The Globus Toolkit. Corso laboratorio specialistico 2. Antonella Galizia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "The Globus Toolkit. Corso laboratorio specialistico 2. Antonella Galizia"

Transcript

1 The Globus Toolkit Corso laboratorio specialistico 2 Antonella Galizia

2 Outline Introduzione Globus Toolkit 2 Globus Toolkit 3 Diamo per scontate i concetti noti Antonella Galizia Lezione 5 2

3 La storia Il Globus Project proposal si è avuto nel 1995 Ma l approccio alla risoluzione dei problemi si è evoluto: Da API e protocolli per gli utenti verso protocolli standard fino ai Grid services (OGSA). Linee guida: l esperienza dello sviluppo del Globus Toolkit e lo sviluppo di applicazioni con esso Antonella Galizia Lezione 5 3

4 Globus Toolkit Un toolkit e un insieme di servizi indirizzati alla risoluzione di problemi tecnici fondamentali Offre un set di tecnologie modulare Implementa protocolli ed API standard Grid Tool generali di infrastruttura (aka middleware) che possono essere applicati a molti domini applicativi Distinzione tra servizi locali e globali Antonella Galizia Lezione 5 4

5 La clessidra di Globus Focus su problemi architetturali Propone un insieme di servizi di base come nucleo dell infrastruttura Utilizzo per la costruzione di soluzioni ad alto livello Principi progettuali Permettere il controllo locale Supporto per l adattatività Modello IP hourglass Diversi servizi globali Servizi di base Globus Applicazioni SO locali Antonella Galizia Lezione 5 5

6 Aspetti tecnici Abilita allo sviluppo incrementale di tool e applicazioni grid-enabled Modello neutro: supporto per molti modelli di programmazione, linguaggi, strumenti ed applicazioni Evoluzione in risposta alle richieste degli utenti Ambiente ricco di informazioni (feedback) Base per configurazioni ed adattamento Antonella Galizia Lezione 5 6

7 API e Protocolli utenti Inizialmente l interesse fu permettere lo sviluppo di applicazioni Grid velocemente, per poter dimostrare la fattibilità delle griglie La cosa più importante era quindi sviluppare buone delle API e SDK I protocolli un mezzo per raggiungere un fine Sono stati utilizzati ed estesi protocolli standard per semplificarne l utilizzo (ese. LDAP) Sono stati definiti protocolli utenti (ese. GRAM) Antonella Galizia Lezione 5 7

8 Poi i Protocolli Crescendo gli utilizzatori nacquero alcune carenze: compatibilità tra le versioni (cioè Stop a protocolli diversi) Implementazioni indipendenti di alcune componenti (cioè Cosa sono i protocolli?) Richieste per l adozione di protocolli open e standard Internet ed il Web come guide Permettere innovazione/competizione Antonella Galizia Lezione 5 8

9 Globus Toolkit Esistono varie versioni del Globus Toolkit GT2.4, GT3.0 GT3.2 sono le ultime Cominciamo con GT2.4 si basa su quattro moduli Security Resource Management Information Service Data Management Antonella Galizia Lezione 5 9

10 Servizi di base del Globus Toolkit Sicurezza (GSI) Gestione delle risorse (GRAM) Servizi di informazione (GIS) Gestione dei dati (GASS, GridFTP, GRM) Comunicazione (I/O, Nexus) Antonella Galizia Lezione 5 10

11 GT2: Protocolli Chiave Il Globus Toolkit v2 è basato su quattro protocolli chiave Collective layer Security: Grid Security Infrastructure (GSI) Resource layer Resource management: Grid Resource Allocation Management (GRAM) Information Service: Monitoring and Discovery Service (GRIP) Data Transfer: Grid File Transfer Protocol (GridFTP) Anche protocolli chiave del collective layer Info Services, Replica Management, etc Antonella Galizia Lezione 5 11

12 Globus Toolkit 2 La visione d insieme Antonella Galizia Lezione 5 12

13 Resource Management GRAM (Globus Resource Allocation Manager) È il componente di più basso livello del modulo Sistema di tipo client-server Permette di eseguire programmi su risorse remote DUROC (Dynamically-Updated Request Online Coallocator) Co-allocatore di richieste GASS (Globus Access to Secondary Storage) Accesso a file remoti Antonella Galizia Lezione 5 13

14 GRAM Permette di eseguire i job in remoto Interpreta le richieste in linguaggio RSL Permette di monitorare lo stato dei job Aggiorna l Information Service Fornisce un interfaccia comune per l interazione con i sistemi di gestione locali Antonella Galizia Lezione 5 14

15 GRAM: il server Sul server agisce il Gatekeeper, in ascolto sulla porta E un processo di root avviato dal demone xinetd solo all arrivo di una richiesta. I suoi compiti sono: Mutua autenticazione con il proxy del client Mappa client in un utente locale (gridmap-file) Istanzia Job-manager con diritti utente locale, passando gli argomenti necessari ai processi Antonella Galizia Lezione 5 15

16 GRAM: il server Il Job Manager avvia processi del job interfacciandosi con il sistema locale e comunica lo stato dei processi all esterno. I suoi compiti sono Parsing RSL Interfacciamento con il sistema locale Comunicazione diretta con il client per stato dei processi Antonella Galizia Lezione 5 16

17 GRAM GRAM client PROXY Job request GSI GRAM server GATEKEEPER JOB MANAGER JOB MANAGER JOB MANAGER RSL GASS FIle_stage_in, out GASS LOCAL RESOURCE MANAGER Process Process Process Antonella Galizia Lezione 5 17

18 DUROC Quando è necessario allocare più risorse contemporaneamente è necessario un coallocatore che smisti le richieste alle varie risorse, scomponendo le richieste e riassemblando il risultato. DUROC GRAM GRAM GRAM Local resource managers LSF Condor PBS Il gram-reporter si occupa di aggiornare l Information Service con le informazioni riguardo le risorse utilizzate. Antonella Galizia Lezione 5 18

19 GASS Quest utility semplifica lo spostamento di file necessari ad un eseguibile Elimina il bisogno di: effettuare il login su ogni risorsa sulla quale è presente un file necessario e trasferirlo tramite FTP installare un filesystem distribuito Mette a disposizione un protocollo tramite il quale accedere alle risorse remote Antonella Galizia Lezione 5 19

20 Information Service La natura dinamica del GRID implica che le applicazioni devono essere in grado di adattarsi ai cambiamenti dei componenti Il Globus Metacomputing Directory Service (MDS) supporta questo fornendo un informazione continuamente disponibile ed aggiornata sui componenti, quali: architettura, tipo e versione di SO, quantità di memoria larghezza di banda e latenza Antonella Galizia Lezione 5 20

21 Information Service GRIS (grid resource information service): Database LDAP che risiede su una risorsa e provvede a raccoglierne tutte le caratteristiche dinamiche e permanenti GIIS (grid index information service) Server di livello superiore che contiene le informazioni relative a diversi GRIS. Gerarchia di GIIS server IP (information provider) Componente che risiede sulla risorsa e viene consultato da un GRIS quando ha bisogno di informazioni su un aspetto di essa, puo essere personalizzato Antonella Galizia Lezione 5 21

22 Information Service Antonella Galizia Lezione 5 22

23 Lungo la via La base eterogenea di protocolli era troppo complessa (LDAP, GRAM, GridFTP, ) I servizi base non bastavano più: troppi nuovi servizi troppo complessi da gestire Comparsa dei Web Services (WSDL, SOAP) che però non bastano per realizzare una base comune di servizi Grid! Antonella Galizia Lezione 5 23

24 Evoluzione del GT2 nel GT3 Cosa è successo ai protocolli base del GT2? Sicurezza: adattamento dei certificati proxy X.509 per l integrazione degli standard dei WS LDAP: integrato come astrazione di servicedata GRAM: ManagementJobFactory e relativi servizi GridFTP: immutato nel GT3, ma evolverà Realizzazione di servizi collettivi in termini di OGSI: Reliable File Transfert, Replica Location Service, etc Antonella Galizia Lezione 5 24

25 OGSA ed il GT Tecnicamente, OGSA permette di: Riscrivere i protocolli (GRAM, MDS, GridFTP), conservando tutti i principi base del GT Integrazione di molti hosting environment: componentizzazione, distribuzione, etc Insieme di servizi standard Praticamente, il Globus Project procede così: Sviluppo di un implementazione OGSA open source Partnership con varie istituzioni per lo sviluppo dei servizi (OGSA-DAI) Verifica dell interesse delle industrie Antonella Galizia Lezione 5 25

26 GT3 Core Antonella Galizia Lezione 5 26

27 GT3 Core - OGSI Specification La specifica definisce come le entità possono creare, scoprire ed interagire con un Grid Service Antonella Galizia Lezione 5 27

28 GT3 Core - OGSI Specification GT3 include un insieme di primitive che implementano interfacce e comportamenti definiti dall ultima versione delle specifiche OGSI L implementazione supporta programmazione di tipo dichiarativo in cui un utente GT3 può comporre Grid Service utilizzando le primitive che desiderano nel loro codice Antonella Galizia Lezione 5 28

29 GT3 Core - OGSI Specification GridService porttype definisce il comportamento fondamentale di un Grid Service Introspezione Scoperta Gestione del ciclo di vita soft state Necessario in base alle specifiche Antonella Galizia Lezione 5 29

30 GT3 Core - OGSI Specification Factory porttype Le factory creano i servizi Le factory sono tipicamente servizi persistenti La factory è un interfaccia OGSI opzionale (I Grid Service possono essere istanziati anche con altri meccanismi) Antonella Galizia Lezione 5 30

31 GT3 Core - OGSI Specification Notification porttype Una sottoscrizione al notification crea un NotificationSubscription service NotificationSink non sono richieste per implementare la GridService porttype Notifiche possono essere associate ai service Data Element Le Notification porttype sono opzionali Antonella Galizia Lezione 5 31

32 GT3 Core - OGSI Specification Service group porttype Un ServiceGroup è un Grid service che mantiene informazioni su un gruppo di Grid services Il modello classico del registro può essere implementato tramite ServiceGroup porttype Un Grid service può appartenere a più di un ServiceGroup I membri di un ServiceGroup possono essere omogenei o eterogenei ServiceGroup porttype è un interfaccia OGSI opzionale Antonella Galizia Lezione 5 32

33 GT3 Core - OGSI Specification HaldleResolver porttype Definisce un meccanismo per risolvere un GSH in un GSR Un GSH punta ad un Grid Service Un GSR specifica come comunicare con il Grid Service HandleResolver porttype è un interfaccia OGSI opzionale Antonella Galizia Lezione 5 33

34 OGSA Service creation: : un esempio Registry 1. Da un registro conosciuto, il client scopre una factory interrogando il servicedata del registo Client Antonella Galizia Lezione 5 34

35 OGSA Service creation: : un esempio 1. Da un registro conosciuto, il client scopre una factory interrogando il servicedata del registo Registry Client 2. Il client invoca l operazione di createservice alla factory Factory Antonella Galizia Lezione 5 35

36 OGSA Service creation: : un esempio 1. Da un registro conosciuto, il client scopre una factory interrogando il servicedata del registo Registry Client 2. Il client invoca l operazione di createservice alla factory Factory Service 3. La factory crea il servizio Antonella Galizia Lezione 5 36

37 OGSA Service creation: : un esempio 1. Da un registro conosciuto, il client scopre una factory interrogando il servicedata del registo Registry Client 2. Il client invoca l operazione di createservice alla factory 4. La factory ritorna un puntatore Factory Service 3. La factory crea il servizio Antonella Galizia Lezione 5 37

38 OGSA Service creation: : un esempio 1. Da un registro conosciuto, il client scopre una factory interrogando il servicedata del registo Registry Client 2. Il client invoca l operazione di createservice alla factory 4. La factory ritorna un puntatore Factory Service 3. La factory crea il servizio 5. Il client ed il servizio interagiscono Antonella Galizia Lezione 5 38

39 OGSA notification: : un esempio 1. Una NotificationSink richiede l operazione di sottoscrizione al NotificationSource Notification Source Notification Sink Antonella Galizia Lezione 5 39

40 OGSA notification: : un esempio 1. Una NotificationSink richiede l operazione di sottoscrizione al NotificationSource Notification Source 2.Notification Source crea un servizio di sottoscrizione Notification Sink Notification Subscription Antonella Galizia Lezione 5 40

41 OGSA notification: : un esempio Notification Sink 1. Una NotificationSink richiede l operazione di sottoscrizione al NotificationSource 3. Notification Source ritorna un puntatore al servizio di sottoscrizione Notification Source Notification Subscription 2.Notification Source crea un servizio di sottoscrizione Antonella Galizia Lezione 5 41

42 OGSA notification: : un esempio 4.a delivernotification stream continua per il lifetime de NotificationSubscription Notification Sink 1. Una NotificationSink richiede l operazione di sottoscrizione al NotificationSource 3. Notification Source ritorna un puntatore al servizio di sottoscrizione 4.b Il NotificationSink ed il Subscription service interagiscono per gestire il lifetime Notification Source Notification Subscription 2.Notification Source crea un servizio di sottoscrizione Antonella Galizia Lezione 5 42

43 OGSA notification: : un esempio 4.a delivernotification stream continua per il lifetime de NotificationSubscription The sole mandated cardinality: 1 to 1 Notification Source Notification Sink 1. NotificationSink calls the subscribe operation on NotificationSource subscribe 3. Notification Source ritorna un puntatore al servizio di sottoscrizione 4.b Il NotificationSink ed il Subscription service interagiscono per gestire il lifetime Notification Subscription 2.Notification Source crea un servizio di sottoscrizione Antonella Galizia Lezione 5 43

44 Grid Security Infrastrutture (GSI) Estensioni di protocolli ed API standard Standard: SSL/TLS, X.509 e CA, GSS-API Estensioni per il sign-on singolo e delega Implementazioni di riferimento di GSI del GT2 SSLeay/OpenSSL + GSS-API + SSO/delega Strumenti e servizi per interfacciarsi con la sicurezza locale Simple ACLs; SSLK5/PKINIT per l accesso a K5, AFS; Antonella Galizia Lezione 5 44

45 Grid Security Infrastrutture (GSI) Implementazioni di riferimento di GSI del GT2 Login, logout, etc Smartcards MyProxy: Web portal login e delega K5cert: creazione automatica dei certificati X.509 Antonella Galizia Lezione 5 45

46 GT3 Core - System Level Service Servizi general-purpose che facilitano l utilizzo dei Grid Service La versione 3 include servizi di: PingService Logging Service Management Service Antonella Galizia Lezione 5 46

47 GT3 Core: Grid Service Container Include l implementazione OGSI, dei servizi di sicurezza e system-level, più: Attivazione, deattivazione, costruzione, distruzione di servizi Monitoring dei service data element Evaluator framework Interceptor/callback framework Antonella Galizia Lezione 5 47

48 GT3 Core: Grid Service Container I livelli nel modello Web Services Interface Layer OGSI Spec Transport Layer Transport/Binding Layer (GT3 supporta SOAP su HTTP) Implementation Layer Container Antonella Galizia Lezione 5 48

49 GT3 Core - Virtual Hosting Environment Framewok Virtual Hosting permettono ai Grid Service di essere distribuiti attraverso diversi container remoti Utili nell implementazione delle soluzioni dei comuni problemi legati al calcolo distribuito Load Balancing User account sandboxing Antonella Galizia Lezione 5 49

50 Virtual hosting environment: A Service Creation Scenario Illustrating Redirection Registry HE Starter 1. Da un registro noto, il client richiede factory locator Router Client Antonella Galizia Lezione 5 50

51 A Service Creation Scenario Illustrating Redirection in Virtual Hosting 1. Da un registro noto, il client richiede factory locator Registry 2. Il router intercetta la chiamata al createservice per la factory Router HE Starter Client Antonella Galizia Lezione 5 51

52 A Service Creation Scenario Illustrating Redirection in Virtual Hosting 3. The router passa la richiesta del createservice al Host Env Starter 1. Da un registro noto, il client richiede factory locator Registry 2. Il router intercetta la chiamata al createservice per la factory Router HE Starter Client Antonella Galizia Lezione 5 52

53 A Service Creation Scenario Illustrating Redirection in Virtual Hosting 3. The router passa la richiesta del createservice al Host Env Starter 1. Da un registro noto, il client richiede factory locator Registry 2. Il router intercetta la chiamata al createservice per la factory Router HE Starter 4.Lo HE Starter crea un nuovo Host Env come il servizio Client Service Antonella Galizia Lezione 5 53

54 A Service Creation Scenario Illustrating Redirection in Virtual Hosting 3. The router passa la richiesta del createservice al Host Env Starter 1. Da un registro noto, il client richiede factory locator Registry Client 2. Il router intercetta la chiamata al createservice per la factory 5. Il router ritorna un service locator Router HE Starter Service 4.Lo HE Starter crea un nuovo Host Env come il servizio Antonella Galizia Lezione 5 54

55 A Service Creation Scenario Illustrating Redirection in Virtual Hosting 3. The router passa la richiesta del createservice al Host Env Starter 1. Da un registro noto, il client richiede factory locator Registry 2. Il router intercetta la chiamata al createservice per la factory 5. Il router ritorna un service locator Router HE Starter 4.Lo HE Starter crea un nuovo Host Env come il servizio Client 6. Utilizzando il service locator, il router indirizza le interazioni tra client e service Service Antonella Galizia Lezione 5 55

56 GT3 Base: Resource Management L architettura GRAM tradotta in termini OGSA Pre-OGSI avevamo il gatekeeper (MMJFS) ed il jobmanager (MJFS) Master User MMJFS User 1 MJFS User 2 MJFS User 3 MJFS MJS MJS MJS MJS MJS MJS MMJFS: Master Managed Job Factory Service MJFS: Managed Job Factory Service MJS: Managed Job Service Antonella Galizia Lezione 5 56

57 GRAM Job Submission Scenario Index Service 1. Da un index service, il client sceglie un MMJFS Client Antonella Galizia Lezione 5 57

58 GRAM Job Submission Scenario 1. Da un index service, il client sceglie un MMJFS Index Service 2. The client invoca un createservice sulla factory, fornendo la stringa RSL MMJFS Client Antonella Galizia Lezione 5 58

59 GRAM Job Submission Scenario 1. Da un index service, il client sceglie un MMJFS Index Service 2. The client invoca un createservice sulla factory, fornendo la stringa RSL MMJFS 3. La factory crea un Managed Job Service Client MJS Antonella Galizia Lezione 5 59

60 GRAM Job Submission Scenario 1. Da un index service, il client sceglie un MMJFS Index Service 2. The client invoca un createservice sulla factory, fornendo la stringa RSL 4. La factory ritorna un puntatore MMJFS 3. La factory crea un Managed Job Service Client MJS Antonella Galizia Lezione 5 60

61 GRAM Job Submission Scenario 1. Da un index service, il client sceglie un MMJFS Index Service 2. The client invoca un createservice sulla factory, fornendo la stringa RSL 4. La factory ritorna un puntatore MMJFS 3. La factory crea un Managed Job Service Client 5. Il client sottoscrive al SDE status del MJS e recupera l output MJS Antonella Galizia Lezione 5 61

62 GT3 Base - Information Services Index Service come Caching Aggregator Caches i service data da altri grid services Index Service come Provider Framework Funge da host per i service data providers che sono fuori da un grid service per pubblicare i dati Antonella Galizia Lezione 5 62

63 GT3 Base: Reliable File Transfer Esecuzione affidabile di un third party transfer tra due server GridFTP Servizio OGSI-compliant che espone le funzionalità del canale di controllo GridFTP Grid Service recuperabile Automaticamente ricomincia trasferimenti interrotti a partire dell ultimo checkpoint Antonella Galizia Lezione 5 63

64 GT3 Base: Reliable File Transfer Progress and Restart Monitoring RFT JDBC GridFTP Server 1 GridFTP Server 2 Antonella Galizia Lezione 5 64

65 GT3 User-Defined Services GT3 può essere visto come un Grid Service Development Kit che include: Primitive per facilitare lo sviluppo di servizi OGSI- Compliant Primitive per fornire politiche di sicurezza Servizi di base che forniscono un infrastruttura con cui costruire servizi di alto livello Antonella Galizia Lezione 5 65

66 GT3 User-Defined Services GT3 Build Files User source files ANT Grid Service executable files User Build File Antonella Galizia Lezione 5 66

Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI

Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 10-1 Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 10-2 Griglie Computazionali Cosa è il Grid Computing? Architettura Ambienti Globus

Dettagli

GRIGLIE COMPUTAZIONALI

GRIGLIE COMPUTAZIONALI Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 10-1 Griglie Computazionali Cosa è il Grid Computing? Architettura Ambienti Globus D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL

Dettagli

Organizzazioni nel Grid Computing

Organizzazioni nel Grid Computing Il ruolo delle Organizzazioni nel Grid Computing Un primo sguardo a Globus - Parte 5 Organizzazioni di Grid Computing Panoramica sui prodotti software Primo sguardo a Globus Dott. Marcello CASTELLANO La

Dettagli

Condor-G: Un Agente per la Gestione dell Elaborazione in Multi-Institutional Grids

Condor-G: Un Agente per la Gestione dell Elaborazione in Multi-Institutional Grids Condor-G: Un Agente per la Gestione dell Elaborazione in Multi-Institutional Grids James Frey, Todd Tannenbaum, Miron Livny, Ian Foster, Steven Tuecke Condor-G Sfrutta: Security, comunicazioni, resource

Dettagli

Presentazione NIS Network Integration & Solutions s.r.l. Autore: nome Cognome Data: Evento

Presentazione NIS Network Integration & Solutions s.r.l. Autore: nome Cognome Data: Evento Presentazione NIS Network Integration & Solutions s.r.l. Autore: nome Cognome Data: Evento Chi siamo NIS nasce nel 1993 come spin-off dalla Università di Genova (DIST) Nel 1996 viene aperta una unità operativa

Dettagli

Grid Data Management Services

Grid Data Management Services Grid Management Services D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Grid Management in Globus Toolkit GridFTP (Trasferimento Dati) RFT (Trasferimento Dati Affidabile) RLS (Gestione

Dettagli

An Open Grid Service Architecture OGSA

An Open Grid Service Architecture OGSA An Open Grid Service Architecture OGSA Corso di laboratorio specialistico 2 Antonella Galizia Percorso Ripasso La tecnologia dei Web Service (molto!) in breve OGSA e l architettura Grid Grid Services Antonella

Dettagli

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF. Sommario. Page 1

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF. Sommario. Page 1 Sommario Web Services e Grid Services OGSA e WSRF SOA Grid: Evoluzione OGSA - Open Grid Services Architecture WSRF Web Services Resource Framework Web services Servizi stateless Gestione dello stato Grid

Dettagli

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF Web Services e Grid Services OGSA e WSRF Sommario SOA Grid: Evoluzione OGSA - Open Grid Services Architecture WSRF Web Services Resource Framework Web services Servizi stateless Gestione dello stato Grid

Dettagli

Grid Data Management Services. Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui

Grid Data Management Services. Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Grid Data Management Services D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Grid Data Management in Globus Toolkit GridFTP RFT RLS OGSA-DAI GridFTP GT4 Data Services High-performance

Dettagli

Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui. Grid File Systems. Requisiti, Funzionalità e Architettura. Grid File System: Requisiti

Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui. Grid File Systems. Requisiti, Funzionalità e Architettura. Grid File System: Requisiti Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Grid File Systems Requisiti, Funzionalità e Architettura Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Grid File System: Requisiti Name Space Gerarchico Logico

Dettagli

An Open Grid Service Architecture OGSA

An Open Grid Service Architecture OGSA An Open Grid Service Architecture OGSA Corso di laboratorio specialistico 2 Antonella Galizia Percorso Riprendiamo dei concetti della scorsa lezione Approfondire le interfacce Un piccolissimo esempio Hosting

Dettagli

Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui. Grid File Systems. Requisiti, Funzionalità e Architettura. Griglie e Sistemi Ubiqui - D.

Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui. Grid File Systems. Requisiti, Funzionalità e Architettura. Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Grid File Systems Requisiti, Funzionalità e Architettura Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Grid File System: Requisiti Name Space Gerarchico Logico

Dettagli

Grid Data Management Services

Grid Data Management Services Grid Management Services D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Grid Management GridFTP RFT RLS OGSA-DAI 1 GT4 Services GridFTP High-performance transfer protocol The Reliable

Dettagli

EGRID MIDDLEWARE OVERVIEW. Angelo Leto Abdus Salam I.C.T.P. aleto@ictp.trieste.it 08/10/2004

EGRID MIDDLEWARE OVERVIEW. Angelo Leto Abdus Salam I.C.T.P. aleto@ictp.trieste.it 08/10/2004 EGRID MIDDLEWARE OVERVIEW Angelo Leto Abdus Salam I.C.T.P. aleto@ictp.trieste.it 08/10/2004 Introduzione al concetto di GRID Sulla base dell implementazione GLOBUS-EDG-EGRID What is the GRID? What is the

Dettagli

RETI PEER-TO-PEER. Reti di Calcolatori. Applicazioni di Rete avanzate: Reti di Calcolatori. Sistemi Peer to Peer Griglie Computazionali

RETI PEER-TO-PEER. Reti di Calcolatori. Applicazioni di Rete avanzate: Reti di Calcolatori. Sistemi Peer to Peer Griglie Computazionali Reti di Calcolatori Applicazioni di Rete avanzate: Sistemi Peer to Peer Griglie Computazionali Corso di Reti di Calcolatori Carlo Mastroianni Reti di Calcolatori RETI PEER-TO-PEER Sistemi P2P In una rete

Dettagli

Griglie computazionali

Griglie computazionali Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno IL MIDDLEWARE Richiami sulla caratterizzazione dei sistemi GRID Il Concetto di Virtual

Dettagli

Sebastiano Diperte Politecnico di Bari. Progettazione ed implementazione

Sebastiano Diperte Politecnico di Bari. Progettazione ed implementazione Sebastiano Diperte Politecnico di Bari Progettazione ed implementazione Weka on Grid Computing Nvidia Grid ExcelGrid 2 Introduzione al Grid Computing SOA e Web Service Cos è un Grid Service (OGSA) Strumenti

Dettagli

Griglie computazionali LEZIONE N. 14. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Griglie computazionali LEZIONE N. 14. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 14 OGSA, OGSI e WSRF Gli Standard OGF Griglie computazionali - a.a. 2009-10

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Infrastruttura di produzione INFN-GRID

Infrastruttura di produzione INFN-GRID Infrastruttura di produzione INFN-GRID Introduzione Infrastruttura condivisa Multi-VO Modello Organizzativo Conclusioni 1 Introduzione Dopo circa tre anni dall inizio dei progetti GRID, lo stato del middleware

Dettagli

LBINT. http://www.liveboxcloud.com

LBINT. http://www.liveboxcloud.com 2014 LBINT http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di commerciabilità

Dettagli

Corso di Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui. Esercitazione su Globus Toolkit 2: LDAP, MDS

Corso di Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui. Esercitazione su Globus Toolkit 2: LDAP, MDS Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica A.A. 2003/2004 Corso di Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Esercitazione su Globus Toolkit 2: LDAP, MDS

Dettagli

Problemi di schedulazione distribuita su Grid

Problemi di schedulazione distribuita su Grid Problemi di schedulazione distribuita su Grid Ivan Porro Università degli Studi di Genova, DIST, Laboratorio BioLab pivan@unige.it 010-3532789 Si ringrazia per il materiale il Dr. Andrea Clematis dell

Dettagli

Introduzione al Grid Computing. Paolo Mori

Introduzione al Grid Computing. Paolo Mori Introduzione al Grid Computing Paolo Mori Scaletta Definizione di griglia computazionale OGSA & OGSI Globus toolkit Griglia Computazionale A computational grid is a hardware and software infrastructure

Dettagli

Single Sign On sul web

Single Sign On sul web Single Sign On sul web Abstract Un Sigle Sign On (SSO) è un sistema di autenticazione centralizzata che consente a un utente di fornire le proprie credenziali una sola volta e di accedere a molteplici

Dettagli

Sicurezza nelle Grid. Sommario. Page 1. Il Problema della Sicurezza nelle Grid. Grid Security Infrastructure Autorizzazione

Sicurezza nelle Grid. Sommario. Page 1. Il Problema della Sicurezza nelle Grid. Grid Security Infrastructure Autorizzazione Sommario Il Problema della Sicurezza nelle Grid Sicurezza nelle Grid Grid Security Infrastructure Autorizzazione 2 Page 1 Il Problema della Sicurezza nelle Grid (1) Le risorse sono presenti domini amministrativi

Dettagli

Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3

Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3 TOC Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3 Obiettivo Formativo Un software di griglia può essere installato con una certa facilità da programmatori. Al crescere dell uso e della dipendenza dell utenza,

Dettagli

Service Level Agreement Management Framework

Service Level Agreement Management Framework Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Catania Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Workshop su QoS e SLA Service Level Agreement Management Framework Giovanni Morana

Dettagli

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013 e di e di Candidato: Luca Russo Docente: Corso di laurea in Informatica Applicata Facoltá di Scienze e Tecnologie Programmazione su Reti 27 Marzo 2013 Traccia d esame Sviluppare multitier con disaccoppiamento

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Manuale di Integrazione IdM-RAS

Manuale di Integrazione IdM-RAS IdM-RAS Data: 30/11/09 File: Manuale di integrazione IdM-RAS.doc Versione: Redazione: Sardegna IT IdM-RAS Sommario 1 Introduzione... 3 2 Architettura del sistema... 4 2.1 Service Provider... 4 2.2 Local

Dettagli

Valutazione del Globus Toolkit. Massimo Sgaravatto INFN Padova

Valutazione del Globus Toolkit. Massimo Sgaravatto INFN Padova Valutazioe del Globus Toolkit INFN Padova Grid Hardware ad software ifrastructure that provides depedable, cosistet ad pervasive access to resources Depedable: garazia di fuzioalita` e performace Cosistet:

Dettagli

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web parte 1 Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web (1) Modello a tre livelli in cui le interazioni tra livello presentazione e livello applicazione sono mediate

Dettagli

I Principali Servizi del Protocollo Applicativo

I Principali Servizi del Protocollo Applicativo 1 I Principali Servizi del Protocollo Applicativo Servizi offerti In questa lezione verranno esaminati i seguenti servizi: FTP DNS HTTP 2 3 File Transfer Protocol Il trasferimento di file consente la trasmissione

Dettagli

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni)

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Progettazione di Sistemi Interattivi Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Docente: Daniela Fogli Gli strati e la rete Stratificazione da un altro punto di vista: i calcolatori

Dettagli

Servizi web in LabVIEW

Servizi web in LabVIEW Servizi web in LabVIEW Soluzioni possibili, come si utilizzano. 1 Soluzioni possibili WEB SERVER Dalla versione 5.1 di LabVIEW è possibile implementare un Web server che consente di operare da remoto sul

Dettagli

WS-Agreement. Sommario. Il Problema del Resource Management. Obiettivi del proprietario vs. obiettivi delle applicazioni

WS-Agreement. Sommario. Il Problema del Resource Management. Obiettivi del proprietario vs. obiettivi delle applicazioni Gid Grid Scheduling Shdli e WS-Agreement D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Il Problema del esource Management Applicazioni i i in più domini i Obiettivi del proprietario

Dettagli

Protocolli e architetture per WIS

Protocolli e architetture per WIS Protocolli e architetture per WIS Web Information Systems (WIS) Un Web Information System (WIS) usa le tecnologie Web per permettere la fruizione di informazioni e servizi Le architetture moderne dei WIS

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

Memorizzazione affidabile di dati in un ambiente di Griglia 2006-2007

Memorizzazione affidabile di dati in un ambiente di Griglia 2006-2007 tesi di laurea Memorizzazione affidabile di dati in un ambiente di Griglia 2006-2007 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo correlatore Ing. Generoso Paolillo candidato Luigi Abate Matr. 041-3145 Contesto

Dettagli

Il middleware INFNGRID Certification Authority Virtual Organization Servizi core Servizi collective Servizi di supporto al deployment e per la

Il middleware INFNGRID Certification Authority Virtual Organization Servizi core Servizi collective Servizi di supporto al deployment e per la Architettura del middleware INFNGRID e piano di deployment sull'infrastruttura SCoPE Gennaro Tortone INFN Napoli 21 febbraio 2007 Indice Il middleware INFNGRID Certification Authority Virtual Organization

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA 05/11/14 CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di SISTEMI DISTRIBUITI 7. I processi : il naming Prof. S.Pizzutilo Il naming dei processi Nome = stringa di bit o di caratteri utilizzata per

Dettagli

Introduzione ad Active Directory. Orazio Battaglia

Introduzione ad Active Directory. Orazio Battaglia Introduzione ad Active Directory Orazio Battaglia Introduzione al DNS Il DNS (Domain Name System) è un sistema utilizzato per la risoluzione dei nomi dei nodi della rete (host) in indirizzi IP e viceversa.

Dettagli

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l.

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. SAP rel.1.0 : SAP State: Final Date: 03-27-200 Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. Sede legale: Via Cola di Rienzo 212-00192 Rome - Italy Tel. +39.06.6864226 Sede operativa: viale Regina

Dettagli

Sicurezza nei Sistemi Distribuiti

Sicurezza nei Sistemi Distribuiti Sicurezza nei Sistemi Distribuiti Aspetti di Sicurezza La sicurezza nei sistemi distribuiti deve riguardare tutti i componenti del sistema e coinvolge due aspetti principali: Le comunicazioni tra utenti

Dettagli

Sicurezza nei Sistemi Distribuiti

Sicurezza nei Sistemi Distribuiti Sicurezza nei Sistemi Distribuiti Aspetti di Sicurezza La sicurezza nei sistemi distribuiti deve riguardare tutti i componenti del sistema e coinvolge due aspetti principali: Le comunicazioni tra utenti

Dettagli

Grid Scheduling e WS-Agreement

Grid Scheduling e WS-Agreement Grid Scheduling e WS-Agreement D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Il Problema del esource Management Applicazioni in più domini Obiettivi del proprietario vs. obiettivi

Dettagli

Introduzione a Oracle 9i

Introduzione a Oracle 9i Introduzione a Oracle 9i Ing. Vincenzo Moscato - Overview sull architettura del DBMS Oracle 9i L architettura di Oracle 9i si basa sul classico paradigma di comunicazione client-server, in cui sono presenti

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

ProgettAzione V anno Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni

ProgettAzione V anno Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni Web service Hello world con Visual Studio 2012 Si tratta di un semplice esempio di web service, infatti come tutti I programmi

Dettagli

Presentazione della famiglia openshare 2.2. 4/30/2003 Infosquare.com 1

Presentazione della famiglia openshare 2.2. 4/30/2003 Infosquare.com 1 Presentazione della famiglia 2.2 4/30/2003 Infosquare.com 1 La piattaforma Un ambiente completo e versatile per la costruzione di portali aziendali Una piattaforma integrata di content management per raccogliere,

Dettagli

Tracciabilità degli utenti in applicazioni multipiattaforma

Tracciabilità degli utenti in applicazioni multipiattaforma Tracciabilità degli utenti in applicazioni multipiattaforma Case Study assicurativo/bancario Yann Bongiovanni y.bongiovanni@integra-group.it Roma, 4 ottobre 2006 Retroscena Un azienda multinazionale del

Dettagli

Sistemi Informativi Distribuiti

Sistemi Informativi Distribuiti Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 SISTEMI INFORMATIVI MODULO II Sistemi Informativi Distribuiti 1 Sistemi informativi distribuiti

Dettagli

Indice. 1 Introduzione 7 1.1 Introduzione... 7 1.2 Cos è un impianto informatico enterprise... 8

Indice. 1 Introduzione 7 1.1 Introduzione... 7 1.2 Cos è un impianto informatico enterprise... 8 Indice 1 Introduzione 7 1.1 Introduzione............................. 7 1.2 Cos è un impianto informatico enterprise............. 8 2 Affidabilità 11 2.1 Introduzione............................. 12 2.1.1

Dettagli

JSIS JSIS L architettura JSIS

JSIS JSIS L architettura JSIS JSIS JSIS L architettura JSIS La piattaforma JSIS Java Solution Integrated Suites, interamente realizzata dai nostri laboratori di sviluppo software, è una soluzione che integra la gestione di diverse

Dettagli

Reti e Domini Windows 2000. Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003

Reti e Domini Windows 2000. Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003 Reti e Domini Windows 2000 Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003 Materiale preparato utilizzando dove possibile materiale AIPA http://www.aipa.it/attivita[2/formazione[6/corsi[2/materiali/reti%20di%20calcolatori/welcome.htm

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo Sistemi Distribuiti Rocco Aversa Tel. 0815010268 rocco.aversa@unina2.it it Ricevimento: Martedì 14:16 Giovedì 14:16 1 Libri di Testo Testo Principale A.S. Tanenbaum, M. van Steen, Distributed Systems (2

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security

Dettagli

Indice generale. Gli autori...xiii. Prefazione...xv. Benvenuti nel cloud computing...1

Indice generale. Gli autori...xiii. Prefazione...xv. Benvenuti nel cloud computing...1 Indice generale Gli autori...xiii Prefazione...xv Capitolo 1 Benvenuti nel cloud computing...1 Come evitare un successo disastroso... 2 Saperne di più sul cloud computing... 3 Cosa si intende per nuvola...

Dettagli

Modello dell Infrastruttura per il Fascicolo Sanitario Elettronico (InfFSE) Progetto: Infrastruttura tecnologica del Fascicolo Sanitario Elettronico

Modello dell Infrastruttura per il Fascicolo Sanitario Elettronico (InfFSE) Progetto: Infrastruttura tecnologica del Fascicolo Sanitario Elettronico Dipartimento per la digitalizzazione della PA e l innovazione Consiglio Nazionale delle Ricerche Dipartimento delle Tecnologie dell Informazione e delle Comunicazioni Modello dell Infrastruttura per il

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Introduzione all elaborazione di database nel Web

Introduzione all elaborazione di database nel Web Introduzione all elaborazione di database nel Web Prof.ssa M. Cesa 1 Concetti base del Web Il Web è formato da computer nella rete Internet connessi fra loro in una modalità particolare che consente un

Dettagli

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura... 3 2 Composizione della Fornitura... 3 2.1 Piattaforma

Dettagli

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009)

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) CeBAS Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) Introduzione Il progetto CEBAS: la finalità è di migliorare l efficienza operativa interna dell Ente rispondere alle aspettative

Dettagli

Servizi intelligenti per l utente mobile: un esempio in applicazioni turistiche

Servizi intelligenti per l utente mobile: un esempio in applicazioni turistiche Servizi intelligenti per l utente mobile: un esempio in applicazioni turistiche Liliana Ardissono Gruppo di Intelligent User Interfaces Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino liliana@di.unito.it

Dettagli

* Accesso ai file remoti - trasferimento effettivo dei dati mediante RPC - aumento delle prestazioni tramite caching

* Accesso ai file remoti - trasferimento effettivo dei dati mediante RPC - aumento delle prestazioni tramite caching * Sistemi operativi di rete: ambiente composto da risorse remote accessibili esplicitamente con controllo utente. Funzioni principali (demone); - login remoto (telnet) - trasferimento di file remoti (FTP)

Dettagli

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica i Architettura Tecnica ii Copyright 2005-2011 Link.it s.r.l. iii Indice 1 Scopo del documento 1 1.1 Abbreviazioni..................................................... 1 2 Overview 1 2.1 La PdD........................................................

Dettagli

Wireless Grids e Pervasive Grids. Pervasive Grids

Wireless Grids e Pervasive Grids. Pervasive Grids Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Wireless Grids e Pervasive Grids Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Wireless Grids e Pervasive Grids Wireless Grids Caratteristiche Sistemi Applicazioni

Dettagli

Release Notes di OpenSPCoop2. Release Notes di OpenSPCoop2

Release Notes di OpenSPCoop2. Release Notes di OpenSPCoop2 Release Notes di OpenSPCoop2 i Release Notes di OpenSPCoop2 Release Notes di OpenSPCoop2 ii Copyright 2005-2015 Link.it srl Release Notes di OpenSPCoop2 iii Indice 1 Versione 2.1 1 1.1 Gestione del protocollo

Dettagli

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 9 Distribuzione dei contenuti

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 9 Distribuzione dei contenuti INFORMATICA DISTRIBUITA prof. lez 9 Distribuzione dei contenuti Università degli Studi di Milano Scienze e Tecnologie della Comunicazione Musicale a.a. 2009-2010 FTP: file transfer protocol FTP user interface

Dettagli

Making the Internet Secure TM

Making the Internet Secure TM Making the Internet Secure TM e-security DAY 3 luglio 2003, Milano Kenneth Udd Senior Sales Manager SSH Communications Security Corp. SSH Communications Security Corp Storia Fondata nel 1995 Ideatrice

Dettagli

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori ANALISI 11 marzo 2012 CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY Nella newsletter N 4 abbiamo già parlato di Cloud Computing, introducendone

Dettagli

Sistema Operativo Compilatore

Sistema Operativo Compilatore MASTER Information Technology Excellence Road (I.T.E.R.) Sistema Operativo Compilatore Maurizio Palesi Salvatore Serrano Master ITER Informatica di Base Maurizio Palesi, Salvatore Serrano 1 Il Sistema

Dettagli

D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS

D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS Il modello SaaS Architettura 3D Cloud Il protocollo DCV Benefici Il portale Web EnginFrame EnginFrame

Dettagli

MONITORAGGIO UNITARIO PROGETTI 2007/2013 PROTOCOLLO DI COLLOQUI ANALISI ATTIVAZIONE SERVIZIO IGRUE IN SPCOOP. Link.it srl - Analisi Servizio IGRUE 1

MONITORAGGIO UNITARIO PROGETTI 2007/2013 PROTOCOLLO DI COLLOQUI ANALISI ATTIVAZIONE SERVIZIO IGRUE IN SPCOOP. Link.it srl - Analisi Servizio IGRUE 1 MONITORAGGIO UNITARIO PROGETTI 2007/2013 PROTOCOLLO DI COLLOQUI ANALISI ATTIVAZIONE SERVIZIO IGRUE IN SPCOOP Link.it srl - Analisi Servizio IGRUE 1 Panoramica L'attuale sistema IGRUE è composto da: Il

Dettagli

CLOUD AWS. #cloudaws. Community - Cloud AWS su Google+ Amazon Web Services. Amazon RDS

CLOUD AWS. #cloudaws. Community - Cloud AWS su Google+ Amazon Web Services. Amazon RDS Community - Cloud AWS su Google+ Web Services RDS Oggi vedremo il servizio di RDS per la gestione di un database relazionale in ambiente cloud computing. Hangout 18 del 14.07.2014 Davide Riboldi Massimo

Dettagli

Corso GNU/Linux - Lezione 6. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it

Corso GNU/Linux - Lezione 6. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Corso GNU/Linux - Lezione 6 Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Riepilogo TCP/IP Ogni host nella rete deve avere un proprio indirizzo ip Due o piu computer nella stessa rete, per poter comunicare

Dettagli

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server 1 Prerequisiti Pagine statiche e dinamiche Pagine HTML Server e client Cenni ai database e all SQL 2 1 Introduzione In questa Unità si illustra il concetto

Dettagli

Il Provvedimento del Garante

Il Provvedimento del Garante Il Provvedimento del Garante Il provvedimento del Garante per la Protezione dei dati personali relativo agli Amministratori di Sistema (AdS) Misure e accorgimenti prescritti ai titolari dei trattamenti

Dettagli

Progetto Turismo Pisa. Sommario dei risultati

Progetto Turismo Pisa. Sommario dei risultati 2012 Progetto Turismo Pisa Sommario dei risultati 0 Studio realizzato per il Comune di Pisa da KddLab ISTI-CNR Pisa Sommario 1 Progetto Turismo Pisa: Sintesi dei risultati... 1 1.1 L Osservatorio Turistico

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Martedì 1-04-2014 1 Applicazioni P2P

Dettagli

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3,

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, Emergency healthcare process automation using workflow technology and web services M. Poulymenopoulou, F. Malamateniou, G. Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, 195 207 Processo

Dettagli

Internet e Tecnologia Web

Internet e Tecnologia Web INTERNET E TECNOLOGIA WEB Corso WebGis per Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006 ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.it Internet e Tecnologia Web...1 TCP/IP...2 Architettura Client-Server...6

Dettagli

Introduzione a Windows XP Professional Installazione di Windows XP Professional Configurazione e gestione di account utente

Introduzione a Windows XP Professional Installazione di Windows XP Professional Configurazione e gestione di account utente Programma Introduzione a Windows XP Professional Esplorazione delle nuove funzionalità e dei miglioramenti Risoluzione dei problemi mediante Guida in linea e supporto tecnico Gruppi di lavoro e domini

Dettagli

Programmazione server-side: Java Servlet

Programmazione server-side: Java Servlet Programmazione server-side: Java Servlet Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2006-07 Lezione n.11 parte II Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Cos

Dettagli

CORSO WET 462 Amministrazione di database SQL Server 2012

CORSO WET 462 Amministrazione di database SQL Server 2012 CORSO WET 462 Amministrazione di database SQL Server 2012 Struttura e durata del corso Scheda informativa Il corso ha la durata di 24 ore ed è distribuito nell arco di un mese: 6 incontri da 4 ore ciascuno.

Dettagli

RETI INFORMATICHE Client-Server e reti paritetiche

RETI INFORMATICHE Client-Server e reti paritetiche RETI INFORMATICHE Client-Server e reti paritetiche Le reti consentono: La condivisione di risorse software e dati a distanza La condivisione di risorse hardware e dispositivi (stampanti, hard disk, modem,

Dettagli

Programmazione di sistemi distribuiti

Programmazione di sistemi distribuiti Programmazione di sistemi distribuiti I Sistemi Distribuiti, per loro natura, prevedono che computazioni differenti possano essere eseguite su VM differenti, possibilmente su host differenti, comunicanti

Dettagli

Linguaggi & Tecnologie Multimediali: TV interattiva e mobile TV

Linguaggi & Tecnologie Multimediali: TV interattiva e mobile TV Linguaggi & Tecnologie Multimediali: TV interattiva e mobile TV Realizzazione di applicazioni interattive multichannel (SMS, MMS, WAP) attraverso la piattaforma Pecan. Tesi di fine corso di Marco Mura

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service Management secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno

Dettagli

use ready 2 La soluzione open source enterprise preconfigurata per l'it Asset Management www.cmdbuild.org Tecnoteca Srl

use ready 2 La soluzione open source enterprise preconfigurata per l'it Asset Management www.cmdbuild.org Tecnoteca Srl 1 ready 2 use La soluzione open source enterprise preconfigurata per l'it Asset Management www.cmdbuild.org Tecnoteca Srl tecnoteca@tecnoteca.com www.tecnoteca.com CMDBuild ready2use 2 CMDBuild ready2use

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Java Enterprise Edi.on. Gabriele Tolomei DAIS Università Ca Foscari Venezia

Java Enterprise Edi.on. Gabriele Tolomei DAIS Università Ca Foscari Venezia Java Enterprise Edi.on Gabriele Tolomei DAIS Università Ca Foscari Venezia Java Web Services Web Services: SOAP vs. RESTful 2 diversi.pi di Web Services I Web Services SOAP sono quelli classici Si basano

Dettagli

ELENCO DELLE AREE DI INSEGNAMENTO PER DIPLOMATI DI MATERIE NON MILITARI INCLUSE NEI CORSI IN PROGRAMMAZIONE PRESSO LA SCUOLA TLC FFAA DI CHIAVARI

ELENCO DELLE AREE DI INSEGNAMENTO PER DIPLOMATI DI MATERIE NON MILITARI INCLUSE NEI CORSI IN PROGRAMMAZIONE PRESSO LA SCUOLA TLC FFAA DI CHIAVARI ELENCO DELLE AREE DI INSEGNAMENTO PER DIPLOMATI DI MATERIE NON MILITARI INCLUSE NEI CORSI IN PROGRAMMAZIONE PRESSO LA SCUOLA TLC FFAA DI CHIAVARI TRA L 01/01/2016 E IL 31/12/2016 AREA FORMATIVA / TIPOLOGIA

Dettagli

Lezione 11 Livello Applicativo bind (DNS)

Lezione 11 Livello Applicativo bind (DNS) Lezione 11 Livello Applicativo bind (DNS) Università degli Studi di Milano Insegnamento di Terminologia - 1 ISO/OSI (Open System Interconnection) Standard de iure che organizza l'architettura di una rete

Dettagli