La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1)"

Transcript

1 Esercizi sulle distribuzioni binoiale e poissoniana Esercizio n. Una coppia ha tre figli. Calcolare la probabilità che abbia non più di un aschio se la probabilità di avere un aschio od una feina è sepre del 0% (non dipende dai figli precedenti). La probabilità di avere non più di un aschio, significa la probabilità di averne 0 o : ( 0) ( ) + Averne 0, significa avere tre feine: la probabilità di questo evento è -. Avere un solo aschio è un evento che può presentarsi in tre ordini diversi: MFF, FMF, FFM, ognuno dei quali ha probabilità -. Quindi: ( 0) + ( ) + Allo stesso risultato si arriva procedendo brutalente, dando un noe ai figli, quindi distinguendoli, e considerando tutti i casi possibili e quelli favorevoli. Quindi: Casi possibili: FFF in! odi, FFM in odi, FMF in odi, MFF in odi, FMM in odi, MFM in odi, MMF in due, MMM in! odi: totale, casi. Casi favorevoli: FFF in! odi, FFM in odi, FMF in odi, MFF in odi: totale, casi. Allo stesso risultato si arriva pensando che è un problea di prove ripetute: su N prove (figli), voglio la probabilità di avere al assio k risultati che i aspetto (aschio):! 0!! N 0 ( k 0) + ( k ) +!!! N 0 p q + p q 0 + p q Esercizio n. Un ponte levatoio si solleva ogni ore per 0 inuti. Se lo si attraversa due volte al giorno, qual è la probabilità di trovarlo abbassato aleno volte in giorni consecutivi? Si hanno due soli eventi: ponte alzato, ponte abbassato, le cui probabilità sono rispettivaente: 0in 6 q p in ( ) In giorni il ponte viene attraversato 0 volte. La probabilità richiesta, essendoci un aleno, è dunque: p q + p q + p ( ) 0... Esercizio n. Un ponte levatoio si solleva ogni ore per 0 inuti. Se lo si attraversa due volte al giorno, qual è la probabilità di trovarlo alzato aleno volta al giorno in giorni consecutivi? Si hanno due soli eventi: ponte alzato, ponte abbassato, le cui rispettive probabilità q6/ e p-q sono state già calcolate nel problea precedente. In giorni il ponte viene attraversato coplessivaente 0 volte. La probabilità richiesta, però, si riferisce ad eventi che accadono in cinque giorni aleno una volta al giorno. Quindi uno degli eventi favorevoli sarebbe, in 0 passaggi, trovare il ponte alzato volte non distribuite a caso (ad esepio il prio giorno, due il secondo, una il terzo), a una volta al giorno. L evento favorevole è infatti aleno una volta al giorno. Si calcoli allora la probabilità di questo evento, di trovare aleno una volta al giorno il ponte alzato, ossia aleno una volta in due passaggi giornalieri:

2 0 p ' q p + q p Questa diventerà la probabilità p per prove di due passaggi l una. Dunque, la probabilità richiesta è: ~ ' p p ( ') 0 9 Esercizio n. bis Quali sono le probabilità che le situazioni degli esercizi e si verifichino due volte in aprile? Aprile è un ese di 0 giorni, dunque di 6 gruppi da giorni consecutivi. Le precedenti situazioni si presenteranno dunque con probabilità: ) 6 p ( p) ~ dove p per l esercizio, e p per il. Esercizio n. In una scatola sono contenute palline, rosse e bianche. Si estrae una pallina alla volta e la si riette poi dentro. Qual è la probabilità di estrarre bianche su estrazioni? Si possono estrarre solo due tipi di pallina: o. Tali eventi hanno probabilità rispettivaente pari a: p q la probabilità richiesta è quindi: p q 0... Esercizio n. In una scatola sono contenute palline, rosse, bianche e. Si estrae una pallina alla volta e la si riette poi dentro. Qual è la probabilità di estrarre bianche su estrazioni? Si possono estrarre solo due tipi di pallina: o non, ossia o ( o ). Tali eventi hanno probabilità rispettivaente pari a: p q rosse a allora la probabilità richiesta è pari a quella calcolata nel problea precedente. Esercizio n. bis In una scatola sono contenute palline, rosse, bianche e 0. Si estrae una pallina alla volta e la si riette poi dentro. Qual è la probabilità di estrarre: A) bianche su estrazioni, B) su 0 estrazioni C) una una e una in tre estrazioni consecutive. A) si possono estrarre solo palline bianche o non bianche, con probabilità rispettivaente pari a: la probabilità richiesta è quindi: p bianche q rosse A p q B) si possono estrarre solo palline o non con probabilità rispettivaente pari a:

3 la probabilità richiesta è quindi: 0 rosse + bianche p ' q' B 0 0 p' q' C) non conviene considerare il problea usando la binoiale: basta utilizzare i già noti concetti di probabilità. Se conta l ordine di estrazione dei colori e le palline estratte vengono reinserite, allora: C 0 Se invece l ordine di estrazione non conta, e le palline vengono sepre reinserite: C (!) perutazioni colori 0 Se le palline non vengono reinserite una volta estratte, e conta l ordine, allora: c 0 Se le palline non vengono reinserite una volta estratte, e non conta l ordine, allora: c (!) perutazioni colori 0 risultato che si ottiene anche pensando di prendere le palline assiee a tre a tre, senza guardare: c 0 (! ) perutazioni colori 0 Esercizio n. 6 In una scatola sono contenute 0 palline, 0 rosse, 9 bianche e. Si estrae una pallina alla volta e la si riette poi dentro. Qual è la probabilità di estrarre: A) bianche su estrazioni, B) su 0 estrazioni? In entrabi i casi, si può utilizzare una poissoniana? A) seguendo la traccia del problea precedente si calcola iediataente: p 9 0. q 0. q A p Si può utilizzare una poissoniana? Be, di fatto no: la probabilità p è alta ed N piccolo. Infatti: Np il che dà un errore relativo del: B) dal problea : ( ) e ! % p 0.0 q 0.9 B Si può utilizzare una poissoniana? Ancora no: p è piccola, a N anche: Np () e... 0! 6 6

4 il che dà un errore relativo del: % Si vede quindi che B è sì così piccola da far pensare che l evento sia raro, a non lo è in realtà nel senso di oisson, secondo il quale un evento è raro a seconda della sua piccola probabilità, a anche a seconda del nuero delle prove. In questi casi il problea è risolvibile con una Bernoulliana. Esercizio n. 6bis In una scatola sono contenute 0 palline, rosse e. Si estrae una pallina alla volta e la si riette poi dentro. Qual è la probabilità di estrarre su 00 estrazioni? Si può utilizzare una poissoniana? E se sì, che errore si avrà? Dal problea 6 si calcola iediataente la probabilità richiesta: 9 00 p q Si può utilizzare una poissoniana? Si faccia direttaente la prova: Np 00 0 () e ! risultato ottio se si accetta una probabilità al: % 0... La buona approssiazione è legata al fatto che ha senso porsi il problea dell approssiazione poissoniana: le prove sono olte e la p piccola. Si noti tuttavia che se le prove fossero state 00: p 0 Np q () e ! entre: % risultato peggiore del precedente. Questo ancora perché quello che possiao definire raro in uno schea bernoulliano, guardando solo quanto è piccolo p, non è detto che sia raro in una poissoniana, in cui conta il prodotto Np: nell approssiare l una con l altra questo può dar problei In generale, un criterio di idoneità dell approssiazione poissoniana è: p << 0. Np ( ) ( ) dove il è di riferiento. Esercizio n. Un arciere olto poco esperto lancia frecce contro un bersaglio. La probabilità che lo colpisca è del 0%. Qual è la probabilità che lo colpisca 0 volte in lanci? Applicazione pedissequa della forula di Bernoulli: 0 p 0 { p %}

5 Esercizio n. bis Un arciere lancia frecce contro un bersaglio. Essendo alle prie ari e olto distratto la probabilità che lo colpisca è del 0%. Il bersaglio è coposto da quattro cerchi concentrici di raggi, rispettivaente, c, c, 6 c, 0 c, ossia da un cerchio centrale e settori circolari, cui vengono assegnati, rispettivaente, 00, 0, e 0 punti. Non colpire il bersaglio porta 0 punti. Qual è la probabilità che in quattro lanci l arciere totalizzi esattaente: A) 00 punti, B) 00 punti, C) 60 punti. A) C é un solo odo per ottenere esattaente 00 punti: fare quattro centri con quattro tiri. Se la probabilità di fare 00 punti con un tiro è p, la probabilità richiesta sarà quindi (Bernoulli): 0 A p q Il problea è che non è dato p, che può tuttavia ricavarsi dagli altri dati nel seguente odo. L arciere è stato definito poco esperto e distratto, e soprattutto in grado di colpire il bersaglio, in qualunque punto, nel 0% dei tiri. Tali inforazioni significano che di fatto la sua ira è in grado di risolvere gli eventi bersaglio colpito e bersaglio non colpito, a non in grado di risolvere gli eventi 00 punti, 0 punti In altri terini, se la doanda fosse stata, qual è la probabilità che su tiri colpisca il bersaglio volte, si sarebbe riconosciuto uno schea di prove ripetute con pq0%/, e la risposta sarebbe stata: p q a non si sarebbe potuto dire il suo punteggio. Adesso, invece, lo si richiede. Ebbene: dire, coe fatto, che la sua ira è in grado di risolvere gli eventi bersaglio colpito e bersaglio non colpito, a non gli eventi 00 punti, 0 punti vuol dire che le frecce che colpiscono il bersaglio non sono influenzate dalla ira dell arciere. Si può quindi assuere che le zone del bersaglio con area aggiore avranno probabilità aggiore di essere colpite, ossia che la probabilità di colpire una certa area sia proporzionale al suo valore. Si ricorda ora che l area del cerchio (vero?) si esprie in funzione del suo raggio r (vero?) coe (vero?): A πr e quindi quella di una corona circolare di raggio interno r ed esterno R sarà: A π ( R r ) Ne segue che le aree delle zone, che si contrassegneranno con il relativo punteggio, allontanandosi dal centro del bersaglio saranno: ( ) c A00 A π ( 6 ) c A00 A0 ( 0 6 ) c A00 A 00 π c A0 π π 6 da cui: A A 00 π c A0 A00 A A00 A0 6 quindi, ad esepio, in un solo tiro è volte più probabile fare 0 che 00. Ne segue che, se p è la probabilità di colpire il centro del bersaglio, e la probabilità di colpire un area sarà a questa proporzionale, allora, le probabilità di colpire le zone cui copetono 0,, 0 punti sono rispettivaente: p p p p p 6 p 0 0 Ora, dato che l arciere o colpisce o non colpisce il bersaglio, ossia, la soa delle probabilità di colpire una qualunque zona o di non colpire affatto il bersaglio deve essere pari ad, si ha: p + p + p + p + q e quindi: 0 0 p + p + p + 6 p + q Inoltre, è noto che l arciere colpisce il bersaglio una volta su due, ossia: 00

6 q p + p + p + 6 p + p( ) p 00 da cui quanto si cercava: 0 A p q B) er totalizzare esattaente 00 punti con lanci l arciere può colpire volte l area con punteggio, volte quella con punteggio 0 e volte non colpire il bersaglio, in qualunque ordine, volta quella con 00 punti e volte ancare il bersaglio, in qualunque ordine, volte quella con punteggio, volta il 0 ed una non colpire il bersaglio, in qualunque ordine: B 00,0,0,0 + 0,0,0,0 +,,, +,,0,0 00 ( ) ( ) ( ) ( ) quindi, dalla probabilità dell intersezione di eventi e considerando le perutazioni con ripetizione dei punteggi detti (non conta l ordine con cui sono ottenuti a la loro soa):!!!! B p00qqq + p0 p0qq + p + p p 0 q!!!!! ossia: B ! ! dove, si noti, la probabilità di ottenere quattro tiri con risultato poteva calcolarsi con la distribuzione bernoulliana coe: A conti fatti, dunque: B p ( p ) C) er totalizzare esattaente 60 punti con lanci l arciere può colpire volta ciascuna le aree con punteggio 0 e 0, e volte non colpire il bersaglio, in qualunque ordine, o volte quella con punti e poi realizzare un 0 ed uno zero ancando il bersaglio, in qualunque ordine : C 0,0,0,0 +,,0,0 ( ) ( ) quindi, dalla probabilità dell intersezione di eventi e considerando le perutazioni con ripetizione:!! C p 0 p 0 qq + p p p 0 q!! ossia: C Esercizio n. ter Qual è la probabilità che in quattro lanci l arciere dell esercizio 9 totalizzi aleno 00 punti? er totalizzare aleno 00 punti l arciere in tiri può, ) colpire aleno una volta il 00, ) colpire aleno due volte il 0; ) colpire (aleno) volte il ; ) colpire (aleno) volte il ed una il 0. er calcolare le probabilità dei prii due eventi conviene passare agli eventi copleentari: ) non colpire neanche una volta su il cento, ) una o nessuna volta su il 0. er il terzo ed quarto si calcolerà il tutto direttaente. Si coinci con ) neanche una volta su il 00: basta pensare ad uno schea di Bernoulli con: 00 6

7 da cui: ) una o nessuna volta su il 0: stavolta: p 00 q 00 p q no 00 p q 9 00 no volte p q pq ) Visto che i tiri sono, alla probabilità di avere aleno 00 punti contribuisce l evento colpire volte su il. La sua probabilità è: volte 00 ) se si deve colpire due volte il e una il 0, la quarta freccia può far quel che vuole: due un0&!! p p0 p0 + p0 + p + p0 + p!!! dove i fattoriali tengono conto delle ripetizioni. assando allora agli eventi opposti per i prii due casi e soando gli altri due: + ( ) + ( ) no00 novolte0 + volte + dueun0& Facendo tutti i (lunghi) calcoli: ( ) + ( ) no00 novolte0 volte dueun0& Esercizio n. Il % di elettrodoestici prodotti da una fabbrica sono difettosi. Deterinare che su un capione di 00, A) più di, B) tra e, C) o eno di lo siano. La probabilità che un elettrodoestico sia difettoso è: p 00 quindi a tutte le doande potrebbe rispondersi con una binoiale: ad esepio: A) p q + p q + p q + p q + p q + p q 0 Tuttavia, ) si vede che: Np quindi, invece di utilizzare la binoiale è lecito utilizzare una poissoniana per salvarsi dai lunghi calcoli; ne viene: e B A e %!!! % 0!!!!!! 0 e % 0!!! ] C Coe ulteriore esercizio è utile controllare l errore relativo sulle probabilità calcolate con la poissonana rispetto a quelle calcolate con una distribuzione bernoulliana. Buon lavoro. 9

8 Esercizio n. bis La percentuale di portatori sani di una caratteristica genetica in una popolazione è lo 0.%. Su 0000 individui, qual è la probabilità che aleno siano portatori? Il problea, ancora, potrebbe risolversi con una binoiale. Tuttavia la natura dell osservabile, una caratteristica genetica, fa pensare che l inforazione 0. % sia da pensarsi coe inforazione edia ricavata un nuero grandissio di prove. Si noti che solo in base a ciò si utilizza una poissonina, in quanto si ha: Np che però è olto lontano dal riferiento. Ne segue, calcolando la probabilità coe quella dell evento opposto che solo 0 od siano portatori: e ! 0 +! Esercizio n. 9 É noto al % il nuero edio di incidenti in un ese dopo esi di osservazioni. er quanti esi si devono registrare dati per avere una stia all %? ossono descriversi con una distribuzione poissoniana fenoeni che sono caratterizzati da un flusso costante di eventi, con il che si intende il nuero edio di eventi in un certo intervallo di tepo: nuero di conteggi al secondo, nuero di particelle al inuto, in questo caso nuero di incidenti in un ese. Il flusso è costante nel senso che contando il nuero di eventi su intervalli di tepo differenti, e rapportandolo al tepo, si ha: N( t) N( t' ) f t t' Il paraetro della poissoniana, suo valor edio e varianza, è poi legato al flusso da: N () t ft var( x) σ per la definizione stessa di flusso coe nuero edio di eventi () per unità di tepo. Ne segue: N var N σ N N Applicando ciò al problea, ediante il flusso f di incidenti al ese si ha: N 0 % 0.0 f N f ese da cui quindi il flusso, costante del fenoeno incidenti osservati. Quindi: N % 0.0 x esi esi N xf f 0 Esercizio n. 9bis Una sorgente eette un flusso di 0. particelle al inuto. Quanti inuti si deve attendere per conoscere il nuero all %? Il problea è espresso in una fora classica olto scarna. Si potrebbe riforularlo così: A detta del costruttore, una sorgente eette in edia 0. particelle al inuto. Il costruttore avrà certaente isurato il nuero di particelle eesse in un lungo lasso di tepo, calcolando poi la edia al inuto. Si vorrebbe sapere quanto si deve attendere per ottenere nel nostro laboratorio un nuero di particelle affetto da un errore relativo dell %.

9 Sappiao che un tale evento, eissione di particelle, segue una distribuzione di oisson. L errore relativo sul nuero edio si esprie quindi coe, in varie notazioni: N var N σ N N Ora, se in un inuto vengono eesse 0. particelle, in n inuti verranno eesse 0.n particelle: N 0000 % n in in 00 N 0.n 0. Esercizio n. 9ter Se su 0 inuti si conosce il nuero di particelle eesse al %, qual è il flusso della sorgente? Variazione pedissequa del problea precedente: in f 0 f in ( ) in 0 si riottene infatti 0. particelle al inuto sostituendo i dati precedenti. Esercizio n. 0 In un processo vengono eessi 0 ioni al icrosecondo. Coe posso igliorare la stia del nuero di particelle eesse fino a portarla allo 0.%? Ancora, dal problea precedente, definendo con n il tepo di isura in icrosecondi: N N.00 n nf f s s 0.s ossia, attendendo 0. s si ha la stia alla precisione richiesta. Esercizio n. 0bis In un call-center, si fanno 0 telefonate al inuto per pubblicizzare un certo evento. Si hanno in edia adesioni su 000. Qual è la probabilità che in un ora si abbiano A) adesioni; B) 0 adesioni; C) un nuero di adesioni pari al nuero aspettato? D) un nuero di adesioni pari al nuero aspettato su quaranta inuti? Il flusso fornito si riferisce alle telefonate, non alle adesioni. Il flusso di adesioni sarà: adesioni f ' fp in che significa, in un ora, un nuero edio di adesioni pari a: 0 adesioni f ' 60in 60in adesioni 000 in Quindi: 0 A e 0... B e ! 0! Ora, che significa pari al nuero aspettato? Significa pari al valor edio, noto il flusso, nell intervallo di tepo considerato. Nei due casi delle doande C e D: f '0 in ora / ora Quindi, il prio caso è stato già affrontato, entre il secondo dà: e D ! 9

Confronto fra valore del misurando e valore di riferimento (1 di 2)

Confronto fra valore del misurando e valore di riferimento (1 di 2) Confronto fra valore del isurando e valore di riferiento (1 di 2) Talvolta si deve espriere un parere sulla accettabilità o eno di una caratteristica fisica del isurando ediante il confronto fra il valore

Dettagli

Dai numeri naturali ai numeri reali

Dai numeri naturali ai numeri reali .1 Introduzione Dai nueri naturali ai nueri reali In questa unità didattica vogliao riprendere rapidaente le nostre conoscenze sugli insiei nuerici (N, Z e Q), e successivaente apliarle a coprendere i

Dettagli

I.T.I. Modesto PANETTI B A R I

I.T.I. Modesto PANETTI B A R I I.T.I. Modesto PAETTI B A R I Via Re David, 86-705 BARI 080-54.54. - Fa 080-54.64.3 Intranet http://0.0.0. - Internet http://www.itispanetti.it eail : BATF05000C@istruzione.it Introduzione Analisi statistica

Dettagli

UNITÀ 1 LA MISURA DELLE GRANDEZZE FISICHE

UNITÀ 1 LA MISURA DELLE GRANDEZZE FISICHE UNITÀ 1 LA MISURA DELLE GRANDEZZE FISICHE 1. Che cos è la Fisica. La fisica è una scienza sperientale che studia i fenoeni naturali, detti anche fenoeni fisici, utilizzando il etodo scientifico. Si tratta

Dettagli

REVISIONE 0 APRILE 2000 Pag. 1 di 10

REVISIONE 0 APRILE 2000 Pag. 1 di 10 SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LAORATORI DT-000/4 ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI CHIMIICHE INDICE parte sezione pagina Esepio n. 1: Analisi del ercurio in

Dettagli

accelerazione al posto di velocità. Ecco quello che otteniamo:

accelerazione al posto di velocità. Ecco quello che otteniamo: Lezione 5 - pag.1 Lezione 5: L accelerazione 5.1. Velocità e accelerazione Sappiao che la velocità è una grandezza essenziale per descrivere il oviento: quando la posizione di un corpo cabia nel tepo,

Dettagli

Misure elettriche circuiti a corrente continua

Misure elettriche circuiti a corrente continua Misure elettriche circuiti a corrente continua Legge di oh Dato un conduttore che connette i terinali di una sorgente di forza elettrootrice si osserva nel conduttore stesso un passaggio di corrente elettrica

Dettagli

PRINCIPIO DI INDUZIONE. k =. 2. k 2 n(n + 1)(2n + 1) 6

PRINCIPIO DI INDUZIONE. k =. 2. k 2 n(n + 1)(2n + 1) 6 PRINCIPIO DI INDUZIONE LORENZO BRASCO Esercizio. Diostrare che per ogni n si ha nn. 2 Esercizio 2. Diostrare che per ogni n si ha 2 2 nn 2n. Soluzione Procediao per induzione: la 2 è ovviaente vera per

Dettagli

FERRARI 575M Maranello Velocità Massima 325 Km/h Accelerazione Massima 0-100Km/h in 4,2 s

FERRARI 575M Maranello Velocità Massima 325 Km/h Accelerazione Massima 0-100Km/h in 4,2 s 1 IL MOTO RETTILINEO UNIFORMEMENTE ACCELERATO L accelerazione. Una autoobile di grossa cilindrata, coe la Ferrari 575M Maranello, è apprezzata per la sua ripresa, cioè per la sua capacità di variare la

Dettagli

Determinazione della quota sul livello del mare del monte Etna

Determinazione della quota sul livello del mare del monte Etna Deterinazione ella quota sul livello el are el onte Etna a.s. 998/999 classe 5 oorinatore: Prof.. Epainona Preessa Per ottenere una isura i tutto rispetto, ci siao avvalsi ella consulenza e ella collaborazione

Dettagli

Ponti di misura. Fig.1.1 - Ponte di Wheatstone (A) e circuito equivalente di Thevenin (B).

Ponti di misura. Fig.1.1 - Ponte di Wheatstone (A) e circuito equivalente di Thevenin (B). Ponti di isura - Ponti di isura - Il ponte di Wheatstone Schea generale Il ponte di Wheatstone trova nuerose applicazioni nel capo delle isure elettriche per la deterinazione di paraetri resistivi. Il

Dettagli

Centro di formazione professionale Don Bosco

Centro di formazione professionale Don Bosco Centro di forazione professionale Don Bosco Settore elettrico ELETTROTECNICA Eserciziario A.S. 204 205 CIRCUITI ELETTRICI, CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI e MACCHINE ELETTRICHE Fabio PANOZZO Indice Elettrostatica

Dettagli

Nota metodologica Strategia di campionamento e livello di precisione dei risultati

Nota metodologica Strategia di campionamento e livello di precisione dei risultati Nota etodologica Strategia di capionaento e livello di precisione dei risultati 1. Obiettivi conoscitivi La popolaione di interesse dell indagine in oggetto, ossia l insiee delle unità statistiche intorno

Dettagli

SCIENZE: Compiti delle vacanze Estate 2015

SCIENZE: Compiti delle vacanze Estate 2015 SCIEZE: Copiti delle vacanze Estate 2015 Classe I a Per agevolare lo svolgiento degli esercizi ho realizzato questa breve dispensa che, se ben utilizzata, ti peretterà di ripassare tutti gli argoenti svolti

Dettagli

Unità Didattica N 16. Il comportamento dei gas perfetti

Unità Didattica N 16. Il comportamento dei gas perfetti Unità Didattica N 16 Il coportaento dei gas perfetti Unità Didattica N 16 Il coportaento dei gas perfetti 1) Alcune considerazioni sullo studio dei sistei gassosi 2) Dilatazione terica degli aerifori 3)

Dettagli

Lezione n.15. Doppi bipoli

Lezione n.15. Doppi bipoli Lezione 5 Doppi bipoli Lezione n.5 Doppi bipoli. Definizione di N-polo. Definizione di doppio-bipolo 3. Doppi-bipoli in regie stazionario (doppi-bipoli di resistenze 4. Problei di analisi 5. Problei di

Dettagli

Appendice 1 - Generalità sui metodi di misura

Appendice 1 - Generalità sui metodi di misura Appunti di Misure Elettriche Appendice 1 - Generalità sui etodi di isura Introduzione: isure relative ed assolute...1 Classificazione dei etodi di isura...1 Metodi a deviazione...2 Metodi di zero...3 Siboli

Dettagli

Contratti indicizzati a tassi di interesse

Contratti indicizzati a tassi di interesse MEBS Lecture 1 Contratti indicizzati a tassi di interesse MEBS, lezioni Roberto Renò Università di Siena 1.1 Introduzione Abiente di lavoro: i contratti su tassi di interesse (bond arket). Contratti standard:

Dettagli

... a) Lo spettro di un segnale SSB è costituito da... b) Un segnale SSB può essere ottenuto... in una... mediante un... centrato su...

... a) Lo spettro di un segnale SSB è costituito da... b) Un segnale SSB può essere ottenuto... in una... mediante un... centrato su... MODULAZIONE ANALOGICA UNITÀ VERIFICA Copleta: a) Per odulazione lineare si intende la... dello spettro del... intorno alla frequenza... b) La odulazione di apiezza consiste nel... del segnale portante...

Dettagli

CENTRA SOGE-PARTNERS REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FLEXIBLE SUNRISE PROTECTION DOUBLE PREMIUM

CENTRA SOGE-PARTNERS REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FLEXIBLE SUNRISE PROTECTION DOUBLE PREMIUM REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FLEXIBLE SUNRISE PROTECTION DOUBLE PREMIUM Regolaento del fondo interno Flexible Sunrise Protection Double Preiu A) OBIETTIVI E DESCRIZIONE DEL FONDO Il fondo Flexible Sunrise

Dettagli

Indagine sui costi dei servizi bancari VADEMECUM PER LA PARTECIPAZIONE ALL!INDAGINE

Indagine sui costi dei servizi bancari VADEMECUM PER LA PARTECIPAZIONE ALL!INDAGINE ! Indagine sui costi dei servizi bancari VADEMECUM PER LA PARTECIPAZIONE ALL!INDAGINE Coe anticipato nella lettera di presentazione dell!iniziativa, l!indagine proossa dalla Caera di Coercio di Milano

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica La corrente elettrica nei conduttori. La corrente elettrica Connettendo due conduttori a diverso potenziale si ha un oto di cariche fino a quando si raggiunge una condizione di uilibrio. Questo oto terina

Dettagli

L' ACCELERAZIONE DI GRAVITA Anita Calcatelli, Alessandro Germak, I.N.RI.M. (IMGC-CNR)

L' ACCELERAZIONE DI GRAVITA Anita Calcatelli, Alessandro Germak, I.N.RI.M. (IMGC-CNR) L' ACCELERAZIONE DI GRAVITA Anita Calcatelli, Alessandro Gerak, I.N.RI.M. (IMGC-CNR) 1. Considerazioni introduttive Un esepio particolare di accelerazione è rappresentato dall accelerazione di gravità

Dettagli

Un modello probabilistico per quantificare i risultati delle ricerche sulla Sindone di Torino

Un modello probabilistico per quantificare i risultati delle ricerche sulla Sindone di Torino Congresso nternazionale di Studi sulla Sindone, Torino, 5-7 giugno 998 Un odello probabilistico per quantificare i risultati delle ricerche sulla Sindone di Torino Giulio Fanti, Eanuela Marinelli + CSAS

Dettagli

MASSA PESO DENSITÀ PESO SPECIFICO

MASSA PESO DENSITÀ PESO SPECIFICO LEZIONE N. 9 1 In questa lezione trattereo di: VOLUMA, MASSA, PESO, DENSITÀ, PESO SPECIFICO VOLUME Il volue è inteso coe spazio occupato da un corpo in 3 diensioni. L unità di isura del volue nel S.I.

Dettagli

Depliant di progettazione GARDENA 2011

Depliant di progettazione GARDENA 2011 Depliant di progettazione GARDENA 2011 GARDENA Sistea di irrigazione Se siete interessati a servizi di progettazione e installazione? Vi preghiao di rivolgervi direttaente alla nostra sedo www.gardena.ch

Dettagli

CENTRA SOGE-PARTNERS REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FLEXIBLE SUNRISE PROTECTION

CENTRA SOGE-PARTNERS REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FLEXIBLE SUNRISE PROTECTION Regolaento del fondo interno Flexible Sunrise Protection A) OBIETTIVI E DESCRIZIONE DEL FONDO Il fondo Flexible Sunrise Protection è un fondo interno di tipo N (vale a dire accessibile a una pluralità

Dettagli

PERICOLOSITA SISMICA DI BASE INTRODUZIONE PROCEDURA DI CALCOLO La procedura di calcolo adoperata da RSL per la valutazione della funzione di trasferiento presuppone coe base di partenza uno o più accelerograi,

Dettagli

LAVORO ED ENERGIA Corso di Fisica per Farmacia, Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2006

LAVORO ED ENERGIA Corso di Fisica per Farmacia, Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2006 LAVORO ED ENERGIA INTRODUZIONE L introduzione dei concetto di lavoro, energia cinetica ed energia potenziale ci perettono di affrontare i problei della dinaica in un odo nuovo In particolare enuncereo

Dettagli

Distribuzioni discrete

Distribuzioni discrete Distribuzioni discrete Esercitazione 4 novembre 003 Distribuzione binomiale Si fa un esperimento (o prova): può manifestarsi un certo evento A con probabilità p oppure no (con probabilità q = p). La distribuzione

Dettagli

INDICE. Macchine Teoriche e Architettura di base LA MACCHINA DI TURING. Il test di Turing LA MACCHINA DI VON NEUMANN

INDICE. Macchine Teoriche e Architettura di base LA MACCHINA DI TURING. Il test di Turing LA MACCHINA DI VON NEUMANN INDICE Macchine Teoriche e Architettura di base LA MACCHINA DI TURING Il test di Turing LA MACCHINA DI VON NEUMANN Il funzionaento della Macchina di Von Neuann 1 Macchine Teoriche e Architettura di base

Dettagli

Analisi statistica degli errori

Analisi statistica degli errori Analisi statistica degli errori I valori numerici di misure ripetute risultano ogni volta diversi l operazione di misura può essere considerata un evento casuale a cui è associata una variabile casuale

Dettagli

Depliant di progettazione GARDENA 2012

Depliant di progettazione GARDENA 2012 Depliant di progettazione GARDENA 2012 GARDENA Sistea di irrigazione Se siete interessati a servizi di progettazione e installazione? Vi preghiao di rivolgervi direttaente alla nostra sedo www.gardena.ch

Dettagli

Economia dell Ambiente Francesca Sanna-Randaccio Lezione 7

Economia dell Ambiente Francesca Sanna-Randaccio Lezione 7 Econoia dell Abiente Francesca Sanna-Randaccio Lezione 7 SCELTA INTERTEMPORALE Modello di scelta del consuatore che abbiao studiato solo periodo beni: flusso reddito: flusso FLUSSO Grandezza per isurare

Dettagli

Evoluzione della velocità di riferimento per l allenamento della Potenza massimale aerobica sotto forma intermittente (VR PMA INT)

Evoluzione della velocità di riferimento per l allenamento della Potenza massimale aerobica sotto forma intermittente (VR PMA INT) Le TEST 45/15 di Georges GACON Evoluzione della velocità di riferiento per l allenaento della Potenza assiale aerobica sotto fora interittente (VR PMA INT) Il Test E pria di tutto un test tecnico, che

Dettagli

COSTO DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE

COSTO DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE Trasporti e noli Materiali Mano d'opera 7 aggio 202 202 I triestre 202 COSTO DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE Nel prio triestre 202 il costo di costruzione di un fabbricato residenziale auenta

Dettagli

Esercizio #1. Esercizio #2 P = 100 W. d = 3 m

Esercizio #1. Esercizio #2 P = 100 W. d = 3 m Esercizio #1 Un iportante annuncio è trasesso, per ezzo di onde radio, a persone sedute vicino alle proprie radio ad una distanza di 1 K dall'eittente e, per ezzo di onde sonore, alle persone sedute nella

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 2

1^A - Esercitazione recupero n 2 1^A - Esercitazione recupero n 2 1. Un cavo di nylon si coporta coe una olla di costante elastica 5,0 10 4 N /. Con questo cavo, trasciniao sul paviento una cassa di 280 kg a velocità costante. Il coefficiente

Dettagli

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme.

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Esercizi difficili sul calcolo delle probabilità. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Le parole a caso

Dettagli

Coatings tecnologici a risparmio energetico, Cool Roof e altri tipi di prodotti riflettenti e funzionali di nuova generazione. www.watergyitalia.

Coatings tecnologici a risparmio energetico, Cool Roof e altri tipi di prodotti riflettenti e funzionali di nuova generazione. www.watergyitalia. Coatings tecnologici a rispario energetico, Cool Roof e altri tipi di prodotti riflettenti e funzionali di nuova generazione Coatings tecnologici a rispario energetico, Cool Roof e altri tipi di prodotti

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI SISTEMI IMPIANTISTICI E SICUREZZA REGIMI DI FUNZIONAMENTO DEI CIRCUITI ELETTRICI: CORRENTE CONTINUA

APPUNTI DEL CORSO DI SISTEMI IMPIANTISTICI E SICUREZZA REGIMI DI FUNZIONAMENTO DEI CIRCUITI ELETTRICI: CORRENTE CONTINUA APPUNTI DL CORSO DI SISTMI IMPIANTISTICI SICURZZA RGIMI DI FUNZIONAMNTO DI CIRCUITI LTTRICI: CORRNT CONTINUA SOLO ALCUNI SMPI DI ANALISI DI UN CIRCUITO LTTRICO FUNZIONANTI IN CORRNT CONTINUA APPUNTI DL

Dettagli

Esercizi di Calcolo delle Probabilita (I)

Esercizi di Calcolo delle Probabilita (I) Esercizi di Calcolo delle Probabilita (I) 1. Si supponga di avere un urna con 15 palline di cui 5 rosse, 8 bianche e 2 nere. Immaginando di estrarre due palline con reimmissione, si dica con quale probabilità:

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEGLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE GENNAIO 2005-DICEMBRE 2009

RICOSTRUZIONE DEGLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE GENNAIO 2005-DICEMBRE 2009 16 ottobre 2015 RCOSTRUZONE DEGL NDC DE PREZZ ALL MPORTAZONE GENNAO 2005-DCEMBRE 2009 A partire dal counicato stapa del 16 ottobre 2015 l stituto nazionale di statistica pubblica le serie storice ricostruite

Dettagli

Ancora sull indipendenza. Se A e B sono indipendenti allora lo sono anche

Ancora sull indipendenza. Se A e B sono indipendenti allora lo sono anche Ancora sull indipendenza Se A e B sono indipendenti allora lo sono anche A e B Ā e B Ā e B Sfruttiamo le leggi di De Morgan Leggi di De Morgan A B = Ā B A B = Ā B P (Ā B) = P (A B) = 1 P (A B) = 1 (P (A)

Dettagli

Il rischio di tasso di interesse

Il rischio di tasso di interesse MEBS Lecture 2 Il rischio di tasso di interesse MEBS, lezioni Roberto Renò Università di Siena 2.1 Il rischio di tasso di interesse Per rischio di tasso di interesse si intende la possibilità che, effettuato

Dettagli

Laboratorio virtuale di strumentazione digitale

Laboratorio virtuale di strumentazione digitale Laboratorio virtuale di struentazione digitale ro. Chirizzi arco www.elettrone.altervista.org www.arcochirizzi.blogspot.co arco.chirizzi@libero.it In uesta sessione iniziao con la descrizione dell attività

Dettagli

Esercitazioni 2013/14

Esercitazioni 2013/14 Esercitazioni 2013/14 Esercizio 1 Due ditte V e W partecipano ad una gara di appalto per la costruzione di un tratto di autostrada che viene assegnato a seconda del prezzo. L offerta fatta dalla ditta

Dettagli

Lezione 4: la velocità. Nella scorsa lezione abbiamo considerato la grandezza velocità media. Essa, come ricordate, è definita così:

Lezione 4: la velocità. Nella scorsa lezione abbiamo considerato la grandezza velocità media. Essa, come ricordate, è definita così: Lezione 4 - pag.1 Lezione 4: la velocità 4.1. Velocità edia e grafico tepo - poizione Nella cora lezione abbiao coniderato la grandezza velocità edia. Ea, coe ricordate, è definita coì: ditanza percora

Dettagli

matematica probabilmente

matematica probabilmente IS science centre immaginario scientifico Laboratorio dell'immaginario Scientifico - Trieste tel. 040224424 - fax 040224439 - e-mail: lis@lis.trieste.it - www.immaginarioscientifico.it indice Altezze e

Dettagli

SOLUZIONI ESERCITAZIONE NR. 6 Variabili casuali binomiale e normale

SOLUZIONI ESERCITAZIONE NR. 6 Variabili casuali binomiale e normale SOLUZIONI ESERCITAZIONE NR. 6 Variabili casuali binomiale e normale ESERCIZIO nr. 1 I Presidi delle scuole medie superiori di una certa cittá italiana hanno indetto tra gli studenti dell ultimo anno una

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

al centro di uno tsunami!

al centro di uno tsunami! nuero 1 Katsushika Hokusai, Dietro la grande onda a Kanagawa (1823-1829), dipinto su legno Onde da paura: viaggio di FAUSTO SALERI al centro di uno tsunai! Negli ultii anni a causa di eventi particolarente

Dettagli

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione.

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione. Il rapporto dell OCSE intitolato Education at a Glance: OECD Indicators è una fonte autorevole d inforazioni accurate e pertinenti sullo stato dell istruzione nel ondo. Il rapporto presenta dati sulla

Dettagli

PD 42. Printed: 07.07.2013 Doc-Nr: PUB / 5140866 / 000 / 00

PD 42. Printed: 07.07.2013 Doc-Nr: PUB / 5140866 / 000 / 00 PD 42 Bedienungsanleung Operating instructions Mode d eploi Istruzioni d uso Manual de instrucciones Manual de instruções Gebruiksaanwijzing Οδηγιες χρησεως Kulllana Taliatı de en fr es pt nl el tr ar

Dettagli

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti Facoltà di Ingegneria - Polo di Rieti Corso di " Ipianti Tecnici per l'edilizia" Ipianti di Condizionaento: Ipianti a tutt'aria e isti Prof. Ing. Marco Roagna INTRODUZIONE Una volta noti i carichi sensibili

Dettagli

Misura di una grandezza

Misura di una grandezza Ricordate che nella risoluzione di problei viene richiesto un certo foraliso (forule dirette ed inverse, sostituzione dei valori, seplificazione delle unità di isura e risultato, spesso, con le cifre significative)

Dettagli

FISCAL. N. 3 Anno XVI - Marzo 2009. normativo minacciava di stoppare

FISCAL. N. 3 Anno XVI - Marzo 2009. normativo minacciava di stoppare FISCAL flash N. 3 Anno XVI - Marzo 2009 Rispario energetico: per la detrazione del 55% serve la counicazione La doanda preventiva va presentata alle Entrate di Oliviero Franceschi Cabiano le carte in tavola

Dettagli

INTRODUZIONE alle TRASMISSIONI

INTRODUZIONE alle TRASMISSIONI INTRODUZIONE alle TRASMISSIONI Una trasissione eccanica è il coplesso degli organi che servono per trasettere potenza in un sistea eccanico. Alcuni di tali organi, coe alberi, giunti e innesti, trasettono

Dettagli

1/8. Durata del contatto in : 0.5 s a 9s (regolabile) SPECIFICHE TECNICHE. microprocessore

1/8. Durata del contatto in : 0.5 s a 9s (regolabile) SPECIFICHE TECNICHE. microprocessore EAGLE ONE HM & EAGLE TWO HM ISTRUZIONI PER L USO RILEVATORI DI MOVIMENTO UNIVERSALI PER PORTE AUTOMATICHE EAGLE ONE HM: rilevatore unidirezionale EAGLE TWO HM: rilevatore bidirezionale SPECIFICHE TECNICHE

Dettagli

Versione integrata e modificata dalla deliberazione ARG/elt 107/08, 5/10 e 127/10

Versione integrata e modificata dalla deliberazione ARG/elt 107/08, 5/10 e 127/10 Versione integrata e odificata dalla deliberazione ARG/elt 107/08, 5/10 e 127/10 MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER IL RITIRO DELL ENERGIA ELETTRICA AI SENSI DELL ARTICOLO 13, COMMI 3 E 4, DEL

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1782 del 06 luglio 2010 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1782 del 06 luglio 2010 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGAOA alla Dgr n. 1782 del 06 luglio 2010 pag. 1/8 FONDO DI ROAZIONE PER IL SEORE PRIMARIO Regolaento recante la definizione dei coparti produttivi di intervento, i criteri

Dettagli

GLI INVESTIMENTI RISK FREE: UNA

GLI INVESTIMENTI RISK FREE: UNA 16 Maggio 2012 GLI INVESTIMENTI RISK FREE: UNA SPECIE ESTINTA. QUALI IMPLICAZIONI PER GLI INVESTITORI? PREMESSA Lo scorso 19 Aprile abbiao avuto l opportunità di partecipare a Milano, all incontro istituzionale,

Dettagli

Calcolo della densità dell aria alle due temperature utilizzando l equazione dei gas:

Calcolo della densità dell aria alle due temperature utilizzando l equazione dei gas: Lezione XXIII - 0/04/00 ora 8:0-0:0 - Esercizi tiraggio e sorbona - Originale di Marco Sisto. Esercizio Si consideri un ipianto di riscaldaento a caino caratterizzato dai seguenti dati: T T Sezione ati

Dettagli

UTILIZZO GEODETICO E IN TEMPO REALE DI RICEVITORI GPS DI BASSO COSTO

UTILIZZO GEODETICO E IN TEMPO REALE DI RICEVITORI GPS DI BASSO COSTO UTILIZZO GEODETICO E IN TEMPO REALE DI RICEVITORI GPS DI BASSO COSTO Marco BALDO (**), Alberto CINA (*), Abrogio MANZINO (*), Marco ROGGERO (*) (*) Politecnico di Torino DIGET, C.so Duca degli Abruzzi,

Dettagli

r~~f~~. --r-~r-r ---- _[::=_~- r-l

r~~f~~. --r-~r-r ---- _[::=_~- r-l In tutti i problei si userà coe velocità del suono in aria il valore 340 /s (valido per una teperatura dell'aria di circa 18 C), salvo diversa indicazione. La propagazione ondosa La figura seguente ostra

Dettagli

Esercitazione del 14/02/2012 Istituzioni di Calcolo delle Probabilità

Esercitazione del 14/02/2012 Istituzioni di Calcolo delle Probabilità Esercitazione del 14/02/2012 Istituzioni di Calcolo delle Probabilità David Barbato Questa raccolta comprende sia gli esercizi dell esercitazione del 14 febbraio sia gli esercizi di ricapitolazione sulle

Dettagli

UNI EN 12215 Impianti di verniciatura

UNI EN 12215 Impianti di verniciatura Dipartiento di Sanità Pubblica U.O. Prevenzione e Sicurezza Abienti di Lavoro UNI EN 12215 Ipianti di verniciatura Cabine di verniciatura per l applicazione prodotti vernicianti liquidi Requisiti di sicurezza

Dettagli

Probabilità discreta

Probabilità discreta Probabilità discreta Daniele A. Gewurz 1 Che probabilità c è che succeda...? Una delle applicazioni della combinatoria è nel calcolo di probabilità discrete. Quando abbiamo a che fare con un fenomeno che

Dettagli

L equilibrio finanziario, patrimoniale e monetario nei gruppi aziendali. L apprezzamento dell equilibrio nelle imprese e nelle controllate di gruppo

L equilibrio finanziario, patrimoniale e monetario nei gruppi aziendali. L apprezzamento dell equilibrio nelle imprese e nelle controllate di gruppo L equilibrio finanziario, patrioniale e onetario nei gruppi aziendali L apprezzaento dell equilibrio nelle iprese e nelle controllate di gruppo Eleenti di rilievo nell apprezzaento degli equilibri finanziari

Dettagli

Università degli studi di Padova SCHEDULING SU MACCHINE PARALLELE CON ALTA MOLTEPLICITÀ

Università degli studi di Padova SCHEDULING SU MACCHINE PARALLELE CON ALTA MOLTEPLICITÀ Università deli studi di Padova Dipartiento di Tecnica e Gestione dei Sistei Industriali Tesi di Laurea Triennale in Ineneria Gestionale SCHEDULING SU MACCHINE PARALLELE CON ALTA MOLTEPLICITÀ RELATORE:

Dettagli

COPYRIGHT. Informazioni e permessi sui prodotti o parti di essi possono essere richiesti a:

COPYRIGHT. Informazioni e permessi sui prodotti o parti di essi possono essere richiesti a: COPYRIGHT Tutto il ateriale contenuto nella confezione (CD contenente i file dei software, chiave di protezione, altri supporti di consultazione) è protetto dalle leggi e dai trattati sul copyright, nonché

Dettagli

Esercizi sul calcolo delle probabilità

Esercizi sul calcolo delle probabilità Esercizi sul calcolo delle probabilità Svolti e da svolgere (per MAR 13 marzo) Dati due eventi A e B dello spazio campionario Ω. Si sappia che P(A c )=0,3 P(B)=0,4 e P(A B c )=0,5 si determinino le probabilità

Dettagli

Viene lanciata una moneta. Se esce testa vinco 100 euro, se esce croce non vinco niente. Quale è il valore della mia vincita?

Viene lanciata una moneta. Se esce testa vinco 100 euro, se esce croce non vinco niente. Quale è il valore della mia vincita? Viene lanciata una moneta. Se esce testa vinco 00 euro, se esce croce non vinco niente. Quale è il valore della mia vincita? Osserviamo che il valore della vincita dipende dal risultato dell esperimento

Dettagli

GRAFITI ELLOR. Per la lavorazione mediante elettroerosione. MERSEN Esperti al vostro servizio

GRAFITI ELLOR. Per la lavorazione mediante elettroerosione. MERSEN Esperti al vostro servizio GRAFITI ELLOR Per la lavorazione ediante elettroerosione MERSEN Esperti al vostro servizio 2 Una gaa copleta di grafiti per la lavorazione ediante elettroerosione Applicazioni olto diversificate Fabbricazione

Dettagli

Come funziona un accordo collusivo

Come funziona un accordo collusivo Collusione Introduzione Nel odello di Bertrand con beni oogenei, il prezzo di equilibrio coincide con quello di concorrenza perfetta anche se nel ercato ci sono solo due iprese (paradosso di Bertrand).

Dettagli

Insieme di bilancio. Capitolo Due. Vincolo di bilancio. Vincolo di bilancio. Vincolo di bilancio. Vincolo di bilancio

Insieme di bilancio. Capitolo Due. Vincolo di bilancio. Vincolo di bilancio. Vincolo di bilancio. Vincolo di bilancio Insiee di bilancio Capitolo Due Il vincolo di bilancio L insiee di bilancio è l insiee delle coinazioni di consuo disponibili per un consuatore. Cosa vincola la scelta di un consuatore? Il suo budget,

Dettagli

Le reti di distribuzione degli impianti di riscaldamento

Le reti di distribuzione degli impianti di riscaldamento Corso di IMPIANTI TECNICI er l EDILIZIA Le reti di distribuione degli iianti di riscaldaento Prof. Paolo ZAZZINI Diartiento INGEO Università G. D Annunio Pescara.lft.unich.it Prof. Paolo ZAZZINI Diartiento

Dettagli

FORMAGGI DURI E SEMIDURI

FORMAGGI DURI E SEMIDURI ERCATO FORMAGGI DURI E SEMIDURI I pareri di Siga, Tuo (Despar), Conad Categoria di prodotti tradizionale e trasversale, i foraggi duri e seiduri vivono una fase di ercato interlocutoria, con crescite nelle

Dettagli

CENNI DI CALCOLO COMBINATORIO E DELLE PROBABILITÀ Appunti delle lezioni del Prof. Giuseppe Puggioni a cura di M. Marras e B.

CENNI DI CALCOLO COMBINATORIO E DELLE PROBABILITÀ Appunti delle lezioni del Prof. Giuseppe Puggioni a cura di M. Marras e B. CENNI DI CALCOLO COMBINATORIO E DELLE PROBABILITÀ Appunti delle lezioni del Prof. Giuseppe Puggioni a cura di M. Marras e B. Pettinelli CALCOLO COMBINATORIO Disposizioni semplici Dati n elementi ( a 1,

Dettagli

RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA SOLLEVAMENTO CARICHI SPIEGAZIONI PER LA RILEVAZIONE DEGLI ELEMENTI COSTITUTIVI

RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA SOLLEVAMENTO CARICHI SPIEGAZIONI PER LA RILEVAZIONE DEGLI ELEMENTI COSTITUTIVI Ns.rif.:web/banca_dati/linee_guida/ovi_anuale_carichi/Anno2004/039 RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA SOLLEVAMENTO CARICHI SPIEGAZIONI PER LA RILEVAZIONE DEGLI ELEMENTI COSTITUTIVI I FATTORI DI RISCHIO E PER IL

Dettagli

RELAZIONE GEOTECNICA

RELAZIONE GEOTECNICA Messa in sicurezza dell intersezione tra la S.P. Arzana-Lanusei e la strada counale Elini-SS 198 OTTOBRE 2014 RELAZIONE GEOTECNICA RELAZIONE GEOTECNICA 1 Messa in sicurezza dell intersezione tra la S.P.

Dettagli

FONDAMENTI DI FISICA GENERALE

FONDAMENTI DI FISICA GENERALE FONDAMENTI DI FISICA GENERALE Ingegneria Meccanica Roa Tre AA/0-0 APPUNTI PER IL CORSO (Ripresi e sisteati, con differente organizzazione e varie integrazioni, dai testi di bibliografia) Roberto Renzetti

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ineneria Corso di rasissioni Nueriche docente: Prof. Vito Pascazio 6 a Lezione: 8// Soario Pulse plitude Modulation in banda base Pulse plitude Modulation passa-banda

Dettagli

(concetto classico di probabilità)

(concetto classico di probabilità) Probabilità matematica (concetto classico di probabilità) Teoria ed esempi Introduzione Il calcolo delle probabilità è la parte della matematica che si occupa di prevedere, sulla base di regole e leggi

Dettagli

TEORIA DELLA PROBABILITÀ I

TEORIA DELLA PROBABILITÀ I TEORIA DELLA PROBABILITÀ I Dipartimento di Matematica ITIS V.Volterra San Donà di Piave Versione [2015-16] Indice 1 Probabilità 1 1.1 Introduzione............................................ 1 1.2 Eventi...............................................

Dettagli

Calcolo combinatorio

Calcolo combinatorio Probabilità e Statistica Esercitazioni a.a. 2009/2010 C.d.L.S.: Ingegneria Civile-Architettonico, Ingegneria Civile-Strutturistico Calcolo combinatorio Ines Campa e Marco Longhi Probabilità e Statistica

Dettagli

Esercizi di probabilità discreta

Esercizi di probabilità discreta Di seguito, potete trovare i testi (con risposta) degli esercizi svolti (o proposti) nel corso di esercitazioni dell insegnamento di Matematica applicata. 1 Esercizi di probabilità discreta Algebra degli

Dettagli

1 Probabilità. 1.1 Primi esercizi di probabilità con l uso del calcolo combinatorio

1 Probabilità. 1.1 Primi esercizi di probabilità con l uso del calcolo combinatorio Indice 1 Probabilità 1 1.1 Primi esercizi di probabilità con l uso del calcolo combinatorio.. 1 1.2 Probabilità condizionata, indipendenza e teorema di Bayes.... 2 1 Probabilità 1.1 Primi esercizi di probabilità

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE GESTIONALI E SOCIALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE GESTIONALI E SOCIALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE GESTIONALI E SOCIALI ATTI DEL XV CONVEGNO DI TEORIA DEL RISCHIO a cura di Ennio Badolati Capobasso 27 giugno 28 Copyright MMIX ARACNE

Dettagli

Elementi di calcolo delle probabilità

Elementi di calcolo delle probabilità Elementi di calcolo delle probabilità Definizione di probabilità A) Qui davanti a me ho un urna contenente 2 palline bianche e 998 nere. Mi metto una benda sugli occhi, scuoto ripetutamente l urna ed estraggo

Dettagli

SANI SANI. a così. da così... UN NUOVO BAGNO UNA LAVANDERIA LA CUCINA SOLUZIONI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE CHIARE E SCURE.

SANI SANI. a così. da così... UN NUOVO BAGNO UNA LAVANDERIA LA CUCINA SOLUZIONI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE CHIARE E SCURE. da così... SANI TRITURATORI E POMPE PER ACQUE CHIARE a così Vuoi realizzare UN NUOVO BAGNO Vuoi creare UNA LAVANDERIA Ristrutturare LA CUCINA SANI SOLUZIONI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE CHIARE E SCURE TRITURATORI

Dettagli

CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA. Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate

CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA. Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate Nota: Alcuni esercizi sono tradotti, più o meno fedelmente, dal libro A first course in probability

Dettagli

GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE

GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE 21 arzo 2013 GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE La nuova base 2010 A partire dal ese di arzo 2013, l Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione dei nuovi indici

Dettagli

EASY COMFORT Sistemi radianti in rame

EASY COMFORT Sistemi radianti in rame Caratteristiche tecniche e costruttive EASY COMFORT rappresenta una gaa di sistei radianti che utilizzano esclusivaente tubi in rae per il trasporto del fluido vettore all interno del corpo riscaldante.

Dettagli

STATISTICA E PROBABILITá

STATISTICA E PROBABILITá STATISTICA E PROBABILITá Statistica La statistica è una branca della matematica, che descrive un qualsiasi fenomeno basandosi sulla raccolta di informazioni, sottoforma di dati. Questi ultimi risultano

Dettagli

Probabilità II Variabili casuali discrete

Probabilità II Variabili casuali discrete Probabilità II Variabili casuali discrete Definizioni principali. Valore atteso e Varianza. Teorema di Bienaymé - Čebičev. V.C. Notevoli: Bernoulli e Binomiale. Concetto di variabile casuale Cos'è una

Dettagli

8. Qual è la probabilità di estrarre da un mazzo di 40 carte napoletane una figura?

8. Qual è la probabilità di estrarre da un mazzo di 40 carte napoletane una figura? www.matematicamente.it Probabilità 1 Calcolo delle probabilità Cognome e nome: Classe Data 1. Quali affermazioni sono vere? A. Un evento impossibile ha probabilità 1 B. Un vento certo ha probabilità 0

Dettagli

Lavoro svolto nell ambito del Progetto di ricerca ARAC - Miele APQ Azione 3.

Lavoro svolto nell ambito del Progetto di ricerca ARAC - Miele APQ Azione 3. XXXIII CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI LA VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DI UN INVESTIMENTO PER LA LAVORAZIONE E IL CONFEZIONAMENTO DEL MIELE NELLA PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA ATTRAVERSO L

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli