Corso Sviluppatore servizi per il Web (WCF) Lezione 01

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso Sviluppatore servizi per il Web (WCF) Lezione 01"

Transcript

1 01 Introduzione Introduzione alla tecnologia WCF Premessa Il corso su WCF di cui state leggendo la prima lezione, vi guiderà alla scoperta di questa nuova tecnologia introdotta da Microsoft per venire incontro alle esigenze dei moderni sviluppatori software i quali si ritrovano sempre più spesso a dover sviluppare applicazioni orientate ai servizi, ovvero applicazioni che hanno necessità di comunicare con altre applicazioni in maniera distribuita. WCF, acronimo di Windows Communication Foundation, uno dei nuovi framework introdotti con la versione 3.0 del.net Framework, consente lo sviluppo di applicazioni e servizi che comunicano tra loro anche attraverso reti distribuite lasciando però allo stesso tempo la piena libertà al programmatore di ridefinire ogni aspetto di questo scenario. Nelle prossime lezioni conosceremo quindi questa nuova tecnologia e come essa ci permetta di implementare, anche abbastanza facilmente, applicazioni orientate ai servizi (SOA). Questo corso è rivolto a tutti coloro che già sviluppano in.net e desiderano approfondire la conoscenza di Windows Communication Foundation per realizzare applicazioni innovative. E richiesta ovviamente una conoscenza anche solo di base del.net Framework in generale ed uno tra i due linguaggi principali del Framework, C# o VB.NET. Per questioni di spazio però, gli esempi proposti nelle lezioni saranno scritti solo nel linguaggio C# in quanto l implementazione dei concetti che affronteremo non è molto differente tra un linguaggio e l altro. Tutti gli esempi faranno uso dell ambiente di sviluppo Microsoft Visual Web Developer 2008 Express Edition oppure di Microsoft Visual C# 2008 Express Edition a seconda degli specifici esempi che verranno proposti. Gianni Malanga - Merlin Wizard DMC 2009 Tutti i diritti riservati 1

2 Ovviamente l ambiente di sviluppo più idoneo per sviluppare in WCF ed usufruire di tutte le sue funzionalità è Visual Studio 2008 nella sua versione completa (Standard o Professional) ma anche con le versioni Express è possibile ugualmente realizzare delle applicazioni complete. Nelle successive lezioni vedremo come installare questi prodotti. Obiettivo finale di questo corso è quindi quello di permettervi di acquisire una buona conoscenza della tecnologia WCF anche dal punto di vista teorico e di poterla utilizzare attivamente nel vostro lavoro quotidiano. Le origini di WCF Windows Communication Foundation, meglio conosciuta come WCF, è una tecnologia presentata per la prima volta da Microsoft alla Professional Developer Conference (PDC) del 2003 sotto il nome in codice di Indigo. WCF nasce come evoluzione delle precedenti tecnologie rivolte allo sviluppo di applicazioni SOA, Service-Oriented Architecture, quali.asmx Web Services,.NET Remoting,.NET Enterprise Services e Web Service Enhancements (WSE). Queste tecnologie sono state quindi assorbite da un unico framework che ne riunisce le potenzialità ma soprattutto semplifica il modello di programmazione unificandolo e rendendo quindi di conseguenza molto semplice passare da una tecnologia (o protocollo) all altra senza alcuno sforzo. Come abbiamo detto, WCF consente lo sviluppo di applicazioni SOA, ma quali sono le caratteristiche di questa categoria di applicazioni? Per SOA si intende una architettura basata sull implementazione o la fruizione di servizi e si basa su quattro principi fondamentali: Confini Espliciti: la tecnologia ed il linguaggio utilizzati per l implementazione del servizio sono noti solo al servizio stesso mentre all esterno non vengono esposte caratteristiche od informazioni che sono irrilevanti al fine della fruizione del servizio. Servizi Autonomi: il servizio deve poter essere eseguito e modificato senza per questo influire sui client che lo utilizzano. Detto in altre parole, il servizio non deve dipendere da caratteristiche del client e non deve modificare, in seguito a modifiche ed aggiornamenti, il modo in cui questi lo richiamano. I Servizi espongono solo contratti o schemi: il servizio deve esporre ai client solo schemi e contratti utili alla sua fruizione che non devono in alcun modo dipendere dalla specifica tecnologia utilizzata per la sua implementazione. Questo significa che il servizio non deve mai esporre tipi o classi specifiche del linguaggio di programmazione utilizzato per realizzarlo. Gianni Malanga - Merlin Wizard DMC 2009 Tutti i diritti riservati 2

3 Compatibilità basata su regole prestabilite: le regole di comunicazione tra i servizi ed i loro client sono prestabilite e non possono essere modificate arbitrariamente dopo la loro prima pubblicazione. L architettura di WCF WCF è quindi un Framework che racchiude tutti i pregi delle precedenti tecnologie nate per lo sviluppo service oriented ed a questi vi aggiunge la facilità di implementazione oltre alla estrema versatilità di utilizzo. Le altre tecnologie, comunque, non vengono sostituite da WCF ma a questo vi si affiancano per consentire allo sviluppatore la scelta della tecnologia di volta in volta più opportuna per lo sviluppo della specifica applicazione che si intende realizzare. WCF introduce diversi nuovi concetti che è necessario conoscere prima di poter iniziare a sviluppare e che vedremo dettagliatamente nel corso delle prossime lezioni. Per sviluppare servizi WCF non è necessario dover conoscere nuovi strumenti in quanto tutto può essere fatto utilizzando i classici strumenti e linguaggi di programmazione che già conosciamo. Questa è una caratteristiche di tutti i componenti del.net Framework e come tale, anche WCF, si avvantaggia di questa importante caratteristica. L architettura di WCF si basa sui servizi ed in particolare sui messaggi che questi servizi permettono di scambiare. A grandi linee i componenti fondamentali di WCF sono quindi il messaggio, il mittente ed il destinatario. A questi componenti si affiancano i corrispondenti Layer che ospitano tutte le funzionalità e le classi necessarie alla gestione di ciascun momento della comunicazione. I layer sono: Contracts Layer Service Model Layer Messaging Layer Hosting Layer Questa separazione di WCF in layer consente di mantenere ben separati i vari strati preposti alla gestione della comunicazione tra il servizio ed i suoi client. In questo modo è possibile variare il comportamento di ciascun layer od anche sostituirlo completamente con uno differente, senza per questo intaccare il comportamento degli altri layer che difatti continueranno a fare il loro lavoro. Gianni Malanga - Merlin Wizard DMC 2009 Tutti i diritti riservati 3

4 Vediamo quindi uno schema che illustra i componenti fondamentali dell architettura di WCF: Figura 1 Il Service Model Layer, rappresentato dal Service runtime, è lo strato preposto al controllo del messaggio ed al suo adattamento alle esigenze dello specifico servizio che si sta realizzando. E il layer più vicino allo strato Contract e per questo motivo è anche uno degli strati più utilizzati. Il Service runtime si occupa della gestione degli errori (Error Behavior), della transazione (Transaction Behavior) della concorrenza (Concurrency Behavior) e di numerosi altri importanti aspetti relativi al rapporto tra il messaggio (Messaging Layer) ed il contratto (Contract Layer). Nello specifico, nello strato Service Layer si fa uso dei Behavior, ovvero di particolari componenti totalmente personalizzabili dallo sviluppatore che permettono di eseguire i compiti più disparati e che sono il vero cuore dello strato Service. Vedremo i Behavior più approfonditamente nelle prossime lezioni, evidenziamo ora solo una particolare caratteristica di questi componenti, ovvero il fatto di essere dissociati totalmente dal contratto che il servizio stipula con i suoi client. Gianni Malanga - Merlin Wizard DMC 2009 Tutti i diritti riservati 4

5 Un behavior infatti può essere implementato lato server e non necessariamente deve essere conosciuto anche dal client. Il Messaging Layer è ovviamente il layer più importante di tutta l architettura WCF, in quanto proprio in questo layer viene implementata la gestione dei messaggi che il servizio trasporta. Componenti fondamentali di questo strato sono i Channel, ovvero quei componenti che utilizzano i protocolli di comunicazione, quali ad esempio HTTP o Named Pipe per consentire il trasporto dei messaggi ed il loro adattamento in base allo specifico channel prescelto. Altro compito fondamentale dei channel, è quello di eseguire l encoding del messaggio in differenti formati sulla base delle scelte dello sviluppatore e quindi ad esempio in formato binario, testo, XML, e così via. I Channel si suddividono in tre categorie denominate Channel Shapes: Protocols Encoders Transports I Channel di tipo Protocols, si occupano della trasformazione del messaggio in un formato idoneo per l utilizzo con i diversi protocolli disponibili. Gli Encoders invece codificano il messaggio sulla base delle impostazioni definite dallo sviluppatore per il servizio, ed infine i channel di tipo Transports che invece trasformano il messaggio in un formato idoneo allo specifico protocollo di trasporto prescelto (HTTP, Named Pipe, Tcp, ecc). L Hosting Layer (nello schema Activation and Hosting) è lo strato del servizio WCF che si occupa di dare ospitalità al servizio. In questo strato troviamo l ambiente di esecuzione del servizio che ad esempio potrebbe essere rappresentato da uno degli host più comuni per un servizio WCF, IIS (Internet Information Services). Oltre ad IIS troviamo però, dalla sua versione 7.0 in poi, anche un nuovo host realizzato appositamente per WCF, denominato WAS (Windows Activation Services), il quale consente anche di utilizzare sotto IIS, protocolli differenti dal protocollo HTTP. Lo strato Contract è l unico strato che ha un rapporto diretto con l applicazione o client ed è lo strato a cui perviene il lavoro svolto dai tre strati inferiori. In WCF per contratto, si intende cosa offre il servizio e quali sono le regole che i client devono rispettare per poterne usufruire. Gianni Malanga - Merlin Wizard DMC 2009 Tutti i diritti riservati 5

6 Non vi è un solo tipo di contratto in WCF ma vi sono cinque tipologie ben definite di possibili contratti che un servizio WCF può esporre ai suoi client: Service Contract Data Contract Message Contract Fault Contract Callback Contract Il Service Contract è il contratto tipico di un servizio WCF che definisce le funzionalità del servizio, i parametri da passare e da ricevere e le modalità di fruizione. I parametri definiti in un Service Contract sono rappresentati dai tipi semplici del.net Framework, quindi nel momento in cui questi tipi semplici non sono più sufficienti per gli scopi del servizio e si ha la necessità di utilizzare tipi custom più complessi, allora è possibile realizzare un Data Contract, che definisce appunto i tipi custom che si intende utilizzare per lo scambio di dati da e verso il servizio. Se oltre alle informazioni strettamente necessarie alla specifica operazione che il servizio deve compiere, si ha anche la necessità di scambiare dati accessori che quindi non fanno parte della singola funzionalità ma servono al contesto di esecuzione del servizio, allora possiamo implementare un Message Contract che ci permette appunto di gestire informazioni generiche relative al servizio in se e non alla specifica operazione. Quando abbiamo la necessità di gestire le eccezioni, possiamo invece far uso di un Fault Contract per definire anche in caso di errori, quale convenzione utilizzare per comunicarlo al client. Questo tipo di contratto non è obbligatorio ma ci consente comunque di mantenere un maggior controllo sul nostro servizio. Infine un Callback Contract è un contratto molto particolare che, implementato sul client invece che sul server, permette in un preciso momento di invertire i ruoli e consentire quindi al server di contattare il client per comunicargli informazioni particolari. Vedremo più dettagliatamente ognuna di queste tipologie di contratti nelle prossime lezioni, insieme, ovviamente, anche ad esempi di codice per chiarire meglio le idee. Chiudiamo questa prima lezione su WCF accennando al ruolo importante che rivestono gli Attributi del.net Framework nella realizzazione di servizi WCF. Gianni Malanga - Merlin Wizard DMC 2009 Tutti i diritti riservati 6

7 Un Attributo.NET è una particolare classe che possiamo utilizzare per decorare una qualsiasi altra classe e più in generale, tipo, del.net Framework per specializzarne ulteriormente il comportamento o per impostarne specifiche proprietà. Gli attributi più comunemente utilizzati in WCF sono ServiceContractAttribute e OperationContractAttribute, utilizzati rispettivamente per definire come servizio una classe od una interfaccia e per definire come operation alcuni suoi metodi. Se consideriamo che il tipo più idoneo alla definizione di un servizio WCF è una interfaccia, possiamo definire una interfaccia come servizio ed un suo membro come operation nel seguente modo: [ServiceContract()] public interface IMyService { [OperationContract()] string GetAddress( string customername); } Anche se ridotto all osso, queste righe di codice definiscono un servizio WCF che ovviamente, essendo rappresentato da una interface, dovrà essere implementato da una classe per poter essere utilizzato da un client, operazione che vedremo nelle prossime lezioni del corso. Gianni Malanga - Merlin Wizard DMC 2009 Tutti i diritti riservati 7

ProgettAzione V anno Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni

ProgettAzione V anno Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni Web service Hello world con Visual Studio 2012 Si tratta di un semplice esempio di web service, infatti come tutti I programmi

Dettagli

Una novità di Microsoft per il lancio sul mercato di Microsoft Visual Studio 2005 è stata quella sia

Una novità di Microsoft per il lancio sul mercato di Microsoft Visual Studio 2005 è stata quella sia STRUMENTI DI APPROCCIO PER IL CORSO VISUAL BASIC 2005 Versione Express Edition Premessa Versioni Express Edition di Visual Studio 2005 Una novità di Microsoft per il lancio sul mercato di Microsoft Visual

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Progettazione e sviluppo di una composizione di servizi web

Progettazione e sviluppo di una composizione di servizi web Progettazione e sviluppo di una composizione di servizi web Progetto di Tecnologie dei Servizi I Alessandro Marrandino Matr. 739695 Sommario In questo documento è descritto il lavoro svolto per realizzare

Dettagli

Abilitazione all esercizio della professione di Ingegnere.

Abilitazione all esercizio della professione di Ingegnere. INFORMAZIONI PERSONALI Nome STRAMAGLIA VINCENZO Indirizzo Via XXV Luglio, 45 00048, Nettuno (RM) Telefono 340 71.46.256 E-mail vincenzo.stramaglia@gmail.com Partita I.V.A. 049 83 93 1009 Nazionalità Italiana

Dettagli

Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard

Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard Architettura ABSCARD Pagina 1 di 13 INDICE GENERALE 1 Architettura...3 1.1 Introduzione...3 1.1.1 Sicurezza...4 1.1.2 Gestione...5 1.1.3 ABScard

Dettagli

2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati

2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati 2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati Sommario COME INSTALLARE STR VISION CPM... 3 Concetti base dell installazione Azienda... 4 Avvio installazione... 4 Scelta del tipo Installazione... 5 INSTALLAZIONE

Dettagli

E.S.B. Enterprise Service Bus ALLEGATO C11

E.S.B. Enterprise Service Bus ALLEGATO C11 E.S.B. Enterprise Service Bus ALLEGATO C11 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

LBINT. http://www.liveboxcloud.com

LBINT. http://www.liveboxcloud.com 2014 LBINT http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di commerciabilità

Dettagli

Il web server Apache Lezione n. 3. Introduzione

Il web server Apache Lezione n. 3. Introduzione Procurarsi ed installare il web server Apache Introduzione In questa lezione cominciamo a fare un po di pratica facendo una serie di operazioni preliminari, necessarie per iniziare a lavorare. In particolar

Dettagli

Corso basi di dati Introduzione alle ASP

Corso basi di dati Introduzione alle ASP Corso basi di dati Introduzione alle ASP Gianluca Di Tomassi Email: ditomass@dia.uniroma3.it Università di Roma Tre Web statico e Web interattivo In principio il Web era una semplice collezione di pagine

Dettagli

Ambienti di programmazione.net Lezione n. 1

Ambienti di programmazione.net Lezione n. 1 Il Framework Redistribuitable Package e il Framework Sdk (Software Development Kit) 1.1 Italian Presentazione del corso Con l avvento della piattaforma applicativa.net Microsoft è riuscita a portare un

Dettagli

Visual basic base Lezione 01. L'ambiente di sviluppo

Visual basic base Lezione 01. L'ambiente di sviluppo L'ambiente di sviluppo L'ambiente di sviluppo Visual basic è un linguaggio di programmazione Microsoft. In questo corso prenderemo in considerazione, l'ultima versione. net di questo linguaggio. Microsoft

Dettagli

UBIQUITY 6 e Server. Il documento descrive le novità introdotte con la versione 6 della piattaforma software ASEM Ubiquity.

UBIQUITY 6 e Server. Il documento descrive le novità introdotte con la versione 6 della piattaforma software ASEM Ubiquity. UBIQUITY 6 e Server Privato Introduzione Il documento descrive le novità introdotte con la versione 6 della piattaforma software ASEM Ubiquity. Versione Descrizione Data 1 Prima emissione 21/06/2015 Disclaimer

Dettagli

Andrea Maioli Instant Developer: guida all uso

Andrea Maioli Instant Developer: guida all uso Andrea Maioli Instant Developer: guida all uso 11.8 L editor di temi grafici A partire dalla versione 11.5, Instant Developer contiene uno strumento di aiuto alla personalizzazione dei temi grafici e degli

Dettagli

Corso su LINQ Lezione 16. Introduzione

Corso su LINQ Lezione 16. Introduzione LINQ to SQL Introduzione Con questa lezione introduciamo il flavor LINQ to SQL. Dopo aver visto quindi tutte le funzionalità e gli operatori di LINQ to Object, affronteremo ora la tematica riguardante

Dettagli

Appl. di emissione PKCS#11. API (Metacomandi) Resource Manager Windows. Drivers PC/SC dei lettori

Appl. di emissione PKCS#11. API (Metacomandi) Resource Manager Windows. Drivers PC/SC dei lettori Roma, 30 gennaio 2003 La realtà della carta di identità elettronica (nel seguito CIE) e della carta nazionale dei servizi (nel seguito CNS) rende ineluttabile l individuazione di servizi da erogare in

Dettagli

SERVICE MANAGER. Architettura Client-Server e Web based di Servizi Specializzati per la Gestione di Periferiche e Connettività

SERVICE MANAGER. Architettura Client-Server e Web based di Servizi Specializzati per la Gestione di Periferiche e Connettività SERVICE MANAGER Architettura Client-Server e Web based di Servizi Specializzati per la Gestione di Periferiche e Connettività è il prodotto di Regulus che permette un accesso generalizzato ad alto livello

Dettagli

Descrizione generale. Architettura del sistema

Descrizione generale. Architettura del sistema Descrizione generale Sister.Net nasce dall esigenza di avere un sistema generale di Cooperazione Applicativa tra Enti nel settore dell Informazione Geografica che consenta la realizzazione progressiva

Dettagli

Costruire il futuro il valore delle scelte tecnologiche

Costruire il futuro il valore delle scelte tecnologiche Franco Lenzi Costruire il futuro il valore delle scelte tecnologiche 7 e 8 maggio 2010, Venezia, Hotel Hilton Molino Stucky 1 La strategia tecnologica Gli obiettivi espressi dalle scelta di strategia e

Dettagli

E 2 T 2 ENTERPRISE ENGINE FOR TROUBLE TICKETING

E 2 T 2 ENTERPRISE ENGINE FOR TROUBLE TICKETING E 2 T 2 ENTERPRISE ENGINE FOR TROUBLE TICKETING Cluster Reply ha sviluppato un framework software basato sulla tecnologia Microsoft SharePoint 2007 (MOSS 2007) che, sfruttando alcune funzionalità native

Dettagli

DA DEFINIRE Sede del corso: Presso GI Formazione in Piazza IV novembre 5, Milano Orari dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.

DA DEFINIRE Sede del corso: Presso GI Formazione in Piazza IV novembre 5, Milano Orari dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18. PERIODO : DA DEFINIRE Sede del corso: Presso GI Formazione in Piazza IV novembre 5, Milano Orari dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00 A CHI E RIVOLTO IL CORSO Questo progetto si rivolge a tutti

Dettagli

REGIONE BASILICATA UFFICIO S. I. R. S.

REGIONE BASILICATA UFFICIO S. I. R. S. UFFICIO S. I. R. S. MANUALE DI INSTALLAZIONE Fornitore: Cooperativa EDP LA TRACCIA Prodotto: SIC Sistema Informativo Contabile C.I.G./C.U.P.: - APPROVAZIONI Data Autore Redatto : 30.03.2011 Lobefaro Angelo

Dettagli

Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service

Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service Corso di Sistemi Distribuiti Stefano Iannucci iannucci@ing.uniroma2.it Anno

Dettagli

Sharp Remote Device Manager Guida all'installazione del software

Sharp Remote Device Manager Guida all'installazione del software Sharp Remote Device Manager Guida all'installazione del software La presente guida spiega come installare il software necessario per utilizzare Sharp Remote Device Manager (nel seguito della presente guida

Dettagli

Standard Tecnologici Regione Basilicata ALLEGATO C03

Standard Tecnologici Regione Basilicata ALLEGATO C03 Standard Tecnologici Regione Basilicata ALLEGATO C03 UFFICIO S. I. R. S. Standard Tecnologici ver. 2.1 ultimo agg.: 06/06/2012 CONTROLLO DEL DOCUMENTO Data APPROVAZIONI Autore Redatto da: 27/05/2012 Dott.

Dettagli

DOCUMENT & PROCESS MANAGEMENT

DOCUMENT & PROCESS MANAGEMENT DOCUMENT & PROCESS MANAGEMENT Soluzione rivolta a tutte le aziende che generano, validano, trasmettono documenti MCI DOC Soluzione di Document Management creata per archiviare, gestire, ritrovare, proteggere

Dettagli

TECNICO INFORMATICO SOFTWARE

TECNICO INFORMATICO SOFTWARE Programma Operativo Fondo Sociale Europeo- Regione Liguria 2014-2020 ASSE 1 Occupazione - ASSE 3 Istruzione e formazione ATI - IlGolfoFaRete "...per produrre&gestire..." Ente capofila/realizzatore: Partner:

Dettagli

LE STAMPANTI PREINSTALLATE

LE STAMPANTI PREINSTALLATE LE STAMPANTI E LE E-MAIL In Mexal Express, sono preinstallate delle stampanti che permettono di riprodurre ogni tipo di stampa eseguita dal programma. Se ne possono però inserire altre o modificare quelle

Dettagli

Agenda. Checosafaun XML Web Service? Cos è XML Web Service?

Agenda. Checosafaun XML Web Service? Cos è XML Web Service? Agenda Introduzione ai Web Services, Service-Oriented Architecture (SOA) e Windows Communication Foundation (beta) Introduzione ai Web Services Cos è un XML Web service? Progettazione di un Web Service

Dettagli

Come Installare SQL Server 2008 R2 Express Edition With Tools

Come Installare SQL Server 2008 R2 Express Edition With Tools Come Installare SQL Server 2008 R2 Express Edition With Tools Circolare CT-1010-0087, del 28/10/2010. Come Installare SQL Server 2008 R2 Express Edition sul server... 2 Introduzione... 2 Installazione

Dettagli

In questo articolo vengono analizzati alcuni scenari

In questo articolo vengono analizzati alcuni scenari Gestione di una coda di mail in architettura SOA con WCF L invio di email è una funzionalità molto diffusa nelle applicazioni moderne e la gestione di più applicazioni che devono inviare email è una condizione

Dettagli

Installazione e caratteristiche generali 1

Installazione e caratteristiche generali 1 Installazione e caratteristiche generali 1 Introduzione SIGLA Ultimate e SIGLA Start Edition possono essere utilizzati solo se sono soddisfatti i seguenti prerequisiti: Microsoft.Net Framework 3.5 (consigliato

Dettagli

Novità di Visual Studio 2008

Novità di Visual Studio 2008 Guida al prodotto Novità di Visual Studio 2008 Introduzione al sistema di sviluppo di Visual Studio Visual Studio Team System 2008 Visual Studio Team System 2008 Team Foundation Server Visual Studio Team

Dettagli

MAX DOLGICER SOI. (Service Oriented Integration) CONCETTI, TECNOLOGIE E BEST PRACTICES

MAX DOLGICER SOI. (Service Oriented Integration) CONCETTI, TECNOLOGIE E BEST PRACTICES LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER SOI (Service Oriented Integration) CONCETTI, TECNOLOGIE E BEST PRACTICES ROMA 27-29 MAGGIO 2009 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it

Dettagli

BizTalk server fa parte dell offerta di Microsoft per la grande azienda.

BizTalk server fa parte dell offerta di Microsoft per la grande azienda. Web Service Dopo le applicazioni desktop e quelle per Internet, i servizi Web sono la terza componente essenziale delle applicazioni.net. I Web Service sono una nuova tecnologia che permette la realizzazione

Dettagli

Virtualizzazione e Macchine Virtuali

Virtualizzazione e Macchine Virtuali Virtualizzazione e Macchine Virtuali Gabriele D Angelo, Ludovico Gardenghi {gda, garden}@cs.unibo.it http://www.cs.unibo.it/~gdangelo/ http://www.cs.unibo.it/~gardengl/ Università di Bologna Corso di Laurea

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Corso di Applicazioni Telematiche Lezione n.1 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Obiettivi del corso Supporti didattici Modalità d esame Panoramica

Dettagli

DNNCenter. Installazione standard di DotNetNuke 5. per Windows Vista. Installazione Standard DotNetNuke 5 per Windows Vista

DNNCenter. Installazione standard di DotNetNuke 5. per Windows Vista. Installazione Standard DotNetNuke 5 per Windows Vista DNNCenter Installazione standard di DotNetNuke 5 per Windows Vista Copyright OPSI Srl www.opsi.it Pag. 1 of 28 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1. Pre-requisiti... 3 2. DOWNLOAD DOTNETNUKE... 4 2.1. Download

Dettagli

1 di 17 14-01-2009 18:14

1 di 17 14-01-2009 18:14 14 gen 2009 Stampa articolo 48 Commenti [Modifica] Corso interattivo di programmazione per iphone: I Lezione Corso Inglese Online Facile, Rapido e Divertente Corso a distanza. Provalo Gratis! ABAEnglish.com

Dettagli

MODEL-VIEW-CONTROLLER PROBLEMA

MODEL-VIEW-CONTROLLER PROBLEMA MODEL VIEW CONTROLLER DESIGN PATTERN MODEL-VIEW-CONTROLLER INGEGNERIA DEL SOFTWARE Università degli Studi di Padova Dipartimento di Matematica Corso di Laurea in Informatica, A.A. 2013 2014 rcardin@math.unipd.it

Dettagli

INFN Security Workshop Firenze 19-20 Settembre 2000. IMHO e IMP: una interfaccia Web sicura per la posta elettronica. Raffaele.Cicchese@pr.infn.

INFN Security Workshop Firenze 19-20 Settembre 2000. IMHO e IMP: una interfaccia Web sicura per la posta elettronica. Raffaele.Cicchese@pr.infn. INFN Security Workshop Firenze 19-20 Settembre 2000 IMHO e IMP: una interfaccia Web sicura per la posta elettronica Raffaele.Cicchese@pr.infn.it Cosa significano i due acronimi IMHO e IMP? IMHO = IMAP

Dettagli

Programmazione II. Lezione 4. Daniele Sgandurra 30/09/2011. daniele.sgandurra@iit.cnr.it

Programmazione II. Lezione 4. Daniele Sgandurra 30/09/2011. daniele.sgandurra@iit.cnr.it Programmazione II Lezione 4 Daniele Sgandurra daniele.sgandurra@iit.cnr.it 30/09/2011 1/46 Programmazione II Lezione 4 30/09/2011 Sommario 1 Esercitazione 2 Panoramica della Programmazione Ad Oggetti 3

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) La comunicazione tra processi Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Sommario Processi cooperanti La comunicazione tra processi Necessità

Dettagli

Flusso Informazioni. E-MAIL l esecuzione della Gestione Anagrafiche Clienti viene Notificato all Utente con la spedizione di una E-Mail.

Flusso Informazioni. E-MAIL l esecuzione della Gestione Anagrafiche Clienti viene Notificato all Utente con la spedizione di una E-Mail. SWGESTANA è un Servizio Windows che esegue la Gestione Anagrafica Cliente su RDS con la lettura del file ANACLI.txt (prodotto dal gestionale operativo Azienda A). La gestione consiste nell inserimento

Dettagli

Programmazione Fondi Strutturali 2007/2013 P.O.N. FSE A.S. 2013/2014 SCHEDA PROGETTUALE MODULO. Obiettivo: C Azione: 1 Riferimento interno:

Programmazione Fondi Strutturali 2007/2013 P.O.N. FSE A.S. 2013/2014 SCHEDA PROGETTUALE MODULO. Obiettivo: C Azione: 1 Riferimento interno: ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE GUGLIELMO MARCONI Piazza Poerio 2, 70126 Bari - Tel.080-5534450 Fax.080-5559037 - www.marconibari.it - info@marconibari.it Programmazione Fondi Strutturali 2007/2013

Dettagli

Web. Hosting. Application

Web. Hosting. Application amministrazione siti CMS e CRM CONSULENZA WEB APPLICATION WEB DESIGN WEB MARKETING HOSTING GRAFICA Web. Hosting. Application EXPLICO Explico è la Web Agency, costituita nel 99 da professionisti specializzati

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Programmare in ambiente Java Enterprise: l offerta formativa di Infodue

Programmare in ambiente Java Enterprise: l offerta formativa di Infodue Tecnologia e professionalità al servizio del business, dal 1986 Programmare in ambiente Java Enterprise: l offerta Copyright 2006 Infodue S.r.l. La programmazione nell era era del Web Computing L evoluzione

Dettagli

Sistemi informativi secondo prospettive combinate

Sistemi informativi secondo prospettive combinate Sistemi informativi secondo prospettive combinate direz acquisti direz produz. direz vendite processo acquisti produzione vendite INTEGRAZIONE TRA PROSPETTIVE Informazioni e attività sono condivise da

Dettagli

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo Contratto per l acquisizione di servizi di Assistenza specialistica per la gestione e l evoluzione del patrimonio software della Regione Basilicata. Repertorio n. 11016 del 25/09/2009 Progettazione: Tecnologie

Dettagli

Seminario di Sistemi Distribuiti RPC su SOAP

Seminario di Sistemi Distribuiti RPC su SOAP Seminario di Sistemi Distribuiti RPC su SOAP Massimiliano Vivian [777775] Massimiliano Vivian 1 Introduzione La comunicazione delle informazioni è l elemento fondamentale per lo sviluppo dei sistemi. SOAP

Dettagli

Proposte di Tesi di Laurea

Proposte di Tesi di Laurea Proposte di Tesi di Laurea per laureandi del Politecnico di Torino Presentato da: Sysman s.r.l. Gruppo Altesys Persona di riferimento: Paolo Garroni Responsabile Ricerca e Sviluppo, Sysman e-mail: xxx@sysman.it

Dettagli

Modelli e Sistemi di Elaborazione Peer-to-Peer

Modelli e Sistemi di Elaborazione Peer-to-Peer Università degli Studi della Calabria Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Matematica Modelli e Sistemi di Elaborazione Peer-to-Peer Concetti di base sul Peer-to-Peer: -

Dettagli

10. Stratificazione dei protocolli

10. Stratificazione dei protocolli 10. Stratificazione dei protocolli 10.1. Introduzione Abbiamo visto la struttura dell'internet. Ora dobbiamo esaminare la struttura del restante software di comunicazione, che è organizzato secondo il

Dettagli

Messaggi volatili. Matteo Zignani. 10 gennaio 2015

Messaggi volatili. Matteo Zignani. 10 gennaio 2015 UNIVESITÁ DEGLI STUDI DI MILANO LAUREA TRIENNALE IN COMUNICAZIONE DIGITALE PROGETTO LABORATORIO DI RETI DI CALCOLATORI Messaggi volatili Matteo Zignani 10 gennaio 2015 1 PRESENTAZIONE DEL PROBLEMA Lo studente

Dettagli

Caso di Studio: Avant Dernier

Caso di Studio: Avant Dernier Caso di Studio: Avant Dernier Specifiche: Nel gioco si affrontano 4 giocatori, ciascuno individuato con un numero progressivo (da 1 a 4). Inizialmente, i giocatori ricevono 5 carte ciascuno, e una carta

Dettagli

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l.

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. SAP rel.1.0 : SAP State: Final Date: 03-27-200 Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. Sede legale: Via Cola di Rienzo 212-00192 Rome - Italy Tel. +39.06.6864226 Sede operativa: viale Regina

Dettagli

Applicazione: TEMPlus Sistema Informativo a supporto delle procedure amministrative/contabili

Applicazione: TEMPlus Sistema Informativo a supporto delle procedure amministrative/contabili Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni Amm_vo/Contabile Applicazione: TEMPlus Sistema Informativo a supporto delle procedure amministrative/contabili Amministrazione: Ministero dell'interno

Dettagli

VERIS. Manuale Utente - Verifica Emissibilità, Inquiry Revoche - - Installazione e gestione -

VERIS. Manuale Utente - Verifica Emissibilità, Inquiry Revoche - - Installazione e gestione - Manuale Utente - Verifica Emissibilità, Inquiry Revoche - - Installazione e gestione - Indice 1. Scopo e campo di applicazione...3 2. Riferimenti...3 3. Definizioni e acronimi...3 4. Introduzione...3 5.

Dettagli

Corso di Sistemi di elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di elaborazione delle informazioni Biacco Sabrina ENTERPRISE RESOURCE PLANNING Gli ERP sono delle soluzioni applicative in grado di coordinare l'insieme delle attività aziendali automatizzando

Dettagli

Stratificazione protocollare (Protocol Layering )

Stratificazione protocollare (Protocol Layering ) Stratificazione protocollare (Protocol Layering ) Le reti sono complesse! olti elementi: host router fisici dalle caratteristiche diverse applicazioni protocolli hardware, software Domanda: Come organizzare

Dettagli

Innovazione. Tecnologia. Know How

Innovazione. Tecnologia. Know How > Presentazione FLAG Consulting S.r.L. Innovazione. Tecnologia. Know How SOMMARIO 01. Profilo aziendale 02. Gestione Documentale 03. Enterprise Document Platform 01. Profilo aziendale Il partner ideale

Dettagli

Istruzioni Operative

Istruzioni Operative Soluzioni Paghe Gestionali d Impresa (ERP) Software Development E-Business Solutions ASP e Hosting System Integration e Networking Architetture Cluster Fornitura e Installazione Hardware Istruzioni Operative

Dettagli

Co.El.Da. Software S.r.l. Coelda.Ne Caratteristiche tecniche

Co.El.Da. Software S.r.l.  Coelda.Ne Caratteristiche tecniche Co..El. Da. Software S..r.l.. Coelda.Net Caratteristiche tecniche Co.El.Da. Software S.r.l.. Via Villini Svizzeri, Dir. D Gullì n. 33 89100 Reggio Calabria Tel. 0965/920584 Faxx 0965/920900 sito web: www.coelda.

Dettagli

Corso di PHP. Prerequisiti. 1 - Introduzione

Corso di PHP. Prerequisiti. 1 - Introduzione Corso di PHP 1 - Introduzione 1 Prerequisiti Conoscenza HTML Principi di programmazione web Saper progettare un algoritmo Saper usare un sistema operativo Compilazione, link, esecuzione di programmi Conoscere

Dettagli

F.O.A.M. Free Object Access Method. Un introduzione. Documento: Introduzione FOAM.doc Versione: 0.03.2k30131 Autore: Mario Meo Colombo

F.O.A.M. Free Object Access Method. Un introduzione. Documento: Introduzione FOAM.doc Versione: 0.03.2k30131 Autore: Mario Meo Colombo F.O.A.M. Free Object Access Method Un introduzione Documento: Introduzione FOAM.doc Versione: 0.03.2k30131 Autore: Mario Meo Colombo Il protocollo FOAM. FOAM (Free Object Access Method) è un protocollo

Dettagli

8. Sistemi Distribuiti e Middleware

8. Sistemi Distribuiti e Middleware 8. Sistemi Distribuiti e Middleware Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 8. Sistemi distribuiti e Middleware 1 / 32 Sommario 1 Sistemi distribuiti

Dettagli

Web Service Architecture

Web Service Architecture Giuseppe Della Penna Università degli Studi di L Aquila dellapenna@di.univaq.it http://dellapenna.univaq.it Engineering IgTechnology Info92 Maggioli Informatica Micron Technology Neta Nous Informatica

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA

La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA IBM System i5 La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA Massimo Marasco System i Technical Sales Support massimo_marasco@it.ibm.com Oriented Architecture (SOA) Servizio

Dettagli

Didit Interactive Solution

Didit Interactive Solution Didit Interactive Solution Didit Interactive Solution Moonway.it Versione Italiana Data: Settembre 2008 Contenuti Introduzione... 3 Componenti Windows Richiesti... 3 Guidelines Generali di Configurazione...

Dettagli

Lezione II: Web server e ambiente di lavoro

Lezione II: Web server e ambiente di lavoro Lezione II: Web server e ambiente di lavoro In questa lezione, in laboratorio, si mostrerà quali sono i passi necessari per creare ed eseguire una pagina ASP. Brevemente, verrà fatto anche vedere, come

Dettagli

Implementazione di un servizio VoIP in ambienti SOA per mobile computing

Implementazione di un servizio VoIP in ambienti SOA per mobile computing tesi di laurea Implementazione di un servizio VoIP in ambienti SOA per mobile computing Anno Accademico 2006/2007 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo correlatore ing. Marcello Cinque candidato Vittorio

Dettagli

Semantica dei Giochi

Semantica dei Giochi Corso di Laurea Specialistica in Informatica Semantica dei Giochi A.A. 2005-2006 Docenti: Claudia Faggian e Pierre-Louis Curien (CNRS - Paris 7) SEMANTICA... Qual e' il senso [l'essenziale] di un programma?

Dettagli

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti PROGRAMMAZIONE di RETE A.A. 2003-2004 Corso di laurea in INFORMATICA Introduzione ai Web Services alberto.polzonetti@unicam.it Introduzione al problema della comunicazione fra applicazioni 2 1 Il Problema

Dettagli

SCHEDA TECNICA. Caratteristiche generali di prodotto. Denominazione ArchWebRC. Amministrazione Regione Campania. Note e considerazioni sul riuso /

SCHEDA TECNICA. Caratteristiche generali di prodotto. Denominazione ArchWebRC. Amministrazione Regione Campania. Note e considerazioni sul riuso / SCHEDA TECNICA Denominazione ArchWebRC Amministrazione Regione Campania Note e considerazioni sul riuso Caratteristiche generali di prodotto Descrizione Piattaforma software che consenta la ricerca, la

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server 1 Prerequisiti Pagine statiche e dinamiche Pagine HTML Server e client Cenni ai database e all SQL 2 1 Introduzione In questa Unità si illustra il concetto

Dettagli

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni)

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Progettazione di Sistemi Interattivi Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Docente: Daniela Fogli Gli strati e la rete Stratificazione da un altro punto di vista: i calcolatori

Dettagli

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP Corso di Sistemi Distribuiti Prof. S. Balsamo Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP [ 777775] 1 INTRODUZIONE 3 2 RPC 3 3 SOAP (SIMPLE OBJECT ACCESS PROTOCOL) 3 4 UTILIZZO DI SOAP COME PROTOCOLLO

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA REALIZZAZIONE DI UN APP PER LA PRENOTAZIONE DELLE PRESTAZIONI SANITARIE E SERVIZI CONNESSI.

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA REALIZZAZIONE DI UN APP PER LA PRENOTAZIONE DELLE PRESTAZIONI SANITARIE E SERVIZI CONNESSI. Allegato 1) PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA REALIZZAZIONE DI UN APP PER LA PRENOTAZIONE DELLE PRESTAZIONI SANITARIE E SERVIZI CONNESSI Allegato tecnico Introduzione Si richiede di realizzare una

Dettagli

DEMATERIAZIZZAZIONE DEI DOCUMENTI CARTACEI

DEMATERIAZIZZAZIONE DEI DOCUMENTI CARTACEI DEMATERIAZIZZAZIONE DEI DOCUMENTI CARTACEI GEDPASS GEDSCAN GEDFLOW ciclo passivo Non tutti i documenti nascono in formato elettronico. Per poter beneficiare dei vantaggi della Gestione Elettronica Documentale

Dettagli

Il Gruppo Arvedi sceglie tecnologie Microsoft per la virtualizzazione dei sistemi server

Il Gruppo Arvedi sceglie tecnologie Microsoft per la virtualizzazione dei sistemi server Caso di successo Microsoft Virtualizzazione Gruppo Arvedi Il Gruppo Arvedi sceglie tecnologie Microsoft per la virtualizzazione dei sistemi server Informazioni generali Settore Education Il Cliente Le

Dettagli

nome.cognome@asmepec.it

nome.cognome@asmepec.it C O M U N E D I O L I V A D I Provincia di Catanzaro C.F.850000330796 P.I. 00362830796 E-mail: comuneolivadi@comune.olivadi.cz.it E.mail: comune.olivadi@asmepec.it info@asmepec.it www.comune.olivadi.cz.it

Dettagli

SQL Server Express Edition è la novità di Visual Studio.Net versione di SQL Server che presenta la seguenti caratteristiche:

SQL Server Express Edition è la novità di Visual Studio.Net versione di SQL Server che presenta la seguenti caratteristiche: Presentazione del prodotto Presentazione del prodotto SQL Server Express Edition è la novità di Visual Studio.Net versione di SQL Server che presenta la seguenti caratteristiche: 2005. Una liberamente

Dettagli

GESTIONE DEL MOVIMENTO DEL PERSONALE IN AMBIENTE INTRANET. Open System s.r.l.

GESTIONE DEL MOVIMENTO DEL PERSONALE IN AMBIENTE INTRANET. Open System s.r.l. Open System s.r.l. P.IVA: 00905040895 C.C.I.A.A.: SR-7255 Sede Legale: 96016 Lentini Via Licata, 16 Sede Operativa: 96013 Carlentini Via Duca degli Abruzzi,51 Tel. 095-7846252 Fax. 095-7846521 e-mail:

Dettagli

AMPLIFON: OTTIMIZZAZIONE DELLE PERFORMANCE DEL NETWORK DI VENDITA ATTRAVERSO LA PIENA INTEGRAZIONE DEI PROCESSI DI BUSSINES

AMPLIFON: OTTIMIZZAZIONE DELLE PERFORMANCE DEL NETWORK DI VENDITA ATTRAVERSO LA PIENA INTEGRAZIONE DEI PROCESSI DI BUSSINES AMPLIFON: OTTIMIZZAZIONE DELLE PERFORMANCE DEL NETWORK DI VENDITA ATTRAVERSO LA PIENA INTEGRAZIONE DEI PROCESSI DI BUSSINES Aggiornare e semplificare le modalità di integrazione tra le diverse piattaforme

Dettagli

A. Lorenzi Pagine ASP

A. Lorenzi Pagine ASP Pagine ASP Web server software per la gestione di un computer host Internet oppure di un server di rete, che mette a disposizione dati o applicativi per gli utenti della rete Web server IIS (Internet Information

Dettagli

Ottimizzazione dello sviluppo software con Microsoft Visual Studio 2008

Ottimizzazione dello sviluppo software con Microsoft Visual Studio 2008 Ottimizzazione dello sviluppo software con Microsoft Visual Studio 2008 White paper Novembre 2007 Per informazioni aggiornate, visitare l indirizzo www.microsoft.com/italy/vstudio È possibile che a questo

Dettagli

Server web e protocollo HTTP

Server web e protocollo HTTP Server web e protocollo HTTP Dott. Emiliano Bruni (info@ebruni.it) Argomenti del corso Cenni generali sul web IIS e Apache Il server web Micsosoft Internet Information Server 5.0 Il server web Apache 2.0

Dettagli

URI. Introduzione. Pag. 1

URI. Introduzione. Pag. 1 URI Introduzione Gli URI (Universal Resource Indentifier) sono una sintassi usata in WWW per definire i nomi e gli indirizzi di oggetti (risorse) su Internet. Questi oggetti sono considerati accessibili

Dettagli

Brochure Internet. Versione 2010.1 The Keyrules Company s.r.l. Pagina 2 di 8

Brochure Internet. Versione 2010.1 The Keyrules Company s.r.l. Pagina 2 di 8 Ogni organizzazione possiede un sistema di regole che la caratterizzano e che ne assicurano il funzionamento. Le regole sono l insieme coordinato delle norme che stabiliscono come deve o dovrebbe funzionare

Dettagli

Corso Web programming

Corso Web programming Corso Web programming Modulo T3 A1 Modelli di programmazione 1 Prerequisiti Concetto di rete Processi e thread Concetti generali sui database 2 1 Introduzione Un particolare ambito della programmazione

Dettagli

LE STAMPANTI E L INVIO DI E-MAIL

LE STAMPANTI E L INVIO DI E-MAIL LE STAMPANTI E L INVIO DI E-MAIL All interno del programma, sono preinstallate alcune stampanti che permettono di riprodurre alcune tipologie di stampa definite all interno del programma. È possibile,

Dettagli

ALLEGATO 8.1 DESCRIZIONE PROFILI PROFESSIONALI

ALLEGATO 8.1 DESCRIZIONE PROFILI PROFESSIONALI PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, ANALISI, SVILUPPO, MANUTENZIONE ADEGUATIVA, CORRETTIVA ED EVOLUTIVA DI SISTEMI INFORMATIVI SU PIATTAFORMA IBM WEBSPHERE BPM (EX LOMBARDI)

Dettagli

POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1

POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1 Allegato n. 2 al Capitolato speciale d appalto. ENTE PUBBLICO ECONOMICO STRUMENTALE DELLA REGIONE CALABRIA POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1 Procedura aperta sotto

Dettagli