Intelligence Economica tra accademia e realtà di Francesco Farina 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Intelligence Economica tra accademia e realtà di Francesco Farina 1"

Transcript

1 Intelligence Economica tra accademia e realtà di Francesco Farina 1 1. PREMESSA - 2. INTELLIGENCE E SICUREZZA ECONOMICA 3. INTELLIGENCE ECONOMICA E ACCADEMIA 4. LO SPAZIO D AZIONE DELL INTELLIGENCE ECONOMICA 5. SERVIZI DI INTELLIGENCE ECONOMICA E VALORE ECONOMICO DEI BENEFICI 6. CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE Abstract L intelligence economica è una disciplina in continua evoluzione, non perfettamente ascrivibile ai canoni accademici, ma che affonda le proprie radici su discipline scientifiche assai note. L analista di intelligence economica è quella figura chiamata a realizzare i dettami di questa disciplina, combinando l azione di intelligence, storicamente legata alla tradizionale protezione degli interessi politici e militari del Paese, all azione di analisi ed elaborazione di scenari, tipica invece del contesto scientifico, economico e aziendale. L intelligence economica, in Italia come in altri Paesi, ha avuto come principale elemento propulsore la tutela degli interessi economici, scientifici e industriali, operazione la cui regia può essere interpretata dagli organismi istituzionali, dalle aziende o dalla loro azione coordinata. La sicurezza e la competitività della singola azienda è elemento di una più importante equazione della sicurezza e competitività del Sistema Paese; sembra pertanto naturale, come avviene da diversi anni negli altri Paesi, che intelligence istituzionale ed intelligence aziendale individuino modalità di incontro e condivisione di informazioni, nel rispetto della riservatezza e dei propri ruoli. Partendo dallo scenario di riferimento, si individueranno attori, conoscenze e competenze che potrebbero far parte di un sistema regolato di condivisione delle informazioni, anche alla luce dell esperienza internazionale. 1 Phd in Public Management & Governance, Coordinatore del Master di II livello in Intelligence Economica organizzato dal CISPA (Centro Interdipartimentale di Studi sulla Pubblica Amministrazione) dell Università degli Studi di Roma Tor Vergata. 1

2 1. Premessa Quello di intelligence economica è un concetto in piena evoluzione che va implementandosi in tutti i Paesi, siano essi industrializzati o in via di sviluppo, con obbiettivi e interessi diversi, a seconda di quelle che sono le peculiarità nazionali da tutelare o da promuovere. L intelligence economica di uno Stato non può essere ricondotta alla sola azione dei suoi Servizi di Informazione su tematiche economiche e finanziarie, ma deve identificarsi in un sistema integrato di cui l informazione è certamente il pilastro portante. All interno del sistema ci sono poi, da un lato, gli attori economici, pubblici e privati, nazionali e locali, che definiscono gli obiettivi a cui collegare la richiesta di informazione; dall altro, coloro che dovranno utilizzare quella informazione per prendere le decisioni strategiche, siano esse finalizzate ad un beneficio individuale o ad uno collettivo. Presupposto fondamentale, affinché sussista e funzioni un sistema integrato di intelligence economica, è la definizione degli obbiettivi comuni e l allineamento su conoscenze e competenze che devono caratterizzare gli attori dell intelligence economica, aziende come istituzioni, decisori come analisti. 2. Intelligence e sicurezza economica E ormai prassi consolidata identificare lo sviluppo dell intelligence economica nei Paesi economicamente avanzati con la caduta del muro di Berlino e con la fine della Guerra Fredda. La guerra economica in sé ha invece origini e sviluppi ben radicati nei secoli precedenti, essendo sempre stata ragione, implicita o esplicita, delle guerre in campo militare. Il cambiamento evidente del post guerra fredda è quindi la maggiore attenzione posta alla correlazione tra economia e sicurezza, spostando la potenza di fuoco dal campo militare a quello economico, con il controllo dell'informazione divenuto fattore determinante della competizione globale. Lo sviluppo dell intelligence economica si ricollega quindi allo sviluppo e alla tutela della ricchezza di una nazione, identificabile tanto nelle risorse naturali di cui questa dispone, quanto nei suoi investimenti, frutto di attività di ricerca ed innovazione, intellettuale, scientifica ed industriale. Il processo di globalizzazione ne ha indubbiamente accelerato le dinamiche, con Stati e aziende alla ricerca di vantaggi competitivi e concentrati sulla difesa dallo spionaggio economico del proprio capitale scientifico ed intellettuale. In tal senso, l attività d intelligence economica è andata sempre più assumendo un ruolo chiave a supporto del processo strategico e decisionale di Stati ed imprese, seppur diversi sono stati i tempi di reazione e le modalità di attuazione da parte dei singoli Paesi e dei rispettivi Servizi Istituzionali e Agenzie. Negli Stati Uniti il concetto di sicurezza economica nazionale trova evidenza con la prima presidenza Clinton, ed in particolare con la National Security Strategy, che prescriveva che i Servizi informativi USA dovessero seguire gli sviluppi politici, economici, sociali e militari in tutte le parti del mondo, in tutti i settori in cui fossero coinvolti interessi americani e dove le informazioni da fonti aperte fossero insufficienti. Una linea che ha portato ad una intelligence macroeconomica anche a beneficio delle singole imprese, implicando quindi un passaggio da un approccio difensivo, del periodo della guerra fredda, ad uno più offensivo. Tra le principali iniziative messe in atto in quegli anni, oggi pressoché invariate, vanno ricordate: 2

3 il National Economic Council, costituito nel 1993, che svolge attività di staff alla politica economica del Presidente, ma anche di controllo delle linee strategiche da questo definite, oltre a verificare la coerenza delle iniziative assunte dai vari Dipartimenti delle Agenzie federali. In buona sostanza, si occupa quindi della sicurezza economica; l Economic Espionage Act, la legge sullo spionaggio economico; l Advocacy Center, che venne creato nel 1993 al fine di sostenere le imprese americane all estero; costituisce uno dei centri più dinamici dell intelligence economica degli USA. In Russia, sicurezza interna ed esterna, così come attività di spionaggio e di controspionaggio, erano in capo al KGB; in seguito, con la scomparsa dell Unione Sovietica, e soprattutto dopo il tentativo di colpo di stato contro Gorbaciov, nel 1991 il KGB cessò di esistere e l intelligence della federazione russa è stata separata e fa capo a due istituzioni diverse (FSB, Sicurezza interna e controspionaggio; SVR, Spionaggio Estero), lasciando inalterato il servizio di intelligence militare. Entrambi fanno capo all Amministrazione Presidenziale e, in particolare, al Consiglio di Sicurezza della Federazione Russa. Dopo il 1991 il focus dell intelligence russa, prima orientato all acquisizione delle tecnologie strategiche, inizia a spostarsi anche sull acquisizione di informazioni economiche ed industriali. Quello che ha sempre contraddistinto l intelligence russa è il modello di reclutamento di agenti destinati allo spionaggio, che non è presente in nessun altro Paese. Dei veri e propri talent scout reclutano dei giovani brillanti nelle scuole secondarie e nelle università occidentali. Gli agenti possono aspettare anche 20 o 30 anni prima di diventare operativi, dopo che hanno fatto carriera nelle istituzioni o nelle industrie del loro Paese. La Russia è molto attiva dal punto di vista delle tecnologie, ha una serie di stazioni di ascolto che coprono l intero globo, così come circa 160 satelliti in orbita per quanto riguarda l IMINT (IMagery INTelligence). L intelligence economica francese si è sempre caratterizzata per lo stretto rapporto tra lo Stato e le grandi imprese, che condividono tra l altro la formazione di dirigenti pubblici e privati provenienti quasi interamente dalle Grandes Écoles, collaborazione che coinvolge anche le associazioni di categoria e le università, accentuatasi soprattutto nei primi anni del dopoguerra. Lo sdoganamento dell intelligence economica in Francia si deve principalmente al rapporto dell allora Commissariat Général du Plan curato da Henri Martre (poi diventato Centre d analyse stratégique CAS dal 2006, e dal 2013 Commissariat général à la stratégie et à la prospective CGSP), nel quale emergeva la prospettiva di migliorare le capacità offensive e difensive dell intelligence economica sia pubblica che delle imprese. Nel 1995, al fine di dare attuazione alle raccomandazioni di Martre, venne istituito il Comité pour la Compétitivité et la Sécurité Economique (CCSE), con compiti simili a quelli del National Economic Council americano. Il Regno Unito, contraddistintosi sempre per la riservatezza sull organizzazione e sulle attività dei Servizi di Intelligence, ha approvato nel 1994 il British Intelligence Services Act, che ha precisato i compiti dell apparato dell intelligence britannica, autorizzandolo di fatto a svolgere qualsiasi attività nei due settori, della sicurezza nazionale e del benessere economico del Regno Unito, pur tenendoli separati, rispetto agli Stati Uniti che consideravano invece il benessere economico come una componente determinante della sicurezza nazionale. Anche la Germania è sempre stata molto attiva, con una forte integrazione tra il settore pubblico e le imprese private, coordinate dalla diffusione di documenti che fissano le linee guida delle strategie da seguire per l intelligence economica e industriale nelle varie regioni 3

4 del mondo. I Servizi Tedeschi sono particolarmente attivi nel settore delle intercettazioni e della pirateria informatica, in particolare grazie alla stretta collaborazione con la Siemens, che permette l afflusso di un enorme quantità di notizie, che vengono analizzate e diffuse alle istituzioni e alle imprese. Verso la metà degli Anni Ottanta il BND (Bundes Nachrichten Dienst), il Servizio Federale di Sicurezza Esterna, mise in atto il progetto Rahad, con il quale puntava ad accedere alle banche dati di aziende e governi di tutto il mondo, riorientato nel 1991 dopo la guerra fredda su obbiettivi economici, finanziari, tecnologici e commerciali. Il Giappone, con il suo DRP (Department of Research and Planning), ha sempre attribuito una grande importanza all intelligence economica offensiva e allo spionaggio industriale, coinvolgendo non solo le istituzioni dello Stato, ma anche le imprese, le banche, le Università ed altri attori specializzati in reperimento legale ed illegale delle informazioni. Nonostante le dimensioni del servizio di intelligence siano molto ridotte, l intelligence economica giapponese è una delle migliori del mondo. In Cina la commissione statale per la scienza e la tecnologia (SSTC) istituita nel 1958 e ristrutturata nel 1975, si dedica alla localizzazione, identificazione e raccolta di tecnologia per perseguire il raggiungimento degli obbiettivi economici. Sono tre i servizi di intelligence coinvolti anche nella raccolta di informazioni economiche e, soprattutto, tecnologiche: il Ministero per la Sicurezza dello Stato (MSS), che si occupa della sicurezza esterna; il Ministero della Pubblica Sicurezza (MPS), che si occupa della sicurezza interna e del controspionaggio, ma effettua anche attività di intelligence nei riguardi degli stranieri residenti in Cina; il Dipartimento Militare di Intelligence (MID), che svolge attività di supporto in campo TECHINT (TECHnical INTelligence) a favore degli altri servizi ed è incaricato di raccogliere dati sulle tecnologie militari. L MSS riveste una particolare importanza per l intelligence economica; secondo un rapporto presentato dal Pentagono al Congresso USA, il MSS opera nel campo dell intelligence economica e tecnologica secondo tre modelli: 1. il reclutamento diretto di scienziati e di accademici, inviati poi all estero di massima per un periodo di sei anni; 2. l acquisizione, da parte di imprese cinesi, di compagnie occidentali, per venirne in possesso delle tecnologie; 3. l acquisto di tecnologie tramite ditte cinesi, collegate con l MSS. Secondo l FBI, questo metodo ha prodotto i maggiori risultati; sarebbero le società cinesi coinvolte nella ricerca tecnologica. Negli Anni Novanta i Paesi più industrializzati si adeguavano quindi al nuovo paradigma dell intelligence, e anche in Italia, con l allora Presidente Cossiga, se ne iniziava a parlare, in particolare con la creazione di un gruppo di lavoro per la riforma dei Servizi anche per favorire l evoluzione di un concetto di intelligence economica non ancora ben definito, che faceva riferimento esclusivamente alla sicurezza economica dello Stato, intesa come ricerca e contrasto di pericoli che corre lo Stato a seguito di vicende economiche. Questa visione restrittiva dell intelligence economica derivava dal fatto che, andando ad attribuire competenze economiche ai Servizi, si potevano generare conflitti con l attività di politica interna ed estera svolta dal Governo e dalla Pubblica Amministrazione. La vera svolta in termini di intelligence economica si è però avuta solo nel 2007 con la Legge di riforma dei Servizi (Legge 124/2007), integrando la mission delle due Agenzie Italiane 4

5 ribattezzate con l occasione AISE (Agenzia Informazioni e Sicurezza Esterna, delegata a svolgere attività in materia di controproliferazione concernenti materiali strategici e quelle di informazione per la sicurezza, al di fuori del territorio nazionale, a protezione degli interessi politici, militari, economici, scientifici ed industriali dell Italia, e a individuare e contrastare al di fuori del territorio nazionale le attività di spionaggio dirette contro l Italia e quelle volte a danneggiare gli interessi nazionali) e AISI ( Agenzia Informazioni e Sicurezza Interna, con le stesse deleghe ma per l interno). La legge 124/2007 ha quindi cercato di risolvere la diatriba legata alla attribuzione di competenze economiche ai Servizi, che potessero generare conflitti con l attività di politica interna ed estera svolta dal Governo e dalla Pubblica Amministrazione. La necessità era infatti quella di mettersi al passo con gli altri Paesi per giungere ad un integrazione culturale tra l attività svolta dai Servizi con quella politica e della Pubblica Amministrazione, oltre che alla promozione della cultura di intelligence presso l opinione pubblica. 3. Intelligence Economica e Accademia La lettura delle esperienze internazionali mostra come lo sviluppo di attività accademica e scientifica nel campo dell intelligence economica sia andato di pari passo ai processi di implementazione operativa ed organizzativa attuati dai Governi. L accademia infatti è solita studiare, analizzare e modellizzare fenomeni ed esperienze, al fine di realizzare, soprattutto in campo economico, circoli virtuosi di crescita e innovazione. Lo studio dell intelligence economica non implica la costruzione ex novo di concetti e modelli, ma serve soprattutto a dare una visione integrata e sistemica del perfezionamento di discipline accademiche esistenti. L attività di intelligence in sé consiste nella ricerca, raccolta, sistematizzazione e analisi di dati ed informazioni, ma, nella sua applicazione, non la si considera come mero strumento di ricerca di informazioni sensibili, quanto piuttosto parte integrante di un processo strategico e decisionale. L intelligence economica si è pertanto affermata come attività al servizio delle decisioni strategiche, che contempla e richiama concetti, strumenti, metodologie, conoscenze e competenze sviluppate in diversi contesti, commerciali come istituzionali, accademici come operativi, scientifici come industriali. Il Prof. Paolo Savona è solito inquadrarla come disciplina onnivora, in particolare di contenuti delle materie di economia e management, ma in realtà i settori scientificodisciplinari da cui attinge sono numerosi, dalla matematica all informatica, dalla geologia alla geofisica, dall antropologia alla genetica, dai sistemi per l energia e l ambiente alle telecomunicazioni, dalla storia medievale alla psicologia sociale, dal diritto privato al diritto penale, oltre ovviamente a tutti i settori delle scienze economiche e statistiche. Lo sviluppo accademico dell intelligence economica è quindi direttamente correlato alla sua implementazione da parte dei Governi, e si concretizza generalmente quando si realizzano quattro passi fondamentali: I. la diffusione della cultura di intelligence tra Amministrazioni Pubbliche, aziende e opinione pubblica; II. l inserimento dell intelligence economica tra le leve strategiche per la definizione di politiche economiche ed industriali di un Paese; 5

6 III. IV. l adeguamento anche normativo delle mission e della sfera di azione dei Servizi e delle Agenzie Istituzionali e la definizione di modalità di integrazione e comunicazione con istituzioni e centri decisionali; la realizzazione di sistemi di integrati di intelligence economica nei quali coinvolgere e valorizzare Servizi ed Agenzie Istituzionali, aziende, Università e centri di ricerca, organi strategici e decisionali pubblici. La Francia, ad esempio, è il Paese che maggiore innovazione ha portato alla teorizzazione dell intelligence economica 2 ; oltre ad aver sempre posto grande attenzione nella formazione tanto dei manager pubblici quanto di quelli privati nelle proprie écoles, si è puntualmente mossa con la promozione governativa di centri di ricerca e di attività formative in ambito universitario e ha sviluppato una cultura accademica specifica sul tema. A titolo di esempio si elencano alcuni dei principali corsi avviati da Università e Centri Studi francesi reputati migliori nel : 1) Master en Stratégie d intelligence économique de l École de guerre économique; 2) Mastèr espécialisé intelligence scientifique, technique et économique de l'esiee (École supérieure d'ingénieurs en électonique et électrotechnique); 3) Mastère spécialisé intelligence économique et knowledge management du CERAM (Sophia Antipolis); 4) Master en intelligence économique et stratégie d'entreprise du Groupe ESC Toulouse; 5) Mastère spécialisé en intelligence économique et stratégique de l'eisti; 6) Master intelligence économique et communication stratégique de l'icomtec (Université de Poitiers); 7) Master en Sciences et Techniques de l'information et de la Communication (option valorisation de l'information) de l'institut d'études politiques d'aix en Provence; 8) Master en Intelligence Economique et Territoriale de l'institut Ingémédia (Université du Sud de Toulon et du Var); 9) Master en Intelligence économique et stratégies compétitives à l'université d'angers; 10) Master en Sciences économiques, Mention : Intelligence économique (Université de Toulouse); 11) Master spécialisé en Intelligence Economique et Développement des entreprises à l'école Européenne d'intelligence Economique (EEIE); 12) Master spécialisé Intelligence Économique et Gestion de l'innovation IEGI de l'université Jean Monnet. L Italia si presenta in netto ritardo rispetto ad altri Paesi, con un processo operativo e culturale che, come osservato, ha potuto avere di fatto inizio solo a partire dal Anche lo sviluppo di una accademia dedicata ha pertanto risentito di questo ritardo, con una disciplina che fino a qualche anno fa è stata contemplata sempre in modo destrutturato e mai sistemico, considerata per singole discipline, e come parte non caratterizzante di corsi di intelligence tradizionale, di geopolitica, di business intelligence, o di marketing strategico; tutti contenuti che la caratterizzano, ma che presi solo singolarmente non possono certo contribuire a studiarne, analizzarne e descriverne il fenomeno. 2 Paolo Savona in occasione della lectio magistralis tenuta all apertura della I edizione del Master in Intelligence Economica dell Università degli Studi di Roma Tor Vergata. 3 Si veda: 6

7 Con l apertura al concetto di sicurezza economica, e con l inizio del processo di trasformazione dei Servizi, anche in termini di recruitment e di perfezionamento delle aree di competenza, si è cosi iniziato a colmare anche il vuoto accademico 4. I primi passi dell Università Italiana, a fronte della nota école de guerre economique francese nata nel 1997, si possono identificare con il primo Master di II livello in Italia su Intelligence Economica attivato nel 2011 a cura dell Università di Tor Vergata; certamente testimonianza del processo in atto 5, ma di fatto primo oggettivo riscontro di passaggio accademico ben 14 anni dopo la nascita della principale scuola francese. 4. Lo spazio d azione dell Intelligence Economica Abbiamo visto come l intelligence economica, pur nascendo in contesto di guerra, diventi un importante supporto per le decisioni strategiche da assumere in campo economico, aziendale, commerciale, scientifico e industriale. Il fatto stesso di affiancare la parola economica ad intelligence, impone di considerare il beneficio economico che questa attività può generare, sia esso collettivo e riferito al sistema Paese, il che ci porta nella sfera di attività e mission di Servizi di informazione e Agenzie Istituzionali, o esclusivo, riconducibile quindi alle singole imprese, che ci porta invece verso una intelligence aziendale. Nella realtà è difficile sancire un confine netto tra intelligence cosiddetta istituzionale ed intelligence aziendale, piuttosto i moderni servizi di intelligence istituzionali cercano forme e modalità di collaborazione che possono essere più o meno integrate. La tutela degli interessi economici, scientifici e industriali, è il filo rosso che mette d accordo tutti, siano essi attori pubblici o privati. Ogni Stato orienta l azione di intelligence economica a seconda delle proprie peculiarità da promuovere o da tutelare, ed a seconda quindi del contesto economico e della congiuntura in cui opera. Uno Stato emergente e in crescita tenderà pertanto ad azioni di intelligence economica più competitive per acquisire informazioni strategiche che siano di supporto allo sviluppo delle proprie realtà aziendali ed industriali; uno Stato industrializzato e innovatore tenderà ad azioni di intelligence economica più difensiva a tutela degli investimenti, delle ricerche, ed in generale del capitale fisico ed intellettuale costruito con sacrifici e risorse. Ci sono contesti in cui i Governi agiscono più da facilitatori di mercato, garantendo al suo interno la leale e corretta competizione, altri in cui essi puntano tanto alla protezione quanto all espansione e promozione delle industrie nazionali ( campioni ) cercando di incidere direttamente sui mercati e supportando il settore privato con ampi servizi e informazioni. Il Giappone fu il primo Paese industrializzato a fare dell informazione una fondamentale leva del proprio sviluppo, rendendola, a differenza dei paesi anglosassoni, una risorsa collettiva, puntando a sinergie su strategie tecnologiche, industriali e commerciali che sono inscindibili dal sistema di intelligence economica offensivamente orientato. Martre nel suo rapporto aveva cosi sintetizzato le cinque maggiori caratteristiche dell uso strategico dell informazione 6 : - un approccio globale e locale al mondo dei mercati; 4 Si veda anche L. Hinna in A scuola di Intelligence Economica - Articolo di L. Ciaccia Formiche, Si veda Relazione 2011 sulla Politica della Informazione per la sicurezza. 6 Potter E. H., Economic Intelligence & National Security, McGill-Queen's Press,

8 - un approccio che è integrato con le strategie di ogni Paese che le aziende giapponesi stanno tentando di capire; - una strategia a lungo termine; - un approccio integrato con le strategie delle multinazionali giapponesi; - la diffusione selettiva della conoscenza. Gli Stati Uniti hanno sempre avuto un sistema asimmetrico e decentrato, con il più grande mercato aziendale di intelligence, orientato maggiormente all interesse singolo che a quello collettivo. L amministrazione Clinton ha tentato in proposito di esercitare un maggior controllo sulle sfide economiche rivolte agli Stati Uniti, attraverso tre comitati (sicurezza nazionale, economia, e interno), tutti con uguale potere, e che riferiscono direttamente al Presidente. La nuova struttura istituzionale rifletteva il desiderio a livello dell esecutivo di organizzare meglio i diversi canali e le diverse fonti di intelligence economica, ed ha implicato anche un aumento della disponibilità dell intelligence aziendale a cooperare con il Governo federale nel modellare una strategia aziendale internazionale condivisa. In contrasto con il sistema americano e simile a quello giapponese, il sistema tedesco è caratterizzato da un ingente volume di informazione derivante da una rete fortemente intrecciata e guidata da banche, compagnie assicurative e grandi gruppi industriali. A ciò si aggiunge un sistema di camere di commercio, perfettamente coinvolto in tutti gli aspetti delle politiche locali, provinciali e federali. La Francia promuove lo sviluppo di poles de competitivitée, una sorta di cluster o distretti territoriali, in cui organizzazioni, enti pubblici e aziende si uniscono e mettono a sistema informazioni e ricerche per realizzare innovazione tecnologica ed industriale, e guadagnare reciproci vantaggi competitivi. Al fine di ottimizzare la capacità di comunicazione e coordinamento con le imprese per la raccolta e diffusione delle proprie conoscenze, la Francia nel 1992 creò un associazione per la promozione di intelligence economica e competitiva ( l Association pour la promotion de l intelligence économique et concurrentielle ). Le politiche di intelligence economica godono di maggiore interesse quando sussistono situazioni di crisi, e governi ed aziende cercano un rilancio dell economia in un contesto in cui si fa più forte la contrapposizione verso le aziende straniere e si è più esposti allo spionaggio economico industriale. In un mondo globalizzato, però, diventa anche complicato stabilire quando un azienda è straniera, basti pensare ad alcune multinazionali, quali General Motors, Coca-Cola, Chevron, o IBM, McDonald s, etc.; come si può fare azione di protezione delle aziende nazionali quando queste, diversificando la produzione, le vendite e le proprietà in tutto il mondo, diventano di fatto ad esse parificate e contribuiscono alla ricchezza dei Paesi in cui operano? L intelligence economica opera quindi in un contesto globale, in cui sono venuti meno i vantaggi competitivi tanto cari a Ricardo, e in cui vige invece costante una guerra economica, dove gli Stati che sono militarmente amici, non lo sono nel contesto economico, dove addirittura potrebbero essere i primi nemici ad esempio mettendo in atto azioni di spionaggio economico. Sulla base delle notizie ricevute da Wikileaks su nota dell'ambasciata degli Stati Uniti a Berlino, il 4 Gennaio 2010 il quotidiano norvegese Aftenposten scriveva che la Francia, più di Cina e Russia, era il Paese più attivo in termini di spionaggio industriale nei confronti dei suoi alleati europei, tanto che il danno che arreca all'economia tedesca, nel complesso, è maggiore dei danni causati dalla Cina o dalla Russia. 8

9 5. Servizi di Intelligence Economica e valore economico dei benefici Abbiamo visto come, che abbia impostazione difensiva o che si spinga ad intelligence competitiva fino allo spionaggio economico, a seconda della collettività del beneficio offerto, l intelligence economica può essere classificata in istituzionale o aziendale. L intelligence istituzionale lavora al servizio dei governi e ha mission e sfera d azione differenti a seconda dei fini ultimi che il Governo vorrebbe raggiungere con i benefici ottenuti dalle informazioni ricevute. Quando il beneficio è collettivo ed è il Governo a commissionare i prodotti informativi, si possono classificare sei tipologie di interesse da perseguire 7 : 1) il controllo delle attività dei servizi di intelligence estera e attività clandestine dirette contro i loro interessi economici e commerciali; 2) la tutela dei reati contro la competitività del Sistema Paese; 3) il supporto alle decisioni strategiche di tipo economico-finanziario; 4) la verifica del rispetto degli accordi internazionali, supporto agli accordi commerciali, tutela delle aziende nazionali da pratiche commerciali sleali, corruzione etc., 5) l attività di influenza e condizionamento di eventi, comportamenti e politiche di Paesi esteri; 6) la ricerca di informazioni sensibili relative ad aspetti commerciali, organizzativi e tecnologia, per favorire la competitività di aziende nazionali. Le sei tipologie segnalate vanno in ordine crescente di invasività dell azione di intelligence e mostrano sostanzialmente il suo passaggio da una impostazione prettamente difensiva ad una estremamente competitiva. La prima tipologia è quella che tutti hanno a fattor comune, alla base del concetto di salvaguardia della sicurezza economica nazionale, e della tutela degli interessi economici, scientifici e industriali, in questo caso attraverso il controllo delle mosse dei servizi stranieri. Alcuni Stati utilizzano i propri servizi di intelligence per prevenire e limitare le possibilità di acquisto di proprie aziende strategiche da parte di società straniere; per contro ce ne sono altri che li utilizzano per favorire l acquisto da parte delle proprie. La seconda, in parte appendice della prima, ha la funzione di tutelare la competitività dei mercati e del Sistema Paese, minacciata da azioni illecite e dinamiche criminali, il cui contrasto prevede azioni spesso congiunte di intelligence e polizia, a prevenire e contrastare azioni illegali o criminali sui mercati da parte di concorrenti sleali o vere e proprie organizzazioni criminali. Trattasi di azioni che rientrano anche tra i compiti dell intelligence istituzionale nel momento in cui vanno a minare la solidità di un sistema produttivo e pertanto la sicurezza economica nazionale. Particolare importanza stanno assumendo in tal senso i fenomeni della contraffazione e del riciclaggio di proventi illeciti, con intrecci spesso internazionali, oltre ad altre fattispecie delittuose quali frodi fiscali, truffe, appropriazioni indebite, reati fallimentari, riciclaggio di proventi illeciti, usura e traffico di stupefacenti. La terza tipologia è quella che rende più nobile l attività di intelligence economica e la rende maggiormente partecipe al processo strategico decisionale: i servizi di intelligence infatti, attraverso le loro peculiari ed esclusive capacità di raccolta, se adeguatamente preparati possono essere in grado di fornire preziose indicazioni, analisi di scenario e di prospettiva, 7 Si veda anche Porteous in Potter E. H., Economic Intelligence & National Security, McGill-Queen's Press,

10 valide per ottimizzare decisioni strategiche in materia di politica economica finanziaria ed industriale. Il supporto alle aziende in ottica difensiva è anch essa prassi consolidata a quasi tutti i servizi d informazione; esso consiste nel supporto che l intelligence, in modo più o meno esplicito, dà alle aziende che si internazionalizzano in Paesi dalle situazioni geopolitiche e geoeconomiche particolari, ma non solo. La conclusione di accordi commerciali avviene spesso per lo screditamento del competitors internazionali; trattasi quindi di attività sostanzialmente di controinformazione finalizzata ad influenzare importanti decisioni economiche di Paesi stranieri con l obbiettivo di avvantaggiare imprese amiche, o favorire l acquisto di risorse energetiche. L ultima tipologia è certamente quella che maggiori discussioni e problematiche genera, da un lato, perché consiste nello spionaggio economico effettuato con metodologie riservate ai soli servizi di informazione istituzionali, ma messe a disposizione di aziende amiche; dall altro, perché creare condizioni di vantaggio ai cosiddetti campioni nazionali crea comunque una disparità di trattamento verso altre aziende nazionali concorrenti. La maggior parte delle potenze occidentali sconfessa apertamente qualsiasi coinvolgimento in questa attività, ma disse un celebre autore: chi è senza peccato scagli la prima pietra. Le aziende, oltre a godere del beneficio collettivo generato dall intelligence istituzionale, possono a loro volta mettere in atto attività di intelligence economica aziendale, realizzandola al proprio interno tramite specifiche aree tendenzialmente riconducibili al marketing strategico, o rivolgendosi a servizi di intelligence privata. Rispetto ai servizi di informazione istituzionali, l attività di intelligence delle aziende deve limitarsi quasi esclusivamente alle sole fonti aperte, ma è anche in questo caso destinata al supporto delle decisioni strategiche aziendali relative a produzione, vendite, marketing etc. Le informazioni utili per una singola azienda sono sostanzialmente quelle relative a: nuovi mercati di approvvigionamento o di sbocco nazionale ed estero; fornitori e clienti nazionali ed esteri; propri competitors nazionali ed esteri; trend in atto, analisi di scenario e prospettiva. Tali informazioni potranno essere usate sia in senso difensivo che competitivo, ed anche in questo caso il passaggio da uso difensivo a competitivo rischia di sfociare in spionaggio economico e industriale con le dovute conseguenze penali del caso. L informazione, quindi, è il pilastro portante del processo decisionale: migliore è la qualità dell informazione e potenzialmente più efficace sarà la decisione strategica ad essa conseguente, seppure non sempre vi sia una correlazione diretta, ed in nessun caso la decisione strategica è obbligata al risultato della attività di intelligence realizzata. Deve esserci sempre implicito un beneficio economico, che può essere frutto dei maggiori introiti derivanti da operazioni messe in atto da governi ed imprese nazionali, piuttosto che dei costi risparmiati a seguito di azioni competitive o lesive della leale concorrenza da parte di Governi ed imprese estere o da operazioni di spionaggio economico. Ne consegue che le informazioni ottenute ed elaborate hanno un valore economico oltre che commerciale che deve tener conto: del costo di ricerca ed elaborazione; della sua collocazione temporale; del beneficio economico arrecato alla singola impresa o al Sistema Paese. Lo spionaggio economico è certamente l oggetto che viene messo più in risalto nelle attività di intelligence, con Stati che talvolta sono vittime e altre protagonisti. 10

11 Porteous e Brander 8, nel caso questo sia effettuato a cura dei servizi di informazione di uno Stato a favore delle proprie imprese, dato il valore economico generabile, lo vedono addirittura come forma di sussidio pubblico alle imprese. Le nazioni più innovative sono quelle che più hanno da perdere, in quanto lo spionaggio messo in atto andrà tendenzialmente a colpire i portatori di capitale intellettuale ed innovazione tecnologica. Gli Stati Uniti in tal senso sono la nazione più esposta e che maggiori risorse impegna sul controspionaggio. Furono proprio gli Stati Uniti a divulgare questo aspetto, con la pubblicazione di alcuni libri che denunziavano l'attività di spionaggio a danno delle loro aziende compiuta da Paesi amici e alleati, come la Corea del Sud, Taiwan e Israele, ma anche Francia e Germania 9. Nel 1993, il giornalista della Nbc Peter Schweizer con Friendly Spies, raccontò le attività di spionaggio che amici e alleati svolgevano per catturare soprattutto i segreti tecnologici, di uso civile e/o militare, delle imprese americane: informazioni sulle strategie industriali e commerciali, sui brevetti, sulla partecipazione a gare d'appalto. Le aziende che beneficiano dell opera di spionaggio risparmiano sugli investimenti in ricerca e sviluppo, ma il danno complessivamente arrecato alle imprese ed alle nazioni vittime dello spionaggio, sostiene Brander, sarà sempre superiore al beneficio generato. Tra i casi più eclatanti si ricordano: quello della Hughes Aircraft (società aerospaziale americana) dell aprile del 1993, che decise di non partecipare al Bourget Air Show in quanto avvisata d essere stata spiata dal servizio di intelligence francese (che puntava 49 compagnie americane) 10 ; nel 1992 i viaggiatori in business class americani furono informati di non volare con Air France dopo la scoperta che il servizio di intelligence francese era solito posizionare microspie in aereo utilizzando agenti infiltrati come passeggeri delle linee aeree e come assistenti di volo 11 ; nel 1991 i servizi di intelligence della Germania Orientale furono accusati di intercettare una compagnia estera di telecomunicazioni e di passare le informazioni alle compagnie concorrenti tedesche; nel 1980 gli agenti di intelligence giapponese furono sospettati, assieme alle multinazionali giapponesi, di dirigere operazioni segrete contro le aziende di alta tecnologia in California; una compagnia sud coreana avrebbe pagato un impiegato della General Electric 1 milione di dollari all anno per segreti commerciali concernenti la produzione sintetica dei diamanti; nel 2007 il campionato di Formula 1 è stato teatro del caso di spionaggio a danno della scuderia Ferrari da parte della McLaren. Nigel Stepney, il capo meccanico, oltre ad aver tentato un sabotaggio versando nei serbatoi delle vetture una polvere bianca nell aprile del 2007, consegna in McLaren un dossier di 780 pagine dettagliato dei disegni tecnici della Ferrari F2007; nel 1990 il gruppo Olivetti rimase coinvolto in una azione di spionaggio da parte di due suoi dipendenti d accordo con un agente del KGB che cercava di acquisire il sistema per proteggere i computer in uso alla NATO, non muniti di permessi del Cocom (l organismo atlantico che filtra la collocazione in aree sensibili di prodotti di tecnologici a valenza strategica); 8 Potter E. H., Economic Intelligence & National Security, McGill-Queen's Press, Quinn-Judge, U.S. Sends Warning on Corporate Spying, Boston Globe, 30 Aprile 1993, James F. McCarty, Cold War II Spies Target Trade Secrets, Plain Dealer, 21 Marzo

12 gli OLED Tv sono al centro di diverse accuse di spionaggio tra LG e Samsung con Samsung che accusa LG di spionaggio a seguito della presentazione di due prodotti praticamente con tecnologie identiche al CES 2012 di Las Vegas (Consumer electronics), oltre che tra la AU Optronics di Taiwan, contro la cinese Star Optoelectronics Technology. In entrambi i casi i sospettati, che nel secondo caso sono stati anche condannati, erano ricercatori e dipendenti passati alla concorrenza. Nello spionaggio economico tradizionale, i passaggi di informazione passavano sempre per mano di dipendenti o ricercatori complici; ma lo sviluppo della tecnologia e l uso oramai universale della rete ha allargato la modalità allo spionaggio elettronico, aprendo di fatto un altro grande tema dell intelligence economica che è la cyber war. Gli importi dei danni causati agli Stati dalle azioni di spionaggio economico sono sempre frutto di interpretazioni e stime, ma di difficile quantificazione. L Ufficio Scienze e Tecnologia della Casa Bianca aveva stimato un danno solo per l economia americana di oltre 100 miliardi all anno. La Banca Mondiale afferma che, su un Prodotto Interno lordo (PIL) globale di circa 70 miliardi di dollari nel 201, circa 400 milioni di dollari sono stati persi a causa di atti di cyber crime Conclusioni Nonostante il ritardo con cui si è avviato il processo di implementazione dell intelligence economica, l Italia sta progressivamente colmando quel gap normativo e operativo, avvicinandosi per sfera d azione e competenze agli altri Paesi. Sul versante Servizi di Informazione, l apertura voluta dall allora direttore del DIS, il Prefetto De Gennaro, e proseguita oggi dall Ambasciatore Massolo, è stato il primo passo per la promozione della cultura di intelligence presso aziende e opinione pubblica, andando innanzitutto a sanare la percezione di una funzione quasi ignota ai più, spesso richiamata dalla cronaca più per gli abusi di alcuni componenti del comparto che per l effettivo ruolo e funzione svolti per lo Stato e per la sicurezza collettiva. Importante in tal senso è il lavoro svolto dalla scuola di formazione del DIS, e la collaborazione promossa con le Università pubbliche, per sviluppare anche la cultura accademica dell intelligence economica. Sono stati avviati i primi Master Universitari e proliferano Corsi, centri studi, blog, think tank, a dimostrazione di un cambiamento culturale ben avviato. Dal punto di vista operativo, dalla lettura delle Relazioni annuali al Parlamento emerge l impostazione difensiva dei Servizi Italiani, che segnalano puntualmente i trend in atto, le minacce alla competitività da mire espansionistiche straniere e dai pervasivi insediamenti di matrice mafiosa nei tessuti economici e produttivi, le minacce alla infrastrutture strategiche, l attenzione all operato dei fondi sovrani, lo spionaggio economico e il rischio cybernetico etc. L intelligence economica, però, come abbiamo visto, deve operare all interno di un sistema integrato, che oltre alla produzione di informazioni produca anche decisioni strategiche, e quindi che, oltre ai Servizi di Informazione, veda collegati in una sorta di rete attori economici, pubblici ed aziende, che costruiscono e contribuiscono all intelligence economica di un Paese. In tal senso si stanno sviluppando modalità di collaborazione e condivisione delle informazioni con le aziende, in particolare con le Security delle grandi aziende strategiche, 12 Si veda anche: L impatto economico dello spionaggio informatico secondo Mcafee, di Niccolò De Scalzi in Meridiani Relazioni Internazionali - 12

13 mentre si è molto indietro con il coinvolgimento delle PMI, elemento caratterizzante del sistema produttivo italiano. La maggiore semplicità a dialogare delle aziende a vocazione internazionale, propense e abituate a confrontarsi con Servizi di Informazione italiani e stranieri, si scontra infatti con l approccio verso le piccole e medie aziende che operano nel contesto nazionale, meno addentrate nel concetto di intelligence e diffidenti e restie a condividere informazioni. Le Università in tal senso potrebbero essere quegli attori di facilitazione tra le parti, che potrebbero contribuire a individuare modelli e strategie di collaborazione, tipologia d informazioni condivisibili nel rispetto dei rispettivi ruoli 13. Le PMI, come rilevato anche nelle Relazioni al Parlamento, costituiscono il fulcro delle capacità di innovazione organizzativa, tecnologica e produttiva del Paese, il che le espone alle mire espansionistiche, allo spionaggio economico, ed alle azioni lesive alla corretta e leale competitività nei mercati. Singolarmente non sempre hanno forza, mezzi economici e competenze per proprie azioni di intelligence economica, ma rappresentano e hanno rappresentato per anni la peculiarità del tessuto produttivo italiano, quindi se non sono da considerare singolarmente tra quelle cosiddette strategiche, dovrebbero esserlo certamente nel senso di cluster, e rientrare a pieno titolo tra gli obbiettivi principali del sistema di intelligence economica italiana, con il coinvolgimento di associazioni di categoria e attori locali. Gli Americani insegnano che la mancata collaborazione e l assenza di sistema è un costo, così come i Francesi danno quotidianamente segno delle azione unitaria con il Governo a rafforzare le proprie mire espansionistiche; è sufficiente leggere delle operazioni di acquisizione internazionali realizzate negli ultimi anni, e delle grosse commesse internazionali acquisite nei vari settori dalle loro aziende, e della attenzione posta proprio sullo sviluppo dei poles de competitivité. La percezione è che, se l intelligence economica si deve adattare e conformare alle peculiarità del singolo Paese, proprio queste peculiarità sono quelle che meno si stanno tutelando in Italia, non tanto per il lato operativo dell intelligence economica, ma per il processo decisionale che ne consegue. La crisi economica e soprattutto finanziaria delle PMI, la svendita a Paesi stranieri, la totale assenza di una politica industriale ed energetica, mostrano infatti le difficoltà non tanto a reperire informazioni strategiche, quanto piuttosto a prendere decisioni strategiche, il che rende urgente chiudere quanto prima il cerchio dell intelligence economica, con l allineamento anche in termini di competenze di tutti gli attori che ne fanno parte. 13 L. Hinna in occasione del Seminario L Intelligence Economica nelle ultime relazioni annuali di Governo e Comitato Parlamentare di Controllo, organizzato dal CISPA di Tor Vergata nell ambito del Master di II livello in Intelligence Economica presso ENEL lo scorso 13 Maggio. 13

14 Bibliografia essenziale COISSARD S., FONTANEL M., ZECRI J.L., Intelligence économique et pôles de compétitivité: de la gestion du capital informationnel à la création d avantages compétitifs spécifiques, in Management & Avenir, 2010/2 (n 32); FRAUMANN E., Economic Espionage: Security mission redefined, 1996; HALBY E., Intelligenza economica e& tecniche sovversive. Le armi della nuova economia, Franco Angeli, Milano, 2003; IZZI S., Intelligence e gestione delle informazioni. Attività preventiva contro i traffici illeciti, Franco Angeli, Milano, 2011; JEAN C., SAVONA P. (a cura di), Geoeconomia. Il dominio dello spazio economico, Franco Angeli, Milano, 1997; JEAN C., SAVONA P., Intelligence Economica. Il ciclo dell informazione nell era della globalizzazione, Rubbettino Editore, 2011; MARTRE H. (COMMISSARIAT GENERAL DU PLAN), Intelligence économique et Stratégie des entreprises, 1994; POTTER E. H., Economic Intelligence & National Security, McGill-Queen's Press, 1998; SISTEMA DI INFORMAZIONE PER LA SICUREZZA DELLA REPUBBLICA, Relazioni sulla politica dell informazione per la sicurezza, consultabili su 14

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Allegato II L ONU e le persone con disabilità

Allegato II L ONU e le persone con disabilità Allegato II L ONU e le persone con disabilità L impegno delle Nazioni Unite sul miglioramento dello Stato delle persone con disabilità Oltre mezzo miliardo di persone sono disabili come risultato di una

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 Pag. 33 (diffusione:581000) La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Introduzione Questa guida è stata realizzata per aiutare la vostra azienda a garantire l utilizzo legale del software di Siemens. Il documento tratta

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura

Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura ABBONATI RIVISTE ONLINE! TROVA AZIENDE EDILBOX CONTATTI HOME NEWS! AZIENDE ECONOMIA EDILIZIA IMMOBILI APPUNTAMENTI! LEGGI & NORME Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura CERCA

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli