Proposte per l uso di Reti GNSS nell aggiornamento topografico di qualità

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Proposte per l uso di Reti GNSS nell aggiornamento topografico di qualità"

Transcript

1 Proposte per l uso di Reti GNSS nell aggiornamento topografico di qualità Roberto Gavaruzzi Regione Emilia-Romagna Servizio Sviluppo dell Amministrazione Digitale e Sistemi informativi geografici Bologna, 15 gennaio 2009 Presentazione Rete GNSS Fondazione Geometri ER

2 Proposte per l uso di Reti GNSS indice

3 2 - Proposte per l uso di Reti GNSS sede convegno 1 da Google alla PA 2 1 3?

4 3 - Proposte per l uso di Reti GNSS da Google alla PA Ortofoto 2008 una nuova collaborazione AGEA & RER Bologna

5 4 - Proposte per l uso di Reti GNSS da Google alla PA in Emilia Romagna

6 5a - Proposte per l uso di Reti GNSS sinergie nazionali PA Ortofoto multifunzione 2008 AGEA & Regione in corso il completamento delle verifiche di qualità e dal 2 aprile 2009 pubblicate e consultabili da tutti le ortofoto a colori su www. regione.emilia-romagna/ sigeografici agli Enti Locali anche in DVD per mantenerne le proprietà geometriche nei propri SIT/GIS

7 5b - Proposte per l uso di Reti GNSS sinergie nazionali PA

8 6 - Proposte per l uso di Reti GNSS sinergie nazionali PA AGEA ogni tre anni si rifornisce di ortofoto per certificare, in Emilia Romagna tramite AGREA, le dichiarazioni degli agricoltori nel 2008 ha collaborato con la Regione per rendere più frequenti e più versatili le ortofoto [colore+infrarosso+quota edifici] nel 2009 collaborerà con la Regione per integrare processo Uso Suolo Agricolo con processo Uso Suolo bel DB Topografico

9 7 - Proposte per l uso di Reti GNSS sinergie nazionali PA AdT l Agenzia del Territorio ogni tre mesi fornisce al Centro Servizi regionale Sigma Ter copia dei dati catastali secondo le procedure della Amministrazione digitale nel 2008 ha collaborato con la Regione per pubblicare le mappe anche in Gauss Boaga e in WGS84 nel 2009 collaborerà con la Regione per ridurre sui confini dei fogli la frequenza di aree pubbliche descritte non in modo identico

10 8 - Proposte per l uso di Reti GNSS sinergie locali PA le carte tecniche regionali e comunali con la LR 20/2000 art. A 27 si integrano e diventano la struttura portante [CGU] della PA locale nella rappresentazione topografica operativa nei SIT e nei GIS in Emilia Romagna nel 2008 la Regione -ha usato i grigliati di Verto IGM per pubblicare le CTR anche in WGS84 - ha avviato nel piano telematico la Community Network Emilia Romagna [CNER] nel 2009 la Regione pubblicherà la riorganizzazione ad oggetti della CTR [DB Topografico] e collaborerà [CNER] con gli Enti Locali per il suo aggiornamento con i permessi di costruire [di cui al MUDE del Progetto ELISA]

11 9a - Proposte per l uso di Reti GNSS sinergie locali PA le carte tecniche regionali e comunali con la LR 20/2000 art. A 27 si integrano e diventano la struttura portante [CGU] della PA locale nella rappresentazione topografica operativa nei SIT e nei GIS in Emilia Romagna CGU = carta geografica unica si applica alla cartografia tecnica: quando quella comunale è ad una scala maggiore, si tiene in linea solo la comunale curando la congruenza sul contorno tra le carte nel 2008 la Regione -ha usato i grigliati di Verto IGM per pubblicare le CTR anche in WGS84 - ha avviato nel piano telematico la Community Network Emilia Romagna [CNER] nel 2009 la Regione pubblicherà la riorganizzazione ad oggetti della CTR [DB Topografico] e collaborerà [CNER] con gli Enti Locali per il suo aggiornamento con i permessi di costruire [di cui al MUDE del Progetto ELISA]

12 9b - Proposte per l uso di Reti GNSS sinergie locali PA le carte tecniche regionali e comunali con la LR 20/2000 art. A 27 si integrano e diventano la struttura portante [CGU] della PA locale nella rappresentazione topografica operativa nei SIT e nei GIS in Emilia Romagna 1/3 DB Topografico regionale e MUDE nel 2008 la Regione -ha usato i grigliati di Verto IGM per pubblicare le CTR anche in WGS84 - ha avviato nel piano telematico la Community Network Emilia Romagna [CNER] nel 2009 la Regione pubblicherà la riorganizzazione ad oggetti della CTR [DB Topografico] e collaborerà [CNER] con gli Enti Locali per il suo aggiornamento con i permessi di costruire [di cui al MUDE del Progetto ELISA]

13 9b - Proposte per l uso di Reti GNSS sinergie locali PA le carte tecniche regionali e comunali con la LR 20/2000 art. A 27 si integrano e diventano la struttura portante [CGU] della PA locale nella rappresentazione topografica operativa nei SIT e nei GIS in Emilia Romagna 2/3 MUDE = modello unico per gli edifici nel 2008 la Regione -ha usato i grigliati di Verto IGM per pubblicare le CTR anche in WGS84 - ha avviato nel piano telematico la Community Network Emilia Romagna [CNER] nel 2009 la Regione pubblicherà la riorganizzazione ad oggetti della CTR [DB Topografico] e collaborerà [CNER] con gli Enti Locali per il suo aggiornamento con i permessi di costruire [di cui al MUDE del Progetto ELISA]

14 9b - Proposte per l uso di Reti GNSS sinergie locali PA le carte tecniche regionali e comunali con la LR 20/2000 art. A 27 si integrano e diventano la struttura portante [CGU] della PA locale nella rappresentazione topografica operativa nei SIT e nei GIS in Emilia Romagna 3/3 MUDE è anche integrazione Sigma Ter nel 2008 la Regione -ha usato i grigliati di Verto IGM per pubblicare le CTR anche in WGS84 - ha avviato nel piano telematico la Community Network Emilia Romagna [CNER] nel 2009 la Regione pubblicherà la riorganizzazione ad oggetti della CTR [DB Topografico] e collaborerà [CNER] con gli Enti Locali per il suo aggiornamento con i permessi di costruire [di cui al MUDE del Progetto ELISA]

15 10a - Proposte per l uso di Reti GNSS strategie locali PA 1. fornire gratuitamente su web le carte tecniche regionali (CTR) e comunali (CTC) a tutti i professionisti CTR a colori da disegno automatico di DB Topografico 2. aggiornare la direttiva tecnica sulla cartografia nella LR 20/2000 art. A 27 per standardizzare i RUE per far sì che la planimetria generale per le richieste dei permessi di costruire siano realizzati su uno stralcio delle CTR non deformato georeferenziato (Procedura GeoProgetto) 3. calcolare, insieme ad AdT, nuove e accurate coordinate di un po di Punti Fiduciali (PF) per far convergere su di esse sia CTR, sia mappe catastali [se si usa una rete GNSS questa operazione è più robusta e costa meno] 4. Aggiornare ulteriormente la direttiva tecnica art. A 27 sulla cartografia per inquadrare gli atti di aggiornamento solo nelle reti GNSS certificate e realizzati con procedure RTK certificate CTR monocolore più proiezione a minimi quadrati di mappa catastale da sevizi amministrazione digitale Sigma Ter

16 10b - Proposte per l uso di Reti GNSS strategie locali PA 1. fornire gratuitamente su web le carte tecniche regionali (CTR) e comunali (CTC) a tutti i professionisti 2. aggiornare la direttiva tecnica sulla cartografia nella LR 20/2000 art. A 27 per standardizzare i RUE per far sì che la planimetria generale per le richieste dei permessi di costruire siano realizzati su uno stralcio delle CTR non deformato georeferenziato (Procedura GeoProgetto) prossimamente su web Regione e PA locale stralcio cartografico con anche sua georeferenziazione da sito web 3. calcolare, insieme ad AdT, nuove e accurate coordinate di un po di Punti Fiduciali (PF) per far convergere su di esse sia CTR, sia mappe catastali [se si usa una rete GNSS questa operazione è più robusta e costa meno] 4. Aggiornare ulteriormente la direttiva tecnica art. A 27 sulla cartografia per inquadrare gli atti di aggiornamento solo nelle reti GNSS certificate e realizzati con procedure RTK certificate da PA locale a professionisti da professionisti a PA locale edificio di progetto disegnato nel lotto e rappresentato sulla CTR digitale e georeferenziata

17 10c - Proposte per l uso di Reti GNSS strategie locali PA 1. fornire gratuitamente su web le carte tecniche regionali (CTR) e comunali (CTC) a tutti i professionisti CTR più proiezione a minimi quadrati sui PF di mappa catastale 2. aggiornare la direttiva tecnica sulla cartografia nella LR 20/2000 art. A 27 per standardizzare i RUE per far sì che la planimetria generale per le richieste dei permessi di costruire siano realizzati su uno stralcio delle CTR non deformato georeferenziato (Procedura GeoProgetto) 3. calcolare, insieme ad AdT, nuove e accurate coordinate di un po di Punti Fiduciali (PF) per far convergere su di esse sia CTR, sia mappe catastali [se si usa una rete GNSS questa operazione è più robusta e costa meno] 4. Aggiornare ulteriormente la direttiva tecnica art. A 27 sulla cartografia per inquadrare gli atti di aggiornamento solo nelle reti GNSS certificate e realizzati con procedure RTK certificate differenze nelle coordinate PF in ambiente catasto e in ambiente CTR con la Rete GNSS, si possono ben misurare nuove e precise coordinate dei PF e riadattarvi ai minimi quadrati CTR e mappe per poi realizzare una semplice ed unica georeferenziazione di qualità degli atti geometrici di aggiornamento

18 10d - Proposte per l uso di Reti GNSS strategie locali PA 1. fornire gratuitamente su web le carte tecniche regionali (CTR) e comunali (CTC) a tutti i professionisti 2. aggiornare la direttiva tecnica sulla cartografia nella LR 20/2000 art. A 27 per standardizzare i RUE per far sì che la planimetria generale per le richieste dei permessi di costruire siano realizzati su uno stralcio delle CTR non deformato georeferenziato (Procedura GeoProgetto) 3. calcolare, insieme ad AdT, nuove e accurate coordinate di un po di Punti Fiduciali (PF) per far convergere su di esse sia CTR, sia mappe catastali [se si usa una rete GNSS questa operazione è più robusta e costa meno] 4. Aggiornare ulteriormente la direttiva tecnica art. A 27 sulla cartografia per inquadrare gli atti di aggiornamento solo nelle reti GNSS certificate e realizzati con procedure RTK certificate 1/3 questa sarà una rete GNSS certificata? 2/3 questo operatore dichiarerà che sta usando procedure RTK certificate? 3/3 oggi il processo di certificazione di settore non è ancora stato studiato e messo a punto

19 11a - Proposte per l uso di Reti GNSS strategie CISIS per la qualità GNSS il CISIS è un organo tecnico interregionale che ricomprende tre componenti: la statistica, l informatica, la cartografia ed i sistemi informativi geografici il CISIS nel dicembre scorso ha sottoscritto un accordo con IGM per il cofinanziamento dei centri di calcolo esterni universitari di referaggio della Rete Dinamica Nazionale il CISIS ha commissionato ai geodeti universitari italiani una ricerca sullo sviluppo delle reti geodetiche

20 11b - Proposte per l uso di Reti GNSS strategie CISIS per la qualità GNSS il CISIS è un organo tecnico interregionale che ricomprende tre componenti: la statistica, l informatica, la cartografia ed i sistemi informativi geografici il CISIS nel dicembre scorso ha sottoscritto un accordo con IGM per il cofinanziamento dei centri di calcolo esterni universitari di referaggio della Rete Dinamica Nazionale il CISIS ha commissionato ai geodeti universitari italiani una ricerca sullo sviluppo delle reti geodetiche

21 11c - Proposte per l uso di Reti GNSS strategie CISIS per la qualità GNSS il CISIS è un organo tecnico interregionale che ricomprende tre componenti: la statistica, l informatica, la cartografia ed i sistemi informativi geografici il CISIS nel dicembre scorso ha sottoscritto un accordo con IGM per il cofinanziamento dei centri di calcolo esterni universitari di referaggio della Rete Dinamica Nazionale il CISIS ha commissionato ai geodeti universitari italiani una ricerca sullo sviluppo delle reti geodetiche

22 11d - Proposte per l uso di Reti GNSS strategie CISIS per la qualità GNSS il CISIS è un organo tecnico interregionale che ricomprende tre componenti: la statistica, l informatica, la cartografia ed i sistemi informativi geografici il CISIS nel dicembre scorso ha sottoscritto un accordo con IGM per il cofinanziamento dei centri di calcolo esterni universitari di referaggio della Rete Dinamica Nazionale il CISIS ha commissionato ai geodeti universitari italiani una ricerca sullo sviluppo delle reti geodetiche

23 12 - Proposte per l uso di Reti GNSS appendice 1 geodinamica il calcolo della posizione delle antenne ci racconta se ci sono stati spostamenti geodinamici locali ad esempio ci permette di studiare e capire perché l antenna IGS (International GNSS Service) di Medicina, anche se molto ben gestita, ha movimenti verticali

IL P.U.C. DI MODENA (Piano Urbanistico Comunale)

IL P.U.C. DI MODENA (Piano Urbanistico Comunale) MODELLO DATI PER GLI STRUMENTI URBANISTICI COMUNALI IN FORMATO DIGITALE (LR 20/2000) Regione Emilia Romagna IL P.U.C. DI MODENA (Piano Urbanistico Comunale) LA CARTOGRAFIA DI BASE Cartografia catastale

Dettagli

Il Sistema Informativo Territoriale Regionale SITR-IDT

Il Sistema Informativo Territoriale Regionale SITR-IDT SITR-IDT Roma, 22 Settembre 2009 Banca dati ufficiale della Regione Sardegna e relativa infrastruttura per la gestione dei dati territoriali e la loro esposizione attraverso servizi di pubblicazione standard

Dettagli

Corso di Sistemi Informativi Geografici. Presentazione del corso Maria Luisa Damiani A.A. 2013-14

Corso di Sistemi Informativi Geografici. Presentazione del corso Maria Luisa Damiani A.A. 2013-14 Corso di Sistemi Informativi Geografici Presentazione del corso Maria Luisa Damiani A.A. 2013-14 Sommario Contenuti Modalita' d'esame Sito e calendario Obiettivi e contenuto del corso Introduzione ai modelli

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA DI RIFERIMENTO DEL VENETO: IL FUSO 12

IL NUOVO SISTEMA DI RIFERIMENTO DEL VENETO: IL FUSO 12 Il Territorio tra scienza e comunicazione. L evoluzione L tecnologica e i nuovi sistemi di rappresentazione Padova, 16 febbraio 2015 Università degli Studi di Padova Il Territorio tra scienza e comunicazione.

Dettagli

Catasto Terreni. L offerta integrata della cartografia digitale della Provincia di Torino: Sara Mannoni

Catasto Terreni. L offerta integrata della cartografia digitale della Provincia di Torino: Sara Mannoni Strumenti per il Governo del territorio. La Cartografia e l Ortofoto digitale della Provincia di Torino: verso un Sistema Informativo Unificato Torino, 07/02/08 L offerta integrata della cartografia digitale

Dettagli

La cartografia storica in rete

La cartografia storica in rete L'Infrastruttura geografica toscana I servizi di condivisione dati verso INSPIRE SEMINARIO La cartografia storica in rete FIRENZE, 29 maggio 2013 Auditorium di Santa Apollonia Via San Gallo, 25/a CONTESTO

Dettagli

Mappe d Impianto catastale, una risorsa storico-cartografica georeferenziata.

Mappe d Impianto catastale, una risorsa storico-cartografica georeferenziata. Mappe d Impianto catastale, una risorsa storico-cartografica georeferenziata. Fabio Zonetti e42.it Cartography website Roma Con la Legge Messedagliadel 1 Marzo 1886 venne disposta la formazione di un catasto

Dettagli

Quadro di riferimento per l aggiornamento del Db topografico e l interscambio con le banche dati catastali Gli aspetti tecnici

Quadro di riferimento per l aggiornamento del Db topografico e l interscambio con le banche dati catastali Gli aspetti tecnici Quadro di riferimento per l aggiornamento del Db topografico e l interscambio con le banche dati catastali Gli aspetti tecnici Prof. Ing. Franco Guzzetti Dipartimento BEST Facoltà di Architettura Civile

Dettagli

Storia della cartografia ufficiale italiana

Storia della cartografia ufficiale italiana Storia della cartografia ufficiale italiana 1719 Cartografia catastale austriaca (Lombardia - Lombardo Veneto) scala 1: 2000 nessun inquadramento geodetico Fine 1700 Prima carta inquadrata della Lombardia

Dettagli

Corso di GEOGRAFIA ANTROPICA A.A. 2012/13 Prof. Fulvio Adobati

Corso di GEOGRAFIA ANTROPICA A.A. 2012/13 Prof. Fulvio Adobati Corso di GEOGRAFIA ANTROPICA A.A. 2012/13 Prof. Fulvio Adobati Comunicazioni a cura di Andrea Azzini Filippo Carlo Pavesi Centro Studi sul Territorio Lelio Pagani Università degli Studi di Bergamo L

Dettagli

Le stazioni permanenti GPS nel rilievo catastale: ruolo dell Agenzia del territorio. Perugia, 13 dicembre 2006 Università degli Studi di Perugia

Le stazioni permanenti GPS nel rilievo catastale: ruolo dell Agenzia del territorio. Perugia, 13 dicembre 2006 Università degli Studi di Perugia Le stazioni permanenti GPS nel rilievo catastale: ruolo dell Agenzia del territorio Perugia, 13 dicembre 2006 Università degli Studi di Perugia L agenda L atto di aggiornamento catastale : contenuti e

Dettagli

Sistema Informativo Territoriale. DB topografico e toponomastica. Area Pianificazione e Controlli Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica

Sistema Informativo Territoriale. DB topografico e toponomastica. Area Pianificazione e Controlli Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica Area Pianificazione e Controlli Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica Sistema Informativo Territoriale DB topografico e toponomastica Milano, 19.11.2009 RISORSE COMUNI 2009 Ing. Silvia Castellanza

Dettagli

Progetto di cartografia per conoscere il paesaggio. Direzione didattica Sassuolo 2 circolo

Progetto di cartografia per conoscere il paesaggio. Direzione didattica Sassuolo 2 circolo Progetto di cartografia per conoscere il paesaggio Direzione didattica Sassuolo 2 circolo Anno scolastico 2011/12 Insegnante referente: Ferrari Elisa SASSUOLO E LA CARTOGRAFIA Presentazione del progetto

Dettagli

Autodesk Map parte I digitalizzazione e importazione dati

Autodesk Map parte I digitalizzazione e importazione dati Autodesk Map parte I digitalizzazione e importazione dati Marco Negretti e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.it V 5.1 10/10/08 I dati in Autodesk Map I dati vengono memorizzati

Dettagli

CATASTO CONSERVAZIONE CATASTO TERRENI

CATASTO CONSERVAZIONE CATASTO TERRENI CATASTO CONSERVAZIONE CATASTO TERRENI CONSERVARE IL CATASTO SIGNIFICA TENERLO AGGIORNATO PER QUANTO Conservazione del Catasto Terreni RIGUARDA LE VARIAZIONI DI POSSESSO, DI CONFIGURAZIONE GEOMETRICA DELLE

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CONVEGNO - 1 e 8 MARZO 2007 ARGOMENTI TRATTATI SAN MICHELE ALL ADIGE - Finanziaria 2007 e Catasto - Sistema di interscambio dei dati e obbligo della dichiarazione ai fini ICI

Dettagli

Indice Generale. Indice Generale... 3 Premessa... 6

Indice Generale. Indice Generale... 3 Premessa... 6 Indice Generale Indice Generale... 3 Premessa... 6 1. I SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI: INTRODUZIONE... 8 1.1. Nascita dei Sistemi Informativi Territoriali... 11 1.2. Cosa è un SIT... 20 1.3. Componenti

Dettagli

Scala dello sviluppo. Sviluppo. Scala del foglio. Indicazione del foglio. D.Magni - Cartografia catastale (a.a. 2003/04) - L6 / V

Scala dello sviluppo. Sviluppo. Scala del foglio. Indicazione del foglio. D.Magni - Cartografia catastale (a.a. 2003/04) - L6 / V Scala dello sviluppo Sviluppo Indicazione del foglio Scala del foglio 1 Contenuti delle mappe L oggetto principale disegnato nelle mappe catastali è la particella catastale, rappresentata integralmente

Dettagli

martedì 31 marzo 2009

martedì 31 marzo 2009 martedì 31 marzo 2009 Dott. Marco Mataloni Helix srl Consorzio Quadratech mataloni@helix.it La tecnologia Geospaziale a supporto delle decisioni per le politiche di valorizzazione del territorio Helix?

Dettagli

La collaborazione tra Regione Lombardia e Regione Piemonte: i database ARIR

La collaborazione tra Regione Lombardia e Regione Piemonte: i database ARIR La collaborazione tra Regione Lombardia e Regione Piemonte: i database ARIR Direzione Ambiente Settore Grandi Rischi Ambientali, Danno Ambientale e Bonifiche ing. Milena ORSO GIACONE 1 Seveso in Piemonte

Dettagli

Corso ABILITANDO 2016 CATASTO TERRENI. A CURA DEI COMPONENTI DELLA COMMISSIONE CATASTO Mungai, Rossini e Menchini

Corso ABILITANDO 2016 CATASTO TERRENI. A CURA DEI COMPONENTI DELLA COMMISSIONE CATASTO Mungai, Rossini e Menchini Corso ABILITANDO 2016 CATASTO TERRENI A CURA DEI COMPONENTI DELLA COMMISSIONE CATASTO Mungai, Rossini e Menchini DEFINIZIONE DI CATASTO Il catasto è l inventario dei beni immobili presenti sul territorio

Dettagli

IL CATASTO TERRENI ATTI DI AGGIORNAMENTO TIPO MAPPALE

IL CATASTO TERRENI ATTI DI AGGIORNAMENTO TIPO MAPPALE Il catasto inizia nel 1886 attraverso una Legge che sancì l uso per tutto il territorio italiano di un catasto geometrico particellare. In definitiva il catasto terreni entra in vigore e quindi in conservazione

Dettagli

L utilizzo dei metadati nel Sistema Informativo Territoriale della Provincia di Parma

L utilizzo dei metadati nel Sistema Informativo Territoriale della Provincia di Parma Provincia di Parma Barbara Morrocchi Servizio Sistema Informativo L utilizzo dei metadati nel Sistema Informativo Territoriale della Provincia di Parma Il Sistema Informativo Territoriale: i protagonisti

Dettagli

Controlli del territorio e tecnologie spaziali

Controlli del territorio e tecnologie spaziali SERVIZI INTEGRATI PER LA RIQUALIFICAZIONE DEL TERRITORIO E PER L EDILIZIA: COME OPERARE IN FILIERA IMPRENDITORIALE PER PROMUOVERE LA COMPETITIVITÀ E L INTERNAZIONALIZZAZIONE Convegno OICE Confindustria

Dettagli

2. GIS PER LA PIANIFICAZIONE DEI SISTEMI DI TRASPORTO

2. GIS PER LA PIANIFICAZIONE DEI SISTEMI DI TRASPORTO INDICE PREMESSA 1. IL SISTEMA DI POSIZIONAMENTO SATELLITARE (GPS) 1.1. Il servizio GPS...2 1.1.2. Il segnale GPS... 6 1.1.3. Le misure... 7 1.1.4. La precisione del servizio GPS... 9 1.1.4.1. Errori sistematici...

Dettagli

la georeferenziazione dell informazione spaziale

la georeferenziazione dell informazione spaziale la georeferenziazione dell informazione spaziale Georeferenziazione Un dato spaziale georeferenziato è un dato che è riferito ad una collocazione fisica sulla superficie terrestre attraverso delle coordinate

Dettagli

Formazione della Cartografia Catastale Numerica

Formazione della Cartografia Catastale Numerica Trento, 4 giugno 2008 Formazione della Cartografia Catastale Numerica Aspetti tecnico-operativi a cura di Stefano Girardi Programma Motivazioni Supporto legislativo Disposizioni tecniche Le verifiche di

Dettagli

Torino, 07/02/2008. Relatore Paolo Foietta

Torino, 07/02/2008. Relatore Paolo Foietta Torino, Un sistema informativo unificato per il Governo del Territorio attraverso gli strumenti di pianificazione urbanistica comunale Relatore Paolo Foietta E stata avviata una fase di sperimentazione

Dettagli

La rappresentazione dello spazio terrestre.

La rappresentazione dello spazio terrestre. La rappresentazione dello spazio terrestre nadia.carestiato@uniud.it La cartografia è è lo strumento privilegiato della conoscenza geografica in quanto rende visibile l informazione. Le carte sono delle

Dettagli

L integrazione di GPS con altri strumenti topografici

L integrazione di GPS con altri strumenti topografici Scuola Regionale Servizi GPS di posizionamento per il territorio o e il catasto 16 Febbraio 2006 L integrazione di GPS con altri strumenti topografici Ing.. Marco Scaioni Politecnico di Milano D.I.I.A.R.

Dettagli

CARTOGRAFIA 2 V 1 LA CARTA TRADIZIONALE. È la rappresentazione sul piano della superficie terrestre secondo determinate norme e segni convenzionali

CARTOGRAFIA 2 V 1 LA CARTA TRADIZIONALE. È la rappresentazione sul piano della superficie terrestre secondo determinate norme e segni convenzionali CARTOGRAFIA 2 V 2 P V 3 V 1 π LA CARTA TRADIZIONALE È la rappresentazione sul piano della superficie terrestre secondo determinate norme e segni convenzionali È costituita da un disegno che rappresenta

Dettagli

Voc. Campetti, 124/A Via Cesare Correnti, 2. Regolamento di attuazione della Legge Regionale FVG 6 dicembre 2004, n. 28

Voc. Campetti, 124/A Via Cesare Correnti, 2. Regolamento di attuazione della Legge Regionale FVG 6 dicembre 2004, n. 28 Regolamento di attuazione della Legge Regionale FVG 6 dicembre 2004, n. 28 Livelli dell intensità del campo elettromagnetico generato dagli impianti di telefonia mobile inseriti nel Catasto Regionale Comune

Dettagli

Obbligatorietà della trasmissione telematica, con modello unico informatico catastale, per la presentazione degli atti di aggiornamento.

Obbligatorietà della trasmissione telematica, con modello unico informatico catastale, per la presentazione degli atti di aggiornamento. N. prot. 2015/35112 Obbligatorietà della trasmissione telematica, con modello unico informatico catastale, per la presentazione degli atti di aggiornamento. IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni

Dettagli

Istituzioni e Territori

Istituzioni e Territori Istituzioni e Territori Obiettivo Ristrutturare l attuale offerta dei servizi ICT a supporto dell Area Lavoro, Impresa e Sviluppo Economico attraverso la realizzazione di un quadro organico di interventi

Dettagli

Riserva Naturale della. Riserva Naturale della

Riserva Naturale della. Riserva Naturale della Spett.le Ente Regionale RomaNatura Via Gomenizza, 81 00195 - ROMA Oggetto: richiesta di preventivo Nulla Osta relativo ad interventi, impianti ed opere ai sensi dell art.28 della L.R. 29/1997. Riserva

Dettagli

PROGETTO MIRCA: Mosaico Informatico Regionale delle Classificazioni Acustiche

PROGETTO MIRCA: Mosaico Informatico Regionale delle Classificazioni Acustiche PROGETTO MIRCA: Mosaico Informatico Regionale delle Classificazioni Acustiche IL PROGETTO MIRCA Nasce dalla necessità di raccogliere in un unica sede tutti i Piani di Classificazione Acustica dei comuni

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo Fornitura di Dati, Sistemi e Servizi per la Realizzazione del Sistema Informativo del Piano Straordinario

Dettagli

Semplificazione: al via l impresa in 1 giorno A regime la Comunicazione Unica per l avvio dell attività d impresa

Semplificazione: al via l impresa in 1 giorno A regime la Comunicazione Unica per l avvio dell attività d impresa Semplificazione: al via l impresa in 1 giorno A regime la Comunicazione Unica per l avvio dell attività d impresa Roma, marzo 2010 Si avvicina al termine il conto alla rovescia per semplificare la vita

Dettagli

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno Allegato n. 5 COPIA ATTO DI FRAZIONAMENTO N. 132310.1/2011 Punto 22) Elenco Allegati - Bando di Gara COPIA ATTO DI FRAZIONAMENTO APPROVATO PROT. N. 132310.1/2011

Dettagli

Strumenti e documenti per la lettura del paesaggio

Strumenti e documenti per la lettura del paesaggio Università degli Studi di Udine Dipartimento di Scienze Umane Strumenti e documenti per la lettura del paesaggio Alma Bianchetti e Nadia Carestiato Udine, 18 dicembre 2015 Gruppo di lavoro Partecipazione

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome GIUDICI MICHELE Indirizzo 46, VIA CARACCIOLO, 21100, VARESE, ITALIA Telefono 0332/255719 Fax 0332/255750

Dettagli

Regione Toscana. Diritti Valori Innovazione Sostenibilità REPERTORIO CARTOGRAFICO PREPRINT

Regione Toscana. Diritti Valori Innovazione Sostenibilità REPERTORIO CARTOGRAFICO PREPRINT Regione Toscana Diritti Valori Innovazione Sostenibilità REPERTORIO CARTOGRAFICO PREPRINT FOGLIO 14o48 Raster Tiff Georeferito S.I.R.T.A. Sistema Informativo Regionale del Territorio e dell'ambiente CARTOGRAFIA

Dettagli

Regione Campania Area generale di Coordinamento Governo del Territorio Settore Monitoraggio e Controllo Accordi di Programma Servizio S.I.T.

Regione Campania Area generale di Coordinamento Governo del Territorio Settore Monitoraggio e Controllo Accordi di Programma Servizio S.I.T. Regione Campania Area generale di Coordinamento Governo del Territorio Settore Monitoraggio e Controllo Accordi di Programma Servizio S.I.T. Centro Direzionale Isola A/6 80143 Napoli tel. 081 7966956 e-mail:

Dettagli

PFCAD MOBILE software

PFCAD MOBILE software PFCAD MOBILE software E un software studiato per Pocket PC e Windows Mobile che permette lo scarico dati diretto dallo strumento, il controllo bidirezionale dello strumento, l edit manuale, il controllo

Dettagli

I sistemi di riferimento geodetici e cartografici utilizzati dall applicativo Conversione di

I sistemi di riferimento geodetici e cartografici utilizzati dall applicativo Conversione di Sistemi Geodetici e Sistemi Cartografici considerati I sistemi di riferimento geodetici e cartografici utilizzati dall applicativo Conversione di Coordinate fanno riferimento, nelle tabelle sotto riportate,

Dettagli

Cartografia e open data Utili nel quotidiano, indispensabili nell emergenza

Cartografia e open data Utili nel quotidiano, indispensabili nell emergenza Cartografia e open data Utili nel quotidiano, indispensabili nell emergenza La rete GNSS «A.Marussi» della Regione FVG ForumPA 2015 - Roma, 26 maggio2015 Michela Furlan - Insiel S.p.A. Aggiornamento ed

Dettagli

PROGETTO ORTOFOTO DIGITALE a COLORI scala 1:5000 -

PROGETTO ORTOFOTO DIGITALE a COLORI scala 1:5000 - servizio gestione informazioni territoriali ambientali e cartografiche afiche PROGETTO ORTOFOTO DIGITALE a COLORI scala 1:5000 - prof. ing.. Roberto CHIABRANDO Università di Torino ORTOFOTO? supporto cartografico

Dettagli

Sistemi GIS: metodologie e casi applicativi

Sistemi GIS: metodologie e casi applicativi Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Trento 1/22 Introduzione Scopo del lavoro: introdurre al modo di ragionare proprio dei GIS attraverso esempi di soluzione dei

Dettagli

Il progetto SIMULATOR

Il progetto SIMULATOR Conferenza Esri Italia 2015 Roma 15-16 Aprile 2015 Ergife Palace Hotel Il progetto SIMULATOR Utilizzo di dati da ricevitori GNSS a singola frequenza per il monitoraggio geofisico Davide Curone Esri Italia

Dettagli

Avvio del servizio di visura catastale presso gli uffici postali

Avvio del servizio di visura catastale presso gli uffici postali Avvio del servizio di visura catastale presso gli uffici postali Reti Amiche E un progetto, promosso dal Ministero per la Pubblica Amministrazione e l Innovazione, che incentiva iniziative volte a superare

Dettagli

Oggetto: Piano di Sviluppo Rete Radio Mobile per l anno 2015 Comunicazione ai sensi dell Art. 9 - comma 2 della L.R. Toscana n.

Oggetto: Piano di Sviluppo Rete Radio Mobile per l anno 2015 Comunicazione ai sensi dell Art. 9 - comma 2 della L.R. Toscana n. Prot. n. A5-1543/2014 Trasmessa tramite PEC Spettabile Comune di Follonica Roma, lì 28 Ottobre 2014 Oggetto: Piano di Sviluppo Rete Radio Mobile per l anno 2015 Comunicazione ai sensi dell Art. 9 - comma

Dettagli

Sviluppo delle Reti a Banda UltraLarga in Regione Puglia. 16 Febbraio 2015

Sviluppo delle Reti a Banda UltraLarga in Regione Puglia. 16 Febbraio 2015 Sviluppo delle Reti a Banda UltraLarga in Regione Puglia 16 Febbraio 2015 Attività BUL un corso Il progetto Banda Ultra Larga in Puglia, allo stato attuale, prevede che numerosi comuni e aree industriali

Dettagli

GeoPortale Regione Lazio. Manuale utente

GeoPortale Regione Lazio. Manuale utente GeoPortale Regione Lazio Manuale utente 2014 Planetek Italia s.r.l. Via Massaua 12, I-70132 BARI, ITALY - tel. +39 080 9644200 fax +39 080 9644299 email: info @planetek.it http://www.planetek.it Nessuna

Dettagli

Il Sistema informativo territoriale fitosanitario dell Emilia-Romagna

Il Sistema informativo territoriale fitosanitario dell Emilia-Romagna Il Sistema informativo territoriale fitosanitario dell Emilia-Romagna G. Benedettini, G.L. Mazzoli Servizio Fitosanitario - Regione Emilia-Romagna V Giornate di Studio sui Modelli per la Protezione delle

Dettagli

Toponomastica e Cartografia. Toponomastica e Cartografia. Oggetti della Mappa: Features. Il Trattamento della Toponomastica nella Cartografia Digitale

Toponomastica e Cartografia. Toponomastica e Cartografia. Oggetti della Mappa: Features. Il Trattamento della Toponomastica nella Cartografia Digitale Corso di Aggiornamento in DB Topografici Toponomastica e Cartografia Il Trattamento della Toponomastica nella Cartografia Digitale Claudio Rocchini Istituto Geografico Militare Toponomastica e Cartografia

Dettagli

Regole tecniche sui dati territoriali: a che punto siamo

Regole tecniche sui dati territoriali: a che punto siamo Seminario AgID - CISIS Regole tecniche sui dati territoriali: a che punto siamo Lecco, 30 settembre 2015 1 Gabriele Ciasullo Leonardo Donnaloia Antonio Rotundo 2 Agenda Parte 1 Gabriele Ciasullo Il processo

Dettagli

LEZIONI DI CARTOGRAFIA

LEZIONI DI CARTOGRAFIA LEZIONI DI CARTOGRAFIA by Andrea ErDuca Palladino PART. 2 LA CARTA TOPOGRAFICA IMPORTANTE: QUESTA GUIDA E STATA REDATTA ESCLUSIVAMENTE PER UN USO INTERNO DELL ASSOCIAZIONE E PERTANTO VIETATA LA DIVULGAZIONE

Dettagli

Centro. Centro 1. -Ogni centro (punto O da cui passa il meridiano fondamentale) è in genere un vertice dell IGMI

Centro. Centro 1. -Ogni centro (punto O da cui passa il meridiano fondamentale) è in genere un vertice dell IGMI -Ogni centro (punto O da cui passa il meridiano fondamentale) è in genere un vertice dell IGMI - Ogni foglio ha un estensione di 100 km in direzione Nord-Sud 70 km in direzione Est-Ovest - Il territorio

Dettagli

ITINERARIO FIRENZE PERUGIA ASSISI

ITINERARIO FIRENZE PERUGIA ASSISI PREMESSA L itinerario realizzato dalla Comunità Toscana il Pellegrino interessa le Regioni Toscana ed Umbria ed è composto da due via: la Via Ghibellina da Firenze a Poppi (Via storica dei Conti Guidi),

Dettagli

Roberto Rossi. Padova, 22 settembre 2008 Cenni di Geodesia e Cartografia

Roberto Rossi. Padova, 22 settembre 2008 Cenni di Geodesia e Cartografia Padova, 22 settembre 2008 Cenni di Geodesia e Cartografia Roberto Rossi Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-forestali Università di Padova roberto.rossi@unipd.it Il problema cartografico Posizione sul

Dettagli

Agricoltura 2.0. Do#. Stefano Antonio Sernia (Dire#ore AGEA) Agricoltura 2.0, un programma di innovazione verso l'agricoltura digitale

Agricoltura 2.0. Do#. Stefano Antonio Sernia (Dire#ore AGEA) Agricoltura 2.0, un programma di innovazione verso l'agricoltura digitale Do#. Stefano Antonio Sernia (Dire#ore AGEA) Agricoltura 2.0 Agricoltura 2.0, un programma di innovazione verso l'agricoltura digitale Verona, 23 marzo 2015 1 IL RUOLO DELL AGEA Il Quadro L anno 2015 rappresenta

Dettagli

CORSO DI TOPOGRAFIA I

CORSO DI TOPOGRAFIA I 1 CORSO DI TOPOGRAFIA I Docente Prof.Ing. Fabio Radicioni Cartografia Numerica A.A 2002-2003 2 CARTOGRAFIA NUMERICA CARATTERISTICHE DELLE CARTE NUMERICHE: - Rappresentazione grafico/numerica a video in

Dettagli

Presentazione sistema WEB G.I.S. per la consultazione delle cartografie di P.R.G. del Comune di Macugnaga

Presentazione sistema WEB G.I.S. per la consultazione delle cartografie di P.R.G. del Comune di Macugnaga S.I.T.. Servizi informatici territoriali via Milano 94 Biella 015 33933 www.sitbiella.it Info@sitbiella.it Presentazione sistema WEB G.I.S. per la consultazione delle cartografie di P.R.G. del Comune di

Dettagli

PROGETTO IREALP GRUPPO TELECOM ITALIA - FINSIEL SPERIMENTAZIONE DI METODI PER LA MESSA A REGISTRO DELLA BASE CATASTALE SULLA AEROFOTOGRAMMETRIA

PROGETTO IREALP GRUPPO TELECOM ITALIA - FINSIEL SPERIMENTAZIONE DI METODI PER LA MESSA A REGISTRO DELLA BASE CATASTALE SULLA AEROFOTOGRAMMETRIA PROGETTO IREALP SPERIMENTAZIONE DI METODI PER LA MESSA A REGISTRO DELLA BASE CATASTALE SULLA AEROFOTOGRAMMETRIA 1 SCOPO: Trasformare la base catastale e metterla a registro con gli elementi portanti del

Dettagli

Riferire una posizione sulla superficie terrestre

Riferire una posizione sulla superficie terrestre Geodesia Riferire una posizione sulla superficie terrestre Coordinate geografiche Sistema di riferimento latitudine e longitudine Equatore Primo Meridiano Paralleli di latitudine Meridiani di longitudine

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM Syllabus Versione 1 Febbraio 2007 Endorsed by the ECDL Foundation Copyright 2006 AICA - Uniroma1 LABSITA 1 Versione 1 Febbraio 2007 ECDL

Dettagli

LA STATISTICA E TOPONOMASTICA AL SERVIZIO DEL CITTADINO ENTI E ISTITUZIONI.

LA STATISTICA E TOPONOMASTICA AL SERVIZIO DEL CITTADINO ENTI E ISTITUZIONI. LA STATISTICA E TOPONOMASTICA AL SERVIZIO DEL CITTADINO ENTI E ISTITUZIONI. LE MOTIVAZIONI Da alcuni anni il Comune di Novara ha sentito forte l esigenza di dotarsi di un datawarehouse per la gestione

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENSE GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM SYLLABUS

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENSE GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM SYLLABUS EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENSE GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM SYLLABUS iptsat srl - via Sallustiana, 23-00187 Roma tel. 06.42041717 - fax 06.42041703 www.iptsat.com - info@iptsat.com Partita IVA 01882071002

Dettagli

REPORT INFORMATIVO SULLA SEQUENZA SISMICA DELL ITALIA CENTRALE DEL 26 AGOSTO 2016 (aggiornamento del 13/09/2016)

REPORT INFORMATIVO SULLA SEQUENZA SISMICA DELL ITALIA CENTRALE DEL 26 AGOSTO 2016 (aggiornamento del 13/09/2016) REPORT INFORMATIVO SULLA SEQUENZA SISMICA DELL ITALIA CENTRALE DEL 26 AGOSTO 2016 (aggiornamento del 13/09/2016) Il presente report è stato redatto sulla base delle comunicazioni pubblicate da INGV e DPC

Dettagli

Domenico Longhi. Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale

Domenico Longhi. Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale Dalla Rappresentazione del Territorio alla Infrastruttura di Dati Geografici nelle Regioni Italiane Fase 1 La rappresentazione del territorio

Dettagli

PROGETTO CITTA' EQUA & SICURA

PROGETTO CITTA' EQUA & SICURA PROGETTO CITTA' EQUA & SICURA I Tributi comunali: forme di gestione e tecnologie per l accertamento Milano 29 febbraio 2012 OBIETTIVI DEL PROGETTO Città Equa & Sicura Sviluppare un sistema informativo

Dettagli

IL NUOVO PORTALE DEL SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

IL NUOVO PORTALE DEL SISTEMA STATISTICO NAZIONALE WEBINAR IL NUOVO PORTALE DEL SISTEMA STATISTICO NAZIONALE UN NUOVO STRUMENTO DI COMUNICAZIONE PER LA STATISTICA UFFICIALE a cura della Redazione Sistan Emilia-Romagna Bologna, 15 gennaio 2014 ore 10.30

Dettagli

DOMANDA DI CERTIFICATO DI DESTINAZIONE URBANISTICA

DOMANDA DI CERTIFICATO DI DESTINAZIONE URBANISTICA Spazio per la Marca da Bollo (importo 16,00 Euro) Spazio per il protocollo AL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI DESTINAZIONE URBANISTICA Ufficio Gestione e Attuazione della Strumentazione

Dettagli

I MODULI SOFTWARE. Wireless Network. Internet

I MODULI SOFTWARE. Wireless Network. Internet IL SOFTWARE Il sistema rappresenta una soluzione volta alla realizzazione di strumenti per la tracciabilità ed il monitoraggio dei dati relativi alle operazioni di carico e di scarico effettuate durante

Dettagli

Servizi per la Protezione Civile. Preventivo Comune / Unione di

Servizi per la Protezione Civile. Preventivo Comune / Unione di Servizi per la Protezione Civile Preventivo Comune / Unione di 1 1. Descrizione della proposta Assistenza tecnica alla redazione e all aggiornamento del Piano di Emergenza Comunale secondo il Manuale operativo

Dettagli

PROVINCIA DI VITERBO. Open data. in Provincia di Viterbo. opportunità e criticità. Graziano Cerica

PROVINCIA DI VITERBO. Open data. in Provincia di Viterbo. opportunità e criticità. Graziano Cerica Open data in Provincia di Viterbo opportunità e criticità Graziano Cerica Provincia di Viterbo DataLab Lazio Tour Viterbo, 3 novembre 2015 File in formato open, di libero utilizzo i file sono riferiti

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Agenzia del Territorio Provvedimento del 22/03/2005 Servizio di documentazione tributaria Titolo del provvedimento: Attivazione del servizio di trasmissione telematica del modello unico informatico catastale

Dettagli

La Piattaforma di Simbiosi industriale

La Piattaforma di Simbiosi industriale Laboratorio valorizzazione delle risorse nei sistemi produttivi e territoriali LA SIMBIOSI INDUSTRIALE IN ITALIA: L ESPERIENZA ENEA 12 Maggio 2016 La Piattaforma di Simbiosi industriale Silvia Sbaffoni

Dettagli

Vicenza, 6 novembre 2012

Vicenza, 6 novembre 2012 Vicenza, 6 novembre 2012 Autori:L.Biagi 1, M. A. Brovelli 1, A. Campi 2, M. Cannata 3, L.Carcano 1, M. Credali 4, A. Croci 5, P.Dabove 5, M.Gilardoni 1, A.Lucchese 1, A.Manzino 5, F.Sansò 1, G.B. Siletto

Dettagli

GUIDA ALL'USO DEL SISTEMA G.I.S. IN AMBIENTE INTERNET

GUIDA ALL'USO DEL SISTEMA G.I.S. IN AMBIENTE INTERNET S.I.T.. Servizi informatici territoriali via Milano 94 Biella 015 33933 www.sitbiella.it Info@sitbiella.it GUIDA ALL'USO DEL SISTEMA G.I.S. IN AMBIENTE INTERNET La home page presenta tre sezioni: - la

Dettagli

"GIS e modelli idraulici per l aggiornamento del PAI in area urbana"

GIS e modelli idraulici per l aggiornamento del PAI in area urbana Open Day Perugia 9 luglio 2012 GIS e Modelli Idraulici per il Rischio Idrogeologico "GIS e modelli idraulici per l aggiornamento del PAI in area urbana" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume

Dettagli

Le aree dell informatica

Le aree dell informatica Fondamenti di Informatica per la Sicurezza a.a. 2006/07 Le aree dell informatica Stefano Ferrari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE Stefano Ferrari Università

Dettagli

A CHE PUNTO SIAMO? (i PRIMI SEI MESI)

A CHE PUNTO SIAMO? (i PRIMI SEI MESI) A CHE PUNTO SIAMO? (i PRIMI SEI MESI) Lanciato il 27 ottobre 2015 Valore: 1,1 miliardi di Euro Partite 19 azioni su 35 previste: attuazione al 60% Tutte le altre azioni in partenza tra Maggio e Dicembre

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone Prot. 2015/21935 Approvazione delle specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei dati contenuti nelle dichiarazioni modelli 730/2015 nelle comunicazioni di cui ai modelli 730-4 e 730-4 integrativo

Dettagli

Domenico Longhi. Dalla Informazione Geografica alla Infrastruttura Geografica. Le attività delle Regioni

Domenico Longhi. Dalla Informazione Geografica alla Infrastruttura Geografica. Le attività delle Regioni Dalla Informazione Geografica alla Infrastruttura Geografica Le attività delle Regioni Il nuovo contesto EUROPA INSPIRE INfrastructure for SPatial InfoRmation in Europe Lo sviluppo dei sistemi informativi

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali QUALITÀ E DELLA PESCA Istruzioni agli importatori di prodotti biologici da Paesi terzi per l accesso in via telematica ai servizi del Sistema Informativo Biologico (SIB) attraverso l infrastruttura del

Dettagli

COMUNE DI MELILLI. Provincia di Siracusa DETERMINA DIRIGENZIALE N 823 DEL REGISTRO GENERALE * * * * *

COMUNE DI MELILLI. Provincia di Siracusa DETERMINA DIRIGENZIALE N 823 DEL REGISTRO GENERALE * * * * * COMUNE DI MELILLI Provincia di Siracusa DETERMINA DIRIGENZIALE N 823 DEL REGISTRO GENERALE * * * * * N 68 DEL 05-05-2015 REGISTRO DEL 4^ SETTORE - RAGIONERIA UFFICIO: RAGIONERIA CIG: Oggetto: DEFINIZIONE

Dettagli

Consorzio del Politecnico di Milano

Consorzio del Politecnico di Milano Politecnico Innovazione Consorzio del Politecnico di Milano un ponte fra Università e Imprese TRASFERIBILITÀ DELLE TECNOLOGIE PER LA NET ECONOMY NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI LECCO Chiara Francalanci

Dettagli

RIDUZIONE DELLE DISTANZE

RIDUZIONE DELLE DISTANZE RIDUZIONE DELLE DISTANZE Il problema della riduzione delle distanze ad una determinata superficie di riferimento va analizzato nei suoi diversi aspetti in quanto, in relazione allo scopo della misura,

Dettagli

Il Piano Strategico di Sviluppo del Turismo in Italia

Il Piano Strategico di Sviluppo del Turismo in Italia Il Piano Strategico di Sviluppo del Turismo in Italia Primi Orientamenti Comitato permanente di promozione del turismo in Italia Riunione del 13 gennaio 2016, Roma Il Piano Strategico di Sviluppo del Turismo

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE PER LA DIFFUSIONE E L UTILIZZO DI DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI (DAE)

PROGRAMMA REGIONALE PER LA DIFFUSIONE E L UTILIZZO DI DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI (DAE) Al PROGRAMMA REGIONALE PER LA DIFFUSIONE E L UTILIZZO DI DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI (DAE) UDINE 23 aprile 2012 dott.ssa Vandamaria Forcella Area servizi sanitari territoriali e ospedalieri RIFERIMENTI

Dettagli

CIRCOLARE N. 1. DATA DECORRENZA: Data della presente CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: n. 2 del

CIRCOLARE N. 1. DATA DECORRENZA: Data della presente CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: n. 2 del CIRCOLARE N. 1 PROT. N 3134 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: Direzione Centrale Cartografia, Catasto e Pubblicità Immobiliare Procedura Pregeo 9 Ulteriori direttive Direzioni Centrali, Direzioni Regionali

Dettagli

Le Attività Geografiche delle Regioni d Italia

Le Attività Geografiche delle Regioni d Italia Le Attività Geografiche delle Regioni d Italia Domenico Longhi 1 Nel seguito si illustrerà lo stato dell Informazione Geografica nelle Regioni d Italia cercando di realizzare un quadro dei risultati raggiunti

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE Una soluzione enterprise

IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE Una soluzione enterprise IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE Una soluzione enterprise Il Gruppo Iride 30% 51% 8% 11% ENERGIA ENERGIA ITALIANA ITALIANA 100% 100% Sede: Torino Sede: Torino Principali attività: Principali attività:

Dettagli

Il Piano di Promozione dell Area Leader Misura 4.2 PSL Promozione dell offerta turistica

Il Piano di Promozione dell Area Leader Misura 4.2 PSL Promozione dell offerta turistica Piano di Sviluppo Locale Terre d acqua: un territorio da vivere. Qualità, tradizione e innovazione tra Oglio e Po. Il Piano di Promozione dell Area Leader Misura 4.2 PSL Promozione dell offerta turistica

Dettagli

Novità in ambito informatico C.E.I

Novità in ambito informatico C.E.I 7 Convegno Nazionale degli Economi Diocesani Novità in ambito informatico C.E.I Giovanni Silvestri Servizio Informatico Cei silvestri@chiesacattolica.it Gli Ambiti (Economo competenza trasversale) :: Area

Dettagli

Due anni di Timbro Digitale per la certificazione anagrafica: la rivoluzione dei Servizi Demografici on line che ha cambiato la vita dei cittadini

Due anni di Timbro Digitale per la certificazione anagrafica: la rivoluzione dei Servizi Demografici on line che ha cambiato la vita dei cittadini Due anni di Timbro Digitale per la certificazione anagrafica: la rivoluzione dei Servizi Demografici on line che ha cambiato la vita dei cittadini Questo progetto non è il solito progetto che può portare

Dettagli

OPK Suite. Menci Software. Caratteristiche generali. febbraio 2015

OPK Suite. Menci Software. Caratteristiche generali. febbraio 2015 Menci Software OPK Suite febbraio 2015 La suite OPK è un set di software per GIS e cartografia aerea dedicati al processamento di immagini large format acquisite con camere aeree o satelliti. OPK garantisce

Dettagli

Savona, addì 27 aprile 2015. Ai Sigg.ri GEOMETRI iscritti al Collegio dei Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Savona LORO SEDI

Savona, addì 27 aprile 2015. Ai Sigg.ri GEOMETRI iscritti al Collegio dei Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Savona LORO SEDI Prot. N. 1275 /15 Savona, addì 27 aprile 2015 Ai Sigg.ri GEOMETRI iscritti al Collegio dei Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Savona LORO SEDI Preg.me Colleghe e Colleghi, si comunica che

Dettagli

Enti locali e politiche per la sostenibilità 29 novembre 2011 Trento

Enti locali e politiche per la sostenibilità 29 novembre 2011 Trento Enti locali e politiche per la sostenibilità 29 novembre 2011 Trento La carta Audis ed il progetto Eco Quartieri www.gbcitalia.org Obiettivi della proposta Ecoquartieri Riequilibrare i centri urbani restituendogli

Dettagli