Che Cosa è MATLAB. Cos è Matlab? Riferimenti bibliografici. Introduzione all ambiente Matlab

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Che Cosa è MATLAB. Cos è Matlab? Riferimenti bibliografici. Introduzione all ambiente Matlab"

Transcript

1 Riferimenti bibliografici Introduzione all ambiente Matlab Guida per l utente (http://www.mathworks.com) G. Naldi, L. Pareschi, Matlab concetti e progetti, Apogeo ed. Tutorials e programmi disponibili in rete: /~guerrini/html/matlab.html /~guerrini/html/primer.ps Lucidi delle lezioni nella pagina web del corso Introduzione Matlab Carla Guerrini 1 Introduzione Matlab Carla Guerrini 2 Che Cosa è MATLAB Matrix Laboratory è un ambiente di calcolo sviluppato per gestire oggetti di tipo matrice E' un ambiente di calcolo scientifico con routines altamente specializzate E' un ambiente grafico E' un linguaggio di programmazione Cos è Matlab? La struttura di base è la matrice per la quale sono già predefinite numerosi tipi elementari (identità, matrice nulla, matrice unità,..) funzioni algebriche e di manipolazione Matlab fa largo uso di librerie di calcolo (in particolar modo di algebra lineare) per risolvere problemi numerici al calcolatore E uno dei programmi scientifici di maggior diffusione, usato nella ricerca e per il calcolo tecnico e scientifico Introduzione Matlab Carla Guerrini 3 Introduzione Matlab Carla Guerrini 4 1

2 Per iniziare. Per lanciare Matlab (in ambiente Windows) è sufficiente cliccare col mouse sull icona corrispondente All avvio appare il Desktop di Matlab che contiene le finestre: dei comandi (command window) dello spazio di lavoro (workspace window) della directory corrente (current directory) della storia dei comandi (command history) Per terminare la sessione di lavoro basta digitare il comando quit dal prompt Introduzione Matlab Carla Guerrini 5 Command Window Nella command window vengono digitati i comandi Matlab valutazione di un espressione assegnazione di un valore ad una variabile esecuzione di una funzione.. Le istruzioni vengono immesse dal prompt (seguite da invio) ed eseguite una ad una Introduzione Matlab Carla Guerrini 6 Le istruzioni elementari Matlab come calcolatrice >> 2+3 ans = 5 Assegnazione del valore 3 alla variabile a: >> a = 3 a = 3 Valutazione di un espressione >> b=a*2 b = 6 Introduzione Matlab Carla Guerrini 7 Workspace window La finestra workspace elenca le variabili presenti nello spazio di lavoro insieme ad alcune informazioni su di esse (dimesioni,tipo, memoria occupata,..) E possibile modificare il valore di una variabile utilizzando l apposito workspace array editor Introduzione Matlab Carla Guerrini 8 2

3 Command History/Current Directory La finestra Command History contiene una lista dei comandi digitati con funzioni di copia ed incolla Tramite la finestra Current Directory è possibile spostarsi tra le cartelle come con un qualsiasi File Maneger Come ottenere aiuto Con il comando help (help in linea di comando) >> help sin SIN Sine. SIN(X) is the sine of the elements of X. Dal menu Help Help Window: l help che si può ottenere da linea di comando messo sotto forma di finestra grafica di più agevole consultazione Help Desk: Un help in HTML molto completo e di facile navigazione fornito anche di svariati esempi Introduzione Matlab Carla Guerrini 9 Introduzione Matlab Carla Guerrini 10 Le informazioni e la memoria Le informazioni (dati in forma numerica o alfanumerica)vengono memorizzati nella RAM utilizzando quelle che vengono chiamate nei linguaggi di programmazioni variabili Una variabile ha due caratteristiche: Il nome, che la identifica. Il valore, cioè il dato che essa rappresenta e che viene memorizzato nella RAM. Introduzione Matlab Carla Guerrini 11 Gestione dei files >> dir - visualizza il contenuto della directory corrente >> what visualizza i files di tipo Matlab nella directory corrente >> cd permette di spostarsi nell albero delle directory >> pwd ritorna la directory corrente >> type nomefile visualizza il contenuto del file Introduzione Matlab Carla Guerrini 12 3

4 Le variabili in Matlab Le variabili in Matlab (II) Matlab lavora tramite espressioni, convertendole in variabili In Matlab qualsiasi dato è trattato come una variabile Per introdurre una variabile basta assegnarle un nome e un valore >> a=5-2 >> 5-2 >> b=7; a = ans = 3 3 Matlab crea automaticamente le variabili nel momento in cuisono definite come termini alla sinistra di un uguaglianza(assegnazione DI UNA VARIABILE) Variabile: nome associato ad una cella di memoria utilizzata per contenere dati Ogni volta che si utilizza un nuovo identificatore assegnandogli un valore, viene associata al nome dell identificatore un insieme di celle di memoria contenente un dato dello stesso tipo del valore assegnato Se il dato è di tipo numerico (intero o reale) ogni cella occupa 8 bytes di memoria Memoria: >>base=3; altezza=5; >> base*altezza ans= 15 Introduzione Matlab Carla Guerrini 13 Introduzione Matlab Carla Guerrini 14 Le variabili Matlab (III) Matlab memorizza tutte le variabili definite durante la sessione di lavoro L insieme delle variabili attive costituisce il workspace di Matlab Il comando who elenca tutte le variabili nel workspace >>who Your variable are: a b c Il comando whos dà maggiori informazioni sulle variabili in memoria Il comando clear cancella il contenuto del workspace Il comando clear seguito dai nomi di alcune variabili (non separati dalla virgola) cancella soltanto quelle variabili >> clear >> clear a b Introduzione Matlab Carla Guerrini 15 Le variabili Matlab (IV) I nomi delle variabili possono essere lunghi al massimo 63 caratteri Sono nomi ammissibili di variabili tutte le sequenze di caratteri contenenti lettere, numeri e il carattere _ (underscore) Matlab fa distinzione fra lettere maiuscole e minuscole Il primo carattere deve essere una lettera Non possono coincidere con le parole riservate. Per controllare se un nome è una parola riservata, vedere il comando iskeyword Introduzione Matlab Carla Guerrini 16 4

5 Variabili predefinite ans most recent answer eps accuratezza relativa per i numeri in doppia precisione. Ritorna la distanza fra 1.0 e il numero (> di 1.0) più vicino ad 1.0. Viene usato come tolleranza in molte funzioni numeriche. pi i,j unità immaginaria NaN Not-a-Number (l espressione calcolata non è un numero macchina, si ottiene come risultato di operazioni aritmetiche indefinite, ad esempio la divisione 0/0) inf,-inf si ottengono per overflow, underflow o divisione per zero version Versione di Matlab Tipi di variabili Tipi interi definiti in Matlab: int8, int16, int32, int64 (interi con segno) uint8, uint16, uint32, uint64 (interi senza segno) Tipi floating point : Single (32 bits), double (64bits) ATTENZIONE! Le operazioni aritmetiche vengono eseguite solo fra elementi double. Per fare delle operazionimatematiche su dati interi o in singola precisione, si devono convertire in doppia precisione usando la funzionedouble. >>s=3 ; us=uint8(s); >>us+4??? Error using + Function '+' is not defined for For values of class uint8 Introduzione Matlab Carla Guerrini 17 Introduzione Matlab Carla Guerrini 18 Tipi di Variabili I dati di tipo logical possono avere due valori: vero corrispondente al valore 1 falso corrispondente al valore 0 I dati di tipo char contengono dati di tipo carattere. Introduzione Matlab Carla Guerrini 19 Formati di visualizzazione delle variabili Matlab di deafult visualizza una variabile numerica con 4 cifre decimali: >>pi ans= Per modificare il formato di visualizzazione, Sintassi del comando: >> format tipoformato >> format long >>pi ans= Introduzione Matlab Carla Guerrini 20 5

6 Formato di visualizzazione Introduzione Matlab Carla Guerrini 21 Introduzione Matlab Carla Guerrini 22 Array Costruzione di un array Indicizzazione di un array Operazioni array-scalari Operazioni array-array Funzioni di manipolazione degli array. Array e utilizzo della memoria. Array Tutte le variabili sono array (matrici) Un array è una struttura dati, cioè memorizza piu dati all interno di una struttura identificata da un singolo nome Un array ha due dimensioni: la prima dimensione rappresenta il numero di righe, la seconda il numero di colonne Scalare: array 1 x 1 Vettore riga: array 1 x n Vettore colonna: array n x 1 Matrice: array n x m Ogni elemento dell array è estratto specificando l indice dell elemento dall inizio dell array Introduzione Matlab Carla Guerrini 23 Introduzione Matlab Carla Guerrini 24 6

7 Array: vettore o matrice Esempi di costruzione di un array V=[ ] Vettore riga 1 x 4 Elemento 7 e individuato dall indice 2: v(2) >> b=[ ] b = >> b=[2, 1, 5, 4] b = Z=[1;4;5;7] A=[1 9; 5-3; ] vettore colonna 4 x 1 Matrice 3 x 3 L elemento 5 e individuato dall indice 3 : z(3) L elemento 0.1 e individuato dagli indici (3,1): A(3,1) Introduzione Matlab Carla Guerrini 25 >> b=[2; 1; 5; 4] b = >> b=[ ] Introduzione Matlab Carla Guerrini 26 Costruzione di array: >> a=[1:2:9] a = >> a=[5:-1:1] a = v=[inizio:incremento:fine] >> a=1:5 a = >> a=[0:0.1:0.3] a = Costruzione di un array con funzioni Matlab linspace - elementi equispaziati >> linspace(0,pi,11) ans = Columns 1 through Columns 8 through logspace elementi con distribuzione logaritmica >> x=logspace(0,1,10) x = Columns 1 through Columns 8 through Introduzione Matlab Carla Guerrini 27 Introduzione Matlab Carla Guerrini 28 7

8 Costruzione di un array Costruzione di array A partire da altre matrici L assegnazione a blocchi è analoga a quella per elementi, con la differenza che ogni elemento introdotto durante l assegnazione può essere un array anziché uno scalare >> y = [3;4]; B=[1 2; 1 2]; >> C=[y B; 5 6 7] C= Funzioni predefinite per generare matrici particolari eye(n) genera la matrice identità di ordine n, cioè la matrice che ha elementi 1 sulla diagonale principale e 0 altrove zeros(m,n) genera una matrice m x n con elementi tutti uguali a 0; fornendo in ingresso un solo elemento n si genera una matrice quadrata n x n ones(m,n) analogo a zeros, ma tutti gli elementi della matrice generata sono uguali a 1 diag(v) crea una matrice diagonale con il vettore v sulla diagonale Si veda help elmat Introduzione Matlab Carla Guerrini 30 Introduzione Matlab Carla Guerrini 29 Indicizzazione di array Dato un vettore riga o colonna: Il singolo elemento del vettore si individua indicando l indice fra parentesi tonda: v(4) Una porzione dell array si individua indicando gli indici del primo e ultimo elemento da considerare: v(2:4) Data una matrice A m x n: Per individuare il singolo elemento si usano due indici, il primonriferito alla riga e il secondo alla colonna Per ogni dimensione della matrice valgono le regole di indicizzazione viste per i vettori Per individuare un blocco di tutti gli elementi di una dimensione si usa la notazione : Usando un solo indice si fa riferimento alla matrice come array di colonne Introduzione Matlab Carla Guerrini 31 Introduzione Matlab Carla Guerrini 32 8

9 Operatori algebrici Operazioni elementari array-scalari E possibile effettuare in modo trasparente tutte le usuali operazioni elementari (+,-,*,/,^) ben definite tra matrici, vettori e scalari Operazioni scalare-scalare Operazioni array-scalare Operazioni array-array Gli operatori algebrici possono essere applicati anche elemento per elemento ad array delle stesse dimensioni usando la così detta sintassi del punto Valgono le solite regole di precedenza tra gli operatori e nell uso delle parentesi Introduzione Matlab Carla Guerrini 33 A matrice m x n b scalare 1 x 1 C= A +b C(i,j)=A(i,j)+b A=magic(2) A = >> b=5; C=A+b C = % moltiplicazione di un array per % uno scalare >> D=A*b D = % divisione di un array per uno % scalare >> E=A/b E = Introduzione Matlab Carla Guerrini 34 Prodotto fra vettori Le operazioni elementari + - * si estendo in modo naturale (quando ben definite!) agli array Non si estende l operazione / (Il simbolo / risolve un sistema lineare) L operazione ^ è definita solo per matrici quadrate Prodotto SCALARE n c=σ A(k)*B(k) k=1 >> A=[ ] % vettore riga (1 x 4) >> B=[ ] % vettore riga (1 x4) >> c =dot(a*b) c= 6 % oppure >>c = A*B % ove B trasposto di B Prodotto elemento per elemento D(i)=A(i)*B(i) per i=1 4 >> D=A.*B D = % i vettori devono avere la stessa lunghezza Introduzione Matlab Carla Guerrini 35 Introduzione Matlab Carla Guerrini 36 9

10 Introduzione Matlab Carla Guerrini 37 Introduzione Matlab Carla Guerrini 38 Operazioni elemento per elemento Moltiplicazione.* Divisione./ Elevamento a potenza.^ Introduzione Matlab Carla Guerrini 39 Introduzione Matlab Carla Guerrini 40 10

11 Dimensioni di un array L'operatore [ ] può essere usato per concatenare matrici Data una matrice A m x n ed un vettore v (riga o colonna) di dimensione n: size(a) fornisce le dimensioni m e n della matrice A.Possiamo memorizzare il risultato in un vettore scrivendo: [m,n]=size(a) length(v) fornisce la lunghezza del vettore v numel(a) restituisce il numero di elementi di A A : crea la matrice trasposta di A diag(v): crea una matrice diagonale con il vettore v sulla diagonale diag(a): estrae la diagonale della matrice A tril(a): estrae da la parte triangolare inferiore triu(a): estrae da la parte triangolare superiore abs(a): produce la matrice dei valori assoluti degli elementi di A Introduzione Matlab Carla Guerrini 41 Introduzione Matlab Carla Guerrini 42 Manipolazione di array Indirizzamento indiretto L'indirizzamento indiretto tramite array numerico (ind) Estrae gli elementi che hanno quell'indice numerico Introduzione Matlab Carla Guerrini 43 Introduzione Matlab Carla Guerrini 44 11

12 Manipolazione di array L'indirizzamento indiretto tramite array logico estrae gli elementi che hanno indice logico =1 (true) N.B. Il vettore [ ] non è equivalente ad un vettore numerico contenente gli stessi valori Introduzione Matlab Carla Guerrini 45 Introduzione Matlab Carla Guerrini 46 flipud rigira l array dalla prima all ultima riga fliplr rigira l array dalla prima all ultima colonna rot90 ruota l array di 90 gradi in direzione oraria reshape cambia la dimensione dell array mantenendo il numero degli elementi. >>Y= RESHAPE(X,M,N) returns the M-by-N matrix whose elements are taken columnwise from X. An error results if X does not have M*N elements. Manipolazione di array Introduzione Matlab Carla Guerrini 47 Come salvare il proprio lavoro Per salvare una cronaca della sessione di lavoro si deve eseguire all'inizio della sessione stessa il comando diary nomefile.txt Il file di testo NON permette di recuperare il contenuto delle variabili; per conservare il contenuto delle variabili si deve invece salvare tutta l'area di memoria (o parte di essa) con il comando save Ad esempio: >> x = 1; >> a = 3; >> save areawork >> save xarea x I file generati (binari) hanno estensione.mat. Per ricaricarli nello spazio di lavoro si usa il comando load: >> load areawork >> load xarea Introduzione Matlab Carla Guerrini 48 12

13 Funzioni matematiche elementari Funzioni matematiche elementari help elfun Funzioni trigonometriche: cos, cosh sin, sinh tan, tanh sec, sech csc, csch cot, coth asb(x) valore assoluto di x sqrt(x) radice quadrata di x round(x) arrotonda all intero più vicino fix(x) tronca all intero più vicino verso 0 floor(x) arrotonda all intero più vicino verso ceil(x) arrotonda all intero più vicino verso sign(x) segno di x rem(x,y) resto di x/y Funzioni esponenziali: exp, log, log10, log2 pow2, realsqrt, sqrt Funzioni complesse: abs, angle, complex, conj, imag, real Funzioni dell'algebra lineare det determinante di una matrice rank rango di una matrice eig autovalori di una matrice inv inversa di una matrice max(x), min(x) elemento massimo o minimo di un vettore x. Per una matrice massimo su riga o colonna mean(x) valor medio degli elementi di x sum(x) somma degli elementi di x prod(x) prodotto degli elementi di x Introduzione Matlab Carla Guerrini 49 Introduzione Matlab Carla Guerrini 50 Linguaggio di programmazione Matlab Il linguaggio Matlab Matlab ha anche un linguaggio proprio per programmare. E un linguaggio interpretato e non compilato. Questo significa che le istruzioni vengono tradotte in linguaggio macchina e subito eseguite una per volta. Matlab può essere usato come libreria di funzioni (matematiche o grafiche) e/o come linguaggio di programmazione Il linguaggio di Matlab e un linguaggio case sensitive, cioe che distingue fra lettere minuscole e maiuscole. Il linguaggio di Matlab e un linguaggio orientato agli oggetti. L oggetto fondamentale e l array (matrice). Gli oggetti e le istruzioni possono essere organizzati all interno di flussi di controllo delle istruzioni. L istruzione di assegnazione I dati possono essere inseriti in memoria tramite l operazione di assegnazione. L operazione di assegnazione (fatta utilizzando il simbolo =) permette di memorizzare un dato che puo essere un dato costante, il contenuto di un altra variabile oppure il risultato di un espressione aritmetica. Sintassi: variabile = espressione >> x=5.4; >>y=x; >>z=x+y Assegnazione di un espressione aritmetica: Variabile=espressione In Matlab tutti i calcoli sono fatti con valori in doppia precisione (64 bit) Sintassi variabile = espressione Valore= x+2-(y*4)/(x^2) Introduzione Matlab Carla Guerrini 51 Introduzione Matlab Carla Guerrini 52 13

14 Operatori relazionali: Operatori relazionali fra array (II) < minore <= minore o uguale > maggiore >= maggiore o uguale Possono essere utilizzati per confrontare due array della stessa dimensione oppure un array e uno scalare. >> X = 5; X >= [1 2 3; 4 5 6; ] = = uguale ans = ~= diverso Gli operatori relazionali operano elemento per elemento dell array e restituiscono un valore logico: vero(1) oppure falso (0). >> X = 5*ones(3,3); X >= [1 2 3; 4 5 6; ] ans = Introduzione Matlab Carla Guerrini 53 Operatori relazionali fra array (III) N.B. I sim boli = e = = hanno due significati diversi: = assegna un valore ad una variabile = = confronta il valore di due valori e ritorna 1 (vero) oppure 0 (falso) N.B. Il confronto di uguaglianza fra due variabili di tipo floating point (reali) è sconsigliato. Esempio: >> x=( )==( ) x = 0 Introduzione Matlab Carla Guerrini 54 Operatori logici agiscono elemento per elemento Controllo del flusso delle istruzioni Operatore AND : & restituisce un valore logico vero (1) oppure falso (0) >>A = [ ]; >> B = [ ]; >>A&B ans = % Returns 1 for every element location that is true (nonzero) in both array and 0 for all other elements. Operatore OR: >> A B ans = % Returns 1 for every element location that is true (nonzero) in either one or the other, or both arrays, and 0 for all other elements. xor(a,b) ans = % Returns 1 for every element location that is true (nonzero) in only one array, and 0 for all other elements. Ciclo for Ciclo while Costrutto if else Costrutto switch Introduzione Matlab Carla Guerrini 55 Introduzione Matlab Carla Guerrini 56 14

15 Formato for variable = initval:endval statement... statement end Ciclo FOR % Esempio: generazione della % matrice di Hilbert di ordine 10 N=10; for R = 1:N for C = 1:N A(R,C) = 1/(R+C-1); end end i=0; for n=(1:10)' i=i+1; x(n)=sin(n*pi/10); end plot(n,x) Esempio di codice vettoriale il ciclo for viene eseguito 1 sola volta >>i ans= 1 Istruzione FOR i=0; for s = 1.0: -0.1: 0.0 y=exp(s); plot(s,y,'o') hold on i=i+1; end Nell esempio le 4 istruzioni dentro il ciclo for sono ripetute 11 volte >>i ans= 11 Introduzione Matlab Carla Guerrini 57 Introduzione Matlab Carla Guerrini 58 Istruzione FOR I cicli for si possono annidare, ma molto spesso non sono il modo piu' efficiente di programmare perchè non consentono la vettorizzazione del codice Esempio: Calcolo exp(x) per x=0,0.1,0.2,...5 Introduzione Matlab Carla Guerrini 59 Introduzione Matlab Carla Guerrini 60 15

16 Struttura condizionale While Introduzione Matlab Carla Guerrini 61 Introduzione Matlab Carla Guerrini 62 While (II) Il ciclo a sinistra termina quando l utente inserisce un numero maggiore di 5 nel ciclo a destra non c e l opportunita di modificare il contenuto della variabile a Introduzione Matlab Carla Guerrini 63 Break - Continue L'istruzione break può essere utilizzato solo entro un ciclo for o while permette di terminare l'esecuzione. Quando viene incontrata l'istruzione break, Matlab salta alla prima istruzione successiva al end del ciclo in cui compare ( for o while). CONTINUE passa il controllo all iterazione successiva del FOR o del WHILE loop saltando tutte le istruzioni rimanenti che compaio all interno del loop. RETURN ritorna alla function chiamante function d = det(a) %DET det(a) is the determinant of A. if isempty(a) d = 1; return else... end Introduzione Matlab Carla Guerrini 64 16

17 Struttura selezione If...else Espressione: contiene un valore logico Se = 1 vengono eseguiti i comandi sino a else Se =0 vengono eseguiti i comandi dopo l' else Introduzione Matlab Carla Guerrini 65 Introduzione Matlab Carla Guerrini 66 IF.ELSEIF..ELSE.. END Se condizione1 è vera Se condizione 2 e' vera Istruzione 1 Altrimenti Istruzione 2 Altrimenti Istruzione 3 Introduzione Matlab Carla Guerrini 67 Introduzione Matlab Carla Guerrini 68 17

18 % Ricerca del massimo fra 3 numeri disp( inserisci 3 numeri ) a=input( inserisci 1 numero ) b=input( inserisci 1 numero ) c=input(inserisci un numero ) if a>b if a>c massimo=a; else massimo=c; end elseif b>c massimo=b; else massimo=c; end disp('il massimo fra i tre numerica calcolate e" '),massimo Esempi % Ordinamento di 3 numeri disp( inserisci 3 numeri ) a=input( inserisci 1 numero ) b=input( inserisci 1 numero ) c=input(inserisci un numero ) if a>b else if b>c ordina=[a,b,c]; elseif c>a else end ordina=[c,a,b] ordina=[a,c,b] if b>c else if a>c else end ordina=[b,a,c]; ordina=[b,c,a]; ordina=[c,b,a]; end disp('ordine decrescente dei tre numeri'), ordina SWITCH END SWITCH Switch tra svariate possibilita secondo il valore dell espressione. La forma generale e : SWITCH switch_expr CASE case_expr, statement,..., statement CASE {case_expr1, case_expr2, case_expr3,...} statement,..., statement... OTHERWISE, statement,..., statement END Le istruzioni seguenti il primo CASE ove la switch_expr coincide con case_expr sono eseguite. Quando case_expr e un cell array (nel secondo caso sopra) case_expr coincide se un qualsiasi elemento del cell array coincide con switch_expr Se nessuna delle case_expr coincide con switch_expr allora viene eseguito OTHERWISE case (se esiste), solo un caso viene eseguito e il calcolo continua dopo l END disp('ordine crescente dei tre Introduzione Matlab Carla Guerrini numeri'),fliplr(ordina) 69 Introduzione Matlab Carla Guerrini 70 ESEMPIO SWITCH..END method = 'Bilinear'; switch lower(method) case {'linear','bilinear'} disp('method is linear') case 'cubic' disp('method is cubic') case 'nearest' disp('method is nearest') otherwise disp('unknown method.') end >>Method is linear % l istruzione lower(stringa) % converte il contenuto di % stringa in caratteri minuscoli Introduzione Matlab Carla Guerrini 71 Operazioni sui singoli elementi di un array Esempio 1: somma degli elementi di un vettore di n componenti >>Somma=0; >>for i=1:n somma=somma+v(i); end Esempio 2: moltiplicazione degli elementi di un vettore di n componenti prodotto=1; for i=1:n prodotto=prodotto*v(i); Istruzioni equivalenti: >> somma=sum(v) >> prodotto=prod(v) Esempio 3: >> A=hilb(2) A = >> sum(a) ans = >> prod(a) ans = % Nel caso di matrici la somma e il prodotto viene eseguito sui vettori colonna che compongono la matrice per cui viene restituito un vettore riga end Introduzione Matlab Carla Guerrini 72 18

19 Programmi Matlab: M-file I programmi Matlab sono detti M- file e sono file di testo che vanno memorizzati con estensione.m (da cui il nome M-file) Matlab dispone di un editor a cui si accede mediante il pulsante FILE new-mfile Si possono creare due tipi di file matlab: SCRIPT file e FUNCTION file Script M-file (I) Uno script è un file di testo dove ogni riga contiene una (o più di una) istruzione Matlab Per far eseguire lo script si scrive al prompt il nome del file, senza l estensione.m, e si preme il tasto Invio Matlab esegue automaticamente le righe del file dalla prima all ultima come se fossero state introdotte, in quell ordine, manualmente dal prompt L M-file deve essere contenuto nella directory corrente (oppure deve essere nel Matlabpath cioè la lista delle directory utilizzate da Matlab per il suo percorso di ricerca...) M-file script puo contenere: Istruzione di assegnazione Istruzioni di ingresso/uscita (lettura/scrittura) Espressioni aritmetiche, calcoli Chiamate ad altre funzioni Commenti Linee bianche Comandi per la costruzione di grafici Pause: l esecuzione si arresta finchè non si digita un char da tastiera Pause(n) per n secondi arresta l esecuzione Keyboard passa il controllo alla tastiera k>> sino al return Echo srive nel command window le istruzioni che ve si stanno eseguendo Break interrompe l esecuzione dello script Le variabili utilizzate dentro un M-file script sono globali compaiono nel work-space M-file function Con questa struttura posso costruire delle nuove funzioni/istruzioni Matlab possono accettare argomenti in ingresso possono restituire argomenti in uscita possiedono variabili interne che hanno visibilità locale possono essere richiamate da un altro programma (sono sottoprogrammi) o direttamente dalla finestra comandi Introduzione Matlab Carla Guerrini 73 Introduzione Matlab Carla Guerrini 74 Istruzioni di Input - Output Qualunque programma deve comunicare con l esterno per avere dati su cui lavorare e fornire i risultati prodotti La forma più semplice di Input/Output avviene attraverso il terminale del programmatore: lettura da tastiera e scrittura su video. I dati possono essere ricevuti dall esterno tramite un istruzione di ingresso L istruzione di ingresso permette di memorizzare un dato introdotto dall esterno (solitamente attraverso tastiera) Viene detta quindi un operazione di input Sintassi : variabile= input( testo commento ) La funzione input mostra in output sullo schermo il testo testo commento e attende che venga digitato un valore da assegnare alla variabile variabile Notare che il testo è inserito fra Di default input restituisce un valore numerico, per inserire una stringa occorre un ulteriore parametro: >> nome=input( Scrivi il tuo nome, s ) Introduzione Matlab Carla Guerrini 75 Introduzione Matlab Carla Guerrini 76 19

20 I dati possono essere trasferiti dalla memoria all esterno durante l esecuzione di un programma tramite un istruzione di uscita L istruzione di uscita permette di visualizzare sullo schermo un dato contenuto in una cella di memoria Viene detta quindi un operazione di output Una funzione di output utilizzata in Matlab e la funzione disp Sintassi: disp( testo ); mostra in output sullo schermo il testo testo Sintassi: disp(x) mostra in output sullo schermo l array x L istruzione di uscita Disp Prende come ingresso stringhe o matrici. >> disp('il mio colore preferito è il rosso') disp ha un solo argomento costituito da una stringa. Quindi se ci sono messaggi che contengono delle varibili, queste devono essere combinate in una singola stringa. >> nome=input('scrivi il tuo nome ','s') >> disp(['il mio nome è ',nome]) Introduzione Matlab Carla Guerrini 77 Per le variabili numeriche si usa la funzione num2str: >> x= >> outstring=['x = ', num2str(x)] >> disp(outstring) Se i dati sono costituiti da più array diversi, devono essere combinati in una singola matrice: >> x=0:pi/5:2*pi; >> y=sin(x); >> disp([x' y']) Ricordiamo che: E possibile visualizzare il valore di una variabile OMETTENDO il ; alla fine dell istruzione che calcola (o assegna) la variabile stessa Introduzione Matlab Carla Guerrini 78 I commenti sono parole inserite dal programmatore per dare informazioni che rendano più comprensibile il programma I commenti iniziano con % e terminano con la fine della riga; se i commenti occupano più righe occorre mettere il % all inizio di ciascuna riga Sono ignorati durante l esecuzione del programma Sintassi: % parole di commento... La punteggiatura Il simbolo ; alla fine di un comando sopprime la visualizzazione dell output del comando Due o piu comandi possono essere scritti sulla stessa riga separati da, o ; Help matlab\elmat - Elementary matrices and matrix manipulation. matlab\graph2d - Two dimensional graphs. matlab\graph3d - Three dimensional graphs. matlab\elfun - Elementary math functions. Introduzione Matlab Carla Guerrini 79 Introduzione Matlab Carla Guerrini 80 20

21 Riga di definizione: La prima riga di intestazione definisce il nome della function il numero e l ordine delle variabili in ingresso e uscita function[lista variabili output] = nome_function(lista variabili input) le variabili di input contengono le informazioni da utilizzare nella funzione Vanno separate da una virgola e sono contenute fra ( ) le variabili di output contengono i risultati della funzione Vanno separate da una virgola e sono contenute fra [ ] una sola variabile in uscita x: [output] x più variabili in uscita x, y, z: [output] [x,y,z] nessuna variabile in uscita: [output] [ ] Il nome_funzione e un nome simbolico diverso per ogni funzione Introduzione Matlab Carla Guerrini 81 Introduzione Matlab Carla Guerrini 82 Riga h1 E la prima riga del testo di help Siccome è una riga di commento inizia con % Testo di help serve per creare un aiuto in linea per la propria funzione introducendo una o più righe di commento immediatamente dopo la riga H1 >> help rettangolo Corpo della Function Contiene le istruzioni per il calcolo e l assegnazione dei valori alle variabili di output Le istruzioni possono essere: chiamate di un altra function input/output interattivi calcoli assegnazioni commenti linee bianche Una funzione termina dopo che l ultima riga nel file è eseguita oppure quando è incontrato il comando return. Introduzione Matlab Carla Guerrini 83 Introduzione Matlab Carla Guerrini 84 21

22 Input/output di una function Variabili locali Le variabili che non sono nella lista delle variabili di input e nemmeno in quella delle variabili di output sono dette variabili locali e non compaiono nello spazio di lavoro Le variabili locali vengono automaticamente cancellate dalla memoria al termine dell esecuzione L M-file deve essere denominato col nome della funzione ed avere estensione.m (rettangolo.m) In realtà, Matlab richiama la funzione sulla base del nome del file e non del nome della function. E necessario assegnare dei valori ai parametri di output Per poter utilizzare una funzione all interno di uno script, il file deve essere nella directory dello script. Chiamata di una funzione [lista output]=nome_function(lista input) Introduzione Matlab Carla Guerrini 85 Come vengono passati gli argomenti di input a una funzione? Per valore quando gli argomenti stessi non sono modificati dalla funzione. Se il valore di una variabile di input è modificato, viene allocata una nuova porzione di memoria e ne viene copiato il valore. function = funz1(x) x(3)=0; Finché l argomento non è modificato all interno della funzione,viene solo referenziato (delayed copy) per ottimizzare l uso della memoria Come vengono trattati gli argomenti di output di una funzione? Viene allocata memoria nel workspace locale per gli argomenti di output. Quindi se un argomento è sia di input che di output non vale la regola della delayed copy. Le funzioni Matlab possono non avere argomenti di input e/o di output. Possono essere richiamate con un numero inferiore di argomenti di input e di output rispetto a quelli dichiarati, ma non superiore. Il numero di argomenti di input e di output effettivamente utilizzati nella chiamata si può ottenere tramite le funzioni nargin e nargout, rispettivamente. Introduzione Matlab Carla Guerrini 86 Tutte le variabili né di input né di output della funzione sono dette locali alla funzione. Le variabili locali non sono visibili nel workspace di Matlab. Ogni funzione ha un suo workspace temporaneo creato nel momento della chiamata e distrutto quando la funzione termina l esecuzione. Le funzioni possono essere richiamate ricorsivamente, e in questo caso ogni chiamata ha un workspace separato. Workspace della funzione Funzioni principali e funzioni secondarie Uno stesso file può contenere più funzioni: La function principale dà il nome al file e sta all inizio Le function secondarie occupano posizione in coda Solo la function principale può essere richiamata dal prompt o da altre function Una funzione può essere passata come argomento ad un altra funzione. Può essere fatto in diversi modi a seconda di come e stata scritta la funzione Function handles Feval Anonymous function Introduzione Matlab Carla Guerrini 87 Introduzione Matlab Carla Guerrini 88 22

23 Function handles Function handle è un tipo Matlab che contiene tutte le indicazioni utili per eseguire una funzione. Sintassi per costruire l'handle della funzione: handle_name E possibile eseguire una funzione utilizzando il suo handle. L handle viene utilizzato esattamente come se fosse il nome della funzione. >>f(0.6*pi) Ans = Sin(0.6*pi) Ans = Introduzione Matlab Carla Guerrini 89 Introduzione Matlab Carla Guerrini 90 Introduzione Matlab Carla Guerrini 91 Introduzione Matlab Carla Guerrini 92 23

24 Introduzione Matlab Carla Guerrini 93 Introduzione Matlab Carla Guerrini 94 Introduzione Matlab Carla Guerrini 95 Introduzione Matlab Carla Guerrini 96 24

25 fprintf Simile alla funzione del linguaggio C Sintassi: fprintf(formato) count=fprintf(formato,variabili) fprintf( Attenzione: x è negativa \n ) fprintf( %s ha %d anni\n,nome,anni) La stringa formato contiene i codici e i caratteri opzionali per costruire la stringa di output count e il numero di elementi scritti Caratteri di conversione: %d notazione decimale per interi con segno %i notazione decimale per interi %f floating poit per reali %e notazione esponenziale per i reali E possibile specificare la lunghezza del campo e per variabili numeriche il numero di decimali: fprintf( %f\n,sqrt(2)), fprintf( %e\n,sqrt(2)), fprintf( %8.4f\n,sqrt(2), fprintf( %12.3 \n,sqrt(2)) Introduzione Matlab Carla Guerrini 97 Introduzione Matlab Carla Guerrini 98 Introduzione Matlab Carla Guerrini 99 Introduzione Matlab Carla Guerrini

26 Grafici bidimensionali Introduzione Matlab Carla Guerrini 101 Introduzione Matlab Carla Guerrini 102 plot(vettore1,vettore2,opzioni) Vttore1 e vettore2 sono riuspettivamente le ascisse e le ordinate dei punti Opzione e una stringa opzionale contenente al più 3 caratteri rispettivamente per il colore, simbolo stampato, simbolo usato per tracciare la linea fra i punti plot(vettore) il grafico viene realizzato secondo gli standard MatLab Introduzione Matlab Carla Guerrini 103 Introduzione Matlab Carla Guerrini

27 Introduzione Matlab Carla Guerrini 105 Introduzione Matlab Carla Guerrini 106 Introduzione Matlab Carla Guerrini 107 Introduzione Matlab Carla Guerrini

28 Introduzione Matlab Carla Guerrini 109 Introduzione Matlab Carla Guerrini 110 Introduzione Matlab Carla Guerrini 111 Introduzione Matlab Carla Guerrini

29 fplot( function,limits) >>fplot( x^3-1,[-1 1]) axis([xmin, xmax, ymin, ymax]) pone limiti definiti da xmin, xmax,ymin, ymax per gli assi axis auto limiti degli assi di default axis off non visualizza gli assi axis on visualizza gli assi axis square rende gli assi uguali axis tight limiti degli assi uguali al range dei dati xlim ([xmin, xmax]) pone limiti definiti da xmin, xmax per l'asse x ylim ([ymin, ymax]) pone limiti definiti da ymin, ymax per l'asse y Introduzione Matlab Carla Guerrini 113 Introduzione Matlab Carla Guerrini 114 box off rimuove la cornice del grafico grid on/off aggiunge/toglie una griglia sulla figura text(x,y, string ) aggiunge stringhe orizzontali di testo a partire dal punto (x,y) gtext( string ) aggiunge una stringa di testo posizionandola col mouse legend inserisce una legenda per identificare i diversi grafici xlabel/ylabel inserisce un nome per l'asse x/y Introduzione Matlab Carla Guerrini 115 Introduzione Matlab Carla Guerrini

30 Introduzione Matlab Carla Guerrini 117 Introduzione Matlab Carla Guerrini 118 Introduzione Matlab Carla Guerrini 119 Introduzione Matlab Carla Guerrini

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

INTRODUZIONE A. Guido Vagliasindi Controlli Automatici A.A. 06/07 Introduzione a MATLAB

INTRODUZIONE A. Guido Vagliasindi Controlli Automatici A.A. 06/07 Introduzione a MATLAB INTRODUZIONE A Documentazione Sito web di Mathworks: www.mathworks.com seguendo i link alla voce support e possibile trovare i manuali di Matlab in formato pdf. (http://www.mathworks.com/access/helpdesk/help/techd

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Comandi di Input/Output in Matlab

Comandi di Input/Output in Matlab Comandi di Input/Output in Matlab Il comando format controlla la configurazione numerica dei valori esposta da MAT- LAB; il comando regola solamente come i numeri sono visualizzati o stampati, non come

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica

Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Fondamenti di Informatica L uso delle funzioni in C++ Claudio De Stefano - Corso di Fondamenti di Informatica 1 Funzioni Nel C++ è possibile scomporre problemi complessi in moduli più semplici

Dettagli

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Funzioni Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e dei

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori.

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Felice Iavernaro Dipartimento di Matematica Università di Bari http://dm.uniba.it/ iavernaro felix@dm.uniba.it 13 Giugno 2007 Felice Iavernaro (Univ.

Dettagli

Appunti sull uso di matlab - I

Appunti sull uso di matlab - I Appunti sull uso di matlab - I. Inizializazione di vettori.. Inizializazione di matrici.. Usare gli indici per richiamare gli elementi di un vettore o una matrice.. Richiedere le dimensioni di una matrice

Dettagli

Integrazione numerica

Integrazione numerica Integrazione numerica Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 6-20-26 ottobre 2009 Indice 1 Formule di quadratura semplici e composite Formule di quadratura

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT Introduzione Un file batch è un file di testo di tipo ASCII che contiene una sequenza di comandi DOS. I file batch devono avere estensione.bat I comandi DOS all interno dei programmi batch sono eseguiti

Dettagli

Editor vi. Editor vi

Editor vi. Editor vi Editor vi vi 1 Editor vi Il vi è l editor di testo standard per UNIX, è presente in tutte le versioni base e funziona con qualsiasi terminale a caratteri Permette di visualizzare una schermata alla volta

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Scilab: I Polinomi - Input/Output - I file Script

Scilab: I Polinomi - Input/Output - I file Script Scilab: I Polinomi - Input/Output - I file Script Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Polinomi: Definizione... Un polinomio è un oggetto nativo in Scilab Si crea,

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

Excel basi e funzioni

Excel basi e funzioni Esercitazione di Laboratorio Excel basi e funzioni Contenuto delle celle 1. Testo 2. Numeri 3. Formule Formattazione delle celle (1) Formattazione del testo e dei singoli caratteri: Orientamento a 45 Allineamento

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Linguaggio C++ Uso ambiente Dev C++ con creazione di progetto con scelta Basic --> Empty Project

Linguaggio C++ Uso ambiente Dev C++ con creazione di progetto con scelta Basic --> Empty Project Linguaggio C++ Uso ambiente Dev C++ con creazione di progetto con scelta Basic --> Empty Project NB: E necessario: adoperare la sintassi più evoluta per le direttive di precompilazione 1, usando come contenitore

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Funzioni matlab per la gestione dei file. Informatica B Prof. Morzenti

Funzioni matlab per la gestione dei file. Informatica B Prof. Morzenti Funzioni matlab per la gestione dei file Informatica B Prof. Morzenti File Contenitori di informazione permanenti Sono memorizzati su memoria di massa Possono continuare a esistere indipendentemente dalla

Dettagli

Matlab: Funzioni. Informatica B. Daniele Loiacono

Matlab: Funzioni. Informatica B. Daniele Loiacono Matlab: Funzioni Informatica B Funzioni A cosa servono le funzioni? 3 x = input('inserisci x: '); fx=1 for i=1:x fx = fx*x if (fx>220) y = input('inserisci y: '); fy=1 for i=1:y fy = fy*y A cosa servono

Dettagli

Cos è una stringa (1) Stringhe. Leggere e scrivere stringhe (1) Cos è una stringa (2) DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247

Cos è una stringa (1) Stringhe. Leggere e scrivere stringhe (1) Cos è una stringa (2) DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247 Cos è una stringa (1) Stringhe DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247 Una stringa è una serie di caratteri trattati come una singola unità. Essa potrà includere lettere, cifre, simboli e caratteri

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Gestione dei File in C

Gestione dei File in C Gestione dei File in C Maurizio Palesi DIIT Università di Catania Viale Andrea Doria 6, 95125 Catania mpalesi@diit.unict.it http://www.diit.unict.it/users/mpalesi Sommario In questo documento saranno introdotte

Dettagli

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto Università degli studi di Camerino Scuola di scienze e tecnologia - Sezione Informatica Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto LEZIONE

Dettagli

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi alternative: function nome { lista-comandi } oppure nome ( ) {

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma Dev C++ Note di utilizzo 1 Prerequisiti Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma 2 1 Introduzione Lo scopo di queste note è quello di diffondere la conoscenza

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Non tutto, ma un po di tutto

Non tutto, ma un po di tutto ALFREDO MANGIA Non tutto, ma un po di tutto Nozioni fondamentali per conoscere e usare un foglio di calcolo. Corso di alfabetizzazione all informatica Settembre 2004 SCUOLA MEDIA GARIBALDI Genzano di Roma

Dettagli

Breve guida all uso di AMPL

Breve guida all uso di AMPL Breve guida all uso di AMPL Renato Bruni AMPL (A Modeling Language for Mathematical Programming) è un linguaggio di modellazione per la programmazione matematica. Serve ad esprimere un problema di ottimizzazione

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Gli array

Introduzione al linguaggio C Gli array Introduzione al linguaggio C Gli array Vettori nome del vettore (tutti gli elementi hanno lo stesso nome, c) Vettore (Array) Gruppo di posizioni (o locazioni di memoria) consecutive Hanno lo stesso nome

Dettagli

MATRICI E DETERMINANTI

MATRICI E DETERMINANTI MATRICI E DETERMINANTI 1. MATRICI Si ha la seguente Definizione 1: Un insieme di numeri, reali o complessi, ordinati secondo righe e colonne è detto matrice di ordine m x n, ove m è il numero delle righe

Dettagli

1) Primi semplici programmi in C++: ingresso e uscita di informazioni

1) Primi semplici programmi in C++: ingresso e uscita di informazioni 1) Primi semplici programmi in C++: ingresso e uscita di informazioni Ecco un primo esempio di programma in linguaggio C++: Esempio 1.1 /* QUESTO PROGRAMMA MOLTIPLICA 3 PER 5 E SOMMA 7 AL RISULTATO DEL

Dettagli

MANUALE MATLAB. A cura di Giuseppe Ciaburro. http://www.ciaburro.it. info@ciaburro.it

MANUALE MATLAB. A cura di Giuseppe Ciaburro. http://www.ciaburro.it. info@ciaburro.it MANUALE MATLAB A cura di Giuseppe Ciaburro http://www.ciaburro.it info@ciaburro.it Indice 1 Introduzione 4 1.1 Matlab.............................................. 4 1.2 Per iniziare...........................................

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

fx-82es PLUS fx-85es PLUS fx-350es PLUS

fx-82es PLUS fx-85es PLUS fx-350es PLUS I fx-82es PLUS fx-85es PLUS fx-350es PLUS Guida dell utilizzatore Sito web CASIO Worldwide Education http://edu.casio.com FORUM DIDATTICO CASIO http://edu.casio.com/forum/ Indice Informazioni importanti...

Dettagli

IL LINGUAGGIO C++ Configurazione di Dev-C++

IL LINGUAGGIO C++ Configurazione di Dev-C++ IL LINGUAGGIO C++ Note sull'uso di DevC++ Requisiti di sistema per Dev-C++ - Sistema operativo Microsoft Windows 95, 98, Millenium Edition, NT 4, 2000 o XP - RAM: 8 Mb (consigliati almeno 32 Mb) - CPU:

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Introduzione a MATLAB

Introduzione a MATLAB Introduzione a MATLAB Enzo TONTI 19 aprile 2003 Questa dispensa si può scaricare dal sito http://www.dic.units.it/perspage/tonti oppure prelevare via FTP dal sito ftp.dic.units.it/pub/science ed ha il

Dettagli

Floating Point N = M BE. Notazione in virgola mobile. base. esempi 34.76 104 3.6891 106 = 36.891 105 =368.91 104 12.78 10-3 1.

Floating Point N = M BE. Notazione in virgola mobile. base. esempi 34.76 104 3.6891 106 = 36.891 105 =368.91 104 12.78 10-3 1. Floating Point Notazione in virgola mobile N = M BE mantissa base esponente esempi 34.76 104 3.6891 106 = 36.891 105 =368.91 104 12.78 10-3 1.6273 102 forma normalizzata: la mantissa ha una sola cifra

Dettagli

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1 DIAGRAMMI A BLOCCHI TEORIA ED ESERCIZI 1 1 Il linguaggio dei diagrammi a blocchi è un possibile formalismo per la descrizione di algoritmi Il diagramma a blocchi, o flowchart, è una rappresentazione grafica

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

MIPS Instruction Set 2

MIPS Instruction Set 2 Laboratorio di Architettura 15 aprile 2011 1 Architettura Mips 2 Chiamata a Funzione 3 Esercitazione Registri MIPS reference card: http://refcards.com/docs/waetzigj/mips/mipsref.pdf 32 registri general

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA in termini generali: Dati in input un insieme S di elementi (numeri, caratteri, stringhe, ) e un elemento

Dettagli

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Algoritmi Algoritmi Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Il procedimento (chiamato algoritmo) è composto da passi elementari

Dettagli

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM SPOSTARE un file o una sottodirectory da una directory ad un altra COPIARE un file o una directory da una directory all altra RINOMINARE un file o una directory CANCELLARE un file o una directory CREARE

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

Esercitazioni di Excel

Esercitazioni di Excel Esercitazioni di Excel A cura dei proff. A. Khaleghi ed A. Piergiovanni. Queste esercitazioni hanno lo scopo di permettere agli studenti di familiarizzare con alcuni comandi specifici di Excel, che sono

Dettagli

Scrivere uno script php che, dato un array associativo PERSONE le cui chiavi sono i

Scrivere uno script php che, dato un array associativo PERSONE le cui chiavi sono i Esercizi PHP 1. Scrivere uno script PHP che produca in output: 1. La tabellina del 5 2. La tavola Pitagorica contenuta in una tabella 3. La tabellina di un numero ricevuto in input tramite un modulo. Lo

Dettagli

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA LA NOTAZIONE SCIENTIFICA Definizioni Ricordiamo, a proposito delle potenze del, che = =.000 =.000.000.000.000 ovvero n è uguale ad seguito da n zeri. Nel caso di potenze con esponente negativo ricordiamo

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009. Lab 02 Tipi semplici in C

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009. Lab 02 Tipi semplici in C Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009 Lab 02 Tipi semplici in C Obiettivo dell esercitazione Acquistare familiarità con i tipi di dato semplici supportati

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori"

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori" slide a cura di Salvatore Orlando & Marta Simeoni " Architettura degli Elaboratori 1 Interi unsigned in base 2" Si utilizza un

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale.

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale. l Editor vi Negli ambienti Unix esistono molti editor di testo diversi; tuttavia vi è l unico che siamo sicuri di trovare in qualsiasi variante di Unix. vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile

Dettagli

Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica

Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica Permette di ripetere l esecuzione di un blocco di istruzioni finchè non viene verificata una condizione logica. Sintassi istruzione_1...

Dettagli

1) Le Espressioni regolari

1) Le Espressioni regolari ESPRESSIONI REGOLARI e FILTRI SED, GREP e AWK 1) Le Espressioni regolari Un'espressione regolare è un modello che descrive un insieme di stringhe. Le espressioni regolari sono costruite, in maniera analoga

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Metodi e Sottoprogrammi Mentre in Java tramite le classi e gli oggetti è possibile

Dettagli

Linguaggio C: introduzione

Linguaggio C: introduzione Linguaggio C: introduzione Il linguaggio C è un linguaggio general purpose sviluppato nel 1972 da Dennis Ritchie per scrivere il sistema operativo UNIX ed alcune applicazioni per un PDP-11. Il linguaggio

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi TIPI DI DATO Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi numeri naturali, interi, reali caratteri e stringhe di caratteri e quasi sempre anche collezioni di oggetti,

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati 1 Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati Esercizi sulla Tecnica Divide et Impera N.B. Tutti gli algoritmi vanno scritti in pseudocodice (non in Java, né in C++, etc. ). Di tutti gli algoritmi

Dettagli

/*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i, giusto,len;

/*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i, giusto,len; /* Date in ingresso una frase, dire se una è palindroma */ #include #define MAX 100 int main() /*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i,

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli