Che valore ha una nuova casa?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Che valore ha una nuova casa?"

Transcript

1 Che valore ha una nuova casa?

2 2

3 La lettera del CEO Il 2012 è stato un anno molto intenso, caratterizzato da molti cambiamenti. Il più evidente è certamente il completamento del nuovo stabile a Mendrisio che ha ampliato e modernizzato la nostra casa. Un edificio all avanguardia, dove tecnologia e sicurezza si coniugano alla sostenibilità, anche grazie all installazione sul tetto di uno dei più grandi impianti fotovoltaici del Canton Ticino che ci permetterà, già a partire dal 2013, di produrre energia rinnovabile a costo zero. L ampliamento ha inoltre avviato un percorso di riorganizzazione dei processi produttivi, che, insieme all introduzione di un nuovo gestionale, ci permetterà di migliorare ulteriormente la qualità e l efficienza del nostro lavoro. Strutture, spazi e attrezzature nuove dunque, che vi invitiamo a scoprire attraverso le immagini di questo rapporto. Una casa, seppur allo stato dell arte, non può tuttavia determinare da sola il successo di un azienda. Sono coloro che la abitano, i collaboratori, attraverso il loro impegno e professionalità quotidiani a fare la differenza. Per questo abbiamo ritenuto importante dar loro la parola e farci raccontare in prima persona il loro approccio alla responsabilità socio-ambientale. L impegno per il cambiamento non ci ha fatto perdere di vista quella che rimane la nostra missione, essere un player principale nel mercato internazionale dei metalli preziosi. La nostra crescita è proseguita nel solco di una visione strategica orientata al lungo periodo e questo report, giunto ormai alla terza edizione, è la traccia tangibile e condivisa di quanto è stato fatto. Auguro dunque una buona lettura, nella speranza che le pagine seguenti possano fornire spunti di riflessione importanti e stimoli ulteriori per un miglioramento costante della nostra responsabilità economica, ambientale e sociale. Erhard Oberli CEO Argor-Heraeus 3

4 ARGOR-HERAEUS SA Via Moree 14 CH-6850 Mendrisio Tel Fax Panoramica La guida al report 8 La nostra storia 10 I nostri azionisti 12 Il Gruppo 14 La governance societaria 16 La nostra attività 18 Gli accreditamenti e i riconoscimenti 20 I nostri stakeholder 22 Il nostro approccio alla sostenibilità 26 4

5 Responsabilità economica La distribuzione del valore aggiunto 30 I fornitori di servizi e i prodotti accessori 32 I nostri clienti 34 Responsabilità ambientale Il consumo di acqua 38 Il consumo di prodotti chimici 42 Il consumo di energia 46 Le emissioni 50 I materiali di scarto, gli imballaggi, i rumori 54 Responsabilità sociale La composizione del personale 58 La salute e la sicurezza sul lavoro 62 La formazione 64 Le attività con i nostri stakeholder 66 5

6 Panoramica La guida al report CONTINUITÀ E COMPLETezZA NelLA ReNDICONTAZIONE 8

7 Il perimetro Il report riporta le informazioni e i dati che hanno un impatto sulla sostenibilità di Argor-Heraeus verso tutti i suoi portatori di interesse. Il Gruppo si compone di quattro filiali: Argor-Heraeus Deutschland Argor-Heraeus Italia Argor Aljba Argor-Heraeus America Latina Avendo le controllate una dimensione in termini di collaboratori e di quantità di metalli preziosi lavorati sostanzialmente inferiore rispetto alla casamadre, abbiamo riportato soltanto gli indicatori rilevanti per le filiali, introducendo quest anno i valori della joint-venture Argor-Aljba. Per quanto riguarda Argor-Heraeus America Latina, non avendo alcuna attività produttiva, non abbiamo ritenuto significativo includerla nella rendicontazione. Gran parte delle opere edilizie che hanno permesso la realizzazione dell ampliamento della sede di Mendrisio e che hanno un impatto inevitabile sull ambiente, sono state portate a termine nel 2011 e riportate nella precedente edizione del report. Il 2012 ha riguardato soltanto il completamento dello stabile e l ingegnerizzazione dei processi produttivi, senza significative ripercussioni sull ambiente. Il valore del contenuto Valori, informazioni, grafici, rispettano fedelmente l impostazione dei precedenti report per garantire al lettore la possibilità di confrontare gli indicatori e valutare l andamento dell impatto e degli sforzi di Argor-Heraeus in termini di responsabilità economica, ambientale e sociale. La struttura del report Il report è suddiviso in due parti, i colori dei testi, oro e verde, caratterizzano rispettivamente: La sezione dedicata al profilo del gruppo che presenta l azienda. La sezione che riporta gli indicatori che permettono di misurare la sostenibilità dell azienda. Gli highlight, dati o parole significative, mostrano ad un primo sguardo l informazione chiave di ciascuna sottosezione. Sfogliando il report, alcune immagini permettono di scoprire visivamente, pagina per pagina, la nostra nuova casa a Mendrisio, pienamente operativa dall inizio del Abbiamo anche riportato il punto di vista dei nostri collaboratori che, attraverso pensieri, considerazioni e racconti, consultabili nella sezione di rendicontazione, hanno descritto l approccio sostenibile dell azienda nella loro esperienza quotidiana. La rendicontazione Ciascuna tematica della rendicontazione, è strutturata garantendo, laddove possibile, la stessa successione delle informazioni per una più facile fruizione: Ripartizioni degli utilizzi delle risorse. Trend triennale dei consumi rapportati ad un parametro indicante l andamento della lavorazione dei metalli preziosi. Impegno per la sostenibilità. 9

8 Panoramica La nostra storia In crescita da oltre sessant anni 10

9 Anni Cinquanta 1951 Fondazione dell Argor SA a Chiasso, Svizzera Anni Settanta 1973 Acquisizione del 100% della società da parte di UBS Anni Ottanta 1986 Creazione di una joint-venture tra UBS e il gruppo tedesco Heraeus: nasce Argor-Heraeus SA 1988 Inaugurazione della sede di Mendrisio, Svizzera Anni Novanta 1999 Acquisizione 100% da parte di Heraeus e della Direzione ed entrata di Commerzbank International Anni Duemila 2002 Ingresso di Münze Österreich nell assetto azionario 2004 Apertura di un ufficio in Cile e costituzione di Argor-Heraeus Deutschland 2005 Costituzione di Argor-Aljba a Mendrisio, Svizzera 2006 Costituzione di Argor-Heraeus Italia Anni Duemiladieci 2012 Costituzione di Argor-Heraeus America Latina 2013 Inaugurazione ufficiale della nuova sede centrale ampliata e rinnovata 11

10 Panoramica I nostri azionisti Tecnologia, solidità, know-how 12

11 Heraeus Commerzbank Zecca austriaca Chi è: Multinazionale privata tedesca attiva dal 1861 nei settori dei metalli preziosi e dell alta tecnologia. Tra le molte eccellenze, particolare rilevanza assumono biomateriali, prodotti medicali, dentali, farmaceutici, tecnologie al quarzo, metalli speciali e del gruppo del platino, componenti per elettronica e automotive. Heraeus occupa ad oggi più di collaboratori suddivisi in oltre 120 sedi nel mondo e vanta oltre brevetti e licenze. Competenze e sinergie: L apporto ad Argor-Heraeus si concretizza nella creazione di importanti sinergie sia a livello industriale, sia in termini di ricerca e sviluppo, grazie al grande potenziale del gruppo in questo ambito. Chi è: Fondata nel 1870, è uno dei più importanti attori del mercato tedesco e vanta una presenza in oltre 50 paesi del mondo. Offre servizi bancari e finanziari ad una clientela privata, industriale e istituzionale. E attiva anche nell ambito del trading di metalli preziosi dal 1980 nelle piazze finanziarie di New York, Londra, Singapore e Lussemburgo. Con oltre collaboratori, è una delle banche tedesche con la rete sul territorio maggiormente sviluppata, conta circa 15 milioni di clienti privati e oltre un milione di clienti business. Competenze e sinergie: Come azionista, la banca contribuisce con le sue competenze e i suoi servizi allo sviluppo e alla solidità del gruppo, supportando le attività di Argor-Heraeus a livello globale. Chi è: La Zecca austriaca, forte dei suoi 800 anni di storia, è uno dei maggiori operatori al mondo in questo ambito. Produce monete euro per la Repubblica Austriaca, oltre che monete di altre valute e una vasta gamma di monete da collezione e medaglie tra cui la famosa Wiener Philharmoniker, in oro o argento 24 carati, unica bullion coin europea. La Zecca, controllata al 100% dalla Banca Nazionale, produce circa 450 milioni di pezzi all anno impiegando oltre 200 collaboratori. Competenze e sinergie: La Zecca austriaca consente ad Argor-Heraeus di beneficiare di sinergie legate ai canali distributivi e di avvalersi di un consolidato know-how in ambito di marketing. 13

12 Panoramica Il Gruppo Radici locali, presenza internazionale Argor-Heraeus Deutschland 100% Chi è: La filiale è presente dal 2004 a Pforzheim nella regione del Baden- Württemberg e rappresenta il punto di riferimento del mercato tedesco. Attività: Si occupa della raccolta, analisi e compravendita dei metalli preziosi e di logistica. 14

13 Argor-Heraeus Italia 100% Chi è: Attingendo al know-how tecnologico condiviso con la casamadre, la filiale italiana, attiva dal 2006 a Cavenago Brianza, si rivolge principalmente agli operatori del settore orafo italiano. Attività: Si occupa della raccolta e analisi dei metalli preziosi, della compravendita degli stessi, di commercio di prodotti per l industria gioielliera e orologiera e di logistica. Argor-Aljba 50% Chi è: Argor-Aljba è la joint-venture del gruppo che sviluppa soluzioni di rivestimento ad alto contenuto tecnologico per numerosi settori e applicazioni. Attività: Si occupa della ricerca e sviluppo di soluzioni di rivestimento high-tech, nonché della produzione di rivestimenti per utensili, componenti meccanici e pezzi orologieri. L innovativa tecnica del Diamond-like-Coating sfrutta le proprietà del diamante per garantire un eccezionale durezza e durata. Argor-Heraeus America Latina 88% Chi è: Argor-Heraeus America Latina è il punto di riferimento del mercato sudamericano e supporta più da vicino i clienti e le miniere di quest area. Attività: In fase di pianificazione in seguito alla costituzione della società nel 2012, continua a svolgere le funzioni di ufficio di rappresentanza. 15

