TRA I 18-65 ANNI

BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO CENTRO SOCIALE POLIFUNZIONALE IN FAVORE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI DI ETA COMPRESA TRA I 18-65 ANNI COMUNE DI MUGNANO DEL CARDINALE (Provincia di Avellino) AMBITO TERRITORIALE A6 ISTITUZIONE SOCIALE BAIANESE VALLO di LAURO Organismo di gestione del Piano di zona sociale L.n. 328/00 Prot. n. 2576 del

Dettagli

CONVENZIONE PER IL TRASPORTO SOCIALE DI SOGGETTI HANDICAPPATI OSPITI DEI CENTRI DIURNI

CONVENZIONE PER IL TRASPORTO SOCIALE DI SOGGETTI HANDICAPPATI OSPITI DEI CENTRI DIURNI CONVENZIONE PER IL TRASPORTO SOCIALE DI SOGGETTI HANDICAPPATI OSPITI DEI CENTRI DIURNI Premesso che l Istituzione per i Servizi alla Persona del Comune di Livorno interviene per garantire il trasporto

Dettagli

Servizio di Assistenza Domiciliare e di Educativa Domiciliare rivolto a minori/loro nuclei familiari.

Servizio di Assistenza Domiciliare e di Educativa Domiciliare rivolto a minori/loro nuclei familiari. Modello 4 allegato al disciplinare operativo COMUNE DI ANDRIA PROGETTO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Servizio di Assistenza e di Educativa rivolto a minori/loro nuclei familiari. Cognome Nome Data di nascita

Dettagli

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Il servizio affidamento anziani e disabili adulti, costituisce un opportunità di alternativa

Dettagli

COMUNE DI ANZIO. Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI

COMUNE DI ANZIO. Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI COMUNE DI ANZIO Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI Art. 1 - OGGETTO L appalto ha per oggetto il servizio di prelievo

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVO-ASSISTENZIALI PER PERSONE CON HANDICAP, MINORI ED ANZIANI. Cat. 25 numero rif.

CAPITOLATO D ONERI PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVO-ASSISTENZIALI PER PERSONE CON HANDICAP, MINORI ED ANZIANI. Cat. 25 numero rif. Comune di Morlupo Provincia di Roma Ufficio Segreteria Via Domenico Benedetti, 1 Morlupo (RM) 00067 Tel. 06 901951 Fax 06 90195353 Internet : www.comune.morlupo.roma.it e-mail : info@comune.morlupo.roma.it

Dettagli

CITTA DI CINISELLO BALSAMO VIA XXV APRILE, 4 20092 Cinisello Balsamo (MI) tel. 02/660231 Fax 02/66011464 www.comune.cinisello-balsamo.mi.

CITTA DI CINISELLO BALSAMO VIA XXV APRILE, 4 20092 Cinisello Balsamo (MI) tel. 02/660231 Fax 02/66011464 www.comune.cinisello-balsamo.mi. CITTA DI CINISELLO BALSAMO VIA XXV APRILE, 4 20092 Cinisello Balsamo (MI) tel. 02/660231 Fax 02/66011464 www.comune.cinisello-balsamo.mi.it 1. E indetta asta pubblica secondo il criterio dell offerta economicamente

Dettagli

CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (Art. 10 L.R. n. 23/2006) tra

CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (Art. 10 L.R. n. 23/2006) tra CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (Art. 10 L.R. n. 23/2006) L anno 2011, il giorno., del mese di tra l Amministrazione Comunale di Cavarzere, con sede legale in Cavarzere

Dettagli

Rio Marina AVVISO PUBBLICO

Rio Marina AVVISO PUBBLICO Rio Marina Comune elbano AVVISO PUBBLICO OGGETTO : Avviso di gara di licitazione privata per l affidamento del servizio di assistenza domiciliare agli anziani non autosufficienti. Si rende noto che con

Dettagli

CHIEDE. di partecipare alla gara informale per l affidamento dei servizi di cui all oggetto e a tal fine DICHIARA

CHIEDE. di partecipare alla gara informale per l affidamento dei servizi di cui all oggetto e a tal fine DICHIARA Modello A DOMANDA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONE Il/La sottoscritto/a (cognome)... (nome)... nato/a il... a... in qualità di...... della Ditta... con sede legale in... prov... CAP... Via... n.... P.

Dettagli

R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa

R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa CAPITOLATO D ONERI FORNITURA MATERIALI A PIE D OPERA, TRASPORTI e NOLI OGGETTO : Cantiere di lavoro n. 1001467/SR-18 (Circolare

Dettagli

Il giorno del mese di dell anno 2011 nella sede della ASL RM/A, - via Ariosto 3/5, in esecuzione della deliberazione n.

Il giorno del mese di dell anno 2011 nella sede della ASL RM/A, - via Ariosto 3/5, in esecuzione della deliberazione n. C O N V E N Z I O N E PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA NON SANITARIA AGLI OSPITI DELLE STRUTTURE RESIDENZIALI A BASSA INTENSITA ASSISTENZIALE PER PAZIENTI PSICHIATRICI DEL 1 DISTRETTO DELLA

Dettagli

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico SERVIZIO DI VIGILANZA E VERIFICA ACCESSI PER L ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO DI PADOVA * * * * * * CAPITOLATO

Dettagli

CONTRATTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELL ASCENSORE MONTACARICHI INSTALLATO NELLA SEDE DELLA CCIAA DI LODI CUP B19H10000680005

CONTRATTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELL ASCENSORE MONTACARICHI INSTALLATO NELLA SEDE DELLA CCIAA DI LODI CUP B19H10000680005 CONTRATTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELL ASCENSORE MONTACARICHI INSTALLATO NELLA SEDE DELLA CCIAA DI LODI CUP B19H10000680005 FRA Camera di Commercio di Lodi, con sede in Lodi via Haussmann,

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE avente ad oggetto il

SCHEMA DI CONVENZIONE avente ad oggetto il Esente da bollo art. 17 D. LGS 460/97 SCHEMA DI CONVENZIONE avente ad oggetto il Servizio di spazzamento strade, piazze, marciapiedi e aree verdi comunali del Comune di Levanto anno 2014 CIG: 5512548A82

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLE ATTIVITA INFORMATIVE E FORMATIVE DEL CENTRO INTERCULTURALE

COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLE ATTIVITA INFORMATIVE E FORMATIVE DEL CENTRO INTERCULTURALE COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLE ATTIVITA INFORMATIVE E FORMATIVE DEL CENTRO INTERCULTURALE ART. 1 - ATTIVITA DEL CENTRO INTERCULTURALE ED OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI PIETRAPERZIA

COMUNE DI PIETRAPERZIA COMUNE DI PIETRAPERZIA PROVINCI DI ENNA BANDO DI GARA OGGETTO: Affidamento del servizio Assistenza domiciliare anziani nel Comune di Pietraperzia in esecuzione della Delibera di Giunta Comunale n. 105

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI LIVORNO

CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI LIVORNO CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI LIVORNO Durata : Dal 1 MAGGIO 2012 AL 30 APRILE 2015 PRESCRIZIONI SPECIFICHE E TECNICHE ART. 1 - OGGETTO L

Dettagli

Provincia dell Aquila

Provincia dell Aquila Provincia dell Aquila B A N D O DI GARA MEDIANTE PUBBLICO INCANTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ASSICURATIVO PER LA COPERTURA DEL RISCHIO RCT RCO L Amministrazione Provinciale dell Aquila Via S. Agostino

Dettagli

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA AVVISO DI SELEZIONE PER CONFERIMENTO INCARICO DI SERVIZI ATTINENTI L INGEGNERIA E L ARCHITETTURA DI IMPORTO INFERIORE A 100.000,00 EURO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

12 Settore Politiche sociali

12 Settore Politiche sociali Comune di MONSERRATO 12 Settore Politiche sociali DOMANDA PROCEDURA APERTA - Affidamento dei servizi connessi alla realizzazione del Progetto IMPARA L ARTE E NON METTERLA DA PARTE - CIG 1005741BB7 Spett.le

Dettagli

Comune di Villa di Tirano

Comune di Villa di Tirano Comune di Villa di Tirano! "" #$% &' ( CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO 1. OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento del servizio

Dettagli

Liceo Scientifico di Stato A. Calini

Liceo Scientifico di Stato A. Calini Prot. n. 4782/C14i Brescia, 18 dicembre 2015 Bando di gara per l affidamento del servizio bar-ristoro all interno dell Istituto Codice CIG ZBF1541342 comprensivo di: 1- documenti 1. Bando di Gara 2. Schema

Dettagli

CONTRATTO PER LA FORNITURA DI BUONI PASTO CIG 4430974B68

CONTRATTO PER LA FORNITURA DI BUONI PASTO CIG 4430974B68 CONTRATTO PER LA FORNITURA DI BUONI PASTO CIG 4430974B68 FRA Camera di Commercio di Lodi, con sede in Lodi via Haussmann, 15 (cap. 26900) P.IVA 11125130150, nella persona del Segretario Generale f.f.,

Dettagli

Prot. 9740/C14g Roma 15 ottobre 2014 CIG N. ZEE113F818

Prot. 9740/C14g Roma 15 ottobre 2014 CIG N. ZEE113F818 Prot. 9740/C14g Roma 15 ottobre 2014 CIG N. ZEE113F818 BANDO DI GARA NOLEGGIO FOTOCOPIATRICI Alle ditte RCO - l.bassotti@rcoonline.it Vema Copy info@vemacopy.it BASCO BAZAR info@basco-bazar2.it FASTREND

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER IL SERVIZIO INFORMAGIOVANI

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER IL SERVIZIO INFORMAGIOVANI COMUNE DI SAMUGHEO PROVINCIA DI ORISTANO C.A.P. 09086 Tel. 0783/64023 64256 FAX 0783/64697 E.mail Comsam@Tiscali.it SERVIZIO SOCIO ASSISTENZIALE CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER IL SERVIZIO INFORMAGIOVANI

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI

Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L art. 3, II comma della Costituzione Italiana recita: è compito

Dettagli

IL AREA AMMINISTR.CONTABILE

IL AREA AMMINISTR.CONTABILE OGGETTO: Manutenzione ordinaria arredo urbano. Affidamento alla Cooperativa Promozione Lavoro di San Bonifacio. IL AREA AMMINISTR.CONTABILE RICHIAMATA la delibera di Giunta Comunale n. 13 del 01.03.2012,

Dettagli

COMUNE DI GROSSETO SETTORE AMBIENTE SERVIZIO SERVIZI AMBIENTALI

COMUNE DI GROSSETO SETTORE AMBIENTE SERVIZIO SERVIZI AMBIENTALI COMUNE DI GROSSETO SETTORE AMBIENTE SERVIZIO SERVIZI AMBIENTALI ********** AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER IL CONFERIMENTO DEI R.S.U. CON IL METODO DEL PORTA A PORTA A FAVORE DI

Dettagli

C O N V E N Z I O N E

C O N V E N Z I O N E C O N V E N Z I O N E Il Comune di PONTECAGNANO FAIANO (SA), Capofila dell Ambito Territoriale S4, sito in via M.A. Alfani, Legalmente Rappresentato dalla dott.ssa Giovanna Martucciello, nata a Pontecagnano

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Procedura negoziata con aggiudicazione mediante il ricorso al criterio del prezzo più basso per la fornitura di lavoratori in somministrazione 1. Finalità e oggetto. Il presente atto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIO-ASSISTENZIALE E DEL SERVIZIO DI FATTORINAGGIO SOCIALE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIO-ASSISTENZIALE E DEL SERVIZIO DI FATTORINAGGIO SOCIALE REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIO-ASSISTENZIALE E DEL SERVIZIO DI FATTORINAGGIO SOCIALE (approvato con deliberazione di C.C. n. 7 del 11.04.2012) 1 INDICE Art. 1: istituzione del servizio

