COMUNE DI SERAVEZZA Relazione Giunta Municipale al Conto Consuntivo 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI SERAVEZZA Relazione Giunta Municipale al Conto Consuntivo 2011"

Transcript

1 COMUNE DI SERAVEZZA Relazione Giunta Municipale al Conto Consuntivo 2011

2 LO STATO DELL'ENTE In occasione della redazione della Relazione al Bilancio Consuntivo 2010 avevamo dedicato ampio spazio alla descrizione dello stato economico, finanziario e patrimoniale dell Ente e avevamo descritto come il nostro Comune, pur non risultando uno dei più ricchi nell ambito versiliese, risultasse comunque, allo stato dei fatti, un Ente correttamente e coerentemente gestito ed amministrato, i cui conti erano in regola ed i cui parametri di virtuosità risultavano ampiamente all interno delle indicazioni delle normative nazionali. Questo quadro positivo andiamo a confermare, pur in una situazione di crisi, di tagli e di generalizzata difficoltà del nostro paese, con il Consuntivo Come evidenziato dalla Relazione Tecnica della Responsabile dei Servizi Finanziari del Comune, al 31 dicembre 2011 il fondo cassa era pari a ,38, ciò denota una buona liquidità e segnala discreti margini di tranquillità nella gestione di incassi e pagamenti pur in presenza di minori riscossioni, principalmente sul titolo III e sul titolo IV, rispetto al In sensibile aumento sono, invece, le entrate per le riscossioni derivanti di Oneri di Urbanizzazione e Condoni Edilizi. La gestione finanziaria del 2011 presenta dunque un risultato positivo di ,73, nonostante si sia proceduto ad una riduzione prudenziale degli importi relativi ai ruoli che presentano un alto rischio di inesigibilità e la costituzione del fondo svalutazione crediti. L'avanzo di amministrazione verrà destinato solo dopo aver verificato il raggiungimento del miglioramento del saldo previsto dalla normativa sul patto di stabilità del 2012; per questo motivo il Bilancio di previsione 2012 è stato impostato senza l utilizzo dell avanzo. Non è da escludere, dunque, l'ipotesi di un utilizzo virtuoso dell'avanzo di amministrazione destinando tutto o parte dell'importo disponibile all estinzione anticipata dei mutui. È da segnalare, inoltre, che si è proceduto sia all eliminazione di una parte di residui passivi di parte corrente per 388mila che all eliminazione o all accertamento di una parte residui attivi esistenti alla data del 31 dicembre 2011 di parte corrente ( ) e in conto capitale ( ). Per il quinto anno consecutivo, nonostante l'aumento delle difficoltà imposte dalle Leggi Finanziarie che si sono succedute, il Patto di Stabilità è stato rispettato grazie anche al meccanismo del patto verticale con la Regione ( ,86 ) riconosciuto per il nostro Comune grazie al fatto che l Ente presenta un basso indebitamento e un ricorso importante al finanziamento dei progetti pubblici tramite il ricorso a contributi in conto capitale della Regione Toscana. Le spese per il personale hanno registrato una diminuzione rispetto al 2010 e il nostro Comune ha mantenuto un risultato largamente positivo nel rapporto tra numero cittadini residenti e numero di dipendenti dell'ente. Nel 2011 non si è fatto ricorso all indebitamento. L indebitamento dell ente è passato dai del 2008 agli attuali Al 31/12/2011 la percentuale dell incidenza degli interessi passivi sulle entrate correnti è del 2,08 %. L'allegato alla Relazione Tecnica relativo al Rating Finanziario dell'ente mostra un quadro realistico e soddisfacente della situazione e della conduzione del nostro Bilancio.

3 BILANCIO E TRIBUTI Come per il 2010, anche il Consuntivo 2011 conferma e rafforza una sana gestione finanziaria del nostro Comune. Tre dati su tutti: un Avanzo di Amministrazione di euro ,73, che conferma (se mai ce ne fosse bisogno) la gestione oculata dell ente; un Fondo Cassa di euro ,38; l aver rispettato, come negli anni precedenti, il Patto di Stabilità. Possiamo a buon diritto sostenere di essere riusciti, anche per quest anno, nonostante le difficoltà sempre maggiori legate ai tagli ai trasferimenti, e a tutta la situazione finanziaria generale che ci circonda, a mantenere viva la filosofia di chi ci ha preceduto; filosofia improntata ad una gestione sana ed equilibrata del Bilancio. Di seguito alcuni dati significativi dei risultati conseguiti quest anno: il rispetto del Patto di Stabilità, e quindi il raggiungimento dell obiettivo di finanza pubblica per il 2011, è avvenuto anche grazie all aiuto della Regione Toscana, tramite il patto verticale. Aiuto concesso proprio perché l Ente è riuscito a rispettare i seguenti requisiti nel corso dell anno: indebitamento basso, ricorso a contributi piuttosto che a mutui per la realizzazione delle OOPP, liquidità di cassa; l entità del fondo svalutazione crediti nel 2011 e lo stralcio dei residui attivi dei ruoli, dimostra l'attenzione dell amministrazione a non creare in bilancio crediti inesigibili, che potrebbero poi nel futuro comportare deficienze di cassa Non c è mai stato ricorso ad anticipi di tesoreria, chiudendo il conto della liquidità a ,38 l'amministrazione ha chiuso nel 2011 partite importanti quali il contenzioso con Ersu, nei cui confronti non vi sono partite pregresse; contenzioso che si è risolto senza oneri o aggravi per il bilancio dell'ente. il finanziamento delle opere pubbliche è avvenuto senza alcun ricorso all'indebitamento, non aggravando pertanto il bilancio, ma grazie all'utilizzo delle proprie risorse, quali gli oneri di urbanizzazione, l'alienazione di immobili o proventi da permute. le spese di rappresentanza sono pari ,35 euro, a dimostrazione del rispetto da parte dell Amministrazione degli stringenti dettami derivanti dal DL 78/2010 su tali spese nel corso dell anno; sulle politiche del personale, il bilancio registra il monitoraggio del contenimento, attraverso il ricorso a forme di risparmio quali l'esercizio di alcune funzioni in forma associata con il Comune di Pietrasanta e Forte dei Marmi, nonché attraverso la riorganizzazione dei servizi avvenuta a luglio: soppressione di una posizione organizzativa, il passaggio di n. 2 unità di personale alla Fondazione Terre Medicee, nonché la riduzione del salario accessorio della contrattazione decentrata; l'andamento dei debiti fuori bilancio nel triennio sottoposti al Consiglio Comunale dimostra una generale corretta gestione della spesa.

4 Per quanto concerne il debito fuori bilancio, si segnala il fatto che è già arrivata pronuncia di archiviazione della pratica da parte della Corte dei conti; pronuncia che non ravvisa responsabilità per danno erariale. L anno che ci lasciamo alle spalle ha visto il passaggio da un amministrazione all altra, senza però intaccare lo spirito di buona amministrazione che da sempre caratterizza le scelte di gestione degli ultimi anni. Resta ancora molto da fare, e le difficoltà cui andremo incontro non sono certo da sottovalutare. Abbiamo dalla nostra parte la volontà di continuare il percorso intrapreso, cercando di garantire il meglio ai nostri cittadini.

5 CULTURA Si deve dire che oltre che alla diversa attribuzione delle materie dei Settori a seguito dell insediamento della nuova Amministrazione, nel 2011 si è completato il passaggio delle competenze alla Fondazione Terre Medicee, che è terminato con il trasferimento anche del personale relativo a far data dal novembre. A seguito di quanto sopra restano attribuite questo Assessorato le seguenti materie: Cultura Rapporti con la Fondazione Terre Medicee Attività della tradizione e del folklore Gemellaggi Promozione del Territorio Biblioteca L attività della biblioteca è proseguita nel 2011 con l ambizione di aumentare le potenzialità quantitative e qualitative del servizio. L Ufficio ha incrementato il patrimonio librario con gli acquisti che le risorse economiche ci hanno consentito. Il personale è stato supportato dai volontari dell Auser Pietrasanta, che hanno consentito l assistenza agli utenti nei momenti di assenza del personale dipendente. Con il 2011 è terminata la funzione di ente capofila del progetto PIC assunta dal comune di Seravezza negli ultimi anni,. Ciò si è reso necessario in conseguenza dei pesanti tagli imposti dalle ultime leggi finanziarie nonché dalla scarsità quantitativa delle risorse umane. E proseguito il potenziamento dei vari settori attraverso nuovi acquisti riguardanti i libri ma anche il materiale multimediale soprattutto DVD (film e documentari) che fanno parte della nuova Sezione Multimediale, inaugurata nel 2010, che consta attualmente di 284 DVD. La biblioteca Sirio Giannini, che fa parte della Rete Lucchese e del Polo LUA, grazie all adesione al progetto LUCCA.NET, Piano Integrato per la Cultura, è stata dotata del nuovo Software Sebina SOL tramite il quale è possibile la gestione automatizzata dei seguenti moduli: catalogazione partecipata, prestito locale e intersistemico, e anagrafica utenti. Il miglioramento e lo snellimento delle procedure relative a tali moduli, l accesso ad internet gratuito, e la partecipazione numerosa agli eventi di promozione alla lettura hanno portato nel 2011 ad un notevole incremento delle presenze in biblioteca (9787 senza contare i 1242 accessi a Internet) nonché dei prestiti effettuati (2465 nel 2011). E stata allestita la Sala di Lettura a Querceta, in piazza Matteotti che funge anche da succursale per la Biblioteca Sirio Giannini. E stato creato il nuovo sito relativo alla Biblioteca, all Archivio e all Antiquarium espositivo, ricco di immagini aggiornate degli ambienti di cui sopra e con vari link utili tra i quali la possibilità di accedere all OPAC (cataloghi on line) del biblioteche del Polo Lucchese. Risultato della gestione 2011 (dati ricavati dal monitoraggio inviato alla Regione Toscana) presenze utenti: 9787 accessi internet: 1242 prestiti: 2465 Progetti Sono stati portati a termine i seguenti progetti (già obiettivi di PEG): - E iniziato il progetto di inserimento e marcatura dell inventario dell archivio inventario preunitario nel software regionale per consultazione (AST) con la partecipazione al corso di preparazione all uso 5

6 di tale software da parte della Dott.ssa Allegranti, persona preposta all inserimento dei dati dell inventario. - E stato completato il restauro di n. 17 unità dell archivio preunitario. Il materiale restaurato nel dicembre 2011 è stato oggetto della mostra Le memorie restaurate, insieme ad altre 13 unità significative, anch esse della parte preunitaria. Per tale progetto è stato ottenuto un finanziamento dalla Regione Toscana di ,00. - E stata completata la creazione sala lettura biblioteca a Querceta. Tale locale sarà messo a disposizione delle Associazioni che ne faranno richiesta e del pubblico che vi si potrà recare per leggere i propri testi. - La sezione multimediale della biblioteca è stata implementata con circa 40 DVD. Nell ambito dei rapporti con la scuola sono stati curati i seguenti progetti: - Unità d avventura e Medikestein, due giornate di animazione didattica per Ottobre piovono libri 2011, con apertura straordinaria della biblioteca dalle 21 alle 23e presentazione dei romanzi più famosi appartenenti a questo filone narrativo. - Libri sotto l'albero 2011: con vendita libri scontati, presentazioni di libri e animazioni didattico - letterarie per bambini e ragazzi di tutte le età. - Settimana della memoria : Allestimento presso la Biblioteca Sirio Giannini di Seravezza, di un angolo espositivo dedicato a Primo Levi e al Canto di Ulisse di Dante. - Libri in maschera : Carnevale 2011 in biblioteca : animazione didattica a cura di Massimo Pasquini, presso la Biblioteca Sirio Giannini di Seravezza,. - Settimana della cultura scientifica e tecnologica marzo 2011 : presso la biblioteca Sirio Giannini organizzazione di un laboratorio didattico da svolgere durante le ore dedicate all'arte. - Giornata nazionale del libro : animazione didattica a cura del Piccolo Teatro della Versilia, per bambini da 5 a 12 anni; - Non solo libri 8 laboratori didattici gratuiti di promozione alla lettura. Luglio e agosto Un Palazzo di giochi in collaborazione con la Fondazione Terre Medicee per i bambini da 3-5 anni (progetto NPL) e da 6-13 anni. Attività Culturali Per quanto concerne le ricorrenze istituzionali e le relative celebrazioni, di competenza dello Staff del Sindaco dall agosto 2011, gli eventi organizzati nel 2011 sono stati i seguenti: - La Giornata della Memoria in collaborazione con l ANPI Sez. Versilia e la scuola media dell I.C. di Seravezza. Presso la Biblioteca Sirio Giannini di Seravezza, è stato allestito un angolo espositivo dedicato a Primo Levi e al Canto di Ulisse di Dante, una parte dei versi del quale è riportata nell'11 capitolo di Se questo è un uomo, insieme al suddetto romanzo sono stati esposti libri, appartenenti alla biblioteca, che rappresentano, ciascuno in maniera originale e diversa, I versi danteschi. Alcune classi sono poi venute in visita per prendere visione di detto materiale. - Celebrazioni dedicate alle ricorrenze del 25 aprile e del 4 novembre, mentre nel mese di giugno si sono svolte le celebrazioni per la ricorrenza dell uccisione del partigiano M.O.V.M. Amos Paoli. - Nell anno 2011 è stato celebrato il centenario della nascita dell On. Leonetto Amadei, illustre cittadino nato a Seravezza e vissuto a Pietrasanta che ha ricoperto ruoli di rilievo nell ambito delle istituzioni nazionali, essendo stato membro dell Assemblea Costituente, Deputato, Sottosegretario agli Interni e alla Giustizia, membro e poi Presidente della Corte Costituzionale. Da parte del Circolo Culturale Fratelli Rosselli è stata presentata la proposta di tenere una giornata di studi dedicata alla figura dell On. Amadei, dando mandato al Prof. Berto Corbellini Andreotti di tenere i rapporti con gli Enti interessati (Comune di Seravezza, Comune di Pietrasanta, Fondazione Leonetto Amadei), e di avviare i contatti con il mondo universitario per l individuazione dei relatori. 6

7 Sono stati richiesti l alto patronato del Presidente della Repubblica ed i patrocini di Corte Costituzionale, Camera dei Deputati, Ministero per i Beni Culturali, Ministero della Giustizia, la Marina Militare, Regione Toscana, Provincia di Lucca, Comuni versiliesi (Camaiore, Forte dei Marmi, Massarosa, Stazzema, Viareggio), ANPI, Ordine degli Avvocati di Lucca; All organizzazione della giornata di studi comparteciperanno i Comuni di Seravezza e Pietrasanta, il Circolo Fratelli Rosselli, la Fondazione Leonetto Amadei e l Università di Pisa. Archivio Per quanto concerne l Archivio Storico, grazie all adesione al Piano Integrato della Cultura, si è potuta concludere la parte relativa all inventariazione del preunitario. Sempre nel 2011, grazie ad un finanziamento regionale di , si è potuto procedere al restauro di 17 unità archivistiche che sono state esposte, insieme ad altre 13 unità significative della parte preunitaria, a dicembre nella mostra Le memorie restaurate: percorsi di recupero e valorizzazione dell Archivio Storico Comunale di Seravezza a cura di Barbara Allegranti, Maria Argiero e Michela Corsini. GEMELLAGGI Negli anni precedenti è stata ufficializzata l adesione all Associazione degli Azzano d Italia : purtroppo, a causa dei tagli imposti dalle manovre finanziarie, l Ente ha dovuto ridurre le occasioni di partecipazione alla attività dell Associazione. Nel corso del 2011 è stato formalizzato il gemellaggio con la città di Kyjov nella Repubblica Ceca, con visite reciproche degli amministratori. TURISMO L Assessorato, in accordo con quello delle Attività Produttive, ha appoggiato lo svolgimento di manifestazioni tradizionali la fiera di San Giuseppe a Querceta, organizzata in collaborazione con l Unione dei Comuni Alta Versilia, la Pro Loco di Querceta, l Associazione Versilia Cavalli ed i commercianti della zona, il Palio dei Micci e le iniziative ad esso collaterali, la fiera di San Lorenzo, tra le più antiche del comprensorio versiliese. A corollario un fitto programma di manifestazioni turistico culturali e gastronomiche che compongono il tradizionale Agosto Seravezzino. L organizzazione dell attività di spettacolo, compresa quella teatrale, quella espositiva e museale sono dal 2011 interamente affidate alla Fondazione Terre Medicee. Ugualmente è stata curata dalla Fondazione l attività di promozione turistica puntando ad inserire il territorio nell ambito progettuale di valorizzazione del percorso dell antica Via Francigena e all interno del circuito di sviluppo della Strada del vino e dell olio della Provincia di Lucca, nonché al potenziamento e alla valorizzazione di feste, fiere e mercati, mostre di prodotti tipici e tradizionali, manifestazioni folcloristiche che si tengono durante l anno. In tali campi resta all Ufficio il monitoraggio sull attività delle Fondazione e la gestione della parte contabile. Anche nel 2011 l Ufficio Informazioni Turistiche è stato garantito da una cooperazione tra il nostro Comune, l Unione dei Comuni Alta Versilia, il Parco delle Apuane ed il Comune di Stazzema. Anche per il 2012 la gestione dell Ufficio di Informazione Turistica è stata affidata alla Pro Loco di Seravezza. 7

8 ASSOCIAZIONISMO E MANIFESTAZIONI STORICO FOLKLORISTICHE RAPPORTI CON LE PRO LOCO Il grande spazio, nella nostra attività di amministratori, alla diffusione di iniziative sportive, ricreative, artistiche, culturali anche in collaborazione e con il sostegno del mondo associativo, ci ha visto e ci vedrà impegnati nei prossimi anni, al sostegno e recupero delle tradizioni popolari e nella salvaguardia della memoria storica e civica della nostra comunità; come per gli anni 2011 e precedenti, anche per i prossimi anni si dovranno produrre azioni ed iniziative per la diffusione di una cultura di pace, solidarietà ed accoglienza. L'azione di questa amministrazione è costantemente tesa al sostegno ed alla collaborazione nei confronti delle associazioni e delle loro iniziative, per quanto possibile anche attraverso contributi, consapevoli tra le altre cose che le associazioni di volontariato sono realtà che aiutano a mantenere sano e vivo il tessuto sociale. La collaborazione con la Pro-Loco di Seravezza, come ogni anno, ha visto l'amministrazione in prima fila nel sostenere gli appuntamenti dell' agosto Seravezzino attraverso la coordinazione delle varie manifestazioni collegate demandando la gestione delle attività all ufficio comunale dedicato al turismo. La collaborazione con la Pro-Loco di Querceta ha riguardato come sempre l'organizzazione (insieme alle contrade) delle manifestazioni inerenti il Palio dei Micci (Miss Palio, Staffetta, Stramicciata, Festival del Miccio Canterino, Palio, Giochi delle bandiere, Torneo di Calcio). Nel 2011 è iniziato il percorso volto a limitare l annoso problema derivante dall inquinamento acustico provocato dalle prove dei musici delle contrade. La necessità di reperire un ambiente idoneo ad ospitare le prove dei circa cinquecento ragazzi e ragazze dei gruppi di sbandieratori e musici, al fine di diminuire o sospendere le prove serali nelle strade e nelle piazze e quindi di rendere meno forte il disagio per i residenti e contemporaneamente permettere ai ragazzi d allenarsi in un ambiente coperto ed idoneo, è uno degli obiettivi che questa A.C. dovrà perseguire nei prossimi anni. Nel mese di maggio si è concluso il progetto coordinato con la Croce Bianca di Querceta denominato sicurezza nello zaino con il quale si è teso rendere partecipi gli studenti delle scuole medie dell intensa attività svolta dai volontari della Croce Bianca in tema di soccorso sanitario e di protezione civile. Gli studenti hanno assistito alle lezioni sia teoriche che pratiche e, nelle due giornate finali, hanno svolto le attività all interno dello stadio con il montaggio delle tende pneumatiche, le varie esercitazione ed il pernotto e smontaggio del campo base. L esperienza, visto l alto gradimento sarà svolto anche nell anno Sempre in tema di associazionismo nel 2011 è iniziato il percorso volto ad una completa revisione del Registro delle Associazioni del territorio e del rinnovo della Consulta del Volontariato al fine di addivenire alla nomina del nuovo Presidente e Segretario. I nuovi elenchi, non appena completati, saranno inseriti sul sito del Comune. Nel 2011 è proseguito il sostegno alle quattro filarmoniche del territorio comunale, con cui in questi anni è stato portato avanti un tavolo di concertazione teso a rafforzarle e a dar loro visibilità nella occasioni di maggior rilievo con l auspicio di riuscire un domani a costituire una Filarmonica Comunale che unisca le quattro Filarmoniche nelle occasioni di maggiore visibilità, lasciando peraltro integra la loro autonomia secolare. La parte finale del 2011 è stata interessata dallo svolgimento del concerto di fine anno approntato dalla Filarmonica di Riomagno, che ha presentato nei locali delle Scuderie Medicee un vasto repertorio musicale e che ha visto la presenza di un buon numero di spettatori. 8

9 AMBIENTE ED ENERGIE RINNOVABILI R.S.U. E proseguita la campagna per il compostaggio domestico ed ha portato a fine anno ad un totale di ca utenti che praticano l autosmaltimento dei rifiuti organici e verdi attraverso l uso dei bidoni composter (ca. 1505) e delle pile di concime (ca. 226). In termini quantitativi il calcolo presunto di minor conferimento di rifiuti al servizio è complessivamente di ca Kg al giorno (si stima infatti in ca g. al giorno il quantitativo medio di umido prodotto da una famiglia) che, moltiplicato per 365 giorni, dà un totale di Kg (438 tonnellate). Il risparmio in denaro è di difficile quantificazione, ma sicuramente elevato, dato che il materiale compostato è totalmente scorporato dal ciclo dei rifiuti. Va ricordato che, sempre sul piano finanziario, occorre considerare che le famiglie che praticano il compostaggio usufruiscono di una riduzione del 10% sulla TARSU. Servizio di Raccolta Differenziata totale dei rifiuti Porta a Porta: il servizio, che ha preso il via dal 2 di luglio 2007 in Pozzi e dal 5 di novembre 2007 a Seravezza e frazioni limitrofe, è stato esteso dal 3 novembre 2008 alle frazioni di Ripa, Marzocchino, Cafaggio e Querceta nord. Dal 4 maggio 2009 il servizio ha interessato anche la rimanente parte del territorio comunale della pianura, di modo che oggi sono coperte dal servizio di porta a porta tutte le frazioni del comune, ad esclusione di quelle collinari. Per conoscenza si riportano qui di seguito i dati aggiornati al : Rifiuti indifferenziati smaltiti: kg Organico : ,00 kg Verde in sacchi: ,00 Kg Verde sfuso: ,00 Kg Carta: Kg Cartone: kg Plastica : Kg Multimateriale: Kg Vetro: Kg Oli esausti: Kg. Pile esauste: 260 Kg Farmaci scaduti: 1182 Kg Vestiario Pelli: Kg Pneumatici: 925 Kg Toner: 585 Kg Apparecchiature Elettriche: Kg App. cont. CFC : Kg RAEE : Kg. Ferro: Kg. Legno: Kg. A tutti gli utenti delle frazioni interessate al Porta a Porta sono stati a suo tempo consegnati dei pieghevoli con le spiegazioni inerenti al servizio ed alle modalità di separazione e riciclo dei diversi materiali, i cui costi sono compresi in quelli del servizio complessivo riportati di sopra. Si è raggiunta così con il servizio del porta a porta la copertura di circa il 90% della popolazione con i risultati di un paese pulito, senza cassonetti maleodoranti e discariche cittadine, capace di produrre un risultato complessivo aggiornato al del 72,19% di differenziata totale, ben oltre i limiti posti d obbligo dalla legge regionale, al riparo dalle sanzioni economiche previste per i non adempienti e con indubbi notevoli vantaggi ambientali. Tale risultato ci colloca al primo posto in Versilia, tra i 9

10 primi della provincia di Lucca ed in Toscana e ben al di sopra di tutte le medie, sia locali che nazionali. Il servizio di raccolta dei rifiuti Porta a Porta, non solo è stato realizzato con pienezza di risultati, ma ha anche, e soprattutto, abituato la popolazione a differenziare i rifiuti e ad acquisire una maggiore coscienza civica e di rispetto verso l ambiente. Servizio di raccolta differenziata tramite le campane in strada: il servizio è rimasto solo nelle frazioni della montagna. Per i borghi montani occorre trovare in futuro soluzioni più efficaci e soddisfacenti, ovviamente sempre in linea con la pratica del porta a porta. Il contratto di servizio con ERSU, comprensivo di tutti i costi connessi al prelievo e conferimento dei rifiuti agli impianti, comprensivo dei costi aziendali, è stato di euro IVA compresa. La quota di partecipazione al Consorzio Ambiente Versilia sul sistema integrato dei rifiuti che risulta pari al 5,71% ha comportato una spesa quota parte di euro ,15. ENERGIA L impianto fotovoltaico installato sul tetto della palestra della scuola media E. Pea di Marzocchino ha prodotto 22,5 MWh = KW/h di energia che è stata utilizzata dalla scuola con una minor emissione nell aria di ca. Kg. di CO2, equivalenti a 5,125 Tonnellate Equivalenti di Petrolio( T.E.P.) ed ha permesso inoltre di incassare dal conto energia un contributo di euro A questo va ovviamente aggiunto il risparmio economico determinato dal minor consumo di corrente elettrica prelevata dalla linea ENEL. L A.C. per la realizzazione dell impianto ha stipulato un mutuo bancario di euro ,00 che paga con rate semestrali di euro 6.913,00 per un totale di euro ,00 annue. Nel marzo 2009 è stato approvatolo schema di convenzione tra il Comune di Seravezza e la Società Consortile Energia Toscana S.c.r.l. con sede in Firenze, per l indizione della gara per la progettazione, realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici presso gli edifici comunali risultati idonei previo sopralluogo e verifica da parte del C.E.T., quali: 1. Scuola elementari di Ripa, Piazza Europa; 2. Scuola elementare Frasso, Via Cugnia; 3. Scuola elementare Marzocchino, Via Menchini; 4. Campo Sportivo Buon Riposo, via Buon Riposo Pozzi. L'intervento di realizzazione di tali impianti ha l obbiettivo di svolgere funzioni di incentivazione all'utilizzo della tecnologia solare fotovoltaica per produrre energia elettrica senza nessuna emissione di sostanze inquinanti, con risparmi sia di combustibili fossili inquinanti che in termini economici. Attuale fornitore di Energia Elettrica per tali impianti è ENERGRID. I quattro impianti sopra menzionati e gli impianti installati presso la scuola media E.Pea di Marzocchino (realizzato nel 2007 da questa Amministrazione) e quello installato presso il campo sportivo di Minazzana (realizzato e finanziato dall Unione dei Comuni della Versilia) sono tutti in funzione. Gli impianti fotovoltaici sono a costo zero per la P.A., attraverso il sistema del finanziamento in conto terzi, che permette alla ditta appaltatrice l utilizzo del così detto Conto energia e di parte dell energia prodotta. Nella strada della montagna, di concerto con l Unione dei Comuni, sono stati installati cinque lampioni alimentati dai pannelli solari più un impianto fotovoltaico sul tetto degli spogliatoi del campo sportivo di Minazzana. 1

11 G.P.P. E stato raggiunto il 40% negli acquisti verdi, superando così l obiettivo del sistema, detto del GPP (Green Pubblic Procurement), che impegna l A.C. ad un 30% di acquisti verdi del totale del materiale acquistato, così come adottato con D.G.C. n. 196 del Tale sistema ha l obiettivo di incentivare, tramite il loro acquisto da parte delle PP.AA. la produzione di materiali ecologici, a basso impatto ambientale e a ridotti consumi energetici, oltre che ad un rapporto di maggior fiducia da parte dei cittadini verso l Amministrazione nell uso delle pratiche virtuose. In questo settore l A.C. è stata insignita del Premio nazionale Comuni ricicloni, unico in Toscana nella categoria dei comuni sotto i abitanti. AMBIENTE E QUALITA DELLA VITA Piano di Classificazione Acustica Comunale (PCCA): Con deliberazione di C.C. n.37 del è stato approvato il Piano di Classificazione Acustico Comunale. E stato altresì approvato con delibera del C.C. n. 11 del il Regolamento delle attività rumorose che stabilisce i principi fondamentali in materia di tutela dell'ambiente esterno e dell'ambiente abitativo dall'inquinamento acustico, secondo quanto disposto dalla Legge Quadro sull'inquinamento acustico n 447 del 26 ottobre Regolamento d insediamento degli impianti di telefonia mobile: Il Regolamento, approvato con deliberazione del C.C. n.64 del , ha l obiettivo di assicurare il corretto insediamento urbanistico e territoriale degli impianti, nel rispetto della normativa e della salute umana. Nel corso dell anno sono state esaminate le osservazioni per le eventuali opportune modifiche. Attualmente questa Amministrazione si avvale della L.R. 49 del per l espletazione delle pratiche di cui all oggetto. Segnalazioni ed esposti pervenuti all Ufficio nell anno 2011: degrado ambientale / presenza di terreni in degrado : n 8 abbandono di rifiuti / problematiche sui conferimenti R.S.U. : n 9 problemi igienico-sanitari: n 4 mancati allacciamenti/scarichi abusivi: n 1 inquinamento da rumori : n 3 presenza coperture in amianto : n 2 Sono stati richiesti con sollecitudine i dovuti interventi dell ARPAT, ASL e Polizia Municipale. La loro azione, quasi sempre tempestiva, anche nelle risposte, ha consentito l avvio delle procedure e talvolta la risoluzione rapida delle situazioni segnalate. Progetto Alleati contro le zanzare D intesa con i comuni limitrofi è stato realizzato anche nel corso del 2011 il progetto di lotta ai culicidi. Come negli anni precedenti l incarico è stato affidato al Dott. Davide Puccioni ; il costo complessivo del progetto comprensivo di materiale di divulgazione e informazione ai cittadini, trattamenti larvicidi e adulticidi, ecc.. è risultato pari a euro 2460,00. L Amministrazione intende proseguire questo progetto anche per il

12 PARTECIPAZIONE A PREMI, INIZIATIVE E CAMPAGNE AMBIENTALI Premio Comuni riutilizzatori : Unico comune in Toscana al di sotto dei abitanti, abbiamo ricevuto il premio nazionale Comuni riutilizzatori indetto dall Associazione Amici della terra e dal Comune di Milano, assegnato a quegli enti pubblici che hanno superato negli acquisti di materiale il 30% di prodotti riciclati. Nell anno 2010 Seravezza ha raggiunto una percentuale di ca. il 40% tra carta e materiale da ufficio, comprese le attrezzature. Premio Toscana Eco - efficiente: Abbiamo ottenuto, anche in questa edizione, il premio biennale 2010 promosso dalla Regione Toscana al fine di incentivare i comuni all attuazione di politiche ed interventi a favore dell ambiente e della sostenibilità. La cerimonia di premiazione si è svolta come sempre a Firenze nel mese di maggio. Partecipazione a manifestazioni ed iniziative nazionali su tematiche ambientali, quali: M illumino di meno a favore del risparmio energetico Puliamo il mondo per la pulizia ed il decoro ambientale La festa dell albero per il rispetto del verde e della natura Bimbimbici per la valorizzazione e l uso di un mezzo altamente ecologico e salutare Non butto baratto per la riduzione della produzione dei rifiuti Porta la Sporta per la riduzione di shopper in plastica Adesione all Associazione Comuni Virtuosi rinnovo quota associativa Adesione approvata con D.G.C. n. 52 del , per tutte le finalità volte alla salvaguardia e la difesa dell Ambiente e del territorio, miglioramento della qualità di Vita riducendo al minimo i consumi energetici, sprechi sul consumo di acqua potabile, immissione in atmosfera di gas-serra, aumento della raccolta differenziata di rifiuti. Versamento della quota associativa relativa all anno 2010 per un importo pari a Euro 500,00. VARIE Elettromagnetismo: monitoraggio dei campi elettromagnetici prodotti dalle stazioni radio base per telefonia mobile presenti sul territorio comunale, risultati abbondantemente sotto i limiti di legge. E stata installata nel c.a. la centralina per il monitoraggio dell inquinamento elettromagnetico prodotto dalla linea denominata La Spezia Acciaiolo INIZIATIVE E PROGETTI DI PREVISIONE Progetto Pedibus Installazione della Fontana Ecologica Installazione di centralina idroelettrica per immobili che verranno realizzati in loc. Valventosa Accordo con guardie eco zoofile per contrastare il fenomeno delle discariche in montagna Sono allo studio varie iniziative per l installazione di centraline idroelettriche es. alimentazioni, per Palazzo Mediceo 1

13 ATTIVITA' PRODUTTIVE, LAVORO E SVILUPPO L Amministrazione che si è insediata nel 2011 ha ritenuto di apportare alcune modifiche ai Settori comunali ed alle relative competenze, tra cui la soppressione del Settore Affari Generali e l istituzione del nuovo Settore Attività Economiche, Sviluppo e Cultura. In tale Settore risulta di nuova istituzione il servizio Sviluppo (Informagiovani, Punto Inps e Centro per l Impiego), concepito come una struttura di supporto al mondo del lavoro con lo scopo di garantire la continuità tra quest ultimo e l Amministrazione. Sono attribuite questo Assessorato delle seguenti materie: Centri Commerciali Naturali Ricerca Finanziamenti e Risorse Comunitarie, Nazionali e Regionali Suap associato Attività produttive Polizia amministrativa Strutture sanitarie e studi professionali Attività estrattive e minerarie Trasporto pubblico locale VIA associata Inoltre rientra nella competenza di questo assessorato, nell ambito del Servizio Sviluppo, la gestione degli uffici del Polo del Lavoro di Querceta limitatamente al Centro per l impiego e al Punto INPS. SVILUPPO (Centro per l Impiego e Punto Inps) Nel 2011 l amministrazione ha continuato, nell ambito delle azioni a cavallo tra politiche sociali e politiche giovanili, la valorizzazione dei servizi di i informazione, orientamento e formazione, che nel corso del tempo si sono arricchiti di ulteriori moduli e realizzando così, sia in termini quantitativi che qualitativi, maggiori possibilità per i giovani di reperire notizie utili ai fini di svago, socializzazione, studio o lavoro. Il Punto Cliente INPS e lo Sportello del Centro per l Impiego, la cui gestione è affidata per tutto il 2011 all Associazione Auser Seravezza, sono stati trasferiti nel corso del 2011 nei nuovi uffici di via Don Minzoni, consentendo di migliorare l accoglienza dell utenza anche mediante la fornitura di nuove e più idonee attrezzature informatiche. Risultato della gestione 2011 (dati ricavati dal risultato della gestione dell Auser) Utenti per stesura curriculum vitae 09 Utenti consultazioni telefoniche 375 Offerte di lavoro pervenute direttamente 01 al nostro Sportello Offerte del Coordinamento dell'anno Aggiornamento offerte dei mesi precedenti 133 Offerte dalle Agenzie Interinali 239 Sportello PAAS Nuovi utenti iscritti 02 Consultazione Internet 111 Utenti INPS 42 Utenti CENTRO PER L'IMPIEGO 71 1

14 INFORMAGIOVANI Nell ambito delle azioni a cavallo tra politiche sociali e politiche giovanili questa Amministrazione ha fin da subito istituito ed implementato servizi di informazione, orientamento e formazione, che nel corso del tempo si sono arricchiti di ulteriori moduli e realizzando così, sia in termini quantitativi che qualitativi, maggiori possibilità per i giovani di reperire notizie utili ai fini di svago, socializzazione, studio o lavoro. Per la gestione dello Sportello Informagiovani l Amministrazione ha confermato anche per il 2011 l adesione alla gestione associata già in corso, con capofila Forte dei Marmi e l affidamento all Auser Seravezza.. Nel novembre 2011 la sede del servizio è stata trasferita nei nuovi locali comunali di Via Don Minzoni, in posizione altrettanto centrale della precedente, dove è stato possibile assicurare la fornitura di nuove e più idonee attrezzature informatiche. Risultato gestione 2011 (dati ricavati dalla relazione di gestione dell Auser) Giorni di apertura dello sportello 197 giorni Totale ore 591 ore Schede rilevazione nuovi utenti 00 Utenti per informazioni su offerte di lavoro 829 di cui: 571 donne e 258 uomini 384 auto consultazione Utenti per informazioni su servizi al cittadino 323 Utenti per informazioni sul Servizio Civile Nazionale 04 Utenti per informazioni sui Corsi di Lingue 49 e di computer Utenti per info sulla formazione professionale 22 Utenti per informazioni sulla nuova carta giovani 04 Utenti per informazioni sullo studio all'estero 02 ATTIVITA ECONOMICHE SUAP Nel corso del 2011 è proseguita l attività dello Sportello Unico per le Attività Produttive in forma associata con l Unione dei Comuni della Versilia. Il personale dell Ufficio, in virtù di una convenzione, collabora con l Unione dei Comuni per una percentuale dell orario di servizio da contratto. La gestione associata si propone di fornire un servizio uniforme per l utenza dei comuni che aderiscono alla gestione; in questa ottica il personale provvede all aggiornamento della modulistica e le schede della procedura, anche in vista dell attuazione delle disposizioni del D.P.R. 160/2010 che prevede la ricezione e la gestione telematica delle pratiche. Al momento attuale e fino a che non sarà operativa tale gestione gli utenti hanno a disposizione tre banche dati per la modulistica: una definita dal tavole tecnico regionale, quella del portale Aida e infine quella del sito istituzionale dell ente. Soprattutto negli ultimi mesi si sono tenute riunioni tra i comuni aderenti alla gestione associata, allo scopo di costituire un front office omogeneo ed un back office per la gestione interna delle pratiche. L istruttoria delle pratiche Suap è soggetta al pagamento di diritti a favore dell Unione, per cui l ufficio cura la richiesta, la ricezione ed il monitoraggio delle somme dovute. 1

15 Il regolamento per la gestione associata attualmente in vigore prevede l esclusione di alcune attività dalla procedura Suap. Gli uffici dovranno effettuare una ricognizione allo scopo di verificare che tutte le attività richiamate dal D.P.R. 160/2010 si svolgano effettivamente secondo quanto previsto. Gli utenti possono reperire le informazioni per apertura, modifica, trasferimento delle varie attività produttive sia sul sito comunale che su quello del coordinamento che fa capo al comune di Lucca. Risultato della gestione 2011 Ricevuto n. 192 SCIA, DIA, Richieste di autorizzazione in ambito Suap (associato) Rilasciato n. 12 autorizzazioni in ambito Suap (associato) Industria e artigianato Nel corso del 2011 è continuata l attività volta all attuazione dell area industriale-artigianale Ciocche-Puntone. Con tale programma l Amministrazione si è prefissa di offrire una risposta alle difficoltà del momento, nell impostazione dell economia locale su presupposti quali il risanamento delle aree produttive presenti sul nostro territorio, la riqualificazione e l innovazione dell apparato produttivo, in armonia con l ambiente, a garanzia della sicurezza sui luoghi di lavoro, la diversificazione industriale, in particolare prevedendo l insediamento di attività moderne di più alto contenuto innovativo e con saggi di crescita più elevati, lo sviluppo di servizi che non siano solo quelli finalizzati ai bisogni fondamentali della popolazione, la valorizzazione delle risorse naturali locali ed umane e professionali. L Amministrazione ha partecipato ai tavoli di concertazione del Piano Locale di Sviluppo della Provincia di Lucca, dando il proprio contributo alla definizione delle strategie da mettere in atto per le azioni future. Come è noto, inoltre, proprio nell ambito del Piano di Sviluppo Locale, l Amministrazione ha mandato a finanziamento opere per la realizzazione delle infrastrutture della zona industriale Ciocche-Puntone, che hanno travato positivo riscontro con gli strumenti di sostegno, in materia, previsti dagli accordi Stato Regione. Settore lapideo Dopo aver costituito per anni la parte predominante dell economia del comune di Seravezza, il settore lapideo e con esso le attività connesse, sta attraversando un periodo di profonda crisi. Nell anno trascorso l Amministrazione ha evidenziato ed analizzato le problematiche e le ha rappresentate alle autorità territorialmente superiori. Le procedure per il rilascio delle autorizzazioni estrattive sono estremamente complesse e prevedono una molteplicità di endoprocedimenti per cui si rende necessaria la consultazione di una pluralità di Enti. Nell istruttoria relativa si rintracciano svariate criticità che agiscono come concause della produzione di un notevole ritardo nella conclusione dei procedimenti. L unica azienda attiva nel comune di Seravezza ad oggi è la soc. Henraux S.p.a. Nel dicembre del 2011 si è concluso il contenzioso tributario di secondo grado con la soc. Henraux S.p.A. avente per oggetto tre ordinanze ingiunzione per l applicazione di sanzioni per tardivo pagamento di contributo attività estrattive. Come richiesto dal Comune, in tale vertenza la Commissione Tributaria Regionale ha riconosciuto il difetto di giurisdizione ed ha assegnato un termine di sei mesi per la riassunzione davanti all autorità giudiziaria ordinaria. L ufficio ha comunque iscritto a ruolo gli importi dovuti. Risultato della gestione 2011 Convocato n. 4 conferenze dei servizi Svolte n. 2 Rinviate n. 2 Rilasciato n. 1 autorizzazione estrattiva Commercio e Attività Produttive 1

16 L Amministrazione ha proseguito nel 2011 la politica di sostegno ai centri commerciali naturali con lo scopo di contribuire ai salvaguardare l economia comunale e con l intento di favorire il miglioramento dell offerta dei servizi commerciali, anche attraverso la riqualificazione delle relative infrastrutture. Il Centro Commerciale Naturale è divenuto pienamente operativo e conta circa 70 aderenti. Sia questo centro che quello di Seravezza hanno eletto un nuovo presidente e sono profondamente coinvolti nella attività di valorizzazione del territorio mediante iniziative promozionali di vario genere. A causa delle ristrettezze di bilancio l Ente non ha potuto collaborare, in occasione delle feste natalizie, alle attività di valorizzazione dei commercianti, cui va il riconoscimento di aver organizzato manifestazioni anche complesse, che hanno richiamato ospiti proveniente anche dai comuni limitrofi. L Ufficio competente ha terminato la revisione delle bozze della programmazione commerciale, che sono state sottoposte alla Giunta comunale, anche se non è stata avviata la concertazione con le parti sociali in quanto non è ancora stata completata la parte di urbanistica commerciale. Nel 2011 sono state assegnate le autorizzazioni concessioni decennali della fiera di San Giuseppe. Per consentire lo svolgimento del tradizionale luna Park l Ente, che non possiede aree idonee all installazione dello spettacolo viaggiante, ha ricevuto in comodato da privati un area da adibire allo scopo. In occasione della fiera di cui si tratta, come in quella di San Lorenzo, ha curato l allestimento di uno spettacolo pirotecnico sostenendo le spese della progettazione e della fornitura. Accogliendo al richiesta della CIA Toscana e con lo scopo di favorire la commercializzazione di prodotti locali a km zero, dal dicembre 2011 l Amministrazione ha istituito in via sperimentale un mercato dei produttori nella frazione di Querceta. Il mercato si svolge ogni martedì in piazza Pellegrini e completa l offerta dei prodotti di cui si tratta presente nel mercato dei produttori di Pozzi del giovedì. L Ufficio ha completato l istruttoria del nuovo regolamento per la disciplina delle attività di acconciatore, estetista, tatuaggio e piercing, redatto in collaborazione con tutte le amministrazioni comunali aderenti all Unione dei Comuni Alta Versilia, ed ha svolto congiuntamente le fasi della concertazione. Inoltre nel corso del 2011 ha approvato la graduatoria definitiva della procedura di assegnazione delle autorizzazioni di noleggio con conducente. L Ufficio si occupa delle gestione dei diritti e delle sanzioni amministrative nonché dei diritti sanitari ed effettua il monitoraggio sul loro pagamento, nel primo caso provvedendo all emissione di ordinanze ingiunzione, iscrizione a ruolo, rateizzazione. Risultato della gestione 2011 Ricevuto n. 507 SCIA, DIA e richieste di autorizzazione Rilasciato n. 225 autorizzazioni Inoltre rientra nella competenza di questo assessorato, nell ambito del Servizio Sviluppo, la gestione la gestione delle Politiche Giovanili e perciò, nell ambito degli uffici del Polo del Lavoro di Querceta, la gestione del servizio Informagiovani, 1

17 USI CIVICI Procedura di reintegra delle terre collettive e elezioni dell ASBUC Nel corso del 2011, hanno preso avvio le procedure amministrative di reintegra delle terre collettive presenti in vaste aree collinari del nostro territorio comunale. Nel marzo 2011, infatti, la Regione Toscana, preso atto della sentenza del 2008, ha incaricato un perito istruttore demaniale di riprendere il percorso amministrativo iniziato negli anni 80 (e sospeso a seguito dell apertura delle cause davanti al Commissario), con lo scopo di verificare e predisporre gli atti di reintegra dei terreni di uso civico presenti nel nostro Comune, e iniziare il procedimento di restituzione delle terre civiche alle comunità della montagna di Seravezza. Lo scorso dicembre, a seguito del deposito della relazione peritale, la Regione Toscana ha adottato il Decreto di reintegra ex art. 9 L. 1766/1927, in favore delle comunità della montagna di Seravezza (D.D. n del ). I terreni interessati da questa prima fase di restituzione, sono quelli relativi alla sentenza del 2008, oltre ai terreni di natura demaniale intestati a coloro che, ricevuta la notifica nel 1988, all epoca non presentarono ricorso. Sono pertanto esclusi dalla procedura di reintegra, almeno in questa fase, i terreni intestati alla Società Henraux, ancora sotto giudizio. La procedura necessariamente impegnerà la Regione e il Comune di Seravezza anche nel corso del Proprio in questi mesi, infatti, il Perito incaricato dalla Regione Toscana sta effettuando le operazioni catastali (consistenti nella registrazione, trascrizione e voltura) dei terreni da restituire alla collettività. Si tratta del passaggio finale dell iter procedurale previsto dalla normativa, necessario per la costituzione di un primo nucleo di terre civiche. Contemporaneamente, l ufficio Organizzazione Generale sta reperendo tutti gli indirizzi degli attuali possessori dei terreni, per inviare la comunicazione dell avvenuta reintegra. Al termine di queste operazioni (ormai prossime alla conclusione), la Regione adotterà il Decreto di indizione delle elezioni dell ASBUC, il Comitato per l Amministrazione separata dei beni civici frazionali, che gestirà in forma diretta, per conto e a profitto delle comunità della Montagna seravezzina, le terre collettive reintegrate. Entro l autunno, dunque, il Comune di Seravezza vedrà costituirsi e iniziare ad operare sul territorio questo nuovo soggetto, che, a norma del r.d. 332/1928 (art. 64, comma 3), gestirà i beni frazionali con bilanci e inventari separati rispetto a quelli comunali, sotto la sorveglianza del Sindaco che ne potrà rivedere i conti. Già da diverse settimane, pertanto, l Amministrazione e gli uffici comunali hanno avviato un lavoro di studio per la predisposizione degli atti necessari, sia per l impostazione del bilancio comunale, che dovrà tener conto della costituzione dell ASBUC, sia per l organizzazione delle operazioni elettorali, secondo la legge elettorale comunale vigente. È evidente che nei prossimi mesi saremo fortemente impegnati, non solo sotto il profilo delle procedure amministrative, ma anche e soprattutto nella gestione e nella corretta informazione ai cittadini del significato di questo evento, che costituisce per il Comune di Seravezza un importante novità. Procedura demaniale (causa n. 27/1989 RG) con la Società Henraux Come noto, da oltre vent anni il Comune di Seravezza e la Società Henraux si sono confrontati in una causa davanti al Commissario degli Usi civici di Roma, per l accertamento della natura demaniale di un esteso lotto di terreni interessato da importanti attività estrattive.

18 Dopo un dibattimento iniziale e un parallelo tentativo di conciliazione tra il Comune di Seravezza e la società Henraux negli anni , la causa ha visto il susseguirsi di numerose udienze tra il giugno 1989 e il 2001, tutte rinviate e sempre in attesa della conclusione delle trattative. A questa prima fase è seguito un lungo periodo di inattività giudiziaria per carenza di organico dell Ufficio. Dal gennaio 2007, la causa ha ripreso il suo iter ed è oggi giunta ad una fase conclusiva. In questi anni, l Amministrazione Comunale di Seravezza ha ripreso con convinzione e portato avanti l idea che la strada migliore per una definizione della vicenda, da ben due secoli motivo di accesi dibattiti e dure divisioni nella nostra comunità, sia quella di un percorso conciliativo che consenta di coniugare le vocazioni produttive dell impresa con le istanze di tutela ambientale, conservazione e uso per attività agro-silvo-pastorali della comunità. Un accordo di questo tipo, senza dubbio, sarebbe preferibile ad una definizione giudiziaria della vicenda (qualunque ne fosse l esito), sempre impugnabile e, per questo, non in grado di concludere in tempi ragionevoli e senza polemiche la questione. Un momento significativo di questo percorso si è avuto con la produzione in giudizio di un documento approvato all unanimità dei voti dal Consiglio comunale nella seduta del 31 maggio 2010 (delibera n. 32/2010), con cui il Comune di Seravezza ha cercato di stimolare la ripresa delle trattative dopo che, a seguito di un improvviso cambio di rotta da parte della Società Henraux e la ripresa di una decisa attività difensiva delle proprie ragioni, il Commissario riteneva che la causa fosse matura per la decisione. In quell occasione, il Comune di Seravezza si proponeva per la prima volta agli occhi del Giudice non più come semplice controparte in causa, ma nella nuova veste di soggetto intermediario equidistante e catalizzatore dell accordo possibile tra impresa e cittadini residenti. Nel frattempo, infatti, aveva fatto ingresso sulla scena il Comitato Usi Civici della Montagna di Seravezza, costituitosi del 2008, e al dibattito sulla natura demaniale e sulla destinazione dei suoli posseduti dalla Società Henraux si aggiungeva un terzo soggetto, con le proprie istanze e rivendicazioni. Da quel momento, anche grazie alle difese espletate in giudizio, il Comune di Seravezza ha ottenuto la riapertura della causa con ordinanza istruttoria del Commissario adottata nel gennaio Nelle udienze successive, destinate alla produzione di una serie di documenti in originale ritenuti dal Commissario rilevanti per la definizione della vicenda, l Amministrazione comunale ha avanzato più volte la richiesta (supportata anche dal deposito di due memorie difensive) e, infine, ottenuto la nomina di un CTU, al fine di far luce sulle tante ombre della vicenda e dirimere una serie di dubbi non ancora risolti. All ultima udienza, che si è tenuta il 14 dicembre scorso, il Commissario Catalani ha affidato l incarico al Perito Prof. Emanuele Conte, affidandogli il seguente quesito: Esaminati tutti gli atti di causa e le produzioni delle parti, specificamente dei documenti storici da esse prodotti, accerti la completezza degli stessi anche mediante accesso agli archivi di stato di Firenze e di Lucca e dell archivio privato della Henraux sito in località Querceta di Seravezza. Estenda inoltre la ricerca in tutti gli archivi che riterrà necessario consultare. Indichi, inoltre, i riferimenti normativi dell epoca in cui gli atti traslativi furono redatti. Il termine assegnato al CTU per l espletamento dell incarico è di 90 giorni; la prossima udienza è fissata per il 23 maggio A partire da gennaio, quindi, sono iniziate le operazioni peritali di ricerca presso gli Archivi di Stato e lo stesso Archivio storico del Comune di Seravezza è stato visitato dagli assistenti del perito diverse volte. Reputiamo estremamente positivo il fatto di aver ottenuto la nomina di un CTU che possa fare chiarezza su alcuni importanti dubbi ancora esistenti nella ricostruzione dei fatti relativi alle

19 alienazioni del Monte Altissimo. Riteniamo, infatti, che il Comune di Seravezza, la Società Henraux e, soprattutto, la comunità abbiano tutto l interesse a chiudere questa lunga causa pendente dal 1989, ma che ancora più importante sia chiuderla in modo assolutamente trasparente, senza che da parte dei Cittadini e dell opinione pubblica, possano essere sollevati ulteriori dubbi e rivendicazioni. Restiamo convinti, in ogni caso, che la strada migliore sia quella di una concertazione tra le parti, da raggiungere attraverso un percorso, già avviato e da riprendere, sotto la supervisione del Commissario, con la finalità non solo di tutelare l interesse pubblico e l iniziativa privata, ma anche e soprattutto, con la convinzione di sottoscrivere tra gli attori, pubblici e privati, un nuovo Patto territoriale tra le diverse componenti della società seravezzina, che possa chiudere una lunga stagione di controversie giudiziarie durata da 200 anni e costituire un occasione di rilancio e sviluppo del territorio.

20 PUBBLICA ISTRUZIONE Questa Amministrazione, in linea con quanto stabilito negli indirizzi elettorali in materia di pubblica istruzione, riconosce l alto valore della scuola pubblica nell ambito della società e del territorio comunale, e si impegna a sostenere l attività formativa in essa svolta; la necessità di dedicare molte delle sue risorse a questo importante settore e a mantenere uno stretto rapporto di collaborazione con tutto il mondo della scuola, contribuendo a rendere i plessi scolastici luoghi di corretta socializzazione e centri di crescita culturale e personale. Una particolare attenzione si ritiene debba essere rivolta al ruolo svolto dagli operatori all insegnamento, ai quali l Amministrazione comunale non deve far mancare il proprio sostegno per l attività di formazione svolta, contribuendo all alta formazione ed alla ricerca. Si ritiene quindi che il compito fondamentale di questa Amministrazione Comunale sia di proseguire nell impegno forte per migliorare la qualità di tutte le scuole pubbliche e proseguire nell opera di sostegno al bilancio dell Istituto Comprensivo di Seravezza. Dovranno altresì essere garantiti gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria delle strutture scolastiche al fine di mantenere ambienti sani ed idonei allo svolgimento della didattica, proseguendo, per quanto possibile, nell acquisto di arredi per il miglioramento della vivibilità di ciascun plesso. Uno dei principali obiettivi di questa Amministrazione nel settore istruzione, è stato quello di confermare il sostegno nel capoluogo della Sezione Coordinata dell Istituto Professionale Alberghiero Marconi (sezione distaccata dell Istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali, Turistici, Alberghieri e della Ristorazione G. Marconi di Viareggio); Tutto questo, insieme alla presenza dell Istituto IPIA Istituto Professionale per l Industria e l Artigianato Michelangelo, che conferma e valorizza il capoluogo come centro di formazione scolastica per tutto il comune e per l intero territorio versiliese. Il nostro Istituto Comprensivo, all'inizio dell'anno scolastico 2011, si è privato dell'attività della scuola primaria del plesso di Azzano in quanto per mancanza di iscritti non si è potuta formare una prima classe; quindi l'istituto si compone dei seguenti plessi dislocati su tutto il territorio comunale: 1. Scuola dell infanzia Delâtre di Seravezza 2. Scuola dell infanzia Romeo Salvatori di Basati 3. Scuola dell infanzia Bruno Munari di Querceta Sud 4. Scuola dell infanzi Carlo Collodi di Marzocchino 5. Scuola primaria Ermenegildo Frediani di Seravezza 6. Scuola primaria Italo Calvino di Ripa (tempo pieno) 7. Scuola primaria Don Lorenzo Milani di Marzocchino 8. Scuola primaria Gianni Rodari del Frasso 9. Scuola secondaria di primo grado Amos Paoli di Seravezza 10. Scuola secondaria di primo grado Enrico Pea di Marzocchino Strutture scolastiche Negli ultimi anni l A.C. è intervenuta in maniera massiva sulle strutture scolastiche con interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria che hanno reso i plessi scolastici in linea con la normativa dell edilizia scolastica e più vivibili e confortevoli. Sono state utilizzate proprie risorse comunali nonché ulteriori risorse ottenute attraverso l attivazione di contributi esterni ottenuti a seguito della presentazione di progetti specifici. In particolare le opere di maggior rilievo a beneficio dei plessi scolastici hanno riguardato interventi strutturali con adeguamenti dell impiantistica elettrica e idraulica, nuove uscite di sicurezza, creazione di nuove aule, sistemazione esterna scale di accesso, recinzione esterna e miglioramenti 20

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Allegato A C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Settore PROGRAMMAZIONE E FINANZA SUPPORTO ALLA DIREZIONE GENERALE - Programmazione

Dettagli

C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI

C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo)

Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo) Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo) Art. 1 L iscrizione 1. Tutti possono chiedere l iscrizione all ANPI, alle condizioni previste dallo Statuto

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi).

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). 1 Il bilancio consuntivo per l esercizio 2012 è stato approvato con Delibera del Cda

Dettagli

SETTORE SOCIO CULTURALE

SETTORE SOCIO CULTURALE SETTORE SOCIO CULTURALE Attività a carattere sociale Rapporti con i soggetti gestori dei servizi socio-assistenziali, coordinati a livello sovraterritoriale e gestiti dalla Fondazione Territori Sociali

Dettagli

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 1 CALL INTERNAZIONALE DI IDEE PER LO SVILUPPO DEL PROGRAMMA CULTURALE DEL SPAZIO ESPOSITIVO DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione

Dettagli

Comune di BOSCOTRECASE BILANCIO DI PREVISIONE - ESERCIZIO 2015 PARTE I - ENTRATA 09/10/2015 13: 7 Pag. 1

Comune di BOSCOTRECASE BILANCIO DI PREVISIONE - ESERCIZIO 2015 PARTE I - ENTRATA 09/10/2015 13: 7 Pag. 1 PARTE I - ENTRATA 09/10/2015 13: 7 Pag. 1 Risorsa Accertamenti Previsioni PREVISIONI DI COMPETENZA AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 61.562,42 61.562,42 61.562,42 di cui: VINCOLATO 61.562,42 NON VINCOLATO 61.562,42

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DELLE LIBERE ASSOCIAZIONI E DEGLI ORGANISMI DI PARTECIPAZIONE. INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Istituzione dell

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 7 CIRCOLO

DIREZIONE DIDATTICA 7 CIRCOLO DIREZIONE DIDATTICA 7 CIRCOLO di PIACENZA via Emmanueli, 30-29121 Piacenza (PC) Tel. 0523/453812 - Fax 0523/753047 Email: segreteria@settimopc.it casella pec: pcee00700x@pec.istruzione.it sito web: http://www.settimopc.it

Dettagli

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012 COMUNE DI LONGOBARDI ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Con delibera di giunta n. 25 del 29 marzo 2012, il comune di Longobardi, di cui è sindaco Giacinto Mannarino, ha presentato istanza alla Regione,

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO TITOLO I Denominazione - durata - sede - scopi ART 1. Per iniziativa dello Sma (Sistema Museale d'ateneo) e del Museo di Palazzo Poggi, è costituita l Associazione

Dettagli

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Provincia di Latina Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Bando per gli interventi a sostegno delle attività culturali nella Provincia di Latina per gli anni 2014 e 2015, finanziati ai sensi

Dettagli

Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012

Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012 Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012 1 Il quadro finanziario dei Comuni si inserisce in un contesto di finanza pubblica particolarmente indebolito dalla crisi economica che ha

Dettagli

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA, PREVIDENZA ED INCENTIVAZIONE DEI SERVIZI SVOLTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI (adottato ai sensi dell articolo 18, comma 2, del Decreto Legge n. 112/2008, convertito in Legge n. 133/2008)

Dettagli

REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE Art. 1. ISTITUZIONE DEL SERVIZIO È istituito il Servizio Comunale di Protezione Civile, con il compito di dare attuazione alle leggi nazionali e regionali in materia di Protezione

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione Presentazione Rendiconto della Gestione 2007 1 IL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2007 Come sono stati spesi i soldi dei cittadini di Rovigo nel 2007 1. La popolazione* nell ultimo triennio Abitanti al 31.12.2005

Dettagli

Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile.

Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile. C.C. n. 12 del 14/04/2010 Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile. Il Sindaco-Presidente riferisce che: 1. nel novembre 2005 la Commissione Europea ha lanciato

Dettagli

STATUTO. Art. 1 Denominazione e sede E costituita l Associazione Obiettivo Cultura. La sede sociale è sita in Napoli alla Piazza Garibaldi, 26.

STATUTO. Art. 1 Denominazione e sede E costituita l Associazione Obiettivo Cultura. La sede sociale è sita in Napoli alla Piazza Garibaldi, 26. STATUTO Titolo I Disposizioni generali Art. 1 Denominazione e sede E costituita l Associazione Obiettivo Cultura. La sede sociale è sita in Napoli alla Piazza Garibaldi, 26. Art. 2 Oggetto L Associazione

Dettagli

Comune di Brivio. Bilancio di Previsione 2012

Comune di Brivio. Bilancio di Previsione 2012 Comune di Brivio Bilancio di Previsione 2012 Comune di Brivio Linee generali Il bilancio di previsione 2012 si caratterizza proprio per un forte elemento «previsionale», legato ai recenti interventi legislativi

Dettagli

Comune di Livorno. D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017

Comune di Livorno. D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017 Comune di Livorno D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017 1 Il nuovo Ciclo di Programmazione Programma di governo (locale) Finalità Politiche Programmi/Progetti Obiettivi di gestione Indirizzi di finanza

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014 Oggetto: POR FESR Sardegna 2007-2013. Progetto sperimentale Reti di distribuzione e mobilità elettrica. Programmazione azioni di promozione del risparmio e dell efficienza energetica a valere sulla linea

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO LEGALE DI ATENEO (D.R. N. 293 DEL 8 MAGGIO 2013 COME MODIFICATO DAL D.R. N. 43 DEL 26 GENNAIO 2015) ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento disciplina il

Dettagli

La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma

La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma Impostazione,nuova Direttiva e misure prioritarie di Edo Ronchi Roma,10 giugno 2010 Un modello insostenibile di crescita Un economia

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO ALL AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI PER L ANNO 2015 L AUTORITÀ NELLA sua riunione di Consiglio del 6 novembre 2014; VISTA

Dettagli

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA Art. 1 ( Scuola Civica di Musica ) E costituita nel Comune di Villacidro la Scuola Civica di Musica nella forma di cui all art. 114 del D. Lgs.vo n. 267 del 18 Agosto

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 65 del 29 novembre 2004 pubblicata

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO AVENTI SEDE NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI CROTONE Articolo 1 Finalità ed Istituzione dell Albo

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA.

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA SITUAZIONE IN PROVINCIA DI PARMA L autosufficienza nello smaltimento della quota residua di rifiuti

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli

Comune di San Giuliano Milanese

Comune di San Giuliano Milanese Comune di San Giuliano Milanese REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GUARDIA ECOLOGICA VOLONTARIA COMUNALE E DELLA FIGURA DI ISPETTORE AMBIENTALE COMUNALE (Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 40

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri.

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. Articolo 1 COSTITUZIONE SEDE STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. 2) La Fondazione ha sede in Mede, Piazza della Repubblica

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta

Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta Approvato con delibera C.C. n. 61 del 17.12.2004 Art. 1 - Finalità 1. Il presente regolamento disciplina la

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE COMUNE DI RANZANICO PROVINCIA DI BERGAMO SEDE: PIAZZA DEI CADUTI, 1 - C.A.P. 24060 - CODICE FISCALE E PARTITA I.V.A. 00579520164 TEL. (035) 829022 - FAX (035) 829268 - E-MAIL: info@comune.ranzanico.bg.it

Dettagli

OBIETTIVI P.R.O. 2015 AREA SERVIZI FINANZIARI E PERSONALE

OBIETTIVI P.R.O. 2015 AREA SERVIZI FINANZIARI E PERSONALE OBIETTIVI P.R.O. 2015 AREA SERVIZI FINANZIARI E PERSONALE Responsabile: Istruttore Direttivo Luciana Saggini Servizi: 1. Contabilità e bilancio 2. Personale 3. Tributi - Economato OBIETTIVI ANNO 2015 Codice:

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI Il bilancio di previsione si articola in Programmi che corrispondono ai grandi temi di attività di cui il comune si occupa. Ogni programma è suddiviso

Dettagli

- Servizio Industria, Artigianato e Commercio. Allegato n. 1 alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. BOZZA

- Servizio Industria, Artigianato e Commercio. Allegato n. 1 alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. BOZZA Progressivo n. - Servizio Industria, Artigianato e Commercio Allegato n. 1 alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. del BOZZA Accordo di collaborazione tra la Provincia di Bologna e I.S.E.A., Istituto

Dettagli

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE.

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. INDICE TITOLO I ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI art. 1 Finalità

Dettagli

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007.

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. ALLEGATO 1 Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. L anno il giorno del mese di in Roma, con la presente

Dettagli

COMUNE DI FOSSO Provincia di Venezia

COMUNE DI FOSSO Provincia di Venezia COMUNE DI FOSSO Provincia di Venezia R E G O L A M E N T O DELLA BIBLIOTECA COMUNALE TITOLO PRIMO Finalità Funzionamento e gestione Articolo 1 - Finalità La Biblioteca Comunale è organismo dell Ente Locale

Dettagli

Regolamento degli uffici e dei servizi. Allegato C1

Regolamento degli uffici e dei servizi. Allegato C1 Allegato C1 FUNZIIONIIGRAMMA AREA AMMIINIISTRATIIVA E AFFARII GENERALII. personale gestiti dall Area; Contratti di competenza dell Area e tenuta del repertorio dei contratti rogati dall Ente Archivio storico

Dettagli

Associazione Un Teatro a Rose

Associazione Un Teatro a Rose STATUTO DEL COORDINAMENTO TEATRALE MUSICALE CULTURALE Associazione Un Teatro a Rose ART. 1 DICHIARAZIONE COSTITUTIVA E costituito in data 31 Ottobre 2014 un coordinamento no profit, denominato Associazione

Dettagli

Provincia di Udine. P.E.C. comune.maranolagunare@certgov.fvg.it

Provincia di Udine. P.E.C. comune.maranolagunare@certgov.fvg.it Prot. n. 841/2014 AVVISO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI UN INCARICO DI NATURA PROFESSIONALE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO PER LE POLITICHE GIOVANILI E LA GESTIONE DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE

Dettagli

Statuto Associazione RIOLO Associazione Volontari Protezione Civile

Statuto Associazione RIOLO Associazione Volontari Protezione Civile Statuto Associazione RIOLO Associazione Volontari Protezione Civile Art. 1 Costituzione, denominazione e sede 1) E costituita in San Giorgio di Piano l Associazione denominata Riolo Associazione Volontari

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO (Approvato con Delibera del C.C. n. 80 del 30/11/2005) 1 REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE... 1 DEL COMUNE DI BORGO A

Dettagli

REGOLAMENTO Per la concessione in locazione delle Botteghe Artigiane

REGOLAMENTO Per la concessione in locazione delle Botteghe Artigiane C O M U N E D I S I N N A I Provincia di Cagliari Parco delle Rimembranze C.A.P. 09048 Tel. 070/76901 Fax 070 781412 www.comune.sinnai.ca.it Allegato alla deliberazione C.C. n 24 del 14 Giugno 2007 REGOLAMENTO

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 Il Direttore Generale, nella sede dell Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Via Castiglione, 29 nella data sopra indicata, alla presenza del Direttore Amministrativo

Dettagli

Regolamento per il reclutamento del personale. (approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 2 del verbale n. 93 del 10.05.

Regolamento per il reclutamento del personale. (approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 2 del verbale n. 93 del 10.05. Regolamento per il reclutamento del personale (approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 2 del verbale n. 93 del 10.05.2011) 1. PREMESSE In attuazione delle disposizioni di cui all'art.

Dettagli

Governance interna. In questa sezione si coglie l occasione per fare un quadro della gestione delle risor-

Governance interna. In questa sezione si coglie l occasione per fare un quadro della gestione delle risor- Questo capitolo è dedicato alla descrizione del sistema di relazioni dell Ente - la governance - secondo la ormai classica tripartizione: : si tratta dell organizzazione politica e amministrativa, rispettivamente

Dettagli

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 Le Reti d Impresa POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 1 Introduzione L esigenza di fare rete riguarda tutte le imprese ma è ancora più importante

Dettagli

E N T E P R O V I N C I A L E P E R I L T U R I S M O B E N E V E N T O D E L I B E R A Z I O N E C O M M I S S A R I O S T R A O R D I N A R I O

E N T E P R O V I N C I A L E P E R I L T U R I S M O B E N E V E N T O D E L I B E R A Z I O N E C O M M I S S A R I O S T R A O R D I N A R I O E N T E P R O V I N C I A L E P E R I L T U R I S M O B E N E V E N T O D E L I B E R A Z I O N E C O M M I S S A R I O S T R A O R D I N A R I O N. 15 DEL REG. DATA: 09/07/2013 OGGETTO: Decreto Lgs.vo

Dettagli

Comune di Cagliari BILANCIO DI PREVISIONE. Triennio: 2015-2017

Comune di Cagliari BILANCIO DI PREVISIONE. Triennio: 2015-2017 Delibera: 14 / 25 del 31/03/25 Comune di Cagliari BILANCIO DI PREVISIONE Triennio: 25-27 Delibera: 14 / 25 del 31/03/25 ENTRATE Cassa Anno 25 Competenza 25 26 27 SPESE Cassa Anno 25 Competenza 25 26 27

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO;

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; Approvato con deliberazione di G.M. n. 57 del 24/03/2003 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL

Dettagli

Disciplinare per il Marchio di Qualità del Parco delle Prealpi Giulie

Disciplinare per il Marchio di Qualità del Parco delle Prealpi Giulie REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO DELLE PREALPI GIULIE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio di Qualità

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

www.libriprofessionali.it per i tuoi acquisti di libri, banche dati, riviste e software specializzati

www.libriprofessionali.it per i tuoi acquisti di libri, banche dati, riviste e software specializzati Presentazione 1 Autonomie locali e finanza pubblica 1.1 Principi generali 1.1.1 La finanza locale nel sistema delle autonomie locali 1.1.2 Enti locali e riforma della pubblica amministrazione 1.1.3 Le

Dettagli

ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA. E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia

ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA. E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia STATUTO ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA ITALIA NEL CUORE Articolo 1 Denominazione E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia l associazione non riconosciuta denominata: Italia

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009)

CARTA DEI SERVIZI. (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA STRUTTURA PER L INTEGRAZIONE DEGLI STUDENTI DISABILI CARTA DEI SERVIZI (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009) Art.1 - Principi e finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 14.9.2006 INDICE DEGLI

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE In base all art. 19 del TUEL approvato con D. Lgs. 267 del 18 agosto 2000 spettano alla provincia le funzioni amministrative di interesse provinciale

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA AVVISO Criteri e modalità di presentazione delle istanze relative al sostegno di iniziative e manifestazioni culturali, artistiche, musicali, coreutiche, teatrali, ricreative,

Dettagli

mc.corsini@comune.capannori.lu.it

mc.corsini@comune.capannori.lu.it CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CORSINI MARIA CRISTINA Telefono 0583 428211 Cellulare 328.1506241 E-mail mc.corsini@comune.capannori.lu.it Nazionalità Italiana Luogo e data di nascita Fivizzano

Dettagli

COMUNE DI CASARILE Provincia di Milano REGOLAMENTO DELL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI CASARILE Provincia di Milano REGOLAMENTO DELL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI COMUNE DI CASARILE Provincia di Milano REGOLAMENTO DELL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 6 del 18 febbraio 2013 CAPO I PROMOZIONE DELL ASSOCIAZIONISMO Art.

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

(approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 53 in data 26/11/2010)

(approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 53 in data 26/11/2010) COMUNE DI CASTELLINA MARITTIMA PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DEI LOCALI E DELLE STRUTTURE COMUNALI (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 53 in data 26/11/2010)

Dettagli

TRA la Regione Lazio (d ora in poi denominata Regione), con sede in Roma Via Cristoforo Colombo 212,C.F. 80143490581, rappresentata dal E

TRA la Regione Lazio (d ora in poi denominata Regione), con sede in Roma Via Cristoforo Colombo 212,C.F. 80143490581, rappresentata dal E ALLEGATO A Schema di Convenzione per la gestione del Fondo di rotazione per la realizzazione di programmi pluriennali di edilizia residenziale agevolata di cui all art. 82 della Lr n. 8/2002 e successive

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO

BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO Comune di Modena 2015-2017 BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO Ex D.Lgs 118/2011 Approvato con Delibera di Consiglio n. 17 del 05/03/2015 Pag. 1 Allegato n. 9 al D.Lgs. 118/2011 Bilancio di Previsione

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE. Vista la deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 23/01/2008 Assegnazione aree PIP ;

CONSIGLIO COMUNALE. Vista la deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 23/01/2008 Assegnazione aree PIP ; C.C. n. 50 del 26.11.2014 Oggetto: Assunzione mutuo per Debito fuori bilancio derivante da sentenza esecutiva n. 100/2014 emessa dalla Corte d Appello di Brescia, Sezione Prima Civile, ai sensi dell art.

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE. Con atto approvato dal Commissario Straordinario del Comune di Roma n.. del.. e dalla Deliberazione Consiliare

Dettagli

- FONDI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DELLE RISORSE.

- FONDI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DELLE RISORSE. Allegato 1 alla Det. Dir. n 387/2015 BANDO Potenziamento della raccolta differenziata e prevenzione e riutilizzo dei rifiuti urbani D.G.R. Lazio 406/2012 risorse anno 2013 e D.G.R. Lazio 547/2014 risorse

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

COMUNE DI VALSTAGNA BIBLIOTECA CIVICA STATUTO

COMUNE DI VALSTAGNA BIBLIOTECA CIVICA STATUTO COMUNE DI VALSTAGNA BIBLIOTECA CIVICA STATUTO Art. 1 È istituita la Biblioteca pubblica comunale di Valstagna, aperta a tutti i cittadini con l intento di raccogliere, conservare e mettere in valore i

Dettagli

BANDO SENIOR CAPITAL

BANDO SENIOR CAPITAL BANDO SENIOR CAPITAL BANDO PER L INDIVIDUAZIONE DI ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO, ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE, INTERESSATE A PRESENTARE PROGETTI PER LA REALIZZAZIONE DI UNO SPORTELLO DELLE COMPETENZE

Dettagli

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE INDICE 1 di 1 Istituto di Istruzione Superiore J.C. Maxwell Marketing / Orientamento (Processo Principale) Codice PQ 010 MARKETING / ORIENTAMENTO INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO RICONOSCIMENTO CREDITI E DEBITI Istituto Superiore di Studi Musicali L.Boccherini (approvato dal Consiglio Accademico in data 30/05/2011)

REGOLAMENTO RICONOSCIMENTO CREDITI E DEBITI Istituto Superiore di Studi Musicali L.Boccherini (approvato dal Consiglio Accademico in data 30/05/2011) REGOLAMENTO RICONOSCIMENTO CREDITI E DEBITI Istituto Superiore di Studi Musicali L.Boccherini (approvato dal Consiglio Accademico in data 30/05/2011) Riconoscimento crediti per attività formative e artistiche

Dettagli

Prot. n. 9045 C14 d Torino, 12 agosto 2010 Circ. Reg. n. 250 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche della Regione Piemonte LORO SEDI

Prot. n. 9045 C14 d Torino, 12 agosto 2010 Circ. Reg. n. 250 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche della Regione Piemonte LORO SEDI Prot. n. 9045 C14 d Torino, 12 agosto 2010 Circ. Reg. n. 250 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche della Regione Piemonte LORO SEDI OGGETTO:Adempimenti amministrativo-contabili da effettuare in riferimento

Dettagli

Comune di LEVERANO Provincia di LECCE. BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2011

Comune di LEVERANO Provincia di LECCE. BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2011 Provincia di LECCE BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2011 PARTE I - ENTRATA 22/06/2011 9:15 Pag. 1 Risorsa Accertamenti Previsioni PREVISIONI DI COMPETENZA AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 314.100,35 34.790,99

Dettagli

CONVENZIONE. tra REGIONE TOSCANA e CONSORZIO CONFCOMMERCIO CAT. TOSCANA s.ca.r.l. e per l attività inerente la qualificazione del ruolo

CONVENZIONE. tra REGIONE TOSCANA e CONSORZIO CONFCOMMERCIO CAT. TOSCANA s.ca.r.l. e per l attività inerente la qualificazione del ruolo ALLEGATO A CONVENZIONE tra REGIONE TOSCANA e CONSORZIO CONFCOMMERCIO CAT TOSCANA s.ca.r.l. e per l attività inerente la qualificazione del ruolo dei Centri di Assistenza Tecnica e iniziative per l ammodernamento

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo Pubblicata sul BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LOMBARDIA n 38 del 21 settembre

Dettagli

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27)

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27) CONVENZIONE TRA LA REGIONE DELL UMBRIA, LE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI DI PERUGIA E TERNI, I COMUNI DELL UMBRIA LE COMUNITÀ MONTANE DELL UMBRIA PREMESSO CHE: - La legge regionale 31 luglio 1998, n. 27

Dettagli

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO per il finanziamento di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali e sociali, destinati a creare nuova occupazione REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE L iniziativa

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Programmazione Economica e Turismo Oggetto dell'atto: MISURE VOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA STATUTO Art. 1 Origine e sede Su iniziativa del Parco Regionale del Delta del Po Emilia Romagna, con la collaborazione della

Dettagli

g) il personale accompagnatore assume l obbligo di un attenta ed assidua vigilanza; ad esso fanno carico le responsabilità di cui all art.

g) il personale accompagnatore assume l obbligo di un attenta ed assidua vigilanza; ad esso fanno carico le responsabilità di cui all art. Istituto Comprensivo Rovereto Nord REGOLAMENTO VISITE GUIDATE, VIAGGI DI ISTRUZIONE E ATTIVITA DIDATTICHE E FORMATIVE SVOLTE IN AMBIENTE EXTRA-SCOLASTICO Art.1 Finalità e tipologia 1. Tutte le iniziative

Dettagli

Allegato 3 - Raccordo vecchi-nuovi progetti per missione e programma di bilancio

Allegato 3 - Raccordo vecchi-nuovi progetti per missione e programma di bilancio Etichette di riga nuovo progetto vecchio progetto ESPROVV FPV Totale Missione-programma 101 1172 Spese per il personale del programma Organi istituzionali 1172 121.330,02 121.330,02 1372 Spese per il personale

Dettagli

La Regione Toscana, con sede in, codice fiscale rappresentata da in qualità di ;

La Regione Toscana, con sede in, codice fiscale rappresentata da in qualità di ; Allegato A ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA REGIONE TOSCANA E ISTITUTO TECNICO STATALE TULLIO BUZZI per il supporto e lo sviluppo di progetti nell ambito del sostegno locale del distretto pratese. La Regione

Dettagli