14 Panoramica La governance societaria Controllo costante al nostro interno e lungo la filiera 16

15 Livello Direttivo Assemblea generale e Consiglio di amministrazione Delagazione Consiglio di amministrazione Risk audit committee Fissare le strategie aziendali e governare l azienda Supportare il management nelle decisioni quotidiane Valutare i rischi delle decisioni strategiche e delle attività quotidiane Livello MANAGERIALE Comitato di credito interno Credit office Ufficio compliance Commissione del personale Gestire l allocazione delle risorse all interno dei tre centri di profitto dell azienda Controllare l effettivo utilizzo delle risorse nei centri di profitto Monitorare la corretta applicazione delle normative, linee guida internazionali, regolamenti autoimposti e valutare i requisiti di collaborazione per i potenziali clienti Assistere, insieme alla Direzione, i collaboratori a 360 gradi Livello OPERATIVO Uffici tecnici Responsabilità a tempo pieno sicurezza, qualità e ambiente Laboratorio di controllo Valutare, per ciascuno dei centri di profitto, la qualità operativa dei vari dipartimenti Gestire secondo il principio del miglioramento continuo la sicurezza sul posto di lavoro di tutti i collaboratori, dipendenti e non, la qualità dei nostri prodotti e processi e gli influssi che gli stessi possono avere sull ambiente Monitorare la qualità dei metalli preziosi I meccanismi di controllo della nostra azienda operano a livello direttivo, manageriale e operativo per garantire una condotta responsabile verso i portatori di interesse e una sostenibilità del business nel lungo periodo. Essi sono rivolti all intera struttura aziendale, che si configura a matrice: i tre centri di profitto, bank products and mining (affinaggio e fonderia), industrial products (meccanica e prodotti semilavorati) e precious metal services (compravendita metalli preziosi, laboratorio e altri servizi), sono affiancati dalle funzioni traversali quali finanza, controllo, personale e IT. 17

16 Panoramica Le nostre attività Qualità e innovazione alla base dei nostri prodotti 18

17 L attività di Argor-Heraeus riguarda la lavorazione dei metalli preziosi come oro, argento, platino e palladio con una capacità produttiva annua, per i due metalli principali oro e argento, di 450 tonnellate ciascuno. La continua innovazione, la ricerca e l attenzione alla massima qualità contraddistinguono da oltre sessant anni i nostri prodotti. Il segno tangibile della capacità di ascoltare le esigenze dei clienti è rappresentato dal nostro impegno ad innalzare i requisiti qualitativi dei prodotti con particolare riguardo alla sostenibilità socio-ambientale dei processi produttivi. Refining Raffinazione chimica ed elettrolitica per la lavorazione dei metalli preziosi provenienti dalle miniere e per il riutilizzo di vecchia gioielleria e scarti industriali Bars and Coins Realizzazione di una vasta gamma di prodotti fusi e coniati Luxury products Sviluppo di prodotti destinati all industria gioielliera e all orologeria Trading Servizi informativi, finanziari ed accessori riguardo ai mercati internazionali dei metalli preziosi. 19

18 Panoramica Gli accreditamenti e i riconoscimenti Tante certificazioni per un unico impegno 20

19 LBMA (London Bullion Market Association) Ordinary Member LPPM (London Platinium and Palladium Market) Melter and Assayer SAS Servizio Accreditamento Svizzero LME (Londra), TOCOM (Tokio), COMEX/NYMEX (New York), DMMC (Dubai) FINMA (Autorità Federale di Vigilanza sui Mercati Finanziari) ASFCMP (Association Suisse des Fabricants et Commerçants des Métaux Précieux) Responsible Jewellary Council (RJC) Azienda riconosciuta come produttore Good Delivery e arbitro per il controllo degli standard di qualità dei membri della lista Good Delivery LBMA Azienda riconosciuta come produttore Good Delivery per platino e palladio Licenza rilasciata dall ufficio centrale svizzero per il controllo dei metalli preziosi per la produzione certificata e riconosciuta Accreditamento per laboratorio per analisi di leghe e metalli preziosi Operatore riconosciuto nelle principali piazze finanziarie Autorizzazione ad operare come intermediario finanziario Azienda membro Membro certificato per pratiche aziendali responsabili lungo la filiera CO 2 ridotto Partecipazione attiva al programma per la riduzione delle emissioni Azienda formatrice Azienda riconosciuta dall Autorità Cantonale per l idoneità a formare apprendisti ISO 9001 Certificazione della gestione della qualità e della sicurezza dei processi Dun & Bradstreet Certificazione sulla solvibilità dell azienda nei confronti dei propri partner di business Siamo uno dei principali attori della filiera produttiva dei metalli preziosi e come tale siamo un punto di riferimento nel settore per gli standard qualitativi dei prodotti. Per questo, non solo siamo orgogliosi di essere certificati dalle più importanti organizzazioni internazionali che regolamentano i mercati dei metalli preziosi, ma collaboriamo anche con i loro organi direttivi per definire ed implementare nuove linee guida. I riconoscimenti non riguardano soltanto l eccellenza produttiva, ma premiano anche i principi etici e la trasparenza dell azienda all interno della filiera, il suo impegno a contenere l impatto ambientale delle attività e nel dimostrarsi un datore di lavoro responsabile. STS

20 Panoramica I nostri stakeholder Shareholder Management Collaboratori Clienti Fornitori 22

21 Obiettivi Consolidamento della fiducia nel management Condivisione strategica e visione comune Supporto nello sviluppo del business Soddisfazione degli azionisti Stabilità azionariato Incremento delle sinergie industriali Strategia di sviluppo e di business condivisa all interno del management Soddisfazione e relazioni di lunga durata Commitment Condivisione della mission e della vision Basso turnover Elevata soddisfazione Identificazione e commitment Supporto all immagine e alla reputazione aziendale Fidelizzazione Informazione commerciale (prodotti/servizi) Condivisione dei valori Essere percepiti come partner affidabile e qualificato Know your customer policy Rispetto degli standard qualitativi dell azienda Condivisione dei valori Essere percepiti come partner affidabile e qualificato Strumenti di coinvolgimento 2012 Comunicazione periodica in linea con il fabbisogno informa tivo dell azionista (es. dati chiusura mensile, newsletter) Comunicazione trasparente e dialogo continuo Rapporto annuale Rapporto di sostenibilità Sviluppo nuovo sito web Politica del personale e incentivi Riunione quadri per informazione mensile Sviluppo e condivisione piano di comunicazione di crisi Rapporto annuale Codice di condotta Rapporto di sostenibilità Sviluppo nuovo sito web Sviluppo Better Gold Initiative Inizio processo per ottenimento certificazione Chain of Custody del Responsible Jewellery Council Politica del personale e incentivi Informativa periodica Codice di condotta Gruppo sportivo e ricreativo giornata estiva (Orimpiadi) e giornata sulla neve Cena di Natale Rapporto di sostenibilità Sviluppo nuovo sito web Procedure di assessment know your customer Informativa personalizzata mirata Fiere Attività commerciale (es. visite mirate) Codice di condotta Rapporto di sostenibilità Sviluppo nuovo sito web Sviluppo Better Gold Initiative Procedure di assessment Codice di condotta Rapporto di sostenibilità Certificazione Dun & Bradstreet Sviluppo nuovo sito web 23

22 Panoramica Concorrenti Istituzioni Servizi pubblici Associazioni di settore Organizzazioni non governative (ONG) Mass media 24

23 I nostri Stakeholder Obiettivi Collaborazione su temi comuni (es. sicurezza sul lavoro, protezione dell ambiente) Spirito collaborativo e supporto Essere percepiti come referenti attendibili Apertura di un canale informativo privilegiato Essere percepiti come attori attenti alle esigenze del territorio Essere percepiti come partner affidabile e qualificato Spirito collaborativo e rapporto di fiducia reciproco Notorietà e reputazione Essere percepiti come referenti attendibili Apertura di un canale informativo privilegiato Supporto e spirito collaborativo Scambio di informazioni Notorietà e reputazione Essere percepiti come referenti attendibili Apertura di un canale informativo privilegiato Strumenti di coinvolgimento 2012 Partecipazione a gruppi di lavoro Partecipazione a piattaforma di settore ASFCMP (Association Suisse des Fabricants et Commerçants des Métaux Précieux) Comunicato stampa congiunto Informativa mirata periodica Terza edizione premio SUPSI al miglior lavoro di diploma in ingegneria Giornata degli studenti SUPSI Adesivo azienda formatrice con apprendisti Coinvolgimento SUPSI per controllo posa pannelli fotovoltaici e valutazione preventivo collaudo Incontro di confronto con politici Rapporto di sostenibilità Sviluppo nuovo sito web Esercitazioni regolari durante l anno Informativa mirata periodica Collaborazione continua Rapporto di sostenibilità Affiliazione AITI, Camera di Commercio Collaborazione continuativa su varie tematiche con le più importanti associazioni che regolamentano il settore dei metalli preziosi Conferimento mandato ad organizzazione di settore per studio impatto economico del settore Realizzazione brochure che illustra l impegno degli attori del settore Rapporto di sostenibilità Sviluppo nuovo sito web Sviluppo Better Gold Initiative Inizio processo per ottenimento certificazione Chain of Custody del Responsible Jewelley Council Supporto a tre associazioni non profit locali Valutazione del coinvolgimento in progetti non profit e legati al commercio equosolidale Partecipazione a conferenze Rapporto di sostenibilità Sviluppo nuovo sito web Coinvolgimento dei media nella giornata degli studenti SUPSI Attività professionale di ufficio stampa e gestione delle relazioni con i media Rapporto di sostenibilità Sviluppo nuovo sito web con area media dedicata 25

24 Panoramica Il nostro approccio alla sostenibilità Regole chiare e impegno costante per una filiera trasparente 26

25 La lunga tradizione e gli alti standard qualitativi dei nostri prodotti contribuiscono a consolidare la riconosciuta reputazione di Argor-Heraeus. Operare nel settore dei metalli preziosi presenta tuttavia rischi oggettivi di coinvolgimento diretto o indiretto in comportamenti che possono ledere i diritti umani, la conservazione dell ambiente o principi etici universalmente riconosciuti. Inoltre, agendo a livello globale, spesso si ha a che fare con legislazioni che potrebbero risultare meno rigide di quelle che caratterizzano il contesto elvetico. Per questo la nostra priorità è quella di agire in un contesto normativo chiaro e riconosciuto per essere sicuri di operare in una filiera responsabile con attori che come noi condividono tutti i principi di sostenibilità ed eticità. I membri della Direzione sono da anni parte attiva nella definizione di standard condivisi per un settore dei metalli preziosi sostenibile e conflict-free, collaborando negli ultimi mesi per la definizione di Chain of Custody Standards assieme al Responsible Jewellery Council e l Organisation for Economic Co-operation and Development. Abbiamo anche condiviso le nostre competenze per l implementazione di programmi quali: Il Responsible Gold Guidance della London Bullion Market Association. Il Due Diligence Guidance for Responsible Supply Chain Management of Minerals from Conflict-Affected and High Risk Areas dell Organisation for Economic Co-operation and Development. Il Conflict-free Gold Standard del World Gold Council. La Better Gold Initiative della collaborazione tra la Swiss Better Gold Association e la Segreteria di Stato dell Economia. Una serie di regolamenti e linee guida non sono però sufficienti senza una piena condivisione dei principi che ne stanno alla base da parte di tutte le persone coinvolte nel settore dei metalli preziosi. Per questo siamo fautori dell impegno e del contributo delle persone a vari livelli: Condividiamo con tutti i collaboratori i valori su cui si fonda la nostra cultura aziendale e li aiutiamo a comprendere i rischi e le conseguenze di eventuali comportamenti non in linea. Costantemente facciamo visita ai nostri clienti e fornitori e instauriamo un rapporto personale che ci permette di condividere obiettivi e principi di trasparenza. Siamo coinvolti alle riunioni dei board delle associazioni sovranazionali che regolamentano il settore dei metalli preziosi interagendo con i vari membri per un obiettivo comune e una condivisione delle competenze.

26 Responsabilità economica La distribuzione del valore aggiunto 1/3 del valore generato reinvestito per la crescita 30

27 Distribuzione del valore aggiunto Azienda Shareholders Collaboratori Istituzioni 11% 20% distribuito ai nostri azionisti imposte pagate a livello comunale, cantonale e federale 33% 36% reinvestito o accantonato in azienda costi del personale La ripartizione del valore aggiunto rispecchia il nostro impegno a soddisfare gli interessi dei nostri stakeholder: circa la metà del valore aggiunto creato dall azienda viene distribuito direttamente ai nostri collaboratori e versato alle istituzioni locali sotto forma di imposte sostenendo lo sviluppo del territorio nel quale siamo insediati. L attività economica di Argor-Heraeus ha anche risvolti positivi su clienti, fornitori e tutti i portatori di interesse connessi all azienda. Se dopo più di dieci anni ho le stesse motivazioni che avevo il primo giorno di lavoro è merito della famiglia Argor-Heraeus, del supporto che ho sempre ricevuto da parte della Direzione in caso di bisogno e della consapevolezza che anche grazie a loro ho potuto mandare mio figlio all università. Daniele Covelli, Capo Turno Fonderia 31

28 Responsabilità economica I fornitori di servizi e prodotti accessori CHF14.7mio Spesa per fornitori ticinesi nel 2012 per l ampliamento della sede 32

29 Ripartizione dei fornitori per regione geografica Cantone Ticino 23% Resto della Svizzera 48% Unione Europea 25% Extra UE 4% I fornitori di prodotti e servizi accessori riguardano principalmente: prodotti chimici combustibili servizi di sicurezza materiali di consumo servizi di smaltimento La scelta di collaborazione con i potenziali fornitori avviene dopo aver valutato la qualità dei prodotti o servizi, gli aspetti tecnici e la loro economicità. Ma non ci fermiamo qui: per ognuno di questi verifichiamo che, come per noi, sostenibilità e trasparenza siano valori radicati nella loro cultura aziendale. Un ulteriore parametro di valutazione è quello dell appartenenza alla stessa cultura del territorio, che porta sicuri vantaggi quali rapidità ed immediatezza. Inoltre ciò favorisce lo sviluppo di un distretto dinamico ed economicamente sviluppato che possa supportarci nel nostro percorso di crescita. Nei casi in cui non fosse stato possibile collaborare con ditte che risiedono vicino a Mendrisio per il non reperimento di determinati prodotti, servizi o competenze, abbiamo potuto comunque generare valore per il territorio attraverso le parecchie centinaia di notti passate in hotel o i pasti consumati in ristoranti adiacenti ad Argor-Heraeus da parte dei team di specialisti che hanno collaborato con noi. Anche nel 2012 più del 70% della spesa totale per i fornitori ha riguardato ditte elvetiche. Questo dato è ancora più evidente se consideriamo i fornitori coinvolti per l ampliamento della sede: ben il 40% della spesa del 2012 è andata in favore di aziende della sola area del Mendrisiotto. Il fatto di lavorare quando possibile con fornitori locali, oltre alla possibilità di trasformare rapporti di lavoro anche in rapporti di amicizia ed extralavorativi, permette di avere coscienza del fatto di aiutare la regione nel suo sviluppo. Daniele Albani, Ingegnere di progetto 33

30 Responsabilità economica I nostri clienti Conoscenza globale E controllo continuo 34

31 I nostri clienti sono anche i fornitori dei metalli preziosi che trattiamo, in quanto nella maggior parte dei casi questi rimangono di loro proprietà durante il processo di lavorazione. È nostra priorità, dunque, accertare l affidabilità dei clienti con i quali collaboriamo, valutando che tutti i nostri partner siano attenti quanto noi alla sostenibilità e che le materie prime che passano in azienda non siano in alcun modo connesse con violazione dei diritti umani, sfruttamento del lavoro, degradazione dell ambiente, riciclaggio del denaro o situazioni eticamente discutibili. Per questo adottiamo stringenti procedure di selezione: Know Your Customer Ogni qual volta riceviamo una richiesta di collaborazione, mettiamo in atto rigidi controlli al fine di verificarne l ammissibilità: 1. Valutazione preliminare: il responsabile della relazione con il cliente prima e l Ufficio compliance poi, svolgono le prime ricerche conoscitive sul cliente e valutano la richiesta di collaborazione. 2. Valutazione della Direzione: il verbale di aperta conoscenza viene consegnato alla Direzione che a sua volta esamina il singolo caso e, in base al rischio geografico e alla compatibilità con la politica aziendale, decide se procedere. 3. Processo di verifica: l Ufficio compliance, una volta ricevuta la luce verde dalla Direzione, al fine di identificarne la posizione ed il comportamento all interno della catena di approvvigionamento, si muove lungo due direzioni: Reperire tutta la documentazione necessaria all adempimento della stringente normativa svizzera (principalmente in materia di antiriciclaggio supervisionata dalla FINMA, l ente regolatore delle transazioni finanziarie a livello svizzero). Verificare il rispetto delle linee guida sancite dagli organismi sovranazionali. Una volta che siamo sicuri di poter lavorare con partner affidabili la collaborazione ha inizio, ma i nostri accertamenti non finiscono qui: l Ufficio compliance, infatti, ha il compito di monitorare costantemente il cliente e il mantenimento delle sue caratteristiche di responsabilità ed eticità. Secondo il concetto Know Your Customer effettuiamo una precisa identificazione dei nostri partner ed una accurata valutazione che include la loro storia, i loro valori, le loro relazioni nella filiera e chiaramente tutta la documentazione richiesta dalla legge. Alessandra Fuini Hofer, Compliance Officer 35

32 Responsabilità Ambientale Il consumo di acqua 75% solo per il raffreddamento dei macchinari 38

33 27% Trattamenti chimici ed elettrolitici 7% Torri di raffreddamento 62% Acqua di raffreddamento 4% Altri utilizzi L acqua che utilizziamo in azienda ricopre essenzialmente due importanti funzioni: Permette il raffreddamento dei macchinari industriali che servono per la lavorazione dei metalli preziosi. Partecipa, insieme ad altri composti chimici, alle reazioni chimiche ed elettrolitiche utili per la raffinazione dei metalli preziosi. I processi che determinano i trattamenti interni di depurazione delle acque sono tutti gestiti e monitorati dal personale per garantire la massima sicurezza per l ambiente. Anche in caso di eventuale imprevisto, il verde al di fuori dell azienda corre rischi zero grazie alle apposite vasche di contenimento e ai sistemi di sicurezza all avanguardia. Jacopo Caruso, Responsabile Operativo Protezione Ambiente 39

34 Responsabilità Ambientale Consumo totale di acqua in metri cubi Il consumo totale di acqua per il 2012 si attesta a metri cubi, un aumento inferiore al 2% rispetto all anno precedente. L utilizzo della risorsa acqua è influenzato principalmente da due fattori: il tipo di lavorazione dei metalli e la quantità e tipo di prodotti chimici utilizzati nelle reazioni. Come conseguenza della crescita del mercato orologiero in Svizzera, si conferma la tendenza, iniziata nel 2010, ad una maggiore richiesta di semilavorati, come le casse in leghe di metallo prezioso degli orologi. Per questi prodotti, è necessario un metallo più puro che richiede maggior tempo di lavorazione e consistenti quantitativi di acqua a perdere per il raffreddamento dei macchinari, che verranno sostituiti con il reengineering da impianti più efficienti. Inoltre, la variazione del mix produttivo può determinare l utilizzo di maggiori quantitativi di prodotti chimici e conseguentemente di acqua. Questi fattori, in maniera più marcata rispetto alle quantità di materiale lavorato, quest anno in leggero calo, hanno caratterizzato il consumo di acqua nel Per quanto riguarda le altre sedi del Gruppo, avendo una dimensione contenuta rispetto alla casamadre, i valori assumono un ordine di grandezza notevolmente inferiore. Consumo totale di acqua in metri cubi per le filiali Argor-Heraeus Deutschland 690 Argor-Heraeus Italia Argor-Aljba

35 Il consumo di acqua L impegno per la sostenibilità Abbiamo un dipartimento in azienda che si occupa della depurazione delle acque. Ci impegniamo per garantire che ogni singolo centilitro proveniente dall acqua utilizzata nelle reazioni chimiche e contenente residui di acidi, eventuali metalli pesanti, o altre sostanze potenzialmente dannose per l ambiente, possa uscire da Argor-Heraeus e diretta al depuratore di Mendrisio, completamente depurata e con qualità simili a quella del mare. Sulla base della Legge per la Pro tezione delle Acque (LPAc), il Dipartimento del Territorio del Canton Ticino fissa una lista di sostanze che è possibile scaricare insieme alle acque dirette al depu ratore: noi abbiamo determinato internamente un elenco di sostanze molto più stringente. Una serie di tre controlli analitici effettuati a tutte le acque che stanno per lasciare l azienda, permettono con sistematicità di assicurarsi che esse non contengano più alcuna sostanza inquinante. Nel 2012 abbiamo concretizzato il progetto di introduzione dei circuiti chiusi nel nuovo stabilimento che ci permetterà di risparmiare parecchie migliaia di metri cubi di acqua. 41

36 Responsabilità Ambientale Il consumo di prodotti chimici 0 il numero degli incidenti avvenuti con i prodotti chimici 42

37 28% Acido cloridrico 24% Acido nitrico 37% Soda caustica 11% Altre sostanze I prodotti chimici vengono utilizzati per la raffinazione chimica o elettrolitica dei metalli preziosi: Acido cloridrico: principalmente per la raffinazione dell oro. Acido nitrico: principalmente per la raffinazione dell argento. Soda caustica: per la neutralizzazione delle soluzioni acide prodotte dalle reazioni e permette di abbattere le sostanze potenzialmente dannose per l ambiente. Altre sostanze: principalmente per la raffinazione degli altri metalli preziosi. Presenza costante di un responsabile, cartelli indicatori, tracciamento dei materiali, zone di sicurezza, valvole e allarmi, sistemi su misura concepiti per la minimizzazione dei rischi e il rispetto di requisiti che vanno oltre le normative, mi aiutano quotidianamente a far si che da 34 anni, il periodo in cui faccio parte di Argor-Heraeus, non si siano verificati sversamenti di acidi in entrata. Salvatore Tassone, Collaboratore Trattamento materiale povero 43

38 Responsabilità Ambientale Consumo di prodotti chimici e produzione % % % Tonnellate % 80% 60% 40% 20% 0% Produzione 2010 = 100% Produzione Altri prodotti chimici Soda caustica Acido nitrico Acido cloridrico La quantità di prodotti chimici utilizzati nel 2012 ha raggiunto i kg. Nonostante un lieve calo della produzione (-1,6%), abbiamo consumato più di kg rispetto all anno precedente. Il suddetto aumento è ascrivibile al fatto che il mercato dei metalli preziosi richiede sempre più prodotti caratterizzati da maggiore purezza, come l oro 999,99, che si contraddistingue per la massima purezza presente sul mercato. Per fare questo è necessario che le soluzioni delle reazioni chimiche ed elettrolitiche contengano una percentuale maggiore di prodotto chimico e che le stesse vengano sostituite con maggiore frequenza. Anche il 2012 è stato caratterizzato da una tendenza a ricevere materie prime con un basso livello di purezza che porta all utilizzo di una quantità più elevata di prodotti chimici per la raffinazione. Le reazioni chimiche ed elettrolitiche determinano il rilascio di sostanze allo stato gassoso, sottoforma di ossidi di azoto e allo stato solido come fanghi. Per quanto riguarda le altre sedi del Gruppo, le quantità di prodotti chimici utilizzati vengono omesse, visto il loro utilizzo più che marginale. Quasi la totalità delle attività di lavorazione vengono infatti svolte a Mendrisio. Emissioni massime orarie di gas in mg/m 3 e limiti OIAt, misurazione 2012 Ossidi di azoto Valore massimo misurato Limite OIAt 44

39 Il consumo di prodotti chimici L impegno per la sostenibilità Il nostro impegno per contenere l impatto ambientale della nostra attività, fa si che continui miglioramenti dei processi nel tempo portino ad un utilizzo più efficiente anche dei prodotti chimici. Dal 2011 ci siamo dotati di un sistema di monitoraggio delle emissioni nell atmosfera degli ossidi di azoto (monossido e biossido di azoto NOx) per essere sicuri che le quantità immesse siano sempre inferiori ai limiti che abbiamo deciso di autoimporci, innalzando il livello di sicurezza per collaboratori e ambiente circostante. Questa misurazione è affiancata dai controlli sistematici svolti periodicamente dalla Sezione per la protezione dell aria, dell acqua e del suolo (SPAAS) del Dipartimento del Territorio del Canton Ticino per ottemperare all Ordinanza OIAt (Ordinanza contro l inquinamento atmosferico). Anche la misurazione del 2012 ha constatato la nostra conformità. I dati evidenziano che, seppur sotto la soglia, è possibile ottenere un margine di miglioramento. Per questo, abbiamo avviato una collaborazione, sempre con il Dipartimento del Territorio del Canton Ticino, per lo studio congiunto di soluzioni volte all ulteriore contenimento delle emissioni degli ossidi di azoto. Visto il nostro impegno costante nel contenere le emissioni e i valori già registrati al di sotto dei limiti di norma, la SPAAS non ha ritenuto significativo condurre le rilevazioni anche per quanto riguarda composti organici, inorganici e polveri. Le circa 300 tonnellate di fanghi prodotte, valore simile a quello del 2011, vengono affidate a ditte specializzate che si occupano dello smaltimento e del riciclo, per esempio, per la produzione di rame utilizzabile per i cavi elettrici. I rischi per l ambiente, anche in caso di eventuali rilasci nel suolo, sono pressoché nulli grazie alle aree di stoccaggio interne ed esterne ed alla supervisione di un responsabile per ogni operazione che coinvolge prodotti inquinanti. Esercitazioni pratiche periodiche e formazione in aula e sul posto di lavoro mirano a preparare i collaboratori in caso di imprevisti. 45

40 Responsabilità Ambientale Il consumo di energia Sostituzione gasolio 46

41 2% Gasolio 21% Metano 73% Corrente elettrica 4% Propano La maggior parte del fabbisogno energetico, rappresentato dalla corrente elettrica, è originato dalla quasi totalità dei macchinari per la lavorazione dei metalli. Il metano, risorsa meno inquinante che sta sostituendo il gasolio, è utilizzato per il riscaldamento degli ambienti. Il propano viene impiegato per alcuni processi di fusione, principalmente dell argento. È stato fatto un grande lavoro al fine di concepire lo stabile dell ampliamento della sede caratterizzato dal risparmio energetico, dall impianto fotovoltaico a piccoli dettagli quali ad esempio le fotocellule permetteranno di gestire in modo efficiente la luce negli uffici. Essere circondato da una cultura per l ambiente fa si che porti anche al di fuori dell azienda un attenzione all ecologia: contribuisco nel mio piccolo ad un risparmio energetico, venendo da casa in bicicletta appena posso. Davide Osmetti, Responsabile Produzione Prodotti Industriali 47

42 Responsabilità Ambientale Consumi energia e produzione % Gigajoule % 120% 100% 80% 60% 40% 20% 0% Produzione 2010 = 100% Produzione Propano Corrente elettrica Metano Gasolio La quantità di energia consumata nel 2012 è di gigajoule. La richiesta del mercato di prodotti sempre più puri fa si che i tempi di lavorazione dei metalli preziosi si dilatino, con conseguente maggiore utilizzo anche dei macchinari alimentati principalmente da corrente elettrica adibiti alla lavorazione. Ciò ha portato ad una dilatazione del fabbisogno energetico globalmente del 4.9% rispetto al 2011, anche a fronte di un lieve calo produttivo. Il dato è influenzato al rialzo anche dalla tendenza a ricevere materiale in entrata con basso livello di purezza. L utilizzo del propano, legato alla lavorazione dell argento, è diminuito per effetto di una variazione del mix produttivo rispetto al Argor-Aljba, proporzionalmente alle dimensioni, ha consumato più energia rispetto alle altre sedi del Gruppo, a causa del fabbisogno richiesto dai macchinari specifici per la produzione dei rivestimenti che consentono lavorazioni in condizioni di sottovuoto. Consumo di energia in gigajoule per le filiali Argor-Heraeus Deutschland 196 Argor-Heraeus Italia 171 Argor-Aljba

43 Il consumo di energia L impegno per la sostenibilità Durante il 2012 sono stati installati sul tetto del nuovo stabilimento i pannelli solari che, con una superficie equivalente a 7 campi da tennis, ci permetteranno di usufruire di un ulteriore fonte energetica per coprire il nostro fabbisogno energetico, completamente non inquinante, rinnovabile e a costo zero. L impianto rappresenta una tappa importante per la sostenibilità dell azienda. Nel 2012 abbiamo compiuto un ulteriore passo verso la tutela dell ambiente: per il riscaldamento degli ambienti abbiamo diminuito lo sfruttamento del gasolio sostituendolo con il gas naturale, considerevolmente più ecologico. Inoltre, il nuovo stabile sarà riscaldato esclusivamente con questa risorsa. Nonostante il grande impegno che ha richiesto il reengineering per il completamento e la messa in funzione a regime del nuovo stabilimento, abbiamo continuato ad implementare interventi minori per migliorare l efficienza energetica dell azienda anche nello stabile attuale. Grazie alle più moderne tecniche edili ed impiantistiche, il nuovo stabile avrà un consumo di energia per il riscaldamento per metro quadro di un quarto rispetto al valore attuale. 49

44 Responsabilità Ambientale Le emissioni -2.1% emissioni di CO 2 nell atmosfera 50

45 Le emissioni nell atmosfera di anidride carbonica sono conseguenza principale di: Utilizzo di combustibili fossili per la produzione di calore necessario per la lavorazione dei metalli preziosi Riscaldamento degli ambienti dell azienda. Ho iniziato a venire in bici perché veniva un mio collega, mi sono appassionato e ora appena posso pedalo per venire al lavoro: si inizia la giornata con uno spirito diverso oltre ad avere la consapevolezza di fare qualcosa di utile per l ambiente. Inoltre mi sento supportato dall azienda in questa mia scelta. Davide Mapelli, Laboratorista in Chimica 51

46 Responsabilità Ambientale Emissioni di CO 2 e produzione Tonnellate di CO % 100% 50% 0% Produzione 2010 = 100% Produzione Emissioni CO sono le tonnellate di anidride carbonica immesse nell atmosfera nel 2012, valore calato rispetto al 2011 e tipico di una realtà a carattere industriale come la nostra. La scelta orientata alla tutela dell ambiente, che ha visto la sostituzione del gasolio con risorse energetiche meno inquinanti quali il gas naturale, ha portato una sensibile diminuzione della produzione di CO 2. Tuttavia questa flessione è stata compensata dall aumento delle emissioni causate, come per il consumo di acqua, di prodotti chimici ed energia, dalla necessità di maggiori tempi di lavorazione, e conseguente maggiore utilizzo degli impianti produttivi, per rispondere alle richieste di un mercato sempre più esigente in termini di purezza dei prodotti. Per quanto riguarda le altre sedi del Gruppo, le emissioni di anidride carbonica non sono significative rispetto alla casamadre, visto che la produzione avviene quasi esclusivamente a Mendrisio. 52

47 Le emissioni L impegno per la sostenibilità In linea con la nostra politica aziendale di responsabilità ambientale, che vede il completamento di un progetto ambizioso di ampliamento della sede all avanguardia dal punto di vista della riduzione dell inquinamento causato dai processi RVCS (Riscaldamento - Ventilazione - Climatizzazione - Sanitario), la politica della mobilità sostenibile mira a trasmettere ai collaboratori la cultura di limitare anche al di fuori dell attività dell azienda le esternalità negative, quali le emissioni di gas serra e CO2, smog e traffico, causate dagli spostamenti per raggiungere il posto di lavoro. Grazie al programma di mobilità sostenibile, 19 collaboratori hanno usufruito del contributo dell azienda del 50% per l abbonamento annuale Arcobaleno per il tragitto casa-lavoro, si sono creati 36 gruppi di car-pooling, è stato installato un portabici con tettoia per favorire chi può recarsi al lavoro pedalando, la somma raccolta dalla tassa di posteggio è stata utilizzata per coprire i sovvenzionamenti degli abbonamenti Arcobaleno ed utilizzati per le attività ricreative. Da anni collaboriamo con l AEnEc (Agenzia per l energia per l economia) per migliorare l efficienza riguardo alle emissioni di CO 2 partecipando al programma CO 2 ridotto. I moderni processi produttivi installati nel nuovo stabilimento consentiranno di registrare basse emissioni. Nel 2012 si sono poste le basi per il rinnovo della collaborazione con il Giset (Gruppo Industrie Svizzera Energia Ticino) per il miglioramento dell efficienza energetica, che avverà nel

48 Responsabilità Ambientale I materiali di scarto, gli imballaggi, i rumori PET materiale ecologico introdotto per il confezionamento dei lingotti 54

49 I materiali di scarto Come realtà industriale produciamo molte tipologie di rifiuti che hanno diverso impatto sull ambiente. In ottemperanza alle normative vigenti, collaboria mo con smaltitori autorizzati che si occupano della gestione dei rifiuti ordinari e del loro riciclo. I rifiuti speciali, come olii e solventi impiegati nelle attività di lavorazione, vengono stoccati in aree dedicate e trattati secondo apposite procedure. Imballaggi Nel 2012 è entrato in funzione il nuovissimo impianto che ci consente di essere sostenibili anche in materia di packaging producendo le confezioni dei lingotti coniati che richiedono materiale plastico esclusivamente in PET (sostituendo il meno ecologico PVC). In seguito all introduzione, abbiamo ricevuto feedback positivi da parte dei clienti, esempio di come un investimento per la sostenibilità possa avere risvolti positivi direttamente sul business. Utilizziamo, laddove possibile, materiali ecologicamente sostenibili come legno o cartone per i packaging esterni. Rumori Abbiamo svolto un controllo sulle immissioni foniche prodotte dai nostri impianti nello stabile attuale che ci ha permesso di identificare i punti di miglioramento. Un collaudo fonico attraverso un istituto esterno ha verificato, per quanto riguarda l ampliamento della sede, che le immissioni prodotte dai macchinari più rumorosi del nuovo stabilimento generino immissioni entro i limiti prescritti nell Ordinanza contro l Inquinamento Fonico (OIF). Abbiamo portato avanti ingenti interventi come la scelta di impianti più silenziosi e, dove lo stato della tecnica attuale non è sufficiente, abbiamo realizzato ripari fonici e silenziatori specifici affinché l ampliamento della sede sia efficiente anche dal punto di vista dell inquinamento acustico. Mi occupo dell imballaggio e numerazione dei lingotti, da quando utilizzo il nuovo macchinario preposto a questo compito è tutta un altra cosa, è migliorata notevolmente la qualità del posto di lavoro. Inoltre mi sento anche più responsabile nella mansione che svolgo consapevole di utilizzare un materiale totalmente riciclabile. Domenica Germino, Collaboratrice Reparto Meccanica 55

50 Responsabilità sociale La composizione del personale 20 collaboratori Assunti nel

51 Collaboratori e personale temporaneo Collaboratori per le filiali A-H Deutschland A-H Italia Argor-Aljba 16 Collaboratori Personale temporaneo (FTE) Siamo convinti che siano le persone a determinare il successo di un azienda e aver potuto assumere ben 20 collaboratori nel 2012 è per noi motivo di orgoglio. Prediligiamo le assunzioni a tempo indeterminato, consapevoli che tale inquadramento garantisce maggiore sicurezza, sviluppo delle competenze e assimilazione della cultura aziendale per i collaboratori. Abbiamo anche una quota di lavoratori con contratto temporaneo per far fronte alla forte volatilità della domanda. A partire da gennaio 2013 abbiamo potuto però assumere ben un quarto dei collaboratori temporanei. Dal 2013 tutti i collaboratori potranno godere del miglioramento della qualità delle postazioni lavorative per effetto dell entrata in uso del nuovo stabilimento e della riorganizzazione dei processi in quello attuale. L Argor-Heraeus è diventata per me come una famiglia, di cui faccio parte da 24 anni. L ambiente lavorativo è positivo e ho un ottimo rapporto con colleghi e superiori. Per questo mi occupo volontariamente anche di attività che vanno al di là delle mie mansioni lavorative, come ricoprire il ruolo di Presidente della Commissione del Personale o essere coinvolto nel progetto della mobilità sostenibile. Ignazio Presti, Responsabile Operativo Pesature Centro di Profitto Bancario 59

52 Responsabilità sociale Alta permanenza in azienda basso tasso di turnover Ripartizione collaboratori per sesso, 2012 Maschile 73% Femminile 27% Livello di istruzione dei collaboratori, 2012 SUP e università 13% Formazione professionale superiore 16% Formazione professionale completa (con tirocinio) 40% Formazione all interno dell impresa 31% 60

53 La composizione del personale Tasso turnover personale % % % Permanenza media collaboratori in azienda < 5 anni 36% da 5 a 9 anni 32% > 10 anni 32% Essere una realtà industriale tecnologicamente all avanguardia fa si che quasi il 30% dei collaborati abbia una formazione universitaria o professionale superiore. Il valore che indica il numero di collaboratori che hanno lasciato nell anno l azienda (tasso di turnover) assume valori contenuti e le variazioni sono dovute perlopiù a motivi fisiologici come pensionamenti, 4 casi nel 2012 o termine apprendistato, 2 casi. I numeri relativi alla permanenza in azienda risultano ancora più positivi se depurati dalla crescita del numero di collaboratori che ha caratterizzato gli ultimi anni. Infatti, se consideriamo i 152 collaboratori che erano con noi 5 anni fa, il 79% di loro è ancora in azienda. 61

54 Responsabilità sociale La salute e la sicurezza sul lavoro -45% valore indice di gravità degli infortuni 62

55 Indice di gravità Indice di frequenza Indice di gravità Indice di frequenza Indice di gravità Indice di frequenza L indice di frequenza, che esprime il numero di infortuni che si registrano ogni ore lavorate è calato rispetto al 2011 del 23%. L indice di gravità, che misura il numero di giorni persi a causa di infortuni professionali ogni giorni è calato rispetto al 2011 del 45%. Come effetto del nostro impegno per la massima sicurezza dei collaboratori, attraverso formazione continua, esercitazioni, regole e codici interni, registriamo, allargando lo sguardo agli ultimi tre anni, trend per entrambi gli indici sensibilmente in calo. Un ingegnere specializzato in materie relative alla sicurezza si occupa a tempo pieno di monitorare e sensibilizzare i collaboratori sull importanza di un posto di lavoro sicuro. La sicurezza viene al primo posto: abbiamo portato avanti un considerevole investimento per un ampliamento della sede all avanguardia anche per questo tema. Nello stabile attuale abbiamo sostituito il sistema antincendio per la massima sicurezza dei nostri collaboratori anche in caso di eventuale imprevisto. Grande attenzione è stata posta anche al trasloco verso il nuovo stabile che si è svolto senza incidenti. Operazioni che svolgo quotidianamente come maneggiare un muletto o utensili per l incisione delle serie di lingotti possono presentare dei rischi con conseguenze gravi per me e per gli altri se svolte in modo non appropriato. Mi sento più che tranquillo a varcare ogni mattina la soglia di un azienda che mi supporta fornendomi tutte le precauzioni e aggiornandomi in modo continuo sulla sicurezza. Gaston Ariel Bramajo, Collaboratore Supply Chain 63

56 Responsabilità sociale La formazione Percorsi di crescita formativi per i collaboratori 64

57 Ore formazione sicurezza Formazione esterna Formazione interna Un posto di lavoro sicuro è un requisito fondamentale per la nostra azienda: ogni anno investiamo molto affinché tutti i collaboratori siano sempre consapevoli dell importanza di questo aspetto. Nel 2012 è iniziato lo studio per l introduzione del nuovo gestionale SAP che permetterà nel corso dei prossimi anni una riorganizzazione di tutte le procedure informatiche, razionalizzandole, rendendole più efficienti e introducendo best practices. Ciò ha comportato un considerevole impegno formativo rivolto ai nostri collaboratori per apprenderne l utilizzo e le funzionalità, non registrato a livello di ore di formazione professionale. La formazione si è svolta anche attraverso lavori di gruppo per uniformare l atteggiamento verso le nuove procedure. Analogamente, non rientra nella rendicontazione la molta formazione svolta sul posto di lavoro da parte dei responsabili di settore, supportando i collaboratori in un percorso formativo continuo. Abbiamo anche svolto una serie di incontri formativi per il consolidamento delle pratiche relative alla certificazione ISO 9001 ed assunto un professionista che si dedichi all assicurazione della qualità. Collaboratori formati e competenti sono la chiave del nostro successo: anche per quest anno i dipendenti sono stati coinvolti in corsi interni ed esterni per un totale di quasi ore riguardanti temi come la sicurezza, la qualità e la sfera professionale (corsi tecnici specifici, corsi informatici e di lingua, seminari rivolti alla Direzione e ai quadri per lo sviluppo di capacità gestionali e strategiche). Uno specifico corso sulle regole di sicurezza valori è stato introdotto per informare tutti i collaboratori sul tema. Sono in Argor-Heraeus da pochi mesi e subito mi sono reso conto dell utilità e della quantità di formazione a cui ciascun collaboratore è sottoposto: oltre alla prima giornata di lavoro interamente dedicata alla sicurezza, che mi ha permesso di capirne l importanza in un ambiente lavorativo come il mio, giornalmente vengo ancora seguito in un percorso di crescita per migliorare le mie competenze professionali. Inoltre, un ora alla settimana ho la possibilità di svolgere anche una formazione amministrativa con la possibilità di confronto e approfondimenti. Andrea Campanale, Impiegato Amministrazione Entrate 65

58 Le attività con i nostri stakeholder Orimpiadi Una giornata all insegna dello sport, delle attività all aria aperta e dell aggregazione è stata organizzata in estate dal gruppo sportivo/ricreativo per tutti i nostri collaboratori e le loro famiglie. Condividere momenti di divertimento al di fuori dell ambiente lavorativo è per noi importante per creare un clima favorevole nella vita lavorativa quotidiana. Giornata sulla neve Anche durante l inverno abbiamo permesso ai collaboratori di passare dei bei momenti insieme nella splendida cornice imbiancata di Carì, dove appassionanti sciate si sono alternate ad attività sulla neve. 66

59 Giornata degli studenti Il nostro impegno nel supporto alla formazione tecnica in Ticino è continuato anche nel 2012: come da tre anni a questa parte, la Giornata degli studenti ha accolto i ragazzi del Dipartimento delle Tecnologie Innovative della SUPSI con l obiettivo di completare la loro crescita formativa attraverso la visita della produzione e lo scambio di esperienze con gli ingegneri dell azienda. Un premio di Frs. è stato anche consegnato allo studente distintosi per il miglior lavoro di diploma. Aperitivo di fine lavori Alla fine dell anno abbiamo festeggiato il termine dei lavori del nuovo stabile con la consegna simbolica della chiave della nostra nuova casa. Abbiamo voluto condividere questo momento con i collaboratori, riunendoci e brindando tutti insieme a questo importante traguardo. Cena di Natale Per celebrare un anno importante ed intenso, abbiamo trascorso una serata con i nostri collaboratori attuali e quelli ora in pensione. 67

60

Che valore ha l oro?

Che valore ha l oro? Che valore ha l oro? La lettera del CEO Da sempre, in Argor-Heraeus consideriamo il valore della sostenibilità al pari di quello dei materiali che lavoriamo. Un valore che si riflette nel modo in cui tutti

Dettagli

Che valore ha la crescita?

Che valore ha la crescita? Che valore ha la crescita? La lettera del CEO Responsabilità e crescita. Due termini che in Argor-Heraeus rivestono un importanza centrale dal momento che costituiscono i nostri obiettivi nel lungo termine

Dettagli

Rapporto di sostenibilità 2013

Rapporto di sostenibilità 2013 Rapporto di sostenibilità 2013 Lettera dei CEO È con grande piacere che vi diamo un caloroso benvenuto alla nuova edizione del rapporto di sostenibilità del gruppo Argor-Heraeus. Volgendo lo sguardo indietro

Dettagli

Rapporto di sostenibilità 2014

Rapporto di sostenibilità 2014 Rapporto di sostenibilità 2014 Lettera dei CEO Cari lettori, Ogni anno, la pubblicazione del rapporto di sostenibilità rappresenta per noi un momento di fondamentale importanza. Quale documento dove raccogliamo

Dettagli

1. Preambolo: obiettivo e campo d applicazione

1. Preambolo: obiettivo e campo d applicazione Codice di condotta 1. Preambolo: obiettivo e campo d applicazione In quanto azienda attiva in campo internazionale con lunga tradizione, ARGOR-HERAEUS gode di un ottima reputazione a livello mondiale.

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

Il Responsible Jewellery Council MANUALE DELLA CERTIFICAZIONE

Il Responsible Jewellery Council MANUALE DELLA CERTIFICAZIONE Il Responsible Jewellery Council MANUALE DELLA CERTIFICAZIONE RESPONSIBLE JEWELLERY COUNCIL MANUALE 3 IL RESPONSIBLE JEWELLERY COUNCIL Il Responsible Jewellery Council (RJC) è un organizzazione non-profit

Dettagli

FIONA SOLOMON Responsible Jewellery Council (RJC)

FIONA SOLOMON Responsible Jewellery Council (RJC) FIONA SOLOMON Responsible Jewellery Council (RJC) Fiona Solomon è entrata a far parte del Responsible Jewellery Council (RJC) (Consiglio per una Gioielleria Responsabile) nell ottobre del 2007, presso

Dettagli

a cura di Carmen Ragno SPORTELLO CSR FORMAPER - CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO

a cura di Carmen Ragno SPORTELLO CSR FORMAPER - CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO Responsabilità Sociale in azienda APPROCCI, STRUMENTI, ESPERIENZE a cura di Carmen Ragno SPORTELLO CSR FORMAPER - CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO STRUTTURA CONCETTO DELLA RESPONSABILITÀ SOCIALE (CSR) CONTESTO

Dettagli

IL CONTROLLO AMBIENTALE DEL CANTIERE EDILIZIO

IL CONTROLLO AMBIENTALE DEL CANTIERE EDILIZIO Corso di Project Management, Gestione OO.PP e Cantiere - C prof. Renato G. Laganà IL CONTROLLO AMBIENTALE DEL CANTIERE EDILIZIO LA NORMA ISO 14001/2015 Il cantiere e l ambiente Il cantiere a differenza

Dettagli

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014 Patrocinio Università degli Studi di Genova Facoltà di Architettura - Dipartimento di Scienze per l'architettura Dottorato di Ricerca in "Recupero Edilizio ed Ambientale" Provincia di Genova CONVEGNO FACILITY

Dettagli

CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012. Dichiarazione Ambientale 2012 1

CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012. Dichiarazione Ambientale 2012 1 CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012 Dichiarazione Ambientale 2012 1 INDICE Edison Spa Centrale di Torviscosa Presentazione Informazioni per il pubblico Consigli per la lettura

Dettagli

La più vasta scelta di prodotti e soluzioni per il vostro team.

La più vasta scelta di prodotti e soluzioni per il vostro team. La più vasta scelta di prodotti e soluzioni per il vostro team. Un solo nome per tutte le soluzioni Frigerio da ben 90 anni fornisce materiali e attrezzature a chi opera nella Svizzera italiana nei settori

Dettagli

LA GESTIONE DEGLI ACQUISTI. Carta d identità al 31 dicembre 2010. Italia 5.502 Regno Unito 1.534 Stati Uniti 2.276 Altri Paesi 2.874 Totale 12.

LA GESTIONE DEGLI ACQUISTI. Carta d identità al 31 dicembre 2010. Italia 5.502 Regno Unito 1.534 Stati Uniti 2.276 Altri Paesi 2.874 Totale 12. LA GESTIONE DEGLI ACQUISTI Trasferiamo valore economico nella catena di fornitura acquistando volumi consistenti di beni e servizi. Promuoviamo la collaborazione e l efficienza nella catena della fornitura;

Dettagli

L ENERGIA E L AMBIENTE: IL CASO NEW THAT SRL

L ENERGIA E L AMBIENTE: IL CASO NEW THAT SRL 1 Nocera Inferiore 19/11/2012 L ENERGIA E L AMBIENTE: IL CASO NEW THAT SRL La New That Srl è presente sul mercato da oltre 40 anni. L azienda da sempre interessata alle più significative dinamiche di mercato,

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS CARBON FOOTPRINT ANALYSIS PROFILO AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto Club e Ambiente Italia. Accreditata come ESCo (Energy Service Company), analizza

Dettagli

INDICATORI DI SVILUPPO SOSTENIBILE PER L INDUSTRIA DELL ALLUMINIO IN EUROPA

INDICATORI DI SVILUPPO SOSTENIBILE PER L INDUSTRIA DELL ALLUMINIO IN EUROPA INDICATORI DI SVILUPPO SOSTENIBILE PER L INDUSTRIA DELL ALLUMINIO IN EUROPA FATTORI CHIAVE E DATI 2012 Impegno per lo sviluppo sostenibile Nota per il lettore L Associazione Europea dell Alluminio (EAA)

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE Quale valore per le imprese e le banche italiane ABI FORUM CSR 2008 Roma, 29 Gennaio Aldo Pozzoli, Partner MUOVERSI 1. Introduzione Le Linee

Dettagli

Il patrimonio più importante dello Studio De Marco: la capacità e la professionalità delle persone che lavorano nello Studio.

Il patrimonio più importante dello Studio De Marco: la capacità e la professionalità delle persone che lavorano nello Studio. Lo Studio Lo Studio De Marco è un organizzazione professionale di dottori commercialisti e revisori legali autonoma ed indipendente, che opera liberamente sul mercato dal 1972. Lo Studio De Marco è un

Dettagli

Policy in materia di salute, sicurezza e ambiente

Policy in materia di salute, sicurezza e ambiente Policy in materia di salute, sicurezza e ambiente Policy globale di Novartis 1 marzo 2014 Versione HSE 001.V2.IT 1. Introduzione Il nostro obiettivo in Novartis è essere all'avanguardia nei temi della

Dettagli

La certificazione dell impianto come. uno strumento di mitigazione del rischio

La certificazione dell impianto come. uno strumento di mitigazione del rischio La certificazione dell impianto come garanzia della qualità e delle prestazioni: uno strumento di mitigazione del rischio Paolo Gianoglio, Direttore 7 maggio 2010 Dove c è innovazione, c è ICIM ICIM, nel

Dettagli

Politica di tutela ambientale, salute e sicurezza sul lavoro

Politica di tutela ambientale, salute e sicurezza sul lavoro Per l ambiente Politica di tutela ambientale, salute e sicurezza sul lavoro Tenaris si impegna a realizzare le proprie attività salvaguardando l ambiente, la salute e la sicurezza dei propri dipendenti,

Dettagli

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY IL VALORE DELLA FIDUCIA STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY SOSTENIBILITA La sostenibilità rappresenta una grande opportunità per le imprese,

Dettagli

CSR e Supply Chain, alla luce della ISO 26000

CSR e Supply Chain, alla luce della ISO 26000 CSR e Supply Chain, alla luce della ISO 26000 Claudia Strasserra, CSR Market Developer Bureau Veritas Italia Spa ore 11.00 11.45 I rischi della supply chain: globalizzazione In molti settori industriali

Dettagli

IL CONI PER L AMBIENTE

IL CONI PER L AMBIENTE 6 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE L IMPATTO AMBIENTALE DEL CONI 116 CONI BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE Il CONI pone una particolare attenzione

Dettagli

CONSORZIO NAZIONALE RACCOLTA E RICICLO

CONSORZIO NAZIONALE RACCOLTA E RICICLO CONSORZIO NAZIONALE RACCOLTA E RICICLO Sistema di raccolta e riciclo accreditato presso i Centri di Coordinamento Pile e Accumulatori e RAEE PRODOTTI PILE ACCUMULATORI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

Dettagli

POLITICA AZIENDALE SALIN

POLITICA AZIENDALE SALIN POLITICA AZIENDALE SALIN s.r.l. Via Chiesa Nuova10-36023 Longare - Vicenza - Italy -Tel. +39 0444 555096 - Fax +39 0444 554050 - info@salin.it Pag. 1 a 6 SALIN s.r.l. opera nel settore orafo ( orologeria

Dettagli

SWATCH GROUP: CIFRE PRINCIPALI 2007

SWATCH GROUP: CIFRE PRINCIPALI 2007 COMUNICATO STAMPA BIENNE, 14 MARZO 2008 SWATCH GROUP: CIFRE PRINCIPALI 2007 Utile netto supera per la prima volta il tetto di 1 miliardo di CHF. Margine operativo migliorato a 21.9% (anno precedente 20.2%);

Dettagli

I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile

I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile Alessandra Bonoli DICAM, Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e Materiali, Università degli Studi di Bologna Per contrastare il

Dettagli

Fotovoltaico chiavi in mano con il massimo ritorno sull investimento. Fotovoltaico Conergy. Risparmio naturale

Fotovoltaico chiavi in mano con il massimo ritorno sull investimento. Fotovoltaico Conergy. Risparmio naturale Fotovoltaico chiavi in mano con il massimo ritorno sull investimento. Fotovoltaico Conergy. Risparmio naturale Approfitta dei benefici del fotovoltaico! Il fotovoltaico offre molteplici vantaggi sotto

Dettagli

LA BANCA E L'AMBIENTE

LA BANCA E L'AMBIENTE LA BANCA E L'AMBIENTE LA BANCA E L'AMBIENTE Abbiamo maturato negli anni una sempre maggiore sensibilità verso le tematiche ecologiche e verso la tutela dell ambiente, nonostante la nostra organizzazione

Dettagli

Il futuro dalle origini

Il futuro dalle origini Il futuro dalle origini www.ligento.de DALLE ORIGINI LA NOSTRA VISIONE Il futuro dalle origini Plasmare il futuro utilizzando in questo caso le nostre radici così si può descrivere il lavoro della Ligento

Dettagli

SCHEDA 1. Cosa è la Waste Recycling oggi.

SCHEDA 1. Cosa è la Waste Recycling oggi. SCHEDA 1 Cosa è la Waste Recycling oggi. L azienda -nata circa 18 anni fa dall esperienza pluriennale della ditta individuale di uno degli attuali azionisti- oggi ha in forza 94 dipendenti di cui 63 (il

Dettagli

Il nostro impegno verso la sostenibilità

Il nostro impegno verso la sostenibilità 1 Il nostro impegno verso la sostenibilità IT 2013 2 APPROCCIO DI DANI ALLA SOSTENIBILITÀ APPROCCIO DI DANI ALLA SOSTENIBILITÀ Nato come piccola conceria a conduzione familiare nel 1950, il gruppo Dani

Dettagli

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile ANA-ANAP, Associazione Nazionale Audioprotesisti e Associazione Nazionale Audioprotesisti Professionali Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile Milano, 21/10/2014

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

P A R T E S E C O N D A. Capitolo 12. Energia

P A R T E S E C O N D A. Capitolo 12. Energia P A R T E S E C O N D A Capitolo 12 Energia 12. ENERGIA 12.1 Caratteri generali Nella trattazione degli argomenti riportati nel presente capitolo si è posta particolare enfasi sui consumi elettrici e di

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

I nostri Principi di Responsabilità

I nostri Principi di Responsabilità I nostri Principi di Responsabilità I nostri Principi di Responsabilità Il messaggio del Presidente Jean-Pascal Tricoire, Presidente del Consiglio di Amministrazione e CEO La nostra Società interagisce

Dettagli

Andamento affari e occupazione nel settore bancario

Andamento affari e occupazione nel settore bancario Andamento affari e occupazione nel settore bancario Franco Citterio Direttore ABT Vezia, 15 febbraio 2007 Swiss Market Index (Fonte: UBS) 15.02.2007 2 Massa patrimoniale gestita dalle banche in Svizzera

Dettagli

IS0 50001. Che cosa apporta la ISO 50001? La ISO 14001 già esiste: perché, quindi, optare per la ISO 50001?

IS0 50001. Che cosa apporta la ISO 50001? La ISO 14001 già esiste: perché, quindi, optare per la ISO 50001? IS0 50001 INFORMAZIONI UTILI VOLTE A UNA PREPARAZIONE OTTIMALE PER L OTTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE Che cosa apporta la ISO 50001? La certificazione di un sistema di gestione dell energia secondo la

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER LA RIDUZIONE DELLE INEFFICIENZE ENERGETICHE TRAMITE LE E.S.C.O.

ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER LA RIDUZIONE DELLE INEFFICIENZE ENERGETICHE TRAMITE LE E.S.C.O. ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER LA RIDUZIONE DELLE INEFFICIENZE ENERGETICHE TRAMITE LE E.S.C.O. Accordo Volontario settoriale per la realizzazione di interventi per la riduzione delle inefficienze energetiche

Dettagli

Risultati 2012 e obiettivi futuri

Risultati 2012 e obiettivi futuri Strategia Risultati 2012 e obiettivi futuri Lo scenario economico mondiale vive ancora in un clima di incertezza. Ciò nonostante, nel 2012, il Gruppo Enel ha conseguito gli obiettivi indicati al mercato,

Dettagli

Bilancio di Sostenibilità 2009 - SINTESI

Bilancio di Sostenibilità 2009 - SINTESI Bilancio di Sostenibilità 2009 - SINTESI 1 PERCHÉ ABBIAMO FATTO IL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ? (1/2) Perché operiamo in un settore che ha impatti significativi su Ambiente naturale Comunità di cui Passeggeri

Dettagli

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Valutazione e gestione della qualità dell aria (situazione attuale, analisi delle tendenze ed azioni) Incontro con le Associazioni economiche

Dettagli

LA VALUTAZIONE VOLONTARIA DEL RISCHIO SUL RAME (VRA) Una collaborazione d avanguardia tra l industria e Stati Membri dell UE

LA VALUTAZIONE VOLONTARIA DEL RISCHIO SUL RAME (VRA) Una collaborazione d avanguardia tra l industria e Stati Membri dell UE LA VALUTAZIONE VOLONTARIA DEL RISCHIO SUL RAME (VRA) Una collaborazione d avanguardia tra l industria e Stati Membri dell UE Riassunto: Nell anno 2000 l industria del rame ha dato inizio ad una procedura

Dettagli

EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni

EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni Workshop Chi Siamo EQO S.r.l. da oltre 10 anni riunisce professionisti provenenti da diversi settori e con differenti esperienze professionali,

Dettagli

Relazione progetto Energy World Network: il franchising delle energie rinnovabili

Relazione progetto Energy World Network: il franchising delle energie rinnovabili : il franchising delle energie rinnovabili 1 : il franchising delle energie rinnovabili 1. Presentazione della Energy World srl La Energy World srl è un azienda giovane, dinamica, specialista dell energia

Dettagli

WashTec rispetta l ambiente

WashTec rispetta l ambiente j tecnologia INNOVATIVA PER L AUTOLAVAGGIO WashTec rispetta l ambiente j vantaggi AMBIENTALI ED ECONOMICI Impegno ecologico In qualità di fornitore leader a livello mondiale di prodotti e servizi per l

Dettagli

Sapa ha circa 13.000 dipendenti in 30 Paesi, tutti orientati al cliente.

Sapa ha circa 13.000 dipendenti in 30 Paesi, tutti orientati al cliente. Sapa in breve Sapa ha circa 13.000 dipendenti in 30 Paesi, tutti orientati al cliente. Attività in breve Estrusione di profili Calandratura Belgio Canada Cina Danimarca Francia Germania Gran Bretagna Italia

Dettagli

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Introduzione Nome dell ente Comune di Padova, Italia Logo del

Dettagli

Giulia Guggiari David Kavakcioglu Nilüfer Cristina. Ornella Piana. Banking & Finance. Progetto in azienda. Progetto. Luogo e data di consegna

Giulia Guggiari David Kavakcioglu Nilüfer Cristina. Ornella Piana. Banking & Finance. Progetto in azienda. Progetto. Luogo e data di consegna Studente/essa Giulia Guggiari David Kavakcioglu Nilüfer Cristina Corso di laurea Economia Aziendale Progetto Progetto in azienda Relatore/trice Ornella Piana Indirizzo di approfondimento Accounting & Controlling

Dettagli

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE Equilibrium Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE 2 Gestioni Patrimoniali Computerizzate Grazie ai notevoli investimenti realizzati negli anni, la DANTON INVESTMENT SA può oggi vantare di possedere uno

Dettagli

vision CHI SIAMO MISSION Pagina 1

vision CHI SIAMO MISSION Pagina 1 company profile vision chi siamo mission back office rete distributiva struttura e modello organizzativo processi di certificazione collaboratori e accreditamento presso partner prestitosi governance e

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIRO L Landesagentur für Umwelt PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Agenzia provinciale per l ambiente Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici Nel

Dettagli

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 Messaggio della Bruschi Spa attraverso il suo CEO A distanza di 1 anno dalla prima adesione all iniziativa Global Compact siamo lieti di confermare il nostro impegno a proseguire

Dettagli

Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA

Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA Gennaio 2015 confidenziale Anthony Old 0 Sommario Presentazione del Gruppo ArcelorMittal Il nostro progetto per ILVA Il principale produttore

Dettagli

BILANCIO AMBIENTALE. Cav. Lav. Domenico Bosatelli, Presidente di GEWISS

BILANCIO AMBIENTALE. Cav. Lav. Domenico Bosatelli, Presidente di GEWISS BILANCIO AMBIENTALE 2012 GEWISS ha sempre superato di slancio tutte le sfide più importanti scommettendo sull innovazione e investendo nello sviluppo di nuovi prodotti. I traguardi che ci attendono saranno

Dettagli

LA VOGLIA E LA FORZA DI ESSERE I PRIMI

LA VOGLIA E LA FORZA DI ESSERE I PRIMI LA CERTIFICAZIONE LA VOGLIA E LA FORZA DI ESSERE I PRIMI ECOEVENTS è la prima società di eventi italiana certificata ISO 14001. La prima ad offrirvi la progettazione e la realizzazione di eventi che fanno

Dettagli

4 Implenia Development SA. 6 Implenia Impresa Generale SA. 10 Reuss Engineering SA. 12 Sostenibilità

4 Implenia Development SA. 6 Implenia Impresa Generale SA. 10 Reuss Engineering SA. 12 Sostenibilità Implenia Real Estate In qualità di fornitore globale di servizi, vi affianchiamo durante l intero ciclo di vita del vostro bene immobiliare. Con costanza e vicinanza al cliente. 2 4 Implenia Development

Dettagli

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO Economie_corretto_14mar2011.indd 1 27-03-2011 17:07:00 2 Un azienda in regola è un azienda tranquilla. Un azienda tranquilla si dedica al proprio sviluppo.

Dettagli

Locarno, 12 marzo 2008. Al Consiglio Comunale. Locarno. Signor Presidente e Consiglieri Comunali,

Locarno, 12 marzo 2008. Al Consiglio Comunale. Locarno. Signor Presidente e Consiglieri Comunali, M.M. no. 85 riguardante la richiesta di un credito di fr. 150'000.-- per la posa di un impianto solare termico sul tetto piano dell Istituto Casa Anziani S. Carlo e la sostituzione dell impianto di produzione

Dettagli

Il contributo delle Associazioni di Categoria. Prof. Ing. Paolo Rigone

Il contributo delle Associazioni di Categoria. Prof. Ing. Paolo Rigone Il contributo delle Associazioni di Categoria Prof. Ing. Paolo Rigone Uncsaal, l Unione Nazionale Costruttori Serramenti Alluminio Acciaio e Leghe, è l Associazione confindustriale delle imprese italiane

Dettagli

30 aziende 3000 dipendenti. 1 obiettivo comune: la. creazione di un centro tecnologico formativo per il settore orologiero

30 aziende 3000 dipendenti. 1 obiettivo comune: la. creazione di un centro tecnologico formativo per il settore orologiero 30 aziende 3000 dipendenti 1 obiettivo comune: la creazione di un centro tecnologico formativo per il settore orologiero L Associazione ticinese dell industria orologiera (ATIO) nasce con la principale

Dettagli

La nostra indipendenza vi garantisce scelte di gestione perfettamente obiettive

La nostra indipendenza vi garantisce scelte di gestione perfettamente obiettive AL VOSTRO SERVIZO Forte di oltre 50 anni di esperienza, PKB ha acquisito una profonda conoscenza delle esigenze di privati e famiglie, imprenditori, liberi professionisti e dirigenti. È quindi in grado

Dettagli

PIÙ ENERGIA ALL ENERGIA.

PIÙ ENERGIA ALL ENERGIA. PIÙ ENERGIA ALL ENERGIA. COFELY. Leader nell efficienza energetica e ambientale. Gestione energia e fotovoltaico Case History // Comune e Provincia di Roma Per il Comune di Roma, Cofely si occupa della

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

LA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

LA DESCRIZIONE DEL PROGETTO Estrapolato dal bilancio di sostenibilità 2013 IL PROGETTO CARBON FOOTPRINT LA DESCRIZIONE DEL PROGETTO La partecipazione al bando per l accesso al finanziamento (ai sensi del D.M. 468 del 19.05.2011)

Dettagli

LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione

LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione INTRODUZIONE SITUAZIONE PARCO IMMOBILIARE IN ITALIA Edifici residenziali STATISTICHE 2013 11,7 milioni di EDIFICI RESIDENZIALI 29 milioni di ABITAZIONI

Dettagli

3x3 buone ragioni per Emas. Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale

3x3 buone ragioni per Emas. Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale 3x3 buone ragioni per Emas Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale 1 2 3 4 5 6 7 8 9 INDICE INTRODUZIONE 3X3 BUONE RAGIONI PER EMAS INTRODUZIONE pag. 1 EMAS

Dettagli

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting I settori più energivori:

Dettagli

LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl

LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl IL SITO E LE ATTIVITÀ La RIME 1 è una società che svolge

Dettagli

AMBIENTE IL SISTEMA DEI TRASPORTI E L AMBIENTE... 2 2 2 LE EMISSIONI IN ATMOSFERA... 2 2 3 3 4 4 GESTIONE AZIENDALE ORIENTATA ALL AMBIENTE...

AMBIENTE IL SISTEMA DEI TRASPORTI E L AMBIENTE... 2 2 2 LE EMISSIONI IN ATMOSFERA... 2 2 3 3 4 4 GESTIONE AZIENDALE ORIENTATA ALL AMBIENTE... CAP e L AMBIENTE IL SISTEMA DEI TRASPORTI E L AMBIENTE... 2 Evoluzione della mobilità passeggeri... 2 La mobilità e gli effetti sull ambiente: i costi... 2 LE EMISSIONI IN ATMOSFERA... 2 Le polveri atmosferiche...

Dettagli

INNOVATIVA GESTIONE EDIFICI SOLO UNA VISIONE GLOBALE RICONOSCE NUOVE PROSPETIVE

INNOVATIVA GESTIONE EDIFICI SOLO UNA VISIONE GLOBALE RICONOSCE NUOVE PROSPETIVE INNOVATIVA GESTIONE EDIFICI SOLO UNA VISIONE GLOBALE RICONOSCE NUOVE PROSPETIVE PREVIDENTE. SOSTENIBILE. INNOVATIVA. Bilfinger HSG Facility Management AG La ricetta per il successo La Bilfinger HSG Facility

Dettagli

GREEN JOB: LE NUOVE PROFESSIONI

GREEN JOB: LE NUOVE PROFESSIONI GREEN JOB: LE NUOVE PROFESSIONI Ing. Daniele TESTI Dipartimento di Ingegneria dell Energia e dei Sistemi (DESE) Università di Pisa Definizione di Green Job secondo l ILO (International Labour Organization)

Dettagli

Linea guida per le verifiche ISO 14001 nelle aziende che operano nella lavorazione di metalli (EA17) rev 1 del 30/11/2008

Linea guida per le verifiche ISO 14001 nelle aziende che operano nella lavorazione di metalli (EA17) rev 1 del 30/11/2008 Nella presente linea guida vengono fornite indicazioni utili per la conduzione di audit nel settore EA 17 fabbricazione di prodotti in metallo anche trattati e rivestiti secondo la norma UNI EN ISO 14001.

Dettagli

Nello scorso mese di novembre, la Cc-Ti, insieme

Nello scorso mese di novembre, la Cc-Ti, insieme Attualità Energia, efficienza energetica, risorse in azienda di Lisa Pantini Nello scorso mese di novembre, la Cc-Ti, insieme ad importanti partner (TicinoEnergia, il Centro di coordinamento del programma

Dettagli

Il vostro partner per le soluzioni integrate nel settore dell energia

Il vostro partner per le soluzioni integrate nel settore dell energia E.ON Connecting Energies Il vostro partner per le soluzioni integrate nel settore dell energia Volete ridurre i costi energetici della vostra azienda? Avete obiettivi ambientali ambiziosi? La sicurezza

Dettagli

La certificazione 14001 e le azioni per promuovere la sostenibilità ambientale

La certificazione 14001 e le azioni per promuovere la sostenibilità ambientale La certificazione 14001 e le azioni per promuovere la sostenibilità ambientale Milano 9 Luglio 2013 Relatore Lorenzo Leone Gruppo Arcese: chi siamo Arcese Trasporti è stata fondata nel 1966. In oltre 40

Dettagli

SOSTENIBILE S.r.l. CONSULENZA STRATEGICA PER LA SOSTENIBILITA

SOSTENIBILE S.r.l. CONSULENZA STRATEGICA PER LA SOSTENIBILITA SOSTENIBILE S.r.l. CONSULENZA STRATEGICA PER LA SOSTENIBILITA CHI SIAMO Un team formato da professionisti esperti di marketing, comunicazione e CSR, che ha scelto di mettere al servizio della sostenibilità

Dettagli

Politica energetica e ruolo delle aziende

Politica energetica e ruolo delle aziende Politica energetica e ruolo delle aziende Giovanni Bernasconi TicinoEnergia e SPAAS Manno, 27 novembre 2013 Evoluzione consumi in Ticino 1950-2012 2 2 Bilancio energetico 2012 Struttura Consumo totale:

Dettagli

COPYRIGHT ALAVIE SRL RIPRODUZIONE VIETATA. Vito Ziccardi Amministratore Delegato

COPYRIGHT ALAVIE SRL RIPRODUZIONE VIETATA. Vito Ziccardi Amministratore Delegato COPYRIGHT ALAVIE SRL RIPRODUZIONE VIETATA Vito Ziccardi Amministratore Delegato 1 CHI SIAMO LA RETTA VIA UN AZIENDA CHE LAVORA PER LE AZIENDE UN ORGANIZZAZIONE NAZIONALE LA RETTA VIA CHI SIAMO In termini

Dettagli

BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ ANNO 2013 CLIENTI AMBIENTE COMUNITÀ

BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ ANNO 2013 CLIENTI AMBIENTE COMUNITÀ BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ ANNO 2013 Collaboratori AMBIENTE CLIENTI COMUNITÀ indicatori di sintesi 2013 COLLABORATORI - INDICATORI DI SINTESI 2013 Δ 2013/2012 Profilo Collaboratori (n.) 9.266-2,3% Contratti

Dettagli

All. 2. Profili professionali

All. 2. Profili professionali Profili professionali All. 2 Commerciale energie rinnovabili Mansioni La figura professionale individuata è un tecnico-commerciale con una specifica conoscenza del mercato e del territorio su cui opera.

Dettagli

Noleggio Energia. I vantaggi del sole a costo zero. Fotovoltaico Conergy Risparmio naturale

Noleggio Energia. I vantaggi del sole a costo zero. Fotovoltaico Conergy Risparmio naturale Noleggio Energia I vantaggi del sole a costo zero Fotovoltaico Conergy Risparmio naturale Il Gruppo Conergy Il Gruppo Conergy, con sede ad Amburgo, è presente da oltre 20 anni nel settore e serve con successo

Dettagli

Lo stabilimento di Zanica Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità

Lo stabilimento di Zanica Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità Lo stabilimento di Zanica Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità Lo stabilimento Lamberti SpA di Zanica è uno degli insediamenti più importanti del Gruppo Lamberti grazie agli impianti e alle tecnologie

Dettagli

MONDO NUOVO // MERCATO DELLE ENERGIE RINNOVABILI // AZIENDA // IMPEGNO SOCIALE // CORPORATE GOVERNANCE // OBIETTIVI DI CRESCITA // 14COMPANY PROFILE

MONDO NUOVO // MERCATO DELLE ENERGIE RINNOVABILI // AZIENDA // IMPEGNO SOCIALE // CORPORATE GOVERNANCE // OBIETTIVI DI CRESCITA // 14COMPANY PROFILE 20 MONDO NUOVO // MERCATO DELLE ENERGIE RINNOVABILI // AZIENDA // IMPEGNO SOCIALE // CORPORATE GOVERNANCE // OBIETTIVI DI CRESCITA // 14COMPANY PROFILE 4 UN MONDO NUOVO 5 VISION Sogniamo un mondo nuovo,

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA

EFFICIENZA ENERGETICA EFFICIENZA ENERGETICA Profilo aziendale Nata nel 1986 come azienda artigiana per lo sviluppo di impianti tecnologici industriali, NUOVA ELETTRICA garantisce affidabilità e professionalità, unitamente all

Dettagli

Politica di Acquisto di FASTWEB

Politica di Acquisto di FASTWEB Politica di Acquisto di FASTWEB Edizione Settembre 2012 Editoriale Innovare per crescere ed essere sempre i primi, anche nell eccellenza con cui serviamo i nostri Clienti. Questo il principio ispiratore

Dettagli

studio hs La missione sicurezza e salute del lavoro valutazione dei rischi delle imprese creiamo la giusta armonia in simbiosi con la legislazione

studio hs La missione sicurezza e salute del lavoro valutazione dei rischi delle imprese creiamo la giusta armonia in simbiosi con la legislazione soluzione sicurezza 2 1 studio hs La missione STUDIOHS si occupa di sicurezza sul lavoro, argomento disciplinato da molte normative, che necessita di grande competenza e professionalità, per il quale noi

Dettagli

PRODUZIONE DI PELLET IN BOSNIA ERZEGOVINA

PRODUZIONE DI PELLET IN BOSNIA ERZEGOVINA PRODUZIONE DI PELLET IN BOSNIA ERZEGOVINA Potenzialità di sviluppo e di investimento 1. L INDUSTRIA DEL LEGNO IN PELLET Il pellet è un combustibile densificato costituito da biomassa legnosa; il suo utilizzo

Dettagli

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento Il business plan Definizione Il Business Plan, o piano economico-finanziario, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la

Dettagli

COGENERAZIONE e BIOGAS

COGENERAZIONE e BIOGAS COGENERAZIONE e BIOGAS TIECO srl L ENERGIA CHE NON PENSAVI DI AVERE TIECO SRL PROFESSIONALITA AL TUO SERVIZIO. Fondata nel 2000, TIECO SRL rappresenta una realtà consolidata nella progettazione e realizzazione

Dettagli

INTRODUZIONE OGGI PER RISULTARE COMPETITIVI CONTA PIÙ LA CAPACITÀ DI ADATTAMENTO A CONDIZIONI MUTEVOLI CHE IL RISULTATO ECONOMICO DI BREVE PERIODO.

INTRODUZIONE OGGI PER RISULTARE COMPETITIVI CONTA PIÙ LA CAPACITÀ DI ADATTAMENTO A CONDIZIONI MUTEVOLI CHE IL RISULTATO ECONOMICO DI BREVE PERIODO. INTRODUZIONE I cambiamenti di questi ultimi anni hanno avuto come principale ripercussione la crescita della complessità dell ambiente in cui operiamo e in cui viviamo. Una complessità determinata dalle

Dettagli