Convivere con il diabete. Alti e bassi della glicemia. Controllarsi meglio per mantenere l equilibrio

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Convivere con il diabete. Alti e bassi della glicemia. Controllarsi meglio per mantenere l equilibrio"

Transcript

1 Convivere con il diabete Alti e bassi della glicemia Controllarsi meglio per mantenere l equilibrio

2 Con la consulenza scientifica di Roberto Manunta Dirigente Medico 1 livello AULSS 18 Rovigo Progettazione, cura editoriale e impaginazione: In Pagina - Milano Stampa: Arti Grafiche Bazzi - Milano Finito di stampare: gennaio 2013

3 Alti e bassi della glicemia 1 Il giusto equilibrio La gestione attiva e responsabile della terapia aiuta le persone con diabete a condurre una vita più simile a chi non ha il diabete. Roche Accu-Chek oltre a offrire prodotti di qualità, quali glucometri, microinfusori per insulina e sistemi per la gestione dei dati, è impegnata anche nel diffondere informazioni per educare le persone con diabete all autogestione della malattia. A causa del diabete, il livello di glicemia nel sangue potrebbe essere troppo elevato (iperglicemia) o troppo basso (ipoglicemia). Misurare la glicemia fa parte integrante di quell insieme di azioni che permettono di controllare l equilibrio metabolico. Nonostante ciò, esistono situazioni in cui si possono verificare iperglicemie o ipoglicemie. Questo opuscolo vuole aiutare a riconoscere le situazioni critiche e fornire suggerimenti per ridurre il rischio di sviluppare iperglicemie o ipoglicemie. Roche Diabetes Care

4

5 Alti e bassi della glicemia 3 Indice dei contenuti L informazione: la chiave della prevenzione 04 Quando controllare la glicemia 06 Persone con diabete non trattate con insulina 09 Persone con diabete trattate con ipoglicemizzanti orali 11 Persone con diabete trattate con insulina 12 L iperglicemia 13 Iperglicemie acute : la chetoacidosi 15 Cosa si può fare per prevenire l iperglicemia 17 L ipoglicemia 19 Cosa fare in caso di ipoglicemia 22 Le possibili cause di ipoglicemia 24 Come prevenire le ipoglicemie 25

6 4 Alti e bassi della glicemia L informazione: la chiave della prevenzione Il primo obiettivo, ovviamente, è prevenire iperglicemie o ipoglicemie. Per questo motivo è necessario parlare con il proprio medico, per definire il modo migliore di gestire il proprio diabete. Questa è la misura preventiva più efficace che si possa attuare. L autocontrollo regolare della glicemia aiuterà a comprendere il proprio metabolismo, dando la possibilità di riconoscere tempestivamente eventuali segni di squilibrio metabolico e attuare appropriate misure preventive. si effettua l iniezione di insulina o di glucagone e indicare dove viene conservato il kit di emergenza. Non bisogna avere paura di dire loro che un ipoglicemia potrebbe rendere irritabile e aggressiva la persona. Infine, ma non meno importante, potrebbe essere utile che chi ci sta vicino sappia quale medico contattare in caso di bisogno. Parlarne con franchezza Parlare con franchezza aiuta le persone a comprendere e ad aiutarsi reciprocamente, non solo in caso di diabete. È importante mostrare alle persone che potrebbero essere d aiuto in situazioni critiche il funzionamento del proprio strumento per la misurazione della glicemia, come

7 Alti e bassi della glicemia 5 Avere sempre con sé un cartellino che informi gli eventuali soccorritori della propria condizione è utile sia in caso di emergenza sia per accessi al Pronto Soccorso per problemi non legati al diabete. Questione di ormoni Le persone che non hanno il diabete presentano oscillazioni della glicemia molto limitate. L insulina, un ormone prodotto dal pancreas, assicura che il glucosio presente nel sangue sia assorbito dalle cellule, impedendo così che raggiunga livelli troppo elevati. Se la glicemia si abbassa eccessivamente, viene inibito il rilascio di insulina nel sangue e il glucagone (un altro ormone di regolazione prodotto dalle cellule alfa del pancreas) fa in modo che la concentrazione di glucosio nel sangue salga di nuovo. Il glucagone attiva le riserve di glucosio nel fegato e stimola la produzione di nuovo glucosio. Nelle persone senza diabete il rilascio di insulina e di glucagone viene mantenuto in equilibrio perfetto. In caso di diabete, invece, questo sistema non funziona correttamente perché il pancreas o non è in grado di produrre insulina, o non ne produce a sufficienza o quella prodotta non agisce in modo appropriato. Se si perde l equilibrio Si può avere un forte innalzamento della glicemia (la cosiddetta iperglicemia) o, per effetto della terapia, una sua caduta (la cosiddetta ipoglicemia). Entrambe queste situazioni possono portare a condizioni potenzialmente pericolose. Nelle pagine seguenti saranno approfonditi questi due tipi di eventi, come ci si deve comportare in situazioni di questo tipo e qual è il modo migliore per prevenirle. Limitare al minimo le oscillazioni glicemiche è importante perché a parità di media dei valori glicemici l insorgenza delle complicanze è di gran lunga inferiore in chi mantiene la glicemia sempre nello stesso range.

8 6 Alti e bassi della glicemia Quando controllare la glicemia

9 Alti e bassi della glicemia 7 Quanto spesso e in quali momenti della giornata è opportuno misurare la glicemia? Dipende dal tipo di diabete e dagli obiettivi che si vogliono raggiungere. Quando vuol dire perché Molte persone con diabete si chiedono quante volte al giorno devono controllare la glicemia. Non esiste una risposta standard. In parte dipende dal tipo di diabete e di terapia, in parte dagli obiettivi che si vogliono raggiungere. Insomma, per rispondere alla domanda Quando? bisogna chiedersi perché mi è utile controllare la glicemia?. Le risposte possibili sono tre: per comprendere meglio gli effetti sulla glicemia di ciò che facciamo e compiere scelte sempre più adeguate e salutari; per prevenire possibili ipoglicemie; per fornire al medico dati per capire l evoluzione del diabete e l efficacia della terapia. Ciascuna risposta è giusta ma nessuna da sola è esauriente. Sicuramente il diabetologo ha bisogno di avere delle informazioni sull andamento della glicemia nella giornata e nell arco di un periodo. È opportuno quindi misurare la glicemia seguendo le sue indicazioni e riportare i dati in un apposito diario, accompagnati dal giorno e dall ora della rilevazione e, se è il caso, anche da eventuali commenti. È altrettanto evidente come le persone che assumono insulina, sulfaniluree (glimepiride, glicazide, glibenclamide, glipizide, gliquidone, clorpropamide) o glinidi (per esempio repaglinide) devono poter verificare immediatamente, ovunque si trovino se un certo sintomo, malessere o disagio, è segno di una iniziale ipoglicemia. Misurare la glicemia sempre alla stessa ora vorrebbe dire utilizzare ben poco questo straordinario strumento che è l autocontrollo della glicemia.

10 8 Alti e bassi della glicemia Misurare per imparare Anche la persona che ha appena iniziato a occuparsi del suo diabete trae vantaggio dall autocontrollo della glicemia. Sappiamo tutti quali attività possono innalzare la glicemia e quali invece possono abbassarla. Ma di quanto quel piatto, quel dolce, quella domenica passata sul divano a guardare la televisione, ha aumentato la quota di glucosio nel mio sangue? E viceversa, di quanto sono riuscito a migliorare la glicemia facendo poca o molta attività fisica, variando la mia alimentazione o semplicemente aggiungendo una quota maggiore di fibre nel mio pasto? Non esiste una risposta standard perché tutto dipende dalla singola persona. Ciascuno può e deve imparare sempre di più sul proprio diabete se vuole controllarlo. Il primo passo per capire è misurare. Non si può controllare ciò che non si misura. Misurare per vedere come cambia il diabete Ancora, è importante fornire più informazioni possibili sul proprio equilibrio glicemico per discutere insieme al proprio medico quale terapia adottare, per valutarne gli effetti ed eventualmente adattarla e renderla più efficace. Più informazioni si forniscono, più precisa sarà la diagnosi (in fondo ognuno ha il suo diabete, diverso da quello degli altri) e più efficace sarà la terapia.

11 Alti e bassi della glicemia 9 Persone con diabete non trattate con insulina I controlli della glicemia non vanno fatti a caso e nemmeno sempre e solo alla stessa ora. La glicemia varia molto nell arco della giornata. Nelle persone che non usano insulina né sulfaniluree, i valori glicemici sono influenzati principalmente dall alimentazione e dallo stile di vita. Nei giorni feriali, per esempio, la glicemia potrebbe essere differente da quella rilevata alla stessa ora di un sabato o di una domenica. Schema personalizzato Relativamente allo schema consigliato di automonitoraggio glicemico si lascia alla discrezione del medico la scelta dello schema ritenuto più adeguato per i propri pazienti. Questo risponde al principio della personalizzazione del trattamento, sulla base delle caratteristiche individuali. L utilizzo degli schemi proposti è da intendersi per periodi limitati (per es. la settimana a ridosso Automonitoraggio intensivo a 7 punti Al risveglio 2h dopo colazione Prima di pranzo 2h dopo pranzo Prima di cena 2h dopo cena Prima di coricarsi L M M G V S D della visita di controllo), al fine di inquadrare correttamente e in modo standardizzato il paziente. In breve, si possono consigliare tre possibili schemi: 1. Automonitoraggio intensivo, a 7 punti (controllo della glicemia prima e 2 ore dopo i tre pasti principali e al momento di coricarsi, per tre giorni consecutivi). 2. Automonitoraggio a schema sfalsato (controllo della glicemia prima e 2 ore dopo la colazione il I, IV e VII giorno di una settimana; prima e 2 ore dopo il pranzo il II e il V giorno di quella stessa settimana; prima e 2 ore dopo la cena del III e del VI giorno).

12 10 Alti e bassi della glicemia 3. Automonitoraggio a 5 punti (controllo della glicemia prima della colazione e della cena, e 2 ore dopo i tre pasti principali, per tre giorni consecutivi). Se il sabato e la domenica si fa una vita diversa dai giorni feriali, occorre misurare la glicemia almeno dopo pranzo e dopo cena in uno dei due giorni del fine settimana. Questo schema non deve essere ripetuto necessariamente ogni settimana, può bastare per esempio ogni due settimane. AUTOCONTROLLO STRUTTURATO Quando possibile la persona con diabete dovrebbe essere addestrata ed educata ad effettuare modifiche estemporanee della terapia, da discutere poi con il proprio diabetologo. È buona norma abituarsi a compilare sempre e con cura il diario glicemico e recarsi alle visite anche con il glucometro per poterne scaricare i dati memorizzati sul PC; in questo modo si rende possibile la visualizzazione grafica e una lettura più veloce dello stato metabolico. Tali atteggiamenti che arricchiscono le informazioni a disposizione del team diabetologico rappresentano un valore aggiunto alla pratica dell automonitoraggio domiciliare. Automonitoraggio a schema sfalsato Al risveglio 2h dopo colazione Prima di pranzo 2h dopo pranzo Prima di cena 2h dopo cena L M M G V S D Automonitoraggio 5 punti L M M G V S D Al risveglio 2h dopo colazione Prima di pranzo 2h dopo pranzo Prima di cena 2h dopo cena

13 Alti e bassi della glicemia 11 Persone con diabete trattate con ipoglicemizzanti orali La frequenza dei controlli varia anche a seconda della terapia. Negli ultimi anni sono state sviluppate nuove classi di farmaci ipoglicemizzanti orali. Anche se l ipoglicemia è tradizionalmente associata all uso di insulina esistono alcuni farmaci orali, vale a dire di pillole, che possono dare lo stesso effetto. Si tratta di farmaci secretagoghi (che aumentano la produzione di insulina) ed in particolar modo delle sulfaniluree, specie quelle a lunga durata di azione come Glinide, Glimepiride e Glibenclamide. Chi è in cura con questi farmaci deve misurare la glicemia quando avverte i sintomi dell ipoglicemia. Anche in mancanza di sintomi vale la pena farsi spiegare dal medico in quali momenti della giornata è più opportuno controllare di routine la glicemia per verificare eventuali ipoglicemie leggere o comunque asintomatiche. Capire i sintomi nella persona anziana È importante controllare la glicemia alle persone anziane, poiché i sintomi sia di un iperglicemia sia di un ipoglicemia, assumono infatti forme diverse, facili da confondere con i segni tipici dell età. L assopirsi facilmente o la spossatezza potrebbero essere causate da un iperglicemia e non dalla noia o dalla stanchezza fisica. Un certo nervosismo o qualche difficoltà di memoria potrebbero derivare da un ipoglicemia e non dall età. Misurare la glicemia è il modo migliore e più rapido per togliersi il dubbio.

14 12 Alti e bassi della glicemia Persone con diabete trattate con insulina Le persone trattate con insulina devono controllare spesso la glicemia. Un iperglicemia rilevata la mattina a digiuno può indicare un insufficiente dose di insulina lenta oppure una cena troppo ricca di carboidrati e/o accompagnata da una insufficiente dose di insulina rapida. Una o due ore dopo il pasto si deve controllare l effetto dei carboidrati assunti. Chi copre i pasti con iniezioni di insulina effettuate prima di mangiare, dovrà controllare la glicemia prima del pasto, per decidere la dose di insulina necessaria. Situazioni specifiche Ai controlli di routine vanno aggiunte delle letture della glicemia: quando si avvertono sintomi che potrebbero far pensare a un ipoglicemia; 15 e 60 minuti dopo l efficace correzione di un ipoglicemia quando si avvertono sintomi che possono far pensare a un iperglicemia; prima e dopo un esercizio fisico (o durante se supera i 45 minuti); se si sospetta un ipoglicemia notturna (sensazione di stanchezza, ossa rotte o annebbiamento la mattina, sudore, incubi notturni). Situazioni speciali La glicemia va controllata molte volte al giorno (anche 8 volte) nelle situazioni in cui un serio scompenso metabolico può crearsi in poco tempo, per esempio: durante una malattia anche banale; nei periodi di forte stress psicologico; se si assumono farmaci con effetti iperglicemizzanti (per esempio cortisone).

15 L iperglicemia Alti e bassi della glicemia 13

16 14 Alti e bassi della glicemia Il termine iperglicemia indica l elevata concentrazione di glucosio nel sangue che, protratta nel tempo, causa complicanze vascolari. Un problema cronico Il diabete si manifesta attraverso l iperglicemia. La difficoltà di mantenere entro un livello adeguato la quota di zuccheri nel sangue è insieme il fattore comune fra le varie forme di diabete e la ragione per cui il diabete deve essere trattato. L iperglicemia tende infatti a danneggiare l organismo provocando delle conseguenze negative a lungo termine. Gestire il diabete significa mantenere il più possibile la glicemia entro i valori adeguati. Ma quali sono? Non esiste una risposta valida per tutti. La prima cosa è concordare con il proprio medico un target, ovvero un obiettivo entro il quale la glicemia dovrebbe stare sia a digiuno, sia dopo i pasti. Questi valori possono cambiare da persona a persona e a seconda del tipo di terapia o dei momenti della vita (gravidanza, I sintomi dell iperglicemia secchezza delle fauci sete bisogno frequente di fare pipì visione offuscata dimagrimento sensazione di malessere mancanza di appetito alti valori di chetoni nelle urine stress da lavoro in momenti difficili) o dell età. Nella persona con diabete la glicemia varia molto da un momento all altro della giornata. Le iperglicemie si riscontrano tipicamente la mattina appena svegli e una o due ore dopo i pasti, oppure nelle giornate e nelle fasi in cui si è più sedentari.

17 Alti e bassi della glicemia 15 Iperglicemie acute : la chetoacidosi Accade assai di rado ma è importante ricordare che l iperglicemia può avere anche delle conseguenze acute. Sia le persone con diabete di tipo 2, sia quelle con diabete di tipo 1 rischiano in certe situazioni l iperosmolarità. Le persone insulinodipendenti invece, qualora vadano in deficit di insulina rispetto al loro bisogno, sviluppano una chetoacidosi: mancando l insulina, l organismo non può utilizzare il glucosio e ricorre alle riserve di grasso per produrre l energia necessaria; nel corso di questo processo vengono prodotti i cosiddetti chetoni o corpi chetonici che rendono il sangue acido (acidosi) ed è per questo che si parla di chetoacidosi. Il valore del ph del sangue diminuisce e la nausea e il mal di stomaco che ne conseguono possono causare vomito. Le persone che si trovano in questa situazione, non sentendo lo stimolo Sete e diabete L iperosmolarità è una condizione che colpisce soprattutto le persone anziane, che vivono sole, in particolare nelle stagioni calde. Una normale iperglicemia porta l anziano a perdere liquidi, non sentendo lo stimolo della sete, la disidratazione prosegue di pari passo con l iperglicemia. L anziano può entrare in uno stato di sopore che gli impedisce di intervenire e che in mancanza di interventi può portare al coma. In presenza di sopore, forte debolezza o altri sintomi, è necessario l immediato trasporto in un Pronto Soccorso.

18 16 Alti e bassi della glicemia Esistono diversi schemi terapeutici che indicano la quantità di insulina che dovrebbe essere iniettata e gli intervalli di tempo fra le varie somministrazioni per trattare la chetoacidosi. È pertanto importante discutere con il proprio Team diabetologico quale sia lo schema più appropriato. della fame, spesso riducono la dose di insulina, peggiorando la già critica situazione metabolica. Quando si rischia la chetoacidosi La chetaocidosi si instaura più frequentemente a seguito di un errore nell assunzione di insulina. Ecco alcune situazioni che possono determinarla: si dimentica, si salta o si sospende la somministrazione di insulina stato di infezione, sepsi si inietta una dose di insulina nettamente inferiore al dovuto la penna per insulina o il microinfusore o il set di infusione non funzionano correttamente. Un errore comune Spesso si crede che le persone con diabete possano ridurre gli elevati livelli di glicemia praticando attività fisica. Tuttavia, affinché le cellule dell organismo possano assorbire lo zucchero, è necessaria la presenza di insulina, che in questa situazione viene invece a scarseggiare. L attività fisica durante una chetoacidosi o una netta iperglicemia è quindi la cosa più sbagliata che si possa fare.

19 Alti e bassi della glicemia 17 Cosa si può fare per prevenire l iperglicemia Misurare la glicemia regolarmente, soprattutto se si hanno dei dubbi sulla propria situazione metabolica. In caso di malattia di qualsiasi genere (con o senza febbre) la glicemia tende a salire, è quindi necessario ricordare che pur avendo mangiato di meno si potrebbe comunque aver bisogno di insulina, anche in quantità superiori al solito. Assicurarsi che la penna per insulina funzioni correttamente. Si potrebbe manifestare uno stato di sonnolenza o addirittura la perdita di coscienza e la conseguente incapacità di somministrarsi una dose di insulina. È fondamentale assicurarsi che i propri familiari, gli amici e i colleghi sappiano cosa fare in caso di bisogno; solo così si può essere certi di ricevere l aiuto necessario. È necessario pertanto, conservare le strisce reattive per la misurazione della glicemia e la penna dell insulina in un luogo facilmente raggiungibile in qualsiasi momento.

20 18 Alti e bassi della glicemia Cosa influisce sulla glicemia Quasi tutto ciò che avviene nell organismo potrebbe influire sull equilibrio glicemico. Ecco gli eventi che hanno maggior impatto. Aumentano la glicemia I carboidrati (o zuccheri) assunti in un pasto o fuori pasto. Possono essere semplici (come lo zucchero che si adopera in cucina) o complessi (come quelli contenuti nella pasta, nel riso, nel pane e nei prodotti a base di farina, nelle patate e in alcuni legumi). I carboidrati semplici aumentano rapidamente la glicemia mentre quelli complessi provocano un innalzamento della glicemia più lento. La sedentarietà. Se l esercizio fisico si riduce, come avviene per esempio d inverno o durante i giorni festivi, la glicemia si alza. Gli ormoni dello stress. L organismo risponde a ogni tipo di stimolo esterno in una maniera standard che prevede fra le altre cose il rilascio di ormoni che riducono la sensibilità all insulina e quindi aumentano la glicemia. Questi ormoni sono prodotti soprattutto nelle prime ore del mattino, in tutte le fasi di stress fisico (dolore, malattia) e psicologico.

21 L ipoglicemia Alti e bassi della glicemia 19

22 20 Alti e bassi della glicemia Ipoglicemia indica una bassa concentrazione di glucosio nel sangue e si verifica quando la glicemia scende al di sotto di 70 mg/dl. Se la glicemia scende al di sotto di 70 mg/dl, le cellule del corpo vengono private del loro carburante più importante: il glucosio. Questa condizione è conosciuta con il termine di ipoglicemia. PRIMI SEGNI DI UN IPOGLICEMIA I sintomi precoci di un ipoglicemia sono sudorazione, tremori, battito cardiaco accelerato, aumento della pressione arteriosa, pallore e debolezza. Questi sintomi adrenergici (sintomi da stress) vengono scatenati da un aumentata secrezione di ormoni dello stress (per es. adrenalina). In condizioni normali gli ormoni dello stress fanno aumentare la glicemia, dato che sono antagonisti dell insulina. Tuttavia nelle persone con diabete questa regolazione da parte degli ormoni dello stress non funziona in modo corretto. IPOGLICEMIA GRAVE: UN EMERGENZA Se il livello di glucosio nel sangue continua a scendere, si potrebbero manifestare sintomi cerebrali. La mancanza di glucosio nel cervello produce fame smisurata, disturbi visivi, ridotta capacità di ragionamento e disturbi del linguaggio, sensazione di intorpidimento delle labbra e della lingua, difficoltà di concentrazione, convulsioni, difficoltà di memoria e confusione mentale. Le persone con ipoglicemia grave possono manifestare anche disturbi motori o perdita di coscienza. Spesso presentano anche variazioni dell umore o dello stato emotivo che possono sfociare in aggressività, ansia o depressione. Se compaiono sintomi di ipoglicemia grave è necessario recarsi immediatamente al Pronto Soccorso.

23 Alti e bassi della glicemia 21 A CIASCUNO IL SUO SINTOMO Le persone con diabete devono imparare a riconoscere i segnali premonitori di un ipoglicemia. Tuttavia, è importante sapere che non tutti i sintomi si presentano ogni volta, che ogni persona può avere sintomi differenti e che i segnali premonitori non rimangono sempre gli stessi per tutta la vita. Se il segno inconfondibile di un ipoglicemia incombente è sempre stato un intorpidimento della lingua, esso potrebbe improvvisamente diventare, per esempio, la difficoltà di concentrazione. I sintomi dell ipoglicemia ipoglicemia leggera fame improvvisa stanchezza dolori addominali difficoltà a concentrarsi difficoltà a esprimersi pallore sudorazione tremori irritabilità sonnolenza ipoglicemia seria forti tremori stato catatonico movimenti convulsi

24 22 Alti e bassi della glicemia Cosa fare in caso di ipoglicemia RISCHI PER LA SALUTE Il mancato riconoscimento e trattamento tempestivo di un ipoglicemia grave può portare a convulsioni e perdita di coscienza. Le persone colpite da un episodio di ipoglicemia hanno inoltre un rischio più elevato di subire incidenti, diventando pericolosi per sé stessi e per gli altri. Anche una minima riduzione della glicemia, pur non pericolosa per l organismo, può alterare i sensi di una persona e le sue capacità di controllo. Ipoglicemie leggere Se l ipoglicemia è leggera la persona con diabete può correggerla da sola senza bisogno di aiuti esterni. Purché agisca velocemente. Ai primi segni di ipoglicemia è quindi necessario seguire la regola del 15, che permette di gestire la maggior parte delle ipoglicemie. Ai primi segni di ipoglicemia: 1. Assumere 15 g di carboidrati (1 bustina di zucchero sciolto in acqua o 125 ml di una bibita zuccherata o succo di frutta o un cucchiaio da tavola di miele) 2. Misurare la glicemia dopo 15 minuti e ripetere il punto 1 finchè la glicemia non superi 100 mg/dl 3. L effetto del trattamento può essere solo temporaneo, quindi è importante continuare a misurare la glicemia ogni 15 minuti, fino al riscontro di almeno due valori normali in assenza di ulteriore assunzione di zucchero tra le due misurazioni. Tra le alternative è consigliabile il

25 Alti e bassi della glicemia 23 miele, mentre le caramelle vanno scelte con attenzione non tutte influenzano la glicemia con la velocità necessaria. Se i sintomi sono importanti e possono interferire con una veloce e corretta misurazione della glicemia (tremito alle mani, ansia, difficoltà nella visione) è meglio prima intervenire e poi eventualmente misurare la glicemia. Se la glicemia resta molto bassa (sotto i mg/dl) si può ripetere l assunzione di zuccheri semplici e il controllo deve essere ripetuto finché non si rileva un valore glicemico vicino al valore ideale. Se è sotto il valore ideale ma non così bassa si possono assumere carboidrati complessi (per esempio del pane). Correggere un ipoglicemia non grave è semplice. Ma spesso la conseguenza è una glicemia altalenante durante tutta la giornata. È quindi necessario ripetere spesso le misurazioni della glicemia. IPOGLICEMIE SEVERE Se non si interviene per tempo, può succedere che la reazione del cervello all ipoglicemia renda impossibile alla persona con diabete agire in modo da correggerla. Nel caso più grave la persona può non essere più capace di deglutire lo zucchero o la bevanda dolce. In questi casi è necessario ricorrere al glucagone. Una persona con frequenti ipoglicemie o che ha perso la capacità di avvertire i sintomi premonitori, dovrebbe avere sempre con sé una siringa di glucagone. Queste siringhe sono già pronte all uso e sono comunque disponibili in molte farmacie. L iniezione dovrebbe avvenire sottocute nell addome (come avviene con l insulina) ma può essere anche intramuscolare o endovenosa. Il glucagone provoca, nel giro di pochi minuti, un aumento di mg/dl della glicemia. Al termine di una crisi ipoglicemica seria, è necessario farsi portare presso un Pronto Soccorso e poi contattare il proprio Team diabetologico. È importante segnare sul proprio diario le possibili cause e la dinamica della crisi ipoglicemica.

26 24 Alti e bassi della glicemia Le possibili cause di ipoglicemia 1. terapia Prematura correzione postprandiale di una glicemia elevata. Eccessiva correzione di una iperglicemia (dose di insulina eccessiva rispetto ai carboidrati assunti). Errore nella posologia del farmaco orale. 2. Alimentazione Ritardare troppo un pasto. Assunzione di un insufficiente quantità di carboidrati per un bolo di insulina preiniettato. Eccessivo ritardo nell assunzione dell alimento dopo l iniezione di insulina. Disturbi alimentari. Digestione rallentata. Vomito o nausea. 3. Attività fisica L attività fisica riduce il bisogno di insulina da parte dell organismo. La dose di insulina deve essere pertanto adeguata secondo consiglio del medico. 4. Consumo di alcol Un ipoglicemia grave può essere causata da un consumo di alcol eccessivo. L alcol impedisce al fegato di compensare una glicemia bassa e di formare nuove riserve di glucosio. L ipoglicemia può manifestarsi anche 30 ore dopo il consumo di alcol. 5. Disturbi della funzionalità renale Un danno renale può ridurre l eliminazione di farmaci ipoglicemizzanti e prolungarne la durata d azione.

27 Alti e bassi della glicemia 25 Come prevenire le ipoglicemie L intervallo di tempo compreso fra la comparsa dei primi sintomi di ipoglicemia e la perdita di conoscenza può essere molto breve. È perciò importante osservare le seguenti raccomandazioni. Rispettare il programma dei pasti (in particolare le quantità di carboidrati) che è stato concordato con il proprio medico. Assicurarsi che l intervallo fra l iniezione e il pasto sia corretto Se si ha intenzione di praticare attività fisica, ridurre per tempo il dosaggio di insulina e tenere a portata di mano una riserva di carboidrati durante e dopo tale attività. Se si ha il dubbio che potrebbe verificarsi un ipoglicemia (per esempio è stato omesso un pasto), è necessario misurare più spesso il proprio livello di glucosio. Se il livello di glucosio nel sangue è generalmente basso, è consigliabile consultare il proprio medico riguardo alla terapia insulinica. Portare sempre con sé uno spuntino per le emergenze, per esempio tavolette/caramelle di zucchero o una bevanda zuccherata. Portare sempre con sé la tessera che attesta di essere diabetici. Se si manifestano spesso episodi di ipoglicemia gravi, è necessario tenere sempre a portata di mano il kit di emergenza con glucagone e spiegare ai propri parenti e amici come iniettarlo in caso di emergenza. È importante ricordare che un ipoglicemia è frequentemente la conseguenza di un errore. Se le cause di questo errore vengono identificate, l esperienza spiacevole dell ipoglicemia diviene un passo nel percorso di una gestione sempre migliore del diabete; se invece non si risale alle cause si rischia di trovarsi in una situazione analoga nel futuro.

28 26 Alti e bassi della glicemia Quando è difficile intervenire prima Ogni persona ha i suoi sintomi di ipoglicemia. Questi possono però variare nel corso del tempo. Varia anche il livello a partire dal quale l organismo inizia ad avvertire i segnali. Se le ipoglicemie sono frequenti, il cervello si abitua al calo di zucchero nel sangue e non fa scattare quella serie di reazioni che si avvertono sotto forma di fame, nervosismo, sudore tremito o quant altro. Questo non significa che il cervello sia diventato immune alle ipoglicemie. Tutt altro. Perdendo la capacità di avvertire in anticipo la situazione, la persona con diabete si accorge della crisi ipoglicemica quando questa è già seria e inizia ad avere difficoltà nel formulare pensieri chiari e agire di conseguenza. Chi si trova in questa situazione definita ridotta sensibilità all ipoglicemia deve quindi: avere sempre con sé dello zucchero aumentare i controlli della glicemia avere sempre a portata di mano una fiala di glucagone. Frequenti ipoglicemie rendono necessario rivedere lo schema insulinico: la ridotta sensibilità all ipoglicemia è una delle indicazioni per il passaggio al microinfusore. Se si riesce a passare qualche settimana senza crisi ipoglicemiche la sensibilità ai sintomi premonitori della glicemia aumenta nuovamente.

29 Note Alti e bassi della glicemia 27

30 28 Alti e bassi della glicemia Note

31

32 Experience what s possible. Impegnata per un ambiente migliore, Roche utilizza carta riciclata. Roche Diagnostics S.p.A. I Monza (MI)

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Il monitoraggio Il principale strumento per monitorare l

Dettagli

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA È importante sapere come comportarsi in caso di malattia. Evitate le situazioni a rischio e stabilite preventivamente le regole da seguire. Ricordate:

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA. M.Grazia Fabbri VdS ROMA NORD

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA. M.Grazia Fabbri VdS ROMA NORD Crisi epilettiche Crisi ipoglicemiche CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA M.Grazia Fabbri VdS ROMA NORD Obiettivi Imparare a conoscere i diversi tipi: 2.CRISI EPILETTICHE 3.CRISI IPOGLICEMICHE

Dettagli

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna DISTURBI METABOLICI Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna IL PANCREAS Funzione esocrina: supporto alla digestione Funzione endocrina: produzione di due ormoni: insulina e glucagone I due

Dettagli

GESTIONE DEL DIABETE A SCUOLA

GESTIONE DEL DIABETE A SCUOLA GESTIONE DEL DIABETE A SCUOLA A cura di: Elena Bianchera -assistente sanitaria Clotilde Chiozza -medico Cecilia Donzelli - medico Monica Toselli - infermiera professionale GESTIONE DEL DIABETE A SCUOLA

Dettagli

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna DISTURBI METABOLICI Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna IL PANCREAS Funzione esocrina: supporto alla digestione Funzione endocrina: produzione di due ormoni: insulina e glucagone I due

Dettagli

Alcune cose da tenere a mente su esercizio fisico e glicemia

Alcune cose da tenere a mente su esercizio fisico e glicemia DIABETE E SPORT È consentito a chi ha il diabete di fare sport? Certo! Non solo è permesso, ma vivamente consigliato. L attività fisica, assieme all alimentazione e ai trattamenti farmacologici, è uno

Dettagli

L ipoglicemia COME RICONOSCERLA E COSA FARE? Lingua Italiana

L ipoglicemia COME RICONOSCERLA E COSA FARE? Lingua Italiana L ipoglicemia COME RICONOSCERLA E COSA FARE? Lilly Cos è l ipoglicemia? L ipoglicemia si verifica quando il valore dello zucchero nel sangue è uguale o inferiore a 70mg/dl. L ipoglicemia è sempre gestibile;

Dettagli

COSA È E COME SI USA Lingua Italiana

COSA È E COME SI USA Lingua Italiana L ABC dell insulina COSA È E COME SI USA Lilly Perché devo fare l insulina? Nella maggior parte dei casi il Diabete tipo 2 si cura con i farmaci antidiabetici orali, oltre che con la dieta e l esercizio

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE

DIABETE GESTAZIONALE DIABETE GESTAZIONALE SOMMARIO DEFINIZIONE 03 PERCHÈ VIENE IL DIABETE GESTAZIONALE E COME GESTIRLO 04 COME CONTROLLARE IL DIABETE 06 UN CORRETTO STILE DI VITA 08 DALLA NASCITA DEL BAMBINO IN POI 10 DEFINIZIONE

Dettagli

VIAGGI SICURI * CON VALORI SICURI. Diabete e guida

VIAGGI SICURI * CON VALORI SICURI. Diabete e guida VIAGGI SICURI * CON VALORI SICURI Diabete e guida Diabete e guida: qual è il problema? Se è vero che le persone con diabete non causano più incidenti del normale automobilista medio, il diabete è per loro

Dettagli

Il bambino con il diabete a scuola: informazioni utili per il personale docente.

Il bambino con il diabete a scuola: informazioni utili per il personale docente. Il bambino con il diabete a scuola: informazioni utili per il personale docente. a cura di Giuseppe Chiumello con la collaborazione di Riccardo Bonfanti, Franco Meschi e Matteo Viscardi Centro Regionale

Dettagli

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo!

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo! Somministrazione Insulina - Dossier INFAD Diabete: Conoscerlo per gestirlo! GENERALITA Secondo l ISS il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue

Dettagli

Se il mio alunno avesse il diabete

Se il mio alunno avesse il diabete Se il mio alunno avesse il diabete Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma Azienda Ospedaliero - Universitaria di Parma Ufficio XIII Ambito territoriale per la provincia di Parma 1 Questo opuscolo nasce

Dettagli

Che cos è il Diabete. Cause e conseguenze. Lingua Italiana

Che cos è il Diabete. Cause e conseguenze. Lingua Italiana Che cos è il Diabete Cause e conseguenze. Lilly Cos è il Diabete Il Diabete Mellito è una malattia frequente che dura tutta la vita. In Italia ci sono 3 milioni e mezzo di persone con Diabete, a cui vanno

Dettagli

CAUSE E CONSEGUENZE. Lingua Italiana

CAUSE E CONSEGUENZE. Lingua Italiana Che cos è il Diabete CAUSE E CONSEGUENZE. Lilly Cos è il Diabete Il DIABETE MELLITO è una malattia frequente che dura tutta la vita. In Italia ci sono 3 milioni e mezzo di persone con Diabete, a cui vanno

Dettagli

DIABETE E AUTOCONTROLLO

DIABETE E AUTOCONTROLLO DIABETE E AUTOCONTROLLO Sì, gestire il diabete è possibile. Il monitoraggio della glicemia fa parte della terapia generale del diabete. Grazie all autocontrollo, potete misurare il livello di glicemia

Dettagli

Nausea e vomito da chemioterapia

Nausea e vomito da chemioterapia Nausea e vomito da chemioterapia La nausea e il vomito sono tra gli effetti collaterali più temuti dai soggetti che devono sottoporsi a una chemioterapia per un tumore perché hanno un grande impatto sulla

Dettagli

L ipoglicemia IPOGLICEMIA LIEVE

L ipoglicemia IPOGLICEMIA LIEVE L ipoglicemia L ipoglicemia è la più comune complicanza acuta associata al diabete. La maggioranza dei diabetici curati con insulina fa l esperienza d frequenti ipoglicemie lievi. Circa il 10% presentano

Dettagli

area vasta n. Il diabete va a scuola

area vasta n. Il diabete va a scuola area vasta n. Il diabete va a scuola guida informativa INTRODUZIONE Questa breve Guida Informativa è dedicata al personale scolastico e ha l obiettivo di fornire un supporto utile per gli alunni che hanno

Dettagli

controllo metabolico ottimale

controllo metabolico ottimale IL DIABETE MELLITO Il diabete è una malattia cronica caratterizzata da iperglicemia E dovuto ad una carenza assoluta di insulina dovuta alla distruzione autoimmune delle cellule beta pancreatiche Il diabete

Dettagli

DIABETE DI TIPO 1 Breve guida per genitori e bambini

DIABETE DI TIPO 1 Breve guida per genitori e bambini DIABETE DI TIPO 1 Breve guida per genitori e bambini Guida per conoscere ed affrontare serenamente il diabete di tipo 1 all esordio sommario Controllo glicemico 04 Cos è l emoglobina glicata (HbA1C)? 05

Dettagli

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete Diabete Mellito Il Diabete mellito è una comune malattia endocrina causata da una carenza relativa o assoluta di insulina. L'insulina è un ormone prodotto da particolari cellule del pancreas (cellule beta)

Dettagli

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA DIABETE MELLITO Il diabete mellito è la più comune malattia endocrina: 1-2% della popolazione E caratterizzato da : -alterazione del metabolismo del glucosio -danni a diversi organi Complicanze acute:

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera MALORI IMPROVVISI PERDITE DI SENSI MALORI DOVUTI A DISTURBI DEL S.N. MALORI PER CAUSE AMBIENTALI 1. Perdite di coscienza transitorie Lipotimia (debolezza con o senza perdita coscienza) Sincope (improvvisa

Dettagli

Guida Accu-Chek Squilibri metabolici nelle persone con diabete: una situazione a rischio.

Guida Accu-Chek Squilibri metabolici nelle persone con diabete: una situazione a rischio. Guida Accu-Chek Squilibri metabolici nelle persone con diabete: una situazione a rischio. Cara lettrice, caro lettore, Indice nelle persone affette da diabete si possono sempre verificare pericolosi squilibri

Dettagli

Cosa è il diabete mellito

Cosa è il diabete mellito Cosa è il diabete mellito Il diabete mellito è una malattia a carico del metabolismo. L'origine del nome diabete mellito è greca, e fa riferimento alla caratteristica del miele di essere particolarmente

Dettagli

BD Medical - Diabetes Care. Ipoglicemia. 06_Ipoglicemia.indd 1 29-10-2009 17:11:51

BD Medical - Diabetes Care. Ipoglicemia. 06_Ipoglicemia.indd 1 29-10-2009 17:11:51 BD Medical - Diabetes Care Ipoglicemia 06_Ipoglicemia.indd 1 29-10-2009 17:11:51 Indice L ipoglicemia: cos è? L ipoglicemia: come riconoscerla? Ipoglicemia: cosa la provoca? E come si previene? Ipoglicemia:

Dettagli

Il DMT1 costituisce una delle malattie croniche più frequenti e l endocrinopatia più frequente in età pediatrica

Il DMT1 costituisce una delle malattie croniche più frequenti e l endocrinopatia più frequente in età pediatrica Il DMT1 costituisce una delle malattie croniche più frequenti e l endocrinopatia più frequente in età pediatrica In Pediatria: DMT1 90% DMT2 10% (femmine in peri-pubertà, obese) rari MODY(Maturity Onset

Dettagli

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE LA COLAZIONE IDEALE Recenti statistiche attribuiscono ad una alimentazione scorretta la causa principale di diverse patologie nel mondo Noi siamo quello che mangiamo Alcuni fatti... L 86% dei decessi,

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

Aspetti clinici e terapeutici. Carla Padovan

Aspetti clinici e terapeutici. Carla Padovan Aspetti clinici e terapeutici Carla Padovan ASS6 Diabete giovanile (insulino dipendente) Allergia/Anafilassi Crisi convulsive Malattia metabolica dovuta alla mancata produzione di insulina da parte del

Dettagli

COPIA. Neuropatia diabetica. «Il diabete può danneggiare il sistema nervoso!»

COPIA. Neuropatia diabetica. «Il diabete può danneggiare il sistema nervoso!» Neuropatia diabetica «Il diabete può danneggiare il sistema nervoso!» www.associazionedeldiabete.ch Per donazioni: PC 80-9730-7 Associazione Svizzera per il Diabete Association Suisse du Diabète Schweizerische

Dettagli

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA Ruolo fisiologico del calcio Omeostasi del calcio ASSORBIMENTO INTESTINALE DEL CALCIO OMEOSTASI GLICEMICA Il livello normale di glicemia? 90 mg/100 ml Pancreas

Dettagli

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Diabete Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Epidemiologia Popolazione mondiale affetta intorno al 5%

Dettagli

Questionario di valutazione della educazione sanitaria sulla malattia diabetica

Questionario di valutazione della educazione sanitaria sulla malattia diabetica 1 Questionario di valutazione della educazione sanitaria sulla malattia diabetica Data / / Studio No RND NB: Si prega di mettere un pallino nella casella usando la matita che vi viene consegnata Questionario

Dettagli

DIRETTORE DR.SSA LUCIA RICCI TEL. 0575/255408-255347 INSULINA

DIRETTORE DR.SSA LUCIA RICCI TEL. 0575/255408-255347 INSULINA NSULNA L NSULNA viene somministrata sottocute tramite iniezioni con apposite siringhe monouso o penne da insulina. COME S CONSERVA L NSULNA? L insulina di scorta si conserva nella parte bassa del frigo

Dettagli

diabete Informazioni per la scuola A cura del gdm1 (Gruppo Diabete Mellito tipo1)

diabete Informazioni per la scuola A cura del gdm1 (Gruppo Diabete Mellito tipo1) Anche i bambini possono avere il diabete Informazioni per la scuola A cura del gdm1 (Gruppo Diabete Mellito tipo1) Quello che il personale scolastico deve sapere sullo studente con diabete E molto importante

Dettagli

adms 2. Conoscere il significato della diagnosi di ipoglicemia e la sintomatologia correlata ad essa

adms 2. Conoscere il significato della diagnosi di ipoglicemia e la sintomatologia correlata ad essa Lezione 11 Obiettivi da raggiungere alla fine della lezione Cosa sapere: 1. Conoscere la definizione e i limiti dell ipoglicemia 2. Conoscere il significato della diagnosi di ipoglicemia e la sintomatologia

Dettagli

Il decalogo del diabetico. L Ipoglicemia

Il decalogo del diabetico. L Ipoglicemia I L Ipoglicemia L ipoglicemia è la più frequente complicanza acuta della terapia del diabete mellito tipo 1 (insulino-dipendente) e lievi sintomi di ipoglicemia sono considerati un prezzo inevitabile del

Dettagli

TARGET Un gioco sulla conoscenza del diabete per tutte le età

TARGET Un gioco sulla conoscenza del diabete per tutte le età TARGET Un gioco sulla conoscenza del diabete per tutte le età Da Sandra J. Hollenberg - Tradotto da Elena Ascari by Sandra J. Hollenberg www.grandmasandy.com Suggerimenti per il download: Questa prima

Dettagli

PERCHE DIABETE MELLITO?

PERCHE DIABETE MELLITO? PERCHE DIABETE MELLITO? La definizione di Diabete Mellito la si deve al medico inglese Willis, che nella seconda metà del XVIII secolo, scoprì, assaggiando l urina dei diabetici, che essa era dolce come

Dettagli

Il diabete gestazionale

Il diabete gestazionale Il diabete gestazionale informazioni per la gestante Cosa è il diabete gestazionale? Con il termine di diabete gestazionale (DG) si definisce un disordine della regolazione del glucosio di entità variabile,

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

Impara a riconoscere i segni e i fattori di rischio del diabete

Impara a riconoscere i segni e i fattori di rischio del diabete Diabete anche loro possono ammalarsi Impara a riconoscere i segni e i fattori di rischio del diabete Il diabete Il diabete mellito è una malattia caratterizzata da un aumento dei livelli di zucchero (glucosio)

Dettagli

L autocontrollo come strumento di terapia

L autocontrollo come strumento di terapia SOC di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo Associazione Friulana Famiglie Diabetici L autocontrollo come strumento di terapia Dott.ssa Laura Tonutti Controllo significa da una parte dominio, governo

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

Informazioni e consigli per gli insegnati sulla gestione del bambino con diabete a scuola

Informazioni e consigli per gli insegnati sulla gestione del bambino con diabete a scuola Informazioni e consigli per gli insegnati sulla gestione del bambino con diabete a scuola Federazione Regionale Associazioni Toscane Diabetici in collaborazione con RETE REGIONALE PEDIATRIA SPECIALISTICA

Dettagli

DESG Teaching Letter 1

DESG Teaching Letter 1 DESG Teaching Letter 1 IPOGLICEMIZZANTI ORALI I pazienti affetti da diabete mellito non-insulino-dipendente sono generalmente meno informati e meno motivati sul trattamento del loro disturbo metabolico

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

Informazioni per la scuola

Informazioni per la scuola A.G.D. Informazioni per la scuola 1 Quello che il personale scolastico deve sapere sullo studente con diabete E molto importante che il personale scolastico sia a conoscenza che uno degli allievi è diabetico

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

COS E IL DIABETE. Il diabete questo mondo sconosciuto:

COS E IL DIABETE. Il diabete questo mondo sconosciuto: ASSOCIAZIONE DIABETICI DEL MEDIOBRENTA AULSS n.15 C.A.D. - Cittadella 35013 (Zona Pontarolo) Tel.049/9424646 Cod. Fisc. 90003450286 Associazione di Volontariato Sanitario 2 COS E IL DIABETE Il diabete

Dettagli

La minaccia nascosta. Smascherare i pericoli del diabete e del colesterolo alto

La minaccia nascosta. Smascherare i pericoli del diabete e del colesterolo alto La minaccia nascosta Farmacia Ferrari Dott.ssa Teresa Via A. Manzoni 215/A - 80123 - NAPOLI tel. 081.5755329 - fax 081.19722793 Cod. Fiscale FRRTRS35L67F839O Partita IVA 00686520636 http://www.farmaciaferrari.altervista.org

Dettagli

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C ALLEGATO 5 Cod. paz.: Data compilazione / / Centro Clinico QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C Lo scopo di questa ricerca è quello di comprendere meglio i problemi legati all assunzione

Dettagli

CONGRESSO REGIONALE FADOI ANìMO PUGLIA

CONGRESSO REGIONALE FADOI ANìMO PUGLIA CONGRESSO REGIONALE FADOI ANìMO PUGLIA BISCEGLIE, 22-23 NOVEMBRE 2013 L IMPORTANZA DELL EDUCAZIONE ALLA LUCIA METTA ASLBAT La gestione del paziente diabetico alla dimissione è un punto di partenza cruciale

Dettagli

Dipartimento Cure Primarie. U.O. Aziendale Pediatria di Comunità. Diabete e scuola. Informazioni utili

Dipartimento Cure Primarie. U.O. Aziendale Pediatria di Comunità. Diabete e scuola. Informazioni utili Dipartimento Cure Primarie U.O. Aziendale Pediatria di Comunità Diabete e scuola Informazioni utili Dipartimento Cure Primarie U.O. Aziendale Pediatria di Comunità Diabete e scuola Informazioni utili Il

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

Ruolo della tecnologia nella gestione del diabete

Ruolo della tecnologia nella gestione del diabete Ruolo della tecnologia nella gestione del diabete Valeria Grancini U.O. Endocrinologia e Malattie del Metabolismo Servizio di Diabetologia Fondazione IRCCS Ca Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano

Dettagli

Il diabete e il tuo cuore

Il diabete e il tuo cuore Il diabete e il tuo cuore LAVORIAMO INSIEME PER PROTEGGERE LA TUA VITA A proposito del diabete Se hai il diabete - un livello elevato di glucosio, o zuccheri nel sangue - hai un rischio elevato di malattia

Dettagli

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE SOMMARIO 7 L IMPORTANZA DEL COLON 11 UN ORGANO CON FUNZIONI VITALI 12 La fisiologia 20 La visione psicosomatica 36 L alimentazione 40 I rimedi naturali 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È

Dettagli

la gestione del rischio

la gestione del rischio L AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO (SMBG) COME VALUTAZIONE E APPLICAZIONE DI UNA TECNOLOGIA SANITARIA Un opportunità di miglioramento della clinical competence per il diabetologo, attraverso la valorizzazione

Dettagli

IPOGLICEMIA/IPERGLICEMIA IN OSPEDALE: GESTIONE INFERMIERISTICA

IPOGLICEMIA/IPERGLICEMIA IN OSPEDALE: GESTIONE INFERMIERISTICA IPOGLICEMIA Bellini Elisa Azienda Ospedaliera Sant'Anna - Como Presidio Ospedaliero Cantù-Mariano Comense Struttura di Mariano Comense Direttore della scuola formatori OSDI COMO 14 15 GIUGNO 2013 HOTEL

Dettagli

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Legga attentamente questo foglio prima di usare questo medicinale perché

Dettagli

AGD LECCO ONLUS ASSOCIAZIONE LECCHESE PER L AIUTO AI GIOVANI CON DIABETE ONLUS

AGD LECCO ONLUS ASSOCIAZIONE LECCHESE PER L AIUTO AI GIOVANI CON DIABETE ONLUS AGD LECCO ONLUS ASSOCIAZIONE LECCHESE PER L AIUTO AI GIOVANI CON DIABETE ONLUS SENIOR CAMP 2014 QUESTIONARIO MEDICO INFORMAZIONI GENERALI Dati del partecipante Cognome.. Nome Nato il.. Luogo di nascita

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA. Crisi ipoglicemiche. CROCE ROSSA ITALIANA - a cura del Capo Monitore V.d.S.

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA. Crisi ipoglicemiche. CROCE ROSSA ITALIANA - a cura del Capo Monitore V.d.S. CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA Crisi ipoglicemiche CROCE ROSSA ITALIANA - a cura del Capo Monitore V.d.S. Iannozzi Emanuela CRISI IPOGLICEMICHE La costanza della glicemia è necessaria

Dettagli

IL DIABETE GESTAZIONALE

IL DIABETE GESTAZIONALE IL DIABETE GESTAZIONALE dott.ssa Annamaria Nuzzi Ambulatorio Diabete e Gravidanza S.S.D. Diabetologia e Malattie del Metabolismo A.S.L. CN2 sede di Alba e Canale Resp.. Dott.ssa A. Rosatello COS E IL DIABETE

Dettagli

La Febbre: Info per i genitori. Calvani Mauro e Laura Reali

La Febbre: Info per i genitori. Calvani Mauro e Laura Reali La Febbre: Info per i genitori Calvani Mauro e Laura Reali 1. A cosa serve la febbre? La febbre èun importante e benefico meccanismo di difesa con cui il tuo bambino si difende dai germi che entrano nel

Dettagli

Corso di Formazione per Diabetico Guida

Corso di Formazione per Diabetico Guida Corso di Formazione per Diabetico Guida Wall Art Hotel - Viale della Repubblica 4/6/8 - Prato 12-13 Aprile Area Vasta Centro Responsabile Scientifico Dott.ssa Maria Calabrese Direttrice dell U.O. di Diabetologia

Dettagli

SCUOLA E DIABETE S.I.E.D.P. supporto multimediale per l informazione del personale scolastico

SCUOLA E DIABETE S.I.E.D.P. supporto multimediale per l informazione del personale scolastico Percorso dedicato al personale docente Quali responsabilità mi assumo? L insegnante non ha responsabilità medico-sanitarie. Poiché un bambino con diabete di tipo 1 ha le stesse esigenze generali ed educazionali

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

perchè vengono, QUali sono, Come possiamo evitarle lingua italiana

perchè vengono, QUali sono, Come possiamo evitarle lingua italiana Le complicanze perchè vengono, QUali sono, Come possiamo evitarle lilly Le cause delle complicanze Il diabete è una malattia cronica caratterizzata da elevati valori di zucchero nel sangue, elevata glicemia,

Dettagli

Gruppo di lavoro della SSED, della ASD e della SSML R.Lehmann, M. Egli, D. Fischer, H.U. Iselin, V. Pavlicek, R. Schinz, T. Weng, R.

Gruppo di lavoro della SSED, della ASD e della SSML R.Lehmann, M. Egli, D. Fischer, H.U. Iselin, V. Pavlicek, R. Schinz, T. Weng, R. Gruppo di lavoro della SSED, della ASD e della SSML R.Lehmann, M. Egli, D. Fischer, H.U. Iselin, V. Pavlicek, R. Schinz, T. Weng, R. Seeger Direttive concernenti l idoneità alla guida e la capacità di

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Autocontrollo glicemico domiciliare

Autocontrollo glicemico domiciliare AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA Dipartimento Strutturale Aziendale Medicina UOC Malattie del Metabolismo Direttore: Prof. Dott. Angelo Avogaro Autocontrollo glicemico domiciliare 2 2 Indice: Premessa....

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI ESISTE UNO STRETTO RAPPORTO TRA CONTROLLO GLICOMETABOLICO E OUTCOME MATERNO FETALE. L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO

Dettagli

L ALCOLISMO. Un problema risolvibile

L ALCOLISMO. Un problema risolvibile L ALCOLISMO Un problema risolvibile MAPPA INTRODUZIONE DIPENDENZA PERCHÈ SI ABUSA? ASPETTI SOCIALI 1. GIOVANILE 2. VIOLENZA TERAPIE ASSOCIAZIONI UTILI L ALCOLISMO INTRODUZIONE È LA PIÙ ANTICA E DIFFUSA

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

Corsi di Formazione per Diabetico Guida

Corsi di Formazione per Diabetico Guida Corsi di Formazione per Diabetico Guida Hotel Mercure Siena Degli Ulivi - Via A. Lombardi n. 41 - SIENA 24-25 maggio Area Vasta Sud Est Responsabile Scientifico Dott. Francesco Dotta Direttore Unità Operativa

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE STUCCHI, REGUZZONI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE STUCCHI, REGUZZONI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2548 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI STUCCHI, REGUZZONI Disposizioni per assicurare l informazione dei consumatori sul livello

Dettagli

Diabete e situazioni particolari

Diabete e situazioni particolari Diabete e situazioni particolari MALATTIE, VIAGGI E FESTE Lilly Che succede se mi ammalo? Quando si è ammalati è necessario curarsi con attenzione per evitare complicanze o un aumento della glicemia. QUALUNQUE

Dettagli

IL PAZIENTE PEDIATRICO DMT1

IL PAZIENTE PEDIATRICO DMT1 IL PAZIENTE PEDIATRICO DMT1 Inf.Loredana Guidozzi Centro Regionale di Riferimento per la Diabetologia Pediatrica Responsabile Dott.ssa S. Toni EDUCAZIONE TERAPEUTICA : L Educazione Terapeutica nasce negli

Dettagli

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE CAPITOLO 5_e 1 OBIETTIVI DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE IDENTIFICARE I SEGNI DI GRAVITÀ E LE MANOVRE DI SOSTEGNO 2 ALTRE PATOLOGIE

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

INDICAZIONI GENERALI PER LA LA GESTIONE DELLA CRISI EPILETTICA PROLUNGATA A SCUOLA

INDICAZIONI GENERALI PER LA LA GESTIONE DELLA CRISI EPILETTICA PROLUNGATA A SCUOLA INDICAZIONI GENERALI PER LA LA GESTIONE DELLA CRISI EPILETTICA PROLUNGATA A SCUOLA 1. MANIFESTAZIONI DELLA CRISI EPILETTICA La maggior parte delle crisi in persone con epilessia nota non rappresenta una

Dettagli

Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia

Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia Contributo non condizionato: Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia Giovedì 5 marzo 2015 presso HOTEL EUROPA Best Western Lungomare Zara, 57, 64021 Giulianova TE L incontro inizierà alle 20.30.

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Ho mal di stomaco Che cosa è la dispepsia INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 24-0 05/09/2012 INDICE Cos è? 4 Come si riconosce? 5 La dispepsia

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 3 Argomento BIMBI IN FORMA, SERVE UN GIRO DI VITA. Sapevate che in Italia i minori in sovrappeso o in condizioni di obesità

Dettagli

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Pazienti in trattamento sostitutivo della funzione renale (USL 7 Zona Valdichiana) N Dialisi extracorporea 40 Dialisi peritoneale 10 Trapianto attivo

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Caso clinico 2. Pz. di 50 anni, obeso (IMC: 32Kg/mq) Familiarità per diabete mellito. Asintomatico. Glicemia plasmatica di 130 mg/dl.

Caso clinico 2. Pz. di 50 anni, obeso (IMC: 32Kg/mq) Familiarità per diabete mellito. Asintomatico. Glicemia plasmatica di 130 mg/dl. Caso clinico 1 Pz di 15 anni, di sesso femminile, lievemente sottopeso (IMC: 18Kg/mq). Manifesta nausea, vomito, dolori addominali, poliuria, polidipsia e dispnea. Nel giro di poche ore, manifesta obnubilamento

Dettagli

Il diabete: aspetti medico-legali, psicologici e sociali

Il diabete: aspetti medico-legali, psicologici e sociali Il diabete: aspetti medico-legali, psicologici e sociali Giordana Fauci IL DIABETE: ASPETTI MEDICO-LEGALI, PSICOLOGICI E SOCIALI www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Giordana Fauci Tutti i diritti

Dettagli

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati Dott.ssa D. Piccolo Come mai il cattivo controllo glicemico è tanto frequente tra i pazienti ospedalizzati? Le informazioni disponibili sul grado

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

Corso di Formazione per Diabetico Guida

Corso di Formazione per Diabetico Guida Corso di Formazione per Diabetico Guida NH Grand Hotel Palazzo - Viale Italia 195 - Livorno 5-6 Aprile Area Vasta Nord Ovest Responsabile Scientifico Dott. Graziano Di Cianni Direttore dell U.O. di Diabetologia

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Vivere con il diabete

Vivere con il diabete Vivere con il diabete Vivere con il diabete Non è facile raccontare le sensazioni che una persona, affetta da diabete di tipo 2, provi nel corso della sua vita di ammalato cronico. Cercherò di spiegarle

Dettagli

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione Antidiabetici ANTIDIABETICI Totale: 33 ANTIDIABETICI 427 441 518 586 651 668 718 942 952 1072 1082 1092 1102 1112 1122

Dettagli