Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli"

Transcript

1 Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli

2 La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto come forma di transazione economica Evita cioè la altrimenti necessaria coincidenza di bisogni tra venditori e compratori. Con la moneta acquisita il venditore può comprare ciò di cui ha bisogno, non deve riceverlo direttamente dalla controparte

3 Le funzioni della moneta La moneta svolge tre funzioni: 1) E un mezzo di scambio 2) E un unità di conto (numerario), serve a calcolare il valore dei beni e a metterli a confronto 3) E una riserva di valore, perché consente di trasferire potere di acquisto nel futuro

4 Moneta e liquidità La moneta non è l unico mezzo per trasferire potere d acquisto nel tempo La «ricchezza» è l insieme di riserve di valore a disposizione di un individuo (immobili, obbligazioni, azioni ) Le diverse riserve di valore si dicono liquide se sono facilmente convertibili in moneta La moneta è la riserva più liquida!

5 Le forme della moneta Moneta-merce: la moneta è rappresentata da un bene che ha un valore intrinseco (oro, argento): il valore intrinseco dell oro è dato dal suo impiego industriale e nel settore dei gioielli Moneta a corso legale, priva di valore intrinseco (es. moneta cartacea): Convertibile in metalli preziosi (gold standard) Moneta-credito, «agganciata» all economia reale sottostante (il suo valore è dato da merci / servizi che rende possibile acquistare)

6 La quantità di moneta La moneta è l insieme di tutto ciò che permette di operare gli scambi, ovvero è accettato come mezzo di pagamento. La quantità di moneta è quindi è proporzionale alla quantità di scambi che si possono eseguire ( domanda transattiva ). Le banconote sono moneta. E la carta di credito? Quanta è la moneta presente in un economia?

7 Il circolante L'insieme delle banconote e delle monete metalliche detenuto dai cittadini costituisce il circolante. Il circolante costituisce una componente della quantità di moneta esistente in un economia

8 I conti correnti e le carte di debito In qualunque momento posso prelevare dal conto corrente e utilizzare tali prelevamenti come mezzo di pagamento. Quindi, anche le somme depositate nei conti correnti sono moneta. La carta di debito (bancomat) permette direttamente tale operazione. La carta di credito, al contrario, fornisce effettivamente del credito.

9 Gli aggregati monetari Non sempre è semplice tracciare un confine su cosa è moneta e cosa no. Le obbligazioni, sono moneta? A seconda dei confini che tracciamo, otteniamo che la quantità di moneta presente nell economia è diversa. Esistono dei confini standard che determinano gli aggregati monetari.

10 Gli aggregati monetari Aggregato M0: circolante + depositi detenuti dalle banche commerciali presso la banca centrale, le cosiddette riserve, si chiama base monetaria, interamente controllato dalla Banca Centrale Aggregato M1: il circolante + i depositi a vista (i conti correnti) dei privati (famiglie, imprese) presso le banche ordinarie Aggregato M2: M1+ i depositi a breve scadenza. Aggregato M3: M2 + alcuni titoli di credito (ad es. le obbligazioni a breve scadenza). La quantità di moneta presente in un economia (definita secondo uno degli aggregati sopra indicati) viene chiamata Offerta di Moneta

11 Perchè si detiene moneta? Per fini transattivi, per poter scambiare beni. Per fini precauzionali, per potersi premunire da eventi imprevisti. Per fini speculativi, ovvero per trasferire ricchezza nel tempo. La quantità di moneta che gli individui desiderano tenere per i motivi sopra indicati viene chiamata Domanda di Moneta

12 La creazione della moneta La moneta fisica (banconote e monete) è creata da apposite istituzioni che poi devono immetterla nel sistema. Occorre considerare: 1) Come si immette la moneta fisica nel sistema e chi lo fa. 2) Come si determina la quantità di moneta (offerta di moneta) nel sistema. 3) Quali sono gli effetti dell'immissione di moneta.

13 Chi crea la moneta? Nelle economie moderne, la creazione della moneta fisica (banconote e monete metalliche) viene effettuata dalla banca centrale. Le banche centrali stampano e coniano la moneta fisica. Quindi determinano la Base Monetaria. La banca centrale è un istituzione adibita alla stampa della moneta e al controllo e alla regolamentazione del sistema bancario. Le banche centrali tipicamente non sono enti pubblici ma sono regolamentate da leggi speciali.

14 La Banca Centrale Europea (BCE) All interno dell Unione Europea è stata creata la BCE con lo scopo di provvedere all emissione di moneta per gli Stati aderenti all Euro. Le banche centrali dei singoli paesi (la Banca d Italia ad esempio), continuano ad esistere ma non possono più stampare moneta. Al contrario, continuano a occuparsi del controllo e della supervisione del sistema bancario dei singoli paesi. In particolare controllano che le banche private si attengano a determinati standard e requisiti per poter tutelare il risparmio che tali banche raccolgono.

15 Come si immette moneta nel sistema Le banche centrali stampano moneta, ma come la distribuiscono? I due principali canali di creazione della moneta sono: 1) Operazioni di mercato aperto: la banca centrale acquista titoli di Stato (obbligazioni) dalle banche e ne accredita l importo sulle riserve detenute dalle banche presso la banca centrale stessa 2) Prestiti alle banche: la Banca Centrale concede prestiti alle banche private e ne accredita l importo sulle riserve. In pratica la Banca centrale fissa il Tasso di Rifinanziamento noto anche come Tasso di Sconto Ufficiale, a valere su questi prestiti. Successivamente le banche soddisfano la domanda di circolante dei clienti (es. in conseguenza di un prestito erogato) attingendo alle proprie riserve. Così il circolante «entra» nel sistema economico.

16 Creazione di moneta e offerta di moneta Le banche centrali stampano moneta fisica e la distribuiscono, ma come si determina l'offerta di moneta (ovvero la quantità di moneta presente nel sistema)? Il collegamento fra moneta fisica stampata e offerta di moneta viene determinato nel sistema bancario Le banche operano in due modi: 1) Raccolgono denaro dai clienti. 2) Concedono prestiti a privati e imprese.

17 Creazione di moneta e offerta di moneta I cittadini depositano i propri soldi in banca nei conti correnti e questa li raccoglie. Una parte dei fondi raccolti nei conti correnti deve essere depositata presso la banca centrale. La quota di moneta raccolta che la banca deve trattenere è detta Riserva Obbligatoria. N.B. il livello delle riserve può essere maggiore (Riserva discrezionale). Il volume massimo dei prestiti che una banca può erogare è determinato, in molti sistemi nazionali, come un multiplo della riserva obbligatoria

18 Creazione di moneta e offerta di moneta Le unità monetarie presenti nel sistema sono ripartite fra: Quantità detenuta dai cittadini. (A) Quantità depositata in banca e trattenuta come riserva, obbligatoria o discrezionale (B) Quantità depositata in banca e da essa data in prestito. (C) Attenzione: 1) La moneta immessa è pari a A+B+C 2) I fondi depositati nei conti correnti sono pari a B+C

19 Schema di bilancio bancario Riserve (B) ATTIVO Impieghi: prestiti (C) PASSIVO Depositi (B + C) L attivo include le risorse («asset») detenute dalla banca Il passivo gli obblighi («liabilities») verso terzi Totale attivo = Totale passivo (partita doppia)

20 Creazione di moneta e offerta di moneta Consideriamo l'offerta di moneta definita come aggregato monetario M1 Offerta di Moneta= M1 = Circolante + Conti Correnti dei privati Circolante = A Conti Correnti dei privati = B + C Quindi: Offerta di Moneta= M1 =A+B+C = circolante + riserve + prestiti

21 Le banche creano moneta Supponiamo che la banca A abbia depositi pari a 100. La riserva obbligatoria è al 10% L impresa X chiede un prestito di 90, e la banca decide di concederlo (prestito massimo = 90), accreditandone l importo su un deposito della banca B intestato a X Il totale dei depositi ora è = 190 L offerta di moneta è aumentata!

22 Il moltiplicatore monetario La banca B può prestare per un importo massimo pari a 81 = 90 * (1 0,1) Supponiamo che eroghi il prestito all impresa Y che deposita presso la banca C La banca C può prestare fino a un massimo di 72,9. La somma totale concessa in prestito è un multiplo (finito) dei depositi originari

23 Il moltiplicatore monetario La grandezza del moltiplicatore dipende inversamente dal coefficiente di riserva obbligatorio Più piccolo il coefficiente, maggiore il livello massimo di prestiti che possono essere concessi Il limite si applica solo ai depositi, non agli altri tipi di passività (es. obbligazioni)

24 Strumenti di regolazione del settore bancario Coefficiente della riserva obbligatoria, aumenta / diminuisce il livello dei prestiti se i depositi sono l unica o la principale passività delle banche: Efficace per frenare l aumento dei prestiti o indurne una riduzione Non necessariamente efficace per stimolarne la crescita: la banca centrale non può obbligare le banche a concedere prestiti (problema delle «riserve in eccesso»)

25 Strumenti di regolazione del settore bancario Coefficienti di capitalizzazione, ovvero rapporto tra valore delle Attività (prestiti, titoli, etc.) e valore del capitale proprio della banca Infatti, se si riduce il valore delle attività, si riduce il valore del capitale, aumenta il rischio di fallimento (E = 0); correntisti e creditori devono essere rimborsati, se possibile, in caso di fallimento: se le perdite superano il valore capitale, invece, subiranno delle perdite potenziali ATTIVO Riserve Prestiti Titoli PASSIVO Depositi Obbligazioni Capitale (E)

26 Regolazione e politica monetaria Riserva obbligatoria e coefficienti di capitalizzazione servono principalmente per «limitare» la crescita del credito e proteggere la solvibilità delle banche da eventi imprevisti Le variazioni dell offerta di moneta si attuano con gli strumenti già menzionati: Operazioni di mercato aperto Operazioni di rifinanziamento (prestiti di riserve alle banche) I secondi sono strumenti più duttili perché non tutte le banche sono obbligate a partecipare, mentre i primi si applicano uniformemente a tutte le banche

27 Il controllo dell offerta di moneta La banca centrale non ha un controllo completo sull offerta di moneta, che dipende in modo decisivo dalla propensione delle banche ordinarie a fare prestiti Inoltre, non ha un controllo completo sulla propensione degli individui a detenere depositi; in caso di «crisi di fiducia» nel settore bancario, la «corsa agli sportelli» Per questo politica monetaria e regolazione del settore bancario sono in capo alla stessa istituzione

28 Che succede se creiamo moneta? La stampa della moneta viene effettuata dalle nazioni sovrane e, in particolare, dalle banche centrali Supponiamo di stampare moneta e distribuirla alla popolazione. Saremmo tutti più ricchi? Apparentemente il nostro potere di acquisto sarà aumentato e la nostra domanda dovrebbe aumentare di conseguenza.

29 Effetti reali della moneta Se la quantità di merci resta la medesima, l unico effetto possibile è un aumento del livello dei prezzi D altro canto, la crescita della domanda può indurre un aumento dell offerta, ovvero della quantità di merci prodotta

30 30 Un aumento delle disponibilità monetarie Supponiamo di avere a disposizione più moneta. A parità di prezzo ogni individuo desidera acquistare più beni, la domanda di mercato trasla verso destra. La nuova curva di domanda diviene D2. Prezzo Pe2 Pe1 D1 O1 D2 Variazione della curva di domanda dovuta all'aumento delle disponibilità monetarie Qe1 Qe2 Quantità domandata, quantità offerta In seguito alle maggiori diponibilità monetarie registriamo un nuovo equilibrio ad un prezzo e una quantità più alti. Questo accade in tutti i mercati e quindi il livello generali dei prezzi aumenta insieme alla produzione.

31 Che succede se creiamo moneta? Noi abbiamo più moneta ma il livello generale dei prezzi aumenta insieme alla quantità prodotta Se l'aumento dei prezzi fosse immediato e molto forte questo potrebbe controbilanciare immediatamente la nostra maggiore disponibilità di moneta e in realtà la nostra domanda non aumenterebbe (es. la nostra disponibilità monetaria raddoppia ma anche i prezzi immediatamente raddoppiano).

32 Aumento delle disponibilità monetarie con offerta perfettamente anelastica Prezzo O1 D1 D2 Qe1 Quantità domandata, quantità offerta

33 Creazione di moneta e inflazione In ogni caso, in base al ragionamento fatto, la creazione di moneta fa aumentare i prezzi e quindi genera inflazione. Un filone di pensiero economico sostiene la Teoria Quantitativa della Moneta secondo la quale il livello dei prezzi è direttamente proporzionale alla quantità di moneta e ogni variazione di quest'ultima si ripercuote direttamente e soltanto sui prezzi lasciando invariata la quantità di beni domandata e prodotta. Altre teorie contestano questa conclusione, sottolineando che le variazioni monetarie hanno effetti sulla quantità prodotta

34 La neutralità della moneta Gli economisti della scuola neoclassica credono nella Teoria quantitativa della moneta e sostengono che variazioni della quantità di moneta non hanno effetti sul potere di acquisto e sul reddito reale: la moneta è neutra. Tuttavia, molti economisti sostengono che la variazione della quantità di moneta ha degli effetti reali. Vi è quindi disaccordo fra i monetaristi (moneta neutra) e gli altri filoni di pensiero (keynesiani, neokeynesiani, postkeynesiani )

35 La teoria neoclassica della moneta La moneta è usata esclusivamente per gli scambi (esclude domanda precauzionale e speculativa, ovvero la funzione della moneta come riserva di valore) Tanto più elevato il livello dei prezzi P, tanto maggiore la domanda di moneta Ovvero, tanto più basso il potere di acquisto di una unità monetaria, dato da 1/P, tanto maggiore la domanda di moneta

36 Equilibrio sul mercato della moneta secondo l approccio «monetarista» 1/P Offerta N.B. l offerta non dipende da P 1/Pe Domanda M

37 Effetto di una espansione monetaria 1/P 1/Pe1 1/Pe2 I prezzi aumentano, tutta la moneta in più viene impiegata per acquistare beni e servizi. N.B. Non possiamo dire nulla sulla produzione Domanda M

38 Esclusione di effetti reali Dipende dall anelasticità della curva di offerta dei beni Ovvero, dal fatto che tutti i fattori produttivi esistenti (lavoro, capitale) sono già pienamente impiegati («piena occupazione») in questo caso la produzione non può aumentare Se invece esiste capacità in eccesso (capitale inutilizzato, disoccupati) la curva di offerta non è verticale, la produzione aumenta («effetti reali») Per cui la teoria neoclassica dipende dall ipotesi di piena occupazione

39 Equazione quantitativa della moneta La teoria «monetarista» si riassume nell equazione M V = P Y Dove M = offerta di moneta, V = velocità di circolazione, P = indice dei prezzi, Y = PIL reale, ovvero P Y= PIL nominale E la condizione di equilibrio sul mercato della moneta: offerta = domanda Offerta: M V Domanda: P Y Graficamente, si rappresenta con le curve viste nelle slides precedenti

40 La velocità di circolazione della moneta V misura il numero di transazioni per unità monetaria, la teoria «monetarista» suppone sia costante Questa è una ipotesi ragionevole se la domanda di moneta è esclusivamente per le transazioni (tutta la moneta viene sempre e comunque spesa per acquistare beni e servizi) Allora V dipende solo dalla «tecnologia» dei pagamenti, non fluttua nel breve termine

41 Equazione quantitativa della moneta Quindi V è una costante, V = V M V = P Y Se aumenta M, P o Y devono aumentare Ma, se siamo in piena occupazione, Y non può aumentare Per cui deve necessariamente aumentare P

42 Iperinflazione I costi dell inflazione sono ben percepibili quando l inflazione diventa molto elevata, e possibilmente crescente, es.: Difficoltà tecniche nelle transazioni di mercato (es. necessità di aggiornare continuamente i prezzi, stampare banconote di importi crescenti..) Gli episodi di iperinflazione sono associati a una «crisi fiscale» dello Stato, che paga le proprie spese «stampando moneta» - ovvero ricevendo fondi direttamente dalla Banca Centrale in cambio di Titoli di Stato

43 Inflazione e redistribuzione Gli effetti seguenti si presentano di frequente in caso di inflazione crescente: I salari nominali non si adeguano alla crescita dei prezzi, cade il potere di acquisto Il tasso d interesse reale (= interesse nominale inflazione) diminuisce, e i risparmi ricevono una remunerazione reale minore (tassa d inflazione) Si tratta di una redistribuzione di reddito a favore Delle imprese (salario reale diminuito) Dei debitori (imprese, Stato)

44 I costi della deflazione In questo caso la redistribuzione è a sfavore: Delle imprese (minori ricavi) Dei debitori (maggiore tasso d interesse reale, aumento valore reale del debito) I (molto) probabili effetti sono una riduzione degli investimenti (minore domanda di prestiti) e della produzione in generale (caduta dei profitti = ricavi - costi) La «spirale deflattiva» conduce alla recessione!

45 Obiettivo della politica monetaria Inflazione positiva e stabile: Secondo la BCE, «un incremento annuo dei prezzi inferiore al 2%» (prima del 2003) Dopo il 2003, «un incremento annuo dei prezzi inferiore, ma prossimo, al 2%» La seconda formulazione incorpora esplicitamente l obiettivo di evitare la deflazione

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

La Moneta e i Mercati Monetari. Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano)

La Moneta e i Mercati Monetari. Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano) La Moneta e i Mercati Monetari In questa lezione: Determiniamo le funzioni e l origine della moneta Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano) Data

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

IL SISTEMA MONETARIO. Harcourt Brace & Company

IL SISTEMA MONETARIO. Harcourt Brace & Company IL SISTEMA MONETARIO Il significato della moneta La moneta è l insieme dei valori che vengono utilizzati regolarmente dagli individui di un economia per acquistare beni e servizi da altri individui. Tre

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Capitolo 22. La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 22. La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 22 La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea In questa lezione La moneta e le sue funzioni: come si misurano gli aggregati monetari banche commerciali e creazione di moneta Il ruolo della

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

Equazione quantitativa della moneta

Equazione quantitativa della moneta Moneta e inflazione Equazione quantitativa della moneta Gli individui detengono moneta allo scopo di acquistare beni e servizi QUINDI la quantità di moneta è strettamente correlata alla quantità che viene

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6 Rimini, 6 ottobre 2015 Macroeconomia 140 La ripresa dell Italia Il Fondo Monetario internazionale ha alzato le stime

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Dopo aver analizzato il mercato dei beni (i.e. i mercati reali) passiamo allo studio dei mercati finanziari. Ricordo che, proprio come nello studio del settore reale (IS), anche

Dettagli

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE VII IL SETTORE MONETARIO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAP. III LA MONETA

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAP. III LA MONETA APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAP. III LA MONETA 1. Origini e funzioni della moneta Nei moderni sistemi economici la maggioranza dei beni viene prodotta

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

Capitolo 16. Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria

Capitolo 16. Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria Capitolo 16 Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria La quantità di moneta in circolazione può influenzare l'andamento macroeconomico Che cosa si considera moneta? Tipicamente, la

Dettagli

Lezione 6: La moneta e la scheda LM

Lezione 6: La moneta e la scheda LM Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 6: La moneta e la scheda LM Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Moneta DEFINIZIONE. In macroeconomia

Dettagli

I mercati finanziari

I mercati finanziari Lezione 6 (BAG cap. 4) I mercati finanziari Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia I mercati finanziari 1. La domanda di moneta 2. L offerta di moneta: il ruolo della Banca Centrale

Dettagli

PROF. MATTIA LETTIERI

PROF. MATTIA LETTIERI LA DOMANDA DI MONETA PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 LA MONETA ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 2 LA TEORIA QUANTITATIVA

Dettagli

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito Capitolo 13 Banca Centrale, moneta e credito La moneta: cosa sappiamo già (cap. 5) La moneta è un bene comunemente accettato come mezzo di scambio e pagamento. Deve avere come caratteristiche: facile trasferibilità,

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 1. La domanda di moneta La moneta può essere usata per transazioni, ma non paga interessi. In realtà ci sono due tipi di moneta: il circolante, la moneta metallica e cartacea,

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

Lezione 27: L offerta di moneta e la LM

Lezione 27: L offerta di moneta e la LM Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 27: L offerta di moneta e la LM Facoltà di Economia Università di Roma Sapienza Offerta di moneta Offerta di moneta. È la quantità di mezzi di pagamento

Dettagli

LE VARIABILI NOMINALI: LA MONETA, I PREZZI E L INFLAZIONE

LE VARIABILI NOMINALI: LA MONETA, I PREZZI E L INFLAZIONE LE VARIABILI NOMINALI: LA MONETA, I PREZZI E L INFLAZIONE 0 COSA IMPAREREMO La teoria classica dell inflazione cause effetti Costi sociali In che senso classica? Assumiamo che i prezzi siano flessibili

Dettagli

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Francesco Prota Piano della lezione Le funzioni della moneta La teoria quantitativa della moneta Inflazione La domanda di moneta Moneta, prezzi e inflazione I costi

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Economia monetaria. Per capire meglio come circolano i soldi e la crisi finanziaria

Economia monetaria. Per capire meglio come circolano i soldi e la crisi finanziaria Economia monetaria Per capire meglio come circolano i soldi e la crisi finanziaria Cosa sono i soldi? Definizione problematica (x gli economisti!) Moneta-merce: un bene intrinsecamente dotato di valore

Dettagli

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 26 Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale In questa lezione Banca centrale Europea (BCE) e tassi di interesse: M D e sue determinanti; M S ed equilibrio del mercato monetario;

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 5

Economia monetaria e creditizia. Slide 5 Economia monetaria e creditizia Slide 5 Poiché le attività finanziarie sono sostituibili e le loro funzioni cambiano nel tempo non è facile dare una definizione univoca di moneta, ovvero di quali attività

Dettagli

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse I mercati finanziari Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse Le attività finanziarie Due attività: Moneta non frutta interessi serve per le

Dettagli

CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta

CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta Domande di ripasso 1. In un sistema a riserva frazionaria il sistema bancario crea moneta perché in genere le banche detengono come riserva solo una parte dei

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

Macro 3. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11

Macro 3. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11 Macro 3 La moneta e la politica monetaria Moneta Qualsiasi mezzo di pagamento generalmente accettato per lo scambio di beni e servizi e per l estinzione dei debiti Ciò che importa non è il materiale usato

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA POLITICA (prof. C. Gnesutta) PARTE 5 La composizione degli stock finanziari: Capitolo 19: moneta e capitale.

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA POLITICA (prof. C. Gnesutta) PARTE 5 La composizione degli stock finanziari: Capitolo 19: moneta e capitale. Capitolo 19:. Tra le funzione delle istituzioni finanziarie vi è anche quella di accrescere il grado di liquidità di attività altrimenti illiquide. Tale funzione è svolta efficacemente da quegli intermediari

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Macroeconomia. quindi: C

Macroeconomia. quindi: C Macroeconomia. Modello Keynesiano Politica economica è interna. Quindi le uniche componenti che ci interessano per la domanda aggregata sono il consumo, gli investimenti e la spesa pubblica. (.) D = C

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

LA MONETA. identifica l insieme dei mezzi di pagamento comunemente accettati

LA MONETA. identifica l insieme dei mezzi di pagamento comunemente accettati LA MONETA identifica l insieme dei mezzi di pagamento comunemente accettati DAL BARATTO ALLA MONETA Prima dell avvento della moneta gli scambi avvenivano attraverso il baratto: scambio di beni con beni

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Capitolo 4. Moneta e inflazione. Capitolo 4: Moneta e inflazione 1

Capitolo 4. Moneta e inflazione. Capitolo 4: Moneta e inflazione 1 Capitolo 4 Moneta e inflazione 1 Il percorso La moneta Cos è la moneta: funzioni e tipi. Offerta di moneta: strumenti. Domanda di moneta o o Teoria quantitativa. Teoria delle preferenze per la liquidità.

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 4

Economia monetaria e creditizia. Slide 4 Economia monetaria e creditizia Slide 4 Le teorie diverse che spiegano come di determina la domanda di moneta possono essere ricondotte alle due funzioni di mezzo di pagamento e di riserva di valore la

Dettagli

Le funzioni della banca. Lezione 1 1

Le funzioni della banca. Lezione 1 1 Le funzioni della banca Lezione 1 1 Le principali funzioni svolte dalle banche sono: Funzione monetaria; Funzione creditizia; Funzione di mobilizzazione del risparmio; Funzione di trasmissione degli impulsi

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo. acroeconomia, Esercitazione 2. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) 1 Esercizi. 1.1 oneta/1 Sapendo che il PIL reale nel 2008 è pari a 50.000 euro e nel 2009 a 60.000 euro, che dal 2008 al

Dettagli

I MERCATI FINANZIARI

I MERCATI FINANZIARI I MERCATI FINANZIARI 1 SCOPRIREMO cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse 2 LE ATTIVITÀ FINANZIARIE Due attività: Moneta non frutta interessi serve per

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Anno accademico 2014/2015 Corso di Politica Economica Docente: Claudio Di Berardino Informazioni sito docente: http://claudiodiberardino.jimdo.com mail: c.diberardino@unich.it 1 lezione - Le teorie degli

Dettagli

Il controllo dell offerta di moneta

Il controllo dell offerta di moneta Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il controllo dell offerta di moneta Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Fasi della politica monetaria

Dettagli

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A Ω B Ω C Ω D Ω 2) A Ω B Ω C Ω D Ω 3) A Ω B Ω C Ω D Ω 4) A Ω B Ω C Ω

Dettagli

Aspettative, Produzione e Politica Economica

Aspettative, Produzione e Politica Economica Aspettative, Produzione e Politica Economica In questa lezione: Studiamo gli effetti delle aspettative sui livelli di spesa e produzione. Riformuliamo il modello IS-LM in un contesto con aspettative. Determiniamo

Dettagli

PROF. MATTIA LETTIERI

PROF. MATTIA LETTIERI L OFFERTA DI MONETA PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 LA BASE MONETARIA ----------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LA RISERVA OBBLIGATORIA -------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

Lezione 26 (BAG cap. 24)

Lezione 26 (BAG cap. 24) Lezione 26 (BAG cap. 24) Politica Monetaria e Fiscale: regole e vincoli Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Cosa sappiamo Nel breve periodo la politica monetaria influisce sia

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Macroeconomia sui capitoli 21, 22 e 23. Dott.ssa Rossella Greco

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Macroeconomia sui capitoli 21, 22 e 23. Dott.ssa Rossella Greco Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Macroeconomia sui capitoli 21, 22 e 23 Dott.ssa Rossella Greco Domanda 1 (Problema 4. dal Cap. 21 del Libro di Testo) a) Gregorio,

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE.

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. 0 COSA IMPAREREMO: Cosa determina la produzione totale di un economia. (Ripasso sulla remunerazione dei fattori di produzione e la distribuzione

Dettagli

Lezione 11 PIL, Costo della vita. Leonardo Bargigli

Lezione 11 PIL, Costo della vita. Leonardo Bargigli Lezione 11 PIL, Costo della vita Leonardo Bargigli I due argomenti del corso La microeconomia si occupa del comportamento dei singoli agenti economici (individui, famiglie e imprese). La macroeconomia

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Equilibrio macroeconomico neoclassico

Equilibrio macroeconomico neoclassico Equilibrio macroeconomico neoclassico La teoria neoclassica (TN) Rappresentò il paradigma teorico di riferimento fino alla crisi del 1929 e prima di Keynes Ancora oggi alcune scuole di pensiero più recenti

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre UNIVERSIT DEGLI STUDI DI SSSRI DIPRTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E ZIENDLI MCROECONOMI - nno accademico 2015-2016, I semestre Soluzioni esercitazione (seconda parte del programma), 11122015 PRTE ) 1) Si

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli

Capitolo Quarto. Analisi di scenario

Capitolo Quarto. Analisi di scenario Capitolo Quarto Analisi di scenario 1. Distinzione tra politica economica e politica monetaria La politica economica studia l insieme degli interventi del soggetto pubblico sull economia, atti a modificare

Dettagli

Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI

Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI GLI INVESTIMENTI FINANZIARI SONO ACQUISTI DI ATTIVITA FINANZIARIE EFFETTUATE NELL ASPETTATIVA DI RICEVERNE UN RENDIMENTO. I PIU IMPORTANTI SONO: - I DEPOSITI

Dettagli

LA BANCA CENTRALE E LA POLITICA MONETARIA

LA BANCA CENTRALE E LA POLITICA MONETARIA LA BANCA CENTRALE E LA POLITICA MONETARIA STRUTTURA E GOVERNANCE DELLE BANCHE CENTRALI Osserviamo le due autorità più rilevanti: BCE e Federal Reserve (Fed). -La Banca Centrale Europea è inserita nel più

Dettagli

Il controllo dell offerta di moneta

Il controllo dell offerta di moneta Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il controllo dell offerta di moneta Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Moltiplicatore monetario

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia

Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia Lezione 1 Lezione 1 Economia Politica - Macroeconomia 1 Semplificazioni della macro Il livello di aggregazione è molto più spinto

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

Lezione 23 Legge di Walras

Lezione 23 Legge di Walras Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 23 Legge di Walras Funzione del Consumo Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Perché la macroeconomia I problem illustrati nelle lezione precedente

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Quesiti a risposta breve

Quesiti a risposta breve Quesiti a risposta breve Le domande proposte in questo elenco sono una raccolta dei quesiti a risposta breve contenuti nella domanda 1 degli esami di Istituzioni di Economia Politica II degli ultimi anni.

Dettagli

Macroeconomia. Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15

Macroeconomia. Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15 Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15 CAPITOLO 4 Benchmark classico di breve e medio periodo: equilibrio in assenza di imperfezioni informative e di mercato Mauro Visaggio CAPITOLO 4 1 / 74 Copyright

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Lezioni di economia INFLAZIONE E DEFLAZIONE. Prof. Piergiorgio Masala, lezione di diritto ed economia.

Lezioni di economia INFLAZIONE E DEFLAZIONE. Prof. Piergiorgio Masala, lezione di diritto ed economia. Lezioni di economia INFLAZIONE E DEFLAZIONE 1 Inflazione e deflazione INFLAZIONE CAUSE È l'aumento prolungato del livello medio generale dei prezzi in un dato periodo di tempo. L'aumento dei costi di produzione,

Dettagli

7. Il mercato della moneta

7. Il mercato della moneta 7. Il mercato della moneta 7.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta un flusso

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Il controllo dell offerta di moneta

Il controllo dell offerta di moneta Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il controllo dell offerta di moneta Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Fasi della politica monetaria

Dettagli

Inflazione e Produzione. In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste:

Inflazione e Produzione. In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste: Inflazione e Produzione In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste: Da cosa è determinata l Inflazione? Perché le autorità monetarie tendono a combatterla? Attraverso quali canali

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Abbiamo detto che le risorse che costituiscono il reddito nazionale possono essere

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Capitolo 4 Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima Che cos è la

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale.

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale. DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA PARTE I: I FONDAMENTI DELLA MACRO 1) Dopo aver spiegato la distinzione tra micro e macro economia, lo studente definisca e spieghi il concetto di Prodotto Interno

Dettagli

Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico generale.

Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico generale. Esercizi di Macroeconomia PARTE I: ECONOMIA CHIUSA SENZA DEBITO Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico

Dettagli

Le ipotesi del modello

Le ipotesi del modello Modello IS-LM Le ipotesi del modello I prezzi sono dati gli aggiustamenti passano attraverso variazioni delle quantità prodotte e del tasso di interesse L investimento non è più esogeno (come nel modello

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Cosa si intende per sistema finanziario Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Il sistema finanziario E la struttura attraverso cui si svolge l attività finanziaria; L attività finanziaria è la

Dettagli