Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese"

Transcript

1 in collaborazione con: Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese Indagine sulla tessitura conto terzi

2 RICERCA SULLA FILIERA TESSILE DEL DISTRETTO PRATESE Indagine sulle aziende di tessitura conto terzi (tessuti ortogonali) SINTESI DEI RISULTATI Prato, 9 maggio 2014 Indice Area di riferimento (distretto tessile esteso) e imprese coinvolte A. Quadro generale B. Proprietà e controllo C. Competitività e modelli relazionali committenti-terzisti D. Patrimonio tecnico/produttivo e lavorazioni E. Successione imprenditoriale, risorse umane e tecniche F. Prospettive e visione imprenditoriale - 2 -

3 Area di riferimento (distretto tessile esteso) e imprese coinvolte 3 Area di riferimento (distretto tessile esteso) e imprese coinvolte N. Aziende di riferimento: N. Aziende intervistate: Tasso di copertura: ,3% In questa fase del progetto, non sono state presi in esame gli impianti di tessitura interni ai lanifici. (Un approfondimento sarà effettuato nelle fasi del progetto in cui saranno coinvolte le aziende produttrici di tessuti) 4-3 -

4 A. Quadro generale A.01 L'AZIENDA E' STATA FORMALMENTE COSTITUITA DOPO IL 1 GENNAIO 2001? Anzianità media delle imprese: 23.4 anni 22 imprese «nuove» dal (come nuove iscrizioni in CCIAA) ma dal 2001 solo 10 imprese nate come «iniziativa imprenditoriale nuova e con nuove risorse» 3 imprese hanno 2 sedi produttive A01/A02/A03 5 A. Quadro generale A.04 L AZIENDA SVOLGE UNA ATTIVITA PRODUTTIVA Confermata la vocazione storica al «conto terzi» Tuttavia il 9% delle aziende opera anche in conto proprio La superficie coperta degli stabilimenti è in media di circa 420 mq 28 aziende (9,1%) dispongono di una superficie maggiore di 1000 mq Circa il 60% sono collocate in una zona industriale o artigianale (6 dichiarano che dovranno «sicuramente» trasferirsi, 24 lo ritengono «probabile») A04/A05/A06/

5 A. Quadro generale LE FORME GIURIDICHE DELLE IMPRESE Oltre la metà sono imprese individuali Circa 1 su 10 è una società di capitali Dati anagrafici 7 A. Quadro generale A.08 INDICARE IL FATTURATO Il fatturato aggregato è di circa 65 mil. di euro (265 risposte) Il fatturato medio per azienda è di euro Sul totale dell universo (346 imprese) si stima un fatturato aggregato di 85 mil. di euro A

6 A. Quadro generale Si rileva una forte polarizzazione interna al comparto. Quasi il 40% del fatturato aggregato è realizzato dal 6% delle imprese più grandi (il 57% del fatturato è realizzato dal 12% delle imprese, mentre il 50,7% delle imprese realizza appena l 11% del fatturato complessivo) A08 9 A. Quadro generale A.09 INDICARE IL N. DI DIPENDENTI (n. medio di dipendenti nell'anno) Il numero globale di dipendenti dichiarato nel 2012 è di 552 Quasi 6 imprese su 10 non hanno dipendenti 122 sono le imprese con dipendenti (media circa 4.5 dipendenti per azienda) Il numero totale degli addetti è di (media: 3.3 addetti per azienda) A09/E01/A10/

7 B. Proprietà e controllo Solo 6 aziende sono partecipate (2 da un gruppo tessile, 4 da una singola azienda tessile). Tutte le partecipazioni fanno capo ad aziende o gruppi locali B3.01 INDICARE SE LA PROPRIETA DELL AZIENDA Si conferma il carattere individuale o familiare della proprietà dell azienda 6 aziende su 10 sono «di famiglia» da almeno 2 generazioni In 5 casi vi sono partecipazioni di titolari non dell area pratese (2 dei quali di cittadinanza non italiana) B21-B26/B31/B32/B33 11 B. Proprietà e controllo B3.07 L'AZIENDA HA RICEVUTO NEGLI ULTIMI ANNI PROPOSTE DI PARTECIPAZIONE, AGGREGAZIONE O ACQUISIZIONE? 4 aziende tra quelle che hanno ricevuto proposte hanno avuto un fatturato nel 2012 superiore o uguale ad 1 mil. di euro 6 titolari su 10 non sarebbero comunque interessati B3.05/B3.056/B3.07/B

8 B. Proprietà e controllo Quasi 6 tessitori su 10 non ritengono percorribile la strada delle aggregazione Tra coloro che la vedono possibile, il 48.8% ritiene che ciò aumenterebbe il «potere contrattuale» nei confronti dei clienti, mentre il 29.3% individua come obiettivo principale «l incremento di efficienza e la riduzione dei costi». B3.09/B C. Competitività e modelli relazionali committenti-terzisti C.01 INDICARE IL PESO PERCENTUALE DELLE SEGUENTI TIPOLOGIE DI CLIENTI: (in % sul fatturato del 2012) Si conferma il forte radicamento distrettuale delle tessiture Quasi 9 su 10 operano esclusivamente con clienti locali Per le 39 aziende che operano anche con clienti nazionali fuori distretto, l incidenza media del fatturato «esterno» è in media pari al 36% (tra le prime province Biella e Como) Per le 7 aziende che operano con clienti internazionali, l incidenza media del fatturato estero è del 9.3% C01/C02/C

9 C. Competitività e modelli relazionali committenti-terzisti Gli intervistati ritengono che nel periodo , a livello di distretto, i volumi produttivi della tessitura pratese si siano praticamente dimezzati (-47.9%) C04/C05 15 C. Competitività e modelli relazionali committenti-terzisti Vi è una forte componente di stagionalità nell utilizzo degli impianti che risulta sensibilmente ridotta per il gruppo delle 16 aziende con fatturato più elevato 16 aziende con fatturato 2012 >= 1 mil. di euro C

10 C. Competitività e modelli relazionali committenti-terzisti Quasi 1 azienda su 4 è mono committente Oltre la metà delle imprese opera con 3 clienti o meno Il 15% ha più di 10 clienti C08 17 C. Competitività e modelli relazionali committenti-terzisti I rapporti coi clienti sono piuttosto stabili e in prevalenza sono valutati in termini collaborativi C11/C

11 C. Competitività e modelli relazionali committenti-terzisti I rapporti contrattuali sono in gran parte «non formalizzati» I tempi di incasso sono tipicamente entro i 90 giorni (rimasti stabili nel corso degli ultimi anni) Il 15.7% degli intervistati (48 aziende) dichiara di aver subito perdite su crediti di entità «grande» Tuttavia la fiducia nella correttezza dei clienti è bassa solo per il 13% C13/C14/C17 19 C. Competitività e modelli relazionali committenti-terzisti Per oltre 1/3 delle aziende i prezzi spuntati negli ultimi 3 anni sono «non remunerativi» Tra i fattori che hanno inciso negativamente sulla redditività: i fenomeni di «concorrenza sleale» interni (peso 3.7) e «perduranti eccessi di offerta» (peso 3.6) (su scala da 1 a 5) C20/C

12 C. Competitività e modelli relazionali committenti-terzisti Servizio e qualità sono i fattori di competitività ritenuti più rilevanti C22/C23 21 D. Patrimonio tecnico/produttivo e lavorazioni DT02 Stimando il n. di telai su 346 imprese si ottiene un totale di circa macchine

13 D. Patrimonio tecnico/produttivo e lavorazioni DT02 Le aziende di dimensioni maggiori hanno un parco macchine relativamente più giovane 23 D. Patrimonio tecnico/produttivo e lavorazioni L utilizzo tipico degli impianti è su 12 ore o su 2 turni ma nel corso dell anno vi possono essere variabilità significative in funzione dell andamento della domanda DT

14 D. Patrimonio tecnico/produttivo e lavorazioni DT04b Il contenuto di servizio (realizzazione dei campioni) risulta piuttosto elevato. Solo 43 imprese (il 15.2%) effettua esclusivamente produzione su commessa «normale» 25 D. Patrimonio tecnico/produttivo e lavorazioni DT.05 INDICARE LE SPECIALIZZAZIONI PRODUTTIVE PER TIPOLOGIA DI FILATO UTILIZZATO (rispetto alla quantità totale di tessuto prodotta nel 2012) Asse orizzontale: percentuale di imprese filato Asse verticale: percentuali di utilizzazione per tipo di DT

15 D. Patrimonio tecnico/produttivo e lavorazioni DT.05 INDICARE LE SPECIALIZZAZIONI PRODUTTIVE PER TIPOLOGIA DI FILATO UTILIZZATO (rispetto alla quantità totale di tessuto prodotta nel 2012) Si rileva una grande variabilità nell utilizzo del tipo di filato Solo il 16.6% delle imprese dichiara di utilizzare esclusivamente filato cardato Risultano elevate le quote di utilizzo di filati di cotone, di filati pettinati e di artificiali e sintetici In sintesi, lo spettro delle tipologie produttive coperte è molto ampio e per più di 6 aziende su 10 non è prevalente la tipologia laniera-cardata. DT05 27 D. Patrimonio tecnico/produttivo e lavorazioni Negli ultimi 5 anni la dinamica degli investimenti è stata complessivamente bassa 1 azienda su 5 ha effettuato investimenti consistenti in macchinari DT

16 D. Patrimonio tecnico/produttivo e lavorazioni Difficoltà a programmare e lotti piccoli sono i principali problemi nell organizzazione della produzione DT07/DT08 29 D. Patrimonio tecnico/produttivo e lavorazioni 4 aziende su 10 non effettuano in proprio la fatturazione Le comunicazioni coi committenti avvengono per telefono o di persona. Molto basso l utilizzo di e la diffusione di sistemi di controllo remoto DT12/DT

17 E. Successione imprenditoriale, riproduzione delle risorse umane e tecniche I titolari operativi in azienda sono 464 (valore medio circa 1,5 per azienda) L età media dei titolari è di 52 anni Il 53% dei dipendenti ha meno di 50 anni E02/ET01 31 E. Successione imprenditoriale, riproduzione delle risorse umane e tecniche Per oltre la metà degli intervistati, le prospettive aziendali sono negative. E03c

18 E. Successione imprenditoriale, riproduzione delle risorse umane e tecniche 3 aziende su 4 non hanno effettuato alcun inserimento di nuovi dipendenti nel corso degli ultimi anni In prospettiva dei prossimi 5 anni, l 84% delle imprese non prevede necessità di nuovi inserimenti ET02/ET03 Il 12% delle imprese che prevede inserimenti ritiene di risolvere il problema con figure presenti sul mercato 33 F. Prospettive e visione imprenditoriale Per 1 azienda su 5, la redditività negli ultimi 5 anni è stata «insufficiente» o «pesantemente negative» Il 14.6% ritiene inevitabile la cessazione dell attività nei prossimi 3 anni FT01/FT

19 F. Redditività per classi di fatturato La redditività è migliore per le aziende con fatturato più elevato Sotto euro vi sono le maggiori difficoltà FT01/FT02 35 F. Prospettive sul futuro dell azienda (per classi di fatturato) Più di 1/3 delle imprese di dimensioni maggiori ritiene che vi siano prospettive di sviluppo e di investimento 1/4 delle imprese più piccole ritiene inevitabile la cessazione dell attività (35 aziende) FT01/FT

20 F. Prospettive e visione imprenditoriale Per 6 tessitori su 10 la pesantezza della ristrutturazione è dipesa sia da fattori interni che esterni al distretto tra i fattori interni, il prevalente è individuato nella inadeguatezza della cultura imprenditoriale (47%) FT03/FT04 37 F. Prospettive e visione imprenditoriale Per il futuro, con riferimento al distretto, si avverte la necessità di profondi cambiamenti (35.1%) Il 33.1%, seppur in un trend di ulteriore ridimensionamento, ritiene che il distretto possa ancora avere un futuro Tuttavia, per quasi 3 tessitori su 10 le prospettive sono piuttosto negative FT

21 F. Prospettive e visione imprenditoriale Il 54.2% degli intervistati rileva la presenza di concorrenza internazionale sulla specializzazione del cardato Proveniente, in prevalenza, da Cina, Turchia e India FT05 39 F. Prospettive e visione imprenditoriale Il cardato è percepito come una tipologia di prodotto (e di specializzazione) in ulteriore flessione FT

22 F. Prospettive e visione imprenditoriale Il 56.7% prevede che nei prossimi 3 anni la capacità produttiva del distretto diminuisca ulteriormente (-30%) C07 41 F. Prospettive e visione imprenditoriale Il 58% ritiene che il modello distrettuale pratese sia ancora valido Tra il 42% che ritiene che il modello debba essere «adeguato» o «radicalmente cambiato» è prevalente la visione secondo cui si debba operare una «selezione reciproca tra clienti e terzisti» C18/C

RICERCA SULLA FILIERA TESSILE

RICERCA SULLA FILIERA TESSILE RICERCA SULLA FILIERA TESSILE QUESTIONARIO PER LE AZIENDE DELLA NOBILITAZIONE versione 1.5 (05.05.2014) ID_Azienda: DENOMINAZIONE: RILEVATORE: DATI ANAGRAFICI E GENERALI - IDENTIFICATIVI 0.1 CODICE FISCALE

Dettagli

Il Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese

Il Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese in collaborazione con: Il Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese Indagine sulla tessitura conto terzi Alcuni elementi di discussione e confronto RICERCA SULLA FILIERA TESSILE DEL DISTRETTO

Dettagli

DATI DI CONTESTO E ALCUNI ELEMENTI DI DISCUSSIONE. 11 Novembre 2013

DATI DI CONTESTO E ALCUNI ELEMENTI DI DISCUSSIONE. 11 Novembre 2013 Indagine sulle aziende di filatura cardata conto terzi DATI DI CONTESTO E ALCUNI ELEMENTI DI DISCUSSIONE Marika Macchi marika.macchi@unifi.it 11 Novembre 2013 Marika Macchi 11 Novembre 2013 1 / 13 Indice

Dettagli

Organizzazione e responsabilità

Organizzazione e responsabilità Agenda Settore Tessile Situazione congiunturale in Italia e in Europa Situazione congiunturale del settore tessile - produzione industriale - fatturato - occupazione - bilancia commerciale (esportazioni,

Dettagli

Introduzione: uno strumento completo 3. Il comparto delle costruzioni 4

Introduzione: uno strumento completo 3. Il comparto delle costruzioni 4 INDICE Introduzione: uno strumento completo 3 Il comparto delle costruzioni 4 Le aziende del comparto dell involucro edilizio 6 SERRAMENTISTI 7 COSTRUTTORI DI FACCIATE 9 L andamento del mercato 2011 SERRAMENTISTI

Dettagli

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 i principali indicatori A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Il contesto internazionale Stime

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

Osservatorio Professione Architetto nella Provincia di Como

Osservatorio Professione Architetto nella Provincia di Como Osservatorio Professione Architetto nella Provincia di Como L Osservatorio sul Mercato della Progettazione Architettonica realizzato dal Cresme per il Consiglio nazionale dell ordine degli Architetti,

Dettagli

Note per la lettura dei report

Note per la lettura dei report Note per la lettura dei report Report strutturali 0. IMPRESE REGISTRATE PER STATO DI ATTIVITÀ. ANNO 2012 E TASSO DI CRESCITA 2012 Contiene la distribuzione dell insieme delle imprese registrate, ovvero

Dettagli

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015.

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. Questa mattina, nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato il direttore, Massimo

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO 1. Caratteristiche dell impresa 2. Addetti e Fatturato 3. L impresa e il Territorio 4. L impresa e il Consorzio 1 -QUESTIONARIO

Dettagli

I MERCATI E LE SFIDE DELLA COMPETIZIONE Ricerca sul commercio su aree pubbliche in Emilia Romagna. Presentazione principali risultati

I MERCATI E LE SFIDE DELLA COMPETIZIONE Ricerca sul commercio su aree pubbliche in Emilia Romagna. Presentazione principali risultati I MERCATI E LE SFIDE DELLA COMPETIZIONE Ricerca sul commercio su aree pubbliche in Emilia Romagna Presentazione principali risultati Modena 12 Febbraio 2015 Metodo di analisi e obiettivi Utilizzare dati

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

Il comparto del nautico nelle province di Forlì-Cesena e Ravenna

Il comparto del nautico nelle province di Forlì-Cesena e Ravenna Il comparto del nautico nelle province di Forlì-Cesena e Ravenna Paolo Zurla Polo Scientifico-Didattico di Forlì - Università di Bologna 10 Gennaio 2007 Soggetti responsabili nella realizzazione dell indagine

Dettagli

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Rapporto di ricerca Luglio 2010 (Rif. 1215v110) Indice 2 Capitolo I - L andamento dell economia e del credito al consumo oggi pag. 3 Capitolo

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Cut Service. Innovare nell abbigliamento: migliorare i processi e le risorse umane. Treviso 9 Marzo 2007

Cut Service. Innovare nell abbigliamento: migliorare i processi e le risorse umane. Treviso 9 Marzo 2007 Cut Service Innovare nell abbigliamento: migliorare i processi e le risorse umane Treviso 9 Marzo 2007 Breve storia azienda Cut Service Le origini: Azienda fondata nel 89 Prima attività: Taglio Tessuti

Dettagli

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Rapporto di ricerca Ottobre 2011 (Rif. 1810v111) Indice 2 Capitolo I - La situazione attuale dei dealer e le previsioni per il prossimo futuro

Dettagli

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Armando De Crinito Direttore Generale Vicario DG Attività produttive, Ricerca e Innovazione Regione

Dettagli

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI Un decennio di profonde trasformazioni: l agricoltura Campana ha affrontato un periodo di grandi cambiamenti nello scenario socio-economico

Dettagli

L uomo e il mare. Le dinamiche di sviluppo del trasporto marittimo e l evoluzione del lavoro nel comparto Andrea Appetecchia. Roma, 21 Maggio 2014

L uomo e il mare. Le dinamiche di sviluppo del trasporto marittimo e l evoluzione del lavoro nel comparto Andrea Appetecchia. Roma, 21 Maggio 2014 L uomo e il mare Le dinamiche di sviluppo del trasporto marittimo e l evoluzione del lavoro nel comparto Andrea Appetecchia Roma, 21 Maggio 2014 I N D I C E Trasporto marittimo Evoluzione del trasporto

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Giornata di studio su W orkfare e W elfare

Giornata di studio su W orkfare e W elfare Provincia di Pordenone Settore Politiche del Lavoro e Programmazione Sociale Pensare Fare Partecipare Giornata di studio su W orkfare e W elfare Pordenone 03 febbraio 2009 Sala Consiliare della Provincia

Dettagli

Fabbisogni formativi delle Aziende aderenti ad Asstra, Federambiente e FederUtility

Fabbisogni formativi delle Aziende aderenti ad Asstra, Federambiente e FederUtility Fabbisogni formativi delle Aziende aderenti ad Asstra, Federambiente e FederUtility 31 Ottobre 2014 Indice Indice... 2 Indice delle Tabelle Sezione I Trasporto Pubblico Locale... 5 Indice delle Tabelle

Dettagli

APPENDICE RAPPORTO SULL ECONOMIA BERGAMASCA NEL 2008

APPENDICE RAPPORTO SULL ECONOMIA BERGAMASCA NEL 2008 APPENDICE RAPPORTO SULL ECONOMIA BERGAMASCA NEL 28 PROMOSSO DALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI BERGAMO E DALLA PROVINCIA DI BERGAMO EDIZIONE A CURA DELLA CAMERA DI COMMERCIO

Dettagli

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 1 % 40 35 30 25 20 15 10 5 0 % Ripartizione per classi dimensionali di fatturato

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Tenuta del consumo di prodotti per la cura del corpo e per il benessere personale. Anche nel periodo a cavallo tra il 2009 e i primi

Dettagli

ATTIVITÀ DI INDAGINE SUL FENOMENO DELLA CONTRAFFAZIONE

ATTIVITÀ DI INDAGINE SUL FENOMENO DELLA CONTRAFFAZIONE ATTIVITÀ DI INDAGINE SUL FENOMENO DELLA CONTRAFFAZIONE IMPRESE E CONSUMATORI FOCUS CALZATURE E OCCHIALI SINTESI La Direzione Generale per la lotta alla contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

CONGIUNTURA. Approfondimenti. Il commercio al dettaglio di articoli di cartoleria, cancelleria e materiali per l ufficio: un profilo statistico

CONGIUNTURA. Approfondimenti. Il commercio al dettaglio di articoli di cartoleria, cancelleria e materiali per l ufficio: un profilo statistico CONGIUNTURA Centro Studi Approfondimenti Il commercio al dettaglio di articoli di cartoleria, cancelleria e materiali per l ufficio: un profilo statistico Premessa Il commercio al dettaglio di articoli

Dettagli

Il sistema economico locale: industria e terziario

Il sistema economico locale: industria e terziario Capitolo 6 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 6 Il sistema economico locale: industria e terziario In questo capitolo sono presentati gli indicatori

Dettagli

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI COMUNICATO STAMPA PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI 2014 Cresce la propensione al risparmio. Le famiglie

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disposizioni in materia di etichettatura dei prodotti N. 1593 COTA, SIMONETTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disposizioni in materia di etichettatura dei prodotti N. 1593 COTA, SIMONETTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1593 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI COTA, SIMONETTI Disposizioni in materia di etichettatura dei prodotti Presentata il 31 luglio

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UD13U ATTIVITÀ 17.30.0 FINISSAGGIO DEI TESSILI

STUDIO DI SETTORE UD13U ATTIVITÀ 17.30.0 FINISSAGGIO DEI TESSILI STUDIO DI SETTORE UD13U ATTIVITÀ 17.30.0 FINISSAGGIO DEI TESSILI Settembre 2007 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore TD13U Finissaggio dei tessili, è stata condotta analizzando i modelli per la

Dettagli

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Politica Industriale, la Competitività e le Piccole e Medie Imprese ex Div. VIII PMI e artigianato Indagine sulle micro, piccole e medie imprese:

Dettagli

cosa vedono nel loro futuro i produttori di serramenti copyright

cosa vedono nel loro futuro i produttori di serramenti copyright 2014 ricerca cosa vedono nel loro futuro i produttori di serramenti 1 Cosa vedono nel loro futuro i produttori di serramenti, 2014 La pubblicazione riporta i risultati di una ricerca condotta via internet

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI

INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI RISULTATI GENERALI Nel secondo trimestre del 2006 le imprese dei Servizi hanno giudicato alto il livello degli ordini e della domanda. Rispetto al trimestre precedente

Dettagli

Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio

Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con ATLAZIO Agenzia Regionale

Dettagli

imprese della provincia di latina luglio 2013

imprese della provincia di latina luglio 2013 imprese della provincia di latina luglio 2013 indagine trimestrale congiunturale sulle imprese della provincia di rapporto di ricerca secondo trimestre 2013 roma, 30 luglio 2013 (12153lq 02) agenda 1.

Dettagli

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Filiali di Trento e di Bolzano L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Bolzano, 18 giugno 2013 L ECONOMIA REALE Nel 2012 l economia delle province autonome di Trento e di Bolzano si è

Dettagli

economico congiunturale

economico congiunturale indicatori Economica Numero 6 novembre-dicembre 55 Osservatorio economico congiunturale indicatori ll punto sull economia della provincia di 56 Economica Numero 6 novembre-dicembre I RISULTATI DI BILANCIO

Dettagli

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Nota bene: qui di seguito troverete delle indicazioni per la compilazione del business plan. Per avere una idea più completa possibile della vostra

Dettagli

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE NAUTICA DISTRETTI PRODUTTIVI INNOVATIVI

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE NAUTICA DISTRETTI PRODUTTIVI INNOVATIVI Regione Calabria Dipartimento Attività Produttive MANIFESTAZIONE DI INTERESSE NAUTICA DISTRETTI PRODUTTIVI INNOVATIVI Giugno 2011 1. PREMESSA Accanto agli operatori del comparto produttivo di imbarcazioni,

Dettagli

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 1 Regione Campania 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 Il saldo tra iscrizioni e cessazioni Il secondo trimestre del 2014 mostra un deciso rafforzamento numerico del sistema imprenditoriale

Dettagli

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE LIBRERIE INDIPENDENTI E PICCOLA EDITORIA IN PIEMONTE SINTESI DEI DATI 15 Maggio 2010 La piccola editoria in Piemonte Il Piemonte si presenta oggi come il secondo polo produttivo d Italia sia per numero

Dettagli

Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere. Roma, 10 aprile 2014

Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere. Roma, 10 aprile 2014 Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere Roma, 10 aprile 2014 Osservatorio nazionale distretti italiani RAPPORTO 2014 7,3 6,3 4,7 5,5 4,3 27,0 33,6 21,0 32,0 31,7 23,3 46,4 34,2 27,0 26,6 37,6 12,3

Dettagli

Esperienze di internazionalizzazione. SAMAR SpA

Esperienze di internazionalizzazione. SAMAR SpA Esperienze di internazionalizzazione SAMAR SpA Dott. Franco Iannutolo Gros Responsabile finanziario ed amministrativo SAMAR SpA - Esperienze di internazionalizzazione Investimenti effettuati: POLONIA struttura

Dettagli

Direzione Artigianato e Commercio STRUTTURA E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA DEI GIOVANI IMPRENDITORI ARTIGIANI. Sintesi dei risultati

Direzione Artigianato e Commercio STRUTTURA E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA DEI GIOVANI IMPRENDITORI ARTIGIANI. Sintesi dei risultati Direzione Artigianato e Commercio STRUTTURA E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA DEI GIOVANI IMPRENDITORI ARTIGIANI Sintesi dei risultati Dicembre 2001 1 Giovani artigiani e giovani imprese: un viaggio nell artigianato

Dettagli

OSSERVATORIO ECONOMICO del Comune di Follonica

OSSERVATORIO ECONOMICO del Comune di Follonica OSSERVATORIO ECONOMICO del Comune di Follonica CONGIUNTURA Consuntivo 2007 Previsioni 2008 II semestre 2007 Previsioni I semestre 2008 Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici - Istituto Guglielmo

Dettagli

Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni:

Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni: Esercizio n. 1 Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni: INFORMAZIONI STRATEGICHE NON STRATEGICHE La responsabile dell ufficio acquisti segnala la necessità di sostituire

Dettagli

IL SETTORE MULTISERVIZI: RISULTATI DI UN INDAGINE

IL SETTORE MULTISERVIZI: RISULTATI DI UN INDAGINE IL SETTORE MULTISERVIZI: RISULTATI DI UN INDAGINE Ufficio Studi Economici Ottobre 2014 Sommario Inquadramento generale... 3 Forma giuridica... 3 Fatturato 2013... 3 Fatturato: andamento ultimi anni e stima

Dettagli

Esportazioni e made in italy in Veneto

Esportazioni e made in italy in Veneto Esportazioni e made in italy in Veneto Premessa Il periodo di particolare difficoltà che sta attraversando l Italia si ripercuote anche nel sistema economico del Veneto e termini come stagnazione, crescita

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

Caratteristiche del mercato dell abbigliamento giapponese

Caratteristiche del mercato dell abbigliamento giapponese Caratteristiche del mercato dell abbigliamento giapponese Alta competitività, sia per qualità che per numero di concorrenti Alta diversificazione di prodotti Forte attenzione dei consumatori per tendenze

Dettagli

INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI

INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI RISULTATI GENERALI Nel secondo trimestre del 2003 è continuato il trend negativo per domanda e occupazione. Il fatturato è rimasto sui livelli precedentemente raggiunti.

Dettagli

Osservatorio Impresa Indagine Congiunturale I semestre 2014

Osservatorio Impresa Indagine Congiunturale I semestre 2014 Osservatorio Impresa Indagine Congiunturale I semestre 2014 Roma, dicembre 2014 Premessa La CONFAPI - Confederazione della Piccola e Media Industria privata, ha promosso un'indagine a campione rivolta

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

L IMPRENDITORIA STRANIERA IN PROVINCIA DI PRATO

L IMPRENDITORIA STRANIERA IN PROVINCIA DI PRATO UFFICIO STUDI L IMPRENDITORIA STRANIERA IN PROVINCIA DI PRATO (Gennaio 2016) Elaborazioni statistiche e note di commento a cura di D. Caserta Ufficio Studi - C.C.I.A.A. Prato 2009 2010 2011 2012 2013 2014-5,0-0,6-2,2

Dettagli

la cooperazione bolognese: una fotografia in numeri.

la cooperazione bolognese: una fotografia in numeri. la cooperazione bolognese: una fotografia in numeri. 2 0 1 0 Redazione a cura di Legacoop Bologna Ufficio Monitoraggio Progetto grafico e impaginazione Kitchen www.kitchencoop.it Premessa Da alcuni anni

Dettagli

DISTRETTO TECNOLOGICO DELLE BIOSCIENZE. Presentazione del Dott. Paolo OCCHIALINI Coordinatore DTB Lazio, Filas SpA

DISTRETTO TECNOLOGICO DELLE BIOSCIENZE. Presentazione del Dott. Paolo OCCHIALINI Coordinatore DTB Lazio, Filas SpA DISTRETTO TECNOLOGICO DELLE BIOSCIENZE Presentazione del Dott. Paolo OCCHIALINI Coordinatore DTB Lazio, Filas SpA DISTRETTI TECNOLOGICI NEL LAZIO Distretto Tecnologico dell Aerospazio (DTA) Distretto Tecnologico

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Avviso Pubblico Insieme per vincere

Avviso Pubblico Insieme per vincere Avviso Pubblico Insieme per vincere Obiettivo Obiettivo generale del presente avviso è quello di incentivare, tra le imprese del Lazio la condivisione di innovazione per favorirne il rafforzamento, il

Dettagli

Indagine sul Cyber-bullismo

Indagine sul Cyber-bullismo Indagine sul Cyber-bullismo Realizzata da O.N.F. Osservatorio Nazionale Federconsumatori sul comportamento dei ragazzi italiani dai 12 ai 17 anni RISULTATI DI SINTESI Più di 8 ragazzi su 10 possiedono

Dettagli

Il noleggio crea ricchezza ed aiuta le vendite. Il noleggio dei beni strumentali.

Il noleggio crea ricchezza ed aiuta le vendite. Il noleggio dei beni strumentali. Il noleggio crea ricchezza ed aiuta le vendite. Il noleggio dei beni strumentali. Franco De Michelis - Direttore Generale Assodimi Assonolo Il noleggio dei beni strumentali. Una nuova opportunità di business,

Dettagli

Infermieri e nuova sanità: opportunità occupazionali e di upgrading. Le prestazioni infermieristiche nella domanda di assistenza sul territorio

Infermieri e nuova sanità: opportunità occupazionali e di upgrading. Le prestazioni infermieristiche nella domanda di assistenza sul territorio C E N S I S Infermieri e nuova sanità: opportunità occupazionali e di upgrading. Le prestazioni infermieristiche nella domanda di assistenza sul territorio (Roma, febbraio 2015) 1. I NUMERI DEI FENOMENI

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

4. Questionario per rilevazione quantitativa

4. Questionario per rilevazione quantitativa 4. Questionario per rilevazione quantitativa Buongiorno, per conto del Ministero del Lavoro stiamo svolgendo una ricerca a scopi statistici per contribuire ad analizzare e definire i modelli e gli strumenti

Dettagli

DI.CO. RETE. Dalla rete di imprese la risposta alle sfide dei nuovi scenari?!

DI.CO. RETE. Dalla rete di imprese la risposta alle sfide dei nuovi scenari?! DI.CO. RETE Dalla rete di imprese la risposta alle sfide dei nuovi scenari?! Minaccia o Opportunità Piero Bassetti, nella prefazione di un testo da titolo L aziendaazienda olonico-virtuale: un opportunit

Dettagli

TESSILE / CONFEZIONE

TESSILE / CONFEZIONE TESSILE / CONFEZIONE INDAGINE 2007 2008 DA RESTITUIRE A... indirizzo... fax... e-mail... PER QUALSIASI CHIARIMENTO CONTATTARE:... (Nominativo) (telefono) (e-mail)... (Nominativo) (telefono) (e-mail) codice

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WD07A ATTIVITÀ 14.19.21 FABBRICAZIONE DI CALZATURE REALIZZATE IN MATERIALE TESSILE SENZA SUOLE APPLICATE ATTIVITÀ 14.31.00 FABBRICAZIONE DI ARTICOLI DI CALZETTERIA IN MAGLIA Febbraio

Dettagli

Il settore moto e il credito al consumo

Il settore moto e il credito al consumo Il settore moto e il credito al consumo Rapporto di ricerca ISPO per Marzo 2010 RIF. 1201V110 Indice 2 Capitolo 1: Lo scenario pag. 3 Capitolo 2: Il Credito al Consumo: atteggiamenti 13 Capitolo 3: Il

Dettagli

Aggregazioni per una nuova competitività delle imprese

Aggregazioni per una nuova competitività delle imprese INSIEME E MEGLIO? Aggregazioni per una nuova competitività delle imprese Daniele Dondarini Responsabile CNA Servizi alla Comunità Emilia Romagna Angelo Cornacchione Presidenza CNA Servizi alla Comunità

Dettagli

7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO

7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO Centro Studi OSSERVATORIO FILLEA GRANDI IMPRESE E LAVORO le prime 300 aziende del legno in Italia 7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO a cura di Alessandra Graziani ROMA, luglio

Dettagli

Sostegno finanziario alle reti di imprese. L approccio di UBI - Banca Popolare di Bergamo

Sostegno finanziario alle reti di imprese. L approccio di UBI - Banca Popolare di Bergamo Aggregarsi per essere più competitivi Sostegno finanziario alle reti di imprese L approccio di UBI - Banca Popolare di Bergamo Bergamo, 27 settembre 2013 Paolo Vitali UBI Private & Corporate Unity 1 Le

Dettagli

L ascensore: scende o sale? Tendenze dell Industria italiana di Ascensori e Scale Mobili. A cura del Servizio Centrale Studi Economici ANIE

L ascensore: scende o sale? Tendenze dell Industria italiana di Ascensori e Scale Mobili. A cura del Servizio Centrale Studi Economici ANIE Tendenze dell Industria italiana di Ascensori e Scale Mobili A cura del Servizio Centrale Studi Economici ANIE Con il contributo di: INDICE Premessa pag. 1 1. CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE E SOMMARIO pag.

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE UG93U ATTIVITÀ 74.10.10 ATTIVITÀ DI DESIGN DI MODA E DESIGN INDUSTRIALE ATTIVITÀ 74.10.90 ALTRE ATTIVITÀ DI DESIGN Aprile 2010 Documento non definitivo PREMESSA L evoluzione dello Studio

Dettagli

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Alessandro Nova Università L. Bocconi Roma, 18 febbraio 2014 Filiera della carta 2014 - Alessandro Nova 1 La Filiera della

Dettagli

economia siciliana attraversa una fase particolarmente critica. Pur in presenza di aree di povertà e disagio sociale relativamente più ampie

economia siciliana attraversa una fase particolarmente critica. Pur in presenza di aree di povertà e disagio sociale relativamente più ampie Osservatorio congiunturale della Fondazione Res Photo & Design Maria Izzo Fondazione Res ongiunturares Lo scenario di previsione Lo scenario inerziale La crisi in atto La ricomposizione della domanda al

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Divisione VIII PMI e Artigianato Indagine

Dettagli

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese Capitolo 9 Reti d impresa d e processi di internazionalizzazione delle PMI Indice Le principali teorie e modelli di internazionalizzazione Le esperienze di internazionalizzazione delle pmi italiane La

Dettagli

LA FILATURA ITALIANA NEL 2014-2015

LA FILATURA ITALIANA NEL 2014-2015 LA FILATURA ITALIANA NEL 2014-2015 Nota a cura di: Per: Federazione Tessile e Moda Centro Studi Pitti Immagine 1. Il bilancio settoriale del 2014 Nel 2014, per il terzo anno consecutivo, l industria italiana

Dettagli

POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD-OVEST OVEST. Claudio Gagliardi e Domenico Mauriello

POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD-OVEST OVEST. Claudio Gagliardi e Domenico Mauriello POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD-OVEST OVEST Claudio Gagliardi e Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere Brescia, 26 febbraio 2007 L INSERIMENTO DELLE MEDIE

Dettagli

Il mercato dell involucro edilizio in Italia

Il mercato dell involucro edilizio in Italia Osservatorio Economico Uncsaal Il mercato dell involucro edilizio in Italia Serramenti Metallici Facciate Continue Anno 2008 Scenari 2009 Gennaio 2009 Commissione Studi Economici Uncsaal Coordinatore Carmine

Dettagli

R.C. Terzi/O e Malat. Rif. quotazione n.: 247 Data: 03/11/2006

R.C. Terzi/O e Malat. Rif. quotazione n.: 247 Data: 03/11/2006 SCHEDA DETTAGLIO COPERTURA PRESENTAZIONE DEL RISCHIO Rif. quotazione n.: 247 Data: 03/11/2006 Telefono: Nome Cognome / azienda: Indirizzo: Cap/citta/Prov.: Cod. Fisc./P.Iva: Professione/attività: Mail:

Dettagli

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna Venerdì 9 Ottobre 2015 Si intravede qualche segnale di ripresa, ma i principali indicatori economici rimangono

Dettagli

Indagine congiunturale rapida su quarto trimestre 2014 e primo trimestre 2015

Indagine congiunturale rapida su quarto trimestre 2014 e primo trimestre 2015 Indagine congiunturale rapida su quarto trimestre 2014 e primo trimestre 2015 Clima sempre cauto: SI al bonus lettura per rilanciare la cultura del Paese. NO all esplosione dei costi energetici. Il deprezzamento

Dettagli

Osservatorio Socio Economico

Osservatorio Socio Economico Osservatorio Socio Economico Circondario Empolese Valdelsa RAPPORTO CONGIUNTURALE REPORT COMMERCIO ANNO 2010 Con la collaborazione di Ricerca effettuata con il contributo della Camera di Commercio di Firenze

Dettagli

LE IMPRESE E LA SOSTENIBILITÀ INDAGINE CONDOTTA DA GFK EURISKO PER CONTO DI SODALITAS

LE IMPRESE E LA SOSTENIBILITÀ INDAGINE CONDOTTA DA GFK EURISKO PER CONTO DI SODALITAS LE IMPRESE E LA SOSTENIBILITÀ INDAGINE CONDOTTA DA GFK EURISKO PER CONTO DI SODALITAS 1 QUESTA INDAGINE Questa indagine è stata condotta nella prima metà di aprile 2012 su un campione di 153 imprese/enti/associazioni

Dettagli

Customer satisfaction Distribuzione dell energia elettrica

Customer satisfaction Distribuzione dell energia elettrica Novembre - Dicembre 27 Customer satisfaction Distribuzione dell energia elettrica A cura di Francesca Dallago 4.. Caratteristiche dell indagine PERIODO DELLA RILEVAZIONE: Novembre-Dicembre 27 STRUMENTO

Dettagli

Disponibilità di. Produzione. Rientro da produzione

Disponibilità di. Produzione. Rientro da produzione 1. I settori L azienda manifatturiera dove sono presenti maggiormente le problematiche relative alla produzione di serie o su commessa; L azienda commerciale con problematiche più spinte nell area della

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli