CHE COS È IL MERCATO UNICO. VANTAGGI E PROBLEMI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CHE COS È IL MERCATO UNICO. VANTAGGI E PROBLEMI"

Transcript

1 CHE COS È IL MERCATO UNICO. VANTAGGI E PROBLEMI A) Che cos è il mercato unico. a) Uno strumento unico al mondo Entrato in vigore il primo gennaio 1993, al termine di un complesso processo di preparazione sviluppatosi sotto la spinta dell allora presidente della Commissione europea Jacques Delors, il mercato unico comprende oggi tutti i 27 Paesi dell Unione europea, un area dove risiedono quasi mezzo miliardo di persone. Il mercato unico è stato creato per consentire ad ogni cittadino europeo di profittare pienamente dei vantaggi che derivano dall opportunità di poter vivere, lavorare, trasferirsi, studiare, produrre, vendere, acquistare in qualunque località dell Unione europea liberamente e senza vincoli di sorta. Nel corso dei 15 anni trascorsi dalla sua creazione, il mercato unico ha eliminato progressivamente gran parte degli ostacoli che impedivano o condizionavano la libera circolazione delle persone, delle merci, dei servizi dei capitali all interno dell UE. Ossia le quattro libertà che costituiscono i pilastri sui quali si fonda il mercato unico. Più in particolare, qual è il significato concreto di queste libertà, proclamate dai Trattati, per i cittadini europei in generale, e più in particolare per i consumatori e per le imprese? Per i cittadini il diritto di vivere, di lavorare, di studiare o di trascorrere gli anni della pensione in uno qualsiasi dei 27 Paesi che fanno parte dell Unione europea. Per i consumatori, una concorrenza più ampia e più libera che comporti la riduzione dei prezzi, che offra una sempre maggiore scelta di prodotti, che assicuri il più alto livello di tutele e di protezioni. Per le imprese, la possibilità di produrre e vendere in qualunque Stato membro dell Unione nel modo più semplice e meno oneroso possibile. b) Un percorso di oltre mezzo secolo Il mercato unico è nato il primo gennaio 1993, al termine di una gestazione lunga più di quarant anni. Da allora ne sono trascorsi altri quindici. Ecco qui, in sintesi. le tappe principali: Sei Paesi europei (Belgio, Francia, Germania federale, Italia, Lussemburgo, Olanda) firmano il trattato che istituisce la CECA, Comunità europea del carbone e dell acciaio, che supera le competenze nazionali relative alla produzione e all utilizzazione di due materie prime allora strategiche Nasce la CEE, Comunità economica europea, costituita fra gli stessi sei Paesi riuniti nella CECA, per la costituzione del mercato comune europeo.

2 1968. La CEE abolisce i contingenti e i diritti di dogana per lo scambio di merci fra i sei Stati membri. Sono mantenute però le differenze non tariffarie fra i Paesi in questione. Di fatto, questo impedisce un autentica liberalizzazione degli scambi La Commissione lancia un piano globale per la realizzazione di un vero mercato unico senza frontiere alla fine del In quel lasso di tempo la stessa Commissione sforna 280 direttive che saranno successivamente e gradualmente introdotte nell legislazioni nazionali Il primo gennaio vede la luce il mercato unico Nel corso degli ultimi 15 anni, mentre l Europa si allargava ulteriormente, il mercato unico è cresciuto ancora: numerosi altri ostacoli sono stati eliminati, i commerci si sono estesi, la prosperità è cresciuta, molti nuovi posti di lavoro sono stati creati. B) I vantaggi del mercato unico a) Un infinità di benefici per tutti Se oggi possiamo volare da Roma a Londra o ad Amburgo o a Barcellona con tariffe che possono anche non raggiungere i cento euro, lo dobbiamo al mercato unico. Se, passeggiando sugli Champs Elysées, sorseggiando una birra sulla Grand Place o salendo la scalinata di Trinità dei Monti, possiamo telefonare a casa (a Lisbona, ad Atene o a Dublino) a costi ormai contenuti, questo è uno dei tanti effetti positivi del mercato unico. Se i nostri figli possono studiare per un ancora limitato periodo di tempo in un altra università dell Ue, sostenervi gli esami e vederseli poi riconosciuti dall università del paese d origine, dobbiamo dire grazie al mercato unico. Se al passaggio in treno o in auto da un Paese all altro dell Unione nessuno ci chiede più i documenti, e in molti casi non ci rendiamo conto più neppure del passaggio attraverso la frontiera, questo è un altro dei benefici che ci ha regalato il mercato unico. Se, viaggiando (per lavoro, per studio o per vacanza) in un altro Paese dell Unione, sempre più spesso non abbiamo più bisogno di cambiare la valuta e possiamo usare le stesse banconote e le stesse monete che maneggiamo in patria, anche questa è una conquista del mercato unico. Se, facendo la spesa al supermercato, possiamo scegliere, a prezzi equivalenti, fra prodotti provenienti da uno qualsiasi dei 27 Stati membri dell Unione europea, anche questa è un opportunità che ci viene offerta dall appartenenza al mercato unico. b) Mille vantaggi per i cittadini Il mercato unico offre tantissimi vantaggi ai 480 milioni di cittadini che vivono nei 27 stati membri dell'unione europea. Ecco i più rilevanti: l'incremento del benessere: rispetto alla situazione senza mercato unico, è calcolato nella misura di 518 euro a persona nel 2006, corrispondente a un aumento del 2,15% del prodotto interno lordo nel periodo ; la possibilità di studiare all'estero: l'84% dei cittadini UE la considera un fatto positivo; grazie al programma Erasmus, un milione e mezzo di giovani hanno compiuto parte dei loro studi universitari in un altro Stato membro; la possibilità di viaggiare in un altro Stato membro: il 72% dei cittadini degli Stati

3 membri ritiene che viaggiare all'interno dell'ue sia ora più agevole rispetto a dieci anni fa, in particolare negli Stati membri che hanno firmato l'accordo Schengen; il diritto di lavorare e vivere all'estero: oltre 15 milioni di cittadini UE si sono stabiliti in un altro Stato membro. Nella località in cui risiedono, hanno diritto di voto attivo e passivo. I cittadini dell'ue hanno il diritto alla parità di trattamento sul lavoro (assunzione, retribuzione, prestazioni sociali, agevolazioni fiscali). Possono essere accompagnati dai familiari, indipendentemente dalla cittadinanza di questi; l'introduzione della tessera di assicurazione sanitaria europea: ogni cittadino UE ha diritto all'assistenza sanitaria pubblica in un altro Stato membro anche in caso di soggiorno temporaneo. La mobilità dei ricercatori è agevolata. Ci sono norme per il riconoscimento automatico dei diplomi per un'ampia gamma di professioni. c) Mille vantaggi per i consumatori I cittadini europei, in quanto consumatori, usufruiscono di tutta una serie di vantaggi che derivano dall'appartenenza al mercato unico. Qui di seguito ne vengono indicati alcuni: i cittadini godono dei pieni diritti dei consumatori quando fanno acquisti in un altro Stato membro. Secondo la maggior parte dei cittadini (il 53%), il mercato interno ha potenziato la protezione dei consumatori all'interno dell'ue. Sono obbligatori in Europa livelli elevati di sicurezza per i prodotti, esistono norme per combattere la pubblicità ingannevole, le clausole contrattuali sleali, per tutelare i diritti dei passeggeri dei trasporti aerei e per semplificare l'apertura di un conto bancario in un altro Stato membro; con il mercato unico c'è una più ampia scelta di merci e di servizi di alta qualità: tre cittadini europei su quattro ritengono che la possibilità di commercializzare prodotti di altri Stati membri alle medesime condizioni dei prodotti nazionali abbia avuto effetti positivi. L'introduzione dell'euro ha facilitato la comparazione dei prezzi sui diversi mercati nazionali. L'introduzione di norme comuni ha favorito la presenza sul mercato di prodotti più sicuri e più ecologici (si pensi ai prodotti alimentari, alle automobili ed alle medicine); in molti casi si è registrato un calo dei prezzi delle merci e dei servizi: il 67% dei cittadini europei ritiene che l'accresciuta concorrenza nei trasporti, nelle telecomunicazioni, nei servizi bancari e in quelli assicurativi sia positiva. Nelle telecomunicazioni, inoltre, la concorrenza ha stimolato l'introduzione delle reti a banda larga, accessibili ora all'85% della popolazione. Le tariffe telefoniche applicate dagli ex-monopolisti nazionali per le telefonate nazionali e internazionali sono diminuite in media di oltre il 40% tra il 2000 e il d) Mille vantaggi per le imprese Tutte le imprese piccole, medie e grandi che hanno sede in uno o più dei 27 Stati membri dell'unione europea profittano dei vantaggi del mercato unico. Ecco alcuni esempi: mercato unico di quasi mezzo miliardo di persone: le imprese di maggiori dimensioni possono così beneficiare di enormi economie di scala, anche grazie a reti meglio connesse e meno costose nei settori dei trasporti, delle telecomunicazioni e dell'energia elettrica. Parallelamente, per le esportazioni delle piccole e medie imprese si sono aperti nuovi mercati, ai quali esse non avrebbero potuto accedere in passato a causa dei costi e delle difficoltà pratiche; scambi commerciali transfrontalieri più facili: l'abolizione delle formalità amministrative alle frontiere e la diffusione dell'euro hanno abbreviato i termini di

4 consegna e ridotto i costi. Prima il solo sistema fiscale richiedeva ogni anno 60 milioni di documenti di sdoganamento, oggi non più necessari. Inoltre, nella maggior parte dei casi è sufficiente un'unica autorizzazione, dello Stato membro di origine, per fornire un prodotto in qualsiasi località dell'ue. Strumenti di soluzione dei problemi, come SOLVIT, possono essere attivati anche riguardo agli scambi commerciali transfrontalieri; modalità più agevoli per costituire o acquistare un'impresa: il costo medio per creare una nuova società è sceso da 813 euro nel 2002 (quando l Ue contava 15 Stati membri) a 554 euro nel 2007 (quando gli Stati membri sono diventati 27); il tempo per le pratiche amministrative di registrazione di una società è stato ridotto da 24 giorni nel 2002 a 12 oggi; diffusione delle norme e delle etichette UE: grazie alle iniziative di armonizzazione tecnica e all'operato degli istituti di normalizzazione, le merci prodotte in conformità degli standard prescritti possono circolare liberamente all'interno del mercato unico. In tal modo, le società hanno accesso ai mercati in tutta l'ue, si sono semplificate le procedure, sono diminuiti i costi e si sono assicurati interoperabilità tecnica ed elevati standard di sicurezza; nuove fonti di contratti e di finanziamenti: l'integrazione dei servizi finanziari comporta finanziamenti meno costosi per le imprese di tutte le dimensioni e libera le società quotate in Borsa dall'obbligo di rispettare regolamentazioni nazionali divergenti quando vogliono raccogliere fondi. Le società possono ora concorrere in gare d'appalto per fornire merci e per prestare servizi alle pubbliche autorità di altri Stati membri; migliore collaborazione transnazionale e maggior trasferimento di tecnologia: le reti di sostegno alle imprese e all'innovazione offrono assistenza a chiunque voglia costituire un'impresa in qualsiasi parte dell'europa. La nuova rete raggiungerà 2 milioni di PMI in tutto lo Spazio economico europeo e in taluni paesi candidati e potenziali candidati, e consentirà alle PMI di avvalersi agevolmente dei servizi informativi degli Eurosportelli e dei centri di collegamento per l'innovazione grazie a un accesso unificato. e) Mille vantaggi per l economia in generale L'economia intera dei 27 Paesi che compongono l'unione europea ha tratto profitto dal mercato unico. Questa che segue è una sommaria elencazione dei benefici: nel periodo i profitti derivanti dal mercato unico sono stati pari al 2,15% del prodotto interno lordo dell'unione europea e hanno portato a 2,75 milioni di posti di lavoro in più; in rapporto al PIL, gli scambi infracomunitari sono aumentati del 30% tra il 1995 e il 2005; anche gli investimenti transfrontalieri hanno registrato un incremento e la quota del totale degli afflussi degli investimenti diretti esteri nei Paesi dell'ue-15 in provenienza da Paesi esterni all'ue-15 è aumentata dal 53% nel 1995 al 78% nel 2005; grazie a regole sugli appalti pubblici che assicurano maggiore apertura e concorrenza, i governi hanno potuto realizzare risparmi stimabili, secondo alcuni studi, tra il 10% e il 30% e dispongono pertanto di maggiori risorse da spendere su priorità come la sanità e l'istruzione.

5 C) Che cosa non va nel mercato unico a) Successi evidenti ma anche nuove questioni Il mercato unico è un lungo elenco di successi indubitabili. Ma, al tempo stesso, presenta una lista di nuove questioni ancora non risolte, di punti critici che è doveroso affrontare, di barriere che è necessario abbattere nell'interesse dei cittadini, dei consumatori e delle imprese. Il motivo è che il mercato unico recita la relazione intermedia che la Commissione ha redatto per il Consiglio europeo della primavera 2007 ha carattere dinamico, è in costante evoluzione e si adatta alle nuove realtà. In quanto tale, esso non sarà mai 'realizzato' o 'compiuto'. Una prospettiva, questa, perfettamente in linea con quel che preconizzava Robert Schuman nella sua Dichiarazione del 9 maggio L'Europa disse quel giorno l'allora ministro degli Esteri francese non si edificherà in un solo colpo né in una costruzione d'insieme: essa si farà attraverso realizzazioni concrete che creino innanzi tutto una solidarietà di fatto. Restano dunque molte cose da fare per rendere i vantaggi del mercato unico ancora più tangibili in un'ampia gamma di attività economiche e per accrescere la fiducia dei cittadini e dei consumatori nella qualità dei prodotti e dei servizi, tanto per quelli nazionali quanto per quelli importati, tanto per i settori tradizionali quanto per quelli emergenti. Quella che segue è quindi una lista di questioni da affrontare redatta sulla base dell'esperienza di un quindicennio di mercato unico, nonché dai risultati che la Commissione ha tratto da una consultazione pubblica, da alcuni sondaggi Eurobarometro, da un'audizione pubblica oltre che da apporti di altre istituzioni comunitarie. b) Nuovi bisogni e cambiamenti socio-economici In un contesto modificato dalla crescita della globalizzazione dell'economia, da sensibili cambiamenti strutturali socio-economici oltre che dall'ulteriore ampliamento dell'ue, sono venute emergendo nuove esigenze che, se non soddisfatte, comporterebbero gravi limiti per lo sviluppo ulteriore del mercato unico. Innanzitutto per porsi in grado di affrontare le sfide e cogliere le opportunità della globalizzazione, in modo da rafforzare la posizione dell'economia europea nel mondo. Alla luce di questi nuovi bisogni, si può dire che il mercato, avendoli considerati sinora soprattutto sotto il profilo economico, non ha tenuto in debito conto gli aspetti riguardanti le scelte e la soddisfazione dei cittadini, dei consumatori e delle imprese. Che non ha seguito da sufficientemente vicino il funzionamento e i risultati delle normative introdotte. Che è stato non abbastanza sensibile alle ripercussioni sociali di una maggiore integrazione e dell'apertura di alcuni settori alla concorrenza. c) Eccesso di legislazione, eccesso di contenzioso L'introduzione del mercato unico in un contesto formato da un gruppo consistente e crescente di Stati membri, ciascuno con una propria legislazione, ha portato a una conseguenza che probabilmente era inevitabile: la proliferazione legislativa anche su questioni di dettagli che avrebbero potuto essere oggetto di armonizzazione o addirittura di autoregolamentazione. L'eccesso di regolamentazione normativa europea ha determinato un livello di contenzioso in continua crescita, a volte su questioni di dettaglio e spesso anche senza fondamento. Alla fine del 2006 i dossier aperti (reclami più casi aperti d'ufficio) erano 3.200; a metà novembre 2007 erano diventati Di questi ultimi, bene 359, ossia il 9,9% del totale, riguardavano l'italia.

6 Nella stragrande maggioranza dei casi i dossier sono stati archiviati: il 70% prima della messa in mora, l'85% prima del parere motivato, il 93% prima della sentenza della Corte europea di giustizia. La durata media dell'istruttoria di un dossier per l'archiviazione è di ben 26 mesi. d) Le indicazioni dell'indagine 2006 L'indagine della Commissione condotta nel 2006, che ha coinvolto cittadini e imprese degli allora 25 Stati membri dell'ue, ha registrato, insieme con un largo sostegno al mercato unico, anche una serie di indicazioni critiche. In particolare: Il mercato unico è percepito spesso come uno strumento che offre benefici soltanto alle imprese di più grandi dimensioni, come le multinazionali. La globalizzazione viene vissuta con una sensibilità ambivalente: come un'opportunità ma anche come un'insidia. La consapevolezza dei benefici del mercato e la capacità di sfruttarne appieno le potenzialità da parte dei cittadini e delle imprese sono ritenute insufficienti da molti. L'attenzione delle istituzioni europee, e conseguentemente delle normative, verso le piccole e medie imprese è considerata debole. Nell'applicazione delle regole europee si riscontrano lacune. e) I settori in cui gli effetti attesi sono mancati A fine 2007 la Commissione ha presentato un documento che illustra i risultati di uno screening condotto per individuare i settori in cui il mercato unico non ha prodotto gli effetti che erano attesi., Sulla base di questo documento, sono 23 i settori in cui la Commissione ha rilevato segnali di un cattivo funzionamento del mercato nell'ottica dei consumatori e delle imprese. Questi settori, distribuiti piuttosto equamente fra la produzione di beni e i servizi, rappresentano il 44,5% del valore aggiunto e il 45,5% dell'occupazione dell'intera Unione. Lo screening ha operato quindi una ulteriore e più approfondita selezione che ha portato all'individuazione di 9 settori (che rappresentano il 26% del valore aggiunto e il 28% dell'occupazione dell'ue) in cui i problemi sono più acuti. Si tratta in massima parte di aree riguardanti servizi ad alta intensità di tecnologie dell'informazione e della comunicazione. Più in particolare, l'elenco include attività di distribuzione (ingrosso e dettaglio), servizi finanziari (intermediazione, assicurazioni, fondi pensione), servizi postali e di telecomunicazioni, prestazioni professionali. Nel campo delle industrie manifatturiere, i settori sotto osservazione sono tre: due concernono la produzione di ICT (macchinari elettrici, e radio, Tv e comunicazioni) e uno ad alta intensità di consumo di ICT (macchinari) f) I nodi più intricati sono nel mercato dei servizi La maggior parte dei benefici attesi dal mercato unico sono stati realizzati in quello delle merci. Quello dei servizi invece, secondo la Commissione, non ha funzionato come avrebbe dovuto. Già nel 2000 il Consiglio europeo di Lisbona aveva richiesto l'avvio di una strategia indirizzata alla soppressione delle barriere nei servizi transfrontalieri. Nel 2002 un Rapporto della Commissione sullo stato del mercato unico dei servizi ha stilato un inventario degli ostacoli giuridici, amministrativi e pratici alla libera circolazione dei servizi transfrontalieri. Questo Rapporto ha accertato l'esistenza di un grosso scarto fra la visione di un'economia integrata e la realtà vissuta dai cittadini e dai prestatori di

7 servizi. Dagli studi condotti dalla Commissione emerge la constatazione che le barriere individuate hanno un impatto negativo serio sul costo e sulla qualità dei servizi prestati indipendentemente dal fatto che i destinatari siano produttori, consumatori o essi stessi prestatori di servizi. Queste barriere penalizzano in particolare le piccole e medie imprese che sono colpite in misura sproporzionata da obblighi amministrativi e legali complessi. Per questo motivo le PMI sono scoraggiate, molto più che le grandi, dall'impegnarsi in attività transfrontaliere. E, poiché le PMI costituiscono la grandissima maggioranza delle imprese attive nel settore dei servizi, le difficoltà indicate costituiscono un serio ostacolo alla crescita economica in questo specifico campo del mercato unico. g) Risultati modesti per i servizi finanziari Un'area in cui i risultati ottenuti con il mercato unico non sono soddisfacenti è inoltre quella dei servizi finanziari (come è noto, quest'area è esclusa dalla direttiva servizi). In particolare, è stato rilevato che: La possibilità di scelta e la mobilità del consumatore restano limitate per quel che riguarda il conto corrente bancario, un prodotto finanziario utilizzato dalla grande maggioranza dei cittadini europei. L'apertura del mercato delle assicurazioni al dettaglio è ancora molto ridotta. Non esiste ancora, per esempio, un quadro di valutazione per i premi delle assicurazioni auto in Europa. Le norme che regolano la distribuzione al dettaglio dei prodotti di investimento necessitano di indicazioni più adatte e coerenti. La conoscenza di tutti i cittadini in campo finanziario presenta zone d'ombra. Mancano ancora tutte le condizioni necessarie per l'accesso a un conto corrente di base per tutti.

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

I diritti di cittadinanza europea:

I diritti di cittadinanza europea: I diritti di cittadinanza europea: quadro delle opportunità Milano, 8 aprile 2014 Massimo Persotti Ufficio stampa e comunicazione Dipartimento Politiche Europee m.persotti@palazzochigi.it Cosa fa il Dipartimento

Dettagli

IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA

IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA Quale rilevanza assume nell Unione europea il commercio elettronico? I seguenti fattori contribuiscono a determinare la rilevanza che il commercio elettronico

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa

Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa IP/03/645 Bruxelles, 7 maggio 2003 Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa La Commissione europea ha pubblicato la strategia per il mercato

Dettagli

La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico

La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico IP/97/507 Bruxelles, 10 giugno 1997 La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico La Commissione ha approvato oggi il testo del Libro verde sui regimi pensionistici

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

2014-2020. Horizon. Decisione n.1313/2013/eu - Union Civil Protection Mechanism

2014-2020. Horizon. Decisione n.1313/2013/eu - Union Civil Protection Mechanism 2014-2020 Horizon Decisione n.1313/2013/eu - Union Civil Protection Mechanism Regolamento (UE) n. 1291/2013 che istituisce Horizon 2020 - il programma quadro di ricerca e innovazione (2014-2020) Base giuridica

Dettagli

I documenti di: quotidianosanità.it. Quotidiano online di informazione sanitaria

I documenti di: quotidianosanità.it. Quotidiano online di informazione sanitaria I documenti di: quotidianosanità.it Quotidiano online di informazione sanitaria Dossier Documentazione legislativa Studi e ricerche Interventi e relazioni COMMISSIONE EUROPEA MEMO Bruxelles, 22 ottobre

Dettagli

Onorevoli colleghi, signor ministro, permettetemi di ringraziarvi per l invito della Provincia di

Onorevoli colleghi, signor ministro, permettetemi di ringraziarvi per l invito della Provincia di 1 Onorevoli colleghi, signor ministro, permettetemi di ringraziarvi per l invito della Provincia di Milano a partecipare a questa GIORNATA INFORMATIVA dell Europa in provincia [?], e di congratularmi con

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO 30.12.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 394/5 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni.

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. DOSSIER RICERCA & INNOVAZIONE Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. Nel 2007 è stato creato in Europa il Consiglio Europeo della Ricerca

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

I s t i t u t o G r a n d i I n f r a s t r u t t u r e APPALTI &CONCESSIONI. Europa e Regioni

I s t i t u t o G r a n d i I n f r a s t r u t t u r e APPALTI &CONCESSIONI. Europa e Regioni APPALTI &CONCESSIONI Piano della Commissione Europea per soddisfare le esigenze di finanziamento a lungo termine dell'economia La Commissione europea ha adottato lo scorso 27 marzo un pacchetto di misure

Dettagli

Capital Markets Union

Capital Markets Union Capital Markets Union Obiettivi, proposte e posizioni ABI Giovanni Sabatini Direttore Generale ABI Milano, 17 Settembre 2015 Capital Markets Union: cosa è? La CMU mira a creare entro il 2019 un mercato

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2113 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VANNUCCI, BERSANI Agevolazioni per l arredo della prima casa di abitazione e dell ufficio,

Dettagli

UN TESORO PER LA SCUOLA:

UN TESORO PER LA SCUOLA: SCHEDA PROGETTO S 8 SOCIETA' E ORDINAMENTI: L'EUROPA UN TESORO PER LA SCUOLA: LE FAMIGLIE DONANO IL TEMPO Conoscenze Esperienze Competenze Ricordi TITOLO Proponente Oggetto sintetico Modalità A chi è diretto

Dettagli

Anno Europeo dei. Rita Sassu Europe for Citizens Point

Anno Europeo dei. Rita Sassu Europe for Citizens Point Anno Europeo dei Cittadini 2013 Rita Sassu Europe for Citizens Point Base giuridica Decisione n. 1093/2012/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 21 novembre 2012 Basata sulla Proposta della Commissione

Dettagli

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio Il commercio I vantaggi del libero scambio Gli argomenti pro e contro il libero scambio Elementi di storia delle relazioni commerciali dagli anni trenta ad oggi I diversi tipi di accordi commerciali Vi

Dettagli

I servizi finanziari nel futuro dell'unione Europea

I servizi finanziari nel futuro dell'unione Europea SPEECH/03/548 Romano Prodi Presidente della Commissione europea I servizi finanziari nel futuro dell'unione Europea Dopo l'allargamento: conferenza sui servizi finanziari nel mercato allargato dell'unione

Dettagli

RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE

RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE 28.12.2007 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 344/65 RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 17 dicembre 2007 relativa ai mercati rilevanti di prodotti e servizi del settore

Dettagli

LA DIRETTIVA SUI SERVIZI

LA DIRETTIVA SUI SERVIZI LA DIRETTIVA SUI SERVIZI Perchè una direttiva sui servizi? I servizi rivestono un'importanza particolare nelle economie post-industriali; negli ultimi anni si è assistito alla nascita di nuove categorie

Dettagli

DDL "Legge annuale per il mercato e la concorrenza" (A.C. 3012)

DDL Legge annuale per il mercato e la concorrenza (A.C. 3012) FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA ASSOGASLIQUIDI Associazione Nazionale imprese gas liquefatti La norma DDL "Legge annuale per il mercato e la concorrenza" (A.C. 3012) Articolo 22 - Disposizioni riguardanti la

Dettagli

STILE LONDINESE PER GLI AUTOBUS ITALIANI di Elisabetta Iossa

STILE LONDINESE PER GLI AUTOBUS ITALIANI di Elisabetta Iossa IEFE Centre for Research on Energy and Environmental Economics and Policy STILE LONDINESE PER GLI AUTOBUS ITALIANI di Elisabetta Iossa Un buon servizio di trasporto locale aumenta la fiducia dei cittadini

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide FORUM BANCASSICURAZIONE 2015 Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide Umberto Guidoni Servizio Auto Agenda Focus sulla raccolta premi in Italia Il mercato

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei.

