BANDO PER IL CONFERIMENTO DEL TITOLO DI MAESTRO ARTIGIANO ODONTOTECNICO. Articolo 1 Finalità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BANDO PER IL CONFERIMENTO DEL TITOLO DI MAESTRO ARTIGIANO ODONTOTECNICO. Articolo 1 Finalità"

Transcript

1 BANDO PER IL CONFERIMENTO DEL TITOLO DI MAESTRO ARTIGIANO ODONTOTECNICO Articolo 1 Finalità 1. L articolo 13 della legge provinciale 1 agosto 2002, n. 11, prevede l istituzione del titolo di maestro artigiano. Il titolo è istituito per favorire l acquisizione di una particolare qualificazione professionale e la trasmissione delle conoscenze del mestiere. 2. Con la deliberazione della Giunta provinciale n del 03 settembre 2010 è stata confermata l individuazione dell odontotecnico tra le tipologie di mestieri per le quali può essere conferito il titolo di maestro artigiano. Articolo 2 Requisiti soggettivi 1. Il titolo di maestro artigiano odontotecnico è conferito ad imprenditori artigiani che abbiano maturato esperienza imprenditoriale indicata al successivo articolo 3 e siano in possesso di un elevato grado di capacità tecnico professionale ed imprenditoriale nonché di nozioni fondamentali per l insegnamento del mestiere, valutati secondo quanto previsto negli articoli da 4 a 8. Articolo 3 Esperienza imprenditoriale 1. Entro l anno solare relativo alla data di scadenza dei termini di presentazione delle domande il richiedente deve essere in possesso dei seguenti requisiti: a) età non inferiore ad anni 32; b) iscrizione all albo delle imprese artigiane in qualità di titolare o socio artigiano di impresa che svolge l attività di odontotecnico; c) esperienza imprenditoriale e/o lavorativa maturata nell attività di cui al precedente punto b) di almeno 10 anni come titolare o socio oppure di almeno 5 anni come titolare o socio attivo unita ad un'esperienza lavorativa come collaboratore familiare per gli altri anni che restano per arrivare ai 10 anni complessivi. In alternativa gli anni come collaboratore familiare possono essere sostituiti da un numero almeno doppio di anni come dipendente con mansioni lavorative nella medesima attività. 2. Il requisito di cui alla lettera b) deve essere posseduto anche al momento dell eventuale conferimento del titolo di maestro artigiano.

2 Articolo 4 Capacità tecnico professionale ed imprenditoriale e profilo professionale 1. Il maestro artigiano odontotecnico deve aver acquisito un elevato grado di capacità tecnico professionale ed imprenditoriale, così come previsto dall articolo 13, comma 2, lettera b), della legge provinciale 1 agosto 2002, n La capacità tecnico professionale ed imprenditoriale, di grado elevato, è definita nel profilo professionale di maestro artigiano odontotecnico, così come risultante dall Allegato A) del presente bando. Nel profilo professionale sono evidenziate, con riferimento alle attività lavorative, le conoscenze tecnico scientifiche e le abilità pratiche o tecnico manuali richieste. Articolo 5 Tipologia delle conoscenze tecnico scientifiche e abilità pratiche o tecnico manuali 1. Le conoscenze tecnico scientifiche e le abilità pratiche o tecnico manuali sono distinte secondo le seguenti due tipologie: a) conoscenze ed abilità che debbono essere già possedute all atto della domanda di conferimento del titolo e che costituiscono quindi il livello di entrata ; b) conoscenze e abilità che possono essere approfondite e sviluppate attraverso i corsi di cui al successivo articolo Le conoscenze e le abilità, tratte dal profilo professionale di cui all articolo 4, sono riportate nel profilo professionale di cui all allegato A) del presente bando con diversa modalità grafica: quelle relative alla tipologia di cui alla lett. b) succitata, sono indicate in grassetto, mentre quelle relative alla tipologia di cui alla lettera a), che costituiscono il livello di entrata, sono riportate con modalità grafica normale. Articolo 6 Verifica del livello di entrata 1. Relativamente alla verifica delle conoscenze e abilità che costituiscono il livello di entrata il richiedente deve presentare, in allegato alla domanda di conferimento del titolo di cui all articolo 10, un curriculum professionale che evidenzi secondo quali modalità il medesimo ha maturato le predette conoscenze e abilità. Il richiedente dovrà far riferimento ad elementi il più possibile oggettivi e riscontrabili, quali: - possesso di certificati o diplomi attinenti le competenze dichiarate (titoli di studio o formazione professionale, frequenza di corsi con o senza esame finale, esperienze dirette, apprendistato e lavoro alle dipendenze, ecc.);

3 - realizzazione di particolari prodotti e/o servizi tuttora esistenti e visibili o comunque documentabili, per i quali siano richieste competenze specifiche; - attestazioni relative alla partecipazione a fiere e mostre con specifiche produzioni e/o servizi prestati; - attività svolte in qualità di formatore fuori dalla propria azienda (docenze presso istituti scolastici o di formazione, a corsi, ecc.); - attività svolte in qualità di formatore nella propria azienda (numero di dipendenti portati alla qualifica, o divenuti imprenditori essi stessi); - struttura operativa dell azienda (si dovrà verificare che il campo d attività sia completo e quindi ricomprenda tutti gli ambiti di lavoro stabiliti nel profilo professionale). 2. Un gruppo di valutazione, appositamente incaricato, verificherà la congruenza delle competenze attestate nel curriculum rispetto al livello di entrata richiesto. Per la verifica il suddetto gruppo potrà operare anche attraverso test, colloquio, valutazione pratica delle conoscenze e abilità presso la sede del candidato maestro artigiano o altre modalità ritenute opportune. La verifica positiva da parte del gruppo di valutazione costituisce titolo necessario per l accesso ai corsi. Articolo 7 Corsi e valutazione competenze 1. Il percorso formativo del maestro artigiano si articola nelle seguenti 3 aree, ciascuna delle quali prevede vari ambiti di lavoro ed eventualmente vari moduli formativi: - area gestione aziendale; - area tecnico professionale; - area insegnamento del mestiere. 2. I contenuti e la durata dei moduli formativi relativi alle 3 aree, previsti dall articolo 13 della legge provinciale 1 agosto 2002, n. 11, sono indicati nei profili professionali di cui all Allegato A) del presente bando. 3. E stabilita una frequenza obbligatoria pari ad almeno l 80% del monte ore complessivo dell intero percorso formativo al netto degli esoneri. Al termine di ogni ambito i docenti daranno una valutazione, positiva o negativa, di ogni singolo partecipante in merito alle competenze effettivamente acquisite. 4. Per acquisire il titolo di maestro artigiano è obbligatorio conseguire una valutazione positiva in tutte 3 le aree, raggiungendo almeno il 70% delle prove-test previste in ogni ambito. Articolo 8 Casi di esonero dall obbligo di frequenza del corso 1. E possibile richiedere, all atto della presentazione della domanda di cui all articolo 10, l esonero dalla frequenza obbligatoria dei singoli moduli formativi. Rimane comunque obbligatoria

4 la valutazione delle conoscenze possedute/acquisite secondo i criteri previsti ai commi 3) e 4) del precedente articolo. 2. Per richiedere l esonero è obbligatorio allegare alla domanda la documentazione atta ad attestare il possesso delle competenze previste nei moduli formativi oggetto di esonero, riferita al possesso di idoneo titolo di studio e/o alla frequenza con profitto di corsi attinenti conclusi non oltre i 3 anni solari precedenti. 3. In merito alla richiesta di esonero si esprime il gruppo di valutazione di cui all articolo 6 attraverso le procedure indicate nel medesimo articolo. Articolo 9 Numero minimo e massimo di partecipanti al corso e quota iscrizione 1. I corsi saranno istituiti qualora sia raggiunto il numero minimo di 12 partecipanti, salvo deroghe della Commissione per l Artigianato. Il numero massimo di candidati ammessi alla frequenza è di Per essere dichiarati idonei ai corsi sarà necessario superare la fase di selezione delle prove che potrà consistere in: - test - colloqui - prove pratiche 3. A conclusione della fase di selezione sarà stilata una graduatoria in base ai punteggi delle prove sostenute. 4. All atto dell ammissione ai corsi di cui all articolo 7 il richiedente dovrà versare la quota di iscrizione prevista dagli enti formativi incaricati della gestione dei percorsi formativi, pari ad euro 135,00. Articolo 10 Presentazione della domanda 1. Gli imprenditori artigiani interessati devono far pervenire al Servizio artigianato della Provincia autonoma di Trento, in via Trener 3, entro e non oltre le ore 16 del giorno 14 luglio 2011, la seguente documentazione: - domanda di conferimento del titolo di maestro artigiano contenente la richiesta di partecipazione e/o di esonero dai corsi, utilizzando il modello riportato nell allegato B) al presente bando; - il curriculum professionale di cui all articolo 6 per attestare il possesso delle competenze e abilità costituenti il livello di entrata ; - l eventuale documentazione di cui all articolo 8 per attestare la possibilità di esonero dalla frequenza obbligatoria dei singoli moduli formativi.

5 Articolo 11 Elenco dei maestri artigiani 1. La Commissione provinciale per l artigianato disporrà il conferimento del titolo di maestro artigiano odontotecnico nonché l iscrizione nell elenco speciale dei maestri artigiani entro 90 giorni dalla conclusione delle procedure di valutazione di cui agli articoli precedenti.

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg. delib. n. 1047 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE OGGETTO: Riapprovazione del profilo professionale di maestro artigiano lattoniere, approvato

Dettagli

DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL CONDUTTORE DI IMPIANTI TERMICI, IN ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 287 del D.lgs. 3 aprile 2006, n.

DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL CONDUTTORE DI IMPIANTI TERMICI, IN ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 287 del D.lgs. 3 aprile 2006, n. ALLEGATO 2 DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL CONDUTTORE DI IMPIANTI TERMICI, IN ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 287 del D.lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Tipologia di impianti Le disposizioni seguenti concernono

Dettagli

Oggetto: Avviso pubblico per l individuazione di esperti per l incarico di Medico Competente.

Oggetto: Avviso pubblico per l individuazione di esperti per l incarico di Medico Competente. Prot.1008/A23 Roma, 07/03/2016 Al Sito Web della scuola Albo on-line Oggetto: Avviso pubblico per l individuazione di esperti per l incarico di Medico Competente. VISTA la Legge n.107/2015; VISTI gli Accordi

Dettagli

LINEE GUIDA. 2. Requisiti per il conseguimento della qualifica di Maestro Artigiano

LINEE GUIDA. 2. Requisiti per il conseguimento della qualifica di Maestro Artigiano LINEE GUIDA MAESTRO ARTIGIANO (LR 20/12, art. 4) La qualifica di Maestro Artigiano è conferito ai titolari di aziende operanti iscritte all Albo delle Imprese Artigiane ai sensi della legge 443/85 e successive

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI STATALE. Giuseppe Cerboni. Piazzale Prof.ssa Anna Rita Buttafuoco, n.

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI STATALE. Giuseppe Cerboni. Piazzale Prof.ssa Anna Rita Buttafuoco, n. ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI STATALE Giuseppe Cerboni Piazzale Prof.ssa Anna Rita Buttafuoco, n. 1 PORTOFERRAIO LI BANDO DI SELEZIONE DOCENTI ESPERTI IN LINGUA INGLESE RISERVATO A: Esperti

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA

CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO ISTRUTTORI C.R.I. di PROTEZIONE CIVILE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Premessa 1. Al fine di ottemperare ai propri compiti istituzionali, nell ambito delle attività di protezione civile

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PER RECLUTAMENTO DI PERSONALE ESTERNO ALL ICS ONLUS PER N. 8 INSEGNANTI L2

AVVISO DI SELEZIONE PER RECLUTAMENTO DI PERSONALE ESTERNO ALL ICS ONLUS PER N. 8 INSEGNANTI L2 ISTITUTO COOPERAZIONE SVILUPPO - ICS ONLUS VIA VERONA, 17 15121 ALESSANDRIA (AL) C.F. 96050140068 ICSONLUS.FAMI@GMAIL.COM Alessandria, 17 ottobre 2017 AVVISO DI SELEZIONE PER RECLUTAMENTO DI PERSONALE

Dettagli

ESAME DI QUALIFICA E DI DIPLOMA PROFESSIONALE PERCORSI DI

ESAME DI QUALIFICA E DI DIPLOMA PROFESSIONALE PERCORSI DI ESAME DI QUALIFICA E DI DIPLOMA PROFESSIONALE PERCORSI DI IeFP DELLA REGIONE LOMBARDIA Disposizioni applicative per l anno scolastico e formativo 2014-15 DDUO n.12550/2013 Approvazione delle indicazioni

Dettagli

L affidamento può essere a titolo gratuito od oneroso per i professori di I e II fascia, sarà obbligatoriamente a titolo oneroso per i ricercatori.

L affidamento può essere a titolo gratuito od oneroso per i professori di I e II fascia, sarà obbligatoriamente a titolo oneroso per i ricercatori. Dipartimento di Scienze Regolamento per il conferimento di incarichi d insegnamento e di didattica integrativa ai sensi della legge 30 dicembre 2010 n. 240 per i Corsi di Studio approvato dal Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL LAVORO ACCESSORIO ATTRAVERSO IL SISTEMA DI PAGAMENTO DEI BUONI LAVORO (VOUCHER INPS) NEL COMUNE DI LIMBIATE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL LAVORO ACCESSORIO ATTRAVERSO IL SISTEMA DI PAGAMENTO DEI BUONI LAVORO (VOUCHER INPS) NEL COMUNE DI LIMBIATE C O M U N E DI L I M B I A T E P r o v i n c i a di M o n z a e B r i a n z a REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL LAVORO ACCESSORIO ATTRAVERSO IL SISTEMA DI PAGAMENTO DEI BUONI LAVORO (VOUCHER INPS) NEL COMUNE

Dettagli

Tipologia candidati Richiedenti trasferimenti Richiedenti passaggi di corso Richiedenti abbreviazioni di carriera 5 + 5

Tipologia candidati Richiedenti trasferimenti Richiedenti passaggi di corso Richiedenti abbreviazioni di carriera 5 + 5 AMMISSIONE AL CORSO DI LAUREA INTERCLASSE IN SERVIZIO SOCIALE E SOCIOLOGIA A SEGUITO DELLA RICHIESTA DI PASSAGGIO, TRASFERIMENTO O ABBREVIAZIONE DEGLI STUDI Posti disponibili Tipologia candidati N. posti

Dettagli

Equipollenze titoli di studio conseguiti all estero da cittadini italiani e/o cittadini comunitari

Equipollenze titoli di studio conseguiti all estero da cittadini italiani e/o cittadini comunitari Equipollenze titoli di studio conseguiti all estero da cittadini italiani e/o cittadini comunitari normativa di riferimento 1 L equipollenza può essere disposta soltanto nei riguardi di corrispondenti

Dettagli

C.F C.M. TEIC83200A. Prot. n. 1170/A3 Teramo, 23 febbraio 2015

C.F C.M. TEIC83200A. Prot. n. 1170/A3 Teramo, 23 febbraio 2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo Istituto Comprensivo Statale TE 3 D Alessandro-Risorgimento 64100 Teramo- Via Aeroporto 2 - Tel. 0861

Dettagli

TITOLI VALUTABILI. Ai titoli eventualmente posseduti verrà attribuito un massimo di 20 punti, secondo i seguenti criteri: Tipologia

TITOLI VALUTABILI. Ai titoli eventualmente posseduti verrà attribuito un massimo di 20 punti, secondo i seguenti criteri: Tipologia Allegato parte integrante ALLEGATO A) TITOLI VALUTABILI Ai titoli eventualmente posseduti verrà attribuito un massimo di 20 punti, secondo i seguenti criteri: Tipologia A TITOLI DI CULTURA (massimo 10

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA Corso di laurea in Scienze dei servizi giuridici pubblici e privati Classe di laurea L-14 DM 270/2004, art. 12 R.D.A. art. 5 RIDD

Dettagli

SELEZIONE PER TITOLI E COLLOQUIO PER IL CONFERIMENTO DI BORSA DI ADDESTRAMENTO PER TECNICI DIPLOMATI DA FORMARE ALL INTERNO DEI PROPRI LABORATORI

SELEZIONE PER TITOLI E COLLOQUIO PER IL CONFERIMENTO DI BORSA DI ADDESTRAMENTO PER TECNICI DIPLOMATI DA FORMARE ALL INTERNO DEI PROPRI LABORATORI Parma, 19 Giugno 2017 Prot. N. 1560 P/AMG/fb SELEZIONE PER TITOLI E COLLOQUIO PER IL CONFERIMENTO DI BORSA DI ADDESTRAMENTO PER TECNICI DIPLOMATI DA FORMARE ALL INTERNO DEI PROPRI LABORATORI Art. 1 Oggetto

Dettagli

Corso di Laurea magistrale a ciclo unico in Architettura Classe: LM-4 c.u. Architettura e ingegneria edile-architettura

Corso di Laurea magistrale a ciclo unico in Architettura Classe: LM-4 c.u. Architettura e ingegneria edile-architettura UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE REGOLAMENTO DIDATTICO Corso di Laurea magistrale a ciclo unico in Architettura Classe: LM-4 c.u. Architettura e ingegneria edile-architettura Art. 1 Finalità 1. Il presente

Dettagli

Responsabile tecnico di tintolavanderia

Responsabile tecnico di tintolavanderia ALLEGATO 3 Standard formativo relativo alla formazione del Responsabile tecnico di tintolavanderia Ai sensi dell art. 2 comma 2, della legge 22 febbraio 2006, n 84 e s.m.i. 1 Standard formativo del corso

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Alessandro Volta N U O R O

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Alessandro Volta N U O R O ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Alessandro Volta I.P.S.I.A. I.P.S.S. I.T.I. I.P.A.S.R. I.T.A. 08100 N U O R O C.F. 80004670917 URL www.iisvoltanuoro.it P.E.O.: nuis014007@istruzione.it; P.E.C.: nuis014007@pec.istruzione.it

Dettagli

Regolamento per la mobilità esterna volontaria

Regolamento per la mobilità esterna volontaria Comune di Ardore Provincia di Reggio Calabria Regolamento per la mobilità esterna volontaria Approvato con deliberazione della Commissione Straordinaria n. 42 del 05/11/2013; Pubblicato all Albo Pretorio

Dettagli

Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione) L.R. 10 Agosto 2006, n. 9 Disposizioni in materia di formazione nell'apprendistato (1) SOMMARIO Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Definizione dei profili formativi Art. 3 Piano Formativo

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROGRESSIONE VERTICALE PRESSO L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE

REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROGRESSIONE VERTICALE PRESSO L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROGRESSIONE VERTICALE PRESSO L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 25.9.2001; 19.7.2006 DECRETO RETTORALE 424/AG dd. 17.10.2001; 1288/2006 dd. 2.8.206

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO IQBAL MASIH dei Comuni di Bientina e Buti (Pisa) Via L. da Vinci, 43-56031 BIENTINA Tel. 0587/757000 fax 0587/754859 e. mail: PIIC815@istruzione.it Prot.n. 227 C/24 Ai docenti interessati

Dettagli

REGIONE VENETO AZIENDA UNITA' LOCALE SOCIO SANITARIA N VERONA AVVISO DI SELEZIONE INTERNA

REGIONE VENETO AZIENDA UNITA' LOCALE SOCIO SANITARIA N VERONA AVVISO DI SELEZIONE INTERNA REGIONE VENETO AZIENDA UNITA' LOCALE SOCIO SANITARIA N. 20 - VERONA N. 14959 di prot. Verona, 9 novembre 2007 AVVISO DI SELEZIONE INTERNA In esecuzione della deliberazione 7.11.2007, n. 560, è indetta

Dettagli

Bando per l attribuzione di contratti di tutorato Rif. Prot. 886 Rep. n. 70/2017 del 12/10/2017

Bando per l attribuzione di contratti di tutorato Rif. Prot. 886 Rep. n. 70/2017 del 12/10/2017 Bando per l attribuzione di contratti di tutorato Rif. Prot. 886 Rep. n. 70/2017 del 12/10/2017 IL PRESIDENTE VISTO l art. 23 co. 2 della L. 240/2010; VISTO il Decreto Rettorale n 418/2011 Regolamento

Dettagli

IL DIRETTORE in esecuzione della determinazione dirigenziale n. 44 del 22/02/2010 RENDE NOTO

IL DIRETTORE in esecuzione della determinazione dirigenziale n. 44 del 22/02/2010 RENDE NOTO BANDO DI MOBILITA ESTERNA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO A TEMPO PIENO E INDETERMINATO DI COLLABORATORE TECNICO, AREA C POSIZIONE ECONOMICA C1 DEL C.C.N.L. COMPARTO ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI UFFICIO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA. Corso di laurea in Economia e Commercio

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA. Corso di laurea in Economia e Commercio UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA Corso di laurea in Economia e Commercio Classe di laurea n. L-33 Scienze economiche DM 270/2004, art. 12 R.D.A. art. 5 RIDD 1 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ ESTERNA VOLONTARIA TRA PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ ESTERNA VOLONTARIA TRA PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ALL. A) Delibera G.C. N. 160/12 REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ ESTERNA VOLONTARIA TRA PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 Attuazione mobilità esterna volontaria individuazione posti da ricoprire 1. La mobilità

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Registro no LXXX Decreto n" 1299 IL RETTORE RICHIAMATI lo Statuto ed il Regolamento di Ateneo; RICHIAMATE le deliberazioni n" 491129119 e n" 478116854 assunte dal Consiglio

Dettagli

COMUNE DI SCIOLZE CITTA METROPOLITANA DI TORINO

COMUNE DI SCIOLZE CITTA METROPOLITANA DI TORINO COMUNE DI SCIOLZE CITTA METROPOLITANA DI TORINO AVVISO DI SELEZIONE PER LA COPERTURA, MEDIANTE PASSAGGIO DIRETTO DI PERSONALE TRA AMMINISTRAZIONI DIVERSE, DI N. 1 POSTO DI CATEGORIA B (Posizione economica

Dettagli

La Commissione prende in esame il bando allegato alla deliberazione di indizione n. 374 del 04/04/2017, rilevando:

La Commissione prende in esame il bando allegato alla deliberazione di indizione n. 374 del 04/04/2017, rilevando: CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA COMMISSIONE RELATIVI ALL AVVISO PUBBLICO, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 BORSA DI STUDIO PER LA FIGURA DI MEDICO SPECIALIZZATO IN EMATOLOGIA NELL AMBITO

Dettagli

REGIONE VENETO AZIENDA UNITA' LOCALE SOCIO SANITARIA N VERONA AVVISO DI SELEZIONE INTERNA

REGIONE VENETO AZIENDA UNITA' LOCALE SOCIO SANITARIA N VERONA AVVISO DI SELEZIONE INTERNA 1 REGIONE VENETO AZIENDA UNITA' LOCALE SOCIO SANITARIA N. 20 - VERONA N. 1661 di prot. Verona, 15 gennaio 2008 AVVISO DI SELEZIONE INTERNA In esecuzione della deliberazione 28.12.2007, n. 715, è indetta

Dettagli

b) anzianità di servizio, calcolata computando 0,5 punti per mese o frazione superiore a giorni 15 di servizio prestato a tempo indeterminato

b) anzianità di servizio, calcolata computando 0,5 punti per mese o frazione superiore a giorni 15 di servizio prestato a tempo indeterminato Anno XLII - N. 14 Speciale (18.02.2011) Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Pag. 23 AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 LANCIANO-VASTO-CHIETI VIA MARTIRI LANCIANESI N. 17/19 66100 CHIETI (CH) Avviso di

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE I CRITERI PER LE PROCEDURE DI MOBILITA ESTERNA ART. 30 D. LGS. 165/01

REGOLAMENTO RECANTE I CRITERI PER LE PROCEDURE DI MOBILITA ESTERNA ART. 30 D. LGS. 165/01 Allegato A alla del. G.C. n. 173 de! 23.12.2010 REGOLAMENTO RECANTE I CRITERI PER LE PROCEDURE DI MOBILITA ESTERNA ART. 30 D. LGS. 165/01 (ARTICOLO 1) AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente regolamento

Dettagli

1. Introduzione. 2. Requisiti per l ammissione al corso

1. Introduzione. 2. Requisiti per l ammissione al corso Requisiti per l accesso, criteri generali per l organizzazione dei corsi e dell'esame e criteri per il riconoscimento dei crediti formativi ai fini della qualificazione di Tecnico installatore e manutentore

Dettagli

Regolamento esami di idoneità ed integrativi

Regolamento esami di idoneità ed integrativi esami di idoneità ed integrativi Cosa sono ESAMI DI IDONEITÀ Sono esami che si sostengono per accedere ad una classe successiva a quella per cui si possiede il titolo di ammissione; riguardano i programmi

Dettagli

Equipollenza a tutti gli effetti di legge del titolo di studio straniero con quello italiano

Equipollenza a tutti gli effetti di legge del titolo di studio straniero con quello italiano Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto UFFICIO VIII - AMBITO TERRITORIALE DI VICENZA Borgo Scroffa, 2 36100 Vicenza Equipollenza a tutti gli

Dettagli

Disposizioni in materia di formazione nell apprendistato. Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Disposizioni in materia di formazione nell apprendistato. Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Disposizioni in materia di formazione nell apprendistato Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione) 1. La presente legge, ai sensi del Titolo VI, Capo I del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276

Dettagli

Regione FVG AVVISO DI ISCRIZIONE AL CORSO PER DIRETTORI DI AZIENDA SANITARIA LOCALE, DI AZIENDA OSPEDALIERA E DI ALTRI ENTI DEL SSN

Regione FVG AVVISO DI ISCRIZIONE AL CORSO PER DIRETTORI DI AZIENDA SANITARIA LOCALE, DI AZIENDA OSPEDALIERA E DI ALTRI ENTI DEL SSN Regione FVG AVVISO DI ISCRIZIONE AL CORSO PER DIRETTORI DI AZIENDA SANITARIA LOCALE, DI AZIENDA OSPEDALIERA E DI ALTRI ENTI DEL SSN (approvato con deliberazione della Giunta provinciale n. 1852 del 30

Dettagli

IL VICEPRESIDENTE EMANA. Il seguente bando di selezione per la copertura del tutorato di cui alle premesse per l a.a. 2016/17.

IL VICEPRESIDENTE EMANA. Il seguente bando di selezione per la copertura del tutorato di cui alle premesse per l a.a. 2016/17. IL VICEPRESIDENTE VISTO l art. 23 co. 2 della L. 240/2010; VISTO il Decreto Rettorale n 418/2011 Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato; VISTE le linee di indirizzo

Dettagli

Provincia di Benevento Servizio Centro Per l Impiego/Sistema Provinciale Informativo Lavoro Benevento

Provincia di Benevento Servizio Centro Per l Impiego/Sistema Provinciale Informativo Lavoro Benevento BANDO DI SELEZIONE Per l ammissione al corso di formazione gratuito OPERATORE DATA ENTRY La Società Editrice Mega s.r.l. in collaborazione con la Scuola di formazione professionale La Tecnica organizza

Dettagli

Regolamento didattico dei Corsi di formazione pre-accademica

Regolamento didattico dei Corsi di formazione pre-accademica Regolamento didattico dei Corsi di formazione pre-accademica Generalità Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle leggi vigenti, delle disposizioni ministeriali e delle direttive dello Statuto

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO TERME VIGLIATORE VIALE DELLE TERME, 5 98050 TERME VIGLIATORE ( ME ) TEL. 090/9781254 Fax 090/9783472 Sito web www.ictermevigliatore.it Codice Meccanografico MEIC85700X C.F. 83001910831

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Daniela Settesoldi Via del Capannone, Vecchiano (PI) C.F

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Daniela Settesoldi Via del Capannone, Vecchiano (PI) C.F ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Daniela Settesoldi C.F. 93044960503 Tel. 050/868444 fax 050/864393 Posta elettronica: piic811002@istruzione.it posta elettronica certificata: piic811002@pec.istruzione.it Sito

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca AOODRLA Registro Ufficiale Prot. n. 21423 - Uscita Circolare n. 2 Roma, 1 luglio 2016 IL DIRETTORE GENERALE la legge 23.12.1998 n.448 art. 26 comma 8 e successive modificazioni; la legge 12.11.2011 n.

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PER LA INDIVIDUAZIONE DI DISPONIBILITA' AL CONFERIMENTO DI EVENTUALI IN- CARICHI PROFESSIONALI PER L ATTIVITA DI TUTORAGGIO E ACCOMPAGNAMEN-

Dettagli

CORSO DI POTENZIAMENTO DI LINGUA TEDESCA LIVELLO B1

CORSO DI POTENZIAMENTO DI LINGUA TEDESCA LIVELLO B1 Unione Europea Fondo Sviluppo Europeo Istituto d Istruzione Secondaria F. de Sanctis Sant Angelo dei Lombardi (AV) Via Boschetto, 1 Tel.08271949144 1949141 fax 08271949142- e-mail avis014008@istruzione.it

Dettagli

CITTA DI RONCADE PROVINCIA DI TREVISO

CITTA DI RONCADE PROVINCIA DI TREVISO CITTA DI RONCADE PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO CONCORSO BORSE DI STUDIO R I S E R V A T E A S T U D E N T I R E S I D E N T I I N C OMU N E D I R O N C A D E Ap p r o v a t o d a l Co n s i g l i o

Dettagli

VALUTAZIONE E ISCRIZIONE NEI REGISTRI PROFESSIONALI REGOLAMENTO GENERALE (Legge 14 gennaio 2013 n. 4)

VALUTAZIONE E ISCRIZIONE NEI REGISTRI PROFESSIONALI REGOLAMENTO GENERALE (Legge 14 gennaio 2013 n. 4) Pagina 2 di 5 1. REQUISITI DI ACCESSO PER L ISCRIZIONE AL REGISTRO 1.1 Scopo e Campo di applicazione 1.2 Riferimenti Normativi La presente procedura descrive le modalità operative previste dall AiFOS per

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. Struttura didattica Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. Struttura didattica Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Struttura didattica Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche VISTA la legge 240/2010 ed in particolare l art.23. AVVISO PROT. N. 526 del 29 giugno

Dettagli

Art. 1. Aree tematiche delle borse di studio

Art. 1. Aree tematiche delle borse di studio BANDO DI CONCORSO PER L ATTRIBUZIONE DI 10 BORSE DI STUDIO A CARATTERE ANNUALE PER RICERCHE SULLA LINGUA E CULTURA DELLA SARDEGNA. ANNUALITA 2007 (L.R. n. 26/1997, art. 15). Art. 1 Aree tematiche delle

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza E istituito presso l Universita degli Studi di Torino, Facolta di Scienze Matematiche, Fisiche

Dettagli

Accreditamento dei Servizi per il Lavoro della Provincia Autonoma di Trento ALLEGATO N. 3

Accreditamento dei Servizi per il Lavoro della Provincia Autonoma di Trento ALLEGATO N. 3 Accreditamento dei Servizi per il Lavoro della Provincia Autonoma di Trento ALLEGATO N. 3 REQUISITI GESTIONALI E PROFESSIONALI PER OTTENERE L ACCREDITAMENTO ALL EROGAZIONE DEI SERVIZI PER IL LAVORO 1 Sommario

Dettagli

Città di Terranova Sappo Minulio Provincia di Reggio Calabria

Città di Terranova Sappo Minulio Provincia di Reggio Calabria Città di Terranova Sappo Minulio Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DELLA BORSA DI STUDIO PER STUDENTI UNIVERSITARI IN MEMORIA DI ROCCO ACCARDO Deliberazione Consiglio Comunale

Dettagli

Avviso di selezione per la partecipazione al progetto di Doppia Laurea per l anno accademico 2016/2017 in Management Engineering e Product-Service

Avviso di selezione per la partecipazione al progetto di Doppia Laurea per l anno accademico 2016/2017 in Management Engineering e Product-Service Avviso di selezione per la partecipazione al progetto di Doppia Laurea per l anno accademico 2016/2017 in Management Engineering e Product-Service System Design. INDICE 1.1 FINALITÀ 1.2 DESTINATARI E REQUISITI

Dettagli

CPIA TERAMO AVVISO PUBBLICO

CPIA TERAMO AVVISO PUBBLICO CPIA TERAMO Centro Provinciale per l Istruzione degli Adulti Via Poliseo De Angelis, 28 64046 MONTORIO AL VOMANO (TE) COD. MECC. TEMM06000G Cod. Fisc.: 92050540670 tel. 0861/591552 3887279168 e-mail :

Dettagli

REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANZARO U.O. GESTIONE RISORSE UMANE

REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANZARO U.O. GESTIONE RISORSE UMANE AVVISO, INTERNO E RISERVATO, DI MOBILITA VOLONTARIA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI TECNICO DELLA PREVENZIONE NELL AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO COORDINATORE, DA ASSEGNARE ALL U.O. DI IGIENE E SANITA

Dettagli

Circ. n. 277 Saronno, 26 aprile 2017

Circ. n. 277 Saronno, 26 aprile 2017 Circ. n. 277 Saronno, 26 aprile 2017 AI DOCENTI AGLI STUDENTI CLASSI 3AFL, CLASSI 3BFM, AL DSGA S E D E OGGETTO: Modalità e calendario prove esami di qualifica IeFP a.s. 2016/17. Vista il decreto n. 4377

Dettagli

Prot. n. Ponte a Egola, 28 novembre 2016 BANDO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL RECLUTAMENTO DI UN ESPERTO DI MUSICOTERAPIA IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Prot. n. Ponte a Egola, 28 novembre 2016 BANDO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL RECLUTAMENTO DI UN ESPERTO DI MUSICOTERAPIA IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prot. n. Ponte a Egola, 28 novembre 2016 BANDO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL RECLUTAMENTO DI UN ESPERTO DI MUSICOTERAPIA IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTO l art.14 c.3 del Regolamento in materia di autonomia

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara SEGRETERIA AREA MEDICA

Università degli Studi di Ferrara SEGRETERIA AREA MEDICA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE AI SENSI DEL DPR 445/2000 PER LA PARTECIPAZIONE AL CONCORSO DI AMMISSIONE AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE Il sottoscritto

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA. Corso di laurea in Mediazione culturale. Classe di laurea L-12

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA. Corso di laurea in Mediazione culturale. Classe di laurea L-12 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA Corso di laurea in Mediazione culturale Classe di laurea L-12 Dipartimento di riferimento: Lingue e Letterature, Comunicazione,

Dettagli

I L R E T T O R E D E C R E TA

I L R E T T O R E D E C R E TA Segreteria Studenti Area didattica Ingegneria I L R E T T O R E VISTI l art.43 dello Statuto dell Università degli Studi di Napoli Federico II gli artt. 2 e 15 del Regolamento didattico di Ateneo emanato

Dettagli

CITTA' DI SAN DANIELE DEL FRIULI PROVINCIA DI UDINE

CITTA' DI SAN DANIELE DEL FRIULI PROVINCIA DI UDINE CITTA' DI SAN DANIELE DEL FRIULI PROVINCIA DI UDINE Via Del Colle, 10-33038 San Daniele del Friuli - p.i. 00453800302 Area Tecnica e Tecnico Manutentiva Servizio Pianificazione Territoriale tel. 0432/946530

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI PER COLLABORAZIONI DI TUTORATO DA IMPIEGARE NEL DIPARTIMENTO/NELLA FACOLTÀ DI NELL A.A.

AVVISO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI PER COLLABORAZIONI DI TUTORATO DA IMPIEGARE NEL DIPARTIMENTO/NELLA FACOLTÀ DI NELL A.A. ALL.1 al Regolamento di tutorato ALL.1/F.A. Bozza Bando Fondi Ateneo AVVISO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI PER COLLABORAZIONI DI TUTORATO DA IMPIEGARE NEL DIPARTIMENTO/NELLA FACOLTÀ DI NELL

Dettagli

REMO BRINDISI Enogastronomia e ospitalità alberghiera Manutenzione e assistenza tecnica

REMO BRINDISI Enogastronomia e ospitalità alberghiera Manutenzione e assistenza tecnica Prot. n.470/07.08 Lido Estensi, 03/02/2017 OGGETTO: Bando di gara per l individuazione di esperti esterni all istituzione Scolastica finalizzata all attuazione del Piano dell Offerta Formativa a.s. 2016/2017.

Dettagli

EQUIPOLLENZE TITOLI DI STUDIO CONSEGUITI ALL ESTERO DA CITTADINI ITALIANI E/O CITTADINI COMUNITARI

EQUIPOLLENZE TITOLI DI STUDIO CONSEGUITI ALL ESTERO DA CITTADINI ITALIANI E/O CITTADINI COMUNITARI EQUIPOLLENZE TITOLI DI STUDIO CONSEGUITI ALL ESTERO DA CITTADINI ITALIANI E/O CITTADINI COMUNITARI INFORMAZIONI UTILI Dove rivolgersi UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE di TRAPANI - Sez. VII NORMATVA DI RIFERIMENTO:

Dettagli

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE BORSE DI STUDIO

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE BORSE DI STUDIO COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE BORSE DI STUDIO Adottato con, e allegato alla, deliberazione C.C. n 14 del 9 aprile 2014 INDICE Art. 1 => Scopo e finanziamento Art. 2 =>

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Corso di laurea magistrale interateneo in Viticoltura, enologia e mercati vitivinicoli (LM-VEM) (in convenzione con Università

Dettagli

AREA AMMINISTRATIVA BANDO UNICO PER L ACCESSO ALLE PROVVIDENZE A FAVORE DEGLI STUDENTI IL RESPONSABILE DELL AREA AMMINISTRATIVA RENDE NOTO

AREA AMMINISTRATIVA BANDO UNICO PER L ACCESSO ALLE PROVVIDENZE A FAVORE DEGLI STUDENTI IL RESPONSABILE DELL AREA AMMINISTRATIVA RENDE NOTO COMUNE DI BUDDUSO Provincia di OLBIA-TEMPIO AREA AMMINISTRATIVA Servizio Pubblica Istruzione tel. 079/7159015 - Fax 079/714371 Piazza Fumu - 07020 Buddusò C.F. 81000470906 - P.IVA 00131450900 E-mail: affarigenerali@comune.budduso.ot.it

Dettagli

1. Un esperienza di formazione per la figura dell operatrice per l infanzia domiciliare;

1. Un esperienza di formazione per la figura dell operatrice per l infanzia domiciliare; Il percorso formativo, gestito congiuntamente dal Comune di Pietrasanta, offre: dalla Cooperativa sociale Co.M.P.A.S.S. e 1. Un esperienza di formazione per la figura dell operatrice per l infanzia domiciliare;

Dettagli

REGIONE ABRUZZO AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE TERAMO

REGIONE ABRUZZO AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE TERAMO Anno XL - N. 45 Speciale (11.11.2009) Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Pag. 11 REGIONE ABRUZZO AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE TERAMO AVVISO PUBBLICO PER L AMMIS- SIONE AI MODULI DI FORMAZIONE

Dettagli

CITTA DI SESTO SAN GIOVANNI SETTORE PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE. Servizio Pianificazione Risorse Umane

CITTA DI SESTO SAN GIOVANNI SETTORE PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE. Servizio Pianificazione Risorse Umane CITTA DI SESTO SAN GIOVANNI Meeddaaggl lli iiaa dd OOr roo aal ll VVaal lloor r Mi iil lli iitaar ree SETTORE PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE Servizio Pianificazione Risorse Umane SELEZIONE PUBBLICA

Dettagli

Bando per il finanziamento di attività di Internazionalizzazione della Didattica Anno Accademico 2016/2017

Bando per il finanziamento di attività di Internazionalizzazione della Didattica Anno Accademico 2016/2017 Bando per il finanziamento di attività di Internazionalizzazione della Didattica Anno Accademico 2016/2017 L Università degli Studi di Padova, nell ambito della propria politica istituzionale finalizzata

Dettagli

Dispositivo Forma.Temp di adeguamento agli Accordi Stato Regioni per la formazione sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Dispositivo Forma.Temp di adeguamento agli Accordi Stato Regioni per la formazione sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Dispositivo Forma.Temp di adeguamento agli Accordi Stato Regioni per la formazione sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Data approvazione CdA 22 Settembre 2016 Data entrata in vigore 26 Ottobre

Dettagli

SOCIETA SUZZARA SERVIZI S.R.L.

SOCIETA SUZZARA SERVIZI S.R.L. SOCIETA SUZZARA SERVIZI S.R.L. AVVISO DI SELEZIONE PER L ASSUNZIONE DI UN FARMACISTA In esecuzione della deliberazione del C.d.A. del 23/12/2008 RENDE NOTO che è indetto una selezione per l assunzione

Dettagli

CRITERI 1. Precedente esperienza come docente esterno, per almeno 90 ore negli ultimi 3 anni, nell area tematica oggetto della docenza.

CRITERI 1. Precedente esperienza come docente esterno, per almeno 90 ore negli ultimi 3 anni, nell area tematica oggetto della docenza. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE DI STATO Umberto I - A L B A Alba e Verzuolo: Tecnico Agrario, Agroalimentare e Agroindustria Fossano e Grinzane C.: Professionale Servizi per l Agricoltura e lo sviluppo

Dettagli

Comitato Regionale Campano. A tutti gli interessati

Comitato Regionale Campano. A tutti gli interessati Comitato Regionale Campano A tutti gli interessati Oggetto: Corso per Aspirante tecnico + Istruttore anno 2015. Si comunica che è possibile presentare domanda di partecipazione ai corsi di formazione di

Dettagli

Attività Acconciatore / Estetista

Attività Acconciatore / Estetista Attività Acconciatore / Estetista (Legge n. 161/1963 Legge 1/1990 -Legge n. 174/2005-Dlgs 59/2010 e Circolare Regionale n. 86316 del 21-12-2012) (IN POSSESSO DELLA QUALIFICA PROFESSIONALE RILASCIATA DALLA

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE SOCIALE MAGLIE <<<<<>>>>>

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE SOCIALE MAGLIE <<<<<>>>>> ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE SOCIALE MAGLIE AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI MEDIATORI FAMILIARI IL RESPONSABILE DELL UFFICIO DI PIANO RENDE NOTO A. Oggetto E indetta,

Dettagli

Parte prima: Laureati in medicina e chirurgia e odontoiatria

Parte prima: Laureati in medicina e chirurgia e odontoiatria 1 di 5 10/03/2008 18.32 Leggi Regionali d'italia Toscana Delib.G.R. 28-1-2008 n. 49 Modalità di esercizio delle Medicine Complementari da parte dei Medici e Odontoiatri, dei Medici Veterinari e dei Farmacisti.

Dettagli

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Criteri e modalità di selezione Criteri autonomi di selezione dell ente presentati ed approvati unitamente al progetto Le procedure di selezione dei candidati utilizzera strumenti

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA DEI SISTEMI PRODUTTIVI. Titolo I. Finalità e ordinamento didattico. Art. 1 - Finalità

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA DEI SISTEMI PRODUTTIVI. Titolo I. Finalità e ordinamento didattico. Art. 1 - Finalità CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA DEI SISTEMI PRODUTTIVI REGOLAMENTO DIDATTICO Titolo I Finalità e ordinamento didattico Art. 1 - Finalità 1. Il Corso di Laurea Specialistica in Economia dei sistemi

Dettagli

COMUNE DI CARMIANO. Provincia di Lecce. Tel. 0832/ Fax 0832/602178

COMUNE DI CARMIANO. Provincia di Lecce. Tel. 0832/ Fax 0832/602178 Prot. n. 11441 del 29.09.2017 COMUNE DI CARMIANO Provincia di Lecce Tel. 0832/600111 Fax 0832/602178 Avviso Pubblico per la selezione di professionisti finalizzata all affidamento di n. 1 incarico professionale

Dettagli

REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANZARO U.O. GESTIONE RISORSE UMANE

REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANZARO U.O. GESTIONE RISORSE UMANE AVVISO, INTERNO E RISERVATO, DI MOBILITA VOLONTARIA, PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI DIRIGENTE MEDICO NELLA DISCIPLINA DI ANESTESIA E RIANIMAZIONE, DA ASSEGNARE AL PRESIDIO OSPEDALIERO DI SOVERIA MANNELLI.

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE Avvertenze per i concorrenti SEZIONE A. 1) La domanda e la documentazione devono essere presentate esclusivamente nel seguente modo: - spedite a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento a: Istituto

Dettagli

Art. 1 - Oggetto del contratto

Art. 1 - Oggetto del contratto AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER LE ESIGENZE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE VISTO l art. 32 del D.L. 223/06; VISTO il

Dettagli

POLITECNICO DI BARI Gestione Risorse e Servizi Istituzionali Settore Segreterie e Servizi agli Studenti Ufficio Tasse e Diritto allo Studio

POLITECNICO DI BARI Gestione Risorse e Servizi Istituzionali Settore Segreterie e Servizi agli Studenti Ufficio Tasse e Diritto allo Studio POLITECNICO DI BARI Gestione Risorse e Servizi Istituzionali Settore Segreterie e Servizi agli Studenti Ufficio Tasse e Diritto allo Studio D.R. n 287 VISTO lo Statuto del Politecnico di Bari emanato con

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Direzione Generale Ufficio VII

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Direzione Generale Ufficio VII Prot. n. 2132/P/C2 2007 Torino, 1 marzo IL DIRETTORE GENERALE VISTO l art. 456 del D.L.vo 297/94; VISTA la legge 23.12.1998 n. 448, art. 26 comma 8; VISTO VISTO VISTA il Decreto Interministeriale n. 30

Dettagli

Si comunica che sono riaperti i termini per la presentazione delle domande di partecipazione alla Selezione di cui all oggetto.

Si comunica che sono riaperti i termini per la presentazione delle domande di partecipazione alla Selezione di cui all oggetto. RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA SELEZIONE RELATIVA ALLA FORMAZIONE DI UN ELENCO DI CANDIDATI IDONEI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA IN AMBITO GIURIDICO-AMMINISTRATIVO. Si comunica che sono riaperti i termini

Dettagli

Al signor SINDACO del Comune di. legale rappresentante della Società... p r e m e s s o c h e

Al signor SINDACO del Comune di. legale rappresentante della Società... p r e m e s s o c h e giunta regionale Da presentarsi preventivamente alla sostituzione del responsabile tecnico. Prima di consegnare il modulo, munirsi di fotocopia da far timbrare per ricevuta dall Ufficio Protocollo e conservare

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria Meccanica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria Meccanica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Corso di laurea magistrale in Ingegneria Meccanica Classe di laurea magistrale n. LM-33 (Ingegneria meccanica) Dipartimento

Dettagli

Prot. n. 3958/E4 Gorizia, 12 agosto 2013

Prot. n. 3958/E4 Gorizia, 12 agosto 2013 ISTITUTO SUPERIORE D ISTRUZIONE STATALE DANTE ALIGHIERI - GORIZIA Viale XX Settembre, 11 34170 Gorizia tel 0481 530062 fax 0481 530061 e-mail:gois001006@istruzione.it info@isisalighieri.go.it Sezioni associate:

Dettagli

COMUNE DI MONTESPERTOLI U F F I C I O R I S O R S E U M A N E

COMUNE DI MONTESPERTOLI U F F I C I O R I S O R S E U M A N E AVVISO ESPLORATIVO DI MOBILITA ESTERNA PER LA N. 1 POSTO DI TECNICO SPECIALIZZATO CONDUTTORE MACCHINE COMPLESSE (autista scuolabus) - CAT. GIURIDICA B3, SETTORE LAVORI PUBBLICI TRASPORTO SCOLASTICO - LA

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO

REGOLAMENTO OPERATIVO REGOLAMENTO OPERATIVO LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE AL REGISTRO PUBBLICO DEGLI ASSISTENTI FAMILIARI DELL ENTE DI AMBITO SOCIALE DI SULMONA E VALLE PELIGNA 1 INDICE 1. Definizione e finalità... 3 2. Soggetti

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE OPERATORI DI ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO

BANDO DI SELEZIONE OPERATORI DI ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO BANDO DI SELEZIONE OPERATORI DI ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO (CONDUCENTE AUTOBUS DI LINEA) Art. 1. Mansione lavorativa e natura del contratto. L A.P.M. S.p.A. seleziona candidati per assunzioni a tempo

Dettagli

ALL ALBO AL SITO WEB DI ISTITUTO

ALL ALBO AL SITO WEB DI ISTITUTO SCUOLA SECONDARIA STATALE 1 GRADO Ad Indirizzo Musicale F. SOLIMENA C.so B. Buozzi, 55-80147 Napoli Tel. / Fax 081 5723405 49 Distr. Sc. -Cod. Mecc. NAMM098004 - - Cod. Fisc. 80065530638 E Mail: NAMM098004@istruzione.it

Dettagli

BANDO. Gli aspiranti che avranno fatto pervenire le domande oltre i termini suindicati non saranno ammessi alle procedure selettive.

BANDO. Gli aspiranti che avranno fatto pervenire le domande oltre i termini suindicati non saranno ammessi alle procedure selettive. BANDO Selezione pubblica per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per n 1 educatore professionale e n. 1 animatore socio - culturale Si rende noto che, in attuazione

Dettagli

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO Provincia di Reggio Calabria

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO Provincia di Reggio Calabria COMUNE DI MONTEBELLO JONICO Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA MOBILITA VOLONTARIA ARTICOLO 1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente regolamento riguarda i criteri e le modalità per

Dettagli

Scadenza :

Scadenza : Scadenza : 02.10.2017 AVVISO per il conferimento di incarico dirigenziale di durata triennale - area dirigenza medica e veterinaria di Responsabile della Struttura Semplice Rianimazione all interno della

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE E METODI DELL INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE E METODI DELL INGEGNERIA Struttura didattica: INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA AVVISO VISTA la legge 240/2010 e in particolare l art. 23; VISTO il Regolamento di Ateneo per il conferimento degli incarichi di docenza nei corsi

Dettagli