Dettagli

COMUNE di CUTIGLIANO Prov. di Pistoia

COMUNE di CUTIGLIANO Prov. di Pistoia COMUNE di CUTIGLIANO Prov. di Pistoia CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI CUTIGLIANO E PRO LOCO DI CUTIGLIANO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DENOMINATO CENTRO ANIMAZIONE ESTIVO. ANNO 2014 Rep. 478 L anno duemillaquattordici

Dettagli

Allegato 1. Data di pubblicazione dell Avviso sul web: / / Data di scadenza della selezione : / /

Allegato 1. Data di pubblicazione dell Avviso sul web: / / Data di scadenza della selezione : / / Data di pubblicazione dell Avviso sul web: / / Data di scadenza della selezione : / / Allegato 1 AVVISO DI SELEZIONE Autorizzato con D.R./Delibera C.d.A. n. del Visto il Regolamento per il conferimento

Dettagli

La fornitura verrà aggiudicata ai sensi dell'art. 83 del D. Lgs. 12/04/2006 n. 163 e successive modifiche ed integrazioni.

La fornitura verrà aggiudicata ai sensi dell'art. 83 del D. Lgs. 12/04/2006 n. 163 e successive modifiche ed integrazioni. 11. FORZA MAGGIORE Le parti non saranno ritenute inadempienti qualora l'inosservanza degli obblighi derivanti dal contratto sia dovuto a forza maggiore. Con l'espressione "forza maggiore" si fa riferimento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 1 IDENTITA DEL CENTRO DISABILI E istituito presso i locali di proprietà dell Ipab Manlio Canepa in V.le Vittoria loc. San Terenzo, un Centro diurno per disabili

Dettagli

PROVINCIA DELL AQUILA

PROVINCIA DELL AQUILA PROVINCIA DELL AQUILA BANDO PROVINCIA MEDIANTE PUBBLICO INCANTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ASSICURATIVO RIGUARDANTE GLI AUTOMEZZI DI PROPRIETA DELL AMMINISTRAZIONE PER LA COPERTURA DEL RISCHIO RC AUTO,

Dettagli

COMUNE DI SETTIMO SAN PIETRO

COMUNE DI SETTIMO SAN PIETRO COMUNE DI SETTIMO SAN PIETRO PROVINCIA DI CAGLIARI C O N V E N Z I O N E PER CONFERIMENTO INCARICO DI COLLABORAZIONE NEL SERVIZIO EDUCATIVO DOMICILIARE RIVOLTO A MINORI IN DIFFICOLTA E ALLE LORO FAMIGLIE

Dettagli

Sviluppo Investimenti Territorio s.r.l.

Sviluppo Investimenti Territorio s.r.l. 161/13 Sviluppo Investimenti Territorio s.r.l. Regolamento per l affidamento di incarichi professionali a soggetti esterni Sommario Articolo 1 Oggetto del Regolamento... 2 Articolo 2 Presupposti e limiti...

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO

AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO COMUNE DI NOICÀTTARO (Provincia di Bari) C.A.P. 70016 Tel. 080.4781313 Fax 080.4781298 C.F./P.Iva 05165930727 AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO AVVISO

Dettagli

COMUNE DI MELEGNANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA

COMUNE DI MELEGNANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA COMUNE DI MELEGNANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento. Principi generali 1. Il Comune di Melegnano riconosce e

Dettagli

ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO. relativo alla

ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO. relativo alla ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO relativo alla Procedura selettiva n. 238/2014 ai sensi dell art. 125 comma 11 del D.Lgs. n.163/2006 per l affidamento del servizio di consulenza ed assistenza di carattere

Dettagli

SETTORE ECONOMICO-FINANZIARIO

SETTORE ECONOMICO-FINANZIARIO Città di Morcone (BN) SETTORE ECONOMICO-FINANZIARIO Tel. 0824 955440 - Fax 0824 957145 - E mail: responsabileeconomico@comune.morcone.bn.it CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RECUPERO

Dettagli

C I T T À D I P A L I A N O PROVINCIA DI FROSINONE

C I T T À D I P A L I A N O PROVINCIA DI FROSINONE CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI PALIANO E LA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO B PER LA GESTIONE DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Il Comune di Paliano al fine di creare opportunità di lavoro per le persone svantaggiate

Dettagli

COMUNE DI ALTOPASCIO

COMUNE DI ALTOPASCIO COMUNE DI ALTOPASCIO PROVINCIA DI LUCCA C.A.P. 55011 tel. 0583 / 216455 c.f. 00197110463 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO per affidamento incarico del servizio di brokeraggio assicurativo 1 INDICE ART.1 Oggetto

Dettagli

OGGETTO: servizio di derattizzazione e disinfestazione negli immobili di proprietà o pertinenza del Comune di Trieste decorrenza dal.

OGGETTO: servizio di derattizzazione e disinfestazione negli immobili di proprietà o pertinenza del Comune di Trieste decorrenza dal. SCHEMA DI CONTRATTO allegato sub E) OGGETTO: servizio di derattizzazione e disinfestazione negli immobili di proprietà o pertinenza del Comune di Trieste decorrenza dal. IMPRESA: (denominazione e codice

Dettagli

Comune di San Stino di Livenza

Comune di San Stino di Livenza Comune di San Stino di Livenza Provincia di Venezia Prot. N. Lì 10.12.2013 Gara informale per l affidamento del servizio di ricovero, custodia, cura e mantenimento di cani randagi catturati sul territorio

Dettagli

Oggetto: Gara di appalto inerente l affidamento del servizio SERVIZIO SOCIO EDUCATIVO - Mesi 12

Oggetto: Gara di appalto inerente l affidamento del servizio SERVIZIO SOCIO EDUCATIVO - Mesi 12 Modello 2 (da inserire nella busta 1) www.comune.noto.sr.it - il modello può essere scaricato dal sito web Oggetto: Gara di appalto inerente l affidamento del servizio SERVIZIO SOCIO EDUCATIVO - Mesi 12

Dettagli

TEATRO LIRICO DI CAGLIARI

TEATRO LIRICO DI CAGLIARI TEATRO LIRICO DI CAGLIARI F O N D A Z I O N E Allegato B CAPITOLATO SPECIALE ALLEGATO ALL'INVITO A PRESENTARE OFFERTA PROCEDURA NEGOZIATA PER L'ESECUZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE, ESAMI STRUMENTALI E

Dettagli

IL PRESIDENTE PREMESSO CHE - BIP

IL PRESIDENTE PREMESSO CHE - BIP IL PRESIDENTE PREMESSO CHE - la Società ha partecipato alla presentazione di un progetto dal titolo Bio Industrial Processes - BIP -nel seguito BIP,nell'ambito del BANDO PER LA REALIZZAZIONE DELLA RETE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici CAPITOLATO SPECIALE Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ammonta ad. 10250 oltre IVA al

Dettagli

AVVISO PUBBLICO IL COMUNE DI BARI

AVVISO PUBBLICO IL COMUNE DI BARI AVVISO PUBBLICO IL COMUNE DI BARI COMUNICA In esecuzione della Delibera di Consiglio Circoscrizionale n. 59 del 13.12.2010, e successiva Determinazione Dirigenziale n. 164 del 20.12.2010 la VI Circoscrizione,

Dettagli

APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA SCOLASTICA A SOGGETTI DISABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI MORROVALLE (MC) (CIG N 5238342092)

APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA SCOLASTICA A SOGGETTI DISABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI MORROVALLE (MC) (CIG N 5238342092) MORROVALLE SERVIZI S.R.L. APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA SCOLASTICA A SOGGETTI DISABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI MORROVALLE (MC) (CIG N 5238342092) Art. 20 Allegato IIB D.lgs. n 163/2006

Dettagli

DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA, DEL CAMPO SPORTIVO E DEI LOCALI SCOLASTICI.

DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA, DEL CAMPO SPORTIVO E DEI LOCALI SCOLASTICI. DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA, DEL CAMPO SPORTIVO E DEI LOCALI SCOLASTICI. A.S. 2012/2013 L Istituto scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO VIA LUIGI RIZZO, 1 di seguito chiamato scuola,

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE G. QUARENGHI VIA DI VILLA SCARPELLINI - 00028 SUBIACO (RM) - DISTRETTO

Dettagli

Allegato B. Spett. le. Via Cap - Città

Allegato B. Spett. le. Via Cap - Città Prot. n. Cagliari, Spett. le Via Cap - Città OGGETTO: Procedura di affidamento diretto del servizio in economia inerente all imputazione sul SIL Sardegna dei dati relativi allo stato di attuazione degli

Dettagli

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Allegato A alla delibera di C. C. n. 14 del 30.08.2012 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art.

Dettagli

I L RESPONSABILE DELL UFFICIO COMUNALE DI CENSIMENTO

I L RESPONSABILE DELL UFFICIO COMUNALE DI CENSIMENTO ---- Avviso interno per la selezione di rilevatori per il 15 Censimento Generale della Popolazione e delle Abitazioni I L RESPONSABILE DELL UFFICIO COMUNALE DI CENSIMENTO Visto l art. 50 del D.L. 31 maggio

Dettagli

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA AVVISO ESPLORATIVO Oggetto: Fornitura di energia elettrica e servizi connessi per sessantacinque utenze intestate all EFS. - Importo complessivo annuo stimato 37.000,00 oltre iva di legge. - Procedura

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE per l affidamento del Progetto Attività Motoria in acqua, Ginnastica Dolce e Posturale per Anziani

SCHEMA DI CONVENZIONE per l affidamento del Progetto Attività Motoria in acqua, Ginnastica Dolce e Posturale per Anziani Municipio Roma XIV Monte Mario U.O. Servizi Sociali ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONVENZIONE per l affidamento del Progetto Attività Motoria in acqua, Ginnastica Dolce e Posturale per Anziani Art. 1 Oggetto dell

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE. Autorizzato con DRD n. 2817/2015

AVVISO DI SELEZIONE. Autorizzato con DRD n. 2817/2015 Data di pubblicazione dell Avviso sul web: 26/11/2015 Data di scadenza della selezione: 18/12/2015 AVVISO DI SELEZIONE Autorizzato con DRD n. 2817/2015 - Visto il Regolamento per il conferimento a terzi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI

REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI 79 REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 84 REG./29 PROP.DEL. NELLA SEDUTA DEL 12/04/2006 LINEE PROGRAMMATICHE

Dettagli

Istituto di Istruzione Secondaria Superiore

Istituto di Istruzione Secondaria Superiore LICEO "Francesco Crispi" TECNICO "Giovanni XXIII" PROFESSIONALE "A. Miraglia" Istituto di Istruzione Secondaria Superiore "Francesco Crispi" Via Presti, 2-92016 Ribera (Ag) Tel. 0925 61523 - Fax 0925 62079

Dettagli

AFOL Nord ovest milano BANDO di gara affidamento servizi amministrativi, paghe e contributi, assistenza contrattuale

AFOL Nord ovest milano BANDO di gara affidamento servizi amministrativi, paghe e contributi, assistenza contrattuale BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI PROFESSIONALI PER L AREA AMMINISTRATIVA CONTABILE LOTTO 1 AREA AMMINISTRATIVA - LOTTO 2 AREA PAGHE E CONTRIBUTI LOTTO 3 AREA ASSISTENZA CONTRATTUALE CIG XB10729F22

Dettagli