Sicurezza nell utilizzo dei gas medicinali in ambito ospedaliero e domiciliare Ing. Andrea Fieschi Direttore Assogastecnici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sicurezza nell utilizzo dei gas medicinali in ambito ospedaliero e domiciliare Ing. Andrea Fieschi Direttore Assogastecnici"

Transcript

1 Sicurezza nell utilizzo dei gas medicinali in ambito ospedaliero e domiciliare Ing. Andrea Fieschi Direttore Assogastecnici

2 Contenuti della presentazione Descrivere caratteristiche e modalità di impiego sicuro dei gas medicinali: In ambito ospedaliero In ossigenoterapia domiciliare

3 L ambito ospedaliero I gas, elencati nella Pharmacopeia Europea: - Ossigeno FU - Azoto Protossido FU - Anidride Carbonica FU - Azoto FU - Monossido d'azoto FU - Aria Medicinale FU - Aria Sintetica FU - Elio FU Tali gas possono essere combinati in miscele per soddisfare specifiche esigenze ed applicazioni (miscele respiratorie/terapeutiche e miscele per impiego diagnostico)

4 La sicurezza riguarda: Il paziente Il personale (tecnici, medici e paramedici) I visitatori (parenti, ecc.)

5 Comburenza/incendio Cosa evitare

6 Scambio di di prodotto Cosa evitare

7 Cosa evitare Difetto dispositivi di di erogazione

8 Cosa evitare Interruzione erogazione gas

9 Prevenzione generale dei rischi legati al farmaco Verificare periodicamente le misure per garantire la continuità di erogazione, anche in caso di guasto (controlli, allarmi, sorgente di riserva, ecc.) Verificare disponibilità ed efficacia della sorgente di riserva Verificare che non siano cambiate le esigenze di consumo rispetto alle portate di progetto Controllo degli stock in funzione delle portate di progetto e delle frequenze di approvvigionamento Controllo periodico, a campione, della qualità del gas e del prodotto fornito

10 Prevenzione generale dei rischi legati al farmaco Controllo pulizia/stato di conservazione di erogatori, cannule, mascherine Registrazione dei controlli effettuati e dei risultati Sistema di gestione delle modifiche (non solo su impianto gas medicinali!) Pianificazione delle manutenzioni Controllo dopo manutenzione Sistema di gestione delle emergenze Esercitazioni di emergenza Formazione e addestramento degli operatori Gestione delle crisi? (crisis( management)

11 Produzione aria in ospedale Produzione da compressore

12 Produzione aria in ospedale Produzione da miscelazione

13 Produzione aria in ospedale Controllo qualità dell aria: Vapore acqueo < 67 ppm (solo se da compressore) Controllo in continuo 20%< O2 <23,5% (solo se da miscelatore) Anidride carbonica < 500 ppm Ossido di carbonio < 5 ppm Anidride solforosa < 1 ppm Ossidi di azoto < 2 ppm Olio < 0,1 mg/m 3

14 Produzione aria in ospedale Il contenuto di umidità è della massima importanza in quanto indice del corretto funzionamento del sistema per il trattamento dell'aria; inoltre esso è strettamente legato allo sviluppo di microrganismi all'interno delle tubazioni della rete di distribuzione. Se l'aria viene utilizzata anche per azionare strumenti chirurgici, un elevato contenuto di umidità può rapidamente mettere fuori uso i piccoli componenti degli strumenti che vengono a contatto con l'aria e che ruotano ad altissima velocità

15 Produzione aria in ospedale il punto di ingresso dell'aria nei compressori deve essere ubicato in luogo tale da minimizzare la contaminazione dovuta a: scarichi di motori a combustione interna; scarichi di centrali del vuoto; sfiati di impianti di distribuzione di gas medicinali; scarichi di impianti di evacuazione di gas anestetici; scarichi di sistemi di ventilazione; altre fonti di contaminazione (insetti, detriti, ).

16 Il personale: Le regole da seguire Movimentazione dei recipienti: Quando si spostano le bombole, deve essere montato il cappellotto per proteggere la valvola Occorre sempre maneggiare con cautela

17 Il personale: Le regole da seguire Movimentazione dei recipienti: Non sollevare dal cappellotto Usare appositi guanti e scarpe Meglio usare apposito carrello Evitare guanti sporchi di grasso Tecnica corretta:

18 Il personale: Le regole da seguire

19 Il personale: Le regole da seguire Magazzino gas medicinali: Deposito coperto, al riparo da sole e temperature elevate (sopra 50 C) Evitare i luoghi umidi

20 Il personale: Le regole da seguire Magazzino gas medicinali: Recipienti ancorati o protetti da cadute Adeguata ventilazione del locale Evitare concomitanza di ossigeno con oggetti o sostanze infiammabili Separare i recipienti vuoti da quelli pieni

21 Il personale: Le regole da seguire Uso dei recipienti: Assicurare il recipiente, proteggendolo da urti e cadute Verificare il contenuto (etichetta, colorazione)

22 DM (trasporti) 7 gennaio 1999 DM (trasporti) 14 ottobre 1999

23 Il personale: Le regole da seguire Esempio di etichetta:

24 Il personale: Le regole da seguire Uso dei recipienti: Proteggere da calore ed elettricità No manomissioni o fai-da da-te Tenere le valvole chiuse, salvo durante l usol Le valvole vanno aperte e chiuse lentamente!

25 Le regole da seguire Uso dei recipienti: Non usare attrezzi per forzare valvole bloccate, contattare il fornitore Mai ingrassare o lubrificare Attenzione alla compatibilità con il gas di riduttori, manometri, apparecchiature.

26 Le proprietà dei gas I gas, diversi dall aria aria medicinale, impiegati in ambito ospedaliero, sono sostanzialmente di due tipi: Comburenti (ossigeno, protossido d azoto) Asfissianti (azoto, anidride carbonica) A queste caratteristiche di pericolo si può aggiungere il rischio di ustioni da freddo per gas liquefatti refrigerati

27 Atmosfere sovra-ossigenate L ossigeno è incolore, inodore e insapore n L aria arricchita in ossigeno non può essere percepita dai sensi umani! n 29

28 Atmosfere sovra-ossigenate ossigenate Condizioni necessarie per un incendio: Perché si verifichi un incendio, devono essere presenti i seguenti tre elementi: Materiale combustibile, Ossigeno e una Sorgente d innescod Materiale combustibile Sorgente d innesco Ossigeno Se manca uno di questi tre elementi, l incendio non si può verificare!

29 Atmosfere sovra-ossigenate n Perdite di ossigeno o protossido di azoto possono essere pericolose La perdita comporta il pericolo di arricchimento di ossigeno. n Raccordi, flangie e connessioni che perdono sono pericolose. n Il rischio aumenta in caso di ventilazione insufficiente n E opportuno controllare l l assenza di perdite dalle apparecchiature dopo l assemblaggio o la manutenzione. n 31

30 Atmosfere sovra-ossigenate ossigenate Solo alcuni materiali sono compatibili con l ossigeno, a seconda delle condizioni d uso. d Molti materiali inclusi i metalli bruciano nelle atmosfere arricchite in Ossigeno. Le apparecchiature e i materiali contaminati con olio o grasso possono incendiarsi facilmente e bruciare con violenza esplosiva nelle atmosfere arricchite in Ossigeno

31 Atmosfere sovra-ossigenate ossigenate Possibili sorgenti di innesco:

32 Atmosfere sovra-ossigenate n In caso di esposizione: Ventilare gli abiti in aria aperta per almeno 15 minuti prima di fumare o di avvicinarsi ad una sorgente di innesco. 34

33 Atmosfere sotto-ossigenate ossigenate PERICOLO DI ASFISSIA UN PERICOLO SERIO E un fenomeno INSIDIOSO IMMEDIATO SENZA PREAVVISO

34 Atmosfere sotto-ossigenate ossigenate 33 SETTIMANE SENZA CIBO 3 GIORNI SENZA BERE 3 MINUTI SENZA RESPIRARE 2 RESPIRI SENZA OSSIGENO METTONO A RISCHIO LA VITA

35 Atmosfere sotto-ossigenate ossigenate IN CASO DI DIMINUZIONE PROGRESSIVA DI OSSIGENO Il contenuto di ossigeno nel sangue diminuisce Contenuto di O 2 <18% Asfissia progressiva Vertigini Emicrania Difficoltà di parola MA MA Progressiva perdita di conoscenza Riflessi ritardati Perdita di controllo dei muscoli Questi sintomi sono simili a quelli di un generale malessere e non sono riconosciuti come asfissia dalla vittima (i gas inerti non hanno odore e colore) La vittima cerca di cavarsela da sola LA VITTIMA NON CHIEDE AIUTO OLTRE OLTRE UNA UNA CERTA CERTA SOGLIA, SOGLIA, LA LA VITTIMA VITTIMA NON NON PUO PUO REAGIRE REAGIRE : : LA LA PERDITA DI DI CONOSCENZA E EE IMPROVVISA

36 Atmosfere sotto-ossigenate ossigenate In tutti i casi: LA VITTIMA NON SI ACCORGE DEL RISCHIO Con meno del 6% di ossigeno: immediata perdita di conoscenza MA MA Se il contenuto di ossigeno in atmosfera è solo fra il 10 e il 18%: LA VITTIMA AVVERTE SOLO UN GENERALE MALESSERE E NON LO METTE IN RELAZIONE CON L ASFISSIA

37 Atmosfere sotto-ossigenate ossigenate Attenzione! PERICOLO DI ASFISSIA Le atmosfere carenti di O 2 possono verificarsi anche in normali aree di lavoro, dove vengono usati o stoccati i gas

38 Atmosfere sotto-ossigenate ossigenate PERICOLO DI ASFISSIA Si deve : Rendere noto il rischio agli operatori Utilizzare una procedura di permessi di lavoro Avvisare le persone del pericolo, disporre segnaliall ingresso delle aree dove si può verificare carenza di O 2 Sviluppare ed applicare misure di sicurezza

39 Atmosfere sotto-ossigenate ossigenate Possibili misure di prevenzione: VERIFICARE LE POSSIBILI SORGENTI DI EMISSIONE DI GAS: vapore freddo da liquidi criogenici sfiati valvole, raccordi, ecc. VERIFICARE periodicamente l efficienza di aerazione INSTALLARE un ANALIZZATORE con allarme VENTILARE i luoghi dove vengono conservati o utilizzati i gas liquefatti

40 Atmosfere sotto-ossigenate ossigenate PERICOLO DI ASFISSIA CONCLUSIONI CONCLUSION: se si sente una perdita di gas, se si vedono vapori freddi, se si hanno sintomi di generale malessere, se un collega ha perso conoscenza CONSIDERARE il RISCHIO ASFISSIA LASCIARE la ZONA DI PERICOLO APPLICARE PROCEDURE APPROPRIATE DI PRONTO INTERVENTO

41 L ambito domiciliare In Europa: Circa pazienti in ossigenoterapia Circa servizi prestati ogni giorno In Italia: Fra e pazienti in ossigenoterapia Circa servizi prestati ogni giorno

42 L ambito domiciliare In Assogastecnici, la Commissione Ossigenoterapia Domiciliare per sviluppare linee guida e progetti Ad esempio: - il documento sulla ossigenoterapia domiciliare, - l indagine sulla mobilità dei pazienti, insieme ad AMOR

43 L ambito domiciliare Altri documenti, derivati da linee guida europee (EIGA): Utilizzo sicuro dei sistemi O2 per i pazienti Fornitura sicura di sistemi LOX da parte delle società di servizi Sicurezza nell allestimento dei veicoli e nelle operazioni di consegna

44 L ambito domiciliare

45 Cosa evitare

46 Cosa evitare NON FUMARE! NO!

47 Cosa evitare Non coprire l apparecchiatura, l non posizionarla vicino alle tende, attenti alla moquette! NO!

48 Cosa evitare Mai portare l apparecchiatura l sotto i vestiti NO!

49 Cosa evitare Sempre lontano da fonti di calore NO!

50 Cosa evitare Lontano da cucine, grassi alimentari NO!

51 Cosa evitare Non lasciare l erogatore l libero su oggetti infiammabili NO!

52 Cosa evitare Attenzione ai pazienti creativi

53 Le regole da seguire Il paziente deve essere istruito

54 Le regole da seguire Nel caso di bombole: Bombola in posizione stabile La valvola deve essere aperta lentamente Mai lubrificare Chiudere dopo l usol

55 Le regole da seguire Con ossigeno liquido: Collocare unità base e riempire il portatile in luoghi ben aerati Non toccare parti ghiacciate Seguire istruzioni del fornitore Pulire solo con panni umidi e non abrasivi

56 Il paziente in viaggio Solo quantità di O2 necessaria per il viaggio Non fumare, nessuno!!! Assicurare l erogatore l in modo che non si rovesci Veicolo ben ventilato Chiudere se non in uso No O2 mentre si fa benzina Non lasciare l erogatore l nel veicolo se incustodito Autorizzazione preventiva prima di viaggi con trasporti pubblici o in aereo

57 La manutenzione Chi: : Personale specializzato e qualificato in rispetto del manuale del produttore (l apparecchiatura è un dispositivo medico) Dove: : a casa o in officina Quando: : Manutenzione ordinaria e/o straordinaria Cosa: : Pulizia e sanificazione

58 GRAZIE PER L ATTENZIONEL

UNITA DI STAFF SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE NORME DI SICUREZZA PER L UTILIZZO E LO STOCCAGGIO DI BOMBOLE DI GAS

UNITA DI STAFF SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE NORME DI SICUREZZA PER L UTILIZZO E LO STOCCAGGIO DI BOMBOLE DI GAS UNITA DI STAFF SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE NORME DI SICUREZZA PER L UTILIZZO E LO STOCCAGGIO DI BOMBOLE DI GAS MEDICALI COMPRESSI ALL INTERNO DELLE UNITA OPERATIVE REVISIONE DATA RSPPA 0 07/08/2003

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE PROCEDURA H. Procedura utilizzo gas compressi

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE PROCEDURA H. Procedura utilizzo gas compressi DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE EDIZIONE N 01 REVISIONE N 00 DATA 20/06/08 SEZIONE 08 PAGINA 1 di 3 PROCEDURA H Procedura utilizzo gas compressi Le bombole di gas compresso sono costituite

Dettagli

La sicurezza nei servizi domiciliari. Silvia Scherini VitalAire Italia S.p.A. - Gruppo Air Liquide -

La sicurezza nei servizi domiciliari. Silvia Scherini VitalAire Italia S.p.A. - Gruppo Air Liquide - La sicurezza nei servizi domiciliari Silvia Scherini VitalAire Italia S.p.A. - Gruppo Air Liquide - Sicurezza e complessità La complessità è un fattore caratterizzante delle attività a domicilio che, seppur

Dettagli

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO IV Conferenza Nazionale sui Dispositivi Medici IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO La Norma UNI EN ISO 7396-1 Ing. Carlo M. Giaretta Commissione Tecnica U4204 dell UNI Apparecchi per

Dettagli

LA GESTIONE DEI GAS E LA NUOVA NORMATIVA Genova, 4 febbraio 2016

LA GESTIONE DEI GAS E LA NUOVA NORMATIVA Genova, 4 febbraio 2016 LA GESTIONE DEI GAS E LA NUOVA NORMATIVA Genova, 4 febbraio 2016 Approfondimenti sulla gestione dei gas medicinali : Il punto di vista dell industria Stefania Mariani I GAS UTILIZZATI IN OSPEDALE In ambito

Dettagli

PRODUZIONE DI ARIA MEDICALE PRESSO LE STRUTTURE OSPEDALIERE

PRODUZIONE DI ARIA MEDICALE PRESSO LE STRUTTURE OSPEDALIERE FEDERCHIMICA Assogastecnici GRUPPO GAS MEDICINALI PRODUZIONE DI ARIA MEDICALE PRESSO LE STRUTTURE OSPEDALIERE I EDIZIONE MAGGIO 2001 1 INDICE Premessa Capitolo 1 Il personale 1.1 Aspetti generali 1.2 Personale

Dettagli

Sommario. 2. Classificazione dei gas: caratteristiche, rischi, precauzioni.

Sommario. 2. Classificazione dei gas: caratteristiche, rischi, precauzioni. Sommario 1. Cos è un gas: definizione, proprietà. 2. Classificazione dei gas: caratteristiche, rischi, precauzioni. 3. Schede di sicurezza: prodotto, composizione, identificazione pericoli, etc. 4. Pressurizzazione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella LAVORARE SICURI! Formazione e informazione dei lavoratori per l igiene e la sicurezza sul

Dettagli

Ossigenoterapia domiciliare. Manuale d uso per il paziente. Apparecchiature per ossigeno gassoso e accessori. Gruppo Sapio

Ossigenoterapia domiciliare. Manuale d uso per il paziente. Apparecchiature per ossigeno gassoso e accessori. Gruppo Sapio Ossigenoterapia domiciliare. Manuale d uso per il paziente. Apparecchiature per ossigeno gassoso e accessori. Gruppo Sapio Ossigenoterapia Servizi di Homecare Chi contattare in caso di necessità Farmacia

Dettagli

I GAS MEDICINALI NELLE STRUTTURE SANITARIE: ASPETTI LEGISLATIVI E GESTIONALI. Giovedì 23 maggio 2002 Sala Congressi Milan Marriott Hotel

I GAS MEDICINALI NELLE STRUTTURE SANITARIE: ASPETTI LEGISLATIVI E GESTIONALI. Giovedì 23 maggio 2002 Sala Congressi Milan Marriott Hotel I GAS MEDICINALI NELLE STRUTTURE SANITARIE: ASPETTI LEGISLATIVI E GESTIONALI Giovedì 23 maggio 2002 Sala Congressi Milan Marriott Hotel TECNOLOGIE DI PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI ARIA MEDICALE PRESSO

Dettagli

Applicazione D.M. 18 Settembre 2002 agli impianti gas medicali: Parte 2: Requisiti specifici

Applicazione D.M. 18 Settembre 2002 agli impianti gas medicali: Parte 2: Requisiti specifici Applicazione D.M. 18 Settembre 2002 agli impianti gas medicali: Parte 2: Requisiti specifici Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM POLITECNICO DI MILANO, 13 Dicembre 2011 SOMMARIO

Dettagli

Aspetti di Sicurezza nella gestione dei gas medicinali nelle strutture ospedaliere

Aspetti di Sicurezza nella gestione dei gas medicinali nelle strutture ospedaliere FONDAZIONE IRCCS POLICLINICO "SAN MATTEO" PAVIA Struttura Prevenzione Protezione e Sicurezza Antinfortunistica Gas medicinali e gli impianti di distribuzione Ancona, 28 giugno 2007 Aspetti di Sicurezza

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL GRUPPO 2. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) ELETTROGENO PORTATILE

1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL GRUPPO 2. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) ELETTROGENO PORTATILE Unione 1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL GRUPPO ELETTROGENO PORTATILE La seguente scheda mostra le norme di sicurezza che deve seguire l operatore di un GRUPPO ELETTROGENO PORTATILE. Le norme qui di seguito

Dettagli

Modalità di approvvigionamento di gas medicinali singoli e miscele e la responsabilità del farmacista. Prof.ssa Paola Minghetti

Modalità di approvvigionamento di gas medicinali singoli e miscele e la responsabilità del farmacista. Prof.ssa Paola Minghetti Modalità di approvvigionamento di gas medicinali singoli e miscele e la responsabilità del farmacista Prof.ssa Paola Minghetti GAS DA SOMMINISTRARE ALL UOMO AD USO TERAPEUTICO MEDICINALI Assoggettati a

Dettagli

PROCEDURE DI SICUREZZA DA ADOTTARE NELL UTILIZZO DI BOMBOLE DI GAS COMPRESSI

PROCEDURE DI SICUREZZA DA ADOTTARE NELL UTILIZZO DI BOMBOLE DI GAS COMPRESSI UFFICI AMMINISTRATIVI SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE Lungarno Pacinotti, 44 56100 Pisa Tel. 050/2212140 Fax 050/2212663 E-mail spp@adm.unipi.it PROCEDURE DI SICUREZZA DA ADOTTARE NELL UTILIZZO DI BOMBOLE

Dettagli

NORME PER USO DI FLUIDI CRIOGENI

NORME PER USO DI FLUIDI CRIOGENI NORME PER USO DI FLUIDI CRIOGENI A CURA DI: Lucia Landi Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Dipartimento di Scienze Agrarie Alimentari e Ambientali - D3A Definizione: i fluidi criogenici:

Dettagli

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA Compilare la seguente scheda di valutazione finalizzata alla valutazione delle conoscenze relative alla gestione delle emergenze in una qualsiasi realtà operativa.

Dettagli

LINEA GUIDA PER LA FORNITURA E L USO IN CONDIZIONI DI SICUREZZA DI APPARECCHIATURE PER OSSIGENOTERAPIA

LINEA GUIDA PER LA FORNITURA E L USO IN CONDIZIONI DI SICUREZZA DI APPARECCHIATURE PER OSSIGENOTERAPIA FEDERCHIMICA Assogastecnici GRUPPO GAS MEDICINALI LINEA GUIDA PER LA FORNITURA E L USO IN CONDIZIONI DI SICUREZZA DI APPARECCHIATURE PER OSSIGENOTERAPIA I Edizione MARZO 2006 Il presente documento è stato

Dettagli

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE "Frasi di Rischio" ( R ) e "Consigli di Prudenza" ( S )

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE Frasi di Rischio ( R ) e Consigli di Prudenza ( S ) ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE "Frasi di Rischio" ( R ) e "Consigli di Prudenza" ( S ) La Legge 29 Maggio 1974, N 0 256 obbliga tutti i fabbricanti di prodotti aventi determinate caratteristiche

Dettagli

Gas e miscele medicinali. Nuovi orizzonti per la salute dell uomo

Gas e miscele medicinali. Nuovi orizzonti per la salute dell uomo Gas e miscele medicinali. Nuovi orizzonti per la salute dell uomo Il farmaco gas Tra le nuove frontiere della medicina, i gas medicinali rappresentano una delle risorse di maggiore interesse nella lotta

Dettagli

Dott. Arch. Gian Carlo Scarpini

Dott. Arch. Gian Carlo Scarpini L IMPORTANZA DELLA GESTIONE OPERATIVA DA PARTE DELLA STRUTTURA SANITARIA: l Allegato G della norma UNI EN ISO 7396-1, campo di applicazione, obiettivi responsabilità e funzioni chiave coinvolte. Relatore

Dettagli

LE NORMATIVE NAZIONALI ED EUROPEE INERENTI I GAS MEDICINALI

LE NORMATIVE NAZIONALI ED EUROPEE INERENTI I GAS MEDICINALI LE NORMATIVE NAZIONALI ED EUROPEE INERENTI I GAS MEDICINALI ASPETTI LEGISLATIVI IN FUNZIONE DELLE MODIFICHE APPORTATE DAL DLvo 24 aprile 2006 n 219 Prof.ssa Paola Minghetti FACOLTÀ DI FARMACIA GAS DA SOMMINISTRARE

Dettagli

ALLEGATO. 1 Modulo Offerta Economica fornitura dei gas Aic e dei gas Fu e degli altri gas

ALLEGATO. 1 Modulo Offerta Economica fornitura dei gas Aic e dei gas Fu e degli altri gas ALLEGATO. 1 Modulo Offerta Economica fornitura dei gas Aic e dei gas Fu e degli altri gas GAS LIQUIDI USO QUANTITA / ANNO Ossigeno liquido AIC Medicale Mc 200.000 Ossigeno liquido AIC per FREELOX Medicale

Dettagli

ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R E DEI CONSIGLI DI PRUDENZA S E DELLE LORO RELATIVE COMBINAZIONI ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R

ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R E DEI CONSIGLI DI PRUDENZA S E DELLE LORO RELATIVE COMBINAZIONI ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R Le sigle R e S sempre presenti sulle etichette dei prodotti chimici utilizzati in laboratorio rappresentano rispettivamente una definizione dei rischi specifici connessi con l impiego della sostanza chimica

Dettagli

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE MISURE PREVENTIVE PER TUTTI I LAVORATORI E vietato depositare e manipolare sostanze infiammabili in quantità superiori alla normale dotazione prevista.

Dettagli

La UNI 11100:2011 e la Gestione Operativa degli impianti gas medicali

La UNI 11100:2011 e la Gestione Operativa degli impianti gas medicali La UNI 11100:2011 e la Gestione Operativa degli impianti gas medicali Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM POLITECNICO DI MILANO, 20 Maggio 2011 SOMMARIO Gli impianti gas

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GAS MEDICALI E TECNICI COMPRESSI ALL INTERNO DELLE UNITA OPERATIVE E DEI SERVIZI

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GAS MEDICALI E TECNICI COMPRESSI ALL INTERNO DELLE UNITA OPERATIVE E DEI SERVIZI pag. 1/34 UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GAS MEDICALI E TECNICI COMPRESSI ALL INTERNO DELLE UNITA OPERATIVE E DEI SERVIZI File: Elaborazione : Stefania Bertoldo Servizio Prevenzione Protezione; Francesco Parolotti

Dettagli

AMOR. Associazione Milanese Ossigenoterapia Riabilitativa a lungo termine CON IL CONTRIBUTO E IL PATROCINIO DI ASSOGASTECNICI GRUPPO GAS MEDICINALI

AMOR. Associazione Milanese Ossigenoterapia Riabilitativa a lungo termine CON IL CONTRIBUTO E IL PATROCINIO DI ASSOGASTECNICI GRUPPO GAS MEDICINALI AMOR Associazione Milanese Ossigenoterapia Riabilitativa a lungo termine CON IL CONTRIBUTO E IL PATROCINIO DI Assessorato alla Salute FEDERCHIMICA ASSOGASTECNICI GRUPPO GAS MEDICINALI INTRODUZIONE L Ossigenoterapia

Dettagli

La gestione dei gas medicinali nelle aziende sanitarie ai sensi della UNI EN ISO 7396-1:2010

La gestione dei gas medicinali nelle aziende sanitarie ai sensi della UNI EN ISO 7396-1:2010 La gestione dei gas medicinali nelle aziende sanitarie ai sensi della UNI EN ISO 7396-1:2010 Gli impianti gas medicinali e le Apparecchiature Biomedicali Giampiero Pirini Bologna 30/11/2011 Giampiero Pirini

Dettagli

Pagina :1/5 1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETÀ FORNITRICE Scheda n 001 Nome commerciale Acetilene Nome chimico della sostanza Acetilene; etino Formula chimica C 2 H 2 Utilizzi della sostanza

Dettagli

LE PRORIETA DEI GAS E LA SICUREZZA NELL USO DEI GAS MEDICINALI. Ing. Andrea Fieschi Direttore Assogastecnici

LE PRORIETA DEI GAS E LA SICUREZZA NELL USO DEI GAS MEDICINALI. Ing. Andrea Fieschi Direttore Assogastecnici LE PRORIETA DEI GAS E LA SICUREZZA NELL USO DEI GAS MEDICINALI Ing. Andrea Fieschi Direttore Assogastecnici Gli stati della materia Solido Liquido Gas Forma propria Forma contenitore Forma contenitore

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza ---------------------------------------------------------------------------------

Scheda Dati di Sicurezza --------------------------------------------------------------------------------- Pagina: 1/6 OSSIGENO Data: 27-09-2010 Etichetta 2.2: Gas non infiammabile non tossico Etichetta 5.1: Sostanze comburenti PERICOLO 1-IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA / IMPRESA. Prodotto

Dettagli

GAS IN SANITA Medicinali e Dispositivi Medici

GAS IN SANITA Medicinali e Dispositivi Medici GAS IN SANITA Medicinali e Dispositivi Medici Preparazione di Aria Medicinale in Ospedale Ruoli e compiti del Farmacista Leonardo Ferrari I GAS utilizzati in AMBITO SANITARIO possono essere classificati,

Dettagli

GAS NATURALE O METANO

GAS NATURALE O METANO Composto prevalentemente da un idrocarburo: metano da da cui prende il nome. GAS NATURALE O METANO Alto potere calorifico. Mancanza di tossicità e impurità. È un'ottima risorsa energetica. È l'energia

Dettagli

SIMBOLI CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53

SIMBOLI CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53 CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53 CONSERVARE SOTTO CHIAVE - FUORI DALLA PORTATA DEI BAMBINI - LONTANO DA LOCALI ABITAZIONE - LONTANO

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 8 revisione del 20/10/2014 SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Nome commerciale: Granuli di noce. 1.2. Nome del prodotto: Granuli di gusci di noce. 1.3.

Dettagli

PRESENZA DI GAS NELL ABITAZIONE?

PRESENZA DI GAS NELL ABITAZIONE? a cura di: PRESENZA DI GAS NELL ABITAZIONE? I gas che possiamo trovare all interno delle nostre abitazioni, a causa di guasti, mancata manutenzione, malfunzionamenti, errata installazione, errato utilizzo,

Dettagli

Docente. Università degli Studi di Milano Bicocca, Dipartimento di Scienze dei Materiali

Docente. Università degli Studi di Milano Bicocca, Dipartimento di Scienze dei Materiali Docente Dott. Maurizio Crippa Università degli Studi di Milano Bicocca, Dipartimento di Scienze dei Materiali L USO IN SICUREZZA DEI GAS MEDICINALI Obiettivo del corso 1. Acquisire conoscenze generali

Dettagli

Università degli Studi di Bari Facoltà di Farmacia Dip.ti Farmaco-Biologico e Farmaco-Chimico

Università degli Studi di Bari Facoltà di Farmacia Dip.ti Farmaco-Biologico e Farmaco-Chimico Università degli Studi di Bari Facoltà di Farmacia Dip.ti Farmaco-Biologico e Farmaco-Chimico UTILIZZO dei GAS COMPRESSI e delle BOMBOLE in SICUREZZA nei LABORATORI Nicola G. DI MASI Dipartimento Farmaco-Chimico

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: Sistemi di Rivelazione GAS in ambiente domestico. Tecnologie Normativa di riferimento Installazione.

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: Sistemi di Rivelazione GAS in ambiente domestico. Tecnologie Normativa di riferimento Installazione. Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: Sistemi di Rivelazione GAS in ambiente domestico Tecnologie Normativa di riferimento Installazione Enrico Zaccaria Membro Sgr. Rivelatori di gas ANIE CSI Associazione Componenti

Dettagli

VitalAire. VitalAire. Ossigenoterapia Domiciliare. Bombole di ossigeno gassoso e relativi accessori Istruzioni per l uso. Contatti

VitalAire. VitalAire. Ossigenoterapia Domiciliare. Bombole di ossigeno gassoso e relativi accessori Istruzioni per l uso. Contatti TM VitalAire Contatti VITALAIRE ITALIA S.p.A. Via Ciardi, 9 20148 Milano Tel. 02 4021.1 - Fax 02 4021806 Centro Sanità Nord Ovest Domiciliare Milano Via T. Edison, 50 20090 TrezzanoS/Naviglio (MI) Torino

Dettagli

LE SOSTANZE PERICOLOSE

LE SOSTANZE PERICOLOSE SICUREZZA NELLA CASE Incontro informativo a cura dei vigili del fuoco L INCENDIO LE SOSTANZE PERICOLOSE IL RISCHIO ELETTRICO IL GAS COMBUSTIBILE ALTRI RISCHI DOMESTICI COSA FARE IN CASO DI LE SOSTANZE

Dettagli

Trasportare bombole di gas o recipienti criogenici su veicoli non dedicati

Trasportare bombole di gas o recipienti criogenici su veicoli non dedicati TP N 06/01 Traduzione e adattamento del Documento EIGA TP n 17/08 a cura di Assogastecnici Trasportare bombole di gas o recipienti criogenici su veicoli non dedicati Documenti di riferimento: IGC 103 and

Dettagli

Il contributo dell' Ingegneria g Clinica alla gestione dei gas medicinali secondo la UNI EN ISO 7396

Il contributo dell' Ingegneria g Clinica alla gestione dei gas medicinali secondo la UNI EN ISO 7396 Il contributo dell' Ingegneria g Clinica alla gestione dei gas medicinali secondo la UNI EN ISO 7396 Giampiero Pirini Ingegneria Clinica Azienda Ospedaliero Universitaria Ferrara Segreteria Scientifica

Dettagli

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO Bergamo 20 Novembre 2003 Geom. Stefano Fiori LA GESTIONE DELLE EMERGENZE OBBIETTIVI ATTUARE COMPORTAMENTI

Dettagli

due LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI DOMESTICI CASA sicura GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO

due LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI DOMESTICI CASA sicura GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO due GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO CASA sicura LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI DOMESTICI Ministero delle Attività Produttive Direzione Generale Armonizzazione Mercati e Tutela Consumatori www.casasicura.info

Dettagli

SCHEDA TECNICA N 16 AZOTO LIQUIDO

SCHEDA TECNICA N 16 AZOTO LIQUIDO SCHEDA TECNICA N 16 AZOTO LIQUIDO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AZIENDALE V I A A L B E R T O N I, 1 5-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1. 1 3 7 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 1. 1 4 5 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Sicurezza Antincendio La combustione è la reazione chimica tra due sostanze diverse: il COMBUSTIBILE (materiale capace di

Dettagli

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Ph.D. Ing. Michele Damiano Vivacqua responsabilità Codice civile art. 2050 Chiunque cagiona danno ad altri nello svolgimento di un'attività pericolosa,

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza Secondo la Direttiva (EU) No 1272/2008 R 744

Scheda Dati di Sicurezza Secondo la Direttiva (EU) No 1272/2008 R 744 Pag. 1 di 5 2.2: Gas non infiammabile non tossico Attenzione 1. Identificazione della Sostanza/Preparato Prodotto : DIOSSIDO DI CARBONIO Denominazione Commerciale : (Anidride carbonica) Denominazione chimica

Dettagli

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi. Fascicolo Sicurezza. Allegato scheda 1

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi. Fascicolo Sicurezza. Allegato scheda 1 Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi Fascicolo Sicurezza Allegato scheda 1 INFORMAZIONI SUI RISCHI Informazione sui rischi presenti durante le fasi di

Dettagli

Affinché un incendio si sviluppi, è necessario che si verifichino tre condizioni indicate nel "cerchio del fuoco".

Affinché un incendio si sviluppi, è necessario che si verifichino tre condizioni indicate nel cerchio del fuoco. Via Tatti, 5 20029 Turbigo (MI) Ing. Marco Cagelli Teoria della combustione Nozioni base Il cerchio del fuoco Affinché un incendio si sviluppi, è necessario che si verifichino tre condizioni indicate nel

Dettagli

rischi di natura infortunistica e correlati all igiene del lavoro per il personale di cucina

rischi di natura infortunistica e correlati all igiene del lavoro per il personale di cucina rischi di natura infortunistica e correlati all igiene del lavoro per il personale di cucina Corso CUOCO Centro Studi La Base Via dei Pucci, 11 -Firenze Relatore: Geom. Enrico Clarelli www.geoclarelli.it

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro SOMMARIO Premessa pag. 7 SEZIONE 1 - FONDAMENTI Che cosa è un incendio? pag. 9 Il triangolo del

Dettagli

LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010

LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010 LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010 Le misure organizzative per implementare un sistema di gestione degli impianti di distribuzione dei gas medicinali

Dettagli

Antincendio. Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile

Antincendio. Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Antincendio Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile realizzato secondo gli Standard Regionali in materia di Formazione per la Protezione Civile D.G.R. 4036/2007 - Scuola Superiore di

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA DETONATORI DAVEYNEL

SCHEDA DATI DI SICUREZZA DETONATORI DAVEYNEL SCHEDA DATI DI SICUREZZA DETONATORI DAVEYNEL SEZIONE 1: IDENTIFICAZIONE DEL MATERIALE E DEL FORNITORE 1.1 Identificazione del prodotto: Detonatori non-elettrici con tubo ad onda d urto (serie 42000) Detonatori

Dettagli

CAMINETTI A BIOETANOLO

CAMINETTI A BIOETANOLO CAMINETTI A BIOETANOLO Istruzioni per l uso www.magazzinodellapiastrella.it 1 BIOETANOLO Il bioetanolo è alcol di origine agricola che deriva dalla fermentazione di cereali come la barbabietola o la canna

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA Pagina : 1 / 5 óm Etichetta 2.1 : gas infiammabile. êf F+ : Estremamente infiammabile 1 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA / PREPARATO E DELLA SOCIETÀ / IMPRESA Prodotto : METANO COMPRESSO Nome commerciale

Dettagli

PREMESSA DEFINIZIONI DEFINIZIONI

PREMESSA DEFINIZIONI DEFINIZIONI PREMESSA NOVITA INTRODOTTE DAL D.P.R. 177/2011 Dr.ssa Tiziana BAGNARA Tecnico della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro S.Pre.S.A.L. ASL TO3 Ogni anno si registrano in Italia numerosi incidenti

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Allegati alla Dichiarazione di conformità n data Committente. Le presenti istruzioni d uso e manutenzione dell

Dettagli

Gli impianti di Gas Medicali: Aspetti Tecnici Gestionali e di Qualità secondo la Norma EN ISO 7396-1 2010

Gli impianti di Gas Medicali: Aspetti Tecnici Gestionali e di Qualità secondo la Norma EN ISO 7396-1 2010 DIREZIONE GENERALE SANITÀ E POLITICHE SOCIALI LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI GESTIONE DEI GAS MEDICALI: SISTEMA ORGANIZZATIVO E CONTROLLI Gli impianti di Gas Medicali: Aspetti Tecnici Gestionali e di

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO HD-G088 RILEVATORE GAS CON ALLARME. Importato e distribuito da: Printed in Hong Kong PA: HD-G8/IT-Aug.2012-V1.

MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO HD-G088 RILEVATORE GAS CON ALLARME. Importato e distribuito da: Printed in Hong Kong PA: HD-G8/IT-Aug.2012-V1. MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO HD-G088 Importato e distribuito da: ALL SOLUTIONS S.p.A. Via Fabrizio Guicciardi, 10-00176 Roma Italy Tel. +39 06290880 Fax +39 0621701567 r.a. - www.alsshop.it - info@alsimpianti.it

Dettagli

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio:

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio: SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO All ordine di evacuazione dell edificio: - mantengono la calma, seguono le procedure stabilite e le istruzioni del docente; - gli apri-fila devono

Dettagli

SPAZIO CONFINATO. E un qualunque luogo che abbia le seguenti caratteristiche:

SPAZIO CONFINATO. E un qualunque luogo che abbia le seguenti caratteristiche: SPAZIO CONFINATO E un qualunque luogo che abbia le seguenti caratteristiche: 1. Aperture limitate per l ingresso e l uscita 2. Ventilazione naturale inadeguata 3. Non progettato per la continua presenza

Dettagli

Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai.

Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai. Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai. 1 No fai da te Il fai da te sull impianto del gas combustibile è vietato. Tutte le operazioni di manutenzione, ordinaria e

Dettagli

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA Pagina 1 di 9 SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA NITRATO POTASSICO / MULTIGREEN NK 13.0.46 1. Identificazione del prodotto e dell azienda 1.1. Identificazione della sostanza / preparato: - Denominazione NITRATO

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA EMRGENZA Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione INCENDIO E ESPLOSIONE Ai fini della valutazione del rischio incendio il Datore di Lavoro classifica

Dettagli

7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione

7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione 7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione 2. FASE DI LAVORAZIONE: Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 3. CODICE INAIL: 4. FATTORE DI RISCHIO:

Dettagli

Piano formativo AVT/129/11II Formare per crescere finanziato da. Presentazione. Avviso 5/2011 II scadenza

Piano formativo AVT/129/11II Formare per crescere finanziato da. Presentazione. Avviso 5/2011 II scadenza Piano formativo AVT/129/11II Formare per crescere finanziato da Presentazione Avviso 5/2011 II scadenza Corso di formazione per ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO E GESTIONE DELLE EMERGENZE

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO HD-G088 RILEVATORE GAS CON ALLARME. Printed in Hong Kong PA: HD-G8/IT-Aug.2012-V1.0

MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO HD-G088 RILEVATORE GAS CON ALLARME. Printed in Hong Kong PA: HD-G8/IT-Aug.2012-V1.0 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO HD-G088 RILEVATORE GAS CON ALLARME Printed in Hong Kong PA: HD-G8/IT-Aug.2012-V1.0 Rilevatore Gas con Allarme HD-G088 Il rilevatore di Gas con allarme HD-G088 è un dispositivo

Dettagli

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone LO STABILIMENTO Lo stabilimento, ubicato nel Comune di Ferrera Erbognone (Pavia) nelle adiacenze della Raffineria Eni Divisione R&M di Sannazzaro de Burgondi, è il

Dettagli

Relatore: Dott. Lazzaro Palumbo Rischio medio 8 ore PERCHÉ FREQUENTARE UN CORSO ANTINCENDIO? Il rischio incendio è uno dei maggiori rischi per i luoghi di lavoro Non esistono attività lavorative a rischio

Dettagli

la natura ringrazia con il GPL

la natura ringrazia con il GPL con il GPL la natura ringrazia Il è un combustibile a basso impatto ambientale con elevato potere energetico e calorifico. Tramite lo stoccaggio in bombola, oltre ai classici utilizzi per cucina e riscaldamento,

Dettagli

A B C. dell ANTINCENDIO SANDRO MARINELLI

A B C. dell ANTINCENDIO SANDRO MARINELLI SANDRO MARINELLI A B C dell ANTINCENDIO Informazione dei lavoratori ai sensi degli artt. 36 e 37 Titolo I, Sez. IV, del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e s.m., e del D.M. 10 marzo 1998 1 A B C dell INFORMAZIONE

Dettagli

www.sicurtime.com RIVELAZIONE GAS PROFESSIONALE

www.sicurtime.com RIVELAZIONE GAS PROFESSIONALE www.sicurtime.com RIVELAZIONE GAS PROFESSIONALE Ospedali è necessario monitorare le fughe di azoto e di gas inerti, stoccati in bombole nelle strutture ospedaliere ed in particolare nelle sale operatorie.

Dettagli

Esplosioni di polveri: prevenzione

Esplosioni di polveri: prevenzione Esplosioni di polveri: prevenzione ing. Nicola Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili Divisione di Innovhub-Stazioni Sperimentali Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 Corso CINEAS: La ricerca

Dettagli

MANUALE D USO BA 1004/03 (Foglio 1 di 3) AI SENSI DEL 20 DEL REGOLAMENTO TEDESCO SULLE SOSTANZE PERICOLOSE (TRGS 555)

MANUALE D USO BA 1004/03 (Foglio 1 di 3) AI SENSI DEL 20 DEL REGOLAMENTO TEDESCO SULLE SOSTANZE PERICOLOSE (TRGS 555) Esafluoruro di zolfo MANUALE D USO BA 1004/03 (Foglio 1 di 3) AI SENSI DEL 20 DEL REGOLAMENTO TEDESCO SULLE SOSTANZE PERICOLOSE (TRGS 555) Il presente manuale può essere utilizzato dal gestore del quadro

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI GAS MEDICALI A REGOLA D ARTE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI GAS MEDICALI A REGOLA D ARTE LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI GAS MEDICALI A REGOLA D ARTE Relatore Ing. Daniele MEGNA Presidente AIIGM PROVIDER ACCREDITAMENTO ECM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI

Dettagli

Manuale utente RSF 20 /S. per il modello. Caldaia murale istantanea a gas a camera stagna CE 0694 RSF 20_S - RAD - ITA - MAN.UT - 0113.

Manuale utente RSF 20 /S. per il modello. Caldaia murale istantanea a gas a camera stagna CE 0694 RSF 20_S - RAD - ITA - MAN.UT - 0113. Manuale utente per il modello RSF 20 /S Caldaia murale istantanea a gas a camera stagna CE 0694 RSF 20_S - RAD - ITA - MAN.UT - 0113.1-40-00068 Documentazione Tecnica RADIANT BRUCIATORI S.p.A. Montelabbate

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

T.d.P. Fabozzi Marco ASS 4 "Medio Friuli"

T.d.P. Fabozzi Marco ASS 4 Medio Friuli ANTINCENDIO Cos è il fuoco? Cosa si può fare in caso di incendio? Come ci si deve comportare in caso di incendio? Cosa ci serve per fare il fuoco?? COMBUSTIBILE: carta, legno, vari gas, benzina, olii,

Dettagli

GAS TECNICI IMPALPABILI MA INDISPENSABILI

GAS TECNICI IMPALPABILI MA INDISPENSABILI GAS TECNICI IMPALPABILI MA INDISPENSABILI IL SETTORE DEI GAS TECNICI I gas tecnici non si vedono né si toccano eppure ci sono. Non solo: senza di loro, la vita sul Pianeta Terra sarebbe impossibile. Il

Dettagli

RACCOMANDAZIONE DI SICUREZZA RS07 Norme, prescrizioni e raccomandazioni per la sicurezza e la prevenzione degli infortuni negli stabilimenti Linde

RACCOMANDAZIONE DI SICUREZZA RS07 Norme, prescrizioni e raccomandazioni per la sicurezza e la prevenzione degli infortuni negli stabilimenti Linde RACCOMANDAZIONE DI SICUREZZA 1. INTRODUZIONE Vengono qui riportate le nozioni fondamentali che regolano i comportamenti, morali e giuridici dei lavoratori, in modo da permettere che la condotta di ogni

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO Le vie di esodo costituiscono il primo problema da affrontare quando si progetta la sicurezza di un edificio. Infatti, la sicurezza delle persone

Dettagli

I gas medicinali negli ospedali: la sicurezza impiantistica.

I gas medicinali negli ospedali: la sicurezza impiantistica. ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA Commissione Energia e Impianti Progettazione e verifiche degli impianti di distribuzione dei gas medicinali e per il vuoto Ing. Giuseppe Patanè I gas medicinali

Dettagli

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili.

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Il rischio incendio nei cantieri temporanei e mobili, generati dal fuoco sono normalmente poco considerati. Di fatto è possibile affermare che in quest

Dettagli

L A B O R A T O R I N A Z I O N A L I D I FRAS C A T I

L A B O R A T O R I N A Z I O N A L I D I FRAS C A T I L A B O R A T O R I N A Z I O N A L I D I FRAS C A T I DOC-LNF-0000546 Marzo 2005 NORME PER L'UTILIZZO DI GAS COMPRESSI NEI LNF I Definizioni DOC-LNF-0000546 BOMBOLE: recipienti a pressione per gas o liquidi

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

MANUALE DELLA SICUREZZA a cura del Dott. L. Lambertucci RSPP-DiSVA

MANUALE DELLA SICUREZZA a cura del Dott. L. Lambertucci RSPP-DiSVA 4.6 GAS COMPRESSI EROGATI DA BOMBOLE Nei laboratori del DiSVA si utilizzano, spesso contemporaneamente, diversi tipi di gas (acetilene, anidride carbonica, argon, azoto, aria, con conseguenti rischi per

Dettagli

PRECAUZIONI E SUGGERIMENTI GENERALI

PRECAUZIONI E SUGGERIMENTI GENERALI ISTRUZIONI PER L USO PRIMA DI USARE LA CAPPA CONSIGLI PER LA SALVAGUARDIA DELL AMBIENTE PRECAUZIONI E SUGGERIMENTI GENERALI COME USARE LA CAPPA MANUTENZIONE E PULIZIA GUIDA RICERCA GUASTI SERVIZIO ASSISTENZA

Dettagli

CORPO VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE DELLA BRIANZA CORSO UTILIZZO GRUPPO ELETTROGENO LOMBARDINI 1.IM 300

CORPO VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE DELLA BRIANZA CORSO UTILIZZO GRUPPO ELETTROGENO LOMBARDINI 1.IM 300 CORPO VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE DELLA BRIANZA CORSO UTILIZZO GRUPPO ELETTROGENO LOMBARDINI.IM 300 INTRODUZIONE CON QUESTA PICCOLA MA ESAURIENTE GUIDA SI VUOLE METTERE A DISPOSIZIONE DELL UTENTE UNO STRUMENTO

Dettagli

La sicurezza nei laboratori didattici e di ricerca I GAS TECNICI

La sicurezza nei laboratori didattici e di ricerca I GAS TECNICI La sicurezza nei laboratori didattici e di ricerca I GAS TECNICI Dott. Luca Pettini Settore Ambiente e Sicurezza Polo Scientifico di Sesto Fiorentino Gas ideali I gas sono uno stato di aggregazione della

Dettagli

RISCHI DERIVANTI DALL USO DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE

RISCHI DERIVANTI DALL USO DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE Pagina 1 di 5 INDICE Scopo Riferimenti normativi Campo di applicazione Responsabilità ed aggiornamento Rischi derivanti dall uso di apparecchiature a funzionamento elettrico Cautele e misure di prevenzione

Dettagli