IL SINDACO ORDINANZA N. 48 DEL 16/05/2012 COMANDO POLIZIA LOCALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL SINDACO ORDINANZA N. 48 DEL 16/05/2012 COMANDO POLIZIA LOCALE"

Transcript

1 IL SINDACO 1 Premesso che nei giorni dal 30 maggio al 3 giugno 2012, la Città di Milano ed alcuni Comuni del suo hinterland saranno interessati dallo svolgimento del VII Incontro mondiale delle Famiglie che determinerà la partecipazione di centinaia di migliaia di fedeli e devoti provenienti da tutte le parti d Italia e del mondo; Richiamati il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data 6 ottobre 2011 che ha dichiarato l incontro di cui sopra grande evento ai sensi e per gli effetti dell art. 5-bis, comma 5, del decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001, n. 401 e l ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n in data 17 gennaio 2012 che ha nominato il Prefetto di Milano Commissario delegato per la definizione e l attuazione delle iniziative dirette all organizzazione del grande evento succitato; Ricordato, in particolare, che nei giorni del 2 e 3 giugno 2012 il programma generale dell evento prevede la presenza del Santo Padre presso l area dell Aeroporto di Bresso per la Festa delle Testimonianze, la Celebrazione Eucaristica e la Recita dell Angelus ; Dato atto che gli eventi di cui al punto precedente renderanno l area in parola meta di un flusso costante di pellegrini che avrà rilevanti conseguenze sull intero sistema della viabilità di più Comuni, con ripercussioni sul fronte della sicurezza e incolumità pubblica; Considerato che, in forza di quanto sopra, ricorrono le condizioni per l esercizio dei poteri di cui al combinato disposto degli articoli 7, comma 1, lett. a) e comma 4, 5, comma 3, e 6, comma 4, lett. a), del decreto-legislativo 30 aprile 1992, n. 285 e s.m.i., recante il Nuovo Codice della Strada; Preso atto delle determinazioni assunte dal Gruppo di lavoro costituito presso la Prefettura di Milano Ufficio Territoriale del Governo e condivise con le Amministrazioni Comunali di Milano, Bresso, Cinisello Balsamo, Cormano, Cusano Milanino, Paderno Dugnano e Sesto San Giovanni; Visto l articolo 54 del decreto-legislativo 18 agosto 2000, n. 267, come modificato dal decreto-legge 23 maggio 2008, n. 92, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 luglio 2008, n. 125, e segnatamente il comma 4, si sensi del quale il Sindaco, quale ufficiale del Governo, adotta, con atto motivato e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento, provvedimenti contingibili e urgenti al fine di prevenire e di eliminare gravi pericoli che minacciano l'incolumità pubblica e la sicurezza urbana ;

2 2 Dato atto che il presente provvedimento è stato preventivamente concordato con il Prefetto di Milano Commissario delegato per il grande evento, al quale è stato altresì trasmesso; ORDINA A. Istituzione di Zona a Traffico Limitato nella giornata di sabato 2 giugno 2012, a far tempo dalle ore e fino alle ore 24.00, l istituzione di una Zona a Traffico Limitato per tutti i veicoli a motore, all interno di tutto il territorio comunale al quale potranno accedere esclusivamente le seguenti categorie di veicoli a motore: 1. Veicoli appartenenti ai residenti dell area omogenea contigua all evento e precisamente i comuni di: Bresso, Cormano, Cinisello Balsano, Cusano Milanino, Sesto S.G. 2. veicoli delle Forze Armate, degli Organi di Polizia, dei Vigili del Fuoco, dei Servizi di Soccorso, della Protezione Civile in servizio, Con targa CD, CC e SCV/CV e autoveicoli ad uso speciale adibiti al soccorso di veicoli 3. taxi, autobus in servizio di linea, autobus e autoveicoli in servizio di noleggio con conducente; 4. Veicoli con autorizzazione della Fondazione Family 2012 che esibiscono apposito pass autorizzato dalla Questura di Milano 5. veicoli utilizzati per il trasporto di portatori di handicap con titolare di contrassegno a bordo e di soggetti affetti da gravi patologie debitamente documentate con certificazione rilasciata dagli Enti competenti, ivi comprese le persone che hanno subito un trapianto di organi, che sono immunodepresse o che si recano presso strutture sanitarie per interventi di urgenza. 6. veicoli utilizzati per il trasporto di persone sottoposte a terapie od esami indispensabili in grado di esibire relativa certificazione medica o prenotazione. 7. veicoli di operatori assistenziali in servizio che dichiarino che stanno prestando assistenza domiciliare a persone affette da patologie per cui l'assistenza domiciliare è indispensabile; 8. veicoli di persone che svolgono servizi di assistenza domiciliare a persone affette da grave patologia. 9. veicoli di proprietà (o in noleggio o in leasing) di Enti Locali, dello Stato, degli Enti di Diritto Pubblico, delle Aziende e degli Enti di servizio pubblico limitatamente agli interventi urgenti ed indifferibili identificabili con le insegne dell ente di appartenenza; 10. veicoli utilizzati da imprese per: a) interventi tecnico operativi urgenti o di emergenza;

3 b) il trasporto di viveri destinati a mense o di strutture sanitarie; c) il trasporto di medicinali; 11. autoveicoli utilizzati dai lavoratori con turni lavorativi tali da impedire la fruizione dei mezzi di trasporto pubblico, certificati dal datore di lavoro, con indicati orari e tragitto da e per il luogo di lavoro; 12. veicoli di incaricati dei servizi di pompe funebri, trasporti funebri e veicoli al seguito (sono compresi i percorsi dal domicilio al luogo del funerale e ritorno); 13. Autoveicoli utilizzati per il trasporto di persone che partecipano a cerimonie religiose o civili non ordinarie purché forniti di adeguata documentazione (inviti e/o attestazioni rilasciate dai ministri officianti) 14. veicoli al servizio di testate televisive o giornalistiche con a bordo i mezzi di supporto, di ripresa, i gruppi elettrogeni, i ponti radio ecc., nonché recanti giornalisti muniti di tesserino di riconoscimento dell Ordine; 15. veicoli utilizzati da ministri di culto di qualsiasi confessione per le funzioni del proprio ministero; 16. veicoli di medici di famiglia o di pediatri di libera scelta in visita domiciliare urgente con medico a bordo e con tessera dell Ordine professionale; 17. veicoli di medici e operatori sanitari in turno di reperibilità nell orario del blocco; veicoli di infermieri ed ostetriche con dichiarazione del Collegio professionale che svolgono libera professione; veicoli di farmacisti; 18. veicoli di medici veterinari in visita domiciliare con medico a bordo e con tessera dell Ordine professionale; 19. veicoli utilizzati dagli Ufficiali e Agenti di Polizia Giudiziaria in servizio con tesserino di riconoscimento 20. veicoli utilizzati per il trasporto di merci deperibili. 21. Veicoli di commercianti con esercizio all interno della zona interessata dal provvedimento che non possono utilizzare il mezzo pubblico per recarsi nell esercizio stesso e veicoli dei commercianti ambulanti o itineranti autorizzati ad accedere alla zona di limitazione con apposita separata autorizzazione 3 B. Istituzione del Blocco Totale della Circolazione nella giornata di domenica 3 giugno 2012, a far tempo dalle ore 4.00 e fino alle ore 21.00, il divieto di circolazione esteso a tutti i veicoli a motore all interno di tutto il territorio con l esclusione delle seguenti categorie di veicoli a motore: 22. veicoli delle Forze Armate, degli Organi di Polizia, dei Vigili del Fuoco, dei Servizi di Soccorso, della Protezione Civile in servizio, Con targa CD, CC e SCV/CV e autoveicoli ad uso speciale adibiti al soccorso di veicoli 23. taxi, autobus in servizio di linea, autobus e autoveicoli in servizio di noleggio con conducente;

4 24. Veicoli con autorizzazione della Fondazione Family 2012 che esibiscono apposito pass autorizzato dalla Questura di Milano 25. veicoli utilizzati per il trasporto di portatori di handicap con titolare di contrassegno a bordo e di soggetti affetti da gravi patologie debitamente documentate con certificazione rilasciata dagli Enti competenti, ivi comprese le persone che hanno subito un trapianto di organi, che sono immunodepresse o che si recano presso strutture sanitarie per interventi di urgenza. 26. veicoli utilizzati per il trasporto di persone sottoposte a terapie od esami indispensabili in grado di esibire relativa certificazione medica o prenotazione. 27. veicoli di operatori assistenziali in servizio che dichiarino che stanno prestando assistenza domiciliare a persone affette da patologie per cui l'assistenza domiciliare è indispensabile; 28. veicoli di persone che svolgono servizi di assistenza domiciliare a persone affette da grave patologia. 29. veicoli di proprietà (o in noleggio o in leasing) di Enti Locali, dello Stato, degli Enti di Diritto Pubblico, delle Aziende e degli Enti di servizio pubblico limitatamente agli interventi urgenti ed indifferibili identificabili con le insegne dell ente di appartenenza; 30. veicoli utilizzati da imprese per: a) interventi tecnico operativi urgenti o di emergenza; b) il trasporto di viveri destinati a mense o di strutture sanitarie; c) il trasporto di medicinali; 31. autoveicoli utilizzati dai lavoratori con turni lavorativi tali da impedire la fruizione dei mezzi di trasporto pubblico, certificati dal datore di lavoro, con indicati orari e tragitto da e per il luogo di lavoro; 32. veicoli di incaricati dei servizi di pompe funebri, trasporti funebri e veicoli al seguito (sono compresi i percorsi dal domicilio al luogo del funerale e ritorno); 33. veicoli al servizio di testate televisive o giornalistiche con a bordo i mezzi di supporto, di ripresa, i gruppi elettrogeni, i ponti radio ecc., nonché recanti giornalisti muniti di tesare di riconoscimento dell Ordine; 34. veicoli utilizzati da ministri di culto di qualsiasi confessione per le funzioni del proprio ministero; 35. veicoli di medici di famiglia o di pediatri di libera scelta in visita domiciliare urgente con medico a bordo e con tessera dell Ordine professionale; 36. veicoli di medici e operatori sanitari in turno di reperibilità nell orario del blocco; veicoli di infermieri ed ostetriche con dichiarazione del Collegio professionale che svolgono libera professione; veicoli di farmacisti; 37. veicoli di medici veterinari in visita domiciliare con medico a bordo e con tessera dell Ordine professionale; 38. veicoli utilizzati dagli Ufficiali e Agenti di Polizia Giudiziaria in servizio con tesserino di riconoscimento 39. veicoli utilizzati per il trasporto di merci deperibili. 4

5 40. Veicoli di commercianti con esercizio all interno della zona interessata dal provvedimento che non possono utilizzare il mezzo pubblico per recarsi nell esercizio stesso e veicoli dei commercianti ambulanti o itineranti autorizzati ad accedere alla zona di limitazione con apposita separata autorizzazione C. Ulteriori provvedimenti di limitazione della circolazione 5 1. nella giornata di sabato 2 giugno 2012, a far tempo dalle ore e fino alle ore di domenica 3 giugno, l istituzione del divieto di sosta con rimozione forzata nelle aree di sosta poste su ambo i lati delle vie Grandi, Matteotti, Gramsci, A. Strada nel tratto compreso tra via Turati e via XX settembre, con apposizione del prescritto segnale (fig. II 74 Art. 120 del regolamento del C.d.S.) 2. nella giornata di sabato 2 giugno 2012, a far tempo dalle ore e fino alle ore di domenica 3 giugno, l istituzione del divieto di circolazione nelle vie Cadorna, Carolina Romani, Corridoni, Isimbardi, Villa, Vittorio Veneto, nel tratto compreso tra la via Giovanni XXIII e via XXV aprile, XXV aprile, individuate come percorso protetto preferenziale per i pellegrini appiedati diretti all area dell evento, con apposizione della relativa segnaletica verticale di: divieto di transito (fig. II 46 Art. 116 del regolamento del C.d.S.). Eventuali attraversamenti perpendicolari di veicoli in regime di deroga indicati alle precedenti lettere A) e B), saranno valutati volta per volta dal personale di polizia stradale in servizio sugli stessi percorsi protetti 3. nella giornata di sabato 2 giugno 2012, a far tempo dalle ore 07,00 e fino alle ore di domenica 3 giugno, l istituzione del divieto di sosta con rimozione forzata e il divieto assoluto di circolazione, compreso i pedoni, lungo tutta la via Clerici quale area perimetrali e prospicente alla zona dell evento e necessaria di particolare attenzione ai fini dell ordine e della sicurezza pubblica. 4. nella giornata di sabato 2 giugno 2012, a far tempo dalle ore e fino alle ore di domenica 3 giugno, l istituzione del divieto di sosta con rimozione forzata nelle aree di sosta poste in via Grazia Deledda, con apposizione del prescritto segnale (fig. II 74 Art. 120 del regolamento del C.d.S.), alfine di posizionare i mezzi di soccorso del REU; 5. nella giornata di sabato 2 giugno 2012, a far tempo dalle ore e fino alle ore di domenica 3 giugno, l istituzione del divieto di sosta con rimozione forzata nelle aree di sosta poste in via Bologna (Centro Civico), con apposizione del prescritto segnale (fig. II 74 Art. 120 del regolamento del C.d.S.), alfine di posizionare sulla suddetta area i mezzi rimossi; I provvedimenti di cui alla presente ordinanza hanno validità anche in assenza di segnaletica stradale, attesa la natura temporanea e l eccezionalità, per cui risultano sufficienti gli avvisi alla cittadinanza diramati attraverso i mezzi di informazione.

6 6 1. All Area Gestione e Pianificazione del Territorio, mediante l appalto di Global Service, è demandato l incarico di posare la prescritta segnaletica stradale, di cui ai punti precedenti, conformemente a quanto disposto dal Titolo II del D.P.R n. 495 e la fornitura sul posto delle strutture e della segnaletica mobile per la chiusura delle strade. 2. La presente ordinanza entra in vigore con l apposizione della segnaletica prevista dal vigente Codice della Strada. 3. La presente ordinanza è,altresì, resa pubblica mediante affissione all Albo pretorio del Comune. 4. E fatto obbligo a tutti gli utenti della strada di rispettare quanto stabilito ai punti A.B.C. 5. Gli ufficiali e gli Agenti della Polizia Locale e degli altri organi di polizia stradale di cui all art. 12 del D.Lgs. 285/92 (Codice della Strada) operanti sul territorio, sono incaricati di far rispettare le prescrizioni del presente provvedimento. 6. A carico dei trasgressori alle disposizioni descritte saranno applicate le sanzioni amministrative previste dall art. 7 c. 14^ CDS e la sanzione accessoria della rimozione del veicolo, ai sensi dell art. 159 del medesimo codice. 7. A norma dell art. 3 e 4 della legge 241/1990, si avverte che, avverso la presente ordinanza, chiunque via abbia interesse potrà presentare ricorso, per incompetenza, eccesso di potere o per violazione di legge, alternativamente al TAR competente, ai sensi della legge 1034/1971 e successive modificazioni o al Presidente della Repubblica, ai sensi dell art. 98 del D.P.R. 24 novembre 1971, rispettivamente entro 60 gg. ed entro 120 gg. a decorrere dalla data di pubblicazione del presente atto. 8. Contro la presente ordinanza è ammesso altresì ricorso, entro sessanta giorni, dall entrata in vigore della segnaletica, a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ed all Amministrazione Comunale, ai sensi dell art. 37/3^ del D.Lgs. 285/1992 e con le formalità e gli effetti di cui all art. 74 del Regolamento di esecuzione del Codice della Strada. RACCOMANDA a tutta la cittadinanza di verificare gli aggiornamenti della situazione evidenziata, consultando il sito internet ovvero prestando attenzione ai manifesti affissi negli spazi istituzionali ed all esterno del Palazzo Municipale.

7 D I S P O N E 7 la notifica della presente : Al Dirigente Area Gestione e Pianificazione del Territorio Arch. Rita Taraschi Ed invio di copia Per competenza ALL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO Per conoscenza alla Prefettura di Milano Ufficio Territoriale del Governo; alla Questura di Milano; al Comando Provinciale dell Arma dei Carabinieri di Milano; al Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Milano; Al Comandante Stazione Carabinieri Bresso al Comando di Polizia Locale di Bresso; al Commissariato di Pubblica Sicurezza di Cinisello Balsamo; ai Comandi di Polizia Locale di Milano, Cinisello Balsamo, Cormano, Paderno Dugnano e Sesto San Giovanni. IL SINDACO Fortunato Zinni

IL SINDACO. Ordinanza sindacale numero 5_ del 17/05/2012

IL SINDACO. Ordinanza sindacale numero 5_ del 17/05/2012 CORPO POLIZIA LOCALE Servizio Segnaletica Stradale Ordinanza sindacale numero 5_ del 17/05/2012 OGGETTO: PROVVEDIMENTI URGENTI IN OCCASIONE DEL VII INCONTRO MONDIALE DELLE FAMIGLIE: LIMITAZIONE TEMPORANEA

Dettagli

COMUNE DI BORGO TICINO Provincia di Novara Ufficio di Polizia Locale Via Vittorio Emanuele II, 58

COMUNE DI BORGO TICINO Provincia di Novara Ufficio di Polizia Locale Via Vittorio Emanuele II, 58 Prot. n. 2503 Borgo Ticino, lì 26.02.2010 ORDINANZA N. 04/2010 IL SINDACO Visto l articolo 7 del Nuovo Codice della Strada approvato con D. Leg.vo 30.04.1992, n 285, con il quale si dà facoltà ai comuni,

Dettagli

COMUNE DI VINOVO (Provincia di Torino)

COMUNE DI VINOVO (Provincia di Torino) COMUNE DI VINOVO (Provincia di Torino) Ord. n.ro 05 Vinovo, li 19/02/2007 Oggetto: -Provvedimenti di limitazione del traffico veicolare Partecipazione alla Domenica ecologica del 25 febbraio 2007 IL SINDACO

Dettagli

COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia

COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia ORDINANZA n. 121 SINDACO Polizia Locale OGGETTO: ATTIVAZIONE DEL SISTEMA DEI VARCHI ELETTRONICI PER IL CONTROLLO DEGLI ACCESSI ALLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO - ZTL.

Dettagli

OGGETTO: LIMITAZIONE TRAFFICO VEICOLARE DOMENICA 25 FEBBRAIO 2007 IL SINDACO

OGGETTO: LIMITAZIONE TRAFFICO VEICOLARE DOMENICA 25 FEBBRAIO 2007 IL SINDACO Corso Francia 98-10090 Rivoli (TO) - tel. 011.9513300 - fax 011.9513399 comunerivoli@ruparpiemonte.it --------------- Area Gestione del Territorio ASSESSORATO ALL AMBIENTE E ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE SERVIZIO

Dettagli

blocco della circolazione veicolare dal 29 gennaio 2007 nei giorni dal lunedì al venerdì. IL SINDACO

blocco della circolazione veicolare dal 29 gennaio 2007 nei giorni dal lunedì al venerdì. IL SINDACO Area Edilizia e Territorio Ufficio Ambiente ORDINANZA n.17/07 Oggetto: blocco della circolazione veicolare dal 29 gennaio 2007 nei giorni dal lunedì al venerdì. IL SINDACO Visto l'articolo 7 del Nuovo

Dettagli

Direzione Infrastrutture e Mobilità ORDINANZA N 2015 83772 / 119 CITTA DI TORINO ORDINANZA N 2015 83772. del 6 ottobre 2015

Direzione Infrastrutture e Mobilità ORDINANZA N 2015 83772 / 119 CITTA DI TORINO ORDINANZA N 2015 83772. del 6 ottobre 2015 Direzione Infrastrutture e Mobilità ORDINANZA N 2015 83772 / 119 Servizio Esercizio CITTA DI TORINO ORDINANZA N 2015 83772 del 6 ottobre 2015 OGGETTO: DOMENICA ECOLOGICA 11 OTTOBRE 2015 - ISTITUZIONE DIVIETO

Dettagli

I L S I N D A C O INVITA

I L S I N D A C O INVITA COMUNE DI BEINASCO Provincia di Torino ---------------- Via delle Fornaci n. 4-10092 BEINASCO (TO) - Tel. 39891 - Fax 3989310 Casella postale 87 e-mail: ced.beinasco@ope.net ORD. N. del I L S I N D A C

Dettagli

in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito dell'incontro a Milano di

in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito dell'incontro a Milano di Rubano, 24 febbraio 2010 Prot. 455 Sez. 0801 C. 13 Alle sigg.re Sindache ed ai sigg.ri Sindaci dei Comuni del Veneto Loro indirizzi Cari colleghi, in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito

Dettagli

IL SINDACO. Ordinanza n. 01_A3s del 09.01.2007. C I T T À di BIELLA. Palazzo Pella Via Tripoli, 48 Biella - C.A.P. 13900. Telefono: +39 015 3507413

IL SINDACO. Ordinanza n. 01_A3s del 09.01.2007. C I T T À di BIELLA. Palazzo Pella Via Tripoli, 48 Biella - C.A.P. 13900. Telefono: +39 015 3507413 Ordinanza n. 01_A3s del 09.01.2007 C I T T À IL SINDACO Visto il D.P.R. 24 maggio 1988, n 203 che all'art. 4 attribuiva alle Regioni la competenza per la formulazione dei piani di rilevamento, prevenzione,

Dettagli

CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE

CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE Regione Piemonte Provincia di Torino Settore Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Ecologia Ed Ambiente * * * * ORDINANZA N 13/2010 del 04/02/2010 OGGETTO: Provvedimenti

Dettagli

CITTÀ DI SETTIMO TORINESE

CITTÀ DI SETTIMO TORINESE CITTÀ DI SETTIMO TORINESE Regione Piemonte Provincia di Torino Settore Ambiente e Territorio Servizio Ambiente e Sicurezza * * * * ORDINANZA N 333 del 19/10/2005 OGGETTO: Provvedimenti di limitazione del

Dettagli

Corpo Polizia Locale Miranese Nord

Corpo Polizia Locale Miranese Nord Corpo Polizia Locale Miranese Nord ORDINANZA N. 91 Martellago,01/12/2014 MARTELLAGO Comuni di Martellago (VE) Salzano (VE) Scorzè (VE) Oggetto: Misure di limitazione alla circolazione veicolare per il

Dettagli

COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia

COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia ORDINANZA n. 170 SINDACO Polizia Locale OGGETTO: MISURE DI LIMITAZIONE ALLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE PER IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2014/2015 IL COMANDANTE

Dettagli

COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE

COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE Comune di Piacenza Direzione Operativa Riqualificazione e Sviluppo del Territorio Servizio Manutenzione Controllo Ordinanza n 184 del 06/03/2013 OGGETTO: disciplina della circolazione stradale all interno

Dettagli

Piano d Azione Comunale (PAC)

Piano d Azione Comunale (PAC) Piano d Azione Comunale (PAC) dei Comuni di Cordenons, Porcia e Pordenone, elaborato ai sensi del Piano d azione per il contenimento e la prevenzione degli episodi acuti di inquinamento atmosferico 01/03/2005

Dettagli

COMUNE DI LIVORNO FERRARIS Tel. (0161) 47.358 C.A.P. 13046 Fax (0161) 47.77.70

COMUNE DI LIVORNO FERRARIS Tel. (0161) 47.358 C.A.P. 13046 Fax (0161) 47.77.70 Reg. n. 026/14 REGIONE PIEMONTE ORDINANZA PER LA DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Vista l istanza proposta dal Sig. MONASTERIO Daniel tesa ad ottenere la modificazione

Dettagli

COMUNE DI JESI. Provincia di Ancona ORDINANZA SINDACALE. Numero: 16 Data: 29/03/2010 Prot. n. 11908 del 29/03/2010 I.D. 1158605

COMUNE DI JESI. Provincia di Ancona ORDINANZA SINDACALE. Numero: 16 Data: 29/03/2010 Prot. n. 11908 del 29/03/2010 I.D. 1158605 COMUNE DI JESI Provincia di Ancona Proponente: ISTR. DIR. POLIZIA AMMINISTRATIVA ORDINANZA SINDACALE Numero: 16 Data: 29/03/2010 Prot. n. 11908 del 29/03/2010 I.D. 1158605 OGGETTO: ORDINANZA DI LIMITAZIONE

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTA VALLE SUSA COMUNE DI SAUZE D OULX C.A.P. 10050 Via della Torre n. 11 tel. 0122-850380 - fax 0122-858920 PROVINCIA DI TORINO

COMUNITÀ MONTANA ALTA VALLE SUSA COMUNE DI SAUZE D OULX C.A.P. 10050 Via della Torre n. 11 tel. 0122-850380 - fax 0122-858920 PROVINCIA DI TORINO COMUNITÀ MONTANA ALTA VALLE SUSA COMUNE DI SAUZE D OULX C.A.P. 10050 Via della Torre n. 11 tel. 0122-850380 - fax 0122-858920 PROVINCIA DI TORINO COMANDO POLIZIA MUNICIPALE e - mail: polizia.municipale@comune.sauzedoulx.

Dettagli

OGGETTO: DISPOSIZIONI PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO ATMOSFERICO IN ACCORDO CON I COMUNI DELLA PROVINCIA DI MILANO

OGGETTO: DISPOSIZIONI PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO ATMOSFERICO IN ACCORDO CON I COMUNI DELLA PROVINCIA DI MILANO CORPO POLIZIA LOCALE Servizio Segnaletica Stradale OGGETTO: DISPOSIZIONI PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO ATMOSFERICO IN ACCORDO CON I COMUNI DELLA PROVINCIA DI MILANO IL SINDACO Considerato che il

Dettagli

Città di Novi Ligure. ORDINANZA DIRIGENZIALE N. 104 del 15/10/2010

Città di Novi Ligure. ORDINANZA DIRIGENZIALE N. 104 del 15/10/2010 Sett. 7 - Polizia Municipale Ufficio proponente: Viabilità Proposta n. 153 del 15/10/2010 Città di Novi Ligure ORDINANZA DIRIGENZIALE N. 104 del 15/10/2010 Oggetto: CENTRO STORICO NORME VIABILI SPERIMENTALI

Dettagli

ORDINANZA N.107 Dolo, 14 Ottobre 2005 Prot. n.7905/8

ORDINANZA N.107 Dolo, 14 Ottobre 2005 Prot. n.7905/8 UNIONE DEI COMUNI Città della Riviera del Brenta tra i Comuni di Dolo e Fiesso d Artico CORPO POLIZIA LOCALE P.tta dei Storti n.11 Dolo (VE) 041-410769- fax 041-413027- P.IVA 03412000279 ORDINANZA N.107

Dettagli

ORDINANZA ALLA CIRCOLAZIONE STRADALE

ORDINANZA ALLA CIRCOLAZIONE STRADALE N. 51 del Registro Ordinanze anno 2011 Oggetto: REGOLAMENTAZIONE VIE E PIAZZE COMPRESE NELLA C.D. AREA CENTRO STORICO I L D I R I G E N T E - Richiamata l Ordinanza n 31/2011, che regolamenta la c.d. Area

Dettagli

DELIMITAZIONE DELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO DELL AREA PEDONALE E DELLE ZONE A RILEVANZA URBANISTICA E LORO DISCIPLINA DI FUNZIONAMENTO

DELIMITAZIONE DELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO DELL AREA PEDONALE E DELLE ZONE A RILEVANZA URBANISTICA E LORO DISCIPLINA DI FUNZIONAMENTO DELIMITAZIONE DELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO DELL AREA PEDONALE E DELLE ZONE A RILEVANZA URBANISTICA E LORO DISCIPLINA DI FUNZIONAMENTO Allegato alla Delibera di Giunta Comunale n. 111 del 13.10.2005 (Art.

Dettagli

AREA CITTA, TERRITORIO E AMBIENTE ORD.PERM. 019/2015

AREA CITTA, TERRITORIO E AMBIENTE ORD.PERM. 019/2015 Trieste, 14 maggio 2015 AREA CITTA, TERRITORIO E AMBIENTE ORD.PERM. 019/2015 SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA ED EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA MOBILITÀ E TRAFFICO prot. gen. n. 80573 prot. corr. n. 15-14696/8/15/19-1

Dettagli

A OU DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DISPOSIZIONE DIRIGENZIALE

A OU DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DISPOSIZIONE DIRIGENZIALE TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, 5 4 5% 5% % a ip :nie 2014 OGGETTO: disposizioni attuative del punto A2 della delibera di Giunta n. 315 del 14 maggio N. 62 del 2 dicembre

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DIVISIONE AMBIENTE SETTORE TUTELA AMBIENTE IL SINDACO

CITTÀ DI TORINO DIVISIONE AMBIENTE SETTORE TUTELA AMBIENTE IL SINDACO ORDINANZA N. 396 CITTÀ DI TORINO DIVISIONE AMBIENTE SETTORE TUTELA AMBIENTE nro progr. 1293 del 04/02/2010 LOCALITÀ: Territorio Comunale CIRCOSCRIZIONI: TUTTE IL SINDACO Visto l'articolo 7 del Nuovo Codice

Dettagli

OGGETTO: LIMITAZIONE DEL TRAFFICO VEICOLARE 2005/2006 IL SINDACO

OGGETTO: LIMITAZIONE DEL TRAFFICO VEICOLARE 2005/2006 IL SINDACO Corso Francia 98-10090 Rivoli (TO) - tel. 011.9513300 - fax 011.9513399 comunerivoli@ruparpiemonte.it --------------- Area Gestione del Territorio ASSESSORATO ALL AMBIENTE E ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE SERVIZIO

Dettagli

COMUNE DI LECCO SETTORE LAVORI PUBBLICI Lecco, 21 Maggio 2009 Ufficio Viabilita N 129 R.O. SR.gf

COMUNE DI LECCO SETTORE LAVORI PUBBLICI Lecco, 21 Maggio 2009 Ufficio Viabilita N 129 R.O. SR.gf COMUNE DI LECCO SETTORE LAVORI PUBBLICI Lecco, 21 Maggio 2009 Ufficio Viabilita N 129 R.O. SR.gf OGGETTO: Strade classificate Zone a Traffico Limitato e relativa organizzazione. IL SINDACO Premesso che

Dettagli

COMUNE DI GENOVA ESTRATTO DAI VERBALI DEI PROVVEDIMENTI DEL SINDACO

COMUNE DI GENOVA ESTRATTO DAI VERBALI DEI PROVVEDIMENTI DEL SINDACO N. 440 Data 28.12.2006 Oggetto: LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE NELL AMBITO DEL TERRITORIO COMUNALE PER ALCUNE TIPOLOGIE DI AUTOVEICOLI AL FINE DI PREVENIRE E RIDURRE L INQUINAMENTO ATMOSFERICO, A TUTELA

Dettagli

ORDINANZA PER LA DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE IL DIRIGENTE

ORDINANZA PER LA DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE IL DIRIGENTE Ord. n. 3749viab 15 luglio 2015 ORDINANZA PER LA DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE IL DIRIGENTE Premesso che con Delibera di Giunta Comunale n. 180 del 17 Aprile 2014 il Comune di Monza ha istituito

Dettagli

PIANO STRALCIO DI INTERVENTO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEGLI EPISODI ACUTI DI INQUINAMENTO ATMOSFERICO NELLA ZONA A

PIANO STRALCIO DI INTERVENTO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEGLI EPISODI ACUTI DI INQUINAMENTO ATMOSFERICO NELLA ZONA A PIANO STRALCIO DI INTERVENTO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEGLI EPISODI ACUTI DI INQUINAMENTO ATMOSFERICO NELLA ZONA A Pagina 1 di 16 INDICE INTRODUZIONE ED INQUADRAMENTO NORMATIVO...3 LO STATO DI ATTENZIONE...4

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI VALDARNO

COMUNE DI SAN GIOVANNI VALDARNO COMUNE DI SAN GIOVANNI VALDARNO Provincia di Arezzo Registro degli Atti del Sindaco N. 1 del 02/01/2014 OGGETTO: REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE NELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO E NELLA ZONA

Dettagli

Ord. N. N. Reg. IL COMANDANTE

Ord. N. N. Reg. IL COMANDANTE Ord. N. N. Reg. OGGETTO: Provvedimenti per la disciplina della circolazione stradale in centro storico. Istituzione dell area pedonale nella giornate di domenica all interno di fasce orarie diversificate.

Dettagli

OGGETTO: DISCIPLINA TEMPORANEA DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE IN OCCASIONE DELLA MANIFESTAZIONE FIERA DI SAN MICHELE EDIZIONE 2015.

OGGETTO: DISCIPLINA TEMPORANEA DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE IN OCCASIONE DELLA MANIFESTAZIONE FIERA DI SAN MICHELE EDIZIONE 2015. ORDINANZA N. 3 DEL 2-05-2015 OGGETTO: DISCIPLINA TEMPORANEA DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE IN OCCASIONE DELLA MANIFESTAZIONE FIERA DI SAN MICHELE EDIZIONE 2015. Considerato la necessità di disciplinare la

Dettagli

IL SINDACO. COMUNE DI TERNI Direzione Ambiente Mobilità e Trasporti. Corso del Popolo,30 05100 Terni

IL SINDACO. COMUNE DI TERNI Direzione Ambiente Mobilità e Trasporti. Corso del Popolo,30 05100 Terni COMUNE DI TERNI Direzione Ambiente Mobilità e Trasporti Corso del Popolo,30 05100 Terni Tel. +39 0747.549.825 Fax +39 0744.549.868 direzione.ambiente@comune.terni.it comune.terni@postacert.umbria.it OGGETTO:

Dettagli

ORDINANZA TEMPORANEA IN LINEA DI VIABILITA N. 384-14

ORDINANZA TEMPORANEA IN LINEA DI VIABILITA N. 384-14 Trieste, 09/07/2014 Area Città, Territorio e Ambiente SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA ED EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA MOBILITA E TRAFFICO Direttore del Servizio: Arch. Ave Furlan Prot. gen. n. 111130 Prot.

Dettagli

O.P/lm Prot.Gen.98717 748/2015 IL COMANDANTE

O.P/lm Prot.Gen.98717 748/2015 IL COMANDANTE Corpo Polizia Municipale Terre Estensi DIVISIONE I COMPARTO ATTIVITÀ INTERNE UFFICIO ORDINANZE E MANIFESTAZIONI O.P/lm Prot.Gen.98717 748/2015 IL COMANDANTE Rilevato che nel periodo dal 2 al 24 Ottobre

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO (Z.T.L.)

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO (Z.T.L.) Approvato con deliberazione n. 271 del 29.07.10 del Consiglio Comunale REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO (Z.T.L.) Art. 1 Oggetto e finalità Il presente regolamento disciplina la

Dettagli

Polizia Municipale Cervia P.zza Garibaldi n 21 - e mail:pm@comunecervia.it Tel. 0544/979251 - Fax. 0544 970476

Polizia Municipale Cervia P.zza Garibaldi n 21 - e mail:pm@comunecervia.it Tel. 0544/979251 - Fax. 0544 970476 DISCIPLINA PER L ACCESSO E LA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI NELLE ZONE A TRAFFICO LIMITATO E NELLE AREE PEDONALI URBANE PERMANENTI e RILASCIO CONTRASSEGNI (approvato con D.G. nr.95 del 19/06/2012) ART. 1 OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI VALDARNO

COMUNE DI SAN GIOVANNI VALDARNO COMUNE DI SAN GIOVANNI VALDARNO Provincia di Arezzo Registro degli Atti del Sindaco N. 22 del 01/09/2014 OGGETTO: REGOLAMENTAZIONE DEL DIVIETO DI SOSTA PER CONSENTIRE LO SPAZZAMENTO MECCANIZZATO DELLE

Dettagli

Data: 03/11/2010 Ordinanza n. 111/2010. Oggetto: Limitazioni alla circolazione stradale per la qualità dell aria 2010/2011 S I N D A C O

Data: 03/11/2010 Ordinanza n. 111/2010. Oggetto: Limitazioni alla circolazione stradale per la qualità dell aria 2010/2011 S I N D A C O Piazza Grimandi, 1 40011 Anzola dell Emilia Bologna telefono 051-731598 fax 051-6502111 www.comune.anzoladellemilia.bo.it comune@anzola.provincia.bologna.it cod. amm. e AOO: ANZOLAEM Data: 03/11/2010 Ordinanza

Dettagli

ORDINANZA DEL SINDACO

ORDINANZA DEL SINDACO ORDINANZA DEL SINDACO Numero: 2012/00389 Del: 27/12/2012 Esecutiva da: 27/12/2012 Proponente: Direzione Ambiente,Posizione Organizzativa (P.O.) Vivibilita' urbana OGGETTO: Provvedimenti urgenti per la

Dettagli

ELENCO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

ELENCO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI ELENCO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI e Protezione Civile DENOMINAZIONE E OGGETTO DEL PROCEDIMENTO STRUTTURA ORGANIZZATIVA COMPETENTE RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO RESPONSABILE DEL PROVVEDIMENTO TERMINE

Dettagli

COMUNE di NOVARA ORDINANZA SULLA CIRCOLAZIONE URBANA IL SINDACO

COMUNE di NOVARA ORDINANZA SULLA CIRCOLAZIONE URBANA IL SINDACO COMUNE di NOVARA ORDINANZA N. 170 PROT. N. 15077 RI10/676 DEL 23-02-2010 ORDINANZA SULLA CIRCOLAZIONE URBANA IL SINDACO Considerato che, nei mesi di gennaio e febbraio del corrente anno, nell ambito del

Dettagli

COMUNE DI TERNI DIREZIONE AMBIENTE

COMUNE DI TERNI DIREZIONE AMBIENTE COMUNE DI TERNI DIREZIONE AMBIENTE OGGETTO: Piano di azione per prevenire fenomeni acuti di inquinamento atmosferico da PM10 provvedimenti limitativi del traffico da adottare in modo programmato e permanente

Dettagli

ALLEGATO B REGOLAMENTAZIONE Z.T.L.

ALLEGATO B REGOLAMENTAZIONE Z.T.L. ALLEGATO B REGOLAMENTAZIONE Z.T.L. Allegato B alla deliberazione di Giunta Comunale n. del 19/05/2006 Errata Corrige all Allegato B alla deliberazione G.C. n. 226 del 15/05/2006 Venezia, maggio 2006 C:\Documents

Dettagli

RITENUTO quindi che sussistono i presupposti per l applicazione dei provvedimenti di cui alla citata D.G.R. 28/10/2002, n. 10863;

RITENUTO quindi che sussistono i presupposti per l applicazione dei provvedimenti di cui alla citata D.G.R. 28/10/2002, n. 10863; Provvedimento contingibile ed urgente per il contenimento dell'inquinamento atmosferico da PM10 nell agglomerato di Milano sulla base delle serie dei dati rilevati a partire dal 23 febbraio 2003 1 VISTA

Dettagli

ORDINANZA N. 107/2013 DEL 28/09/2013 OGGETTO: ACCORDO DI PROGRAMMA SULLA QUALITA' DELL'ARIA - LIMITAZIONI ALLA CIRCOLAZIONE 2013-2014 IL SINDACO

ORDINANZA N. 107/2013 DEL 28/09/2013 OGGETTO: ACCORDO DI PROGRAMMA SULLA QUALITA' DELL'ARIA - LIMITAZIONI ALLA CIRCOLAZIONE 2013-2014 IL SINDACO COMUNE DI CASTENASO Provincia di Bologna POLIZIA MUNICIPALE ORDINANZA N. 107/2013 DEL 28/09/2013 OGGETTO: ACCORDO DI PROGRAMMA SULLA QUALITA' DELL'ARIA - LIMITAZIONI ALLA CIRCOLAZIONE 2013-2014 IL SINDACO

Dettagli

Rep. n. 329/11 ORDINANZA N. 51 / 11 IL SINDACO

Rep. n. 329/11 ORDINANZA N. 51 / 11 IL SINDACO Rep. n. 329/11 ORDINANZA N. 51 / 11 IL SINDACO Premesso che con propria Ordinanza n. 37/2011 Rep. n. 205 del 12/02/2011, ha emanato alcune disposizioni orientate al contenimento della concentrazione di

Dettagli

Il Sindaco ORDINANZA N. 86 OGGETTO : LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE PER IL RISANAMENTO E LA TUTELA DELLA QUALITA' DELL'ARIA IL SINDACO

Il Sindaco ORDINANZA N. 86 OGGETTO : LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE PER IL RISANAMENTO E LA TUTELA DELLA QUALITA' DELL'ARIA IL SINDACO ORDINANZA N. 86 OGGETTO : LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE PER IL RISANAMENTO E LA TUTELA DELLA QUALITA' DELL'ARIA Premesso che: IL SINDACO L area geografica della Pianura Padana è interessata da

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

CITTA DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE Tel. 0883/33 23 70 0883/578 313 Fax : 0883/578 337

CITTA DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE Tel. 0883/33 23 70 0883/578 313 Fax : 0883/578 337 CONTROLLO ZONA A TRAFFICO LIMITATO DEL CENTRO STORICO ( VARCHI ELETTRONICI ) A Barletta sono stati istallati dei varchi elettronici per controllare gli accessi dei veicoli nel centro storico, all interno

Dettagli

Premesso che: - l art. 3, comma 1, (punto n. 54) del Decreto Legislativo n. 285 del 30 aprile 1992 (e ss.mm.ii.), definisce la Zona a Traffico

Premesso che: - l art. 3, comma 1, (punto n. 54) del Decreto Legislativo n. 285 del 30 aprile 1992 (e ss.mm.ii.), definisce la Zona a Traffico Premesso che: - l art. 3, comma 1, (punto n. 54) del Decreto Legislativo n. 285 del 30 aprile 1992 (e ss.mm.ii.), definisce la Zona a Traffico Limitato area in cui l accesso e la circolazione veicolare

Dettagli

ORDINANZA n 335/2011

ORDINANZA n 335/2011 ORDINANZA n 335/2011 Spett.le Ufficio MANUTENZIONI S E D E Spett.li Stazioni CARABINIERI 52044 CORTONA (AR) 52044 CAMUCIA (AR) 52044 TERONTOLA (AR) 52044 MERCATALE (AR) Spett.le Distaccamento VIGILI del

Dettagli

COMUNE DI SANT'AMBROGIO DI VALPOLICELLA Provincia di Verona

COMUNE DI SANT'AMBROGIO DI VALPOLICELLA Provincia di Verona COMUNE DI SANT'AMBROGIO DI VALPOLICELLA Provincia di Verona Settore Attività Economiche - Edilizia Privata\\Ecologia Ordinanza N. 17 DEL 06/02/2014 OGGETTO: Seconda giornata provinciale dell'ambiente del

Dettagli

COMUNE DI SIENA DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI SIENA DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI SIENA DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE ORDINANZA N. 27/D INTEGRAZIONE DELL'ORDINANZA SINDACALE N. 40/D DEL 18 GIUGNO 1994 AI FINI DELL'ATTUAZIONE DEL SISTEMA "TELEPASS" PER IL CONTROLLO DEGLI ACCESSI

Dettagli

I L C O M A N D A N T E e I L D I R I G E N T E D E L S E T T O R E III

I L C O M A N D A N T E e I L D I R I G E N T E D E L S E T T O R E III Protocollo Nr._40983 Data 2/12/2008 REGISTRO ORDINANZE USCITA INTERNO Nr. _659 Oggetto: Provvedimenti temporanei di limitazione della circolazione stradale, a carattere preventivo, per il contenimento

Dettagli

COMUNE DI PISA DIREZIONE 22 - MOBILITÀ. ORDINANZA n 82 Direz. 22 del 27 settembre 2010 - Identificativo n 663894

COMUNE DI PISA DIREZIONE 22 - MOBILITÀ. ORDINANZA n 82 Direz. 22 del 27 settembre 2010 - Identificativo n 663894 COMUNE DI PISA DIREZIONE 22 - MOBILITÀ ORDINANZA n 82 Direz. 22 del 27 settembre 2010 - Identificativo n 663894 Oggetto: Nuove limitazioni alla circolazione di particolari categorie di mezzi IL DIRIGENTE

Dettagli

Ordinanza n. 133 Protocollo n. 5818 del 10/02/2011

Ordinanza n. 133 Protocollo n. 5818 del 10/02/2011 Ordinanza n. 133 Protocollo n. 5818 del 10/02/2011 OGGETTO: Provvedimenti urgenti per la lotta all'inquinamento atmosferico causato dalle polveri sottili (PM 10 ). Modulo 3 fino a 35 superamenti. IL SINDACO

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE DELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO E DISCIPLINA DELLE AUTORIZZAZIONI AL TRANSITO E SOSTA. I L RESPONSABILE

REGOLAMENTAZIONE DELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO E DISCIPLINA DELLE AUTORIZZAZIONI AL TRANSITO E SOSTA. I L RESPONSABILE Ordinanza n.39 REGOLAMENTAZIONE DELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO E DISCIPLINA DELLE AUTORIZZAZIONI AL TRANSITO E SOSTA. I L RESPONSABILE - Vista la Deliberazione di Consiglio comunale n.141 del 14\09\76

Dettagli

O.P/lm Prot.Gen. 37151/2015 264/2015 I L COMANDANTE

O.P/lm Prot.Gen. 37151/2015 264/2015 I L COMANDANTE Corpo Polizia Municipale Terre Estensi DIVISIONE I COMPARTO ATTIVITÀ INTERNE UFFICIO ORDINANZE E MANIFESTAZIONI O.P/lm Prot.Gen. 37151/2015 264/2015 I L COMANDANTE Rilevato che nei giorni 3 9 10 16 29-30

Dettagli

Settore Ambiente e Mobilità INFORMAZIONI. Novità per i veicoli pre EURO 1 benzina e pre EURO 2 diesel

Settore Ambiente e Mobilità INFORMAZIONI. Novità per i veicoli pre EURO 1 benzina e pre EURO 2 diesel Settore Ambiente e Mobilità INFORMAZIONI Novità per i veicoli pre EURO 1 benzina e pre EURO 2 diesel Anche a Cuneo cinque ore di stop al giorno, dal lunedì al venerdì, per i veicoli pre EURO 1 benzina

Dettagli

DISPOSIZIONI PARTICOLARI SULLA CIRCOLAZIONE URBANA IL DIRIGENTE

DISPOSIZIONI PARTICOLARI SULLA CIRCOLAZIONE URBANA IL DIRIGENTE Ordinanza N. Prot. N. del DISPOSIZIONI PARTICOLARI SULLA CIRCOLAZIONE URBANA IL DIRIGENTE Tenuto conto che, con proprie ordinanze sindacali, sono stati istituiti divieti di transito e di sosta in diverse

Dettagli

O R D I N A N Z A TEMPORANEA N. /11

O R D I N A N Z A TEMPORANEA N. /11 Città Patrimonio dell'umanità Dipartimento del Territorio Settore Opere Pubbliche e Mobilità Servizio Infrastrutture Mobilità e Traffico Segreteria e Affari Generali P.G. Sigla RB O R D I N A N Z A TEMPORANEA

Dettagli

CITTÀ DI LUCCA Amministrazione Comunale Settore Tutela Ambientale

CITTÀ DI LUCCA Amministrazione Comunale Settore Tutela Ambientale CITTÀ DI LUCCA Amministrazione Comunale Settore Tutela Ambientale Prot. n. 7400 del 2 febbraio 2010 IL SINDACO Visto l art. 32 della Costituzione, che indica quale obiettivo primario del nostro ordinamento

Dettagli

CITTA DI GALLIPOLI. Provincia di Lecce DISCIPLINA DI FUNZIONAMENTO DELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO IN LOCALITA BAIA VERDE

CITTA DI GALLIPOLI. Provincia di Lecce DISCIPLINA DI FUNZIONAMENTO DELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO IN LOCALITA BAIA VERDE CITTA DI GALLIPOLI Provincia di Lecce SOMMARIO: DISCIPLINA DI FUNZIONAMENTO DELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO IN LOCALITA BAIA VERDE (Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 197/14 e 212/14)

Dettagli

Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano. Tel 02 6765.1

Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano. Tel 02 6765.1 Regione Lombardia - Giunta DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE QUALITA' DELL'ARIA, CLIMA E SOSTENIBILITA' AMBIENTALE Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano www.regione.lombardia.it

Dettagli

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 COMANDO POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO DI ACCESSO ALLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO 1. NORME GENERALI 1) l accesso alla Zona a Traffico

Dettagli

COMUNE DI GUBBIO (Provincia di Perugia)

COMUNE DI GUBBIO (Provincia di Perugia) () REGOLAMENTO SUL RILASCIO DEI PERMESSI DI CIRCOLAZIONE NELLA ZTL ART. 1 OGGETTO E FINALITA 1. Il presente regolamento disciplina il transito e la sosta dei veicoli nei settori della zona a traffico limitato

Dettagli

COMUNE DI PISA SERVIZIO MOBILITA E QUALITA DELLA CITTA IDENTIFICATIVO N. 107493. Ordinanza n. 2 E/PS DEL 9.01.2004 IL SINDACO

COMUNE DI PISA SERVIZIO MOBILITA E QUALITA DELLA CITTA IDENTIFICATIVO N. 107493. Ordinanza n. 2 E/PS DEL 9.01.2004 IL SINDACO COMUNE DI PISA SERVIZIO MOBILITA E QUALITA DELLA CITTA IDENTIFICATIVO N. 107493 Ordinanza n. 2 E/PS DEL 9.01.2004 Oggetto: APPLICAZIONE IN SEDE LOCALE DELL ACCORDO DI PROGRAMMA STIPULATO IN DATA 10.10.2003

Dettagli

ORDINANZA N 171/2013 DI REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE IL DIRIGENTE

ORDINANZA N 171/2013 DI REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE IL DIRIGENTE Lodi, 22 aprile 2013 Prot. N. 18725/2013 Cat.06 Cl.07 ORDINANZA N 171/2013 DI REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE IL DIRIGENTE Richiamate le delibere di G.C. n 31 del 02 febbraio 1999, n 59 del 09 marzo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO, IL PARCHEGGIO, LA CIRCOLAZIONE ED IL CONTROLLO DELLE AREE DI PERTINENZA DELL OSPEDALE S. BASSIANO DI BASSANO DEL GRAPPA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO, IL PARCHEGGIO, LA CIRCOLAZIONE ED IL CONTROLLO DELLE AREE DI PERTINENZA DELL OSPEDALE S. BASSIANO DI BASSANO DEL GRAPPA REGIONE VENETO AZIENDA SANITARIA ULSS n. 3 REGOLAMENTO PER L ACCESSO, IL PARCHEGGIO, LA CIRCOLAZIONE ED IL CONTROLLO DELLE AREE DI PERTINENZA DELL OSPEDALE S. BASSIANO DI BASSANO DEL GRAPPA (Atto Deliberativo

Dettagli

Comune di Bologna Attività Produttive e Commercio

Comune di Bologna Attività Produttive e Commercio PG.N. 248423/2015 2015 Comune di Bologna Attività Produttive e Commercio OGGETTO: DISPOSIZIONI SULLA VENDITA DI BEVANDE, ALCOLICHE E NON, PER LE GIORNATE IN CUI SI DISPUTANO LE PARTITE DEL CAMPIONATO DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA S.p.A Via Sant Euplio, 168 95125 - Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA 1.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO PERMESSI DI ACCESSO AL CENTRO STORICO E ALLE ZONE A TRAFFICO LIMITATO

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO PERMESSI DI ACCESSO AL CENTRO STORICO E ALLE ZONE A TRAFFICO LIMITATO C O M U N E DI T R E V I G L I O Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER IL RILASCIO PERMESSI DI ACCESSO AL CENTRO STORICO E ALLE ZONE A TRAFFICO LIMITATO Art.1 OGGETTO Le presenti norme intendono fissare

Dettagli

MODIFICHE ALL ART. 202 DEL CODICE DELLA STRADA

MODIFICHE ALL ART. 202 DEL CODICE DELLA STRADA MODIFICHE ALL ART. 202 DEL CODICE DELLA STRADA Testo vigente dell art. 202, D.Lgs. 4 luglio 2006, n. 223 (Codice della Strada) (a seguito delle modifiche apportate dal D.L. 21 giugno 2013, n. 69, convertito

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO NELLE ZTL

REGOLAMENTO ACCESSO NELLE ZTL REGOLAMENTO ACCESSO NELLE ZTL Comune di ASTI Un lungo e dettagliato elenco dei veicoli che possono accedere nelle zone a traffico limitato nel Comune di Asti, e le tipologie di pass e modalità per richiederlo.

Dettagli

ORDINANZA DEL SINDACO

ORDINANZA DEL SINDACO COMUNE DI SIENA ORDINANZA DEL SINDACO Numero: 163 Del : 28 FEBBRAIO 2006 Esecutiva da: 1 OTTOBRE 2006 proponenti : DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE - Posizioni Organizzative Polizia Amministrativa - Politiche

Dettagli

PERMESSO DISABILI CATEGORIA F

PERMESSO DISABILI CATEGORIA F PERMESSO DISABILI CATEGORIA F REQUISITI PER IL RILASCIO DEI PERMESSI Il permesso di circolazione per la categoria F (da identificarsi con il contrassegno europeo per disabili di cui al D.P.R. 3 luglio

Dettagli

ORDINANZA DEL SINDACO

ORDINANZA DEL SINDACO COMUNE DI SIENA ORDINANZA DEL SINDACO Numero: 956 Del : 28 SETTEMBRE 2006 Esecutiva da: 15 novembre 2006 proponenti : DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE - Politiche della Mobilità OGGETTO: Ordinanza sindacale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO E LA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI NELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO E NELLE AREE PEDONALI DEL CENTRO STORICO

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO E LA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI NELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO E NELLE AREE PEDONALI DEL CENTRO STORICO REGOLAMENTO PER L'ACCESSO E LA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI NELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO E NELLE AREE PEDONALI DEL CENTRO STORICO VERSIONE DEFINITIVA (APPROVATA DA CONSIGLIO COMUNALE) ARTICOLI 1 FINALITA'

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PROT.3558 VISTO l art. 6, comma 1, del Nuovo Codice della strada, approvato con Decreto Legislativo 30 aprile 1992, n. 285 e successive modificazioni; VISTE

Dettagli

COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO. DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011

COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO. DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011 COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011 AGGIORNAMENTO Delibera n.9 C.C. del 12 marzo 2012 RACCOLTA STATUTI E

Dettagli

* * * - ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE

* * * - ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE LORO SEDI - ALLE ZONE POLIZIA DI FRONTIERA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA FERROVIARIA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI

Dettagli

ORDINANZA DEL SINDACO. Numero: 10/D Del : 25 febbraio 2008 Esecutiva da: 17 marzo 2008 proponenti : DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE - P.O.

ORDINANZA DEL SINDACO. Numero: 10/D Del : 25 febbraio 2008 Esecutiva da: 17 marzo 2008 proponenti : DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE - P.O. COMUNE DI SIENA ORDINANZA DEL SINDACO Numero: 10/D Del : 25 febbraio 2008 Esecutiva da: 17 marzo 2008 proponenti : DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE - P.O. Mobilità IL SINDACO Viste le proprie ordinanze n.

Dettagli

Punto 2 Accesso al centro storico ai veicoli degli operatori merceologici della rassegna

Punto 2 Accesso al centro storico ai veicoli degli operatori merceologici della rassegna Cremona 29 Giugno 2015 Prot. Gen. prec. n. 00.../15 Oggetto: Ordinanza sulla circolazione stradale inerente lo svolgimento dei restanti appuntamenti stagionali dell iniziativa denominata Giovedì d Estate

Dettagli

CITTA DI VIGEVANO Settore Lavori pubblici e Viabilità Unità di Staff Viabilità etrasporti ORDINANZA N. 289 / 2014 IL DIRIGENTE ORDINA

CITTA DI VIGEVANO Settore Lavori pubblici e Viabilità Unità di Staff Viabilità etrasporti ORDINANZA N. 289 / 2014 IL DIRIGENTE ORDINA COPIA DELL ORIGINALE Firma autografa sostituita a mezzo stampa ai sensi dell art. 3, comma 2, del D.Lgs. n.39/1993. L originale è agli atti dell Ente. CITTA DI VIGEVANO Settore Lavori pubblici e Viabilità

Dettagli

LIMITAZIONI AL TRAFFICO dal 09/10/2006 al 31/03/2007 con interruzione nei periodi: 1 e 2 Novembre 2006 dall 8 Dicembre 2006 al 5 Gennaio 2007 compresi

LIMITAZIONI AL TRAFFICO dal 09/10/2006 al 31/03/2007 con interruzione nei periodi: 1 e 2 Novembre 2006 dall 8 Dicembre 2006 al 5 Gennaio 2007 compresi Comune di Rimini Ufficio Relazioni con il Pubblico Ordinanza prot. N 162351 del 28/09/2006 LIMITAZIONI AL TRAFFICO dal 09/10/2006 al 31/03/2007 con interruzione nei periodi: 1 e 2 Novembre 2006 dall 8

Dettagli

AEROPORTO DI LAMEZIA TERME

AEROPORTO DI LAMEZIA TERME Direzione Aeroportuale Lamezia e Reggio Calabria gs Ordinanza n. 1 / 2012 - LMT DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE AUTOVEICOLARE SULLE AREE DELL AEROPORTO DI LAMEZIA TERME APERTE ALL USO PUBBLICO. AEROPORTO

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 97 di Reg. OGGETTO: Istituzione e ubicazione di stalli di sosta a pagamento e disco orario nucleo abitato La Torre. Data

Dettagli

ORDINANZA N.425 dell 11/11/2011

ORDINANZA N.425 dell 11/11/2011 Regione Autonoma Valle d Aosta Région Autonome Vallée d Aoste Ordinanza del Dirigente AREA-A6 Servizio: TRAFFICO Ufficio: TRAFFICO ORDINANZA N.425 dell 11/11/2011 OGGETTO: AREA A6 - ISTITUZIONE DI TEMPORANEE

Dettagli

Art. 12- Informazioni rese al momento della raccolta INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI

Art. 12- Informazioni rese al momento della raccolta INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI CINQUEFRONDI (Approvato con Deliberazione di C. C. N 40 del 22 Novembre 2012) INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Oggetto

Dettagli

ORDINANZA SULLA CIRCOLAZIONE URBANA

ORDINANZA SULLA CIRCOLAZIONE URBANA ORDINANZA N. 878 PROT. 80507 DEL 29.12.2006 ORDINANZA SULLA CIRCOLAZIONE URBANA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Visto il D.lgs 4 agosto 1999 n. 351 Attuazione della Direttiva 96/62/CE in materia di valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI CASALETTO LODIGIANO (Prov. di Lodi) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (Approvato con deliberazione di C.C. N 25 del 26.06.2008) INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE Aggiornato con le disposizioni della legge 218/2003 disciplina dell attività di trasporto di viaggiatori effettuato mediante noleggio di autobus

Dettagli

Regolamento. aree di sosta a pagamento. Allegato alla deliberazione di C.C. n. 10 del 26/03/2013. Esecutivo dal 30/03/2013. Il Segretario Generale

Regolamento. aree di sosta a pagamento. Allegato alla deliberazione di C.C. n. 10 del 26/03/2013. Esecutivo dal 30/03/2013. Il Segretario Generale Documento Sistema di Gestione Qualità ISO 9001:2008 norma 7.3.3 Certificato CSQ N. 9159.CMPD del 27/05/2010 T P51 MD01 Rev. 3 www.comune.paderno-dugnano.mi.it Processo trasversale a tutti i settori Regolamento

Dettagli

www.vigilaresullastrada.it

www.vigilaresullastrada.it Com è noto, la lettera d) del 1 comma dell articolo 54 c.d.s. definisce gli autocarri come veicoli destinati al trasporto di cose e delle persone addette all'uso o al trasporto delle cose stesse. Per questo

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI

DISPOSIZIONI GENERALI F12 CODICE STRADA AGG OTT 2014.qxp_Layout 1 06/10/14 11:43 Pagina 5 TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI.......................................... p. 15 Art. 1 Principi generali......................................................»

Dettagli