Intelligence Economica tra accademia e realtà di Francesco Farina 1

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Intelligence Economica tra accademia e realtà di Francesco Farina 1"

Transcript

1 Intelligence Economica tra accademia e realtà di Francesco Farina 1 1. PREMESSA - 2. INTELLIGENCE E SICUREZZA ECONOMICA 3. INTELLIGENCE ECONOMICA E ACCADEMIA 4. LO SPAZIO D AZIONE DELL INTELLIGENCE ECONOMICA 5. SERVIZI DI INTELLIGENCE ECONOMICA E VALORE ECONOMICO DEI BENEFICI 6. CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE Abstract L intelligence economica è una disciplina in continua evoluzione, non perfettamente ascrivibile ai canoni accademici, ma che affonda le proprie radici su discipline scientifiche assai note. L analista di intelligence economica è quella figura chiamata a realizzare i dettami di questa disciplina, combinando l azione di intelligence, storicamente legata alla tradizionale protezione degli interessi politici e militari del Paese, all azione di analisi ed elaborazione di scenari, tipica invece del contesto scientifico, economico e aziendale. L intelligence economica, in Italia come in altri Paesi, ha avuto come principale elemento propulsore la tutela degli interessi economici, scientifici e industriali, operazione la cui regia può essere interpretata dagli organismi istituzionali, dalle aziende o dalla loro azione coordinata. La sicurezza e la competitività della singola azienda è elemento di una più importante equazione della sicurezza e competitività del Sistema Paese; sembra pertanto naturale, come avviene da diversi anni negli altri Paesi, che intelligence istituzionale ed intelligence aziendale individuino modalità di incontro e condivisione di informazioni, nel rispetto della riservatezza e dei propri ruoli. Partendo dallo scenario di riferimento, si individueranno attori, conoscenze e competenze che potrebbero far parte di un sistema regolato di condivisione delle informazioni, anche alla luce dell esperienza internazionale. 1 Phd in Public Management & Governance, Coordinatore del Master di II livello in Intelligence Economica organizzato dal CISPA (Centro Interdipartimentale di Studi sulla Pubblica Amministrazione) dell Università degli Studi di Roma Tor Vergata. 1

2 1. Premessa Quello di intelligence economica è un concetto in piena evoluzione che va implementandosi in tutti i Paesi, siano essi industrializzati o in via di sviluppo, con obbiettivi e interessi diversi, a seconda di quelle che sono le peculiarità nazionali da tutelare o da promuovere. L intelligence economica di uno Stato non può essere ricondotta alla sola azione dei suoi Servizi di Informazione su tematiche economiche e finanziarie, ma deve identificarsi in un sistema integrato di cui l informazione è certamente il pilastro portante. All interno del sistema ci sono poi, da un lato, gli attori economici, pubblici e privati, nazionali e locali, che definiscono gli obiettivi a cui collegare la richiesta di informazione; dall altro, coloro che dovranno utilizzare quella informazione per prendere le decisioni strategiche, siano esse finalizzate ad un beneficio individuale o ad uno collettivo. Presupposto fondamentale, affinché sussista e funzioni un sistema integrato di intelligence economica, è la definizione degli obbiettivi comuni e l allineamento su conoscenze e competenze che devono caratterizzare gli attori dell intelligence economica, aziende come istituzioni, decisori come analisti. 2. Intelligence e sicurezza economica E ormai prassi consolidata identificare lo sviluppo dell intelligence economica nei Paesi economicamente avanzati con la caduta del muro di Berlino e con la fine della Guerra Fredda. La guerra economica in sé ha invece origini e sviluppi ben radicati nei secoli precedenti, essendo sempre stata ragione, implicita o esplicita, delle guerre in campo militare. Il cambiamento evidente del post guerra fredda è quindi la maggiore attenzione posta alla correlazione tra economia e sicurezza, spostando la potenza di fuoco dal campo militare a quello economico, con il controllo dell'informazione divenuto fattore determinante della competizione globale. Lo sviluppo dell intelligence economica si ricollega quindi allo sviluppo e alla tutela della ricchezza di una nazione, identificabile tanto nelle risorse naturali di cui questa dispone, quanto nei suoi investimenti, frutto di attività di ricerca ed innovazione, intellettuale, scientifica ed industriale. Il processo di globalizzazione ne ha indubbiamente accelerato le dinamiche, con Stati e aziende alla ricerca di vantaggi competitivi e concentrati sulla difesa dallo spionaggio economico del proprio capitale scientifico ed intellettuale. In tal senso, l attività d intelligence economica è andata sempre più assumendo un ruolo chiave a supporto del processo strategico e decisionale di Stati ed imprese, seppur diversi sono stati i tempi di reazione e le modalità di attuazione da parte dei singoli Paesi e dei rispettivi Servizi Istituzionali e Agenzie. Negli Stati Uniti il concetto di sicurezza economica nazionale trova evidenza con la prima presidenza Clinton, ed in particolare con la National Security Strategy, che prescriveva che i Servizi informativi USA dovessero seguire gli sviluppi politici, economici, sociali e militari in tutte le parti del mondo, in tutti i settori in cui fossero coinvolti interessi americani e dove le informazioni da fonti aperte fossero insufficienti. Una linea che ha portato ad una intelligence macroeconomica anche a beneficio delle singole imprese, implicando quindi un passaggio da un approccio difensivo, del periodo della guerra fredda, ad uno più offensivo. Tra le principali iniziative messe in atto in quegli anni, oggi pressoché invariate, vanno ricordate: 2

3 il National Economic Council, costituito nel 1993, che svolge attività di staff alla politica economica del Presidente, ma anche di controllo delle linee strategiche da questo definite, oltre a verificare la coerenza delle iniziative assunte dai vari Dipartimenti delle Agenzie federali. In buona sostanza, si occupa quindi della sicurezza economica; l Economic Espionage Act, la legge sullo spionaggio economico; l Advocacy Center, che venne creato nel 1993 al fine di sostenere le imprese americane all estero; costituisce uno dei centri più dinamici dell intelligence economica degli USA. In Russia, sicurezza interna ed esterna, così come attività di spionaggio e di controspionaggio, erano in capo al KGB; in seguito, con la scomparsa dell Unione Sovietica, e soprattutto dopo il tentativo di colpo di stato contro Gorbaciov, nel 1991 il KGB cessò di esistere e l intelligence della federazione russa è stata separata e fa capo a due istituzioni diverse (FSB, Sicurezza interna e controspionaggio; SVR, Spionaggio Estero), lasciando inalterato il servizio di intelligence militare. Entrambi fanno capo all Amministrazione Presidenziale e, in particolare, al Consiglio di Sicurezza della Federazione Russa. Dopo il 1991 il focus dell intelligence russa, prima orientato all acquisizione delle tecnologie strategiche, inizia a spostarsi anche sull acquisizione di informazioni economiche ed industriali. Quello che ha sempre contraddistinto l intelligence russa è il modello di reclutamento di agenti destinati allo spionaggio, che non è presente in nessun altro Paese. Dei veri e propri talent scout reclutano dei giovani brillanti nelle scuole secondarie e nelle università occidentali. Gli agenti possono aspettare anche 20 o 30 anni prima di diventare operativi, dopo che hanno fatto carriera nelle istituzioni o nelle industrie del loro Paese. La Russia è molto attiva dal punto di vista delle tecnologie, ha una serie di stazioni di ascolto che coprono l intero globo, così come circa 160 satelliti in orbita per quanto riguarda l IMINT (IMagery INTelligence). L intelligence economica francese si è sempre caratterizzata per lo stretto rapporto tra lo Stato e le grandi imprese, che condividono tra l altro la formazione di dirigenti pubblici e privati provenienti quasi interamente dalle Grandes Écoles, collaborazione che coinvolge anche le associazioni di categoria e le università, accentuatasi soprattutto nei primi anni del dopoguerra. Lo sdoganamento dell intelligence economica in Francia si deve principalmente al rapporto dell allora Commissariat Général du Plan curato da Henri Martre (poi diventato Centre d analyse stratégique CAS dal 2006, e dal 2013 Commissariat général à la stratégie et à la prospective CGSP), nel quale emergeva la prospettiva di migliorare le capacità offensive e difensive dell intelligence economica sia pubblica che delle imprese. Nel 1995, al fine di dare attuazione alle raccomandazioni di Martre, venne istituito il Comité pour la Compétitivité et la Sécurité Economique (CCSE), con compiti simili a quelli del National Economic Council americano. Il Regno Unito, contraddistintosi sempre per la riservatezza sull organizzazione e sulle attività dei Servizi di Intelligence, ha approvato nel 1994 il British Intelligence Services Act, che ha precisato i compiti dell apparato dell intelligence britannica, autorizzandolo di fatto a svolgere qualsiasi attività nei due settori, della sicurezza nazionale e del benessere economico del Regno Unito, pur tenendoli separati, rispetto agli Stati Uniti che consideravano invece il benessere economico come una componente determinante della sicurezza nazionale. Anche la Germania è sempre stata molto attiva, con una forte integrazione tra il settore pubblico e le imprese private, coordinate dalla diffusione di documenti che fissano le linee guida delle strategie da seguire per l intelligence economica e industriale nelle varie regioni 3

4 del mondo. I Servizi Tedeschi sono particolarmente attivi nel settore delle intercettazioni e della pirateria informatica, in particolare grazie alla stretta collaborazione con la Siemens, che permette l afflusso di un enorme quantità di notizie, che vengono analizzate e diffuse alle istituzioni e alle imprese. Verso la metà degli Anni Ottanta il BND (Bundes Nachrichten Dienst), il Servizio Federale di Sicurezza Esterna, mise in atto il progetto Rahad, con il quale puntava ad accedere alle banche dati di aziende e governi di tutto il mondo, riorientato nel 1991 dopo la guerra fredda su obbiettivi economici, finanziari, tecnologici e commerciali. Il Giappone, con il suo DRP (Department of Research and Planning), ha sempre attribuito una grande importanza all intelligence economica offensiva e allo spionaggio industriale, coinvolgendo non solo le istituzioni dello Stato, ma anche le imprese, le banche, le Università ed altri attori specializzati in reperimento legale ed illegale delle informazioni. Nonostante le dimensioni del servizio di intelligence siano molto ridotte, l intelligence economica giapponese è una delle migliori del mondo. In Cina la commissione statale per la scienza e la tecnologia (SSTC) istituita nel 1958 e ristrutturata nel 1975, si dedica alla localizzazione, identificazione e raccolta di tecnologia per perseguire il raggiungimento degli obbiettivi economici. Sono tre i servizi di intelligence coinvolti anche nella raccolta di informazioni economiche e, soprattutto, tecnologiche: il Ministero per la Sicurezza dello Stato (MSS), che si occupa della sicurezza esterna; il Ministero della Pubblica Sicurezza (MPS), che si occupa della sicurezza interna e del controspionaggio, ma effettua anche attività di intelligence nei riguardi degli stranieri residenti in Cina; il Dipartimento Militare di Intelligence (MID), che svolge attività di supporto in campo TECHINT (TECHnical INTelligence) a favore degli altri servizi ed è incaricato di raccogliere dati sulle tecnologie militari. L MSS riveste una particolare importanza per l intelligence economica; secondo un rapporto presentato dal Pentagono al Congresso USA, il MSS opera nel campo dell intelligence economica e tecnologica secondo tre modelli: 1. il reclutamento diretto di scienziati e di accademici, inviati poi all estero di massima per un periodo di sei anni; 2. l acquisizione, da parte di imprese cinesi, di compagnie occidentali, per venirne in possesso delle tecnologie; 3. l acquisto di tecnologie tramite ditte cinesi, collegate con l MSS. Secondo l FBI, questo metodo ha prodotto i maggiori risultati; sarebbero le società cinesi coinvolte nella ricerca tecnologica. Negli Anni Novanta i Paesi più industrializzati si adeguavano quindi al nuovo paradigma dell intelligence, e anche in Italia, con l allora Presidente Cossiga, se ne iniziava a parlare, in particolare con la creazione di un gruppo di lavoro per la riforma dei Servizi anche per favorire l evoluzione di un concetto di intelligence economica non ancora ben definito, che faceva riferimento esclusivamente alla sicurezza economica dello Stato, intesa come ricerca e contrasto di pericoli che corre lo Stato a seguito di vicende economiche. Questa visione restrittiva dell intelligence economica derivava dal fatto che, andando ad attribuire competenze economiche ai Servizi, si potevano generare conflitti con l attività di politica interna ed estera svolta dal Governo e dalla Pubblica Amministrazione. La vera svolta in termini di intelligence economica si è però avuta solo nel 2007 con la Legge di riforma dei Servizi (Legge 124/2007), integrando la mission delle due Agenzie Italiane 4

5 ribattezzate con l occasione AISE (Agenzia Informazioni e Sicurezza Esterna, delegata a svolgere attività in materia di controproliferazione concernenti materiali strategici e quelle di informazione per la sicurezza, al di fuori del territorio nazionale, a protezione degli interessi politici, militari, economici, scientifici ed industriali dell Italia, e a individuare e contrastare al di fuori del territorio nazionale le attività di spionaggio dirette contro l Italia e quelle volte a danneggiare gli interessi nazionali) e AISI ( Agenzia Informazioni e Sicurezza Interna, con le stesse deleghe ma per l interno). La legge 124/2007 ha quindi cercato di risolvere la diatriba legata alla attribuzione di competenze economiche ai Servizi, che potessero generare conflitti con l attività di politica interna ed estera svolta dal Governo e dalla Pubblica Amministrazione. La necessità era infatti quella di mettersi al passo con gli altri Paesi per giungere ad un integrazione culturale tra l attività svolta dai Servizi con quella politica e della Pubblica Amministrazione, oltre che alla promozione della cultura di intelligence presso l opinione pubblica. 3. Intelligence Economica e Accademia La lettura delle esperienze internazionali mostra come lo sviluppo di attività accademica e scientifica nel campo dell intelligence economica sia andato di pari passo ai processi di implementazione operativa ed organizzativa attuati dai Governi. L accademia infatti è solita studiare, analizzare e modellizzare fenomeni ed esperienze, al fine di realizzare, soprattutto in campo economico, circoli virtuosi di crescita e innovazione. Lo studio dell intelligence economica non implica la costruzione ex novo di concetti e modelli, ma serve soprattutto a dare una visione integrata e sistemica del perfezionamento di discipline accademiche esistenti. L attività di intelligence in sé consiste nella ricerca, raccolta, sistematizzazione e analisi di dati ed informazioni, ma, nella sua applicazione, non la si considera come mero strumento di ricerca di informazioni sensibili, quanto piuttosto parte integrante di un processo strategico e decisionale. L intelligence economica si è pertanto affermata come attività al servizio delle decisioni strategiche, che contempla e richiama concetti, strumenti, metodologie, conoscenze e competenze sviluppate in diversi contesti, commerciali come istituzionali, accademici come operativi, scientifici come industriali. Il Prof. Paolo Savona è solito inquadrarla come disciplina onnivora, in particolare di contenuti delle materie di economia e management, ma in realtà i settori scientificodisciplinari da cui attinge sono numerosi, dalla matematica all informatica, dalla geologia alla geofisica, dall antropologia alla genetica, dai sistemi per l energia e l ambiente alle telecomunicazioni, dalla storia medievale alla psicologia sociale, dal diritto privato al diritto penale, oltre ovviamente a tutti i settori delle scienze economiche e statistiche. Lo sviluppo accademico dell intelligence economica è quindi direttamente correlato alla sua implementazione da parte dei Governi, e si concretizza generalmente quando si realizzano quattro passi fondamentali: I. la diffusione della cultura di intelligence tra Amministrazioni Pubbliche, aziende e opinione pubblica; II. l inserimento dell intelligence economica tra le leve strategiche per la definizione di politiche economiche ed industriali di un Paese; 5

6 III. IV. l adeguamento anche normativo delle mission e della sfera di azione dei Servizi e delle Agenzie Istituzionali e la definizione di modalità di integrazione e comunicazione con istituzioni e centri decisionali; la realizzazione di sistemi di integrati di intelligence economica nei quali coinvolgere e valorizzare Servizi ed Agenzie Istituzionali, aziende, Università e centri di ricerca, organi strategici e decisionali pubblici. La Francia, ad esempio, è il Paese che maggiore innovazione ha portato alla teorizzazione dell intelligence economica 2 ; oltre ad aver sempre posto grande attenzione nella formazione tanto dei manager pubblici quanto di quelli privati nelle proprie écoles, si è puntualmente mossa con la promozione governativa di centri di ricerca e di attività formative in ambito universitario e ha sviluppato una cultura accademica specifica sul tema. A titolo di esempio si elencano alcuni dei principali corsi avviati da Università e Centri Studi francesi reputati migliori nel : 1) Master en Stratégie d intelligence économique de l École de guerre économique; 2) Mastèr espécialisé intelligence scientifique, technique et économique de l'esiee (École supérieure d'ingénieurs en électonique et électrotechnique); 3) Mastère spécialisé intelligence économique et knowledge management du CERAM (Sophia Antipolis); 4) Master en intelligence économique et stratégie d'entreprise du Groupe ESC Toulouse; 5) Mastère spécialisé en intelligence économique et stratégique de l'eisti; 6) Master intelligence économique et communication stratégique de l'icomtec (Université de Poitiers); 7) Master en Sciences et Techniques de l'information et de la Communication (option valorisation de l'information) de l'institut d'études politiques d'aix en Provence; 8) Master en Intelligence Economique et Territoriale de l'institut Ingémédia (Université du Sud de Toulon et du Var); 9) Master en Intelligence économique et stratégies compétitives à l'université d'angers; 10) Master en Sciences économiques, Mention : Intelligence économique (Université de Toulouse); 11) Master spécialisé en Intelligence Economique et Développement des entreprises à l'école Européenne d'intelligence Economique (EEIE); 12) Master spécialisé Intelligence Économique et Gestion de l'innovation IEGI de l'université Jean Monnet. L Italia si presenta in netto ritardo rispetto ad altri Paesi, con un processo operativo e culturale che, come osservato, ha potuto avere di fatto inizio solo a partire dal Anche lo sviluppo di una accademia dedicata ha pertanto risentito di questo ritardo, con una disciplina che fino a qualche anno fa è stata contemplata sempre in modo destrutturato e mai sistemico, considerata per singole discipline, e come parte non caratterizzante di corsi di intelligence tradizionale, di geopolitica, di business intelligence, o di marketing strategico; tutti contenuti che la caratterizzano, ma che presi solo singolarmente non possono certo contribuire a studiarne, analizzarne e descriverne il fenomeno. 2 Paolo Savona in occasione della lectio magistralis tenuta all apertura della I edizione del Master in Intelligence Economica dell Università degli Studi di Roma Tor Vergata. 3 Si veda: 6

7 Con l apertura al concetto di sicurezza economica, e con l inizio del processo di trasformazione dei Servizi, anche in termini di recruitment e di perfezionamento delle aree di competenza, si è cosi iniziato a colmare anche il vuoto accademico 4. I primi passi dell Università Italiana, a fronte della nota école de guerre economique francese nata nel 1997, si possono identificare con il primo Master di II livello in Italia su Intelligence Economica attivato nel 2011 a cura dell Università di Tor Vergata; certamente testimonianza del processo in atto 5, ma di fatto primo oggettivo riscontro di passaggio accademico ben 14 anni dopo la nascita della principale scuola francese. 4. Lo spazio d azione dell Intelligence Economica Abbiamo visto come l intelligence economica, pur nascendo in contesto di guerra, diventi un importante supporto per le decisioni strategiche da assumere in campo economico, aziendale, commerciale, scientifico e industriale. Il fatto stesso di affiancare la parola economica ad intelligence, impone di considerare il beneficio economico che questa attività può generare, sia esso collettivo e riferito al sistema Paese, il che ci porta nella sfera di attività e mission di Servizi di informazione e Agenzie Istituzionali, o esclusivo, riconducibile quindi alle singole imprese, che ci porta invece verso una intelligence aziendale. Nella realtà è difficile sancire un confine netto tra intelligence cosiddetta istituzionale ed intelligence aziendale, piuttosto i moderni servizi di intelligence istituzionali cercano forme e modalità di collaborazione che possono essere più o meno integrate. La tutela degli interessi economici, scientifici e industriali, è il filo rosso che mette d accordo tutti, siano essi attori pubblici o privati. Ogni Stato orienta l azione di intelligence economica a seconda delle proprie peculiarità da promuovere o da tutelare, ed a seconda quindi del contesto economico e della congiuntura in cui opera. Uno Stato emergente e in crescita tenderà pertanto ad azioni di intelligence economica più competitive per acquisire informazioni strategiche che siano di supporto allo sviluppo delle proprie realtà aziendali ed industriali; uno Stato industrializzato e innovatore tenderà ad azioni di intelligence economica più difensiva a tutela degli investimenti, delle ricerche, ed in generale del capitale fisico ed intellettuale costruito con sacrifici e risorse. Ci sono contesti in cui i Governi agiscono più da facilitatori di mercato, garantendo al suo interno la leale e corretta competizione, altri in cui essi puntano tanto alla protezione quanto all espansione e promozione delle industrie nazionali ( campioni ) cercando di incidere direttamente sui mercati e supportando il settore privato con ampi servizi e informazioni. Il Giappone fu il primo Paese industrializzato a fare dell informazione una fondamentale leva del proprio sviluppo, rendendola, a differenza dei paesi anglosassoni, una risorsa collettiva, puntando a sinergie su strategie tecnologiche, industriali e commerciali che sono inscindibili dal sistema di intelligence economica offensivamente orientato. Martre nel suo rapporto aveva cosi sintetizzato le cinque maggiori caratteristiche dell uso strategico dell informazione 6 : - un approccio globale e locale al mondo dei mercati; 4 Si veda anche L. Hinna in A scuola di Intelligence Economica - Articolo di L. Ciaccia Formiche, Si veda Relazione 2011 sulla Politica della Informazione per la sicurezza. 6 Potter E. H., Economic Intelligence & National Security, McGill-Queen's Press,

8 - un approccio che è integrato con le strategie di ogni Paese che le aziende giapponesi stanno tentando di capire; - una strategia a lungo termine; - un approccio integrato con le strategie delle multinazionali giapponesi; - la diffusione selettiva della conoscenza. Gli Stati Uniti hanno sempre avuto un sistema asimmetrico e decentrato, con il più grande mercato aziendale di intelligence, orientato maggiormente all interesse singolo che a quello collettivo. L amministrazione Clinton ha tentato in proposito di esercitare un maggior controllo sulle sfide economiche rivolte agli Stati Uniti, attraverso tre comitati (sicurezza nazionale, economia, e interno), tutti con uguale potere, e che riferiscono direttamente al Presidente. La nuova struttura istituzionale rifletteva il desiderio a livello dell esecutivo di organizzare meglio i diversi canali e le diverse fonti di intelligence economica, ed ha implicato anche un aumento della disponibilità dell intelligence aziendale a cooperare con il Governo federale nel modellare una strategia aziendale internazionale condivisa. In contrasto con il sistema americano e simile a quello giapponese, il sistema tedesco è caratterizzato da un ingente volume di informazione derivante da una rete fortemente intrecciata e guidata da banche, compagnie assicurative e grandi gruppi industriali. A ciò si aggiunge un sistema di camere di commercio, perfettamente coinvolto in tutti gli aspetti delle politiche locali, provinciali e federali. La Francia promuove lo sviluppo di poles de competitivitée, una sorta di cluster o distretti territoriali, in cui organizzazioni, enti pubblici e aziende si uniscono e mettono a sistema informazioni e ricerche per realizzare innovazione tecnologica ed industriale, e guadagnare reciproci vantaggi competitivi. Al fine di ottimizzare la capacità di comunicazione e coordinamento con le imprese per la raccolta e diffusione delle proprie conoscenze, la Francia nel 1992 creò un associazione per la promozione di intelligence economica e competitiva ( l Association pour la promotion de l intelligence économique et concurrentielle ). Le politiche di intelligence economica godono di maggiore interesse quando sussistono situazioni di crisi, e governi ed aziende cercano un rilancio dell economia in un contesto in cui si fa più forte la contrapposizione verso le aziende straniere e si è più esposti allo spionaggio economico industriale. In un mondo globalizzato, però, diventa anche complicato stabilire quando un azienda è straniera, basti pensare ad alcune multinazionali, quali General Motors, Coca-Cola, Chevron, o IBM, McDonald s, etc.; come si può fare azione di protezione delle aziende nazionali quando queste, diversificando la produzione, le vendite e le proprietà in tutto il mondo, diventano di fatto ad esse parificate e contribuiscono alla ricchezza dei Paesi in cui operano? L intelligence economica opera quindi in un contesto globale, in cui sono venuti meno i vantaggi competitivi tanto cari a Ricardo, e in cui vige invece costante una guerra economica, dove gli Stati che sono militarmente amici, non lo sono nel contesto economico, dove addirittura potrebbero essere i primi nemici ad esempio mettendo in atto azioni di spionaggio economico. Sulla base delle notizie ricevute da Wikileaks su nota dell'ambasciata degli Stati Uniti a Berlino, il 4 Gennaio 2010 il quotidiano norvegese Aftenposten scriveva che la Francia, più di Cina e Russia, era il Paese più attivo in termini di spionaggio industriale nei confronti dei suoi alleati europei, tanto che il danno che arreca all'economia tedesca, nel complesso, è maggiore dei danni causati dalla Cina o dalla Russia. 8

9 5. Servizi di Intelligence Economica e valore economico dei benefici Abbiamo visto come, che abbia impostazione difensiva o che si spinga ad intelligence competitiva fino allo spionaggio economico, a seconda della collettività del beneficio offerto, l intelligence economica può essere classificata in istituzionale o aziendale. L intelligence istituzionale lavora al servizio dei governi e ha mission e sfera d azione differenti a seconda dei fini ultimi che il Governo vorrebbe raggiungere con i benefici ottenuti dalle informazioni ricevute. Quando il beneficio è collettivo ed è il Governo a commissionare i prodotti informativi, si possono classificare sei tipologie di interesse da perseguire 7 : 1) il controllo delle attività dei servizi di intelligence estera e attività clandestine dirette contro i loro interessi economici e commerciali; 2) la tutela dei reati contro la competitività del Sistema Paese; 3) il supporto alle decisioni strategiche di tipo economico-finanziario; 4) la verifica del rispetto degli accordi internazionali, supporto agli accordi commerciali, tutela delle aziende nazionali da pratiche commerciali sleali, corruzione etc., 5) l attività di influenza e condizionamento di eventi, comportamenti e politiche di Paesi esteri; 6) la ricerca di informazioni sensibili relative ad aspetti commerciali, organizzativi e tecnologia, per favorire la competitività di aziende nazionali. Le sei tipologie segnalate vanno in ordine crescente di invasività dell azione di intelligence e mostrano sostanzialmente il suo passaggio da una impostazione prettamente difensiva ad una estremamente competitiva. La prima tipologia è quella che tutti hanno a fattor comune, alla base del concetto di salvaguardia della sicurezza economica nazionale, e della tutela degli interessi economici, scientifici e industriali, in questo caso attraverso il controllo delle mosse dei servizi stranieri. Alcuni Stati utilizzano i propri servizi di intelligence per prevenire e limitare le possibilità di acquisto di proprie aziende strategiche da parte di società straniere; per contro ce ne sono altri che li utilizzano per favorire l acquisto da parte delle proprie. La seconda, in parte appendice della prima, ha la funzione di tutelare la competitività dei mercati e del Sistema Paese, minacciata da azioni illecite e dinamiche criminali, il cui contrasto prevede azioni spesso congiunte di intelligence e polizia, a prevenire e contrastare azioni illegali o criminali sui mercati da parte di concorrenti sleali o vere e proprie organizzazioni criminali. Trattasi di azioni che rientrano anche tra i compiti dell intelligence istituzionale nel momento in cui vanno a minare la solidità di un sistema produttivo e pertanto la sicurezza economica nazionale. Particolare importanza stanno assumendo in tal senso i fenomeni della contraffazione e del riciclaggio di proventi illeciti, con intrecci spesso internazionali, oltre ad altre fattispecie delittuose quali frodi fiscali, truffe, appropriazioni indebite, reati fallimentari, riciclaggio di proventi illeciti, usura e traffico di stupefacenti. La terza tipologia è quella che rende più nobile l attività di intelligence economica e la rende maggiormente partecipe al processo strategico decisionale: i servizi di intelligence infatti, attraverso le loro peculiari ed esclusive capacità di raccolta, se adeguatamente preparati possono essere in grado di fornire preziose indicazioni, analisi di scenario e di prospettiva, 7 Si veda anche Porteous in Potter E. H., Economic Intelligence & National Security, McGill-Queen's Press,

10 valide per ottimizzare decisioni strategiche in materia di politica economica finanziaria ed industriale. Il supporto alle aziende in ottica difensiva è anch essa prassi consolidata a quasi tutti i servizi d informazione; esso consiste nel supporto che l intelligence, in modo più o meno esplicito, dà alle aziende che si internazionalizzano in Paesi dalle situazioni geopolitiche e geoeconomiche particolari, ma non solo. La conclusione di accordi commerciali avviene spesso per lo screditamento del competitors internazionali; trattasi quindi di attività sostanzialmente di controinformazione finalizzata ad influenzare importanti decisioni economiche di Paesi stranieri con l obbiettivo di avvantaggiare imprese amiche, o favorire l acquisto di risorse energetiche. L ultima tipologia è certamente quella che maggiori discussioni e problematiche genera, da un lato, perché consiste nello spionaggio economico effettuato con metodologie riservate ai soli servizi di informazione istituzionali, ma messe a disposizione di aziende amiche; dall altro, perché creare condizioni di vantaggio ai cosiddetti campioni nazionali crea comunque una disparità di trattamento verso altre aziende nazionali concorrenti. La maggior parte delle potenze occidentali sconfessa apertamente qualsiasi coinvolgimento in questa attività, ma disse un celebre autore: chi è senza peccato scagli la prima pietra. Le aziende, oltre a godere del beneficio collettivo generato dall intelligence istituzionale, possono a loro volta mettere in atto attività di intelligence economica aziendale, realizzandola al proprio interno tramite specifiche aree tendenzialmente riconducibili al marketing strategico, o rivolgendosi a servizi di intelligence privata. Rispetto ai servizi di informazione istituzionali, l attività di intelligence delle aziende deve limitarsi quasi esclusivamente alle sole fonti aperte, ma è anche in questo caso destinata al supporto delle decisioni strategiche aziendali relative a produzione, vendite, marketing etc. Le informazioni utili per una singola azienda sono sostanzialmente quelle relative a: nuovi mercati di approvvigionamento o di sbocco nazionale ed estero; fornitori e clienti nazionali ed esteri; propri competitors nazionali ed esteri; trend in atto, analisi di scenario e prospettiva. Tali informazioni potranno essere usate sia in senso difensivo che competitivo, ed anche in questo caso il passaggio da uso difensivo a competitivo rischia di sfociare in spionaggio economico e industriale con le dovute conseguenze penali del caso. L informazione, quindi, è il pilastro portante del processo decisionale: migliore è la qualità dell informazione e potenzialmente più efficace sarà la decisione strategica ad essa conseguente, seppure non sempre vi sia una correlazione diretta, ed in nessun caso la decisione strategica è obbligata al risultato della attività di intelligence realizzata. Deve esserci sempre implicito un beneficio economico, che può essere frutto dei maggiori introiti derivanti da operazioni messe in atto da governi ed imprese nazionali, piuttosto che dei costi risparmiati a seguito di azioni competitive o lesive della leale concorrenza da parte di Governi ed imprese estere o da operazioni di spionaggio economico. Ne consegue che le informazioni ottenute ed elaborate hanno un valore economico oltre che commerciale che deve tener conto: del costo di ricerca ed elaborazione; della sua collocazione temporale; del beneficio economico arrecato alla singola impresa o al Sistema Paese. Lo spionaggio economico è certamente l oggetto che viene messo più in risalto nelle attività di intelligence, con Stati che talvolta sono vittime e altre protagonisti. 10

11 Porteous e Brander 8, nel caso questo sia effettuato a cura dei servizi di informazione di uno Stato a favore delle proprie imprese, dato il valore economico generabile, lo vedono addirittura come forma di sussidio pubblico alle imprese. Le nazioni più innovative sono quelle che più hanno da perdere, in quanto lo spionaggio messo in atto andrà tendenzialmente a colpire i portatori di capitale intellettuale ed innovazione tecnologica. Gli Stati Uniti in tal senso sono la nazione più esposta e che maggiori risorse impegna sul controspionaggio. Furono proprio gli Stati Uniti a divulgare questo aspetto, con la pubblicazione di alcuni libri che denunziavano l'attività di spionaggio a danno delle loro aziende compiuta da Paesi amici e alleati, come la Corea del Sud, Taiwan e Israele, ma anche Francia e Germania 9. Nel 1993, il giornalista della Nbc Peter Schweizer con Friendly Spies, raccontò le attività di spionaggio che amici e alleati svolgevano per catturare soprattutto i segreti tecnologici, di uso civile e/o militare, delle imprese americane: informazioni sulle strategie industriali e commerciali, sui brevetti, sulla partecipazione a gare d'appalto. Le aziende che beneficiano dell opera di spionaggio risparmiano sugli investimenti in ricerca e sviluppo, ma il danno complessivamente arrecato alle imprese ed alle nazioni vittime dello spionaggio, sostiene Brander, sarà sempre superiore al beneficio generato. Tra i casi più eclatanti si ricordano: quello della Hughes Aircraft (società aerospaziale americana) dell aprile del 1993, che decise di non partecipare al Bourget Air Show in quanto avvisata d essere stata spiata dal servizio di intelligence francese (che puntava 49 compagnie americane) 10 ; nel 1992 i viaggiatori in business class americani furono informati di non volare con Air France dopo la scoperta che il servizio di intelligence francese era solito posizionare microspie in aereo utilizzando agenti infiltrati come passeggeri delle linee aeree e come assistenti di volo 11 ; nel 1991 i servizi di intelligence della Germania Orientale furono accusati di intercettare una compagnia estera di telecomunicazioni e di passare le informazioni alle compagnie concorrenti tedesche; nel 1980 gli agenti di intelligence giapponese furono sospettati, assieme alle multinazionali giapponesi, di dirigere operazioni segrete contro le aziende di alta tecnologia in California; una compagnia sud coreana avrebbe pagato un impiegato della General Electric 1 milione di dollari all anno per segreti commerciali concernenti la produzione sintetica dei diamanti; nel 2007 il campionato di Formula 1 è stato teatro del caso di spionaggio a danno della scuderia Ferrari da parte della McLaren. Nigel Stepney, il capo meccanico, oltre ad aver tentato un sabotaggio versando nei serbatoi delle vetture una polvere bianca nell aprile del 2007, consegna in McLaren un dossier di 780 pagine dettagliato dei disegni tecnici della Ferrari F2007; nel 1990 il gruppo Olivetti rimase coinvolto in una azione di spionaggio da parte di due suoi dipendenti d accordo con un agente del KGB che cercava di acquisire il sistema per proteggere i computer in uso alla NATO, non muniti di permessi del Cocom (l organismo atlantico che filtra la collocazione in aree sensibili di prodotti di tecnologici a valenza strategica); 8 Potter E. H., Economic Intelligence & National Security, McGill-Queen's Press, Quinn-Judge, U.S. Sends Warning on Corporate Spying, Boston Globe, 30 Aprile 1993, James F. McCarty, Cold War II Spies Target Trade Secrets, Plain Dealer, 21 Marzo

12 gli OLED Tv sono al centro di diverse accuse di spionaggio tra LG e Samsung con Samsung che accusa LG di spionaggio a seguito della presentazione di due prodotti praticamente con tecnologie identiche al CES 2012 di Las Vegas (Consumer electronics), oltre che tra la AU Optronics di Taiwan, contro la cinese Star Optoelectronics Technology. In entrambi i casi i sospettati, che nel secondo caso sono stati anche condannati, erano ricercatori e dipendenti passati alla concorrenza. Nello spionaggio economico tradizionale, i passaggi di informazione passavano sempre per mano di dipendenti o ricercatori complici; ma lo sviluppo della tecnologia e l uso oramai universale della rete ha allargato la modalità allo spionaggio elettronico, aprendo di fatto un altro grande tema dell intelligence economica che è la cyber war. Gli importi dei danni causati agli Stati dalle azioni di spionaggio economico sono sempre frutto di interpretazioni e stime, ma di difficile quantificazione. L Ufficio Scienze e Tecnologia della Casa Bianca aveva stimato un danno solo per l economia americana di oltre 100 miliardi all anno. La Banca Mondiale afferma che, su un Prodotto Interno lordo (PIL) globale di circa 70 miliardi di dollari nel 201, circa 400 milioni di dollari sono stati persi a causa di atti di cyber crime Conclusioni Nonostante il ritardo con cui si è avviato il processo di implementazione dell intelligence economica, l Italia sta progressivamente colmando quel gap normativo e operativo, avvicinandosi per sfera d azione e competenze agli altri Paesi. Sul versante Servizi di Informazione, l apertura voluta dall allora direttore del DIS, il Prefetto De Gennaro, e proseguita oggi dall Ambasciatore Massolo, è stato il primo passo per la promozione della cultura di intelligence presso aziende e opinione pubblica, andando innanzitutto a sanare la percezione di una funzione quasi ignota ai più, spesso richiamata dalla cronaca più per gli abusi di alcuni componenti del comparto che per l effettivo ruolo e funzione svolti per lo Stato e per la sicurezza collettiva. Importante in tal senso è il lavoro svolto dalla scuola di formazione del DIS, e la collaborazione promossa con le Università pubbliche, per sviluppare anche la cultura accademica dell intelligence economica. Sono stati avviati i primi Master Universitari e proliferano Corsi, centri studi, blog, think tank, a dimostrazione di un cambiamento culturale ben avviato. Dal punto di vista operativo, dalla lettura delle Relazioni annuali al Parlamento emerge l impostazione difensiva dei Servizi Italiani, che segnalano puntualmente i trend in atto, le minacce alla competitività da mire espansionistiche straniere e dai pervasivi insediamenti di matrice mafiosa nei tessuti economici e produttivi, le minacce alla infrastrutture strategiche, l attenzione all operato dei fondi sovrani, lo spionaggio economico e il rischio cybernetico etc. L intelligence economica, però, come abbiamo visto, deve operare all interno di un sistema integrato, che oltre alla produzione di informazioni produca anche decisioni strategiche, e quindi che, oltre ai Servizi di Informazione, veda collegati in una sorta di rete attori economici, pubblici ed aziende, che costruiscono e contribuiscono all intelligence economica di un Paese. In tal senso si stanno sviluppando modalità di collaborazione e condivisione delle informazioni con le aziende, in particolare con le Security delle grandi aziende strategiche, 12 Si veda anche: L impatto economico dello spionaggio informatico secondo Mcafee, di Niccolò De Scalzi in Meridiani Relazioni Internazionali - 12

13 mentre si è molto indietro con il coinvolgimento delle PMI, elemento caratterizzante del sistema produttivo italiano. La maggiore semplicità a dialogare delle aziende a vocazione internazionale, propense e abituate a confrontarsi con Servizi di Informazione italiani e stranieri, si scontra infatti con l approccio verso le piccole e medie aziende che operano nel contesto nazionale, meno addentrate nel concetto di intelligence e diffidenti e restie a condividere informazioni. Le Università in tal senso potrebbero essere quegli attori di facilitazione tra le parti, che potrebbero contribuire a individuare modelli e strategie di collaborazione, tipologia d informazioni condivisibili nel rispetto dei rispettivi ruoli 13. Le PMI, come rilevato anche nelle Relazioni al Parlamento, costituiscono il fulcro delle capacità di innovazione organizzativa, tecnologica e produttiva del Paese, il che le espone alle mire espansionistiche, allo spionaggio economico, ed alle azioni lesive alla corretta e leale competitività nei mercati. Singolarmente non sempre hanno forza, mezzi economici e competenze per proprie azioni di intelligence economica, ma rappresentano e hanno rappresentato per anni la peculiarità del tessuto produttivo italiano, quindi se non sono da considerare singolarmente tra quelle cosiddette strategiche, dovrebbero esserlo certamente nel senso di cluster, e rientrare a pieno titolo tra gli obbiettivi principali del sistema di intelligence economica italiana, con il coinvolgimento di associazioni di categoria e attori locali. Gli Americani insegnano che la mancata collaborazione e l assenza di sistema è un costo, così come i Francesi danno quotidianamente segno delle azione unitaria con il Governo a rafforzare le proprie mire espansionistiche; è sufficiente leggere delle operazioni di acquisizione internazionali realizzate negli ultimi anni, e delle grosse commesse internazionali acquisite nei vari settori dalle loro aziende, e della attenzione posta proprio sullo sviluppo dei poles de competitivité. La percezione è che, se l intelligence economica si deve adattare e conformare alle peculiarità del singolo Paese, proprio queste peculiarità sono quelle che meno si stanno tutelando in Italia, non tanto per il lato operativo dell intelligence economica, ma per il processo decisionale che ne consegue. La crisi economica e soprattutto finanziaria delle PMI, la svendita a Paesi stranieri, la totale assenza di una politica industriale ed energetica, mostrano infatti le difficoltà non tanto a reperire informazioni strategiche, quanto piuttosto a prendere decisioni strategiche, il che rende urgente chiudere quanto prima il cerchio dell intelligence economica, con l allineamento anche in termini di competenze di tutti gli attori che ne fanno parte. 13 L. Hinna in occasione del Seminario L Intelligence Economica nelle ultime relazioni annuali di Governo e Comitato Parlamentare di Controllo, organizzato dal CISPA di Tor Vergata nell ambito del Master di II livello in Intelligence Economica presso ENEL lo scorso 13 Maggio. 13

14 Bibliografia essenziale COISSARD S., FONTANEL M., ZECRI J.L., Intelligence économique et pôles de compétitivité: de la gestion du capital informationnel à la création d avantages compétitifs spécifiques, in Management & Avenir, 2010/2 (n 32); FRAUMANN E., Economic Espionage: Security mission redefined, 1996; HALBY E., Intelligenza economica e& tecniche sovversive. Le armi della nuova economia, Franco Angeli, Milano, 2003; IZZI S., Intelligence e gestione delle informazioni. Attività preventiva contro i traffici illeciti, Franco Angeli, Milano, 2011; JEAN C., SAVONA P. (a cura di), Geoeconomia. Il dominio dello spazio economico, Franco Angeli, Milano, 1997; JEAN C., SAVONA P., Intelligence Economica. Il ciclo dell informazione nell era della globalizzazione, Rubbettino Editore, 2011; MARTRE H. (COMMISSARIAT GENERAL DU PLAN), Intelligence économique et Stratégie des entreprises, 1994; POTTER E. H., Economic Intelligence & National Security, McGill-Queen's Press, 1998; SISTEMA DI INFORMAZIONE PER LA SICUREZZA DELLA REPUBBLICA, Relazioni sulla politica dell informazione per la sicurezza, consultabili su 14

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRALISATION AND COORDINATION: THE TWIN CHALLENGES OF LABOUR

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Ricordo che solo la coesione nazionale e la completa conoscenza dei fini ultimi dell intelligence, da parte della collettività di uno Stato, permette

Ricordo che solo la coesione nazionale e la completa conoscenza dei fini ultimi dell intelligence, da parte della collettività di uno Stato, permette A13 Ricordo che solo la coesione nazionale e la completa conoscenza dei fini ultimi dell intelligence, da parte della collettività di uno Stato, permette il superamento del dilemma morale che si cela dietro

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Addendum Italiano Executive summary

Addendum Italiano Executive summary PwC s 2014 Global Economic Crime Survey Addendum Italiano Executive summary febbraio 2014 Executive Summary The highlights La diffusione del fenomeno delle frodi economico finanziarie in Italia Dall edizione

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners Studio Martelli Ulissi & Partners Il Kazakhstan conseguita l indipendenza dall'unione Sovietica e terminato il periodo di transizione con la ristrutturazione organizzativa, economica e legislativa ha dato

Dettagli

Formazione manageriale in Trentino

Formazione manageriale in Trentino Formazione manageriale in Trentino Linee strategiche Dal 2002 il sistema istituzionale trentino ha avviato una serie di esperienze di alta formazione nel settore turistico che, seppure in mutati assetti

Dettagli

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC)

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) Introduzione Il termine YEPP si riferisce all approccio e al metodo, riguardanti l empowerment dei giovani e lo sviluppo di comunità, che sono stati sviluppati

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Convegno di studio La biometria entra nell e-government Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Alessandro Alessandroni Cnipa alessandroni@cnipa.it Alessandro Alessandroni è Responsabile

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura @bollettinoadapt, 2 maggio 2016 Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura di Chiara Mancini Tag: #ricerca #PNR #PianoNazionaleRicerca #innovazione #Horizon2020 #MIUR Lo scorso Primo

Dettagli

CYBERCRIME E CLOUD COMPUTING

CYBERCRIME E CLOUD COMPUTING CYBERCRIME E CLOUD COMPUTING UN RECENTE STUDIO COMUNITARIO TRA EVOLUZIONE NORMATIVA E PROSPETTIVE Luca Di Majo La Direzione Generale sulle politiche interne in seno al Parlamento Europeo ha recentemente

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013 CARTELLA STAMPA di CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE Turismo integrato, motore di Expo 2015 Milano, 10 Dicembre 2013 INDICE 1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 2. PERCHÉ NASCE

Dettagli

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI OTTO AZIONI MISURABILI PER L UNIVERSITA, LA RICERCA E L INNOVAZIONE Premessa Nella comune convinzione che Università, Ricerca e Innovazione costituiscano una priorità per il

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA DI COSENZA DI LECCE DI MATERA DI TARANTO PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO DI CONSULTAZIONE PERMANENTE TRA LE PROVINCE DEL GOLFO DI TARANTO (COSENZA,

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

Costruire un economia digitale: l importanza di salvaguardare i livelli occupazionali nelle industrie creative dell UE

Costruire un economia digitale: l importanza di salvaguardare i livelli occupazionali nelle industrie creative dell UE SINTESI DELLO STUDIO Marzo 2010 Costruire un economia digitale: l importanza di salvaguardare i livelli occupazionali nelle industrie creative dell UE TERA Consultants Lo studio è stato condotto da TERA

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Ho l onore di partecipare a questa conferenza, in una sede prestigiosa, assieme a esponenti istituzionali di altri paesi, proprio in un momento storico in cui più intensa e probabilmente proficua è la

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

Fondimpresa Avviso 5/2015. Piano Territoriale Codice Piano POI1444908731677

Fondimpresa Avviso 5/2015. Piano Territoriale Codice Piano POI1444908731677 Fondimpresa Avviso 5/2015 Piano Territoriale Codice Piano POI1444908731677 Sintesi dei Piano Il Piano PointConnecting" coinvolge aziende del territorio campano, accomunate da piani di investimento volti

Dettagli

CLUSTER ALISEI, SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE E INTEGRAZIONE DELLE RISORSE

CLUSTER ALISEI, SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE E INTEGRAZIONE DELLE RISORSE CLUSTER ALISEI, SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE E INTEGRAZIONE DELLE RISORSE Anna Allodi Rappresentante pro tempore del Cluster Alisei e Direttore Generale CIRM Le Scienze della vita (1/2) Il settore "Scienze

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

La Criminalità Informatica e i Rischi per l'economia e le Imprese a Livello Italiano ed Europeo. Flavia Zappa

La Criminalità Informatica e i Rischi per l'economia e le Imprese a Livello Italiano ed Europeo. Flavia Zappa La Criminalità Informatica e i Rischi per l'economia e le Imprese a Livello Italiano ed Europeo Flavia Zappa Metodologia della ricerca Analisi dei risultati Individuazione vulnerabilità delle PMI e necessità

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 TTS Italia, l Associazione ITS Nazionale fondata nel 1999, rappresenta circa 80 Enti,

Dettagli

pubblica amministrazione

pubblica amministrazione scenario L Ente locale oggi è diventato promotore dello sviluppo di una società territoriale sempre più dinamica, complessa ed esigente. Comuni, Provincie e Regioni rispondono alla collettività e al territorio

Dettagli

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO www.magellanopa.it INDICE INTRODUZIONE... 3 1. IL QUADRO STORICO DI RIFERIMENTO... 5 2. IL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA PA... 7 www.magellanopa.it 2 INTRODUZIONE

Dettagli

L OFFERTA PER L ORDI NE DEGLI ARCHITETTI DI VARESE

L OFFERTA PER L ORDI NE DEGLI ARCHITETTI DI VARESE L OFFERTA PER L ORDI NE DEGLI ARCHITETTI DI VARESE L Ordine degli architetti di Varese è interessato a sviluppare a) un ciclo di incontri di formazione sulle tematiche dell internazionalizzazione da offrire

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

Cloud Computing e Mobility:

Cloud Computing e Mobility: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cloud Computing e Mobility: Lo studio professionale agile e sicuro Davide Grassano Membro della Commissione Informatica 4 dicembre 2013 - Milano Agenda 1

Dettagli

Il fare impresa dei migranti in Italia

Il fare impresa dei migranti in Italia Il fare impresa dei migranti in Italia Natale Forlani direttore generale immigrazione ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali L Italia è stata per quasi un secolo e mezzo un Paese a forte emigrazione.

Dettagli

Istituto Nazionale Previdenza Sociale. Osservatorio. Lavoro Nero

Istituto Nazionale Previdenza Sociale. Osservatorio. Lavoro Nero Osservatorio Lavoro Nero Sommario Introduzione... 2 La revisione delle procedure informatiche... 3 Osservatorio del Lavoro Nero... 6 La nuova piattaforma... 6 Analisi della posizione del lavoratore - post

Dettagli

L industria agroalimentare italiana

L industria agroalimentare italiana Il sistema italiano L importanza del sistema italiano Strette connessioni fra agricoltura, industria di trasformazione e distribuzione : necessità di una visione più complessiva del sistema L industria

Dettagli

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su CNEL Consiglio nazionale dell economia e del lavoro Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su Disposizioni in materia di statistiche di genere Assemblea 26 giugno

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia LE FORME AGGREGATIVE NELLE IMPRESE TURISTICHE 2 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Globalizzazione

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

Innovations for a MAde Green IN Europe

Innovations for a MAde Green IN Europe PROGETTO IMAGINE Innovations for a MAde Green IN Europe SOGGETTO FINANZIATORE: Unione Europea Linea di finanziamento bandi CIP - EcoInnovation BENEFICIARIO: ASEV - AGENZIA PER LO SVILUPPO EMPOLESE VALDELSA

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA

FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il ruolo dei Venture Capital (VC) nel finanziamento dello sviluppo industriale e economico è esemplificato da alcuni dati. Nel 2006,

Dettagli

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario RUOLO E PROSPETTIVE DELLA MUTUALITÀ NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario Placido Putzolu - Presidente FIMIV Federazione Italiana Mutualità Integrativa Volontaria

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UN MODELLO MANAGERIALE PER LA GESTIONE DEL FENOMENO DEI BENI CONFISCATI

PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UN MODELLO MANAGERIALE PER LA GESTIONE DEL FENOMENO DEI BENI CONFISCATI PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UN MODELLO MANAGERIALE PER LA GESTIONE DEL FENOMENO DEI BENI CONFISCATI Secondo i dati dell ANBSC (Agenzia Nazionale per l Amministrazione e la Destinazione dei Beni Sequestrati

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione A13 Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione Profili di rischio e di solvibilità Prefazione di Antonio Minguzzi Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles n 4 Marzo/Aprile 2014 in collaborazione con S O M M A R I O A C C E S S O A I F I N A N Z I A M E N T I Horizon 2020 Operativo lo strumento PMI N E W S D A L L E I

Dettagli

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 slide 1 Introduzione Lo scopo di questo intervento è di presentare un iniziativa che sta muovendo i primi passi in queste settimane e che mira

Dettagli

Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita

Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita Gestione dei processi di vendita Master di I livello L Università degli Studi di Torino Dipartimento di Management, attraverso il Bando

Dettagli

5. IL MERCATO DELLA FORMAZIONE A DISTANZA

5. IL MERCATO DELLA FORMAZIONE A DISTANZA 5. IL MERCATO DELLA FORMAZIONE A DISTANZA Quali segnali provengono dal mercato dell e-learning? Diventerà effettivamente un settore cardine dell economia mondiale o si tratta di un settore destinato ad

Dettagli

Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR. La dimensione operativa

Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR. La dimensione operativa Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR La dimensione operativa Una nuova visione della CSR Quello della responsabilità sociale è un valore che viene accettato

Dettagli

COMITATO DI DISTRETTO DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO

COMITATO DI DISTRETTO DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO del LINEA D AZIONE 6 SCHEDA PROGETTO n. 6.3 PROGRAMMA DI SVILUPPO del TITOLO DEL PROGETTO PROGRAMMA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO. Pagina 1 di 7 del

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration)

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Conferenza Europea sulle Politiche sanitarie: opportunità per il futuro Copenaghen, Danimarca, 5-9 dicembre 1994. La Conferenza ha concordato di

Dettagli

LA STRATEGIA ITALIANA IN MATERIA

LA STRATEGIA ITALIANA IN MATERIA LA STRATEGIA ITALIANA IN MATERIA DI CYBER SECURITY STEFANO MELE HackInBo 2014 - Bologna 03 MAY 2014 @MeleStefano Avvocato specializzato in Diritto delle Tecnologie, Privacy, Sicurezza ed Intelligence.

Dettagli

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013 Convegno ANFIA Torino, 7 maggio 2013 Scaletta presentazione Dott. Bonomi INTRODUZIONE anche se il momento è difficile e carico di incertezze bisogna cercare di capire quali sono le occasioni per migliorare

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE LIBRERIE INDIPENDENTI E PICCOLA EDITORIA IN PIEMONTE SINTESI DEI DATI 15 Maggio 2010 La piccola editoria in Piemonte Il Piemonte si presenta oggi come il secondo polo produttivo d Italia sia per numero

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI

COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI I COSTI LOGISTICI COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI di Andrea Moneta Produzione e logistica >> Logistica DEFINIZIONE E AREE DI COMPETENZA Quando si parla di costi logistici generalmente si tende ad associare

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè EVENTO OLIVETTI Milano, via Savona 15 Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè Buon giorno a tutti, è per me un piacere oggi partecipare a questo evento organizzato per la presentazione della nuova

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Export manager per il settore della nautica da diporto

Export manager per il settore della nautica da diporto PROGETTO COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica da diporto FORMAZIONE SUPERIORE Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica

Dettagli