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei. Rome Investment Forum 2015: Financing Long-Term Europe Roma - Centro Congressi Palazzo Rospigliosi, Via XXIV Maggio 43 Antonio Tajani Primo Vicepresidente del Parlamento Europeo ***** (Saluti) Investire

Dettagli

20 anni di cittadinanza europea

20 anni di cittadinanza europea 20 anni di cittadinanza europea Nel 2013 ricorre il ventesimo anniversario della cittadinanza dell Unione, istituita dal Trattato di Maastricht, entrato in vigore il 1 novembre 1993. I diritti connessi

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

Lo stato dell arte sulla fatturazione elettronica

Lo stato dell arte sulla fatturazione elettronica Lo stato dell arte sulla fatturazione elettronica 25 novembre 2011 Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Amministrazione Pianificazione e Controllo a cura di Anna Pia Sassano (responsabile del settore

Dettagli

L allargamento dell Unione Europea: l abolizione delle frontiere doganali e gli aspetti di carattere transitorio

L allargamento dell Unione Europea: l abolizione delle frontiere doganali e gli aspetti di carattere transitorio Urbana Gaiotto Marzo 2004 L allargamento dell Unione Europea: l abolizione delle frontiere doganali e gli aspetti di carattere transitorio Comunità Europea dei 15: Austria Belgio Danimarca Finlandia Francia

Dettagli

LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE

LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE PREMESSA Questo scritto non ha la velleità di ripercorrere la storia del servizio postale italiano, esso cerca, più modestamente, di delineare la sua attuale struttura,

Dettagli

Approfondimento su Schengen

Approfondimento su Schengen Approfondimento su Schengen INFORMAZIONI SUL DIRITTO COMUNITARIO INTRODUZIONE Le disposizioni dell accordo di Schengen prevedono l abolizione dei controlli alle frontiere interne degli Stati membri facenti

Dettagli

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini)

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market I LM sono una delle iniziative più importanti per la politica d innovazione e per la competitività dell Unione

Dettagli

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori,

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori, Roma, 18 giugno 2008 INTERVENTO VIDEO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA ALL ASSEMBLEA ANNUALE DELL UNIONE PETROLIFERA Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore

Dettagli

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Da dieci anni, ACTE, Associazione delle Comunità Tessili Europee, ha operato per la difesa e

Dettagli

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Il Trattato di Lisbona Padova, 19 marzo 2010 Istituto Tecnico Einaudi Matteo Fornara LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA Storia breve: 50 anni Obiettivi

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010

L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2010 DEL CONSIGLIO del 20 dicembre 2010 relativo all attuazione di una cooperazione rafforzata nel settore della legge

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 19.6.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 175/11 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 25 aprile 2012 in merito alla proposta di regolamento del

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità

LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità Roma, 2 dicembre 2010 Vittorio Calaprice della Commissione europea Dal 2009 al 2010

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

DIRETTIVA SUI SERVIZI SANITARI

DIRETTIVA SUI SERVIZI SANITARI DIRETTIVA SUI SERVIZI SANITARI Proposta di Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa a cure sanitarie transfrontaliere sicure, di elevata qualità ed efficienti FASI PRECEDENTI DELLA PROPOSTA

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo

Dettagli

Il controllo degli aiuti di Stato e le restrizioni della concorrenza. Alberto Heimler Scuola Nazionale dell Amministrazione Roma

Il controllo degli aiuti di Stato e le restrizioni della concorrenza. Alberto Heimler Scuola Nazionale dell Amministrazione Roma Il controllo degli aiuti di Stato e le restrizioni della concorrenza Alberto Heimler Scuola Nazionale dell Amministrazione Roma Sommario della presentazione 1) Il ruolo delle restrizioni della concorrenza

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi

SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi Indagine conoscitiva sulle determinanti della dinamica del sistema dei prezzi e delle tariffe, sull'attività dei pubblici poteri e sulle ricadute

Dettagli

Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5

Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5 Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5 1. Natura e proprietà della Banca d Italia (È vero che la Banca d Italia viene privatizzata?) La Banca d Italia era e resta un istituto

Dettagli

Prezzi delle automobili: nonostante la convergenza dei prezzi, l'acquisto all'estero rimane un buon affare

Prezzi delle automobili: nonostante la convergenza dei prezzi, l'acquisto all'estero rimane un buon affare IP/04/285 Bruxelles, 2 marzo 2004 Prezzi delle automobili: nonostante la convergenza dei prezzi, l'acquisto all'estero rimane un buon affare L'ultima relazione sui prezzi delle automobili evidenzia la

Dettagli

Nota di sintesi PROSPETTIVE DELLE COMUNICAZIONE DELL OCSE : EDIZIONE 2003. Overview. OECD Communications Outlook : 2003 Edition

Nota di sintesi PROSPETTIVE DELLE COMUNICAZIONE DELL OCSE : EDIZIONE 2003. Overview. OECD Communications Outlook : 2003 Edition Nota di sintesi PROSPETTIVE DELLE COMUNICAZIONE DELL OCSE : EDIZIONE 2003 Overview OECD Communications Outlook : 2003 Edition Prospettive delle comunicazioni dell'ocse : Edizione 2003 Le note di sintesi

Dettagli

Gli europei e le lingue

Gli europei e le lingue Speciale Eurobarometro 386 Gli europei e le lingue SINTESI Rispetto alla popolazione dell'ue, la lingua più parlata come lingua madre è il tedesco (16%), seguita da italiano e inglese (13% ciascuna), francese

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee The AR Factor Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee Media Executive Summary Lo scopo di questa ricerca è valutare

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA

L ITALIA VISTA DALL EUROPA L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 2004 Sintesi L obiettivo strategico dell Unione europea per il decennio in corso, stabilito dai Capi di Stato e di Governo degli

Dettagli

Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani

Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università

Dettagli

Fondi strutturali Europei Da Wikipedia

Fondi strutturali Europei Da Wikipedia Fondi strutturali Europei Da Wikipedia I Fondi strutturali sono un complesso di interventi e di linee guida, che si traducono in appositi Regolamenti, ideati e programmati dall'unione Europea per realizzare

Dettagli

MISURE PER LA COMPETITIVITÀ

MISURE PER LA COMPETITIVITÀ MISURE PER LA COMPETITIVITÀ Federica Guidi Ministro dello Sviluppo Economico Pier Carlo Padoan Ministro dell Economia e Finanze 18 giugno 2014 LA BOLLETTA DIMAGRISCE 2 PIÙ ENERGIA ALLA COMPETITIVITÀ Le

Dettagli

1) I modelli rurali teoria del rurale. 2) La prima PAC dalla nascita agli anni 70

1) I modelli rurali teoria del rurale. 2) La prima PAC dalla nascita agli anni 70 1) I modelli rurali teoria del rurale 2) La prima PAC dalla nascita agli anni 70 Dott.ssa Chiara Mazzocchi Corso PSR 2010-2011 Università degli studi Milano-Bicocca Sviluppo rurale diverse concezioni dello

Dettagli

Il nuovo regolamento di esenzione per categoria sugli autoveicoli. Le norme attualmente in vigore e le nuove norme

Il nuovo regolamento di esenzione per categoria sugli autoveicoli. Le norme attualmente in vigore e le nuove norme Il nuovo regolamento di esenzione per categoria sugli autoveicoli Le norme attualmente in vigore e le nuove norme 1 Perché é un nuovo regime specifico? Il regime attuale scade il 30.9.2002 Il regime attuale

Dettagli

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 21.10.2014 COM(2014) 638 final 2014/0297 (NLE) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa alla conclusione, a nome dell'unione europea, del trattato di Marrakech volto

Dettagli

Quadro finanziario pluriennale dell Unione europea (UE) per il periodo 2014-2020. Cristiano "R"ipoli

Quadro finanziario pluriennale dell Unione europea (UE) per il periodo 2014-2020. Cristiano Ripoli Quadro finanziario pluriennale dell Unione europea (UE) per il periodo 2014-2020 All interno di una «politica di coesione» (Politica di coesione 2014-2020)......mobilitare fino a 366,8 miliardi di euro

Dettagli

Roma, 8 novembre 2010. Silvia Vaccaro Centro Nazionale Europass Italia

Roma, 8 novembre 2010. Silvia Vaccaro Centro Nazionale Europass Italia La mobilità europea dei giovani per motivi di studio e di lavoro: risorsa per lo sviluppo delle competenze, l'inserimento nel mercato del lavoro e l'integrazione sociale Roma, 8 novembre 2010 Silvia Vaccaro

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO 20.9.2008 C 241/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 16 maggio

Dettagli

!"#"$"!%&"'())*+,-./0-'+1+..,/2-'3/'*,)34..),/'+'4./1/55-.),/'3/'+6+,7/-'3-'8)6./',/66)0-9/1/'

!#$!%&'())*+,-./0-'+1+..,/2-'3/'*,)34..),/'+'4./1/55-.),/'3/'+6+,7/-'3-'8)6./',/66)0-9/1/' Single market for energy and gas - Public consultation Contributo di:!"#"$"!%&"'())*+,-./0-'+1+..,/2-'3/'*,)34..),/'+'4./1/55-.),/'3/'+6+,7/-'3-'8)6./',/66)0-9/1/' "$"!%&:';"

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI DOCUMENTI 31 Ottobre 2014 Il risparmio è una lungimirante scelta etica civile, frutto innanzitutto del lavoro, che presuppone valori come la parsimonia, la previdenza

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online.

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Questionario Verso una valutazione intermedia della strategia Europa 2020 dal punto di vista delle città e delle regioni dell'unione europea

Dettagli

Carta europea della qualità per i tirocini e gli apprendistati

Carta europea della qualità per i tirocini e gli apprendistati Carta europea della qualità per i tirocini e gli apprendistati www.qualityinternships.eu Preambolo Premesso che:! per i giovani il passaggio dal sistema educativo al mercato del lavoro è sempre più difficile

Dettagli

Eurobarometro n. 57-Rapporto Italia

Eurobarometro n. 57-Rapporto Italia Eurobarometro n. 57-Rapporto Italia In occasione dell uscita del Rapporto Eurobarometro n. 57, di seguito riportiamo la sintesi e le conclusioni della parte relativa all Italia. Il documento completo è

Dettagli

Liberalizzazione del mercato elettrico: chi tutelerà famiglie e consumatori

Liberalizzazione del mercato elettrico: chi tutelerà famiglie e consumatori Liberalizzazione del mercato elettrico: chi tutelerà 23 Aprile 2015 Ennio Fano 1 Nelle recenti settimane sul tema dell energia elettrica si sono succedute: A) la proposta dell Autorità sulla riforma delle

Dettagli

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 Modalita' di applicazione della comunicazione della Commissione europea «Quadro temporaneo dell'unione per le misure di aiuto di Stato

Dettagli

NUOVE REGOLE EUROPEE PER IL CREDITO AL CONSUMO E IPOTECARIO TUTELA DEI CONSUMATORI E RIPRESA ECONOMICA

NUOVE REGOLE EUROPEE PER IL CREDITO AL CONSUMO E IPOTECARIO TUTELA DEI CONSUMATORI E RIPRESA ECONOMICA CREDITO AL CREDITO IL MERCATO DEL CREDITO TRA SVILUPPO ECONOMICO ED EQUITÀ SOCIALE NUOVE REGOLE EUROPEE PER IL CREDITO AL CONSUMO E IPOTECARIO TUTELA DEI CONSUMATORI E RIPRESA ECONOMICA Arianna Mellini

Dettagli

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI La Banca europea per gli investimenti (BEI) promuove gli obiettivi dell'unione europea fornendo finanziamenti, garanzie e consulenza a lungo termine in relazione a

Dettagli

Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese

Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese in collaborazione con: Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese Indagine sulla tessitura conto terzi RICERCA SULLA FILIERA TESSILE DEL DISTRETTO PRATESE Indagine sulle aziende di tessitura conto

Dettagli

PRINCIPIO DI RESIDENZA E DIMORA NELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Sentenza della Corte di Giustizia UE.

PRINCIPIO DI RESIDENZA E DIMORA NELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Sentenza della Corte di Giustizia UE. Modena, 15 settembre 2014 PRINCIPIO DI RESIDENZA E DIMORA NELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Sentenza della Corte di Giustizia UE. La Corte di Giustizia UE, con Sentenza relativa alla causa C- 255/13 del

Dettagli

IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa.

IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa. IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa. =========== Le tariffe pubbliche cominciano a scendere:

Dettagli

Agenda digitale europea

Agenda digitale europea Agenda digitale europea A cura di: Giancarlo Cervino Dottore Commercialista Politecnico di Torino - 25 novembre 2011 Comunicazione COM (2010) 245 definitivo/2 del 26 agosto 2010 Lo scopo generale dell

Dettagli

RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIDUZIONE E TRASPARENZA DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI

RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIDUZIONE E TRASPARENZA DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIDUZIONE E TRASPARENZA DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI A CARICO DI CITTADINI E IMPRESE Anno 2014 (Art. 7, comma 3, legge 11 novembre

Dettagli

L EUROPA SI MUOVE, E TU? Cambiare per premiare chi merita: la nostra scommessa in Europa

L EUROPA SI MUOVE, E TU? Cambiare per premiare chi merita: la nostra scommessa in Europa L EUROPA SI MUOVE, E TU? Cambiare per premiare chi merita: la nostra scommessa in Europa In una realtà economica complessa ed in rapida evoluzione la responsabilità per i giovani di cercare un cambio di

Dettagli

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI AUDIZIONE Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI ROMA, 14 OTTOBRE 2010 I sistemi di sicurezza sociale sono sviluppati in Europa più che in altre parti del

Dettagli

MISURE PER LA COMPETITIVITÀ

MISURE PER LA COMPETITIVITÀ MISURE PER LA COMPETITIVITÀ Federica Guidi Ministro dello Sviluppo Economico Pier Carlo Padoan Ministro dell Economia e Finanze 18 giugno 2014 LA BOLLETTA DIMAGRISCE 2 PIÙ ENERGIA ALLA COMPETITIVITÀ Le

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE 16.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 11/7 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DELLA COMMISSIONE

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive

Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive Ing. Nicolò Di Gaetano Responsabile Relazioni Esterne ed Analisi di Mercato Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema

Dettagli

RELAZIONE SULLO STATO DELLA VOLUME I STUDI DI CASI CONCRETI RIGUARDANTI TECNICA PROGETTI EUROPEI DI EPROCUREMENT

RELAZIONE SULLO STATO DELLA VOLUME I STUDI DI CASI CONCRETI RIGUARDANTI TECNICA PROGETTI EUROPEI DI EPROCUREMENT RELAZIONE SULLO STATO DELLA TECNICA VOLUME I STUDI DI CASI CONCRETI RIGUARDANTI PROGETTI EUROPEI DI EPROCUREMENT LUGLIO 2004 Original document in English available at http://europa.eu.int/idabc/eprocurement

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 13 Il Patto di Stabilità Per poter usare la moneta unica, occorreva la convergenza

Dettagli

Politica dell Unione europea per le PMI. Prof.ssa Ernestina Giudici

Politica dell Unione europea per le PMI. Prof.ssa Ernestina Giudici Politica dell Unione europea per le PMI Prof.ssa Ernestina Giudici Un inquadramento generale! Uno Small Business Act (SBA) per l Europa! Migliorare il contesto imprenditoriale! Promuovere l imprenditorialità!

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n. 606/07/CONS ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n 606/07/CONS 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

Dettagli

EURES: strumento per favorire e migliorare la mobilità del lavoro europeo

EURES: strumento per favorire e migliorare la mobilità del lavoro europeo EURES: strumento per favorire e migliorare la mobilità del lavoro europeo Puntare sul futuro Vivere e lavorare in un altro paese è un opportunità molto interessante per i cittadini europei di tutte le

Dettagli

I rapporti economici internazionali. Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione

I rapporti economici internazionali. Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione I rapporti economici internazionali Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione Il commercio internazionale E costituito da tutti gli scambi di beni e servizi tra gli

Dettagli

Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese

Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese SONDAGGIO UNIONE EUROPEA Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese Introduzione Il Libro Verde cerca i punti di

Dettagli

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Contesto della proposta (1) La conoscenza costituisce il fulcro dell Agenda di

Dettagli