la Biblioteca di via Senato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "la Biblioteca di via Senato"

Transcript

1 la Biblioteca di via Senato mensile, anno iv Milano n.6 giugno 2012 UTOPIA Mercier e il mito del buon selvaggio di gianluca montinaro MALAPARTE Con Bartali un amicizia a due ruote di laura mariani conti e matteo noja FONDO ANTICO Le esequie di Carlo V del Torrentino di annette popel pozzo FONDO MILANO G. Ripamonti, un cronista irascibile di beatrice porchera RARITÀ Il panettiere degli editori di valentina conti

2

3 la Biblioteca di via Senato - Milano MENSILE DI BIBLIOFILIA ANNO IV N.6/32 MILANO, GIUGNO 2012 Sommario L Utopia: prìncipi e princìpi IL MITO DEL BUON SELVAGGIO di Gianluca Montinaro BvS: il Fondo Antico UN TORRENTINO IGNOTO PER LE ESEQUIE DI CARLO V di Annette Popel Pozzo BvS: Archivio Malaparte MALAPARTE E BARTALI: AMICIZIA SU DUE RUOTE di Laura Mariani Conti e Matteo Noja IN SEDICESIMO - Le rubriche ANTEPRIMA TEATRO DI VERDURA CATALOGHI SPIGOLATURE RECENSIONI L INTERVISTA D AUTORE ASTE MOSTRE BvS: rarità per bibliofili MONALDO LEOPARDI, IL RITRATTO DI UN UTOPICO GALANTUOMO di Arianna Calò BvS: il libro ritrovato DIARIO DEL SECOLO DECIMONONO TRA CRONACA E ANEDDOTO di Paola Maria Farina BvS: rarità per bibliofili ALBERTO CASIRAGHY: IL «PANETTIERE DEGLI EDITORI» di Valentina Conti BvS: il Fondo Impresa MARCELLO DUDOVICH: L ARTE APPLICATA ALLA PUBBLICITÀ di Giacomo Corvaglia 46 BvS: il Fondo Milano GIUSEPPE RIPAMONTI: UN IRASCIBILE CRONISTA SEICENTESCO di Beatrice Porchera 69 BvS: nuove schede RECENTI ACQUISIZIONI DELLA BIBLIOTECA DI VIA SENATO

4 Consiglio di amministrazione della Fondazione Biblioteca di via Senato Marcello Dell Utri (presidente) Giuliano Adreani, Carlo Carena, Fedele Confalonieri, Maurizio Costa, Ennio Doris, Fabio Pierotti Cei, Fulvio Pravadelli, Miranda Ratti, Carlo Tognoli Segretario Generale Angelo De Tomasi Collegio dei Revisori dei conti Achille Frattini (presidente) Gianfranco Polerani, Francesco Antonio Giampaolo Fondazione Biblioteca di via Senato Elena Bellini segreteria mostre Arianna Calò sala Campanella Valentina Conti studio bibliografico Sonia Corain segreteria teatro Giacomo Corvaglia sala consultazione Margherita Dell Utri sala consultazione Paola Maria Farina studio bibliografico Claudio Ferri direttore Luciano Ghirelli servizi generali Laura Mariani Conti archivio Malaparte Matteo Noja responsabile dell archivio e del fondo moderno Donatella Oggioni responsabile teatro e ufficio stampa Annette Popel Pozzo responsabile del fondo antico Beatrice Porchera sala consultazione Gaudio Saracino servizi generali Direttore responsabile Matteo Noja Progetto grafico e impaginazione Elena Buffa Coordinamento pubblicità Margherita Savarese Fotolito e stampa Galli Thierry, Milano Referenze fotografiche Saporetti Immagini d Arte Snc, Milano L editore si dichiara disponibile a regolare eventuali diritti per immagini o testi di cui non sia stato possibile reperire la fonte Immagine in copertina: Frontespizio dell edizione L esequie di Carlo Quinto Imperadore, L. Torrentino, Firenze 1559 Organizzazione Mostra del Libro Antico e del Salone del Libro Usato Ines Lattuada Margherita Savarese Ufficio Stampa Ex Libris Comunicazione Direzione e redazione Via Senato, Milano Tel Fax Bollettino mensile della Biblioteca di via Senato Milano distribuito gratuitamente Stampato in Italia 2012 Biblioteca di via Senato Edizioni Tutti i diritti riservati Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana Reg. Trib. di Milano n. 104 del 11/03/2009

5 Canzone di giugno Stormiscono le fronde nell aria greve, e il sole ride alle prataiole ed alle biche bionde, e rende tutto d oro il campo donde arriva la canzone giuliva nell agreste lavoro. Ecco è piena la spica e la falce è nel pugno; e il buon sole di giugno rallegra la fatica. E la canzone sale dal campo del lavoro e s accompagna a un coro stridulo di cicale: e sale il canto anelo dalle bocche lontane lodando in terra il pane ed il buon Padre in cielo. Marino Moretti Il ciuchino. Poesie per i ragazzi, Torino 1953

6

7 giugno 2012 la Biblioteca di via Senato Milano 5 L Utopia: prìncipi e princìpi IL MITO DEL BUON SELVAGGIO L utopia settecentesca di Mercier, fra natura e individuo GIANLUCA MONTINARO Di Louis Sebastian Mercier ( ) sono note soprattutto due opere: Tableau de Paris ( ) e l An 2440 (1770). Lavoro satirico-enciclopedico il primo, dedicato al mondo, ai modi e ai costumi della Parigi della fine del XVIII secolo (12 volumi, per oltre mille capitoli), raffinato romanzo utopico il secondo, nel quale si immagina la capitale francese nel lontano 2440, settecento anni più tardi. In mezzo, prima e dopo, una gran quantità di altri scritti: riflessioni filosofiche, commedie, pagine satiriche, articoli. Alcuni di essi, si conservano, in rare edizioni, nella Biblioteca di via Senato. L Homme sauvage (Neuchâtel, Société Typographique, 1784, con in appendice un opera giovanile, in sei atti, Les amours de Cherale) è uno di questi. Testo fra i meno noti di Mercier, ha una genesi interessante, nella quale si mescolano dati biografici ed esperienze intellettuali. Nato a Parigi, in una famiglia di estrazione borghe- A sinistra: La France et le Temps, antiporta incisa su rame del secondo volume L an deux mille quatre cent quarante ( ). Sopra: ritratto di Louis- Sébastien Mercier inciso da Benoît-Louis Henriquez su disegno di André Pujos, contenuto in L an deux mille quatre cent quarante ( ) se, Mercier apprende qualche rudimento di latino da un precettore e quindi, nel 1749, frequenta come allievo esterno il collegio delle Quatre-Nations. Negli anni successivi, anche grazie all amicizia con Crébillon figlio, entra in contatto con l effervescente ambiente teatrale parigino. Decide di intraprendere la carriera dello scrittore e inizia a produrre versi e saggi letterari. Nel frattempo, grazie all espulsione dei Gesuiti dalla Francia, gli giunge la nomina a professore di retorica presso il collegio della Madeleine a Bordeaux (1763). In Aquitania rimane però poco: il clima troppo provinciale non è congeniale a Mercier che, rinunciando all incarico, torna a Parigi. Si tuffa, con poco successo, nella scrittura: romanzi e traduzioni si susseguono senza sosta fino a che Mercier non acquista un po di notorietà grazie ad alcuni drammi (imitati in buona parte da opere di origine inglese e tedesca) che iniziano a girare per i teatri della provincia francese. Nel 1767 pubblica L Homme sauvage. L opera però passa sotto silenzio, fino alla successiva - e non casuale - ristampa del La pubblicazione anonima dei primi due volumi dei Tableau de Paris (1781) crea a Mercier numerosi problemi. Viene denunciato per diffamazione e, per evitare spiacevoli conseguenze giudiziarie, è costretto a lasciare la Francia e a rifugiarsi a

8 6 la Biblioteca di via Senato Milano giugno 2012 Frontespizio dell edizione di Louis-Sébastien Mercier, L homme sauvage, Neuchâtel, Société typographique, 1784 Neuchatel. In Svizzera rimane fino al 1785, continuando a scrivere e a pubblicare senza sosta (e a questo periodo risale proprio la seconda edizione francese de L - Homme sauvage). Rientrato nella capitale francese, partecipa attivamente (dalle pagine di numerosi giornali) al dibattito intellettuale che porterà ai sanguinosi fatti del La Rivoluzione inizia a travolgere la monarchia. La mattina del 6 ottobre una folla di parigine affamate (sobillata dai rivoluzionari più estremisti) assalta la reggia di Versailles. Solo il sacrificio di alcune guardie svizzere, barbaramente trucidate, permette a Maria Antonietta di trovare scampo negli appartamenti del re. La famiglia reale e tutta la corte sono costretti a lasciare Versailles e a installarsi a Parigi, nel vecchio palazzo delle Tuileries. Mercier assiste a tutti questi fatti, ma senza comprenderne la gravida tragicità. Anzi, proprio in quei giorni di sangue inizia a pubblicare gli «Annali patriottici», che dirige fino al L anno successivo, caduta la monarchia e imprigionato al Tempio Luigi XVI, Mercier è eletto alla Convenzione. Una volta all interno dell agone politico comprende velocemente il dramma che la Francia si stava apprestando a vivere. Prende posto fra i girondini, negli scranni dei moderati. Vota contro la condanna a morte del re, e a favore della sua detenzione. Agli appelli al sangue propugnati da Marat, Mercier risponde esprimendosi favorevolmente alla sua messa in stato di accusa. Interrompe Robespierre, che si stava paragonando a un antico romano, gridandogli: «Voi non siete Romano ma l ignoranza fatta a persona». Queste posizioni molto critiche gli valgono presto, assieme ad altri 72 deputati moderati, il carcere. Rimane in galera per oltre un anno, fino alla caduta dell Incorruttibile, scampando miracolosamente ai massacri del Terrore. Riprende quindi il suo posto in Parlamento e viene eletto nel Consiglio dei Cinquecento. Inizia una forte battaglia culturale di retroguardia. Si oppone alla tumulazione di Cartesio nel Pantheon perché, avendo teorizzato la libertà di pensiero, sarebbe stato all origine delle correnti rivoluzionarie e contro-rivoluzionarie e quindi mandante occulto del Terrore. Uguale posizione Mercier assume verso la memoria di Voltaire, che accusa di aver distrutto la morale. Di Bossuet dice che la sua Histoire universelle non è altro che un arido elenco cronologico, «senza vita né colore». Locke e Condillac sono da lui bollati come idiologi, Lavater e la sua fisiognomica bellamente ridicolizzati con la frase «conosci l uomo dai piedi» e, al sistema eliocentrico di Copernico e Newton, Mercier oppone l idea di una Terra rotonda e piatta, con il sole che orbita tutto attorno. Dalla battaglia contro i filosofi, rei di sognare l istruzione delle masse, conserva solo Jean-Jacques Rousseau del quale Mercier, fra il 1788 e il 1793, aveva curato la pubblicazione delle opere, in 37 volumi. Neppure l arte si salva in questo delirio iconoclasta. Raffaello, Correggio e Tiziano sono pittori pericolosi, rei di aver prodotto opere che hanno contribuito a minare i buoni costumi dei popoli. Terminata l esperienza politica Mercier riprende in pieno la sua attività letteraria. Nel 1800 pubblica i sei vo-

9 giugno 2012 la Biblioteca di via Senato Milano 7 Frontespizio dell edizione L an deux mille quatre cent quarante. Rêve s il en fût jamais; suivi de L homme de fer, songe (Parigi, Lepetit, an X [i.e ]) lumi del Nouveau Paris, seguito del Tableau de Paris. Nel frattempo, benché ammiri il genio di Napoleone, non apprezza l instaurazione dell Impero. Più volte si scontra verbalmente con il ministro della polizia che lo ammonisce a tenere a freno la sua penna mordace. All ennesima minaccia del carcere pare che Mercier abbia ironicamente risposto: «non vivo che per vedere come finirà questa triste vicenda». E in effetti, prima di spirare, riesce ad assistere alla caduta del piccolo Corso, al rientro dei Borbone e al insediamento sul trono di Luigi XVIII, il fratello del re martire. Il mondo letterario di Mercier è tipicamente settecentesco, imbevuto di illuminismo. Mercier, scrittore borghese fin nell animo, accorda la propria preferenza alla prosa, relegando la poesia a forma letteraria oramai desueta, solo patrimonio della classe nobiliare. E con la prosa che lo scrittore raggiunge il grande pubblico, è grazie al romanzo che può comunicare idee, raccogliere e mettere in scena le istanze della borghesia, ed è grazie al mercato librario che lo scrittore può raggiungere la piena autonomia economica, svincolandosi da perniciosi rapporti di mecenatismo. Ma la libertà, legata a una penna mordace e a un carattere puntuto, si paga cara. Si sconta con il carcere, o con la fuga. Non è un caso se è proprio a Neuchatel che vede la luce la ristampa de L Homme sauvage. In Svizzera era fuggito, vent anni prima, colpito dalle angherie della società parigina, anche l amato Jean-Jacques Rousseau. In Svizzera, Mercier (probabilmente rispecchiandosi in Rousseau) trova un clima di maggiore apertura. Qui inizia a riflettere, come già prima aveva fatto Rousseau, sulla natura dell uomo. Annosa questione: portato inevitabilmente a compiere il male, o spinto naturalmente al bene? La risposta dello scrittore parigino ricalca quella del filosofo ginevrino: è il progresso, ciò che si chiama civilizzazione, a corrompere l individuo, instillandogli falsi valori e vani traguardi in nome dei quali si esercitano sopraffazione e violenza. L utopia che Mercier narra nel suo L Homme sauvage non è esente da richiami arcadici. Da quella visione, idillica e pastorale, che nel primo Settecento si era diffusa in tutte le corti europee. E al quale, in seguito, si erano aggiunti altre riflessioni, innescate dalle esplorazioni geografiche delle lontane isole dell oceano Pacifico. Di quei luoghi esotici si narrava il clima favorevole, la pace continua che regnava fra quelle popolazioni e la serenità degli uomini, che nulla desideravano perché la natura provvedeva al loro sostentamento. Il mito del buon selvaggio, ovvero dell uomo primordiale, felice perché incorrotto dal progresso, appariva all uomo settecentesco così desiderabile proprio perché lontano nello spazio, posto in una dimensione altra, al di là di un mare tanto infinito quanto quello che divideva il Continente dall isola di Utopia. Beato quell uomo che «vive sotto le leggi semplici della natura, seguendo i propri istinti e le proprie idee, ascoltando la voce del proprio cuore, perché l uomo è nato buono». 1 In una sorta di sovrapposizione di immagini, Mercier, Rousseau e il buon selvaggio di-

10 8 la Biblioteca di via Senato Milano giugno 2012

11 giugno 2012 la Biblioteca di via Senato Milano 9 Nella pagina accanto: Plonge-toi dans le Torrent, antiporta incisa su rame del terzo volume L an deux mille quatre cent quarante ( ). Sopra da sinistra: Introduction de L homme sauvage (1784); tavola J ai sept cens ans contenuta in L an deux mille quatre cent quarante ( ) ventano la stessa figura, traboccante di naturale sensibilità, anelante alla sincerità, desiderosa di verità. L Homme sauvage si presenta come se fosse una storia vera. Nel proemio Mercier spiega come nel 1672 il cavaliere di Baltimore venne inviato, dalla corte inglese, in America. Era un uomo di cultura, valoroso e razionale. Nel nuovo mondo si dedicò allo studio dell uomo, cercando di scoprire se, «sotto l impero della natura, è buono oppure se porta originariamente nel suo cuore quel germe di crudeltà che a volte si sviluppa in maniera sì terribile». In America del sud si imbatté in Williams, un indio vissuto «lungamente in stato selvaggio». Lo rincontrò, anni dopo, in Irlanda, legandosi a lui con amicizia profonda e vera. Gli chiese quindi di mettere per iscritto la sua storia, dall infanzia nella tribù ai primi rapporti con i colonizzatori e quindi alla sua nuova vita europea. La vicenda, narrata da Williams in prima persona, prende l avvio dal II capitolo. Il lettore, pagina dopo pagina, scopre che è nato presso la tribù dei Chebutois, che il suo vero nome è Zidzem e che è di nobili origini. Il mondo che racconta è riconducibile a un Perù idealizzato ed edenico, stravolto dalla conquista degli Spagnoli, «assetati d oro e di sangue, con la croce in una mano e la spada nell altra». 2 La storia procede in modo

12 10 la Biblioteca di via Senato Milano giugno 2012 Da sinistra: Antoine-François Callet ( ), ritratto di Luigi XVI di Francia ( ) in abito reale, olio su tela, Reggia di Versailles, Salone di Apollo; Jean-Baptiste Gautier Dagoty ( ), ritratto di Maria-Antoinetta d Austria, moglie di Luigi XVI, olio su tela, Reggia di Versailles abbastanza prevedibile ma Mercier pone attenzione alla godibilità del testo, che mai diventa pedante né cede a tentazioni moraleggianti. La lettura scorre veloce, mettendo anzi in luce le doti e il mestiere del narratore. Ciò che più preme a Mercier è mostrare come il mondo di Williams-Zidzem cambi in peggio, venendo in contatto sempre più stretto con la civiltà europea. E come siano solo le doti personali del protagonista, forgiatosi in un mondo primordiale e genuino, a permettergli di non perdersi nell apocalisse della sua civiltà. Se nelle pagine appare un forte trasporto, quasi sentimentale, verso tutto ciò che rappresenta il selvaggio, appare anche una feroce condanna della religione cristiana e dei suoi missionari, falsi perché moralmente corrotti; colpevoli di distruggere la primordiale moralità naturale a favore di un dio repressivo e assente. Per lungo tempo l opera di Mercier venne creduta una traduzione della novella Der Wildemann dell autore tedesco Johann Gottlieb Pfeil. In realtà, benché Mercier si sia ispirato a Pfeil, L Homme sauvage è a tutti gli effetti un romanzo originale che (quasi nemesi) più volte è stato indicato da critici e traduttori come fonte diretta dell Atala (1801) di François-René de Chateaubriand. Con Chateaubriand e James Fenimore Cooper (L ultimo dei Mohicani, 1826) si chiude il ciclo settecentesco e romantico del mito del buon selvaggio. L espansione e l affermazione degli imperi coloniali porterà a una reinterpretazione di questo mito, ma in chiave prettamente politica e antimperialista. L utopia lascia spazio all utopismo, tragico e sanguinario. Bibliografia: Louis Sebastien Mercier, L - Homme sauvage, Neuchâtel, Société Typographique, vo; pp. [4], 314, [2]. NOTE 1 S. Mercier, L Homme sauvage, Neuchâtel, Société Typographique, 1784, pp Ib., p. 15.

13 giugno 2012 la Biblioteca di via Senato Milano 11

14

15 giugno 2012 la Biblioteca di via Senato Milano 13 BvS: il Fondo Antico UN TORRENTINO IGNOTO PER LE ESEQUIE DI CARLO V La placchetta del 1559 sfuggita ai repertori ANNETTE POPEL POZZO Al numero 272, in un catalogo giunto poco tempo fa di un asta da tenersi in Germania, trovammo annunciato il seguente titolo: Esequie di Carlo Quinto Imperadore fatte nella villa di Bruscelles. Florentiae MDLVIIII. Il volume veniva presentato in formato 4to di sole 4 carte, senza alcuna indicazione di autore o tipografo (la scheda del catalogo resta muta di ulteriori informazioni, non per nulla l edizione è dichiarata bibliograficamente non reperibile), ma presenta il titolo posto entro una cornice manieristica che riporta lo stemma dei Medici in alto e una veduta di Firen- Nella pagina accanto: frontespizio dell edizione L esequie di Carlo Quinto Imperadore fatte nella villa di Bruscelles di Bernardetto Minerbetti, stampata nel 1559 a Firenze dallo stampatore ducale Lorenzo Torrentino. A destra, dall alto: capolettera con scene di battaglia, usato dal typographus regius fiorentino; olio su tela raffigurante la Pazienza Minerbetti, dipinto da Giorgio Vasari, e ripreso da Francesco Salviati e Battista Franco ze in basso, secondo lo schema usato in numerose edizioni dal tipografo Lorenzo Torrentino in realtà Laurens Leenaertsz van den Bleeck originario di Gemert, nel Brabante settentrionale dei Paesi Bassi, invitato nel 1546 a Firenze dal duca Cosimo I de Medici. Un anno dopo, nel 1547, apriva la sua tipografia nel Garbo dietro la chiesa di S. Romolo, stampando con privilegio mediceo circa 250 edizioni, fino alla morte, avvenuta nel A sostegno dell attribuzione vi sono anche il materiale tipografico e il capolettera figurato con scene di battaglie di mm 41x41 del volume, che rimandano inequivocabilmente alle edizioni del typographus regius fiorentino. 2 La copia acquistata per il nostro Fondo Antico proviene verosimilmente da una miscellanea, come suggeriscono la semplicissima legatura moderna in cartonato e le brachette da rinforzo un dettaglio in verità per nulla insolito per una placchetta di poche carte. Particolarmente interessante è che l edizione non solo non sia citata nel Censimento nazionale delle edizione italiane del XVI secolo (EDIT 16 ICCU), ma figuri addi-

16 14 la Biblioteca di via Senato Milano giugno 2012 Sopra: illustrazione della Nave della vittoria contenuta nella Descrittione della pompa funerale fatta in Brussele alli XXIX di decembre MDLVIII per la felice, & immortal memoria di Carlo V imperatore (Milano, Moscheni, 1559) descritta anche da Minerbetti nell edizione torrentiniana. A destra: la Nave della vittoria colorata a mano e contenuta nell edizione sulla pompa funebre di Carlo V a Bruxelles (Anversa, Christophe Plantin, 1559) rittura mondialmente in una sola altra copia posseduta dalla Biblioteca Nazionale Centrale a Firenze. L edizione pare esser completamente sfuggita ai repertori, soprattutto a quelli dedicati a Lorenzo Torrentino. Non è censita né negli Annali della tipografia fiorentina di Lorenzo Torrentino di Domenico Moreni (prima edizione nel 1811 e ristampata nel 1989), né nel recente studio Annali tipografici di Lorenzo Torrentino di Gabriella Leggeri (Dottorato di Ricerca, Firenze, 2004), che pure ha avuto il notevole merito di aggiungere 17 nuove edizioni e un caso di riemissione rispetto alle opere conosciute da Moreni. La placchetta al di là della sua effettiva rarità si rivela una stampa importante uscita dai torchi del tipografo fiorentino, sia per il suo contenuto, sia per la relazione dell Autore con i Medici e con Firenze. Dietro il Servo obbligatissimo il Vescovo d Arezzo che firma il colophon di Bruscelles li xxx. di Decembre MDLVIII si nasconde infatti Bernardo, detto Bernardetto Minerbetti (cfr. DBI 74, pp ). Nato a Firenze nel 1507, Bernardo era dapprima al servizio dello zio Francesco Minerbetti, vescovo di Arezzo, che gli passava il vescovato nel Oltre al presente volume, si è a conoscenza solo di altri due suoi titoli: Le opere di Vergilio cioè la Buccolica, Georgica, et Eneida (Venezia, Onofrio Farri & fratelli, 1559), nei

17 giugno 2012 la Biblioteca di via Senato Milano 15 quali volgeva in italiano in versi sciolti il nono libro dell Eneide; e una Breve et utile somma cavata d una parte de decreti del Sacrosanto oecumenico Concilio Tridentino (Firenze, Bartolomeo Sermartelli, 1565). Minerbetti era assai noto agli intellettuali dell epoca e figura anche tra i fondatori dell Accademia degli Umidi. 3 Ebbe infatti rapporti con personaggi importanti del suo tempo quali Michelangelo, del quale fu grande ammiratore, e soprattutto Giorgio Vasari. Il carteggio di Giorgio Vasari riflette una ricca corrispondenza tra i due che copre quasi un quarto di secolo, dal 1550 fino al 1573, anno precedente la scomparsa di Vasari e di Minerbetti. Già in una lettera del 4 ottobre 1551 Minerbetti si rivolgeva a Vasari per aiutarlo a coinvolgere Michelangelo nella realizzazione di un quadro raffigurante la Pazienza, che era l impresa della sua famiglia: E poiché io son privo per mia mala fortuna di non poter aver di sua mano qualche cosa, siami almeno concesso dalla bontà sua, che io possa godere in vita mia del suo infinito ingegno qualche cosa a mia fantasia, e sia questa: che e vi dica, come si debba a iudizio suo dipinger la Pazienza, la quale, come a bocca vi dissi, è la mia impresa e da me fu presa in quei tempi che essendo giovanetto, al servizio di mio zio così strano e arabico, mi bisognava, oltre a mille bassi servizii che io exercitavo, comportare infinite ingiurie. Imperò conoscendomi povero e abandonato, mi resolvei, che la Pazienza mi dovesse condurre a questo grado, el quale merciè di Jesu tengo con molto contento. 4 E più avanti in una lettera composta poco dopo precisa Aspetto con molto desiderio la Pazienza, formata dalle vostre benedette mani e ghiribizata insieme da quel grandissimo Vecchio che tutto l mondo e ammira e meritamente onora. 5 Alla fine è proprio lo stesso Vasari, consultatosi con Annibale Caro visto che Michelangelo non dimostrava alcun interesse a sviluppare un inedita iconografia per la rappresentazione della Pazienza in un disegno di bozzetto, per il quale Minerbetti lo ringraziava il 28 novembre del 1551, scrivendogli che dove ho trovata la mia Pazienza di

18

19 giugno 2012 la Biblioteca di via Senato Milano 17 Nella pagina accanto: ritratto inciso raffigurante Filippo II, figlio di Carlo V, contenuto in Cremona fedelissima citta del A destra: ritratto inciso raffigurante Carlo V del Sacro Romano Impero, contenuto in Cremona fedelissima citta del 1585 vostra mano, così ben disegnata, che e si vede ben che veramente la patisce; e se io trovassi che me la pintassi così viva in una tela di tre braccia, io contenterei esso sì bene, come io ne resterei contentissimo. 6 Sempre dietro supplica del vescovo di Arezzo, Vasari realizzava alla fine il quadro a olio, oggi noto, appunto, come la Pazienza Minerbetti, conservato nella Galleria Palatina di Palazzo Pitti a Firenze, 7 descritto con precisione dal pittore sia nelle Ricordanze sia nell autobiografia del 1568: Una femmina ritta, di mezza età, ne tutta vestita, ne tutta spogliata, accio tenga fra la Ricchezza et la Povertà il mezzo, sia incatenata per il piè manco, per offender meno la parte più nobile, sendo in libertà sua il potere con le mani sciolte scatenarsi e partirsi a posta sua. Haviamo messo la catena à quel sasso; et lei cortese, con le braccia mostra segno di non voler partire, fin chel tempo non consuma con le gocciolo dell acqua la pietra, dove ella è incatenata: la quale à goccia à goccia escie dalla eclissidera, oriuolo antico, che serviva à gl oratori mentre oravano. Così ristrettasi nelle spalle, mirando fisamente quanto gli bisognava spettare che si consumi la durezza del sasso, tollera et spetta con quella speranza che amaramente soffron colore che stanno a disagio per finire il loro disegno con patientia. Il motto mi pare che stia molto bene et a proposito nel sasso: Diuturna tollerantia : Che volendo la Signoria Vostra servirsene per impresa, facci fare l eclissidera sola che buchi la pietra, s è per figura o rovescio di medaglia o altre fantasie, come la stà. 8 Minerbetti fu soprattutto anche molto vicino al sovrano toscano Cosimo I de Medici, per il quale eseguì numerose incariche diplomatiche: Nel 1550 svolse la sua prima missione, inviato a Mantova con istruzione del 13 marzo per fare le condoglianze per la morte del duca Francesco III [ ] Nel 1551 fu al servizio di don Luigi di Toledo, fratello della duchessa di Firenze Eleonora. Nel 1552 fu inviato a Napoli per congratularsi con Pedro di Toledo, suocero di Cosimo, delle sue seconde nozze con Vittoria Spinelli. 9 Nel 1557 lo sappiamo in Inghilterra e nei Paesi Bassi (dove in quel periodo risiedeva Filippo II, figlio dell imperatore Carlo V) per rappresentare i Medici come ambasciatore. 10 Quando Carlo V muore nel 1558 (avendo già affidato, fin dal 1556, al fratello Ferdinando i domini austriaci e al figlio Filippo II i Paesi Bassi, i regni di Aragona, la Sicilia, la Castiglia e le colonie americane), Minerbetti venne incaricato da Cosimo I de Medici di rappresentare il sovrano allo splendido funerale allestito da Filippo II, che si tenne a Bruxelles nel dicembre dello stesso anno per commemorare la scomparsa dell imperatore del Sacro Romano Impero. Gli ambasciatori presenti alla cerimonia spedirono vivide descrizioni dello spettacolo. Il nostro Minerbetti non si limitò a descrivere l evento per una corrispondenza diplomatica, ma rese pubblica la sua relazione nella placchetta L esequie di Carlo Quinto stampata da Torrentino. Il volume è particolarmente ricco di informazioni su

20 18 la Biblioteca di via Senato Milano giugno 2012 com era il carro funebre, come si svolse la cerimonia e quali i sovrani presenti: Et benche tutto quello ch io ho descritto di sopra havesse mosso, non meno à compassione ch à meraviglia i riguardanti, fu però poco appresso à quello che seguitò di poi, perche si vidde venir una Nave simil all antiche con la poppa ornata d intagli, di pitture, & d oro, rostrata, di ragionevole grandezza con le vele raccolte, [ ] & per tutta la Nave quadri dipinti con l Arme de Regni, & stati di S.M. Questa caminando con belliss. artificio pareva esser tirata per mare da due Mostri Marini che li andavano avanti per prua, dove si vedeva una giovane donna vestita, & abbigliata gentilmente, che con un Ancora c haveva in mano di argento pareva che tutta lieta, volesse dar fondo & pigliar Porto avanti all arbore maestro, & à piedi d una ricchiss. sede pupale ch era vota, sopra la pietra quadra ov era scritto Christus in tutte le faccie, la Fede vestita d un bianchiss. drappo con la Croce rossa in mano, & dietro à lei nella poppa, mostrando di guidar la Nave, col timone nella destra si vedeva la Carità piena d ardore [ ] A questa tanto bella, & misteriosa Nave seguitavano come poste sopra due scogli nel mezo del mare, & tirate da due Tritoni, due grandissime colonne con la Corona Imp. sopra ciascuna. 11 La descrizione minuziosa si conclude con la cerimonia in chiesa: Arrivata S.M. alla chiesa, trovò che la Nave, & le colonne erano fermate à piedi delle scale di quella, & tutti i cavalli posti per ordine alla parte destra, la chiesa era ordinata in questo modo e più avanti Il Catafalco posto fra la prima, & seconda colonna verso il clero, & poco piu basso della sedia del Re, posava sopra quattro colonne copte di velluto nero, la forma del quale fatta con molt arte, con il numero grande de i lumi ch ardevano era molto simile à una corona Imperiale [ ] sotto questo Catafalco ch io dico, coperta d un ricchissimo panno d oro arricciato con una gran croce di raso cremesi rosso, era la cassa funebre in un piano di legnami alto due gradi con panni neri per terra, & all intorno gran quantità di torcie ch ardevano, d avanti à questo Catafalco [ ] secondo che erano arrivati si viddero posti per dritto tutti gli stendardi, che tutti insieme per la loro varietà in mezo à tanti lumi facevano un veder bellissimo. 12 L elaborata relazione di Minerbetti ancora nel 1559 si trova realizzata in un edizione riccamente illustrata dal titolo: La magnifique et sumptueuse pompe funèbre faite aus obseques et funérailles du très grand et très victorieux empereur Charles cinquième célébrées en la ville de Bruxelles le 29 Jour du mois de Décembre 1558 par Philippes Roy catholique d Espaigne, son fils, a cura di Christophe Plantin di Anversa, contenente 34 incisioni fatte dai fratelli Joannes e Lucas van Doetichum su disegno di Hieronymus Cock, e con versioni latina, francese, fiamminga, italiana e spagnola. 13 Ritroviamo tra le in gran parte ripiegate tavole (da vendere en rouleau per formare un fregio continuo), raffiguranti l apparato festivo e la processione cerimoniale precisamente quella Nave della vittoria (Victoriam Navem) e quella Chappelle ar- NOTE 1 Tra le opere più rinomate di Lorenzo Torrentino vanno ricordate le edizioni princepes de Le vite de piu eccellenti architetti, pittori, et scultori italiani, da Cimabue insino a tempi nostri, descritte in lingua toscana, da Giorgio Vasari pittore aretino (1550), il Digestorum seu Pandectarum, cioè la codificazione del Diritto Romano raccolta da Giustiniano (1553), e La historia di Italia di Francesco Guicciardini (1561). 2 Descrizione fisica dell edizione: [Bernardo Minerbetti, ], L esequie di Carlo Quinto Imperadore fatte nella villa di Bruscelles. Florentiae, [Lorenzo Torrentino], 1559; in formato 4to di [4] carte; segnatura: A4; impronta: lili leco arhe ogo (C) 1559 (R); titolo entro cornice manieristica figurata. 3 Antonfrancesco Grazzini, detto il Lasca, gli dedica per esempio la commedia La gelosia. 4 Il carteggio di Giorgio Vasari, lettera del 4 ottobre 1551 di Bernardetto Minerbi in Firenze a Giorgio Vasari in Arezzo (http://www.memofonte.it/autori/carteggio-vasariano html; controllato ). 5 Il carteggio di Giorgio Vasari, lettera del 31 ottobre 1551 di Bernardetto Minerbi in Firenze a Giorgio Vasari in Roma (http://www.memofonte.it/autori/carteggio-vasariano html; controllato ). 6 Il carteggio di Giorgio Vasari, lettera del 28 novembre 1551 di Bernardetto Minerbi in Firenze a Giorgio Vasari in Roma (http://www.memofonte.it/autori/carteggio-vasariano html; controllato ). 7 L opera ebbe grande successo: non soltanto fu ripresa da Francesco Salviati e Battista Franco, ma la soluzione iconografi-

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga,

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, Saggistica Aracne Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, missionario Oblato di Maria Immacolata.

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi.

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi. 1.Introduzione Venezia nasce nel 452 e poco dopo la fondazione della città i commercianti veneziani cominciano a portare dall Oriente prodotti che gli Europei non conoscono: le spezie, il cotone, i profumi

Dettagli

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe Nei giorni 11 e 12 aprile sono andata in gita scolastica a Venezia. Prima di questo viaggio, nel mio immaginario, Venezia era una città triste,

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

A dire la verità è molto simpatica, ha tanta intelligenza e una pazienza così lunga da superare perfino il Nilo!

A dire la verità è molto simpatica, ha tanta intelligenza e una pazienza così lunga da superare perfino il Nilo! Lo scorso aprile la nostra scuola ha ospitato Maria Luisa Mesiano, un egittologa che ha partecipato agli scavi. Ci ha parlato di questa sua esperienza in Egitto e dei ritrovamenti effettuati. L egittologa

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

http://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.it/2010/10/santa-teresa-davila.html Santa Teresa d Avila

http://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.it/2010/10/santa-teresa-davila.html Santa Teresa d Avila http://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.it/2010/10/santa-teresa-davila.html Santa Teresa d Avila Le mura di Avila Santa Teresa d Avila (1515-1582) era al Carmelo di Toledo quando il re del Portogallo,

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

Intervista ad Anke Merzbach

Intervista ad Anke Merzbach Intervista ad Anke Merzbach a cura di Giorgio Tani Seravezza Fotografia, iniziata da alcuni anni, si è affermata, per le proposte che vengono fatte, come una delle più interessanti manifestazioni nazionali.

Dettagli

S. DOMENICO di Guzman

S. DOMENICO di Guzman Carissimi bambini, abbiamo pensato di farvi una sorpresa... sapete che questo è il giornalino del rosario, ma vi siete mai domandati chi ha inventato il rosario? Nooooo?! E allora, bambini e bambine, in

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona)

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) Unità 1 In prima e in seconda ITIS noi studiamo I PROMESSI SPOSI. Che cosa è? I Promessi

Dettagli

MEDICI MECENATI. da banchieri a signori

MEDICI MECENATI. da banchieri a signori MEDICI MECENATI da banchieri a signori iovanni di Bicci 1360-1429 1429! Agli inizi del 400 inaugura il successo politico ed economico della famiglia! Il figlio Cosimo detto il Vecchio inizia il ramo principale!

Dettagli

Mons. Claudio Maria CELLI

Mons. Claudio Maria CELLI Mons. Claudio Maria CELLI Nella nostra storia c è quel detto famoso: tu uccidi un uomo morto, credo che dopo queste mattinate e pomeriggi così intensi è mio dovere essere il più breve possibile. Per me

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

Dante Alighieri 1265-1321

Dante Alighieri 1265-1321 Dante Alighieri 1265-1321 La vita Anni Eventi 1265 Nasce a Firenze da una famiglia nobile decaduta 1289 Frequenta i poeti stilnovisti 1295 Inizia l attività politica in Firenze; è un guelfo bianco 1301

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

16 0 RMT Finale maggio 2008 ARMT.2008 1

16 0 RMT Finale maggio 2008 ARMT.2008 1 16 0 RMT Finale maggio 2008 ARMT.2008 1 1. PERLE ROSSE (Cat. 3) ARMT.2008-16 - finale Martina e Carlotta hanno trovato delle perle gialle, blu e rosse. Decidono di farsi una collana ciascuna e infilano

Dettagli

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA Preparazione biblica al Sinodo Diocesano Elaborata da Michele Tomasi Il sinodo diocesano è un percorso comune di tutta la comunità cristiana della diocesi.

Dettagli

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce Venerdì 18 luglio 2014 dalle ore 19 alle ore 20 nella sala meeting di Palazzo Gattini a Matera l artista Smerakda Giannini presenta Entità. Una personale di opere che ritraggono il lavoro di una fotografa

Dettagli

La società francese. Nobiltà

La società francese. Nobiltà 1. Nuovi ideali e crisi economica demoliscono l antico regime La Rivoluzione francese, insieme a quella americana, è giustamente considerata uno dei momenti essenziali della nostra storia e della nostra

Dettagli

Presentazione A bituati oggi alle guide turistiche con belle immagini colorate, dal ricco corredo informativo sia culturale che pratico, ritrovarsi tra le mani questa ristampa anastatica di una guida di

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com

Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com CalenDiario 2011: L Italia compie 150 anni CalenDiario Nel 2011 l Italia compie 150

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Tre minuti per Dio SHALOM

Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Editrice Shalom - 22.05.2005 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile concessione Fondazione di Religione Santi

Dettagli

Gli alunni della classe 3I hanno rielaborato i contenuti del film rispondendo alle domande guida con un LAVORO DI GRUPPO. Ecco le loro produzioni:

Gli alunni della classe 3I hanno rielaborato i contenuti del film rispondendo alle domande guida con un LAVORO DI GRUPPO. Ecco le loro produzioni: Gli alunni della classe 3I hanno rielaborato i contenuti del film rispondendo alle domande guida con un LAVORO DI GRUPPO. Ecco le loro produzioni: Il film ci è piaciuto molto perché è riuscito a raccontare

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

Jolanda Conti e Angelo Dragone fidanzati, 1942

Jolanda Conti e Angelo Dragone fidanzati, 1942 Jolanda Conti e Angelo Dragone fidanzati, 1942 foto Mauro Raffini Per tutta la Loro vita, ancora prima del matrimonio, Jolanda e Angelo Dragone, hanno raccolto con cura e metodo libri, lettere, fotografie

Dettagli

S.E. il Cardinale Carlo Caffarra

S.E. il Cardinale Carlo Caffarra ARCIDIOCESI DI BOLOGNA C.S.G. - UFFICIO STAMPA - Via Altabella, 8 40126 BOLOGNA Tel. 051/64.80.765 - Fax 051/23.52.07 E-mail press@bologna.chiesacattolica.it Data: 13 aprile 11 Destinatario: DIRETTORE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Promosso dall Amministrazione comunale di Lavagno. L ultima farfalla RENZO ZERBATO. L ultima farfalla. Con la collaborazione del prof.

Promosso dall Amministrazione comunale di Lavagno. L ultima farfalla RENZO ZERBATO. L ultima farfalla. Con la collaborazione del prof. Dopo il successo di Ierilaltro Promosso dall Amministrazione comunale di Lavagno Renzo Zerbato Torna con L ultima farfalla RENZO ZERBATO L ultima farfalla Con la collaborazione del prof. Giuseppe Corrà

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Recensioni e Pensieri

Recensioni e Pensieri Recensioni e Pensieri Allegato al numero di Maggio 2014 SCORRE LA NOTIZIA I.C.S Federico II di Svevia Mascalucia Progetto Giornalismo e Scrittura creativa a cura della Prof.ssa Barbarossa Lucia 1 Bianca

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

NUOVA EVANGELIZZAZIONE NELLA SOCIETA GLOBALIZZATA. TESTIMONIANZA Predicare dai tetti Sua Eccellenza Rev.ma Mons. Antonio Riboldi Vescovo

NUOVA EVANGELIZZAZIONE NELLA SOCIETA GLOBALIZZATA. TESTIMONIANZA Predicare dai tetti Sua Eccellenza Rev.ma Mons. Antonio Riboldi Vescovo NUOVA EVANGELIZZAZIONE NELLA SOCIETA GLOBALIZZATA TESTIMONIANZA Predicare dai tetti Sua Eccellenza Rev.ma Mons. Antonio Riboldi Vescovo Che sia urgente 1 evangelizzazione ad ogni uomo che è sulla terra,

Dettagli

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo.

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo. PRESENTAZIONE Giornalino sul FATTO DA I BAMBINI DELLA 4^B CON L AIUTO DELL INS.TE (PISCHEDDA ELISABETTA) DELLA SCUOLA ELEMENTARE ITALO CALVINO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI BEINASCO ANNO SCOLASTICO 2005/2006

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

E il Signore ci dice:

E il Signore ci dice: E il Signore ci dice: mettetevi sulla strada buona (Paolo VI) Itinerario quaresimale con i Papi del Concilio Vaticano II: Giovanni XXIII e Paolo VI A cura di Mons. Battista Rinaldi Consulenza redazionale

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio»

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «Mi presento a voi come la Madonna delle Rose dal Cuore Immacolato, Regina del Cielo, Madre delle famiglie, Portatrice di Pace nei vostri cuori». del 25 agosto

Dettagli

Dello stesso autore presso Rizzoli e BUR. Aprite la mente al vostro cuore. Siate forti nella tenerezza. Lo sguardo semplice e profondo dell amore

Dello stesso autore presso Rizzoli e BUR. Aprite la mente al vostro cuore. Siate forti nella tenerezza. Lo sguardo semplice e profondo dell amore JORGE MARIO BERGOGLIO (Buenos Aires, 1936), laureato in flosofa, è stato ordinato sacerdote nel 1969, vescovo di Auca nel 1992, arcivescovo di Buenos Aires nel 1998, creato cardinale nel 2001 ed eletto

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

LA PARTENZA. La valigia. 1 Con chi farai la valigia? 2 Quali vestiti prenderai con te? 3 Cosa non devi assolutamente dimenticare*?

LA PARTENZA. La valigia. 1 Con chi farai la valigia? 2 Quali vestiti prenderai con te? 3 Cosa non devi assolutamente dimenticare*? LA PARTENZA La valigia Con chi farai la valigia? Quali vestiti prenderai con te? 3 Cosa non devi assolutamente dimenticare*? 4 Completa il cruciverba per scoprire il nome di un famoso stilista italiano.

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR Reading del libro a cura dei ragazzi della IIIA della scuola media n. 2 "S. Farina" Con la collaborazione della libreria Il Labirinto di Alghero Un matrimonio combinato,

Dettagli

Stelio Mattioni Lo scrittore perduto

Stelio Mattioni Lo scrittore perduto Stelio Mattioni Lo scrittore perduto Intervista a Maria Mattioni Oblique Studio 2010 Stelio Mattioni. Lo scrittore perduto. Intervista a Maria Mattioni di Annalisa Bizzarri Oblique Studio 2010 La signora

Dettagli