Equitalia Nord. Modello Organizzativo. Presentazione alle OO.SS. Milano, 27 giugno Per un Paese più giusto.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Equitalia Nord. Modello Organizzativo. Presentazione alle OO.SS. Milano, 27 giugno Per un Paese più giusto."

Transcript

1 Equitalia Nord Modello Organizzativo Presentazione alle OO.SS. Milano, 27 giugno 2011

2 Equitalia Nord Situazione di partenza Equitalia - 16 Società Situazione al 31/12/ dipendenti (dato indicativo al 31/12/2010) 2

3 Equitalia Nord Primo step integrazione AO TO CN SO VB LC VA BG CO BS BI NO MI VC LO CR PV AT PC AL PR GE SV MS SP BZ BZ TN VI VR MN RE MO BO BL TV PD RO FE RA PN VE UD GO TS Equitalia Nord Situazione al 01/07/ regioni Lombardia, Valle d Aosta e Veneto IM LU PS PO FI PI SI LI FC AR RN PG AP MC 3 ambiti provinciali Alessandria, Cuneo e Torino GR VT TR RI TE PE CH Totale 23 province RM AQ OT LT FR CB IS CE BN AV NA FG BA dipendenti (dato indicativo al 01/07/2011) SA SA PZ MT TA BR NU LE VS CI OR OG CA CS KR Eq. Polis 250 CZ VV RC ME TP PA AG CL EN RG CT SR Eq. Nomos 767 Eq. Esatri

4 Equitalia Nord Secondo step integrazione AO TO CN IM IM BZ BZ SO VB TN LC VA BG CO BS VI BI NO MI VR VC LO CR PV MN AT PC AL PR RE MO BO GE SV MS SP LU PS PO FI BL PN TV VE PD RO FE RA FC RN UD GO TS Equitalia Nord Situazione al 01/10/ regioni Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Piemonte, Valle d Aosta e Veneto PI LI SI AR PG AP MC Totale 36 province GR VT TR RM RI TE PE CH AQ FR IS CB FG dipendenti (dato indicativo al 01/07/2011) LT CE BN OT NA AV BA SA SA PZ MT TA BR OR VS CI NU OG CA CS CZ VV KR LE Eq. Sestri 422 Eq. FVG 170 Eq. Esatri 1012 TP PA AG CL EN CT SR ME RC Eq. Polis 250 Eq. Nomos 767 RG 4

5 Equitalia Nord Obiettivo di integrazione AO TO VB VA CO BI NO MI VC PV SO LC BG LO CR BS MN BZ BZ TN VI VR BL TV PD PN VE UD GO TS Equitalia Nord Situazione al 01/01/2012 CN IM IM AT SV AL GE PC SP PR MS RE MO BO LU PS PO FI RO FE RA FC RN 7 regioni Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Piemonte, Trentino Alto Adige, Valle d Aosta e Veneto PI LI SI AR PG AP MC Totale 38 province GR VT TR RM RI TE PE CH AQ FR IS CB FG dipendenti (dato indicativo al 01/07/2011) LT CE BN SA OR VS CI OT NU OG CA NA AV SA PZ BA MT CS CZ VV KR TA BR LE Eq. FVG 170 Eq. Sestri 422 Eq. TAA 112 Eq. Esatri 1012 RC TP PA AG CL EN RG CT SR ME Eq. Polis 250 Eq. Nomos 767 5

6 Equitalia Nord Analisi degli organici - Inquadramenti Situazione al 01/07/ Dirigenti Aree Professionali Quadri Direttivi Eq. Esatri Eq. Nomos Eq. Polis Dirigenti Situazione al 01/10/ Aree Professionali Eq. Esatri Eq. Nomos Eq. Polis Eq. Sestri Eq. FVG Situazione al 01/01/2012 Quadri Direttivi Dirigenti Quadri Direttivi Aree Professionali Eq. Esatri Eq. Nomos Eq. Polis Eq. Sestri Eq. FVG Eq. TAA 6

7 Equitalia Nord Analisi degli organici - Maschi/Femmine Situazione al 01/07/2011 Situazione al 01/10/ Maschi Femmine Eq. Esatri Eq. Nomos Eq. Polis Situazione al 01/01/2012 Maschi Femmine Eq. Esatri Eq. Nomos Eq. Polis Eq. Sestri Eq. FVG Eq. Esatri Eq. Nomos Eq. Polis Eq. Sestri Eq. FVG Eq. TAA 0 Maschi Femmine 7

8 Equitalia Nord Analisi degli organici - A regime Dirigenti Quadri Direttivi Aree Professionali Maschi Femmine

9 Linee generali Il Modello Organizzativo di Equitalia Nord prende l avvio dall individuazione di specifiche aree funzionali, rispettivamente di Corporate e Business, articolate in 4 macro-livelli organizzativi individuati in: Amministratore Delegato, Direzione Generale, Direzione Regionale e Rete Territoriale. La gestione dei processi di Corporate Centre viene realizzata attraverso specifiche attribuzioni funzionali allocate all interno dei livelli AD/DG. Con riferimento ai processi di Core Business il Modello Organizzativo adottato ne attribuisce la gestione a ciascuna Direzione Regionale, che opera anche attraverso l Area Territoriale di competenza. L indirizzo e la pianificazione complessiva degli aspetti di business sono realizzati da specifiche strutture allocate a riporto della Direzione Generale. Livelli organizzativi Amministratore Delegato Direzione Generale Processi Processi di governance, indirizzo e controllo Direzione Regionale Rete Territoriale Processi di core-business 9

10 Strutture Organizzative di livello Corporate Per ciascun livello organizzativo definito, si riportano di seguito le Posizioni Organizzative di Corporate. Posizioni Organizzative di Corporate: Amministratore Delegato Pianificazione e Controllo di Gestione Internal Audit Relazioni Esterne - Rapporti Cittadini e Imprese Affari Generali Legale Amministrazione e Finanza Risorse Umane Organizzazione Aziendale Acquisti Direzione Generale Pianificazione Operativa Coordinamento Morosità Rilevanti Coordinamento Fiscalità Territoriale Logistica e Sicurezza Processi e Sistemi IT 10

11 Strutture Organizzative di livello Corporate Le Posizioni Organizzative a riporto dell Amministratore Delegato hanno l obiettivo di: declinare le strategie definite dal Vertice Societario e/o dalla Holding per i diversi livelli organizzativi aziendali; supportare, con riferimento alle responsabilità assegnate, il raggiungimento degli obiettivi attribuiti a livello aziendale; garantire l efficacia ed efficienza economica nonché le condizioni di equilibrio patrimoniale e finanziario dell azienda; garantire che il sistema di controlli interni posti a presidio dei rischi sia adeguato, operante ed efficace; garantire omogeneità di criteri organizzativi, comportamenti e regole a livello aziendale, adottando soluzioni per il miglioramento continuo; presidiare la comunicazione istituzionale e le relazioni esterne; coordinare e monitorare le iniziative finalizzate al continuo miglioramento dei livelli di servizio ai contribuenti. 11

12 Strutture Organizzative di livello Corporate Le Posizioni Organizzative allocate presso la Direzione Generale hanno l obiettivo di: garantire il coordinamento della tecnostruttura a supporto delle esigenze di business; assicurare il complessivo governo a livello aziendale della produzione e degli obiettivi operativi; definire, con il supporto delle Direzioni Regionali, la pianificazione e il monitoraggio della produzione e dei livelli di servizio, identificando le iniziative di miglioramento; assicurare l indirizzo e il coordinamento delle attività delle Direzioni Regionali; coordinare e monitorare le attività legate alle morosità rilevanti, alla fiscalità territoriale e alla relazione con il contribuente; garantire il governo delle funzioni di supporto strettamente correlate al business (Processi e sistemi IT, Logistica e Sicurezza). 12

13 Strutture Organizzative di livello Corporate Le Posizioni Organizzative di Corporate dei livelli AD/DG si caratterizzano per i seguenti aspetti: chiara definizione delle responsabilità organizzative mediante l integrazione delle precedenti strutture che, nelle diverse società confluite nella NewCo, assicuravano il presidio dei processi di governo; riferimenti funzionali, a presidio delle condizioni di efficienza ed efficacia, presso le strutture di Direzione Regionale. 13

14 Strutture Organizzative di livello Operativo Posizioni Organizzative di livello operativo: Direzione Regionale Pianificazione Operativa Regionale Relazione Contribuente Servizi Enti Contenzioso Esattoriale Morosità Rilevante Procedure Immobiliari Procedure Concorsuali BackOffice e Procedure Accentrate Riversamento e Rendicontazioni Area Territoriale Programmazione Operativa Territoriale Coattiva Esecutiva Incassi e Servizi al Contribuente BackOffice Territoriale 14

15 Strutture Organizzative di livello Operativo Le Posizioni Organizzative allocate presso la Direzione Regionale hanno l obiettivo di: garantire, di concerto con l Area Territoriale e nel rispetto dei criteri di efficacia ed efficienza, la corretta e tempestiva attuazione dei processi operativi secondo un opportuna pianificazione delle attività da intraprendere, anche sulla base delle esigenze espresse dal territorio di pertinenza; monitorare e garantire la produzione aziendale e le attività operative finalizzate al conseguimento degli obiettivi di riscossione e nel rispetto della normativa; garantire il presidio delle morosità rilevanti, delle procedure cautelari/esecutive, delle procedure concorsuali e del contenzioso esattoriale; garantire adeguati livelli di servizio ad Enti e Contribuenti; presidiare le relazioni istituzionali di business con gli Enti nella dimensione regionale e subregionale. 15

16 Strutture Organizzative di livello Operativo Le Posizioni Organizzative allocate presso l Area Territoriale hanno l obiettivo di: concorrere nella definizione degli obiettivi attraverso la gestione e il controllo delle attività operative connesse al presidio territoriale; garantire la qualità nella relazione con i cittadini con particolare riferimento ai servizi di front-office; effettuare il presidio del territorio attraverso le attività degli Ufficiali della Riscossione; supportare la Direzione Regionale nelle relazioni istituzionali di business con gli Enti di competenza. 16

17 Livello AD Amministratore Delegato Pianificazione e Controllo di Gestione Acquisti Relazioni Esterne - Rapporti Cittadini e Imprese Internal Audit Legale Affari Generali Risorse Umane Amministrazione e Finanza Organizzazione Aziendale 17

18 Livello AD AMMINISTRATORE DELEGATO Pianificazione e budgeting Analisi e Reporting Pianificazione e Controllo di gestione Relazioni Esterne - Rapporti Cittadini e Imprese. Internal Audit Affari Generali. Legale Amministrazione e Finanza Risorse Umane Organizzazione Aziendale Acquisti Sicurezza e Salute Legale Societario Corporate Tesoreria e Finanza Relazioni Sindacali Sviluppo Organizzativo Gare e Acquisti Qualità Legale Istituzionale Contabilità Generale Legislazione e Contenzioso Lavoro Normativa Aziendale Contratti Antiriciclaggio Privacy Contabilità Clienti/Fornitori Amministrazione Personale Coordinamento Progetti Bilancio e Area Fiscale Sistemi Gestionali e Alti Potenziali Selezione, Formazione, Sviluppo Risorse 18

19 Livello DG Direttore Generale Pianificazione Operativa Coordinamento Morosità Rilevanti Coordinamento Fiscalità Territoriale Logistica e Sicurezza Processi e Sistemi IT 19

20 Livello DG DIRETTORE GENERALE Prod.Accentrate Servizi Comuni Pianificazione Produzione Pianificazione operativa Coordinamento Morosità Rilevanti Coordinamento Fiscalità Territoriale Logistica e Sicurezza Processi e Sistemi IT Bandi Gare Gestione Tecnica Immobili Governance Gestione Operativa Enti Servizi Logistici Sviluppo Applicativo Sviluppo Sistemi Distribuiti Servizi Amministrativi Processi IT Infrastrutture Distribuite 20

21 Livello DR Direttore Regionale Pianificazione Operativa Regionale Relazione Contribuente Servizi Enti Contenzioso Esattoriale Morosità Rilevante Procedure Immobiliari Procedure Concorsuali BackOffice e Procedure Accentrate Riversamento e Rendicontazioni 21

22 Livello DR DIREZIONE REGIONALE Pianificazione Operativa Regionale Relazione Contribuente Servizi Enti Contenzioso Esattoriale Morosità Rilevante Procedure Immobiliari Procedure Concorsuali Backoffice e Procedure Accentrate Riversamento e Rendicontazioni 22

23 Livello RT Responsabile Territoriale Programmazione Operativa Territoriale Coattiva Esecutiva Incassi e Servizi al Contribuente BackOffice Territoriale 23

24 Livello RT AREA TERRITOTRIALE Programmazione Operativa Territoriale Coattiva Esecutiva Incassi e Servizi al Contribuente Backoffice Territoriale 24

25 Equitalia Nord Modello Organizzativo - Impatti sulle Risorse Umane Situazione occupazionale Non sono previste riduzioni di organico: l attuazione del nuovo Modello Organizzativo innescherà un processo di profondo efficientamento atto a regolamentare i fenomeni di sovradimensionamento degli organici, determinando un maggior effort sulle attività di produzione che consentirà di incrementare l efficacia dei risultati. Mobilità Il nuovo Modello Organizzativo, in un ottica di graduale e progressivo innalzamento della qualità dei servizi resi, sarà orientato a conferire stabilità all attuale dislocazione delle risorse sul territorio. In tale contesto ed in attesa di un confronto sindacale finalizzato al raggiungimento di un accordo che definisca la materia della mobilità infragruppo, eventuali operazioni di mobilità territoriale saranno subordinate ad una ricerca prioritaria della disponibilità al trasferimento ed in ogni caso volte a garantire continuità allo sviluppo professionale o al percorso di carriera intrapreso dalla risorsa interessata. 25

26 Equitalia Nord Modello Organizzativo - Impatti sulle Risorse Umane Armonizzazione contrattuale L operazione in atto, nel perseguire l obiettivo di razionalizzazione ed ottimizzazione dei processi e delle strutture, determina la necessità di giungere, attraverso un confronto con le OO.SS., ad una complessiva ed univoca armonizzazione dei trattamenti ad oggi vigenti a livello di Gruppo. Nell evidenziare la complessità di questo passaggio, l azienda sin da ora ritiene di fissare alcune linee guida: la piena volontà di giungere a soluzioni condivise, valutando l opportunità di garantire temporaneamente l ultrattività dei trattamenti integrativi di provenienza; la disponibilità a proseguire il confronto, ove si renda necessario, anche oltre le date di efficacia delle operazioni societarie, al fine di raggiungere le auspicate intese in deroga alla disciplina di legge ex art del codice civile; la necessità di verificare insieme quegli istituti a carattere organizzativo la cui omogeneizzazione risulti particolarmente urgente per la corretta operatività aziendale. 26

27 Equitalia Nord Modello Organizzativo - Impatti sulle Risorse Umane Principali istituti normativi da armonizzare Orario di Lavoro Orario di Sportello 27

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Milano, 12 marzo 2013 «LA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTOMOBILISTICA STRATEGIA, INNOVAZIONE

Dettagli

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA Siamo fermamente convinti che redigere un preciso quadro di riferimento, attestante le coperture Assicurative di un Cliente, consenta allo stesso di potersi

Dettagli

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Ed. settembre 2013 Agenda Obiettivo della statistica Oggetto della statistica Grado di partecipazione Alcuni confronti con la statistica precedente

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2014

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2014 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2014 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA A.G. FEBBRAIO 2015 ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

Annuario 231. Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti

Annuario 231. Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti Perché? Le recenti azioni giudiziarie hanno indotto nelle aziende la necessità di dotarsi di un modello

Dettagli

UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO

UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO - 49 - 3.1 INTRODUZIONE Volendo descrivere le province utilizzando contemporaneamente gli indicatori relativi alle diverse tematiche analizzate prima in modo

Dettagli

IL VALORE DEI COMPRENSORI LAPIDEI ITALIANI PER L ECONOMIA NAZIONALE.

IL VALORE DEI COMPRENSORI LAPIDEI ITALIANI PER L ECONOMIA NAZIONALE. IL VALORE DEI COMPRENSORI LAPIDEI ITALIANI PER L ECONOMIA NAZIONALE. IL SALDO COMMERCIALE A cura di: Manuela Gussoni Ufficio studi IMM 21 maggio 2014 In un contesto di sostanziale stazionarietà dell export

Dettagli

Formula Bonus-Malus "l'abito non fa (più) il monaco"

Formula Bonus-Malus l'abito non fa (più) il monaco Formula Bonus-Malus "l'abito non fa (più) il monaco" Limiti e criticità dell'attuale formula Giovanni Sammartini Coordinatore Commissione Danni Roma, 7 giugno 2013 2000-2011: com'è cambiata la distribuzione

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA A.G. GENNAIO 2014 ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

Criteri per l integrazione l fotovoltaici

Criteri per l integrazione l fotovoltaici Criteri per l integrazione l degli impianti fotovoltaici Gerardo Montanino Direttore Operativo Energy Forum - Bressanone, 9 dicembre 2008 www.gsel.it 2 Indice Il Conto Energia Bilancio del Conto Energia

Dettagli

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza ti trovi in: Home - Agenzia - Uffici - Indirizzi e Organigramma periferico - Uffici Dogane Gli Uffici delle Dogane Gli Uffici delle Dogane Regione Abruzzo Basilicata Campania Dogane Avezzano Pescara Potenza

Dettagli

Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007. Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA

Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007. Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007 Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA Milano, 25 febbraio 2009 CONTENUTI 1. I risultati della nuova statistica annuale RC Auto gli

Dettagli

CONDIZIONI DI SERVIZIO (validità da 01/03/2010)

CONDIZIONI DI SERVIZIO (validità da 01/03/2010) TBELL PREZZI DEGLI INTERVENTI PER PROVINCI (escluso pezzi di ricambio) G comune/provincia 290,00 Comprende trasferta e 1 ora lavoro. Ore seguenti vedi tab. TRIFFE pag.5 L comune/provincia SI Trasferta

Dettagli

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA Area di Agrigento (Sicilia) AG CDL CATANIA Alessandria (Piemonte) AL CDL MILANO Ancona (Marche) AN CDL PADOVA Aosta (Valle d'aosta) AO CDL MILANO Arezzo (Toscana) AR CDL ROMA

Dettagli

Gruppo Buffetti S.p.A. Via del Fosso di S. Maura, snc - 00169 Roma

Gruppo Buffetti S.p.A. Via del Fosso di S. Maura, snc - 00169 Roma VERSIONI CONTENUTE NEL PRESENTE AGGIORNAMENTO Modulo Versione Modulo Base di Linea Dichiarativi 02.25.05 Modulo Base 01.82.01 Dichiarazione USP/2005 04.01.03 Delega Unica F24 02.11.04 Modello F23 02.11.04

Dettagli

Totale posti Comuni 600.823 577.441 6.240 29.622 21.880

Totale posti Comuni 600.823 577.441 6.240 29.622 21.880 Copia di contingenti nomine docenti 2015 - tabella aliquot GRADO ISTRUZIONE contingenti per nomine sui posti vacanti e disponibili in O.D. 2015/16 titolari esubero vacanze su 2015/16 al 16 provinciale

Dettagli

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA Area di Agrigento (Sicilia) AG CDL CATANIA Alessandria (Piemonte) AL CDL MILANO Ancona (Marche) AN CDL PADOVA Aosta (Valle d'aosta) AO CDL MILANO Arezzo (Toscana) AR CDL ROMA

Dettagli

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA Area di Competenza Sigla CDL di Agrigento (Sicilia) AG CDL CATANIA Alessandria (Piemonte) AL CDL TORINO Ancona (Marche) AN CDL MODENA Aosta (Valle d'aosta) AO CDL TORINO Arezzo

Dettagli

L ASSICURAZIONE R.C. AUTO PRINCIPI GENERALI. e qualche numero.

L ASSICURAZIONE R.C. AUTO PRINCIPI GENERALI. e qualche numero. L ASSICURAZIONE R.C. AUTO PRINCIPI GENERALI. e qualche numero. Vittorio Verdone Direttore Auto, Distribuzione, Consumatori e Servizi Informatici -ANIA Università LUISS Guido Carli Roma, 24 ottobre 2011

Dettagli

UNIONCAMERE PROGETTO EXCELSIOR 2011 QUESTIONARIO PER LE IMPRESE (OTTOBRE 2011)

UNIONCAMERE PROGETTO EXCELSIOR 2011 QUESTIONARIO PER LE IMPRESE (OTTOBRE 2011) UNIONCAMERE PROGETTO EXCELSIOR 2011 QUESTIONARIO PER LE IMPRESE (OTTOBRE 2011) NB: Si richiede di rispondere alle domande presenti nelle diverse sezioni del questionario facendo riferimento all impresa

Dettagli

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA Area di Competenza Sigla CDL di Agrigento (Sicilia) AG CDL CATANIA Alessandria (Piemonte) AL CDL TORINO Ancona (Marche) AN CDL PADOVA Aosta (Valle d'aosta) AO CDL TORINO Arezzo

Dettagli

ELENCO DELLE PROVINCE DELLA REPUBBLICA ITALIANA SUDDIVISE PER REGIONI

ELENCO DELLE PROVINCE DELLA REPUBBLICA ITALIANA SUDDIVISE PER REGIONI ELENCO DELLE PROVINCE DELLA REPUBBLICA ITALIANA SUDDIVISE PER REGIONI Abruzzo Provincia dell'aquila (108 comuni) AQ Provincia di Chieti (104 comuni) CH Provincia di Pescara (46 comuni) PE Provincia di

Dettagli

Osservatorio Nazionale. Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2009

Osservatorio Nazionale. Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2009 Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2009 Marzo 2010 Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2009 I prestiti personali Le prestazioni in caso di infortunio

Dettagli

In Auto Più New (prodotto 589) Giugno 2011. Edizione Giugno 2011 (V032011) 1 di 45

In Auto Più New (prodotto 589) Giugno 2011. Edizione Giugno 2011 (V032011) 1 di 45 Tariffa R.C.A. Valida dal Salvo modifiche che verranno comunicate almeno 60 giorni prima della loro applicazione Tutti gli importi sono in Euro e non comprendono le imposte RCA (12,50%) e il contributo

Dettagli

Numero di graduatorie 2013

Numero di graduatorie 2013 Trasferimenti Volontari Individuali - DOMANDE 2013 5.930 Domande presentate 5.810 Domande inserite in graduatoria (120 RISORSE ESCLUSE PER MANCANZA REQUISITI PREVISTI DALL ACCORDO DEL 22 MAGGIO 2013) 132

Dettagli

COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE RELATORE: GEN.B. COSIMO PICCINNO

COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE RELATORE: GEN.B. COSIMO PICCINNO COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE RELATORE: GEN.B. COSIMO PICCINNO ATTIVITA PRELIMINARI GRUPPO DI LAVORO Dott. Pietro COMBA Istituto Superiore di Sanità Cap. Pietro DELLA PORTA Carabinieri

Dettagli

Dicembre 2009. Autorità per l energia elettrica e il gas (DSSD) Pagina 1 di 14

Dicembre 2009. Autorità per l energia elettrica e il gas (DSSD) Pagina 1 di 14 Analisi della tipologia e delle scadenze delle concessioni per l attività di distribuzione di gas naturale in Italia al 2007 La presente nota contiene gli esiti delle elaborazioni effettuate a partire

Dettagli

L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014

L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 L ASSICURAZIONE AUTO IL COSTO MEDIO, LA FREQUENZA SINISTRI E IL RAPPORTO SINISTRI A PREMI La misura complessiva della sinistrosità del ramo r.c. auto deve essere analizzata

Dettagli

DUE E QUATTRO RUOTE A NOVEMBRE

DUE E QUATTRO RUOTE A NOVEMBRE Roma, 6 dicembre 2012 MERCATO AUTO ACI: A NOVEMBRE AUMENTANO LE RADIAZIONI AUTO DAL PRA Diminuiscono ancora i passaggi di proprietà Vendute 209 auto usate ogni 100 nuove per il calo delle immatricolazioni

Dettagli

Coordinate geografiche delle province italiane di Michele T. Mazzucato

Coordinate geografiche delle province italiane di Michele T. Mazzucato Coordinate geografiche delle province italiane di Michele T. Mazzucato Tabella A Provincia sigla φ φ 1 λ λ 1 Agrigento AG 37 18' N 37.3000 13 36' E 13.6000 Alessandria AL 44 55' N 44.9167 08 37' E 08.6167

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

DATI ANAGRAFICI E DI TITOLARITA' Allegati : Cognome. Nome. Sesso. Codice Fiscale. Data di nascita. Comune di Nascita. Provincia

DATI ANAGRAFICI E DI TITOLARITA' Allegati : Cognome. Nome. Sesso. Codice Fiscale. Data di nascita. Comune di Nascita. Provincia DOMANDA DI MOBILITA' TERRITORIALE PER ASSEGNAZIONE A LIVELLO NAZIONALE SCUOLA PRIMARIA -AN SCOLASTICO 2016/17 DOCENTI ASSUNTI NELL'A.S. 2015/16 NELLE FA "B" E "C" DA GAE DATI ANAGRAFICI E DI TITOLARITA'

Dettagli

{open IPA} tante realtà locali una sola realtà nazionale

{open IPA} tante realtà locali una sola realtà nazionale {open IPA} tante realtà locali una sola realtà nazionale OpenSIPA: chi siamo OpenSIPA nasce il primo settembre 2012, inizialmente con il nome di OpenSIC e l intento di mettere in relazione tutti gli addetti

Dettagli

La Cluster Analysis LA CLUSTER ANALYSIS - 227 -

La Cluster Analysis LA CLUSTER ANALYSIS - 227 - LA CLUSTER ANALYSIS - 227 - 8.1 UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO Volendo descrivere le caratteristiche delle province in termini di indicatori relativi al Contesto e al Sistema Scolastico è

Dettagli

VALLE D'AOSTA AO TECNO di G. Cerutti e C. Arch Cifarelli / ing. Giuliano 335/ Roberto

VALLE D'AOSTA AO TECNO di G. Cerutti e C. Arch Cifarelli / ing. Giuliano 335/ Roberto VALLE D'AOSTA AO TECNO di G. Cerutti e C. Arch Cifarelli 333 4219549 335/8026866 ing. Giuliano 335/8115904 Roberto PIEMONTE TO-CN PASOTTI geom. Roberto Tel. 0383/74221 Fax 0383/74222 335/1311168 AL BERZERO

Dettagli

IL SISTEMA SCOLASTICO

IL SISTEMA SCOLASTICO IL SISTEMA SCOLASTICO - 11 - 2.1 SCUOLA DELL INFANZIA Per quanto riguarda l analisi della scuola dell infanzia è bene sottolineare, in quanto i risultati ne sono chiaramente influenzati, che gli indicatori

Dettagli

2015: RADIAZIONI AUTOVETTURE SECONDO LA CLASSE EURO (Val. %)

2015: RADIAZIONI AUTOVETTURE SECONDO LA CLASSE EURO (Val. %) Roma, 6 novembre 2015 MERCATO AUTOVEICOLI ACI: RALLENTA AD OTTOBRE IL MERCATO DELLE AUTO USATE MENTRE PER I MOTOCICLI SI REGISTRA UN CALO DEL 9% Rallenta, ma non si ferma, nel mese di ottobre il trend

Dettagli

L Azienda. Investimenti in tecnologia ed innovazione. - Nuovo sito produttivo a Legnago di bruciatori residenziali, commerciali ed industriali;

L Azienda. Investimenti in tecnologia ed innovazione. - Nuovo sito produttivo a Legnago di bruciatori residenziali, commerciali ed industriali; Aprile 2013 L Azienda Fondata nel 1922, Riello è oggi leader mondiale nella produzione di bruciatori e protagonista europeo nel mercato dei prodotti e dei servizi per il riscaldamento e la climatizzazione.

Dettagli

Presentazione Il Rapporto nazionale sugli alunni con cittadinanza non italiana, realizzato anche quest anno dalla Direzione Generale per lo Studente insieme alla Fondazione Ismu (Iniziative e studi sulla

Dettagli

Qualifica di precedenza. Sistema di trasmissione 12:00 Telex Fono Corr. Fax

Qualifica di precedenza. Sistema di trasmissione 12:00 Telex Fono Corr. Fax Giunta Regionale della Campania Direzione Generale per i Lavori Pubblici e la Protezione Civile U.O.D. 06 - Emergenza e Post-Emergenza Sala Operativa Regionale Centro Situazioni soru@pec.regione.campania.it

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO GARDESANO. Attività Formativa 1999-2008

ENTE BILATERALE TURISMO GARDESANO. Attività Formativa 1999-2008 Attività Formativa 0 CORSI ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO NUMERO NUMERO 00 01 02 03 04 05 06 07 0 CORSI PARTECIPANTI IGIENE ALIMENTARE X X 2 37 RESPONSABILE SICUREZZA LAVORO X X 2 AREA

Dettagli

a cura dell ufficio dc_omi@agenziaterritorio.it dott. gianni guerrieri (direttore) ing. caterina andreussi (dirigente)

a cura dell ufficio dc_omi@agenziaterritorio.it dott. gianni guerrieri (direttore) ing. caterina andreussi (dirigente) agenzia del Territorio direzione centrale Osservatorio Mercato Immobiliare direttore Gianni Guerrieri RAPPORTO IMMOBILIARE 2003 a cura dell ufficio analisi e studi dc_omi@agenziaterritorio.it dott. gianni

Dettagli

Grande Banca Popolare. Riorganizzazione del Gruppo Verona, 18 Luglio 2011 Presentazione in webcast alle 16:30

Grande Banca Popolare. Riorganizzazione del Gruppo Verona, 18 Luglio 2011 Presentazione in webcast alle 16:30 Grande Banca Popolare Riorganizzazione del Gruppo Verona, 18 Luglio 2011 Presentazione in webcast alle 16:30 Contenuti Il Progetto Grande Banca Popolare Impatti economici dell operazione 2 Il nuovo assetto

Dettagli

Osservatorio Mercato Immobiliare

Osservatorio Mercato Immobiliare agenzia del Territorio direzione centrale Osservatorio Mercato Immobiliare direttore Gianni Guerrieri IL MERCATO IMMOBILIARE NEL PRIMO SEMESTRE 2007 a cura dell ufficio studi dc_omi@agenziaterritorio.it

Dettagli

Elementi su cui applicare la percentuale del 15% per il calcolo dei contributi INPS e INAIL

Elementi su cui applicare la percentuale del 15% per il calcolo dei contributi INPS e INAIL CASSA EDILE BERGAMO Sistema Certificato UNI EN ISO 9001:2000 SC-06-587/EA 35 Bergamo, 14 Febbraio 2008 A TUTTE LE IMPRESE ISCRITTE L O R O S E D I A) Contributi in vigore Contributo % carico imprese %

Dettagli

Assemblea dei Delegati di Coopersalute

Assemblea dei Delegati di Coopersalute Assemblea dei Delegati di Coopersalute Firenze, 21 giugno 2010 Villa Vittoria Firenze Fiera TOTALE ISCRITTI febbraio 2010 54.568 ISCRITTI ISCRITTI in percentuale suddivisi per regione di residenza febbraio

Dettagli

ABRUZZO. ALFONSO CHIAROMONTE - RIPARATORE Alfonso CHIAROMONTE Via Gioacchino Pizzi, 29 - S.B. del Tronto (AP) Province servite: TE - PE -

ABRUZZO. ALFONSO CHIAROMONTE - RIPARATORE Alfonso CHIAROMONTE Via Gioacchino Pizzi, 29 - S.B. del Tronto (AP) Province servite: TE - PE - ABRUZZO ALFONSO CHIAROMONTE - RIPARATORE Alfonso CHIAROMONTE Via Gioacchino Pizzi, 29 - S.B. del Tronto (AP) Province servite: TE - PE - PISTONI RODOLFO - RIPARATORE RODOLFO PISTONI P.le S.Paolo n 20 -

Dettagli

A COSA POSSONO SERVIRE QUESTE ANALISI

A COSA POSSONO SERVIRE QUESTE ANALISI CAPITOLO 6 - SINTESI OBIETTIVO Questo Capitolo presenta i risultati delle analisi degli investimenti delle mafie in aziende. Obiettivo dell analisi è individuare i motivi per cui le mafie investono in

Dettagli

Relatore Vittorio Verdone

Relatore Vittorio Verdone AZZARDO MORALE L'azzardo morale è una forma di opportunismo post-contrattuale, che può portare gli individui a perseguire i propri interessi a spese della controparte, confidando nella impossibilità, per

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata La Posta Elettronica Certificata Che cos è la PEC - Perché è nata la PEC - La certificazione della PEC - Le differenza tra PEC, email normale, posta tradizionale e fax - Il Quadro Normativo; la differenza

Dettagli

Software Ecodev D Visura tramite SMS: Istruzioni e modalità di utilizzo

Software Ecodev D Visura tramite SMS: Istruzioni e modalità di utilizzo Software Ecodev D Visura tramite SMS: Istruzioni e modalità di utilizzo Il servizio Visure PRA per gli Autodemolitori si arricchisce di una nuova funzione, visure tramite SMS, che accelera la verifica

Dettagli

RISOLUZIONE N. 6/E. Roma, 12 gennaio 2012

RISOLUZIONE N. 6/E. Roma, 12 gennaio 2012 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Settore Gestione Tributi Ufficio Gestione Dichiarazioni RISOLUZIONE N. 6/E Roma, 12 gennaio 2012 Al Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento delle

Dettagli

Incontro Segreterie Nazionali

Incontro Segreterie Nazionali Incontro Segreterie Nazionali Roma, 19 maggio 2015 snam.it Indice Statistiche infortuni Gruppo Snam 2015-2018 Piano Strategico 2 Statistiche Infortuni DIPENDENTI GRUPPO Snam Situazione al 31 dicembre 2014

Dettagli

Innovare il modello di servizio per la clientela Small Business

Innovare il modello di servizio per la clientela Small Business Innovare il modello di servizio per la clientela Small Business Nicola Generani Responsabile Direzione Marketing Retail - Private Convegno Dimensione Cliente 200 Roma, 26/03/200 Contenuti Overview Gruppo

Dettagli

ELENCO EMITTENTI TV. Dati di Ascolto. Posizione Telecomando. Concessionaria di Pubblicità GRUPPO TELEVISIVO ITALIANO SRL

ELENCO EMITTENTI TV. Dati di Ascolto. Posizione Telecomando. Concessionaria di Pubblicità GRUPPO TELEVISIVO ITALIANO SRL GRUPPO TELEVISIVO ITALIANO SRL Tel. 02 36524933 - Fax. 02 36526402 www.gtimedia.it - N ROC 18928 gtimedia@gtimedia.it Concessionaria di Pubblicità ELENCO EMITTENTI TV Dati di Ascolto Posizione Telecomando

Dettagli

CRITERI ASSUNTIVI DEL CREDITO

CRITERI ASSUNTIVI DEL CREDITO By You S.p.A. CRITERI ASSUNTIVI DEL CREDITO By You S.p.A. Pag. 1 di 11 CRITERI ASSUNTIVI DEL CREDITO Scopo del presente documento è fornire i criteri assuntivi del credito sia per la valutazione del cliente

Dettagli

RAPPORTO SULLE DIFESE ANTICRIMINE DEL SETTORE BANCARIO

RAPPORTO SULLE DIFESE ANTICRIMINE DEL SETTORE BANCARIO RAPPORTO SULLE DIFESE ANTICRIMINE DEL SETTORE BANCARIO NEL 2010 E vietata la riproduzione anche parziale senza l autorizzazione di OSSIF 1 INDICE PREMESSA... 3 Capitolo 1... 4 Impianti e caratteristiche...

Dettagli

SPECIFICHE INFORMATICHE RICHIESTE:

SPECIFICHE INFORMATICHE RICHIESTE: La nuova piattaforma RICESTAT prevede per l invio dei dati, dal vostro programma gestionale, l'interscambio di un file xml Di seguito troverete la varie specifiche informatiche richieste ai fini dell'accettazione

Dettagli

CASSA EDILE: CONTRIBUTI/QUOTE ASSOCIATIVE

CASSA EDILE: CONTRIBUTI/QUOTE ASSOCIATIVE m:\manuale\manuali_varie\manuale_nuova gestione cassa edile.doc CASSA EDILE: CONTRIBUTI/QUOTE ASSOCIATIVE Da questo mese, è possibile gestire in automatico la contribuzione dovuta alle casse edili settore

Dettagli

IL SETTORE DELLA RISTORAZIONE OGGI ALLA RICERCA DELLA VIA «ITALIANA» DELLO SVILUPPO MILANO, 4 MAGGIO 2015

IL SETTORE DELLA RISTORAZIONE OGGI ALLA RICERCA DELLA VIA «ITALIANA» DELLO SVILUPPO MILANO, 4 MAGGIO 2015 IL SETTORE DELLA RISTORAZIONE OGGI ALLA RICERCA DELLA VIA «ITALIANA» DELLO SVILUPPO MILANO, 4 MAGGIO 2015 www.dgmco.it AGENDA L Italia - la storia e le prospettive per la ristorazione Le Regioni Italiane

Dettagli

http://www.space.tin.it/scuola/unardone/

http://www.space.tin.it/scuola/unardone/ I-17021 ALASSIO (SV) "F.M. GIANCARDI" TELEPHONE (390) 182-470252/470224 TELECOPIE/FAX (390) 182-646382 I-00042 ANZIO (RM) "MARCO GAVIO APICIO" TELEPHONE (390) 69-848253 TELECOPIE/FAX (390) 69-848208 http://utenti.quipo.it/apicio

Dettagli

CONDIZIONI DI SERVIZIO (validità da 01/01/2013)

CONDIZIONI DI SERVIZIO (validità da 01/01/2013) G comune/provincia 309,00 Comprende trasferta e 1 ora lavoro. Ore seguenti vedi tab. TRIFFE pag.5 L comune/provincia 245,00 Comprende trasferta e 1 ora lavoro. Ore seguenti vedi tab. TRIFFE pag.5 N comune/provincia

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI 2010 PRIMI RISULTATI E SCENARI. 25 agosto 2010

ELEZIONI REGIONALI 2010 PRIMI RISULTATI E SCENARI. 25 agosto 2010 ELEZIONI REGIONALI 2010 PRIMI RISULTATI E SCENARI 25 agosto 2010 Indice 1. Risultati 13 regioni 2. Dati di sondaggio 2 Indice 1. Risultati 13 regioni 2. Dati di sondaggio 3 Affluenza. Trend 1979-2010 elezioni

Dettagli

Sviluppo del mercato del gas naturale

Sviluppo del mercato del gas naturale Sviluppo del mercato del gas naturale Adam Smith Society L. Valerio Camerano Direttore Generale Enel Gas Milano, 29 novembre 2004 1 Storia di Enel Gas Enel Gas è il secondo operatore italiano nella vendita

Dettagli

D E I R I F I U T I i n I T A L I A

D E I R I F I U T I i n I T A L I A L A P R O D U Z I O N E D E I R I F I U T I i n I T A L I A Andamento della produzione di rifiuti urbani, anni 1996 2006 40.000 30.000 25.960 2,5% 0,9% 26.605 26.846 5,7% 28.364 2,1% 28.959 1,6% 1,5% 0,6%

Dettagli

SINTESI CONVENZIONE I DETTAGLI DELLA CONVENZIONE

SINTESI CONVENZIONE I DETTAGLI DELLA CONVENZIONE SINTESI CONVENZIONE Intesa Sanpaolo e Confcommercio Imprese per l Italia hanno rinnovato l Accordo, fissando condizioni di assoluto rilievo su POS e ANTICIPO TRANSATO POS, per le imprese associate. Novità

Dettagli

F FOGLIO INFORMATIVO relativo al Contratto di Prestito Vitalizio Ipotecario PATRIMONIOCASA

F FOGLIO INFORMATIVO relativo al Contratto di Prestito Vitalizio Ipotecario PATRIMONIOCASA F FOGLIO INFORMATIVO relativo al Contratto di Prestito Vitalizio Ipotecario PATRIMONIOCASA Servizio offerto a: Consumatori Clientela al dettaglio Imprese Per una migliore comprensione delle diverse fasce

Dettagli

POLIZIA FERROVIARIA. COMPARTIMENTO POLIZIA FERROVIARIA PER LE MARCHE, UMBRIA E ABRUZZO con sede Ancona

POLIZIA FERROVIARIA. COMPARTIMENTO POLIZIA FERROVIARIA PER LE MARCHE, UMBRIA E ABRUZZO con sede Ancona POLIZIA FERROVIARIA COMPARTIMEN POLIZIA FERROVIARIA PER LE MAHE, UMBRIA E ABRUZZO con sede Ancona PE CH AQ TE SEZIONE POLIZIA FERROVIARIA CO SOTSEZIONE POLIZIA FERROVIARIA PESCARA POS POLIZIA FERROVIARIA

Dettagli

Roma, Uff.IX Prot.n. 22107. Alla Presidenza del Consiglio dei ministri Segretariato generale. A tutti i Ministeri - Gabinetto

Roma, Uff.IX Prot.n. 22107. Alla Presidenza del Consiglio dei ministri Segretariato generale. A tutti i Ministeri - Gabinetto Roma, Uff.IX Prot.n. 22107 Alla Presidenza del Consiglio dei ministri Segretariato generale A tutti i Ministeri - Gabinetto Agli Uffici centrali di bilancio presso i ministeri Alle Ragionerie provinciali

Dettagli

Far adottare. 13.1 Questo capitolo

Far adottare. 13.1 Questo capitolo Capitolo 13 Far adottare 13.1 Questo capitolo L editore pubblica dei libri per venderli. Nel caso del libro scolastico la vendita (almeno in oltre il 99% dei casi) passa attraverso un «adozione». In questo

Dettagli

CIRCOLARE N.89/2000 OGGETTO: AUTOTRASPORTO RESTITUZIONE DELLA CARBON TAX

CIRCOLARE N.89/2000 OGGETTO: AUTOTRASPORTO RESTITUZIONE DELLA CARBON TAX Roma, 22 giugno 2000 CIRCOLARE N.89/2000 OGGETTO: AUTOTRASPORTO RESTITUZIONE DELLA CARBON TAX CIRCOLARE MIN.FINANZE N.125/D DEL 20.6.2000. Nel contesto delle trattative sull ultima vertenza dell autotrasporto,

Dettagli

Qualifica di precedenza. Sistema di trasmissione Telex Fono Corr. Fax

Qualifica di precedenza. Sistema di trasmissione Telex Fono Corr. Fax Giunta Regionale della Campania Settore di Programmazione Interventi di Protezione Civile sul Territorio Sala Operativa Regionale Unificata Centro Situazioni Tel. 081 2323111 Fax 081 2323860 Ora di ricezione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al Contratto di Prestito Vitalizio Ipotecario PATRIMONIOCASA 15 DICEMBRE 2010

FOGLIO INFORMATIVO relativo al Contratto di Prestito Vitalizio Ipotecario PATRIMONIOCASA 15 DICEMBRE 2010 FOGLIO INFORMATIVO relativo al Contratto di Prestito Vitalizio Ipotecario PATRIMONIOCASA Servizio offerto a: Consumatori Clientela al dettaglio Imprese Per una migliore comprensione delle diverse fasce

Dettagli

20125 Milano Via della Chiusa 15 Tel. 02 582801 Fax 02 58316826 www.ala-assicurazioni.it. Condizioni Generali d Assicurazione - Estratto -

20125 Milano Via della Chiusa 15 Tel. 02 582801 Fax 02 58316826 www.ala-assicurazioni.it. Condizioni Generali d Assicurazione - Estratto - 20125 Milano Via della Chiusa 15 Tel. 02 582801 Fax 02 58316826 www.ala-assicurazioni.it Linea Insurance 2006 Condizioni Generali d Assicurazione - Estratto - Polizza n. 2002021804 Mod. 030040/07/06/C

Dettagli

TABELLE PREMI. Settore IV. Autocarri e Motocarri

TABELLE PREMI. Settore IV. Autocarri e Motocarri TARIFFE PER LE ASSICURAZIONI DI RESPONSABILITA CIVILE VEICOLI A MOTORE E NATANTI TABELLE PREMI (ESCLUSI SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE ED IMPOSTE) Settore IV Autocarri e Motocarri EDIZIONE 01.12.2013 (EFFETTO

Dettagli

Tariffa e Norme Assuntive Auto Rischi Diversi Garanzie Dirette. Valide dal 01/06/2010

Tariffa e Norme Assuntive Auto Rischi Diversi Garanzie Dirette. Valide dal 01/06/2010 Tariffa e Norme Assuntive Auto Rischi Diversi Garanzie Dirette Valide dal 01/06/2010 Indice Norme assuntive pag. 3 Tariffe Incendio e Furto pag. 4 Incendio Autovetture pag. 6 Furto Autovetture pag. 6

Dettagli

caterina andreussi (responsabile) claudio trucchi stefano cenciarelli alessandro tinelli (collaboratori) a cura dell ufficio

caterina andreussi (responsabile) claudio trucchi stefano cenciarelli alessandro tinelli (collaboratori) a cura dell ufficio agenzia del Territorio direzione centrale Osservatorio Mercato Immobiliare direttore Gianni Guerrieri IL MERCATO IMMOBILIARE NEL PRIMO SEMESTRE 2004 a cura dell ufficio studi dc_omi@agenziaterritorio.it

Dettagli

I cartolai nelle province di Bolzano e Trento

I cartolai nelle province di Bolzano e Trento INCHIESTA A di Giorgio G. Mongiello - Rilevamento dati a cura di Centro Marketing, Milano BOLZANO TRENTO Diffusi i prodotti tradizionali I cartolai nelle province di Bolzano e Trento Nelle due province

Dettagli

All Digital Smart Building Mauro Valfredi Sky Service & Delivery Milano 31 marzo 2016

All Digital Smart Building Mauro Valfredi Sky Service & Delivery Milano 31 marzo 2016 All Digital Smart Building Mauro Valfredi Sky Service & Delivery Milano 31 marzo 2016 5 Nazioni 21 milioni Clienti 16 mld ricavi 6.4 mld investimenti in contenuti 31,000 Dipendenti Costruzione di Sky Europe

Dettagli

Tabelle premi per le assicurazioni di Responsabilità civile Veicoli e Natanti a motore

Tabelle premi per le assicurazioni di Responsabilità civile Veicoli e Natanti a motore Tabelle premi per le assicurazioni di Responsabilità civile Veicoli e Natanti a motore - Escluse Imposte - Compresi Contributi per: - Servizio Sanitario Nazionale (10,5%) - Fondo Vittime della Strada (4%)

Dettagli

OGGETTO: Istituzione dei codici per il versamento, tramite modello F24, dei contributi dovuti dagli iscritti all Ordine dei Consulenti del Lavoro

OGGETTO: Istituzione dei codici per il versamento, tramite modello F24, dei contributi dovuti dagli iscritti all Ordine dei Consulenti del Lavoro Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 24 /E Roma, 03/03/2011 OGGETTO: Istituzione dei codici per il versamento, tramite modello F24, dei contributi dovuti dagli iscritti all Ordine

Dettagli

DENOMINAZIONE HOTEL REGIONE PR

DENOMINAZIONE HOTEL REGIONE PR DENOMINAZIONE HOTEL REGIONE PR Hotel FiordiGigli Abruzzo AQ Centro Turistico Ariras Basilicata MT Grande Albergo Potenza Basilicata PZ Hotel Congressi la Principessa Calabria CS Hotel Majorana Calabria

Dettagli

Estratto delle Norme che regolano il contratto Libro Matricola n. 01 BD93404

Estratto delle Norme che regolano il contratto Libro Matricola n. 01 BD93404 NO RISK NO COST Applicabile a tutte le Smart Fortwo 451 immatricolate dal 14/05/2007 al 30/06/2007 Estratto delle Norme che regolano il contratto Libro Matricola n. 01 BD93404 Inclusione veicolo Per quanto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 24/E. Roma, 03 marzo 2011

RISOLUZIONE N. 24/E. Roma, 03 marzo 2011 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Settore Gestione Tributi Ufficio Gestione Dichiarazioni RISOLUZIONE N. 24/E Roma, 03 marzo 2011 Al Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento delle

Dettagli

CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE

CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE 1 CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE Mod. 9012 / 11 / SM NON CONSERVARE NELLA AUTOVETTURA 2 NOTA INFORMATIVA (ai sensi dell art. 185 del decreto legislativo 209/05 (Codice delle assicurazioni private) INFORMAZIONI

Dettagli

Evoluzione del mercato del gas e accesso alle reti Luca Valerio Camerano Direttore Generale Enel Gas

Evoluzione del mercato del gas e accesso alle reti Luca Valerio Camerano Direttore Generale Enel Gas Evoluzione del mercato del gas e accesso alle reti Luca Valerio Camerano Direttore Generale Enel Gas Il mercato del gas: la liberalizzazione Il primo gennaio 2003 e stato completato il processo di liberalizzazione

Dettagli

LOCALITÀ ATTRAVERSATE DALLA MILLE MIGLIA

LOCALITÀ ATTRAVERSATE DALLA MILLE MIGLIA LOCALITÀ ATTRAVERSATE DALLA MILLE MIGLIA 1927/1957: NUMERO E ANNI DEI PASSAGGI La ricerca statistica è stata effettuata confrontando i dodici diversi percorsi delle ventiquattro edizioni della Mille Miglia

Dettagli

INFORMATIVA N. 144/2015 emissione del 16/07/2015

INFORMATIVA N. 144/2015 emissione del 16/07/2015 INFORMATIVA N. 144/2015 emissione del 16/07/2015 VISTA la Direttiva Presidente Consiglio dei Ministri 01/7/2011 recante 'Direttiva in materia di lotta attiva agli incendi boschivi' pubblicata nella G.U.

Dettagli

Statistica sociale. Facoltà di Scienze Politiche. (prof.ssa C. Davino) La sintesi degli indicatori sociali. Corso di. Seminario su: gherghi@unina.

Statistica sociale. Facoltà di Scienze Politiche. (prof.ssa C. Davino) La sintesi degli indicatori sociali. Corso di. Seminario su: gherghi@unina. Università degli studi di Macerata Facoltà di Scienze Politiche Corso di Statistica sociale (prof.ssa C. Davino) Seminario su: La sintesi degli indicatori sociali marco gherghi Dipartimento di matematica

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per il personale scolastico UFF. Terzo C.M. n. 21 Prot. n. AOOODGPER 8310 Roma, 21 agosto 2013

Dettagli

Gamma. prodotti. hot&cold. snack&food. Maggio 2015. can&bottle

Gamma. prodotti. hot&cold. snack&food. Maggio 2015. can&bottle hot&cold Gamma snack&food can&bottle prodotti Maggio 2015 Necta è il marchio di riferimento di N&W, Gruppo leader del mercato Vending a livello mondiale, con una posizione predominante nel panorama europeo.

Dettagli

Qualifica di precedenza. Sistema di trasmissione Pec Mail Fonia/Radio Fax x x x

Qualifica di precedenza. Sistema di trasmissione Pec Mail Fonia/Radio Fax x x x Giunta Regionale della Campania Direzione Generale per i Lavori Pubblici e la Protezione Civile U.O.D. 06 - Emergenza e Post-Emergenza Sala Operativa Regionale Centro Situazioni soru@pec.regione.campania.it

Dettagli

Risultati attività mappatura dei processi tecnico-amministrativi

Risultati attività mappatura dei processi tecnico-amministrativi Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Risultati attività mappatura dei processi tecnico-amministrativi Venezia, Palazzo Franchetti 13 luglio 2007 Sulla scorta di quanto previsto dalla DGR 2846/06,

Dettagli

Lavoro in movimento AGENZIA PER IL LAVORO

Lavoro in movimento AGENZIA PER IL LAVORO Lavoro in movimento AGENZIA PER IL LAVORO Metis S.p.A. è un Agenzia per il Lavoro specializzata nella ricerca, selezione, formazione e gestione delle risorse umane. Metis ha una presenza capillare sul

Dettagli

CAPITOLO 7 GESTIONE DEI PROCESSI

CAPITOLO 7 GESTIONE DEI PROCESSI CAPITOLO 7 GESTIONE DEI PROCESSI 7.1 GENERALITA 7.2 PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DEI PROCESSI 7.3 RESPONSABILITA ED AUTORITA RELATIVE AI PROCESSI Pagina 51 di 76 7.1 GENERALITÁ Nel presente capitolo l Istituto

Dettagli

Evoluzione del modello organizzativo di Poste Italiane. 27 Luglio 2005

Evoluzione del modello organizzativo di Poste Italiane. 27 Luglio 2005 Evoluzione del modello organizzativo di Poste Italiane 27 Luglio 2005 2 AGENDA Collegamento tra piano triennale e organizzazione Principali driver del cambiamento organizzativo Focalizzazione sui processi

Dettagli

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I S E Z I O N E I ) : A M M I N I ST R A Z I O N E A G G I U D I C A T R I C E I. 1 ) D e n o m i n a z i o ne, i n d ir i z z i e p u n t i d i c o

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI GENERALI

DIREZIONE CENTRALE RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI GENERALI Approvato con Determina dirigenziale del Direttore Generale n. 2/2015 del 20 gennaio 2015 e revisionato a seguito Det. DG n. 7 del 30/01/2015 (inserimento Redazione ) DIREZIONE CENTRALE RISORSE UMANE,

Dettagli

con il patrocinio di:

con il patrocinio di: Conferenza stampa LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA, 17 dicembre 28 Fondazione Europea Dragan - Foro Traiano 1/A INDAGINE SULLE PRINCIPALI 5 CITTA Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico AO TO NO SS Monza

Dettagli

CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE

CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE Programma Assicurativo Incendio, Furto e Kasko per Vetture e Veicoli Commerciali di Nuova Immatricolazione e Usati (Mercedes Benz e smart) CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE edizione MBFSI 07-2009 NON CONSERVARE

Dettagli