John M. Nomikos e Andrew N. Liaropoulos Tutti i diritti riservati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Copyright @ John M. Nomikos e Andrew N. Liaropoulos Tutti i diritti riservati"

Transcript

1 1 John M. Nomikos e Andrew N. Liaropoulos Tutti i diritti riservati Autori Dr. John M. Nomikos. Direttore del Research Institute for European and American Studies (RIEAS), con sede ad Atene, Grecia, e Presidente del Mediterranean Council for Intelligence Studies (MCIS). Il Dr. Nomikos è specializzato in studi di intelligence nell area Europea e Americana, riforma dell intelligence, ordinamento delle agenzie di sicurezza nazionale, e sicurezza nell area del sud-est del Mediterraneo. Dr. Andrew N. Liaropoulos. Docente all Università di Piraeus, Grecia, e Analista Senior presso il Research Institute for European and American Studies (RIEAS). È specializzato in analisi della politica estera, e in riforma dell intelligence e del settore militare. Vera riforma o semplice risposta ai fallimenti dell intelligence? Alcune considerazioni sulla modernizzazione del servizio di intelligence nazionale greco (EYP - Ethniki Ypiresia Pliroforion) Abstract Scopo del presente articolo è quello di mettere in luce le sfide che la comunità di intelligence greca sta affrontando, e di enfatizzare la necessità di una vera riforma del servizio di intelligence nazionale greco (EYP - Ethniki Ypiresia Pliroforion). Nel corso degli ultimi anni, lo EYP ha sperimentato diversi fallimenti e fino ad oggi gli sforzi per riformarlo sono risultati inadeguati. Uno sguardo più attento, infatti, rivela che i tentativi di riforma del passato erano fondamentalmente una spasmodica reazione a fallimenti e pressioni politiche, anziché il frutto di un approfondita analisi del nuovo ruolo che lo EYP è chiamato a svolgere.

2 2 Introduzione La fine della Guerra fredda ha dato luogo a notevoli cambiamenti nel contesto internazionale, aggiungendo nuovi argomenti all agenda della sicurezza globale e modificando quelli ormai superati. Al giorno d oggi la sicurezza è definita sia in termini militari che non militari. Quest ultima definizione include il conflitto etnico e religioso, la proliferazione di armi di distruzione di massa, il terrorismo, il crimine organizzato e l immigrazione illegale. La sicurezza non è più quindi vista solo in termini militari; inoltre non è più possibile tracciare una chiara linea di demarcazione tra sicurezza interna ed esterna. 1 Al fine di fronteggiare efficacemente le nuove minacce alla sicurezza, gli stati devono quindi trasformare il loro apparato di sicurezza. I servizi di intelligence sono una componente importante del c.d. comparto sicurezza, e la necessità di riorganizzare la comunità di intelligence è stata varie volte presa in considerazione nel corso degli ultimi anni. 2 È in tale contesto che il presente articolo evidenzia le sfide che la comunità di intelligence greca sta affrontando, e mette in luce la necessità di una riforma del servizio di intelligence nazionale greco (EYP). Lo scopo è quello di contribuire al dibattito sul (mal)funzionamento dello EYP, e suggerire una serie di raccomandazioni che ne possano incrementare l efficienza. A tal fine, per prima cosa occorre esaminare il concetto di riforma dell intelligence, definire la ratio delle riforme ed analizzare le relative problematiche. Dopo aver formulato il concetto summenzionato di riforma dell intelligence, procederemo con l analisi del caso studio dello EYP. L articolo esamina gli aspetti salienti della storia dello EYP, mettendo in rilievo gli sviluppi e i fallimenti occorsi durante l ultimo decennio. Oggetto di questa indagine sono le modalità con le quali il governo greco ha risposto a questi fallimenti e gli sforzi fatti per modernizzare lo EYP. La conclusione raggiunta è che la riforma dello EYP non deve essere una reazione spasmodica ai passati fallimenti ed alle pressioni politiche, quanto piuttosto il risultato di un approfondita analisi del nuovo ruolo che il Servizio è chiamato a svolgere.

3 3 La riforma della comunità di intelligence Nell epoca post 11 settembre 2001, l intelligence è stata chiamata ad affrontare una serie di sfide senza precedenti. Il contesto internazionale ha subito delle trasformazioni e presenta maggiori complessità rispetto a quello nel quale operavano i servizi di intelligence nel corso della seconda metà del ventesimo secolo. In particolare, mentre la Guerra Fredda forniva un contesto ragionevolmente prevedibile e lineare per la comunità di intelligence, l inizio del ventunesimo secolo ha segnato un punto di svolta per la sicurezza nazionale. L intelligence ha infatti da allora dovuto affrontare una maggiore varietà di nemici e minacce, di complessità sempre più elevata. La comprensione lineare delle questioni di intelligence che tanto ha caratterizzato il periodo della Guerra Fredda è ormai un ricordo. 3 Le richieste di riforma dell intelligence, che emergevano piuttosto occasionalmente dopo la fine della Guerra Fredda, sono ora divenute un imperativo. La letteratura sulla riforma dell intelligence è piuttosto varia in termini sia di oggetto sia di metodologia. Gli argomenti maggiormente trattati sono quelli relativi all organizzazione della comunità di intelligence, al processo analitico, all utilità delle fonti aperte, al rapporto tra decisore e analista, alle covert operations, ed al ruolo svolto dalle tecnologie informatiche. Alcuni studiosi esaminano singole agenzie, mentre altri analizzano specifiche discipline dell intelligence come la human intelligence o la open source intelligence. Anche sotto il profilo metodologico la letteratura scientifica è piuttosto diversificata: alcuni studi adottano un approccio dall alto verso il basso o viceversa, mentre altri identificano modelli storici di mutamento. 4 Con riguardo al grado della riforma, William Lahneman, identifica tre ampie categorie. 5 Il primo gruppo di studiosi dell intelligence adotta una visione cauta della riforma dell intelligence. Essi infatti ritengono che gli sforzi fatti per cambiare in maniera incisiva il funzionamento della comunità di intelligence possa alla fin fine causare più danni che benefici. La riorganizzazione normalmente genera infatti nuove problematiche e necessità; la creazione di una nuova agenzia o di una unità specializzata genera uno spostamento dell attenzione su di un altra area, con il conseguente rischio di mettere in secondo piano le precedenti priorità e strutture. Tali studiosi inoltre affermano che i fallimenti dell intelligence non solo sono inevitabili ma anche naturali, e che il verificarsi, di tanto in tanto, di attacchi non previsti non debba minare il successo sostanziale della comunità d intelligence. 6 Un secondo

