COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, ZOCCA (MO) Tel. 059/ Fax 059/986432

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432"

Transcript

1 COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, ZOCCA (MO) Tel. 059/ Fax 059/ SCHEDA RILEVAMENTO PROGETTO (in attuazione della Legge regionale del 20 gennaio 2004 n. 2 Legge sulla Montagna ) ACCORDO-QUADRO: SVILUPPO SOSTENIBILE DELLE AREE COLLINARI E MONTANE IN PROVINCIA DI MODENA 1. Titolo del progetto Interventi di difesa del suolo e di valorizzazione ambientale a sostegno dello sviluppo turistico del territorio. 2. Descrizione del progetto: Asse/Misura dell Intesa nella quale il progetto si inserisce: Asse 3, valorizzazione del patrimonio naturale e difesa del suolo. obiettivi specifici Da oltre un decennio la Comunità Montana dell Appennino Modena est si caratterizza per una offerta turistica rivolta prevalentemente alle famiglie e basata sulla fruizione naturalistica e culturale del territorio, sulla gastronomia e sulle attività sportive ambientalmente compatibili. A tal fine la Comunità Montana e i Comuni in questi anni hanno operato congiuntamente, facendo anche da stimolo all iniziativa privata, per migliorare gli aspetti naturalistici del territorio, per migliorare le infrastrutture, per dotare il territorio di strutture adeguate all accoglienza turistica ed alle attività preposte. Il programma degli interventi non è stato ancora completato e richiede continui adeguamenti per poter rispondere efficacemente alle esigenze di un turismo che si evolve in fretta. Considerando anche i limiti imposti dal territorio collinare e montano, i progetti più strettamente turistici richiedono di essere accompagnati anche da interventi specifici del settore ambientale, come il consolidamento dei versanti e delle scarpate stradali, a fini paesaggistici e per la sicurezza della viabilità, il miglioramento della rete escursionistica, la riqualificazione dell arredo urbano e del verde pubblico comunale. In sintesi l obiettivo del 1

2 progetto è migliorare la qualità ambientale e la fruibilità del territorio per potenziare l offerta turistica, in sinergia con l iniziativa privata. contenuto tecnico Tecnicamente il progetto complessivo può essere suddiviso in tre sottoprogetti, ciascuno dei quali potrà essere realizzato autonomamente: 1. Interventi di consolidamento scarpate e recupero di movimenti franosi riguardanti le infrastrutture locali. 2. Interventi di miglioramento e parziale ampliamento della rete escursionistica della Comunità Montana. 3. Valorizzazione di spazi verdi ed aree pubbliche comunali mediante opere di arredo urbano, da realizzarsi prevalentemente nelle frazioni e nelle borgate. Ogni intervento è descritto in apposita scheda progettuale che ne definisce anche i costi presunti. (allegato 1) 3. Localizzazione Nei Comuni di Guiglia, Marano sul Panaro, Montese e Zocca. Le schede (allegato 1) individuano anche le località. 4. Soggetti coinvolti Soggetto/i proponente/i Comunità Montana e Amministrazioni comunali. Altri soggetti partecipanti/coinvolti - Soggetto attuatore Comunità Montana e Amministrazioni comunali. - Altri soggetti partecipanti Parco regionale dei Sassi di Roccamalatina, operatori privati, associazioni di promozione del territorio ( Promappennino,Pro_Loco, Strada dei Vini e dei Sapori). 5. Settore di riferimento X X Filiera Agricoltura e Agroalimentare Attività Industriali, artigianali e commerciali Settore Turismo Qualità urbana Ambiente ed energia Servizi finanza e innovazione della P.A. Trasporti e reti Istruzione, formazione e cultura 6. Tipologia di progetto X Infrastrutture/Opere pubbliche 2

3 Servizi/Progetti immateriali Aiuti alle imprese 7. Stato di avanzamento della progettazione X X Idea progetto Progetto Preliminare Progetto Definitivo Progetto Esecutivo Servizi/Progetti immateriali Idea progetto Progetto definitivo 8. Complementarietà/integrazione con altri progetti in corso Il progetto si inserisce pienamente nella programmazione pluriennale della Comunità montana e dei Comuni e riguarda interventi funzionali all attività turistica locale. Le opere da realizzare diventeranno il supporto (unitamente alle strutture già esistenti) per l organizzazione di iniziative escursionistiche, di animazione e di tipo commerciale da parte dei soggetti (Associazioni, Operatori privati) che promuovono e gestiscono le attività turistiche locali. Per quanto riguarda gli interventi di tipo escursionistico, la compartecipazione del Parco è motivata dall opportunità di ampliare le attività didattiche e la fruizione turistica, mentre la partecipazione dei privati riguarda gli interventi relativi al dissesto idrogeologico attraverso i quali si produrranno effetti positivi anche alle proprietà private coinvolte per l esecuzione degli interventi di recupero. Il progetto si integra con gli interventi programmati dalle Amministrazioni locali per il settore Turismo, finanziati con leggi regionali, Leader+, Patto territoriale dell Appennino Modenese. 9. Modalità di attuazione del progetto previste da parte del soggetto attuatore Suddivisione del progetto in 3 sottoprogetti da realizzare con le modalità previste per le pubbliche amministrazioni. 10. Costo totale (indicare l importo complessivo del progetto) ,00 (di cui ,00 per dissesto idrogeologico, ,00 per rete escursionistica, ,00 per arredo urbano) (allegato 2). 11. Cofinanziamenti previsti a carico dei soggetti coinvolti (allegati 2, 3 ). 3

4 Allegato 1 SCHEDA 1 INTERVENTI DI DIFESA DEL SUOLO IN PROSSIMITÀ DI FRAZIONI E BORGATE DI INTERESSE TURISTICO. 1) OBIETTIVO DELL INTERVENTO Molte località del territorio della C. M. interessate da progetti di valorizzazione turistica, con particolare attenzione al turismo escursionistico, sono interessate da fenomeni di dissesto che incidono negativamente sullo sviluppo della località stessa e sulla percorribilità delle strade locali. Essendo numerosi gli interventi possibili si è ritenuto opportuno dare priorità, tra quelli segnalati dai Comuni, che riguardano punti interessati anche da altri progetti. Con gli interventi previsti l obiettivo è quindi il miglioramento dell accessibilità e della sicurezza dei luoghi. Le opere da realizzare saranno a difesa di strutture di uso pubblico, ma interesseranno anche proprietà private, per cui verrà chiesta una compartecipazione delle stesse. I proprietari interpellati hanno dato la propria disponibilità. 2) INTERVENTI PREVISTI E LOCALITÀ 1 GUIGLIA: Recupero frana sulla via Selve di Monteorsello in località Cà del Fuso Una frana di vaste proporzioni, suddivisa in più rami, danneggia tutto il versante che da Monteorsello scende al Rio Ghiaia. Con l intervento previsto si consoliderà la porzione della frana che interessa la strada della Selva, con possibilità di ricaptare acque sorgive disperse che alimentano il dissesto. La via Selve rappresenta un collegamento importante con Ciano e Montombraro (Zocca) e da questa si snodano alcuni itinerari escursionistici importanti in direzione Rocca Malatina (Agriturismo Cà Marchino, Acqua Solforosa) e in direzione Guiglia - Castello di Serravalle. Lavori previsti: drenaggi, ricaptazione acque sorgive, livellamenti, inerbimenti, rifacimento tratto stradale (breve). Tempi: anno 2006 Progettazione e direzione lavori: Ufficio Tecnico della C. M. Costo preventivato: ,00 2 MARANO S. P.: Recupero frana Rivara sulla strada Ospitaletto-Castelvetro La frana interessa un tratto della strada comunale Ospitaletto-Castelvetro poche centinaia di metri a valle della zona naturalistica Salsa di Ospitaletto. Con l intervento si prevede di migliorare la percorribilità e di valorizzare ulteriormente l area naturalistica. Lavori previsti: drenaggi, livellamenti, rifacimento breve tratto del manto stradale. 4

5 Tempi: anno 2006 Costo preventivato: ,00 3 MONTESE: Sistemazione scarpate in dissesto nelle frazioni Salto e Maserno Nei pressi dei due centri abitati la scarpate stradali sono interessate da alcuni smottamenti che rendono potenzialmente pericolosa la percorribilità e creano disagio ai residenti e turisti che frequentano le aree verdi attrezzate in prossimità delle zone in dissesto. L intervento prevede un consolidamento delle scarpate sia con tecniche di ingegneria naturalistica che mediante il rifacimento di muri a secco. Tempi: anno 2006 Progettazione e dir. lavori: Ufficio Tecnico della C. M. Costo preventivato: ,00 4 ZOCCA: Recupero frana su via G. Medici di Montombraro-Casa Nadino La frana, a valle della zona artigianale di Montombraro Casa Nadino, oltre a rendere difficoltoso l accesso ad alcune abitazioni agricole ed attività artigianali, se non sistemata, potrebbe creare problemi coinvolgendo il sentiero Montombraro - Montecorone (422/1), da cui si diparte il nuovo tratto di sentiero previsto in questa scheda, che raggiunge il Sasso di Sant Andrea (futuro ampliamento del Parco Regionale dei Sassi di Roccamalatina). Lavori previsti: drenaggi, livellamenti, inerbimenti, rifacimento breve tratto di manto stradale. Tempi: anno 2006 Progettazione e direzione lavori: Ufficio Tecnico della C. M. Costo preventivato: ,00 3) STATO DELLA PROGETTAZIONE: in parte preliminare e in parte idee-progetto. COSTO TOTALE DEGLI INTERVENTI: ,00 5

6 Allegato 1 SCHEDA 2 POTENZIAMENTO DELLA RETE ESCURSIONISTICA DELLA COMUNITA MONTANA APPENNINO MODENA EST. La Comunità Montana dell Appennino Modena Est riconosce nel proprio patrimonio ambientale un potenziale turistico di pregio già utilizzato e che si può maggiormente utilizzare secondo le più recenti tendenze del turismo ambientale ed ecocompatibile. Esiste già una rete escursionistica consolidata, il cui utilizzo è attestato dalle iniziative locali alle quali partecipano numerosi escursionisti ( Itinerando: oltre mille partecipanti in media negli ultimi anni). La realizzazione dei nuovi sentieri consentirà una migliore fruizione del territorio e del patrimonio ambientale della Comunità e permetterà in termini complessivi lo sviluppo di nuove attività didattiche. Il progetto prevede: 1) La realizzazione di nuovi tratti di sentiero nella località Sasso di S.Andrea Montecorone (futuro ampliamento del Parco). 2) Il ripristino di due tratti di sentiero attualmente inagibili per smottamento scarpata e frana nelle località Serra di Montalbano (Zocca) e Cà Gregorio Montalto (Montese). 3) Il miglioramento degli accessi e la realizzazione di segnaletica illustrativa nelle località di Ospitaletto e Parco Fluviale di Marano s/p. Ad Ospitaletto, inoltre, è previsto un tratto di percorso pedonale di attraversamento del paese da parte della Via Romea Nonantolana. LAVORI PREVISTI Lavori di ingegneria naturalistica, ripristino muri a secco, apertura con mezzi manuali di nuovi sentieri, posa in opera di segnaletica. TEMPI Anno PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI Ufficio Tecnico Comunità Montana ( già predisposta progettazione preliminare). COSTO TOTALE DEGLI INTERVENTI: ,00 6

7 Allegato 1 SCHEDA 3 INTERVENTI PER IL MIGLIORAMENTO DELL ACCOGLIENZA TURISTICA NEI BORGHI E NELLE AREE VERDI ATTREZZATE DELLA COMUNITA MONTANA A) OBIETTIVO DELL INTERVENTO Le piccole borgate e le aree verdi attrezzate nei pressi dei centri urbani rappresentano punti importanti di richiamo turistico per il territorio. Per valorizzare ulteriormente questa funzione e creare un sistema di punti sosta attrezzati anche a servizio della rete escursionistica, la Comunità Montana, i Comuni ed il Consorzio del Parco Regionale dei Sassi di Roccamalatina stanno realizzando numerosi interventi che interessano principalmente le frazioni e le aree verdi limitrofe ai capoluoghi. Con queste finalità sono stati individuati anche gli interventi previsti con il presente progetto. B) INTERVENTI PREVISTI E LOCALITA 1. GUIGLIA: Pavimentazione ed arredo di P.zza Caduti a Rocca Malatina. La Piazza dei Caduti è un punto importante, di primo contatto con il territorio del Parco, quindi è necessario renderla più attraente, comoda ed adeguatamente dotata di arredo urbano per brevi soste e di carattere informativo sul Parco. COSTO INTERVENTO: , MARANO S/P: Interventi di sistemazione, illuminazione ed arredo urbano nelle piazzette delle frazioni di Ospitaletto, Festà, Marano (Piazza Matteotti) e Parco Fluviale. Sia le frazioni che il Parco Fluviale di Marano s/p sono punti importanti per il turismo escursionistico e domenicale con un prevalente interesse naturalistico. Conseguentemente si ritiene importante valorizzare anche il Museo di Storia Naturale e dell Energia che si affaccia sulla piazza principale a poche decine di metri dal Parco Fluviale. Gli interventi puntuali nelle diverse località puntano a dotare questi luoghi delle necessarie attrezzature ( arredi) per favorire la sosta, ma anche a rendere più accoglienti e funzionali i luoghi mediante la realizzazione di piccole pavimentazioni, di illuminazione pubblica, dissuasori per auto e miglioramento del verde. COSTO PREVISTO: ,00 3. MONTESE: Realizzazione piccola area di sosta a Salto ed ampliamento Parco di Via Panoramica Bassa. Con questi due interventi il Comune intende completare una rete di comodi percorsi pedonali che partono dal capoluogo e raggiungono le frazioni e le borgate più vicine. Con la realizzazione dell area di sosta a Salto si intende attrezzare con arredo urbano uno spazio che si trova al termine del pedonale che fiancheggia la Strada Provinciale per Pavullo, mentre con la sistemazione dell area verde a valle della Panoramica Bassa viene ampliato il parco che circonda il centro storico. A tale fine si prevedono diradamenti di alberi, creazione di sentieri e posa in opera di arredi (panchine, tavoli). COSTO PREVISTO: , ZOCCA: Interventi di sistemazione del percorso Belvedere e delle aree limitrofe all interno del Borgo Serra di Montalbano. Il Percorso Belvedere (principale asse escursionistico della Comunità Montana) attraversa il piccolo Borgo della Serra di Montalbano con un percorso 7

8 caratteristico tra le case. Con gli interventi previsti sulla rete escursionistica verrà ripristinato il tracciato ora interrotto da uno smottamento, mentre con il presente intervento verrà dotato di piccoli arredi, muretti e risistemazione pavimentazione per creare un gradevole effetto estetico e rendere possibile una breve sosta nel borgo. COSTO PREVISTO: ,00 COSTO TOTALE DEGLI INTERVENTI: ,00 8

9 Allegato 2 1) Dissesto idrogeologico Interventi Comune Tipo intervento Spesa GUIGLIA Frana via Selva Monteorsello ,00 MARANO SUL PANARO Frana Rivara (Ospitaletto) ,00 MONTESE Frane Salto e Maserno ,00 ZOCCA Frana Casa Nadino (Montombraro) ,00 Totale ,00 Finanziamento Ente Percentuale Somma Comunità Montana 37,69 % ,00 Regione 10,42 % ,00 Provincia 10,38 % ,00 Comuni % ,00 Privati 0,00 % - Totale % ,00 9

10 2) Progetto escursionismo Interventi Comune Tipo intervento Spesa MARANO SUL PANARO Cartellonistica informativa e ,00 manutenzione (straordinaria) alcuni brevi tratti di sentiero in prossimità di Ospitaletto e Parco Fluviale MONTESE Manutenzione straordinaria sentiero ,00 cà Gregorio ZOCCA Nuovo tratto di sentiero tra ,00 Montecorone e Sasso di Sant Andrea ZOCCA Montalbano Serra ,00 Totale ,00 Finanziamento Ente Percentuale Somma Comunità Montana 54,76 % ,00 Regione 8,24 % 7.000,00 Comuni 31,41 % ,00 Privati 5,59 % 4.750,00 Totale % ,00 10

11 3) Progetto arredo urbano Interventi Comune Tipo intervento Spesa GUIGLIA Piazza Caduti Roccamalatina ,00 MARANO SUL PANARO Ospitaletto, Parco fluviale ,00 MONTESE Salto e Via Panoramica ,00 ZOCCA Via Serra Montalbano ,00 Totale ,00 Finanziamento Ente Percentuale Somma Comunità Montana % ,00 Regione % ,00 Comuni % ,00 Totale % ,00 11

Allegato alla deliberazione di Giunta n. 43 del 26/10/2006. Provincia di Modena

Allegato alla deliberazione di Giunta n. 43 del 26/10/2006. Provincia di Modena Allegato alla deliberazione di Giunta n. 43 del 26/10/2006 Provincia di Modena Comunità Montana dell Appennino Modena Est Via M. Tesi, 1209-41059 Zocca (Mo) IMPLEMENTAZIONE ACCORDO-QUADRO 2005 (in attuazione

Dettagli

Cosa faremo. Programma legislatura 2010-2015 TURISMO

Cosa faremo. Programma legislatura 2010-2015 TURISMO Cosa faremo Programma legislatura 2010-2015 TURISMO INFRASTRUTTURE Utilizzo e valorizzazione delle infrastrutture già in opera, studio di fattibilità per adeguamento e abbattimento delle barriere architettoniche

Dettagli

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C MISURA 312 I BANDI Sostegno allo sviluppo di attività economiche Le opportunità disponibili da Lunedì 11 Ottobre 1 Beneficiari: : Microimprese (Partita iva e Registro Imprese Camera Commercio) Obiettivi:

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE Agenzia Regionale Parchi Fabio Brini PIT aree protette Condizioni e opportunità per la

Dettagli

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015 Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico Sala della Giostra 19/09/2015 Presentazione Risultati - Il programma Accoglienza partecipanti e caffè di benvenuto Presentazione

Dettagli

C O M U N E D I A I E L L I (PROVINCIA DI L AQUILA) UFFICIO TECNICO 67041 P.zza F. Angelitti P.iva 00098910664 TEL. 0863/78119 FAX 0863/789140

C O M U N E D I A I E L L I (PROVINCIA DI L AQUILA) UFFICIO TECNICO 67041 P.zza F. Angelitti P.iva 00098910664 TEL. 0863/78119 FAX 0863/789140 www.comunediaielli.it C O M U N E D I A I E L L I (PROVINCIA DI L AQUILA) UFFICIO TECNICO 67041 P.zza F. Angelitti P.iva 00098910664 TEL. 0863/78119 FAX 0863/789140 utc@comunediaielli.it PROGRAMMA DEI

Dettagli

A) RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

A) RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA A) RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSE Nell ambito della programmazione all art. 31 della L.183/89 e dell art. 9 della L. 253/90 il Ministero delle LL.PP. assegnava alla Regione dell Umbria la somma

Dettagli

https://sviluppo.toscana.it/pasl/print.php?quadro=1&id_pasl=5&id... PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO

https://sviluppo.toscana.it/pasl/print.php?quadro=1&id_pasl=5&id... PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO Modulo per la presentazione di progetti (Infrastrutture) inseriti nei Patti per lo Sviluppo Locale (PASL) PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO SCHEDA PROGETTUALE n. 2009AR0313 Oggetto: RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI COMACCHIO. Provincia di Ferrara. Settore Territorio e Sviluppo Economico

COMUNE DI COMACCHIO. Provincia di Ferrara. Settore Territorio e Sviluppo Economico COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Settore Territorio e Sviluppo Economico Allegato A STUDI DI FATTIBILITA - PROGRAMMA MANUTENZIONI INTERVENTI PIANO OPERE PUBBLICHE ANNO 2014 0. PREMESSE Il programma

Dettagli

Tipo EA1a Strada rurale di pianura

Tipo EA1a Strada rurale di pianura Schede dei tipi di percorso Percorso EA1a Foglio 1 di 10 DEFINIZIONE DEL TIPO DESCRIZIONE SINTETICA Ambito: Sistema funzionale: Extraurbano Sistema insediativo diffuso Percorso su Strada rurale di pianura

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 80 Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo 81 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione

Dettagli

https://sviluppo.toscana.it/pasl/print.php?quadro=2&id_pasl=5&id... PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO

https://sviluppo.toscana.it/pasl/print.php?quadro=2&id_pasl=5&id... PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO Modulo per la presentazione di progetti (Servizi) inseriti nei Patti per lo Sviluppo Locale (PASL) PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO Oggetto: Casentino valle Dantesca SOGGETTO PROPONENTE SCHEDA PROGETTUALE

Dettagli

GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013 PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER

GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013 PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER Programma di Sviluppo Locale BASSO TIRRENO COSENTINO SCHEDA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA PRESENTAZIONE DI PROGETTI

Dettagli

Comune di Tortona Settore Territorio e Ambiente

Comune di Tortona Settore Territorio e Ambiente Sistema Ambiente - Indagine conoscitiva Il questionario inerente al quarto forum sul sistema infrastrutturale produttivo è organizzato in dodici domande, di cui n. 7 a risposta singola e n. 5 a risposta

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 100 DEL 19.12.2007

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 100 DEL 19.12.2007 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 100 DEL 19.12.2007 OGGETTO: CONVENZIONE TRA LA COMUNITÀ MONTANA ED I COMUNI ADERENTI ED ALTRI ENTI PER LA GESTIONE UNIFICATA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E SICUREZZA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE. La presente relazione è descrittiva delle opere necessarie per la sistemazione di un area a verde

RELAZIONE TECNICA GENERALE. La presente relazione è descrittiva delle opere necessarie per la sistemazione di un area a verde RELAZIONE TECNICA GENERALE Premessa e finalità dell intervento La presente relazione è descrittiva delle opere necessarie per la sistemazione di un area a verde sita in Via Corelli Fraz. Valcanneto nel

Dettagli

ALLEGATO I DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA IN MATERIA DI PUBBLICITÀ DEGLI INTERVENTI

ALLEGATO I DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA IN MATERIA DI PUBBLICITÀ DEGLI INTERVENTI DOCUMENTAZONE FOTOGRAFCA N MATERA D PUBBLCTÀ DEGL NTERVENT PREMESSA Per quanto riguarda gli obblighi derivanti dal Regolamento (CE) n. 1159/2000 in materia di pubblicizzazione degli interventi cofinanziati

Dettagli

Presentazione Programma Amministrativo. Valle Talloria 23 marzo 2010 Ricca 25 marzo 2010 Diano Capoluogo 26 marzo 2010

Presentazione Programma Amministrativo. Valle Talloria 23 marzo 2010 Ricca 25 marzo 2010 Diano Capoluogo 26 marzo 2010 Presentazione Programma Amministrativo Valle Talloria 23 marzo 2010 Ricca 25 marzo 2010 Diano Capoluogo 26 marzo 2010 FILOSOFIA E PRINCIPI ISPIRATORI DELLA LISTA N.1 INSIEME PER DIANO - al servizio della

Dettagli

Manifestazione d interesse Progetti Chiave

Manifestazione d interesse Progetti Chiave PROGRAMMA DI SVILUPPO LOCALE (PSL) 2014-2020 Manifestazione d interesse Progetti Chiave (Scheda SOLO per PRIVATI) Adesione ai Progetti Chiave nell ambito del Programma di Sviluppo Locale Leader 2014-2020

Dettagli

COMUNE DI CASALSERUGO

COMUNE DI CASALSERUGO Elaborato1.2 COMUNE DI CASALSERUGO Documento del sindaco Piano Regolatore Comunale LR 11/2004 Piano degli Interventi n. 02 PI 2013 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urbanista Raffaele Gerometta CONTRIBUTI SPECIALISTICI

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGRAMMA REGIONALE INVESTIMENTI 2009/2011 AZIONE C

REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGRAMMA REGIONALE INVESTIMENTI 2009/2011 AZIONE C ALLEGATO 2 REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGRAMMA REGIONALE INVESTIMENTI 2009/2011 AZIONE C SCHEDA DI CANDIDATURA DELL'INTERVENTO Ente proponente Consorzio del Parco del Trebbia Area protetta Parco Regionale

Dettagli

Determinazione Dirigenziale

Determinazione Dirigenziale COPIA Consorzio di gestione provvisoria del Parco Naturale Regionale Dune costiere da Torre Canne a Torre S. Leonardo (art. 31 D.L.vo n.267/2000 e art.13, c. 1, L.R. n.31/2006) SEDE: Ostuni - Piazza della

Dettagli

Una Via d acqua per Expo 2015 Vie d acqua tematiche per tutta la Lombardia

Una Via d acqua per Expo 2015 Vie d acqua tematiche per tutta la Lombardia Una Via d acqua per Expo 2015 Vie d acqua tematiche per tutta la Lombardia Dighe del PANPERDUTO (Somma Lombardo) Museo dell irrigazione PARABIAGO CASSANO D ADDA MONZA EXPO 2015 ABBIATEGRASSO LODI PAVIA

Dettagli

Telefono 0363901455 Fax 0363902393 E-mail info@parcodelserio.it

Telefono 0363901455 Fax 0363902393 E-mail info@parcodelserio.it PROGETTO Un nuovo modo di vivere e scoprire il territorio e i suoi beni culturali nel parco cicloturistico della Media Pianura Lombarda TITOLO L ABC del Parco del Serio (Alimentazione, biodiversita e cultura)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 - PSR CALABRIA

PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 - PSR CALABRIA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 - PSR CALABRIA IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE (PSL) DELL ALTO JONIO COSENTINO FEDERICO II : Un percorso tra storia, profumi e sapori Presentazione risultati di fine programmazione

Dettagli

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof 1 Localizzazione ecografica: Localizzazione catastale: Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof Foglio 43 Mappali 63, 65, 67, 71, 73, 75, 114. Foglio 44 Mappali 23, 24, 25, 59, 62. Foglio 45 Mappali

Dettagli

COMUNE DI BOTTANUCO Provincia di Bergamo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE, ADEGUAMENTO FUNZIONALE E MESSA A NORMA PARCHI PUBBLICI COMUNALI

COMUNE DI BOTTANUCO Provincia di Bergamo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE, ADEGUAMENTO FUNZIONALE E MESSA A NORMA PARCHI PUBBLICI COMUNALI COMUNE DI BOTTANUCO Provincia di Bergamo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE, ADEGUAMENTO FUNZIONALE E MESSA A NORMA PARCHI PUBBLICI COMUNALI Premesse Il presente progetto si prefigge l obiettivo di accrescere

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE

DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE 1) Cosa è un attività Turistica Ricettiva? DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE Si definisce attività Ricettiva Turistica quella diretta alla produzione ed all offerta al pubblico di

Dettagli

10.3.1.5 Piano di fattibilità per impianti che utilizzano biomasse. Comune: Comuni del P.I.S.L.

10.3.1.5 Piano di fattibilità per impianti che utilizzano biomasse. Comune: Comuni del P.I.S.L. P.I.S.L. N.A.Tu.R.A. Valorizzazione della rete ecologica del Parco Fluviale del Po (tratto vercellese/alessandrino) e dell Orba e del Monferrato casalese, tramite la riqualificazione ambientale e la promozione

Dettagli

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011 Bando con scadenza 22 aprile 2011 BANDI 2011 26 Piano di azione Promuovere la sostenibilità ambientale a livello locale Tutelare e valorizzare la biodiversità Il problema Lo sviluppo umano è oggi causa

Dettagli

TURISMO. Decreto N. 185 del 22-07-2013. Pubblicità/Pubblicazione: ATTO NON RISERVATO,PUBBLICAZIONE SUL SITO DELL'AGENZIA

TURISMO. Decreto N. 185 del 22-07-2013. Pubblicità/Pubblicazione: ATTO NON RISERVATO,PUBBLICAZIONE SUL SITO DELL'AGENZIA TURISMO Dirigente: PERUZZINI ALBERTO Decreto N. 185 del 22-07-2013 Responsabile del procedimento: Pubblicità/Pubblicazione: ATTO NON RISERVATO,PUBBLICAZIONE SUL SITO DELL'AGENZIA Ordinario [X ] Immediatamente

Dettagli

Il modello di sviluppo futuro del territorio di Pozzolengo

Il modello di sviluppo futuro del territorio di Pozzolengo Il modello di sviluppo futuro del territorio di Pozzolengo 1. I risultati della partecipazione Nell arco dei due giorni della Fiera di S. Giuseppe hanno preso parte alle attività di partecipazione 86 persone,

Dettagli

Criteri di valutazione degli interventi destinati alla sistemazione, al miglioramento e alla realizzazione di opere stradali

Criteri di valutazione degli interventi destinati alla sistemazione, al miglioramento e alla realizzazione di opere stradali Criteri di valutazione degli interventi destinati alla sistemazione, al miglioramento e alla realizzazione di opere stradali In relazione a quanto previsto dall art. 167bis della L.r. 3/99, dalla Deliberazione

Dettagli

PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS

PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A COMUNI PER INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIDUZIONE DEL RISCHIO

Dettagli

Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia Programma Leader II

Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia Programma Leader II Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia Programma Leader II Bando per la presentazione delle domande Piano di azione locale del GAL Torre Leader Azione 4.3 Valorizzazione delle risorse ambientali e paesaggistiche

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO

PROVINCIA DI BENEVENTO COMUNE DI BASELICE PROVINCIA DI BENEVENTO Via Santa Maria -82020 Baselice (BN)- Tel. 0824/968066- Fax. 0824/968513- Part. IVA 00071920623 - C.F. 82002220620 Cod. ISTAT 062007- email: comunedibaselice@go-web.net-

Dettagli

ALL AVVISO PUBBLICO DEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO, VALLO DI DIANO E ALBURNI LA RETE DI SERVIZI TURISTICO-CULTURALI DI ECCELLENZA

ALL AVVISO PUBBLICO DEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO, VALLO DI DIANO E ALBURNI LA RETE DI SERVIZI TURISTICO-CULTURALI DI ECCELLENZA APPENDICE ALL AVVISO PUBBLICO RETE DI SERVIZI TURISTICO-CULTURALI DI ECCELLENZA DEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO, VALLO DI DIANO E ALBURNI LA RETE DI SERVIZI TURISTICO-CULTURALI DI ECCELLENZA L Ente Parco

Dettagli

1. Attrezzature scolastiche DATI GENERALI PLANIMETRIA FOTOGRAFIE DATI URBANISTICI DATI UTENZA E ATTREZZATURE ATTREZZATURE E SICUREZZA VINCOLI

1. Attrezzature scolastiche DATI GENERALI PLANIMETRIA FOTOGRAFIE DATI URBANISTICI DATI UTENZA E ATTREZZATURE ATTREZZATURE E SICUREZZA VINCOLI 1. Attrezzature scolastiche N SCHEDA 84 DATI GENERALI TIPOLOGIA 1.1 asilo nido PROPRIETA' pubblica SPECIFICA PROP comunale LOCALITA' PONTECCHIO GESTIONE mista INDIRIZZO via Porrettana 197 DENOMINAZIONE

Dettagli

Le opere pubbliche. Scala mobile o altro dal parcheggio da Docciola al centro tipo piazza XX Settembre.

Le opere pubbliche. Scala mobile o altro dal parcheggio da Docciola al centro tipo piazza XX Settembre. Le opere pubbliche Complessivamente la rotatoria in via Pisana risulta l opera pubblica maggiormente indicata come priorità. Seguono l adeguamento degli impianti sportivi, il nuovo museo dell alabastro,

Dettagli

3/41%(!'* 5-%!+(%('(22/!6-)!'*!5-4+,/!"#$%&'%()*%)+#,#-&(

3/41%(!'* 5-%!+(%('(22/!6-)!'*!5-4+,/!#$%&'%()*%)+#,#-&( 3/41%(!'* 5-%!+(%('(22/!6-)!'*!5-4+,/!"#$%&'%()*%)+#,#-&( '()*+(,-.*/%( %&!"#$!!"#"$"%"&!"#$%&"'()'("&)$"#%*)+,"'("&&% 0*1%2-!3/41%-)( +--.//01',()! 7"&!,*81-)*9*3-.*/%(! 1,+-%-! '()! 3(%2,/! 52/,*3/!

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

proposta di legge n. 300

proposta di legge n. 300 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 300 a iniziativa dei Consiglieri CASTELLI, MASSI, ROMAGNOLI, CAPPONI, D ANNA, BUGARO, SORDONI, MINARDI, PISTARELLI, CIRIACI, TIBERI, D ISIDORO,

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE SICILIA 2007-20132013 Antonino Drago Dirigente Area Studi e Programmazione DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE

Dettagli

PARCO LOCALE DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL ROCCOLO PROGRAMMA PLURIENNALE DI MASSIMA DEGLI INTERVENTI Primo anno

PARCO LOCALE DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL ROCCOLO PROGRAMMA PLURIENNALE DI MASSIMA DEGLI INTERVENTI Primo anno PARCO LOCALE DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL ROCCOLO PROGRAMMA PLURIENNALE DI MASSIMA DEGLI INTERVENTI Primo anno VOCI DI SPESA - Predisposizione e posa di segnaletica illustrante i confini del parco e

Dettagli

A relazione degli Assessori Casoni, Coppola, Quaglia: Premesso che:

A relazione degli Assessori Casoni, Coppola, Quaglia: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU21 24/05/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 8 maggio 2012, n. 31-3835 Programma di intervento per la valorizzazione integrata delle strutture regionali del Parco naturale La Mandria

Dettagli

Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola.

Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola. ALLEGATO 2 Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola. Approvate dalla Giunta Provinciale con Deliberazione n. 22 del 18 Febbraio 2014 Palazzo

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

Progetto Definitivo Rev. Novembre 2013

Progetto Definitivo Rev. Novembre 2013 Accordo di Programma tra Ministero della Tutela del Territorio e del Mare e Regione Lombardia per la mitigazione del rischio idrogeologico Convenzione per la progettazione e realizzazione dell intervento

Dettagli

Bando delle idee. Relazione Conclusiva

Bando delle idee. Relazione Conclusiva Bando delle idee Relazione Conclusiva Premessa La Comunità Montana dell Aniene è stata beneficiaria di un contributo di 14.014,00 dalla Provincia di Roma nell ambito del progetto La natura sacra. La Comunità

Dettagli

CURRICULUM PROFESSIONALE

CURRICULUM PROFESSIONALE CURRICULUM PROFESSIONALE Il sottoscritto Carlo Milani, nato a Massa il 15/12/49 residente in Massa, Via Venturini n 2, laureato in Ingegneria Civile Sez. Idraulica presso l università di Pisa il 12/12/1973

Dettagli

PUBBLICO INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI DI SVILUPPO TURISTICO ( dgr 5255/2007) SCHEDA TIPO per la descrizione degli interventi

PUBBLICO INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI DI SVILUPPO TURISTICO ( dgr 5255/2007) SCHEDA TIPO per la descrizione degli interventi PUBBLICO INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI DI SVILUPPO TURISTICO ( dgr 5255/2007) ALLEGATO 1 ALLA PROPOSTA DI PST SCHEDA TIPO per la descrizione degli interventi SISTEMA TURISTICO LOCALIZZAZIONE COMUNE/I:

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. Cernusco sul Naviglio

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. Cernusco sul Naviglio Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 74 Cernusco sul Naviglio Cernusco sul Naviglio Cernusco sul Naviglio 75 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della

Dettagli

Parco Locale di Interesse Sovracomunale SERIO NORD

Parco Locale di Interesse Sovracomunale SERIO NORD Parco Locale di Interesse Sovracomunale SERIO NORD PIANO TRIENNALE DEGLI INTERVENTI 2009-2011 Seriate, 29 Gennaio 2009 (modificato nell Assemblea dei Sindaci del 12/11/2009 verbale n. 51) Parco Locale

Dettagli

Pianificazione territoriale e sviluppo economico

Pianificazione territoriale e sviluppo economico LIFE AMBIENTE ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE L ENERGIA E L AMBIENTE Pianificazione territoriale e sviluppo economico PROVINCIA DI ROVIGO INIZIATIVE IMMOBILIARI INDUSTRIALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAMERINO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAMERINO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAMERINO FACOLTA DI GIURISPRUDENZA 7HVLGLODXUHDLQGLULWWRDJUDULRFRPXQLWDULR,/',5,772$*5$5,2&2081,7$5,2/$787(/$$0%,(17$/((/$ 352%/(0$7,&$'(,3$5&+,1$785$/, Candidata: CHIARA GALDO

Dettagli

OLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI LICI, ENTI E ASSOCIAZIONI PER INTERVENTI RIENTRANTI NELLE FINALITÀ DEL PARCO

OLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI LICI, ENTI E ASSOCIAZIONI PER INTERVENTI RIENTRANTI NELLE FINALITÀ DEL PARCO ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO Via Pio VII n 9-10135 TORINO OLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI LICI, ENTI E ASSOCIAZIONI PER INTERVENTI RIENTRANTI NELLE FINALITÀ DEL PARCO to con

Dettagli

Rete Regionale dei Percorsi Escursionistici e le nuove leggi sull escursionismo

Rete Regionale dei Percorsi Escursionistici e le nuove leggi sull escursionismo Corso di Formazione 2010 per operatori regionali tutela ambiente montano Torino 19 giugno 2010 Rete Regionale dei Percorsi Escursionistici e le nuove leggi sull escursionismo Argomenti della presentazione

Dettagli

MONTI CIMINI RISERVA NATURALE REGIONALE LAGO DI VICO. Strada Provinciale Cassia Cimina, Km 12-01032 Caprarola (VT) Tel. 0761-647444 Fax 0761-647864

MONTI CIMINI RISERVA NATURALE REGIONALE LAGO DI VICO. Strada Provinciale Cassia Cimina, Km 12-01032 Caprarola (VT) Tel. 0761-647444 Fax 0761-647864 MONTI CIMINI RISERVA NATURALE REGIONALE LAGO DI VICO Strada Provinciale Cassia Cimina, Km 12-01032 Caprarola (VT) Tel. 0761-647444 Fax 0761-647864 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE n. 05 DEL 06/05/2013 OGGETTO:

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU6 12/02/2015

REGIONE PIEMONTE BU6 12/02/2015 REGIONE PIEMONTE BU6 12/02/2015 Codice DB1400 D.D. 17 novembre 2014, n. 3146 P.O. IT-CH 2007-2013. Progetto strategico VETTA II (ID 469099051). Avvio dei moduli progettuali 1, 3, 4 e 5. Accertamento entrate

Dettagli

RIPARTO FONDI B.I.M.

RIPARTO FONDI B.I.M. ARDESIO RIQUALIFICAZIONE VIA LEONARDO DA VINCI QUALE INGRESSO DEL PAESE DA NORD 39.000,00 39.000,00 2000 RISTRUTTURAZIONE IMMOBILE DENOMINATO "VILLA DEGLI ABETI" NEL PARCO SEDE DEL CONSORZIO FORESTALE

Dettagli

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche)

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI IDROLOGICHE, IDRAULICHE, GEOTECNICHE, SISMICHE E ARCHEOLOGICHE

Dettagli

Comune di Capoterra. Ente proponente: Recupero e valorizzazione di un itinerario turistico e culturale. Titolo dell intervento:

Comune di Capoterra. Ente proponente: Recupero e valorizzazione di un itinerario turistico e culturale. Titolo dell intervento: Oggetto : Comune di Capoterra Progetto: Progetto di recupero e valorizzazione di un itinerario turistico e culturale Comune di Capoterra Recupero e valorizzazione di un itinerario turistico e culturale

Dettagli

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio Indice 1. Il Bando Regionale sui PdV 2. Il territorio 3. Il partenariato 4. Le risorse dei PdV

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010 MISURA 19 CLLD LEADER LA SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 1 Piemonte PROGRAMMAZIONE 2007-2013 PSR 2007-2013 ASSE IV LEADER 13 GRUPPI

Dettagli

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Assessorato Beni Culturali e Identità Siciliana Dipartimento Beni Culturali

Dettagli

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Assessorato allo Sviluppo della Montagna e alle Foreste Incontro

Dettagli

OSPITALITA DIFFUSA: INNOVAZIONE E SVILUPPO TURISTICO

OSPITALITA DIFFUSA: INNOVAZIONE E SVILUPPO TURISTICO OSPITALITA DIFFUSA: INNOVAZIONE E SVILUPPO TURISTICO Click to edit Master subtitle style CONTESTO TERRITORIALE Qual'e' il territorio interessato? - Area Grecanica parco Nazionale dell'aspromonte Localizzazione:

Dettagli

Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana. Crescere insieme: opportunità e risorse

Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana. Crescere insieme: opportunità e risorse Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana Crescere insieme: opportunità e risorse MISURA 4 INVESTIMENTI IN IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI P1-6 4 MISURA 4 Investimenti in immobilizzazioni materiali

Dettagli

Progetto SOFT ECONOMY NEI PARCHI E NELLE AREE PROTETTE DELL APPENNINO EMILIANO

Progetto SOFT ECONOMY NEI PARCHI E NELLE AREE PROTETTE DELL APPENNINO EMILIANO Progetto SOFT ECONOMY NEI PARCHI E NELLE AREE PROTETTE DELL APPENNINO EMILIANO Dott. Filippo Lenzerini, Punto 3 s.r.l. Il presente documento è stato realizzato con il supporto di: Punto 3 - Progetti per

Dettagli

LA «PROMENADE» DI CIRCONVALLAZIONE A MONTE

LA «PROMENADE» DI CIRCONVALLAZIONE A MONTE Proposta per la valorizzazione di Circonvallazione a Monte e la sua trasformazione in nuova «promenade» genovese, con l'eliminazione dei posti auto lato mare, l'allargamento del marciapiede esistente e

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE COMUNE DI MONTESPERTOLI (PROVINCIA DI FIRENZE) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STRADE VICINALI DI USO PUBBLICO Approvato con deliberazione C.C. n. 36 del 21.05.2012 Pagina 1 di 8 PREMESSA Il presente

Dettagli

Comune di Imola PIANO DI MARKETING URBANO DEL CENTRO STORICO DI IMOLA. Dalle linee di valorizzazione alle schede di progetto

Comune di Imola PIANO DI MARKETING URBANO DEL CENTRO STORICO DI IMOLA. Dalle linee di valorizzazione alle schede di progetto Comune di Imola PIANO DI MARKETING URBANO DEL CENTRO STORICO DI IMOLA Dalle linee di valorizzazione alle schede di progetto IL PERCORSO REALIZZATO STUDI DI BASE E ANALISI DEI CONSULENTI TAVOLO DI CONFRONTO

Dettagli

Le Comunità europee UE

Le Comunità europee UE PAC, Misure del PSR a favore della multifunzionalità e delle fattorie didattiche CeFAP Codroipo e Pasian di Prato dicembre 2010 A cura dott. Paolo Parmegiani Le Comunità europee UE 1951 Trattato CECA trattato

Dettagli

GAL Oltrepo Mantovano Piano di Sviluppo Locale (sintesi)

GAL Oltrepo Mantovano Piano di Sviluppo Locale (sintesi) GAL Oltrepo Mantovano Agricoltura e Ambiente Un binomio tra sostenibilità e produttività per migliorare lo sviluppo delle aree rurali dell oltrepòmantovano 1 1. Il Gruppo di Azione Locale (GAL) Oltrepò

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento La Relazione Geologica è allegata al presente progetto ed il suo contenuto ha approfondito le notizie generali di carattere geologico,

Dettagli

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica 20 ottobre 2004 Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Norme di Attuazione: Titolo 6 Elaborati grafici di riferimento: Tavola 2 OBIETTIVI DEL PTCP COORDINAMENTO

Dettagli

2007-2014 - 2020. Sessione II Turismo Rurale Le nuove tendenze. Dott. arch. Mario Panizza. Varzi 21 dicembre 2012

2007-2014 - 2020. Sessione II Turismo Rurale Le nuove tendenze. Dott. arch. Mario Panizza. Varzi 21 dicembre 2012 Varzi 21 dicembre 2012 ASSEMBLEA Comunità Montana Oltrepò Pavese Sessione II Turismo Rurale Le nuove tendenze 2007-2014 - 2020 Dott. arch. Mario Panizza SU QUALI SENTIERI STA ANDANDO LO SVILUPPO RURALE

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

PSR 2014-2020. Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015

PSR 2014-2020. Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015 PSR 2014-2020 Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015 RUOLO DEI COMUNI Ente pubblico: Comune, Ente gestore Macro aree, Provincia,... Comune: 1) Beneficiario diretto 2) Partner 3) Programmatore / facilitatore

Dettagli

2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico

2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico ELENCO PROGETTI 1 Progetto A.I.1 Progetti finalizzati alla concertazione del piano di sviluppo turistico provinciale 2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del

Dettagli

CURRICULUM VITAE. - Esame di Stato sostenuto presso Università degli Studi di Genova Facoltà di Architettura 1 sessione anno 1987

CURRICULUM VITAE. - Esame di Stato sostenuto presso Università degli Studi di Genova Facoltà di Architettura 1 sessione anno 1987 Dott. Arch. Walter Riani, nato ad Aulla (Ms) il 13.11.1957 residente in Via Aldo Moro 139 - Villafranca in Lunigiana (Ms) recapiti: 0187/4988220- cell.3663735761 - mail: arch.riani@libero.it CURRICULUM

Dettagli

IL SISTEMA TURISTICO

IL SISTEMA TURISTICO IL SISTEMA TURISTICO LA SUBLIMAZIONE DELL ACQUA Sviluppo, valorizzazione e promozione del turismo integrato come modello di responsabilizzazione sociale dei territori a vocazione turistica INDICE IL SISTEMA

Dettagli

Operazione b: REALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE RICREATIVE CON SERVIZI DI PICCOLA RICETTIVITA

Operazione b: REALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE RICREATIVE CON SERVIZI DI PICCOLA RICETTIVITA FEASR ALLEGATO A1 - Caratteristiche dell impresa e dell intervento PSR 2007-2013 Regione Piemonte GAL Escartons e Valli Valdesi Programma di Sviluppo locale Fare impresa, fare sistema nel territorio delle

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili Percorsi ciclabili Il presente documento inquadra la rete ciclabile comunale. E indicativo nelle linee guida ma non prescrittivo nelle modalità di esecuzione per consentire in tal modo una compartecipazione

Dettagli

Allegato parte integrante Allegato A) Protocollo d'intesa

Allegato parte integrante Allegato A) Protocollo d'intesa Allegato parte integrante Allegato A) Protocollo dintesa " " % " " % & ( Pag. 1 di 12 All. 001 RIFERIMENTO: 2006-S129-00033 )""" * " + " " + ", )+ % " -, "., + Pag. 2 di 12 All. 001 RIFERIMENTO: 2006-S129-00033

Dettagli

Area Naturale Protetta di Interesse Locale (ANPIL) del Monteferrato

Area Naturale Protetta di Interesse Locale (ANPIL) del Monteferrato Area Naturale Protetta di Interesse Locale (ANPIL) del Monteferrato SISTEMA PROVINCIALE DELLE AREE PROTETTE ANPIL ALTO CARIGIOLA E MONTE DELLE SCALETTE RISERVA NATURALE ACQUERINO CANTAGALLO ANPIL DEL MONTEFERRATO

Dettagli

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011 L_ 1 `_ -F ' f. _ L/ 1 I BU 5 'Ez año Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 ELEZIONI DEL 15 E 16 MAGGIQ 2011 25 OTTOBRE 2011 ai. H/ úiscúíü"'7.7 i ÈL É' i ceurnonssrnn RIBOLDI SINDACO

Dettagli

GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313

GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313 GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313 BANDO MISURA 311 Diversificazione in attività non agricole La misura 413. 311 viene attivata per favorire la permanenza delle attività agricole laddove

Dettagli

Programma di Sviluppo Locale 2007-2013 (PSL) Il GAL incontra il territorio Presentazione dei bandi 2012

Programma di Sviluppo Locale 2007-2013 (PSL) Il GAL incontra il territorio Presentazione dei bandi 2012 PSR 2007-2013 Asse 4 Leader Programma di Sviluppo Locale 2007-2013 (PSL) Il GAL incontra il territorio Presentazione dei bandi 2012 Lusia, 15 novembre 2011 Il PSL del GAL Polesine Adige PERCORSI RURALI

Dettagli

QUADRO DI SINTESI PER CATEGORIE DI OPERE

QUADRO DI SINTESI PER CATEGORIE DI OPERE PROGRAMMAZIONE TRIENNALE /2005 Scheda 1 QUADRO DI NTE PER CATEGORIE DI OPERE TIPOLOGIA DI INTERVENTO (TABELLA 1) Codice CATEGORIE DI OPERE (TABELLA 2) Codice FINALITA' E RISULTATI ATTE Fabbisogno espresso

Dettagli

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali Obiettivo generale del POR FESR Abruzzo Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali ASSI PRIORITARI DI INTERVENTO: Ґ Ricerca

Dettagli

CRITICITA E SCELTE STRATEGICHE: PROPOSTE DI INTERVENTO

CRITICITA E SCELTE STRATEGICHE: PROPOSTE DI INTERVENTO E SCELTE STRATEGICHE: 2 3 4 2 5 1 5 4 7 7 6 6 8 1) INTERVENTO SU AREA SPORTIVA - CREAZIONE DI NUOVO GIARDINO, PARCHEGGIO E LOCALI DI SERVIZIO PER LE MANIFESTAZIONI SVOLTE IN PROSSIMITA DELLA ROCCA NUOVA

Dettagli

box sguardo periodico sul mondo Sand www.sand-italia.com da un idea di Gabriele Gambassini e Davide Sanmartino

box sguardo periodico sul mondo Sand www.sand-italia.com da un idea di Gabriele Gambassini e Davide Sanmartino box sguardo periodico sul mondo Sand da un idea di Gabriele Gambassini e Davide Sanmartino www.sand-italia.com n. 17 dicembre 2012 2 Un anno di lavori In questo numero di fine 2012 del SandBox abbiamo

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LE OO.PP. TRIENNIO 2014 2016 L U.O. LL.PP. IL DIRIGENTE DEL SETTORE

PIANO TRIENNALE PER LE OO.PP. TRIENNIO 2014 2016 L U.O. LL.PP. IL DIRIGENTE DEL SETTORE V Settore Servizi Al Territorio U.O. LL.PP. PIANO TRIENNALE PER LE OO.PP. TRIENNIO 2014 2016 L U.O. LL.PP. IL DIRIGENTE DEL SETTORE PROGRAMMA TRIENNALE OO.PP. TRIENNIO 2014-2016 RELAZIONE GENERALE Il presente

Dettagli

PARCHI DI LIGURIA. a cura del Servizio Parchi Regione Liguria

PARCHI DI LIGURIA. a cura del Servizio Parchi Regione Liguria 1 La Liguria ha ereditato dalla Natura e dalla storica stratificazione delle opere umane uno straordinario assortimento di ambienti. Ma per decenni ha messo in vetrina solo sempre gli stessi articoli 2

Dettagli