Università degli Studi di Genova. Facoltà di Ingegneria. Dipartimento di Ingegneria Biofisica ed Elettronica TESI DI LAUREA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Genova. Facoltà di Ingegneria. Dipartimento di Ingegneria Biofisica ed Elettronica TESI DI LAUREA"

Transcript

1 Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Biofisica ed Elettronica TESI DI LAUREA Modellizzazione e predizione di interazioni tra soggetti non cooperanti tramite Hidden Markov Model per applicazioni di sorveglianza intelligente Relatore : Chiar. mo Prof. Carlo S. Regazzoni Correlatori : Ing. Alessio Dore : Ing. Lorenzo Ciardelli : Ing. Matteo Pinasco Candidato : Luca Parodi Anno Accademico

2 Ai miei genitori

3 Abstract In the last years, because of the increasing event of crime news, the public opinion has pointed out a pervasive sensation of discomfort, due to the lacking sense of security warned against. Many funds have been invested for research, to make up for this lack; studies in Ambient Intelligence systems applied to advanced security have brought to the development of intelligent video-surveillance. The task proposed in this framework, that aims to develop a system able to make predictions about the behaviour of moving sujects (a guard and an intruder in the examined case),is framed into this scenario; results obtained by testing this method can be used by a virtual guide system, in order to send messages that allow to the guard the pursuit of the intruder, advancing his movements. The main innovative features introduced in this work are based on the development of algorithms that are able to: - make an autonomous partition of the monitored environment in zones (called cells), on the basis of trajectories followed by the two subjects; - make a prediction on the next movement of the two subjects given the state of the system in a certain time instant. Proposed methods have been tested via the execution of simulations made with the aid of a simulator developed in the DIBE, Dipartimento di Ingegneria Biofisica ed Elettronica of the University of Genoa, able to imitate the bahaviour of two subjects iii

4 iv moving into a certain environment. Some experiments have been also carried out on real application in order to verify the correspondencce between the prediction made and the real movement. Results so obtained demonstrate the efficacy of the proposed methods, though other simulations are required to verify its complete validity.

5 Sommario Negli ultimi anni, a causa di sempre più frequenti episodi di cronaca, l opinione pubblica ha evidenziato una diffusa sensazione di disagio dovuta al carente senso di sicurezza avvertito. Per poter sopperire a questa mancanza sono stati investiti molti fondi per la ricerca; lo studio dei sistemi di Ambient Intelligence applicati alla sicurezza avanzata ha portato allo sviluppo di sistemi di videosorveglianza intelligente. Proprio all interno di questo scenario si inquadra il lavoro proposto nella seguente tesi, che mira a sviluppare un sistema in grado di effettuare delle predizioni sul comportamento di soggetti in movimento (nel caso in esame una guardia ed un intruso); i risultati così ottenuti possono poi essere utilizzati da un sistema di guida virtuale, al fine di inviare alla guardia dei messaggi che le permettano di inseguire l intruso, anticipandone i movimenti. I principali elementi innovativi introdotti in questa tesi si basano sullo sviluppo di algoritmi che siano in grado di: - effettuare in maniera autonoma una suddivisione in zone (dette celle) dell ambiente monitorato, sulla base delle traiettorie seguite dai due soggetti; - effettuare una predizione sul possimo movimento dei due soggetti dato lo stato del sistema in un determinato istante. I metodi proposti sono stati testati tramite lo svolgimento di simulazioni effettuate con l ausilio di un simulatore sviluppato presso il DIBE, Dipartimento di v

6 vi Ingegneria Biofisica ed Elettronica dell Università di Genova, capace di imitare il comportamento di due soggetti che si muovono all interno di un determinato ambiente. Sono inoltre stati realizzati alcuni esperimenti in applicazioni reali (sequenze riprese attraverso telecamere) al fine di verificare la corrispondenza tra predizione effettuata e movimento reale. I risultati ottenuti dimostrano l efficacia dei metodi proposti, anche se sono necessarie altre simulazioni per verificarne appieno la validità.