4 4 gruppo di esperti ritiene invece che la c.d. Revolution in Intelligence Affairs (RIA) è già in corso e che, pertanto, una riforma marginale non è sufficiente. I sostenitori di questa visione affermano che gli approcci tradizionali all intelligence non raggiungono oggigiorno lo scopo prefissato, e chiedono a gran voce una trasformazione radicale della comunità di intelligence. 7 Infine, il terzo gruppo, che costituisce la maggioranza, adotta una posizione più equilibrata rispetto a quelle più radicali appena enunciate. Essi ritengono che la decisione di riformare la comunità di intelligence può sì essere rivoluzionaria, ma la sua implementazione è sempre incrementale. Una riforma incisiva dell intelligence è vista come necessaria, ma a differenza dell approccio rivoluzionario, essi affermano che il cambiamento debba piuttosto essere evolutivo. È però opportuno chiedersi quando e come la comunità di intelligence debba essere riformata. La moderna comunità di intelligence che si è sviluppata nel corso della Guerra Fredda ha acquisito tutte le caratteristiche delle ampie burocrazie di matrice Weberiana. 8 Le amministrazioni principalmente vengono riformate in seguito ad un fallimento, al quale cercano di far fronte attraverso la creazione di nuove unità, e la richiesta di un aumento di fondi e di personale. Le agenzie di intelligence non fanno eccezione a questa realtà. Il modello storico di riferimento è piuttosto esemplificativo. Praticamente ogni intelligence failure verificatasi in passato, ha dato luogo alla creazione di una nuova agenzia di intelligence o di una unità per il coordinamento delle esistenti strutture. La Central Intelligence Agency (CIA), ad esempio, è stata creata in seguito all intelligence failure verificatasi a Pearl Harbor. Essa fu istituita con il National Security Act del 1947 al fine di coordinare le attività di intelligence. Similmente, nel 1986, in risposta agli attacchi terroristici contro obbiettivi americani verificatisi all inizio degli anni 80, l allora Direttore della Central Intelligence (DCI), William Casey, creò il Counter Terrorism Center (CTC). Nel 1994, in seguito al caso Aldrich Ames, fu creato il National Counterintelligence Center (NACIC) il quale, dopo il caso Robert Hansen del 2001, fu riorganizzato e rinominato National Counterintelligence Executive (NCIX). 9 Diversi cambiamenti introdotti successivamente all 11 settembre hanno seguito lo stesso schema. La creazione del Department of Homeland Security (DHS) e le nuove figure di Director of National Intelligence (DNI) e di Under-Secretary of Defense Intelligence (USDI), sono solo alcuni esempi. Le varie unità specializzate, come il Terrorist Threat Integration Center (TTIC), istituito nell ambito del DHS, il National

5 5 Clandestine Service (NCS) della CIA e l Open Source Center (OSC) che opera sotto il Director of National Intelligence, illustrano chiaramente la portata e l obbiettivo di tale cambiamento. La riforma dell intelligence community è un compito complesso che non trova soluzioni semplici. La pregressa esperienza dimostra che la riorganizzazione strutturale su larga scala implica una serie di compromessi tra obbiettivi e priorità tra loro in competizione. Il bilanciamento tra centralizzazione e decentralizzazione, la necessità di preservazione dei segreti, ma al contempo l esigenza di scambiare le informazioni, il rapporto tra produttori e consumatori dell intelligence, la necessità di bilanciare la protezione delle fonti e dei metodi da un lato con la salvaguardia delle libertà civili dall altro, sono solo alcuni dei dilemmi che i riformatori dell intelligence sono chiamati ad affrontare. La scelta tra le diverse alternative in conflitto, così come la decisione per una riorganizzazione radicale o incrementale, dipende dalla tipologia di minacce alla sicurezza nazionale che si prevede di dover affrontare. Un nuovo sistema di intelligence deve essere infatti adatto a far fronte a determinate minacce, ma al tempo stesso può risultare inappropriato per affrontarne altre. La riorganizzazione della comunità di intelligence attraverso la creazione di nuove agenzie e unità è una soluzione politica del problema frequentemente adottata. Essa permette ai politici di dimostrare che sono stati presi dei provvedimenti, ma non necessariamente questi si traducono in una intelligence nazionale migliore e più efficace. Tuttavia, tale modello persiste e solleva una serie di importanti quesiti. Anche se la riforma è necessaria, la creazione di nuove agenzie è davvero sempre la giusta soluzione? La riforma dell intelligence è solo uno stratagemma impiegato dai politici per dimostrare che si stanno impegnando a risolvere dei problemi? La riforma dell intelligence risponde ad una precisa agenda politica? Dopo aver delineato i termini del dibattito sulla riforma dell intelligence, andiamo ora focalizzare la nostra attenzione sulla riforma dell intelligence community greca. Perché si è deciso, in primo luogo, la riforma dello EYP? Ciò è avvenuto a causa del nuovo e maggiormente articolato contesto emerso nell era post Guerra Fredda? Alcuni fallimenti hanno costituito dei fattori scatenanti la riforma? Quali sono i fattori che hanno maggiormente influenzato i politici in Grecia? Il clima politico post 11 settembre che ha reclamato cambiamenti nei servizi segreti o i problemi in seno alla nazione, come il terrorismo interno e l organizzazione dei Giochi Olimpici del 2004?

6 6 L eredità del passato: dal KYP allo EYP Il primo tentativo di creare un unità di intelligence in Grecia avvenne nel 1926 con la l istituzione di una Sezione per la Sicurezza dello Stato. Tale unità di intelligence tuttavia operò solo per un anno e mezzo, facendo rapporto direttamente al presidente. Dieci anni dopo, fu creata una nuova sezione, l Unità di Intelligence della Difesa. Nel novembre del 1936, questa fu rinominata Direzione Generale dei Cittadini Stranieri e, nonostante le risorse limitate a disposizione, funzionò effettivamente durante le Seconda Guerra Mondiale. Nel 1946, fu poi costituita una nuova unità di intelligence militare, il Dipartimento di Difesa Militare, che nel 1949 fu rinominato Direzione Generale delle Informazioni. Da questo organismo discese poi, nel 1953, il Servizio di Intelligence Centrale (KYP). 10 Il KYP fu costituito, conformemente agli standard occidentali, come un autonoma agenzia alle dirette dipendenze del Primo Ministro, avente come obbiettivo la difesa della sicurezza nazionale. Durante la Guerra Fredda, il KYP aveva, tra i suoi obbiettivi, quello di far fronte alla minaccia del comunismo interno e internazionale, e di raccogliere informazioni di intelligence sugli stati confinanti con il paese. Il KYP cooperò con i servizi segreti occidentali, principalmente con quelli di Francia, Regno Unito e Stati Uniti, riferendo i movimenti della flotta sovietica nel Mar Egeo e le capacità delle Forze Armate del Patto di Varsavia. Come parte delle sue responsabilità interne, il KYP fu coinvolto negli sviluppi politici in favore della Destra, procedendo alla cattura dei comunisti e degli oppositori della monarchia. 11 Il personale del servizio segreto era costituito da ufficiali dell esercito di orientamento politico di destra, e alcuni di essi, come i colonnelli George Papadopoulos e Nikolaos Makarezos, divennero più tardi i rappresentanti primari della giunta militare nel periodo Benché il KYP non ebbe un ruolo diretto nel colpo di stato, esso fu uno tra gli attori chiave che contribuirono a supportare la giunta e che si adoperarono contro le organizzazioni di resistenza anti-dittatoriale. La restaurazione della democrazia, avvenuta nel 1974, cambiò nuovamente lo scenario politico in Grecia. La legalizzazione del Partito Comunista Greco e l assassinio del Capo Sezione della CIA ad Atene, Richard Welch, mutarono le priorità del KYP. Il suo obbiettivo principale non era più il comunismo interno bensì il terrorismo. 13 Verso la fine degli anni 80, i Socialisti succedettero al governo del paese e tentarono di tenere il KYP imbrigliato sotto il loro controllo, assegnandovi

7 7 propri funzionari. In tal modo però il servizio di intelligence fu praticamente come paralizzato sotto il peso del patronato politico. 14 Il KYP fu poi riformato nel 1986 con un nuovo Decreto Presidenziale, il 1645/1986, che ne cambiò il nome in Servizio di Intelligence Nazionale (EYP). La sua missione, così come definita nell articolo 2, include la raccolta, l analisi e la disseminazione delle informazioni relative alla sicurezza nazionale, le attività di contro-intelligence e la sicurezza delle comunicazioni nazionali. 15 Al pari del KYP, il suo successore è un servizio che si occupa sia delle minacce interne (controspionaggio, antiterrorismo) sia di quelle esterne (politiche e militari). Occorre evidenziare al riguardo come durante la stesura del Decreto Presidenziale summenzionato, non ebbe luogo alcun dibattito politico in merito a quale tipo di servizio di intelligence la Grecia necessitasse, e se si dovesse mantenere il modello dell agenzia unica piuttosto che creare delle nuove agenzie. 16 La risposta ai fallimenti e la realizzazione della riforma Nell epoca post Guerra Fredda, le agenzie di intelligence devono ridefinire il loro ruolo e stabilire nuove priorità. Non è avvenuto così però per lo EYP. La comunità di intelligence greca, infatti, non prese in considerazione le necessità di modernizzazione e adattamento alle sfide che il nuovo contesto della sicurezza imponeva. Piuttosto, essa mantenne immutata la propria agenda, che prevedeva la raccolta di informazioni di intelligence sui paesi con essa confinanti, principalmente la Turchia, e sui gruppi terroristici interni. Diversi fallimenti nel corso degli anni hanno manifestamente dimostrato che lo EYP rassomiglia ad una organizzazione rigida e inflessibile, dotata di risorse e capacità operative limitate. Nel 1999, la credibilità dello EYP fu seriamente compromessa dal ruolo svolto nel caso Öcalan. Nel gennaio del 1999, il capo del movimento politico curdo, Abdullah Öcalan, richiese asilo politico all Italia, alla Russia ed infine alla Grecia. Tutti i governi, Grecia inclusa, non gli garantirono però alcun asilo politico. Nonostante questo, Öcalan fu trasferito da un agente dello EYP all ambasciata greca di Nairobi, in Kenya. Il 15 febbraio 1999, Öcalan fu catturato a Nairobi, attraverso un operazione condotta dall agenzia di intelligence nazionale turca (MIT), mentre veniva trasferito dall ambasciata greca all aeroporto internazionale. La cattura fu agevolata del flusso continuo di informazioni che il MIT ricevette dai satelliti statunitensi e da altre tecnologie, così come dall assistenza di agenti americani sul

8 8 campo. La decisione di Atene di scegliere il Kenya sollevò una serie di domande, vista la forte presenza americana in quella zona dopo l attentato dinamitardo compiuto contro l ambasciata americana a Nairobi, avvenuto solo un anno prima. Successivamente alla sua cattura, Öcalan fu trasferito in Turchia per essere sottoposto a processo. Arresto che causò le proteste di migliaia di curdi, che manifestarono davanti alle ambasciate greche di tutto il mondo. 17 Dopo il caso Öcalan, il governo greco fu criticato anche per l incapacità dimostrata nel contrastare il terrorismo interno e per non aver dato prova di progressi nel predisporre il servizio di sicurezza per i Giochi Olimpici del Fu solo dopo il 1999 che il governo Greco dimostrò la sua dedizione ed una sollecitudine senza precedenti nel far fronte alla minaccia del terrorismo, il quale divenne oggetto di un intensa attività di contrasto, la quale comportò una rivisitazione di tutte le politiche e misure contro di tale fenomeno. I Giochi Olimpici che si tennero ad Atene portarono il problema del terrorismo al primo posto nell agenda politica della sicurezza. Il governo era consapevole che la sua inabilità nel far fronte in maniera effettiva al terrorismo stava danneggiando l immagine del paese a livello internazionale. 18 Ed un attacco terroristico che in effetti minò l immagine internazionale del paese accadde il giorno 8 giugno 2000, quando il brigadiere Stephen Saunders, distaccato presso l ambasciata inglese ad Atene, fu assassinato dai membri del gruppo terroristico denominato 17 novembre. 19 Il fatto, che avvenne quando il governo stava cercando di persuadere la comunità internazionale dell impegno profuso e la sua abilità nel contrastare il terrorismo, provocò un forte choc nell ambiente politico locale. L assassinio del brigadiere Saunders diede luogo ad una svolta nella lotta al terrorismo, agendo come catalizzatore di cambiamenti radicali a livello operativo. Naturalmente, l intelligence inglese si interessò al caso Saunders e partecipò alla caccia del gruppo 17 novembre, fornendo un importante assistenza. Gli inglesi intervennero infatti in maniera sistematica, apportando un rilevante patrimonio di conoscenze, e fornendo intercettazioni e altre prove tecniche. 20 I fallimenti nel caso Öcalan nel 1999 e l assassinio dell addetto militare inglese Stephen Saunders nel 2000, così come la scarsa pianificazione della sicurezza in occasione dei Giochi Olimpici, generarono un enorme pressione politica sul governo Greco. In risposta a tali pressioni, sia interne che esterne al paese, il governo adottò una serie di misure nel tentativo di migliorare l efficienza del suo apparato di sicurezza.

9 9 A partire dal 2001, lo EYP fu portato sotto la direzione del Ministro dell Ordine Pubblico, affinché contribuisse alla campagna anti-terroristica e fornisse assistenza per la sicurezza dei Giochi Olimpici. Prima che ciò avvenisse, lo EYP era alle dirette dipendenze del Primo Ministro. Tuttavia, una vera riforma dei servizi di intelligence richiede più che un mero ripensamento dell organigramma della comunità di intelligence, anche se la risposta più comune ai fallimenti è proprio la riorganizzazione, la quale può però minare l efficienza dell intelligence. Quando infatti una nuovo livello burocratico viene inserito nella comunità di intelligence, questo può scatenare contese con gli organismi preesistenti, lotte per l assegnazione dei fondi previsti dal budget relativo all intelligence, e la demoralizzazione del personale di quelle agenzie che sono state surclassate dall introduzione della nuova amministrazione. 21 Questo è quanto accaduto per lo EYP. Il mero trasferimento della direzione dell agenzia dal Primo Ministro al Ministro dell Ordine Pubblico, non ha necessariamente beneficiato la comunità di intelligence. Questo nuovo assetto ha anzi contribuito ad un rafforzamento dell influenza delle forze dell ordine, che ha fatto scemare l indipendenza dello EYP dalla polizia. Inoltre, esso ha rivelato l antagonismo nella lotta al terrorismo tra lo EYP e l Unità Antiterrorismo della polizia. Lo EYP ha sempre avuto un budget limitato, ma ora deve anche competere con la polizia nella ripartizione dei fondi del Ministero. 22 Occorre al riguardo notare come il livello della contesa e l antagonismo, possono subire un impennata nel prossimo futuro. In seguito alle ultime elezioni amministrative, avvenute del settembre del 2007, il Ministero dell Ordine Pubblico è stato accorpato al Ministero degli Interni, e ancora resta da vedere se il ruolo dello EYP, come organismo di tale ultimo ministero, ne esca rafforzato o meno. Il passo successivo compiuto verso la riforma dello EYP, fu il Decreto Presidenziale emanato il 25 settembre Tale Decreto fu emesso in un periodo in cui la polizia stava facendo grandi progressi nella lotta contro il terrorismo interno, mentre lo EYP ne era stato escluso a causa delle debolezze mostrate in passato in questo settore di intervento. Al fine quindi di promuoverne il ruolo, il summenzionato Decreto assegnò allo EYP un agenda più ampia, rendendolo responsabile anche per la lotta al crimine organizzato, l immigrazione illegale, e il traffico di droga: tutti settori che fino ad allora erano di esclusiva competenza della polizia. Il nuovo mandato operativo dello EYP è stato inoltre reso effettivo con un implementazione delle capacità di

10 10 sorveglianza elettronica. Nel tentativo di indebolire la componente militare e di polizia interna al Servizio, fu incrementata la consistenza di organico del personale civile del ruolo tecnico-scientifico. Un altra importante innovazione fu la previsione di un regime di accountability, ossia la responsabilizzazione dello EYP verso il Parlamento greco. Ogni anno infatti il Vice Ministro dell Interno, quale capo del Servizio, è tenuto a sottoporre al Parlamento un rapporto sulle attività condotte, rafforzando così il suo ruolo istituzionale nell ambito del sistema democratico. Il Decreto inoltre mirava a rendere lo EYP un Servizio flessibile ed efficiente, che cooperasse con gli altri ministeri ed agenzie ai fini della salvaguardia della sicurezza nazionale. Benché sia ancora presto per addivenire a delle conclusioni fondate circa l efficacia del suddetto piano di riforma, alcune considerazioni possono essere effettuate. Il rafforzamento delle capacità di sorveglianza elettronica e la sottoposizione dello EYP all intelligence oversight, rappresentano indubbiamente dei passi nella giusta direzione. Dall altro lato però l ampliamento dei compiti istituzionali dello EYP senza che questo sia stato dotato di adeguati mezzi e personale, risulta controproducente. Appare infatti irragionevole pretendere che il Servizio, da mal equipaggiato e rigido quale è diventi improvvisamente in grado di fronteggiare tutte le minacce, sia interne che esterne. A questo si aggiunga che l ampio mandato assegnatogli, ha ingenerato un contrasto con le singole unità della polizia che già si occupavano esclusivamente di quelle stesse minacce di cui ora si occupa anche lo EYP. 24 Fra l altro la prassi di reclutare il personale dello EYP tra gli ufficiali delle forze armate e i funzionari di polizia si è rivelata inadeguata. Occorre una nuova generazione di agenti operativi e di analisti di intelligence altamente preparati e qualificati. Nonostante ciò, la pratica di patrocinare il distaccamento presso lo EYP di funzionari militari e di polizia, così come l assunzione del personale civile, è tuttora in auge. Secondo Pavlos Apostolidis, Direttore dello EYP durante il periodo , i suddetti funzionari ambiscono ad essere distaccati presso lo EYP in ragione dei vantaggi dovuti al fatto di dover risiedere ad Atene, dell orario d ufficio, e del compenso extra. Lo EYP inoltre offre l opportunità di ricompensare quei funzionari che risultino fedeli ad un determinato partito politico o ad un singolo ministro. Ne consegue però che, con questo sistema, il Servizio raramente dispone del personale di cui ha effettivamente bisogno. Inoltre, i funzionari che vengono distaccati presso lo EYP di solito vi permangono per un periodo di tempo limitato, da tre a cinque anni,

11 11 con la conseguenza che nel momento in cui essi hanno acquisito la necessaria esperienza operativa, si ritrovano trasferiti nuovamente alla loro amministrazione di provenienza. 25 Alla luce di quanto appena detto, si può affermare che la modernizzazione dello EYP è ancora lungi dall essere raggiunta. Coloro che si oppongono al processo di riforma della comunità di intelligence, normalmente ne mostrano solo i successi, per dimostrare che le agenzie di intelligence agiscono efficacemente nella maggior parte dei casi. Se da un lato è però necessario riconoscere allo EYP il ruolo significativo da esso svolto nel dissolvimento del gruppo terroristico 17 novembre, avvenuto nel 2002, e per aver garantito la sicurezza dei Giochi Olimpici nel 2004, dall altro occorre notare come lo sviluppo di un apparato di intelligence più efficiente, e il coordinamento tra il governo, la polizia e l autorità giudiziaria, avrebbe potuto condurre ad una più precoce identificazione e smantellamento del gruppo stesso. La Grecia ha risentito per decenni della mancanza di una strategia dell intelligence che facesse effettivamente pervenire le informazioni ai servizi di sicurezza impegnati nelle attività anti-terrorismo. Il risultato finale della campagna anti-terroristica fu invece l espandersi dell autorità, il verificarsi di lotte intestine alla burocrazia, e una scadente attività di raccolta, analisi e disseminazione delle informazioni di intelligence. 26 I successi, in altre parole, non devono oscurare il fatto che lo EYP non è adeguatamente preparato ad affrontare le nuove sfide che il ventunesimo secolo pone. I fallimenti nel caso delle intercettazioni telefoniche del e il caso Pakistan, anch esso del , dimostrano palesemente l inabilità dello EYP di adattarsi alle nuove sfide e minacce alla sicurezza nazionale. Il caso delle intercettazioni telefoniche fu rivelato nel corso di una conferenza stampa del 2 febbraio 2006, tenuta da tre ministri (il Ministro di Stato, Theodoros Roussopoulos, il Ministro per l Ordine Pubblico, George Voulgarakis, ed il Ministro della Giustizia, Anastasis Papaligouras). Più di 100 utenze di telefonia mobile, riconducibili per lo più a membri del governo Greco e ad alti funzionari civili, furono illegalmente intercettati per un periodo di almeno un anno. Tra le utenze intercettate vi erano quelle del Primo Ministro, Kostas Karamanlis, e di membri della sua famiglia, quelle di alti funzionari del Ministero della Difesa, degli Affari Esteri, dell Ordine Pubblico, quelle di membri del partito di maggioranza e del partito dell opposizione, il Movimento Socialista Panellenico (PASOK), e quelle del personale dello Stato Maggiore della Marina greca. Il software impiegato permise l intercettazione delle telefonate private

12 12 effettuate dal Primo Ministro greco e da numerosi dirigenti politici e militari, incluso il capo dello EYP, durante lo svolgimento dei Giochi Olimpici in Grecia. Un successivo rapporto del governo, rivelò che le antenne che resero possibile l intercettazione erano state collocate in un appartamento vicino all Ambasciata degli Stati Uniti ad Atene. Lo EYP fu costretto ad addossarsi la colpa per l incapacità dimostrata di non essere in grado di proteggere la riservatezza della classe dirigente della nazione. Lo EYP inoltre ricevette una pubblicità negativa quando i membri della comunità pachistana in Grecia accusarono agenti dell intelligence greca di essere gli autori di rapimenti e di interrogatori segreti, condotti ai danni di loro connazionali, volti a verificare eventuali legami con estremisti islamici all estero. I rapimenti, erano stati presumibilmente condotti prima dei Giochi Olimpici, ed erano probabilmente correlati con le attività volte a garantire la sicurezza dei Giochi stessi. Al riguardo però lo EYP negò ogni coinvolgimento nei rapimenti ed rifiutò di fornire ulteriori commenti. La controversia relativa al caso suddetto, che vide l asserito rapimento ed interrogatorio di 28 immigrati pachistani residenti in Grecia, ha sollevato una serie di importanti interrogativi. La legge, naturalmente, prevede che i servizi di intelligence abbiano il potere di interrogare sospetti terroristi. Tuttavia, le autorità scelsero la via dell illegalità, e lo fecero in un modo che non può assolutamente sembrare accidentale. Tali pratiche non sono evidentemente esclusive dei sevizi di intelligence greci. Sotto la spinta della lotta al terrorismo internazionale, diversi governi europei hanno ceduto alla tentazione di tollerare ed in alcuni casi approvare pratiche di dubbia liceità. 29 Così come è stato nel passato recente per il caso Öcalan e l assassinio dell addetto militare presso l ambasciata inglese, Stephen Saunders, i casi delle intercettazioni telefoniche e del rapimento degli immigrati pachistani hanno nuovamente sollevato il problema della riforma dello EYP. In seguito a tutto questo, un disegno di legge di riforma fu sottoposto al Parlamento nel gennaio Il progetto di riforma statuisce: 30 - La creazione di una Sotto-Direzione per il Crimine Organizzato ed il Terrorismo che permetta al servizio di intelligence nazionale di far fronte alle necessità della una nuova era;

13 13 - L importanza dell istruzione attraverso l istituzione di una Direzione per la formazione, volta a fornire una moderna preparazione e specializzazione del personale; - La creazione di un unità speciale focalizzata sul contrasto degli attacchi informatici, che agisca in collaborazione con la polizia; - La previsione di un magistrato, interno al Servizio, con il compito di autorizzare o meno l effettuazione di operazioni speciali; - La creazione di un mini Consiglio per la Sicurezza Nazionale (interno al Servizio) che valuti le informazioni ricevute dal Ministro degli Interni, degli Affari Esteri, dell Economia, della Difesa, della Salute, dei Trasporti e Comunicazioni, e della Marina Mercantile; - La costruzione di un moderno sito web che fornisca informazioni al pubblico circa la storia, la missione, e le modalità di assunzione del Servizio, congiuntamente ad un forum di discussione come strumento di comunicazione con la cittadinanza; - L adozione di norme più severe per il personale del Servizio che riveli a terzi, ad esempio a giornalisti, informazioni riguardo al lavoro svolto o i nominativi di agenti del Servizio; - Per la prima volta, la legge contiene un articolo che fa riferimento alla cooperazione con organizzazioni scientifiche come università e istituti di ricerca specializzati, sia in Grecia che all estero; - Infine, una particolare enfasi viene posta sulla cooperazione internazionale, attraverso la previsione di un maggiore scambio di informazioni con i servizi di stati alleati. In netto contrasto con il precedente disegno di legge, quello attuale sembra avere un programma più ambizioso, che potrebbe essere da alcuni definito addirittura rivoluzionario se comparato con quello antecedente. Tale progetto di legge predispone il terreno di lavoro affinché la vera riforma abbia inizio. Ciò non toglie però che le nuove leggi e le innovazioni apportate alla struttura organizzativa costituiscono solo una parte di un complessivo progetto di riforma. Una vera riforma dipende innanzitutto dagli sforzi compiuti dalla stessa comunità di intelligence per la sua attuazione. Oltre alle innovazioni a livello strutturale e gerarchico, altri importanti aspetti critici di riforma riguardano poi il grado di cooperazione tra le agenzie di

14 14 intelligence e i vari ministeri interessati, la rivisitazione della prassi e della cultura dell intelligence, così come della sottostante infrastruttura di supporto, e l effettiva attuazione delle innovazioni da parte dei leader e del personale di tutta la comunità di intelligence. La complessità di quest ultima e degli equilibri in gioco, suggerisce che la riforma non sarà facile e non potrà soddisfare i difensori delle opposte esigenze in conflitto. Alla fin fine, il conseguimento dell equilibrio desiderato, richiederà più arte che scienza. 31 Conclusioni Per concludere, la riforma dello EYP si è rivelata, ad oggi, inefficiente e debole. La cosiddetta modernizzazione dello EYP è fondamentalmente una reazione spasmodica ai fallimenti ed alla pressione politica anziché il frutto di un approfondita analisi del nuovo ruolo che lo EYP è chiamato a svolgere oggigiorno. L esigenza di reagire alle intelligence failures ed alla pressione politica, esercitata sia a livello nazionale che internazionale, ha innescato una modernizzazione incompleta anziché un piano di riforma volto ad ottenere cambiamenti strutturali nella comunità di intelligence greca. Lo sforzo di modernizzazione ha dimostrato che le autorità volevano apportare alcuni cambiamenti piuttosto che implementarli effettivamente. Il mondo con cui si confronta la intelligence community richiede che le informazioni e le analisi di intelligence siano condivise, e che le prime provengano da diverse fonti, non solo da quelle riservate. 32 L ultima legge di riforma punta nella giusta direzione, tuttavia, indipendentemente dalle misure adottate, lo EYP non sarà mai in grado di fornire un intelligence accurata e tempestiva fino a quando il governo non decida una volta per tutte quale tipo di servizio di intelligence necessiti realmente. Un presupposto indispensabile per determinare la missione del servizio di intelligence nazionale, è un pubblico dibattito incentrato sulle nuove sfide alla sicurezza e sulle priorità di politica estera con cui la Grecia si sta confrontando.

15 15 Notes 1 Circa l ampliamento del concetto di sicurezza si veda Barry Buzan, People, States and Fear (Brighton: Harvester Wheatsheaf 1983). 2 Sul dibattito in merito alla riforma dell intelligence si veda Deborah G. Barger, Toward a Revolution in Intelligence Affairs (Santa Monica CA: RAND 2005), Amy B. Zegart, An Empirical Analysis of Failed Intelligence Reforms Before September 11, Political Science Quarterly, (2006) pp e Arthur S. Hulnick, Intelligence Reform 2007: Fix or Fizzle?, International Journal of Intelligence and Counterintelligence 20, 4 (2007) pp Per un analisi delle sfide che la comunità di intelligence è chiamata ad affrontare nel ventunesimo secolo si veda Gregory F. Treverton, Reshaping National Intelligence in an Age of Information (Cambridge: Cambridge University Press 2001) e Len Scott e Peter Jackson (a cura di) Understanding Intelligence in the Twenty-first Century (London: Routledge 2004). 4 William J. Lahneman, Is a Revolution in Intelligence Affairs Occurring?, International Journal of Intelligence and Counterintelligence 20 1 (2007) p.1 5 Ibid, p.5. 6 Richard K. Betts, Enemies of Intelligence. Knowledge & Power in American National Security (New York: Columbia University Press 2007). 7 Bruce Berkowitz e Alan Goodman, Best Truth. Intelligence in the Information Age (New Haven and London: Yale University Press 2000). 8 Michael Herman, Intelligence. Power in Peace and War (Cambridge: Cambridge University Press 1999) p Stan A. Taylor e David Goldman, Intelligence Reform: Will More Agencies, Money and Personnel help?, Intelligence & National Security, 19 3 (September 2004) pp John M. Nomikos, The Internal Modernization of the Greek Intelligence Service, International Journal of Intelligence and Counterintelligence 17 3 (2004) pp I vincitori della Guerra civile greca ( ), che ricevettero ampio supporto da parte degli Stati Uniti, organizzarono uno stato di polizia e un oppressivo sistema di controllo socio-politico anticomunista. Il KYP, la polizia e i militari si avvalsero di un network di informatori sparsi su tutto il territorio nazionale, al fine di sorvegliare sistematicamente singoli individui e raccogliere, catalogare e aggiornare le relative informazioni in appositi schedari. Si veda Minas Samatas, Studying Surveillance in Greece: Methodological and Other Problems Related to an Authoritarian Surveillance Culture, Surveillance and Society 3 2/3 (2005) p Pavlos Apostolidis, Intelligence Services in the National Security System: The Case of EYP, ELIAMEP Occasional Paper OP (Athens: Hellenic Foundation for European & Foreign Policy 2007) p Ibid, p.5 14 Nomikos, The Internal Modernization of the Greek Intelligence Service, pp Per maggiori informazioni sulla storia, missione ed organizzazione del servizio di intelligence nazionale greco si veda la sua pagina ufficiale 16 Apostolidis, Intelligence Services in the National Security System: The Case of EYP, p Spiros Kaminaris, Greece and the Middle East, Middle East Review of International Affairs 3 2 (1999) pp: John M. Nomikos, Terrorism, Media and Intelligence in Greece: Capturing the 17 November Group, International Journal of Intelligence and Counterintelligence 20 1 (2007) pp Ibid. 20 Ibid. 21 Richard Posner, The Reorganized U.S Intelligence System After One Year (Washington DC: American Enterprise Institute for Public Policy Research 2005) pp Apostolidis, Intelligence Services in the National Security System: The Case of EYP, p Presidential Decree - N.D. 255/ Apostolidis, Intelligence Services in the National Security System: The Case of EYP pp Apostolidis, Intelligence Services in the National Security System: The Case of EYP p George Kassimeris, What not to do when dealing with terrorism: The Greek Experience, Democracy and Security 1 1 (2005) pp Cassell Bryan-Low, Vodafone, Ericsson Get Hung Up in Greece s Phone Tap-Scandal, The Wall Street Journal (21 June 2006), lmyqjaxmde2ntiwmtgynte1wj.html

16 28 Alan Cowell, U.K. probe sought intoclaims of terror abuse, International Herald Tribune (30 December 2005), 29 Kathimerini (quotidiano - versione in inglese), When the State Breaks the Law, 28 December 2005, Il quotidiano greco To Thema pubblicò il 31 dicembre 2005 i nomi di sette agenti dei servizi segreti greci, che sostenevano di aver preso parte al rapimento e interrogatorio di 28 pachistani in seguito all attentato dinamitardo terroristico di Londra (7 luglio 2005). 30 Intervista con il Direttore dello EYP, Dr. Ioannis Korantis (16 aprile 2007), Atene, Grecia. 31 John D. Bansemer, Intelligence Reform: A Question of Balance (Center for Information Policy Research, Harvard University August 2005) p Treverton, Reshaping National Intelligence in an Age of Information p

INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009)

INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009) INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009) Cari colleghi, autorità, gentili ospiti, voglio darvi

Dettagli

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*)

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) Claudio SCAJOLA È la prima volta che ho l occasione di incontrare tutti i Prefetti della Repubblica e ritengo

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

POLITICA DELLA QUALITA

POLITICA DELLA QUALITA 05.3 LE POLITICHE DEL GRUPPO GAVIO POLITICA DELLA QUALITA Fornire un servizio di trasporto che soddisfi pienamente richieste, esigenze ed aspettative dei Clienti; Fornire un servizio di trasporto conforme

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

In Collaborazione con LA CARTA DI ROMA

In Collaborazione con LA CARTA DI ROMA In Collaborazione con LA CARTA DI ROMA APPELLO PER UN PIANO D AZIONE GLOBALE PER PROTEGGERE I BAMBINI DEL MONDO E PER FERMARE LA VIOLAZIONE DEI LORO DIRITTI Roma, Italia 3 novembre 2011 Ogni bambino è

Dettagli

Fabrizio Minniti Il regime di non proliferazione nucleare

Fabrizio Minniti Il regime di non proliferazione nucleare A12 Fabrizio Minniti Il regime di non proliferazione nucleare Copyright MMXV Aracne editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Quarto Negroni, 15 00040 Ariccia (RM) (06) 93781065

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Scenari di sviluppo e innovazione nelle forme e nei sistemi di pagamento

Scenari di sviluppo e innovazione nelle forme e nei sistemi di pagamento CeTIF Competence Centre 2008 Scenari di Sviluppo e innovazione CETIF Centro di Ricerca su Tecnologie, Innovazione e servizi Finanziari Dipartimento di Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale Università

Dettagli

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012.

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. di Giacomo Fabiani e Vera Facchinutti, 5 F Sull'onda della moda esplosa negli ultimi anni degli studi sui servizi

Dettagli

Ricordo che solo la coesione nazionale e la completa conoscenza dei fini ultimi dell intelligence, da parte della collettività di uno Stato, permette

Ricordo che solo la coesione nazionale e la completa conoscenza dei fini ultimi dell intelligence, da parte della collettività di uno Stato, permette A13 Ricordo che solo la coesione nazionale e la completa conoscenza dei fini ultimi dell intelligence, da parte della collettività di uno Stato, permette il superamento del dilemma morale che si cela dietro

Dettagli

Corso di alta formazione I SISTEMI D INTELLIGENCE NEL MONDO OPERAZIONI E METODOLOGIE DEI SERVIZI SEGRETI STRANIERI

Corso di alta formazione I SISTEMI D INTELLIGENCE NEL MONDO OPERAZIONI E METODOLOGIE DEI SERVIZI SEGRETI STRANIERI Corso di alta formazione I SISTEMI D INTELLIGENCE NEL MONDO OPERAZIONI E METODOLOGIE DEI SERVIZI SEGRETI STRANIERI Link Campus University, via Nomentana 335 - Roma 7-8 giugno 2013; 14-15 giugno 2013; 21-22

Dettagli

S T R U M E N T I. Carlo Flamment Presidente Formez

S T R U M E N T I. Carlo Flamment Presidente Formez STRUMENTI FORMEZ S T R U M E N T I I l Formez - Centro di Formazione Studi, ha da sempre avuto una particolare attenzione per le iniziative editoriali; fin dai suoi primissimi anni di attività si è impegnato

Dettagli

Cyber Europe 2012. Risultanze fondamentali e raccomandazioni

Cyber Europe 2012. Risultanze fondamentali e raccomandazioni Cyber Europe 2012 Dicembre 2012 Esercitazioni nel settore della sicurezza informatica a livello nazionale e internazionale I Ringraziamenti L ENISA desidera ringraziare tutti coloro, persone e organizzazioni,

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

Notiziario settimanale 8-14 luglio 2002. Borsa: gli ordini telefonici alle banche sono dati personali

Notiziario settimanale 8-14 luglio 2002. Borsa: gli ordini telefonici alle banche sono dati personali Newsletter Notiziario settimanale Borsa: gli ordini telefonici alle banche sono dati personali A Cardiff la Conferenza mondiale dei Garanti per la privacy I siti web inglesi e la privacy 1 Newsletter 2002

Dettagli

Risoluzione delle controversie in materia di impresa

Risoluzione delle controversie in materia di impresa Osservatorio Giustizia Risoluzione delle controversie in materia di impresa Primi risultati dell indagine campionaria ABI-Confindustria Maggio 2015 1 2 Indice Premessa... 4 Composizione del campione...

Dettagli

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Premessa: il contesto di riferimento Il decreto ministeriale 270/2004

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC

IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC di Annalisa De Vivo L applicazione della legge 6 novembre 2012,

Dettagli

Protezione civile e minacce non convenzionali: aspetti di Intelligence

Protezione civile e minacce non convenzionali: aspetti di Intelligence Protezione civile e minacce non convenzionali: aspetti di Intelligence Presentazione Rapporto ESRAB CASD 3 Ottobre 2006 Ing.Alessandro ZANASI Membro ESRAB Alessandro.zanasi@temis.com Tecnico-Scientifico:

Dettagli

CYBERCRIME E CLOUD COMPUTING

CYBERCRIME E CLOUD COMPUTING CYBERCRIME E CLOUD COMPUTING UN RECENTE STUDIO COMUNITARIO TRA EVOLUZIONE NORMATIVA E PROSPETTIVE Luca Di Majo La Direzione Generale sulle politiche interne in seno al Parlamento Europeo ha recentemente

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

1 Definizioni. 1 Comuni di Grosseto, Campagnatico, Castiglione della Pescaia, Roccastrada, Scansano.

1 Definizioni. 1 Comuni di Grosseto, Campagnatico, Castiglione della Pescaia, Roccastrada, Scansano. 1 Definizioni 1.1 Premessa Il COeSO è un'azienda speciale di tipo consortile: un consorzio di comuni cioè, quelli della zona socio sanitaria Grossetana, 1 nato per gestire in modo associato i servizi socio

Dettagli

URBIS-518620-LLP-1-2011-1-IT-LEONARDO-LMP. Deliverable 4.2 EXECUTIVE SUMMARY

URBIS-518620-LLP-1-2011-1-IT-LEONARDO-LMP. Deliverable 4.2 EXECUTIVE SUMMARY Deliverable 4.2 EXECUTIVE SUMMARY Selezione di buone prassi in Turchia, UK, Slovenia e in altri paesi europei I pericoli e le forme di violenza attuali rendono oggi giorno la sicurezza una delle più importanti

Dettagli

measures to ensure a high common level of network and information security across the Union 3

measures to ensure a high common level of network and information security across the Union 3 Legislazione CYBER SECURITY: il nuovo ordine esecutivo del Presidente americano Obama e la recente proposta di direttiva UE Network and Information Security (NIS) Marcoccio Gloria Diritto.it La sicurezza

Dettagli

BSI Group Italia Via Fara, 35 20124 Milano. +39 02 6679091 marketing.italy@bsigroup.com bsigroup.it

BSI Group Italia Via Fara, 35 20124 Milano. +39 02 6679091 marketing.italy@bsigroup.com bsigroup.it BSI Group Italia Via Fara, 35 20124 Milano +39 02 6679091 marketing.italy@bsigroup.com bsigroup.it The trademarks in this material (for example the BSI logo or the word KITEMARK ) are registered and unregistered

Dettagli

Lo scoppio della guerra fredda

Lo scoppio della guerra fredda Lo scoppio della guerra fredda 1) 1945: muta la percezione americana dell URSS da alleato ad avversario e nemico 2) 1946: ambio dibattito interno all amministrazione Truman sulla svolta in politica estera

Dettagli

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century)

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) SCHEDA 6 La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) Quarta Conferenza Internazionale sulla Promozione

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese 3.1 La comunicazione istituzionale Il Dipartimento della Funzione Pubblica si propone

Dettagli

La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca.

La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca. La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca. Nell ultimo ventennio il mercato del lavoro del nostro Paese è stato interessato da un progressivo processo di deregolamentazione

Dettagli

AFTER SALES MANAGEMENT

AFTER SALES MANAGEMENT Esperienza e Innovazione AFTER SALES MANAGEMENT L approccio proposto da M&IT per trasformare il post-vendita in un Service Eccellente Consulenza di Direzione Risorse Umane Sistemi Normati Information Technology

Dettagli

DIGITAL TRANSFORMATION. Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO

DIGITAL TRANSFORMATION. Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO DIGITAL TRANSFORMATION Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO AL VOSTRO FIANCO NELLA DIGITAL TRANSFORMATION Le nuove tecnologie, tra cui il cloud computing, i social

Dettagli

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo.

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. La flexicurity è uno strumento di disciplina del mercato

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Relazione dell sul funzionamento complessivo del sistema di valutazione, trasparenza e integrità dei controlli interni Anno 2012 (art. 14, comma 4, lettera a del d.lgs. n. 150/2009) PRESENTAZIONE E INDICE

Dettagli

I SISTEMI INFORMATIVI INTERORGANIZZATIVI (ios) (appunti integrativi)

I SISTEMI INFORMATIVI INTERORGANIZZATIVI (ios) (appunti integrativi) 1. DEFINIZIONE I SISTEMI INFORMATIVI INTERORGANIZZATIVI (ios) (appunti integrativi) Gli IOS sono sistemi che supportano tramite le ICT, e in alcuni casi rendono automatici, i flussi di messaggi, dati,

Dettagli

piattaforma comune miglioramento del processo adeguamento all anno 2000 sistemi legacy obsoleti visibilità dei dati standardizzazione di più sedi

piattaforma comune miglioramento del processo adeguamento all anno 2000 sistemi legacy obsoleti visibilità dei dati standardizzazione di più sedi AO automazioneoggi Facciamo un po d ordine L approccio ai progetti di implementazione di sistemi ERP è spesso poco strutturato e il processo di implementazione risulta essere frequentemente inefficiente

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

"IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO"

IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO Intervento al Convegno organizzato dall associazione assistenti sociali il 3 dicembre 2011 sul tema "IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO" Titolo dell intervento:

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

RELAZIONE GENERALE DI FRONTEX PER IL 2005

RELAZIONE GENERALE DI FRONTEX PER IL 2005 AGENZIA EUROPEA PER LA GESTIONE DELLA COOPERAZIONE OPERATIVA ALLE FRONTIERE ESTERNE DEGLI STATI MEMBRI DELL UNIONE EUROPEA (FRONTEX) F LIBERTAS SECURITAS JUSTITIA RONTEX RELAZIONE GENERALE DI FRONTEX PER

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce

Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce PROVINCIA DI LECCE SERVIZIO INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE SERVIZIO INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce Il nuovo portale istituzionale, che oggi presentiamo, è

Dettagli

I soggetti della Programmazione MED 2014-2020

I soggetti della Programmazione MED 2014-2020 I soggetti della Programmazione MED 2014-2020 Sommario Introduzione... 1 1. I soggetti della nuova Programmazione MED... 2 1.1. Obiettivi e metodologia... 2 1.2. Indicazioni emerse dall analisi precedente

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali

Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali Informazioni sulla FSMA (Legge per la modernizzazione della sicurezza alimentare) Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali Riepilogo/sommario

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI Convegno LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici 14 dicembre 2011 Intervento di Luciano Baggiani, Presidente dell ANEA

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

A chi partecipa a un panel realizzato dalla nostra società, garantiamo la tutela di tutte le informazioni personali forniteci.

A chi partecipa a un panel realizzato dalla nostra società, garantiamo la tutela di tutte le informazioni personali forniteci. VISION CRITICAL COMMUNICATIONS INC. REGOLE AZIENDALI SULLA PRIVACY DESCRIZIONE GENERALE Per noi della Vision Critical Communications Inc. ("VCCI"), il rispetto della privacy costituisce parte essenziale

Dettagli

Distr.: General 19 June 2008

Distr.: General 19 June 2008 United Nations S/RES/1820 (2008) Security Council Distr.: General 19 June 2008 Risoluzione del Consiglio di Sicurezza 1820 (2008) La risoluzione è stata adottata dal Consiglio di Sicurezza alla sua 5916esima

Dettagli

L ASSUNZIONE DI TUTTI I DOCENTI DELLE GAE

L ASSUNZIONE DI TUTTI I DOCENTI DELLE GAE L ASSUNZIONE DI TUTTI I DOCENTI DELLE GAE NEL PROSSIMO ANNO SCOLASTICO SARÀ UN BOOMERANG PER LA SCUOLA? LA BUONA SCUOLA E L ASSUNZIONE DELLE GAE Il governo Renzi sta lavorando al decreto che implementa

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali Il sistema di controllo interno Argomenti della lezione 1 - Controllo Interno: definizione e componenti 2 - Ambiente di controllo 3 - Valutazione

Dettagli

codiceticounico Verso un codice etico unico per le PMI Vademecum

codiceticounico Verso un codice etico unico per le PMI Vademecum Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo, Servizio Politiche Industriali Misura 2.1 - Azione C del Programma Triennale per lo sviluppo delle attività produttive industriali

Dettagli

Analisi SWOT. L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali.

Analisi SWOT. L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. Analisi SWOT L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. Analisi SWOT È stata sviluppata più di 50 anni fa come supporto

Dettagli

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA (approvato dai Ministri europei responsabili per lo Sport, riuniti a Rodi per la loro 7^ conferenza, 13-15 maggio 1992) FAIR PLAY - IL MODO VINCENTE CHI GIOCA LEALMENTE

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n. 606/07/CONS ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n 606/07/CONS 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE 544 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE Le reazioni degli attori internazionali 25 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le reazioni degli attori

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY D.1 Per il futuro dell Italia Lei ritiene che sia meglio partecipare attivamente agli affari internazionali o rimanerne fuori? - Partecipare attivamente - Rimanerne fuori D.2

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME ANALISI DI ECONOMICITÀ, EFFICACIA ED EFFICIENZA

Dettagli

Spending Re-engineering

Spending Re-engineering Spending Re-engineering Una possibile riforma strutturale della PA Franco Masera, Senior Advisor, KPMG Advisory Forum PA Roma, 28 maggio 2014 Premessa La PA in Europa, ed in particolare in Italia, non

Dettagli

Il quadro strategico delle azioni Nato

Il quadro strategico delle azioni Nato Il quadro strategico delle azioni Nato Visita della delegazione Fondazione Alcide De Gasperi, Associazione La Democrazia e dello IASEM Istituto Alti Studi Euro Mediterranei presso il segretariato generale

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi III 1 La sostenibilità del piano strategico e i riflessi sul finanziamento dell Istituto Come sottolineato nella Premessa, la capacità della Consob di

Dettagli

Newsletter. Notiziario settimanale 2-8 dicembre 2002. È illecito inviare e-mail a catena. I Garanti UE chiedono privacy per i passeggeri sugli aerei

Newsletter. Notiziario settimanale 2-8 dicembre 2002. È illecito inviare e-mail a catena. I Garanti UE chiedono privacy per i passeggeri sugli aerei Newsletter Notiziario settimanale È illecito inviare e-mail a catena I Garanti UE chiedono privacy per i passeggeri sugli aerei 1 Newsletter 2002 È ILLECITO INVIARE E-MAIL A CATENA Nuovo intervento del

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

Ho l onore di partecipare a questa conferenza, in una sede prestigiosa, assieme a esponenti istituzionali di altri paesi, proprio in un momento storico in cui più intensa e probabilmente proficua è la

Dettagli

A proposito di Cyber Security

A proposito di Cyber Security Cyber Security Fingerprint Advertorial A proposito di Cyber Security La sicurezza dei sistemi di controllo e automazione industriale diventa sempre più critica in quanto reti diverse sono spesso collegate

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala sud-ovest

Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala sud-ovest Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala sud-ovest La statistica si impone sempre più come una risorsa utile per decidere e valutare le politiche di intervento in campo economico e sociale. Esperienze dell

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

1. Comitato consultivo del CSDU

1. Comitato consultivo del CSDU Centro svizzero di competenza per i diritti umani (CSDU) Fase pilota 2011 2015 Parere e raccomandazioni del Comitato consultivo del CSDU del 29 aprile 2015 Compendio La valutazione conferma quanto sostenuto

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

Relazione del Presidente della Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione, Professor Giovanni Tria

Relazione del Presidente della Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione, Professor Giovanni Tria DISPA Meeting of Directors of School and Institutes of Public Administration The role of Public management training in the current economic situation Madrid, 27 e 28 maggio 2010 Relazione del Presidente

Dettagli

Avocats sans Frontières Italia

Avocats sans Frontières Italia Avocats sans Frontières Italia BAMBINI SOLDATO IN AFRICA UN DRAMMA NEL DRAMMA Presentazione del Rapporto di Amnesty International 21.000 bambini soldato in Liberia Roma 8 Novembre 2004 Processabilità e

Dettagli

La professione infermieristica ed il Risk Management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente. Calogero Gugliotta

La professione infermieristica ed il Risk Management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente. Calogero Gugliotta La professione infermieristica ed il Risk Management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente. Gli stakeholder SONO I PORTATORI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DELL AZIENDA (che sono quindi

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

Le fasi di un percorso di consultazione online

Le fasi di un percorso di consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Le fasi di un percorso di consultazione online Autore: Angela Creta, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

COUNTRY PAYMENT REPORT 2015

COUNTRY PAYMENT REPORT 2015 COUNTRY PAYMENT REPORT 2015 Il Country Payment Report è uno studio di Intrum Justitia Intrum Justitia raccoglie dati da migliaia di aziende in Europa per acquisire conoscenze sulle abitudini di pagamento

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

L Assicurazione della Qualità nei Comunicati dei Ministri del Processo di Bologna

L Assicurazione della Qualità nei Comunicati dei Ministri del Processo di Bologna L Assicurazione della Qualità nei Comunicati dei Ministri del Processo di Bologna Bologna 1999 Nei 6 Obiettivi posti alla base dell intero Processo di Bologna, il 5 è così formulato: Promozione della cooperazione

Dettagli

Linee guida per la gestione del rischio nel settore beni culturali

Linee guida per la gestione del rischio nel settore beni culturali Linee guida per la gestione del rischio nel settore beni culturali Conservazione, cura e protezione di beni culturali La conservazione, a favore delle prossime generazioni, dei nostri beni culturali è

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 Il Ciclo di gestione della valutazione dei risultati: le fasi. pag. 2 a) definizione e assegnazione degli obiettivi che si intendono

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 24 gennaio 2013. Direttiva recante indirizzi per la protezione cibernetica e la sicurezza informatica nazionale. IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Parlamenti nazionali e Unione europea nella governance multilivello. Roma 28 gennaio 2016, I SESSIONE

Parlamenti nazionali e Unione europea nella governance multilivello. Roma 28 gennaio 2016, I SESSIONE Parlamenti nazionali e Unione europea nella governance multilivello Roma 28 gennaio 2016, I SESSIONE Il ruolo dei Parlamenti nazionali in materia di libertà, sicurezza e giustizia e in materia di adesione

Dettagli

RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIDUZIONE E TRASPARENZA DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI

RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIDUZIONE E TRASPARENZA DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIDUZIONE E TRASPARENZA DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI A CARICO DI CITTADINI E IMPRESE Anno 2014 (Art. 7, comma 3, legge 11 novembre

Dettagli