ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?"

Transcript

1 ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa attribuire un valore a un bene economico, ossia un bene che è disponibile in quantità limitata. La disciplina dell estimo, nata inizialmente per attribuire dei valori a beni fondiari del settore rurale, assume importanza nella società moderna anche per altri settori quale quello civile e industriale ( estimo civile e industriale) ed oggi ha allargano gli orizzonti anche al settore ambientale, dove vengono valutate le risorse ambientali e non solamente beni economici. Vi sono ancora due ambiti dove è richiesta l attività estimativa, le valutazioni inerenti diritti ( servitù, espropriazione) che prende il nome di estimo legale, e quello di fabbricati e terreni a fini di fiscalità, l estimo catastale. 2) Quali requisiti deve avere il perito nel giudizio di stima? Il perito che valuta un bene a fini estimativi, esprime un giudizio che ha come risultato finale l attribuzione di un valore. Il giudizio di stima presuppone l applicazione di un metodo ed un procedimento attraverso il quale arriva alle sue conclusioni ; naturalmente il metodo, che è oggettivo, consiste essenzialmente nella comparazione su base statistica con beni simili, mentre l interpretazioni dei dati e delle situazioni sono di carattere soggettivo. Il giudizio di stima si conclude con la attribuzione di un valore che non è certo, matematico ma è il più probabile. Il professionista perito deve quindi : avere una chiara cognizione dello scopo della stima avere le basi teoriche della disciplina estimativa avere la conoscenza tecnica dei bene da stimare e dei dati che gli permetteranno poi di sviluppare il procedimento avere la conoscenza degli eventuali rapporti legali fra persone e cose da stimare. 3) Quali sono gli aspetti economici di un bene? Per i beni privati, la disciplina estimativa prevede la applicazione di sei criteri di stima : 1. il più probabile valore di mercato 2. il più probabile valore di costo 3. il più probabile valore di trasformazione 4. il più probabile valore complementare 5. il più probabile valore di surrogazione 6. il più probabile valore di capitalizzazione 7. il più probabile valore d uso sociale ( per i beni di interesse pubblico) La scelta del criterio dipende dal punto di osservazione economico, e la scelta dell uno o dell altro è quella che meglio risponde allo scopo pratico della stima. Ad esempio un libro se viene venduto al mercato dell usato avrà un valore pari al più probabile valore di mercato pari al prezzo di copertina scontato, se invece viene riprodotto facendo fotocopie, il valore di quel libro sarà pari al costo per riprodurlo ( valore di costo). Se invece il libro è inutilizzato, il valore potrà essere calcolato come valore di trasformazione, destinando il libro a carta straccia,; il valore sarà pari a quello della carta da macero meno le spese di trasformazione. Ammettiamo ad esempio che il libro faccia parte di una collana di libri antichi, per cui il collezionista è disposto a pagare un prezzo pari alla differenza fra il valore dell intera collana e il valore della collana con il libro mancante ( valore complementare) Se invece il libro non vie più stampato, il suo valore potrà essere uguale al prezzo di altri libri sostitutivi ( valore di surrogazione)

2 Ipotizziamo infine che il libro sia molto pregiato e il proprietario sia disponibile solo a noleggiarlo, ricavando un reddito, il valore sarà pari alla accumulazione iniziale ( valore di capitalizzazione )dei redditi netti percepiti. Nell esempio si è pertanto visto come per un unico bene ( libro) possano essere adottati criteri diversi, a seconda dei rapporti fra fatti, cose e persone implicate nella stima. 4) Che cos è il più probabile valore di mercato? Il valore di mercato deriva dalla quotazione che il bene oggetto di stima spunterebbe in una libera contrattazione di compravendita. Nel valutare il bene, il perito farà riferimento a valori di mercato di beni simili a quello oggetto di stima, adottando un procedimento comparativo, o attraverso la serie storica dei dati dei valori di compravendita. Nell esprimere il suo giudizio il perito applica il principio dell ordinarietà, facendo riferimento a condizioni medie, ordinarie e continuative riferite a quella zona. Il valore di mercato è quello che più frequentemente risolve i casi pratici di stima. 5) Che cos è il più probabile valore di costo? Il valore di costo si ottiene sommando le spese che un imprenditore ordinario dovrebbe sostenere per produrre il bene oggetto di stima. V k = Q + Sv + Tr + Sa + St + I + Bf A queste spese dovrebbe essere aggiunto il profitto normale dell imprenditore ordinario dotato di medie capacità e mezzi; non è determinabile a priori ma si ottiene dalla differenza fra costo di produzione e prezzo di mercato. 6) Che cos è il più probabile valore di trasformazione? Il criterio del valore di trasformazione viene usato quando si ritiene, in base all ipotesi di ordinarietà, che il bene da stimare dovrà essere trasformato. Il valore di trasformazione è dato dalla differenza fra il valore di mercato del bene ottenuto con la trasformazione e il costo di trasformazione. Ad esempio se l imprenditore trasforma l uva in vino, il valore dell uva, dal momento che viene vinificata in azienda, sarà pari al valore di trasformazione. Esempio Valore di mercato del vino 1.10 euro Costo di trasformazione 0,50 euro Valore di trasformazione dell uva 0,70 euro/kg 7) Che cos è il più probabile valore complementare? Il valore complementare di un bene è il valore che si ottiene dalla differenza fra il valore di mercato del complesso originario di beni di cui fa parte, e il valore che questo avrebbe senza il bene oggetto di stima. Si utilizza tale criterio di stima in caso di espropriazione, quando viene sottratta una parte del terreno. La parte residua post-esproprio potrebbe subire una diminuzione di valore, dovuta ad esempio a danni da intersecazione o alla creazione di corpi separati, per cui il terreno espropriato va valutato in base al valore dell intero fondo ante esproprio e il valore del terreno residuo. 8) Che cos è il più probabile valore di surrogazione? Esprime il valore di un bene sulla base del valore di altri beni sostitutivi, in grado di produrre la stessa utilità. Questi altri beni sostitutivi, possono essere valutati in base al valore di mercato o al valore di costo. Si tratta di beni per i quali non esiste un mercato e quindi si tratta di un procedimento estimativo scarsamente usato.

3

4 9) Che cos è il più probabile valore di capitalizzazione? Con il criteri della capitalizzazione ( o del rendimento) il valore di un bene viene espresso accumulando all attualità i redditi futuri ordinariamente ritraibili dal proprietario ( beneficio fondiario) Il valore capitale è dato dalla formula : Bf V0 = r E necessario quindi procedere al calcolo analitico del Beneficio fondiario ( Plv Q+ Sv + Tr + Sa + St +I), per poi ricercare il tasso di capitalizzazione, sulla base di una analisi comparativa. 10)Che cos è il procedimento di stima? Il procedimento di stima è l insieme delle operazioni logiche da eseguire per giungere alla formulazione del giudizio di stima. Il metodo è unico e consiste nella comparazione di beni simili a quello oggetto di stima, il procedimento invece può essere diversi. 11) Qual è il procedimento per la determinazione del più probabile valore di mercato. Il perito deve disporre di una base dati per potere poi confrontare il bene oggetto di stima, in modo da determinare il più probabile valore di mercato. La base dei dati può essere una serie storica di prezzi, oppure nell analizzare la scala dei prezzi conosciuti di terreni con caratteristiche simili. La similitudine è data da caratteristiche intrinseche oppure estrinseche, riferite all ambiente esterno ( es. presenza di infrastrutture viarie, clima della zona, ecc..). Nel valutare i prezzi di beni simili, questi devono essere recenti, inoltre va valutata la zona in quanto il valore di mercato cambia da zona a zona. In altri termini assume importanza sia l ambito temporale sia l ambito spaziale. 12) Che cos è il principio di ordinarietà Il principio di ordinarietà è il principio base dell estimo, in quanto il perito nel formulare il giudizio di stima deve fare riferimento a condizioni medie normali, che rendono la stima oggettiva e generalmente valida, e nel caso di fondi rustici per finalità estimative si deve fare riferimento all imprenditore ordinario, mediamente dotato di capacità e mezzi, che trae dall azienda il reddito ordinario. Il principio di ordinarietà è legato a quello di probabilità, nel senso che analizzando un insieme di valori di beni simili in un determinato territorio, quello con maggiore frequenza ( più ricorrente) può essere considerato medio ordinario, e pertanto se si fa riferimento a tale valore è perché dal punto di vista probabilistico, è maggiore la probabilità di verificarsi. 13) Quali sono i parametri del confronto? Il giudizio di stima si basa su parametri e prezzi, che sono i dati della stima. I parametri possono essere : tecnici ( non opinabili) economici ( es, rendite catastali, reddito netto, beneficio economico ecc..) qualitativi (aspetti descrittivi ) che vanno sempre tradotti in parametri quantitativi I prezzi di beni simili sono la base sulla quale qualsiasi stima monetaria trova fondamento. Il perito deve pertanto essere a conoscenza dei valori di mercato, attingendo a fonti attendibili, quali ad esempio listino di agenzie immobiliari, riviste specializzate, mercuriali della camera di commercio. 14) Che differenza c è fra valore ordinario e valore reale? Il perito nel valutare un bene, deve procedere alla stima secondo il principio dell ordinarietà, cioè trovare il valore medio ordinario.

5 Il valore medio ordinario non corrisponde però al valore reale del bene oggetto di stima, in quanto, vanno computate eventuali correzioni del valore ordinario che consistono in due tipi: comodi e scomodi aggiunte e detrazioni I Comodi positivi o negativi ( scomodi) sono caratteristiche non modificabili del bene da stimare che lo collocano al di sopra o al di sotto della media dei beni presi a confronto pur nell ambito della stessa classe omogenea ( cioè nello stesso gradino della scala dei prezzi). Sono comodi ad esempio le caratteristiche chimiche-fisiche del terreno o l ubicazione ; in questo caso il perito generalmente quantifica il coefficiente di differenziazione appropriato. Le aggiunte e detrazioni, a differenza dei comodi, sono riferibili ad uno stato momentaneo e quindi modificabile (es. presenza di miglioramenti fondiari ). 15) Quali sono le fasi del giudizio di stima ) Le fasi attraverso cui si svolge la comparazione sono tre : ricerca e analisi dei beni simili e dei relativi prezzi ( costruzione della scala dei prezzi) calcolo del valore ordinario ed eventuale correzione per la presenza di comodi e scomodi calcolo del valore reale, considerando le differenze con il bene da stimare ( aggiunte e detrazioni, comodi positivi o negativi ) rispetto a beni simili 16) Quali sono i procedimenti di stima? I procedimenti di stima possono essere : sintetici ( o diretti) analitici basati sulla elaborazione di dati elementari 17) Quali sono i principali procedimenti sintetici? Sono tre, la stima a vista, la stima sintetica e la stima per valori unitari e tipici. 18) Che cos è la stima a vista? Stima a vista a impressione o sommaria è quella svolta dal perito semplicemente osservando un bene; richiede una grande esperienza da parte del perito che mentalmente costruisce la scala dei prezzi e colloca il bene da stimare nel gradino che ritiene più appropriato. 19) Che cos è la stima sintetica Consiste nel confronto di beni simili dei quali si conoscono i prezzi di mercato, sulla base di un comune parametro di confronto. V : p = V : p Dove V = sommatoria dei prezzi di mercato relativi a beni simili( es. prezzi pagati) P = sommatoria dei parametri relativi a beni simili ( es, ettari) V p = valore ordinario del bene oggetto di stima = parametro relativo al bene oggetto di stima Il valore ordinario è dato da : V = V p p

6 20) Che cos è la stima sintetica per valori unitari o tipici E un procedimento di stima sintetico, che consiste nel suddividere il bene oggetto di stima in porzioni omogenee, determinando per ciascuna porzione il relativo valore sulla base del prezzo e del parametro. Il procedimento di calcolo è lo stesso di quello della stima sintetica, con l unica differenza che il bene ( es, terreno) viene suddiviso in porzioni omogenee ( es. seminativo, vigneto, ecc..) Il procedimento per valori unitari o tipici è quello ad esempio usato nell estimo catastale, per calcolare i redditi di ciascuna classe colturale. La stima per valori unitari è sovente attuata ricorrendo a coefficienti di differenziazione, ovvero indici che mettono in relazione beni presi a confronto. ( es. nell estimo catastale vengono previste classi di merito ). 21) In cosa consiste la stima analitica per capitalizzazione? Il procedimento di stima analitico per antonomasia è quello per capitalizzazione dei redditi,e consiste, come già visto nella accumulazione iniziale dei redditi futuri ritraibili dal proprietario del bene, usando le formule della matematica finanziaria. Se un immobile è in grado di fornire un reddito illimitato, il valore è dato dalla formula Bf V0 = r Se invece è limitato : n q 1 V0 = Bf n rq Affinché si ottenga realmente il valore di mercato : deve esistere una uguaglianza fra il valore di mercato e l accumulazione dei redditi all attualità il bene deve essere in grado di fornire un reddito continuativamente per il futuro mercato perfetto - il profitto dell imprenditore è nullo ( prezzo = costo) sia possibile determinare il saggio di capitalizzazione 22) Come si determina il più probabile valore di costo? Il valore di costo è un procedimento che si applica in genere per valutare beni riproducibili, tipicamente i fabbricati, ma è usato anche per la stima degli arborei e delle opere di miglioramento fondiario. Può essere determinato in modo sintetico, mediante il confronto con costi effettivamente e recentemente sostenuti per beni analoghi, o attraverso un procedimento analitico che consiste nell analisi dettagliata dei costi. Il valore di costo di un bene deve essere determinato in base al valore a nuovo; va quindi applicato un opportuno deprezzamento dovuto allo stato di conservazione e di obsolescenza del bene stesso, ottenendo così il valore di costo deprezzato o valore di ricostruzione nel caso di un fabbricato

Gli aspetti economici di stima

Gli aspetti economici di stima Gli aspetti economici di stima Generalità Per aspetto economico o criterio di stima si intende il tipo di valore che si intende attribuire a un bene economico. Per tipo di valore si intende uno schema

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ESTIMO CAP. 7

INTRODUZIONE ALL ESTIMO CAP. 7 INTRODUZIONE ALL ESTIMO CAP. 7 Appunti di estimo Di che cosa si occupa l estimo? L estimo si occupa della stima dei beni economici, ossia quelli presenti in natura in quantità limitata. Per questi beni

Dettagli

I principi dell estimo

I principi dell estimo 28 I principi dell estimo Che cos è l estimo Gli ambiti estimativi Gli aspetti economici di stima Il metodo di stima Procedimenti per la stima del valore di mercato Procedimenti per la stima del valore

Dettagli

Capitolo 1. Contenuti, scopi e metodi dell Estimo. Manuale di Estimo Vittorio Gallerani, Giacomo Zanni, Davide Viaggi

Capitolo 1. Contenuti, scopi e metodi dell Estimo. Manuale di Estimo Vittorio Gallerani, Giacomo Zanni, Davide Viaggi Capitolo 1 Contenuti, scopi e metodi dell Estimo Estimo e pianificazione territoriale a.a. 2005-2006 Corsi di laurea in STAGR (ind. sostenibile) STAS 6 CFU Programma Materiale didattico 1.1 Contenuti e

Dettagli

2. La stima dei fondi rustici

2. La stima dei fondi rustici 2. La stima dei fondi rustici Per fondi rustici si intendono appezzamenti od aziende di diversa dimensione. La valutazione, detta a cancelli aperti, ha lo scopo di determinare il solo valore del capitale

Dettagli

MATERIALI E PROGRAMMA PER ESAMI SETTEMBRE ALLIEVI CON GIUDIZIO SOSPESO

MATERIALI E PROGRAMMA PER ESAMI SETTEMBRE ALLIEVI CON GIUDIZIO SOSPESO CLASSE IV B CAT MATERIALI E PROGRAMMA PER ESAMI SETTEMBRE ALLIEVI CON GIUDIZIO SOSPESO A.S. 2013/2014 Insegnante : prof. SGANDURRA Emanuele A) PROGRAMMA SVOLTO DI ESTIMO ED ECONOMIA Il trasporto dei capitali

Dettagli

Capitolo 2. Stima dei fondi rustici

Capitolo 2. Stima dei fondi rustici Capitolo 2 Stima dei fondi rustici 2.1 L oggetto della valutazione Per fondi rustici si intendono aziende agricole o appezzamenti di varia dimensione. La valutazione può essere: a cancelli aperti (determina

Dettagli

Vittorio Gallerani IL METODO DI VALUTAZIONE DEI BENI IMMOBILI 1. SPECIFICAZIONI DEFINITORIE

Vittorio Gallerani IL METODO DI VALUTAZIONE DEI BENI IMMOBILI 1. SPECIFICAZIONI DEFINITORIE Vittorio Gallerani IL METODO DI VALUTAZIONE DEI BENI IMMOBILI 1. SPECIFICAZIONI DEFINITORIE Estimo - Estimo immobiliare Storicamente, l estimo nasce come tecnica di valutazione dei beni immobili a fini

Dettagli

Corso di Estimo Rurale

Corso di Estimo Rurale Corso di Estimo Rurale C.so di Laurea SPMA (Cerignola) Lezione n.2: a)stima dei Fondi rustici; b) Stima dei fabbricati rurali Dott. PROSPERI Maurizio Universita' degli Studi di Foggia Facolta' di Agraria

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE PER GEOMETRI G. GENGA PESARO

ISTITUTO TECNICO STATALE PER GEOMETRI G. GENGA PESARO ISTITUTO TECNICO STATALE PER GEOMETRI G. GENGA PESARO PROGRAMMA DI ESTIMO SVOLTO NELLA CLASSE V SEZIONE D A.S. 2012/2013 Testo in adozione: ELEMENTI DI ECONOMIA ED ESTIMO SCIENZA DELLE VALUTAZIONI IN AMBITO

Dettagli

Cari studenti. Prof. Gianfranco Maggini LE CONOSCENZE E LE COMPETENZE

Cari studenti. Prof. Gianfranco Maggini LE CONOSCENZE E LE COMPETENZE 1 Cari studenti Spero che con questi appunti, che sono il frutto di una lunga esperienza didattica, io possa facilitare la vostra fatica nell accingevi allo svolgimento di un compito di estimo che ai miei

Dettagli

beni immobili. Metodo e procedimenti

beni immobili. Metodo e procedimenti La stima del valore di mercato dei beni immobili. Metodo e procedimenti 26.X.2009 La metodologia estimativa La metodologia estimativa rappresenta l insieme delle tecniche e degli strumenti attraverso cui

Dettagli

Corso di Estimo Stima dei Fabbricati Rurali

Corso di Estimo Stima dei Fabbricati Rurali Corso di Estimo Stima dei Fabbricati Rurali Corso di Scienze e Tecnologie Agrarie Stime Metodo diretto Metodo indiretto Il valore del costo Stime Metodo diretto Metodo indiretto Il valore del costo Stime

Dettagli

miglioramenti fondiari e il costo di esercizio delle macchine Prof. Giorgio Zagnoli

miglioramenti fondiari e il costo di esercizio delle macchine Prof. Giorgio Zagnoli La valutazione economica dei miglioramenti fondiari e il costo di esercizio delle macchine Prof. Giorgio Zagnoli Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie ALMA MATER - Università di Bologna nell azienda

Dettagli

STIMA DEI FABBRICATI

STIMA DEI FABBRICATI STIMA DEI FABBRICATI CRITERI DI STIMA COSTO DI COSTRUZIONE STIMA PER COMPARAZIONE CON I PREZZI DI MERCATO STIMA PER CAPITALIZZAZIONE VALORE DI TRASFORMAZIONE Stima fabbricati 1 PROCEDIMENTO ANALITICO:

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2013-2014

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2013-2014 Docente ANGELO A. BISACCIA Materia ECONOMIA, ESTIMO, MARKETING E LEGISLAZIONE TECNICHE DI GESTIONE, VALUTAZIONE CON ELEMENTI DI LEGISLAZIONE ESTIMO RURALE Classi 3A, 4A, 5A, 3C, 4C, 5C PIANO DI LAVORO

Dettagli

fondamenta al tetto, che disponga di uno o più liberi accessi sulla via e abbia, una o piu scale autonome

fondamenta al tetto, che disponga di uno o più liberi accessi sulla via e abbia, una o piu scale autonome ESTIMO CIVILE Legge n. 47/1985 sul condono edilizio Qualsiasi costruzione coperta, infissa al suolo, isolata da vie e spazi vuoti, oppure separata da altre costruzioni mediante muri maestri che si elevano,

Dettagli

I MIGLIORAMENTI FONDIARI Cap. 9, pagg. 236-247

I MIGLIORAMENTI FONDIARI Cap. 9, pagg. 236-247 I MIGLIORAMENTI FONDIARI Cap. 9, pagg. 236-247 Sono investimenti che vengono fatti in agricoltura e che riguardano il Capitale Fondiario Un investimento è un impiego di denaro in un attività produttiva

Dettagli

CATASTO. Come si classifica il catasto? a) probatorio e particellare. b) rustico e urbano. c) probatorio fondato sulla denuncia dei possessori.

CATASTO. Come si classifica il catasto? a) probatorio e particellare. b) rustico e urbano. c) probatorio fondato sulla denuncia dei possessori. CATASTO Che cosa è il catasto? a) è l inventario dei beni immobili esistenti in un determinato territorio. b) è l archiviazione presso l U.T.E. di tutti i fogli di mappa di un comprensorio. c) è l archiviazione

Dettagli

Tre temi sui saggi impiegati nella stima e nella valutazione dei progetti 26.XI. 2009

Tre temi sui saggi impiegati nella stima e nella valutazione dei progetti 26.XI. 2009 Tre temi sui saggi impiegati nella stima e nella valutazione dei progetti 26.XI. 2009 1. La natura finanziaria della capitalizzazione La capitalizzazione dei redditi rappresenta, sotto il profilo finanziario,

Dettagli

HOEPLI. CORSO DI EConomia Ed Estimo. Nuova Edizione OPENSchOOl. Estimo generale Estimo immobiliare Estimo legale Estimo ambientale Estimo catastale

HOEPLI. CORSO DI EConomia Ed Estimo. Nuova Edizione OPENSchOOl. Estimo generale Estimo immobiliare Estimo legale Estimo ambientale Estimo catastale STEFANO AMICABILE CORSO DI EConomia Ed Estimo Estimo generale Estimo immobiliare Estimo legale Estimo ambientale Estimo catastale 2 Nuova Edizione OPENSchOOl Edizione OPENSchOOl 1 2 3 4 LIBRODITESTO e-book+

Dettagli

LA PRODUZIONE CAP. 4 SISTEMA PRODUTTIVO

LA PRODUZIONE CAP. 4 SISTEMA PRODUTTIVO LA PRODUZIONE CAP. 4 Produzione: si intende l impiego di beni materiali e servizi quali fattori della produzione per ottenere altri beni e servizi di maggiore utilità. INPUT Fattori della produzione SISTEMA

Dettagli

CITTÀ DI RAGUSA www.comune.ragusa.it

CITTÀ DI RAGUSA www.comune.ragusa.it CITTÀ DI RAGUSA www.comune.ragusa.it SETTORE VII Decoro urbano Manutenzione e Gestione Infrastrutture- Programmazione Opere Pubbliche P.zza San Giovanni - Tel.- cell.348/7352418 E-mail f.civello@comune.ragusa.it

Dettagli

Stima del valore di mercato

Stima del valore di mercato Stima del valore di mercato Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello Il valore di mercato Il valore di mercato è il valore che il bene da stimare riuscirebbe a realizzare

Dettagli

e rating immobiliare

e rating immobiliare stima e rating immobiliare - F. Paglia IMMOBILI Flavio Paglia stima e rating immobiliare stima e rating immobiliare la valutazione degli immobili pubblici e privati e con particolari destinazioni d uso

Dettagli

I criteri di valutazione degli immobili, con particolare. riferimento alla stima dei fabbricati

I criteri di valutazione degli immobili, con particolare. riferimento alla stima dei fabbricati I criteri di valutazione degli immobili, con particolare riferimento alla stima dei fabbricati (a cura Dott. Umberto Fruttero) Come si è avuto già modo di esporre in altri interventi, la valutazione dell

Dettagli

Parte prima. Esercizi di base

Parte prima. Esercizi di base Parte prima Esercizi di base . ESERCIZI DI BASE 3 1 Valore di mercato di un appartamento Caso di stima Sia da stimare un appartamento che è parte di un edificio avente le seguenti caratteristiche (v. foto):

Dettagli

PERIZIA DI STIMA. di unità immobiliare adibita a civile abitazione, sita in Ragusa, Via delle Finanze

PERIZIA DI STIMA. di unità immobiliare adibita a civile abitazione, sita in Ragusa, Via delle Finanze PERIZIA DI STIMA di unità immobiliare adibita a civile abitazione, sita in Ragusa, Via delle Finanze n 7 e 9. Il sottoscritto tecnico ha ricevuto incarico dai proprietari di procedere alla stima dell immobile

Dettagli

Saggio di attualizzazione, tasso di rendimento interno e saggio di capitalizzazione

Saggio di attualizzazione, tasso di rendimento interno e saggio di capitalizzazione Saggio di attualizzazione, tasso di rendimento interno e saggio di capitalizzazione 27.XI.2013 Scopo e temi della lezione I principali tassi per la misura del valore degli investimenti sono: il saggio

Dettagli

2Estimo e marketing HOEPLI CORSO DI ECONOMIA, ESTIMO, MARKETING E LEGISLAZIONE

2Estimo e marketing HOEPLI CORSO DI ECONOMIA, ESTIMO, MARKETING E LEGISLAZIONE STEFANO AMICABILE CORSO DI ECONOMIA, ESTIMO, MARKETING E LEGISLAZIONE Per gli Istituti Tecnici indirizzo Agraria, agroalimentare e agroindustria 2Estimo e marketing HOEPLI STEFANO AMICABILE CORSO DI ECONOMIA,

Dettagli

Elementi di matematica finanziaria

Elementi di matematica finanziaria Elementi di matematica finanziaria 09.XI.2009 La matematica finanziaria e l estimo Nell ambito di numerosi procedimenti di stima si rende necessario operare con valori che presentano scadenze temporali

Dettagli

Giudizi di convenienza sull esecuzione di un miglioramento fondiario

Giudizi di convenienza sull esecuzione di un miglioramento fondiario DIPARTIMENTO di AGRARIA Corso di Laurea in SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE Classe L-25: Classe delle lauree in Scienze e Tecnologie Agrarie e Forestali Anno accademico 2012-2013 Corso integrato Economia e

Dettagli

CL Produzioni Animali

CL Produzioni Animali CL Produzioni Animali Anno Accademico 2013-134 Metodi e Strumenti di analisi degli investimenti introduzione La valutazione economica degli investimenti costituisce una tipica analisi di LUNGO PERIODO

Dettagli

IL BILANCIO AZIENDALE. come strumento strategico decisionale

IL BILANCIO AZIENDALE. come strumento strategico decisionale IL BILANCIO AZIENDALE come strumento strategico decisionale Il bilancio fornisce un quadro della situazione economica, finanziaria e patrimoniale dell'azienda È strumento di comunicazione, interna ed esterna,

Dettagli

ESTIMO CATASTALE. 3) Quali sono le principali caratteristiche del catasto terreni italiano?

ESTIMO CATASTALE. 3) Quali sono le principali caratteristiche del catasto terreni italiano? ESTIMO CATASTALE 1) Che cos è il catasto e quali sono le principali finalità? Il catasto è l inventario di beni immobili esistenti sul territorio nazionale ed è costituito da un complesso di documenti

Dettagli

Corso di Valutazione Economica del Prodotto

Corso di Valutazione Economica del Prodotto Seconda Università degli Studi di Napoli Luigi Vanvitelli Dipartimento di Architettura CdL Design e Comunicazione - Design per la Moda Corso di Valutazione Economica del Prodotto Docente_arch. Eleonora

Dettagli

Premiati gli iscritti

Premiati gli iscritti iltriangolo R i v i s t a T r i m e s t r a l e D i n f o r m a z i o n e T e c n i c o P r o f e s s i o n a l e D e l C o l l e g i o D e i G e o m e t r i E D e i G e o m e t r i L a u r e a t i D e

Dettagli

Interesse semplice (I)

Interesse semplice (I) 1^ Parte: INTERESSE SEMPLICE E INTERESSE COMPOSTO Glossario: Capitale (C): è una somma di denaro che viene concessa in uso per un determinato tempo. Interesse (I): è il prezzo d'uso del capitale. Saggio

Dettagli

CITTA DI CERNUSCO SUL NAVIGLIO

CITTA DI CERNUSCO SUL NAVIGLIO CITTA DI CERNUSCO SUL NAVIGLIO AREA TECNICA CRITERI PER LA TRASFORMAZIONE DEL DIRITTO DI SUPERFICIE IN PROPRIETA E PER L ELIMINAZIONE DEL VINCOLO DEL PREZZO DI CESSIONE E/O LOCAZIONE maggio 2013 1 2 Normativa

Dettagli

Elenco Domande per Argomento

Elenco Domande per Argomento Elenco Domande per Argomento Estimo 100 L'estimo può essere definito come la disciplina che insegna a formulare: giudizi di convenienza alla realizzazione di opere private o pubbliche giudizi di ordine

Dettagli

DOCENTE: PROF. PISU PINO

DOCENTE: PROF. PISU PINO UNIONE EUROPEA. Istituto Statale Istruzione Superiore L. Mossa + F. Brunelleschi Via A. Diaz, - 09170 ORISTANO - cod.fiscale 90008830953 TECNICO COMMERCIALE GEOMETRI -NAUTICO Tel.: 0783/71173-78609 - Fax:

Dettagli

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Stima dei fabbricati. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Stima dei fabbricati. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO Stima dei fabbricati Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10 Prof. Romano Oss SINTESI DEI CONTENUTI DI UNA VALUTAZIONE IMMOBILIARE Committente: nominativi, qualifiche,

Dettagli

Terra nuda. Opere di miglioramento fondiario ESEMPI DI MIGLIORAMENTI FONDIARI

Terra nuda. Opere di miglioramento fondiario ESEMPI DI MIGLIORAMENTI FONDIARI STIMA DEI MIGLIORAMENTI FONDIARI (CAP. 12) Cosa sono i miglioramenti fondiari Un miglioramento fondiario è dato da qualsiasi investimento stabile e duraturo di capitale e lavoro effettuato su un terreno

Dettagli

Indice. Prefazione. Parte prima: Estimo generale. Parte seconda: Estimo civile

Indice. Prefazione. Parte prima: Estimo generale. Parte seconda: Estimo civile Indice Prefazione Parte prima: Estimo generale 1 I PRINCIPI DELL ESTIMO... 2 1.1 Il giudizio di stima... 2 1.2 Gli aspetti economici di stima... 2 1.3 Il metodo di stima... 3 1.4 I procedimenti di stima...

Dettagli

Capitolo 8. Stima dei fabbricati a destinazione residenziale

Capitolo 8. Stima dei fabbricati a destinazione residenziale Capitolo 8 Stima dei fabbricati a destinazione residenziale 8.1 L oggetto della valutazione Per fabbricato si intende qualsiasi costruzione coperta, infissa al suolo, isolata da vie, spazi vuoti, oppure

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA MATEMATICA FINANZIARIA INTERESSE SEMPLICE Calcolo dell interesse 1. Un capitale di 3.400 fu impiegato per 3 mesi al tasso del 5%. Qual è l interesse prodotto? 2. Un capitale di 1.725 venne impiegato per

Dettagli

SCHEDA MATERIA INDIRIZZO PROFESSIONALE. ECONOMIA AGRARIA E DELLO SVILUPPO TERRITORIALE (Materia)

SCHEDA MATERIA INDIRIZZO PROFESSIONALE. ECONOMIA AGRARIA E DELLO SVILUPPO TERRITORIALE (Materia) SCHEDA MATERIA INDIRIZZO PROFESSIONALE ECONOMIA AGRARIA E DELLO SVILUPPO TERRITORIALE (Materia) COMPETENZE SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Allegato A Linee guida DPR 88/2010 assistere le entità produttive

Dettagli

La destinazione del fabbricato è parzialmente vincolata dal P.R.G. come si evince da quanto detto alla IV e V riga. Nel nostro caso sceglieremo di

La destinazione del fabbricato è parzialmente vincolata dal P.R.G. come si evince da quanto detto alla IV e V riga. Nel nostro caso sceglieremo di Stima delle aree edificabili secondo l aspetto economico del p.p.v. di trasformazione Esempio di calcolo plano-volumetrico su lotto edificabile 30 x 22 m. Sia da valutare un area edificabile ricadente

Dettagli

IL CATASTO E L ARCHIVIO CATASTALE. 1. Generalità sul catasto.

IL CATASTO E L ARCHIVIO CATASTALE. 1. Generalità sul catasto. IL CATASTO E L ARCHIVIO CATASTALE 1. Generalità sul catasto. Il catasto costituisce l inventario del patrimonio edilizio nazionale ( fabbricati, terreni, strade piazze, corsi d acqua, laghi e litorali)

Dettagli

V Anno I.T.G. Materia: ESTIMO ESTIMO CIVILE

V Anno I.T.G. Materia: ESTIMO ESTIMO CIVILE V Anno I.T.G. Materia: ESTIMO Modulo n 1 ESTIMO CIVILE Unità didattica n 1 I fabbricati civili L estimo civile concerne le valutazioni aventi per oggetto gli immobili urbani. Riguarda pertanto le stime

Dettagli

TESTO Un asse ereditario è costituito di: un appartamento per civile abitazione di 120 m2; un locale adibibile a deposito di 600 m2 ed altezza 5 m;

TESTO Un asse ereditario è costituito di: un appartamento per civile abitazione di 120 m2; un locale adibibile a deposito di 600 m2 ed altezza 5 m; TESTO Un asse ereditario è costituito di: un appartamento per civile abitazione di 120 m2; un locale adibibile a deposito di 600 m2 ed altezza 5 m; una superficie di terreno nudo estesa per 2.000 m2 su

Dettagli

Valutazione della convenienza economica di un progetto di costruzione di villette bifamiliari in zona turistica nei lidi ferraresi.

Valutazione della convenienza economica di un progetto di costruzione di villette bifamiliari in zona turistica nei lidi ferraresi. Caso 20 Copyright 2005 The Companies srl Valutazione della convenienza economica di un progetto di costruzione di villette bifamiliari in zona turistica nei lidi ferraresi. Indice 1 Quesito di stima...

Dettagli

SESSIONE 2007 SECONDA PROVA SCRITTA

SESSIONE 2007 SECONDA PROVA SCRITTA SESSIONE 2007 SECONDA PROVA SCRITTA Il candidato, dopo aver ipotizzato il bilancio di una azienda orticola ad alto reddito, condotta in economia diretta, valuti la convenienza all'introduzione di una nuova

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016. monte orario annuale: 132

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016. monte orario annuale: 132 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof. Apollonio Sergio MATERIA Geopedologia Economia classe e indirizzo IV B Corso CAT n. ore settimanali: 4 CONOSCENZE 1 monte orario annuale: 132

Dettagli

dei redditi 21.IV.2009 Corso di Estimo - CLAPE - Prof. E. Micelli - Aa 2008.09

dei redditi 21.IV.2009 Corso di Estimo - CLAPE - Prof. E. Micelli - Aa 2008.09 La stima per capitalizzazione dei redditi 21.IV.2009 La stima per capitalizzazione i La capitalizzazione dei redditi è l operazione matematico-finanziaria che determina l ammontare del capitale - il valore

Dettagli

ESTIMO FORESTALE. Davide Pettenella. Introduzione. Il mercato Mercato internazionale Il sistema foresta-legno italiano. Valutazione degli investimenti

ESTIMO FORESTALE. Davide Pettenella. Introduzione. Il mercato Mercato internazionale Il sistema foresta-legno italiano. Valutazione degli investimenti Immagination is more important than knowledge (A.Einstein) Introduzione ESTIMO FORESTALE Davide Pettenella Molte persone sanno il prezzo delle cose, pochi ne conoscono il valore (Oscar Wilde) 17 dicembre

Dettagli

Teoria e metodologia estimativa

Teoria e metodologia estimativa Teoria e metodologia estimativa Definizioni L estimo è la parte della scienza economica definibile come l insieme dei principi logici e metodologici che regolano e, quindi, consentono la motivata, oggettiva

Dettagli

2. I metodi di valutazione. 3. Caso pratico. Art. 2555 c.c. Come valutare un azienda: metodologie e casi pratici. 1. Perché si valuta un azienda

2. I metodi di valutazione. 3. Caso pratico. Art. 2555 c.c. Come valutare un azienda: metodologie e casi pratici. 1. Perché si valuta un azienda 00 000 00 0 000 000 0 Relatore: Dott. Andrea Gemmi Dottore Commercialista in Parma Come valutare un azienda: metodologie e casi pratici 00 000 00 0 000 000 0. Perché si valuta un azienda 3. Caso pratico

Dettagli

Parte zero. COSTO ANALITICO DI RISTRUTTURAZIONE: simulare opere di ristrutturazione e relativi. costi:

Parte zero. COSTO ANALITICO DI RISTRUTTURAZIONE: simulare opere di ristrutturazione e relativi. costi: Parte zero COSTO ANALITICO DI RISTRUTTURAZIONE: simulare opere di ristrutturazione e relativi costi: - rifacimento imp elettrico :9.000 - sostituzione infissi : 10.000 - sostituzione sanitari in bagno

Dettagli

Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti

Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti 30.X.2013 La metodologia estimativa La metodologia estimativa rappresenta l insieme delle tecniche e degli strumenti attraverso cui si formula

Dettagli

ESTIMO LAVORO ESTIVO IV ITG

ESTIMO LAVORO ESTIVO IV ITG ESTIMO LAVORO ESTIVO IV ITG 1 Sono debitore di 12.800, da pagarsi tra 5 mesi, e creditore, nei confronti della stessa persona, dei seguenti importi: - 3.500 da pagarsi tra 2 mesi; - 2.500 da pagarsi tra

Dettagli

La stima del valore di mercato degli immobili

La stima del valore di mercato degli immobili La stima del valore di mercato degli immobili 1. I suoli agrari 2. Gli immobili civili 3. Le aree edificabili 4. La valutazione degli immobili industriali Prof. Paolo Rosato 1 La valutazione dei suoli

Dettagli

DI BARTOLO AMBRA Onofrio Frenda ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

DI BARTOLO AMBRA Onofrio Frenda ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^ 2^ SIMULAZIONE DELLA PROVA DI ESAME DI ESTIMO Anno scolastico 2009-10 ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^ SVOLTA DA DI BARTOLO AMBRA ( alunna della 5^C - ITG Ettore Majorana di Gela ) Docente: prof. Onofrio

Dettagli

Il catasto 13.XII.2005. Corso di Estimo CLA - Prof. E. Micelli - Aa 2005.06. Cos è il Catasto

Il catasto 13.XII.2005. Corso di Estimo CLA - Prof. E. Micelli - Aa 2005.06. Cos è il Catasto Il catasto 13.XII.2005 Cos è il Catasto Il Catasto rappresenta l inventario dei beni immobili esistenti sul territorio nazionale; è la base per le imposizioni fiscali; conserva le informazioni relative

Dettagli

IL CATASTO URBANO N.C.E.U. SCOPI DEL N.C.E.U. NUOVA DEFINIZIONE DI U.I.U. NORME FONDAMENTALI DEL N.C.E.U. IL NUOVO CATASTO EDILIZIO URBANO

IL CATASTO URBANO N.C.E.U. SCOPI DEL N.C.E.U. NUOVA DEFINIZIONE DI U.I.U. NORME FONDAMENTALI DEL N.C.E.U. IL NUOVO CATASTO EDILIZIO URBANO N.C.E.U. IL CATASTO URBANO CREATO CON LEGGE 13.04.1939 N. 652; ENTRATO IN VIGORE IL 01.09.1962. CREATO CON R.D. N. 267 DEL 05.06.1871 ING. GIOVANNI MINGOZZI N.C.E.U. NORME FONDAMENTALI DEL N.C.E.U. LE

Dettagli

Il postulato della permanenza delle condizioni

Il postulato della permanenza delle condizioni La stima del valore di mercato_3 Prof. Arch. ALESSIO D AURIA, PhD DIPARTIMENTO DICONSERVAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI E AMBIENTALI aldauria@unina.it Il postulato della permanenza delle condizioni Ogni

Dettagli

CATASTO TERRENI E CATASTO FABBRICATI

CATASTO TERRENI E CATASTO FABBRICATI Corso di Estimo a.a. 2001/02 CATASTO TERRENI E CATASTO FABBRICATI. IL CATASTO! E l inventario dei beni immobili di uno Stato, di cui definisce i possessi dei singoli e degli enti;! E la base per le imposizioni

Dettagli

FORMAZIONE E DEFINIZIONE DEL CATASTO TERRENI

FORMAZIONE E DEFINIZIONE DEL CATASTO TERRENI 1 FORMAZIONE E DEFINIZIONE DEL CATASTO TERRENI RD 1572/31 1 ss. 1 PREMESSA Il Catasto può essere definito come l inventario generale dei beni immobili siti in un determinato territorio. In tal senso si

Dettagli

R ELAZI ONE FINALE DEL DOCENTE

R ELAZI ONE FINALE DEL DOCENTE C O N S I G L I R ELAZI ONE FINALE DEL DOCENTE V i a d e g l i A l p i n i, 1 ( - 0 4 2 7. 4 0 3 9 2 F a x 0 4 2 7. 4 0 8 9 8 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE A NNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTE MATERIA

Dettagli

COMUNE DI CASTELLI CALEPIO PROVINCIA DI BERGAMO Settore Patrimonio

COMUNE DI CASTELLI CALEPIO PROVINCIA DI BERGAMO Settore Patrimonio RELAZIONE DI STIMA Finalizzata alla determinazione del valore venale dell area attualmente di proprietà privata, da alienare in via XXV Aprile a Tagliuno Il Perito Geom. Paolo Fiumi Settembre 2015 indice

Dettagli

Il catasto. Corso di Estimo - CLA - Prof. E. Micelli

Il catasto. Corso di Estimo - CLA - Prof. E. Micelli Il catasto Cos è il catasto Il Catasto rappresenta l inventario dei beni immobili esistenti sul territorio nazionale è la base per le imposizioni fiscali conserva le informazioni relative a: individuazione

Dettagli

Circolare n. 6/2012 Determinazione della rendita catastale delle unità immobiliari a destinazione speciale e particolare: profili tecnico-estimativi

Circolare n. 6/2012 Determinazione della rendita catastale delle unità immobiliari a destinazione speciale e particolare: profili tecnico-estimativi Circolare n. 6/2012 Determinazione della rendita catastale delle unità immobiliari a destinazione speciale e particolare: profili tecnico-estimativi Milano - 20 febbraio 2013 Direzione Regionale Lombardia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA CORSO DI ESTIMO PROF. MAURIZIO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA CORSO DI ESTIMO PROF. MAURIZIO Argomento della lezione n. 1 (ore 2 ) UNITA DIDATTICA 1 DI ECONOMIA Presentazione del Corso Definizione di Bene Immobile Prezzo e Valore Valutazione Immobiliare Scientifica e Valutazione Empirica Argomento

Dettagli

Indice. L ESTIMO RURALE AMBIENTALE CATASTALE Teoria ne pratica delle valutazioni

Indice. L ESTIMO RURALE AMBIENTALE CATASTALE Teoria ne pratica delle valutazioni MODULO 1 - ELEMENTI Dl CALCOLO Unità 1 - L interesse 1.1 Premessa 1.2 L interesse e il saggio 1.3 L interesse semplice 1.3.1 Problemi dell interesse 1.3.2 Problemi del montante 1.3.3 Problemi del valore

Dettagli

Corso di Estimo Elementi di Matematica Finanziaria

Corso di Estimo Elementi di Matematica Finanziaria Corso di Estimo Elementi di Matematica Finanziaria Corso di Scienze e Tecnologie Agrarie Indice argomenti Capitale e Interesse Interesse semplice Interesse composto Annualità Poliannualità r nominale e

Dettagli

Redditi fondiari, redditi di lavoro dipendente e redditi di lavoro autonomo

Redditi fondiari, redditi di lavoro dipendente e redditi di lavoro autonomo Redditi fondiari, redditi di lavoro dipendente e redditi di lavoro autonomo Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario prof. Giuseppe Zizzo 1 oggetto della lezione

Dettagli

Estimo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA DI INGEGNERIA. Income approach. M. Ciuna, M. Simonotti

Estimo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA DI INGEGNERIA. Income approach. M. Ciuna, M. Simonotti UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, AMBIENTALE, AEROSPAZIALE E DEI MATERIALI Estimo Anno accademico 2011-2012 Income approach M. Ciuna, M. Simonotti

Dettagli

DOTT. [ ] Indice sommario. 1. Motivo ed oggetto dell incarico... 2. 2. Data di riferimento della stima... 2

DOTT. [ ] Indice sommario. 1. Motivo ed oggetto dell incarico... 2. 2. Data di riferimento della stima... 2 RELAZIONE DI STIMA, REDATTA AI SENSI DELL ART. 2465, 1 COMMA, DEL CODICE CIVILE, SUL VALORE ATTRIBUIBILE AL RAMO D AZIENDA CENTRIFUGHE, OPERANTE ALL INTERNO DELLA SOCIETÀ Y S.R.L. Indice sommario 1. Motivo

Dettagli

ITG A. POZZO CORSO DI ESTIMO CLASSE 4^LB NOZIONI DI MATEMATICA FINANZIARIA

ITG A. POZZO CORSO DI ESTIMO CLASSE 4^LB NOZIONI DI MATEMATICA FINANZIARIA ITG A. POZZO CORSO DI ESTIMO CLASSE 4^LB NOZIONI DI MATEMATICA FINANZIARIA Anno scolastico 2008/09 Prof. Romano Oss Matematica finanziaria è uno strumento di calcolo basato sulla teoria dell interesse,

Dettagli

Circolare n. 6/2012 Determinazione della rendita catastale delle unità immobiliari a destinazione speciale e particolare: profili tecnico-estimativi

Circolare n. 6/2012 Determinazione della rendita catastale delle unità immobiliari a destinazione speciale e particolare: profili tecnico-estimativi Circolare n. 6/2012 Determinazione della rendita catastale delle unità immobiliari a destinazione speciale e particolare: profili tecnico-estimativi Milano - 18 febbraio 2013 Direzione Regionale Lombardia

Dettagli

ITG E. MAJORANA 2^ simulazione della 2^ prova scritta di ESTIMO effettuata il 18 marzo 2014 prof. Onofrio Frenda

ITG E. MAJORANA 2^ simulazione della 2^ prova scritta di ESTIMO effettuata il 18 marzo 2014 prof. Onofrio Frenda 2^ SIMULAZIONE DELLA 2^ PROVA SCRITTA DI ESTIMO Anno scolastico 2013-14 Svolta il 18 marzo 2014 ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^ SVOLTA DAGLI ALUNNI GRIMA SARA E BONVISSUTO FILIPPO (alunni della 5^A

Dettagli

Una guida all analisi di mercato Le fonti per la stima dei valori

Una guida all analisi di mercato Le fonti per la stima dei valori Una guida all analisi di mercato Le fonti per la stima dei valori Lo scopo delle slide Lo scopo della slide che seguono è quello presentare in modo critico alcune delle fonti attualmente disponibili per:

Dettagli

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO La riclassificazione del bilancio Lo schema di bilancio attualmente utilizzato nell'unione Europea non soddisfa interamente le esigenze degli analisti. E'

Dettagli

IMMOBILI E VALORE NORMALE. IMMOBILI ABITATIVI Valore normale = Valore normale unitario * mq superficie catastale

IMMOBILI E VALORE NORMALE. IMMOBILI ABITATIVI Valore normale = Valore normale unitario * mq superficie catastale Numero 10 Anno 2007 - ottobre IMMOBILI E VALORE NORMALE Il D.L. 223/2006, convertito dalla legge 248/2006, ha di fatto abrogato la disposizione che impediva all amministrazione finanziaria di rettificare

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria La superficie catastale di un'azienda ad indirizzo cerealicolo-zootecnico con allevamento di bovini da latte, è pari a ettari 50.75.25 completamente destinati a seminativo e foraggere. Il candidato, descritta

Dettagli

Manuale di Estimo Vittorio Gallerani, Giacomo Zanni, Davide Viaggi Copyright 2005 The McGraw-Hill Companies srl

Manuale di Estimo Vittorio Gallerani, Giacomo Zanni, Davide Viaggi Copyright 2005 The McGraw-Hill Companies srl Copyright 2005 The Companies srl Caso 17 Stima dell indennità spettante all affittuario per l esecuzione di un drenaggio sotterraneo Indice 1. Conferimento dell incarico e quesito di stima... 2 2. Descrizione

Dettagli

La stima degli immobili urbani: casi

La stima degli immobili urbani: casi ESTIMO CATASTALE collana a cura di Massimo Curatolo ANTONIO IOVINE MC1 MASSIMO CURATOLO La stima degli immobili urbani: casi APPROFONDIMENTI SUI SEGUENTI CASI DI STIMA: complesso edilizio ad abitazioni

Dettagli

STIMATRIX : software per stime basate sugli Standard Internazionali

STIMATRIX : software per stime basate sugli Standard Internazionali STIMATRIX : software per stime basate sugli Standard Internazionali Modena 4 ottobre 2008 Scenari attuali e futuri verso metodologie di stima riconosciute Sandro Ghirardini Chief Executive Officer of STIMATRIX

Dettagli

1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito

1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito 1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito Esercizio: utile (euro) tasso d'inflazione aliquota fiscale (t) anno 2009 100 3,00% 50% anno 2010 120 4,00% 50% anno 2011 80 5,00% 50% Eventi: -Nel 2009:

Dettagli

CORSO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI E STIME IMMOBILIARI

CORSO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI E STIME IMMOBILIARI CORSO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI E STIME IMMOBILIARI (34 ore di lezione) Il corso si articola in 3 moduli per 34 ore di formazione in aula: Primo modulo: Procedura giudiziale e stragiudiziale. N. 6+6+6

Dettagli

Programmazione 2014/2015

Programmazione 2014/2015 Programmazione 2014/2015 materia Estimo Economia classi 4 A e 4 B Tecnico Settore: Tecnologico - Indirizzo: Costruzioni, Ambiente e Territorio docenti testi in adozione Giorgio Esposti (4 A e B) Amicabile

Dettagli

CONTRATTI DI LOCAZIONE IMMOBILIARE: NOVITA

CONTRATTI DI LOCAZIONE IMMOBILIARE: NOVITA CONTRATTI DI LOCAZIONE IMMOBILIARE: NOVITA A cura del Prof. Antonio Gallella -Registrazione dei contratti; -Nullità dei contratti non registrati; -Accertamento della base imponibile derivante dal contratto

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE VANVITELLI STRACCA ANGELINI ANCONA. CORSO SERALE SIRIO Indirizzo Ragionieri MODULI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE VANVITELLI STRACCA ANGELINI ANCONA. CORSO SERALE SIRIO Indirizzo Ragionieri MODULI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE VANVITELLI STRACCA ANGELINI ANCONA CORSO SERALE SIRIO Indirizzo Ragionieri MODULI DI ECONOMIA AZIENDALE e INFORMATICA DI BASE ISTVAS Ancona Indirizzo: RAGIONIERI Proff.

Dettagli

Le fonti per la stima dei valori

Le fonti per la stima dei valori Una guida all analisi di mercato Le fonti per la stima dei valori Comunicazione curata da arch. Barbara Bolognesi Lo scopo della comunicazione Lo scopo della comunicazione è quello presentare in modo critico

Dettagli

La capitalizazione dei redditi

La capitalizazione dei redditi Corso di estimo D Il procedimento indiretto di stima del valore di mercato: la capitalizzazione dei redditi La capitalizazione dei redditi La capitalizzazione dei redditi rappresenta il procedimento analitico

Dettagli