Industria orologiera svizzera Prospettive e sfide

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Industria orologiera svizzera Prospettive e sfide"

Transcript

1 Global Research Swiss Issues Settori Ottobre 2013 Industria orologiera svizzera Prospettive e sfide

2 Sigla editoriale Editore Giles Keating Head of Research for Private Banking and Wealth Management +41 (0) Dr. Oliver Adler Head Economic Research +41 (0) Contatto Telefono +41 (0) Copertina Foto: Damian Künzi, Zurigo Stampa Koprint AG, Untere Gründlistrasse 3, 6055 Alpnach Dorf Chiusura redazionale 6 settembre 2013 Ordinazioni Direttamente presso il vostro consulente clientela o in qualsiasi succursale del Credit Suisse. Singole copie (gratuite) via o fax Ordinazioni interne tramite MyShop con n. mat Visitateci su Internet Copyright La presente pubblicazione può essere citata con l'indicazione della fonte. Copyright 2013 Credit Suisse Group AG e/o aziende a esso collegate. Tutti i diritti riservati. Autori Dr. Patricia Feubli Emilie Gachet Philipp Hänggi Damian Künzi Collaborazione Viktor Holdener Swiss Issues Settori

3 Sommario Editoriale 4 Management Summary 5 L'industria orologiera svizzera nel contesto globale 7 Trend della domanda: retrospettiva e prospettive 10 Il boom dell'industria orologiera svizzera in retrospettiva 10 Diversificazione geografica come fattore di successo 12 Excursus: ampia indipendenza dal tasso di cambio 14 Cina, al boom segue un crollo? 15 Paesi emergenti: potenziale per una «seconda Cina»? 19 Excursus: importanza dei brand svizzeri nei paesi emergenti 22 Canale di smercio Svizzera: significato del commercio di orologi al dettaglio 23 Cambiamento strutturale e sfide 25 Panoramica sulla struttura settoriale 25 Sfida situazione dei fornitori 28 Sfida «Swiss Made» 31 Sfida distribuzione 34 Prospettive 37 Swiss Issues Settori 3

4 Editoriale Gentili lettrici e lettori Precisione, qualità, lusso, design, lavorazione ineccepibile, tradizione associata all'high tech: l'industria orologiera unisce valori tipicamente svizzeri nell'ambito di un prodotto tradizionalmente elvetico e diffonde questi valori nel mondo quale settore fortemente orientato alle esportazioni. L'industria orologiera non è solo un'importante ambasciatrice per la piazza industriale svizzera, ma anche, con oltre 20 mia. di CHF di ricavi correlati alle esportazioni, un pilastro fondamentale, che in alcune regioni del nostro paese ha un significato economico di primo piano. Il settore è riuscito a ottenere ciò che molti altri sognano: grazie a una pluriennale esperienza e alla concentrazione di know-how, la Svizzera è oggi leader mondiale nel settore degli orologi di valore. L'industria orologiera elvetica si presenta come un cluster che ha registrato una poderosa crescita, nell'ambito del quale i singoli attori, dal fornitore, passando per il brand, fino al commerciante, sono perfettamente coordinati alla pari di un meccanismo di orologio. Oltre ai brand noti e a pochi gruppi di grandi dimensioni, centinaia di PMI assolutamente creative, innovative dal punto di vista tecnico e in grado di guardare avanti sul piano artistico gettano le basi per il successo dell'industria orologiera elvetica. Il boom degli anni passati e l'importanza del settore si contrappongono alle informazioni e alle analisi disponibili relative all'industria orologeria svizzera. Ciò è da ricondursi a un altro valore svizzero: la discrezione. Il Credit Suisse vorrebbe far luce con il presente studio su un settore che ha un posizionamento eccellente, ma che deve fare i conti con determinate sfide. Sul fronte della domanda, approfondiamo in particolare la questione di quanto sarà duraturo il boom dalla Cina e quali mercati emergenti l'industria degli orologi deve considerare come futuri mercati di sbocco. Sul fronte dell'offerta analizziamo le conseguenze dell'inasprimento della situazione delle forniture, delle modifiche nell'ambito del marchio «Swiss Made» e della verticalizzazione della distribuzione. Grazie a una lungimiranza strategica, alla capacità d'innovazione e a partner forti al proprio fianco, l'industria orologiera supererà queste sfide strutturali in un mercato che, prevedibilmente, continuerà a crescere. Vi auguro una lettura entusiasmante e stimolante. Urs P. Gauch Responsabile attività PMI Svizzera Swiss Issues Settori 4

5 Management Summary L industria orologiera svizzera al primo posto nella fascia alta dei prezzi (L'industria orologiera svizzera nel contesto globale, pagg. 7 9) Il boom del lusso fa spiccare il volo al settore pur in presenza di un temporaneo rallentamento (Il boom dell'industria orologiera svizzera in retrospettiva, pagg ) L'Asia sospinge la crescita (Diversificazione geografica come fattore di successo, pagg ) I provvedimenti politici in Cina limitano la domanda (Cina, al boom segue un crollo?, pagg ) Grande potenziale nei paesi emergenti ma anche ostacoli (Paesi emergenti: potenziale per una «seconda Cina»?, pagg ) Il mercato orologiero mondiale è dominato solo da un piccolo gruppo di paesi, tra cui spiccano chiaramente Svizzera e Cina. L'Impero di Mezzo è il più grande produttore di orologi in termini di quantitativi. Gli orologi cinesi si sono fondamentalmente affermati nella fascia bassa dei prezzi. Nel segmento di prezzo alto, al contrario, la Svizzera è una quasi-monopolista. Sebbene l'industria orologiera del paese, considerando il numero di pezzi, si aggiudichi all'incirca solo il 2,5% della produzione globale, in termini di valore è di gran lunga l'esportatore di orologi leader. L'industria orologiera è diventata il terzo settore svizzero più importante per le esportazioni, dopo l'industria farmaceutica e l industria meccanica. Con una quota del 95%, praticamente l'intera produzione è destinata alle esportazioni. Difficilmente si riesce a trovare un altro settore così orientato alle esportazioni e che si deve affermare in modo così netto nel quadro internazionale. Data un tempo per morta negli anni Settanta, dopo la crisi degli orologi l'industria orologiera elvetica ha registrato un'impressionante ripresa. Grazie al riposizionamento nei prodotti ad alto valore (orologi meccanici) l'industria orologiera svizzera ha tratto vantaggio dal boom della domanda globale per i beni di lusso, che si è affermato a metà degli anni Novanta. Nell'ultimo decennio, a fronte di una crescita media annua delle esportazioni del 7,2%, ha registrato un andamento nettamente più dinamico rispetto all'industria elvetica delle esportazioni. Sorprendenti sono stati in particolare gli anni , con tassi di crescita a due cifre percentuali. Negli ultimi trimestri l'andamento degli affari ha evidenziato un significativo raffreddamento, ma, sulla base di un raffronto pluriennale, le esportazioni presentano comunque un andamento record. Al successo dell'industria orologiera elvetica ha contribuito in particolare un'analisi tempestiva e intensiva dei mercati emergenti in pieno sviluppo. Nell'ultimo decennio il contributo di gran lunga più consistente alla crescita delle esportazioni elvetiche di orologi è stato fornito dall'asia. Nel complesso i paesi asiatici hanno generato all'incirca il 70% della crescita delle esportazioni nel periodo I maggiori impulsi alla crescita sono giunti da Hong Kong e Cina. Complessivamente, nel 2012, all'incirca il 28% delle esportazioni elvetiche di orologi è finito in questi due paesi, nel 2000 il rispettivo dato era pari solo al 14%. Il fatto che il mercato cinese rappresenti non solo una locomotiva per la crescita, ma anche un rischio di concentrazione, emerge dal raffreddamento congiunturale che di recente ha interessato il settore. Dopo una crescita fulminante, che si è protratta per diversi anni, da metà 2012 le esportazioni elvetiche di orologi di piccole dimensioni verso la Cina sono diminuite in modo improvviso. Le ragioni di tutto ciò risiedono nei provvedimenti di lotta alla corruzione, nelle limitazioni alla pubblicità e in una crescita economica più lenta nell'impero di Mezzo. Considerando il rapidissimo ritmo registrato negli anni scorsi dal mercato cinese, la flessione delle esportazioni svizzere di orologi dev'essere considerata non tanto un crollo, bensì una normalizzazione. La Cina, per via dello standard di vita della popolazione in continuo miglioramento e dell'eliminazione delle barriere commerciali (parola chiave: accordi di libero scambio) dovrebbe espandersi anche in futuro quale mercato acquirente. Complessivamente prevediamo per i prossimi anni un'ulteriore crescita, seppur più lenta, delle esportazioni svizzere di orologi. Grazie al reddito crescente e al maggiore benessere, oltre alla Cina anche altri mercati emergenti offrono importanti prospettive di crescita per l'industria degli orologi. In particolare consideriamo Vietnam, India, Russia, Ucraina, Malesia, Corea del Sud e Messico quali potenziali paesi che registreranno una crescita nei prossimi anni. Anche Brasile, Sudafrica e Turchia offrono delle opportunità. Se i brand di orologi svizzeri saranno effettivamente in grado di sfruttare il potenziale presente secondo i nostri calcoli è comunque tutto da vedere. Concretamente, i dazi per le importazioni e le imposte (sul lusso) elevati che alcuni paesi - come il Brasile e l'india - applicano sugli orologi rappresentano importanti barriere per l'ingresso sul rispettivo mercato. L'Emerging Consumer Survey del Credit Suisse evidenzia come, su questi mercati protezionisti, meno di un orologio su dieci venduto è un orologio svizzero. Di conseguenza l'interesse dell'industria orologiera svizzera alla stipulazione di accordi di libero scambio con questi paesi è elevato. Swiss Issues Settori 5

6 La Svizzera rientra tra i principali mercati di sbocco (Canale di smercio Svizzera: significato del commercio di orologi al dettaglio, pagg ) Procede l'integrazione verticale della produzione (Sfida situazione dei fornitori, pagg ) «Swiss Made» come sfida per i produttori di dimensioni più piccole (Sfida «Swiss Made», pagg ) La «verticalizzazione» si impone anche nella distribuzione (Sfida distribuzione, pagg ) Prospettive generalmente positive problemi da risolvere per una parte del settore (Prospettive, pagg ) Dal momento che le statistiche ufficiali sugli orologi comprendono solo le cifre relative al commercio con l'estero, l'importanza del mercato domestico per l'industria orologiera elvetica viene spesso sottovalutata. Ipotizziamo che il commercio al dettaglio svizzero abbia venduto nel 2012 orologi per un valore stimato di oltre 2 mia. di CHF (prezzi di vendita finali). Pertanto la Svizzera rientra tra i più importanti mercati di sbocco dell'industria orologiera interna. Dalla metà a due terzi circa degli orologi venduti in Svizzera sono destinati a turisti stranieri. Nessun altro comparto del commercio al dettaglio svizzero dipende così fortemente dal turismo come il commercio di orologi. I turisti in particolare quelli provenienti dalla Cina e dagli stati del Golfo sono stati anche il principale fattore di spinta del recente boom dei fatturati nell'ambito del commercio al dettaglio elvetico di orologi. Parallelamente alle variazioni sul fronte della domanda, negli ultimi decenni l'industria orologiera svizzera ha dovuto fare i conti con un cambiamento strutturale, che dovrebbe proseguire nel medio termine. Un trend dominante è l'integrazione verticale della produzione. Animati dal desiderio di controllare l'intera catena di creazione di valore, dal componente più piccolo al montaggio dell'orologio, i brand o rilevano i fornitori a tutti i livelli o creano le relative capacità produttive. L'integrazione delle fasi di lavoro determina una concentrazione nel settore. Un fattore di spinta al riguardo è lo stop alle forniture perseguito da Swatch Group per quanto riguarda i componenti di meccanismi di orologi. Il desiderio di esclusività e di un'ampia indipendenza dai fornitori, in particolare in periodi caratterizzati da una consistente domanda, determina questo trend. Al cambiamento strutturale nel settore dovrebbe contribuire il previsto inasprimento delle condizioni per l'ottenimento del rinomato marchio «Swiss Made». Il progetto «Swissness», approvato nel giugno 2013, prevede che almeno il 60% dei costi di produzione di un prodotto «Swiss Made» debba essere riconducibile alla Svizzera. Contrariamente alla direttiva propria del settore presente finora, il progetto «Swissness» non regolamenta solo il meccanismo dell'orologio e il controllo finale, bensì anche la produzione di tutti i componenti di un orologio. Mentre i grandi produttori di orologi svizzeri accolgono favorevolmente il progetto «Swissness», soprattutto quelli che fabbricano orologi più economici si dichiarano contro la proposta. Essi importano una parte non trascurabile dei rispettivi componenti dall'estero. Complessivamente, nel 2012, l'industria orologiera svizzera ha importato componenti per un controvalore di 2.1 mia. di CHF, il che corrisponde all'incirca a un decimo delle esportazioni di orologi. Tuttavia il rapporto import-export per gli orologi nei segmenti di prezzo più bassi dovrebbe essere nettamente più elevato. Le nuove condizioni dovrebbero assicurare ai fornitori interni, in particolare nel settore degli equipaggiamenti di orologi, un'ulteriore domanda. Le impasse delle consegne rappresentano comunque un potenziale rischio. Analogamente alla produzione, anche la distribuzione viene sempre più assunta in prima persona dai brand di orologi. In particolare, dalla fine degli anni Novanta, vengono aperte sempre più boutique monomarca. Tuttavia una strategia di questo tipo comporta costi elevati, pertanto è difficilmente applicabile, in particolare per brand più piccoli e meno noti privi del sostegno di un gruppo. La nostra analisi della distribuzione geografica delle boutique monomarca fornisce un buon quadro degli attuali rapporti di forza nell'ambito del mercato globale per gli orologi svizzeri. Sorprendente è in particolare la concentrazione sul continente asiatico. Dalla distribuzione geografica delle boutique monomarca si evince anche la grande importanza dei flussi di turisti per l'industria orologiera. Per riassumere, riteniamo che le prospettive dell'industria orologiera svizzera nel medio termine siano complessivamente positive. Stando alle nostre stime, le opportunità superano i rischi. Tuttavia, considerando la grande molteplicità degli attori dell'industria orologiera elvetica, va fatta una considerazione differenziata. I grandi gruppi del lusso e del settore orologiero si contraddistinguono per un elevato potere di contrattazione e dovrebbero quindi essere meglio posizionati per trarre vantaggio dall'ulteriore rialzo della domanda atteso per i beni di lusso. Le prospettive sono buone anche per i brand tradizionali indipendenti e affermati nella fascia alta dei prezzi. Si presenta invece più difficile il futuro di alcuni produttori indipendenti di dimensioni più piccole, in particolare di quelli dei segmenti di prezzo medio-bassi. Essi dovrebbero risentire in misura maggiore delle succitate sfide strutturali. A conti fatti, ipotizziamo per i prossimi anni un proseguimento del processo di concentrazione nell'industria orologiera elvetica. Swiss Issues Settori 6

7 L'industria orologiera svizzera nel contesto globale L'industria orologiera, la locomotiva delle esportazioni con un orientamento internazionale estremamente marcato Cifre sulle esportazioni quale indicatore dei rapporti di forza nel commercio globale di orologi Con tassi di crescita percentuali a due cifre su base annua, negli ultimi tre anni l'industria orologiera ha rappresentato un importante traino dell'economia delle esportazioni elvetica. Nel 2012, per la prima volta le esportazioni svizzere di orologi hanno infranto la soglia dei 20 miliardi. Sebbene dall'autunno 2012 la congiuntura settoriale registri un netto indebolimento, il settore dell'orologeria resta uno dei comparti industriali più importanti della Svizzera. Con un fatturato record associato alle esportazioni di 21.4 mia. CHF nel 2012 una percentuale pari al 10,7% delle esportazioni complessive di merci l'industria orologiera ha rappresentato il terzo settore svizzero come volume di esportazioni, dopo l'industria farmaceutica (58.5 mia. CHF, 29,2%) e appena dietro l industria meccanica (21.5 mia. CHF, 10,7%). L'industria orologiera svizzera presenta un orientamento internazionale molto marcato secondo le stime viene esportato il 95% della produzione e quindi esposto alla concorrenza globale. La Svizzera non è l'unico paese a produrre orologi, ma l'orologeria del paese assume una posizione unica al mondo. Il presente capitolo mostra in modo dettagliato il posizionamento dell'industria orologiera elvetica sul mercato globale. Non esistono statistiche ufficiali sulla produzione di orologi a livello mondiale. 1 La seguente analisi sui rapporti di forza nell'industria orologiera globale si basa quindi su cifre relative al commercio con l'estero. Per diverse ragioni esse si discostano dalle cifre effettive sulla produzione, pertanto la loro interpretazione va fatta con prudenza (v. box, pag. 12). Ciononostante, forniscono una buona panoramica sui principali attori e sui rapporti di forza nell'ambito del mercato orologiero globale. Figura 1 I 10 principali paesi che esportano orologi e componenti di orologi Colonnina di sinistra: fatturato delle esportazioni in mio. di USD, suddiviso tra orologi di piccole dimensioni* (rosso; orologi da polso e da tasca) e altri prodotti orologieri (arancione); colonnina di destra: numero di orologi esportati* in mio.; 2012 (Italia: 2011) Regno Unito Germania USA Francia Switzerland Svizzera Italia Cina Giappone Hong Kong Singapore Valore in USD (mio.) 20'000 10'000 Pezzi (mio.) Fonte: Nazioni Unite/Comtrade, Ufficio federale di statistica tedesco, Credit Suisse 1 Secondo la Federazione dell'industria orologiera svizzera (FH) si dovrebbe attestare annualmente a circa 1.2 miliardi di pezzi. Swiss Issues Settori 7

8 Solo pochi paesi hanno una posizione di rilievo sul mercato orologiero Svizzera indiscussa numero 1 in termini di valore La Cina produce il maggior numero di orologi (economici) Hong Kong come piattaforma nel commercio globale di orologi Altri paesi europei con un importanza meno significativa Dalla figura 1 si evince chiaramente che solo un pugno di paesi predomina nell'industria orologiera globale. Dieci paesi, specificamente Svizzera, Hong Kong, Cina, Germania, Francia, Singapore, Italia, Giappone, USA e Regno Unito, contribuiscono a oltre il 90% delle esportazioni globali di orologi e componenti di orologi con i primi tre paesi citati che spiccano chiaramente. Il fatto che questi dieci stati siano anche i più importanti paesi importatori lascia trapelare la notevole interdipendenza tra le principali nazioni per l'orologeria. I singoli paesi sono in parte specializzati in diversi prodotti orologieri e fasi del processo produttivo. In base al fatturato delle esportazioni, l'industria orologiera svizzera è leader tra i diversi paesi, distaccando ampiamente tutti gli altri. A livello delle singole aziende, grazie a Swatch Group, Richemont e Rolex, tre gruppi del lusso e attivi nella produzione di orologi svizzeri sono chiaramente i leader sui mercati mondiali. Insieme i tre gruppi, secondo le stime, generano oltre il 45% del fatturato globale nel settore orologiero. 2 Nel 2012 il 94% del fatturato correlato alle esportazioni di orologi svizzeri, pari a 21.4 mia. di CHF (22.9 mia. di USD), è stato conseguito con orologi finiti di piccole dimensioni. L'elevato fatturato viene generato con pochi orologi, ma costosi. Grazie a 29.3 milioni di pezzi esportati più gli orologi venduti all'interno del paese la Svizzera si contende solo il 2,5% circa della produzione globale di orologi. Il prezzo di esportazione medio di un orologio svizzero ammontava nel 2012 a 737 USD. In termini di quantitativi, la Cina è l'esportatore di orologi più grande al mondo. Nel 2012 l'impero di Mezzo ha esportato milioni di pezzi finiti, 23 volte di più della Svizzera. Tuttavia, con 5.1 mia. di USD, la Cina ha generato un fatturato associato a orologi e componenti di orologi 4.5 volte inferiore rispetto alla Svizzera. La ragione risiede nel fatto che i due paesi operano in segmenti di mercato diversi. Gli orologi cinesi, con un prezzo medio d'esportazione di 3 USD, sono nettamente più economici rispetto a quelli elvetici. Il 99% di tutte le unità esportate dalla Cina e il 96% del fatturato correlato alle esportazioni di orologi di piccole dimensioni sono da ricondursi agli orologi al quarzo prodotti con metalli non nobili o altri materiali (principalmente orologi di plastica). In Svizzera questi orologi rappresentano solamente all'incirca il 17% del fatturato delle esportazioni. Tuttavia, in Cina, i campioni delle esportazioni non sono gli orologi di piccole dimensioni, bensì i componenti degli orologi (meccanismi degli orologi, casse, cinturini e via dicendo), oltre che gli orologi di grandi dimensioni (ad es. pendoli, sveglie, strumenti di misurazione del tempo). Queste categorie generano insieme oltre il 60% del volume complessivo delle esportazioni. Anche Hong Kong ha una posizione significativa sul mercato mondiale degli orologi. A livello di quantità l'ex colonia della corona britannica è il secondo paese esportatore dopo la Cina continentale, e, a livello di valore, risulta seconda dopo la Svizzera per gli orologi e i componenti di orologi (2012: milioni di orologi di piccole dimensioni esportati con un fatturato di 9.6 mia. di USD). Tuttavia in questo caso occorre rilevare che Hong Kong produce direttamente molto poco, esercitando piuttosto la funzione di piattaforma nell'ambito del commercio globale di orologi. Come zona ad amministrazione speciale della Repubblica popolare cinese, Hong Kong è una regione doganale autonoma e dispone di una propria politica commerciale. La città portuale non riscuote dazi doganali, il che la rende uno dei centri di immagazzinaggio e distribuzione favoriti tra i produttori di orologi. In questo caso le relazioni con la Svizzera e il continente cinese sono particolarmente strette e profonde (figura 2). Da Hong Kong vengono riesportati orologi stranieri (ad es. svizzeri) verso la restante regione asiatica, compresa la Cina. Viceversa, molti degli orologi al quarzo e dei componenti di orologi prodotti in Cina giungono, passando per Hong Kong, all'estero, in particolare negli USA, ma anche in Svizzera, o nuovamente in Cina. Come in Svizzera, l'orologeria ha una lunga tradizione in Germania, Francia e Italia. Tuttavia in nessuno di questi paesi il settore ha un'importanza così significativa come in Svizzera, sia in virtù di un raffronto internazionale che per la rispettiva economia interna. Molti brand europei con una grande tradizione orologiera, come Cartier o Panerai, producono attualmente in Svizzera. I fatturati correlati alle esportazioni di orologi di Francia e Germania si attestano intorno ai 2 mia. di USD, e sono quindi indicativamente 10 volte più bassi rispetto a quelli della Svizzera. Nel 2012 l'industria orologiera tedesca ha conseguito il 95% del fatturato delle esportazioni con orologi di 2 Fonte: Vontobel Equity Research (2013): Vontobel Luxury Goods Shop, Zurigo. Swiss Issues Settori 8

9 dimensioni grandi e piccole. Di contro, la Francia è focalizzata maggiormente sull'industria delle forniture. I componenti (in particolare i cinturini) rappresentano il 22% del fatturato delle esportazioni. Anche in Italia i componenti degli orologi hanno una grande importanza, con una quota indicativamente del 36% del fatturato delle esportazioni. Per i due paesi l'industria orologiera svizzera è il principale acquirente per quanto attiene ai componenti degli orologi. Figura 2 Le principali relazioni commerciali di Cina e Hong Kong sul mercato degli orologi Di volta in volta vengono riportate le tre relazioni di import-export più importanti per valore di Cina e Hong Kong. Lo spessore della freccia è proporzionale al fatturato del commercio estero 2012 (valori tra parentesi in mia. di USD). Orologi di piccole dimensioni = orologi da polso e da tasca; Orologi di grandi dimensioni = orologi a pendolo, sveglie, pendoli, strumenti di misurazione del tempo e via dicendo; Componenti = meccanismi di orologi, casse, cinturini, quadranti e via dicendo. (2,1) (1,5) Svizzera (0,8) Cina (0,6) (0,3) (0,6) USA (2,7) (1,4) Giappone (5,2) (1,1) (1,6) Hong Kong Componenti Orologi di piccole dimensioni Singapore Orologi di grandi dimensioni Fonte: Nazioni Unite/Comtrade, Credit Suisse I brand del settore orologiero nipponico producono per lo più all'estero Oltre alle aziende elvetiche, anche tre gruppi giapponesi, ossia Citizen, Seiko e Casio, rientrano tra i principali attori sul mercato globale degli orologi in termini di fatturato. A prima vista, le basse esportazioni di orologi dal Giappone potrebbero stupire. Tuttavia bisogna tenere conto del fatto che l'industria orologiera nipponica ha delocalizzato gran parte della propria produzione in altri paesi asiatici, come Cina e Tailandia, e che le merci vengono quindi esportate da tali paesi. Unbenannt-3.indd Svizzera monopolista nel segmento del lusso altri beni di lusso i principali concorrenti Possiamo affermare che il risultato di tutto ciò è che, sul mercato globale degli orologi, vige una sorta di duopolio. Nel segmento degli orologi economici la Cina è il leader di mercato incontrastato, mentre nel segmento del lusso la Svizzera predomina come quasi monopolista. Tuttavia questa struttura, che si è sviluppata nel corso degli ultimi decenni, non è un assunto immutabile. L'industria orologiera cinese nutre aspirazioni di affermarsi anche nella fascia alta di prezzo. Tuttavia, nella fascia alta dei prezzi, attualmente la concorrenza per l'industria orologiera elvetica non proviene tanto dai competitor esteri quanto piuttosto da altre categorie di beni di lusso. Swiss Issues Settori 9

10 Trend della domanda: retrospettiva e prospettive Il boom dell'industria orologiera svizzera in retrospettiva Impressionante ritorno di un comparto dato per morto Raddoppio delle esportazioni svizzere di orologi dal passaggio di millennio Come risulta dall'ultimo capitolo, l'industria orologiera elvetica è attualmente ai vertici sul piano internazionale. Durante la crisi degli orologi degli anni Settanta/Ottanta si trovava invece sull'orlo del precipizio. Nell'ultimo quarto di secolo il comparto è stato in grado di riaffermarsi in modo impressionante, il che si è tradotto in particolare in una solida crescita delle esportazioni (figura 3). Qui di seguito riportiamo alcune delle ragioni alla base di questo successo. Nel 1990 le esportazioni di orologi ammontavano a 6.8 mia. di CHF; dieci anni dopo esse si attestavano a 10.3 mia. di CHF, il che corrisponde a una crescita media annua del 4,3%. L'industria orologiera ha quindi registrato in questo periodo di tempo un incremento più o meno analogo a quello dell'industria svizzera delle esportazioni complessiva (+4,6% all'anno). Dopo il passaggio di millennio, l'andamento degli affari ha registrato una netta accelerazione. Dal 2000 al 2008 le esportazioni di orologi sono cresciute in media del 6,5% all'anno, prima che la dinamica subisse un'interruzione nel 2009 a seguito della crisi economico-finanziaria globale ( 22,3%). Tuttavia, a differenza della crisi degli anni Settanta/Ottanta, quella del 2009 è stata solo di breve durata. Già l'anno successivo l'industria orologiera è ritornata a crescere a pieno regime. Nel 2010, 2011 e 2012 sono stati registrati ogni volta tassi di crescita a due cifre percentuali (+22,2%, +19,4% e +11,0%) e questo nonostante la solidità del franco e la crisi dell'euro. Nel 2012 il fatturato correlato alle esportazioni, attestatosi a 21.4 mia. di CHF, ha toccato un nuovo massimo storico. Considerando gli ultimi dieci anni, le esportazioni di orologi (+7,2% all'anno) hanno quindi evidenziato un andamento nettamente più dinamico rispetto alle esportazioni complessive di merci svizzere (+4,0% all'anno). Tuttavia, dall'autunno 2012, si riscontra un chiaro indebolimento della dinamica di crescita. Tale rallentamento è da ricondursi in primo luogo all andamento in Cina (v. capitolo «Cina, al boom segue un crollo?»). Figura 3 Esportazioni svizzere di orologi Somma su 12 mesi in mia. di CHF, variazione percentuale rispetto all'anno precedente Figura 4 Fatturato dell'industria dei beni di lusso a livello mondiale In mia. di euro; variazione percentuale rispetto all'anno precedente; *2013: previsione Variazione rispetto all'anno precedente (asse di destra) Esportazioni in mia. di CHF 40% 30% Variazione rispetto all'anno precedente (asse di destra) Fatturato in mia. di EUR 40% 30% 18 20% % 16 10% % 14 0% 160 0% 12-10% % 10-20% % 8-30% % 6-40% 80-40% % 60-50% * Fonte: Amministrazione federale delle dogane, Credit Suisse Fonte: Bain & Company Grazie a un nuovo posizionamento di successo Il successo dell'industria orologiera svizzera negli ultimi due decenni è riconducibile in particolare al cambiamento strutturale e al riorientamento su prodotti a valore elevato, che il comparto ha implementato da metà degli anni Novanta. Grazie alla diffusione di strumenti di comunicazione elettronici come i computer e i telefonini che riportano l'ora in modo più esatto rispetto agli orologi (meccanici) l'importanza dell'orologio quale strumento di misurazione del tempo è diventata sempre meno significativa. L'industria orologiera elvetica è stata in grado di riconoscere per tempo il cambiamento di paradigma e di trovare nuove argomentazioni di vendita, che mira- Swiss Issues Settori 10

11 no alla dimensione simbolica ed emotiva del prodotto (ad es. estetica, know-how tecnico, reputazione del brand). L'orologio è diventato sempre più uno status symbol a livello economico, culturale e sociale. In particolare gli orologi meccanici, che prima della grande crisi degli orologi venivano ancora collocati nella fascia di prezzo bassa, nel corso del tempo sono diventati sempre più articoli di lusso e prestigiosi. L'etichetta «Swiss Made», che incorpora valori come esclusività, tradizione e qualità, ha rappresentato in questo senso un importante strumento di marketing (v. capitolo «Sfida Swiss Made»). il settore ha tratto grande vantaggio dal boom della richiesta globale di beni di lusso La struttura delle esportazioni rispecchia il riposizionamento nella fascia alta dei prezzi Il riposizionamento dell'industria orologiera svizzera ha avuto luogo in un contesto di crescita e globalizzazione dell'industria complessiva dei beni di lusso. Sospinta dalla crescita della popolazione benestante, negli ultimi due decenni l'industria globale dei beni di lusso ha registrato una consistente accelerazione. Tra il 1995 e il 2012 il fatturato mondiale correlato agli articoli di lusso (moda e accessori, orologi e gioielli, profumi e cosmetici, specialità gastronomiche) si è praticamente triplicato (figura 4), passando da 77 a 212 mia. di EUR. All'incirca il 23% del mercato globale è costituito dall'«hard luxury». In questo senso rientrano soprattutto gli orologi e i gioielli. 3 Il cambiamento strutturale dell'industria svizzera degli orologi verso i prodotti di lusso si può ben cogliere considerando le cifre relative alle esportazioni. Attualmente la Svizzera esporta, sulla base del numero di pezzi, all'incirca un quarto in meno di orologi rispetto a 20 anni fa (figura 5). Essi hanno però un valore maggiore. Il prezzo medio di un orologio svizzero esportato si è più che quadruplicato tra il 1992 (160 CHF) e il 2012 (691 CHF) (figura 6). La forte crescita dei prezzi è da attribuirsi in larga misura al significato sempre maggiore degli orologi meccanici. Un orologio su quattro esportato dalla Svizzera è oggi dotato di un sistema meccanico; all'inizio degli anni Novanta la rispettiva quota era inferiore al 10%. Gli orologi meccanici sono di norma più cari di quelli al quarzo (2012: 2'211 CHF rispetto a 219 CHF). La differenza di prezzo è da ricondursi soprattutto alla tecnologia più complessa e al know-how necessario a questo proposito. Inoltre gli orologi meccanici, come oggetto di lusso, nel corso del tempo hanno goduto di una maggiore richiesta e sono quindi diventati sempre più cari, come si evince dalla statistica sulle esportazioni. Dalla fine degli anni Novanta la rispettiva quota sul fatturato delle esportazioni è cresciuta nettamente di più rispetto alla percentuale sui quantitativi esportati, e oggi si attesta all'incirca al 76%. Negli anni Novanta la percentuale era ancora al di sotto del 50%. Figura 5 Esportazioni per tipologia di orologio, numeri di pezzi Numeri di pezzi in mio., quota degli orologi meccanici sul totale, in percentuale Figura 6 Esportazioni per tipologia di orologio, valore Quota sul fatturato totale delle esportazioni, orologi di piccole dimensioni, in percentuale. Prezzo medio delle esportazioni di orologi di piccole dimensioni in CHF 50 25% Orologi al quarzo Orologi meccanici Quota orologi meccanici (asse di destra) 20% % % % 5 0 0% % 1'000 90% % % % % % % % % 100 0% Orologi al quarzo Orologi meccanici Prezzo all'esportazione (asse di destra) Fonte: Amministrazione federale delle dogane, Credit Suisse Fonte: Amministrazione federale delle dogane, Credit Suisse 3 Fonte: Bain & Company (2013): Worldwide Luxury Markets Monitor, Spring 2013 Update, Fondazione Altagamma, Milano. Swiss Issues Settori 11

12 Anche i segmenti più economici contribuiscono al successo La crescita dell'industria orologiera svizzera registrata dagli anni Novanta si fonda in primo luogo su un riposizionamento nella fascia alta dei prezzi. Tuttavia occorre rilevare che il successo del settore non è legato unicamente agli orologi di lusso. Uno dei vantaggi dell'industria orologiera svizzera risiede nel fatto che presenta una buona diversificazione e che offre anche prodotti nei segmenti di prezzo medio e più basso. Questi orologi generano solo il 13% circa del fatturato correlato alle esportazioni, ciononostante oltre l'80% dei quantitativi esportati dell'industria orologiera elvetica è riconducibile a quest'ultimi. Con un volume sostanzialmente elevato, gli orologi delle fasce di prezzo medio-basse assicurano alla Svizzera una grande visibilità come paese d'origine degli orologi e spianano quindi la strada ai prodotti dei segmenti più alti. Inoltre il volume consente effetti di scala, assicurando quindi la redditività degli impianti produttivi a livello settoriale. Da ciò traggono vantaggio anche gli orologi dai prezzi più elevati (ad es. quelli dotati di un meccanismo ETA prodotto in grande serie). Statistiche sui commerci con l'estero e limiti della loro interpretazione Le statistiche sui commerci con l'estero rappresentano una delle rare fonti di dati per farsi un quadro attuale sulla situazione della produzione e della domanda nell'industria orologiera. Molte analisi in questo studio si fondano quindi sulle cifre relative ai commerci con l'estero. Nell'interpretare queste cifre va adottata comunque una certa prudenza poiché 1) le esportazioni di un paese non corrispondono necessariamente alla produzione del paese in questione Le merci prodotte per il rispettivo mercato interno non vengono rilevate. Le cifre sulle esportazioni non consentono di effettuare una distinzione tra l'esportazione di merci effettivamente prodotte all'interno del paese e l'esportazione di merci che sono state dapprima importate dall'estero (riesportazioni). 2) le esportazioni dirette verso un paese non corrispondono necessariamente alle vendite destinate ai consumatori finali in questo paese In assenza di una domanda finale, gli orologi esportati possono rimanere in magazzino all'estero nel contesto del commercio al dettaglio o all'ingrosso. Le cifre sulle esportazioni non consentono di effettuare una distinzione tra prodotti venduti nel paese di destinazione ai rispettivi abitanti, e prodotti che da lì vengono esportati in ulteriori mercati (riesportazioni e acquisti da parte di clienti esteri). Diversificazione geografica come fattore di successo L'industria orologiera presenta una buona diversificazione geografica rispetto ad altri settori e ha tratto quindi vantaggio dalla voglia di lusso nei paesi emergenti Il successo superiore alla media dell'industria orologiera elvetica nell'ultimo decennio si spiega anche con il fatto che, rispetto ad altri settori delle esportazioni svizzeri, essa presenta una buona diversificazione geografica dei mercati di sbocco. Ciò è riconducibile in parte nel fatto che l'industria degli orologi, rispetto ad altri settori, ha tenuto tempestivamente conto e in modo intensivo dei mercati emergenti in rapida crescita. Misuriamo la diversificazione con il cosiddetto indice Il successo di Herfindahl, in base al quale le quote dei singoli paesi acquirenti sono rilevate in rapporto alle esportazioni complessive. Tanto più basso è l'indice, quanto migliore è la diversificazione geografica delle esportazioni. Come si evince dalla figura 7, l'industria orologiera, dietro all'industria chimico-farmaceutica e a quella alimentare, evidenzia la terza migliore diversificazione a livello di paesi tra i settori delle esportazioni elvetici. Una buona diversificazione geografica dei mercati di sbocco consente al settore di trarre vantaggio dalle possibilità di crescita dei più svariati paesi e regioni mondiali. Nel contempo singoli rischi specifici ai paesi, compresi quelli congiunturali, hanno un peso inferiore. La diversificazione geografica dei mercati di sbocco dell'industria orologiera svizzera, misurata sulla base dell'indice di Herfindahl, ha registrato un miglioramento su base continua tra l'inizio degli anni Novanta e il Quest'andamento rispecchia tra l'altro la crescente importanza dei paesi emergenti per i brand dell'orologeria svizzeri. La rapida ripresa del settore dopo la crisi Swiss Issues Settori 12

13 economico-finanziaria e la solida crescita delle esportazioni degli ultimi tre anni sono da ricondursi in larga misura alla sua presenza, già ben consolidata, sui mercati emergenti, in cui la domanda di beni di lusso ha registrato un boom. Crescita dell'ultimo decennio sospinta dall'asia L'Asia ha fornito di gran lunga il maggior contributo alla crescita delle esportazioni svizzere di orologi nell'ultimo decennio (figura 8). Complessivamente i paesi asiatici hanno inciso per circa il 70% sulla crescita delle esportazioni nel periodo I più importanti impulsi alla crescita sono arrivati da Hong Kong e dalla Cina, che insieme hanno generato oltre il 40% del rialzo. Ma anche Singapore, gli Emirati Arabi Uniti (EAU), la Corea del Sud, Taiwan, l'arabia Saudita e il Giappone sono tra i 15 paesi ad aver fornito i maggiori contributi alla crescita. Un ulteriore 24% della crescita è stato garantito dai paesi europei, in primo luogo Francia e Germania. Il 6% è riconducibile al continente americano, di cui la metà è attribuibile agli USA. Figura 7 Diversificazione a livello di paesi delle esportazioni settoriali Indice di Herfindahl, 2012 (quanto più basso il livello dell'indice, tanto migliore la diversificazione geografica); max. = 1, min. = 1/n, n = numero di paesi (237) Figura 8 Contributi alla crescita delle singole regioni mondiali Esportazioni degli orologi svizzeri in CHF: variazione percentuale rispetto all'anno precedente. Contributi alla crescita in punti percentuali; *Da gennaio a luglio; **Compresi Hong Kong, Taiwan e Macao % 16% 8% 0% -8% Industria chimicofarmaceutica Industria alimentare Industria orologiera Costruzione di veicoli Industria dei macchinari ed elettronica Tecnica medica Tessile e abbigliamento Industria delle materie plastiche Settore della carta e della stampa Industria metallurgica -16% -24% * Cina** Asia restante Europa USA America restante Africa/Oceania Totale Fonte: Amministrazione federale delle dogane, Credit Suisse Fonte: Amministrazione federale delle dogane, Credit Suisse Cina/Hong Kong è diventato il mercato più importante Le destinazioni turistiche hanno un ruolo importante Nel 2000, con una quota del 18% delle esportazioni totali, gli USA sono stati il principale mercato delle esportazioni dell'industria orologiera svizzera (figura 9), prima di Hong Kong (14%) e Giappone (9%). L'importanza della terraferma cinese come mercato delle esportazioni era allora trascurabile (0,4%). Tuttavia, a fronte della solida crescita dell'asia, la struttura geografica delle esportazioni svizzere di orologi ha subito una consistente variazione nell'arco di un decennio. Nel 2008 la piattaforma commerciale asiatica di Hong Kong ha spodestato gli USA quale principale mercato delle esportazioni. Nel 2012 il 20% del fatturato correlato alle esportazioni è stato conseguito nella zona cinese ad amministrazione speciale, il doppio rispetto agli USA. Grazie a una rapidissima crescita, nel 2011 la Cina continentale è avanzata, raggiungendo il terzo gradino del podio. Nel 2012 l'impero di Mezzo ha inciso per l'8% sulle esportazioni di orologi elvetiche. Conteggiando anche Hong Kong, Macao e Taiwan, attualmente all'incirca il 30% delle esportazioni di orologi è destinato al mercato cinese. Ciò corrisponde quasi al raddoppio della percentuale del L'importanza sempre maggiore del mercato cinese costituisce per il settore un certo rischio di concentrazione, ma spalanca anche grandi opportunità di crescita (v. capitolo «Cina, al boom segue un crollo?»). Come riportato nel box «Statistiche sui commerci con l'estero e limiti della loro interpretazione», le esportazioni in un paese non corrispondono necessariamente alle vendite ai clienti finali di tale paese. Su determinati mercati hanno un ruolo importante le attività con i turisti stranieri. Oltre alla Svizzera (v. capitolo «Canale di smercio Svizzera: significato del commercio di orologi al dettaglio) ciò vale ad esempio per Hong Kong, Singapore o Dubai (EAU). Anche paesi europei come la Francia, con la capitale del lusso Parigi, la Germania o l'italia beneficiano degli acquisti di Swiss Issues Settori 13

14 lusso dei turisti stranieri. In questo modo si giustificano le quote relativamente elevate di questi paesi in rapporto alle esportazioni svizzere di orologi (figura 9). Figura 9 Principali mercati delle esportazioni dell'industria orologiera svizzera Quota percentuale in rapporto alle esportazioni totali; cerchio interno: 2000, cerchio esterno: % Hong Kong USA 4% 20% Cina 12% 5% 14% Francia 9% 2% Germania Italia 9% 11% 18% Singapore % Giappone 4% 4% 2% 0.4% EAU 4% 6% Regno Unito 9% 8% 5% 4% 7% Resto d'europa 9% 5% 6% Resto dell'asia % 6% Resto dell'america Africa/Oceania Fonte: Amministrazione federale delle dogane, Credit Suisse Excursus: ampia indipendenza dal tasso di cambio Scarsa dipendenza dal tasso di cambio dell'industria orologiera Ragioni: leadership di mercato, crescita della domanda, inflazione nei principali mercati di sbocco L'industria orologiera svizzera è un settore correlato alle esportazioni che ha un notevole successo. Sul piano dei prezzi, l'industria degli orologi è riuscita a posizionarsi in modo solido nel quadro internazionale, imponendo in particolare prezzi delle esportazioni ampiamente indipendenti dalle oscillazioni dei tassi di cambio. L'industria orologiera si mette quindi in chiara evidenza rispetto a una selezione di comparti svizzeri attivi nelle esportazioni (figura 10). I prezzi medi delle esportazioni (misurati in CHF) nell'industria tessile, elettronica e meccanica presentavano già una correlazione con il tasso di cambio prima della notevole rivalutazione del franco dal In particolare nell'industria tessile i prezzi delle esportazioni calavano non appena il franco si rivalutava rispetto alle valute estere. 4 La correlazione tra i prezzi delle esportazioni e il tasso di cambio è nuovamente cresciuta in modo visibile in questi comparti tra il 2010 e metà La stessa industria chimico-farmaceutica, i cui prezzi delle esportazioni tra il 2002 e il 2010 presentavano un andamento contrario al tasso di cambio, dal 2010 ha rivisto al ribasso i prezzi delle esportazioni sulla scia della solidità del franco. Ciò non è accaduto per l'industria degli orologi, che anche durante la rivalutazione del franco nel biennio ha potuto mantenere i prezzi medi delle esportazioni a un livello relativamente stabile. Una delle ragioni per cui la solida rivalutazione del franco del biennio (in particolare nei confronti dell'euro) ha influenzato solo di poco i prezzi delle esportazioni dell'industria orologiera svizzera risiede nella posizione di leadership del comparto. Sul mercato degli orologi di fascia alta i produttori svizzeri detengono una posizione «quasi monopolistica» (v. capitolo «L'industria orologiera svizzera nel contesto globale») e hanno pertanto un grande margine di manovra per stabilire i prezzi. Un ulteriore motivo è costituito dalla rapidissima crescita della domanda (figura 3), che ha permesso di aumentare i prezzi. Il fatto che la domanda estera sia stata in grado di influenzare i prezzi delle esportazioni può essere evinto dall'andamento tra l'autunno 2012 e la primavera In questo lasso di tempo la riduzione del numero di orologi esportati è proceduta di pari passo con la flessione dei prezzi delle esportazioni (figura 10). L'indipenden- 4 Come grandezza per i prezzi delle esportazioni di un comparto impieghiamo l'indice dei valori medi dell'amministrazione federale delle dogane per singoli gruppi di merci. Per il calcolo dell'indice dei valori medi di un gruppo di merci vengono impiegate posizioni tariffarie, il cui valore d'esportazione per chilo presenta un andamento analogo ai prezzi reali. Tuttavia l'indice dei valori medi non viene adeguato del tutto strutturalmente, né depurato dall'inflazione e dall aspetto qualitativo. Swiss Issues Settori 14

