Conto economico -RENDICONTODELLAGESTIONE ESERCIZIO 2003

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Conto economico -RENDICONTODELLAGESTIONE ESERCIZIO 2003"

Transcript

1 COMÙNTA' AMBTO ftareapsana" Ambito Territoriale Ottimale n 3 per la gestione dei rifiuti WaArrhiméde Sellata/la loa1jità OSpedaletto P/Sii RENCONTOELLAGESTONE ESERCZO 2003 Conto economico

2 1219:49 ATO 3 PSA GESTONERFUT NUM891 [;115 CONTO ECONOMCO ESERCZO 2003 A) PROVENTELLA GESTONE 1) Proventi butar\ 2) Proven1lda lrhfer\menh ' 3),Provenll da servl:d pubbnd 4) Pl'CYemldi gestione patrlrnonlele 5}Provonll diwrul 6) prgyeriti dalcanl di edlftcare 7) ncrementi di mmablzzazionl l)er lavorllntemi 8) VariQklnll18l1e rimanenza di prodotti in CQfSòdi avorlzlone etc (+/) mporti Parzali mpani Tolali 1mJC'U Complesivl 327tiO45, B) COST OEUApl; 9) PertlOMla 10) AcquvtG di materie prime wo beni dicomumo ' 11) Varfazioni "elle rllnlnen di materie prime elo beni di, consuno (+1) 12)Preata:Jonldi lemzi 13) U beni di terzi 14) Tmferimentl 15) mpaste e tllue 18) Quote di ammortamento d'esen:iz:io " C) PROVENT,E CN' OA AZENE SPECAL PARTECPATE 17)U " 18) nteressi $\ capitale di,dotazione 19)Tr ad aziendeopeclallepart8clpa18 ) OVENT ONER FlNAN2lARi 20) marue8ì attm 21) lmernel PNslvl: su mutuie pestl\t 81/obbligazioni,8\1 antlclpimani peraltrecaur;e E) PRQVENi EC ONERR[)NAR PrcMmtt,_io 1, 22) nsuseb1enzadel passivo )amw 24) Plusv8lenza palrlmonlall f ,21 " Ol8t1 25),nsueàatenza deir 26) Mlr»Jeva181iu1pltrllTa'lGi 27) Aecsnianeunm per svalllt8zigne crediti 28) Oneri atracwcllnmi,:1

3 COMUNJTA' AMBTO "AREA, PSANA" AmbitoTerritorialeOttimale n 3 per la gestione dei rifiuti ViaArchlmedé BeJ/atalla località Ospedaletto Plsa RENCONTO ELLA GESTONE ESERCZO 2003 Conto del patrimoni(j

4 A) MMOBfZZA:ZON ' t) MMOBUZlAZONMMATERAL1 1) CoEl1iplul18Md caplla1usj (re!al/wjrcmdod1lfortbmetlw lr dtrazjonfi' Tol8!o' l MMOBUZ1AZ/ON MA'tERAU 1) Bentdamanls, (tv!81no fondo di ec:vtalo 2) Terreni (pammonlo ndteponlblle) 3) Terren (pllfrfmonldlspanlblle) 4) FabbJ:!eetJ (Psm1no ndleponlbl!e) (ier8t1o n detrazfon8j foìdo dismrjjqlfbmsnlo n defnll1on,,) 15)FebbrlO (psbmono disponible) (f8fativfondo di "l1/l1olblljlqllto 6) Maocfnell, a1ure (resjjvo /ndo dì l'mcrl8mto e mpianti 7) Aree lereminfann!lool (refalfv londo dil1rnmot1amsnfa 8) Aufemezzi e mo lf1rmrru/me) in detnnjons) n dtjnu/one) (t81a1jvoondd18mmatemanlo n derbz/ons) 9) MoblU e mscchlne d\ift!clo (relaflllo tondo dj e11l1clfbnrtmlo 111dsJralloM) 10) t}nlvefllti beni {pabimonl ndlsporilblj} (rs/8/ivobnoodl8mmoltllmlhlto 11) 'Unv'lllà di beni (pllfrlmanro dlsponlblla) (l1iarlvo rorrr/o di tlmmatamenw 12) rtlu nnlltbanl di lel%l 1S) mmobulzzazlonlln coreo Tota! j)) dao'z1ons) 1/1dsJrszk1ne) CONTO EL PATR1MONO(ATTVO) esercizio 2003 MPORT parzfau ; CONSSTENZA HlWE VARAZON A ClfNANZfARlO VARfAl]ON A ALTRECAU8E CONSSTENZA FNALe : 8470, , , ,25, 51e2,73 ; 16Oli8,ttl : 752, ,03 268,80 3,882, , , , , ,40 121iO,O 1J , S) l S) " U1 J " S) S) J S) l l W "U n ffi n Z (T A " c: J S) U1 S) l S) z l çu J

5 n MMCBLJZZAZ)ON FNANZARE 1) PaJf8clpazlnlln: a) mprese c:aantrallatb b) 1mP deaals c) altre b'npf's8 2}9redltlversO:', ) tmpr8se ccnfrollate b) mprese collegate,', o) atn m ' S) medio e lungo enn1i1a) 4) CJedl6 di dubblll es1glblla, (dalr8tb 11'10_,,8trazonecrediti) 5) Cr P,8fdeposlU cauzlonall Totale B)' ATnvo ) RMAN NZE ' l) CREt11 TOTALE MMOBUlZAZON CRCOLANTE Totat,i) Vet'GtrlbUlJ\t 2) Verso nti cfe1ttcre pubblico allargato a) Stato correrdl caplla!l b) Reg1Q/U1 conno :capfate o)a!r conénu C8p118 S) Verso cfebllmtdlveri' a) rlo nti dl8jv1z1pubbllol b) utenti di beni pabfrnom811 c} verao 811r1 conenu capitale d) da ll8nazk"i"'parimontau e) per somme GOJrispoater;/ranJ MPORl1 PARlfAU, " : " f CONTO EL PATRMONO (ATTVO) CONSS1ENZA N VARAZCNOA VARJA2ONJA AL'RE CAUSE ClfHANZWUO t" 'F ' CONSSTENZA FNAlE o 40111,ff7 2282,4 125,OO 7747,75 258, ,82 ' ; o' , ,46 36&828,27 2, , , ,78 Qe254, , , ,00 i 250,00 : (s;) \) (s;) (s;) J (s;) A Ḏ CJ W '1:J (f) fh (f) CJ Z T ;:o"t1c:: '" fl (s;) A z C 3: 00 li:]

6 ', r,' CONTO E PATRMONO la TTVO) (S U) " PORt CON8181ENZA VAR/AZJONA VARrAZfONJA CONSSTENZA PARZlAU NZJAE Cf1NANZlARO ALTRE CAUSE ANALE y (S "" 4) ciedl/j pm,"va G)depo_: " ) bancbe _ b) Cnsa p05fl e Presti!! Tola!e 111 AT11VrTA' ANANZARE CHE NON V COSTl:rtJBCONO 1) l1!1l, MMOBLZZ Tol4s SPONBlUTA'UOUE' 1) FondodlcallB 2) eposm bancan TOTALEArnVO C) RAm E RllCON11 ) l) RelllaaM Totale CRCOlANTE RJaoonti allm TOTALE RATfl E RlScorm TOTALE OElL'ATVO (A+BofC) 1101tlO , , ,59 2,32" ,02 '2,O4238, , ,02 2S55598C!5 : 2004_ , , è8, , , , ,59 2, ;51 22t5110, , , ,34 268A ,39 (S U) U) : f o W '"ti (J) : rn f o ffl :;c " c: f '" (S U) ConO d'ordlne ) OPERE A REAU2'ZARE 2953, ,O 2282, ,00 E) BEN CONFERJTlN AZlEHE 8PECAU F) BENTEe T9TALEcdZ'm 'ONE 2953, , ,

7 A) PA1RUONlO NEtTO ) Netto palrlmonfale l) NsRda beni d8mnla TOTALEPA11UMONO NETfO B} OONF RlMEN11 ) conf6tfji18nucf&tre5ferlmeretj n clcapale l) C\:n(&rlmentl cf&gonobsslonj di ediftc8re C) EBm TOTALE CONFERPlENT ) CebRl di fi118nzjarnerl1o l) 1) per ftnsnzlmnen6 «bleya tbnnlns 2) per mutu18 presl1t1 3) perpj1lslll1 obbllllllzlonarl 4) per dablu pbll'lllsman, ebll dl f\lnzlonemento' 111) eblll per VA V) ebtiper enoc/p8z1onl dj"oasl8 V),ebt per 1Omm8 anlfc:lpete da lerzl V) ebtti vem: 1) mprese contrablb ) jlì1prlls colle"sts 3) err(lz1edespeo!u,lstiwzlonl) V) Alri debll1 TOTAlE ) RAn;1E RlSCONl1 ) Rsle passivi l) Rlsconll"paslM bebt 1 JMPORn parzal : '( J,, CONTO EL' PA TRMOO (PASSVO) CONSStENZA NrzALE ,159 VARAZONA CfNANZlARtO VARlAZNA AL1RECAU8E + CON81STENZA FNALE ,52 95G'9901 ' ,59 712B58, ,01 " :,, 542&11, ,84 & , , ,21 86, '922M :" CS! J) " f\j CS! CS! J CS! J) :: J) f C VJ "U (/) rn f C ffi A il 4 fl f8 i CSJ

8 tl ", CONTO EL PATRMONO (PASSVO) TOTALE RAtE E RBCOrm MPORti CONSB1ENZA VoARABONJ A VARAZONA CONSSTENZA PAR2lAU NZAlE CFNANl!ARO ALRE CAUSE FNALE TALE OBPASSVO (A+8c) ConU d'ordne, E) MPEONoPERE A ReAL2;ZARE F} CONFERt NAZENESPECfAU G)' BEN 1ERZ TOTALE CONn 'ORNE' 22t5110, ,2S , ," , " , , , ,00 cl W "U ffl a ffl A "!:i llega RappTBuntanla del/ente

9 COMUNnA' AMBTO "AREA PSANAu Ambito Territoriale Ottimale n 3 per la gestione dei rifiuti ViaAtrh;mede Bel/stana : località Ospedaletir! P5a RENCONTO ELLAGESTONE ESERCZO 2003 Prospetto di conci liazione

10 ,' o J", PROSPEno CONCilAZONE (ENTRATE) 'AcArlam R81:OaPSM RatelAfiM A1r8RdJf A Conto Economico FtnlUlZJ81 tnlllall FTnan nlzjall Rnsll 011R Rlr, C12E+3 di CoJnpeL (+), () ('i () RnaRlrlo CE Ef6Ef6E) C'tE) (le) (3EJ ('le} (E),lE) VE' Note A Conto del P8bfmcnl Rtf, GP AUivo Rf CoP, Paaatvo \)!S!S J!S \ A \ nlojo l EtnRA le 1RrBlJTARE ) Tmpciste (fll cali) 2)Taal8 ' (tillcali) 3} TlUiuU specleli (tll J cat 3) Totale ej1lnite llbutmle muro U r;j,",a'e ATRA&fERMEN t) de Sbllo (!il ltl1) Z)cJaregione (t, l cal 2) :5)d reg!l'iper lunzlonl de!egaht (tilll cet 3) 4) da OVcomunll8rt e nlamqcn (tit14 Cllt 4) 5) d e1f8110$otto pubbllco (tll",cat 5) Torate entnde da trasfej1m81'1u TltQlelll An'RA RTRAtRtBUTARE 1}Provenll tervlzpub&lrcl(titl c:al1) 2) Pioventi Gllllllonepelrfmon1a1e(tilltl cat 2) S) PravenU 1!n8nzauf(tt /l 0t 3) 'lntere1 _ "'"' &Ua8p811Jeco 8U C8pÌlaJe cortferi(o ed zande specla 8 plrteclpalb 4) proventi per ubcfabzlence spscrau l parlectpae, dlldd d GOCfetà(tlllllCi8l4) 8) Pravenll djvarsl (Tlt 111 cel5} Totllht enrrta ex1ratrtl1utajta TOTALEn: CORREN ,46 S32150,4t ,21; O,nO]l 11CKU52,2t 000 t t A1 A1 f, l 1 ' , ,45 (noiao : ,271 C18 131CJ3t, ,t3 2779,27 0,00 0,00 0,00:1,Cf7 A ,49 H 223f9, ,76 60,109,89,O' 1108,852,2i " d W "ti () ti) rn Ō Z m A " \ i \) tal

11 PROSPEno CONCUAZfONE (ENTRATE) ' Aacartam " FJnan2J&J di Complt (1E) luacontl PasaM blllfall Ftntlll (*) () (2E) (SE) RldelAtM lnlzta Flnlll f+) () (te) (5E) Alb rc&m A C8fEGaRomrc:o dllulullrl Rff (1E+2E+3 Pln82&Q!acE 4EE6E) (8E) (le) ACoRto del Palmonlo Rt CPA l' RfCP Puevo moto V f1ratr PER ALENA2ONE"BEN (nota 3) " PATRMOAL '1ABFMMlEN' or, çap'auasmbsnecreom E24 E t A l noia ,00 )A1cnll"ç! pa!rfmc(tillv cat 1) l) Trasferimenti di apllllle db1stato O o (t V ceu) J) T"!sferlmenU di cap!lalb da 1n (flllv çsu)' " 4) Tl'8sferim8n di capllslaefa lltrentl deleelfg, puhtlco (!L V 0t 4) 5) Traaf8Tlmen!idfcçltale da11 eougeul (t V:"cal 5) " Totale, hsferlmlll\l dicapftafe{2tgt<4&) 6) RisCos&lon8 di credjo (til V 1;8l8) Totale 8ntrate dalll8ftalonl tll beni palrfmonlall, t8f di cqj8l8cc A6 1: B B (nta4) VJ "'1J (J) J) m (J) O z m :;o " V enra'1e AACC=N810Nm PREBm 1) AnUclpBZlonldi ÀGM (tll V:, cet t) ) Anma1amanll a brwe termine (!ti VC 2) 3) Asaunz:Jnàdi muhd prestlll (6t V ast 3) CV C1 C2' 63 4) E!"lsllin8presÌfllobbllgszfcnert (tv çst 4), Tota1eentra1BaccrenatonopledO 39631,07, $011,01: ,00 (naia 6)

12 r JTALE GENRAlE ELL'SlRATA nsulslslena del pa$slvo SPf8W8T atfve ncrementr t Tmrnobl/lonl per lavgfl nbn,1 (COll! capllbtzz) Vailaztonl nèjte rlmblrze di proclolll Tn CQ1$O dllevoreonb te E22 E23 A7 A ,G f " naia 8 1l 81 +7E l '" tra le sl!\'arelllich8 d"1o 1l181ZarbvadB,ta rpla sdebjl, COjRBl neglacgelwjnbrd bnmrtrwtallj l''"e,, per llbivlli nrlg!pud'/q)11s8; r1111wbu8 daltfvaper faftureda e/llsft81e Vrlpodao 1181plrW del conto def plltjfmonb1 VQB"Oeblll l«,v,a"(c 11)C08tuendo un dabllo UBnOl'e a f'oq dblcredito li_ro, laido d'va: ) " quando Wne lm1jzma Lftaplusval8na (ad eumpro per ljjtpnwento 1U1ieRllJ18maggiore del valore nello lfaj0011dlll pll!rimonb), lwbre reefm), portato kjlj1enlnel conto _nomlco (E 24); quando n l'88l1at8 una mlnusvaenlj\!brb!8ljvo'porcllto'"crnmwona neto _co te aok ) quando vien Benato un b8nb va1cnrisultante del OOP d1 paldmonfo VBhJc8to rhdenzone: 181nc11c81t del tmefarflnen6 di capllsll da Stllro, reglilfl provjnb ulende 'pealall, plufaclpldlted aiu; )" pvv8a_1au r Onellionl di edlftcare, per la qub1fndznb a (alno 130% del vaon di 1E}; J "118bflc8flr la 80 dlllllllb crorhouorenada t8jz" CO8cornpatenz8 /!mnrfa; l11uldlninoddeltll (mjnorlmldulpssaluldlconto dal bmob); ' J dlljlllgmbrl Cfedl1 (magglod JMlcfuiRUM dal cordj) del b1anclo); ) i costi eep1aua COiu!J411 quil1lll ptt8 di oosfj (_tenui n', Bpaee n1i' net lt*, ra plduzloll8 in 1t:Oan!Jdi wjori da porre, dllf plrio di vta1a economico, s C8cG d pll_lz; eas/pl di costi csplldzz8l! ROno cos1tuj'i era lwanelonl s1aordnrfo elfellu8te da f!'8'8onaa dellll1t8, dda psodudn di1vtt8 dllloftwaf8 çpllcdivo; a _rclzfo 6 naanarto tll_nt qussla emllit conlsbillzzarf& nsl'11to paljlmclnllile; _le 81s18ml 811'arilrlol'1llm8Bto r CXMdtltea8l81118nno mpuf8tl agi el81'11111n cui la WJAp Vllnanno nta/lu:81e "t J) cl W "'t ::c " ",

13 ,, " ' PROSPElTO' CONCilAZONE (SPESE) ttoio BPE8E CORRENT ) PerllCn818 façqulsu di bllnrdl c:cnsurna eodl matelte prfme ) PnnstazJonl di selvili )U1tno di banl dllsrz,) TRl8ferirnenl! di cu: S e' provlnoe e dtt4 rna1rjpoll!ane _ comuni ed unioni di ccmunl _ comun"monlene aziende lj8cfaje pll1taclpale altri J}nters 1v'eci onfllftlrinzwt dlvere!' ') mpoafe sse _ ) Onel1 f1n:frwjds Hlona oorrente Tot&!e,ue GomanU mpegni Fnanzi'" di Com_ (18) 6222iS,2a ;: et91,82 : , Ct,O l' 165t1782, , ,311 ':' RtaconU PassM nlzl1 Rna'll (28) (S8) Ratal AfM nwall l' fllul Aftr8Rtf A Conto EoonomlCO dll/lllu!d RJf ( flnuzllrt! ce ) 1) (85) (78) {nelll1} B B B B1< E2B 52220,28, 8191, , , ,20 Nota At Canto dal PalrJmonlo Rtf CP Aftlvo Rt CoPPaaao 011 O,O ,151 f tal '1J (J) rn f Z m AJìḻ C f melo U SPESE N CONtO CAPTALE f) AaqLl1slzJonl di belli mmb1 di cui: 8) paclj'\8nt1 eaesulu b)lomme r!ma da paore 2) Eeproprl e cervltijonernse diec: C)pagamenll esogulll b) somme flmeete da pagb'8 S) Aoquilbdl benlepecltlcl pfi aljzz n economia dlc:ul: a) pgemenll eaegulll b) sommll'rlmasle da p8ger (nota 2)

14 , t' ' ìnhlllfl Finali ArCOnlO dal Patrimonio RfCPAttvO RtCP Passivo (1S) ': f1 ' (28)!1 (88) J!! ("5) N (58) (79) CS) t,() A t,(),) Ut;r;ZOdl beni di fea perf88/zz8e n economia di GL!: e) pl"amenuesegulll b) oome rlmasla'de $18"1118 o + (no!bs) W i) AequTsTzJone di beni mobn, mllcchlne ed all1ezzllh,1re di ou: tecnloocsglentmoho l) pagemenll elgulu b) e"rijrnitrimate dà pqa" \ ) ncaricl\l profe&slanall estern dlclul: 0, ,00 "ti(j) A"T a) pllmamen!l eu11l b) somme n)nalte da paglll'8 ') TraBf8r!mamti di cui: di CBP!!lJ1e a) pqamen lealtl b} 8!mellmas16 d8 pagare S)ParteclpazJn azonltl di cui: E + (na3) 8) pegllmarnleseguiti b) ommll 8_ d pagere i)conferlmenu cloaplta1e dlcut e) pllgamentlft b) sommerfmllb\eda pagare 10) Conoonlonl di c:ndl l antcfj>ulon1 dicul: ) pagamentieugulll b) somme rimaste dll page18 T8 pe n Goltfo CtapJk dlc\l: a) p8gllmenti es8gulli b) sommomaelg d8pagare A2 811 (nata 4) , ,00

15 ,, PROSPETTO r CONCLAZONE (SpeSe) " mpesnl FlnUtZlJt di Compet (15) : fu8gg PueM ' 'nldall, _ RnaB ;! (28) f (38) "'nrrill, A Cnto Economco "ut8 Rtf (t82ss Note F_larlo CE, fs45&te8) tll b' f58), (&9) (78) AConto de' Pa1rbnonlo RtfGPAffvo Rlf CP Pasahio (tolo 11 RMBORSÒ JPR8Tm ) Rlmbonso di an1lclpazlonldi cassa } RlmbotaO d filw1%481t18111ia 11J8Vt 18rmne } Rlmborwo cfrquota C8p1b11edi mulul pn/ ) Rlmbonso d pre_flli obbllgazlonad ) RrmborsO di quala cepttafe di deb!1f plurlennbj Tolllf rjmbo8 1btto V ÈR\Z di pn81su Ml:rm TOTALE GENERALE ua SPESA Variazioni nella rrmanenze d mb/me prime e/o di beni di caniumo Quo8 di 1mmoenll;) dej''eserelzlo Accantonamento per svalutazione crediti n8&u8c1sfena dell'lo 39974, B irlmanena finali 816 E27 '1:25 80Q8551 Alli4 (note8 lfmanen:18 'nlzillll (naia a) NOTe (t) Tra le Nlllt dat "10 llnanzlarlo va C<ln8ldenlt rv A e llredito, COl1PfB8t negli bpugnl /nnzt delltoo "Spa8 corme, per 8Nb rn ngbe d'lmpr88l1i rllnvnonbre da!flv per l'allura du rcevi18 o ftlglblnlte n c llperlllclne,"va" va dprbto ne'l'attivo dlllconfod' no ala \/ial"c pwlva (8 114),GOundo181c1to llemo rel'lljfo l rom del deblloaotllt8lolordo "VA perpae di ba2lon8men: (2) t'fmpalto corrfbpljocfen18 aj pagarnenllln C1to clp8e_ de'11!b l "'8pne rri conto C8p/18la"' va df'elb n eumento 118 spaclftce 'mmobolz:mzlone" dell'8ulvo, el1lllog8mllb1b va op o par luamenl1 n oonto A1duli (3) L'rmportoèorreponde da aomme lima da,, n oonto compelll del oro f"spese nnm capltllll": vale a dire CM tgeomnta d8 cansemln nel CO'o nzjm delle aomll8fnz8,el8llduo pllsllm, vamo nolfalllvo rfltlltln eulll8n1oal oand'onl!no "Opl811a redzze'" nel, horiferfre!li_lrbno 111canta d"cmllne"'mpejpll pltopllt8 d reelullre", l P 811 p"r JPMlt del1lbolgl, "Spese nconto caplla,, a canto rncul 88801d procldrt, V8Mrffd n dlmlnuztne nerelfllro /181pU8vo,uck1à816on d'ordne»; (4) L't1pc1ftOrmpep del'lnlomlnlo "conemlonl eored1 ed anticlpadonl' va rif_rltonwjntoé YlJaltdlf JtivAfll2 "Credlll verao parteglpsl8", _la CnB8/11118 di o ed anti;lpazloolligub uiendlt spec/d, confru lsteu"te; va dfarllo (nal'8n8n1o dlllwaes / de'8fhto"ced1lf'nllqllaji (5)Vandlosblaomlnll rtmbl1ftda pega BtanJ n hcoz8 ffnenziuti{ (8) l'en1mdamllnt d811'88er:1zb (1S) va portalo ed /hcemnt dl ndo c'81ommllnto 8 qlindi n cimnuzjon8 del conlapondenla Y81cmtdYlt1vo fa): (1) L'1mportolCOantqnaloptJr avllua2fone CRtdill,Ohanon pu6 eoaljrulralmpegno nel como del buanc/o, V "fa,,!o ne! conio d1 pa1jtnonb n dlmbaane all'llttivo lilia C "mmobu/anlllnanzlartg 111polEireumint 'aooonlonluj1ento per 'Fondo all8il1bzlane cllldltl' con _1i plbvafedel ReiJalamllntdi oonlw del/onte; crbloli d dubb s1gibu/tm' (8) Mnoricredi (riìo1 residui8tmdll ccjntdel blla:rjçjo) (S) UJ A UJ a w "'tj yj ffl ;O l c: _ lrclj)

16 COMUNrrA' AMBTO"AREAPSANA" Ambito Territoriale Ottima le n 3 per la gestione dei rifiuti ViaArchlmede Be/liJ/:;J1i1 LocaNtà Ospedaletto Pisa 'RENCONTO ELLAGESTONE ESERCZO 2003 Elenco dei residui attiv passivi per anno di provenienza

17 09/05/ :49 ATO 3 PSA GESTONE RFUT NUM891 (;130 'J <,S} H03oa4 J 1"3 R anm:nmi!>1'ra RBsmuo JWOnl wt MW'E w " Capitolo esc:i:!:lonc Am\o residuo mporto " w w COi"nUS1rf C:ORRET novlca 2050:100 O»''nl"SUTl C:O! nu <:mmt 200 7'7468,53 ')!Q;aJe 77 4E8 53 JJ 2002 B7Z214 3Q3Q400 tn''eulsel StJ AT::tCXiAZONt CRB)'U tmsi'brmrr A AZElllt CalitrEUUlC 111 RU''l fc>tle l Qkàle 24e,1g ,00 Totale 3000,00 _N wrnob c ,02 w

18 09/05/ :49 ATO 3 PSA GESTONERFUT NUM891 [;131 PSA 1903::1004 a 13 R R"' u yw " S'1!J\N:ZXAXN'UA RESUO PER ANNO US%:UO USC'lB w Capitolo!!le 1 tioae 1m1o residuo tmpoto _ M M w P1UCSn2Ol 9Bav1Z ;;: 2002 S,5el51 " Toa1e 16,68151 'w 10],0107 MPOS''EB TASSE OO 10i PERSOLE " Tot 101, ,49 Toale 6, pusrauotì n anvz " 3000 S_Gl1,3S ,35, _93:160 w oalè 100_975,65 t nOJ03 \ l \ MPOStEE '!:ASSE ,205, _31749 TQule 6,$2,56 nsn!::t01u :0% SERVZ ftjlsl1lmncbm'% U,24 \ TO;!18 3:159, Totale w_ 6_191, , $ 5'US'1'U!!: tlt srowrz AC(l!ntOW!lmn l'1obl )w:clu1(:li A'l"1'RBZBATU1E 1'SOilCOSCEft'XV:tc:m: ,25363 %OO 205e2,7G w 'rqtab ,38, J ,40, 'l'otale U n nn, 9$340 aftwts PREVENZUL E' MUEm:NZALY AL PRSOWJ,

19 TanLB GBERALB 5807,Q1 09/05/ :49 ATO 3 PSA GESTONERFUT? NUM891 (;132 '::9À J90)2004 J /3 S'rANZAMBNTJ Qmtm PER»O ti: UAmm USCn: w w C:apitolo e sc:rul ione 1111;1/;dc1uo!!nporto tc U'r PRBViillZAt JP) A$SXS'5JZAL AL PERS < ESB PER SSRVUt J'G COUTO TERZ '42 Toe 171' ,12 \ Totale M " _ w

20 PARERE REGOLARTA' TECNCA OGGETTO ELLAPROPOSTA ELBERAZONEELL'AC: Rendiconto della gestione esercizio 2003 Approvazione Ai sensi dell'art 49 del Lgs 267/2000 si esprime parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica sulla proposta di deliberazione di cui in oggetto PiSB, L RESPONSABLE EL SERVZO FNANZARO ;;' Upi Sa setti (t "",,:;; Q o,,' ':"J ),,) A1() :'; ), èa 9'"

21 09/05/ :49 ATO 3 PSA GESTONERFUT NUM COMUNTA' AMBTONuAREAPSANA" AmbitoTerritorialeOttimaleperla gestionedei rifiuti ( LRT18maggio1998n 25) L SEGRETARO ottfrancoborchi Firmatiall'originale: LVCEPRESENTE MaurizioSignorini " Cpiaconformeall'originaleincartaliberaperusoa! Plsa,n, 200' [:: ;:}VO le,:; "" 4:'0N3 o l sottoscrittoresponsabiledel Procedimentoattestachecopiadellapresentedeliberazione è statapubblicat all'albopretoriodel Comunedi Pìsain dataodiernae vi rimarràper 15 giomiconsecutiviai sensie per gli effettidell'art124,comma2q,del Lgs18 agosto 2000,n267, Pisalì, 28M6 2 La presentedelìberalioneè dichiaratammeatamente ESEGUBLE Pisa, l 2'7 2* p'::"" ' :''1 ResponstbiledelProcedimento A!',3 o ot\j1tra&1co Borchi " ;rt""'j:j '' l sottoscrittoresponsabiledel Procedimentoattestache la presentedeliberazione: è slatapubblicatall'albopretoriodelcomunedi Pisadalli MAG200' al e checontrodiessanonsonostatipresentati recliodopposizioni 1_2Jli Pisalì t 4 &U200' é::':t\lrespon$blle,;::j N3 otr "a "c:,t' ;;J '_t: èdivenutaesecutivailgiornot 8 &U200' peril decorsodi 10giornidalladatadi pubblicazione,ai sensidell'art 134,comma311,del Lgs 18 agosto2000, n 267 Pisa,lì, U200'

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. TRECESM MENSLT' RRETRT NNO RRETRT PER NN RECUPER PER RTR mporto Totale ECONOMC CORRENTE PRECEDENT SSENZE ECC. NZNT' N Mesi

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. ECONOMC NZNT' TRECESM MENSLT' RRETRT NNO CORRENTE RRETRT PER NN PRECEDENT RECUPER PER RTR SSENZE ECC. mporto Totale N Mesi

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla II I RELAZIONE TECNICA t relativa alla PROTEZIONE CONTRO I FULMINI di struttura adibita a Ufficio. sita nel comune di AF.EZZO (AR) PROPRIET A' AP{EZZO MULTISERVIZI SRL Valutazione del rischio dovuto al

Dettagli

ARCHITETTI JUNIOR PROVA PRATICA

ARCHITETTI JUNIOR PROVA PRATICA ARCHTETT JUNOR PROVA PRATCA TEMA 1 Stesura grafica di una planimetria catastale Avete ricevuto via fax, da un vostro cliente, la planimetria catastale allegata, riguardante una unità immobiliare residenziale.

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO, SCEGLI LA TUA BASE SCATENA LA TUA FANTASIA CONQUISTA TANTI NUOVI CLIENTI!

LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO, SCEGLI LA TUA BASE SCATENA LA TUA FANTASIA CONQUISTA TANTI NUOVI CLIENTI! Le ALL ITALIANA CREA LA TUA ALL ITALIANA Decidi di essere oriin le, cre tivo e diverso d i tuoi concorrenti : Cre le tue person lissime cup c kes ll it li n, LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO,

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

-r#s*ts*^ fk **rr?r--w. "-ì"* f &" '& Fr\COLTA' DI ECONOMIA. Cotrltre.ro rlerrorale. no 321.-,-,..''':...: rfo 4, -_- rjle'.' 0

-r#s*ts*^ fk **rr?r--w. -ì* f & '& Fr\COLTA' DI ECONOMIA. Cotrltre.ro rlerrorale. no 321.-,-,..''':...: rfo 4, -_- rjle'.' 0 -r#s*ts*^ "-ì"* f &" '& fk **rr?r--w UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FALERMO Fr\COLTA' DI ECONOMIA Cotrltre.ro rlerrorale Sulla base dei verbali redatti dalla (lornmissione del Seggio elettorale presieduta dalla

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ CIRCOLARE N. 21. MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 ID: 382320. Roma.

._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ CIRCOLARE N. 21. MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 ID: 382320. Roma. D: 382320 MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 CRCOLARE N. 21 Roma.._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ DPARTMENTO DELLA RAGONERA GENERALE DELLO STATO SPETTORATO GENERALE PER GL ORDNAMENT DEL PERSONALE UFFCO V

Dettagli

Z>,n zorrr Reg. Gen. IL CAPO AREA AA.GG

Z>,n zorrr Reg. Gen. IL CAPO AREA AA.GG Piazza Toselli n. 1-96010 Buccheri (SR) Tel. 0931880359 - Fax 0931880559 DETERMINA DEL CAPO AREA AFFARI GENERATI DETERMINAN,/UóDEL Z>,n zorrr Reg. Gen. Oggetto: Liquidazione fatîure a ll'associazio ne

Dettagli

ENTE: APOF-IL PROVINCIA: POTENZA ALTRI ALLEGATI

ENTE: APOF-IL PROVINCIA: POTENZA ALTRI ALLEGATI ALTRI ALLEGATI Anno 2014 Procedura realizzata da Publisys S.p.A. C.da Santa Loja - Tito (PZ) Pagina 2 di 15 CAPACITA' DI INDEBITAMENTO Anno 2014 Procedura realizzata da Publisys S.p.A. C.da Santa Loja

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

TAV. 393 - MOLT I PL I CATORE T 312. Polg

TAV. 393 - MOLT I PL I CATORE T 312. Polg TAV. 393 - MOLT I PL I CATORE T 312 Polg 'Tay. 393 11 97 I T 312 con pto passante Sax 1600-1800-2100 - Tex 2300-2700 - Nico Pos. Codice Denominazione 1 0.312.3001.00 albero passante 2 07.0.069 paraolio

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Settore finanziario

Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Settore finanziario Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Settore finanziario Rep. Part n.. ~H?ii".del!~:.~!i.:.

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

AGGIORNATO AL 28/07/2009

AGGIORNATO AL 28/07/2009 AGGIORNATO AL 28/07/2009 1 CHECK LIST CARTELLINO: da stampare 1 MP (in PluriMIX) A. Compilare la Descrizione in modo ordinato B. Definire se visualizzare o no nelle componenti C. Assegnare la categoria

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2013/37 del 30 dicembre 2013 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato: tariffa per gli anni 2012 e 2013 - applicazione

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren.

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren. Cari lettori Oggi della pulizia del nostro paese vi voglio parlare, che per come funziona, troppo cara ce la fanno pagare. Pe quanda solt co senec ne fasce pagà de rummat, Putignan er a iess nu paes, splendente

Dettagli

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE CITTÀ DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE n.ili: del 2 8 MRR. 2014 OGGETTO: Concessione di no 2 borse di studio intilolate alla memoria del dotto Mauri zio Vi

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE Sportello Unico Immigraione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE 38172&(175$/('(//$/(**(%266,),1,( &+(1(66812 675$1,(5262**,251,,1,7$/,$6(1=$815(*2/$5( &2175$772',/$9252('81$//2**,2$'(*8$72 '/JV1

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

Città di Ginosa C.A.P. 74013 - Provincia di Taranto - cod. ISTAT 073007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Città di Ginosa C.A.P. 74013 - Provincia di Taranto - cod. ISTAT 073007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Città di Ginosa C.A.P. 74013 - Provincia di Taranto - cod. ISTAT 073007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 95 Del reg. Data 28.4.2015 COPIA OGGETTO: Elezioni regionali del 31 maggio 2015

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE nno 213 Tipologia Istituzione U - UNIT' SNIT LCLI Istituzione 9565 - SL VNZI - MSTR 12 Contratto SSN - SRVIZI SNIT NZINL Fase/Stato Rilevazione: pprovazione/ttiva Data Creazione Stampa: 19/6/215 14:15:25

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE AREE COMPRESE NEI PIANI PER L EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE

REGOLAMENTO PER LE AREE COMPRESE NEI PIANI PER L EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE Comune di Rimini Area Gestione del Territorio Unità di Progetto Programma d Area ed Edilizia Residenziale Pubblica Via F. Rosaspina, 21-47900 Rimini tel. 0541704883-704896 - fax 0541704810 www.comune.rimini.it

Dettagli

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 MOD.COM/VIT COMUNE di VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 1 SEMESTRE (scrivere a macchina o in stampatello) 2 SEMESTRE 01 Denominazione del Villaggio Turistico

Dettagli

Verbale di Accordo. Addì 10 novembre 2010, in Parma presso la sede dellunione Parmense Industriali

Verbale di Accordo. Addì 10 novembre 2010, in Parma presso la sede dellunione Parmense Industriali Verbale di Accordo Addì 10 novembre 2010, in Parma presso la sede dellunione Parmense Industriali Tra Barilla Holding Socetà per Azoni, Barilla G. e R. Fratell Societ per Azoni (di seguito: Societ del

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

The Directed Closure Process in Hybrid Social-Information Networks

The Directed Closure Process in Hybrid Social-Information Networks The Directed Closure Process in Hybrid Social-Information Networks with an Analysis of Link Formation on Twitter Dario Nardi Seminario Sistemi Complessi 15 Aprile 2014 Dario Nardi (CAS) 15/4/14 1 / 20

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

TUBI PER UTILIZZI IN PRESSIONE - CORRELAZIONE TRA LE NORME

TUBI PER UTILIZZI IN PRESSIONE - CORRELAZIONE TRA LE NORME TUBI PER UTILIZZI IN PRESSIONE - CORRELAZIONE TRA LE NORME 10216 Parte 1 - TR2 Non 3059-1:87 Acciaio al Carbonio 3601:87 Acciaio al Carbonio 1629:84 1630 49-111:78 (p Usi Generali Temperatura Ambiente

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI 1. Quanti ml di NaOH 1,25 N debbono essere aggiunti ad 1 litro di NaOH 0,63 N per ottenere una soluzione 0,85 N? [550 ml] 2. Quali volumi 0,55 N e 0,098 N debbono essere

Dettagli

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov. Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.it Proposta n. 3560 del 03/08/2015 RIFERIMENTI CONTABILI Anno bilancio

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 8 LEGGE 3 luglio 2014, n. 99 Ratifica ed esecuzione dell'accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo degli Stati Uniti d'america sul rafforzamento della cooperazione nella

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15

PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15 PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15 adempimenti di inizio anno 15 lunedì C.di C. 3AG 13.30 14.15 programmazione - visite studio - varie solo docenti 15 lunedì C.di

Dettagli

C O M U N E.Di FO R M TA

C O M U N E.Di FO R M TA C O M U N E.Di FO R M TA P r o v in c ia di L a t in a SETTO RE : POLIZIA LOCALE E SERVIZI SOCIALI SERVIZIO : UFFICIO SCUOLA e d i r i t t o a l l o s t u d i o 1 2 FEB. 2015 N. 3 o D e t e r m in a z

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL PIEMONTE UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : CUNEO

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL PIEMONTE UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : CUNEO GRADUATORIA TITOLARI SU DOTAZIONE ORGANICA PROVINCIALE - SC. SEC. DI II GRADO PAG. 1 SI COMUNICANO, ORDINATI PER DATI ANAGRAFICI E DISTINTI PER CLASSE DI CONCORSO, I SEGUENTI DATI RELATIVI AI DOCENTI TITOLARI

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE OO E AZZATO PECSONE raddrzzar ( refcar) sn crcu mpega per la rasfrmazne d segnal bdreznal n segnal undreznal. Usand, però, dd per raddrzzare segnal, s avrà l svanagg d nn per raddrzzare segnal la cu ampezza

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

V _ TAS. C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2 0 04

V _ TAS. C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2 0 04 V _ TAS G e s t i o n e e co n t ro l l o d e l l a p ro g e tta z i o n e C o n f o rm e a l i a N o rm a U N I E N I S O 9 0 0 t ; 2 0 0 8 C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2

Dettagli

VERBALEDror"**"xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN

VERBALEDror**xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN COMUNE DI MAGLIANO VETERE. 84050 MAGLIANO VETERE (SA) C.so Umberro t @ 0974/s92A32 _992076 COPIA VERBALEDror"**"xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN OGGETTO: Approvazione Progetto esecutivo di efficientamento energetico

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. Paciucci E. Ragno Servizio sicurezza e protezione - CNR

REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. Paciucci E. Ragno Servizio sicurezza e protezione - CNR REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. P E. R Svz szz pz - CNR L f sh s s mp pph ; p è pps pm pssbà p sss è ss vs, s s mp mq sz, ; s (, svh.) pss ss s z. I sh ss s spsv è sfvm fz m pph s p:

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

Allegato 'l. (denominazione sede d6lla scuola)

Allegato 'l. (denominazione sede d6lla scuola) Allegato 'l (denominazione sede d6lla scuola) 1ll veabale deve essere redatlo in UNICO originale, che dovra ess rc depos ato paesso la segreteria dell'istituzbne scolastica. Una copia detto stesso, tramite

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 7 Continuiamo ad acquisire gli strumenti che ci permetteranno di studiare la scelta ottimale dell impresa. In questo capitolo vengono trattati i costi dell impresa. Usando la funzione di produzione

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Esercizio 1 Il 24 10 Ne (T 1/2 =3.38 min) decade β - in 24 11 Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Mg. Dire quali livelli sono raggiungibili dal decadimento beta e indicare lo schema di

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI \ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOL AMENTO EDI L I ZI O E RI CHI AMO AL L E DI SPOSI ZI ONI DI L EGGE E REGOL AMENTI - TITOLO SECONDO - DISCIPLINA DEGLI

Dettagli

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1.

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1. *** *,. * *** La tua Campania cresce in Europa Via De Turris n.16 "Palazzo S. Anna" Te/. 081 3900565 fax 081 3900592 e-mail: urbanistica@comune.castellanunare-di-stabia.napoli.it pec: urbanistica.stabia@asmepec.it

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

COMUNE DI P E:SCARA. Numero 646 Del 08/08/2013. Generale Avv. Langiu Antonello

COMUNE DI P E:SCARA. Numero 646 Del 08/08/2013. Generale Avv. Langiu Antonello ~.~ COMUNE DI P E:SCARA C.ITTA' DI Mli!d "gli.d'oro P'ESCARA.ill Merfl:o C iiiile COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 646 Del 08/08/2013 Oggetto: REVOCA DELIBERAZIONE G~C. N.638

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PO 7. 3 G estione del progetto Formativo C o p i a n C o n s e g n a t a / u p lo a d A : C N C q

PROCEDURA OPERATIVA PO 7. 3 G estione del progetto Formativo C o p i a n C o n s e g n a t a / u p lo a d A : C N C q Pag. 1/7 Indice 1.Scopo e campo di applicazione... 2 2.Responsabilità... 2 3. Modalità operative... 2 3.1 Pianificazione della progettazione e dello sviluppo... 2 3.2 Elementi in ingresso alla progettazione

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI 6 Settore: Tutela Ambientale Servizio Proponente:Servizi per l'ambiente Responsabile del Procedimento:G.Laudicina Responsabile del Settore: R.Quatrosi DETERMINAZIONE

Dettagli

LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l.

LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l. LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l. t " : SULUPPO PER VIA GRAFICA n mpionamento del segnale analogico x(t) produce una sequenza xsgts) il cui spettro nel dominio della frequ enza è periodico, sicché

Dettagli

Tabella riassuntiva ai sensi dell Art.1, comma 32 della Legge 06/11/2012 n. 190. -Gruppo Talarico S.R.L. -P.I.02610230795 Soveria Mannelli (CZ)

Tabella riassuntiva ai sensi dell Art.1, comma 32 della Legge 06/11/2012 n. 190. -Gruppo Talarico S.R.L. -P.I.02610230795 Soveria Mannelli (CZ) Legione Carabinieri Servizio Amministrativo Via G.Marafioti,19 88100 Catanzaro C.F. 80002040790 C.NO 091/713000 e-mail tcz34277@pec.carabinieri.it Tabella riassuntiva ai sensi dell Art.1, comma 32 della

Dettagli

MapeWrap Resilient System

MapeWrap Resilient System C.P. MK707910 (I) 12/13 INNOVATIVO SISTEMA DI PROTEZIONE PASSIVA DEGLI EDIFICI NEI CONFRONTI DELLE AZIONI SISMICHE L unione delle tecnologie Mapei per la protezione in caso di sisma Applicazione di un

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli