Dati strutturali. Aspetti strutturali dell industria nelle province di Lucca, Pistoia e Prato

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dati strutturali. Aspetti strutturali dell industria nelle province di Lucca, Pistoia e Prato"

Transcript

1 Dati strutturali Aspetti strutturali dell industria n. 14 Giugno 2017

2 Confindustria Toscana Nord Pistoia (sede legale), piazza Garibaldi 5 cap tel Lucca, piazza Bernardini 41 cap tel Prato, via Valentini 14 cap tel Centro studi Enrico Mongatti, responsabile Barbara Bigagli Daniele Chersi Renzo Vettori

3 Indice Le imprese... pag. 5 Il valore aggiunto... pag. 7 L occupazione nel pag. 9 L industria... pag. 15 Energia elettrica... pag. 19 Gas... pag. 21 La Cassa Integrazione Guadagni... pag. 23 Schede sintetiche delle province... pag. 27

4

5 Le imprese Nel 2014, l area delle province di Lucca Pistoia Prato (di seguito Lucca, Pistoia, Prato) conta circa imprese attive e addetti. La provincia con il maggior numero di imprese è Lucca (circa e addetti) seguita da Prato (circa e addetti) e Pistoia ( e addetti). L attività manifatturiera è molto più concentrata nella provincia di Prato, sia in termini assoluti (6.800 imprese e addetti) sia in termini relativi (24,7% del totale imprese e 40,5% del totale addetti). Il numero di imprese manifatturiere di Prato è infatti superiore a Lucca (3.300 imprese e addetti) Imprese attive, addetti e unità locali in provincia di Lucca nel 2014 Settore Economico Imprese Addetti Imprese Addetti e a Pistoia (3.100 B Estrazione di minerali da cave e miniere ,1% 0,3% e addetti). C Attività manifatturiere ,6% 25,2% In termini relativi il D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore, aria condizionata ,2% 0,1% E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione ,2% 1,5% divario si amplifica F Costruzioni ,7% 9,7% (9,6% del totale imprese G Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparaz. di autoveicoli ,6% 20,6% e 25,2% del H Trasporto e magazzinaggio ,2% 2,7% totale addetti a Lucca e 12,6% e 25,4% a I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione ,5% 11,3% J Servizi di informazione e comunicazione ,8% 1,8% K Attività finanziarie e assicurative ,1% 1,5% Pistoia). L Attività immobiliari ,3% 2,8% Il comparto delle costruzioni M Attività professionali, scientifiche e tecniche ,9% 7,4% N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto imprese ,1% 4,4% è più pre- P Istruzione ,5% 0,5% sente in provincia di Q Sanità e assistenza sociale ,0% 4,0% Lucca con imprese R Attività artistiche, sportive, intrattenimento e divertimento ,5% 2,7% S Altre attività di servizi ,8% 3,5% e ad- TOTALE LUCCA % 100% detti (13,7% del totale Asia, aggiornamento luglio 2016 imprese in termini relativi) seguito da Imprese attive, addetti e unità locali in provincia di Pistoia nel 2014 Pistoia (3.400 imprese Settore Economico Imprese Addetti Imprese Addetti e addetti, B Estrazione di minerali da cave e miniere 4 8 0,0% 0,0% 13,7% del totale imprese) e Prato (3.000 C Attività manifatturiere ,6% 25,4% D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore, aria condizionata ,1% 0,1% E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione ,2% 0,6% e addetti pari F Costruzioni ,7% 10,0% al 10,8% del totale G Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparaz. di autoveicoli ,6% 23,1% imprese). H Trasporto e magazzinaggio ,2% 3,1% I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione ,1% 8,3% J Servizi di informazione e comunicazione ,9% 1,7% K Attività finanziarie e assicurative ,2% 3,5% L Attività immobiliari ,0% 3,4% M Attività professionali, scientifiche e tecniche ,8% 7,5% N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto imprese ,8% 3,4% P Istruzione ,5% 0,5% Q Sanità e assistenza sociale ,1% 4,1% R Attività artistiche, sportive, intrattenimento e divertimento ,2% 1,1% S Altre attività di servizi ,0% 4,1% TOTALE PISTOIA % 100% Asia, aggiornamento luglio 2016 Centro studi Confindustria Toscana Nord 5

6 Imprese attive, addetti e unità locali in provincia di Prato nel 2014 Settore Economico Imprese Addetti B Estrazione di minerali da cave e miniere 0 0 0,0% 0,0% C Attività manifatturiere ,7% 40,5% D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore, aria condizionata ,2% 0,1% E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione ,2% 0,9% F Costruzioni ,8% 6,8% G Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparaz. di autoveicoli ,7% 19,7% H Trasporto e magazzinaggio ,0% 4,5% I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione ,7% 4,6% J Servizi di informazione e comunicazione ,0% 1,9% K Attività finanziarie e assicurative ,8% 1,0% L Attività immobiliari ,0% 3,2% M Attività professionali, scientifiche e tecniche ,4% 6,2% N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto imprese ,5% 3,3% P Istruzione ,5% 0,7% Q Sanità e assistenza sociale ,8% 3,2% R Attività artistiche, sportive, intrattenimento e divertimento ,9% 0,6% S Altre attività di servizi ,7% 2,9% TOTALE PRATO % 100% Asia, aggiornamento luglio 2016 Imprese attive, addetti e unità locali nelle province di Lucca, Pistoia e Prato nel 2014 Settore Economico Imprese Addetti B Estrazione di minerali da cave e miniere ,0% 0,1% C Attività manifatturiere ,2% 30,4% D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore, aria condizionata ,2% 0,1% E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione ,2% 1,1% F Costruzioni ,8% 8,8% G Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparaz. di autoveicoli ,3% 20,9% H Trasporto e magazzinaggio ,1% 3,4% I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione ,3% 8,3% J Servizi di informazione e comunicazione ,9% 1,8% K Attività finanziarie e assicurative ,0% 1,8% L Attività immobiliari ,1% 3,1% M Attività professionali, scientifiche e tecniche ,8% 7,0% N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto imprese ,8% 3,8% P Istruzione ,5% 0,5% Q Sanità e assistenza sociale ,6% 3,8% R Attività artistiche, sportive, intrattenimento e divertimento ,6% 1,6% S Altre attività di servizi ,5% 3,5% TOTALE % 100% Asia, aggiornamento luglio Centro studi Confindustria Toscana Nord

7 Il valore aggiunto Il valore aggiunto dell area Lucca, Pistoia, Prato è di circa 22,3 miliardi di euro di cui 9,4 miliardi prodotti in provincia di Lucca, 6,4 miliardi a Pistoia e 6,5 miliardi a Prato Il valore aggiunto dell industria in provincia di Lucca incluse le costruzioni, è pari a 2,6 miliardi di euro, 1,9 miliardi di euro in provincia di Prato e 1,4 miliardi in provincia di Pistoia. La quota di valore aggiunto dell industria sul totale prosegue il suo trend negativo a Lucca attestandosi al 27,9%, mentre si stabilizza a Prato (29,7%) e a Pistoia (21,6%) dove è più rilevante la componente agricola. Il valore aggiunto pro capite dell area Lucca, Pistoia, Prato ( euro) è vicino alla media nazionale ( euro) ma rimane al disotto della media della Toscana ( euro). Il valore più elevato è quello della provincia di Prato con euro, seguito da Lucca ( euro) e da Pistoia ( euro). Valore aggiunto nel 2014 in milioni di euro Lucca Pistoia Prato LU PT PO Totale attività economiche * agricoltura, silvicoltura e pesca attività estrattiva, attività manifatturiere, fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata, fornitura di acqua, reti fognarie, attività di trattamento dei rifiuti e risanamento, costruzioni attività estrattiva, attività manifatturiere, fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata, fornitura di acqua, reti fognarie, attività di trattamento dei rifiuti e risanamento industria manifatturiera costruzioni servizi commercio all ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli e motocicli, trasporti e magazzinaggio, servizi di alloggio e di ristorazione, servizi di informazione e comunicazione commercio all ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli e motocicli, trasporto e magazzinaggio, servizi di alloggio e di ristorazione servizi di informazione e comunicazione attività finanziarie e assicurative, attività immobiliari, attività professionali, scientifiche e tecniche, amministrazione e servizi di supporto attività finanziarie e assicurative attività immobiliari attività professionali, scientifiche e tecniche, amministrazione e servizi di supporto amministrazione pubblica e difesa, assicurazione sociale obbligatoria, istruzione, sanità e assistenza sociale, attività artistiche, di intrattenimento e divertimento, riparazione di beni per la casa e altri servizi amministrazione pubblica e difesa, assicurazione sociale obbligatoria, istruzione, sanità e assistenza sociale attività artistiche, di intrattenimento e divertimento, riparazione di beni per la casa e altri servizi * Branca di attività (NACE Rev2) aggiornamento novembre 2016 Centro studi Confindustria Toscana Nord 7

8 Quota % del valore aggiunto dell industria sul totale delle attività economiche (% v.a. a prezzi base) 38,0% 36,0% 34,0% 32,0% 30,0% 28,0% 26,0% 24,0% 22,0% 20,0% Lucca Pistoia Prato Toscana Italia Fonte: elaborazioni Centro Studi CTN su dati ISTAT Valore aggiunto pro capite* totale attività economiche a prezzi correnti (dati grezzi) anno 2014 valore aggiunto (m.ni ) popolazione media (n) valore aggiunto pro capite Italia ,6 differenza valore aggiunto su Italia Toscana , ,5 Massa Carrara , ,5 Lucca ,3-131,3 Pistoia , ,7 Firenze , ,2 Livorno , ,2 Pisa , ,4 Arezzo ,6 +613,0 Siena , ,5 Grosseto , ,1 Prato , ,0 LU PT PO ,5-278,1 aggiornamento novembre 2015 * Edizione V.A. Istat Nov Centro studi Confindustria Toscana Nord

9 L occupazione nel 2016 Nel 2016 l area Lucca, Pistoia, Prato ha registrato una sostanziale stabilità nel numero di occupati (382mila) e nel tasso di occupazione (63,7%). Tuttavia si sono verificate notevoli differenze all interno dell area in quanto alla sostanziale stabilità di Prato si sono contrapporti un aumento in provincia di Lucca e un forte calo in provincia di Pistoia. Gli occupati nell industria tuttavia sono risultati in crescita in tutte le tre province. Il tasso di disoccupazione dell area Lucca, Pistoia, Prato è invece cresciuto (11,2%) anche in questo caso influenzato dal forte peggioramento del tasso della provincia di Pistoia. Le forze lavoro La Popolazione attiva (15-64 anni) nell area Lucca, Pistoia, Prato ha registrato un lieve calo dalle 601mila unità del 2015 alle 600mila del Viceversa l area ha visto incrementarsi la Forza lavoro, da 427mila nel 2015 a 430 mila nel L area Lucca, Pistoia, Prato rappresenta il 25% della popolazione attiva della Toscana ed il 25% della forza lavoro. La popolazione attiva (15-64 anni) in termini assoluti è più elevata in provincia di Lucca (250mila unità) che di conseguenza è caratterizzata dalla Forza lavoro più numerosa (178mila). Forza lavoro e Popolazione anni per provincia Anno 2016 Valori in migliaia Forza lavoro Popolazione anni Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale Lucca Pistoia Prato LU-PT-PO Toscana Gli occupati Complessivamente nell area Lucca, Pistoia, Prato si trovano 382mila occupati (di cui 128mila nell industria) e 48mila persone in cerca di occupazione. Gli occupati dell area Lucca, Pistoia, Prato rappresentano il 24% dell occupazione regionale mentre le persone in cercano di occupazione pesano il 29% del totale regionale. Occupati e In cerca di occupazione per provincia Anno 2016 Valori in migliaia Occupati In cerca di occupazione Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale Lucca Pistoia Prato LU-PT-PO Toscana Centro studi Confindustria Toscana Nord 9

10 Numero di occupati nell industria (Indice 2010=100) Lucca Pistoia Prato LU PT PO 110,0 108,0 106,0 104,0 102,0 100,0 Gli occupati nell industria sono superiori in provincia di Lucca (52mila) ma la quota sul totale è ben superiore in provincia di Prato (35,5%) rispetto a Lucca (32,5%) e Pistoia (33,0%). 98,0 96,0 94,0 92,0 90, Fonte: elaborazioni Centro Studi CTN su dati ISTAT Occupati nell industria Anno 2016 Valori in migliaia Occupati nell industria % sul totale occupati Dipendenti Indipendenti Totale Agricoltura Industria Servizi Lucca ,3% 32,5% 66,3% Pistoia ,5% 33,0% 63,5% Prato % 35,5% 64,5% LU-PT-PO ,6% 33,5% 64,9% Toscana ,5% 27,0% 69,5% Numero di occupati nell industria (Indice 2010=100) 120,0 Lucca Pistoia Prato LU PT PO 115,0 110,0 105,0 100,0 95,0 90,0 85, Fonte: elaborazioni Centro Studi CTN su dati ISTAT 10 Centro studi Confindustria Toscana Nord

11 Le persone in cerca di occupazione L area Lucca, Pistoia, Prato presenta un tasso di occupazione (63,7%) inferiore alla media regionale (65,3%) ed un tasso di disoccupazione superiore (11,2% contro il 9,5% regionale). Il tasso di occupazione è al 64,5% a Prato e al 63,4% a Lucca, mentre a Pistoia è decisamente inferiore (60,7%). Il tasso di disoccupazione è al 7,9% a Prato, al 9,8% a Lucca ed al 16% a Pistoia. Tasso di occupazione (15-64 anni) e di disoccupazione Tasso di occupazione (15-64 anni) Tasso di disoccupazione Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale ,9% 64,3% 65,8% 8,0% 6,5% 7,2% ,2% 63,7% 65,9% 5,8% 6,3% 6,7% ,5% 61,7% 64,3% 7,9% 8,5% 7,0% ,8% 61,8% 66,3% 9,6% 10,5% 5,7% ,0% 60,1% 66,0% 17,4% 13,3% 9,4% ,4% 64,1% 64,6% 11,4% 10,3% 8,9% ,4% 60,7% 64,5% 9,8% 16,0% 7,9% Andamento del tasso di occupazione femminile, rapporto % tra le occupate anni e la popolazione femminile attiva 65,0 Italia Toscana Lucca Pistoia Prato 60,0 55,0 50,0 45,0 40, Fonte: elaborazioni Centro Studi CTN su dati ISTAT Centro studi Confindustria Toscana Nord 11

12 Tasso di disoccupazione 20,0% Lucca Pistoia Prato LU PT PO 18,0% 16,0% 14,0% 12,0% 10,0% 8,0% 6,0% 4,0% Fonte: elaborazioni Centro Studi CTN su dati ISTAT Tasso di occupazione (15-64 anni) e di disoccupazione Tasso di occupazione (15-64 anni) Tasso di disoccupazione LU-PT-PO Toscana Italia LU-PT-PO Toscana Italia ,0% 63,8% 56,9% 7,3% 6,1% 8,4% ,6% 63,6% 56,9% 6,3% 6,5% 8,4% ,6% 63,9% 56,8% 7,8% 7,8% 10,7% ,1% 63,8% 55,6% 8,8% 8,7% 12,2% ,1% 63,8% 55,7% 13,9% 10,1% 12,7% ,7% 64,8% 56,3% 10,3% 9,2% 11,9% ,7% 65,3% 57,2% 11,2% 9,5% 11,7% Le province toscane Nel 2016, l Istat ha registrato in Toscana una crescita del tasso di occupazione di 0,5 punti (65,3%) ed anche una crescita del tasso di disoccupazione (9,5%). Tra le province toscane i maggiori incrementi del tasso di occupazione si segnalano ad Arezzo e Lucca (con aumenti di 3,5 e 2,0 punti) mentre i cali più accentuati si registrano a Pistoia e Massa Carrara. Le province con i cali maggiori del tasso di disoccupazione nel 2016 sono state Lucca, Pisa, Arezzo e Prato. Nel confronto regionale, le province di Prato e Lucca presentano valori soddisfacenti, vicini seppur inferiori alla media regionale. Il problema della componente femminile in provincia di Pistoia determina valori tra i peggiori a livello regionale, sia per il tasso di occupazione che di disoccupazione. 12 Centro studi Confindustria Toscana Nord

13 Tasso di occupazione (15-64 anni) e di disoccupazione Anno 2016 Tasso di occupazione (15-64 anni) Tasso di disoccupazione Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale Lucca 69,7% 57,3% 63,4% 8,3% 11,5% 9,8% Pistoia 69,2% 52,6% 60,7% 13,1% 19,5% 16,0% Prato 73,0% 56,2% 64,5% 6,0% 10,2% 7,9% LU-PT-PO 71,1% 56,2% 63,7% 9,3% 13,4% 11,2% Siena 74,7% 61,4% 67,9% 7,8% 10,7% 9,1% Arezzo 70,5% 64,4% 67,4% 11,2% 6,9% 9,2% Firenze 74,7% 60,6% 67,5% 6,5% 9,8% 8,0% Pisa 73,1% 61,9% 67,5% 5,7% 9,1% 7,3% Grosseto 77,0% 54,2% 65,4% 5,5% 9,3% 7,1% Livorno 70,2% 56,0% 63,0% 10,2% 10,1% 10,2% Massa C. 67,7% 47,4% 57,5% 15,2% 18,5% 16,6% Toscana 74,4% 58,4% 65,3% 8,3% 10,8% 9,5% Italia 66,5% 48,1% 57,2% 10,9% 12,8% 11,7% Centro studi Confindustria Toscana Nord 13

14

15 L industria Nel 2014 il numero di aziende manifatturiere non artigiane dell area Lucca, Pistoia, Prato è circa 4.500, di cui a Prato, a Lucca e 800 a Pistoia. Il comparto prevalente è l abbigliamento (27,5% delle imprese) e sommando gli altri settori della moda (tessile con 26,1% e cuoio-calzature con 4,7%) si raggiunge la quota del 58%. Seguono i numerosi comparti del metalmeccanico che complessivamente raggiungono il 14,1%. Il valore di area è influenzato della forte presenza del comparto moda in provincia di Prato dove l 81,3% delle aziende industriali appartiene al comparto tessile abbigliamento. Segue il metalmeccanico con il 7,4% ed il calzaturiero con il 1,5%. Più omogenea la distribuzione in provincia di Lucca dove il 26,7% delle aziende manifatturiere non artigiane sono metalmeccaniche (macchinari, nautica, metallurgia), il 6,7% sono alimentari, il 10,9% lapidee e il 9,3% calzaturiere. Il comparto cartario rappresenta solo l 8,7% delle imprese industriali della provincia. Situazione più Imprese manifatturiere non artigiane nel 2014 nelle province di Lucca Pistoia e Prato omogenea si Lucca Pistoia Prato LU PT PO trova anche Industrie alimentari in provincia di Industria delle bevande Pistoia dove Industrie tessili il 20,6% delle Confezione di articoli di abbigliamento, confezione di articoli in pelle aziende manifatturiere non e pelliccia Fabbricazione di articoli in pelle e simili Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero (esclusi i mobili), artigiane sono fabbricazione di articoli in paglia e materiali da intreccio metalmeccaniche, Fabbricazione di carta e di prodotti di carta il 17,2% Stampa e riproduzione di supporti registrati sono tessili, Fabbricazione di coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio Fabbricazione di prodotti chimici l 8,5% alimentari, il 9,4% calzaturiere. Fabbricazione di prodotti farmaceutici di base e di preparati farmaceutici Fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi Metallurgia Fabbricazione di prodotti in metallo (esclusi macchinari e attrezzature) Fabbricazione di computer e prodotti di elettronica e ottica, apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e di orologi Fabbricazione di apparecchiature elettriche ed apparecchiature per uso domestico non elettriche Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi Fabbricazione di altri mezzi di trasporto Fabbricazione di mobili Altre industrie manifatturiere Riparazione, manutenzione ed installazione di macchine ed apparecchiature Totale imprese manifatturiere non artigiane Per quanto riguarda gli addetti, i pesi non cambiano per la provincia di Prato mentre vengono influenzati dalla presenza di grosse aziende nei comparti cartario e metalmeccanico Centro studi Confindustria Toscana Nord 15

16 nelle province di Lucca e Pistoia. Il numero di addetti nelle aziende manifatturiere non artigiane dell area Lucca, Pistoia, Prato è circa , di cui a Prato, a Lucca e a Pistoia. Il comparto prevalente è il tessile (25,7% degli addetti) e sommando gli altri settori della moda (abbigliamento con 12,7% e cuoio-calzature con 4,7%) si raggiunge la quota del 43,1%. Seguono il metalmeccanico che complessivamente raggiunge il 19,2%, il cartario (14,7%) e l alimentare (4,3%). In provincia di Prato gli addetti del comparto tessile abbigliamento raggiungono l 82,2%. A Lucca il 29,2% degli addetti operano nei comparti del metalmeccanico, il 31,1% nel cartario cartotecnico e il 4,2% nell alimentare. A Pistoia il metalmeccanico occupa il 20,7% degli addetti, il tessile il 14,1%, l alimentare l 11,4% e la fabbricazione di mobili l 8,3%. Quota imprese manifatturiere non artigiane nel 2014 nelle province di Lucca Pistoia e Prato Lucca Pistoia Prato LU PT PO Industrie alimentari 6,7% 8,5% 1,5% 4,0% Industria delle bevande 1,2% 0,4% 0,1% 0,4% Industrie tessili 2,3% 17,2% 38,6% 26,1% Confezione di articoli di abbigliamento, confezione di articoli in pelle e pelliccia 3,6% 10,5% 42,7% 27,5% Fabbricazione di articoli in pelle e simili 9,3% 9,4% 1,5% 4,7% Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero (esclusi i mobili), fabbricazione di articoli in paglia e materiali da intreccio 5,5% 3,5% 0,7% 2,3% Fabbricazione di carta e di prodotti di carta 8,7% 5,0% 0,3% 3,1% Stampa e riproduzione di supporti registrati 2,0% 2,0% 1,0% 1,4% Fabbricazione di coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio 0,1% 0,1% 1,4% 0,8% Fabbricazione di prodotti chimici 1,3% 1,6% 0,1% 0,6% Fabbricazione di prodotti farmaceutici di base e di preparati farmaceutici 0,3% 0,2% 0,9% 0,6% Fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche 5,1% 3,0% 0,5% 2,0% Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi 10,9% 1,7% 0,1% 2,8% Metallurgia 0,1% 0,8% 1,8% 1,2% Fabbricazione di prodotti in metallo (esclusi macchinari e attrezzature) 7,9% 10,9% 0,7% 4,2% Fabbricazione di computer e prodotti di elettronica e ottica, apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e di orologi Fabbricazione di apparecchiature elettriche ed apparecchiature per uso domestico non elettriche 1,8% 0,6% 0,5% 0,8% 2,1% 1,6% 2,8% 2,4% Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 8,8% 5,0% 0,1% 3,0% Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi 0,4% 0,5% 0,3% 0,4% Fabbricazione di altri mezzi di trasporto 5,6% 1,2% 1,2% 2,1% Fabbricazione di mobili 2,5% 7,4% 0,8% 2,4% Altre industrie manifatturiere 3,9% 3,7% 2,6% 3,1% Riparazione, manutenzione ed installazione di macchine ed apparecchiature 10,0% 5,1% 1,5% 4,1% Totale imprese manifatturiere non artigiane 100% 100% 100% 100%

17 Addetti nelle imprese manifatturiere non artigiane nel 2014 nelle province di Lucca Pistoia e Prato Lucca Pistoia Prato LU PT PO Industrie alimentari 6,7% 8,5% 1,5% 4,0% Industria delle bevande 1,2% 0,4% 0,1% 0,4% Industrie tessili 2,3% 17,2% 38,6% 26,1% Confezione di articoli di abbigliamento, confezione di articoli in pelle e pelliccia 3,6% 10,5% 42,7% 27,5% Fabbricazione di articoli in pelle e simili 9,3% 9,4% 1,5% 4,7% Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero (esclusi i mobili), fabbricazione di articoli in paglia e materiali da intreccio 5,5% 3,5% 0,7% 2,3% Fabbricazione di carta e di prodotti di carta 8,7% 5,0% 0,3% 3,1% Stampa e riproduzione di supporti registrati 2,0% 2,0% 1,0% 1,4% Fabbricazione di coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio 0,1% 0,1% 1,4% 0,8% Fabbricazione di prodotti chimici 1,3% 1,6% 0,1% 0,6% Fabbricazione di prodotti farmaceutici di base e di preparati farmaceutici 0,3% 0,2% 0,9% 0,6% Fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche 5,1% 3,0% 0,5% 2,0% Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi 10,9% 1,7% 0,1% 2,8% Metallurgia 0,1% 0,8% 1,8% 1,2% Fabbricazione di prodotti in metallo (esclusi macchinari e attrezzature) 7,9% 10,9% 0,7% 4,2% Fabbricazione di computer e prodotti di elettronica e ottica, apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e di orologi Fabbricazione di apparecchiature elettriche ed apparecchiature per uso domestico non elettriche 1,8% 0,6% 0,5% 0,8% 2,1% 1,6% 2,8% 2,4% Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 8,8% 5,0% 0,1% 3,0% Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi 0,4% 0,5% 0,3% 0,4% Fabbricazione di altri mezzi di trasporto 5,6% 1,2% 1,2% 2,1% Fabbricazione di mobili 2,5% 7,4% 0,8% 2,4% Altre industrie manifatturiere 3,9% 3,7% 2,6% 3,1% Riparazione, manutenzione ed installazione di macchine ed apparecchiature 10,0% 5,1% 1,5% 4,1% Totale imprese manifatturiere non artigiane 100% 100% 100% 100% Centro studi Confindustria Toscana Nord 17

18 Quota di addetti nelle imprese manifatturiere non artigiane nel 2014 nelle province di Lucca Pistoia e Prato Lucca Pistoia Prato LU PT PO Industrie alimentari 4,2% 11,4% 1,1% 4,3% Industria delle bevande 0,5% 0,2% 0,0% 0,3% Industrie tessili 0,7% 14,1% 55,9% 25,7% Confezione di articoli di abbigliamento, confezione di articoli in pelle e pelliccia 2,2% 6,0% 26,3% 12,7% Fabbricazione di articoli in pelle e simili 4,5% 13,0% 0,8% 4,7% Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero (esclusi i mobili), fabbricazione di articoli in paglia e materiali da intreccio 1,9% 2,3% 0,4% 1,4% Fabbricazione di carta e di prodotti di carta 31,1% 10,6% 0,4% 14,7% Stampa e riproduzione di supporti registrati 1,8% 1,1% 0,6% 1,2% Fabbricazione di coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio 0,0% 0,0% 1,3% 0,6% Fabbricazione di prodotti chimici 0,4% 1,9% 0,0% 0,5% Fabbricazione di prodotti farmaceutici di base e di preparati farmaceutici 5,2% 0,5% 1,8% 2,9% Fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche 4,7% 4,9% 0,3% 2,9% Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi 7,2% 1,4% 0,0% 3,1% Metallurgia 0,2% 0,9% 1,8% 1,0% Fabbricazione di prodotti in metallo (esclusi macchinari e attrezzature) 5,1% 8,3% 0,6% 3,9% Fabbricazione di computer e prodotti di elettronica e ottica, apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e di orologi Fabbricazione di apparecchiature elettriche ed apparecchiature per uso domestico non elettriche 1,3% 0,2% 0,3% 0,6% 3,1% 3,3% 3,8% 3,4% Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 15,1% 5,2% 0,0% 7,1% Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi 0,4% 0,9% 0,5% 0,5% Fabbricazione di altri mezzi di trasporto 4,0% 1,9% 1,7% 2,7% Fabbricazione di mobili 0,8% 8,3% 0,5% 2,1% Altre industrie manifatturiere 1,4% 2,1% 1,7% 1,7% Riparazione, manutenzione ed installazione di macchine ed apparecchiature 4,1% 1,5% 1,1% 2,4% Totale addetti manifatturieri non artigiani 100% 100% 100% 100% 18 Centro studi Confindustria Toscana Nord

19 Energia elettrica L analisi dei consumi energetici fornisce un quadro dell evoluzione economica e strutturale delle tre province. Nel 2015, i prelievi elettrici dell area Lucca, Pistoia, Prato hanno superato i 5,6 miliardi di kwh di cui oltre il 57% nella sola provincia di Lucca. Il comparto industriale rimane di gran lunga la componente principale del fabbisogno energetico delle tre province con quasi il 52% del totale. I valori non considerano l energia autoprodotta tramite impianti di cogenerazione e autoconsumata, per cui non esistono statistiche ufficiali. Prelievi di energia elettrica nel 2015 (Gwh) Lucca Pistoia Prato LU PT PO % Agricoltura 16,0 24,5 3,2 43,7 0,8% Industria 2.081,9 349,5 486, ,9 51,9% Terziario 679,3 466,3 461, ,6 28,6% Usi domestici 462,6 320,4 268, ,5 18,7% Totale 3.239, , , ,8 100,0% Fonte: Terna Prelievi di energia elettrica (Gwh) ( Agricoltura 3.203, , ,8-1,2% +2,4% Industria 1.155, , ,8-1.3% +1,8% Terziario 1.220, , ,2-1,2% +1,1% Usi domestici 5.579, , ,8-1,2% +2,0% Totale , , ,7-3,7% +1,3% Fonte: Terna A livello regionale, Lucca è la seconda provincia per prelievi elettrici dopo Firenze ma, per quanto riguarda il comparto industriale occupa la prima posizione anche senza considerare l autoproduzione consumata. I prelievi elettrici in Toscana nel 2015 (in GWh) Agricoltura Industria Terziario Domestico Totale Arezzo 36,8 505,4 532,4 358, ,4 Firenze 42, , , , ,3 Grosseto 62,6 229,9 385,2 277,8 955,5 Livorno 18, ,6 587,1 378, ,2 Lucca 16, ,9 679,3 462, ,8 Massa Carrara 2,9 333,0 251,9 204,0 791,7 Pisa 19,9 767,3 600,0 457, ,5 Pistoia 24,5 349,5 466,3 320, ,8 Prato 3,2 486,5 461,0 268, ,2 Siena 64,7 327,4 531,1 298, ,9 LU PT PO 43, , , , ,8 Toscana 291, , , , ,7 Fonte: Terna Centro studi Confindustria Toscana Nord 19

20 20 Centro studi Confindustria Toscana Nord

21 Gas Nel 2016 le erogazioni di gas metano dell area Lucca, Pistoia, Prato hanno superato 1,33 miliardi di metri cubi, anche in questo caso destinati per il 66% alla sola provincia di Lucca. Quasi la metà (49,3%) è stato destinato a reti cittadine (usi civili e unità produttive raggiunte da rete locale) mentre il 38,2% ad usi industriali. E rilevante la quota destinata alla produzione di energia termoelettrica (11,3%), esclusivamente prelevata a Lucca. Erogazioni di gas naturale effettuate nel 2016 (milioni di metri cubi) Lucca Pistoia Prato LU PT PO % Prod. energia termoelettrica 150, ,4 11,3% Industria 433,9 11,6 62,4 507,9 38,2% Reti cittadine 288,1 180,0 188,5 656,6 49,3% Autotrazione 8,4 3,5 3,8 15,7 1,2% Totale provincia 880,8 195,2 254, ,7 100,0% Fonte: SNAM Rete Gas Erogazioni di gas naturale effettuate (milioni di metri cubi) /14 16/15 Lucca 857,7 878,3 880,8 +2,4% +0,3% Pistoia ND 201,3 195,2 - -3,0% Prato ND 255,4 254,7 - -0,3% LU PT PO ND 1.335, ,7 - -0,3% Fonte: SNAM Rete Gas Centro studi Confindustria Toscana Nord 21

22

23 La Cassa Integrazione Guadagni Lucca Ore autorizzate di CIG ordinaria nell industria manifatturiera di Lucca (dati in migliaia) I dati INPS indicano, nel 2016, un forte calo delle ore 800, , , , ,715 autorizzate di cassa ordinaria nel manifatturiero. Risulta in forte ripresa, invece, il 600, ,180 ricorso alla cassa straordinaria. 500, , , , , , , , , ,000 84,323 Il confronto della CIGO con il 2016, vede un calo delle ore del 63% (da 410mila dello 152,121 scorso anno a 152mila). Le ore di CIGS aumentano del % (1,13 milioni contro Fonte elaborazione Centro Studi CTN su dati INPS 458mila dello scorso anno). A livello di settore, si riduce il ricorso alla CIG ordinaria in tutti i settori principali. Il notevole incremento del ricorso alle ore di cassa straordinaria è dovuto principalmente ai settori metalmeccanici (metallurgia e produzione di macchine). Ore autorizzate di Cassa Integrazione nell industria manifatturiera in provincia di Lucca Settori Differenze % Ordinaria Straordinaria Ordinaria Straordinaria Ordinaria Straordinaria Confezione di articoli di abbigliamento; preparazione, tintura e confezione di pellicce ,7% +++ Editoria, stampa e riproduzione di supporti registrati ,9% -34,8% Fabbricazione della pasta-carta, della carta e del cartone e dei prodotti di carta ,3% +1,9% Fabbricazione di altri mezzi di trasporto ,5% -91,2% Fabbricazione di apparecchi medicali, di apparecchi di precisione, di strumenti ottici e di orologi ,4% Fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e di apparecchiature per le comunicazioni Fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche ,5% -55,7% Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi ,2% - Fabbricazione di macchine ed apparecchi elettrici n.c.a ,7% - Fabbricazione di macchine ed apparecchi meccanici ,2% +418% Fabbricazione di macchine per ufficio, di elaboratori e sistemi informatici ,0% - Fabbricazione di mobili; altre industrie manifatturiere ,7% - Fabbricazione di prodotti chimici e di fibre sintetiche e artificiali ,5% --- Fabbricazione di prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi ,6% -98,9% Fabbricazione e lavorazione dei prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti ,9% +496% Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero, esclusi i mobili; fabbricazione di articoli in materiali da intreccio ,3% --- Industria del tabacco Industrie alimentari e delle bevande Industrie tessili ,3% - Metallurgia ,9% 12470% Preparazione e concia del cuoio; fabbricazione di articoli da viaggio, borse, marocchineria, selleria e calzature ,8% -83,3% Recupero e preparazione per il riciclaggio Totale ,9% +146% Fonte: INPS Centro studi Confindustria Toscana Nord 23

24 Pistoia Ore autorizzate di CIG ordinaria nell industria manifatturiera di Pistoia I dati INPS indicano, nel (dati in migliaia) 2016, una stabilità delle 700,000 ore autorizzate di cassa ordinaria nel manifatturiero. 600, , , , , , ,719 Risulta in forte calo, invece, il ricorso alla cassa straordinaria. 400, ,617 Il confronto della CIGO con 300, , ,364 il 2016, vede lo stesso numero 200, ,529 di ore dello scorso 100,000 anno (circa 235mila). Le ore 59,748 63,651 di CIGS si riducono del 47% (405mila contro le 764mila Fonte elaborazione Centro Studi CTN su dati INPS dello scorso anno). A livello di settore, si riduce il ricorso alla CIG ordinaria in tutti i settori principali ad eccezione delle calzature e del mobile. Il notevole calo del ricorso alle ore di cassa straordinaria è dovuto principalmente al settore cartario. Ore autorizzate di Cassa Integrazione nell industria manifatturiera in provincia di Pistoia Settori Differenze % Ordinaria Straordinaria Ordinaria Straordinaria Ordinaria Straordinaria Confezione di articoli di abbigliamento; preparazione, tintura e confezione di pellicce ,4% --- Editoria, stampa e riproduzione di supporti registrati ,3% Fabbricazione della pasta-carta, della carta e del cartone e dei prodotti di carta ,3% -79,7% Fabbricazione di altri mezzi di trasporto Fabbricazione di apparecchi medicali, di apparecchi di precisione, di strumenti ottici e di orologi - - Fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e di apparecchiature per le comunicazioni ,7% Fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche ,6% - Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi - - Fabbricazione di macchine ed apparecchi elettrici n.c.a Fabbricazione di macchine ed apparecchi meccanici ,1% -96,7% Fabbricazione di macchine per ufficio, di elaboratori e sistemi informatici Fabbricazione di mobili; altre industrie manifatturiere ,9% -27,2% Fabbricazione di prodotti chimici e di fibre sintetiche e artificiali ,1% Fabbricazione di prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi ,8% -55,2% Fabbricazione e lavorazione dei prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti ,4% --- Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero, esclusi i mobili; fabbricazione di articoli in materiali da intreccio ,0% +794% Industria del tabacco - - Industrie alimentari e delle bevande ,5% --- Industrie tessili ,7% --- Metallurgia ,3% --- Preparazione e concia del cuoio; fabbricazione di articoli da viaggio, borse, marocchineria, selleria e calzature ,0% +32,4% Recupero e preparazione per il riciclaggio - - Totale ,6% -47,0% Fonte: INPS 24 Centro studi Confindustria Toscana Nord

25 Prato Ore autorizzate di CIG ordinaria nell industria manifatturiera di Prato (dati in migliaia) I dati INPS indicano, nel 2016, un ripresa delle ore 700,000 autorizzate di cassa ordinaria 600,642 nel manifatturiero. 600, , , , ,812 Risulta in forte calo, invece, il ricorso alla cassa straordinaria. 400, , , , , , ,365 Il confronto della CIGO con il 2015, vede una crescita di 200, , ,010 ore del 26% (da 237mila dello scorso anno a 296mila). 100,000 Le ore di CIGS si riducono del 55% (251mila contro le Fonte elaborazione Centro Studi CTN su dati INPS 567mila dello scorso anno). A livello di settore, si riduce il ricorso alla CIG ordinaria nel settore tessile. L incremento di ore è determinato dal comparto dei mezzi di trasporto. Il notevole calo del ricorso alle ore di cassa straordinaria è dovuto principalmente al settore tessile. Ore autorizzate di Cassa Integrazione nell industria manifatturiera in provincia di Prato Settori Differenze % Ordinaria Straordinaria Ordinaria Straordinaria Ordinaria Straordinaria Confezione di articoli di abbigliamento; preparazione, tintura e confezione di pellicce ,9% +56,4% Editoria, stampa e riproduzione di supporti registrati % +357% Fabbricazione della pasta-carta, della carta e del cartone e dei prodotti di carta ,0% Fabbricazione di altri mezzi di trasporto ,3% -78,7% Fabbricazione di apparecchi medicali, di apparecchi di precisione, di strumenti ottici e di orologi Fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e di apparecchiature per le comunicazioni - Fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche ,0% - Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi - - Fabbricazione di macchine ed apparecchi elettrici n.c.a Fabbricazione di macchine ed apparecchi meccanici ,4% --- Fabbricazione di macchine per ufficio, di elaboratori e sistemi informatici Fabbricazione di mobili; altre industrie manifatturiere Fabbricazione di prodotti chimici e di fibre sintetiche e artificiali Fabbricazione di prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi ,5% --- Fabbricazione e lavorazione dei prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti ,0% - Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero, esclusi i mobili; fabbricazione di articoli in materiali da intreccio - - Industria del tabacco - - Industrie alimentari e delle bevande % - Industrie tessili ,2% -59,1% Metallurgia - - Preparazione e concia del cuoio; fabbricazione di articoli da viaggio, borse, marocchineria, selleria e calzature Recupero e preparazione per il riciclaggio - - Totale ,8% -55,7% Fonte: INPS Centro studi Confindustria Toscana Nord 25

26 Area Lucca Pistoia Prato Ore autorizzate di CIG ordinaria nell industria manifatturiera di Pistoia Complessivamente nelle (dati in migliaia) 2,000,000 tre aree i dati INPS indicano, nel 2016, un calo delle 1,898,076 1,800,000 1,763,272 ore autorizzate di cassa ordinaria 1,671,675 nel manifatturiero. 1,600,000 1,469,267 1,400,000 1,200,000 1,225,937 Rimane stabile ma elevato, invece, il ricorso alla cassa 1,000, , , ,917 straordinaria. 871, , ,088 Il confronto della CIGO con il 2015, vede un calo delle 397, , , ,000 ore del 22% (da 881mila dello scorso anno a 686mila) Le ore di CIGS sono praticamente Fonte elaborazione Centro Studi CTN su dati INPS sui livelli dello scor- so anno (1,786 milioni). A livello di settore, si riduce il ricorso alla CIG ordinaria nel settore tessile mentre aumenta nei comparti dei mezzi di trasporto delle calzature. La stabilità del ricorso alle ore di cassa straordinaria è dovuta principalmente ad un calo generalizzato bilanciato dall aumento nella metalmeccanica. Ore autorizzate di Cassa Integrazione nell industria manifatturiera in provincia di Lucca, Pistoia e Prato Settori Differenze % Ordinaria Straordinaria Ordinaria Straordinaria Ordinaria Straordinaria Confezione di articoli di abbigliamento; preparazione, tintura e confezione di pellicce ,7% +208% Editoria, stampa e riproduzione di supporti registrati % +322% Fabbricazione della pasta-carta, della carta e del cartone e dei prodotti di carta ,2% -55,8% Fabbricazione di altri mezzi di trasporto ,7% -85,0% Fabbricazione di apparecchi medicali, di apparecchi di precisione, di strumenti ottici e di orologi ,9% Fabbricazione di apparecchi radiotelevisivi e di apparecchiature per le comunicazioni % Fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche ,9% -55,7% Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi ,2% - Fabbricazione di macchine ed apparecchi elettrici n.c.a ,3% +++ Fabbricazione di macchine ed apparecchi meccanici ,7% +26,3% Fabbricazione di macchine per ufficio, di elaboratori e sistemi informatici ,3% - Fabbricazione di mobili; altre industrie manifatturiere ,9% -27,2% Fabbricazione di prodotti chimici e di fibre sintetiche e artificiali ,2% -34,2% Fabbricazione di prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi ,9% -65,7% Fabbricazione e lavorazione dei prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti ,1% +262% Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero, esclusi i mobili; fabbricazione di articoli in materiali da intreccio ,3% +653% Industria del tabacco Industrie alimentari e delle bevande ,3% --- Industrie tessili ,1% -64,9% Metallurgia ,9% +1927% Preparazione e concia del cuoio; fabbricazione di articoli da viaggio, borse, marocchineria, selleria e calzature ,1% -23,3% Recupero e preparazione per il riciclaggio Totale ,1% -0,2% Fonte: INPS 26 Centro studi Confindustria Toscana Nord

27 Schede sintetiche delle province Lucca /2013 Imprese manifatturiere ,1% Addetti manifatturieri ,6% Addetti medi 7,9 8,2 +3,6% /2015 Esportazioni (a) 3,96 3,76-5,1% Importazioni (b) 1,99 1,88-5,5% Saldo commerciale (a-b) 1,97 1,88-4,6% Depositi bancari 8,10 8,37 +3,3% Impieghi bancari 11,02 10,82-1,8% Valori in miliardi di, Banca d Italia Tasso di disoccupazione 11,4% 11,4% Tasso di occupazione (15-64 anni) 61,4% 61,4% Ore autorizzate di CIG /2015 Ordinaria ,9% Straordinaria ,6% Fonte: INPS Dati generali Superficie km Comuni 33 Popolazione Famiglie Imprese Addetti Valore aggiunto mld 9,39 Valore aggiunto pro capite Valore aggiunto industria mld 2,61 Veicoli comm. circolanti Consumi elettrici GWh Sportelli bancari 232 Consumi gas mln m Depositi pro capite Centro studi Confindustria Toscana Nord 27

28 Pistoia /2013 Imprese manifatturiere ,5% Addetti manifatturieri ,8% Addetti medi 5,8 5,6-3,4% /2015 Esportazioni (a) 1,28 1,33 +3,9% Importazioni (b) 0,87 0,83-4,6% Saldo commerciale (a-b) 0,41 0,50 +22,0% Depositi bancari 5,36 5,65 +5,4% Impieghi bancari 8,48 8,17-3,7% Valori in miliardi di, Banca d Italia Tasso di disoccupazione 10,3% 16,0% Tasso di occupazione (15-64 anni) 64,1% 60,7% Ore autorizzate di CIG /2015 Ordinaria ,6% Straordinaria ,0% Fonte: INPS Dati generali Superficie km Comuni 22 Popolazione Famiglie Imprese Addetti Valore aggiunto mld 6,40 Valore aggiunto pro capite Valore aggiunto industria mld 1,38 Veicoli comm. circolanti Consumi elettrici GWh Sportelli bancari 162 Consumi gas mln m Depositi pro capite Centro studi Confindustria Toscana Nord

29 Prato /2013 Imprese manifatturiere ,2% Addetti manifatturieri ,2% Addetti medi 5,0 5,3 +6,5% /2015 Esportazioni (a) 2,42 2,51 +3,7% Importazioni (b) 1,94 2,01 +3,6% Saldo commerciale (a-b) 0,48 0,50 +4,2% Depositi bancari 5,10 5,56 +9,0% Impieghi bancari 8,64 8,36-3,2% Valori in miliardi di, Banca d Italia Tasso di disoccupazione 8,9% 7,9% Tasso di occupazione (15-64 anni) 64,6% 64,5% Ore autorizzate di CIG /2015 Ordinaria ,0% Straordinaria ,7% Fonte: INPS Dati generali Superficie km Comuni 7 Popolazione Famiglie Imprese Addetti Valore aggiunto mld 6,46 Valore aggiunto pro capite Valore aggiunto industria mld 1,92 Veicoli comm. circolanti Consumi elettrici GWh Sportelli bancari 109 Consumi gas mln m Depositi pro capite Centro studi Confindustria Toscana Nord 29

30 Lucca, Pistoia e Prato /2013 Imprese manifatturiere ,5% Addetti manifatturieri ,5% Addetti medi 5,9 6,1 +3,1% /2015 Esportazioni (a) 7,67 7,60-0,9% Importazioni (b) 4,78 4,72-1,3% Saldo commerciale (a-b) 2,89 2,88-0,3% Depositi bancari 18,56 19,58 +5,5% Impieghi bancari 28,14 27,35-2,8% Valori in miliardi di, Banca d Italia Tasso di disoccupazione 10,3% 11,2% Tasso di occupazione (15-64 anni) 63,7% 63,7% Ore autorizzate di CIG /2015 Ordinaria ,1% Straordinaria ,2% Fonte: INPS Dati generali Superficie km Comuni 62 Popolazione Famiglie Imprese Addetti Valore aggiunto mld 22,25 Valore aggiunto pro capite Valore aggiunto industria mld 5,92 Veicoli comm. circolanti Consumi elettrici GWh Sportelli bancari 503 Consumi gas mln m Depositi pro capite Centro studi Confindustria Toscana Nord

31

32

DATI STRUTTURALI. Aspetti strutturali dell industria nelle province di Lucca, Pistoia e Prato

DATI STRUTTURALI. Aspetti strutturali dell industria nelle province di Lucca, Pistoia e Prato DATI STRUTTURALI Aspetti strutturali dell industria nelle province n. 6 Ottobre 2016 Confindustria Toscana Nord Pistoia (sede legale), piazza Garibaldi 5 cap 51100 tel. 0573 99171 Lucca, piazza Bernardini

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Toscana. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Toscana. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Toscana Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 ottobre 2016 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce di

Dettagli

Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese. Anno 2011

Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese. Anno 2011 La Cassa Integrazione Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese Anno 2011 febbraio 2012 Indice Lavoratori inseriti in lista di MOBILITÀ Per legge di riferimento pag. 1 Per Centro per l Impiego

Dettagli

Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese. Anno 2010

Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese. Anno 2010 La Cassa Integrazione Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese Anno 2010 febbraio 2011 Indice Lavoratori inseriti in lista di MOBILITÀ Per legge di riferimento pag. 1 Per Centro per l Impiego

Dettagli

La Cassa Integrazione Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese. Anno 2013

La Cassa Integrazione Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese. Anno 2013 La Cassa Integrazione Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese Anno 2013 febbraio 2014 Indice Lavoratori inseriti in lista di MOBILITÀ Per legge di riferimento pag. 1 Per Centro per l Impiego

Dettagli

LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE

LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE Dati disponibili a luglio 2016 Regione Marche P.F. Sistema Informativo Statistico La struttura delle imprese La dimensione delle imprese La densità imprenditoriale La dinamica

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Trento. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Trento. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Provincia autonoma di Trento Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 dicembre 2016 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Basilicata. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Basilicata. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Basilicata Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 gennaio 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

Cassa Integrazione in Deroga

Cassa Integrazione in Deroga Cassa Integrazione in Deroga (Analisi dati al 3 Marzo 2017) - 1 - Dal 4 maggio 2009 al 3 Marzo 2017 sono pervenute c/o il Settore lavoro della Regione Toscana 81.640 richieste di autorizzazione alla CIG

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Liguria. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Liguria. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Liguria Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 gennaio 2017 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce di

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Liguria. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Liguria. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Liguria Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 dicembre 2016 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese. I trimestre

Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese. I trimestre Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese Anno 2011 I trimestre aprile 2011 Indice AVVIAMENTI Per tipologia di contratto pag. 1 Per tipologia di contratto e modalità di lavoro pag. 2 Per Centri Impiego

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Abruzzo. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Abruzzo. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Abruzzo Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 luglio 2017 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce di

Dettagli

Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese. III trimestre

Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese. III trimestre Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese Anno 2011 III trimestre novembre 2011 Indice AVVIAMENTI Per tipologia di contratto pag. 1 Per tipologia di contratto e modalità di lavoro pag. 2 Per Centri

Dettagli

Cassa Integrazione in Deroga

Cassa Integrazione in Deroga Cassa Integrazione in Deroga (Analisi dati al 3 Novembre 2016) Dal 4 maggio 2009 al 3 Novembre 2016 sono pervenute c/o il Settore lavoro della Regione Toscana 81.381 richieste di autorizzazione alla CIG

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Sicilia. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Sicilia. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Sicilia Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 giugno 2017 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce di

Dettagli

LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE

LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE LE IMPRESE NELLA REGIONE MARCHE Anno 2016 Regione Marche P.F. Performance e Sistema Statistico La struttura delle imprese La dimensione delle imprese La densità imprenditoriale La dinamica demografica

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Sardegna. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Sardegna. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Sardegna Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 giugno 2017 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce di

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Lombardia Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 maggio 2016 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Emilia-Romagna. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Emilia-Romagna. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Emilia-Romagna Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 novembre 2016 Inail - Istituto Nazionale per l'assicurazione contro gli Infortuni

Dettagli

Rapporto annuale regionale

Rapporto annuale regionale Rapporto annuale regionale 2014 - Sicilia Appendice statistica Dati rilevati al 31 ottobre 2015 Sommario Tabelle regionali con cadenza semestrale relative agli infortuni 1 Tabelle regionali con cadenza

Dettagli

Settore Formazione, Lavoro, Sviluppo Economico e Turistico Servizio Crisi Aziendali

Settore Formazione, Lavoro, Sviluppo Economico e Turistico Servizio Crisi Aziendali Settore Formazione, Lavoro, Sviluppo Economico e Turistico Servizio Crisi Aziendali Sintesi Statistica 1 Semestre 2013 In questa sintesi vengono riportati i dati afferenti le procedure di Cassa Integrazione

Dettagli

Comune di Calenzano- Imprese registrate e attive, unità locali attive per sezione di attività economica, al

Comune di Calenzano- Imprese registrate e attive, unità locali attive per sezione di attività economica, al di Calenzano- e, unità locali per sezione di attività economica, al 31.12.2014 UNITA' LOCALI ATTIVE IMPRESE Registrate Attive AGRICOLTURA INDUSTRIA ALTRE ATTIVITA' NON CLASSIFICATE TOTALE 2301 1930 81

Dettagli

L impegno dell ISFOL in materia di analisi delle professioni e dei fabbisogni Le ultime novità

L impegno dell ISFOL in materia di analisi delle professioni e dei fabbisogni Le ultime novità L impegno dell ISFOL in materia di analisi delle professioni e dei fabbisogni Le ultime novità nuova versione del sito professionioccupazione.isfol.it prima edizione Audit sui fabbisogni professionali

Dettagli

G COMMERCIO ALL INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONI DI

G COMMERCIO ALL INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONI DI Commercio ingrosso e dettaglio Attività artigianali non assimilabili alle precedenti(carrozzerie, riparazione veicoli, lavanderie, parrucchieri, panificatori, pasticceri, ecc.) RISCHIO BASSO G G COMMERCIO

Dettagli

RISCHIO BASSO (6 ore)

RISCHIO BASSO (6 ore) Pagina1 RISCHIO BASSO (6 ore) Commercio ingrosso e dettaglio Attività Artigianali non assimilabili alle precedenti (carrozzerie, riparazione veicoli lavanderie, parrucchieri, panificatori, pasticceri,

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... EUROSTAT. http://europa. eu.int/comm/eurostat. IMF. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

Le dichiarazioni di immediata disponibilità al lavoro in provincia di Varese

Le dichiarazioni di immediata disponibilità al lavoro in provincia di Varese Le dichiarazioni di immediata disponibilità al lavoro in provincia di Varese Anno 2016 IV trimestre febbraio 2017 Indice AVVIAMENTI Per tipologia di contratto pag. 1 Per tipologia di contratto e modalità

Dettagli

Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese

Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese Avviamenti e cessazioni in provincia di Varese Anno 2014 II trimestre agosto 2014 Indice AVVIAMENTI Per tipologia di contratto pag. 1 Per tipologia di contratto e modalità di lavoro pag. 2 Per Centri Impiego

Dettagli

Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese

Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese La Cassa Integrazione Guadagni in deroga e la Mobilità in provincia di Varese Anno 2009 Indice Lavoratori inseriti in lista di MOBILITÀ per legge di riferimento pag. 1 CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA Le aziende

Dettagli

Avviamenti e cessazioni. in provincia di Varese. Anno effettuati da aziende con sede. IV trimestre

Avviamenti e cessazioni. in provincia di Varese. Anno effettuati da aziende con sede. IV trimestre Avviamenti e cessazioni effettuati da aziende con sede in provincia di Varese Anno 2015 IV trimestre marzo 2016 Indice AVVIAMENTI Per tipologia di contratto pag. 1 Per tipologia di contratto e modalità

Dettagli

Tipologia dei Corsi di formazione: Corrispondenza ATECO classi di rischio

Tipologia dei Corsi di formazione: Corrispondenza ATECO classi di rischio Tipologia dei Corsi di formazione: Corrispondenza ATECO classi di rischio La formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro è regolamentata dall Accordo Stato Regioni del 22/12/2011, questo stabilisce

Dettagli

RISCHIO BASSO H I - ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI ALLOGGIO E DI RISTORAZIONE 55 - ALLOGGIO 56 - ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI RISTORAZIONE

RISCHIO BASSO H I - ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI ALLOGGIO E DI RISTORAZIONE 55 - ALLOGGIO 56 - ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI RISTORAZIONE RISCHIO BASSO ATECO 2002 ATECO 2007 Commercio ingrosso e dettaglio Attività Artigianali non assimilabili alle precedenti (carrozzerie, riparazione veicoli lavanderie, parrucchieri, panificatori, pasticceri,

Dettagli

LA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA IN CIFRE A cura dell Ufficio Studi

LA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA IN CIFRE A cura dell Ufficio Studi LA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA IN CIFRE 2010 Popolazione residente per sesso nella provincia di Reggio Emilia, in Emilia Romagna e in Italia 01.01.2010 Maschi Femmine Totale v.a % v.a. % v.a. Reggio Emilia

Dettagli

Ammortizzatori Sociali in Deroga

Ammortizzatori Sociali in Deroga Ammortizzatori Sociali in Deroga (Analisi all' 8 Settembre 2014) - 1 - Indice: CIG in Deroga pag. 3 Mobilità in Deroga pag. 10 Politiche attive erogate ai lavoratori con Ammortizzatori sociali in Deroga

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE DELL'ECONOMIA DELLA SICILIA

INDAGINE CONGIUNTURALE DELL'ECONOMIA DELLA SICILIA INDAGINE CONGIUNTURALE DELL'ECONOMIA DELLA SICILIA Indagine congiunturale REGIONE SICILIA INDUSTRIA MANIFATTURIERA Tavole statistiche Imprese fino a 9 dipendenti Imprese da 10 a 49 dipendenti Imprese oltre

Dettagli

Ammortizzatori Sociali in Deroga

Ammortizzatori Sociali in Deroga Ammortizzatori Sociali in Deroga (Analisi al 3 Luglio 2014) - 1 - Indice: CIG in Deroga pag. 3 Mobilità in Deroga pag. 10 Politiche attive erogate ai lavoratori con Ammortizzatori sociali in Deroga pag.

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA I TRIMESTRE 2016

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA I TRIMESTRE 2016 NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA I TRIMESTRE 2016 Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41121 Modena Tel. 059 208806 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

Repubblica Dominicana Congiuntura Economica

Repubblica Dominicana Congiuntura Economica Repubblica Dominicana Congiuntura Economica Nel 2011 il prodotto interno lordo della Repubblica Dominicana ha raggiunto i 55,61 miliardi di dollari registrando una crescita del 4.5% rispetto ai valori

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 19 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE L'indagine sul Sistema dei Conti delle imprese (SCI) condotta dall'istat, già indagine sul prodotto lordo, fornisce informazioni per settore di attività economica sui principali

Dettagli

CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI (2011)

CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI (2011) SETTORE SUPPORTO ISTITUZIONALE E COMUNICAZIONE CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI (2011) ANALISI DATI ISTAT RELATIVI AL NUMERO DI IMPRESE CON SEDE NEL TERRITORIO COMUNALE rilevazione al 31/12/2011

Dettagli

La Toscana oltre la crisi

La Toscana oltre la crisi La Toscana oltre la crisi Stefano Casini Benvenuti Firenze, 3 febbraio 2014 Recessioni a confronto: dall Unità d Italia Durata complessiva Anni di recessione in senso stretto Caduta del PIL (punti percentuali)

Dettagli

terre di Toscana come sta e dove va il Chianti Stefano Casini Benvenuti San Casciano in Val di Pesa, 21 settembre 2016

terre di Toscana come sta e dove va il Chianti Stefano Casini Benvenuti San Casciano in Val di Pesa, 21 settembre 2016 terre di Toscana come sta e dove va il Chianti Stefano Casini Benvenuti San Casciano in Val di Pesa, 21 settembre 2016 Qualche cenno sulla fase attuale 1. La gravità della crisi 1867-72 1930-36 2008-14

Dettagli

Imprese importatrici ed esportatrici in Emilia-Romagna. Anno 2013

Imprese importatrici ed esportatrici in Emilia-Romagna. Anno 2013 Direzione generale centrale Organizzazione, Personale, Sistemi Informativi e Telematica Servizio statistica e informazione geografica Imprese importatrici ed esportatrici in Emilia-Romagna. Anno 20 Bologna,

Dettagli

Cassa Integrazione in Deroga

Cassa Integrazione in Deroga Cassa Integrazione in Deroga (Analisi dati al 7 Marzo 2016) - 1 - Dal 4 maggio 2009 al 7 Marzo 2016 sono pervenute c/o il Settore lavoro della Regione Toscana 79.995 richieste di autorizzazione alla CIG

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA MANIFATTURIERA. LAZIO Tavole statistiche

INDAGINE CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA MANIFATTURIERA. LAZIO Tavole statistiche INDAGINE CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA MANIFATTURIERA LAZIO Tavole statistiche Risultati del III trimestre 2015 e previsioni per il IV trimestre 2015 REGIONE LAZIO Indice delle tavole Tavola 1 Tavola 2

Dettagli

Ammortizzatori Sociali in Deroga

Ammortizzatori Sociali in Deroga Ammortizzatori Sociali in Deroga (Analisi dati al 25 Novembre 2015) - 1 - Indice: CIG in Deroga pag. 3 Mobilità in Deroga pag. 10-2 - CIG in Deroga: Dal 4 maggio 2009 al 25 Novembre 2015 sono pervenute

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 19 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 70,00 60,00 RAPPORTO PERCENTUALE SPESE PER IL PERSONALE FATTURATO - ANNI 1998-2001 50,00 40,00 % 30,00 20,00 10,00 Fonte: ISTAT 0,00 1998 1999 2000 2001 Totale Industria

Dettagli

Analisi richieste di CIG in Deroga (Aggiornamento al 27/05/2010)

Analisi richieste di CIG in Deroga (Aggiornamento al 27/05/2010) Analisi richieste di CIG in Deroga (Aggiornamento al 27/05/2010) Dal 4 maggio 2009 al 27 maggio 2010 sono pervenute c/o il Settore lavoro della Regione Toscana 13.400 richieste di autorizzazione alla CIG

Dettagli

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali 29 maggio 2009 Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali Aprile 2009 Nel mese di aprile 2009, sulla base degli elementi finora disponibili, l indice generale dei prezzi alla produzione

Dettagli

Imprese attive per divisione di attività economica al 31 dicembre 2008 (Fonte: InfoCamere) Comune Imprese Addetti ACQUANEGRA CREMONESE Agricoltura,

Imprese attive per divisione di attività economica al 31 dicembre 2008 (Fonte: InfoCamere) Comune Imprese Addetti ACQUANEGRA CREMONESE Agricoltura, 253 ACQUANEGRA CREMONESE Agricoltura, caccia e relativi servizi 15 22 - Industrie alimentari e delle bevande 3 11 Industrie tessili 1 - Confezione di articoli di vestiario; preparazione e tinture di pellicce

Dettagli

Gli aspetti classificatori e di definizione. Statistica Aziendale

Gli aspetti classificatori e di definizione. Statistica Aziendale Gli aspetti classificatori e di definizione 1971 1981 1991 Quadro di ragguaglio tre le classificazioni ATECO per gli anni 1971, 1981 e 1991 per la manifatturiera. Fonte: Istat 3 - Industrie manifatturiere

Dettagli

Imprese attive per divisione di attività economica al 31 dicembre 2007 (Fonte: InfoCamere)

Imprese attive per divisione di attività economica al 31 dicembre 2007 (Fonte: InfoCamere) attive per divisione di attività economica al 31 dicembre 2007 ACQUANEGRA CREMONESE Agricoltura, caccia e relativi servizi 16 Industrie alimentari e delle bevande 3 Industrie tessili 1 Confezione di articoli

Dettagli

Imprese attive per divisione di attività economica al 31 dicembre 2005 (Fonte: InfoCamere)

Imprese attive per divisione di attività economica al 31 dicembre 2005 (Fonte: InfoCamere) 213 attive per divisione di attività economica al 31 dicembre 2005 ACQUANEGRA CREMONESE Agricoltura, caccia e relativi servizi 18 Industrie alimentari e delle bevande 3 Industrie tessili - Confezione di

Dettagli

STATISTICHE IN BREVE. Archivio Statistico delle Imprese Attive (Asia) Anni La struttura delle imprese e dell occupazione

STATISTICHE IN BREVE. Archivio Statistico delle Imprese Attive (Asia) Anni La struttura delle imprese e dell occupazione STATISTICHE IN BREVE Archivio Statistico delle Imprese Attive (Asia) Anni 2007-2010 La struttura delle imprese e dell occupazione Nel 2010, secondo l ATECO 2007, le imprese attive nell industria e nei

Dettagli

Imprese Roma Capitale

Imprese Roma Capitale 500.000 400.000 Stock di Unità Locali registrate di imprese 421.115 432.125 300.000 Unità Locali registrate +2,6% vs 2015 Unità Locali attive +5,1% vs 2015 200.000 100.000 0 500.000 400.000 300.000 2015

Dettagli

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali 31 gennaio 2011 Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali Dicembre 2010 Nel mese di dicembre 2010, sulla base degli elementi finora disponibili, l indice totale dei prezzi alla produzione

Dettagli

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali 29 novembre 2010 Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali Ottobre 2010 Nel mese di ottobre 2010, sulla base degli elementi finora disponibili, l indice totale dei prezzi alla produzione

Dettagli

E OCCUPAZIONE IN PROVINCIA DI VARESE

E OCCUPAZIONE IN PROVINCIA DI VARESE SMAIL Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro IMPRESE E OCCUPAZIONE IN PROVINCIA DI VARESE Imprese attive in provincia con ADDETTI Aggiornamento a marzo 2013 2013 Sistema informativo

Dettagli

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali 28 agosto 2009 Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali Luglio 2009 Nel mese di luglio 2009, sulla base degli elementi finora disponibili, l indice totale dei prezzi alla produzione dei

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA TERRITORIO POPOLAZIONE RESIDENTE LAVORO POPOLAZIONE ATTIVA. (dati in migliaia)

PROVINCIA DI VERONA TERRITORIO POPOLAZIONE RESIDENTE LAVORO POPOLAZIONE ATTIVA. (dati in migliaia) PROVINCIA DI VERONA TERRITORIO Montagna 18,9% SUPERFICIE TERRITORIALE...Kmq 3.121 ZONE ALTIMETRICHE Montagna...... Kmq 589 Collina.... Kmq 715 Pianura...... Kmq 1.818 Pianura 58,2% Collina 22,9% POPOLAZIONE

Dettagli

C e n t. r o. t u d i RIEPILOGO INDICATORI MARCHE LE ESPORTAZIONI

C e n t. r o. t u d i RIEPILOGO INDICATORI MARCHE LE ESPORTAZIONI C e n t RIEPILOGO INDICATORI MARCHE LE ESPORTAZIONI r o S Settembre 2017 t u d i Esportazioni delle regioni italiane gennaio-giugno (valori assoluti, composizione e variazioni %) Ripartizioni e regioni

Dettagli

Numero Imprese del Ramo INDUSTRIE MANIFATTURIERE per Sezione e Divisione di attività

Numero Imprese del Ramo INDUSTRIE MANIFATTURIERE per Sezione e Divisione di attività Industrie alimentari e delle bevande Produzione, lavorazione e conservazione di carne e di prodotti a base di carne 1 Lavorazione e conservazione di frutta e ortaggi 2 Produzione di oli e grassi vegetali

Dettagli

ABRUZZO ITALIA

ABRUZZO ITALIA DATI STATISTICI 1 POPOLAZIONE RESIDENTE (dati ISTAT 2015) Popolazione 0-14 anni 15-29 anni 30-64 anni > 65 anni ABRUZZO: 1.331.574 ab. 170.929 203.652 655.902 301.091 L Aquila: 304.884 ab. 37.056 46.694

Dettagli

ATTIVITÀ VALUTATIVE DEL PIANO DELLE VALUTAZIONI DELLA POLITICA REGIONALE UNITARIA Ministero dello Sviluppo Economico DGIAI

ATTIVITÀ VALUTATIVE DEL PIANO DELLE VALUTAZIONI DELLA POLITICA REGIONALE UNITARIA Ministero dello Sviluppo Economico DGIAI ATTIVITÀ VALUTATIVE DEL PIANO DELLE VALUTAZIONI DELLA POLITICA REGIONALE UNITARIA 2007-2013 Ministero dello Sviluppo Economico DGIAI MAPPATURA DELLE IMPRESE INNOVATIVE (sulla base dell indagine CIS-ISTAT):

Dettagli

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali 31 marzo 2010 Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali Febbraio 2010 Nel mese di febbraio 2010, sulla base degli elementi finora disponibili, l indice totale dei prezzi alla produzione

Dettagli

Rapporto 3 Trimestre 2010 (con dati da Gennaio a Settembre) Provincia di Firenze

Rapporto 3 Trimestre 2010 (con dati da Gennaio a Settembre) Provincia di Firenze Rapporto 3 Trimestre 2010 (con dati da Gennaio a Settembre) Provincia di Firenze 1 Questo rapporto esce a cura della Direzione Politiche del Lavoro della Provincia di Firenze, si ringrazia: Dr. Daniele

Dettagli

Capitolo 14. Industria

Capitolo 14. Industria Capitolo 14 Industria 14. Industria Per saperne di più... ISTAT. Banche dati e sistemi informativi. Roma. http://www.istat.it. Questo capitolo raccoglie informazioni sul settore dell industria in senso

Dettagli

Provincia di Brescia: importazioni e esportazioni dati trimestrali (milioni di euro)

Provincia di Brescia: importazioni e esportazioni dati trimestrali (milioni di euro) 2008 1 2008 2 2008 3 2008 4 2009 1 2009 2 2009 3 2009 4 2010 1 2010 2 2010 3 2010 4 2011 1 2011 2 2011 3 2011 4 2012 1 2012 2 2012 3 2012 4 2013 1 2013 2 2013 3 2013 4 2014 1 2014 2 2014 3 2014 4 2015

Dettagli

Provincia di Brescia: importazioni e esportazioni dati trimestrali (milioni di euro)

Provincia di Brescia: importazioni e esportazioni dati trimestrali (milioni di euro) 2008 1 2008 2 2008 3 2008 4 2009 1 2009 2 2009 3 2009 4 2010 1 2010 2 2010 3 2010 4 2011 1 2011 2 2011 3 2011 4 2012 1 2012 2 2012 3 2012 4 2013 1 2013 2 2013 3 2013 4 2014 1 2014 2 2014 3 2014 4 2015

Dettagli

RIEPILOGO INDICATORI MARCHE: LE ESPORTAZIONI

RIEPILOGO INDICATORI MARCHE: LE ESPORTAZIONI RIEPILOGO INDICATORI MARCHE: LE ESPORTAZIONI Dicembre 2015 Esportazioni delle regioni italiane gennaio- settembre (valori assoluti, composizione e variazioni %) Ripartizioni e regioni 2014 2015 2014/2015

Dettagli

Osservatorio PMI Innovative. 1 Report luglio 2017

Osservatorio PMI Innovative. 1 Report luglio 2017 Osservatorio PMI Innovative 1 Report luglio 2017 Analisi delle PMI Innovative iscritte al registro delle imprese 30.06.2017 Premessa L analisi è relativa all elenco di PMI innovative pubblicato dal Ministero

Dettagli

4. Lavoro e previdenza

4. Lavoro e previdenza 4. Lavoro e previdenza L economia dell area pratese è strettamente legata all andamento del settore tessile/abbigliamento, come dimostra il fatto che le aziende di questo settore costituiscono il circa

Dettagli

La lenta crescita RAPPORTO SUL SISTEMA RURALE TOSCANO. L inquadramento macro 01/04/2014. Simone Bertini. 28 marzo 2014

La lenta crescita RAPPORTO SUL SISTEMA RURALE TOSCANO. L inquadramento macro 01/04/2014. Simone Bertini. 28 marzo 2014 // RAPPORTO SUL SISTEMA RURALE TOSCANO L inquadramento macro Simone Bertini Firenze marzo La lenta crescita Variazione percentuale del PIL. Prezzi costanti. Italia - - - - - 97 97 97 973 97 97 97 977 97

Dettagli

4. Lavoro e previdenza

4. Lavoro e previdenza 4. Lavoro e previdenza L economia dell area pratese è strettamente legata all andamento del settore tessile/abbigliamento, come dimostra il fatto che le aziende di questo settore costituiscono il circa

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA MANIFATTURIERA. LAZIO Tavole statistiche

INDAGINE CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA MANIFATTURIERA. LAZIO Tavole statistiche INDAGINE CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA MANIFATTURIERA LAZIO Tavole statistiche Risultati del IV trimestre 2015 e previsioni per il I trimestre 2016 REGIONE LAZIO Indice delle tavole Tavola 1 Tavola 2 Tavola

Dettagli

NOTE DEL SERVIZIO ANALISI E FINANZA. La cassa integrazione nel Lazio nel mese di aprile 2011

NOTE DEL SERVIZIO ANALISI E FINANZA. La cassa integrazione nel Lazio nel mese di aprile 2011 NOTE DEL SERVIZIO ANALISI E FINANZA La cassa integrazione nel Lazio nel mese di aprile 2011 A cura di Giaime Gabrielli Giugno 2011 o Analisi e Finanza di Sviluppo Lazio 2 Si riduce nel periodo gennaio-aprile

Dettagli

RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DATORE DI LAVORO (DLSPP)

RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DATORE DI LAVORO (DLSPP) RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DATORE DI LAVORO (DLSPP) Art. 34 D. Lgs 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato Regioni 21/12/2011 e s.m.i. DESTINATARI Tutti i datori di lavoro che ricoprono

Dettagli

Il Quadro Economico/Occupazionale nella Provincia di Pesaro e Urbino

Il Quadro Economico/Occupazionale nella Provincia di Pesaro e Urbino Il Quadro Economico/Occupazionale nella Provincia di Pesaro e Urbino Provincia di Pesaro e Urbino - Servizio Formaz. Prof.le e Politiche del Lavoro Ufficio Mercato del lavoro 1.2.5.3 1 Pop. Residente Pop.

Dettagli

Previsioni (variazioni %)

Previsioni (variazioni %) Previsioni (variazioni %) 1 dollari per barile; 2 livelli; 3 valori percentuali Elaborazioni CSC su dati Eurostat, Fmi, Cpb, TR Elaborazioni CSC su dati Fmi Paesi Emergenti: Pil (variazione % e peso sul

Dettagli

Friuli-Venezia Giulia

Friuli-Venezia Giulia Friuli-Venezia Giulia La Tabella 1 illustra le previsioni riguardanti il quadro economico e il mercato del lavoro della regione Friuli-Venezia Giulia. Nel periodo 2015-2019 il valore aggiunto regionale

Dettagli

I FALLIMENTI IN PROVINCIA DI BOLOGNA 1^ Semestre 2015

I FALLIMENTI IN PROVINCIA DI BOLOGNA 1^ Semestre 2015 I FALLIMENTI IN PROVINCIA DI BOLOGNA 1^ Semestre 215 I dati utilizzati nella presente pubblicazione sono stati elaborati dall Ufficio Statistica della Camera di Commercio di Bologna sugli estratti delle

Dettagli

Ricerca d analisi sulla zona orientale di Napoli A p p e n d i c e s t a t i s t i c a

Ricerca d analisi sulla zona orientale di Napoli A p p e n d i c e s t a t i s t i c a Ricerca d analisi sulla zona orientale di Napoli A p p e n d i c e s t a t i s t i c a Tabella 1 Popolazione residente nei quartieri di Napoli Est Popolazione residente - TOTALE 25.256 54.097 38.182 25.361

Dettagli

IMPRESE CANCELLATE E ISCRITTE NEL COMUNE DI CESENA DA GIUGNO 2010 A DICEMBRE 2011

IMPRESE CANCELLATE E ISCRITTE NEL COMUNE DI CESENA DA GIUGNO 2010 A DICEMBRE 2011 COMUNE DI CESENA STAFF DIREZIONE GENERALE Servizio SIT-STATISTICA-Toponomastica CORSO COMANDINI, 7-471 - CESENA (FC) TEL. +39 47 368131 - FAX +39 47 36813 e-mail: statistica@comune.cesena.fc.it sito: http://www.comune.cesena.fc.it/statistica

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 20 maggio 2013 Marzo 2013 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA A marzo il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra una riduzione dello 0,9% rispetto a febbraio, con una diminuzione

Dettagli

ISTAT CENSIMENTO INDUSTRIA E SERVIZI

ISTAT CENSIMENTO INDUSTRIA E SERVIZI ISTAT CENSIMENTO INDUSTRIA E SERVIZI COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO ANALISI DATI 211 Lo scorso 26/11/13 ISTAT ha diffuso i risultati a livello comunale del Censimento dell Industria e dei Servizi 211 relativi

Dettagli

CARTA, EDITORIA, STAMPA e TRASFORMAZIONE: analisi della filiera

CARTA, EDITORIA, STAMPA e TRASFORMAZIONE: analisi della filiera CARTA, EDITORIA, STAMPA e TRASFORMAZIONE: analisi della filiera Incontro con i media e gli operatori del settore, per la presentazione della prima indagine economica Milano, martedì 6 febbraio 2007 ore

Dettagli

Import-export della provincia di Brindisi

Import-export della provincia di Brindisi Import-export della provincia di Brindisi (Dati al I trimestre 2013) L export brindisino nel primo trimestre 2013 registra un -5,7% rispetto al primo trimestre 2012 mentre la regione Puglia registra un

Dettagli

L'imprenditoria femminile in provincia di Brescia anno 2016

L'imprenditoria femminile in provincia di Brescia anno 2016 L'imprenditoria femminile in provincia di Brescia anno 2016 Rapporto elaborato a cura dell Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio di Brescia su dati Infocamere. Brescia, marzo 2017 LE IMPRESE

Dettagli

Situazione occupazionale comune di Monsummano - Terme

Situazione occupazionale comune di Monsummano - Terme Situazione occupazionale comune di Monsummano - Terme Dati al III trimestre 2011 Note alla lettura Si segnale che i dati di stock (iscritti allo stato di disoccupazione) rappresentano la fotografia, il

Dettagli

L economia bellunese: il quadro generale Federico Callegari Responsabile Settore Statistica, Studi e Prezzi

L economia bellunese: il quadro generale Federico Callegari Responsabile Settore Statistica, Studi e Prezzi ISO 9001:2008 UNITA OPERATIVE: PIAZZA BORSA 3/B - 31100 TREVISO VIA PARRILLA, 3-31015 CONEGLIANO L economia bellunese: il quadro generale Federico Callegari Responsabile Settore Statistica, Studi e Prezzi

Dettagli

Liguria. Il Valore aggiunto è espresso in milioni di euro; l Occupazione in migliaia di ULA; la Produttività in migliaia di euro.

Liguria. Il Valore aggiunto è espresso in milioni di euro; l Occupazione in migliaia di ULA; la Produttività in migliaia di euro. Liguria La Tabella 1 illustra le previsioni riguardanti il quadro economico e il mercato del lavoro della regione Liguria. Nel periodo di previsione il valore aggiunto regionale aumenta del 6,7%, passando

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 19 luglio 2013 Maggio 2013 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA A maggio il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra un incremento dello 0,1% rispetto ad aprile, con una variazione

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 20 febbraio 2013 Dicembre 2012 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA A dicembre il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, aumenta dello 0,8% rispetto a novembre, con una crescita dello

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 22 gennaio 2015 Novembre 2014 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA A novembre il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra una flessione dello 0,6% rispetto a ottobre, dovuta ad

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 22 maggio 2015 Marzo 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA A marzo il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra un aumento dell 1,3% rispetto a febbraio, con incrementi sia sul

Dettagli

PREZZI ALLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 30 dicembre 2014 Novembre 2014 PREZZI ALLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di novembre 2014 l indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali diminuisce dello % rispetto al mese

Dettagli

I CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE ESPORTATRICI CON SEDE IN LOMBARDIA (2014)

I CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE ESPORTATRICI CON SEDE IN LOMBARDIA (2014) I CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE ESPORTATRICI CON SEDE IN LOMBARDIA (2014) maggio 2017 1 I conti economici delle imprese esportatrici con sede in Lombardia (2014) ISTAT ha rilasciato il nuovo sistema informativo

Dettagli

RASSEGNA STAMPA Interscambio Italia-Messico: un trend in costante crescita!

RASSEGNA STAMPA Interscambio Italia-Messico: un trend in costante crescita! RASSEGNA STAMPA Interscambio Italia-Messico: un trend in costante crescita! Data: 24-09-2015 Fonte: Agi Link: http://www.agi.it/estero/ Sede legale Via Manzoni, 43 20121 Milano (Mi) P. IVA e CF. 09122500961

Dettagli

Il lavoro a Milano Milano locomotiva d Italia

Il lavoro a Milano Milano locomotiva d Italia Il lavoro a Milano Milano locomotiva d Italia 2006-2015 Andrea Fioni Gruppo tecnico Assolombarda, Cgil, Cisl e Uil 19 aprile 2016 1 I contenuti Le fonti... e il focus territoriale 2 Gli indicatori Indicatori

Dettagli