7 Indice Abstract Sommario iii v 1 Introduzione Obiettivi e finalità Struttura della tesi Ambient Intelligence Definizione generale Sistemi di AmI e di sicurezza avanzata Architettura dei sistemi di videosorveglianza Moduli di basso livello Moduli di medio livello Moduli di alto livello Rappresentazione di un sistema di AmI attraverso il modello biologico di Damasio Modello biologico di Damasio Architettura di sistemi basati sul modello biologico Interazioni tra sistemi cognitivi Il ciclo cognitivo Relazione tra entità cognitive vii

8 INDICE viii 3 Metodi di classificazione e predizione Introduzione generale sui classificatori Panoramica sui tipi di classificatori Classificatori basati su approccio statistico Approccio bayesiano Approcci non parametrici Riduzione della dimensionalità Clustering Multi classificatori Reti neurali Introduzione generale Modello matematico del neurone Tipologie di apprendimento Tipologie di reti neurali Reti Multilayer Perceptron Introduzione generale sui metodi di predizione Hidden Markov Models Parametri delle HMM Problemi base delle HMM Tipologie di HMM Problemi nell implementazione delle HMM Modellizzazione e predizione di interazioni tra soggetti non cooperanti tramite HMM Introduzione Generazione automatica delle mappe Instantaneous Topological Map Creazione celle

9 INDICE ix 4.3 Predizione tramite HMM Applicazione allo scenario considerato Algoritmo di voting Risultati Descrizione simulatore Regole di visibilità Comportamento dei due agenti Regole di inseguimento per la guardia Regole di fuga per l intruso Creazione mappe Creazione modello statistico Risultati reali Conclusioni e sviluppi futuri Conclusioni Sviluppi futuri Appendices 137 A Istantaneous Topological Map 137 Bibliography 143

10 INDICE x

11 Capitolo 1 Introduzione In questi ultimi anni a seguito dello sviluppo tecnologico che ha coinvolto vari settori dell Information Technology si è assistito ad una crescita di interesse nei sistemi di Ambient Intelligence. Questa disciplina, in continua fase di sviluppo, mira alla creazione di un mondo in cui le persone si trovino immerse in una forma di tecnologia che sia cosciente di sé e dell ambiente che la circonda, con la quale interagire nella maniera più naturale possibile. Come si vedrà in seguito, perché ciò sia possibile occorre che i dispositivi elettronici necessari siano integrati negli oggetti di tutti i giorni, e presentino caratteristiche tali da renderli intelligenti. L Ambient Intelligence è fortemente legata ai sistemi di localizzazione ed inseguimento video; uno dei primi campi in cui si è affermato tale legame è stato quello della videosorveglianza, evolutasi fino a diventare uno dei principali esempi applicativi di intelligenza d ambiente in grado di comprendere automaticamente la scena osservata ed agire solo in caso di reale necessità. 1.1 Obiettivi e finalità L obiettivo di questa tesi è quello di sviluppare un sistema che sia in grado di effettuare delle predizioni sul movimento di due soggetti non cooperanti (tipicamente 1

12 Capitolo 1 : Introduzione 2 due individui) che si trovano all interno di un ambiente monitorato da telecamere. In particolare il primo individuo rappresenta una guardia, mentre il secondo un intruso che si viene a trovare nel campo d azione delle telecamere stesse. I principali argomenti che verranno descritti in questa tesi riguardano: - Lo sviluppo di un algoritmo che, sulla base delle traiettorie dei due soggetti, sia in grado di effettuare in maniera autonoma una suddivisione in zone (dette celle) dell ambiente monitorato; - Lo sviluppo di un algoritmo che, data la posizione di guardia ed intruso (cioè lo stato del sistema in quel determinato istante), sia in grado di effettuare una predizione sul prossimo movimento dei due soggetti; - L applicazione di tali algoritmi allo scenario in esame. 1.2 Struttura della tesi La presente tesi è suddivisa in sei capitoli, compreso quello presente in cui vengono presentati brevemente obiettivi e finalità del metodo proposto. Nel Capitolo 2 viene fornita un ampia analisi delle tematiche relative ai sistemi di videosorveglianza e di Ambient Intelligence in generale; viene presentato inoltre un modello di riferimento bio-inspired per la modellizzazione di ambienti intelligenti (altrimenti detti Smart Space). Nel Capitolo 3, sempre relativo allo Stato dell Arte, viene fornita una panoramica sui principali sistemi di classificazione e predizione presenti in letteratura, dimostrando particolare attenzione per il metodo utilizzato nell ambito della presente tesi. Nel Capitolo 4 viene fornita una spiegazione del contesto in cui si opera, andando a descrivere nei dettagli il metodo utilizzato per effettuare le predizioni. Nel Capitolo 5 viene descritto il funzionamento del simulatore impiegato; vengono

13 1.2 Struttura della tesi 3 inoltre presentati esempi che verificano la validità del metodo proposto (esempi relativi alla corrispondenza tra predizione e movimento reale). Nel Capitolo 6, infine, vengono presentati gli obiettivi raggiunti e le linee guida per futuri ulteriori sviluppi.

14 Capitolo 2 Ambient Intelligence In questo capitolo verrà fornita una panoramica sulla disciplina dell Ambient Intelligence, partendo dalle possibili definizioni e procedendo a descrivere più dettagliatamente i sistemi di videosorveglianza, per poi introdurre il modello neurofisiologico di Damasio, attraverso il quale sarà proposto un possibile modello delle relazioni tra entità cognitive. 2.1 Definizione generale Negli ultimi anni un insieme di fattori concomitanti, tra cui l abbattimento dei costi dell hardware e l aumentata capacità computazionale dei sistemi di calcolo, ha portato ad un notevole sviluppo della tecnologia in tutte le sue branche. In questo contesto, una disciplina relativamente recente ed in continua evoluzione è quella dei sitemi di Intelligenza d Ambiente. L Ambient Intelligence (o AmI ) rapppresenta una nuova visione della vita di ogni giorno, costituita da sensori e dispositivi coordinati e cooperanti tra di loro, il cui compito è quello di simulare un intelligenza estesa a tutto l ambiente circostante affinché sia di sostegno alle attività ed alle interazioni degli utenti. Come detto in precedenza, grazie allo sviluppo della tecnologia digitale ed alla grande disponibilità 4

15 2.1 Definizione generale 5 di differenti tipi di dispositivi portatili e non, l uomo è sempre più circondato da un mondo digitale. Brooks in [18] afferma che un ambiente intelligente deve mettere a portata di mano delle persone una grande capacità computazionale distribuita in tutto lo spazio e in tutti gli oggetti; ciò nonostante, la grande diffusione di tali dispositivi elettronici non basta di per sé a dar luogo ad un sistema di Ambient Intelligence. Secondo l ISTAG (Information Society Technology Advisory Group) [48] l ambiente che si vuole realizzare deve essere cosparso di dispositivi dotati di interfacce intuitive ed intelligenti collocate in qualunque tipo di oggetto; inoltre deve anche essere capace di riconoscere i vari utenti, interagendo con loro senza che essi si accorgano della sua presenza. Secondo Aarts [1] dunque, tra i requisiti che devono possedere gli Smart Space, di fondamentale importanza sono: - onnipresenza: gli utenti sono circondati da una moltitudine di sistemi interconnessi tra loro; - trasparenza: le varie apparecchiature sono totalmente invisibili ed integrate nel background dello spazio in cui si muove l utente; - intelligenza: capacità del sistema di riconoscere le persone che risiedono in esso, adattarsi a loro ed apprendere in base ai loro comportamenti (ad esempio reagendo e/o anticipando le azioni degli utenti sulla base di informazioni raccolte da eventi passati,... ). In altre parole, questa disciplina offre agli utenti i relativi servizi sempre e dovunque, ponendo l utente stesso al centro del sistema mentre quest ultimo resta decentrato. In [19], Brumitt et al. pongono l attenzione sul fatto che in uno Smart Space è necessaria la presenza di sensori di natura differente, poichè per supportare le interazioni con gli utenti il sistema deve avere una conoscenza più approfondita

16 Capitolo 2 : Ambient Intelligence 6 dello spazio fisico sia per quanto riguarda i sensori sia per il controllo. Per esempio, se il sistema accende le luci al passaggio di una persona, deve essere in grado di identificarne la posizione, nonché di controllare tutti i dispositivi di accensione delle luci. Quindi, grazie allo sfruttamento dell AmI, le attività umane possono essere sostenute da un ambiente digitale, riducendo così gli sprechi di tempo e portando ad una vita più semplice per quel che riguarda le azioni quotidiane o, addirittura, a miglioramenti nei risultati di attività industriali. Infatti l Intelligenza d Ambiente non è legata ad una specifica attività umana, ma può essere applicata a diversi scenari e situazioni. Per esempio in [37] viene presentato un sistema operante nel campo dell aministrazione ospedaliera e di strutture sanitarie in generale, mentre in [90] l attenzione viene spostata sulle imprese, dove l AmI può sia supportare l attività dei lavoratori sia quella delle imprese stesse. In seguito tratteremo più in dettaglio i sistemi di Intelligenza d Ambiente applicati alla sicurezza avanzata, in quanto ricoprono un ruolo sempre più importante nella società odierna; inoltre, un sistema di videosorveglianza è stato utilizzato anche nell ambito della presente tesi. 2.2 Sistemi di AmI e di sicurezza avanzata I sistemi di videosorveglianza (vedi Figura 2.1) ricoprono da sempre un ruolo fondamentale nella società moderna, sia per quanto riguarda attività e/o ambienti pubblici sia in ambito privato; esempi di applicazioni si possono trovare nei settori del trasporto pubblico [101] [103], nella sicurezza urbana e di edifici [61], nel turismo [95], nei sistemi di protezione delle banche [77]..., mentre in principio erano stati pensati per usi strettamente militari [82] [38]. Negli ultimi anni, a causa di sempre più frequenti episodi di cronaca, l opinione

17 2.2 Sistemi di AmI e di sicurezza avanzata 7 Figura 2.1: Modello di un generico sistema di videosorveglianza pubblica ha evidenziato una diffusa sensazione di disagio dovuta al carente senso di sicurezza avvertito. Per poter sopperire a questa mancanza sono stati investiti molti fondi per la ricerca; proprio lo studio dei sistemi di Ambient Intelligence applicati alla sicurezza avanzata ha portato allo sviluppo di sistemi di videosorveglianza di terza generazione. Prima di analizzare la struttura di questi sistemi viene riportata brevemente la linea evolutiva da essi seguita, dagli anni 60 ad oggi; si distinguono quattro differenti generazioni di sistemi (come evidenziato anche nelle Figure 2.2 e 2.3): - Prima generazione (1GSS): Il sistema è basato su una sala di controllo in cui uno o più operatori, attraverso svariati monitor, sorvegliano differenti ambienti ed obiettivi. Le informazioni, acquisite tramite un sistema analogico a circuito chiuso (CCTV), non subiscono alcun tipo di elaborazione; l interpretazione delle scene e le relative decisioni da prendere nel caso in cui si verifichino eventi anomali sono totalmente affidate alle capacità dell uomo. La presenza obbligatoria di un supervisore umano coniuga, sia il vantaggio dato dalla possibilità di monitorare una o più location contemporaneamente e da più punti di vista diversi (permettendo così una possibile tempestiva ed adeguata contromisura) sia lo svantaggio dato dal decadimento del livello

18 Capitolo 2 : Ambient Intelligence 8 (a) (b) (c) Figura 2.2: Raffronto tra le diverse architetture: a) prima generazione b) seconda generazione c) terza generazione d) quarta generazione

19 2.2 Sistemi di AmI e di sicurezza avanzata 9 di attenzione col passare del tempo; la bassa frequenza con cui si verificano situazioni di pericolo e la necessità, in taluni casi, di dover visionare più volte una stessa registrazione portano infatti a possibili distrazioni da parte dell operatore (distrazioni dovute ad elementi soggettivi, quindi aleatorie e poco prevedibili). Un altro difetto di questo tipo di sistemi è legato alla scarsa qualità delle immagini acquisite che, essendo di tipo analogico e non subendo trattamenti di image processing, sono particolarmente sensibili al rumore. - Seconda generazione (2GSS): In questi sistemi si ha il passaggio dalla rappresentazione analogica a quella digitale delle immagini; è quindi possibile eseguire operazioni di image processing (a livello di acquisizione, trasmissione, memorizzazione e visualizzazione) per rendere le informazioni più compatte e resistenti al rumore. Il sistema è basato su un centro di controllo fornito di calcolatori che, in tempo reale, elaborano le sequenze ricevute e segnalano all operatore solo quelle di particolare interesse. Il ruolo della persona (comunque indispensabile) è però limitato all analisi di determinate scene, con un notevole alleggerimento del carico di lavoro ed un conseguente miglior rendimento dal punto di vista del mantenimento di un certo livello di attenzione. - Terza generazione (3GSS): Il sistema è caratterizzato da un architettura decentrata, in cui non si ha più un unico elaboratore, ma una serie di calcolatori (o nodi) collegati ad un elevato numero di sensori intelligenti, che cooperano tra loro al fine di fornire una rappresentazione più accurata dell ambiente monitorato. Tali dispostivi, dopo aver eseguito una prima elaborazione locale dei dati acquisiti, inviano i risultati al relativo nodo il quale ha il compito di eseguire una fusione dei dati in modo da estrarre dalla scena le informazioni rilevanti.

20 Capitolo 2 : Ambient Intelligence 10 La struttura così ottenuta è dotata di un elevato grado di flessibilità, dovuta alla relativa indipendenza dei nodi che la costituiscono; questi forniscono all operatore umano solo le indicazioni necessarie per segnalare e descrivere una situazione di pericolo. - Quarta generazione (4GSS): Al giorno d oggi la ricerca scientifica si sta muovendo nella direzione dei sistemi di videosorveglianza cognitiva, cioè capaci di interpretare le situazioni che si verificano e di adattarsi ad eventuali cambiamenti dell ambiente. Lo scopo è quello di poter agire sul mondo esterno, attraverso attuatori presenti nell area monitorata, in modo tale da evitare il verificarsi di eventi indesiderati o da reagire in maniera tempestiva ed adeguata. Come si vedrà nel seguito, al fine di svolgere il suddetto compito, questi sistemi sono progettati per imitare le capacità del cervello umano. Un sistema così concepito e rappresentato in Figura 2.3, è in grado sia di prendere decisioni in maniera autonoma, andando persino a svolgere alcune azioni, sia di interagire con operatori umani, al fine di prendere decisioni cooperative. Figura 2.3: Architettura di un sistema di videosorveglianza di ultima generazione

21 2.2 Sistemi di AmI e di sicurezza avanzata 11 Un moderno sistema di sicurezza avanzata è dunque costituito da un architettura distribuita di sensori multipli che, una volta elaborati i dati acquisiti, riesce a comprendere il contesto in cui si trova ad operare ed a generare segnali automatici di allarme [104]. I sensori utilizzati sono di tipo eterogeneo, in modo da poter elaborare dati di natura differente; questo permette di ampliare il raggio d azione del sistema, rendendo più robusto ed efficiente il rilevamento di possibili situazioni di pericolo. L elevata variabilità delle scene che si possono presentare, inoltre, ha reso necessari l introduzione e lo sviluppo di capacità di apprendimento automatico, così da rendere il più autosufficiente possibile il sistema Architettura dei sistemi di videosorveglianza I sistemi di videosorveglianza di nuova generazione devono saper svolgere tre funzioni fondamentali [99] [39]: 1. Detection: consiste nell eseguire operazioni di comprensione automatica della scene in esame, andando in seguito a rilevare gli obiettivi di interesse. 2. Tracking: consiste nel seguire l obiettivo, verificandone gli spostamenti anche in caso si verifichino situazioni di occlusione, affollamento Riconoscimento: consiste nello stabilire se si sono verificate o meno situazioni anomale o di pericolo. Un tipico sistema di inseguimento può essere rappresentato con un architettura composta da vari moduli: Moduli di basso livello: l informazione viene elaborata a livello di singoli pixel, con lo scopo di capire se questi fanno parte o meno del background dell immagine.

22 Capitolo 2 : Ambient Intelligence 12 Moduli di medio livello: i dati sono trattati a livello di gruppi; i pixel che non fanno parte dello sfondo vengono raggruppati in oggetti detti blob. Moduli di alto livello: i risultati forniti dal modulo precedente vengono esaminati a livello di frame successivi, in modo da poter estrarre informazioni semanticamente complesse dalle scene acquisite. A monte di questi moduli si ha il blocco di acquisizione delle immagini; nel caso in cui si utilizzi una telecamera analogica occorre aggiungere un frame grabber [12], che fornisce una rappresentazione digitale della sequenza video ripresa. Un aspetto fondamentale per il corretto funzionamento generale è dato dalla calibrazione dello strumento di ripresa che consente di stabilire una corrispondenza tra coordinate immagine e coordinate reali; tale operazione può essere eseguita sia manualmente [21] sia automaticamente [89]. In Figura 2.4 è mostrato un esempio grafico di come viene elaborata passo dopo passo l immagine, mentre nei paragrafi seguenti verranno analizzati più in dettaglio i vari moduli sopra elencati Moduli di basso livello Change detection Elemento fondamentale presente in quasi tutti i sistemi di videosorveglianza [78], questo modulo effettua una differenza pixel a pixel tra l immagine corrente I(x,y) ed un immagine di background B(x,y) aggiornata ad intervalli regolari; generalmente l operazione viene eseguita su frame acquisiti tramite sistemi RGB, anche se spesso si ricorre a trasformazioni in spazi di colori differenti in modo da ottenere risultati migliori. Tramite un processo di sogliatura si ottiene infine un immagine binaria D(x,y) detta maschera dei cambiamenti, in cui le zone bianche rappresentano le variazioni rilevate rispetto allo sfondo. Fattori quali cambiamenti di lumi-

23 2.2 Sistemi di AmI e di sicurezza avanzata 13 Figura 2.4: Architettura di un tipico sistema di inseguimento nosità, movimento della telecamera, rumore di acquisizione... vanno ad influire sulla maschera, per cui la scelta del valore di soglia diventa molto importante al fine di ottenere un buon risultato; una soglia troppo bassa infatti porta a rilevare cambiamenti non realmente avvenuti, mentre una soglia troppo elevata rende il sistema più robusto ai disturbi ma anche meno sensibile. In letteratura si possono trovare esempi di algoritmi di change detection più o meno complicati [70] [100]. L equazione (2.1) mostra la formulazione di un algoritmo piuttosto semplice (adatto quindi ad operare su sistemi real-time) applicato ad immagini in bianco e nero: 1 se B(x, y) I(x, y) change th D(x, y) = (2.1) 0 se B(x, y) I(x, y) < change th mentre in Figura 2.5 viene illustrato il risultato prodotto dal modulo appena de-

24 Capitolo 2 : Ambient Intelligence 14 scritto. (a) (b) (c) Figura 2.5: Esempio di change detection: a) immagine di background b) immagine corrente c) maschera dei cambiamenti Aggiornamento del background L operazione di aggiornamento dello sfondo è necessaria al fine di considerare tutti i fattori ambientali che possono influire sul modulo precedente, uno tra tutti il cambio di luminosità dovuto principalmente alla variazione della luce solare; molto importante nel caso in cui si operi in ambienti esterni, questo fattore può portare alla rilevazione di un elevato numero di falsi allarmi allorché la luminosità dell immagine corrente differisca sensibilmente da quella del background. L algoritmo ricorsivo descritto in [40] genera ad ogni ciclo un nuovo sfondo partendo dall immagine corrente e dal background precedente, utilizzando la seguente regola: B k+1 (x, y) = I k (x, y) + α [B k (x, y) I k (x, y)] (2.2) dove α [0, 1] è detto coefficiente di aggiornamento. Se α tende a 0 il background aggiornato è molto simile al frame corrente, mentre se tende a 1 si ha un updating molto più soft per cui il nuovo sfondo si discosta di poco dal precedente; per questo motivo α va scelto opportunamente a seconda del contesto in cui si opera.

25 2.2 Sistemi di AmI e di sicurezza avanzata 15 (a) (b) Figura 2.6: Esempio di aggiornamento del background: a) background iniziale b) background aggiornato In Figura 2.6 viene mostrato il funzionamento di un algoritmo di aggiornamento; in particolare si nota come un veicolo parcheggiato, dopo un certo periodo di tempo, venga assorbito dal background. Filtraggio non lineare Il filtraggio non lineare ha il compito di ripulire il più possibile dal rumore la maschera dei cambiamenti generata dal modulo di change detection. L applicazione di un algoritmo di filtraggio morfologico [23] prevede due operazioni basate sull uso di maschere: - Erosione: rende più compatte e separabili le aree bianche, eliminando i piccoli gruppi di pixel isolati dovuti al rumore. Ad ogni punto dell immagine dei cambiamenti viene applicata una maschera che va a contare il numero di pixel bianchi in essa contenuti; al punto considerato viene quindi assegnato, sulla base di una soglia th e, il valore 1 se fa parte dell oggetto rilevato oppure il valore 0 se fa parte del background:

26 Capitolo 2 : Ambient Intelligence 16 1 se M 1 (i) th e f e (i) = 0 altrimenti (2.3) dove f e (i) è il valore assegnato al pixel i esimo, mentre M 1 (i) è il numero di pixel bianchi (cioè con valore 1) contenuti nella maschera centrata nel piexl i esimo. - Dilatazione: operazione speculare rispetto alla precedente, consente di recuperare i pixel di interesse eventualmente eliminati dal processo di erosione andando così a compattare le superfici rilevate. Questa volta la maschera applicata all immagine va a contare il numero di pixel neri in essa contenuti e, utilizzando una soglia th d, assegna al pixel di riferimento il valore adeguato secondo la seguente regola: 1 se M 1 (i) th d f d (i) = 0 altrimenti (2.4) dove f d (i) è il valore assegnato al pixel i esimo, mentre M 1 (i) è il numero di pixel neri contenuti nella maschera centrata nel piexl i esimo. In Figura 2.7 è mostrato il risultato dell operazione di filtraggio morfologico sulla maschera dei cambiamenti prodotta dal modulo di change detection precedentemente analizzato Moduli di medio livello Focalizzazione dell attenzione Ha il compito di fornire una descrizione sintetica delle aree di interesse presenti in un frame; ogni regione di interesse (ROI, Region Of Interest) corrisponde ad

27 2.2 Sistemi di AmI e di sicurezza avanzata 17 (a) (b) Figura 2.7: Esempio di filtraggio non lineare: a) maschera dei cambiamenti b) immagine filtrata un oggetto rilevato sulla scena. Si passa così dall analisi di immagini all analisi di oggetti; questo permette ai moduli di alto livello di concentrare la loro attenzione solamente sugli obiettivi di interesse, gestendo il problema in modo più strutturato. Una volta individuato un target, questo può essere rappresentato in diversi modi a seconda del contesto in cui si opera [80]. Generalmente si distinguono due classi principali: rappresentazione basata sull oggetto, in cui si effettua la segmentazione del piano immagine e rappresentazione basata sull immagine, in cui si opera direttamente sui pixel indipendentemente dalla presenza di oggetti. Una tecnica molto usata facente parte della prima categoria è quella della rappresentazione tramite rettangoli, in cui ogni pixel di un oggetto è contenuto all interno di una bounding box (vedi Figura 2.8); questo metodo può essere utilizzato anche per eseguire operazioni di tracking, e non solo come rappresentazione intermedia. Altri metodi di rappresentazione basata sull oggetto sono: rappresentazione tramite punti, rappresentazione tramite sagome e rappresentazione tramite blob. Fanno parte della seconda classe, invece, le tecniche di rappresentazione tramite

Progetto Didattico di Informatica Multimediale

Progetto Didattico di Informatica Multimediale Progetto Didattico di Informatica Multimediale VRAI - Vision, Robotics and Artificial Intelligence 20 aprile 2015 Rev. 18+ Introduzione Le videocamere di riconoscimento sono strumenti sempre più utilizzati

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

IDENTIFICAZIONE dei MODELLI e ANALISI dei DATI. Lezione 40: Filtro di Kalman - introduzione. Struttura ricorsiva della soluzione.

IDENTIFICAZIONE dei MODELLI e ANALISI dei DATI. Lezione 40: Filtro di Kalman - introduzione. Struttura ricorsiva della soluzione. IDENTIFICAZIONE dei MODELLI e ANALISI dei DATI Lezione 40: Filtro di Kalman - introduzione Cenni storici Filtro di Kalman e filtro di Wiener Formulazione del problema Struttura ricorsiva della soluzione

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici Alice Piva 1, Giacomo Gamberoni 1, Denis Ferraretti 1, Evelina Lamma 2 1 intelliware snc, via J.F.Kennedy 15, 44122 Ferrara,

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

((e ita e itb )h(t)/it)dt. z k p(dz) + r n (t),

((e ita e itb )h(t)/it)dt. z k p(dz) + r n (t), SINTESI. Una classe importante di problemi probabilistici e statistici é quella della stima di caratteristiche relative ad un certo processo aleatorio. Esistono svariate tecniche di stima dei parametri

Dettagli

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo White paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo Pagina 2 Sintesi

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione.

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione. Grafi ed Alberi Pag. /26 Grafi ed Alberi In questo capitolo richiameremo i principali concetti di due ADT che ricorreranno puntualmente nel corso della nostra trattazione: i grafi e gli alberi. Naturale

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Universitá di Firenze. Che cosa é realmente successo ai colloqui di pace di Parigi fra Henry Kissinger e Le Duc Tho

Universitá di Firenze. Che cosa é realmente successo ai colloqui di pace di Parigi fra Henry Kissinger e Le Duc Tho Universitá di Firenze FACOLTÁ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Matematica Che cosa é realmente successo ai colloqui di pace di Parigi fra Henry Kissinger e Le Duc Tho What

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

TECNICHE DI SIMULAZIONE

TECNICHE DI SIMULAZIONE TECNICHE DI SIMULAZIONE MODELLI STATISTICI NELLA SIMULAZIONE Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari a.a. 2004/2005 TECNICHE DI SIMULAZIONE p. 1 Modelli statistici nella simulazione

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE

DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE variabile casuale (rv): regola che associa un numero ad ogni evento di uno spazio E. variabile casuale di Bernoulli: rv che può assumere solo due valori (e.g.,

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testualilezione 2 Le principali tecniche di analisi testuale Facendo riferimento alle tecniche di data mining,

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto Relatore Prof. Andrea

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS)

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) >> Il Sistema MVS permette di misurare e valutare la sicurezza aziendale (nell accezione di Security) nei

Dettagli

Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto. Torino, Centro Congressi Lingotto 14 15 aprile 2010

Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto. Torino, Centro Congressi Lingotto 14 15 aprile 2010 Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto INDICI E PIANI DI PROCESS CAPABILITY Prof. Biagio Palumbo (Università di Napoli Federico II - Dipartimento Ingegneria

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE SISTEMI LINEARI QUADRATI:METODI ITERATIVI p./54 RICHIAMI di ALGEBRA LINEARE DEFINIZIONI A R n n simmetrica se A = A T ; A C

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE Università degli studi di Catania Facoltà di Ingegneria 26 Gennaio 2009 Sommario 1 Introduzione 2 Middleware Middleware:

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Intrusion Detection System

Intrusion Detection System Capitolo 12 Intrusion Detection System I meccanismi per la gestione degli attacchi si dividono fra: meccanismi di prevenzione; meccanismi di rilevazione; meccanismi di tolleranza (recovery). In questo

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

Preprocessamento dei Dati

Preprocessamento dei Dati Preprocessamento dei Dati Raramente i dati sperimentali sono pronti per essere utilizzati immediatamente per le fasi successive del processo di identificazione, a causa di: Offset e disturbi a bassa frequenza

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli