Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 RETI COMBINATORIE CON USCITE MULTIPLE 1 GENERALITÀ SUI CONVERTITORI DI CODICE Un uso delle porte logiche nei sistemi digitali è quello dei convertitori di codice. I codici più usati comunemente sono: binario, BCD (8421), ottale, esadecimale e, naturalmente, decimale. Molta parte del mistero che circonda i calcolatori ed altri sistemi digitali deriva dalla poca familiarità dell uomo col linguaggio dei circuiti digitali, che possono processare i bit 1 e 0. Tuttavia è difficile per gli esseri umani capire lunghe stringhe di 0 e di 1, ed è per questa ragione che i convertitore di codice sono necessari per convertire il linguaggio delle persone nel linguaggio della macchina e viceversa. Infatti, basta osservare un semplice schema a blocchi di un calcolatrice in fig.1.1: Fig. 1.1 : Semplice schema a blocchi di una calcolatrice In cui si può notare che inserendo un numero decimale (linguaggio delle persone) attraverso la tastiera, questo viene tradotto in un codice binario, come il codice BCD (linguaggio macchina), attraverso un codificatore per poi entrare nella CPU nella quale vengono eseguite solo operazioni in binario. Il risultato viene poi tradotto in decimale (linguaggio delle persone) da un decodificatore e visualizzato attraverso il display a 7 segmenti. 1

2 2 CODIFICATORE I codificatori (encoder) sono circuiti combinatori che convertono variabili di ingresso in un opportuno codice di uscita. 2.1 CODIFICATORE DA 4 A 2 Supponendo di avere quattro linee d ingresso che devono essere convertite su due uscite in modo tale da rappresentare le combinazioni 00, 01, 10, 11, c è bisogno di un dispositivo che prende il nome di codificatore da 4 a 2 mostrato in figura 2.1.1: Fig : Codificatore da 4 (ingressi) a 2 (uscite) con tabella della verità Dalla tabella della verità è facile risalire alle mappe di Karnaugh e alle funzioni logiche minimizzate: Fig : Mappe di Karnaugh del codificatore da 4 a 2 e relative funzioni logiche minimizzate N.B.: le funzioni di uscita sono la somma logica delle variabili d ingresso che valgono 1 in corrispondenza degli 1 di uscita nella tabella di verità. Per la sintesi di questo codificatore si può utilizzare una R.C. con due porte OR a due ingressi come mostrato in figura 2.1.3: 4

3 Fig : Realizzazione del codificatore da 4 a 2 attraverso porte logiche (R.C.) N.B.: manca l ingresso I 0, infatti per avere un uscita 00, basta che gli altri ingressi siano nulli Nella figura è rappresentata la soluzione circuitale che utilizza una matrice a 4 diodi (logica a diodi, DL Logic), in cui il livello logico di uscita alto è dato dalla chiusura degli interruttori che porta la tensione Vo (1 logico) della batteria sulla resistenza R (* ). Nel caso in cui tutti gli interruttori rimangano aperti in uscita ho due livelli logici bassi. Mentre i livelli logici alti sono garantiti dalla presenza delle due resistenze collegate a massa. N.B.: l utilizzo dell interruttore associato a I 0 è indifferente, quindi può essere anche omesso. Fig : Realizzazione attraverso matrice a 4 diodi (DL Logic) del codificatore da 4 a 2 5

4 Fig : Comportamento da interruttore di un diodo ideale 6

5 Alla luce della nota integrativa, volendo fare un esempio, si può supporre di avere I 3 = 1 e tutti gli altri ingressi nulli. In una situazione di questo tipo l unico interruttore da chiudere è il primo: Fig : Comportamento di una matrice a 4 diodi (DL Logic) con ingresso I 3 =1 In questo modo la colonna 3 si porta ad un valore alto di tensione (1 logico), conseguentemente gli anodi dei primi due diodi si trova ad un valore alto di tensione e questi risultano essere polarizzati direttamente. Quindi, risultando essere dei cortocircuiti, anche le due righe si portano ad un potenziale alto (1 logico) con conseguente apertura dei restanti diodi che si trovano polarizzati inversamente. 7

6 2.2 CODIFICATORE DA 8 A 3 Supponendo di avere otto linee di ingresso che devono essere convertite su tre uscite in modo tale da rappresentare le combinazioni 000, 001, 010, 111, c è bisogno di un dispositivo che prende il nome di codificatore da 8 a 3 mostrato in figura 2.2.1: Fig : Codificatore da 8 (ingressi) a 3 (uscite) con tabella della verità Per realizzare la sintesi logica di questo codificatore non conviene utilizzare le mappe di Karnaugh, essendo queste di dimensioni troppo elevate ( 8 variabili d ingresso), ma conviene rifarsi alla regola enunciata nel N.B. del codificatore da 4 a 2 e cioè che: le funzioni di uscita sono la somma logica delle variabili d ingresso che valgono 1 in corrispondenza degli 1 di uscita nella tabella di verità. Conseguentemente: b + 0 = I1 + I3 + I5 I 7 1 = I 2 + I3 + I 6 I 7 2 = I 4 + I5 + I 6 I 7 b + b + La realizzare la sintesi logica della rete combinatoria (R.C.) bisogna utilizzare perciò tre porte OR a quattro ingressi come mostrato in fig.2.2.2: 8

7 Fig : Realizzazione attraverso porte logiche del codificatore da 8 a 3 Anche in questo caso il codificatore può essere realizzato elettricamente con la logica DL utilizzando una matrice a 12 diodi, dove valgono le stesse considerazioni fatte nel caso precedente: Fig : Realizzazione attraverso matrice a diodi (DL Logic) del codificatore da 8 a 3 9

8 2.3 CODIFICATORE CON PRIORITÀ Tra i vari codificatori, riveste una particolare importanza il tipo con priorità (Priorità Encoder). Si tratta di un dispositivo in cui sono presenti nove linee d ingresso ed avente in uscita, su quattro linee, codificato in codice binario, il valore corrispondente all ingresso selezionato. Un classico esempio è il codificatore della calcolatrice (già accennato nell introduzione) che ha il compito di tradurre un ingresso decimale in un numero BCD (8421). Lo schema a blocchi per un codificatore commerciale da decimale a BCD è mostrato in figura 2.3.1: Fig : Codificatore da decimale a BCD con indicatori di output Tale dispositivo è a logica TTL ed è chiamato codificatore I circoletti agli ingressi e alle uscite indicano che gli ingressi e le uscite rispettivamente sono attivate da 0 logici, o livelli BASSI. Al circuito sono stati applicati quattro INVERTITORI per ripristinare l uscita alla sua forma più consueta (indicatori attivati da 1 logici). Un altra caratteristica particolare del codificatore è che non c è l ingresso 0, coerentemente anche con i casi visti in precedenza (infatti per uno 0 decimale tutti gli ingressi risultano disabilitati conseguentemente in corrispondenza vi è una uscita 1111 e attraverso i quattro invertitori viene visualizzata sull indicatore una uscita 0000, il che accade quando ciascuno degli ingressi non è collegato a nulla, basta anche osservare la prima riga della tabella di figura 2.3.2). Inoltre nella figura si ipotizza di attivare solo l ingresso corrispondente al 7 decimale (0 logico), a cui segue l uscita BCD 1000 (come si può anche notare dalla tabella di figura in cui è stata evidenziata in rosso la riga corrispondente all ingresso 7 ), che attraverso i quattro invertitori viene visualizzata sull indicatore come uscita

9 Input decimale Output BCD b 3 b 2 b 1 b X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X= IRRILEVANTE (STATO DI INDIFFERENZA) Fig : Tavola della verità del codificatore da decimale a BCD Dalla seconda riga in poi della tavola della verità compaiono degli ingressi segnati con delle X= STATI DI INDIFFERENZA in cui l encoder rimane indifferente sia allo stato logico alto che basso. Questo particolare encoder ha infatti una caratteristica di priorità che attiva solo il numero più alto che ha un ingresso BASSO. Ad esempio, se nella seconda riga compaiono contemporaneamente due o logici nella posizione 5 e 9, il codificatore attiva solo l uscita corrispondente al numero decimale più alto. Per realizzare la sintesi logica del codificatore 74147, anche in questo caso non conviene utilizzare le mappe di Karnaugh ma rifarsi alla solita regola che le funzioni di uscita sono la somma logica delle variabili d ingresso che valgono 1 in corrispondenza degli 1 di uscita nella tabella di verità. Da cui segue lo schema logico di figura dove 30 porte logiche compongono il singolo IC TTL (come fornito dalla Texas Instruments) 11

10 Fig : Schema logico del codificatore a priorità IC TTL da decimale a BCD (8421) PROBLEMA Elencare le uscite agli indicatori BCD per ciascuno degli 8 impulsi mostrati in figura (tenendo sempre presente la caratteristica di priorità del particolare integrato che attiva il numero più alto che ha un ingresso BASSO). Fig : Codifica da decimale a BCD di treni di impulsi con visualizzazioni attraverso indicatori di output 12

11 Risoluzione Gli indicatori mostreranno le seguenti uscite BCD: impulso a : 0000; impulso b : 0111; impulso c : 0001; impulso d : 1001; impulso e : 0111; impulso f : 0101; impulso g : 0011; impulso h : DECODIFICATORE I decodificatori (decoder) sono circuiti combinatori che possono essere pensati come l opposto di un codificatore, infatti convertono un codice di ingresso in una opportuna variabile di uscita, oppure in un altro codice. 3.1 DECODIFICATORE BCD-GRAY Supponendo di avere quattro linee d ingresso in codice BCD che devono essere convertite su quattro uscite in codice Gray, c è bisogno di un dispositivo che prende il nome di decodificatore BCD GRAY mostrato in figura 3.1.1: Fig : Decodificatore da codice BCD (4 ingressi) a codice Gray (4 uscite) 13

12 Per realizzare un circuito logico (R.C.) di questo tipo è necessario innanzitutto analizzare la tabella di conversione tra i due codici in questione come rappresentato in figura 3.1.2: N d Input BCD Output GRAY b 3 b 2 b 1 b 0 f 3 f 2 f 1 f O Fig : Tabella di conversione tra codice BCD (4 ingressi) a codice Gray (4 uscite) A questo punto si devono eseguite separatamente 4 Mappe di Karnaugh per minimizzare le funzioni logiche f 0, f 1, f 2, f 3 di uscita. 14

13 Fig : Mappe di Karnaugh del decodificatore da BCD a Gray e relative funzioni logiche minimizzate Ora è possibile realizzare la rete combinatoria che permette la conversione da Codice BCD a Gray utilizzando due porte EX-OR ed una OR come mostrato in figura Fig : Rete combinatoria del codificatore da BCD a Gray 3.2 DECODIFICATORE DA BCD A DECIMALE Un altro tipo di decodifica di largo utilizzo è quella che converte il codice BCD in decimale (BCD to Decimal Decoder), essa viene anche chiamata decodifica da 1 a 10 (one to ten Decoder) Fig : Codificatore TTL 7442 da decimale a BCD con indicatori di output 15

14 Questo dispositivo è in grado di abilitare una singola uscita decimale in corrispondenza del numero BCD impostato in ingresso. Uno schema a blocchi di un decodificatore commerciale IC TTL 7442 lo si può apprezzare in figura 3.2.1, in cui si suppone di abilitare solo gli ingressi B e C con valori logici ALTI o 1 logico (N.B.: in ingresso non ho i cerchietti che invece avevo nell encoder trattato precedentemente) e di avere conseguentemente in uscita solo l attivazione del 6 attraverso l accensione dell indicatore 6. I circoletti alle uscite indicano che le uscite sono attivate da 0 logici, o livelli BASSI conseguentemente al circuito sono stati applicati 10 INVERTITORI per ripristinare l uscita alla sua forma più consueta (uscita attivata da 1 logici o da livelli logici ALTI). La tavola di verità per tale codificatore è riportata in figura ed anche qui si può notare che (riga evidenziata in rosso) abilitando solo gli ingressi B e C con valori logici ALTI o 1 logico si ha in uscita un valore logico basso solo in corrispondenza dell indicatore 6 determinandone l accensione. N d Input BCD Output decimale b 3 b 2 b 1 b O Fig : Tabella della verità del decodificatore da BCD a decimale Lo schema logico del decodificatore commerciale IC TTL 7442 è mostrata in figura assieme alla sua piedinatura in figura Dallo schema logico si può facilmente verificare che all ingresso 0110 corrisponde una uscita a livello logico basso solo in corrispondenza dell indicatore 6 (N.B.: l uscita 6 è attivata solo per valori logici bassi ed è per questo che tutte le uscite sono riportate la negazione ). 16

15 Fig : Lo schema logico del decodificatore commerciale IC TTL 7442 da BCD a decimale La realizzazione circuitale di tale decodificatore è ottenuta utilizzando 10 porte NAND, tante quante sono le righe della tabella di verità di fig Ognuna delle suddette porte ha quattro ingressi, uno per ogni ingresso BCD, negando solo quegli ingressi a livello logico basso che si hanno sulla riga corrispondente della tabella di verità (Es.:per il 6 devo negare b 3 e b 0 ). In questo modo ogni porta NAND è abilitata una sola volta, in corrispondenza della combinazione d ingresso BCD. Si tratta perciò di una decodifica totale, di cui è peraltro inutile realizzare le Mappe di Karnaugh per la ricerca delle singole funzioni. In figura si può apprezzare la piedinatura (pin out) del circuito integrato che realizza suddetto circuito logico. Fig : Piedinatura del IC TTL

16 3.3 DECODIFICATORE DA BCD A CODICE A 7 SEGMENTI Nelle apparecchiature elettroniche è spesso necessario visualizzare dati ed informazioni sotto forma di caratteri numerici ed alfanumerici. I metodi più impiegati sono quelli che utilizzano come elementi optoelettronici Display LED e visualizzatori a cristalli liquidi di LCD DISPLAY LED I Display a sette segmenti sono costituiti da barrette (segmenti) in ognuna delle quali si trovano due diodi LED (figura ) in serie drogati con arsenurio di gallio (GaAs); questi funzionano come i diodi p-n con in più la proprietà di emettere energia luminosa sotto forma di una caratteristica luce rossastra su sfondo nero (figura ), quando risultano polarizzati direttamente. Fig : diodo LED in polarizzazione diretta Fig : Visualizzatori modulari a LED a 7 segmenti in commercio I sette segmenti sono inoltre disposti geometricamente nello stesso contenitore (vedi figura ) in modo da poter formare, opportunamente selezionati, le dieci cifre decimali e le lettere dell alfabeto A, b, C, d, E, F rappresentando così la numerazione esadecimale, come mostrato in figura , dove, ad esempio, per visualizzare sul display il 7 si devono abilitare le linee a, b e c con livelli logici BASSI (0 logico). 18

17 Fig : Struttura di un Display a 7 segmenti e rappresentazione dei caratteri esadecimale attraverso lo stesso Display Logicamente per abilitare gli ingressi del Display c è bisogno a monte di un decodificatore da BCD a 7 segmenti DECODIFICA BCD-7 SEGMENTI La decodifica BCD-7 segmenti si ottiene esaminando la tabella di figura in cui appare la corrispondenza tra i numeri decimali da 0 a 9 e le funzioni di uscita, nell ipotesi che le uscite abilitino l accensione dei corrispondenti LED allo stato logico BASSO. Input BCD Output 7segmenti b 3 b 2 b 1 b 0 a b c d e f g Fig : Tabella della verità del decodificatore da BCD a 7 segmenti N d 19

18 A questo punto si devono eseguite separatamente 7 Mappe di Karnaugh tante quante sono le uscite per minimizzare le funzioni logiche a, b, c, d, e, f e g. Fig : Mappe di Karnaugh del decodificatore BCD -7 segmenti e relative funzioni logiche minimizzate Una volta minimizzate le funzioni logiche su può passare alla costruzione della rete combinatoria che esegue tali operazioni (da far svolgere agli alunni in classe). 20

19 3.3.3 CIRCUITO INTEGRATO Esistono in commercio integrati che implementano direttamente la decodifica BCD- 7segmenti. I segmenti, a coppie di diodi, che costituiscono il Display, possono essere collegati tra di loro in due diversi modi: anodo comune catodo comune Nel primo caso l anodo è sempre collegato ad una batteria di 5V quindi per condurre, e conseguentemente accendersi, deve necessariamente avere un livello logico basso sul catodo, mentre nel secondo caso avviene esattamente il contrario. Per avere le idee più chiare basta osservare l esempio di figura in cui si ipotizza di volere rappresentare in uscita il numero 3. Fig : Display 7 segmenti ad anodo e catodo comune in cui si ipotizza di voler visualizzare il numero 3 Ogni Display è inoltre provvisto del punto decimale (Decimal Point), ottenuto con un altro LED, questo per l eventuale visualizzazione di numeri non interi, oppure per variare il fondo scala di lettura. La decodifica BCD-7 segmenti deve fornire per ogni configurazione di ingresso, l abilitazione dei segmenti relativi alla combinazione numerica di uscita. Dalle caratteristiche elettriche si sa che la corrente tipica di ogni segmento è circa: I typ = 10mA per segmento il Display deve essere quindi preceduto da un circuito di pilotaggio (Driver), che fornisca la corrente opportuna evitando che il LED si bruci. Un tipico circuito di pilotaggio è il TRANSISTOR che attraverso il pilotaggio della Base può funzionare in due modi come mostrato in figura

20 Fig : segmento ad anodo comune pilotato da un transistor (BJT) In figura, in particolare, è mostrato come un singolo segmento ad anodo comune può essere pilotato attraverso un BJT, infatti per far accendere il LED è necessario mandare un livello logico ALTO di tensione alla base in modo tale che il catodo vada a massa (GND = livello logico basso) con conseguente polarizzazione del LED stesso (attivazione per livelli logici bassi). In serie ad ogni segmento è prevista una resistenza di equalizzazione, sia come protezione al LED stesso, sia per equilibrare le correnti circolanti garantendo l uniformità dell intensità luminosità del Display. In figura si può apprezzare la piedinatura (pin out) del circuito integrato che realizza la decodifica BCD-7 segmenti. Questo tipo di integrato oltre ad avere i soliti ingressi ed uscite possiede tre ingressi di controllo abilitati BASSI utilizzati per la visualizzazione a più cifre: LT: ingresso di controllo simultaneo dei 7 segmenti, viene utilizzato quando si desidera verificare il funzionamento di tutti i segmenti del display RBI: ingresso che, associato allo stato basso di RBO, è utilizzato per inibire l accensione del display se tutti gli ingressi sono nulli contemporaneamente. Fig : Piedinatura e schema funzionale del IC TTL SN

21 RBO: uscita che assume livello logico BASSO (quindi si attiva) quando sono bassi RBI ed i 7 bit di ingresso; inoltre a livello basso questo terminale spegne tutti i segmenti del display di appartenenza e il livello logico basso viene trasmesso al display a valle attraverso RBI dello stesso. In figura si può vedere come si ottiene, con il circuito di Ripple Blanking attivato, la cancellazione degli zeri prima della cifra visualizzata più significativa. Fig : Schema di visualizzazione a più cifre con spegnimenti degli zeri non significativi Se la cifra più significativa (MSD) è 0, questa viene visualizzata e RBO assume livello logico ALTO abilitando il funzionamento normale del display successivo (infatti RBI del display a valle è anch esso a livello logico alto); Se la cifra più significativa (MSD) è = 0, essendo contemporaneamente abilitato RBI (che è messo a terra), si ha un RBO = 0 e di conseguenza il display si spegne e viene trasmesso un livello basso al RBI del display successivo, e così via. 23

22 3.3.4 DISPLAY LCD i Display a cristalli liquidi LCD (Liquid Cristal Display) per il loro basso consumo, la robustezza e l economicità, trovano largo impiego nelle apparecchiature elettroniche, come elementi visualizzatori in alternativa a quelli LED visti in precedenza. I principali vantaggi dei display a cristalli liquidi sono il loro ridottissimo consumo di potenza e la loro lunga durata. Il principale svantaggio è costituito invece dall alto tempo di commutazione (da acceso a spento). Il principio di funzionamento si basa sulle proprietà chimico-fisiche presentate da un cristallo liquido nematico (twisted nematic) le cui molecole risultano otticamente attive. I Display di tipo più comune sfruttano il fenomeno della diffusione luminosa; in pratica il cristallo liquido è posto tra due lastre di vetro distanziate di circa 10 µm, su cui sono serigrafati degli elettrodi trasparenti che formano i segmenti del carattere da visualizzare, come si può notare dalla figura La struttura ottica del cristallo viene alterata dall applicazione di un campo elettrico impulsivo, precisamente: in presenza di tensione le molecole del cristallo si orientano normalmente alle lastre del vetro ed il segmento del Display, ad esempio appare scuro se lo schermo posteriore è chiaro; in assenza di tensione non avviene alcun orientamento delle molecole ed i segmenti non essendo evidenziati risultano trasparenti. Fig : LCD ad effetto di campo e polarizzazione del fluido nematico 24

23 E anche possibile con opportuni schermi polarizzatori visualizzare i segmenti chiari su fondo scuro. Secondo il tipo di illuminazione presente, i Display LCD si distinguono in: riflettivi; lo schermo posteriore riflette la luce incidente dell ambiente, per cui non è possibile utilizzarlo al buio; trasmessivi; lo schermo posteriore è illuminato dal retro da una sorgente luminosa permettendo così la lettura del Display anche in ambienti privi di luce; transflettivi; in questo caso la luce ambiente viene nella maggior parte riflessa mentre la luce trasmessa dal retro arriva all osservatore smorzata dallo schermo polarizzante. Il vantaggio è quello di poter illuminare il Dispay sia sul fronte che sul retro. I Display LCD, a differenza di quelli LED, non si trovano normalmente in commercio con singole cifre o caratteri, ma vengono già assemblati in gruppo. A titolo di esempio in figura è disegnato un Display a quattro cifre, di cui la più significativa assume il solo valore 1, completo di punti luminosi e di un +. Fig : LCD ad 3 ½ digit Questo dispositivo a 3 ½ digit è particolarmente adatto come indicatore per voltmetri e amperometri digitali, nonché per orologi con ore-minuti. Per il pilotaggio degli LCD si può ricorrere sia ad un sistema di decodifiche che abilitino separatamente ogni segmento in modo del tutto analogo a quello visto in precedenza per i LED, sia, nei casi di un numero elevato di caratteri, ad un sistema multiplexato che presenta l indubbio vantaggio di un numero minore di integrati con un consumo decisamente ridotto. 25

ENCODER. Fig. 1. attivi C B A. APPUNTI DI ELETTRONICA ENCODER DECODER rel. 01/06 Prof. Domenico Di Stefano pag. 19

ENCODER. Fig. 1. attivi C B A. APPUNTI DI ELETTRONICA ENCODER DECODER rel. 01/06 Prof. Domenico Di Stefano pag. 19 ENCODER Gli encoder (codificatori) sono dispositivi elettronici che trasformano una informazione non binaria ( ottale, decimale, codice gray, ecc.) in un codice binario. Ad esempio l encoder di Fig. 1

Dettagli

ESERCITAZIONI PRATICHE: Ø Creazione di un decoder BCD/DEC con porte logiche. Ø Esercitazione con decoder 4511 e display 7 segmenti.

ESERCITAZIONI PRATICHE: Ø Creazione di un decoder BCD/DEC con porte logiche. Ø Esercitazione con decoder 4511 e display 7 segmenti. BCD 7 SEGMENTI Il display BCD 7 segmenti è un visualizzatore di numeri che possono andare da zero a nove, ed è un dispositivo optoelettrico, cioè fornisce luce all applicazione di tensione ai suoi capi.

Dettagli

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi:

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi: Modulo 8 Elettronica Digitale Contenuti: Introduzione Sistemi di numerazione posizionali Sistema binario Porte logiche fondamentali Porte logiche universali Metodo della forma canonica della somma per

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO E L E T T R O N I C A Anno Scolastico 2014/2015 Classe III Ae Prof. Boldrini Renato Prof. Procopio Sostene

PROGRAMMA SVOLTO E L E T T R O N I C A Anno Scolastico 2014/2015 Classe III Ae Prof. Boldrini Renato Prof. Procopio Sostene PROGRAMMA SVOLTO E L E T T R O N I C A Anno Scolastico 2014/2015 Classe III Ae Prof. Boldrini Renato Prof. Procopio Sostene LIBRI DI TESTO: Autore: Conte/Ceserani/Impallomeni Titolo: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA

Dettagli

Cenni di logica & algebra booleana

Cenni di logica & algebra booleana Cenni di algebra booleana e dei sistemi di numerazione Dr. Carlo Sansotta - 25 2 Parte Cenni di logica & algebra booleana 3 introduzione L elaboratore elettronico funziona secondo una logica a 2 stati:

Dettagli

Corso di Elettronica PROGETTAZONE E REALIZZAZIONE DI CIRCUITI ELETTRICI ED ELETTORONICI

Corso di Elettronica PROGETTAZONE E REALIZZAZIONE DI CIRCUITI ELETTRICI ED ELETTORONICI Corso di Elettronica PROGETTAZONE E REALIZZAZIONE DI CIRCUITI ELETTRICI ED ELETTORONICI DOCENTE: PROF. GIUSEPPE NATALE 4 Lezione Scopo: visualizzare su un display a 7 segmenti, mediante un integrato contatore

Dettagli

Misure di frequenza e di tempo

Misure di frequenza e di tempo Misure di frequenza e di tempo - 1 Misure di frequenza e di tempo 1 - Contatori universali Schemi e circuiti di riferimento Per la misura di frequenza e di intervalli di tempo vengono diffusamente impiegati

Dettagli

Comprendere il funzionamento dei convertitori V/f Saper effettuare misure di collaudo

Comprendere il funzionamento dei convertitori V/f Saper effettuare misure di collaudo SCH 33 Voltmetro a 3 digit Obiettivi Comprendere il funzionamento dei convertitori V/f Saper effettuare misure di collaudo IC1 = CA 3162 A/D converter for 3-Digit Display IC2 = CA 3161 BCD to seven segment

Dettagli

CAPITOLO 1 CIRCUITI COMBINATORI

CAPITOLO 1 CIRCUITI COMBINATORI 1 CAPITOLO 1 CIRCUITI COMBINATORI Con questo capitolo iniziamo lo studio dell elettronica digitale, partendo dalle porte logiche che costituiscono i circuiti digitali più elementari. In altre parole, un

Dettagli

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA Risposta al quesito a Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA (A CURA DEL PROF. Giuseppe SPALIERNO docente di Elettronica

Dettagli

I Sistemi di numerazione e la rappresentazione dei dati

I Sistemi di numerazione e la rappresentazione dei dati I Sistemi di numerazione e la rappresentazione dei dati LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI (1) Per utilizzare un computer è necessario rappresentare in qualche modo le informazioni da elaborare e il

Dettagli

Utilizzo I mintermini si usano quando si considererà la funzione di uscita Q come Somma di Prodotti (S. P.) ossia OR di AND.

Utilizzo I mintermini si usano quando si considererà la funzione di uscita Q come Somma di Prodotti (S. P.) ossia OR di AND. IPSI G. Plana Via Parenzo 46, Torino efinizione di Mintermine onsiderata una qualunque riga della tabella di verità in cui la funzione booleana di uscita Q vale, si definisce mintermine il prodotto logico

Dettagli

Università degli studi di Lecce

Università degli studi di Lecce Università degli studi di Lecce Tesina di elettronica 2 Studente: Distante Carmelo Facoltà: Ingegneria Informatica teledidattica Generatore di Numeri casuali Anno Accademico 2002/2003 Generatore di numeri

Dettagli

APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE

APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE ITIS MARCONI-GORGONZOLA docente :dott.ing. Paolo Beghelli pag.1/24 Indice 1.ELETTRONICA DIGITALE 4 1.1 Generalità 4 1.2 Sistema di numerazione binario 4 1.3 Operazioni con

Dettagli

Reti combinatorie: Codificatori

Reti combinatorie: Codificatori Reti combinatorie: Codificatori P. Marincola (Rev..2) Come si ricorderà, i decodificatori hanno essenzialmente il compito di convertire un codice binario a n bit in un codice -su-m, dovem =2 n. In molte

Dettagli

CORSO DI CALCOLATORI ELETTRONICI I CdL Ingegneria Biomedica (A-I)

CORSO DI CALCOLATORI ELETTRONICI I CdL Ingegneria Biomedica (A-I) CORSO DI CALCOLATORI ELETTRONICI I CdL Ingegneria Biomedica (A-I) DIS - Università degli Studi di Napoli Federico II Codifica delle Informazioni T insieme delle informazioni da rappresentare E insieme

Dettagli

Classe III specializzazione elettronica. Elettrotecnica e elettronica

Classe III specializzazione elettronica. Elettrotecnica e elettronica Classe III specializzazione elettronica Elettrotecnica e elettronica Macro unità n 1 Sistema binario e porte logiche Sistema di numerazione binario: conversioni binario-decimale e decimale-binario Porte

Dettagli

1. Operazioni in logica binaria e porte logiche

1. Operazioni in logica binaria e porte logiche 1. Operazioni in logica binaria e porte logiche Espressione di un numero in base 10 (notare a pedice p.es del numero 21); 21 10 =210 1 +110 0 527,98 10 =5 10 2 +2 10 1 +7 10 0 +9 10 1 +8 10 2 407,563 10

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Codifica dell informazione (parte 1) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente:

Dettagli

Cap. 3 Reti combinatorie: analisi e sintesi operatori logici e porte logiche

Cap. 3 Reti combinatorie: analisi e sintesi operatori logici e porte logiche Cap. 3 Reti combinatorie: analisi e sintesi operatori logici e porte logiche 3.1 LE PORTE LOGICHE E GLI OPERATORI ELEMENTARI 3.2 COMPORTAMENTO A REGIME E IN TRANSITORIO DEI CIRCUITI COMBINATORI I nuovi

Dettagli

ELETTRONICA DIGITALE PRATICA V

ELETTRONICA DIGITALE PRATICA V Roberto Berardi (Robert8) ELETTRONICA DIGITALE PRATICA V COMPARATOR & 7 SEGMENT DISPLAY 26 July 2012 Introduzione Oggi ci divertiamo con qualche esperimento col comparatore digitale 74LS85. Potrebbe sempre

Dettagli

CODIFICA BINARIA. ... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità.

CODIFICA BINARIA. ... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità. I METODI DI NUMERAZIONE I numeri naturali... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità. Il numero dei simboli usati per valutare la numerosità costituisce la base

Dettagli

Le Mappe di Karnaugh.

Le Mappe di Karnaugh. Le Mappe di Karnaugh. Introduzione Le mappe di Karnaugh rappresentano un metodo grafico-sistematico per la semplificazione di qualsiasi funzione booleana. Questo metodo si basa su poche regole e se applicate

Dettagli

"Elettronica di Millman 4/ed" Jacob Millman, Arvin Grabel, Pierangelo Terreni Copyright 2008 The McGraw-Hill Companies srl. 16 to 1 MUX.

Elettronica di Millman 4/ed Jacob Millman, Arvin Grabel, Pierangelo Terreni Copyright 2008 The McGraw-Hill Companies srl. 16 to 1 MUX. Copyright 008 The McGraw-Hill Companies srl Esercizi Cap 6 6 Disegnare lo schema a blocchi di una OM 04 x 4 bit con un indirizzamento bidimensionale a) Quante porte NAND sono necessarie? b) Quanti transistori

Dettagli

L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI

L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI Scienza ed industria hanno oggi costituito legami molto forti di collaborazione che hanno portato innovazione tecnologica sia a livello organizzativo-amministrativo

Dettagli

Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013

Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013 Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013 In questo documento vengono illustrate brevemente le operazioni aritmetiche salienti e quelle logiche ad esse strettamente collegate.

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano Breve introduzione storica Nel 1854, il prof. Boole pubblica un trattato ormai famosissimo: Le leggi del pensiero. Obiettivo finale del trattato è di far nascere la matematica dell intelletto umano, un

Dettagli

Prot. n. 2882/C27 Gazzaniga, 28/04/2012. Gara nazionale di elettronica 2012. Prova scritta

Prot. n. 2882/C27 Gazzaniga, 28/04/2012. Gara nazionale di elettronica 2012. Prova scritta 1 Prot. n. 2882/C27 Gazzaniga, 28/04/2012 Gara nazionale di elettronica 2012 Descrizione generale Prova scritta figura. Si vuole realizzare un gioco elettronico ispirato al tiro al bersaglio, come indicato

Dettagli

Esercitazione di Calcolatori Elettronici Ing. Battista Biggio. Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica. Esercitazione 1 (Capitolo 2) Reti Logiche

Esercitazione di Calcolatori Elettronici Ing. Battista Biggio. Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica. Esercitazione 1 (Capitolo 2) Reti Logiche Esercitazione di Calcolatori Elettronici Ing. Battista Biggio Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Esercitazione 1 (Capitolo 2) Reti Logiche Sommario Mappe di Karnaugh Analisi e sintesi di reti combinatorie

Dettagli

x y z F x y z F 0 0 0 1 1 0 0 1 0 0 1 0 1 0 1 0 0 1 0 1 1 1 0 1 0 1 1 0 1 1 1 1 F = x z + y z + yz + xyz G = wyz + vw z + vwy + vwz + v w y z Sommario

x y z F x y z F 0 0 0 1 1 0 0 1 0 0 1 0 1 0 1 0 0 1 0 1 1 1 0 1 0 1 1 0 1 1 1 1 F = x z + y z + yz + xyz G = wyz + vw z + vwy + vwz + v w y z Sommario Esercitazione di Calcolatori Elettronici Prof. Gian Luca Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Sommario Mappe di Karnaugh Analisi e sintesi di reti combinatorie Analisi e sintesi di reti sequenziali

Dettagli

Variabili logiche e circuiti combinatori

Variabili logiche e circuiti combinatori Variabili logiche e circuiti combinatori Si definisce variabile logica binaria una variabile che può assumere solo due valori a cui si fa corrispondere, convenzionalmente, lo stato logico 0 e lo stato

Dettagli

Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014. Tracking ADC. M. De Vincenzi

Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014. Tracking ADC. M. De Vincenzi Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014 Tracking ADC M. De Vincenzi 1 Introduzione La digitalizzazione di segnali analogici si realizza tramite dispositivi che vengono detti ADC (acronimo per Analog

Dettagli

LABORATORIO DI ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI lezione n 2. http://digilander.libero.it/rosario.cerbone

LABORATORIO DI ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI lezione n 2. http://digilander.libero.it/rosario.cerbone LABORATORIO DI ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI lezione n 2 Prof. Rosario Cerbone rosario.cerbone@libero.it http://digilander.libero.it/rosario.cerbone a.a. 2007-2008 Logica Combinatoria una rete combinatoria

Dettagli

Logica combinatoria. La logica digitale

Logica combinatoria. La logica digitale Logica combinatoria La logica digitale La macchina è formata da porte logiche Ogni porta riceve in ingresso dei segnali binari (cioè segnali che possono essere 0 o 1) e calcola una semplice funzione (ND,

Dettagli

La codifica dell informazione

La codifica dell informazione La codifica dell informazione Parte I Sui testi di approfondimento: leggere dal Cap. del testo C (Console, Ribaudo):.,. fino a pg.6 La codifica delle informazioni Un calcolatore memorizza ed elabora informazioni

Dettagli

Verificare il funzionamento delle memorie RAM Saper effettuare misure di collaudo. Dip switch Pulsante n.a. Octal tri-state buffer IC2 = MM 2114

Verificare il funzionamento delle memorie RAM Saper effettuare misure di collaudo. Dip switch Pulsante n.a. Octal tri-state buffer IC2 = MM 2114 SCH 31 Scrittura/lettura RAM Obiettivi Strumenti e componenti Verificare il funzionamento delle memorie RAM Saper effettuare misure di collaudo S1 S5 P1 IC1 = 74LS244 Dip switch Pulsante n.a. Octal tri-state

Dettagli

Logica binaria. Porte logiche.

Logica binaria. Porte logiche. Logica binaria Porte logiche. Le porte logiche sono gli elementi fondamentali su cui si basa tutta la logica binaria dei calcolatori. Ricevono in input uno, due (o anche più) segnali binari in input, e

Dettagli

A.S. 2015/16 CLASSE 3 AEE MATERIA: ELETTRONICA/ELETTROTECNICA UNITA DI APPRENDIMENTO 1: SICUREZZA ELETTRICA

A.S. 2015/16 CLASSE 3 AEE MATERIA: ELETTRONICA/ELETTROTECNICA UNITA DI APPRENDIMENTO 1: SICUREZZA ELETTRICA A.S. 2015/16 CLASSE 3 AEE MATERIA: ELETTRONICA/ELETTROTECNICA UNITA DI APPRENDIMENTO 1: SICUREZZA ELETTRICA Essere consapevole dei rischi e dei pericoli legati all utilizzo della corrente elettrica. Valutazione

Dettagli

I trasduttori differenziali.

I trasduttori differenziali. I trasduttori differenziali. I trasduttori differenziali sono dei dispositivi che consentono di convertire uno spostamento meccanico in un segnale elettrico. Sono utilizzati anche per piccoli spostamenti

Dettagli

SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI

SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI Il Sistema di Numerazione Decimale Il sistema decimale o sistema di numerazione a base dieci usa dieci cifre, dette cifre decimali, da O a 9. Il sistema decimale è un sistema

Dettagli

LED DISPLAY TUTORIAL

LED DISPLAY TUTORIAL 1 di 12 14/05/2015 09:26 home area personale schemi tutorial robotica pic micro recensioni forum chat irc faq contatti store miciotta62 - ultimo accesso il 05/05/2015, 09:26 non hai nuovi messaggi cerca

Dettagli

Elementi di Informatica. ( Lezione II, parte I ) Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale

Elementi di Informatica. ( Lezione II, parte I ) Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale Elementi di Informatica ( Lezione II, parte I ) Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale Il sistema di numerazione posizionale decimale Nella numerazione posizionale ogni cifra del numero

Dettagli

Codifica binaria e algebra di Boole

Codifica binaria e algebra di Boole Codifica binaria e algebra di Boole Corso di Programmazione A.A. 2008/09 G. Cibinetto Contenuti della lezione Codifica binaria dell informazione Numeri naturali, interi, frazionari, in virgola mobile Base

Dettagli

Encoder 1.60. Encoder 1 su 15. Descrizione. Codifica filo per piano max. 15 piani + 2 frecce + segnale di movimento

Encoder 1.60. Encoder 1 su 15. Descrizione. Codifica filo per piano max. 15 piani + 2 frecce + segnale di movimento Displays ACCESSORI DISPLAY Encoder Encoder 1 su 1 Il dispositivo Encoder è necessario per una codifica 1 filo per piano con display concepiti per codice binario. Il dispositivo Encoder converte i segnali

Dettagli

Il PLC per tutti PRATICA

Il PLC per tutti PRATICA Settima parte: Settembre 2007 I Relays e la gestione dei dati Ottava parte: Ottobre 2007 Utilizzare il modulo Led a 7 segmenti giganti Nona parte: Novembre 2007 Applicazioni con i display a 7 segmenti

Dettagli

A L'operatore NOT si scrive con una linea sopra la lettera indicante la variabile logica A ; 0 1 1 0. NOT di A =

A L'operatore NOT si scrive con una linea sopra la lettera indicante la variabile logica A ; 0 1 1 0. NOT di A = ALGEBRA DI BOOLE L'algebra di Boole è un insieme di regole matematiche; per rappresentare queste regole si utilizzano variabili logiche, funzioni logiche, operatori logici. variabili logiche: si indicano

Dettagli

Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE

Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE Andrea Bobbio Anno Accademico 2000-2001 Algebra Booleana 2 Calcolatore come rete logica Il calcolatore può essere visto come una rete logica

Dettagli

Algebra booleana e circuiti logici. a cura di: Salvatore Orlando

Algebra booleana e circuiti logici. a cura di: Salvatore Orlando lgebra booleana e circuiti logici a cura di: Salvatore Orlando rch. Elab. - S. Orlando lgebra & Circuiti Elettronici I calcolatori operano con segnali elettrici con valori di potenziale discreti sono considerati

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 5ª) gennaio 05 Giorgio Carpignano I.I.S. PRIMO LEVI C.so Unione Sovietica 490 (TO) Materiale didattico: www.istitutoprimolevi.gov.it Servomotori

Dettagli

Informatica B a.a 2005/06 (Meccanici 4 squadra) PhD. Ing. Michele Folgheraiter

Informatica B a.a 2005/06 (Meccanici 4 squadra) PhD. Ing. Michele Folgheraiter Informatica B a.a 2005/06 (Meccanici 4 squadra) Scaglione: da PO a ZZZZ PhD. Ing. Michele Folgheraiter Architettura del Calcolatore Macchina di von Neumann Il calcolatore moderno è basato su un architettura

Dettagli

Appunti di Sistemi e Automazione

Appunti di Sistemi e Automazione Appunti di Sistemi e Automazione Il modello o macchina di Von Neumann rappresenta un computer con i suoi componenti principali e la sua organizzazione logico-funzionale. Tale progetto risale al 1945/1946.

Dettagli

Introduzione ai microcontrollori

Introduzione ai microcontrollori Introduzione ai microcontrollori L elettronica digitale nasce nel 1946 con il primo calcolatore elettronico digitale denominato ENIAC e composto esclusivamente di circuiti a valvole, anche se negli anni

Dettagli

Componenti combinatori

Componenti combinatori Componenti combinatori Reti combinatorie particolari (5.., 5.3-5.8, 5.) Reti logiche per operazioni aritmetiche Decoder ed encoder Multiplexer Dispositivi programmabili: PROM e PLA Reti combinatorie particolari

Dettagli

MICROCONTROLLORI COME CIRCUITI LOGICI

MICROCONTROLLORI COME CIRCUITI LOGICI Steve Blackbird (TardoFreak) MICROCONTROLLORI COME CIRCUITI LOGICI 23 September 2010 L' evoluzione tecnologica nel campo dei microcontrollori e la loro massiccia diffusione hanno determinato anche la riduzione

Dettagli

Descrizione VHDL di componenti combinatori

Descrizione VHDL di componenti combinatori Descrizione VHDL di componenti combinatori 5 giugno 2003 1 Decoder Il decoder è un componente dotato di N ingressi e 2 N uscite. Le uscite sono poste tutte a 0 tranne quella corrispondente al numero binario

Dettagli

Che cos è la barriera luminosa?

Che cos è la barriera luminosa? BARRIERA LUMINOSA Che cos è la barriera luminosa? Pezzi da contare Diodo IR o Laser (emittente) Pezzi contati Direzione del nastro trasportatore FOTODIODO (ricevitore) Direzione del nastro trasportatore

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione dell informazione negli elaboratori

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione dell informazione negli elaboratori Informazione e computer Si può rappresentare l informazione attraverso varie forme: Numeri Testi Suoni Immagini 0001010010100101010 Computer Cerchiamo di capire come tutte queste informazioni possano essere

Dettagli

Logica e codifica binaria dell informazione

Logica e codifica binaria dell informazione Politecnico di Milano Corsi di Laurea in Ingegneria Matematica e Ingegneria Fisica Dipartimento di Elettronica ed Informazione Logica e codifica binaria dell informazione Anno Accademico 2002 2003 L. Muttoni

Dettagli

Sintesi dei circuiti logici:

Sintesi dei circuiti logici: SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE INTERATENEO PER LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI DI SCUOLA SECONDARIA INDIRIZZO TECNOLOGICO Tesina finale di abilitazione in Elettronica ( A034 ) Sintesi dei circuiti logici: minimizzazione

Dettagli

ZIMO. Decoder per accessori MX81. Manuale istruzioni del. nella variante MX81/N per il formato dei dati NMRA-DCC

ZIMO. Decoder per accessori MX81. Manuale istruzioni del. nella variante MX81/N per il formato dei dati NMRA-DCC ZIMO Manuale istruzioni del Decoder per accessori MX81 nella variante MX81/N per il formato dei dati NMRA-DCC etichetta verde Sommario 1. GENERALITÀ... 3 2. CARATTERISTICHE E DATI TECNICI... 3 3. COLLEGAMENTO

Dettagli

Circuiti integrati. Circuiti integrati

Circuiti integrati. Circuiti integrati Circuiti integrati Circuiti integrati Le porte logiche non vengono prodotte isolatamente, ma sono realizzate su circuiti integrati Un circuito integrato è una piastrina di silicio (o chip), quadrata o

Dettagli

ALGEBRA BOOLEANA FONDAMENTI DI INFORMATICA 1. Algebra di Boole. Definizione NOT, AND, OR

ALGEBRA BOOLEANA FONDAMENTI DI INFORMATICA 1. Algebra di Boole. Definizione NOT, AND, OR Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica, Chimica, Elettrica e Meccanica FONDAMENTI DI INFORMATICA 1 http://www.diee.unica.it/~marcialis/fi1 A.A. 2010/2011 Docente: Gian

Dettagli

Riferimenti Bibliografici: Paolo Spirito Elettronica digitale, Mc Graw Hill Capitolo 1 Appunti e dispense del corso

Riferimenti Bibliografici: Paolo Spirito Elettronica digitale, Mc Graw Hill Capitolo 1 Appunti e dispense del corso I Circuiti digitali Riferimenti Bibliografici: Paolo Spirito Elettronica digitale, Mc Graw Hill Capitolo 1 Appunti e dispense del corso Caratteristiche dei circuiti digitali pagina 1 Elaborazione dei segnali

Dettagli

Big-wifi Descrizione e modalità d uso

Big-wifi Descrizione e modalità d uso TELECONTROLLO VIA RETE BIG-WIFI Big-wifi Descrizione e modalità d uso Rev.1509-1 - Pag.1 di 10 www.carrideo.it INDICE 1. IL TELECONTROLLO BIG-WIFI... 3 1.1. DESCRIZIONE GENERALE... 3 1.1.1. Uscite open-collector...

Dettagli

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase.

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase. Come nel caso dei convertitori c.c.-c.c., la presenza di un carico attivo non modifica il comportamento del convertitore se questo continua a funzionare con conduzione continua. Nei convertitori trifase

Dettagli

DATAPROCESS INDUSTRIA S.p.A. INDICE 1. CONFIGURAZIONE DEL VISORE 1 2. ACCENSIONE DELLO STRUMENTO 1 3. OPERAZIONI DI PESATURA 2

DATAPROCESS INDUSTRIA S.p.A. INDICE 1. CONFIGURAZIONE DEL VISORE 1 2. ACCENSIONE DELLO STRUMENTO 1 3. OPERAZIONI DI PESATURA 2 Indice INDICE 1. CONFIGURAZIONE DEL VISORE 1 2. ACCENSIONE DELLO STRUMENTO 1 3. OPERAZIONI DI PESATURA 2 3.1. PESATURA SEMPLICE 2 3.2. TARA SEMIAUTOMATICA 2 3.3. BLOCCO DELLA TARA 3 4. TASTIERA 3 5. INTERFACCIA

Dettagli

Calcolatori Elettronici A a.a. 2008/2009. RETI SEQUENZIALI: ESERCIZI Massimiliano Giacomin

Calcolatori Elettronici A a.a. 2008/2009. RETI SEQUENZIALI: ESERCIZI Massimiliano Giacomin Calcolatori Elettronici A a.a. 2008/2009 RETI SEQUENZIALI: ESERCIZI Massimiliano Giacomin 1 Esercizio 1: implementazione di contatori Un contatore è un dispositivo sequenziale che aggiorna periodicamente

Dettagli

LA NUMERAZIONE BINARIA

LA NUMERAZIONE BINARIA LA NUMERAZIONE BINARIA 5 I SISTEMI DI NUMERAZIONE Fin dalla preistoria l uomo ha avuto la necessità di fare calcoli, utilizzando svariati tipi di dispositivi: manuali (mani, bastoncini, sassi, abaco),

Dettagli

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools MANUALE D USO WEB CONTROLLI NETOOLS Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools Rev.1309 Pag.1 di - 111 - www.carrideo.it INDICE 1. I WEB CONTROLLI NETOOLS... 3 1.1. INTRODUZIONE... 3 1.2. DESCRIZIONE

Dettagli

Le memorie. Introduzione

Le memorie. Introduzione Le memorie Introduzione Una memoria è un sistema elettronico in grado di immagazzinare dati in forma binaria, per poi renderli disponibili ad ogni richiesta. Tale sistema è costituito da un insieme di

Dettagli

PICLOCK. Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica. Ivancich Stefano. Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici

PICLOCK. Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica. Ivancich Stefano. Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici PICLOCK Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica Ivancich Stefano Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici Istituto tecnico C. Zuccante Mestre A.S. 2013/2014 progetto n

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1 LATCH E FLIPFLOP. I latch ed i flipflop sono gli elementi fondamentali per la realizzazione di sistemi sequenziali. In entrambi i circuiti la temporizzazione è affidata ad un opportuno segnale di cadenza

Dettagli

IL DIODO LED Curva caratteristica del diodo: verifica sperimentale

IL DIODO LED Curva caratteristica del diodo: verifica sperimentale Laboratorio di... Scheda n. 11 - Livello: Avanzato A.S.... Classe. NOME..... DATA... Prof.... IL DIODO LED Curva caratteristica del diodo: verifica sperimentale Conoscenze - Conoscere la funzionalità del

Dettagli

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE Ing. Paolo Domenici SISTEMI A MICROPROCESSORE PREFAZIONE Il corso ha lo scopo di fornire i concetti fondamentali dei sistemi a microprocessore in modo semplice e interattivo. È costituito da una parte

Dettagli

Circuiti logici combinatori

Circuiti logici combinatori Circuiti logici combinatori - Prof. G. Acciari - M.M. Mano C.R.Kime, RETI LOGICHE IV ed, Pearson Prentice Hall Cap..,.,.6,.7,.8,.9 Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / Circuiti logici combinatori

Dettagli

Informazione analogica e digitale

Informazione analogica e digitale L informazione L informazione si può: rappresentare elaborare gestire trasmettere reperire L informatica offre la possibilità di effettuare queste operazioni in modo automatico. Informazione analogica

Dettagli

FONDAMENTI DI LOGICA DIGITALE 1 DL 3155E20 LOGICA. Blocchi funzionali. Argomenti teorici

FONDAMENTI DI LOGICA DIGITALE 1 DL 3155E20 LOGICA. Blocchi funzionali. Argomenti teorici L1 LOGICA FONDAMENTI DI LOGICA DIGITALE 1 Concetti di logica: teoremi fondamentali dell'algebra booleana Sistema binario Funzioni logiche Descrizione algebrica delle reti logiche e le tavole della verità

Dettagli

(71,1), (35,1), (17,1), (8,1), (4,0), (2,0), (1,0), (0,1) 0, 7155 2 = 1, 431 0, 431 2 = 0, 862 0, 896 2 = 1, 792 0, 724 2 = 1, 448 0, 448 2 = 0, 896

(71,1), (35,1), (17,1), (8,1), (4,0), (2,0), (1,0), (0,1) 0, 7155 2 = 1, 431 0, 431 2 = 0, 862 0, 896 2 = 1, 792 0, 724 2 = 1, 448 0, 448 2 = 0, 896 2 Esercizio 2.2 La rappresentazione esadecimale prevede 16 configurazioni corrispondenti a 4 bit. Il contenuto di una parola di 16 bit può essere rappresentato direttamente con 4 digit esadecimali, sostituendo

Dettagli

Programma svolto. Anno Scolastico 2015/16. Tecnologie e Progettazione di Sistemi Elettrici ed Elettronici

Programma svolto. Anno Scolastico 2015/16. Tecnologie e Progettazione di Sistemi Elettrici ed Elettronici I S T I T U T O T E C N I C O I N D U S T R I A L E S T A T A L E G u g l i e l m o M a r c o n i V e r o n a Programma svolto Anno Scolastico 2015/16 A.s.: 2015-16 Docenti: Natali G. Gualtieri Tecnologie

Dettagli

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Rappresentazione dell Informazione

Dettagli

Interfacciamento dei processori Quarta Parte: Le periferiche di visualizzazione a 8 bit [2 di 3]

Interfacciamento dei processori Quarta Parte: Le periferiche di visualizzazione a 8 bit [2 di 3] Interfacciamento dei processori Quarta Parte: Le periferiche di visualizzazione a 8 bit [2 di 3] PREMESSA Nella prima parte di questa serie ci siamo occupati delle interfacce d'uscita per un dato a 8 bit,

Dettagli

Daniele Marini. Dispositivi di uscita e videotecnologia

Daniele Marini. Dispositivi di uscita e videotecnologia Daniele Marini Dispositivi di uscita e videotecnologia Introduzione La tecnologia più diffusa, dopo quella Crt (Cathode Ray Tube), è oggi la Lcd (Liquid Crystal Display). Impiegata, in particolare nei

Dettagli

Generatore di forza elettromotrice f.e.m.

Generatore di forza elettromotrice f.e.m. Generatore di forza elettromotrice f.e.m. Un dispositivo che mantiene una differenza di potenziale tra una coppia di terminali batterie generatori elettrici celle solari termopile celle a combustibile

Dettagli

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati.

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati. IL PLC 1/9 Storia Il motivo per il quale nacque il PLC fu la necessità di eliminare i costi elevati per rimpiazzare i sistemi complicatissimi basati su relè. Nel anni 70 la società Beadford Associates

Dettagli

Lezione 2 OPERAZIONI ARITMETICHE E LOGICHE ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE. Lez2 Informatica Sc. Giuridiche Op. aritmetiche/logiche arch.

Lezione 2 OPERAZIONI ARITMETICHE E LOGICHE ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE. Lez2 Informatica Sc. Giuridiche Op. aritmetiche/logiche arch. Lezione 2 OPERAZIONI ARITMETICHE E LOGICHE ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE Comunicazione importante dalla prossima settimana, la lezione del venerdì si terrà: dalle 15:00 alle 17.15 in aula 311 l orario

Dettagli

Controllo apertura cancelletto con tastiera a matrice

Controllo apertura cancelletto con tastiera a matrice Premessa Controllo apertura cancelletto con tastiera a matrice Prima di cominciare vorrei specificare che presento questo mio lavoro allo scopo di dare uno spunto e/o una base di partenza a coloro i quali

Dettagli

Operatori logici e porte logiche

Operatori logici e porte logiche Operatori logici e porte logiche Operatori unari.......................................... 730 Connettivo AND........................................ 730 Connettivo OR..........................................

Dettagli

I.I.S. Primo Levi Badia Polesine A.S. 2012-2013

I.I.S. Primo Levi Badia Polesine A.S. 2012-2013 LGEBR DI BOOLE I.I.S. Primo Levi Badia Polesine.S. 2012-2013 Nel secolo scorso il matematico e filosofo irlandese Gorge Boole (1815-1864), allo scopo di procurarsi un simbolismo che gli consentisse di

Dettagli

VIW TRE CANALI LC50A RS232 - RACK

VIW TRE CANALI LC50A RS232 - RACK VIW 3 CANALI LC-50A RS232 RACK 1 PROFESSIONAL ELECTRONIC INSTRUMENTS VIW TRE CANALI LC50A RS232 - RACK VIW 3 CANALI LC-50A RS232 RACK 2 SOMMARIO 1. Descrizione dello strumento 1.1 Frontale 1.2 Retro 2.

Dettagli

IL COMPUTER APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano

IL COMPUTER APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano IL COMPUTER LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano LA TRASMISSIONE IN BINARIO I computer hanno un loro modo di rappresentare i

Dettagli

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Strumenti Digitali Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. G. Ciaschetti Fin dall antichità, l uomo ha avuto il bisogno di rappresentare le quantità in modo simbolico. Sono nati

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 3 I Discip lina: Elettrotecnica ed Elettronica PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE Elaborata e sottoscritta dai docenti: cognome

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù. Lezione n.6. Unità di controllo microprogrammata

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù. Lezione n.6. Unità di controllo microprogrammata Lezione n.6 Unità di controllo microprogrammata 1 Sommario Unità di controllo microprogrammata Ottimizzazione, per ottimizzare lo spazio di memoria occupato Il moltiplicatore binario Esempio di architettura

Dettagli

Tester per Resistenza di Terra a 4 fili Modello GRT300. Manuale d'istruzioni

Tester per Resistenza di Terra a 4 fili Modello GRT300. Manuale d'istruzioni Tester per Resistenza di Terra a 4 fili Modello GRT300 Manuale d'istruzioni Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Tester 4 per Resistenza di Terra a 4 fili della Extech. Il Modello GRT300

Dettagli

PICCOLO LABORATORIO DI ELETTRONICA

PICCOLO LABORATORIO DI ELETTRONICA PICCOLO LORTORIO DI ELETTRONIC COME SI LVOR CON I CIRCUITI INTEGRTI cura di prof. Giandomenico ntonioli Slides realizzate con la collaborazione dello studente Emidio Elisii CIRCUITO INTEGRTO (I.C.) PIN

Dettagli

Arpa Laser. Progetto per il corso di Progettazione Elettronica. Realizzato da Caracciolo Etienne, Piccoli Riccardo, Porro Gabriele

Arpa Laser. Progetto per il corso di Progettazione Elettronica. Realizzato da Caracciolo Etienne, Piccoli Riccardo, Porro Gabriele Arpa Laser Progetto per il corso di Progettazione Elettronica Realizzato da Caracciolo Etienne, Piccoli Riccardo, Porro Gabriele 09/04/2009 DESCRIZIONE DELLO STRUMENTO Il progetto consiste nella costruzione

Dettagli

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ Appunti di Elettronica Capitolo 3 Parte II Circuiti limitatori di tensione a diodi Introduzione... 1 Caratteristica di trasferimento di un circuito limitatore di tensione... 2 Osservazione... 5 Impiego

Dettagli

Ambiente di apprendimento

Ambiente di apprendimento ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA MAIO LINO, PALUMBO GAETANO 3EET Settembre novembre Saper risolvere un circuito elettrico in corrente continua, e saperne valutare i risultati. Saper applicare i teoremi dell

Dettagli