PROGETTO PER LA FORMAZIONE PERMANENTE SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO PER LA FORMAZIONE PERMANENTE SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO"

Transcript

1 PROGETTO PER LA FORMAZIONE PERMANENTE SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO 1

2 INDICE 1. Premessa I NOSTRI CORSI OBIETTIVI MODALITÀ DI EROGAZIONE E-Learning In presenza LE METODOLOGIE In e-learning In presenza ARCHITETTURA TECNOLOGICA E LOGISTICA E-learning: In presenza: la logistica MONITORAGGIO, VALUTAZIONE E REPORTING E-learning In presenza Valutazione Il Certificato di frequenza LE PROFESSIONALITÀ COINVOLTE

3 1. PREMESSA Oggi il rapporto tra lavoratori e aziende non è più basato solo sulla capacità di esecuzione, ma anche sulla partecipazione alla creazione di condizioni di lavoro adeguate. Anche sulla base della spinta legislativa italiana ed europea, ogni organizzazione deve dotarsi di una strategia globale del benessere e della sicurezza dei lavoratori, quale parte integrante della qualità del lavoro. Per affrontare efficacemente la sicurezza nei luoghi di lavoro la legge prevede una continua opera di sensibilizzazione, informazione e formazione rivolta a tutti i lavoratori. Il datore di lavoro deve provvedere affinché ciascun lavoratore riceva un adeguata informazione su: i rischi per la sicurezza e la salute connessi all attività dell impresa in generale; le misure e le attività di protezione e prevenzione adottate; i rischi specifici cui è esposto in relazione all attività svolta, le normative di sicurezza e le disposizioni aziendali in materia; i pericoli connessi all uso delle sostanze e dei preparati pericolosi sulla base delle schede dei dati di sicurezza previste dalla normativa vigente; le procedure che riguardano il pronto soccorso, la lotta antincendio, l evacuazione dei lavoratori; il responsabile del servizio di prevenzione e protezione; i nominativi dei lavoratori addetti alle misure di pronto soccorso, salvataggio, prevenzione incendi. La legislazione prevede inoltre sanzioni a carico dei datori di lavoro in caso di mancata attuazione degli obblighi informativi. Il datore di lavoro, i dirigenti e i preposti, nell ambito delle rispettive attribuzioni e competenze, assicurano che ciascun lavoratore riceva una formazione sufficiente ed adeguata in materia di sicurezza e di salute, con particolare riferimento al proprio posto di lavoro e alle proprie mansioni. La formazione deve avvenire in occasione: dell assunzione; del trasferimento o cambiamento di mansioni; dell introduzione dì nuove attrezzature di lavoro o di nuove tecnologie, di nuove sostanze e preparati pericolosi; annualmente. 2

4 La formazione deve essere ripetuta periodicamente in relazione all evoluzione dei rischi ovvero all insorgerne di nuovi. Il legislatore ha previsto la costituzione di organismi paritetici tra le organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori in ogni comparto produttivo e in ogni settore di attività: le funzioni di tali organismi sono di orientamento e promozione, non contemplando, quindi, la gestione dei corsi e l attività didattica. In assenza degli organismi paritetici, l azienda programmerà autonomamente l attività formativa. I moduli formativi devono essere inclusi nell orario di lavoro. La formazione non può comportare oneri economici, diretti o indiretti, a carico dei lavoratori. Sono previste sanzioni sia a carico dei datori di lavoro che non organizzino programmi formativi sulla sicurezza sia a carico dei lavoratori che non si sottopongano a detti programmi. Poiché tale formazione deve essere visibile ai fini anche di non incorrere nelle sanzioni previste per gli inadempimenti, è necessario individuare moduli formativi mirati all acquisizione di specifiche conoscenze in riferimento a: diritto all informazione e formazione; rischi connessi alla propria mansione / posto di lavoro; procedure di sicurezza ed emergenza; intervento di primo soccorso; dispositivi di protezione individuale utilizzabili. I moduli, di durata variabile in relazione alle specifiche esigenze, devono essere supportati da strumenti didattici semplici, preferibilmente visivi o audiovisivi e, per alcune figure, da dimostrazioni sul campo. In sede di prima applicazione, la formazione dovrà riguardare tutti i soggetti al lavoro. Il decreto prevede alcuni contenuti minimi per tutti i lavoratori e un numero di ore minime per alcune figure professionali ricoprenti ruoli di responsabilità. 3

5 2. I NOSTRI CORSI I corsi proposti sono in linea con quanto previsto dal decreto legislativo n 81 del 9 aprile 2008 e dall accordo Stato Regione del 21/12/2011 in materia di formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro: 1 Formazione generale - il corso è rivolto a tutti i lavoratori e prevede i seguenti moduli: a. concetti generali di rischio e di danno; b. organizzazione aziendale per la prevenzione e protezione; c. diritti, doveri e sanzioni per i diversi soggetti aziendali; d. vigilanza, controllo e assistenza. Modalità di erogazione - e-learning: Durata del corso: 5 ore Costo a partecipante: 50 più IVA se dovuta. 2 Formazione per i preposti - la formazione del preposto comprende quella prevista per tutti i lavoratori integrata da una formazione specifica in relazione ai compiti esercitati. Il corso prevede i seguenti moduli: a. i soggetti del sistema di prevenzione aziendale: compiti, obblighi, responsabilità relazioni interne ed esterne; b. definizione e individuazione dei fattori di rischio, incidenti e infortuni; c. tecniche di comunicazione e sensibilizzazione dei lavoratori; d. valutazione dei rischi aziendali; e. individuazione misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione; f. modalità di esercizio della funzione di controllo dell osservanza delle disposizioni in materia di sicurezza e dell uso dei mezzi messi a diposizione dei lavoratori per la prevenzione. Modalità di erogazione: e-learning: dal modulo a) al modulo c) e in presenza dal modulo d) al modulo f). Durata del corso : 5 ore in modalità e-learning e 5 ore in presenza. Costo ad partecipante: 125 più IVA se dovuta. 4

6 3 Formazione per i Dirigenti - la formazione dei Dirigenti è realizzata per rispondere agli obblighi previsti in materia di sicurezza ed è strutturata in quattro moduli aventi i seguenti contenuti: a. Modulo 1: giuridico normativo; b. Modulo 2: gestione ed organizzazione della sicurezza; c. Modulo 3: individuazione e valutazione dei rischi; d. Modulo 4: comunicazione, formazione e consultazione dei lavoratori. Modalità di erogazione: e-learning: Durata del corso: 16 ore Costo ad partecipante: 150 più IVA se dovuta. 4 Corso di Aggiornamento - il corso di aggiornamento è rivolto ai lavoratori e deve essere svolto con cadenza quinquennale. Tale corso comprende i seguenti moduli: a. Approfondimenti giuridico-amministrativo; b. Aggiornamenti tecnici sui rischi ai quali sono esposti i lavoratori; c. Aggiornamenti su organizzazione e gestione della sicurezza in azienda; d. Fonti di rischio e relative misure di prevenzione. Modalità di erogazione: e-learning: 5 Durata del corso: 16 ore 6 Costo ad partecipante: 120 più IVA se dovuta 5

7 3. OBIETTIVI Obiettivi generali. La formazione e l informazione sul tema della sicurezza, rivolta ai soggetti che a vario titolo prestano la loro opera assume sempre più un carattere strategico per i datori di lavoro, non solo per il rispetto della normativa vigente in materia di sicurezza ma soprattutto per consentire migliori condizioni di lavoro agli addetti e garantire la sicurezza a tutti quei soggetti che prestano la loro opera. Obiettivi specifici Gli obiettivi specifici dell intervento formativo/informativo proposto sono: dare una adeguata informazione ai lavoratori e trasferire le competenze di base per la corretta applicazione della normativa vigente e la gestione della sicurezza nei luoghi di lavoro; agevolare l accesso alla formazione e all informazione attraverso modalità di erogazione che consentano di non spostarsi dal luogo di lavoro. 6

8 4. MODALITÀ DI EROGAZIONE 4.1. E-Learning La soluzione proposta in modalità e-learning consente di formare e informare i lavoratori nei loro luoghi di lavoro e di utilizzare un modello di fruizione diluito nel tempo senza oneri di trasferimento a carico dell azienda. I partecipanti all attività formativa attraverso il collegamento a internet potranno utilizzare la piattaforma e-learning per: L iscrizione: l accesso a tale tipologia di formazione avverrà utilizzando internet con l assegnazione di un login e di una password per ciascun partecipante consentendo in tal modo l abbattimento dei costi improduttivi per trasferimento e per la necessaria riorganizzazione delle attività lavorative. La fruizione: i contenuti del corso sono strutturati in learning object, unità didattiche, auto consistenti e indipendenti, realizzati rispettando lo standard SCORM. Le caratteristiche peculiari dei prodotti multimediali sono la struttura modulare aperta e la componente multimediale; essi inoltre sono sviluppati per consentire un apprendimento interattivo su casi concreti e con utilizzo di modulistica di uso immediato. Essi: consentono, attraverso la piattaforma, il tracciamento del tempo di fruizione, il numero di accessi, il punteggio ottenuto, i moduli per la valutazione dell autoapprendimento intermedio e finale; contengono un'unità di presentazione e orientamento per descrivere: gli obiettivi, l articolazione della proposta didattica, le metodologie utilizzate, i tempi di fruizione, le modalità di monitoraggio e valutazione; in ciascun prodotto sono presenti: funzioni di navigazione e orientamento, funzioni di accesso alle diverse unità didattiche. 7

9 4.2. In presenza La modalità di formazione in presenza, riservata solo per i corsi dei preposti, prevede che i partecipanti presentino una scheda d iscrizione che verrà messa loro a disposizione on line nei siti di progetto. Per l ammissione al corso la scheda d iscrizione dovrà essere controfirmata dal responsabile aziendale. Tutti i corsi in presenza avranno la durata di 5 ore e saranno programmati in edizioni di almeno 15 partecipanti. Raggiunto il numero minimo richiesto, l Agenzia formativa garantirà l erogazione delle attività formative in aule con una percorrenza media di 40 Km dal luogo di lavoro. Tale attività formativa, se richiesto dal Committente, potrà essere organizzata anche nella sede di lavoro, in questo caso il numero minimo dei partecipanti richiesto non potrà essere inferiore a 8. 8

10 5. LE METODOLOGIE 5.1. In e-learning In fase di erogazione dei diversi percorsi formativi si propone un modello formativo in e-learning che consente di definire, in base alla caratteristiche degli utenti cui tale percorso è rivolto, ai moduli formativi da erogare e alla tipologia di conoscenze e competenze da implementare, precise scelte metodologiche. Il modello formativo proposto consente di dare risposte alle esigenze proprie di ciascuna realtà lavorativa portando la formazione nei luoghi di lavoro senza dover scontare assenza dal posto di lavoro e ulteriori costi di spostamento. La formazione on line rappresenta un innovativa forma di didattica per linguaggi e strumenti utilizzati volta a favorire l apprendimento continuo attraverso: l accesso on line da parte degli utenti alle risorse formative; lo sviluppo dell apprendimento collaborativo; l apprendimento aperto e flessibile grazie all interazione con l ambiente ipertestuale; il monitoraggio dei risultati formativi. Il modello formativo si basa sulla possibile integrazione di diversi modelli di apprendimento realizzati in momenti di autoistruzione (self learning), di apprendimento collaborativo on line (cooperative learning). Il self learning consiste in un modello di apprendimento che consente all utente dì implementare le conoscenze attraverso la fruizione di materiali didattici (learning object). L accento è posto sul contenuto che favorisce la conoscenza delle tematiche e fornisce la possibilità, attraverso i test presenti nel corso, di auto valutare il proprio processo formativo. Cooperative learning. L apprendimento cooperativo rappresenta un modello di apprendimento attraverso l interazione con gli altri (docenti, tutor e partecipanti) in modalità sincrona e/o asincrona. In questo caso l accento viene posto sul fattore relazionale e quindi sulla costruzione di un processo di apprendimento che si arricchisca dal confronto e dall esperienza del gruppo. Il gruppo docenti, tutor e partecipanti costituisce una risorsa perché consente di confrontare le diverse esperienze dei partecipanti alle attività formative, oltre che approfondire temi specifici con gli esperti (tutor on line). Tali modelli consentono di acquisire un approfondita conoscenza sugli specifici temi attraverso la consultazione dei materiali didattici on line, lo scambio costante con i tutor e i docenti on line garantito dai servizi di comunicazione propri dell e-learning (chat, forum, mail, ecc.). Detta modalità viene proposta per la formazione dei lavoratori di base, permette un controllo individuale dell efficacia del percorso formativo e genera un auto certificazione del processo formativo come previsto dal legislatore. 9

11 L efficacia del setting formativo è garantita dal tutoraggio on line che riveste un ruolo centrale nei percorsi e-learning e nel governo di alcune attività nel processo di apprendimento del singolo utente e dei gruppi di utenti. I benefici di un buon apprendimento possono derivare, infatti, non solo dall'atteggiamento positivo del corsista verso la nuova tipologia di formazione ma anche dall interazione e dalla cooperazione continua e costante che si riesce ad attivare all'interno della classe virtuale al fine di: favorire il dialogo; attivare sinergie; promuovere la diffusione del sapere condiviso. Il tutor on line nel progetto, oltre ad essere un esperto di contenuti, si pone, infatti, come promotore delle interazioni fra i discenti, incentivando e stimolando la partecipazione. Il suo ruolo principale è quello di facilitatore in una classe in cui gli allievi sono impegnati in attività, che comportano la familiarizzazione con i concetti principali e l acquisizione della padronanza degli stessi. I partecipanti all attività formativa potranno accedere (mediante nome utente e password) in modo semplice ma al tempo stesso organico a un efficace sistema di apprendimento collaborativo guidato da un esperto on line In presenza La metodologia applicata per la formazione in presenza è quella tradizionale. Essa prevede delle lezioni frontali con l esposizione in aula, da parte del docente, dei contenuti ed è finalizzata all assimilazione e alla comprensione di conoscenze teoriche insostituibili per trasferire e affrontare in seguito le nozioni pratiche di base per il rispetto della normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavori nei diversi settori di competenza. Alla metodologia su descritta saranno inoltre affiancate metodologie di Role playing e di training group: La prima avrà lo scopo di coinvolgere i partecipanti in attività simulate per l acquisizione pratica relativa al ruolo che dovranno svolgere in azienda per lo sviluppo delle conoscenze in merito all applicazione della normativa per la sicurezza; La seconda svilupperà una situazione di apprendimento che ha la finalità di riprodurre le varie situazioni allo scopo di facilitare l acquisizione di consapevolezza circa il proprio comportamento anche in relazione al comportamento altrui. 10

12 6. ARCHITETTURA TECNOLOGICA E LOGISTICA 6.1. E-learning: Struttura degli ambienti on-line All inizio del percorso didattico, a ogni utente viene fornito un account di accesso alla sezione LMS (Learning Management System) del portale. Il LMS rappresenta uno strumento articolato, i cui obiettivi vanno molto oltre a quelli offerti dalle consuete piattaforme per la formazione a distanza. Esso infatti: 1. consente la fruizione dei corsi, attraverso materiali multimediali altamente interattivi (courseware) e funzionalità di comunicazione a distanza sincrona e asincrona in grado di aumentare l efficacia della tradizionale formazione d aula; 2. consente agli utenti di comunicare tra loro e con gli esperti al fine di mettere in circolo informazioni rilevanti possedute solo da alcuni e che possono invece rivelarsi preziose anche per altri colleghi; 3. permette a docenti e utenti di sviluppare le attività di formazione con un prezioso spazio di accumulazione del sapere, in cui vengono man mano riposti gli output delle attività; 4. offre agli utenti un servizio informativo attraverso il quale essi hanno modo di accedere a informazioni specifiche della comunità on-line. Il portale è dunque suddiviso in una sezione propriamente dedicata all e-learning e una seconda, non meno importante, dedicata alla creazione e al supporto di una comunità on-line di partecipanti a qualunque titolo. Il portale è sviluppato con i più rigorosi principi di privacy, in ottemperanza alle leggi vigenti ma anche al fine di limitare la diffusione dei contenuti presenti sull ambiente e-learning alla cerchia dei partecipanti. Il portale è accessibile da qualsiasi PC collegato alla rete Internet, in modo da consentire ai partecipanti la fruizione dei corsi da qualsiasi postazione. Strumenti per l autoapprendimento. L autoapprendimento consente al partecipante di acquisire competenze in autonomia, utilizzando i materiali multimediali (courseware) disponibili nell ambiente e-learning. Ciascun courseware è suddiviso in Learning Objects (LO), per consentire una consultazione agevole degli argomenti trattati. Ogni LO propone al partecipante un percorso di apprendimento supportato da esercitazioni e attività di test per l autovalutazione dei risultati raggiunti durante tutto il percorso. 11

13 Ciascun LO mette inoltre a disposizione alcuni strumenti di sostegno alle attività di formazione, come un glossario dei termini utilizzati, una biblioteca con testi, documenti e link di approfondimento degli argomenti e una funzione di ricerca all interno del courseware. La consultazione del courseware avviene in maniera semplice e intuitiva, senza che siano richieste particolari dotazioni hardware o software. Viene, infatti, utilizzato un normale browser per la navigazione su internet e l interazione con le pagine del corso è guidata tramite una barra di navigazione da cui è possibile richiamare le funzionalità. Le componenti multimediali (video/animazioni, audio, grafica, testi) costituiscono un elemento particolarmente efficace nella direzione del sostegno agli utenti nell'attività di autoapprendimento. La ricchezza di stimoli, esercitazioni e possibilità di personalizzazione permettono di intervenire con diverse modalità sul percorso di apprendimento e sulla motivazione dei partecipanti. Al termine di ogni LO, e comunque ogni qualvolta il tutor o il docente lo ritengano necessario, il partecipante deve affrontare un test di verifica che consenta all utente un autovalutazione dell apprendimento, e al docente di valutare in itinere l efficacia della didattica. Strumenti per l apprendimento collaborativo I courseware non sono l unico strumento disponibile per la formazione a distanza. Infatti sarà resa disponibile una serie di strumenti per l interazione in grado di supportare le attività della comunità di apprendimento. Tale metodologia è supportata dalla presenza dei docenti on line, che in qualità di esperti affiancano i corsisti nell apprendimento dei singoli moduli, attraverso la realizzazione di esercitazioni pratiche, l assistenza didattica, l approfondimento di argomenti attinenti al corso e alla propria realtà professionale. 12

14 La comunità si configura come un ambiente on-line, ospitata all interno di un apposito portale concepito per lo scambio di informazioni ed esperienze tra i partecipanti a vario titolo. La comunità consiste in: una home page, a partire dalla quale tutti i servizi della comunità professionale sono resi disponibili agli utenti accreditati; una bacheca eventi, costantemente aggiornata con le informazioni più recenti relative a convegni, seminari, giornate di studio e di formazione; un area chat tra partecipanti ed esperti che consente di gestire in tempo reale esercitazioni scritte e momenti di interazione; un forum di discussione nel quale è possibile dibattere sui temi funzionali alla propria realtà professionale; un area biblioteca come banca dati dei materiali di interesse; un area per l accumulo delle domande più frequenti (FAQ) con relative risposte da parte degli esperti; un area di valutazione degli allievi attraverso questionari e test; un area di monitoraggio della partecipazione e della frequenza degli allievi. Attraverso gli strumenti didattici dell ambiente e-learning è possibile gestire un attività fortemente collaborativa, in cui i corsisti si servono degli strumenti di bacheca, forum, , biblioteca e chat per sviluppare un percorso di apprendimento condiviso e coordinato dal docente on line In presenza: la logistica Tutte le aule di dimensioni minime di mq 50, sono funzionali per la formazione e possiedono i requisiti per l accreditamento In ciascuna sede sono presenti gli uffici di direzione/segreteria; sala docenti/biblioteca. Ciascuna sede è dotata di: Connessione ADSL e router wireless con velocità di connessione minima di 8Mbps; 13

15 n. 1 schermo; 1 videocamera; Lavagna a fogli mobili; Armadio archivio; 1 stampante laser collegata in rete; Tecnologia per la connettività; 1 PC collegato in rete. 14

16 7. MONITORAGGIO, VALUTAZIONE E REPORTING Con il sistema di monitoraggio ci si propone di: 1. tenere sotto controllo il raggiungimento degli obiettivi concordati con il Committente; 2. dare evidenza, in modo trasparente e condiviso, delle attività eseguite effettivamente e delle modalità messe in atto. Durante il percorso formativo, sarà possibile monitorare continuamente l andamento delle frequenze attraverso il dato numerico degli utenti che partecipano e usufruiscono attivamente dei corsi. Sostanzialmente le modalità di monitoraggio sono strettamente legate alla modalità di erogazione della formazione stessa E-learning Il dato riguardante la fruizione da parte del singolo utente della formazione a distanza verrà monitorato attraverso un sistema di tracciamento implementato nella piattaforma, attraverso il quale, dal momento in cui l utente digita la user-id e la password per accedervi, è tracciata l'attività didattica, indicando data, ora di connessione e di disconnessione dal sistema di formazione online. Il sistema consente, inoltre di ottenere tempestivamente il dato aggiornato sulle ore di fruizione del corso a distanza da parte del singolo corsista. Al fine di monitorare e completare l apprendimento individuale, i partecipanti svolgono esercitazioni pratiche sugli argomenti trattati; i risultati ottenuti attraverso le esercitazioni sono poi oggetto di discussioni on-line tra i partecipanti e gli esperti. Per la valutazione del livello di conoscenze acquisite durante il corso, è fondamentale svolgere il test finale al seguito del quale verrà rilasciato un attestato di partecipazione con l indicazione dei crediti formativi maturati. Inoltre per la valutazione sull andamento complessivo dell attività formativa, a conclusione del corso, viene compilato un questionario di soddisfazione on-line In presenza Con i sistemi di monitoraggio, controllo e di valutazione ci si pone l obiettivo di valutare periodicamente gli elementi informativi utili alla programmazione e gestione delle attività e alla verifica della loro efficacia. Rappresenta dunque un osservazione costante che accompagna lo svolgimento dell intero percorso e supporta con dati oggettivi, la valutazione della attività formativa. Per alimentare il sistema di valutazione, il monitoraggio sarà quindi incentrato sulle tradizionali valutazioni temporali ex ante, in itinere e finale. In particolare la valutazione finale, organizzata con 15

17 verifiche sull apprendimento attraverso test o colloqui, consentirà al partecipante di ottenere la certificazione previste per legge Valutazione La valutazione finalizzata al rilascio della certificazione delle competenze acquisite si basa sui principi di trasparenza e garanzia. Tali principi si traducono nella scelta di un meccanismo di verifica che sia: oggettivo, cioè legato ai dati di tracciamento resi disponibili dalla piattaforma o dal registro d aula; coerente con il concetto di formazione effettivamente erogata; di garanzia verso la Committenza e al tempo stesso rispettoso dei differenti tempi di apprendimento degli utenti dei contenuti. Per la valutazione del livello di conoscenze acquisite durante il corso, è fondamentale svolgere il test finale al seguito del quale verrà rilasciato un attestato di partecipazione con l indicazione dei crediti formativi maturati. Inoltre per la valutazione sull andamento complessivo dell attività formativa durante il corso e a conclusione dello stesso, verranno somministrati dei questionari on line o in presenza per la rilevazione del grado di soddisfazione, Customer Satisfaction. Reporting. Il sistema di reporting contiene: la descrizione dettagliata dello stato di attuazione del programma formativo concordato; il grado di conseguimento degli obiettivi così come previsti nel piano didattico; il numero dei partecipanti alle attività formative e le ore di fruizione di ciascun partecipante; la valutazione finale del progetto con l analisi delle valutazioni circa il grado di soddisfazione dei partecipanti Il Certificato di frequenza Sia nella modalità on line che nella modalità in presenza il certificato di partecipazione sarà rilasciato solo dopo la verifica delle ore di fruizione del corso che non dovranno essere inferiori, come previsto dall accorso Stato Regioni al 90% delle ore di formazione previste per ciascun corso: Nel caso della formazione on line saranno regolarmente tracciate dalla piattaforma e nel caso della formazione in presenza risulteranno dalla rilevazione delle firme apposte nel registro d aula. 16

18 8. LE PROFESSIONALITÀ COINVOLTE Tutte le figura professionali previste per la realizzazione delle attività formative per la sicurezza possiedono un curriculum professionale adeguato e hanno una esperienza nel loro campo di attività uguale o superiore a cinque anni. La tabella seguente evidenzia le figure professionali previste per lo svolgimento delle attività. FIGURA PROFESSIONALE ATTIVITÀ PRINCIPALI Coordinatore didattico Coordina il progetto nel suo complesso e mantiene le relazioni con il Committente. Docente Eroga le docenze in aula per i preposti. Tutor di contenuto Eroga il servizio di consulenza tematica on-line. Tutor tecnico Supporta gli utenti nell utilizzo degli strumenti della piattaforma garantendo anche assistenza metodologica. Esperto di valutazione Configura i percorsi formativi, progetta il sistema di monitoraggio e valutazione e organizza il reporting sulla rilevazione della Customer Satisfaction. Amministratore del LCMS Profilazione utenze. Segreteria organizzativa Organizza i calendari didattici, gestisce le sedi logistiche, supporta il coordinatore del progetto e i vari tutor. 17

Formazione, informazione, addestramento: le caratteristiche dei percorsi formativi previste per le diverse figure

Formazione, informazione, addestramento: le caratteristiche dei percorsi formativi previste per le diverse figure Formazione, informazione, addestramento: le caratteristiche dei percorsi formativi previste per le diverse figure 30 ottobre 2008 - Como Nicoletta Cornaggia Art. 2 comma 1 - Definizioni aa) «formazione

Dettagli

NUOVI OBBLIGHI FORMATIVI PER DATORI DI LAVORO - RSPP

NUOVI OBBLIGHI FORMATIVI PER DATORI DI LAVORO - RSPP NUOVI OBBLIGHI FORMATIVI PER DATORI DI LAVORO - RSPP CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA STATO REGIONI PROVINCIE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Accordo tra il Ministro del lavoro e delle politiche sociali,

Dettagli

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 PRESENTAZIONE INIZIATIVA DI FORMAZIONE TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 IDENTIFICATIVO FA1-AA-PRE-TRASPARENZA-SCUOLE-1.0 VERSIONE Ed. 1 Rev. 0/23-10-2013

Dettagli

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015 Carta dei Servizi per lo Studente a.a. 2014/2015 INDICE ART. 1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ... 3 ART. 2 CONTRATTO CON GLI STUDENTI... 3 ART. 3 TUTELA DEI DATI PERSONALI... 3 ART. 4 MATERIALE DIDATTICO...

Dettagli

SEMINARIO. Come cambia la formazione in materia di Sicurezza sul lavoro dopo i recenti accordi Stato-Regioni

SEMINARIO. Come cambia la formazione in materia di Sicurezza sul lavoro dopo i recenti accordi Stato-Regioni SEMINARIO Come cambia la formazione in materia di Sicurezza sul lavoro dopo i recenti accordi Stato-Regioni La formazione in materia di sicurezza obbligatoria e normata, i requisiti dei documenti e degli

Dettagli

giugno 2012 Sergio Piazzolla - Giacomo Calvi

giugno 2012 Sergio Piazzolla - Giacomo Calvi Accordo tra il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, il Ministero della Salute, le Regioni e le Province autonome di Treno e di Bolzano per la formazione dei lavoratori ai sensi dell articolo

Dettagli

Nuove regole per la formazione. lavoratori preposti dirigenti

Nuove regole per la formazione. lavoratori preposti dirigenti Nuove regole per la formazione lavoratori preposti dirigenti 1 Accordo tra il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, il Ministro della salute, le regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano

Dettagli

Manuale per l e-learning del Gruppo ECOSafety

Manuale per l e-learning del Gruppo ECOSafety p1/21 Introduzione La piattaforma di e-learning è uno strumento didattico, con accesso ed utilizzo interamente web, che permette al docente in totale autonomia di pubblicare e rendere accessibile ai discenti

Dettagli

Scuola Sicura formazione alla sicurezza negli istituti scolastici toscani. Livorno, 23 aprile 2013

Scuola Sicura formazione alla sicurezza negli istituti scolastici toscani. Livorno, 23 aprile 2013 formazione alla sicurezza negli istituti scolastici toscani Livorno, 23 aprile 2013 2 TRIO è il Sistema di Web Learning della Regione Toscana che mette a disposizione di cittadini, enti pubblici e organizzazioni

Dettagli

Ministero dell istruzione dell università e della ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico

Ministero dell istruzione dell università e della ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico ALLEGATO TECNICO AL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO 12 MARZ0 2009 tra il Ministero dell istruzione, e le Organizzazioni sindacali firmatarie del ccnl del personale del comparto scuola, sottoscritto

Dettagli

L E-LEARNING ENTRA NELLA PA : IL CASO ARPA PUGLIA

L E-LEARNING ENTRA NELLA PA : IL CASO ARPA PUGLIA Luigi Barberini Studiodelta S.r.l. Bari /Italia l.barberini@studiodelta.it FULL PAPER Obiettivo principale del progetto è stato la formazione informatica di base per un numero di circa 0 dipendenti dell

Dettagli

1. Titolo del corso SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (livello avanzato) 4. Quota di iscrizione per partecipante (al netto di Iva) 3.

1. Titolo del corso SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (livello avanzato) 4. Quota di iscrizione per partecipante (al netto di Iva) 3. 1. Titolo del corso SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (livello avanzato) 2. Tematica formativa del catalogo Abilità personali Contabilità finanza Gestione aziendale - amministrazione Impatto ambientale Informatica

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

Salute e Sicurezza sul lavoro - 2. Informazione Formazione Addestramento

Salute e Sicurezza sul lavoro - 2. Informazione Formazione Addestramento Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico - Corso integrato Biologia generale e Chimica biologica Modulo didattico: Organizzazione di laboratorio e Sicurezza Salute e Sicurezza sul lavoro - 2 Informazione

Dettagli

Oggetto: accordi per la formazione sulla sicurezza per lavoratori e datori di lavoro.

Oggetto: accordi per la formazione sulla sicurezza per lavoratori e datori di lavoro. Roma, 9 febbraio 2012 Circ. n. 39 / 2012 Prot. n. 113 / AS Arch. n. 2 / D ALLE ASSOCIAZIONI ALBERGATORI ALLE UNIONI REGIONALI AI SINDACATI NAZIONALI AL CONSIGLIO DIRETTIVO AI REVISORI DEI CONTI LORO SEDI

Dettagli

Aggiornamento professionale

Aggiornamento professionale ROBERTO DE LORENZIS E GIUSEPPE VIBRACCI Sicurezza Lavoro Informazione, formazione e addestramento L informazione, la formazione e l addestramento per lavoratori, dirigenti, preposti, RLS, rientrano fra

Dettagli

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE AZIENDALE FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE AZIENDALE FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE AZIENDALE FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN MATERIA DI IGIENE E CUREZZA SUL LAVORO AZIENDA BENNI PAOLO ASSETTO E STRUTTURE DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione e Protezione Nomina RSPP:

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO 2

LINEE DI INDIRIZZO 2 LINEE DI INDIRIZZO 2 ATTIVITÀ DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA A DISTANZA PER L APPRENDIMENTO NON FORMALE 1. Attività di Formazione a distanza (FAD) 1.1. La formazione a distanza (FAD) consiste nell

Dettagli

FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI

FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI L Ebit Ter Lazio offre a tutte le aziende della Regione Lazio la possibilità di formare i propri tutor aziendali, adempiendo così all obbligo di legge e conseguendo la certificazione

Dettagli

PO 01 Rev. 0. Azienda S.p.A.

PO 01 Rev. 0. Azienda S.p.A. INDICE 1 GENERALITA... 2 2 RESPONSABILITA... 2 3 MODALITA DI GESTIONE DELLA... 2 3.1 DEI NEOASSUNTI... 3 3.2 MANSIONI SPECIFICHE... 4 3.3 PREPOSTI... 4 3.4 ALTRI INTERVENTI FORMATIVI... 4 3.5 DOCUMENTAZIONE

Dettagli

CORSO SICUREZZA RSPP RISCHIO ALTO (Datori di Lavoro)

CORSO SICUREZZA RSPP RISCHIO ALTO (Datori di Lavoro) CORSO SICUREZZA RSPP RISCHIO ALTO (Datori di Lavoro) PREMESSA Secondo l art. 34 del D.lgs 81/2008 comma 2 il Datore di Lavoro che intende svolgere direttamente i compiti propri del servizio di prevenzione

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO. Percorsi di formazione trasversale. STUDIO BINI ENGINEERING srl DIVISIONE CONSULENZA DIREZIONALE ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

CATALOGO FORMATIVO. Percorsi di formazione trasversale. STUDIO BINI ENGINEERING srl DIVISIONE CONSULENZA DIREZIONALE ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE CATALOGO FORMATIVO Percorsi di formazione trasversale pag. 1 INDICE: PAGINA ORE COSTO (IVA esclusa) PERCORSI DI FORMAZIONE OBBLIGATORIA IN 3 MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Addetto antincendio - rischio

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Scuola Primaria e Secondaria di I Grado e Biennio Secondaria di II Grado D-5-FSE-2010-1

Dettagli

C018 Corso di formazione per lavoratori IL RISCHIO ELETTRICO

C018 Corso di formazione per lavoratori IL RISCHIO ELETTRICO C018 Corso di formazione per lavoratori IL RISCHIO ELETTRICO durata 3 ore Artt. 36-37 del D.Lgs 81/2008 e s.m.i. Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 DESTINATARI DEL CORSO Il corso di formazione è destinato

Dettagli

Piano Mirato di Prevenzione

Piano Mirato di Prevenzione Da restituire entro il 20 Marzo 2015 per posta, fax o mail a: ASL Monza e Brianza - Dipartimento di Prevenzione Medica Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti Lavoro via Novara, 3 20832 Desio (MB) fax

Dettagli

all esame ISVAP Sezioni A e B del Registro Unico degli Intermediari

all esame ISVAP Sezioni A e B del Registro Unico degli Intermediari Corsi di preparazione all esame ISVAP Sezioni A e B del Registro Unico degli Intermediari Perché scegliere i nostri corsi: i contenuti rispettano il programma d esame pubblicato dall ISVAP sono strutturati

Dettagli

COMMENTO ACCORDI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DATORE LAVORO-RSPP

COMMENTO ACCORDI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DATORE LAVORO-RSPP ALLEGATO 1 COMMENTO ACCORDI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DATORE LAVORO-RSPP Premessa. I corsi hanno una durata minima di 16 ore e a determinate condizioni e entro certi limiti (v. punto 4), è consentito

Dettagli

LMS ERUDIO. E-learning Formazione a distanza. www.sgslweb.it SISTEMI. 20 febbraio 2014 Autore: L.albanese. powered by

LMS ERUDIO. E-learning Formazione a distanza. www.sgslweb.it SISTEMI. 20 febbraio 2014 Autore: L.albanese. powered by LMS ERUDIO E-learning Formazione a distanza powered by SISTEMI 0 febbraio 01 Autore: L.albanese www.sgslweb.it Che cos è l E- Learning? L' e-learning sfrutta le potenzialità rese disponibili da Internet

Dettagli

1. DISTRIBUZIONE Datore di Lavoro, Direzione, RSPP, RLS, preposti, personale Alac SpA

1. DISTRIBUZIONE Datore di Lavoro, Direzione, RSPP, RLS, preposti, personale Alac SpA Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Formazione P03 Rev. 02 del 06/05/2013 1. DISTRIBUZIONE Datore

Dettagli

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Napoli, lì 12 giugno

Dettagli

Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale

Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale Pagina 1 di 8 Indice 1. Gli obiettivi del corso...3 2. I contenuti del corso...3 3. Il percorso didattico...4 3.1 Studio individuale...4

Dettagli

IRSAF - Divisione EIRSAF Certificazioni Informatiche CORSI DI FORMAZIONE PER LA FUNZIONE DOCENTE IN

IRSAF - Divisione EIRSAF Certificazioni Informatiche CORSI DI FORMAZIONE PER LA FUNZIONE DOCENTE IN IRSAF - Divisione EIRSAF Certificazioni Informatiche CORSI DI FORMAZIONE PER LA FUNZIONE DOCENTE IN LE NUOVE TECNOLOGIE DELL'INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE: USO DIDATTICO DEL (100 ore), (150 ore),

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 20/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

Secondo modulo. Obiettivi

Secondo modulo. Obiettivi Secondo modulo Obiettivi Acquisire le conoscenze di base sull organizzazione della prevenzione aziendale per la tutela e la sicurezza sui luoghi di lavoro. Temi Misure di tutela e sicurezza Soggetti della

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI 2012/2013 DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Fotografia di Giuseppe Moscato Scuola primaria e secondaria di primo grado e biennio

Dettagli

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 FORMAZIONE BLENDED LEARNING http://puntoeduri.indire.it/neoassunti2008/in dex.php DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 e-tutor Lorelle Carini 1 AMBIENTE ON-LINE PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI NEOASSUNTI CON CONTRATTO

Dettagli

Durata 28 ore DESTINATARI CONTENUTI ED OBIETTIVI

Durata 28 ore DESTINATARI CONTENUTI ED OBIETTIVI Corsi di formazione per Responsabili e Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione Art. 32 del D.Lgs 81/2008 e s.m.i. Accordo Stato regioni del 26 gennaio 2006 B024 Modulo A Durata 28 ore DESTINATARI

Dettagli

b) Il responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi;

b) Il responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi; Lezione 6 La riunione periodica (art 35) La riunione periodica è un momento di discussione sui temi della prevenzione e della tutela della salute e dell integrità psicofisica dei lavoratori, prevista per

Dettagli

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI (ART. 37 D.LGS. 81/08)

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI (ART. 37 D.LGS. 81/08) FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI (ART. 37 D.LGS. 81/08) L Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011 (pubblicato in G.U. 11 gennaio 2012 n. 8) disciplina la durata, i contenuti

Dettagli

Mediastaff education partner IRSAF Divisione EIRSAF Certificazioni Informatiche

Mediastaff education partner IRSAF Divisione EIRSAF Certificazioni Informatiche Mediastaff education partner IRSAF Divisione EIRSAF Certificazioni Informatiche CORSI DI FORMAZIONE PER LA FUNZIONE DOCENTE IN "LE NUOVE TECNOLOGIE DELL'INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE: Uso didattico

Dettagli

Corsi di aggiornamento per Responsabili e Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione (rif. Art. 32 del D.Lgs 81/2008) B010 Il rischio elettrico

Corsi di aggiornamento per Responsabili e Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione (rif. Art. 32 del D.Lgs 81/2008) B010 Il rischio elettrico Corsi di aggiornamento per Responsabili e Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione (rif. Art. 32 del D.Lgs 81/2008) B010 Il rischio elettrico -Durata 9 ore- DESTINATARI Il corso è destinato ai Responsabili

Dettagli

La Formazione A Distanza sulla sicurezza e salute per Lavoratori e RSPP / ASPP

La Formazione A Distanza sulla sicurezza e salute per Lavoratori e RSPP / ASPP Azienda Unità Sanitaria Locale di Reggio Emilia Azienda Unità Sanitaria Locale di Modena La FAD per il D. Lgs. 626/94: criteri, metodologie e STD minimi di qualità. Proposte dell Università e delle AUSL

Dettagli

SOMMARIO. www.trustonline.org. 1. Introduzione 3. 2. Caratteristiche generali della piattaforma 3. 2.1. Amministrazione degli utenti 5

SOMMARIO. www.trustonline.org. 1. Introduzione 3. 2. Caratteristiche generali della piattaforma 3. 2.1. Amministrazione degli utenti 5 www.trustonline.org SOMMARIO 1. Introduzione 3 2. Caratteristiche generali della piattaforma 3 2.1. Amministrazione degli utenti 5 2.2. Caricamento dei corsi 5 2.3. Publishing 6 2.4. Navigazione del corso

Dettagli

Formazione per Preposti

Formazione per Preposti Formazione per Preposti Accordo Stato Regioni 223 del 21 Dicembre 2011 INTRODUZIONE I contenuti della formazione particolare aggiuntiva per il preposto, oltre ad essere quelli già previsti ed elencati

Dettagli

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo 1. Elementi generali Le attività didattiche del Master

Dettagli

CONVEGNO regionale DIRIGENTI SCOLASTICI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE ISTTITUZIONI SCOLASTICHE: 1 Dicembre 2014

CONVEGNO regionale DIRIGENTI SCOLASTICI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE ISTTITUZIONI SCOLASTICHE: 1 Dicembre 2014 CONVEGNO regionale DIRIGENTI SCOLASTICI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE ISTTITUZIONI SCOLASTICHE: RUOLI E RESPONSABILITÀ 1 Dicembre 2014 IS E. MOLINARI Via Crescenzago, 110 - Milano Formazione ed informazione

Dettagli

Piattaforma per la realizzazione e distribuzione di corsi formativi in modalità e-learning

Piattaforma per la realizzazione e distribuzione di corsi formativi in modalità e-learning Piattaforma per la realizzazione e distribuzione di corsi formativi in modalità e-learning CNA FORMERETE COSA È L E-LEARNING è l'insieme delle attività didattiche svolte all'interno di un progetto educativo

Dettagli

1. DISTRIBUZIONE Datore di Lavoro, Direzione, dirigenti, RSPP, RLS, preposti, personale Alac SpA

1. DISTRIBUZIONE Datore di Lavoro, Direzione, dirigenti, RSPP, RLS, preposti, personale Alac SpA Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Formazione P03 Rev. 03 del 28/04/2014 1. DISTRIBUZIONE Datore

Dettagli

Master Executive. MASTER di I Livello IP 03 - PROFESSIONE ORIENTATORE. 1500 ore - 60 CFU. Anno Accademico 2014/2015

Master Executive. MASTER di I Livello IP 03 - PROFESSIONE ORIENTATORE. 1500 ore - 60 CFU. Anno Accademico 2014/2015 Master Executive MASTER di I Livello IP 03 - PROFESSIONE ORIENTATORE 1500 ore - 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 Titolo Categoria Livello IP 03 - PROFESSIONE ORIENTATORE MASTER I Livello Anno Accademico

Dettagli

Le nuove attività/competenze per gli operatori Centri per l Impiego

Le nuove attività/competenze per gli operatori Centri per l Impiego Le nuove attività/competenze per gli operatori Centri per l Impiego Prima ancora di entrare nel dettaglio, occupandoci degli aspetti di preselezione e monitoraggio di competenza degli Operatori Centri

Dettagli

FORMAZIONE PREPOSTI ex. art. 37, comma 7 - D.Lgs. 81/08 MODULO BASE

FORMAZIONE PREPOSTI ex. art. 37, comma 7 - D.Lgs. 81/08 MODULO BASE FORMAZIONE PREPOSTI ex. art. 37, comma 7 - D.Lgs. 81/08 MODULO BASE conforme all All. 1 dell Accordo Stato-Regioni del 21/12/11 e alla Circolare Regione Lombardia n. 17 del 29/07/13 Regole di utilizzo

Dettagli

C024 Corso di formazione per lavoratori Il rischio biologico

C024 Corso di formazione per lavoratori Il rischio biologico Corso di formazione e-learning in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro destinato alle varie figure aziendali C024 Corso di formazione per lavoratori Il rischio biologico DURATA 3 ORE Artt.

Dettagli

IAPIR FORMAZIONE IAPIR SEI A NORMA CON LA SICUREZZA SUL LAVORO? DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA

IAPIR FORMAZIONE IAPIR SEI A NORMA CON LA SICUREZZA SUL LAVORO? DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA IAPIR FORMAZIONE IAPIR SEI A NORMA CON LA SICUREZZA SUL LAVORO? CORSI ON-LINE DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA Pagina 2 IAPIR FORMAZIONE Perché Formarsi Negli ultimi anni vari provvedimenti di legge, emanati

Dettagli

Durata 6 ore OBIETTIVI DESTINATARI. ARTICOLAZIONE DEL CORSO Il corso e learning è articolato in tre moduli.

Durata 6 ore OBIETTIVI DESTINATARI. ARTICOLAZIONE DEL CORSO Il corso e learning è articolato in tre moduli. Corsi di formazione e informazione in materia di sicurezza destinati alle varie figure aziendali C011 Corso di aggiornamento destinato ai dirigenti Art. 37 comma 7 del D.Lgs 81/2008 e s.m.i. Accordo Stato

Dettagli

CORSO MODALITA E-learning. Formazione per ADDETTI ANTINCENDIO parte teorica rischio basso

CORSO MODALITA E-learning. Formazione per ADDETTI ANTINCENDIO parte teorica rischio basso 2014 N 0 1/7/14 RFO/DOCENTE RFO RFO 1 di 5 A seguito della valutazione del rischio di incendio, eseguita secondo i criteri di cui al D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e al D.M. 10.03.98 e relativi allegati, il datore

Dettagli

Oggetto: richiesta di accreditamento di programma di formazione di gruppo via Internet

Oggetto: richiesta di accreditamento di programma di formazione di gruppo via Internet Oggetto: richiesta di accreditamento di programma di formazione di gruppo via Internet secondo le Norme di attuazione sull applicazione delle tecnologie di e-learning alle attività formative, emanate dal

Dettagli

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale Descrizione degli strumenti e delle metodologie didattiche Lo sviluppo dell attività di formazione degli apprendisti in termini di competenze di base e trasversali sviluppa il suo percorso attraverso incontri

Dettagli

E-LEARNING PER LA FORMAZIONE

E-LEARNING PER LA FORMAZIONE E-LEARNING PER LA FORMAZIONE LA PIATTAFORMA S-LEARNING AiFOS Frutto di una costante ricerca ed esperienza nel campo della formazione in aula ed in azienda, S-learning è un sistema innovativo integrato

Dettagli

FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI FORMATIVI PER LA PARTECIPAZIONE AL GRAN PRIX DELLA FORMAZIONE EDIZIONE N 5 ANNO 2015

FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI FORMATIVI PER LA PARTECIPAZIONE AL GRAN PRIX DELLA FORMAZIONE EDIZIONE N 5 ANNO 2015 FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI FORMATIVI PER LA PARTECIPAZIONE AL GRAN PRIX DELLA FORMAZIONE EDIZIONE N 5 ANNO 2015 TITOLO DEL PROGETTO: ENTE/IMPRESA PROPONENTE 1 Alla GIURIA DEL GRAN PRIX

Dettagli

Ministero dell istruzion e dell unive r si t à e della

Ministero dell istruzion e dell unive r si t à e della ALLEGATO TECNICO ALL ACCORDO NAZIONALE 12 MARZO 2009 tra il Ministero dell istruzione, della ricerca e dell università e le Organizzazioni sindacali concernente l attuazione dell articolo 2, comma 3, della

Dettagli

Corso La gestione informatica dei documenti

Corso La gestione informatica dei documenti Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso La gestione informatica dei documenti

Dettagli

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze Il CORSO L uso delle nuove tecnologie a scuola ha trasformato la relazione comunicativa tra studenti ed insegnanti, modificando gli stili di apprendimento, le strategie formative e le metodologie educative.

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità

Istituto Superiore di Sanità 1 Istituto Superiore di Sanità SISTEMA DI COMUNICAZIONI PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE DEI LAVORATORI DOGE n. Disposizione Operativa Generale BOZZA PER COMMENTI Distribuzione finale: Responsabili delle

Dettagli

Corso per RSPP h16 RISCHIO BASSO

Corso per RSPP h16 RISCHIO BASSO Corso per RSPP h16 RISCHIO BASSO (Datore di Lavoro) Descrizione: Il corso viene effettuato secondo quanto previsto dal D.Lgs. 81/2008, art.34 e dall'accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 che ha riunito

Dettagli

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa MODULO I TRODUTTIVO Indice Premessa Obiettivo del modulo Didattica blended Ragioni dell adozione del blended e-learning - Ragioni didattiche - Ragioni del lifelong learning Finalità e obiettivi Risultati

Dettagli

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008)

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Regolamento del servizio di tutorato (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Sommario Articolo 1 - L istituto del tutorato... 3 Articolo 2 - Obiettivi generali e specifici... 3 Articolo 3 - I tutor...

Dettagli

Mattone 3 - Evoluzione del sistema DRG nazionale

Mattone 3 - Evoluzione del sistema DRG nazionale Mattone 3 - Evoluzione del sistema DRG nazionale Portale web e Corso FAD Roma 25 ottobre 2006 MATTONI SSN Nolan, Norton Italia Attività Portale web predisposto nell ambito delle Attività di Manutenzione

Dettagli

Istituto Certificazione Imprese di Costruzioni. Corsi di Formazione

Istituto Certificazione Imprese di Costruzioni. Corsi di Formazione Istituto Certificazione Imprese di Costruzioni Corsi di Formazione Sommario Sistemi di gestione 4 Modulo A Corso di Formazione per Auditor di Sistemi di Gestione Modulo A - uni en iso 19011 - Corso Qualificato

Dettagli

OGGETTO: Richiesta di accreditamento dell attività formativa a distanza erogabile in modalità E-learning di Gruppo Euroconference Spa

OGGETTO: Richiesta di accreditamento dell attività formativa a distanza erogabile in modalità E-learning di Gruppo Euroconference Spa OGGETTO: Richiesta di accreditamento dell attività formativa a distanza erogabile in modalità E-learning di Gruppo Euroconference Spa Ente proponente: Gruppo Euroconference Spa Via Enrico Fermi, 11/A 37135

Dettagli

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2008 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2008 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Corso di Qualificazione per Auditor Interni dei Sistemi di Gestione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2008 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Responsabile del progetto formativo: Dott. Ing. Antonio Razionale Tutor:

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA PER LAVORATORI NEOASSUNTI, IN ATTESA DI OCCUPAZIONE ED IMPIEGATI. (Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011)

CORSO DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA PER LAVORATORI NEOASSUNTI, IN ATTESA DI OCCUPAZIONE ED IMPIEGATI. (Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011) CORSO DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA PER LAVORATORI NEOASSUNTI, IN ATTESA DI OCCUPAZIONE ED IMPIEGATI (Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011) OBIETTIVI DEL CORSO: Fornire gli elementi di aggiornamento

Dettagli

Centro Regionale Ente di Formazione Giovanile Via Nazionale n. 295 09027 Serrenti (VS) Codice Fiscale e Partiva IVA 02823570920 Tel.

Centro Regionale Ente di Formazione Giovanile Via Nazionale n. 295 09027 Serrenti (VS) Codice Fiscale e Partiva IVA 02823570920 Tel. Catalogo offerta formativa La formazione continua Centro Regionale Ente di Formazione Giovanile Via Nazionale n. 295 09027 Serrenti (VS) Codice Fiscale e Partiva IVA 02823570920 Tel. 0709150085_ mail crefog@tiscali.it

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE PER LA FUNZIONE DOCENTE IN "LE NUOVE TECNOLOGIE DELL'INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE:

CORSI DI FORMAZIONE PER LA FUNZIONE DOCENTE IN LE NUOVE TECNOLOGIE DELL'INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE: CORSI DI FORMAZIONE PER LA FUNZIONE DOCENTE IN "LE NUOVE TECNOLOGIE DELL'INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE: Uso didattico della Lavagna Interattiva Multimediale () Livello Base (100 ore), Livello Intermedio

Dettagli

Durata 9 ore DESTINATARI CONTENUTI ED OBIETTIVI

Durata 9 ore DESTINATARI CONTENUTI ED OBIETTIVI Corso di aggiornamento destinato al Coordinatore per la progettazione e al Coordinatore per l esecuzione dei lavori A013 Il rischio elettrico e la protezione dalle scariche atmosferiche Durata 9 ore DESTINATARI

Dettagli

F017 Progettare l efficienza energetica e la sostenibilità nell edilizia: Termodinamica

F017 Progettare l efficienza energetica e la sostenibilità nell edilizia: Termodinamica Corso di formazione e-learning in materia di efficienza energetica F017 Progettare l efficienza energetica e la sostenibilità nell edilizia: Termodinamica e fisica applicata all'edificio DURATA 3 ORE LA

Dettagli

Durata 6 ore DESTINATARI CONTENUTI ED OBIETTIVI. ARTICOLAZIONE DEL CORSO Il corso e learning è articolato in tre moduli.

Durata 6 ore DESTINATARI CONTENUTI ED OBIETTIVI. ARTICOLAZIONE DEL CORSO Il corso e learning è articolato in tre moduli. Corsi di formazione e informazione in materia di sicurezza destinati alle varie figure aziendali C008 Corso di aggiornamento per Datori di Lavoro che svolgono direttamente i compiti di prevenzione e protezione

Dettagli

FAQ EIPASS A COSA SERVONO LE CERTIFICAZIONI EIPASS?

FAQ EIPASS A COSA SERVONO LE CERTIFICAZIONI EIPASS? FAQ EIPASS A COSA SERVONO LE CERTIFICAZIONI EIPASS? COME SI OTTENGONO LE CERTIFICAZIONI EIPASS? COME SI ACCEDE ALLA PIATTAFORMA? CHE COSA E' AULA DIDATTICA 3.0? IN CHE COSA CONSISTE L'ESAME? La Certificazione

Dettagli

Collaborazione degli organismi paritetici alla formazione

Collaborazione degli organismi paritetici alla formazione Sintesi : Adeguamento e linee applicative degli accordi ex articolo 34, comma 2, e 37, comma 2, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e successive modificazioni e integrazioni Articolo 34 Svolgimento

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

CORSO AGGIORNAMENTO RSPP RISCHIO BASSO (Datori di lavoro)

CORSO AGGIORNAMENTO RSPP RISCHIO BASSO (Datori di lavoro) CORSO AGGIORNAMENTO RSPP RISCHIO BASSO (Datori di lavoro) PREMESSA L aggiornamento del Corso RSPP per Datori di Lavoro a rischio Basso è predisposto per soddisfare le indicazioni presenti nel nuovo Accordo

Dettagli

INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity

INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity scolastica virtuale e molto di più. INinFO di Sabina Nuovo INFORMATICAinFORMAZIONE

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO. Docente/i : Formatori esperti sulla sicurezza sul lavoro in possesso dei requisiti previsti dalla legge. Presentazione del corso

PROGRAMMA DEL CORSO. Docente/i : Formatori esperti sulla sicurezza sul lavoro in possesso dei requisiti previsti dalla legge. Presentazione del corso PROGRAMMA DEL CORSO LA FORMAZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (D. Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 art. 37 Accordo Stato Regioni del 21/12/2011) Durata del corso 32 ore Segreteria organizzativa

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

E-LEARNING. Corsi di aggiornamento per Responsabili e Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione (rif. Art. 32 del D.

E-LEARNING. Corsi di aggiornamento per Responsabili e Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione (rif. Art. 32 del D. E-LEARNING Corsi di aggiornamento per Responsabili e Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione (rif. Art. 32 del D.Lgs 81/2008) B1 Titolo I del D.Lgs 81/2008 Durata 9 ore Direttore didattico: ing.

Dettagli

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale Attività Informa - Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale opera dal 1988. Certificato ISO 9001 dal dicembre 1997. E la scuola per dirigenti,

Dettagli

Formazione in ingresso per docenti neoassunti A.S. 2012/2013

Formazione in ingresso per docenti neoassunti A.S. 2012/2013 Formazione in ingresso per docenti neoassunti A.S. 2012/2013 I.C. 2 di Arzignano (VI) Direttore del Corso: Dirigente Scolastico Frigotto Pier Paolo E-tutor: Dott.ssa Bevilacqua Barbara 1 Modello di formazione:

Dettagli

IL PIANO FORMATIVO PIVOT. Avviso 2/08 Fondimpresa

IL PIANO FORMATIVO PIVOT. Avviso 2/08 Fondimpresa IL PIANO FORMATIVO PIVOT Avviso 2/08 Fondimpresa INDICE Sintesi del Progetto Finalità Obiettivi Destinatari Fasi del Progetto Risultati Attesi Il Piano Formativo PIVOT FINALITA' SINTESI DEL PROGETTO FINALITA'

Dettagli

IAMP ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI

IAMP ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI E-LEARNING + ON LINE - costi + RISULTATI PROGETTO PRESENTAZIONE GENERALE è un marchio commerciale di Studio Mandelli S.r.l., società specializzata in servizi

Dettagli

Nuovo accordo Stato Regioni sulla Formazione dei Dirigenti, dei Preposti, dei Lavoratori e dei Datori di lavoro/rspp

Nuovo accordo Stato Regioni sulla Formazione dei Dirigenti, dei Preposti, dei Lavoratori e dei Datori di lavoro/rspp Nuovo accordo Stato Regioni sulla Formazione dei Dirigenti, dei Preposti, dei Lavoratori e dei Datori di lavoro/rspp Il 21 dicembre 2011, la Conferenza Stato Regioni ha approvato gli accordi per la formazione

Dettagli

N O M I N A INCARICATI DELLE MISURE DI PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO E GESTIONE DELLE EMERGENZE

N O M I N A INCARICATI DELLE MISURE DI PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO E GESTIONE DELLE EMERGENZE DESIGNAZIONE DEI LAVORATORI INCARICATI DELL'ATTUAZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE INCENDI E LOTTA ANTINCENDIO, DI EVACUAZIONE DEI LUOGHI DI LAVORO IN CASO DI PERICOLO GRAVE E IMMEDIATO, DI SALVATAGGIO

Dettagli

SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO

SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO 1 Titolo del Progetto (che si svolgerà nel corso dell a.s. 2011-2012) 1. Percorsi di scuola lavoro classe 3B operatore meccanici 2.

Dettagli

F015 Progettare l efficienza energetica e la sostenibilità nell edilizia: Ape, procedure e

F015 Progettare l efficienza energetica e la sostenibilità nell edilizia: Ape, procedure e Corso di formazione e-learning in materia di efficienza energetica F015 Progettare l efficienza energetica e la sostenibilità nell edilizia: Ape, procedure e strumenti per la certificazione DURATA 6 ORE

Dettagli

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi E-learning Vantaggi e svantaggi vantaggi Abbattimento delle barriere spazio-temporali Formazione disponibile sempre (posso connettermi quando voglio e tutte le volte che voglio) e a bassi costi di accesso

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

Agenda. Prova d esame, prova valutativa, simulazione prova d esame, aggiornamento ed adeguatezza professionale. Ferdinando Santagata CHI SIAMO

Agenda. Prova d esame, prova valutativa, simulazione prova d esame, aggiornamento ed adeguatezza professionale. Ferdinando Santagata CHI SIAMO Formazione OAM Prova d esame, prova valutativa, simulazione prova d esame, aggiornamento ed adeguatezza professionale SP Consulting Srl Agenda CHI SIAMO 1. PROVA D ESAME Requisiti di Ammissione Caratteristiche

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS)

CORSO DI FORMAZIONE PER RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) CORSO DI FORMAZIONE PER RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) Premessa Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS), ai sensi dell art. 37 comma 10 del D.Lgs. 81/08, ha diritto

Dettagli

Date e orari delle lezioni 01-10-14 dicembre 2015. Sede del corso. Segreteria organizzativa Direzione didattica. Obiettivi e Finalità del corso

Date e orari delle lezioni 01-10-14 dicembre 2015. Sede del corso. Segreteria organizzativa Direzione didattica. Obiettivi e Finalità del corso FORMAZIONE FORMATORI Elementi di didattica per la qualificazione Art. 6, comma 8, lettera m-bis, D.Lgs. n. 81/08 e s.m.i Decreto interministeriale 6 marzo 2013 Corso di specializzazione con ESAME FINALE

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Corso Universitario di Aggiornamento Professionale in STRATEGIE DI ACCESSO, GESTIONE E RENDICONTAZIONE DEI FONDI COMUNITARI EUROPEI (CUAP FCE)

Corso Universitario di Aggiornamento Professionale in STRATEGIE DI ACCESSO, GESTIONE E RENDICONTAZIONE DEI FONDI COMUNITARI EUROPEI (CUAP FCE) Titolo del Corso Corso Universitario di Aggiornamento Professionale in STRATEGIE DI ACCESSO, GESTIONE E RENDICONTAZIONE DEI FONDI COMUNITARI EUROPEI (CUAP FCE) Soggetti proponenti UNIVERSITÀ MAGNA GRÆCIA

Dettagli