16 GIUGNO 2015 A LTA VELOC ITA RFI. Trazione Elettrica corrente alternata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "16 GIUGNO 2015 A LTA VELOC ITA RFI. Trazione Elettrica corrente alternata"

Transcript

1 16 GIUGNO 2015 A LTA VELOC ITA RFI Trazione Elettrica corrente alternata

2 I sistemi di trazione elettrica ferroviaria La trazione elettrica in corrente continua: - a 1,5 kv - a 3 kv La trazione elettrica in corrente alternata: - a 15 kv 16 e 2/3 Hz - a 25 kv 50 Hz - a 2 x 25 kv 50 Hz

3 trazione elettrica ferroviaria corrente alternata trifase

4 trazione elettrica ferroviaria corrente alternata trifase

5 I sistemi di trazione elettrica ferroviaria Criteri fondamentali per la scelta del 25 kv monofase: Semplicità e nuove tecnologie azionamenti Le esigenze di interoperabilità Lo sviluppo dell alta velocità ferroviaria Le direttive europee I corridoi europei che interessano l Italia Le specifiche tecniche di interoperabilità (STI) La normativa tecnica europea

6 La scelta del 2 x 25 kv La scelta del sistema TE per nuove linee ferroviarie tiene conto de: Il sistema nazionale preesistente Le esigenze di interoperabilità Lo sviluppo dell alta velocità ferroviaria Le direttive europee I corridoi europei che interessano il Paese Le specifiche tecniche di interoperabilità (STI) La normativa tecnica europea

7 La scelta del 2 x 25 kv Sistema AV/AC TE = 2x25 kvca v 250 km/h V > 300 km/h Sistema convenzionale v 250 km/h TE = 3 kvcc

8 L introduzione del 2 x 25 kv in Italia I principali vantaggi MASSIMA POTENZIALITA MIGLIORE INTERAZIONE PANTOGRAFO CATENARIA MINORE IMPATTO AMBIENTALE contenimento degli spazi occupati contenimento dell esposizione ai campi elettromagnetici CONFORMITA CON LE STI ( specifiche tecniche interoperabilità )

9 L introduzione del 2 x 25 kv in Italia I principali problemi GESTIONE DI UN SECONDO SISTEMA DI TRAZIONE ELETTRICA RADDOPPIO DELLE TIPOLOGIE DI IMPIANTI REALIZZAZIONE POSTI DI CONFINE E IMPIANTI DI INTERFACCIA ESIGENZA MATERIALE ROTABILE BITENSIONE NECESSITA DI RIDUZIONE DELLE INTERFERENZE ELETTROMAGNETICHE

10 L introduzione del 2 x 25 kv in Italia ELETTRO DO TTI AT La scelta di un sistema integrato S O T T O S T A Z IO N I L IN E E D I C O N T A T T O

11 Prestazioni richieste Dati di progetto TRENI AV (ETR 500 PT) Composizione: Potenza nominale: Massa totale: 900 t 1M+11R+1M 12 MW DISTANZIAMENTO in condizioni normali: 5 min. in condizioni eccezionali: 2,5 min.

12 Prestazioni richieste Esigenze di conformità con le STI Energia Tensione e frequenza di alimentazione Geometria della catenaria Coordinamento protezioni Tratti a separazione di fase Qualità di captazione

13 La linea di trazione elettrica Fune portante: 120 mm2 (1625 dan) Filo di contatto: 150 mm2 (2000 dan) Fune portante Feeder Filo di contatto Trefolo di terra Filo di contatto Altezza LdC: Campata: 5,30 m 60 m

14 La linea di trazione elettrica Schema di principio del sistema di alimentazione a 3 kv c.c.

15 La linea di trazione elettrica Schema di principio del sistema di alimentazione a 25 kv c.a. monofase

16 La linea di trazione elettrica

17 La linea di trazione elettrica Schema di principio del sistema di alimentazione a 2 x 25 kv

18 La linea di trazione elettrica Schema di principio del sistema di alimentazione a 2 x 25 kv feeder Linea di contatto binario

19 La linea di trazione elettrica Schema di principio del sistema di alimentazione a 2 x 25 kv C orrente circolante nella rotaia e nel terreno sulla prima cella Feeder - 25 kv 50 % 50 % 50 % 25 % 50 % 25 % 25 % SSE L.d.c kv Cella 1 (libera) Cella 2 (libera) 50 % 50 % 100 % 75 % 25 % 50 % 50 % Cella 3 (occupata) Minori correnti disperse nel terreno

20 La linea di trazione elettrica Schema di principio del sistema di alimentazione a 2 x 25 kv

21 Compatibilità elettromagnetica Sistema AV/AC Interferenze elettromagnetiche 25 kvca Rete storica 3 kvcc Il sistema a 25 kv ca può provocare interferenze elettromagnetiche sugli impianti esistenti (in particolare del segnalamento e delle telecomunicazioni) Tensioni e correnti indotte/condotte possono arrecare disturbi sulla regolarità di funzionamento degli impianti D altro canto le correnti di ritorno del 3 kvcc potrebbero provocare disturbi lato AV

22 Compatibilità elettromagnetica Il fenomeno dell induzione er ed Fe C Ld V aa e Lin Spira inducente SSE 2 x 25 kv ica r o t as e Lin d Cavi tlc interferiti CdB interferito

23 Compatibilità elettromagnetica Il fenomeno della conduzione er ed Fe C Ld V aa e Lin Correnti disperse SSE 2 x 25 kv Correnti condotte a ric o t as e Lin d Cavi tlc interferiti CdB interferito Correnti condotte

24 Compatibilità elettromagnetica Parametri in gioco Distanza tra le linee a 25 kv ca e a 3 kv cc Conduttanza di dispersione verso terra Resistenza longitudinale dei binari Dissimmetrie e squilibri sulla tensione di alimentazione

25 Compatibilità elettromagnetica Correnti disperse e correnti condotte POSTO DI CONFINE ELETTRICO fra sistemi elettrici diversi 25 kv POC 3 kv Treno 25 kv Giunto POC Correnti disperse Correnti condotte

26 Compatibilità elettromagnetica

27 Tipologia dei provvedimenti da attuare A seguito dello studio teorico e delle misure e verifiche eseguite sul campo sono state studiate, progettate e verificate tutte le possibili contromisure per: - minimizzare le emissioni da parte del sistema a 25 kv, con l ottimizzazione della posizione della corda di terra - ridurre la penetrazione delle correnti di ritorno attraverso i binari e il terreno, con l attrezzaggio dei binari di interconnessione e di imbocco - ridurre i disturbi sui circuiti interferiti, con il cambio della frequenza di funzionamento dei circuiti di binario e l adozione di cavi a fibre ottiche per le telecomunicazioni

Il Sistema di alimentazione delle linee ferroviarie Italiane ad Alta Velocità: esigenze e nuove soluzioni. Prof.ing.

Il Sistema di alimentazione delle linee ferroviarie Italiane ad Alta Velocità: esigenze e nuove soluzioni. Prof.ing. Il Sistema di alimentazione delle linee ferroviarie Italiane ad Alta Velocità: esigenze e nuove soluzioni Prof.ing. Alfonso Capasso Torino 26 Maggio 2009 LINEE FERROVIARIE AV CARATTERISTICHE PRINCIPALI

Dettagli

Le linee AC/AV in Italia

Le linee AC/AV in Italia Le linee AC/AV in Italia Gli impianti di energia e trazione elettrica delle nuove linee ferroviarie ad Alta Velocità sono realizzati con il sistema 2 x 25 kv a 50 Hz. Si tratta di linee con velocità superiori

Dettagli

Omologazione Alta Velocità

Omologazione Alta Velocità Omologazione Alta Velocità Omologazione del treno ETR 500 PLT Verifica delle condizioni di progetto della sovrastruttura binario per l esercizio a 300 km/h nelle nuove linee AV/AC I risultati I Record

Dettagli

SEZIONAMENTO DELLA LINEA DI CONTATTO E MESSA A TERRA DI SICUREZZA PER GALLERIE FERROVIARIE

SEZIONAMENTO DELLA LINEA DI CONTATTO E MESSA A TERRA DI SICUREZZA PER GALLERIE FERROVIARIE Progetto Figi - Corso in Cotutela SEZIONAMENTO DELLA LINEA DI CONTATTO E MESSA A TERRA DI SICUREZZA PER GALLERIE FERROVIARIE ING. ANTONIO COLLA DICEMBRE 2009 ARGOMENTI TRATTATI DECRETO E SPECIFICHE DI

Dettagli

Nuove Tecnologie per la Sicurezza e l Alta Velocità Ferroviaria

Nuove Tecnologie per la Sicurezza e l Alta Velocità Ferroviaria Convegno CIFI su Nuove Tecnologie per la Sicurezza e l Alta Velocità Ferroviaria Compatibilità elettromagnetica tra sistemi di trazione Correnti condotte e posti di confine elettrico tra sistemi di trazione

Dettagli

Simulazione di un sistema ferroviario a trazione elettrica 2x25kV c.a.

Simulazione di un sistema ferroviario a trazione elettrica 2x25kV c.a. Simulazione di un sistema ferroviario a trazione elettrica 2x25k c.a. Gian Luca Mariotti, Roberto Paggi ItalConsul S.r.l. Roma, Italia Email: italconsul@italconsul.it Web: www.italconsul.it 1 Riassunto

Dettagli

LA PROTEZIONE CONTRO LE SOVRATENSIONI NEGLI IMPIANTI FERROVIARI DI SEGNALAMENTO E TELECOMUNICAZIONE

LA PROTEZIONE CONTRO LE SOVRATENSIONI NEGLI IMPIANTI FERROVIARI DI SEGNALAMENTO E TELECOMUNICAZIONE LA PROTEZIONE CONTRO LE SOVRATENSIONI NEGLI IMPIANTI FERROVIARI DI SEGNALAMENTO E TELECOMUNICAZIONE Introduzione La protezione contro le sovratensioni, rientra tra le prescrizioni per la sicurezza e deve

Dettagli

Magnetic field. Progetti e Soluzioni per Interferenze Elettromagnetiche su Tubazioni Metalliche

Magnetic field. Progetti e Soluzioni per Interferenze Elettromagnetiche su Tubazioni Metalliche Magnetic field Progetti e Soluzioni per Interferenze Elettromagnetiche su Tubazioni Metalliche M.Moro - G. Lucca SIRTI spa TUBAZIONI METALLICHE CORROSIONE in corrente continua (correnti vaganti prodotte

Dettagli

ÉTUDE COMPATIBILITÉ ELECTROMAGNETIQUE VERS TIERS / STUDIO COMPATIBILITA ELETTROMAGNETICA VERSO IMPIANTI TERZI CAVIDOTTO 132 KV VENAUS-SUSA

ÉTUDE COMPATIBILITÉ ELECTROMAGNETIQUE VERS TIERS / STUDIO COMPATIBILITA ELETTROMAGNETICA VERSO IMPIANTI TERZI CAVIDOTTO 132 KV VENAUS-SUSA SOMMAIRE / INDICE RESUME/RIASSUNTO... 3 1. GENERALITA... 4 2. NORME DI RIFERIMENTO... 6 2.1 CEI 103-6 LIMITI RELATIVI ALLA SICUREZZA (DELLE PERSONE)... 6 2.2 CEI 103-6 LIMITI RELATIVI AL DANNO AGLI IMPIANTI...

Dettagli

INDICE 1 SCOPO 2 RIFERIMENTI 3 CALCOLO DELL INDUZIONE MAGNETICA 4 CONCLUSIONI

INDICE 1 SCOPO 2 RIFERIMENTI 3 CALCOLO DELL INDUZIONE MAGNETICA 4 CONCLUSIONI INDICE 1 SCOPO 2 RIFERIMENTI 3 CALCOLO DELL INDUZIONE MAGNETICA 4 CONCLUSIONI 1 SCOPO Nell ambito della progettazione preliminare del nuovo elettrodotto a doppia terna in cavo 132kV per l alimentazione

Dettagli

LO SVILUPPO DELL'INGEGNERIA FERROVIARIA ITALIANA NEL MONDO

LO SVILUPPO DELL'INGEGNERIA FERROVIARIA ITALIANA NEL MONDO LO SVILUPPO DELL'INGEGNERIA FERROVIARIA ITALIANA NEL MONDO Roma, 30 Novembre 2016 Collegamento della Svizzera alla rete ad alta velocità europea 29 treni con più opzioni Treno convenzionale (Categoria

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Ing. Antonino Oscar Di Tommaso Università degli Studi di Palermo DIEET (Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni) Ing.

Dettagli

5. TECNOLOGIE E MATERIALE ROTABILE

5. TECNOLOGIE E MATERIALE ROTABILE 5. TECNOLOGIE E MATERIALE ROTABILE 5.1 SEGNALAMENTO Tenuto conto dell entità del traffico e del prevedibile modello di esercizio, si ritiene sufficiente adottare per la regolazione della circolazione il

Dettagli

SPECIFICA TECNICA DELLE PROVE DA ESEGUIRE PER CARATTERIZZARE UN PANTOGRAFO

SPECIFICA TECNICA DELLE PROVE DA ESEGUIRE PER CARATTERIZZARE UN PANTOGRAFO SPECIFICA TECNICA Codifica: RFI/DI/TC.TE/ ST TE 74-C Foglio 1 di 25 PER CARATTERIZZARE UN PANTOGRAFO Parte Titolo PARTE I I. GENERALITÀ PARTE II II. PROVE AL BANCO PARTE III III. PROVE IN LINEA PARTE IV

Dettagli

GUIDA TECNICA. A.8 CORRENTI DI CORTO CIRCUITO E TEMPO DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI IMPIANTI DELLE RETI A TENSIONE UGUALE O SUPERIORE A 120 kv

GUIDA TECNICA. A.8 CORRENTI DI CORTO CIRCUITO E TEMPO DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI IMPIANTI DELLE RETI A TENSIONE UGUALE O SUPERIORE A 120 kv GUIDA TECNICA Allegato A.8 1 di 23 A.8 DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI Storia delle revisioni Rev.00 25/05/2001 Prima emissione Rev.01 26/04/2005 Rev.02 01/09/2010 Modifiche al paragrafo 5.2.2 (Correnti

Dettagli

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1.

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1. Correnti Vaganti Introduzione Correnti Vaganti Una struttura metallica in un mezzo avente conducibilità ionica, quale ad esempio acqua, terreno o calcestruzzo, nel quale sia presente un campo elettrico

Dettagli

Le linee Alta Velocità. Storia e traguardi

Le linee Alta Velocità. Storia e traguardi Le linee Alta Velocità Storia e traguardi Le linee Alta Velocità Storia e traguardi La storia Dopo la fine delle guerre napoleoniche a seguito del congresso di Vienna, durante il periodo di quella che

Dettagli

Geom. Marco Trombetti Via Bottego 1 43039 Salsomaggiore T. (PR) Cell. 335/6025059 e-mail: marco.trombetti@lineadicontatto.it

Geom. Marco Trombetti Via Bottego 1 43039 Salsomaggiore T. (PR) Cell. 335/6025059 e-mail: marco.trombetti@lineadicontatto.it Geom. Marco Trombetti Via Bottego 1 43039 Salsomaggiore T. (PR) Cell. 335/6025059 e-mail: marco.trombetti@lineadicontatto.it Luogo e data di nascita: Parma, 05/06/1975 Titoli di studio e abilitazioni professionali

Dettagli

Progettazione e Sviluppo di Tecnologie in campo ferroviario

Progettazione e Sviluppo di Tecnologie in campo ferroviario Progettazione e Sviluppo di Tecnologie in campo ferroviario p ro d o tt i e s i s te m i Area Testing Produzione di apparecchiature, sistemi, banchi prova ed impianti tecnologici per l esecuzione delle

Dettagli

Impianti Elettroferroviari e Attività di start-up

Impianti Elettroferroviari e Attività di start-up Impianti Elettroferroviari e Attività di start-up AVANZAMENTO LAVORI Febbraio 2013 ATTI VITÀ IN CO RSO: CONTROLLO AUTOMATICO DEI TRENI E TELECOMUNICAZIONI DI BORDO Tratta T5 Stazione di Gardenie: posa

Dettagli

HIGH SPEED RAILWAYS SISTEMA ENERGIA

HIGH SPEED RAILWAYS SISTEMA ENERGIA ALTA SCUOLA POLITECNICA Progetto ITALIAN HIGH SPEED RAILWAYS SISTEMA ENERGIA MILANO 23 Novembre 2005 IMPIANTI DI TRAZIONE ELETTRICA HANNO LA FUNZIONE DI RENDERE DISPONIBILE AL MEZZO DI TRAZIONE L ENERGIA

Dettagli

Esempi di Progettazione Fotovoltaica. Relatore: Ing. Raffaele Tossini

Esempi di Progettazione Fotovoltaica. Relatore: Ing. Raffaele Tossini Esempi di Progettazione Fotovoltaica ESEMPI:IMPIANTO DA 55 KWP Radiazione solare ESEMPI:IMPIANTO DA 55 KWP DIAGRAMMA DELLE OMBRE ESEMPI:IMPIANTO DA 55 KWP ESEMPI:IMPIANTO DA 55 KWP INVERTER ESEMPI:IMPIANTO

Dettagli

Applicazioni ferroviarie, tranviarie, filoviarie e metropolitane - Impianti fissi - Processo,

Applicazioni ferroviarie, tranviarie, filoviarie e metropolitane - Impianti fissi - Processo, CEI CLC/TS 60034-31 CEI EN 81346-1 CEI EN 60038 S001 Macchine elettriche rotanti Parte 31: Selezione di motori energeticamente efficienti comprese le applicazioni a velocità variabile - Guida all'impiego

Dettagli

Incrementi prestazionali della rete AV/AC conseguibili con ETR 1000

Incrementi prestazionali della rete AV/AC conseguibili con ETR 1000 Incrementi prestazionali della rete AV/AC conseguibili con ETR 1000 Caratteristiche della rete AV/AC italiana La rete ferroviaria AV/AC in Italia presenta un assetto e una conformazione ( curve minime

Dettagli

GENERATORE MESSO A TERRA CON TRASFOMATORE PRIMARIO FUNZIONAMENTO CON AVVIATORE STATICO

GENERATORE MESSO A TERRA CON TRASFOMATORE PRIMARIO FUNZIONAMENTO CON AVVIATORE STATICO GENERATORE MESSO A TERRA CON TRASFOMATORE PRIMARIO FUNZIONAMENTO CON AVVIATORE STATICO Durante il funzionamento in fase di avviamento, il turbogas è alimentato da un avviatore statico; lo schema di funzionamento

Dettagli

Corrosione ed interferenze elettromagnetiche in corrente alternata su tubazioni metalliche: effetto del degrado del rivestimento isolante

Corrosione ed interferenze elettromagnetiche in corrente alternata su tubazioni metalliche: effetto del degrado del rivestimento isolante Corrosione ed interferenze elettromagnetiche in corrente alternata su tubazioni metalliche: effetto del degrado del rivestimento isolante G.Lucca SIRTI S.p.A - Milano Interferenze elettromagnetiche in

Dettagli

REGISTRAZIONI DEGLI ORDINI DI SERVIZIO E DELLE DISPOSIZIONI CHE HANNO MODIFICATO LE PRESENTI NORME

REGISTRAZIONI DEGLI ORDINI DI SERVIZIO E DELLE DISPOSIZIONI CHE HANNO MODIFICATO LE PRESENTI NORME REGISTRAZIONI DEGLI ORDINI DI SERVIZIO E DELLE DISPOSIZIONI CHE HANNO MODIFICATO LE PRESENTI NORME Ordine di Servizio/Disposizione Data di entrata in vigore 1 41/2001 20/06/02 2 39/2003 08/02/04 3 38/2004

Dettagli

S004 Raccolta per Apparecchiature elettriche per sistemi di energia e per trazione

S004 Raccolta per Apparecchiature elettriche per sistemi di energia e per trazione 8284 CEI EN 60034-1 2 137 Macchine elettriche rotanti Parte 1: Caratteristiche nominali e di funzionamento 11111 CEI EN 60034-1 2 10 Macchine elettriche rotanti Parte 1: Caratteristiche nominali e di funzionamento

Dettagli

LA TRAZIONE ELETTRICA A 3kV CC NELLE FERROVIE

LA TRAZIONE ELETTRICA A 3kV CC NELLE FERROVIE ITI OMAR CLASSE 5EB A.S. 2006/2007 NOVARA LA TRAZIONE ELETTRICA A 3kV CC NELLE FERROVIE ALUNNO: ANGOTTI ROBERTO INDICE - Prefazione pag. 1 - Generalità pag. 2 Cap. 1 : linea di contatto - generalità costruttive

Dettagli

Impianti di trazione elettrica Scelte di base della progettazione alla luce delle specifiche di interoperabilità

Impianti di trazione elettrica Scelte di base della progettazione alla luce delle specifiche di interoperabilità Progetto Figi - Corso in Cotutela Impianti di trazione elettrica Scelte di base della progettazione alla luce delle specifiche di interoperabilità Dicembre 2009 Guido Guidi Buffarini Impianti di energia

Dettagli

Guida alla specifica di sistemi di regolazione per turbine idrauliche

Guida alla specifica di sistemi di regolazione per turbine idrauliche CEI EN 61362 Guida alla specifica di sistemi di regolazione per turbine idrauliche CEI EN 50149 Applicazioni ferroviarie - Installazioni fisse - Prescrizioni particolari per apparecchiature a corrente

Dettagli

RELAZIONE VCEM: VALUTAZIONE COMPATIBILITA' ELETTROMAGNETICA DELLA CABINA ELETTRICA DI TRASFORMAZIONE VA.I.04 - GENNAIO 2014...

RELAZIONE VCEM: VALUTAZIONE COMPATIBILITA' ELETTROMAGNETICA DELLA CABINA ELETTRICA DI TRASFORMAZIONE VA.I.04 - GENNAIO 2014... RELAZIONE VCEM: VALUTAZIONE COMPATIBILITA' ELETTROMAGNETICA DELLA CABINA ELETTRICA DI TRAFORMAZIONE VA.I.04 - GENNAIO 2014... I N D I C E 1. OGGETTO... 2 1.1. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 1.2. DEFINIZIONI...

Dettagli

Evoluzione del sistema ferroviario. Marsiglia, 29 marzo 2005

Evoluzione del sistema ferroviario. Marsiglia, 29 marzo 2005 Evoluzione del sistema ferroviario Marsiglia, 29 marzo 2005 Progetti Prioritari della rete TEN e corridoi Paneuropei interessanti l Italia Tratti italiani del Progetto Prioritario 6 (TEN) e del Corridoio

Dettagli

L elettrificazione ferroviaria in Italia dal 1900 al 2000

L elettrificazione ferroviaria in Italia dal 1900 al 2000 Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani Pomeriggio di Ingegneria Ferroviaria sulla TRAZIONE ELETTRICA L elettrificazione ferroviaria in Italia dal 1900 al 2000 Parte I Sintesi storica dello sviluppo Ing.

Dettagli

Sistema Rilevamento Temperatura Sottocassa Treno

Sistema Rilevamento Temperatura Sottocassa Treno Sistema Rilevamento Temperatura Sottocassa Treno 2 Sistema Rilevamento Temperatura Sottocassa Treno Il Sistema Rilevamento Temperatura Sottocassa Treno costituisce un presidio di mitigazione del rischio

Dettagli

ALLEGATO. Ai sensi dell articolo 5, paragrafo 3, della direttiva 96/48/CE, la presente STI:

ALLEGATO. Ai sensi dell articolo 5, paragrafo 3, della direttiva 96/48/CE, la presente STI: ALLEGATO 1. INTRODUZIONE 1.1. Campo di applicazione tecnico La presente STI riguarda il sottosistema controllo-comando e segnalamento e parte del sottosistema manutenzione del sistema ferroviario transeuropeo

Dettagli

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO RELAZIONE OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO L impianto in progetto presenta le seguenti caratteristiche

Dettagli

Automazione di SottoStazioni Elettriche Ferroviarie. Duilio Aurini Antonello Cardani Selta

Automazione di SottoStazioni Elettriche Ferroviarie. Duilio Aurini Antonello Cardani Selta Automazione di SottoStazioni Elettriche Ferroviarie Duilio Aurini Antonello Cardani Selta Sistema Innovativo di Automazione e Diagnostica: INTRODUZIONE Le linee di trazione elettrica delle Ferrovie dello

Dettagli

ADEGUAMENTO AV/AC DELLA LINEA DD FIRENZE - ROMA

ADEGUAMENTO AV/AC DELLA LINEA DD FIRENZE - ROMA Sezione Emilia Romagna ADEGUAMENTO AV/AC DELLA LINEA DD FIRENZE - ROMA Bologna, 16 Ottobre 2014 Premessa e obiettivi Studio di Fattibilità Piano di adeguamento a standard AV/AC OBIETTIVI Miglioramento

Dettagli

IMPIANTI DI PROTEZIONE DA SCARICHE ATMOSFERICHE E SOVRATENSIONI

IMPIANTI DI PROTEZIONE DA SCARICHE ATMOSFERICHE E SOVRATENSIONI IMPIANTI DI PROTEZIONE DA SCARICHE ATMOSFERICHE E SOVRATENSIONI Sistema di alimentazione: ---------- Norme di riferimento: o Norma CEI 81-1 Protezione delle strutture contro i fulmini ; o Norma CEI 81-4

Dettagli

Generatore radiologico

Generatore radiologico Generatore radiologico Radiazioni artificiali alimentazione: corrente elettrica www.med.unipg.it/ac/rad/ www.etsrm.it oscar fiorucci. laurea.tecn.radiol@ospedale.perugia.it Impianto radiologico trasformatore

Dettagli

Inverter Variable frequency drive Frequenzumrichter

Inverter Variable frequency drive Frequenzumrichter Inverter Variable frequency drive Frequenzumrichter CONVERTIDOR DE FREcUENCIA INVERTER xxxxx TT100 ITALIANO INDICE PAG. Introduzione........................... E4 Ampia gamma L offerta si completa Compattezza

Dettagli

FERROVIA TRENTO MALÈ MARILLEVA

FERROVIA TRENTO MALÈ MARILLEVA FERROVIA TRENTO MALÈ MARILLEVA L'ESPERIENZA DI UNA FERROVIA LOCALE NELL'IMPLEMENTAZIONE DI SISTEMI INNOVATIVI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO (ACC-M, ATP E CENTRALIZZAZIONE PL DI LINEA) Roma, 2 ottobre 2015

Dettagli

Corrado Sala Alta Velocità L ALTA VELOCITA tutti una

Corrado Sala Alta Velocità L ALTA VELOCITA tutti una L ALTA VELOCITA E un momento nel quale si parla tanto e male dell alta velocità, ma non correttamente. Le motivazioni per le quali è nata l alta velocità sono in parte diverse dal semplice progetto di

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

IL TRASPORTO E LA DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA. Livelli di tensione, linee elettriche cabine di trasformazione MT/BT cavi elettrici

IL TRASPORTO E LA DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA. Livelli di tensione, linee elettriche cabine di trasformazione MT/BT cavi elettrici IL TRASPORTO E LA DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Livelli di tensione, linee elettriche cabine di trasformazione MT/BT cavi elettrici www.webalice.it/s.pollini 2 www.webalice.it/s.pollini 3 Componenti

Dettagli

Tecnologie informatiche - Tecniche per la sicurezza - Sistemi di gestione per la sicurezza delle informazioni - Requisiti

Tecnologie informatiche - Tecniche per la sicurezza - Sistemi di gestione per la sicurezza delle informazioni - Requisiti CEI UNI ISO/IEC 27001 CEI EN 62056-7-6 CEI EN 62056-8-3 S001 Tecnologie informatiche - Tecniche per la sicurezza - Sistemi di gestione per la sicurezza delle informazioni - Requisiti Trazione elettrica

Dettagli

9. Introduzione al PQ

9. Introduzione al PQ Corso di Elementi di ingegneria elettrica di potenza Angelo Baggini angelo.baggini@unibg.it 9. Introduzione al PQ Corso di Elettrotecnica NO Introduzione> Power quality? Introduzione> Prodotto - Energia

Dettagli

Catalogo Prodotti Ferroviari Railway Products Catalog

Catalogo Prodotti Ferroviari Railway Products Catalog Catalogo Prodotti Ferroviari Railway Products Catalog 2015 INDICE Connessione Induttiva da 500 A con conduttori in Alluminio per Circuito di Blocco Automatico pag. 3 Connessione Induttiva da 500 A con

Dettagli

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Per quanto attiene gli impianti connessi alla rete elettrica, vengono qui presentati i criteri di progettazione elettrica dei principali componenti,

Dettagli

Impianti di trazione elettrica Scelte di base della progettazione alla luce delle specifiche di interoperabilità

Impianti di trazione elettrica Scelte di base della progettazione alla luce delle specifiche di interoperabilità Progetto Figi - Corso in Cotutela Impianti di trazione elettrica Scelte di base della progettazione alla luce delle specifiche di interoperabilità Gennaio 2011 Antonio Colla Argomenti Trattati SVILUPPO

Dettagli

A34. Prove sui quadri elettrici. 1. Premesse. 2. Quadri AS e ANS

A34. Prove sui quadri elettrici. 1. Premesse. 2. Quadri AS e ANS A34 Prove sui quadri elettrici 1. Premesse Nel testo apparecchiatura è sinonimo di quadro. Si definisce quadro elettrico la combinazione, in un unico complesso, di apparecchiature elettriche destinate

Dettagli

SOMMAIRE INDICE PREMESSA SCOPO DEL DOCUMENTO 1 GENERALITA 2 SPECIFICHE NORMATIVE FUNZIONALI

SOMMAIRE INDICE PREMESSA SCOPO DEL DOCUMENTO 1 GENERALITA 2 SPECIFICHE NORMATIVE FUNZIONALI SOMMAIRE INDICE PREMESSA SCOPO DEL DOCUMENTO 1 GENERALITA 1.1 PRINCIPI 1.2 METODOLOGIA DI ELABORAZIONE DELLE SPECIFICHE 2 SPECIFICHE NORMATIVE FUNZIONALI 2.1 ESERCIZIO 2.1.1 Velocità massima del tracciato

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria Industriale Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica IL FENOMENO DELL ARCO ELETTRICO NELLE LINEE PER L ALTA VELOCITÀ FERROVIARIA Relatore: Prof.

Dettagli

Appunti sulle funi. Le Funi Carmine Napoli

Appunti sulle funi. Le Funi Carmine Napoli Appunti sulle funi DEFINIZIONE Fune: è un organo flessibile formato da un insieme di fili di acciaio, di forma e dimensioni appropriate, avvolti elicoidalmente in uno o più gruppi concentrici attorno ad

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

Schede tecniche Infrastruttura di ricarica per veicoli elettrici

Schede tecniche Infrastruttura di ricarica per veicoli elettrici Schede tecniche Infrastruttura di ricarica per veicoli elettrici Indice Stazioni di ricarica pubbliche 3 Caratteristiche generali 4 Stazioni di ricarica quick recharge Dimensioni 5 Caratteristiche elettriche

Dettagli

Bruno Orsini (orsinibruno) 7 January 2014

Bruno Orsini (orsinibruno) 7 January 2014 Bruno Orsini (orsinibruno) LA NORMA CEI 0-21 7 January 2014 Premessa Ancora oggi nei siti di vari gruppi e/o forum capita spesso di assistere a domande che riguardano il valore della tensione delle forniture

Dettagli

Bologna, 13 Maggio 2013. Workshop Tecnologie Ferroviarie TE UPGRADE LINEE AV/AC

Bologna, 13 Maggio 2013. Workshop Tecnologie Ferroviarie TE UPGRADE LINEE AV/AC Bologna, 13 Maggio 2013 Workshop Tecnologie Ferroviarie TE UPGRADE LINEE AV/AC Rete in esercizio Classificazione Km linea Km bc Tipologia Linee AV/AC: Linee con tecnologia innovativa e velocità > o uguale

Dettagli

1. determinare la potenza convenzionale di 10 prese monofasi da 10 A, V=220V determinare la potenza convenzionale di 5 prese trifasi da 16 A, V=400V

1. determinare la potenza convenzionale di 10 prese monofasi da 10 A, V=220V determinare la potenza convenzionale di 5 prese trifasi da 16 A, V=400V 1 1. determinare la potenza convenzionale di 10 prese monofasi da 10 A, V=220V determinare la potenza convenzionale di 5 prese trifasi da 16 A, V=400V 2. determinare la potenza convenzionale di 5 motori

Dettagli

Trazione elettrica. Il sistema I componenti

Trazione elettrica. Il sistema I componenti Trazione elettrica Il sistema I componenti Genova 7 novembre 2014 1 PROGRAMMA - Approvvigionamento energia in AT, regole per la connessione - I sistemi di trazione elettrica dalle tranvie all AV e relative

Dettagli

ing. A. Cafagna Sistemi innovativi di teleispezione per il trasporto ferroviario

ing. A. Cafagna Sistemi innovativi di teleispezione per il trasporto ferroviario ing. A. Cafagna Sistemi innovativi di teleispezione per il trasporto ferroviario Chi siamo ELETECH è un azienda tecnologica nata in Puglia e specializzata nelle telecomunicazioni e nella diagnostica ELETECH

Dettagli

PROPOSTA PER UN PIANO TRIENNALE PER LA RICERCA E PER UN BANDO DI GARA PER I PROGETTI DI RICERCA

PROPOSTA PER UN PIANO TRIENNALE PER LA RICERCA E PER UN BANDO DI GARA PER I PROGETTI DI RICERCA PROPOSTA PER UN PIANO TRIENNALE PER LA RICERCA E PER UN BANDO DI GARA PER I PROGETTI DI RICERCA 1 PREMESSA Il presente documento si inquadra in quanto previsto dal DM 28 febbraio 2003 Modalita' di gestione

Dettagli

RELE DI PROTEZIONE MOTORE MULTIFUNZIONE

RELE DI PROTEZIONE MOTORE MULTIFUNZIONE RELE DI PROTEZIONE OTORE ULTIFUNZIONE -A LINE ARATTERISTIHE GENERALI Il relè è stato concepito per ottenere un rapporto spazio/prestazioni e costo/prestazioni quanto più possibile favorevole. Il relè è

Dettagli

Scaricatori di sovratensioni per impianti fotovoltaici 2CTC432001B0901

Scaricatori di sovratensioni per impianti fotovoltaici 2CTC432001B0901 Scaricatori di sovratensioni per impianti fotovoltaici 2T432001B0901 OMPTNZ BB: ompetenza riconosciuta nella protezione dai fulmini Generatore di corrente impulsiva 10/350 Il laboratorio BB di Bagnères-de-Bigorre,

Dettagli

per l installazione di linee di collegamento di impianti a corrente debole in zone particolarmente pericolose

per l installazione di linee di collegamento di impianti a corrente debole in zone particolarmente pericolose Ispettorato federale degli impianti a corrente forte ESTI Direttive per l installazione di linee di collegamento di impianti a corrente debole in zone particolarmente pericolose Autori Johann Kreis, ESTI

Dettagli

Le macchine elettriche

Le macchine elettriche Le macchine elettriche Cosa sono le macchine elettriche? Le macchine elettriche sono dispositivi atti a: convertire energia elettrica in energia meccanica; convertire energia meccanica in energia elettrica;

Dettagli

Norma CEI 11-1 Campo di applicazione e definizioni

Norma CEI 11-1 Campo di applicazione e definizioni Norma CEI 11-1 Campo di applicazione e definizioni di Gianluigi Saveri 1. Campo di applicazione La nona edizione della Norma CEI 11-1, derivata dal documento di armonizzazione europeo HD 637, è entrata

Dettagli

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 69/DPO del 25 feb. 2010 "Rete Ferroviaria Italiana "

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 69/DPO del 25 feb. 2010 Rete Ferroviaria Italiana Direzione Personale e Organizzazione l Amministratore Delegato Il Direttore DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 69/DPO del 25 feb. 2010 "Rete Ferroviaria Italiana " Direzione Produzione Alle dirette dipendenze

Dettagli

IA 090 - Sistema di Accumulo Elettrochimico dell Energia Elettrica Ottobre 2015

IA 090 - Sistema di Accumulo Elettrochimico dell Energia Elettrica Ottobre 2015 IA 090 - Sistema di Accumulo Elettrochimico dell Energia Elettrica Ottobre 2015 Riferimenti normativi Riferimenti che riguardano il prelievo e la fornitura di energia elettrica dalle reti MT e BT: CEI

Dettagli

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA TRAZIONE ELETTRICA E PER L ENERGIA SCHEDE TECNICHE

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA TRAZIONE ELETTRICA E PER L ENERGIA SCHEDE TECNICHE SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA TRAZIONE ELETTRICA E PER L ENERGIA SCHEDE TECNICHE Scheda Rev. Emissione Titolo LTE-001 6 Novembre 2014 Realizzazione di

Dettagli

CENTRO DI ECCELLENZA PER LA VALORIZZAZIONE DELLA CULTURA DEL GESTORE INFRASTRUTTURA

CENTRO DI ECCELLENZA PER LA VALORIZZAZIONE DELLA CULTURA DEL GESTORE INFRASTRUTTURA CENTRO DI ECCELLENZA PER LA VALORIZZAZIONE DELLA CULTURA DEL GESTORE INFRASTRUTTURA CENTRO DI ECCELLENZA PER LA VALORIZZAZIONE DELLA CULTURA DEL GESTORE INFRASTRUTTURA La promozione dell attività di formazione

Dettagli

L INFRASTRUTTURA FERROVI ARIA

L INFRASTRUTTURA FERROVI ARIA L INFRASTRUTTURA FERROVI ARIA INFRASTRUTTURA FERROVIARIA SEDE FERROVIARIA IMPIANTI 2 SEDE FERROVIARIA SEDE FERROVIARIA Corpo Stradale Sovrastruttura Ferroviaria Rilevati Trincee Ponti Viadotti Gallerie

Dettagli

Schede Tecniche. Rev. Emissione Titolo

Schede Tecniche. Rev. Emissione Titolo SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI PER L EMERGENZA NELLE GALLERIE FERROVIARIE ATTIVATE ALL ESERCIZIO Schede Tecniche Categoria di Spec.

Dettagli

GENERALITA SUI SISTEMI ELETTRICI

GENERALITA SUI SISTEMI ELETTRICI GENERALITA SUI SISTEMI ELETTRICI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università degli

Dettagli

SEGNALETICA DI EMERGENZA PER LA SICUREZZA NELLE GALLERIE FERROVIARIE

SEGNALETICA DI EMERGENZA PER LA SICUREZZA NELLE GALLERIE FERROVIARIE SPECIFICA TECNICA RFI DTC ICI ST GA 001 A PAG. 1 di 17 SEGNALETICA DI EMERGENZA PER LA SICUREZZA NELLE GALLERIE FERROVIARIE 1. GENERALITA, SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE 2. DOCUMENTAZIONE CORRELATA 3. DEFINIZIONI

Dettagli

Classe 35 A Anno Accademico 2005-06

Classe 35 A Anno Accademico 2005-06 Classe 35 A Anno Accademico 2005-06 1) In un bipolo C, in regime sinusoidale, la tensione ai suoi capi e la corrente che l attraversa sono: A) in fase; B) in opposizione di fase; C) il fasore della corrente

Dettagli

REGIONE VENETO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MASER

REGIONE VENETO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MASER REGIONE VENETO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MASER IMPIANTO FOTOVOLTAICO SU COPERTURA SCUOLA E PALESTRA COMUNALE, VIA MOTTE N 43 PROGETTO PRELIMINARE DEFINITIVO 9) CALCOLO PRELIMINARE DELLE STRUTTURE

Dettagli

B 5000 Sistema di saldatura

B 5000 Sistema di saldatura B 5000 Sistema di saldatura Oggi per dimostrare la propria competenza tecnica e soddisfare le esigenze del mercato, un costruttore di impianti per produzioni in massa di componenti deve conoscere a fondo

Dettagli

REGIONE VENETO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI FOLLINA

REGIONE VENETO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI FOLLINA REGIONE VENETO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI FOLLINA IMPIANTO FOTOVOLTAICO SU COPERTURA EX SCUOLA DI VALMARENO PROGETTO PRELIMINARE DEFINITIVO 10) CALCOLO PRELIMINARE DELLE STRUTTURE E DEGLI IMPIANTI

Dettagli

Interruttore multifunzionale in CA per materiale rotabile Tipo MACS

Interruttore multifunzionale in CA per materiale rotabile Tipo MACS C O M P O N E N T I Interruttore multifunzionale in CA per materiale rotabile Tipo MACS Informazioni generali MACS è una piattaforma per interruttore in CA principale (dall inglese Main AC Switch) installata

Dettagli

PROGRAMMA PRELIMINARE DI TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI

PROGRAMMA PRELIMINARE DI TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "G. VERONESE - G. MARCONI" SEZIONE ASSOCIATA G. MARCONI Via T. Serafin, 15-30014 CAVARZERE (VE) Tel. 0426/51151 - Fax 0426/310911 E-mail: ipsiamarconi@veronesemarconi.it

Dettagli

PROGETTO DI LINEA ELETTRICA MT-BT IN CAVO SOTTERRANEO E N 1 CABINA DI TRASFORMAZIONE MT-BT IN LOCALITA GOLGO IN AGRO DEL COMUNE DI BAUNEI (OG)

PROGETTO DI LINEA ELETTRICA MT-BT IN CAVO SOTTERRANEO E N 1 CABINA DI TRASFORMAZIONE MT-BT IN LOCALITA GOLGO IN AGRO DEL COMUNE DI BAUNEI (OG) PROGETTO DI LINEA ELETTRICA MT-BT IN CAVO SOTTERRANEO E N 1 CABINA DI TRASFORMAZIONE MT-BT IN LOCALITA GOLGO IN AGRO DEL COMUNE DI BAUNEI (OG) RELAZIONE DI VALUTAZIONE PREVISIONALE CAMPO ELETTRICO E MAGNETICO

Dettagli

Titolo. Title. Sommario

Titolo. Title. Sommario Norma Italiana Data Pubblicazione Titolo Title Sommario Norma italiana Classificazione Edizione Nazionali Europei Internazionali Legislativi Legenda (IDT) - La Norma in oggetto è identica alle Norme indicate

Dettagli

OPENLAB APPLICAZIONI

OPENLAB APPLICAZIONI IL SISTEMA DL 10280 È COSTITUITO DA UN KIT DI COMPONENTI ADATTO PER ASSEMBLARE LE MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI, SIA PER CORRENTE CONTINUA CHE PER CORRENTE ALTERNATA. CONSENTE ALLO STUDENTE UNA REALIZZAZIONE

Dettagli

Introduzione alla. distribuzione di energia elettrica e ai. sistemi trifase. Gianluca Susi, PhD

Introduzione alla. distribuzione di energia elettrica e ai. sistemi trifase. Gianluca Susi, PhD Introduzione alla distribuzione di energia elettrica e ai sistemi trifase Gianluca Susi, PhD Richiami preliminari Alternatore: macchina elettrica rotante basata sul fenomeno dell'induzione elettromagnetica,

Dettagli

Macchina sincrona (alternatore)

Macchina sincrona (alternatore) Macchina sincrona (alternatore) Principio di funzionamento Le macchine sincrone si dividono in: macchina sincrona isotropa, se è realizzata la simmetria del flusso; macchina sincrona anisotropa, quanto

Dettagli

CARATTERISTICHE MOTORI CORRENTE ALTERNATA TRIFASE

CARATTERISTICHE MOTORI CORRENTE ALTERNATA TRIFASE 11.1 ATL 10 BSA 10 CARATTERISTICHE MOTORI CARATTERISTICHE MOTORI CORRENTE ALTERNATA TRIFASE Motori asincroni trifase in esecuzione ventilata, con rotore equilibrato dinamicamente. Per l attuatore ATL 10

Dettagli

INDICE BOBINATRICI BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI

INDICE BOBINATRICI BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI INDICE BOBINATRICI BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI DL 1010B DL 1010D DL 1012Z KIT PER TRASFORMATORI E MOTORI KIT PER IL MONTAGGIO

Dettagli

Potenziamento del Nodo di Genova e Terzo Valico dei Giovi

Potenziamento del Nodo di Genova e Terzo Valico dei Giovi Potenziamento del Nodo di Genova e Terzo Valico dei Giovi Inquadramento di rete Investimenti Terzo Valico dei Giovi Potenziamento Nodo di Genova Marsiglia Ventimiglia Collegamento del sistema portuale

Dettagli

Un modello di calcolo per i costi standard infrastruttura ferroviaria

Un modello di calcolo per i costi standard infrastruttura ferroviaria Un modello di calcolo per i costi standard infrastruttura ferroviaria Commissione ASSTRA Costi Standard ferroviari A cura dell Ing. Marco Barra Caracciolo Capillarità (km medi tra stazioni) 7,00 Posizionamento

Dettagli

Sìstema UPS trifase indipendente. PowerWave 33 60 500 kw Prestazioni imbattibili

Sìstema UPS trifase indipendente. PowerWave 33 60 500 kw Prestazioni imbattibili Sìstema UPS trifase indipendente PowerWave 33 60 500 kw Prestazioni imbattibili PowerWave 33: un concentrato di potenza Da sempre ABB rappresenta lo standard globale per le soluzioni di continuità di alimentazione.

Dettagli

DL 2102AL DL 2102ALCC

DL 2102AL DL 2102ALCC DL 2102T01 Pulsante di Emergenza Pulsante di emergenza a fungo di colore rosso per il controllo manuale e la rapida apertura del circuito in caso di emergenza. Pulsante completo di un contatto normalmente

Dettagli

MA 431 DISPOSITIVO RILEVAZIONI ALLARMI DI BATTERIA PER XLD SWITCH BOX V 2.0/V 2.1

MA 431 DISPOSITIVO RILEVAZIONI ALLARMI DI BATTERIA PER XLD SWITCH BOX V 2.0/V 2.1 MA 431 DISPOSITIVO RILEVAZIONI ALLARMI DI BATTERIA PER XLD SWITCH BOX V 2.0/V 2.1 MONOGRAFIA DESCRITTIVA EDIZIONE Febbraio 2004 MON. 206 REV. 2.0 1 di 7 INDICE 1.0 GENERALITÁ 3 2.0 INTERFACCE 3 3.0 CARATTERISTICHE

Dettagli

Verifiche su impianti di Terra. Apparecchiature per la verifica degli impianti di messa a terra e modalità d uso

Verifiche su impianti di Terra. Apparecchiature per la verifica degli impianti di messa a terra e modalità d uso Apparecchiature per la verifica degli impianti di messa a terra e modalità d uso 1 Principale normativa inerente impianti di messa a terra Impianti elettrici CEI 99-2 (IEC EN 61936-1) CEI 99-3 (EN 50522)

Dettagli

6.1 Macchine sincrone generalità

6.1 Macchine sincrone generalità Capitolo 6 (ultimo aggiornamento 31/05/04) 6.1 Macchine sincrone generalità La macchina sincrona è un particolare tipo di macchina elettrica rotante che ha velocità di rotazione strettamente correlata

Dettagli

Segnaletica Ferroviaria. Segnaletica di linea e articoli complementari per il settore ferroviario

Segnaletica Ferroviaria. Segnaletica di linea e articoli complementari per il settore ferroviario Segnaletica Ferroviaria Segnaletica di linea e articoli complementari per il settore ferroviario LA NOSTRA SOCIETÀ Prealux, società costituita da circa trent anni, è operativa nel settore della segnaletica

Dettagli

Impianto fotovoltaico non integrato 1,5

Impianto fotovoltaico non integrato 1,5 Impianto fotovoltaico non integrato 1,5 kw Fornitura materiale per un sistema fotovoltaico monofase, completo di ogni accessorio, con potenza di picco pari a 1,52kWp. Costruito con numero 1 stringa di

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE DI TEEA

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE DI TEEA COMPT PE LE VCNZE ESTVE D TEE CLSSE 4P.S. 2014-15 Per tutta la classe: l rientro verranno controllati e valutati i quaderni, saranno considerati sufficienti i lavori con almeno 15 esercizi svolti. Per

Dettagli