IL REAL ESTATE NEL PRIVATE BANKING

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL REAL ESTATE NEL PRIVATE BANKING"

Transcript

1 IL REAL ESTATE NEL PRIVATE BANKING Relatore: Matteo Boselli Corso istituzionale - Neo Private Banker: una prima formazione tecnico-relazionale

2 Agenda La Vostra esperienza diretta: il peso della componente immobiliare della Vostra Clientela e i prodotti / servizi collocati Asset Allocation della Clientela HNWI HNWI e Real Estate Asset Allocation Real Estate: famiglie italiane vs Clientela Private La gestione immobiliare diretta o esternalizzata Real Estate Wealth Management MINDMAP Veicoli finanziari con sottostante immobiliare: Oicr, Etf, Fondi Immobiliari Chiusi quotati Focus fondi immobiliari chiusi quotati: la gestione della fase di liquidazione Casi reali: esempi di prodotti retail Rapporto 2013 sul mercato immobiliare

3 Il peso della componente immobiliare Qual è il PESO DELLA COMPONENTE IMMOBILIARE, diretta / indiretta, sui patrimoni dei vostri Clienti?

4 Prodotti e servizi immobiliari Quali PRODOTTI / SERVIZI a base immobiliare avete collocato nel recente passato?

5 Asset allocation della Clientela HNWI ( F)

6 6

7 Asset allocation della Clientela HNWI ( F) Real Estate Markets Fell As Demand Languished The Dow Jones Select REIT Index fell 2.4% in 2011 as the slow pace of the global economic recovery, growing sovereign debt-concerns, weak consumer confidence, and high unemployment continued to weigh on the real estate market. The combination of low borrowing costs and lower home prices have boosted housing affordability, but in most developed economies, there is too little domestic demand to drive a sustained revival. The hotel segment was the worst-performing category of real estate in 2011 (down 14.8%), but the industrial segment was also down 4.0%, and all types of real estate declined significantly during the third quarter after S&P downgraded U.S. debt, and Greece teetered on the edge of a sovereign-debt default. The U.S. housing market continues to suffer the effects of tight credit conditions, buyer hesitation, and an overhang of inventory, but it was starting to show signs of life in early-2012, and could finally be bottoming out. Japan, hit by the earthquake in March, saw the yield on its real-estate market drop by an annualized 22.6% in 2011, leaving no end in sight to the country s two-decadelong property slump. Within Europe, the French and Swiss housing markets remained relatively resilient, with average inflation-adjusted home prices in Q up 4.4% and 3.3%, respectively, from a year earlier. However, most other European markets remained mired in negative territory. In Asia-Pacific, housing activity also downshifted; even in Australia, where house prices were quite resilient in 2010, average inflation-adjusted home prices were down 5.7% from a year earlier in Q However, there were some notable exceptions to the bearishness in Asia-Pacific real estate, namely India, Singapore, and Thailand Fonte: Cap Gemini / RBC Wealth Management, Global Wealth Management Advisor Survey 2012

8 Allocazione geografica dei portafogli F Fonte: Capgemini / Merrill Lynch Global Wealth Management Advisor Survey 2011

9 9

10 10

11 Le principali preoccupazioni della Clientela HNWI Fonte: Capgemini / Merrill Lynch Global Wealth Management Advisor Survey 2011

12 Origini della ricchezza della clientela dei FO Fonte: Family Office Exchange (FOX), Research on the Global Financial Family

13 Il sistema immobiliare Private / Corporate IMMOBILE BENE D USO AMBITO FAMILIARE AMBITO IMPRENDITORIALE IMMOBILE BENE STRUMENTALE case vacanza figlio/i coniuge prima casa ex-coniuge/i CLIENTE soci/o Immobile aziendale IMMOBILE BENE DI INVESTIMENTO Fonte: elaborazione dell Autore su grafico tratto da Conoscere il Private Banking AAVV - Bancaria Editrice

14 Fonte: Nomisma Il sistema immobiliare Private / Corporate

15 HNWI e real estate Di seguito vengono descritti i risultati dell indagine condotta da Eurisko per AIPB: su un campione di 500 individui rappresentativo delle famiglie italiane con patrimonio finanziario complessivo superiore a euro rappresentativo dell universo di riferimento in relazione ai parametri geografici (Nord, Centro-Sud), di sesso, età (meno di o oltre 44 anni), istruzione (laurea o no) e professione (dirigente, altre professioni, posizioni non lavorative). Le intervisite sono effettuate con metodo face to face e condotte individualmente presso il domicilio dell intervistato L indagine è stata realizzata nel periodo luglio - settembre I temi della rivelazione partono da una prima individuazione dell asset allocation degli HNWI per poi intercettare il loro approccio nei confronti dell investimento immobiliare diretto ed indiretto Fonte: AIPB - Nomisma, Gli High Net Worth Individuals e il Real Estate, 2010

16 HNWI e real estate I dati dell indagine rivelano che il 98,6% degli intervistati possiede la casa in cui abita. Una quota elevatissima se si pensa che le famiglie italiane nel complesso sono proprietarie dell abitazione principale solo nel 76,4% dei casi. il panel rappresentativo della clientela private dichiara di avere una significativa propensione verso l investimento immobiliare detenuto in forma diretta. Infatti, oltre il 65% degli intervistati dichiara di possedere, oltre alla propria abitazione, anche altre case o immobili a scopo di investimento per ottenerne una rendita da locazione. L investimento in immobili rappresenta la seconda tipologia di investimento preferita a breve distanza dai titoli di Stato italiani (BOT, CCT, BTP, CTZ, ecc.) All investimento in immobili diretto, va poi affiancato anche quello condotto in modo indiretto, attraverso i fondi di investimento immobiliare quote dei quali sono detenute dal 23% degli intervistati (!?), quando a livello nazionale solo il 2% delle famiglie italiane ha in portafoglio quote di fondi.

17 HNWI e real estate

18 HNWI e real estate L 80,6% del totale della clientela private, oltre alla prima casa, possiede anche una seconda casa utilizzata dalla famiglia, cui si aggiungono gli immobili considerati da investimento per trarne una rendita Fra gli immobili di investimento, il 66% del campione possiede immobili residenziali, mentre il 38,8% possiede immobili rivolti ad attività economiche. Tra coloro che hanno immobili, oltre il 90% li possiede solo entro i nostri confini e fra la minoranza di chi ha proprietà all estero, queste ultime per lo più non eccedono il 20% del valore complessivo degli immobili famigliari I pochi che hanno immobili cross-border risiedono per lo più nei comuni di piccole-medie dimensioni al Centro-Sud, hanno un età superiore ai 44 anni, sono laureati e ricoprono cariche dirigenziali.

19 AA: famiglie italiane vs clientela Private Maggiore equilibrio fra finanza e mattone per la Clientela Private rispetto a quanto non accada per le famiglie nel complesso (clientela private: 44% e 37% per attività immobiliari e finanziarie rispettivamente; totale famiglie: 55% e 40%) Circa il 53% del totale mostra un incidenza compresa fra il 31 ed il 50% rispetto al valore complessivo del patrimonio e oltre il 90% possiede immobili per un valore compreso fra il 21 ed il 70%

20 Fonte: Banca d Italia AA: famiglie italiane vs clientela Private

21 AA clientela Private Fonte: AIPB - GFK Eurisko, Quinta Indagine sulla clientela private in Italia, 2010

22 Fonte: AIPB - GFK Eurisko, IX Indagine sulla clientela private in Italia,

23 Fonte: AIPB - GFK Eurisko, IX Indagine sulla clientela private in Italia,

24 Fonte: AIPB - GFK Eurisko, Quinta Indagine sulla clientela private in Italia, 2010 Le proprietà immobiliari del nucleo familiare

25 Interesse a investire nel RE nei prossimi 2 anni Fonte: AIPB - GFK Eurisko, Quinta Indagine sulla clientela private in Italia, 2010

26 La gestione immobiliare diretta o esternalizzata Fonte: AIPB - GFK Eurisko, Quinta Indagine sulla clientela private in Italia, 2010

27 Real Estate Wealth Management MINDMAP

28 Creare Valore con l informazione immobiliare

29 Servizi di Asset Management Immobiliare

30 Servizi di Investment Management Immobiliare

31 Fonte: Property Capital Servizi di Investment Management Immobiliare

32 Oicr STRUMENTI DEL MERCATO ITALIANO -Gli Oicr retail con sottostante real estate armonizzati e autorizzati al collocamento in Italia sono 131 (Fonte Morningstar): o 20 azionari settore immobiliare diretto Asia o 28 azionari settore immobiliare diretto o 83 azionari settore immobiliare indiretto UNIVERSO INVESTIBILE -Indici azionari immobiliari -Real Estate Investment Trust (REIT) -Real Estate Management & Development (Società immobiliari) FISCALITA -I proventi relativi a quote o azioni di organismi di investimento collettivo del risparmio armonizzati (cioè conformi alle direttive comunitarie) commercializzati in Italia sono assoggettati a una ritenuta del 26% -Per i proventi relativi a quote o azioni di organismi di investimento collettivo del risparmio non armonizzati (cioè non conformi alle direttive comunitarie) la ritenuta del 26% è applicata sempre a titolo di acconto con la conseguenza che i proventi complessivi devono essere inclusi nel reddito complessivo del percettore VANTAGGI -Lotto minimo 1 quota (soglia minima solitamente pari a 500 ) -Nav giornaliero -Possibilità di convertire l investimento (switch) all interno dello stesso ombrello di sicav -Assenza di rischio emittente in quanto il patrimonio è segregato -Gestione attiva dei sottostanti

33 Oicr SVANTAGGI -Scarsa trasparenza della composizione dello strumento ad esclusione dei pesi principali -Il patrimonio non è investito direttamente in immobili ma in sottostanti legati all asset class immobiliare, da cui consegue che la quotazione sul mercato ne penalizza l andamento in contesti negativi per l azionario -Commissioni di gestione elevate, nella forchetta % del patrimonio investito CLIENTELA TARGET -Questi strumenti sono adatti alla clientela interessata a investimenti di medio-lungo periodo (finalità previdenziale o PAC Piani di Accumulo) -Sono uno strumento da utilizzare per la componente satellite di portafoglio ULTERIORI INFORMAZIONI -www.assogestioni.it -www.borsaitaliana.it -www.mornigstar.it -www.tuttofondi.it -www.bluerating.com

34 Etf STRUMENTI DEL MERCATO ITALIANO -Gli Etf con sottostante real estate negoziabili su Borsa Italiana sono 11 (Fonte Morningstar): o 5 Etf azionari settore immobiliare diretto o 2 Etf azionari settore immobiliare diretto Asia o 4 Etf azionari settore immobiliare indiretto UNIVERSO INVESTIBILE -Indici azionari real estate -Real Estate Investment Trust (REIT) -Real Estate Management & Development (Società immobiliari) FISCALITA -Etf armonizzati (conformi alle direttive europee), nel caso di un investitore privato che abbia optato per il regime del risparmio amministrato o ritenuta fiscale a titolo di imposta del 26% sui redditi generati (operata direttamente dall intermediario, che provvede a distinguere i redditi da capitale dai redditi diversi) o nessun provento deve essere riportato nella propria dichiarazione dei redditi -Etf non armonizzati (non conformi alle direttive europee), nel caso di un investitore privato che abbia optato per il regime del risparmio amministrato o i redditi di capitale, cioè i dividendi incassati e il delta Nav (Nav giorno di vendita Nav giorno di acquisto), concorrono a formare il reddito imponibile del sottoscrittore e sono assoggettati alla tassazione progressiva Irpef e vanno dichiarati nel modello unico o sui redditi diversi [(Prezzo vendita Prezzo acquisto) (Nav giorno di vendita Nav giorno di acquisto)] l intermediario applica una ritenuta a titolo di imposta del 26% -Tutti gli Etf quotati su Borsa Italiana sono armonizzati, mentre gli Etf quotati sul mercato Usa sono non armonizzati

35 Etf VANTAGGI -Negoziazione continua in Borsa, posso essere acquistati e venduti come le azioni -Massima trasparenza della composizione dello strumento grazie al dettaglio di portafoglio -Lotto minimo 1 quota -Nav giornaliero -Commissioni di gestione limitate, nell ordine dello % del patrimonio investito -Assenza di rischio emittente in quanto il patrimonio dell Etf è segregato SVANTAGGI -Il patrimonio non è investito direttamente in immobili ma in sottostanti legati all asset class immobiliare, e la variazioni negative dell equity ne penalizzano l andamento -Limitata profondità e ampiezza del book di negoziazione in considerazione dell interesse ancora limitato per l asset class immobiliare -Replica passiva del sottostante senza gestione attiva CLIENTELA TARGET -Questi strumenti sono adatti alla clientela interessata a: o negoziazione di breve periodo (trading intraday) o investimento di medio-lungo periodo (finalità previdenziale o PAC Piani di Accumulo) o vendita allo scoperto, per puntare al ribasso del sottostante attraverso il prestito titoli ULTERIORI INFORMAZIONI -www.borsaitaliana.it/etfplus -www.etfworld.it -www.etfsecurities -www.etfplus.net -www.morningstar.it

36 Fondi Immobiliari Chiusi Quotati STRUMENTI DEL MERCATO ITALIANO -I fondi immobiliari retail italiani quotati sono 23 (Fonte Scenari Immobiliari) UNIVERSO INVESTIBILE -I fondi immobiliari investono il patrimonio in misura non inferiore ai due terzi in beni immobili, diritti reali immobiliari e partecipazioni in società immobiliari. -Destinazione prevalente degli immobili sottostanti i fondi retail quotati sul mercato italiano: uffici, commerciale, alberghiero, misto FISCALITA -La tassazione avviene in capo ai partecipanti al momento della percezione dei proventi. Sui redditi di capitale distribuiti in costanza di partecipazione al fondo, ovvero realizzati attraverso il riscatto o la liquidazione delle quote, è prevista l applicazione di una ritenuta del 26% -I proventi e le perdite realizzati attraverso la negoziazione delle quote, nonché le perdite realizzate attraverso il riscatto o la liquidazione, costituiscono reddito diverso di natura finanziaria (plusvalenza o minusvalenza) a cui si applicano le disposizioni previste per i singoli regimi impositivi (regime della dichiarazione, del risparmio amministrato o del risparmio gestito) VANTAGGI -Il patrimonio è investito direttamente in immobili fisici -Trasparenza sui cespiti contenuti in portafoglio -Lotto minimo 1 quota (valore compreso mediamente tra 500 e 2000 ) -Diversificazione (numero di immobili, geografica, tipologica, settoriale) -Assenza di rischio emittente in quanto il patrimonio è segregato rispetto a quello della società di costituzione, gestione, amministrazione e marketing -Gestione attiva dei sottostanti -Distribuzione periodica di dividendi -Quotazioni a forte sconto rispetto ai valori del Nav, che rendono appetibile l investimento nel medio-lungo termine (sconto medio pari al 50% al 31/12/12)

37 Fondi Immobiliari Chiusi Quotati SVANTAGGI -Limiti nella metodologia utilizzata per il calcolo del Nav (ottimismo/pessimismo nelle valorizzazioni, autonomia dei valutatori, lag temporale di 6 mesi tra una valutazione peritale e quella successiva, mancata considerazione dell impatto dell indebitamento sul valore della quota, ecc ) -Corporate governante sterile e autoreferenziale, in molti casi priva degli organi sociali che dovrebbero tutelare i quotisti di minoranza -Scarsa liquidità, mercato con poco spessore -Possibilità del gestore di allungare la durata del fondo -Commissioni di gestione elevate, nell ordine del 1.5% del patrimonio investito -Limitata diversificazione geografica, con focus sul mercato italiano CLIENTELA TARGET -Questi strumenti sono adatti alla clientela interessata a investimenti di lungo periodo (finalità previdenziale o PAC Piani di Accumulo) -Sono uno strumento da utilizzare per la componente satellite di portafoglio ULTERIORI INFORMAZIONI -www.assogestioni.it -www.borsaitaliana.it -www.scenari-immobiliari.it

38 CorrierEconomia, lunedì 11/3/2013

39 Fondi Immobiliari Chiusi Quotati

40 Fondi Immobiliari Chiusi Quotati Il presente documento si propone di fornire alcune prime indicazioni in merito all individuazione degli interventi che si ritengono necessari per un efficiente gestione della fase di liquidazione dei fondi comuni di investimento immobiliare chiusi quotati. I dati di mercato, infatti, rilevano come nei prossimi anni un elevato numero di fondi immobiliari quotati giungerà a scadenza, riversando sul mercato circa 5 miliardi di euro di attivi immobiliari. Se si considera l attuale fase di congiuntura economica, appare evidente come, verosimilmente, tale eccesso di offerta non potrà essere efficacemente assorbito dal mercato. Stante la perdurante condizione negativa del mercato immobiliare, è poi confermata, ad oggi, la difficoltà di procedere al completamento dei piani di dismissione entro il termine di durata dei medesimi, a meno di incorrere in gravi perdite tali da compromettere il rendimento finale e il valore di rimborso dell equity investita

41 Fondi Immobiliari Chiusi Quotati si propone, di seguito, una possibile soluzione operativa che dovrebbe sostanziarsi, alternativamente, in un azione da parte del legislatore (Opzione 1), ovvero in un intervento normativo/regolamentare su iniziativa del Ministero dell Economia e delle Finanze (Mef) e delle Autorità di vigilanza (Opzione 2). Tale proposta prevede la proroga della scadenza del fondo e la messa in liquidazione straordinaria dello stesso entro il 31 dicembre Alla procedura in esame sarebbero ammessi i soli fondi immobiliari quotati che abbiano già esperito la proroga e/o il periodo di grazia, ovvero che si trovino nell impossibilità di procedervi; l obiettivo è quello di evitare la dismissione dell attivo a valori di mercato eccessivamente penalizzanti... Punto focale della proposta è rappresentato, pertanto, dall imposizione di una serie di vincoli all operatività delle Società di gestione del risparmio (di seguito, anche, le SGR), volti ad assicurare che l intero procedimento sia svolto nell interesse dei quotisti e che tutte le attività poste in essere, nei cinque anni di liquidazione straordinaria, siano finalizzate a liquidare l attivo patrimoniale alle migliori condizioni di mercato1 le SGR dovrebbero impegnarsi a modificare la struttura delle commissioni fisse di gestione in modo tale da prevedere che una quota percentuale (ad esempio, il 50%) delle stesse continui ad essere riconosciuta alle SGR a titolo di copertura delle spese sostenute per lo svolgimento dell attività di gestione mentre, la restante parte, dovrebbe essere resa variabile e ancorata all andamento della gestione (success fee)...

42 I Fondi Immobiliari Chiusi Quotati in scadenza Fonte: Elaborazione Prelios SGR su dati dei Rendiconti dei Fondi al 31 dicembre 2011

43 I Rapporto 2013 sul mercato immobiliare A distanza di oltre un lustro dall epilogo della fase espansiva, il mercato immobiliare italiano non sembra ancora avere esaurito il potenziale recessivo. Il solo parziale adeguamento dei valori alle mutate condizioni di contesto rappresenta, infatti, un ipoteca sulle possibilità di ripresa a breve termine Ad incidere negativamente sulle dinamiche del settore corporate è anche la diffidenza, sviluppatasi a livello internazionale, nei confronti di un Paese stabilmente confinato nelle retrovie in fatto di prospettive di crescita, oltreché endemicamente incapace di esprimere una politica economica coerente L allentamento del vincolo di prezzo, da una parte, e la definizione di un assetto istituzionale credibile, dall altra, rappresentano il passaggio obbligato affinché l interesse degli investitori opportunistici stranieri possa finalmente concretizzarsi L assenza di novità su tali fronti finirebbe, inevitabilmente, per prolungare l attuale impasse, relegando il mercato corporate anche nel 2013 sugli esigui livelli dello scorso anno. I neanche due miliardi di investimenti annui rappresentano, infatti, un riferimento irrisorio che può essere spiegato solo alla luce dell attendismo di gran parte della domanda potenziale.

44 I Rapporto 2013 sul mercato immobiliare È evidente che il protrarsi dell attuale quadro rappresenti lo scenario peggiore per istituzioni e veicoli che si trovano nelle condizioni di dover dismettere. Banche, amministrazioni pubbliche e fondi immobiliari sono oggi alle prese con immobilizzazioni illiquide, a fronte di vincoli temporali di realizzo molto spesso stringenti. L ampliamento delle dimensioni del mercato risulta, a tal proposito, l unico elemento di possibile salvaguardia per un sistema che altrimenti rischia, nei prossimi anni, di veder significativamente crescere il numero di default.

45 I Rapporto 2013 sul mercato immobiliare Che il tracollo registrato lo scorso anno debba essere in larga parte ricondotto alla stretta operata sul versante del credito risulta evidente, non soltanto dalle indagini qualitative svolte presso famiglie e operatori, ma dall andamento del rapporto tra acquisto di abitazioni e prestiti per mutui (a conclusioni analoghe è possibile giungere alla luce della maggiore intensità del calo dei prestiti erogati rispetto alla dinamica del PIL nominale)...

46 Milano Finanza, 29/3/2013

47 I Rapporto 2013 sul mercato immobiliare Le risultanze dei modelli previsionali non lasciano al proposito spazio ad ottimismi: il 2013 si prospetta un anno di ulteriore recessione e la ripresa, che si profila a partire dal 2014, appare troppo timida per un comparto ormai fiaccato dal logorio. Lo spauracchio di ricadute sistemiche di portata rilevante impone l immediata attivazione di strumenti di sostegno che, spezzando il circolo vizioso, ne attenuino il devastante potenziale...

48 Il ciclo del nido d ape per il settore residenziale Fonte: Elaborazione CESFIM su dati Ministero degli Interni, CENSIS e Agenzia del Territorio

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE

LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE Moderatore: Giuliano Bidoli Head of Tax, Experta Corporate and Trust Services S.A. Relatori: Massimo Contini Senior Relationship

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano 2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano Domenico Siniscalco 2.1 Premessa L Italia è un paese di grandi risparmiatori. Comunque la si misuri in rapporto al reddito disponibile

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

Maggio 2014. Guida dell Azionista

Maggio 2014. Guida dell Azionista Maggio 2014 Guida dell Azionista Con la presente Guida intendiamo offrire un utile supporto ai nostri azionisti, evidenziando i diritti connessi alle azioni possedute e consentendo loro di instaurare un

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto

SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto Relazione semestrale SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto R.C.S. Luxembourg B 136 880 Non si accettano sottoscrizioni basate sul presente

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

L asset management di Banca Fideuram

L asset management di Banca Fideuram L asset management di Banca Fideuram 1 LA SOCIETA 2 La struttura societaria Banca Fideuram 3 Italia 99.5% Irlanda 100% Lussemburgo 99.94% Fideuram Investimenti SGR Gestioni Patrimoniali Fondi Comuni di

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale SEB Asset Management Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale Fabio Agosta, Responsabile Commerciale Europa Meridionale & Medio Oriente SEB Stockholm Enskilda

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti Emanuele Bellingeri Managing Director, Head of ishares Italy Ottobre 2014 La differenza di ishares La differenza di ishares Crescita del

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli