Corso: Fondamenti di Informatica (Gruppo 2) a.a Corsi di laurea: Ing. Settore Informazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso: Fondamenti di Informatica (Gruppo 2) a.a Corsi di laurea: Ing. Settore Informazione"

Transcript

1 Corso: Fondamenti di Informatica (Gruppo 2) a.a Corsi di laurea: Ing. Settore Informazione Questionario a Risposte Multiple per auto-valutazione del Lab05 Domanda n. 1 Argomento: Iterazioni, array e stringhe Domanda: Secondo le specifiche del linguaggio Java, dopo la creazione di un array di riferimenti di tipo String, le singole celle dell'array contengono 1. un valore casuale 2. il riferimento null 3. un riferimento ad un oggetto vuoto 4. il valore booleano false 5. nessuna delle precedenti affermazioni e' corretta Il frammento di codice: final int CAPACITY = 100; String[] s = new String[CAPACITY]; crea un array formato da cento celle contenenti ciascuna un riferimento a un oggetto di classe String inizializzato a null.

2 Per inizializzare i singoli riferimenti dell array, si deve scrivere codice come il seguente s[0] = ciao ; s[1] = hello ;... Spesso i singoli elementi dell array vengono inizializzati usando un ciclo e leggendo i valori tramite un oggetto di classe Scanner, ad esempio da Standard Input for (int i = 0; i < s.length; i++) if (in.hasnext()) s[i] = in.next(); Domanda n. 2 Argomento: Compilatore e interprete Domanda: In Java, il garbage collector serve a 1. rendere libera la memoria dinamica 2. eliminare i file temporanei presenti nell'hard disk 3. salvare le variabili in uso in apposite collezioni di dati 4. attivare il Java Debugger (JDB) in caso di errore del programma Il garbage collector serve a liberare la memoria dinamica (Java Heap). Domanda n. 3 Argomento: Classi Domanda: Il metodo hasnextline della classe Scanner 1. richiede un parametro di tipo double

3 2. richiede un parametro di tipo String 3. non richiede alcun parametro 4. nessuna delle risposte precedenti e' corretta Il metodo hasnextline della classe Scanner non richiede alcun parametro esplicito. Verificare la classe java.util.scanner nella documentazione della java Platform API. Domanda n. 4 Argomento: Classi Domanda: Che tipo di errore provoca l'esecuzione della classe seguente? public class ComplexNumber public double real; public double imm; public static void main(string[] args) ComplexNumber[] v = new ComplexNumber[10]; for(int i=0; i<10; i++) v[i].real = 0; v[i].imm = 0; 1. OverflowException 2. NullPointerException 3. ArrayIndexOutOfBoundsException

4 4. nessun errore 5. nessuna delle risposte precedenti e' corretta La classe genera l eccezione NullPointerException nell esecuzione dell enunciato alla riga v[i].real = 0; la prima volta che il ciclo esegue (con i = 0), perche v[0] vale null. Infatti l enunciato ComplexNumber[] v = new ComplexNumber[10]; crea un array di 10 riferimenti inizializzati al valore null. (Si veda la domanda n. 1. Domanda n. 5 Argomento: Iterazioni, array e stringhe Domanda: Il seguente frammento di codice: int v[]=new int[10]; for(int i=0; i <= v.length; i++) System.out.println(v[i]); 1. Stampa tutte le componenti dell'array e termina correttamente 2. Lancia l'eccezione ArrayIndexOutOfBoundsException 3. Stampa le componenti pari dell'array 4. Nessuna delle precedenti risposte e' corretta Quando il codice viene eseguito, lancia l'eccezione ArrayIndexOutOfBoundsException perche la condizione di terminazione del ciclo (i<=v.length) permette di eseguire il corpo

5 del ciclo anche con il valore dell indice i = v.length. L elemento dell array v[v.length] pero non esiste. Infatti l ultimo elemento dell array ha indice v.length-1. Domanda n. 6 Argomento: Logica booleana Domanda: Il metodo seguente: public static boolean valuta(int a, int b) if((b!= 0) && (a % b == 0)) return true; else return false; 1. Puo' incorrere in un errore di divisione per zero lanciando l'eccezione ArithmeticException 2. Non lancia mai eccezioni 3. Da' un errore in compilazione Se b vale 0, l espressione b!= 0 vale false e, quindi, per il cortocircuito, l espressione a % b non viene calcolata. Il metodo quindi non genera mai l eccezione ArithmeticException. Domanda n. 7 Argomento: Iterazioni, array e stringhe Domanda: Qual e' il risultato dell'esecuzione del seguente frammento di codice? String s = "uno due tre quattro"; Scanner tok = new Scanner(s); String[] t = new String[4]; for (int i = 0; i <= 4; i++) t[i] = tok.next(); System.out.println(t[i]); tok.close();

6 1. Lancia l'eccezione java.lang.arrayindexoutofboundsexception 2. Lancia l'eccezione java.lang.nullpointerexception 3. Lancia l'eccezione java.util.nosuchelementexception 4. Lancia l'eccezione java.lang.stringindexoutofboundsexception 5. Stampa i lessemi contenuti nella stringa s L enunciato t[i] = tok.next(); lancia l'eccezione java.util.nosuchelementexception quano i = 4. Domanda n. 8 Argomento: Iterazioni Che valore restituisce il seguente metodo quando invocato con un valore positivo del parametro n: private static int calcola(int n) int k = n; for (int i = n - 1; i > 0; i--) k = k * i; return k; 1. 2n

7 2. n 2 3. n! 4. Il metodo esegue un ciclo infinito 5. n Il metodo calcola il valore n (n-1)(n-2)*...*2*1 ovvero il fattoriale di n (n!). Per prova si esegua il metodo con n = 3 a) k = 3 b) i = n-1 = 2, k = 3*2 // prima iterazione del ciclo c) i = 1, k = 3*2*1 // seconda e ultima iterazione del ciclo Domanda n. 9 Argomento: Iterazioni

8 Che valore restituisce il seguente metodo quando invocato con un valore negativo del parametro n: private static int calcola(int n) int k = n; for (int i = n - 1; i > 0; i--) k = k * i; return k; 1. 2n 2. n 2 3. n! 4. Il metodo esegue un ciclo infinito 5. n Se n e negativo, il ciclo non viene eseguita nessuna iterazione del ciclo e quindi il valore di ritorno e pari al numero n stesso. Domanda n. 10 Argomento: Iterazioni Quale dei cicli seguenti corrisponde al ciclo for (inizializzazione; condizione; incremento)

9 enunciati 1. Nessuna delle alternative proposte e' corretta 2. inizializzazione do enunciati incremento while (condizione); 3. inizializzazione while incremento enunciati 4. inizializzazione while enunciati incremento 5. inizializzazione do incremento

10 enunciati while (condizione); - Sicuramente i cicli do delle risposte 2 e 5 non corrisponde al ciclo for della domanda perche gli enunciati del ciclo do sono eseguiti almeno una volta, mentre gli enunciati del ciclo for possono non essere mai eseguiti - Sicuramente il ciclo while della risposta 3 non corrisponde al ciclo for della domanda perche l incremento nel ciclo for viene effettuato dopo l esecuzione degli enunciati - Il ciclo while della rispodta 4 corrisponde al ciclo for della domanda. Domanda n. 11 Argomento: Iterazioni Dato il metodo seguente, quale affermazione e' corretta? private static int a(int[] b) int c = b[0]; int i = 1; while (i < b.length) if (b[i] < c) c = b[i]; i++; return c; 1. Il metodo restituisce l'ultimo elemento dell'array b, se l'array non e' vuoto 2. Il metodo restituisce l'elemento massimo dell'array b, se l'array non e' vuoto

11 3. Il metodo restituisce la somma degli elementi dell'array b, se l'array non e' vuoto 4. Il metodo restituisce l'elemento minimo dell'array b, se l'array non e' vuoto 5. Il metodo restituisce il primo elemento dell'array b, se l'array non e' vuoto Il metodo restituisce l elemento minimo dell array, se l array non e vuoto. Vedere i semplici algoritmi degli array. Domanda n. 12 Argomento: Iterazioni Data la classe seguente, quale affermazione e' corretta? private static int[] a(int[]b, int c) int n = c < b.length? c : b.length; int[] d = new int[c]; System.arraycopy(b, 0, d, 0, n); return d; 1. in esecuzione, se invocato con un valore positivo del parametro c, il metodo effettua il rimensionamento dinamico dell'array ricevuto come parametro esplicito 2. Nessuna delle alternative proposte e' corretta. 3. il metodo genera un errore in compilazione

12 4. in esecuzione, se invocato con un valore positivo del parametro c, il metodo restituisce l'array vuoto contenente zero elementi 5. il metodo genera un errore in esecuzione se invocato con un valore positivo del parametro c in esecuzione, se invocato con un valore positivo del parametro c, il metodo effettua il rimensionamento dinamico dell'array ricevuto come parametro esplicito. Si veda il metodi resize illustrato a lezione. L operatore di selezione calcola il minimo fra c e b.length.

Corso: Fondamenti di Informatica 1 (gruppo 8-9) Corsi di laurea: Area dell'informazione Questionario di autovalutazione 4

Corso: Fondamenti di Informatica 1 (gruppo 8-9) Corsi di laurea: Area dell'informazione Questionario di autovalutazione 4 Corso: Fondamenti di Informatica 1 (gruppo 8-9) Corsi di laurea: Area dell'informazione Questionario di autovalutazione 4 Domanda n. 1 Argomento: Rappresentazione dell'informazione Domanda: Il numero binario

Dettagli

19 - Eccezioni. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

19 - Eccezioni. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 19 - Eccezioni Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso

Dettagli

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi:

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi: Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 22 settembre 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli

Dettagli

Esercizi riassuntivi (Fondamenti di Informatica 2 Walter Didimo) Soluzioni

Esercizi riassuntivi (Fondamenti di Informatica 2 Walter Didimo) Soluzioni Esercizi riassuntivi (Fondamenti di Informatica 2 Walter Didimo) Soluzioni Esercizio 1 Dire quale è la complessità temporale del seguente metodo, espressa con notazione asintotica O(.) (con la migliore

Dettagli

Compitino di Laboratorio di Informatica CdL in Matematica 13/11/2007 Teoria Compito A

Compitino di Laboratorio di Informatica CdL in Matematica 13/11/2007 Teoria Compito A Matematica 13/11/2007 Teoria Compito A Domanda 1 Descrivere, eventualmente utilizzando uno schema, gli elementi funzionali di una CPU. Domanda 2 Java è un linguaggio compilato o interpretato? Motivare

Dettagli

Programmazione a Oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013

Programmazione a Oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013 Programmazione a Oggetti e JAVA Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013 Sommario La ricorsione Metodi ricorsivi Esercizi proposti 16/01/2013 2 La ricorsione In Java ogni metodo può chiamare anche se stesso,

Dettagli

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 11 luglio 2014

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 11 luglio 2014 Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 11 luglio 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli esercizi

Dettagli

Fondamenti di informatica T-1 (A K) Esercitazione 2: Linguaggio Java, basi e controllo del flusso

Fondamenti di informatica T-1 (A K) Esercitazione 2: Linguaggio Java, basi e controllo del flusso Fondamenti di informatica T-1 (A K) Esercitazione 2: Linguaggio Java, basi e controllo del flusso AA 2015/2016 Tutor: Vincenzo Lomonaco vincenzo.lomonaco@unibo.it Programma Introduzione al calcolatore

Dettagli

Laboratorio di Programmazione Lezione 2. Cristian Del Fabbro

Laboratorio di Programmazione Lezione 2. Cristian Del Fabbro Laboratorio di Programmazione Lezione 2 Cristian Del Fabbro Prossima lezione GIOVEDÌ 29 OTTOBRE 14:00 Input da tastiera package input; import java.io.*; public class Input { public static void main(string[]

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. E un algebra basata su tre operazioni logiche

Algebra di Boole: Concetti di base. E un algebra basata su tre operazioni logiche Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Istruzione condizionale switch Istruzioni di salto break e continue Uso di variabili di tipo boolean Variabili di tipo array (monodimensionali)

Dettagli

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Istruzioni di controllo Iterative Condizionali Algoritmi e Diagrammi di flusso Esercizi 28/03/2011 2 Istruzioni iterative while do

Dettagli

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Lettura di dati da input In Java la lettura di dati da input

Dettagli

Corso di Laurea in Matematica Corso di Informatica Prova d Esame del 02/02/2010

Corso di Laurea in Matematica Corso di Informatica Prova d Esame del 02/02/2010 Esercizio 1. Si deve modellare con una classe Java il contenuto di un portamonete, con delle opportune semplificazioni. Le monete da considerare sono di soli 4 tagli: 10, 20, 50 e 100 centesimi (cioè 1

Dettagli

6 - Blocchi e cicli. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

6 - Blocchi e cicli. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 6 - Blocchi e cicli Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://pages.di.unipi.it/milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Array di array. Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1. Dispensa 03. A. Miola Febbraio 2008

Array di array. Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1. Dispensa 03. A. Miola Febbraio 2008 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa Array di array A. Miola Febbraio 8 http://www.dia.uniroma.it/~java/fondinf/ Array di array Contenuti Array bidimensionali creazione

Dettagli

Iterazioni. L istruzione while. while (condition) istruzione

Iterazioni. L istruzione while. while (condition) istruzione Iterazioni L istruzione while while (condition) istruzione Ripete l esecuzione di istruzione fino a che la condizione resta vera while (balance < targetbalance) year++; double interest = balance * rate

Dettagli

7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari

7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari 7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa

Dettagli

Università degli studi di Roma Tor Vergata Ingegneria Medica Informatica I Programma del Corso

Università degli studi di Roma Tor Vergata Ingegneria Medica Informatica I Programma del Corso Obiettivi Di seguito vengono riportate una serie di domande che possono essere poste durante la prova formale del corso. Le seguenti domande non sono da ritenersi esaustive ma esemplificative. 1. Architettura

Dettagli

Calcolare x n = x x x (n volte)

Calcolare x n = x x x (n volte) Calcolare x n = x x x (n volte) Abbiamo bisogno di: una variabile ris in cui ad ogni iterazione del ciclo si ha un risultato parziale, e che dopo l ultima iterazione contiene il risultato finale; una variabile

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica. Esercizi sui metodi. Carla Limongelli. Maggio Esercizi 1

Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica. Esercizi sui metodi. Carla Limongelli. Maggio Esercizi 1 Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Esercizi sui metodi Carla Limongelli Maggio 2010 Esercizi 1 Passaggio di parametri di tipo primitivo Indicare che cosa viene visualizzato sullo

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a settembre 2012

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a settembre 2012 Cognome Nome Matricola Postazione PC Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2011-12 17 settembre 2012 Testo Il database di un videonoleggio è costituito da due vettori paralleli.

Dettagli

18 - Vettori. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

18 - Vettori. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 18 - Vettori Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://pages.di.unipi.it/milazzo milazzo di.unipi.it Corso di

Dettagli

5 - Istruzioni condizionali

5 - Istruzioni condizionali 5 - Istruzioni condizionali Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

STRINGHE IN JAVA In Java, le stringhe non sono pezzi di memo-ria con dentro dei caratteri, come in C: sono oggetti appartenenti alla classe

STRINGHE IN JAVA In Java, le stringhe non sono pezzi di memo-ria con dentro dei caratteri, come in C: sono oggetti appartenenti alla classe STRINGHE IN JAVA In Java, le stringhe non sono pezzi di memo-ria con dentro dei caratteri, come in C: sono oggetti appartenenti alla classe String Una stringa Java rappresenta uno specifico valore e come

Dettagli

14 - Metodi e Costruttori

14 - Metodi e Costruttori 14 - Metodi e Costruttori Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList Fondamenti di Informatica L-B 1 ArrayList Abbiamo detto che gli array non possono cambiare la propria dimensione: il numero di elementi contenuti viene stabilito

Dettagli

Introduzione a Java. Giovanni Pardini Dipartimento di Informatica Università di Pisa.

Introduzione a Java. Giovanni Pardini Dipartimento di Informatica Università di Pisa. a Java 1 Giovanni Pardini pardinig@di.unipi.it www.di.unipi.it/~pardinig Dipartimento di Informatica Università di Pisa 30 novembre 2009 1 2 3 1 Sintassi di base Hello World! Blocchi e variabili 2 Sintassi

Dettagli

public double getlato() restituisce la lunghezza del lato del quadrato che esegue il metodo.

public double getlato() restituisce la lunghezza del lato del quadrato che esegue il metodo. Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 21 settembre 2015 TEMPO DISPONIBILE: 1 ora e 40

Dettagli

Programmazione Java Struttura di una classe, Costruttore, Riferimento this

Programmazione Java Struttura di una classe, Costruttore, Riferimento this Programmazione Java Struttura di una classe, Costruttore, Riferimento this romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap > Struttura di una classe > Costruttore > Riferimento

Dettagli

Fondamenti di Programmazione Recupero Primo Parziale 30 Gennaio 2008 Traccia A

Fondamenti di Programmazione Recupero Primo Parziale 30 Gennaio 2008 Traccia A Fondamenti di Programmazione Recupero Primo Parziale 30 Gennaio 2008 Traccia A Cognome: Nome: Corso di Laurea N. Matricola: Giorno non preferito per l orale (Matematici) Giorno non preferito per l orale

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Eccezioni Categorie di eccezioni checked unchecked Gestione delle eccezioni Clausola throws Costrutto try - catch - finally Comando

Dettagli

Costrutti iterativi. Utilizzo dei costrutti iterativi

Costrutti iterativi. Utilizzo dei costrutti iterativi Costrutti iterativi Utilizzo dei costrutti iterativi Costrutti iterativi (1/3) I costrutti iterativi permettono di eseguire ripetutamente del codice Il linguaggio Java mette a disposizione tre costrutti

Dettagli

Linguaggio C - le strutture di controllo: sequenza, selezione, iterazione

Linguaggio C - le strutture di controllo: sequenza, selezione, iterazione Dipartimento di Elettronica ed Informazione Politecnico di Milano Informatica e CAD (c.i.) - ICA Prof. Pierluigi Plebani A.A. 2008/2009 Linguaggio C - le strutture di controllo: sequenza, selezione, iterazione

Dettagli

Le strutture di controllo in C++

Le strutture di controllo in C++ Le strutture di controllo in C++ Docente: Ing. Edoardo Fusella Dipartimento di Ingegneria Elettrica e Tecnologie dell Informazione Via Claudio 21, 4 piano laboratorio SECLAB Università degli Studi di Napoli

Dettagli

ELEMENTI DI INFORMATICA L-B. Ing. Claudia Chiusoli

ELEMENTI DI INFORMATICA L-B. Ing. Claudia Chiusoli ELEMENTI DI INFORMATICA L-B Ing. Claudia Chiusoli Materiale Lucidi delle lezioni Date degli appelli Testi di esami precedenti Informazioni e contatti http://www.lia.deis.unibo.it/courses/ Programma del

Dettagli

Indice. Prefazione. 3 Oggetti e Java 53

Indice. Prefazione. 3 Oggetti e Java 53 Prefazione xv 1 Architettura dei calcolatori 1 1.1 Calcolatori e applicazioni 1 1.1.1 Alcuni esempi di applicazioni 3 1.1.2 Applicazioni e interfacce 4 1.2 Architettura dei calcolatori 7 1.2.1 Hardware

Dettagli

Fondamenti di Informatica T2 Modulo 2. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Anno accademico 2008/2009. Enumerativi

Fondamenti di Informatica T2 Modulo 2. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Anno accademico 2008/2009. Enumerativi Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria Fondamenti di Informatica T2 Modulo 2 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Anno accademico 2008/2009 Enumerativi Finora abbiamo creato enumerativi

Dettagli

Programmazione 1 A.A. 2015/2016

Programmazione 1 A.A. 2015/2016 Cognome e Nome Matricola Programmazione 1 A.A. 2015/2016 Appello del 16 Dicembre 2015 Compito n 1 Prima parte Esercizio 1 (10 punti) Cosa stampa il seguente frammento di codice Java? int[] A = {3, 8, 91,

Dettagli

/***************************** FILE: Quiz.java *****************************/ public class Quiz { private String text; private int score;

/***************************** FILE: Quiz.java *****************************/ public class Quiz { private String text; private int score; Soluzione esercizio [Quiz] a. Definizione della classe base e delle sottoclassi: /***************************** FILE: Quiz.java *****************************/ public class Quiz { private String text; private

Dettagli

Esempio: L EURO-CONVERTITORE (1) Scopo

Esempio: L EURO-CONVERTITORE (1) Scopo Esempio: L EURO-CONVERTITORE (1) Scopo Realizzare un sistema software per la conversione di euro in lire. In particolare, si vuole, definire un euro-covertitore e, dati due oggetti di tipo euro convertitore

Dettagli

OO puro. Primi concetti di Java. Tipi primitivi. Ogni cosa è un oggetto. Java è object-oriented puro Non come il C+ + (OO ibrido) Lorenzo Bettini

OO puro. Primi concetti di Java. Tipi primitivi. Ogni cosa è un oggetto. Java è object-oriented puro Non come il C+ + (OO ibrido) Lorenzo Bettini Primi concetti di Java Lorenzo Bettini OO puro Java è object-oriented puro Non come il C+ + (OO ibrido) Per compatibilità col C Ogni cosa è un oggetto Gli oggetti si manipolano tramite riferimenti String

Dettagli

Informatica/ Ing. Meccanica/ Edile/ Prof. Verdicchio/ 17/01/2014/ Foglio delle domande / VERSIONE 1

Informatica/ Ing. Meccanica/ Edile/ Prof. Verdicchio/ 17/01/2014/ Foglio delle domande / VERSIONE 1 Informatica/ Ing. Meccanica/ Edile/ Prof. Verdicchio/ 17/01/2014/ Foglio delle domande/ VERSIONE 1 1) L approccio con cui si studia un sistema focalizzandosi solo sul rapporto tra input e output si chiama

Dettagli

Problemi, algoritmi e oggetti

Problemi, algoritmi e oggetti Fondamenti di informatica Oggetti e Java Luca Cabibbo Capitolo 5 Marzo 2007 1 Fondamenti di informatica: Oggetti e Jav Contenuti... Problemi e algoritmi comprensione del problema identificazione di un

Dettagli

Laboratorio di Matematica e Informatica 1

Laboratorio di Matematica e Informatica 1 Laboratorio di Matematica e Informatica 1 Matteo Mondini Antonio E. Porreca matteo.mondini@gmail.com porreca@disco.unimib.it Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Università degli Studi

Dettagli

Programmazione con Java

Programmazione con Java Programmazione con Java Classi e istanze in Java Definizione di classe in Java A meno che non si usino classi già scritte da altri, prima di poter creare un qualsiasi oggetto devo creare la sua rappresentazione:

Dettagli

Esercizi di Algoritmi e Strutture Dati

Esercizi di Algoritmi e Strutture Dati Esercizi di Algoritmi e Strutture Dati Moreno Marzolla marzolla@cs.unibo.it Ultimo aggiornamento: 3 novembre 2010 1 Trova la somma/1 Scrivere un algoritmo che dati in input un array A[1... n] di n interi

Dettagli

Istruzioni di ripetizione in Java 1

Istruzioni di ripetizione in Java 1 in Java Corso di laurea in Informatica Le istruzioni di ripetizione consentono di eseguire molte volte la stessa Si chiamano anche cicli Come le istruzioni condizionali, i cicli sono controllati da espressioni

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a luglio 2011

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a luglio 2011 Cognome Nome Matricola Postazione PC Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2010-11 8 luglio 2011 Testo Il database di un videonoleggio è costituito da due vettori paralleli.

Dettagli

Informatica/ Ing. Meccanica/ Prof. Verdicchio/ 13/09/2013/ Foglio delle domande/versione 1

Informatica/ Ing. Meccanica/ Prof. Verdicchio/ 13/09/2013/ Foglio delle domande/versione 1 Informatica/ Ing. Meccanica/ Prof. Verdicchio/ 13/09/2013/ Foglio delle domande/versione 1 1) Dato un diagramma di flusso quali sono le condizioni necessarie perché si possa costruire un programma corrispondente?

Dettagli

Laboratorio Progettazione Web Il linguaggio PHP Le Istruzioni. Andrea Marchetti IIT-CNR AA 2014/2015

Laboratorio Progettazione Web Il linguaggio PHP Le Istruzioni. Andrea Marchetti IIT-CNR AA 2014/2015 Laboratorio Progettazione Web Il linguaggio PHP Le Istruzioni Andrea Marchetti IIT-CNR andrea.marchetti@iit.cnr.it AA 2014/2015 Ambiente di test Cercare PHP online per avere un interprete PHP Assegnamento

Dettagli

Studente (Cognome Nome): Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2006-07 Secondo Compitino 21 Dicembre 2006

Studente (Cognome Nome): Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2006-07 Secondo Compitino 21 Dicembre 2006 Studente (Cognome Nome): Matricola: Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2006-07 Secondo Compitino 21 Dicembre 2006 Si noti che le soluzioni ai quesiti saranno considerate

Dettagli

Esempi di Problemi Iterativi

Esempi di Problemi Iterativi Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa E07 C. Limongelli Dicembre 2011 1 Contenuti q Esercizi: Palindroma Anagramma Fibonacci 2 Palindroma q Scrivere un programma che

Dettagli

Introduzione a Java. Riferimenti

Introduzione a Java. Riferimenti Introduzione a Java Si ringraziano Massimiliano Curcio e Matteo Giacalone 1: Introduction 1 Riferimenti! Java tutorial: http://java.sun.com/docs/books/tutorial/! Il Java tutorial è parte di una più ampia

Dettagli

Istruzioni Condizionali

Istruzioni Condizionali Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa 6 Istruzioni Condizionali Carla Limongelli Settembre 2006 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Istruzioni condizionali

Dettagli

Introduzione alla Programmazione in Java attraverso un esempio commentato

Introduzione alla Programmazione in Java attraverso un esempio commentato Corso di Studi in Informatica Programmazione 1 corso B prof. Elio Giovannetti Introduzione alla Programmazione in Java attraverso un esempio commentato Programmazione 1 B - a.a. 2002-03 53 Modello di memoria

Dettagli

Capitolo 19. Ricorsione

Capitolo 19. Ricorsione Capitolo 19 La ricorsione Una funzione matematica è definita ricorsivamente quando nella sua definizione compare un riferimento a sé stessa Esempio: Funzione fattoriale su interi non negativi: f(n) = n!

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa E03 Esempi di algoritmi e programmi A. Miola Novembre 2011 1 Contenuti q Progettazione di algoritmi q Problemi di ingresso - uscita

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a luglio 2011

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a luglio 2011 Cognome Nome Matricola Postazione PC Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2010-11 22 luglio 2011 Testo Il database di un videonoleggio è costituito da due vettori paralleli.

Dettagli

Esercizi di Algoritmi e Strutture Dati

Esercizi di Algoritmi e Strutture Dati Esercizi di Algoritmi e Strutture Dati Moreno Marzolla marzolla@cs.unibo.it Ultimo aggiornamento: 10 novembre 2010 1 La bandiera nazionale (problema 4.7 del libro di testo). Il problema della bandiera

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE AD ALTO LIVELLO IL LINGUAGGIO JAVA. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE AD ALTO LIVELLO IL LINGUAGGIO JAVA. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE AD ALTO LIVELLO IL LINGUAGGIO JAVA Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Fondamenti di Informatica - Programma Un programma è una formulazione

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa E03 Esempi di algoritmi e programmi A. Miola Settembre 2006 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Esempi di algoritmi e

Dettagli

Esempi di Problemi Iterativi

Esempi di Problemi Iterativi Corso di Laurea Ingegneria Civile Elementi di Informatica Esempi di Problemi Iterativi C. Limongelli Esempi di Problemi Iterativi 1 Contenuti Esercizi: Palindroma Anagramma Fibonacci Esempi di Problemi

Dettagli

Esercizi Programmazione I

Esercizi Programmazione I Esercizi Programmazione I 9 Novembre 201 Esercizio 1 Valutare e dare il tipo delle seguenti espressioni condizionali. 1 char a= a, b= b ; // a ha v a l o r e decimale 97 2 i n t i= 1, j= 2 ; 3 double x=

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a febbraio 2013

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a febbraio 2013 Cognome Nome Matricola Postazione PC Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2012-13 22 febbraio 2013 Testo Il database di un videonoleggio è costituito da due vettori paralleli.

Dettagli

Gestione delle eccezioni in Java

Gestione delle eccezioni in Java Gestione delle eccezioni in Java Fondamenti di Informatica Ingegneria Gestionale Canale AL 1 Le eccezioni in Java Exception handling: insieme di costrutti e regole sintattiche e semantiche presenti nel

Dettagli

Laboratorio di Programmazione Lezione 4. Cristian Del Fabbro

Laboratorio di Programmazione Lezione 4. Cristian Del Fabbro Laboratorio di Programmazione Lezione 4 Cristian Del Fabbro Prossima lezione Mercoledì 25 novembre ore 8:30-11:00 Classe Una classe descrive degli oggetti tramite: Proprietà/variabili/campi (dati/caratteristiche,

Dettagli

Laboratorio di Programmazione 1 [Java]

Laboratorio di Programmazione 1 [Java] Laboratorio di Programmazione 1 [Java] Prova di esame - 7 Settembre 2010 Tempo massimo: 50 minuti Si implementino in Java le classi Tavolo e Ristorante. La classe Tavolo ha i seguenti attributi: numero

Dettagli

TEMA D ESAME 1. Segnalare eventuali errori o situazioni non gestibili con opportune eccezioni o messaggi di errore. TEMA D ESAME 2

TEMA D ESAME 1. Segnalare eventuali errori o situazioni non gestibili con opportune eccezioni o messaggi di errore. TEMA D ESAME 2 TEMA D ESAME 1 Scrivere una classe per memorizzare una tabella bidimensionale di n ed m elementi interi. La classe deve avere un costruttore vuoto e un costruttore che prende in input una tabella bidimensionale

Dettagli

Informatica/ Ing. Meccanica/ Prof. Verdicchio/ 14/02/2012 / Foglio delle domande / VERSIONE 1

Informatica/ Ing. Meccanica/ Prof. Verdicchio/ 14/02/2012 / Foglio delle domande / VERSIONE 1 Informatica/ Ing. Meccanica/ Prof. Verdicchio/ 14/02/2012 / Foglio delle domande / VERSIONE 1 1) Il bus in un computer trasporta a) solo dati b) solo istruzioni c) sia dati sia istruzioni 2) In una sequenza

Dettagli

Laboratorio Progettazione Web Il linguaggio PHP Lezione 6. Andrea Marchetti IIT-CNR 2011/2012

Laboratorio Progettazione Web Il linguaggio PHP Lezione 6. Andrea Marchetti IIT-CNR 2011/2012 Laboratorio Progettazione Web Il linguaggio PHP Lezione 6 Andrea Marchetti IIT-CNR andrea.marchetti@iit.cnr.ita 2011/2012 Assegnamento L assegnamento ad una variabile è il classico variabile = valore;

Dettagli

Riferimenti ad oggetti: Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 4 Java: I/O, Costruttori e altro. Riferimenti ad oggetti: (Esempio)

Riferimenti ad oggetti: Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 4 Java: I/O, Costruttori e altro. Riferimenti ad oggetti: (Esempio) Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 4 Java: I/O, Costruttori e altro A.A. 2005/06 Tutor: Loris Cancellieri loris.cancellieri@studio.unibo.it Riferimenti ad oggetti: Cosa si può fare con i riferimenti?

Dettagli

Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009. Prova di programmazione: parcheggio a pagamento

Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009. Prova di programmazione: parcheggio a pagamento Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009 Prova di programmazione: parcheggio a pagamento Si sviluppi il codice per la gestione di un parcheggio a pagamento mediante la classe Parcheggio, che ospita le auto rappresentate

Dettagli

Studente (Cognome Nome): Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a Secondo Compitino 21 Dicembre 2006

Studente (Cognome Nome): Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a Secondo Compitino 21 Dicembre 2006 Studente (Cognome Nome): Matricola: Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2006-07 Secondo Compitino 21 Dicembre 2006 Si noti che le soluzioni ai quesiti saranno considerate

Dettagli

Matlab. Istruzioni condizionali, cicli for e cicli while.

Matlab. Istruzioni condizionali, cicli for e cicli while. Matlab. Istruzioni condizionali, cicli for e cicli while. Alvise Sommariva Università degli Studi di Padova Dipartimento di Matematica 17 marzo 2016 Alvise Sommariva Introduzione 1/ 18 Introduzione Il

Dettagli

Programmazione web lato client con JavaScript. Marco Camurri 1

Programmazione web lato client con JavaScript. Marco Camurri 1 Programmazione web lato client con JavaScript Marco Camurri 1 JavaScript E' un LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE che consente di inserire codice in una pagina web Sintassi simile a Java (e al C), ma NON E'

Dettagli

Definizione di metodi in Java

Definizione di metodi in Java Definizione di metodi in Java Un metodo in Java definisce un operazione ad alto livello (sottoprogramma) che consente di manipolare dati e oggetti. Durante la computazione effettuata da un programma, un

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Algoritmi di Ricerca e di Ordinamento

Fondamenti di Informatica. Algoritmi di Ricerca e di Ordinamento Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca e di Ordinamento 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare se un elemento fa parte della sequenza oppure l elemento

Dettagli

Eccezioni Precisazioni e approfondimenti

Eccezioni Precisazioni e approfondimenti Eccezioni Precisazioni e approfondimenti Costruttore: il parametro String definisce il messaggio di errore associato all eccezione Metodi particolarmente significativi getmessage(): ritorna l istanza di

Dettagli

Perché il linguaggio C?

Perché il linguaggio C? Il linguaggio C 7 Perché il linguaggio C? Larga diffusione nel software applicativo Standard di fatto per lo sviluppo di software di sistema Visione a basso livello della memoria Capacità di manipolare

Dettagli

Tipi di dato strutturati: Array

Tipi di dato strutturati: Array Tipi di dato strutturati: Array I dati visti finora sono: numeri (interi o razionali), booleani le stringhe (sequenze di caratteri) ma i dati manipolati nelle applicazioni reali sono spesso complessi (o

Dettagli

Decomposizione per scelta

Decomposizione per scelta Decomposizione per scelta T C F P1 P2 Codifica if ( C ) T C F P1 P1 P2 else P2 C : condizione da verificare (espressione booleana a valore VERO/FALSO). Parentesi obbligatorie P1 : istruzione da eseguire

Dettagli

Polinomio di secondo grado: Calcolo delle soluzioni di una equazione di secondo grado: import GraphicIO.*; public class Polinomio2 {

Polinomio di secondo grado: Calcolo delle soluzioni di una equazione di secondo grado: import GraphicIO.*; public class Polinomio2 { Polinomio di secondo grado: public class Polinomio2 GraphicConsole.println ("Inserisci i coefficienti interi del polinomio di secondo grado"); int a = GraphicConsole.readInt("a ="); int b = GraphicConsole.readInt("b

Dettagli

Studente (Cognome Nome):

Studente (Cognome Nome): Studente (Cognome ): Matricola: Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2006-07 Primo Scritto 12 Gennaio 2007 Si noti che le soluzioni ai quesiti saranno considerate valide solo

Dettagli

se invoco un metodo di Object che è ridefinito in Point, viene invocato il metodo definito in Point

se invoco un metodo di Object che è ridefinito in Point, viene invocato il metodo definito in Point Gli HashSet Tipo predefinito che rappresenta insiemi di Object Cosa succede se... Posso mettere un riferimento a un Point in una variabile Object Object o=new Point(12,3); è quasi tutto come se l oggetto

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Classi e Oggetti: Metafora Parte a versione 2.2 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina)

Dettagli

Lezione 9 programmazione in Java Classi come contenitori

Lezione 9 programmazione in Java Classi come contenitori Lezione 9 programmazione in Java Classi come contenitori Nicola Drago drago@sci.univr.it Dipartimento di Informatica Università di Verona Anteprima Gestione della Memoria Dati dinamici e statici Il passaggio

Dettagli

Java il Corso Fondamentale

Java il Corso Fondamentale Java il Corso Fondamentale Imparare a Programmare APP per Android, applicativi per Server e Desktop, applet e molto altro. IlTuoCorso - Ermes srl Via E.De Amicis 57 20123 Milano Il corso Ciao! Se desideri

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa E04 Esempi di algoritmi e programmi C. Limongelli - A. Miola Settembre 2006 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Esempi

Dettagli

Programmazione a blocchi. Algobuild Prof. Sergio Roselli

Programmazione a blocchi. Algobuild Prof. Sergio Roselli Programmazione a blocchi Algobuild Prof. Sergio Roselli Blocchi base Inizio programma I Fine programma F Input IN A Output Esecuzione OUT A A = 5 + 1 L interprete Algobuild Algobuildpermette di trascrivere

Dettagli

Cognome Nome Matricola Postazione PC. Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica - a.a Gennaio 2015

Cognome Nome Matricola Postazione PC. Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica - a.a Gennaio 2015 Cognome Nome Matricola Postazione PC Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica - a.a. 2014 15 Gennaio 2015 Testo Il database di un bar è costituito da due vettori paralleli. Il primo

Dettagli

Informatica 3 secondo recupero 13 Settembre 2002

Informatica 3 secondo recupero 13 Settembre 2002 Informatica 3 secondo recupero 13 Settembre 2002 Nome (stampatello) Cognome (stampatello) Matr Recupero: Prima prova in itinere Seconda prova in itinere spazio per il docente Punteggi recupero prima prova

Dettagli

Linguaggi ad oggetti. Linguaggi di Programmazione: Paradigmi di Programmazione. I principali linguaggi ad oggetti. Programmazione ad oggetti.

Linguaggi ad oggetti. Linguaggi di Programmazione: Paradigmi di Programmazione. I principali linguaggi ad oggetti. Programmazione ad oggetti. Linguaggi di Programmazione: Paradigmi di Programmazione Linguaggi ad oggetti I linguaggi di programmazione ad oggetti consentono di applicare metodologie di sviluppo di programmi "object oriented", ossia

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a gennaio 2012

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a gennaio 2012 Cognome Nome Matricola Postazione PC Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2011-12 16 gennaio 2012 Testo Il database di un videonoleggio è costituito da due vettori paralleli.

Dettagli

Java, Oggetti e Strutture Dati di G. Callegarin - Edizioni CEDAM

Java, Oggetti e Strutture Dati di G. Callegarin - Edizioni CEDAM Java, Oggetti e Strutture Dati di G. Callegarin - Edizioni CEDAM ERRATA CORRIGE dei programmi della prima stampa (Aprile 2004) aggiornato al 20/05/2017 Nota: il codice corretto è ottenibile da quella errato

Dettagli

Unità Didattica 2 Linguaggio C. Espressioni, Operatori e Strutture linguistiche per il controllo del flusso

Unità Didattica 2 Linguaggio C. Espressioni, Operatori e Strutture linguistiche per il controllo del flusso Unità Didattica 2 Linguaggio C Espressioni, Operatori e Strutture linguistiche per il controllo del flusso 1 Espressioni e assegnazioni Le espressioni sono definite dalla grammatica: espressione = variabile

Dettagli

Classe Vettore (i) Creare una classe che consenta di gestire un vettore di N elementi reali (double), che preveda i seguenti metodi:

Classe Vettore (i) Creare una classe che consenta di gestire un vettore di N elementi reali (double), che preveda i seguenti metodi: Classe Vettore (i) Creare una classe che consenta di gestire un vettore di N elementi reali (double), che preveda i seguenti metodi: Vettore(int n): crea un oggetto Vettore contente n elementi, inizializzati

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: Eccezioni

RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: Eccezioni Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: Eccezioni Prof. Franco Zambonelli Lucidi realizzati in collaborazione

Dettagli

Concetti base programmazione. Antonio Gallo

Concetti base programmazione. Antonio Gallo Concetti base programmazione Antonio Gallo info@laboratoriolibero.com Programma Insieme di istruzioni: Strtturato Ad oggetti Strutturato Ha una struttura più lineare Basato sui concetti di sequenza, selezione,

Dettagli