15 za, relativamente forte, dei prezzi delle esportazioni dal tasso di cambio nel corso del biennio è stata altresì favorita dagli andamenti dei prezzi nei paesi acquirenti. I principali mercati delle esportazioni per l'industria orologiera elvetica Hong Kong, USA e Cina hanno registrato, in particolare nel 2011, tassi d'inflazione relativamente elevati (Hong Kong: fino all'8%, USA: fino al 4%, Cina: temporaneamente oltre il 6% rispetto all'anno precedente). L'industria orologiera elvetica dovrebbe aver sfruttato la consistente inflazione generale nei tre paesi per adeguare i propri prezzi. 5 Figura 10 Andamento dei prezzi delle esportazioni di una selezione di comparti Valore medio ponderato dei prezzi delle esportazioni (in CHF, appianamento su 6 mesi), tasso di cambio del franco svizzero ponderato in base alle esportazioni (24 paesi), gennaio 2002 = Tessile/abbigliamento Industria elettronica Costruzione di macchinari Chimico-farmaceutico Orologi di piccole dimensioni Indice del cambio Fonte: Amministrazione federale delle dogane, Credit Suisse Solida rivalutazione del CHF risp. all'eur Livello minimo 1.20 CHF/EUR variazioni strutturali delle esportazioni e maggiore orientamento al lusso L'andamento dei prezzi delle esportazioni nell'ambito dell'industria orologiera svizzera del biennio riflette anche variazioni strutturali della domanda estera. In questo periodo di tempo la quota di orologi meccanici rispetto al numero di pezzi esportati è salita da poco meno del 19% al 21% (2000: 9%; 2012: 24%; figura 5). Il passaggio agli orologi meccanici ha favorito la crescita dei prezzi medi delle esportazioni. Poiché, rispetto agli orologi elettronici, gli orologi meccanici si posizionano soprattutto nelle categorie di prezzo più elevate, che evidenziano una crescita dei prezzi più alta (v. capitolo «Il boom dell'industria orologiera svizzera in retrospettiva»). Inoltre, il crescente orientamento verso il lusso dell'industria orologiera svizzera ha rafforzato la dipendenza dei prezzi delle esportazioni dai prezzi dei metalli preziosi. Nel biennio in particolare, il prezzo dell'oro ha registrato una consistente fase di crescita. Ciò ha determinato un rincaro dei costi di produzione degli orologi in oro, il che ha analogamente avuto una ripercussione sui prezzi delle esportazioni. Cina, al boom segue un crollo? Cina, dal nulla a terzo mercato di sbocco per importanza Nel 2000, le esportazioni globali svizzere di orologi di piccole dimensioni verso la Cina ammontava solamente a 16.8 mio. di CHF. Da allora il valore delle esportazioni annuali è aumentato in maniera esponenziale, sulla base di un fattore di 97, ammontando nel 2012 a 1.6 mia. di CHF (figura 11). La flessione delle esportazioni nel 2009 ha determinato solo un'interruzione temporanea di tale rapidissimo andamento. Nonostante il difficile clima economico e la rivalutazione del franco, l'ascesa è proseguita fino a metà Qualora l'effetto inflazionistico vada più che a compensare la rivalutazione del franco, il risultato è un rialzo dei prezzi delle esportazioni medi in CHF. Swiss Issues Settori 15

16 Il crescente ceto medio-alto come fattore di spinta Il solido incremento delle esportazioni di orologi dal passaggio di millennio è stato sospinto principalmente dal maggior potere d'acquisto e dalla rapidissima crescita del ceto medio-alto cinese. Tra il 2000 e il 2012, il patrimonio medio per adulto in Cina è cresciuto annualmente del 12%. Nel 2012 il patrimonio complessivo della popolazione cinese ammontava a 20'200 mia. di USD il che corrisponde al benessere USA nel 1970 o al 9% del patrimonio mondiale. 6 A fronte del miglioramento del proprio standard di vita, la popolazione cinese ha visto crescere sempre più il proprio interesse per i brand e gli orologi. Secondo un'inchiesta di KPMG, gli orologi svizzeri sono tra gli articoli di lusso favoriti dai consumatori cinesi. 7 Gli orologi di lusso si sono affermati rapidamente in Cina come uno dei regali favoriti per funzionari statali o di partito. Secondo le stime, all'incirca il 30% del fatturato correlato al lusso in Cina è da ricondursi a regali, e, ancora una volta, un terzo è correlato ai regali destinati ai funzionari. 8 Un altro fattore degno di nota che ha sospinto la crescita è stato l'ingresso della Cina nell'organizzazione mondiale del commercio nel Il conseguente abbattimento delle barriere commerciali ha agevolato la vendita di orologi. Ciononostante, lo stato cinese applica attualmente dazi doganali sugli orologi compresi ancora tra l'11% e il 23%, e imposte al consumo sugli orologi di lusso del 20%, facendo quindi crescere almeno di un terzo il prezzo delle importazioni per la maggior parte degli orologi svizzeri. Figura 11 Esportazioni svizzere di orologi di piccole dimensioni verso la Cina Totale su 12 mesi del valore delle esportazioni, in mia. di CHF (asse di sinistra), e dei pezzi esportati in mio. (asse di destra) Valore delle esportazioni Pezzi (asse di destra) Fonte: Amministrazione federale delle dogane, Credit Suisse Da metà 2012 i modelli esportati verso la Cina sono più economici Provvedimenti politici un elemento frenante per la domanda A metà 2012 le esportazioni di orologi verso la Cina hanno registrato un'improvvisa inversione di tendenza. A giugno del 2012 il valore delle esportazioni è sceso per la prima volta da due anni e mezzo. Mentre a luglio del 2013 il totale su 12 mesi si attestava indicativamente del 17% al di sotto del massimo del maggio 2012, nello stesso periodo di tempo il numero di pezzi registrava un lieve incremento. Ciò suggerisce che nel secondo semestre 2012 e nel primo semestre 2013 sono stati esportati verso la Cina maggiormente orologi più economici. L'inversione di tendenza negativa e lo spostamento della richiesta verso orologi più economici vanno attribuiti anche a misure politiche. Nel luglio 2012 il governo cinese ha reso noto che in futuro i funzionari statali non avrebbero più potuto impiegare fondi pubblici per gli articoli di lusso. Queste misure servono fondamentalmente a combattere la corruzione e devono limitare le pratiche delle regalie tra i funzionari. Inoltre, dall'aprile 2011, in determinate città come Beijing la pubblicità per gli articoli di lusso è consentita solo in misura limitata. Di conseguenza, non si possono ad esempio 6 Fonte: Credit Suisse Research Institute (2012): Global Wealth Databook 2012, Zurigo. 7 Fonte: KPMG (2013): Consumer Markets Global Reach of China Luxury, Hong Kong. 8 Fonte: stime degli esperti per l'asia della Bank of America Merrill Lynch. Da: Tages-Anzeiger ( ): Uhrenexporte nach China nehmen ab («Calano le esportazioni di orologi verso la Cina»). Swiss Issues Settori 16

17 più pubblicizzare prodotti cult stranieri. Anche termini come «prezioso», «di lusso», «lusso», «reale» o «insostituibile» non sono più consentiti nelle pubblicità. Uno dei motivi di questa misura potrebbe risiedere nella crescente forbice di reddito, che risulta in contraddizione con la società armoniosa a cui si aspira a livello politico. Il nuovo governo, insediatosi nel giugno 2013, ha ribadito questi orientamenti politici. 9 Un altro effetto frenante per la richiesta di orologi svizzeri dovrebbe giungere dalla crescita dell'economia cinese, che da fine 2011 risulta inferiore alla media. Non un crollo, bensì una normalizzazione L aumento dello standard di vita e l abbattimento delle barriere commerciali offrono opportunità Andamento politico principale fattore di rischio Ulteriori rischi associati ai produttori di orologi cinesi e alle preferenze dei consumatori La flessione delle esportazioni tra il giugno 2012 e il luglio 2013 non dev'essere considerata un crollo, bensì una normalizzazione del mercato per via dei precedenti tassi di crescita annuali a due cifre. Da una parte, da metà 2013 le esportazioni svizzere di orologi verso la Cina registrano una stabilizzazione. Dall'altra, il mercato di sbocco della Cina continua a offrire più opportunità che rischi per l'industria orologiera elvetica. Pertanto questo mercato dovrebbe espandersi anche in futuro, sebbene non più con la stessa intensità degli anni passati. L'espansione del mercato di sbocco cinese dovrebbe essere sospinta principalmente dall'ulteriore miglioramento dello standard di vita della popolazione cinese, oltre che dal graduale abbattimento delle barriere commerciali. Sebbene la crescita in Cina sia diminuita, anche nei prossimi anni sarà chiaramente positiva. In base alle nostre previsioni, il prodotto interno lordo cinese di quest'anno e dell'anno prossimo crescerà del 7,5% circa ogni anno. Secondo il Global Wealth Report del Credit Suisse, in Cina il numero dei milionari raddoppierà entro il 2017 a quota due milioni. Anche a livello politico si presentano opportunità. Nell'ambito dell'accordo di libero scambio, la Cina ha assicurato alla Svizzera la graduale riduzione nell'arco di dieci anni del 60% dei dazi sugli orologi, offrendo una migliore protezione contro le contraffazioni (ad es. protezione del marchio «Swiss Made»). Il principale fattore di rischio è rappresentato dall'andamento politico in Cina. La flessione delle esportazioni elvetiche dall'introduzione dei provvedimenti anticorruzione mostra che le misure politiche hanno una notevole importanza per il mercato degli orologi. Sebbene il governo applichi già oggi imposte nell'ordine del 20% circa sugli orologi di lusso, ha intenzione, nell'ambito di una riforma fiscale, di imporre una tassazione ancora più alta sui beni di lusso. In questo modo si vuole frenare l attuale propensione agli acquisti di beni di lusso in Cina. Contrariamente alla riduzione dei dazi doganali, l'aumento dell'imposta sui consumi dovrebbe mitigare gli acquisti interni dei consumatori cinesi e promuovere quelli all'estero (v. box, pag. 18). Rimane comunque poco chiara la ripercussione di una riduzione dei dazi doganali simultaneamente a un incremento dell'imposta di consumo sugli acquisti in patria e quindi sulle esportazioni di orologi verso la Cina. Tuttavia il rischio dello sviluppo politico in Cina deve venir considerato in relazione all'andamento complessivo del paese. Prevedibilmente l'effetto dei provvedimenti politici verrà più che compensato sul lungo termine dal benessere, in forte rialzo, della popolazione cinese. Un ulteriore fattore di rischio è il prevedibile rafforzamento della pressione sul piano della concorrenza sul mercato cinese degli orologi di lusso. Attualmente la Cina è il maggiore produttore mondiale di orologi delle classi di prezzo più basse (v. capitolo «L'industria orologiera svizzera nel contesto globale). Tuttavia i produttori cinesi tentano sempre più di affermarsi anche nelle fasce di prezzo più alte e di trarre vantaggio dall'espansione del mercato. Il fatto che, nell'ambito dell'accordo di libero scambio con lo Svizzera, la riduzione dei dazi nel settore degli orologi avvenga solo gradualmente fornisce ai produttori di orologi cinesi un lasso di tempo e un margine di manovra ulteriori per posizionarsi adeguatamente. Un ruolo altrettanto importante lo hanno le preferenze dei consumatori nell'ambito della popolazione cinese. Anche in futuro la popolazione della Cina manifesterà un grande interesse per i beni e gli orologi di lusso. 10 Ciononostante, occorre attendersi delle variazioni nel comportamento di acquisto, risultanti dal maggior bagaglio di esperienze dei soggetti che comprano beni di lusso. Esistono dei segnali che in Cina sono attualmente richiesti stili un po' meno appariscenti e brand del lusso meno grandi e più ricercati. 11 Ciò dovrebbe avere una ripercussione anche sulle esportazioni elvetiche di orologi e determinare variazioni nell'ambito della struttura delle esportazioni. 9 Nel novembre 2012 è stato nominato un nuovo presidente del partito e nel giugno 2013 è stato costituito il nuovo governo. 10 Fonte: McKinsey (2012): Luxury Without Borders: China's New Class of Shoppers Take on the World. 11 Fonte: idem. Swiss Issues Settori 17

18 I turisti cinesi sfruttano i prezzi più bassi all'estero Le cifre sulle esportazioni vere e proprie sottovalutano l'importanza della Cina quale mercato di sbocco per gli orologi svizzeri (v. box, pag. 12). Anche le vendite ai turisti cinesi hanno una certa importanza. Negli ultimi anni i viaggi dei cinesi sono cresciuti notevolmente. Mentre nel 2000 i turisti cinesi effettuavano 10 milioni di viaggi all'estero, nel 2012 la cifra relativa ai viaggi era già salita a quota 83 milioni. Grazie a 102 mia. di USD di spese in viaggi nel 2012, la Cina è diventata il più grande paese di origine a livello mondiale nel comparto turistico. 12 Ragioni importanti alla base della crescita dei viaggi dei cinesi sono il benessere sempre maggiore della popolazione, la semplificazione delle procedure per i visti turistici e la rivalutazione del renminbi rispetto a diverse valute, come l'usd e l'eur. 13 Dal momento che in Cina i dazi e le imposte sui consumi fanno crescere di parecchio il prezzo degli orologi stranieri, molti turisti cinesi colgono l'occasione per acquistare orologi all'estero a un prezzo più basso. Nel 2012 il 37% dei turisti cinesi ha comprato un orologio durante i propri viaggi. All'incirca la metà di questi turisti ha acquistato un orologio a Taiwan, Macao o Hong Kong, il principale mercato di sbocco dell'industria orologiera elvetica. In Europa, dove sono ubicati gli importanti centri per la vendita di orologi della Svizzera e di Parigi, è stato effettuato il 25% degli acquisti di orologi. 14 La Svizzera guadagna costantemente terreno quale destinazione turistica. In particolare, al fine di aggirare il problema delle onnipresenti contraffazioni, i turisti cinesi acquistano in gran numero i propri orologi direttamente in Svizzera. Il paese è entrato a far parte dell'elenco delle destinazioni turistiche favorite per gli acquisti di lusso a livello internazionale, passando dalla sesta (2012) alla quarta posizione (2013). Esso è quindi dietro la Francia, gli USA e Singapore. 15 Tale andamento si riflette nella rapidissima crescita dei pernottamenti degli ospiti cinesi in Svizzera. Nel 1999 la Svizzera registrava 144'000 pernottamenti, mentre nel 2012 essi sono saliti già a quota 815'000. Pertanto, negli ultimi dieci anni, i pernottamenti hanno registrato un incremento degli ospiti cinesi del 17% circa all'anno. Nel 2012 Lucerna, Zurigo, Interlaken e la regione di Ginevra hanno generato l'81,5% dei pernottamenti cinesi. I pernottamenti di gran lunga maggiori vanno attribuiti alla regione Lucerna/Svizzera centrale, che è al contempo uno dei principali punti vendita per gli orologi (v. capitolo «Canale di smercio Svizzera: significato del commercio di orologi al dettaglio»). Nell'ultimo triennio, gli ospiti cinesi hanno fatto registrare in quest'area all'incirca un terzo dei pernottamenti in Svizzera. Nell'estate 2012 Swiss Watch & Luxury Magazine ha intervistato all'incirca 750 turisti cinesi in Svizzera. È emerso che gli ospiti cinesi erano prevalentemente giovani quadri di un'età compresa tra i 30 e i 40 anni, per la maggior parte appartenenti alla classe media, e che per l'80% parlavano solo mandarino. Ogni giorno hanno speso in Svizzera all'incirca 350 CHF, sborsando per vitto e alloggio relativamente poco, mentre per gli acquisti relativamente molto denaro. 16 Inoltre i turisti cinesi, per l'80%, hanno viaggiato in gruppi. I viaggi di gruppo sono particolarmente interessanti per i commercianti di orologi, poiché possono stipulare accordi di partecipazione al fatturato con le rispettive guide turistiche. Tuttavia si prevede che, in futuro, i turisti cinesi, grazie a un crescente potere d'acquisto e a una migliore conoscenza dell'inglese, viaggeranno sempre più individualmente e meno in gruppi Fonte: OMT dell'onu (2013): World Tourism Barometer Fonte: McKinsey (2012): Luxury Without Borders: China's New Class of Shoppers Take on the World. 14 Fonte: KPMG (2013): Consumer Markets Global Reach of China Luxury, Hong Kong. 15 Fonte: Hurun Report (2013): Chinese Luxury Consumer Survey Fonte: Hotelrevue ( ): Chinesen entdecken die Schweiz («I cinesi scoprono la Svizzera»). 17 Fonte: Kurt Haerri, presidente della Camera di commercio Svizzera-Cina. In: Bilanz ( ): Strukturwandel im China-Geschäft: «Beim Übernachten wird gespart» (Cambiamento strutturale nelle attività con la Cina: «Risparmi sui pernottamenti») Swiss Issues Settori 18

19 Paesi emergenti: potenziale per una «seconda Cina»? Dove risiede il potenziale per le vendite in futuro? Domanda dipendente dall'andamento del benessere, dall'elasticità in rapporto ai redditi e dalla penetrazione di mercato Nel capitolo precedente abbiamo analizzato il successo ottenuto fino a questo momento, e le prospettive per il futuro dell'industria orologiera svizzera sul mercato cinese. Nel prossimo capitolo amplieremo invece la visuale e analizzeremo le prospettive per altri mercati. Esistono anche altri paesi che presentano il potenziale per sviluppare in futuro una domanda altrettanto forte di orologi svizzeri come quella cinese? Gli orologi svizzeri sono per lo più beni di lusso. Nella teoria economica, i beni di lusso vengono definiti come beni, la cui domanda cresce in misura più che proporzionale a fronte di un incremento dei redditi 18. L'andamento futuro del benessere e l'elasticità in rapporto ai redditi della domanda sono quindi due criteri importanti per la valutazione del potenziale della domanda in un determinato paese. Quanto più elevata è la previsione di crescita e l'elasticità, tanto più positive saranno le prospettive per la domanda. Analogamente, la penetrazione di mercato attuale ha una certa importanza. Quanto più è bassa, tanto maggiore dovrebbe essere il potenziale al rialzo presente. Se il potenziale possa anche essere effettivamente impiegato e sfruttato dipende da molti altri fattori, di natura politica, sociologica o culturale. Figura 12 Prospettive di sviluppo nel medio termine delle esportazioni svizzere di orologi nell'ambito di una selezione di paesi I 30 principali mercati per le esportazioni dell'industria orologiera svizzera nel 2012, più una selezione di mercati emergenti*; grandezza dei cerchi: prodotto interno lordo 2012; colore: penetrazione di mercato, definita come il valore delle esportazioni di orologi svizzeri nel rispettivo paese divisa per il PIL, 2012, rossa = elevata, verde = bassa Elasticità media delle esportazioni svizzere di orologi relativa al PIL pro capite Vietnam Previsione PIL pro capite globale 4 Ucraina 3.6 Messico Russia 3.2 Francia Malesia USA Sudafrica 2.8 Austria Corea del Sud India Argentina Canada Colombia 2.4 Spagna Israele Turchia Brasile Portogallo Giappone Tailandia 2 Kuwait Singapore elasticità ponderata in base alle quote di esportazioni 1.6 Germania Arabia Saudita 1.2 Italia Grecia Cina*** Regno Unito 0.8 2% 3% 4% 5% 6% 7% 8% 9% 10% 11% Crescita prevista del PIL pro capite su base annua** Fonte: Amministrazione federale delle dogane, Fondo Monetario Internazionale, Credit Suisse *Vengono riportati solo i paesi nell'ambito dei quali il calcolo dell'elasticità fornisce risultati significativi; **Sulla base della banca dati «World Economic Outlook» del FMI dell'aprile 2013; ***Compresi Hong Kong,Taiwan e Macao 18 L'elasticità in rapporto ai redditi della domanda mostra la variazione percentuale della domanda di un determinato bene in caso di crescita o flessione del reddito dell'1%. Nel caso dei beni di lusso, l'elasticità in rapporto ai redditi della domanda si attesta per definizione sopra il valore di 1, vale a dire la domanda cresce in misura più che proporzionale in presenza di incrementi di reddito. Ad esempio, laddove gli orologi presentassero un'elasticità in rapporto ai redditi di 2 e il reddito crescesse del 2%, la domanda di orologi aumenterebbe del 4%. Swiss Issues Settori 19

20 PIL pro capite quale migliore indicatore delle variazioni delle esportazioni di orologi Chi guadagna in importanza e chi perde? Cina e USA aumentano le proprie quote, l'europa perde d'importanza Grande potenziale in alcuni paesi emergenti ma anche ostacoli Nell'ambito della nostra analisi, impieghiamo le esportazioni di orologi di piccole dimensioni per ottenere un valore approssimativo della domanda di orologi svizzeri e il PIL pro capite come variabile reddituale. Dai nostri calcoli si evince che la crescita del PIL pro capite, tra gli indicatori economici disponibili, è l'indice migliore per spiegare l'andamento delle esportazioni di orologi. In linea con le previsioni, nel periodo , l'elasticità media delle esportazioni svizzere di orologi in riferimento al PIL pro capite si è attestata, in tutti i paesi considerati, al di sopra del valore di 1. Ciò conferma che l'industria orologiera svizzera punta sul lusso (figura 12). Tuttavia dal grafico non si dovrebbero trarre delle conclusioni avventate in relazione alla crescita futura. Le elasticità calcolate in rapporto ai redditi fanno riferimento al passato e servono quindi solo per orientarsi. Poiché l'elasticità in rapporto ai redditi della domanda non è una grandezza fissa e può variare nel corso del tempo. Inoltre, le previsioni nel medio termine relative all'andamento del PIL pro capite non forniscono, per natura, una certezza assoluta. Mettiamo da parte queste limitazioni ed eseguiamo il seguente esperimento concettuale: in presenza di elasticità costanti e se si verificassero effettivamente le previsioni sul PIL, entro il 2018 come muterebbe la quota dei singoli paesi rispetto alle esportazioni svizzere complessive di orologi? Figura 13 fornisce una risposta a questa domanda. Essa riporta le perdite e gli aumenti di importanza su base relativa dei singoli paesi nei prossimi anni, ma non fornisce alcuna indicazione sulla crescita assoluta delle esportazioni. Considerando le previsioni sul PIL e le elasticità medie, ovunque favorevoli, il modello ipotizza per tutti i paesi una crescita positiva delle esportazioni nel prossimo quinquennio. Considerando le premesse di cui sopra, nei prossimi cinque anni i mercati delle esportazioni più dinamici saranno quelli in cui viene prevista una forte crescita dei redditi e/o che presentano una consistente elasticità. Pertanto la Cina - nonostante una bassa elasticità su base relativa 19 dovrebbe ampliare ulteriormente la quota delle esportazioni in virtù delle elevate previsioni sul PIL. Lo stesso dicasi per gli USA, sebbene per ragioni opposte (previsione sul PIL inferiore, ma elasticità più elevata). Se i due principali mercati delle esportazioni, su base relativa, divenissero ancora più grandi, la torta per gli altri paesi diventerebbe più piccola. Dovrebbero perdere di importanza in particolare i mercati maturi nei paesi industrializzati, la cui elasticità e la cui crescita dei redditi sono inferiori alla media. I principali esempi in questo senso sono Italia, Regno Unito e Germania. In base al nostro modello, nel prossimo quinquennio paesi emergenti come Vietnam, India, Russia, Ucraina, Malesia, Corea del Sud e Messico saranno quelli a guadagnare di più in importanza per l'industria orologiera svizzera. Anche altri paesi dell'america Latina, come Brasile, Colombia e Argentina, oltre che Sudafrica, Turchia e Tailandia dovrebbero fare il loro ingresso nella classifica delle esportazioni. Alcuni dei paesi citati sono già oggi dei mercati delle esportazioni dell'industria orologiera elvetica che si sono affermati relativamente bene: nel 2102 Corea del Sud, Russia e Messico rientravano tra i 15 principali mercati delle esportazioni (figura 13). Tuttavia la maggior parte degli altri paesi emergenti rappresenta per l'industria orologiera svizzera un gruppo di mercati ancora modesti e con una bassa penetrazione, ma con un potenziale elevato. Le ragioni vanno ricercate nel fatto che la maggior parte dei mercati emergenti applicano sugli orologi elevati dazi sulle importazioni e imposte (sul lusso). 20 L'eliminazione delle barriere d'accesso ai mercati e al commercio dovrebbe far crescere sensibilmente il potenziale su questi mercati per l'industria orologiera elvetica. Pertanto il comparto è interessato alla stipulazione di ulteriori accordi di libero scambio. Con l'ucraina, dal giugno 2012 è in vigore un accordo di libero scambio; con Russia, India, Vietnam, Tailandia, Malesia e Indonesia sono attualmente in corso le relative negoziazioni. A inizio agosto 2013 è entrato in vigore un accordo bilaterale tra Svizzera e Russia per il riconoscimento reciproco dei timbri ufficiali sugli orologi realizzati con metalli preziosi. Ciò dovrebbe facilitare l'importazione di orologi di lusso elvetici in Russia. Di contro, con Brasile e Argentina non sono state ancora avviate delle trattative ufficiali per un accordo di libero scambio. 19 In quest'analisi il mercato cinese comprende anche Hong Kong, Taiwan e Macao. Per via della funzione di piattaforma di Hong Kong nell'ambito del commercio internazionale di orologi, l'elasticità in rapporto ai redditi della domanda della Cina dovrebbe venir sottovalutata e la saturazione dei mercati sopravvalutata. 20 Ad esempio Brasile: dazio del 25% e imposta del 65%; Indonesia: dazio del 10% e imposta del 40%; India: dazio del 10% e imposta del 36%; Argentina: dazio del 20% e imposta del 25%; Messico e Russia: dazio del 20% (fonte: Vontobel Equity Research (2013): Vontobel Luxury Goods Shop, Zurigo). Swiss Issues Settori 20

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 Prosegue la corsa dell export di settore anche nella parte finale del 2012: + 21,8% nei primi 10 mesi dell anno. La conferma del dato a

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

GLI ACQUISTI DI OROLOGI DA POLSO IN ITALIA NEL 2013

GLI ACQUISTI DI OROLOGI DA POLSO IN ITALIA NEL 2013 24 a cura del Gruppo GfK Italia GLI ACQUISTI DI OROLOGI DA POLSO IN ITALIA NEL 2013 La consueta indagine annuale sugli acquisti di orologi da polso in Italia, è stata realizzata da GfK Italia, su incarico

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

Tempi incerti per l industria orologiera svizzera

Tempi incerti per l industria orologiera svizzera Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Dario Esposito Barabino & Partners Tel: +39 02 72023535 Mob: +39 380 7360733 Email: d.esposito@barabino.it

Dettagli

IL MERCATO DELLA GIOIELLERIA NEGLI EMIRATI ARABI UNITI

IL MERCATO DELLA GIOIELLERIA NEGLI EMIRATI ARABI UNITI Ufficio ICE di Dubai IL MERCATO DELLA GIOIELLERIA NEGLI EMIRATI ARABI UNITI Situazione generale. La domanda di gioielli risente dei gusti differenti dei numerosi espatriati provenienti da Asia, Africa

Dettagli

Le tendenze globali della produzione di generi alimentari: meno quantità e più qualità

Le tendenze globali della produzione di generi alimentari: meno quantità e più qualità Conferenze stampa Anuga 2015 Le tendenze globali della produzione di generi alimentari: meno quantità e più qualità Dal 10 al 14 ottobre 2015 la fiera del Food & Beverage più grande e importante al mondo

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

Protezione del Swiss made per gli orologi. jdpasche@fhs.ch Giornata dell Economia Ticinese Lugano, 16 novembre 2011

Protezione del Swiss made per gli orologi. jdpasche@fhs.ch Giornata dell Economia Ticinese Lugano, 16 novembre 2011 Protezione del Swiss made per gli orologi jdpasche@fhs.ch Giornata dell Economia Ticinese Lugano, 16 novembre 2011 La Federazione dell'industria orologiera svizzera (FH) Sede sociale della FH a Bienna

Dettagli

SWATCH GROUP: CIFRE PRINCIPALI 2007

SWATCH GROUP: CIFRE PRINCIPALI 2007 COMUNICATO STAMPA BIENNE, 14 MARZO 2008 SWATCH GROUP: CIFRE PRINCIPALI 2007 Utile netto supera per la prima volta il tetto di 1 miliardo di CHF. Margine operativo migliorato a 21.9% (anno precedente 20.2%);

Dettagli

LE PROSPETTIVE NEL SETTORE DEL LUSSO

LE PROSPETTIVE NEL SETTORE DEL LUSSO http://www.sinedi.com ARTICOLO 19 GENNAIO 2008 LE PROSPETTIVE NEL SETTORE DEL LUSSO Anche per il 2007 Altagamma, l associazione che riunisce le aziende del lusso, in collaborazione con Bain & Company,

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

FOCUS PRODUZIONE AUTOVEICOLI - NAFTA NAFTA. ANFIA Area Studi e statistiche 02.02.2015 1

FOCUS PRODUZIONE AUTOVEICOLI - NAFTA NAFTA. ANFIA Area Studi e statistiche 02.02.2015 1 NAFTA: Con 17,4 milioni di autoveicoli, la produzione del 2014 rappresenta il terzo miglior risultato dell industria autoveicolistica dell area. Il Messico diventa il settimo maggior produttore del mondo,

Dettagli

Preventivo 2016. In milliardi

Preventivo 2016. In milliardi Panoramica Preventivo 2016 In milliardi Deficit Uscite Per il 2016 è atteso un deficit del bilancio ordinario di 0,4 miliardi. Le direttive del freno all indebitamento potranno pertanto essere rispettate

Dettagli

Comunicato stampa. Allianz Global Wealth Report: le famiglie svizzere si confermano le più ricche del mondo

Comunicato stampa. Allianz Global Wealth Report: le famiglie svizzere si confermano le più ricche del mondo Allianz Suisse Comunicazione Comunicato stampa Allianz Global Wealth Report: le famiglie svizzere si confermano le più ricche del mondo Il patrimonio finanziario netto globale supera quota 100'000 miliardi

Dettagli

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI Primo esportatore mondiale di beni e servizi e principale fonte globale di investimenti esteri diretti, l'ue occupa una posizione dominante nel mercato globale.

Dettagli

Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze. Maggio 2014

Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze. Maggio 2014 Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze Maggio 2014 1 Sommario 1. IL CONSUMO DI VINO 3 2. TENDENZE DEL COMMERCIO MONDIALE DI VINO NEL 2013 6 3. PRINCIPALI ESPORTATORI NEL 2013 8 4. PRINCIPALI IMPORTATORI

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Prestazioni che creano fiducia

Prestazioni che creano fiducia VONCERT Open End sull'«indice Vontobel Luxury Performance» Investire nel lusso Prestazioni che creano fiducia Vontobel Prestazioni che creano fiducia Situazione di partenza Composizione Calcolo retrospettivo

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3%

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Milano, 11 novembre 2015 TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione

Dettagli

LE PROSPETTIVE DEL SETTORE ORAFO NELL'ATTUALE CONTESTO MACROECONOMICO

LE PROSPETTIVE DEL SETTORE ORAFO NELL'ATTUALE CONTESTO MACROECONOMICO Centro Produttività Veneto Gruppo di studio Settore Orafo LE PROSPETTIVE DEL SETTORE ORAFO NELL'ATTUALE CONTESTO MACROECONOMICO Stefania Trenti Servizio Studi e Ricerche Vicenza, 13 novembre 2013 Agenda

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

L immigrazione: un importante fonte di nuove leve per l economia

L immigrazione: un importante fonte di nuove leve per l economia Avvocati e notai Lawyers Newsletter Zurigo, gennaio 2013 L immigrazione: un importante fonte di nuove leve per l economia A partire dal 2002 è stata progressivamente introdotta la libera circolazione delle

Dettagli

Informazioni stampa MAN SE. Bilancio di esercizio 2011: MAN registra un fatturato record. Monaco di Baviera, 14.02.2012

Informazioni stampa MAN SE. Bilancio di esercizio 2011: MAN registra un fatturato record. Monaco di Baviera, 14.02.2012 MAN SE Bilancio di esercizio 2011: MAN registra un fatturato record Fatturato: 16,5 miliardi di Euro (anno precedente: 14,7 miliardi di ) Ordini pervenuti: 17,1 miliardi di Euro (15,1 miliardi di ) Reddito

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013 Milano, 13 novembre 2013 TOD S S.p.A. Solida crescita dei ricavi all estero (Greater China: +28%, Americhe: +14%). Confermata l ottima redditività del Gruppo (margine Ebitda: 26,5%). Aumentate le disponibilità

Dettagli

Andamento affari e occupazione nel settore bancario

Andamento affari e occupazione nel settore bancario Andamento affari e occupazione nel settore bancario Franco Citterio Direttore ABT Vezia, 15 febbraio 2007 Swiss Market Index (Fonte: UBS) 15.02.2007 2 Massa patrimoniale gestita dalle banche in Svizzera

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013 Sant Elpidio a Mare, 14 maggio TOD S S.p.A. Forte crescita dei ricavi all estero (Cina: +55,4%, Americhe: +31%). Italia: -26,7%. Solida crescita nei DOS (+16,8%). Confermata l ottima redditività del Gruppo,

Dettagli

Esportare la Dolce Vita 2014 il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati alessandra lanza

Esportare la Dolce Vita 2014 il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati alessandra lanza Esportare la Dolce Vita 2014 il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati alessandra lanza riservato e confidenziale 5 maggio 2014 esportare la dolce vita 1 Esportare la Dolce Vita il progetto cos è

Dettagli

+39 02 414931 +39 02 65594203. Community consulenza nella comunicazione Brunswick +39 02 89404231 + 39 02 92 88 62 04/203

+39 02 414931 +39 02 65594203. Community consulenza nella comunicazione Brunswick +39 02 89404231 + 39 02 92 88 62 04/203 Capgemini Contacts: Merrill Lynch Contacts: Raffaella Poggio Martina Corak raffaella.poggio@capgemini.com martina_corak@ml.com +39 02 414931 +39 02 65594203 Community consulenza nella comunicazione Brunswick

Dettagli

Grande perdita durante la crisi. Il peggio è passato. Strutture adeguate per un futuro proficuo.

Grande perdita durante la crisi. Il peggio è passato. Strutture adeguate per un futuro proficuo. Gruppo Mikron Bienne, 15 marzo 2010, 07:00 (embargo stampa) Mikron Holding AG Mühlebrücke 2 CH-2502 Bienne Telefono +41 32 321 72 00 Fax +41 32.321 72 01 www.mikron.com Risultato del gruppo Mikron per

Dettagli

TOD S S.p.A. i ricavi del Gruppo nel 2014 sono pari a 965,6 milioni di Euro, allineati all anno precedente; +4,5% nel quarto trimestre.

TOD S S.p.A. i ricavi del Gruppo nel 2014 sono pari a 965,6 milioni di Euro, allineati all anno precedente; +4,5% nel quarto trimestre. Sant Elpidio a Mare, 22 gennaio 2015 TOD S S.p.A. i ricavi del Gruppo nel sono pari a 965,6 milioni di Euro, allineati all anno precedente; +4,5% nel quarto trimestre. Approvati dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

L INDUSTRIA DELLA GIOIELLERIA AD HONG KONG NOTA DI MERCATO

L INDUSTRIA DELLA GIOIELLERIA AD HONG KONG NOTA DI MERCATO L INDUSTRIA DELLA GIOIELLERIA AD HONG KONG NOTA DI MERCATO ICE HONG KONG Marzo 2004 1 L INDUSTRIA DELLA GIOIELLERIA AD HONG KONG 1. Il mercato della gioielleria a Hong Kong Il settore della gioielleria

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Osservatorio turistico della provincia di Pavia INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Settembre 2009 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: CCIAA

Dettagli

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica Aprile 2014 Nota congiunturale sintetica Eurozona La dinamica degli indicatori di fiducia basati sulle indagini congiunturali fino a marzo è coerente con il perdurare di una crescita moderata anche nel

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI. Le importazioni, anch esse in rallentamento, rimangono però ad un livello significativo (30%) rispetto ai valori esportati

SCHEDA DI SINTESI. Le importazioni, anch esse in rallentamento, rimangono però ad un livello significativo (30%) rispetto ai valori esportati PANORAMA DEL SETTORE In questi ultimi anni, possiamo parlare di più di un decennio ormai, in Europa è prevalsa la politica del libero mercato e della globalizzazione. Politica attuata, però, senza che

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

GLI ACQUISTI DI OROLOGI DA POLSO IN ITALIA NEL 2014

GLI ACQUISTI DI OROLOGI DA POLSO IN ITALIA NEL 2014 22 a cura del Gruppo GfK Italia GLI ACQUISTI DI OROLOGI DA POLSO IN ITALIA NEL 2014 La decima indagine annuale sugli acquisti di orologi da polso in Italia, è stata realizzata da GfK, su incarico di Assorologi.

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

(in gestione transitoria - ex Legge 214 del 2011) Gli imballaggi nel commercio estero

(in gestione transitoria - ex Legge 214 del 2011) Gli imballaggi nel commercio estero (in gestione transitoria - ex Legge 214 del ) Gli imballaggi nel commercio estero Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento

Dettagli

Previsioni congiunturali per il settore svizzero dell automobile 2015

Previsioni congiunturali per il settore svizzero dell automobile 2015 Previsioni congiunturali per il settore svizzero dell automobile 2015 Analisi e previsioni per conto della Unione professionale svizzera dell automobile UPSA Previsioni di settore BAKBASEL Ottobre 2014

Dettagli

Ringraziamenti. Evoluzione storica e fenomenologica del mercato italiano dell orologeria 1. 1.1 Premessa 1. 1.2 Glialboridelmercato 1

Ringraziamenti. Evoluzione storica e fenomenologica del mercato italiano dell orologeria 1. 1.1 Premessa 1. 1.2 Glialboridelmercato 1 Prefazione di Guido Corbetta Presentazione di Giacomo Bozzi Ringraziamenti XIII XV XIX 1 Evoluzione storica e fenomenologica del mercato italiano dell orologeria 1 1.1 Premessa 1 1.2 Glialboridelmercato

Dettagli

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO Avvertenze Il presente documento è stato realizzato da CNA FORMAZIONE srl utilizzando anche fonti istituzionali comunitarie, nazionali, regionali e

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

Economia, lavoro e società

Economia, lavoro e società Introduzione L export della piccola impresa Daniele Nicolai 1 2 L export realizzato dalle piccole imprese (< 20 addetti) rappresenta il 13,6% del totale delle esportazioni italiane e ammonta ad oltre 38

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZENITH OPTIMEDIA 2 10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria.

TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria. Milano, 14 maggio TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria. Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del

Dettagli

Trade in Counterfeit and Pirated Goods MaPPinG The economic impact Contents Trade in Counterfeit Commercio di merci contraffatte

Trade in Counterfeit and Pirated Goods MaPPinG The economic impact Contents Trade in Counterfeit Commercio di merci contraffatte Trade Commercio in Counterfeit di merci contraffatte and e di merci Pirated usurpative: Goods MaPPinG UNA MAPPA The DELL IMPATTO economic ECONOMICO impact Aprile 2016 SINTESI Questo studio analizza l impatto

Dettagli

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

Il commercio estero ticinese all alba del XXI secolo

Il commercio estero ticinese all alba del XXI secolo Analisi Il commercio estero ticinese all alba del XXI secolo Eric Stephani e Davide Moser Ufficio di statistica (Ustat) 17 A oltre cinque anni dallo scoppio della crisi finanziaria e nel mezzo di un rallentamento

Dettagli

ASIA/PACIFIC: continua il trend positivo della produzione, grazie alle buone performance di Cina, Indonesia, Tailandia

ASIA/PACIFIC: continua il trend positivo della produzione, grazie alle buone performance di Cina, Indonesia, Tailandia ASIA/PACIFIC: continua il trend positivo della produzione, grazie alle buone performance di Cina, Indonesia, Tailandia Nel 2012 sono stati prodotti in Asia 1 oltre 42,65 milioni di autoveicoli, con un

Dettagli

I Focus de l OIV. Il mercato dei vini spumati

I Focus de l OIV. Il mercato dei vini spumati I Focus de l OIV Il mercato dei vini spumati Il mercato dei vini spumanti è cresciuto nel corso degli ultimi anni grazie alla spinta di una forte domanda mondiale. La produzione è aumentata notevolmente:

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

Situazione e prospettive per l industria chimica

Situazione e prospettive per l industria chimica Situazione e prospettive per l industria Luglio 21 Sintesi Per informazioni: Direzione Centrale Analisi Economiche-Internazionalizzazione Tel. 2/346.337 - Mail aei@feder.it Chimica europea in moderata

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

TOD S S.p.A. Solida crescita del Gruppo nei primi nove mesi del 2012 ricavi: +7,3% (Tod s: +16,9%); il margine Ebitda sale al 26,6%

TOD S S.p.A. Solida crescita del Gruppo nei primi nove mesi del 2012 ricavi: +7,3% (Tod s: +16,9%); il margine Ebitda sale al 26,6% Milano, 13 novembre TOD S S.p.A. Solida crescita del Gruppo nei primi nove mesi del ricavi: +7,3% (Tod s: +16,9%); il margine Ebitda sale al 26,6% Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008 La situazione dell'import/export della provincia di Ancona del 1 semestre 2008 fotografata dalla Camera di Commercio di Ancona IN FLESSIONE LE ESPORTAZIONI PROVINCIALI (-13,9%) IN DIFFICOLTA LA MECCANICA,

Dettagli

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo CONGIUNTURA AREA PELLE Servizio Economico 2015 I TRIMESTRE Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo SINTESI MATERIA PRIMA PREZZI L andamento dei listini nel primo trimestre

Dettagli

Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008. Congiuntura economica in Germania

Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008. Congiuntura economica in Germania Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008 Congiuntura economica in Germania Dr.ssa Simona Bernardini Forum Subfornitura in Europa, 17. - 18.12.2008 1 Congiuntura economica Panorama

Dettagli

QUANDO L EXPORT DIVENTA NECESSARIO

QUANDO L EXPORT DIVENTA NECESSARIO CHECK-IN RAPPORTO EXPORT ONLINE SU SACE.IT/RAPPORTOEXPORT QUANDO L EXPORT DIVENTA NECESSARIO 12 SACEMAG ANDARE OLTRE I BRIC E PUNTARE SUI NEXT GENERATION MARKET PER LE MIGLIORI OPPORTUNITÀ GEOGRAFICO-SETTORIALI,

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania Percepire responsabilità per l Europa Il consiglio di esperti economici, che ha pubblicato nell autunno 2011 il suo parere sull andamento economico nel

Dettagli

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA:

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA: Istituto nazionale per il Commercio Estero PROMETEIA S.R.L. Evoluzione del commercio con l estero per aree e settori Gennaio 2005 PROMETEIA S.R.L. Via G. Marconi, 43 40122 Bologna 051-6480911 fax 051-220753

Dettagli

Prospettive congiunturali per il settore dell automobile svizzero

Prospettive congiunturali per il settore dell automobile svizzero BAKBASEL Previsioni di settore Prospettive congiunturali per il settore dell automobile svizzero Analisi e previsioni per conto della Unione professionale svizzera dell automobile (UPSA) Novembre 2013

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Tenuta del consumo di prodotti per la cura del corpo e per il benessere personale. Anche nel periodo a cavallo tra il 2009 e i primi

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Il mercato tedesco dell odontoiatria. e la congiuntura economica in Germania

Il mercato tedesco dell odontoiatria. e la congiuntura economica in Germania Il mercato tedesco dell odontoiatria e la congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania L economia tedesca verso il ristagno Molti ritengono ormai che l economia tedesca

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009)

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Andamento congiunturale Secondo il parere degli esperti economici pubblicato recentemente, le previsioni congiunturali

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Comunicato stampa. Esercizio 2009 di AXA Winterthur: risultato positivo in un contesto difficile

Comunicato stampa. Esercizio 2009 di AXA Winterthur: risultato positivo in un contesto difficile Comunicato stampa Media Relations communication@axa-winterthur.ch Winterthur, 18 febbraio 2010 Esercizio 2009 di AXA Winterthur: risultato positivo in un contesto difficile Nel 2009 AXA Winterthur ha conseguito

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Communiqué de presse Pressemitteilung Comunicato Stampa

Communiqué de presse Pressemitteilung Comunicato Stampa Office fédéral de la statistique Bundesamt für Statistik Ufficio federale di statistica Uffizi federal da statistica Service d information Informationsdienst Servizio informazioni Servetsch d infurmaziun

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE ESTRATTO DALL OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI GIUGNO 2012 LA CRISI

Dettagli

Info finanza. e previdenza. Anche nel 2013 interessante remunerazione complessiva

Info finanza. e previdenza. Anche nel 2013 interessante remunerazione complessiva Allianz Suisse Casella postale 8010 Zurigo www.allianz-suisse.ch Info finanza 01 YDPPR267I e previdenza Edizione 01 / Marzo 2013 ECCEDENZE LPP Anche nel 2013 interessante remunerazione complessiva Senza

Dettagli

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio 2014/2015: Retrospettiva e prospettive future Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio Retrospettiva 2014 La comunicazione relativa a una riduzione solo graduale degli acquisti di

Dettagli

SETTORE MACCHINARI MACCHINE UTENSILI

SETTORE MACCHINARI MACCHINE UTENSILI SETTORE MACCHINARI Nel primo semestre del 2010 le importazioni coreane di macchinari e componenti elettromeccanici (V. doganale merceologica 84, 85) hanno totalizzato 52 miliardi USD, con un aumento del

Dettagli

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano OECD Communications Outlook 2009 Summary in Italian Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009 Sintesi in italiano Questa decima edizione delle Prospettive biennali delle Comunicazioni dell OCSE evidenzia

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Ripresa sostenuta dei consumi cosmetici nel 2010 nonostante le tensioni sulle propensioni d acquisto di larghe fasce di consumatori.

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli