CONTO CONSUNTIVO PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTO CONSUNTIVO PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2011"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO IN LINGUA ITALIANA MERANO I VIA XXX APRILE, MERANO TEL 0473/ FAX 0473/ CONTO CONSUNTIVO PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2011

2 RELAZIONE DIDATTICA DELLA DIRIGENTE SCOLASTICA SUGLI OBIETTIVI CONSEGUITI I - FORMAZIONE DOCENTI/RICADUTA DIDATTICA L'Istituto Comprensivo Merano 1 ha colto fin dall'inizio la sfida di porsi in un atteggiamento critico, ma allo stesso tempo propositivo e operativo nei confronti della Riforma Scolastica. Dall'anno scolastico 2009/2010 il corpo docente si è impegnato nella formazione di tipo laboratoriale lavorando con docenti universitari e sul campo alla sperimentazione di unità di apprendimento fondate sulla didattica per competenze. Nell anno scolastico 2010/2011 il collegio docenti ha proceduto alla definizione dei curricoli d Istituto sulla base delle Nuove Indicazioni. Quest anno il corpo docenti ha seguito una formazione specifica sulla valutazione delle competenze tenuta da relatori di altissimo livello come ad esempio il prof. Pellerey. Rivedere le proprie prassi, alle volte anche troppo consolidate, confrontarsi con colleghi dei due gradi di scuola, primaria e secondaria di primo grado, è diventata una necessità riconosciuta, anche se non mancano ancora nodi da sciogliere e punti di criticità da affrontare e risolvere. E importante sottolineare e riconoscere l enorme sforzo delle e dei docenti nel volersi migliorare per riuscire a rispondere ai nuovi bisogni dell utenza scolastica, bisogni sempre più complessi e che necessitano di soluzioni variegate e differenziate. Ritengo che il nostro Istituto abbia dimostrato anche attraverso la scelta di un percorso formativo triennale di puntare alla crescita ragionata e costante per il miglioramento dell'insegnamento, dei processi di apprendimento e soprattutto del clima e del luogo di lavoro. La ricaduta nella didattica è evidente. Sia nella primaria che nella secondaria i e le docenti operano un'intensa attività di programmazione, di didattica integrata ed interdisciplinare, utilizzando spesso moduli CLIL e metodologie laboratoriali, aprendo la didattica a mille esperienze dirette offerte dal territorio. II OTTIMIZZAZIONE SPESE AMMINISTRAZIONE Come si evince in dettaglio dalla relazione del Responsabile Amministrativo, l'obiettivo costante di ottimizzare l'utilizzo delle risorse è stato centrato contenendo tutte le spese nei settori del funzionamento amministrativo e nell erogazione dei servizi didattici, frutto di sinergie tra le diverse componenti scolastiche. È da rilevare che pur soddisfacendo tutte le richieste dei nostri docenti e dei nostri alunni, il nostro Istituto nel corso dell esercizio finanziario del 2011 non ha chiesto ulteriori richieste straordinarie, ad esempio richieste per l'integrazione, contributi straordinari, integrazioni ai budget delle missioni e/o delle ore straordinarie ed altro, garantendo il proprio servizio con le risorse ordinarie. III COINVOLGIMENTO E RESPONSABILIZZAZIONE DI TUTTE LE COMPONENTI SCOLASTICHE

3 Tale obiettivo naturalmente non sarebbe stato possibile senza una graduale ma consistente assunzione di responsabilità da parte di tutte le componenti scolastiche di una presa in carico e gestione collegiale: riunioni settimanali con il personale di segreteria, incontri con il personale ausiliario, condivisioni degli obiettivi con lo staff di presidenza, con i responsabili delle commissioni, con le funzioni obiettivo e con il presidente del Consiglio d istituto nello svolgimento delle gare d appalto. Questo è il vero patrimonio del nostro Istituto: una imprenditorialità diffusa che fa interagire le varie componenti per un interesse comune. IV AVANZO DI AMMINISTRAZIONE In un periodo di recessione economica, l'ottica che ha mosso le nostre scelte è stata di contenere le spese amministrative al fine di non dover in futuro tagliare sul budget che generalmente assegniamo ai progetti. Per questo motivo anche siamo arrivati ad un avanzo di bilancio che ci permette di poter pianificare meglio le nostre scelte in caso di eventuali tagli all assegnazione ordinaria 2013 Nel corso del 2011 si è provveduto a svecchiare la dotazione dei libri e ad acquistare nuovi testi. Le croniche carenze di spazi adeguati, sia nella scuola primaria che in quella secondaria, dovute alla non ancora attivazione dell'amministrazione Comunale verso le esigenze della popolazione scolastica continuano a provocare un forte disagio: sovraffollamento delle classi, impossibilità di accogliere tutte le richieste di iscrizioni, mancanza di aule speciali per il sostegno e per i laboratori, difficoltà nel lavorare in rete con l amministrazione comunale in tempi rapidi dovuti ai diversi passaggi di competenze. Fortunatamente ciò non ha costituito l'alibi per docenti ed operatori per arroccarsi in una routine quotidiana staccata dai bisogni di alunni, alunne e famiglie, bisogni che in una società dai cambiamenti sempre più rapidi richiedono continua autoriflessione, autovalutazione e spinte innovative.

4 RELAZIONE AMMINISTRATIVA Il conto consuntivo per l esercizio finanziario 2011 è stato predisposto secondo quanto previsto dal decreto del Presidente della Giunta Provinciale n. 74 del e dalle disposizioni impartite con circolare Prot. Nr /32.11/54529 del Durante l intero esercizio finanziario 2011 si è lavorato per raggiungere gli obiettivi e i miglioramenti indicati nella relazione accompagnatoria al bilancio di previsione In particolare, come si evincerà meglio nella descrizione dei singoli capitoli di bilancio si è continuato un percorso già avviato negli scorsi anni, rivolto a razionalizzare l organizzazione sia dal punto di vista d utilizzo delle risorse interne (umane e finanziarie), sia per quanto attiene il miglioramento dell offerta formativa attraverso anche l instaurazione di sinergie con altre istituzioni pubbliche e con soggetti appartenenti al settore delle associazioni. In particolare sono state attivate importanti collaborazioni con i Centri Linguistici, con il Comune di Merano, con il Servizio Psicologico dell Azienda Sanitaria di Merano, con l associazione UPAD. Queste collaborazioni hanno permesso di migliorare la nostra offerta scolastica sia per quanto riguarda alcune competenze non in possesso presso il nostro Istituto, sia in termini finanziari: molte attività sono state svolte o finanziate dai nostri partner (l alfabetizzazione degli alunni con background migratorio è stata svolto da personale dei centri linguistici, i corsi di tedesco per gli alunni provenienti fuori provincia sono state svolte da nostri insegnanti mediante l utilizzo del budget delle ore straordinarie, diverse iniziative alle quali hanno partecipato i nostri alunni sono state organizzate e finanziate da parte del Comune di Merano, diversi progetti sono stati realizzati a titolo gratuito da personale dell Azienda Sanitaria di Merano. Di seguito si fornisce una breve descrizione dei miglioramenti avviati nella gestione del nostro Istituto: sono state consolidate e interiorizzate da parte dei docenti e del personale ausiliario le disposizioni impartite dalle diverse Dirigenti che si sono succedute orientate a promuovere un utilizzo maggiormente efficiente delle risorse a disposizione del nostro Istituto: utilizzo delle attrezzature di cui disponiamo, materiale di cancelleria, riduzione della carta per quanto riguarda la presentazione dei progetti così come i report delle diverse commissioni (si sta utilizzando una piattaforma informatica con diversi livelli di accesso), migliore utilizzo delle risorse informatiche per quanto attiene il flusso della comunicazione (verso la fine di questo esercizio finanziario si è provveduto a stendere un programma di lavoro con i referenti Fuss finalizzato allo sviluppo nel personale insegnante di maggiori competenze informatiche); come gli scorsi esercizi finanziari, in considerazione dell avanzo di amministrazione registrato, è stato deciso di non chiedere alcun contributo straordinario per il programma dei servizi di assistenza scolastica a favore di alunni in situazione di handicap. Gli acquisti necessari, individuati dalle due coordinatrici del gruppo I, di concerto con i collaboratori agli alunni diversamente abili, sono stati effettuati utilizzando il contributo ordinario. Importante è sempre stato il collegamento con l Azienda Sanitaria di Merano per risolvere diversi aspetti peculiari. La rete instaurata fra gli insegnanti di sostegno e i genitori hanno generato un valore aggiunto rivolto a migliorare l ambiente scolastico per gli alunni diversamente abili;

5 l utilizzo accurato delle risorse finanziarie destinate per il funzionamento amministrativo. Si sono registrate economie in tutte le voci di spesa, programmate nel capitolo 1010; come lo scorso esercizio finanziario si è provveduto sulla base delle richieste inoltrate dalle fiduciarie e dalle coordinatrici di materia ad effettuare acquisti di materiali finalizzati alla didattica, che permettessero un rinnovamento degli stessi. Sono stati acquistati strumenti musicali, attrezzature per i laboratori di scienze, libri per la biblioteca, dizionari e altro materiale. Tutte le richieste sono state soddisfatte; sono stati realizzati 26 progetti. Il lavoro delle varie commissioni istituite nel corso dell esercizio finanziario 2011 è stato importante al fine di offrire un offerta formativa più vicina alle esigenze degli alunni e con minori costi per il nostro Istituto. Si è consolidato il processo di lavoro della commissione POF e in particolare quello rivolto alla valutazione dei progetti realizzati e quello relativo alla riduzione delle consulenze. Sono state avviate solo quelle strettamente necessarie rivolte ad supplire alla mancanza di competenze specifiche da parte del personale docente. Allo stesso tempo è divenuta consuetudine avviare sinergie con altri attori del nostro territorio finalizzate speriamo nel prossimo esercizio ad realizzare un sistema scolastico integrato. La stipula di una convenzione (programmata per inizio 2011 si veda relazione conto consuntivo 2010) è slittata in seguito ai cambi di Dirigenti avvenuti a marzo e a settembre 2011, oltre ai mutamenti politici intercorsi presso il Comune di Merano (cambio Assessore); sono state acquistate nuove attrezzature sportive per la palestra, ponendo particolare attenzione anche agli alunni diversamente abili; è stato avviata la conclusione della formazione insegnante per quanto attiene la tematica Lavorare per competenze che nel corso degli ultimi due esercizi ha permesso di disporre di insegnanti con competenze in tale settore ritenute prioritarie a livello provinciale. Anche in questo caso siamo riusciti attraverso una stretta collaborazione con l area pedagogica della Sovrintendenza, affinché l iniziativa fosse finanziata dalla stessa. Sono stati inoltre svolti 4 corsi d aggiornamento per il personale insegnante su diverse tematiche ritenute importanti dal collegio docenti (si veda descrizione contenuta alla sezione capitolo delle spese); tutti i progetti di educazione alla salute e quelli di educazione ambientale programmati sono stati realizzati, nonostante i limitati fondi assegnati per questi due ambiti anche attraverso importanti sinergie consolidate con l Azienda Sanitaria di Merano; si è provveduto a svecchiare la dotazione dei libri, sulla base delle richieste pervenute dalle referenti delle biblioteche di plesso. Sono stati acquistate opere librarie nei seguenti generi: letterature straniere testi disciplinari in L2 e in L3 libri per l alfabetizzazione degli alunni stranieri letteratura per bambini e ragazzi testi scientifici libri d arte

6 è stato portato avanti l accordo di rete Più lingue più Europa e i nostri referenti hanno partecipato a diversi convegni svoltisi in Italia che hanno permesso di instaurare importanti relazioni per il nostro Istituto; si è provveduto a dotare il nostro Istituto Comprensivo di una riserva minima di libri di testo in caso di nuovi arrivi di studenti. Si segnala che anche in questo esercizio finanziario il contributo concesso dall Ufficio Finanziamento per i libri di testo è stato inferiore rispetto a quanto previsto in bilancio e a quanto stabilito dalle disposizioni in vigore. Pertanto al fine di poter provvedere alle dotazioni approvate in collegio docenti si è reso necessario effettuare uno storno di fondi da altri capitoli di bilancio (si veda sezione capitolo 5010 delle spese); È entrata a pieno regime la procedura avviata nel marzo 2009, dopo una ricognizione totale dei beni mobili iscritti nell inventario del nostro istituto, che ha permesso di responsabilizzare i singoli subconsegnatari rispetto all utilizzo dei beni loro affidati. I subconsegnatari alla fine dell anno scolastico e all inizio dello stesso svolgono una completa ricognizione dei beni inventariati oltre che a segnalare tempestivamente eventuali spostamenti e rotture o smarrimenti; è diventata prassi consolidata svolgere gare d appalto informali per le forniture di materiale di pulizia, di materiale di facile consumo, di libri per la biblioteca, dei libri di testo, di autobus per le uscite didattiche. Per queste gare sono state istituite commissioni di gara, che hanno coinvolto la Dirigente, il Responsabile Amministrativo e il Presidente del Consiglio d Istituto. Questo ha permesso di ottenere risparmi e a consolidare una più intensa collaborazione con la componente dei genitori non solo nelle macroscelte, ma adesso anche a livello micro come può essere ad esempio la scelta di un fornitore attraverso l intero processo di aggiudicazione di una gara. Con i primi mesi dell esercizio 2011 le disposizioni e le modalità delle gare d appalto sono mutate. Il nostro Istituto si è attrezzato al fine di potersi iscrivere ai diversi portali previsti per il rilascio del CIG, del CUP e del DURC. In seguito ai cambiamenti di Dirigenti, siamo riusciti solo a fine esercizio finanziario ad iscriverci al portale delle gare telematiche. Attraverso l utilizzo di questo portale, le procedure d aggiudicazione saranno rese ancora più trasparenti grazie ad un diretto coinvolgimento delle ditte invitate a concorrere. Con l inizio dell esercizio finanziario 2012 abbiamo sollecitato a livello di Sovrintendenza e a livello di nucleo di controllo di dare avvio ad uno sviluppo condiviso per tutte le scuole di procedure e di una modulistica idonea per la gestione degli acquisti; questo soprattutto in relazione alle nuove disposizioni emanate dal Governo Monti (Salva Italia) e a quelle contenute nel codice dei contratti pubblici e dal suo regolamento attuativo. L esercizio 2011 è stato dedicato ad una migliore coesione fra le diverse componenti scolastiche (insegnanti, genitori, amministrazione, personale ausiliario) nella definizione degli obiettivi e della mission del nostro Istituto attraverso una completa condivisione anche delle procedure contabili, finanziarie e di scelta nell utilizzo delle risorse a nostra disposizione (competenze interne, budget delle ore straordinarie, budget delle missioni, bilancio della scuola, altri canali di finanziamento, contatti e relazioni esterne). Abbiamo, in tal senso, avviato nell ultimo trimestre un processo di condivisione che

7 potrebbe portare nel settembre 2012 ad avviare un processo consulenziale di certificazione Iso del nostro Istituto. È prassi consolidata effettuare ogni lunedì mattina una riunione con tutto il personale di segreteria finalizzata a migliorare i processi organizzativi. In tal senso sono stati avviati nuovi processi organizzativi interni che hanno permesso di disporre di una segreteria alunni e di una segreteria docenti, oltre che a snellire le procedure amministrative e l intercambiabilità nei diversi lavori fra il personale di segreteria. I miglioramenti sopra descritti hanno permesso di registrare un avanzo di amministrazione pari a Euro ,05. In un periodo storico in cui da diverse istituzioni vi è un richiamo ad una maggiore accuratezza nell utilizzo delle risorse pubbliche, crediamo di aver ottemperato in questo senso nel migliore dei modi durante l intero esercizio finanziario L avanzo di amministrazione registrato ci permetterà in caso di eventuali tagli all assegnazione ordinaria 2013, come già prospettato sia dai Nuclei di Controllo che a livello di Sovrintendenza, di poter fronteggiare maggiormente il periodo storico di crisi economica in cui versa la nostra Nazione senza che questo abbia delle ripercussioni sulla qualità didattica offerta ai nostri alunni. Si fornisce di seguito una relazione dettagliata per ogni singolo capitolo di bilancio (entrate e uscite).

8 PARTE 1 ENTRATE TITOLO 1 ENTRATE CORRENTI CATEGORIA 2 RENDITE PATRIMONIALI CAP Interessi attivi su giacenze di cassa, titoli di custodia, c/c postale Sono stati riscossi in c/competenza 1.518,74 per interessi maturati sul c/c bancario dell'istituto. In sede di stesura del Bilancio di Previsione 2011, al capitolo 1020 delle entrate, sono stati imputati Euro 1.200,00 sulla base degli interessi maturati sul conto corrente bancario negli anni precedenti. L aumento delle riscossioni su questo capitolo rispetto a quanto preventivato è dovuta in particolar modo al fatto che nel primo semestre 2011, in seguito alle modifiche intervenute nelle procedure d acquisto (CIG, DURC) si è voluto disporre di un quadro completo, evitando possibili errori procedurali, prima di procedere con gli acquisti. In questo modo per quasi tutto il primo semestre 2011 si è registrato un Fondo Cassa elevato sul quale sono stati maturati importanti interessi attivi. Di seguito si riporta la specifica delle entrate: Reversale n. 1 del Euro 226,76 Reversale n. 27 del Euro 298,30 Reversale n. 39 del Euro 514,04 Reversale n. 52 del Euro 479,64 Totale Euro: 1.518,74 Con decreto della Dirigente Scolastica n. 124 del è stata effettuata la variazione di bilancio in aumento di Euro 318,74. CATEGORIA 3 FINANZIAMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE CAP Assegnazioni per le spese di funzionamento didattico amministrativo Il contributo ordinario iscritto nel Bilancio di Previsione 2011 da parte della Provincia Autonoma di Bolzano Ufficio Finanziamento Scolastico ammonta ad 91,006,00. Il contributo ordinario è stato incassato totalmente con: reversale n. 8 del

9 CAP Assegnazioni per le spese di funzionamento didattico amministrativo finanziamento straordinario Su questo capitolo sono stati iscritti Euro 2.988,00 (accertamento n. 34 del ) quale contributo straordinario concesso alle famiglie degli alunni che avrebbero svolto nell esercizio 2011 il soggiorno studio a Dobbiaco. Con decreto della Dirigente Scolastica n. 114 del è stata disposta la variazione di bilancio in aumento di Euro 473,50 per introitare il contributo straordinario da girare alle famiglie i cui figli avevano superato la certificazione linguistica rilasciata dal Goethe Institut. Si tratta di un iniziativa dell Ufficio Bilinguismo in collaborazione con l Ufficio Finanziamento segnalata con opportuna circolare. Sono stati quindi accertati su questo capitolo Euro 3.401,50 rispetto ad uno stanziamento definitivo di Euro 3.461,50 e gli stessi sono stati totalmente introitati. La differenza di Euro 60,00 fra le somme introitate e lo stanziamento definitivo è dovuta ad un numero inferiore di alunni che hanno svolto il soggiorno studio e quindi sono stati introitati Euro 2.928,00 quale contributo straordinario rispetto ai 2.988,00 previsti. Di seguito il dettaglio dei contributi straordinari assegnati. Euro 2.928,00 soggiorno studio a Dobbiaco introitati con reversale n. 47 del Euro 473,50 certificazioni linguistiche - introitati con reversale n. 48 del CAP assegnazioni per l acquisto di libri di testo Il contributo ordinario per l acquisto dei libri di testo, iscritto nel bilancio di previsione 2011 sulla base delle riposizioni vigenti (circolare del Dipartimento Sovrintendenza Scolastica 17sd/32.07/ del ) è di Euro ,00. L assegnazione effettuata dall Ufficio Finanziamento è stata di Euro ,83. La variazione di bilancio in diminuzione di Euro 1.932,17 è stata effettuata con decreto della Dirigente Scolastica n. 81 del Si segnala che sarebbe opportuno disporre di queste informazioni nei primi mesi dell esercizio finanziario, quindi prima di maggio quando il collegio docenti approva le nuove adozioni. Questo al fine di poter fornire al collegio docenti di una coerente pianificazione finanziaria prima di deliberare le nuove adozioni dei libri di testo, evitando al contempo storni di bilancio che hanno ricadute sulla pianificazione delle attività e degli acquisti programmati nel bilancio di previsione. CAP Assegnazioni per il rimborso delle spese di trasporto In sede di stesura del Bilancio di Previsione 2011 non sono state previste entrate. Durante l anno scolastico , è stata inoltrata all Ufficio Assistenza Scolastica, la richiesta di rimborso spese per il trasporto alunni per un totale di Euro 586,30. L assegnazione da parte della Ripartizione 40 Ufficio Assistenza scolastica è avvenuta nel mese di febbraio 2011.

10 Con decreto della Dirigente Scolastica n. 26 del è stata apportata la variazione di bilancio in aumento di Euro 586,30. Con reversale n. 11 del l importo è stato regolarmente riscosso. CATEGORIA 4 CONTRIBUTI DI ALTRI ENTI O PRIVATI CAP 3010 Finanziamenti da parte dei Comuni per il funzionamento didattico amministrativo. In sede di stesura del Bilancio di Previsione 2011 sono state previste entrate pari a Euro ,00 per i contributi che i Comuni versano alle direzioni didattiche per il funzionamento didattico amministrativo. Nei primi mesi dell esercizio sono state trasmesse le richieste di versamento ai vari Comuni. Nelle richieste si è tenuto conto del numero effettivo degli alunni residenti nei diversi Comuni, anche in considerazione di eventuali variazioni di residenza intervenute non solo in provincia ma anche fuori. L ammontare complessivo delle richieste è stato pari a Euro 41,195,00. Sono stati introitati Euro ,00. La differenza di Euro 55,00 è dovuta: Euro 55,00 Comune di Merano per un contributo non liquidato nell anno scolastico I contributi per il funzionamento didattico assegnato dai diversi Comuni sono stati incassati in conto competenza con: reversale n. 5 del Euro 55,00 reversale n. 19 del Euro 220,00 reversale n. 20 del Euro 935,00 reversale n. 23 del Euro 330,00 reversale n. 29 del Euro 110,00 reversale n. 25 del Euro 3.520,00 reversale n. 26 del Euro 495,00 reversale n. 28 del Euro 55,00 reversale n. 30 del Euro 220,00 reversale n. 32 del Euro ,00 reversale n. 33 del Euro ,00 reversale n. 46 del Euro 110,00 reversale n. 62 del Euro 55,00 Totale incassi Euro ,00

11 CAP Finanziamenti da parte dei comuni per la manutenzione degli edifici scolastici Nel Bilancio di Previsione per l anno finanziario 2011 non erano state previste entrate. Cap Contributi di altri enti (regioni ecc.) o privati, donazioni, eredità e legati, proventi ed erogazioni liberali Nel Bilancio di Previsione per l anno finanziario 2011 sono stati iscritti su questo capitolo Euro 500,00 quale contributo che la Tesoreria eroga al nostro istituto per il funzionamento didattico come stabilito nella convenzione stipulata. Il contributo di Euro 500,00 è stato introitato con riversale n. 59 del CATEGORIA 5 ALTRE ENTRATE CAP Contributi degli alunni per attività extrascolastiche In sede di stesura del Bilancio di Previsione 2011, al capitolo 4020 sono state imputate le seguenti entrate: TIPOLOGIA DEL CONTRIBUTO Attività sportiva per anno scol. 2011/2012 (alunni scuola secondaria primo grado) Soggiorno studio a Torre Marina (per i costi vedasi scheda progetto allegato A2 ) Soggiorno studio a Torino (per i costi vedasi scheda progetto allegato A2 ) Soggiorno studio a Dobbiaco scuola primaria De Amicis e S. Nicolò (per i costi vedasi scheda progetto allegato A2) Soggiorno studio a Dobbiaco scuola primaria L.da Vinci (per i costi IMPORTO N. ALUNNI PREVISIONE CAP. DI DESTINAZIONE 10,00 circa , articolo 3 Sport scolastico 190,00 Circa , articolo 2 - Progetti 185,00 Circa , articolo 2 - Progetti 62,00 Circa , articolo 6 - Progetti 43,00 Circa , articolo 6 - Progetti

12 vedasi scheda progetto allegato A2) Progetto Vallelunga (per i costi vedasi scheda progetto allegato A2 ) Periodo settembre 2011 alunni coinvolti: future prime medie Contributo per la compartecipazione alle spese per le attività scolastiche e extrascolastiche Progetto gemellaggio linguistico classe 2 C scuola secondaria di primo grado Segantini 55,00 circa , articolo 2 Progetti 10,00 circa , articolo 2 Progetti 62,00 Circa , articolo 2 Progetti TOTALE CONTRIBUTI ALUNNI ,00 Durante l esercizio finanziario 2011 sono stati riscossi Euro ,52 Si registra una minore entrata di Euro 249,48 La minore entrata è riconducibile a normali variazioni che possono intervenire fra il momento di previsione e quello di effettivo incasso (variazione numero alunni partecipanti, nuove iniziative). Si segnala ed è questa la maggiore variazione nello specifico intervenuta, che con delibera del consiglio d Istituto n. 33 del il consiglio d istituto ha deliberato di non chiedere come proposto dagli insegnati di educazione fisica la quota di Euro 10,00 alle famiglie per l attività sportiva pomeridiana degli alunni nel periodo settembre 2011 giugno Di seguito si riepilogano gli incassi effettivamente registrati: TIPOLOGIA DEL CONTRIBUTO Attività sportiva per anno scol. 2011/2012 (alunni scuola secondaria primo grado) Soggiorno studio a Torre Marina (per i costi vedasi scheda progetto allegato A2 ) Soggiorno studio a Torino (per i costi vedasi scheda Effettivo CAP. DI incasso DESTINAZIONE 180, articolo 3 Sport scolastico , articolo 2 - Progetti 7.076, articolo 2 - Progetti

13 progetto allegato A2 ) Soggiorno studio a Dobbiaco scuola primaria De Amicis e S. Nicolò (per i costi vedasi scheda progetto allegato A2) Soggiorno studio a Dobbiaco scuola primaria L.da Vinci (per i costi vedasi scheda progetto allegato A2) Progetto Vallelunga (per i costi vedasi scheda progetto allegato A2 ) Periodo settembre 2011 alunni coinvolti: future prime medie Contributo per la compartecipazione alle spese per le attività scolastiche e extrascolastiche Progetto gemellaggio linguistico classe 2 C scuola secondaria di primo grado Segantini Iniziativa caschi da parte della Sovrintendenza (non prevista in Bilancio) Olimpiade della matematica Kangourou (non prevista in Bilancio) Certificazioni linguistiche (non previste in Bilancio) Restituzione mandato in contanti Elisa Delli Ponti Restituzione contributo certificazione linguistica Restituzione mandato in contanti Destro Sabina 3.192, articolo 6 - Progetti 1.520, articolo 6 - Progetti 5.610, articolo 2 Progetti 7.305, articolo 2 Progetti 1.054, articolo 2 Progetti 437, articolo 2 Progetti 212, articolo 2 Progetti 1030, articolo 2 Progetti 47, articolo 2 Progetti 25, articolo 2 Progetti 20, spese per l integrazione ,52 Si segnala che dei 1.520,00 Euro introitati per il soggiorno studio a Dobbiaco (scuola primaria L.da Vinci) Euro 38,00/alunno sono stati restituiti a due famiglie i cui figli all ultimo momento non hanno potuto partecipare al soggiorno per un totale di Euro 76,00.

14 CAP Ogni altra entrata di natura economica, di qualsiasi titolo Nel Bilancio di Previsione 2011 al capitolo 5050 non sono state imputate entrate. Sono stati introitati Euro 35,00, dopo aver effettuato la variazione di bilancio in aumento mediante Decreto della Dirigente n. 154 del per un credito del nostro Istituto presso la società la Scuola SPA dovuto a un abbonamento ad una rivista che non sarà più stampata mensilmente, bensì solo annualmente. Pertanto vi è stata una riduzione dell abbonamento pagato che si è tramutato in credito in quanto non abbiamo più voluto rinnovare l abbonamento in seguito alle modifiche intercorse.

15 TITOLO 3 ENTRATE PER PARTITE DI GIRO CAP RITENUTE ASSISTENZIALI, PREVIDENZIALI ED ERARIALI Lo stanziamento iniziale di questo capitolo era di 7.000,00. Per il versamento delle ritenute calcolate sui compensi degli esperti esterni coinvolti nelle diverse attività progettuali organizzate dal nostro Istituto Comprensivo sono stati introitati in partite di giro 2.771,81 CAP FONDO PER LE PICCOLE SPESE L importo totale del fondo piccole spese pari ad 1000,00 è stato totalmente incassato a copertura tramite la reversale nr. 66 del CAP QUOTA DEI COMUNI DELLE ENTRATE DA CONCESSIONE DI LOCALI SCOLASTICI In base al decreto del Presidente della Provincia n. 72 del è previsto per l utilizzo dei locali dell Istituto da parte di Società o Enti esterni, il versamento di un importo a titolo di cauzione che sarà rimborsato agli stessi alla fine dell anno scolastico. Lo stanziamento iniziale di questo capitolo per l esercizio 2011 ammontava a Euro 4.000,00. Con decreto del Presidente della Provincia 18 febbraio 2010, n. 14, le cauzioni sono state portate ad un ammontare unico per ogni singola attività a Euro 500,00. Sulla base dell effettivo utilizzo della palestra da parte di 4 società sportive è stato introitata la relativa cauzione Di seguito le specifiche delle reversali incassate: reversale n. 55,56,57,58 del di Euro 500,00 ciascuna, per un totale di Euro 2.000,00. Si segnala che ad ogni associazione è stato fatto sottoscrivere specifico disciplinare d uso previsto per legge e che il Comune di Merano (proprietario della palestra) non ha stabilito eventuali quote orarie di affitto da applicare alle associazioni che hanno in uso la palestra. Si segnala inoltre che si tratta di associazioni sportive senza fini di lucro e iscritte ai relativi campionati di categoria. Sono state inoltre distribuite alle associazioni sportive: il piano di evacuazione, il regolamento di utilizzo della palestra, la concessione di utilizzo e la normativa in materia di adempimenti relativi alle manifestazioni pubbliche.

16 IN SINTESI, come risulta dal grafico sottostante, le entrate 2011 sono state caratterizzate nella maggior parte dal finanziamento provinciale, dai contributi di altri enti, dalle quote versate dalle famiglie per i soggiorni studio e dall avanzo di amministrazione entrate 2011 Rendite patrimoniali Finanziamento dell'amm. Provinciale Contributi altri enti 2% 17% 0% 1% 49% Contributi alunni per attività extrascolastiche 15% 16% Altre Entrate Entrate per partite di giro Avanzo di amministrazione anno 2010

17 PARTE 2 SPESE TITOLO 1 SPESE CORRENTI CATEGORIA 3 FUNZIONAMENTO DIDATTICO-AMMINISTRATIVO CAP Spese per il funzionamento amministrativo Si tratta di spese che sono preventivate sulla base dell andamento degli anni precedenti, per cui possono verificarsi alcune variazioni in relazione a situazioni di forza maggiore. La previsione iniziale di ,00 è stata aumentata di + Euro 4.581,19 in sede di assestamento di Bilancio (delibera del consiglio d istituto n. 11 del ). L assestamento di bilancio su questo capitolo è stata suddiviso fra le voci: tasse a carico dell amministrazione, spese per acquisto stampati, spese per acquisto di carta, spese per materiale di pulizia, altre spese di amministrazione. La scelta di queste voci è stata effettuata sulla base dell andamento della spesa nel primo trimestre 2011 e sulla base degli acquisti e degli investimenti programmati (acquisto attrezzature per pulizia, attrezzature per la segreteria e bidelleria). Con decreto della Dirigente Scolastica n. 55 del sono stati stornati Euro 1.626,40 al capitolo 8010 per acquistare un impianto audio per la scuola primaria L.da Vinci. Con decreto della Dirigente Scolastica n. 83 del sono stati stornati Euro 1.443,85 al capitolo 5010 per acquistare i libri di testo adottati dal collegio docenti in considerazione del fatto che l Ufficio Finanziamento ha versato un contributo inferiore rispetto a quanto previsto e indicato nel bilancio di previsione (si veda sezione entrate capitolo 2030). Con decreto della Dirigente Scolastica n. 124 del lo stanziamento è stato aumentato di Euro 318,74 in virtù dei maggiori interessi maturati sul conto corrente (si veda sezione delle entrate capitolo 1020). Lo stanziamento definitivo è stato di Euro ,68. Si segnala che la variazione in diminuzione di Euro 1626,40 e quella di Euro 1.443,85 sono state apportate alla voce spese telefoniche. La variazione in aumento di Euro 318,74 è stata apportata alla voce spese di amministrazione. Sul capitolo si è sostenuta una spesa complessiva (tra pagamenti effettuati e impegni portati a residui) pari a Euro ,52.

18 Di seguito una tabella riepilogativa per le diverse tipologie di spesa rientranti nel capitolo 1010: Voce di spesa Preventivo Consuntivo Maggiore Minore spesa spesa Spese telefoniche 6979, , ,75 Spese postali 1.500, , ,00 Spese di tenuta 500,00 80,34 0 conto 419,66 Tasse a carico 120,00 34,13 dell amministrazione 85,87 Spese per acquisto 4.900, ,99 0 di stampati 370,01 Spese per 1.200, ,54 0 cancelleria 47,46 Spese per acquisto 3.200, ,04 0 carta fotocopiatrici 160,96 Spese per acquisto 800,00 779,99 0 divise personale non docente 20,01 Spese per materiale , ,98 0 di pulizia 83,02 Contratti all in 3.000, ,25 0 fotocopiatrici e contratti manutenzione macchine 218,75 Rimborso organi 250,00 161,16 0 collegiali 88,84 Spese di 5049, ,10 0 amministrazione 172,83 TOTALI , , ,16 CAP SPESE DI RAPPRESENTANZA Lo stanziamento previsto nel bilancio di previsione 2011 è stato di Euro 1.200,00. Durante l esercizio finanziario 2011 il nostro Istituto ha realizzato un progetto denominato murales rivolto agli alunni della scuola primaria S. Nicolò in collaborazione con il Comune di Merano. Il progetto prevedeva tra le sue finalità quello di far ridipingere dagli alunni il muro che delimita il cortile della scuola. Ogni classe con l aiuto delle insegnanti ha individuato un tema e hanno dipinto il proprio murales. Verso la fine dell anno scolastico è stato inaugurato il nuovo muro con i murales degli alunni alla presenza delle autorità. L iniziativa è stata divulgata dai giornali a livello locale. Per l evento di inaugurazione sono stati spesi 300,00 Euro per un piccolo buffet per alunni e autorità.

19 CAP. 2010/1 FACILE CONSUMO E MEZZI DIDATTICI Lo stanziamento previsto nel bilancio di previsione 2011 è stato di Euro ,00. Con delibera del Consiglio d istituto n. 11 del si è effettuato l assestamento di bilancio, diminuendo lo stanziamento di Euro 520,33. Lo stanziamento definitivo è di Euro ,67. Nel corso dell esercizio finanziario ( a giugno e a settembre) sono state inviate ai diversi coordinatori di materia due circolari con le quali la Dirigente chiedeva loro di presentare eventuali richieste d acquisto che fossero necessarie per la didattica. Come illustrato nella parte iniziale di questa relazione, le procedure d acquisto coinvolgendo direttamente sia i docenti che la componente genitori con il coinvolgimento del Presidente del Consiglio d Istituto sono ormai consolidate. È nostra convinzione che il Bilancio non sia solo una prerogativa della Dirigente e del Responsabile Amministrativo, bensì dell intera comunità scolastica che insieme condivide programmi, obbiettivi ed investimenti. Tutte le richieste pervenute dai singoli coordinatori di materia sono state valutate dalla Dirigente e sono stati effettuati i relativi acquisti per un importo complessivo di Euro ,05. Si è registrata un economia di Euro 782,62. Lo stanziamento definitivo è stato utilizzato per acquistare materiale didattico per i laboratori di scienze, di educazione artistica, di tecnica, strumenti musicali, materiale del facile consumo per il funzionamento, materiale informatico. CAP ATTIVITA INTEGRATIVE, DI RECUPERO, EXTRASCOLASTICHE Lo stanziamento previsto nel Bilancio di Previsione 2011 ammontava a Euro ,00. Con delibera del Consiglio d Istituto n. 11 del si è provveduto ad effettuare l assestamento di bilancio aumentando lo stanziamento di Euro 8.557,65. Con decreto della Dirigente Scolastica n. 114 del lo stanziamento è stato aumentato di Euro 473,50. L importo si riferisce al contributo concesso dall Ufficio Finanziamento alle famiglie i cui figli avevano superato la certificazione linguistica del Goethe Institut. Lo stanziamento definitivo del capitolo è quindi di Euro ,15. La spesa complessiva per la realizzazione dei progetti, delle uscite didattiche e dei soggiorni per le classi terze della scuola secondaria di primo grado ammonta a Euro ,08. L economia registrata di Euro ,07 è riconducibile prioritariamente all assestamento di Bilancio e al risparmio avuto sulle spese per le uscite didattiche con particolare riferimento al noleggio degli autobus. La prassi consolidata di appaltare ad inizio esercizio in un unica gara tutte le uscite didattiche per quanto attiene al trasporto, permette di avere significativi risparmi. Inoltre le diverse coordinatrici di classe, con l introduzione dell ABO + hanno deciso di svolgere le uscite didattiche in luoghi facilmente raggiungibili con i mezzi pubblici. Anche questo permette di avere significativi risparmi. L assestamento di Bilancio su questo capitolo per Euro 8.557,65 era stato effettuato al fine di disporre di fondi per eventuali nuovi progetti da realizzarsi nel periodo settembre dicembre, non previsti nel bilancio di previsione (ottobre 2010), ma che potevano essere

20 approvati nel mese di maggio 2011 per l anno scolastico Questo tipo di procedere, ovvero quello di programmare i progetti per anno scolastico e non per anno solare può generare economie come successo in questo esercizio. Nonostante la programmazione per anno solare risulta essere a detta degli insegnanti difficile in quanto non vi è la certezza che tutti siano riconfermati l anno successivo e quindi non si ritiene opportuno vincolare i nuovi colleghi con attività definite da altri, è idea della Dirigenza di modificare già con l approvazione dei progetti per l anno scolastico questo modo di procedere. Avviando quindi una progettazione per anno solare. Le consulenze avviate all interno dei progetti, sono state di breve durata e necessarie a compensare competenze non presenti all interno del nostro Istituto. L attività dei consulenti è servita ad impostare l avvio dei progetti e a trasferire ai nostri insegnanti gli strumenti necessari per completare il lavoro programmato. L economia di cui sopra è stata già programmata in sede di Bilancio di Previsione e quindi già calcolata negli stanziamenti dei capitoli di bilancio. Su questo capitolo sono state sostenute anche le spese per le uscite didattiche. Nel bilancio di previsione 2011 sono stati stanziati Euro ,00. A consuntivo sono stati sostenuti costi pari a Euro 7.224,00. Di seguito si fornisce l elenco dei progetti avviati e una breve descrizione dei risultati ottenuti, dei costi sostenuti e della valutazione ex post avuta per quanto attiene la soddisfazione rilevata e il raggiungimento degli obiettivi. Questa descrizione vuole essere un integrazione alla scheda progetti allegata al bilancio consuntivo. Il progetto Laboratorio educazione all immagine scuola primaria L.da Vinci rivolto agli alunni della scuola primaria L. da Vinci si è svolto durante il periodo gennaio giugno Il progetto prevedeva: esercitazioni, lavori di gruppo, laboratori di pitturaceramica-traforo-origami con la realizzazione di piccoli manufatti. Gli obiettivi formativi erano i seguenti: Stimolare la creatività Usare tecniche grafiche a fini simbolici ed espressivi Produrre manufatti con materiali diversi Produrre disegni ed elaborati con tecniche grafico-pittoriche diverse Creare manufatti bidimensionali e tridimensionali con materiale diversi: creta, legno, dass, plastilina, mollette, cartone etc; manipolare materiali diversi e plastici utilizzare tecniche artistiche produrre gradazioni di colori con tempera e pastelli esprimersi in maniera creativa osservazione e lettura di opere d arte produzione di disegni con tempere e materiale vari usare tecniche pittoriche miste a fini espressivi creare una composizione con oggetti diversi per eseguire una copia dal vero

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Mod B (art. 2 c. 6) SCHEDA ILLUSTRATIVA FINANZIARIA Esercizio finanziario 2015. Progetto/attività A A01 Funzionamento amministrativo generale ENTRATE

Mod B (art. 2 c. 6) SCHEDA ILLUSTRATIVA FINANZIARIA Esercizio finanziario 2015. Progetto/attività A A01 Funzionamento amministrativo generale ENTRATE A A01 Funzionamento amministrativo generale Aggr. Voce Sotto voce ENTRATE 01 Avanzo di amministrazione presunto 31.551,42 01 Non vincolato 30.426,92 02 Vincolato 1.124,50 02 Finanziamenti dello Stato 52.872,58

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. CADUTI DI NASSIRIYA

Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. CADUTI DI NASSIRIYA A A01 Funzionamento amministrativo generale Aggr. Voce Sotto voce ENTRATE 01 Avanzo di amministrazione presunto 15.000,00 01 Non vincolato 11.602,54 02 Vincolato 3.397,46 02 Finanziamenti dello Stato 1.500,00

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli