La vita quotidiana a Milano alla fine del IV secolo d.c. Approfondimenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La vita quotidiana a Milano alla fine del IV secolo d.c. Approfondimenti"

Transcript

1 La vita quotidiana a Milano alla fine del IV secolo d.c. Narrazione multimediale per il Museo Civico Archeologico di Milano A cura di HOC-LAB, Politecnico di Milano Approfondimenti Milano Pagina 1

2 Introduzione Questa narrazione contiene gli approfondimenti di La vita quotidiana a Milano alla fine del IV secolo dopo Cristo, organizzati per tematiche: casa e città, alimentazione e moda, la società e altri. Servono non solo a gettare luce su alcuni aspetti che i nostri personaggi di Milano romana sfiorano nella loro giornata, ma sono interessanti di per sé, per avere uno spaccato storico-sociale dell epoca Milano Pagina 2

3 PARTE I: CASA E CITTÀ Qui si racconta delle case dei romani, ricchi e poveri e delle loro città; delle strade poco illuminate ma molto sporche e del traffico che, fin da allora, le congestionava. La casa dei ricchi: "domus" Le case di città dei ricchi Romani venivano chiamate domus (da cui deriva il termine domestico ). Tra le numerose stanze c erano tipicamente un ingresso ( atrium ), la stanza di soggiorno ( tablinum ), la stanza dei banchetti ( triclinium ), diverse stanze da letto ( cubicula ) e la stanza per le cerimonie religiose. Da un ampio spazio aperto sul tetto entrava la luce ed anche la pioggia, che veniva raccolta in una vasca ( impluvium ). A volte, all esterno, si aprivano botteghe, che potevano essere date in affitto oppure usate per vendere i propri prodotti agricoli. Le case più ricche e prestigiose potevano essere dotate anche di piscine e biblioteche. Le case dei poveri: "insulae" Nell antica Roma, i poveri abitavano in una specie di condomini, detti insulae, alti spesso diversi piani. Il piano terra era, in genere, usato per botteghe di vario genere, chiamate tabernae. Ai piani superiori c erano varie unità abitative (di una o poche stanze). Non c erano servizi igienici: si usavano le latrine pubbliche o le terme. In genere non si poteva cucinare, per il rischio di provocare incendi. L acqua in casa Nelle abitazioni degli antichi Romani non c era acqua corrente. Nelle case dei ricchi l acqua piovana era raccolta in una vasca, oppure c erano dei pozzi. Per lavarsi si usavano bacili o vasche. I poveri, che abitavano nelle insulae, usavano luoghi pubblici sia per lavarsi sia per l acqua da bere. La illuminazione nelle case Il combustibile principale per l illuminazione domestica era l olio d oliva, che poteva essere bruciato in vari contenitori. Le lampade portatili erano le lucerne: piccoli contenitori di terracotta, con un foro più grande in cui si versava l olio, ed uno più piccolo dove c era uno stoppino che bruciava. Le case dei ricchi erano illuminate poco e male, e quelle dei poveri non erano illuminate quasi per nulla. Di qui l abitudine di andare a dormire molto presto, quando calava il buio. La sala del triclinio I banchetti, ricevimenti importanti per ospiti di rilievo, si tenevano nella cosiddetta sala del triclinio. I commensali (da 10 a 20, tipicamente) mangiavano (con le mani) sdraiati su divani a tre posti: da qui il nome triclinio. I tre posti erano disposti a semicerchio, con una piccola tavola al centro dove i domestici deponevano le vivande. Le stanze del triclinio erano spesso riccamente decorate con affreschi ed altri ornamenti di lusso. Alcuni convitati portavano da casa dei tovaglioli che servivano durante il banchetto, ma anche per portare a casa gli avanzi. Il letto I Romani non avevano, in generale, molti mobili nelle loro case. Uno dei mobili principali era sicuramente il letto, usato per dormire, riposare e anche per ricevere. Nelle case dei ricchi il letto era di legno, a volte decorato in oro, avorio o altri materiali preziosi. Sopra il Milano Pagina 3

4 letto c era un materasso coperto di tessuti più o meno preziosi, a seconda dell importanza del possessore. I poveri, invece, non avevano quasi del tutto mobilia: spesso dormivano su un pagliericcio, magari infestato da insetti, appoggiato direttamente sul pavimento. Le biblioteche private A partire dalla fine della Repubblica e dall inizio del periodo imperiale cominciarono a sorgere, nell antica Roma e nelle principali città di provincia, le biblioteche private. Sia per i costi elevatissimi dei libri, sia per la (relativamente) scarsa diffusione della cultura, solo gli aristocratici, ricchi proprietari terrieri, potevano permettersi un tale lusso. È interessante notare come molti libri dell antichità siano giunti a noi anche grazie a queste biblioteche private; le biblioteche pubbliche infatti erano molto più soggette a distruzioni, sia a causa di eventi bellici, sia per disastri naturali. Memorabile, ad esempio, fu la distruzione della famosa biblioteca di Alessandria a causa di un incendio. La illuminazione delle strade Le strade delle città, nell impero romano, non erano illuminate. Solo alla fine dell impero, a Roma, iniziò un tentativo di pubblica illuminazione delle strade. Di notte era quindi pericoloso uscire in strada, se non accompagnati da servi, possibilmente armati. In aggiunta, c era anche il pericolo di ricevere in testa rifiuti vari, gettati dalle finestre dei piani alti. Le immondizie in strada Gli antichi Romani curavano le fognature pubbliche (dette cloache ) per lo smaltimento dei rifiuti, ma non altrettanto bene i rifiuti privati. Gli edifici pubblici erano, in genere, collegati alle fogne, mentre pochi di quelli privati lo erano. Quindi i rifiuti, anche quelli delle latrine, dovevano essere portati alle fogne. In realtà, gli abitanti dei piani alti trovavano spesso più comodo gettarli dalla finestra. Non essendoci un servizio pubblico di pulizia delle strade, nei quartieri poveri la situazione doveva essere particolarmente disagevole, sia per gli odori sia per il rischio di malattie. Il traffico nelle strade romane Sicuramente, nelle metropoli dell impero romano il traffico non aveva nulla da invidiare a quello attuale: pedoni, lettighe, muli, cavalli, carretti spinti a mano, carri trainati, carri da trasporto, carri da corsa, tutto contribuiva a creare congestione. I numerosi interventi legislativi dimostrano lo stato delle cose. Cesare stesso fece una legge per proibire il traffico privato nelle prime 10 ore della giornata (su 12 in totale!). Il risultato fu che i trasporti commerciali si facevano di sera oppure di notte, e che per i viaggi bisognava partire all alba o di sera. Naturalmente c erano le eccezioni, per esempio per i generali, i sacerdoti, per chi lavorava per l imperatore... con molta analogia con i divieti di traffico odierni. Il foro delle città romane Il foro era, in origine, la piazza centrale della città, dove avvenivano gli scambi commerciali. Essendo il luogo più frequentato, nel tempo assunse altri ruoli: il centro del dibattito politico, il luogo delle discussioni legali-giuridiche, il luogo di amministrazione della giustizia ed il luogo di funzioni pubbliche, il luogo di diffusione delle notizie, e così via. Date queste funzioni, in ogni città, il foro fu architettonicamente molto curato e si adornò di importanti edifici pubblici Milano Pagina 4

5 PARTE II: ALIMENTAZIONE e MODA Qui si racconta della vita quotidiana dei romani, di cosa mangiavano e come si vestivano. La prima colazione La prima colazione dei Romani era relativamente frugale, a base di focaccia (o pane) bagnata nell acqua o nel latte, se non addirittura nel vino. A questo si aggiungevano cose salate come formaggio, carne o pesce, o gli avanzi della cena precedente. Il pranzo Il pranzo dei Romani non era molto elaborato o ricco. Spesso i Romani, sia i ricchi sia i poveri, mangiavano fuori per pranzo. Molto presenti erano piatti a base di cereali (il farro soprattutto), le immancabili olive, le verdure e i legumi. C erano anche i formaggi, freschi o stagionati. A pranzo non era abitudine bere il vino, nemmeno per i ricchi. La cena Quando non si trattava di un banchetto, la cena dei Romani era relativamente frugale. Molto usate, nell antichità, erano delle preparazioni a base di cereali, simili alla nostra polenta. Il farro era l ingrediente più usato, ma anche i ceci, le fave, il miglio e l orzo. A volte, alla polenta si aggiungevano pezzi di formaggio o di carne e pesce. In età imperiale, il pane cominciò a sostituire la polenta. C erano vari tipi di pane: da quello nero dei poveri, a quello bianco candido dei ricchi. Il banchetto Un banchetto iniziava con degli antipasti ( gustatio ): olive, uova, funghi, verdure. Poi c erano le portate principali, a base di carne e pesce. Alla fine venivano serviti i dolci. La carne poteva essere di maiale o di bovino, ma anche di altro genere, per esempio cinghiali e ghiri. Erano molto apprezzati sia la cacciagione che volatili vari, tra cui fagiani e pavoni, e i pesci, che venivano anche allevati in grandi vivai. La carne veniva cucinata soprattutto arrosto o in umido. Nei grandi banchetti si utilizzavano, a volte, ricette molto particolari con presentazioni fantasiose che dovevano stupire i commensali. Il vino nei banchetti I Romani amavano bere il vino: bianco e soprattutto rosso. Il vino antico, rispetto ai vini di oggi era piuttosto pesante, per cui veniva quasi sempre allungato con acqua e a volte anche mescolato con miele ed altre spezie. Tra i vini più noti si ricordano dalla Campania il Marsico e il Falerno, e dal Lazio l Albano, il Cecubo e il Sabino. I vini di grande pregio venivano anche invecchiati ed offerti poi, con grande orgoglio, nei banchetti. Il ketchup dei Romani: garum La cucina dei Romani amava le salse (a base di pesce o anche di frutta) da aggiungere alle pietanze a base di carne, sostanzialmente mascherandone il sapore. La salsa più famosa era il garum, ottenuta facendo fermentare interiora di pesce mescolate con sale, vino e aceto. Dopo tre mesi di fermentazione al sole in un recipiente di terracotta, il liquido veniva filtrato, posto in ampolle di vetro e venduto a caro prezzo. I fast food dei Romani Le botteghe degli artigiani, chiamate tabernae, utilizzate come deposito di cereali o di vino, si trasformarono poco alla volta in locali dove i cibi si vendevano o anche venivano consumati. Si possono quindi considerare una sorta di fast-food. Tipicamente, in una Milano Pagina 5

6 taberna c erano un bancone di pietra con vari contenitori, una piccola cucina ed un locale per il consumo. In viaggio, si poteva consumare del cibo nelle mansiones, dove si potevano anche cambiare le cavalcature e riposarsi, o nelle cauponae, più povere e anche più malfamate. L abbigliamento Il vestito di base per gli antichi Romani era la tunica: più corta per gli uomini e più lunga per le donne. Era un indumento molto semplice: due pezzi di stoffa cuciti assieme con una apertura per la testa e corte maniche. La tunica quotidiana era di tessuti molto grezzi, e di tessuti più raffinati per i ricchi. Nelle occasioni ufficiali e molto importanti, i patrizi indossavano la toga, costituita di un pezzo di stoffa molto lungo ed avvolto in modo elaborato e complesso, che oggi non comprendiamo bene. I vestiti delle matrone Le matrone indossavano tuniche più lunghe degli uomini, a volte lunghe fino ai talloni. I tessuti erano semplici per il giorno, e più raffinati per la sera. Sopra la tunica, in situazioni importanti, le matrone potevano indossare una stola, una tunica più elegante e lunga. Le matrone cingevano la vita con cinture fermate con eleganti chiusure dette fìbule. Molto eleganti e complesse erano le acconciature dei capelli. Nelle serate, le matrone indossavano monili, tra cui braccialetti e orecchini, di materiali preziosi, e arricchiti con ambra e pietre varie Milano Pagina 6

7 PARTE III: EDUCAZIONE e TEMPO LIBERO Qui si racconta di come venivano educati i giovani romani: i maschi in maniera colta, le femmine alla conduzione domestica. Si racconta poi degli svaghi per il tempo libero, dalle terme ai crudeli spettacoli dell anfiteatro. Leggere ad alta voce Nell antichità era abituale leggere ad alta voce, non in silenzio come facciamo oggi. In parte, la motivazione era economica: i libri erano pochi e costosi, e quindi era conveniente avere un solo lettore e tanti ascoltatori. C era anche un aspetto sociale culturale: leggere ad alta voce in un gruppo rafforzava la condivisione di ciò che veniva letto. Era tale l abitudine, che anche un lettore solitario, presumiamo, leggeva ad alta voce. Sant Agostino infatti, nel suo libro Le confessioni, riporta con stupore di avere visto Sant Ambrogio leggere in silenzio, mentre la voce e la lingua stavano a riposo. I pedagoghi Nell antica Roma i figli erano spesso seguiti dai loro genitori solo indirettamente: le nutrici si prendevano cura dei neonati e dei piccoli, gli educatori (o pedagoghi ) si occupavano dei più grandi. Spesso i pedagoghi erano greci, perché si riteneva che il modo di fare greco fosse, in generale, più raffinato di quello tradizionale dei Romani. Il pedagogo sostituiva i genitori in tutti gli aspetti della educazione: da quelli comportamentali (ad esempio come stare a tavola, come mangiare, come salutare o rivolgersi agli anziani), a quelli più formativi come la grammatica, la letteratura, la retorica, la matematica etc. Spesso i pedagoghi usavano anche maniere forti e punizioni per convincere i loro allievi. L'educazione delle fanciulle Tradizionalmente, l educazione delle fanciulle nella antica Roma era limitata alle attività considerate femminili: la gestione della casa, filare, tessere, cucire e così via. Per le future matrone era anche importante apprendere il modo di comportarsi in situazioni come le cerimonie e l organizzazione dei banchetti. Verso la fine del periodo repubblicano, e ancor più nell impero, anche le fanciulle dell aristocrazia cominciarono ad avere una qualche forma di educazione, su grammatica e letteratura soprattutto: gli aristocratici romani apprezzavano il fatto che le loro spose sapessero leggere (in latino e greco) e parlare di letteratura. L educazione femminile, tuttavia, restò sempre marginale rispetto a quella maschile. Andare al circo Il circo romano era costituito da una pista stretta e allungata, chiamata arena, per le corse dei carri e dei cavalli. Sui due lati lunghi e sul lato breve di fondo, curvilineo, c erano le gradinate per gli spettatori (dette cavea ), accessibili attraverso passaggi collegati all esterno ( vomitoria ). Ai piedi delle gradinate comuni c era una piattaforma riservata agli spettatori di riguardo. L altro lato breve del circo ospitava l ingresso, con una struttura piuttosto complessa ( oppidum ): sopra il vero e proprio ingresso c erano le tribune per gli ospiti di riguardo, per gli organizzatori dello spettacolo e per i giudici. C erano poi i recinti ( carceres ) da cui partivano i carri, fiancheggiati da due torri. L arena era suddivisa in due corsie, nel senso della lunghezza, dalla spina, un lungo basamento sul quale potevano trovarsi statue, fontane, edicole e colonne o altre decorazioni. Il basamento aveva, alle sue estremità, due piattaforme semicircolari dette metae. Su queste piattaforme erano disposte ad una estremità sette uova di pietra, Milano Pagina 7

8 all altra sette delfini. Questi elementi mobili venivano fatti ruotare per funzionare da contagiri. Il percorso standard prevedeva 7 giri completi. Dopo la gara c era la cerimonia di premiazione. Il vincitore usciva da una porta trionfale aperta al centro della curva, dal lato opposto rispetto all ingresso. Andare alle terme Frequentare le terme per i Romani divenne uno dei modi preferiti per occupare il tempo libero, fin dal I secolo a.c., quando, accanto alle terme private delle ville dei ricchi, sorgono i primi impianti pubblici, accessibili a tutti con poca spesa. Queste terme pubbliche sono tra gli edifici monumentali più grandiosi dell architettura romana, e si diffusero in tutto l impero. Divennero sempre più lussuosi, decorati con marmi, mosaici, statue ed oggetti preziosi: la loro realizzazione era un modo per celebrare la grandezza di chi sosteneva i costi (privati cittadini o magistrati); gli edifici più grandiosi furono realizzati dagli stessi imperatori, e ne portavano il nome. Il percorso nelle terme Un tipico percorso nelle terme iniziava con una sosta negli spogliatoi, per poi passare alla sala del bagno caldo ( calidarium ), ad una stanza riscaldata ( tepidarium ) e quindi alla sala del bagno freddo ( frigidarium ). Il funzionamento delle terme è garantito da grandi cisterne e sistemi di condutture in piombo e terracotta per l approvvigionamento idrico. Al riscaldamento provvedono forni a legna, caldaie per l acqua e sistemi basati sulla circolazione di aria calda all interno di pareti cave e sotto i pavimenti. Negli impianti più grandi il percorso poteva essere doppio, e poi potevano esserci un vasto spazio aperto circondato da portici per gli esercizi fisici e i giochi sportivi ( palestra ), una piscina per i tuffi e il nuoto, e una serie di vani secondari, quali latrine e stanze per la sauna ( laconicum ) o i vapori caldi ( sudatorium ). Chiudevano il giro massaggi, frizioni con oli profumati e depilazione. Le terme a volte si trovavano all interno di complessi più vasti che potevano includere giardini, biblioteche, auditori per la pubblica lettura o per la musica e addirittura edifici per spettacoli scenici. Andare a teatro I Romani affollano i teatri non per spettacoli seri come le tragedie dei Greci, ma soprattutto per assistere a spettacoli che oggi definiremmo di intrattenimento. Il mimo, farsa burlesca e popolare, traeva spunto dal repertorio comico (spesso licenzioso). Lo spettacolo si basava sull'espressività dei volti di attori e attrici che recitavano senza maschera, sulla loro abilità nel cantare, ballare e gesticolare, sulle invenzioni sceniche e addirittura su veri e propri spogliarelli. Nel pantomimo, ispirato alla tragedia e al mito, gli attori con maschera, rigorosamente uomini, illustravano con gesti le vicende, accompagnati da orchestra e coro. Gli spettacoli all anfiteatro L anfiteatro era il luogo di uno degli spettacoli più apprezzati dai Romani: duelli, quasi sempre all ultimo sangue. I gladiatori erano schiavi, prigionieri di guerra addestrati o, più raramente, dei professionisti. Ogni gladiatore aveva la sua specializzazione, caratterizzata dall equipaggiamento: Il reziario aveva rete e tridente; Il secutor aveva elmo a calotta; Il mirmillone aveva una corta spada e scudo rettangolare; Il trace combatteva con spada ricurva, piccolo scudo ed elmo crestato; Milano Pagina 8

9 L oplomaco (tipico avversario del trace), era munito di spada, grande scudo ed elmo piumato. I gladiatori vivevano in scuole-caserme gestite da un impresario-allenatore e, in caso di successo, conquistavano enorme prestigio e cospicui guadagni, divenendo idoli del pubblico. Gli spettatori partecipavano attivamente, spesso determinando la sorte dello sconfitto: ucciso o graziato. Il tifo raggiungeva forme di fanatismo che portavano spesso a gravi disordini: proprio per motivi di ordine pubblico gli anfiteatri sorgevano, quasi sempre, all esterno delle città. Gli anfiteatri ospitavano anche lotte tra animali e simulazioni di battute di caccia ( venationes ). Gli animali esotici erano trasportati dalle più remote province dell impero e offerti con grande spesa dalle autorità pubbliche o da munifici privati; erano leoni, tigri, elefanti, ippopotami, coccodrilli, orsi. Più rare perché costosissime, ma spettacolari e amate dal pubblico, erano le battaglie navali ( naumachie ) che si svolgevano nell arena allagata dell anfiteatro Milano Pagina 9

10 PARTE IV: LA SOCIETÀ Qui si raccontano alcuni aspetti della società romana, dalla condizione femminile a quella degli schiavi a chi, infine, aveva potestà di governo. La struttura dei nomi Nel mondo romano il nome per gli uomini attesta il loro stato di liberi e la posizione che essi occupano nella società. È formato, generalmente, da tre nomi ( tria nomina ): praenomen : nome generico, di solito abbreviato, che tende a scomparire; nomen : simile al nostro attuale cognome, individua la famiglia di appartenenza, per cui è anche detto gentilizio (da gens = famiglia); cognomen : simile al nostro attuale nome proprio; spesso deriva da attributi fisici o morali. Le donne erano indicate anche con il nome del padre e del marito, i liberti con il prenome e il nome del padrone che li aveva liberati, gli schiavi solo con il nome spesso accompagnato dall indicazione S ( servus ) e il nome del padrone. A partire dalla seconda metà del IV sec. d.c. i tre nomi tendono a scomparire, sostituiti dal nome unico, che è l elemento caratterizzante dell epigrafia cristiana. Gli anni e il calendario Per gli antichi Romani gli anni erano tipicamente identificati con il nome della magistratura più importante: i consoli, che restavano in carica giusto un anno. Più tardi si usò anche il riferimento alla presunta fondazione di Roma (avvenuta nel 753 a.c.), con la espressione Ab urbe Condita, dalla fondazione della città. La suddivisione in mesi era simile a quella odierna, ma molto imprecisa quanto al numero dei giorni, per cui doveva spesso essere aggiustata con delle riforme: famosa fu quella di Giulio Cesare, che creò il cosiddetto calendario Giuliano, che restò in uso fino alla fine del XVI secolo. Un giorno era diviso in 12 ore diurne (dalla prima alla duodecima ) e 12 notturne. Essendo basate sul levarsi e calare del sole, corrisponderebbero, secondo i nostri orologi, a ore diverse, a seconda della stagione. La condizione degli schiavi L uguaglianza proclamata dal Cristianesimo aveva valore solo sul piano religioso: tutti avevano diritto alla salvezza eterna, senza distinzioni sociali. Ma questo non rendeva tutti gli uomini uguali nei loro diritti politici e sociali. Nella Lettera di Pietro agli Efesini (6,5) si legge: Servi, obbedite ai vostri padroni di quaggiù e in molte altre testimonianze di Paolo e di altri padri della chiesa si trova la stessa idea di incondizionata sottomissione. La schiavitù, che forniva la forza-lavoro gratuita essenziale per l economia delle grandi proprietà terriere, non fu considerata contraria alla religione cristiana. È notevole che proprio al tempo di Costantino, noto per aver ribadito la tolleranza verso il Cristianesimo, siano sempre più frequenti i collari per gli schiavi, con iscrizioni che indicano a quale indirizzo dovesse essere riportato lo schiavo fuggitivo. I liberti Nella società romana, oltre all aristocrazia e agli uomini liberi, c era una ulteriore categoria: quella dei liberti, gli schiavi liberati. Gli schiavi colti e di talento potevano divenire importanti per la gestione degli affari del loro proprietario. A volte potevano anche arricchirsi, mediante una percentuale sugli affari. Succedeva quindi che per Milano Pagina 10

11 gratitudine o per interesse (in corrispondenza di un riscatto) il padrone di uno schiavo lo liberasse. Il liberto restava comunque legato all ex-proprietario, acquisendone anche il nomen di famiglia. I liberti erano spesso attivi in varie attività economiche ed artigianali, diventando, a volte, molto ricchi. Potevano anche diventare importanti funzionari o sacerdoti o fare carriera nella Chiesa. Non potevano, tuttavia, accedere alle cariche politiche ordinarie. I seviri augustali La carica di Seviro Augustale era molto ambita dai liberti, gli schiavi liberati, che non potevano accedere alle cariche politiche ordinarie. Come dice il nome, i Seviri erano sei ( Sex Vires, cioè sei uomini). In origine era una magistratura locale, affidata a sei membri nati liberi. Augusto creò invece i Seviri Augustali, adibiti al culto imperiale, appunto per gratificare i ricchi liberti. Il titolo di Seviro, anche se privo di potere reale, soddisfaceva l ambizione di riconoscimento sociale, in quanto comportava un ruolo speciale in alcune cerimonie (concernenti il culto dell imperatore) ed anche alcuni segni di distinzione, tra cui dei posti speciali doppi a teatro: la tribuna VIP, diremmo oggi. I Seviri Augustali venivano scelti dal senato locale, ma dovevano anche versare un notevole contributo in denaro per essere effettivamente nominati. I Seviri erano spesso oggetto di satira, come il famoso Trimalcione, protagonista del Satyricon di Petronio, che fa rappresentare sul suo sepolcro le navi che gli avevano permesso di arricchirsi e di essere promosso alla carica di Seviro Augustale. Il governo delle città: i decurioni In tutte le città dell impero l organismo di massimo prestigio a livello locale era il senato municipale ( Curia ), accessibile a coloro che potevano disporre di un reddito di sesterzi. Era composto da un numero variabile di decurioni, da 30 a 100. Le competenze del collegio dei decurioni riguardavano onoranze funebri, conferimenti di onori municipali, nomine di sacerdoti pubblici, elevazioni di statue in luoghi pubblici, concessioni di diritti di superficie o di usufrutto di suoli pubblici, come attestato da alcune epigrafi milanesi. Dall ordine dei decurioni uscivano, per elezione da parte del popolo, i supremi magistrati della città, che al termine dell incarico rientravano nel senato. Magistrature locali erano i quattuorviri iure dicundo, incaricati di amministrare la giustizia, e i quattuorviri aedilìcia potestate, per la gestione amministrativa e il controllo dell edilizia, delle strade, dei mercati e degli archivi. I clientes Nell antica Roma anche gli uomini liberi avevano bisogno di protezione in senso lato: assistenza giudiziaria ed economica, aiuto negli affari, etc. Coloro che si trovavano in questa situazione diventavano clientes di un patronus, personaggio altolocato e con buona disponibilità economica. I clienti avevano degli obblighi di fedeltà verso i loro patroni, il che includeva anche procurare dei voti durante le elezioni o arruolarsi in caso di reclutamento di truppe. Il rapporto di clientela era di lunga durata e, spesso, anche ereditario. La condizione femminile Il mondo romano assegna alle donne un ruolo domestico e materno. Le bambine trascorrono la vita tra le pareti domestiche educate dalla madre al matrimonio, alla gestione della casa ( domum servare ), a filare la lana ( lanam facere ) e alla cura dei figli Milano Pagina 11

12 Il grado d istruzione delle donne dipende dal ceto sociale e sappiamo che, soprattutto nelle province orientali, l istruzione femminile poteva raggiungere buoni livelli. Il divorzio è comunque pratica corrente fra i ceti aristocratici che utilizzano il matrimonio come strumento per alleanze politiche. Nel tempo la situazione femminile in qualche modo si evolse, consentendo un certo livello di autonomia economica: sono noti casi di matrone, dotate di cospicui patrimoni, divenute imprenditrici o attive in opere di pubblica utilità. Questo, tuttavia, non implicava alcuna apertura verso diritti politici come il diritto di voto, riservato esclusivamente ai cittadini romani maschi. Il Cristianesimo influisce profondamente sulla condizione femminile, sottolineando valori di castità e purezza e riportando la donna al tradizionale ruolo di moglie e madre. Il riconoscimento dei figli Nel mondo Romano (come in altre società, ad esempio il mondo greco) un neonato rischia l esposizione, cioè di non essere riconosciuto dal padre e abbandonato all aperto, a morire. I motivi sono diversi: una malformazione, l essere frutto di una relazione illecita, la necessità - per i ricchi - di preservare il patrimonio a favore del primogenito, il bisogno per i poveri di liberarsi di una bocca in più da sfamare. Le femmine rischiano ancora più dei maschi, perché debbono essere fornite di dote per il matrimonio. La povertà spingeva anche a vendere i propri figli a trafficanti che li vendevano come schiavi, o li avviavano, se maschi, al mestiere di gladiatore, se femmine, alla prostituzione. Solo nel 374 d.c. una disposizione degli imperatori Valentiniano, Valente e Graziano, conservata nel Codice di Giustiniano, vietò l esposizione, senza peraltro riuscire ad eliminare quest uso. Tale fenomeno appare, infatti, diffuso nell Italia settentrionale, e anche nella diocesi milanese, durante il IV-V secolo, nonostante le aspre critiche di Ambrogio e di altri vescovi. Le tasse Il sistema di tassazione del mondo Romano è essenzialmente basato sul censo. Essendo la ricchezza basata sull economia agricola, la produzione agricola era particolarmente oggetto di tassazione. Quando era difficile individuare il censo dei singoli, si tassavano intere comunità (come piccole municipalità o comunità etnico-religiose), lasciando loro autonomia nella ripartizione al loro interno dei tributi richiesti. Nel tardo periodo imperiale ai tributi ordinari si aggiunsero due tributi speciali: l Annona Civile, raccolta nel centro-sud e che serviva a mantenere la plebe di Roma, e l Annona militare, raccolta nel nord, e che serviva a finanziare le spese militari. Evasione fiscale Il vescovo Ambrogio denuncia e condanna, nei suoi scritti, le speculazioni dei grandi possidenti terrieri della valle padana. Questi accumulavano grandissime scorte di frumento, sottraendolo al mercato corrente e provocando artificialmente, con l arrivo dell inverno, carestie e aumento dei prezzi. I proprietari di terreni approfittavano della fame pubblica per realizzare enormi guadagni sfruttando il basso costo di produzione e l alto costo di vendita dei prodotti agricoli. I proprietari terrieri della valle padana appaiono infatti preoccupati non da una possibile insufficienza dei raccolti ma, al contrario, dal rischio di una sovrapproduzione e dal conseguente ribasso dei prezzi sul mercato. La speculazione sul rialzo dei prezzi del Milano Pagina 12

13 grano è attestata anche da altri vescovi come Zeno di Verona e Massimo di Torino per l Italia settentrionale, Agostino in Africa e Basilio in Asia Milano Pagina 13

14 I funzionari dell Imperatore Durante l impero molte delle funzioni affidate alle magistrature elettive furono mano a mano trasferite a funzionari imperiali. Questi funzionari si occupavano della gestione dei territori delle province, della gestione militare, della raccolta dei tributi e dell approvvigionamento, civile e soprattutto militare. I funzionari imperiali erano delegati dell imperatore che agivano da collegamento con le amministrazioni e le élites locali (rappresentate dai possidenti e dalla aristocrazia locale) Milano Pagina 14

L impero cristiano del IV d.c. COSTANTINO

L impero cristiano del IV d.c. COSTANTINO L impero cristiano del IV d.c. COSTANTINO Flavius Valerius Costantinus Nasce a Naissus (nell attuale Serbia) nel 274 d.c. Muore a Nicomedia nel 337 d.c. Predecessore: Costanzo Cloro Successore: Costantino

Dettagli

www.fantavolando.it AGRICOLTURA ETRUSCA

www.fantavolando.it AGRICOLTURA ETRUSCA AGRICOLTURA ETRUSCA Gli Etruschi svilupparono techiche agricole che permisero di ottenere prodotti di qualità come il vino e l olio oltre che il grano. La grande produzione di grano venne spesso esportata

Dettagli

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA Vol I, pp. 176-217 ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA II sec. 476 d.c. Decadenza dell impero romano Dal II sec. al 476 è il periodo della decadenza dell impero romano L esercito era incapace di

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO IL MEDIOEVO IL MEDIOEVO MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna (mezzo) (età) MEDIO + EVO I FATTI PIÙ IMPORTANTI ALL INIZIO DEL MEDIOEVO i barbari e i

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA. La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole.

G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA. La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole. I G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole. PENISOLA: territorio bagnato tre parti dal mare ed

Dettagli

Preghiera, Liturgia, Ministeri

Preghiera, Liturgia, Ministeri Preghiera, Liturgia, Ministeri Primi passi della nuova comunità nel mondo Riunione di preghiera in casa Passaggio dalla casa privata alla casa dedicata al culto Passaggio dalla DOMUS ECCLESIA ai TITOLI

Dettagli

I. Celebrazione del battesimo

I. Celebrazione del battesimo I. Celebrazione del battesimo Obiettivi Siamo al momento culminante della prima fase della pastorale pre e post battesimale. Dopo il cammino che ha coinvolto i genitori e ha interessato la comunità cristiana,

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

L arte paleocristiana

L arte paleocristiana Storia dell Arte docente : Prof.ssa Addolorata RICCO L arte paleocristiana Il nuovo nella continuità della civiltà romana Panorama cronologico dei primi 6 secoli di cristianesimo Date importanti per il

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le..

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le.. ROMA REPUBBLICANA: LE CASE DEI PLEBEI Mentre la popolazione di Roma cresceva, si costruivano case sempre più alte: le INSULAE. Erano grandi case, di diversi piani e ci abitavano quelli che potevano pagare

Dettagli

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO 1 1. I tre mondi dell alto medioevo I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO INTRODUZIONE. MEDIOEVO SIGNIFICA ETÀ DI MEZZO, CIOÈ IN MEZZO TRA L ETÀ ANTICA E L ETÀ MODERNA ( MEDIO = MEZZO; EVO = ETÀ). IL MEDIOEVO

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO. Comprensione della lettura. Scuola... Classe... Alunno...

VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO. Comprensione della lettura. Scuola... Classe... Alunno... VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO Comprensione della lettura Scuola..........................................................................................................................................

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO A partire dall XI secolo si introducono rilevanti novità nella SOCIETA MEDIEVALE Tali trasformazionie novità provocheranno, in un lungo periodo

Dettagli

la chiesa come edificio: ieri e oggi

la chiesa come edificio: ieri e oggi m o d u lo 3 la chiesa come edificio: ieri e oggi twitter È necessario costruire nuove chiese quando c'è chi muore di fame? I preti dovrebbero mettersi per strada invece che stare tra quattro mura. Non

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

I ROMANI Testo semplificato per studenti della classe 5 - scuola primaria, livello linguistico A2/B1

I ROMANI Testo semplificato per studenti della classe 5 - scuola primaria, livello linguistico A2/B1 Fondo europeo per l'integrazione di cittadini di paesi terzi 2007-2013 Annualità 2011 Azione 3 Convenzione di Sovvenzione N. 2011/FEI/PROG-100430 CUP: F33D12000380008 I ROMANI Testo semplificato per studenti

Dettagli

Voci d infanzia. I bambini abbandonati nell Italia moderna

Voci d infanzia. I bambini abbandonati nell Italia moderna Voci d infanzia I bambini abbandonati nell Italia moderna Philippe Ariès L autore da cui ha inizio una storiografia della prima età è Philippe Ariès (Padri( e figli nell Europa medievale e moderna, 1960).

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Oggi... tutta la Chiesa fa festa perché l nostr dolcissim

Oggi... tutta la Chiesa fa festa perché l nostr dolcissim Oggi...... tutta la Chiesa fa festa perché l nostr dolcissim entra a far parte della famiglia di Dio Mamma.. Papà.. La Madrina... Il Padrino... Insieme al parroco l... accompagnano verso la conoscenza

Dettagli

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro 1 La domus ecclesiae Struttura o caratteristiche Lessico Origini Impiego L arte Il termine catacomba, esteso a tutti i cimiteri cristiani,

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità.

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. Prof.sse Cinque Caterina, Martani Rita, Rossi Francesca V., Sabatini Francesca, Tarsi Stefania Ficana e il re

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO MAFFI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Ins. Marina Striolo Marianna Chieppa Cinzia Di Folco ANNO SCOLASTICO 2015/2016 L IRC, come le altre discipline scolastiche della

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

UNITA FORMATIVA: IL CRISTIANESIMO LE CONFESSIONI CRISTIANE: ORTODOSSI E RIFORMATI

UNITA FORMATIVA: IL CRISTIANESIMO LE CONFESSIONI CRISTIANE: ORTODOSSI E RIFORMATI UNITA FORMATIVA: IL CRISTIANESIMO LE CONFESSIONI CRISTIANE: ORTODOSSI E RIFORMATI TSC: L alunno si confronta con l esperienza religiosa e distinge la specificità di salvezza del Cristianesimo; identifica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

LA RIFORMA PROTESTANTE

LA RIFORMA PROTESTANTE LA RIFORMA PROTESTANTE LE CAUSE DELLA RIFORMA interessi temporali dei papi corruzione diffusa crisi della chiesa grande indulgenza 1517 pubblicazione tesi di Lutero 1. scontro tra principi e imperatore

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

La Riforma protestante

La Riforma protestante La Riforma protestante Alla fine del XV secolo la Chiesa attraversava una nuova crisi a causa delle corruzione e della decadenza dei costumi ecclesiastici. Gli studiosi umanisti avviarono uno studio critico

Dettagli

01 Statua Barberini I sec ac Marmo 165 cm Roma Musei Capitolini

01 Statua Barberini I sec ac Marmo 165 cm Roma Musei Capitolini Ritrattistica Repubblicana per il culto antenati Realistica Ritrattistica Augustea Patrizia e Aulica tra realismo e simbolismo Arte Plebea e Storico Celebrativa Simbolica 01 Statua Barberini I sec ac Marmo

Dettagli

Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il --

Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il -- IT Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il -- Realizzato da Catacombe di San Sebastiano tutti i diritti riservati www.catacombe.org - twitter @catacombsrome Seguimi alla

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE Parrocchia S. Biagio in Ravenna Anni: 2014-2015 e 2015-2016 PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione

Dettagli

Museo della pergamena, del libro e del documento d archivio. 6 - La storia della conoscenza

Museo della pergamena, del libro e del documento d archivio. 6 - La storia della conoscenza Museo della pergamena, del libro e del documento d archivio 6 - La storia della conoscenza La misura del tempo Quando gli uomini hanno voluto misurare il tempo, in tutte le epoche e in tutte le parti del

Dettagli

Indice del volume. L impero greco-romano PARTE V III. Cesare e Augusto: la nascita del principato. Il consolidamento e l apogeo dell impero

Indice del volume. L impero greco-romano PARTE V III. Cesare e Augusto: la nascita del principato. Il consolidamento e l apogeo dell impero PARTE V L impero greco-romano Cap. 12 Cesare e Augusto: la nascita del principato 1. Il primo triumvirato 4 La disfatta dimenticata: Carre 6 2. La seconda guerra civile e la dittatura di Cesare 7 3. La

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi battaglia di Azio 31 a.c. Ottaviano padrone di Roma Con la sconfitta di Marco Antonio ad Azio nel 31 a.c., Ottaviano rimane il solo padrone di Roma. OTTAVIANO

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

Il servizio fotografico e le videoriprese nella celebrazione dei Sacramenti

Il servizio fotografico e le videoriprese nella celebrazione dei Sacramenti ARCIDIOCESI di TRENTO Ufficio per le Comunicazioni Sociali ASSOCIAZIONE ARTIGIANI E PICCOLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI TRENTO Categoria Fotografi e Cineoperatori Il servizio fotografico e le videoriprese

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO I C1 INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO Per il celebrante e l'équipe battesimale Monizioni Accoglienza Siamo radunati sulla soglia della chiesa è un luogo altamente simbolico, poiché evoca l

Dettagli

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA Dalla tarda età repubblicana le ampie aree verdi che si affacciavano lungo le vie consolari, al di fuori dell antica

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

L ACQUASANTIERA LA PIANETA

L ACQUASANTIERA LA PIANETA L ACQUASANTIERA È un recipiente, di pietra o di marmo, posto all entrata della Chiesa, che contiene acqua benedetta. In esso intingi la mano destra, prima di farti il segno della croce. Segnarsi con l

Dettagli

Sacramento del. I segni importanti del Battesimo sono:

Sacramento del. I segni importanti del Battesimo sono: Sacramento del Il Battesimo è la purificazione dal peccato originale e il dono della Nuova Vita, come amati e prediletti Figli di Dio, appartenenti alla famiglia della Chiesa per mezzo dello Spirito Santo.

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino

PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino Docenti : STRANIERI Adriana... OCCHIUTO Letizia... CONSOLI Francesca... ASSANTE Rosy... MENGONI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

UNA TOMBA PER VIVERE (il Dio della rinascita)

UNA TOMBA PER VIVERE (il Dio della rinascita) CERCHIAMO DIO 141 UNA TOMBA PER VIVERE (il Dio della rinascita) INTRODUZIONE - Illustrazione Come quella di ogni uomo, anche la storia di ciascuno dei più celebri personaggi del passato, alla fine ha avuto

Dettagli

Palazzo Stanga Trecco

Palazzo Stanga Trecco Palazzo Stanga Trecco Venerdì 21 novembre 2014, in occasione della Festa del Torrone, il piano nobile di palazzo Stanga, in via Palestro, è stato eccezionalmente aperto al pubblico. Le nostre classi, la

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

La civiltà greca. Mondadori Education

La civiltà greca. Mondadori Education La civiltà greca I Greci, discendenti dei Micenei e dei Dori, vivevano in un territorio montuoso con pochi spazi coltivabili; fondarono città-stato indipendenti, le poleis, spesso in lotta tra loro. Le

Dettagli

Quarto incontro: Gli oggetti e gli abiti liturgici

Quarto incontro: Gli oggetti e gli abiti liturgici Corso Chierichetti Quarto incontro: Gli oggetti e gli abiti liturgici Abiti liturgici Per le liturgie, i sacerdoti e coloro che prestano servizio all altare indossano abiti speciali perché si sta svolgendo

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME

PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME OBIETTIVI: Scoprire che per la religione cristiana

Dettagli

Successori (14 68 d.c): Tiberio Caligola Claudio Nerone Flavio Tito - Domiziano

Successori (14 68 d.c): Tiberio Caligola Claudio Nerone Flavio Tito - Domiziano PREMESSA: durante governo augusteo si manifestò a) un problema legato ad un fattore di instabilità permanente per lo stato: forte ambiguità riforme istituzionali 1, lo stato nei fatti era una monarchia;

Dettagli

LA CHIESA NEL RINASCIMENTO

LA CHIESA NEL RINASCIMENTO LA CHIESA NEL RINASCIMENTO SI PERCEPISCE L URGENTE NECESSITA DI UN RINNOVAMENTO DI TUTTA LA CHIESA IL LIVELLO DI DECADENZA AVEVA RAGGIUNTIO IL CAMPO RELIGIOSO, MORALE E CIVILE LA VITA MORALE DI ALCUNI

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca

greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca 1 Le origini Mentre nel Mar Mediterraneo si sviluppava la civiltà cretese in Grecia vi erano molti villaggi e alcune città più importanti. Una di queste

Dettagli

www.ipassatelli.it T 4o RNEO D ESTATE 04 giugno OLD RUGBY

www.ipassatelli.it T 4o RNEO D ESTATE 04 giugno OLD RUGBY www.ipassatelli.it T 4o RNEO D ESTATE OLD RUGBY 2 European Veteran Rugby Series 2016 04 giugno 2016 ipassatelli... PRIGIONIERI E IBERNATI PER TRENT ANNI ABBIAMO FATTO UN VIAGGIO NEL TEMPO E DI COLPO I

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA Creta è l isola più grande dell arcipelago greco. Si trova al centro del Mar Mediterraneo. L isola aveva un territorio fertile. Queste caratteristiche dell isola hanno permesso

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Il Basso Medioevo. A cura del prof. Marco Migliardi

Il Basso Medioevo. A cura del prof. Marco Migliardi Il Basso Medioevo A cura del prof. Marco Migliardi Introduzione Il drammatico scontro per il diritto di nomina dei vescovi (le investiture) che oppone Papato e Impero è in realtà solo un aspetto del più

Dettagli

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27)

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Un messaggio sul sacramento del matrimonio Lettera pastorale per la Quaresima 2011 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Cari fratelli e sorelle nel Signore La

Dettagli

IL SERVIZIO DEI FOTOGRAFI E VIDEO-OPERATORI NELLE CELEBRAZIONI DEI SACRAMENTI

IL SERVIZIO DEI FOTOGRAFI E VIDEO-OPERATORI NELLE CELEBRAZIONI DEI SACRAMENTI DIOCESI DI CONCORDIA-PORDENONE UFFICIO LITURGICO ASCOFOTO CONFCOMMERCIO PORDENONE GRUPPO PROVINCIALE FOTOGRAFI IL SERVIZIO DEI FOTOGRAFI E VIDEO-OPERATORI NELLE CELEBRAZIONI DEI SACRAMENTI Regolamento

Dettagli

Storia di Alessandria

Storia di Alessandria Storia di Alessandria Alessandria è nata con la lega lombarda nel 1168, nel periodo storico che va sotto il nome di Medioevo. Da tanto tempo, attorno al borgo di Rovereto, ed alla sua chiesa di Santa Maria

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 11 agosto 2002 La domenica con Gesù Tempo ordinario Domenica 11 agosto 2002 Gesù si ritira a pregare L'artista della settimana Carmela Parente La scuola della

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli