PARERE DELL'ORGANO DI REVISIONE CONTO DI BILANCIO 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARERE DELL'ORGANO DI REVISIONE CONTO DI BILANCIO 2012"

Transcript

1 COMUNE DI PIEDIMONTE ETNEO Provincia di Catania COMUNE fmw<*<' PARERE DELL'ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI CONTO DI BILANCIO E DOCUMENTI ALLEGATI L'ORGANO DI REVISIONE pag. 1

2 Comune di Piedimonte Etneo RELAZIONE SUL RENDICONTO fi Revisore Unico dei Conti Premesso che in data ha: - esaminato io schema di rendiconto dell'esercizio finanziario, unitamente agii allegati di legge,.e la proposta dì deliberazione consiliare del rendiconto deila gestione ; - rilevato che nel suo operato si è uniformato allo statuto ed al regolamento di contabilità; - visto il D.Lgs. 18 agosto 200Q, n. 267 «Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali»; - visto il D.P.R. 31 gennaio 1996, n. 194; visti i principi contabili per gli enti locali emanati da!l'osservatorio per ia finanza e contabilità degli enti locali; Delibera dì approvare l'allegata relazione sulla proposta di deliberazione consiliare del rendiconto della gestione e sulla schema di rendiconto per l'esercizio finanziario del Comune dì Piedimonte Etneo che forma parte integrante e sostanziale de! presente verbale. Il 09/07/2013 j! Revisore Unico, Doti Sgroi Concetto pag. 1

3 if // sottoscritto Sgroi Concetto, revisore unico-, - ricevuta in data 04, la proposta di delibera consiliare e lo schema de'l rendiconto per l'esercìzio, approvati con delibera della giunta comunale n. 75 del 04, , completi di: a) conto dei bilancio; b) conto economico; e) conto del patrimonio; e corredati dai seguenti allegati: relazione dell'organo esecutivo ai rendiconto della gestione; elenco dei resìdui attivi e passivi distinti per anno di provenienza; delibera dell'organo consiliare riguardante ia ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi e dei progetti e di verifica della salvaguardia degli equilibri di bilancio ai sensi dell'ari 193 del T.U.E.L ; conto del tesoriere; la tabella dei parametri di riscontro delia situazione di deficitarietà strutturale (D.M. 18/02/2013.G.U-55 dei 6/3/2013); schede inventario: il prospetto di conciliazione; visto il bilancio di previsione dell'esercizio con le relative delibere di variazione e if rendiconto dell'esercizio 2011; viste le disposizioni del titolo ivdel T.U.E.L ; vistoi!d.p,r. a 194/96; visto l'articolo 239, comma 1 lettera d) del T.U.E.L ; visto il regolamento di contabilità; visti i princìpi contabili per gii enti locali approvati dall'osservatorio per la finanza e contabilità degli enti locali; DATO ATTO CHE - l'ente, avvalendosi della facoltà di cui all'ari 232 dei T.U.E.L., nell'anno ha adottato i! seguente sistema di contabilità: - sistema contabile semplificato ~ con tenuta delia so/a contabilità finanziaria ed utilizzo dei conto del bilancio per costruire a fine esercizio, attraverso la conciliazione dei valori e rilevazioni integrative, il conto economico ed il conto de! patrimonio; - il rendiconto è.stato compilato secondo i principi contabili degli enti locali; TENUTO CONTO CHE - durante l'esercizio le funzioni sono state svolte in ottemperanza alle competenze contenute nell'ari 239 del T.U.E.L avvalendosi per if controllo di regolarità amministrativa e contabile di tecniche motivate di campionamento; - che il controllo contabile è stato svolto in assoluta indipendenza soggettiva ed oggettiva nei confronti delle persone che determinano gli atti e le operazioni dell'ente; RIPORTA risultati dell'analisi e le attestazioni sul rendiconto per l'esercìzio. pag, 2

4 CONTO DEL BILANCIO Verìfiche preliminari L'organo di revisione, sulla base di tecniche motivate di campionamento, ha verificato: - la regolarità delle procedure per la contabilizzazione delle spese e delle entrate in conformità alle disposizioni dì legge e regolamentari; - la corrispondenza tra i dati riportati nei conto del bilancio con quelli risultanti dalle scritture contabili; - il rispetto del principio della competenza finanziaria nella rilevazione degli accertamenti e degli impegni; - la corretta rappresentazione del conto del bilancio nei riepiloghi e nei risultati dì cassa e di competenza finanziaria; - la corrispondenza tra le entrate a destinazione specifica e gii impegni dì spesa assunti in base alle relative disposizioni di legge; - l'equivalenza tra gli accertamenti di entrata e gli impegni di spesa dei capitoli relativi ai" servizi per conto terzi; - che l'ente ha provveduto alla verifica degli obiettivi e degli equilibri finanziari ai sensi dell'ari 193 del T.U.E.L in data con delìbera CC n. 67; - l'adempimento degli obblighi fiscali relativi a; IVA, I.R.A.P,, sostituti d'imposta; - che si è provveduto ad effettuare i!riaccertamentodei residui. Gestione Finanziaria L'organo di revisione, in riferimento alla gestione finanziaria, rileva e attesta che: - risultano emessi n. _1872_ reversali e n, _2Q13_ mandati; - i mandati di pagamento risultano emessi in forza dì provvedimenti esecutivi e sono regolarmente estinti; - gli utilizzi, in termini di cassa, di entrate aventi specifica destinazione per il finanziamento di spese correnti sono stati effettuati nei rispetto di quanto previsto dall'articolo 195 del T.U.E.L. e al ; - il ricorso all'indebitamento è stato effettuato nel rispetto dell'ari. 119 della Costituzione e degli articoli 203 e 204 dèi d.lgs 267/00, rispettando i limiti di cui a! primo de! citato articolo 204; - I pagamenti e le riscossioni, sia in conto competenza che In conto resìdui, coincidono con il conto del tesoriere dell'ente, Credito Siciliano Agenzia di Acireale, reso nei termini previsti dalla legge, e si compendiano nel seguente riepilogo: pag.3

5 a) Saldo dì cassa Risultati della gestione Jl saido di cassa ai 31/12/ risulta cosi determinato: In conto RESIDUI COMPETENZA Fondo dicassaa! 1 gennaio Riscossioni , ,07 Pagamenti 1.777,839, , ,07 Fondo dì cassa al 31 dicembre Pagamenti per azioni esecutive non regolarizzate al 31 dicembre Differenza La situazione di cassa dell'ente al 31,12 degii ultimi tre esercizi, evidenziando l'eventuale presenza di anticipazioni di cassa rimaste inestinte alla medesima data dei di ciascun anno, è la seguente: Anno 2010 ; Anno 2011 Anno Disponibilità ,21 1, , ,54 Anticipazioni 3,417, , ,93 bt Risultato delia gestione di competenza!! risultato della gestione di competenza presenta un disavanzo di Euro ,26 come risulta dai seguenti elementi: Accertamenti (+) Impegni (-} avanzo (disavanzo) di competenza ' ,62 8, , ,26 così dettagliati: RiiìQOSv'*?"' Pagamenti Differenza (+) B M e , , ,75 Resìdui attivi Residui passi vi Differenza (+) (-) /B; , , ,01 avanzo (dìsa va nzo) d i competenza [A] -[8] ,28 pag. 4

6 La suddivisione tra gestione corrente ed in c/capìtale del risultato di gestione di competenza 2013 ntegrata con la quota di avanzo dell'esercizio precedente applicata al bilancio, è la seguente; Gestione di competenza corrente Entrate correnti Spese correnti??$& J??r.rlfT.^?J'?0. prestiti Differenza Entrate dei titolo IV destinate al titolo I della spesa Avanzo applicato al tìtolo I della spesa i*s*?!!^0ssss5ft! Per<jebitì fuori bilancio correnti Ent rate correnti destinate al titolo.ii della spesa Tota le gestione corrente f * / + 4. *. V ,566, , , , , ,99 - « ,79.. Gestione di competenza e/capitale Entrate titoli IV ev destinate ad investimenti JAwanzo applicato aititelo il delia spesa jentrate desinate al titolo i della spesa i Ssese titolo if gestione e/capitale + -f +/- f 418,233,30 14,249, ,52 358,415,84 _ j Sa/do gestione corrente e c/capìtale V- 62,976,79 E' stata verificata l'esatta corrispondenza tra le entrate a destinazione specifica o vincolata e le relative spese impegnate in conformità alle disposizioni di legge come si desume dal seguente prospetto; Per funzioni delegate dalia Regione 2.03,0340 Per fondi comunitari ed internazionali [Per contributi in e/capitale dalla Regione [per contributi in e/capitale dalla Provincia Per contribuii straordinarì Per rnan etìzzaz ione aree standard Per proventi alienazione alloggi e.r.p. I Per entrata da escavazione e cave per recupero ambientale Per sanzioni amministrative pubblicità Per imposta pubblicità sugli ascensori Per canone depurazione acque Per sanzioni amministrative codice della strada Per contributi in conto capitale Per contributi e/impianti Per mutui.,,, - _j. Entraie accertate : «1 * 7.724,37, ,36 ~.. - " , ,51 - i 1 " '. i Spose impegnate "~ "~ ' 7.724, ' " , ,00 ~ -- m riferimento alla corrispondenza tra le entrate accertate e le spese impegnate, pari a! 50% del i "accertamento, relative alle sanzioni amministrative al codice della strada si evidenzia quanto segue: somma accertata nel ,51 somma impegnata a specìfica destinazione nel ,00 t'a differenza di 1.143,25 per insufficiente disponibilità sullo stanziamento nel codice di bilancio in uscita, viene compresa nell'avanzo di amministrazione vincolato da applicare al bilancio di previsione.0 1 J: pag. 5

7 cì Risultato di amministrazione II risultato d'amministrazione dell'esercizio, presenta un avanzo di Euro ,96 come risulta da; seguenti elementi: In conto RESIDUI [ COMPETENZA Fondo di cassaal 1 gennaio JRJSCOSSiONl , ,610,53 ^PAGAMENTI f ,839, ,045,78 Fondo di cassa al 31 dicambre PAGAMENTI per azioni esecutive non regolarizzate al 31 dicembre Differenza RESIDUI ATTIVI , ,09 RESIDUI PASSIVI , ,10 Differenza Avanzo (+)o Disavanzo di Amministrazione (-) al 31 dicembre Tota te ,07 7, , ,843,2? 5809,149, , ,96 Suddivisione dell'avanzo (disavanzo) di amministrazione complessivo Fondi vincolati Fondi per finanziamento spese m conto Moliate Fondi di ammortamento Fondi non vincolati avanzo/disavanzo ,50 0,00 0, , ,96 d) Conciliazione dei risultati finanziari La conciliazione tra i! risultato della gestione di competenza e lì risultato di amministrazione scaturisce dai seguenti elementi: Gestione dì competenza I Avanzo diamministrazioneutitizzato j accertamenti di competenza [ impegni di competenza [SALDO GESTIONE COMPETENZA Gestione dei residui Maggiori residui attivi riaccertati Minori residui attivi riaccertati Minori residui passivi riaccertati SALDO GESTIONE RESIDUI , + « , , ,26 35,221,54 135B , ,90 SALDO GESTIONE COMPETENZA SALDOGESTiONE RESIDUI AVANZO ESERCÌZI PRECEDENTI , , ,32 AVANZO (DISAVANZO) DI AMMINISTRAZIONE AL 31.12, ,96 pag.6

8 Il risultato di amministrazione negli ultimi tre esercizi è stato ii seguente: l ror:à; vincolati --"d: per finanziamento spese in c/capìtale -crd a; amrnortarnneto -c,"a: non vincolati TOTALE ,66 239,402,46 'f'" , , ,32 e" f ,50! i ,46 I 249, j Analisi del conto del bilancio a} Confronto tra previsioni iniziali e rendiconto Entrate Previsione hiziaìe Rendiconto Differenza Scostan ~ro/o / Entrate tributarie T,.'a'o // Trasferimenti Tifato HI Entrate extratributarie Titolo IV Entrate datrasf. cfcapitale Titolo V Entrate da prestiti Tìtolo Vi Entrate da servizi per conto terzi Avanzo di amministrazione applicato i , ,186, , ,36 3, ,00 885,493, , , , , , , , ,05 ' , , , , , ,40-9% -r% -27% -11% -17% -30% 9, , ,67-1, ,35 13% Spese Previsione hiàsle Rendiconto Differenza Scosfam \~:to!o i Titolo il Titolo HI Titolo IV Spese correnti i,: :, 'Spese in conto capitale Rimborso dr prestiti Spese per servizi per conto terzi , , , , , , , , , , , ,67-267,879, ,14-8% -11% -16% -30% -Ì3% pag. 7

9 2010 Entrate correnti Entrate 1.088,054,25 ^6 2^93^50,^ ,27 &.*Jt8$8&83jà& 2, , , ,320,49 4,740,766, ,54 _ : ,10 3,j 1, , , ,26 Avanzo di amministrazione applicato (S) , , ,05 Satdo <A)+/-

10 Analisi delle principali poste a) Entrate Tributarie Le entrate tributarie accertate nell'anno, presentano i seguenti scostamenti rispetto alla previsioni iniziai! ed a quelle accertate nell'anno 2011 : Rendiconto 2011 Previsioni iniziali Rendiconto Differenza Categorìa I ~ Imposte i. C i , , , ,46 ì C. I perliquìd.acceitannì pregessi Addizionale IRES Addizionale sul consumo di energia elettrica 'E1 ** ,22 22,054,78; ,78 e Compartecipazione ÌRES e!tìpcsiasu!ia pubblicìà 3.666,46 17,260,80 3,079,79 14,181,01 A «te imposte categoria , , , ,275, , , ,29 Categoria II- Tasse Tassa riiiuii solidi urbani TOSAR Tesse per liquidv accertamento anni Contributo per permesso di costruire Aìre tasse categoria II " IIII^^MIII mii.^^^^^^ [ [ [ ^ ^M g^jggabbbhhhh^^miii^hiii.,« Categoria III- Tributi speciali Diritti sulle pubbliche affissioni Aln tributi prò pri Ccmpartecpazionead imposte erariali rote/e categorìa Hi =s=^s^^fih5sssekis3bswiuéiéuéimmmi^^> ; rota/e entrate tributarie , ,83 e 581,739,29 HHBMHHVlMHMMMHBBBPI MMMMMMHMMHBMHIB 3.318,15 e 3.318, ,054,25 770',523, ,69 f , , , , ,27 ' , ,06 i. 821, ,52 63,172, , , , ,85

11 b Imposta comunale sugli Immobili il gettito dell'imposta, come risulta dagli atti, è così riassunto: Aliquota abitazione principale Aliquota alti fabbricati Aliquota terreni agricoli Alìquota aree edificatili c) Tassa per la raccolta dei rifiuti solidi urbani (T.A.R.S.U.) in riferimento alla raccolta dei rifiuti solidi urbani si osserva che il servìzio è stato trasferito ail'ato CT1 Joniambiente S.p.a. in Liquidazione di Gìarre d) Contributi per permesso di costruire Gli accertamenti negli ultimi tre esercizi, al netto dell'incremento 10% su condono a favore dei responsabili del procedimento, hanno subito la seguente evoluzione Accertamento ,80 Accertamento ,25 Accertamento ,74 La destinazione percentuale del contributo al finanziamento della spesa corrente è stata la seguente: - anno ,00% - anno 2011-,..75,00% - anno.,,.57,27% Si rileva che la posta relativa ai contributi per permesso di costruire è stata inserita in bilancio al titolo IV Categoria 5. e) Trasferimenti dallo Stato e da altri Enti L'accertamento delle entrate per trasferimenti presenta il seguente andamento: ? 1 P...,, Contributi e trasferimenti correnti dello Stato , , ,21 Contributi e trasferimenti correnti della Regione , , ,72 Contributi e trasferimenti della Regione perfunz, Delegate Contr. e trasf, da parte dì org, Comun ilari e internarli ,50 81,032, ,37 Contr. e trasf. correnti da altri enti de! settore pubblico , , ,50 Tota/e , ,18 2, ,80 pag, 10

12 f) Entrate Extratributarie La entrate extratributarie accertate nell'anno, presentano i seguenti scostamenti rispetto alla previsioni iniziali ed a quelle accertate nell'anno 2011: ftendiconta 201 ; Previsioni iniziali Rendiconto Differenza Servizi pubblici , , ,12 """" '" ' i * in ,28 Proventi dei bent dell'ente interessi su anticip.ni e credi!) Utili netti delle aziende , , , , ,57 5,906,65 9,881,53 372,72 Proventi diversi , , , ,02 entrate extratributarie ,11 640,434, , ,51 g) Proventi dei servizi pubblici Si attesta che l'ente non essendo in dissesto finanziario, ne strutturalmente deficitario in quanto non supera oltre la metà dei parametri obiettivi definiti dai decreto de! Ministero dell'interno del 18 febbraio 2013, ed avendo presentato il certificato del rendiconto 2011 entro i termini di legge, non ha l'obbligo di assicurare la copertura minima dei costi dei servizi a domanda individuale, acquedotto e smaltimento rifiuti. Si riporta di seguito un dettaglio dei proventi e dei costi dei servizi indispensabili dall'ente Servizi indispensabili Proventi Costì Saldo % di copertura realizzata Acquedotto ,37 fognatura e depurazione j 45,343,16 Nettezza urbana , , , , , % 100% 93% h) Sanzioni amministrative pecuniarie per violazione codice della strada (art 208 d.igs. 285/92) Le somme accertate negli.ultimi tre esercizi hanno subito fa seguente evoluzione: Accertamento 2010 Accertamento 2011 Accertamento 17,858,41 25,704,51 pag, 11

13 La parte vincolata del finanziamento (50%) risulta destinata come segue: Rendiconto 2010 Rendiconto Rendiconto. Spesa Corrente 67,112, , ,00 Spesa per investimenti In riferimento alla corrispondenza tra le entrate accertate e le spese impegnate, pari al 50% deiì'accertamento, relative alle sanzioni amministrative al codice della strada si evidenzia quanto segue: somma accertata nel ,51 somma impegnata a specifica destinazione.nel ,00 fa differenza di 1.143,25 per insufficiente disponibilità sullo stanziamento nel codice di bilancio in uscita, viene compresa nell'avanzo di amministrazione vincolato da applicare al bilancio di previsione m) Proventi dei beni dell'ente Le entrate accertate nell'anno sono variate rispetto a quelle dell'esercìzio 2011 per i seguenti motivi: mancato introito per nolo automezzi, stipula contratto Ericson e contratto locazione radio Wind canone anticipato. L'organo di revisione prescrive all'amministrazione di attivare tempestivamente le azioni di recupero dell'evasione fiscale su tutte le imposte e tasse locali e di attivare le azioni di recupero dei proventi dei beni dell'ente. n) Spese correnti La comparazione delle spese correnti, riclassìficate per intervento, impegnate negli ultimi quattro esercìzi evidenzia: Classificazione delle spese correnti per intervento Personale 02 - Acqueto di beni di consumo e/o dì materie prime , ,92 2, , , , , Prestazioni di servizi 04 - Utilizzo di beni di teiz* 05 - Trasferimenti 05 - Interessi passivi e oneri fai anziari diversi 07 - Imposte e tasse 08 - Oneri straordinari delia gestbne corrente , , , X 147,178,61 100,125, ,75 845'. 145, , ,61 158,963, , , , , , , , ,07 spese correnti 4,623548, ,010, ,960,54 pag. 12

14 o) Spese per il personale Nei corso dei sono intervenute fé seguenti variazioni del personale in servizio: catorirelativiìl perdonalo ^Dipendenti (rapportati ad anno) 'Costo del personale , , ,83 p) interessi passivi e oneri finanziari diversi La spese per interessi passivi sui prestiti, r> ammortamento nell'anno, e su oneri finanziari diversi ammonta ad Euro ,59 in rapporto alle entrate accertate nei primi tre titoli l'incidenza degli interessi passivi è del 3,52'%. q) Spese in conto capitale Dall'analisi delle spese in conto capitale di competenza sì rileva quanto segue: Previsioni Iniziali Previsioni Definitive Somme impegnate Scostamento fra previsioni definitive! e som/ne impegnate in cifre , , , ,48 Tali spese sono state cosi finanziate: Mezzi proprì: - avanzo d'amministrazione - avanzo del bilancio corrente - alienazione di beni - altre risorse , , ,48 Mezzi dì terzi: - mutui - prestiti obbìigazionarì - contributi comunitari - contributi statali - contributi regionali - contributi dì altri - altri mezzi di terzi , ,36^ 258,938,36 risorse ,84 mpieghi al tìtolo I! della spesa pag. 13

15 r) Servizi per conto terzi L'andamento delle entrate e delle spese dei Servizi conto terzi è stato il seguente: SERVIZf CONTO TERZI Ritenute previdenziali al personale Ritenute erariali Altre ritenute al personale e/terzi Depositi cauzionali Altre per servizi conto terzi Fondi per N Servìzio economato Depositi per spese contrattuali ENTRATA" ~~ SPESA ~ [ 2011 I ,11 I ,41 I 204, , , j ,11 229,10 63,978, ,00 740,00 0, ,87 JO,QOO.OO 532, ,02 109,499,37 229, , ,00 740, , ,01 _^yojoi,ri_ 0, ,87 10,000,00 532,91 s) Indebitamento L'Ente ha rispettato il limite di indebitamento disposto dall'ari 204 del T.U.E.L ottenendo le seguenti percentuali d'incidenza degli interessi passivi al 31.12, per ciascuno degli anni 2010, 2011 e sulle entrate correnti: ,99% 2011 i ; 2,98% 3,07% Gli oneri finanziari per ammortamento prestiti ed if rimborso degli stessi in conto capitale registra fa seguente evoluzione: Anno Oneri finanziari Quota capitale ,939, , ,878, , , ,86 fine anno , ,45 Analisi della gestione dei residui L'organo di revisione ha verificato il rispetto dei principi e dei criteri di determinazione dei residui attivi e passivi disposti dagli articoli 179,182,189 e 190 del T.U.E.L.. I residui attivi e.passivi esistenti al primo gennaio sono stati correttamente ripresi dar rendiconto dell'esercizio L'ente ha provveduto ai riaccertamento dei residui aitivi e passivi al come previsto dall'alt 228 del T.U.E.L dando adeguata motivazione. pag-14

16 I risultati dì tale verifica sono i seguenti; Residui attivi Gestion e Corrente Tlt.!. li. (M C/capitale Tit. IV, V Servizi e/terzi Ti!. V! Resìdui iniziali , , Residui riscossi 1.043,275, , ,87 Residui da riportare 2.562, , ,09 residui accertati , , Residui stornati ,18 381, , ,86 1, ,54 3, , , Residui passivi Gestione Corrente Tit.I C/capitale TiL II Rimb. prestithti.ill Servizi e/terzi Tii, IV Resìdui iniziali , , , ,51 Residui pagati , , , ,30 Residui da riportare , , ,40 resìdui Ingegnati , , ,70 Residui stornati , , , , , , , ,04 Risultato complessivo della gestione residui Maggiori residui attivi Minori residui attivi Minori residui passivi SALDO GESTIONE RESIDUI , , , ,90 pag. 15

17 Analisi "anzianità" dei resìdui ( in migliaia di euro) RESIDUI Esercizi preced enti ATTIVI Tìtolo 1 161,165, , , , , , ,027,30 Titolo ,53 17,66 23,455, ,03 66,645, , ,26 Titolo il II , , ,77 529,555,93 368,588, ,56 TìiolQlV , ,90 72, , Titolo V 298,927,56 X. 161,55 158,876, ,03 Tìtolo VI 189,952, , , ,00 15,137, , , , , ,87 1, ,73 ZI , ,27 Titolo I , , ,95 120,879, , ,45 2.t Titolo 11 1, ,22 70,701,71 144,207, , , , ,41 Tìtolo lili: , ,82 526,451, ,642,46 TitotoìV 37,644, ,522, ,434,01 62,820, , , , , ,35 63a099, ,10 5, ,31 Nel conto dei bilancio dell'anno risultano: - residui attivi di parte corrente anteriori all'anno 2008 per ,54; - residui attivi de! titolo IV anteriori all'anno 2008 per ,58. In ordine alla esigibilità di tali residui l'organo dì revisione ribadisce in ordine alla prescrizione : un attento e circostanziato monitoraggio delle circostanze da cui scaturiscono i crediti al fine di evitare la prescrizione ed il conseguente danno erariale; di attivare, tempestivamente, tutte le azioni necessarie ai recupero dei crediti vantati. Analisi e valutazione dei debiti fuori bilancio Si prende atto che nel corso del sono stati riconosciuti da! Consiglio Comunale debiti fuori biìàncio per un importo totale pari ad 182,400,48 con le sotto elencate delibere: - delibera CC n. 53 de! ; - delìbera CC n, 54 de! ; - delibera CC n. 55 dei ; delibera CC n, 56 del ; - delibera CC n, 57 del 29.12,; - delibera CC n. 58 del ; - delìbera CC n, 59 del 29,12.; - delibera CC n. 60 del ; - delibera CC n, 61 del pag, 18

18 Si riportano le risultanze relative alla richiesta di attestazioni dì d.f.b. ai Settore Tecnico Comunale: Insussistenza d.f.b.; Settore Polizìa Municipale: nota 406 prot. UUW del e nota 801 prot UUW del 5,7, ,47 per servizi; Settore Affari Generali: nota n 9040 del ,76 per spese legali; Settore Finanziario Contabile : Insussistenza d.f.b.. Lo scrivente prescrive all'amministrazione di valutare con estrema attenzione la sopra riportata situazione, invitandola a completare l'istruttoria delle pratiche per addivenire al formale riconoscimento in Consiglio Comunale. Per le refluenze che i debiti fuori bilancio determinano sugli equilibri dì bilancio, si raccomanda un costante monitoraggio di tutte quelle situazioni di passivila potenziali che rischiano dì sfociare in debiti fuori bilancio. PROSPETTO DI CONCILIAZIONE Nel prospetto di conciiiazione sono assunti gli accertamenti e gli impegni finanziari risultanti dal conto dei bilancio e sono rilevate le rettifiche e le integrazioni ai fine dì calcolare i valori economici e patrìmonìaìi. Al fine della rilevazione dei componenti economici positivi, gli accertamenti finanziari dì competenza sono stati rettificati, come indicato dall'articolo 229 del T.U.E.L., rilevando i seguenti elementi: a) i risconti passivi e i ratei attivi; b) i costi capitalizzati costituiti dai costi sostenuti1 per ìa produzione in.economia di valori da porre, dai punto di vista economico, a carico di diversi esercizi; e) le quote di ricavi già inserite nei risconti passivi di anni precedenti; Anche gli impegni finanziari di competenza, al fine della rilevazione dei componenti economici negativi, sono stati rettificati con la rilevazione dei seguenti elementi: i costi di esercizi futuri; i risconti attivi ed i ratei passivi;!e quote di costo già inserite nei risconti attivi di anni precedenti; le quote dì ammortamento economico di beni a valenza pluriennale e di costi capitalizzati; CONTO DEL PATRIMONIO Ne! conto del patrimonio sono rilevati gli elementi dell'attivo e del passivo, nonché le variazioni che gli elementi patrimoniali hanno, subito per effetto della gestione e delia valutatone degli immobili effettuata da parte dell'ufficio tecnico alla data de! 31.12,. Sì rappresenta ia necessità di procedere alla meccanizzazione dell'inventario a! fine di permettere un maggiore e corretta esposizione dei dati.». 17

19 valori patrimoniali al 31/12/ e ie variazioni rispetto a!!1 anno precedente sono così riassunti; Attivo 01/01/12 Variazioni da conto finanziario Variazioni da altre cause 31/12/12 Immobilizzazioni immateriali Immobilizzazioni materiali Immobìizzazioni finanziarie 1.891,20 9, ,94 e 3.502, , , ,78 e 4.220,59 8, ,04 immobilizzazioni ,14 303,708, ,13 «9.686,997,63 Rìnanenze Crediti.Altre attrita finanziare DBponibifiàiiqijitle , , , e attivo circolante S.56Q.Q ,20-100,452, ,63 Ratei e risconti 192,95 24, ,28 dell'attivo ' 15, , ,82-284,539,11 1S ?,SO Conti d'orline 2.452, , ,4? Passivo Patrimonio netto ,24 972, ,24 5, ,35 Conferimenti , , , ,724,66 Debiti dì fin anziamen io Debiti di funzionamento Debiti perantfopazione di cassa Debiti persommeant.da Sera Altri debiti 3, , , , , ,86' , , , ,97-8,670,81 2, , , ,622, ,28 debiti , » ftt.936, S9 Ratei e risconti de/ passavo , ,980, & ,60 Conti d'orci ne ? , ,4? RILIEVI, CONSIDERAZIONI E PROPOSTE L'organo di revisione RACCOMANDA un costante monitoraggio di tutte quelle situazioni di passività potenziali che rischiano di sfociare in debiti fuori, bilancio per le refluenze che.questi ultimi determinano sugii equilibri di bilancio; per ie reffuenze che i debiti fuori bilancio determinano sugii equilibri di bilancio, si raccomanda un costante monitoraggio di tutte quelle situazioni di passività potenziali che rischiano dì sfociare in debiti fuori bilancio; di intensificare gli sforzi in materia di riscossione, al fine di evitare il ricorso all'anticipazione di tesoreria o danni erariali;. di monitorare costantemente il. rispetto del principio di riduzione deila spesa per il personale. pag. 18

20 PRESCRIVE ALL'AMMINISTRAZIONE. di attivare tempestivamente le azioni di recupero dell'evasione fiscale su tutte le imposte e tasse locali e di attivare ìe azioni di recupero dei proventi dei beni dell'ente evitando così li costante utilizzo delle anticipazioni di tesoreria; - di attenzionare la regolarità e tempestività della certificazione dei DFB e della rideterminazione dei residui attivi e passivi di competenza dei responsabili dì ogni settore; di valutare con estrema attenzione la sopra riportata situazione dei debiti fuori bilancio, invitandola a completare l'istruttoria delle pratiche per addivenire al formale riconoscimento in Consiglio Comunale; *. in ordine alla esigibilità dei residui1 attivi1 anteriori all'anno 2008: e un attento e circostanziato monitoraggio delle circostanze da cui scaturiscono i crediti al fine di evitare fa prescrizione ed il conseguente danno erariale; e di attivare, tempestivamente, tutte le azioni necessario al recupero dei crediti vantati. RELAZIONE DELLA GIUNTA AL RENDICONTO L'organo di revisione attesta che la relazione predisposta dalla giunta è stata redatta conformemente a quanto previsto dall'articolo 231 del T.U.EL ed esprime te va lutazioni di efficacia dell'azione condotta suila base dei risultati conseguiti in rapporto ai programmi ed ai costì sostenuti. CONCLUSIONI Tenuto conto di tutto quanto esposto si attesta la corrispondenza del rendiconto alle risultanze della gestione e si esprìme parere favorevole per t'approvazìone del: rendiconto dell'esercizio finanziario. f"} II Revisore Dei Conti Doti Sgroi Concetìc pag. 19

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE

PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE COMUNE DI GONARS PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE La relazione al rendiconto in sintesi Contenuto e logica espositiva 1 Programmazione, gestione e controllo 2 Il rendiconto finanziario

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO Allegato n. 2 alla delibera n. 11 del 12.12.05 SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO..., con sede in.., Codice

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 Comune di Villafranca Padovana Provincia di Padova RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 a cura della Giunta Comunale art. 151, comma 6 e art. 231 D.Lgs.267/2000 Pag. 1 1. IL CONTESTO PREMESSA Il

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA Pag.1 ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA CONTRIBUTIVA PEREQU 1010100 Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 1010106 Imposta municipale propria 2.019.505,00 2.019.505,00 2.019.505,00 1010108

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Relazione del collegio

Relazione del collegio Relazione del collegio revisori i dei conti RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI SUL RENDICONTO DELL'ESERCIZIO 2013 DEL PARTITO "IL POPOLO DELLA L1BERTA'" Il Collegio dei revisori composto dai

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE DIVERSE TIPOLOGIE DI CONTRIBUTI EROGATI DA UN ENTE LOCALE

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE DIVERSE TIPOLOGIE DI CONTRIBUTI EROGATI DA UN ENTE LOCALE IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE DIVERSE TIPOLOGIE DI CONTRIBUTI EROGATI DA UN ENTE LOCALE CON ESAME DELLE DIVERSE E PIU RECENTI CASISTICHE a cura del Centro Studi Enti Locali (tutti i diritti riservati) Disciplina

Dettagli

TITOLO VIII - CAPO II DLgs 267/2000. Enti locali dissestati: disposizioni generali. Art. 244. Dissesto finanziario

TITOLO VIII - CAPO II DLgs 267/2000. Enti locali dissestati: disposizioni generali. Art. 244. Dissesto finanziario TITOLO VIII - CAPO II DLgs 267/2000 Enti locali dissestati: disposizioni generali Art. 244. Dissesto finanziario 1. Si ha stato di dissesto finanziario se l'ente non può garantire l'assolvimento delle

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione 1. Approvazione addendum al contratto di concessione della progettazione, realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici asserviti ad immobili di proprietà del Comune di Casapinta 2. Verifica quantità

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce ~ ~ ID: 292415 MEF - RGS - Prot. 2565 del 14/01/2015 - U ' J/tn~o ~//'g'cononu;a, e~~ w::- J't?UM?/.:ce DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO!SPETTO RATO GENERALE DEL BILANCIO UFFICIO II -

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

ENTE: APOF-IL PROVINCIA: POTENZA ALTRI ALLEGATI

ENTE: APOF-IL PROVINCIA: POTENZA ALTRI ALLEGATI ALTRI ALLEGATI Anno 2014 Procedura realizzata da Publisys S.p.A. C.da Santa Loja - Tito (PZ) Pagina 2 di 15 CAPACITA' DI INDEBITAMENTO Anno 2014 Procedura realizzata da Publisys S.p.A. C.da Santa Loja

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Settore finanziario

Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Settore finanziario Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Settore finanziario Rep. Part n.. ~H?ii".del!~:.~!i.:.

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5 a cura di Flavio Chistè RESPONSABILITA' CIVILE DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E DEI RAPPRESENTANTI LEGALI L'istituto del ravvedimento operoso, introdotto dall'articolo 13 del D.Lgs. 472/97, consente ai contribuenti,

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE IL FUNZIONARIO RESPONSABILE Vista la vigente normativa in materia, applicabile all'imposta Comunale sugli Immobili e richiamata nel presente atto, AVVISA il contribuente, Coce Fiscale, residente in - (

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE OSSERVATORIO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI LOCALI I PRINCIPI CONTABILI PER

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali?

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? 1 R. Per gli enti non commerciali non sussiste, ai fini civilistici, relativamente

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 10 ottobre 2012, n. 174

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 10 ottobre 2012, n. 174 Page 1 of 39 TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 10 ottobre 2012, n. 174 Testo del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 10 ottobre 2012, n. 237), coordinato con la

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZION DI SISTMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Maggio 2014 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FDRALISMO FISCAL in attuazione dell art. 119 della

Dettagli

COMUNE DI FORIO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI CONTABILITA

COMUNE DI FORIO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI CONTABILITA COMUNE DI FORIO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI CONTABILITA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.82 del 03.04.2013 INDICE CAPO I: FINALITÀ E CONTENUTI Art. 1 Finalità e contenuti del Regolamento

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli