INTERVENTO DI RECUPERO DELL ACCESSO RESURRECTURIS DEL CIMITERO MONUMENTALE DI VERONA E DELLE ALI LATERALI CONNESSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTERVENTO DI RECUPERO DELL ACCESSO RESURRECTURIS DEL CIMITERO MONUMENTALE DI VERONA E DELLE ALI LATERALI CONNESSE"

Transcript

1 INTERVENTO DI RECUPERO DELL ACCESSO RESURRECTURIS DEL CIMITERO MONUMENTALE DI VERONA E DELLE ALI LATERALI CONNESSE Consegna dei lavori: i lavori sono stati consegnati il 21/05/2003 Data di ultimazione dei lavori: l ultimazione è avvenuta il 05/09/2005 Importo dei lavori: i lavori appaltati ammontano ad ,49 Importo di spesa complessivo: la spesa complessiva ammonta ad ,98 Progettista: Ing. Mario Medici Ufficio Direzione Lavori Direttore dei Lavori: Ing. Pietro Padovani Ufficio Tecnico AGEC Direttore Operativo: Geom. Giorgio Osti Ufficio Tecnico AGEC Consulente: Restauratore Francesco Ambrosi Coordinatore della sicurezza: Ing. Mauro Zanconato Responsabile del procedimento: Ing. Tiziano Pompele Ufficio Tecnico AGEC Impresa appaltatrice: Consorzio Ravennate Ravenna Impresa esecutrice: Cooperativa San Michele Verona Subappalti Ditte restauratrici: R.W.S. S.r.l. -Vigonza (PD) / Fiocco Giuseppe - Verona DESCRIZIONE DELL INTERVENTO L intervento consiste sostanzialmente nel recupero degli elementi in murature e lapidei e nel consolidamento delle strutture dell accesso del Cimitero Monumentale del Comune di Verona e delle ali laterali connesse, edificio Resurrecturis, denominato Barbieri dal nome del progettista. In particolare si tratta dei seguenti corpi: - atrio principale - corpo centrale - corpo posteriore - ali laterali. Gli interventi si possono così suddividere per tipologia di opera e di tipo di lavorazione: restauro delle superfici lapidee; restauro delle superfici intonacate; consolidamento delle strutture RESTAURO DELLE SUPERFICI LAPIDEE Tutte le superfici lapidee sono state sottoposte ad un primo intervento di pulitura, per rimuovere tutte le sostanze estranee che ne alteravano le caratteristiche proprie. L intervento di pulitura ha comportato una o più delle seguenti operazioni come: l asportazione di depositi incoerenti, la rimozione di depositi coerenti, lavaggi e risciacqui, pulitura a secco con strumento aeroabrasivo, rimozione di ossidi, rimozione di sostanze soprammesse, trattamento biocida. L applicazione dei vari tipi di pulitura sono variati in funzione della natura e delle caratteristiche di spessore e solubilità dei materiali da rimuovere, dei materiali costitutivi del manufatto, del loro stato di conservazione e della loro resistenza all azione chimico-fisica che l operazione esercita. In particolare in presenza di ornati, bassorilievi e statue ove vi erano situazioni di distacchi, polverizzazione del materiale lapideo, si è effettuato come prima operazione un preconsolidamento, un incollaggio, un ancoraggio a seconda delle esigenze. Nelle zone fortemente interessate dall umidità si è proceduto all asportazione dei sali, che, a seconda della solubilità, sono stati eliminati con impacchi d acqua deionizzata (per i sali solubili) o in sospensione con polpa di carta In presenza di stuccature in materiale non compatibile a quello del supporto murario è stata eseguita una rimozione meccanica. Ove si è reso necessario migliorare la resistenza meccanica del materiale deteriorato è stato effettuato un consolidamento mediante l applicazione di resina a pennello, in soluzione crescente a seconda del degrado e della tipologia del litotipo. Fra le lacune, i giunti e le fessurazioni sono state eseguite delle stuccature di calce e resine acriliche. Fra le microfessure e nei casi di esfoliazione, sono state eseguite delle microstuccature. Inoltre è stato parzialmente modificato ed ampliato il programma costruttivo previsto in quanto si sono rese necessarie alcune varianti. Infatti con il montaggio del ponteggio e l inizio delle lavorazioni si è potuto campionare e saggiare in maniera più ampia e precisa il reale stato di fatto dell opera da conservare e preservare. Si è evidenziato come originariamente il complesso cimiteriale per volontà costruttiva non creasse differenze cromatiche tra i materiali impiegati per la costruzione, ossia i paramenti lapidei quali colonna, capitelli, trabeazioni, ecc., fatta eccezione per i particolari in pietra dura, fossero tutti scialbati a calce con cromia se non identica molto simile a quella usata per le superfici intonacate. Pertanto si è voluto ricondurre l aspetto finale dell opera così come appariva in origine; e più precisamente è stata effettuata la scialbatura a base di caseato di calce di tutte le componenti lapidee per uniformare gli elementi stessi con le pareti intonacate oggetto dell intervento. A chiusura dell intervento su tutta la superficie è stata applicata una sostanza protettiva, che ha la caratteristica di ridurre la penetrazione dell acqua all interno della struttura porosa. Di conseguenza è stata ridotta la possibilità che si verifichino tutti i fenomeni alterativi legati alla presenza dell acqua, come il trasporto e la cristallizzazione dei sali, i fenomeni di gelo-disgelo, le interazioni con gli inquinanti atmosferici. RESTAURO DEGLI INTONACI La pulitura ha previsto un asportazione degli intonaci che hanno subito dei distacchi o dei rigonfiamenti o comunque avevano perso le caratteristiche di legante. Secondo i casi si è operato in diversi modi, come ad esempio con asportazione manuale per mezzo di bisturi o raschietto in caso di strati pellicolari fortemente decoesi. La particolare composizione dell intonaco, scarsa di legante, e i vuoti lasciati in alcuni dei punti d incontro, soprattutto tra le diverse orditure dei mattoni delle volte, avevano causato la polverizzazione e la caduta di parti d intonaco; si è eseguito quindi, per queste zone un ristabilimento della coesione degli intonaci mediante impregnazione di resina acrilica in soluzione. Alla base di alcune murature intonacate, dove erano ben visibili le chiazze di umidità di risalita è stata realizzata la posa di un intonaco deumidificante microporoso tirato con malta a base di calce idraulica e additivi con specifiche caratteristiche aeranti. A conclusione delle lavorazioni sugli intonaci è stata applicata, sulle superfici già preparate e consolidate, la nuova dipintura, uguale a quella originale, a latte di calce e pigmenti naturali, addittivate anche con resine acriliche in dispersione acquosa, avendo tenuto conto dei risultati delle analisi sui campioni di tinta originale. CONSOLIDAMENTO STRUTTURA Oltre alle operazioni sopra descritte di consolidamento, è stata realizzata una cordolatura delle murature nella parte superiore dell atrio mediante profili metallici. Inoltre sono state revisionate le capriate lignee e gli estradossi delle volte relative al corpo centrale.

2 ANGELI FRONTONE PRINCIPALE Roccia sedimentaria pietra calcarea tipo biancone. Si tratta degli angeli posti a coronamento del frontone del prospetto principale. Le porzioni di superficie interessate sono caratterizzate in alcuni punti da fenomeni di disgregazione superficiale della massa lapidea dovuti alla ricristallizzazione dei sali dove l acqua piovana ristagna e crea fenomeni di dilavamento. Oltre a questo fenomeno si presentano normali impurità dovute alla quotidiana esposizione agli agenti atmosferici Pulitura mediante lavaggi e risciacqui con uso di spazzole di saggina Preconsolidamento con incollaggio mediante resine Preconsolidamento con ancoraggio con perni

3 CORNICI E FASCE IN TUFO Roccia sedimentaria pietra calcarea tenera Si tratta degli elementi lapidei monolitici che costituiscono la trabeazione sovrastante i capitelli delle colonne. Si sviluppano lungo il perimetro dei colonnati. Gli elementi lapidei di trabeazione presentano piccoli fenomeni di disgregazione e dilavamento superficiale della pietra dovuti a processi di solfatazione. Rimozione dei depositi mediante impacchi Rimozione di ossidi mediante applicazione di sostanze complessanti Stuccature mediante integrazione di parti lacunose TIMPANO POSTERIORE Roccia sedimentaria - pietra calcarea tenera calcare Marmoso - Bianco ammonitico dei monti Lessini Si tratta di un elemento triangolare monolitico, ornato da un bassorilievo e posizionato sui fronti del blocco centrale. Le superfici interessate sono caratterizzate in alcuni punti da fenomeni di disgregazione superficiale della massa lapidea dovuti alla ricristallizzazione dei sali dove l acqua piovana colpisce direttamente la parte e crea fenomeni di dilavamento. Nelle superfici meno esposte si presentano normali impurità dovute alla quotidiana esposizione agli agenti atmosferici Pulitura mediante asportazione dei depositi incoerenti mediante spolveratura Pulitura con rimozione dei depositi mediante impacchi Pulitura con lavaggi e risciacqui con uso di spazzole di saggina Pulitura con rimozione di ossidi mediante applicazione di sostanze complessanti Trattamento biocida Preconsolidamento mediante incollaggio con resine

4 CAPITELLI IN PIETRA Roccia sedimentaria pietra calcarea tenera Si tratta dei capitelli delle colonne I capitelli presentano stuccature su alcune parti di superficie, gli stessi presentano delle lacune frutto di disgregazioni superficiali della massa lapidea dovuti alla ricristallizzazione dei sali dove l acqua piovana colpisce direttamente e crea fenomeni di dilavamento. Nelle parti meno esposte all umidità si presentano normali impurità dovute alla quotidiana esposizione agli agenti atmosferici. Pulitura mediante rimozione dei depositi mediante impacchi Pulitura mediante rifi nitura per la rimozione di sostanze sovrammesse con uso di solventi Preconsolidamento mediante applicazione di carta giapponese e resina Desalinizzazione con asportazione con mezzi meccanici, impacchi e risciacquo fi nale Desalinizzazione con trattamento con resine a scambio ionico Stuccature mediante integrazione di parti lacunose COLONNE IN TUFO Roccia sedimentaria pietra calcarea tenera Si tratta delle colonne lisce e scanalate leggibili nelle facciate principali ed all interno del complesso cimiteriale. Le colonne presentano stuccature su alcune parti di superficie, il fusto delle stesse presenta sintomi di disgregazione alla base, dovuta all umidità di risalita che per alcune è superiore ad altre. Alcune parti del fusto presentano per questo motivo delle lacune. Il fusto presenta altresì fenomeni di disgregazione superficiale della massa lapidea dovuti alla ricristallizzazione dei sali dove l acqua piovana colpisce direttamente e crea fenomeni di dilavamento. Nelle parti meno esposte all umidità si presentano normali impurità dovute alla quotidiana esposizione agli agenti atmosferici. Pulitura mediante rimozione dei depositi mediante impacchi Pulitura mediante rimozione di ossidi con applicazione di sostanze complessanti Pulitura con rifi nitura per la rimozione di sostanze sovrammesse con uso di solventi Desalinizzazione per asportazione con mezzi meccanici, impacchi e risciacquo fi nale Stuccature per integrazione di parti lacunose

5 VOLTE Intonaco di calce aerea su mattoni Gli intonaci delle volte, sono soggetti alle infiltrazioni d acqua nelle coperture provocando i distacchi più grossi, sommati a quelli dovuti alle fessurazioni delle volte. Nelle parti più sane ci sono piccoli distacchi, rigonfiamenti ed impurità, dovute alla quotidiana esposizione agli agenti atmosferici. Si nota altresì la formazione di croste di gesso e quarzo dovuta all interazione tra gli inquinanti atmosferici dello zolfo ed il substrato carbonatico. Pulitura mediante asportazione manuale con bisturi o raschietto Stuccature e microstuccature Consolidamento mediante iniezioni a pressione di miscela di calce desalinizzate Consolidamento mediante impregnazione di resina acrilica in soluzione Coloritura a base di calce.

6 ELEMENTO DECORATIVO LAPIDEO FIGURE UMANE Roccia Sedimentaria pietra calcarea tenera. Si tratta delle figure umane con l urna e del loro basamento, posizionati sopra al portico centrale sulla facciata prospettante la pubblica via Le porzioni di superficie interessate sono caratterizzate in alcuni punti da fenomeni di disgregazione superficiale della massa lapidea dovuti alla ricristallizzazione dei sali specie nelle zone dove l acqua piovana colpisce direttamente la parete e crea fenomeni di dilavamento. Nelle parti meno esposte si presentano normali impurità dovute alla quotidiana esposizione agli agenti atmosferici Pulitura con asportazione dei depositi incoerenti mediante spolveratura Pulitura con lavaggi e risciacqui con uso di spazzole di saggina Preconsolidamento mediante incollaggio con resine Preconsolidamento con ancoraggio con perni ed impacchi Protettivo

7 FASCIA METOPE FRONTI ANTERIORE E POSTERIORE Pietra calcarea tenera Si tratta delle metope del fregio sovrastante il cordolo liscio che delimita la zona inferiore, dalla zona superiore del prospetto. Le porzioni di superficie interessate sono caratterizzate in alcuni punti da fenomeni di disgregazione superficiale della massa lapidea dovuti alla ricristallizzazione dei sali specie nelle zone dove l acqua piovana colpisce direttamente la parete e crea fenomeni di dilavamento. Nelle parti meno esposte si presentano normali impurità dovute alla quotidiana esposizione agli agenti atmosferici. Pulitura con asportazione dei depositi incoerenti mediante spolveratura Pulitura con rimozione dei depositi mediante impacchi Pulitura con rimozione di ossidi mediante applicazione di sostanze complessanti Rifi nitura per la rimozione di sostanze sovrammesse con uso di solventi Trattamento biocida ed impacchi

8 ELEMENTO DECORATIVO LAPIDEO ANFORA Roccia sedimentaria pietra calcarea tenera Si tratta delle anfore posizionate all interno dell atrio. Le porzioni di superficie interessate sono caratterizzate in alcuni punti da fenomeni di disgregazione superficiale della massa lapidea dovuti alla ricristallizzazione dei sali e si presentano normali impurità dovute alla quotidiana esposizione agli agenti atmosferici. Pulitura con rimozione dei depositi mediante impacchi Pulitura mediante lavaggi e risciacqui con uso di spazzole di saggina Rifi nitura per la rimozione di sostanze sovrammesse con uso di solventi Protettivo BASSORILIEVI Roccia sedimentaria, pietra calcarea tenera Si tratta dei bassorilievi situati sulle pareti interne dell atrio d ingresso. Lo stato di conservazione è buono salvo normali impurità dovute alla quotidiana esposizione agli agenti atmosferici. Asportazione dei depositi incoerenti mediante spolveratura Rimozione dei depositi mediante impacchi Lavaggi e risciacqui con uso di spazzole di saggina Rimozione di ossidi mediante applicazione di sostanze complessanti Rifi nitura per la rimozione di sostanze sovrammesse con uso di solventi Preconsolidamento mediante applicazione di carta giapponese e resina Revisione cromatica Protettivo

Progetto di pulitura dai graffiti

Progetto di pulitura dai graffiti Chiostro dell Abbazia di San Mercuriale Progetto di pulitura dai graffiti Luogo: Forlì Data: 24 febbraio 2009 Esecuzione progetto: LEONARDO S.R.L. Chiostro dell Abbazia di San Mercuriale, Forlì. Progetto

Dettagli

CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA

CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA restauro degli affreschi delle decorazioni a tempera di soffitti e pareti degli elementi in cotto e materiale lapideo RELAZIONE TECNICA

Dettagli

LABORATORIO DI RESTAURO IV anno PRE-CONSOLIDAMENTI ESTRAZIONE DI SALI SOLUBILI (DESOLFATAZIONI)

LABORATORIO DI RESTAURO IV anno PRE-CONSOLIDAMENTI ESTRAZIONE DI SALI SOLUBILI (DESOLFATAZIONI) UNIVERSITÀ DELGLI STUDI DI GENOVA -FACOLTÀ DI ARCHITETURA Corso di laurea Magistrale in Architettura LABORATORIO DI RESTAURO IV anno PRE-CONSOLIDAMENTI ESTRAZIONE DI SALI SOLUBILI (DESOLFATAZIONI) a.a.

Dettagli

SCHEDA RESTAURO 01 PARAMENTO LAPIDEO IN CONDIZIONI CONSERVATIVE CATTIVE

SCHEDA RESTAURO 01 PARAMENTO LAPIDEO IN CONDIZIONI CONSERVATIVE CATTIVE PARAMENTO LAPIDEO IN CONDIZIONI CONSERVATIVE CATTIVE 01 Materiale: marmo bianco di Carrara e pietra di Bellona (calcare bianco compatto proveniente dalle cave di Santo Iorio presso Capua denominato impropriamente

Dettagli

CAPPELLA LANDO Chiesa di San Pietro Castello Venezia. Relazione tecnica

CAPPELLA LANDO Chiesa di San Pietro Castello Venezia. Relazione tecnica CAPPELLA LANDO Chiesa di San Pietro Castello Venezia Relazione tecnica Elementi lapidei dell altare L'intervento eseguito é consistito in una prima pulitura delle superfici dell'altare rimuovendo le impurità

Dettagli

L azione dell acqua piovana ha causato un generale fenomeno di deterioramento delle superfici lapidee, pur con un degrado differenziato in relazione

L azione dell acqua piovana ha causato un generale fenomeno di deterioramento delle superfici lapidee, pur con un degrado differenziato in relazione L Arengario di Monza: interventi di restauro dal 1997/1998 Relazione Tecnica Con il progetto di restauro redatto nel 1984, si decise di suddividere gli interventi in due lotti il primo Lotto A che è stato

Dettagli

ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE

ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE PRESENTE ALLE PARETI DECORATE DELLA CAPPELLA GENTILIZIA DI VILLA SIMONETTA.

Dettagli

Diagnostica e conservazione di opere d arte. Colonna del Todaro Piazzetta San Marco, Venezia

Diagnostica e conservazione di opere d arte. Colonna del Todaro Piazzetta San Marco, Venezia Colonna del Todaro Piazzetta San Marco, Venezia Le due superbe colonne di Marco e Todaro sorgono in quell incantevole spazio denominato piazzetta San Marco affacciata sul Bacino tra Palazzo Ducale e la

Dettagli

LAVORI DI STRAORDINARIA MANUTENZIONE DELLA CHIESA PARROCCHIALE DI SARZANO PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA STRUTTURA

LAVORI DI STRAORDINARIA MANUTENZIONE DELLA CHIESA PARROCCHIALE DI SARZANO PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA STRUTTURA Diocesi di Adria-Rovigo LAVORI DI STRAORDINARIA MANUTENZIONE DELLA CHIESA PARROCCHIALE DI SARZANO PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA STRUTTURA restauro Committente: PARROCCHIA DI SANTA MARGHERITA V.M. SARZANO,

Dettagli

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI. Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Lazio

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI. Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Lazio MODULARIO B.C. - 130 MOD. 51 (Teste) MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Lazio Caprarola (VT). Palazzo Farnese. Lavori di Restauro

Dettagli

PROGETTO A4 n. 170/2012 ESECUTIVO. Interventi di ripristino e miglioramento strutturale-sismico del Teatro Comunale

PROGETTO A4 n. 170/2012 ESECUTIVO. Interventi di ripristino e miglioramento strutturale-sismico del Teatro Comunale PROGETTO A4 n. 170/2012 ESECUTIVO Interventi di ripristino e miglioramento strutturale-sismico del Teatro Comunale RELAZIONE CON SCHEDE TECNICHE PER IL RESTAURO DI SUPERFICI DECORATE DI BENI ARCHITETTONICI

Dettagli

Castello da Corte di Bellusco (MB) - Intervento di restauro Risanamento conservativo del Castello Ala Nord e androne d ingresso III Lotto

Castello da Corte di Bellusco (MB) - Intervento di restauro Risanamento conservativo del Castello Ala Nord e androne d ingresso III Lotto Castello da Corte di Bellusco (MB) - Intervento di restauro Risanamento conservativo del Castello Ala Nord e androne d ingresso III Lotto Relazione tecnica Data di realizzazione: GIUGNO 2013 - MAGGIO 2014

Dettagli

ORATORIO BIONDETTI VENEZIA

ORATORIO BIONDETTI VENEZIA ORATORIO BIONDETTI VENEZIA Restauro conservativo elementi lapidei facciate RELAZIONE DI INTERVENTO 1 Descrizione dell opera da restaurare L Oratorio Biondetti è sito in Campo San Vio a Venezia. La sua

Dettagli

Edificio per abitazioni

Edificio per abitazioni R. Del Monaco Edificio per abitazioni Via Cavalieri del santo sepolcro 6, Milano 1962 1965 LUIGI CACCIA DOMINIONI I prospetti presi in oggetto sono a pianta rettangolare dell inizio degli anni sessanta,

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI RESTAURO DEL VANO 2_21 AL PRIMO PIANO NOBILE

SCHEDA TECNICA DI RESTAURO DEL VANO 2_21 AL PRIMO PIANO NOBILE P IANO T ER R A VANO 2_21 SCHEDA TECNICA DI RESTAURO DEL VANO 2_21 AL PRIMO PIANO NOBILE 2-29 2-27b -4-2-28 2-26 2-18 2-19 2-21 2-25 Ubicazione: Soffitto voltato al primo piano nobile Soggetto: Volta a

Dettagli

CINCOTTO ADRIANO. Restauro conservativo. Cannaregio 1333/c - 30121 VENEZIA PALAZZO EMO VENEZIA

CINCOTTO ADRIANO. Restauro conservativo. Cannaregio 1333/c - 30121 VENEZIA PALAZZO EMO VENEZIA CINCOTTO ADRIANO Restauro conservativo Cannaregio 1333/c - 30121 VENEZIA PALAZZO EMO VENEZIA 1 RELAZIONE D INTERVENTO RESTAURO CONSERVATIVO FACCIATA INDICE 1. STATO CONSERVATIVO ANTECEDENTE INTERVENTO.

Dettagli

RESTAURO CONSERVATIVO ELEMENTI LAPIDEI E INTONACI

RESTAURO CONSERVATIVO ELEMENTI LAPIDEI E INTONACI CINCOTTO ADRIANO RESTAURO CONSERVATIVO Cannaregio, 1333/c 30121 VENEZIA PALAZZO COLOMBO VENEZIA RESTAURO CONSERVATIVO ELEMENTI LAPIDEI E INTONACI 1 RELAZIONE DI INTERVENTO RESTAURO CONSERVATIVO FACCIATA

Dettagli

LARES Diagnostica e conservazione di opere d arte

LARES Diagnostica e conservazione di opere d arte Palazzo Ducale Caminetti Lapidei Caminetto della sala degli Scarlatti Il caminetto che orna la Sala degli Scarlatti al primo piano di Palazzo Ducale, oggetto della proposta d intervento di restauro conservativo,

Dettagli

OGGETTO: RELAZIONE FINALE RESTAURI ESEGUITI PRESSO VILLA POMPEI CARLOTTI ILLASI LOGGIA ESTERNA-AFFRESCHI INTERNO- UN SOFFITTO VANO SCALEAFFRESCHI

OGGETTO: RELAZIONE FINALE RESTAURI ESEGUITI PRESSO VILLA POMPEI CARLOTTI ILLASI LOGGIA ESTERNA-AFFRESCHI INTERNO- UN SOFFITTO VANO SCALEAFFRESCHI OGGETTO: RELAZIONE FINALE RESTAURI ESEGUITI PRESSO VILLA POMPEI CARLOTTI ILLASI LOGGIA ESTERNAAFFRESCHI INTERNO UN SOFFITTO VANO SCALEAFFRESCHI LOGGIA ESTERNA Nel soffitto della loggia esterna sono posti

Dettagli

Relazione finale di Restauro

Relazione finale di Restauro Relazione finale di Restauro Lavori di restauro dei soffitti decorati Palazzo Pace Via Schioppettieri, n 11 Palermo Direttore Lavori Restauratori Anna Badagliacca Maria Teresa Caruso Daniela D Angelo Giorgia

Dettagli

[LEPATOLOGIEEDILIZIE]

[LEPATOLOGIEEDILIZIE] 2014 PROGETTARE BIOEDILE Giovanni Tona [LEPATOLOGIEEDILIZIE] Analisi delle patologie più comuni e causa della loro comparsa Le patologie edilizie più comuni Il degrado di un manufatto è correlato alla

Dettagli

COME SISMI, TERREMOTI, GUERRA, EVENTI METEOROLOGICI ECCEZIONALI, ATTIVITÀ VULCANICA

COME SISMI, TERREMOTI, GUERRA, EVENTI METEOROLOGICI ECCEZIONALI, ATTIVITÀ VULCANICA CAUSE DI DEGRADO CAUSE INTRINSECHE ALL EDIFICIO -CARATTERISTICHE GEOLOGICHE -QUALITÀ DEI MATERIALI -ERRORI DI ESECUZIONE -ETC. CAUSE ESTRINSECHE ALL EDIFICIO -EVENTI IMPROVVISI COME SISMI, TERREMOTI, GUERRA,

Dettagli

Si è verificato che le coperture della chiesa appaiono in buone condizioni ad eccezione dei punti di deflusso e raccolta delle acque piovane foto 2.

Si è verificato che le coperture della chiesa appaiono in buone condizioni ad eccezione dei punti di deflusso e raccolta delle acque piovane foto 2. Presentazione 1. L oggetto della tesi è lo studio della parete sud della Basilica di Santa Maria Assunta in Carignano a Genova. 2. Abbiamo creato un contenitore di archiviazione in formato PDF di tutte

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

FACCIATE PALAZZO UFFICI FINANZIARI C.SO VINZAGLIO 8, TORINO

FACCIATE PALAZZO UFFICI FINANZIARI C.SO VINZAGLIO 8, TORINO FACCIATE PALAZZO UFFICI FINANZIARI C.SO VINZAGLIO 8, TORINO INDICAZIONI STORICHE: Nel 1706 Torino fronteggiò con successo un prolungato assedio da parte delle truppe francesi. Luogo simbolo della resistenza

Dettagli

Interventi di restauro conservativo di parte degli intonaci e finiture antiche del cortile Farmacia

Interventi di restauro conservativo di parte degli intonaci e finiture antiche del cortile Farmacia Interventi di restauro conservativo di parte degli intonaci e finiture antiche del cortile Farmacia Relazione Tecnica Introduzione e Descrizione delle Superfici Nei mesi di Giugno-Novembre 2009, su incarico

Dettagli

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA NELL EDIFICIO SCOLASTICO DI VIA LUSERNA DI RORA 14 SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE BATTISTI CIRCOSCRIZIONE 3.

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA NELL EDIFICIO SCOLASTICO DI VIA LUSERNA DI RORA 14 SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE BATTISTI CIRCOSCRIZIONE 3. VICE DIREZIONE GENERALE SERVIZI TECNICI SETTORE EDILIZIA SCOLASTICA MANUTENZIONE OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA NELL EDIFICIO SCOLASTICO DI VIA LUSERNA DI RORA 14 SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE BATTISTI

Dettagli

Relazione finale di restauro

Relazione finale di restauro Relazione finale di restauro Oggetto: restauro delle superfici del Chiostro Bramantesco di Santa Maria delle Grazie a Milano, detto anche chiostro delle rane. Epoca: XV-XVI secolo Descrizione dell opera

Dettagli

Lavori di ristrutturazione e restauro di Palazzo Rho a Borghetto Lodigiano Relazione Tecnica

Lavori di ristrutturazione e restauro di Palazzo Rho a Borghetto Lodigiano Relazione Tecnica Lavori di ristrutturazione e restauro di Palazzo Rho a Borghetto Lodigiano Relazione Tecnica ANALISI DEL RESTAURO Nell ambito del restauro verranno ristrutturati completamente i locali del primo piano,

Dettagli

Università degli Studi di Palermo CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI (LMR/02)

Università degli Studi di Palermo CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI (LMR/02) Università degli Studi di Palermo CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI (LMR/02) In Convenzione con l ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL'IDENTITA SICILIANA

Dettagli

Premessa p. 2. Scheda riassuntiva del Monumento p. 2

Premessa p. 2. Scheda riassuntiva del Monumento p. 2 INDICE Premessa p. 2 Scheda riassuntiva del Monumento p. 2 Relazione tecnica conclusiva del Restauro conservativo p. 3 Operazioni preliminari p. 3 Superfici in pietra p. 3 Elementi decorativi in bronzo

Dettagli

IL RISANAMENTO DELLA MURATURA UMIDA

IL RISANAMENTO DELLA MURATURA UMIDA www.colorificiopaulin.com info@colorificiopaulin.com LE PRINCIPALI CAUSE DI DEGRADO DEI MATERIALI DI COSTRUZIONE La penetrazione dell acqua all interno delle opere murarie rappresenta per l edilizia una

Dettagli

Sommario FACCIATA... 2

Sommario FACCIATA... 2 LICEOMICHELANGIOLO COMPLETAMENTODELRESTAUROSULFRONTEDIVIADELLACOLONNA Sommario FACCIATA...2 DIPINTIASECCO......3 AFFRESCHI......3 SAGGISTRATIGRAFICI......3 DESCIALBO......3 PULITURA......4 STUCCATURE......4

Dettagli

Interventi di restauro della sala d Onere- oggi detta sala dell Alessi Palazzo Marino

Interventi di restauro della sala d Onere- oggi detta sala dell Alessi Palazzo Marino nterventi di restauro della sala d Onere- oggi detta sala dell Alessi Palazzo Marino Relazione Tecnica Stralcio della relazione relativa alla sola parte centrale zona originale dell Alessi Stucchi modellati:

Dettagli

COMUNE DI BRINDISI Chiesa dell ex Convento dei Cappuccini RELAZIONE TECNICA FINALE

COMUNE DI BRINDISI Chiesa dell ex Convento dei Cappuccini RELAZIONE TECNICA FINALE COMUNE DI BRINDISI Chiesa dell ex Convento dei Cappuccini RELAZIONE TECNICA FINALE RESTAURO DEGLI APPARATI DECORATIVI INTERNI: ALTARI IN PIETRA E STUCCHI CORNICI, CAPITELLI E ARCHITRAVE IN PIETRA DIPINTO

Dettagli

Verona 02/11/2007. Chiameremo i due soffitti 1 e 2

Verona 02/11/2007. Chiameremo i due soffitti 1 e 2 Verona 02/11/2007 OGGETTO: RELAZIONE FINALE SUL RESTAURO DI DUE SOFFITTI LIGNEI A CASSETTONI, E DI UN PICCOLO BRANO AFFRESCATO A GROTTESCHE, IN UN APPARTAMENTO IN VIA C.CATTANEO 4 A VERONA Chiameremo i

Dettagli

BASILICA DI SANT APOLLINARE

BASILICA DI SANT APOLLINARE BASILICA DI SANT APOLLINARE Progetto di restauro conservativo del dipinto a olio su tela raffigurante San Giovanni Nepomuceno dinanzi alla Vergine con Bambino e angeli Relazione tecnica sullo stato di

Dettagli

CITTA' DI ORIA Provincia di Brindisi (Via Epitaffio - Tel. 0831-846531)

CITTA' DI ORIA Provincia di Brindisi (Via Epitaffio - Tel. 0831-846531) CITTA' DI ORIA Provincia di Brindisi (Via Epitaffio - Tel. 0831-846531) PROGETTO DEI LAVORI DI COMPLETAMENTO DEL RESTAURO, VALORIZZAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DEL GIARDINO STORICO PARCO DI MONTALBANO DA

Dettagli

Il colore di un edificio è, da sempre, la caratteristica che maggiormente

Il colore di un edificio è, da sempre, la caratteristica che maggiormente TINTEGGIATURA TRADIZIONALE VESUVIANA Il colore di un edificio è, da sempre, la caratteristica che maggiormente contribuisce alla migliore percezione della forma architettonica esaltando le articolazioni

Dettagli

Consolidamento dei brandelli delle strutture originarie. Dettaglio di una finestra prima e dopo il restauro.

Consolidamento dei brandelli delle strutture originarie. Dettaglio di una finestra prima e dopo il restauro. CAPITOLO III Il progetto per la conservazione 3.1 Gli interventi di restauro Con determina sindacale n. 11 del 03/05/2005, l arch. Pietro Di Maria, in qualità di capogruppo, arch. Cinzia Accetta e arch.

Dettagli

A.S.P. San Domenico - Pescia Restauro del portale e di parte della facciata della Chiesa di San Domenico

A.S.P. San Domenico - Pescia Restauro del portale e di parte della facciata della Chiesa di San Domenico A.S.P. San Domenico - Pescia Restauro del portale e di parte della facciata della Chiesa di San Domenico N art. DESCRIZIONE Unità di Misura PREZZI UNITARI 1 2 3 4 5 6 Opere di installazione di cantiere

Dettagli

Restauro e risanamento conservativo facciate Scuola G. Alberoni.

Restauro e risanamento conservativo facciate Scuola G. Alberoni. ALLESTIMENTO CANTIERE 1 Recinzioni ed impianto cantiere: - fornitura e posa in opera di recinzione di cantiere costituita da pannelli metallici prefabbricati in ferro zincato h min. ml. 2,00 d'applicazione

Dettagli

RISERVATO AI PROFESSIONISTI

RISERVATO AI PROFESSIONISTI Barriera chimica per eliminare l umidità di risalita capillare L umidità di risalita capillare RISERVATO AI PROFESSIONISTI L umidità di risalita è il fenomeno più diffuso attraverso il quale l umidità

Dettagli

Ruredil. Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature. murature

Ruredil. Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature. murature Ruredil Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature murature Ripristino Consolidamento DISSESTO Le strutture in muratura sono organismi complessi, i cui diversi componenti devono essere presi

Dettagli

IMMAGINI DEL RESTAURO DELL ALTARE LIGNEO MONUMENTALE XVIII sec. DELLA CHIESA DI SAN FRANCESCO DI STILO

IMMAGINI DEL RESTAURO DELL ALTARE LIGNEO MONUMENTALE XVIII sec. DELLA CHIESA DI SAN FRANCESCO DI STILO IMMAGINI DEL RESTAURO DELL ALTARE LIGNEO MONUMENTALE XVIII sec. DELLA CHIESA DI SAN FRANCESCO DI STILO Stemma Francescano dell Altare di San Francesco INTERVENTO CONSERVATIVO SULLA PARTE SINISTRA DEL BASAMENTO

Dettagli

PROGETTO DI INTERVENTO PER IL RESTAURO CONSERVATIVO DEGLI APPARATI DECORATIVI DELLE FACCIATE E DEL PORTICATO. Dati dell immobile

PROGETTO DI INTERVENTO PER IL RESTAURO CONSERVATIVO DEGLI APPARATI DECORATIVI DELLE FACCIATE E DEL PORTICATO. Dati dell immobile PROGETTO DI INTERVENTO PER IL RESTAURO CONSERVATIVO DEGLI APPARATI DECORATIVI DELLE FACCIATE E DEL PORTICATO Dati dell immobile EDIFICIO UBICAZIONE Palazzo Verità Montanari Via C. Montanari, 5 già contrada

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - PITTORE- Il pittore edile

Dettagli

Recupero dei rivestimenti esterni

Recupero dei rivestimenti esterni Pulitura delle superfici lapidee 1 La pulitura delle superfici lapidee delle facciate costituisce un tipo d intervento manutentivo molto impegnativo, sia sul piano tecnico sia su quello economico, che

Dettagli

RELAZIONE STORICO ARTISTICA

RELAZIONE STORICO ARTISTICA Cagliari, chiesa di San Mauro, Restauro cinque sculture lignee raffiguranti gli arcangeli Raffaele, Geudiele, Sealtiele, Uriele e Barachiele (XVIII secolo) RELAZIONE STORICO ARTISTICA Le opere sono conservate

Dettagli

Descrizione, tecnica di esecuzione ed intervento di restauro Mariarita Morfino Restauratrice

Descrizione, tecnica di esecuzione ed intervento di restauro Mariarita Morfino Restauratrice Descrizione, tecnica di esecuzione ed intervento di restauro Mariarita Morfino Restauratrice Il primo gruppo della processione dei Misteri, la Separazione, è formato dalla figura di Gesù, al centro, leggermente

Dettagli

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione...

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... Sommario 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... 4 Pagina 1 di 6 1. Premessa Il recupero funzionale della conca di navigazione

Dettagli

di Valentina Muzii DOCUMENTAZIONE di RESTAURO Committenza : Pinacoteca Civica Teramo Direttrice Dott.ssa Paola Di Felice

di Valentina Muzii DOCUMENTAZIONE di RESTAURO Committenza : Pinacoteca Civica Teramo Direttrice Dott.ssa Paola Di Felice Studio di Restauro di Valentina Muzii Dipinti su tela e tavola, pitture murali, cornici, dorature, ceramica, materiale cartaceo, opere in metallo, oggetti lapidei e lignei policromi. Via Cona, 94-64100

Dettagli

Interventi di restauro delle facciate, delle sculture del coronamento, di tutti gli altorilievi, e degli androni di Villa Begiojoso Bonaparte

Interventi di restauro delle facciate, delle sculture del coronamento, di tutti gli altorilievi, e degli androni di Villa Begiojoso Bonaparte Interventi di restauro delle facciate, delle sculture del coronamento, di tutti gli altorilievi, e degli androni di Villa Begiojoso Bonaparte Relazione tecnica Su incarico dell Impresa Borghini s.a.s.

Dettagli

PALAZZO BELLONI BATTAGGIA

PALAZZO BELLONI BATTAGGIA CINCOTTO ADRIANO Cannaregio, 1333/c 30123 VENEZIA RESTAURO CONSERVATIVO PALAZZO BELLONI BATTAGGIA VENEZIA RESTAURO CONSERVATIVO DELL ORATORIO INDICE 1. STATO ATTUALE 2. DEGRADO 3. PROGETTO DI RESTAURO

Dettagli

RESTAURO CONSERVATIVO DELLE FACCIATE ESTERNE DI CHIESA E CAMPANILE Santuario Santi Faustino e Giovita

RESTAURO CONSERVATIVO DELLE FACCIATE ESTERNE DI CHIESA E CAMPANILE Santuario Santi Faustino e Giovita PARROCCHIA SS. NOME DI MARIA MILANO RESTAURO CONSERVATIVO DELLE FACCIATE ESTERNE DI CHIESA E CAMPANILE Santuario Santi Faustino e Giovita Carissimi, cinque anni fa si concludeva l impegnativo restauro

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO SCHEDE DESCRITTIVE MATERIALI-DEGRADO-INTERVENTO

PROGETTO DEFINITIVO SCHEDE DESCRITTIVE MATERIALI-DEGRADO-INTERVENTO COMUNE DI CAORSO PROVINCIA DI PIACENZA Progetto di trasformazione ex Cinema Fox in Centro Culturale Comunale CENTRO CIVICO CINE FOX PROGETTO DEFINITIVO SCHEDE DESCRITTIVE MATERIALI-DEGRADO-INTERVENTO Committente:

Dettagli

RIPRISTINO DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO

RIPRISTINO DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO 200 RIPRISTINO DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO 201 I MECCANISMI DEL DEGRADO Il degrado dei manufatti in calcestruzzo, si manifesta essenzialmente mediante distacchi localizzati di porzioni di copriferro,

Dettagli

IL RESTAURO DELLA CAPPELLA SAN ROCCO

IL RESTAURO DELLA CAPPELLA SAN ROCCO COMUNE DI NICHELINO SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHITETTONICI E PER IL PAESAGGIO DEL PIEMONTE SOPRINTENDENZA PER I BENI STORICO-ARTISTICI E DEMOANTROPOLOGICI DEL PIEMONTE CNA - POLITECNICO DI TORINO IL

Dettagli

LA CALCE IDRAULICA. Prof. Ing. Luigi Coppola UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTA DI INGEGNERIA

LA CALCE IDRAULICA. Prof. Ing. Luigi Coppola UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTA DI INGEGNERIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTA DI INGEGNERIA LA CALCE IDRAULICA Prof. Ing. Luigi Coppola IDRAULICITA CALCI IDRAULICHE possono indurire anche in PRESENZA DI ACQUA e, pertanto, possono essere

Dettagli

CHIESA DEI SANTI GEREMIA PROFETA E LUCIA VERGINE E MARTIRE

CHIESA DEI SANTI GEREMIA PROFETA E LUCIA VERGINE E MARTIRE CHIESA DEI SANTI GEREMIA PROFETA E LUCIA VERGINE E MARTIRE V E N E Z I A RESTAURO E RIALZAMENTO DELLA PAVIMENTAZIONE DELLA CAPPELLA DELLA VERGINE 1 INDICE 1. STATO CONSERVATIVO ANTECEDENTE INTERVENTO Indagine

Dettagli

RELAZIONE RESTAURO EDIFICIO VIA PIERO DELLA FRANCESCA 64-MILANO

RELAZIONE RESTAURO EDIFICIO VIA PIERO DELLA FRANCESCA 64-MILANO RELAZIONE RESTAURO EDIFICIO VIA PIERO DELLA FRANCESCA 64-MILANO Indirizzo: Via Piero della Francesca 64 - Bullona, Milano (MI) Tipologia generale: infrastrutture e impianti Tipologia specifica: stazione

Dettagli

- Provincia di Taranto - INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE.

- Provincia di Taranto - INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE. Comune di Lizzano - Provincia di Taranto - INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE. - Rifacimento della facciata esterna e sostituzione dei pluviali, sistemazione

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA Città di Spinea BIBLIOTECA VILLA SIMION Sistemazione della recnzione, delle dipinture e delle porte interne Studio di fattibilità Elaborato UNICO Spinea, 21.01.2014

Dettagli

Recupero conservativo della Villa Crosti Colombo a Nova Milanese Relazione tecnica

Recupero conservativo della Villa Crosti Colombo a Nova Milanese Relazione tecnica Recupero conservativo della Villa Crosti Colombo a Nova Milanese Relazione tecnica Il progetto per il restauro della villa Brivio-Crosti-Colombo ha interessato l edificio nella sua interezza, e si è proposto

Dettagli

ELABORATO ARCHITETTONICO TAVOLA SCALA:

ELABORATO ARCHITETTONICO TAVOLA SCALA: PROGETTO: RESTAURO CONSERVATIVO-CONSOLIDAMENTO ED ADEGUAMENTO IMPIANTISTICO DELLA CHIESA DELLA MADONNA DEL SANTISSIMO ROSARIO IN GUARDIA PIEMONTESE (CS) ELABORATO ARCHITETTONICO TAVOLA 04 SCALA: 1:100

Dettagli

DEGRADO DEI MATERIALI analisi i e interpretazioni t i i Prof. Arch. Stella Serranò Cosa è il DEGRADO? E un processo di modifiche dannose dei materiali costruttivi che comporta un peggioramento delle loro

Dettagli

COMPUTO METRICO COMUNE DI NAPOLI. Restauro delle cappelle laterali e dell'altare centrale OGGETTO: COMMITTENTE: Data, 06/03/2014 IL TECNICO. pag.

COMPUTO METRICO COMUNE DI NAPOLI. Restauro delle cappelle laterali e dell'altare centrale OGGETTO: COMMITTENTE: Data, 06/03/2014 IL TECNICO. pag. COMUNE DI NAPOLI pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: Restauro delle cappelle laterali e dell'altare centrale Data, 06/03/2014 IL TECNICO PriMus by Guido Cianciulli - copyright ACCA software S.p.A. pag. 2 R

Dettagli

COLORDOC LEGNO MONOCOMPOENTE

COLORDOC LEGNO MONOCOMPOENTE COLORDOC Rev.01 del 21-04-13 COLORDOC LEGNO MONOCOMPOENTE FINITURA AGGREGANTE MONOCOMPONENTE IN EMULSIONE ACQUOSA ANTIGRAFFIO, ANTIMACCHIA, BATTERIOSTATICO, IDRO-OLEOREPELLENTE- DOCCHEM S.r.l. Strada Della

Dettagli

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014.

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014. Il progetto di Risanamento e restauro conservativo dell ex sede della Società Operaia di Mutuo soccorso a Breno (BS) in Via Prudenzini è nato dalla necessità di recuperare un immobile di ampie dimensioni

Dettagli

CAMPO VALLEMAGGIA. chiesa parrocchiale di san Bernardo

CAMPO VALLEMAGGIA. chiesa parrocchiale di san Bernardo CAMPO VALLEMAGGIA chiesa parrocchiale di san Bernardo Campagna di restauro 2010-2012 Cappella della Madonna del Carmelo Muralto, dicembre 2012 Gabriele Vittorio Grimbühler Conservatore-restauratore SKR

Dettagli

Cà Corner della Regina

Cà Corner della Regina Cà Corner della Regina Progetto di restauro delle superfici intonacate delle superfici in stucco e marmorino delle travi decorate e degli elementi lapidei piano secondo nobile e piano terzo Progettisti:

Dettagli

BIELLA Chiesa di San Filippo Giuseppe Mazzola L estasi di San Filippo Neri, 1797, olio su tela cm 420 x 330 circa RELAZIONE DI RESTAURO

BIELLA Chiesa di San Filippo Giuseppe Mazzola L estasi di San Filippo Neri, 1797, olio su tela cm 420 x 330 circa RELAZIONE DI RESTAURO BIELLA Chiesa di San Filippo Giuseppe Mazzola L estasi di San Filippo Neri, 1797, olio su tela cm 420 x 330 circa RELAZIONE DI RESTAURO L intervento di restauro sul grande dipinto è stato condotto in loco,

Dettagli

Lavori di restauro, ristrutturazione e consolidamento statico della torre

Lavori di restauro, ristrutturazione e consolidamento statico della torre Lavori di restauro, ristrutturazione e consolidamento statico della torre Relazione Tecnica L intervento di restauro, ristrutturazione e consolidamento statico della Torre prevede prioritariamente i seguenti

Dettagli

Chiesa dell Angelo. Località: Neoneli (OR) Anno: 1640 Stile: Gotico-Catalano. Ing.Magario & Arch.Terlini. La Diagnosi Energetica Termografia

Chiesa dell Angelo. Località: Neoneli (OR) Anno: 1640 Stile: Gotico-Catalano. Ing.Magario & Arch.Terlini. La Diagnosi Energetica Termografia Chiesa dell Angelo Località: Neoneli (OR) Anno: 1640 Stile: Gotico-Catalano Termografia Blower Door Test Termoflussimetria PAG 2/50 Chiesa dell Angelo Neoneli Termografia Blower Door Test Termoflussimetria

Dettagli

THORO ACTIVE INTONACO BC

THORO ACTIVE INTONACO BC THORO ACTIVE INTONACO BC Intonaco da risanamento per applicazioni a cazzuola, di colore BIANCO, per il trattamento deumidificante di murature soggette all umidità di risalita capillare in presenza di sali.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ASPETTI GENERALI

RELAZIONE TECNICA ASPETTI GENERALI RELAZIONE TECNICA ASPETTI GENERALI L intervento prevede il restauro con adeguamento finalizzato ad una migliore fruizione del visitatore del percorso museale proposto per tale parte dell ospedale del Ceppo.

Dettagli

Progetto di Restauro dell Interno della Chiesa di Santa Caterina a Sestri Ponente (GE)

Progetto di Restauro dell Interno della Chiesa di Santa Caterina a Sestri Ponente (GE) Progetto di Restauro dell Interno della Chiesa di Santa Caterina a Sestri Ponente (GE) Tesi di Specializzazione in Restauro dei Monumenti Anno Accademico 2006-2007 Andreea Enache Caterina Zanone La Chiesa

Dettagli

- Biodeteriogeni; - Inquinanti atmosferici (es:. deposito di polveri

- Biodeteriogeni; - Inquinanti atmosferici (es:. deposito di polveri ABACO DEI DEGRADI 1 ABACO DEI DEGRADI Per una più semplice individuazione dei fenomeni di degrado dei materiali lapidei costituenti le superfici esterne degli edifici, è stata riportata una tavola sinottica

Dettagli

prodotti bio a base di calce aerea o calce idraulica naturale

prodotti bio a base di calce aerea o calce idraulica naturale prodotti bio a base di calce aerea o calce idraulica naturale La calce è uno dei materiali da costruzione più antichi e più sani. Il crescente inquinamento dei centri abitati va di pari passo con la tendenza

Dettagli

marmorino CL 90 SALUTE EN 459-1 Code B615/2007-II CALCE AEREA CALCICA ANTIBATTERICO NATURALE

marmorino CL 90 SALUTE EN 459-1 Code B615/2007-II CALCE AEREA CALCICA ANTIBATTERICO NATURALE marmorino CL 90 SALUTE EN 459-1 CALCE AEREA CALCICA ANTIBATTERICO NATURALE Stucco minerale di terre colorate naturali a base di grassello selezionato di pura calce CL 90-S conforme alla norma EN 459-1.

Dettagli

LEZIONE 1 14 ottobre 2009

LEZIONE 1 14 ottobre 2009 Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria DASTEC Dipartimento Arte Scienza e Tecnica del Costruire Facoltà di Architettura CORSO DI LAUREA IN ARCHITETTURA QUINQUENNALE LM-4 Laboratorio di

Dettagli

1. Analisi dello stato conservativo e degli interventi

1. Analisi dello stato conservativo e degli interventi 1. Analisi dello stato conservativo e degli interventi Il santuario della Madonna della Grata presenta un stato conservativo notevolmente compromesso. Oltre ai processi di carattere chimico fisico e biologico

Dettagli

INDICE. Premessa, XII

INDICE. Premessa, XII INDICE Premessa, XII 1. Prestazioni dei materiali e progetto, 3 1.1 Comportamento meccanico, 6 1.2 Azione dell ambiente, 6 1.3 Vita di servizio e durabilità, 11 1.4 Prevenzione del degrado, 16 1.5 Restauro,

Dettagli

EX CONVENTO DI SAN BERNARDINO

EX CONVENTO DI SAN BERNARDINO EX CONVENTO DI SAN BERNARDINO Restauro edifici danneggiati dal sisma del 20 e 29 maggio 2012 Relatore : Ing. Andrea Scarpa Vicenza 25 Ottobre 2013 Progettista architettonico Malte e intonaci in cocciopesto

Dettagli

STATUA DI ERCOLE Numero Inventario: 9742

STATUA DI ERCOLE Numero Inventario: 9742 STATUA DI ERCOLE Numero Inventario: 9742 La statua presentava depositi superficiali addensati, in particolare, sulle zone aggettanti come la porzione superiore delle braccia, le spalle e la base. Sotto

Dettagli

LE SOLUZIONI PAULIN UNI EN 1504 IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO. Un intervento efficace e di lunga durata

LE SOLUZIONI PAULIN UNI EN 1504 IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO. Un intervento efficace e di lunga durata LE SOLUZIONI PAULIN 1. Preparazione del supporto mediante completa asportazione e demolizione con l ausilio di mezzi meccanici o manuali di tutte le parti in calcestruzzo degradate o invia di distacco

Dettagli

INTERVENTO DI RESTAURO DELLE FACCIATE E DEL TETTO EDIFICIO IN LARGO REZZARA-PIAZZA PONTIDA, BERGAMO RELAZIONE TECNICA

INTERVENTO DI RESTAURO DELLE FACCIATE E DEL TETTO EDIFICIO IN LARGO REZZARA-PIAZZA PONTIDA, BERGAMO RELAZIONE TECNICA OGGETTO: INTERVENTO DI RESTAURO DELLE FACCIATE E DEL TETTO UBICAZIONE INTERVENTO: EDIFICIO IN LARGO REZZARA-PIAZZA PONTIDA, BERGAMO RELAZIONE TECNICA Lo scrivente arch. Leonardo Angelini, con studio in

Dettagli

Soluzioni per edifici in muratura Sistemi Sika per il risanamento, la deumidificazione, il consolidamento e il rinforzo

Soluzioni per edifici in muratura Sistemi Sika per il risanamento, la deumidificazione, il consolidamento e il rinforzo Soluzioni per edifici in muratura Sistemi Sika per il risanamento, la deumidificazione, il consolidamento e il rinforzo Indice Risanamento, Deumidificazione e leganti Consolidamento idraulici. Sistemi

Dettagli

01 ottobre 2012 Boiacche da iniezione per il consolidamento di murature e intonaci anche affrescati

01 ottobre 2012 Boiacche da iniezione per il consolidamento di murature e intonaci anche affrescati Materiali innovativi per il restauro. La ricerca scientifica alla base dell innovazione dei prodotti per il recupero e la conservazione e manutenzione di edifici monumentali 01 ottobre 2012 Boiacche da

Dettagli

Alessandro Becattini

Alessandro Becattini IL RESTAURO DELLA VETRATA Alessandro Becattini La vetrata raffigura quattro santi e quattro imperatori a coppia: Silvestro e Costantino, Traiano e Gregorio, Girolamo e Teodosio, Graziano e Ambrogio, questi

Dettagli

pag. 2 unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE Num.Ord.

pag. 2 unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE Num.Ord. pag. 2 R I P O R T O LAVORI A MISURA CHIESA SAN GIUSEPPE (SpCat 1) 1 / 1 DISFACIMENTO DI RIVESTIMENTO ESTERNO IN COCCIO PESTO, applicato P.01 sull'estradosso delle volte, compreso l'onere delle cautele

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA GENERALE E TECNICA

RELAZIONE DESCRITTIVA GENERALE E TECNICA COMUNE DI MONTEVARCHI Provincia di Arezzo LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE RESTAURO E CONSOLIDAMENTO DELL'EDIFICIO DEL PALAZZO DEL PODESTA' DI MONTEVARCHI APPROVATO CON DEL.G.C. N.182/2008 7 STRALCIO DI ULTIMAZIONE

Dettagli

RISANAMENTO DELLE MURATURE UMIDE

RISANAMENTO DELLE MURATURE UMIDE 192 RISANAMENTO DELLE MURATURE UMIDE 193 IL DEGRADO DELLA MURATURA Si manifesta con esfoliazione superficiale delle pitture, distacchi e disgregazioni dell intonaco soprastante e/o formazione di muschi,

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 2 R I P O R T O LAVORI A CORPO Scuola Dell'Infanzia Via Kennedy (SpCat 1) Lavori di facciata (Cat 1) Demolizioni svellimenti e smaltimenti (SbCat 1) 1 / 4 Spicconatura e scrostamento di intonaco a

Dettagli

IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO

IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO www.colorificiopaulin.com info@colorificiopaulin.com IL DEGRADO DEL CEMENTO ARMATO Le cause principali che determinano il degrado del cemento armato sono riconducibili principalmente a: A) Cattivo confezionamento:

Dettagli

Risanamento. Analisi e cicli specifici per un corretto intervento

Risanamento. Analisi e cicli specifici per un corretto intervento SEMINARIO TECNICO Torino 3/10/2011 Risanamento. Analisi e cicli specifici per un corretto intervento Relatore Dr. Moroni Alberto Incontro tecnico di aggiornamento In collaborazione Analisi dell immobile

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI RESTAURO DEL VANO 8 AL SECONDO PIANO NOBILE.

SCHEDA TECNICA DI RESTAURO DEL VANO 8 AL SECONDO PIANO NOBILE. SCHEDA TECNICA DI RESTAURO DEL VANO 8 AL SECONDO PIANO NOBILE. 1 8 7 N Ubicazione: Soffitto voltato al secondo piano nobile Soggetto: la raffigurazione è suddivisa in cinque scene di dipinti murali delimitate

Dettagli

M.B.F. EDILIZIA S.p.A. DIVISIONE RESTAURI D ARTE

M.B.F. EDILIZIA S.p.A. DIVISIONE RESTAURI D ARTE M.B.F. EDILIZIA S.p.A. DIVISIONE RESTAURI D ARTE Paramenti storico-architettonici e superfici lapidee - Affreschi e decorazioni - Manufatti lignei, lapidei e stucchi M.B.F. EDILIZIA S.p.A. - Divisione

Dettagli

THORO ACTIVE INTONACO BC-M

THORO ACTIVE INTONACO BC-M THORO ACTIVE INTONACO BC-M Intonaco da risanamento BIANCO per il trattamento deumidificante di murature soggette all umidità di risalita capillare in presenza di sali. Applicabile a cazzuola e a spruzzo.

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI UNITARI N.P.1 DIPINTO CENTRALE SU TELA OPERAZIONI PRELIMINARI IN LOCO Fermatura dei sollevamenti pericolanti, ove necessario con velinature parziali con colla di coniglio e carta giapponese

Dettagli