"SCANDALO" DATAGATE : L'INTELLIGENCE E L'ETICA CHE NON C'E'

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""SCANDALO" DATAGATE : L'INTELLIGENCE E L'ETICA CHE NON C'E'"

Transcript

1 "SCANDALO" DATAGATE : L'INTELLIGENCE E L'ETICA CHE NON C'E' Nel mondo dell'intelligence non esistono limiti o etica che possa condizionarne l'operato. Appare quindi alquanto superfluo porre una discriminante tra cio' che e' considerato giusto o corretto e cio' che invece non lo e'. I Servizi di Informazione operano nell'interesse della tutela della sicurezza nazionale di un Paese. A fronte di questo obiettivo, e' lecito tutto ed il suo contrario. Non esistono regole, non esistono limiti. Al riguardo basterebbe ricordare il caso della spia Jonathan Jay Pollard, scoperto nel 1985 mentre trafugava i segreti americani per conto di Israele. La cooperazione su cui si basano le relazioni bilaterali o multilaterali fra Servizi sono sempre il frutto, magari pro-tempore, di interessi nazionali convergenti. Matrimoni di interesse, ma mai d'amore. Cio' non toglie che alcuni Servizi siano piu' legati e quindi piu' cooperativi tra loro rispetto ad altre organizzazioni similari. Ma, a fattor comune, anche quando prevale la cooperazione, questa avviene quasi sempre in un contesto di diffidenza. Perche' esiste l'informazione ed esiste anche la disinformazione. Perche' a volte quelli che un Paese etichetta come terroristi sono, per altre nazioni, dei patrioti, l'eliminazione di un personaggio puo' diventare un assassinio o legittima difesa, il tradimento dell'uno puo' diventare patriottismo per altri. Questo e' un mondo grigio, dove non e' importante quello che e' giusto o sbagliato, ma quello che fa comodo. Nel mondo delle spie ci sono pero' due settori considerati a piu' alto livello di segretezza e quindi difficilmente oggetto di condivisione con altri: i sistemi di crittazione e decrittazione e l'attivita' di intercettazione. La crittazione di un messaggio, notizia o informazione che sia, impedisce ad altri di conoscerne il contenuto. Nessun Servizio dice mai ad altri Servizi cosa o come fa in uno specifico settore. Ne andrebbe della propria sicurezza, verrebbero scoperte fonti e contatti, divulgate valutazioni o intenzioni, circostanze operative, dispositivi e quant'altro di delicato caratterizza l'attivita' di un Servizio. Piu' sofisticato e' il sistema di crittazione, piu' la comunicazione e' protetta, piu' difficile e' decrittarla. E abbinata all'attivita' difensiva della protezione delle comunicazioni, c'e' sempre un'attivita' offensiva che e' quella di riuscire a decrittare quello che gli altri inviano. Chi ci riesce non lo dice mai agli altri. Silenziosamente intercetta i messaggi, li decritta e viene cosi' a conoscenza di cose che altri Paesi vorrebbero nascondere. Un po' come il motto dell'aise: "Arcana Intellego". Una realta' che molti non conoscono e' che tutte le emissioni elettroniche e radio che si muovono nell'aria sono sistematicamente intercettate. O, almeno, sono potenziale oggetto

2 di intercettazione. Questi sono quei settori tecnicamente identificati come "SIGINT" (Signal Intelligence) ed "ELINT" (Electronic Intelligence). Comparti sviluppati da tutti i Servizi di Informazione. Per quanto riguarda il contesto italiano, l'attivita' di crittazione (leggasi anche fornitura dei sistemi e modalita' cifranti a tutti gli apparati dello Stato) e decrittazione sono di competenza dell'a.i.s.e.. La legge 124 del 2007 assegna sempre all'aise le competenze SIGINT (ovviamente in proiezione estera e non sul territorio nazionale). Ma veniamo all'oggetto del contendere: un tecnico che lavorava per la National Security Agency americana, Edward Snowden, ha recentemente divulgato la notizia che l'organismo per cui operava intercetta tutto, cittadini americani e stranieri, amici e nemici, alleati e non, sedi diplomatiche e membri di organizzazioni internazionali. E lo fa in modo sistematico e massivo, come le sue capacita' tecniche e umane gli permettono. Da li' lo scandalo. I Paesi oggetto delle attenzioni americane si ribellano. Si chiedono spiegazioni. Ci si accorge improvvisamente che le ambasciate di molti Paesi sul territorio americano, Italia compresa, sono state oggetto di spionaggio. Altrettanto e' avvenuto per alcune rappresentanze e delegazioni all'onu. Viene poi fuori che anche le strutture dell'unione Europea erano sotto stretto monitoraggio. La diatriba ha preso subito risvolti politici. Alcuni Paesi hanno manifestato sdegno, come se fossero stati traditi o feriti nell'orgolio di chi si riteneva un alleato affidabile. Ma, occorre dirlo, in tutto questo ci sono ampie dosi di ipocrisia. In qualunque parte del mondo le ambasciate dei Paesi stranieri sono oggetto di interesse informativo. Le loro sedi vengono vigiliate, il loro traffico di comunicazioni sistematicamente intercettato e, laddove possibile, all'interno di queste strutture si cercano e si pagano informatori. Quindi, in ultima analisi, si sta parlando di una prassi operativa largamente utilizzata nel campo del controspionaggio. Si puo' eventualmente obiettare sul fatto che l'attivita' di intercettazione e monitoraggio americana sia stata cosi' fortemente dedicata anche a Paesi politicamente considerati amici. Quindi - anche se su questo Snowden non si e' ancora sbilanciato - si puo' immaginare quale tipo di attivita' sia oggi in atto verso i Paesi ostili. E' su quest'ultimo argomento che il tecnico americano probabilmente si giochera' il proprio futuro acquisendo le benemerenze in primis dell's.v.r., "Služba vnešnej razvedki", il Servizio di intelligence internazionale russo erede del KGB. La National Security Agency, dall'11 Settembre 2001 in poi, ha beneficiato di una enorme crescita, in termini di finanziamenti (circa 5 miliardi di dollari di incrementi annuali), di personale (si stima che oggi lavorino per l'agenzia dai 50 ai tecnici, a cui vanno aggiunti i contractors di societa' esterne come Snowden) e di importanza nella Intelligence Community americana (dove oggi svolge un ruolo primario). La NSA si interessa di crittazione, decrittazione, SIGINT ed ELINT che, come abbiamo detto, sono gli aspetti piu' delicati di un'attivita' informativa. E se prima aveva un'unica sede centrale a Fort Meade

3 nel Maryland, la NSA ha adesso altre sedi operative a San Antonio (Texas), Denver (Colorado), Salt Lake City (Utah), Kunia (Hawaii) e Fort Gordon (Georgia). Ma il cosiddetto scandalo "Datagate" e' legato anche al fatto che la N.S.A., insieme ad altre Agenzie di altri Paesi, e' parte centrale di un sistema di intercettazioni (satellitari, radar, radio, telefoniche, internet etc.) a livello mondiale dove niente passa inosservato. La componente nota come "Echelon" e' in grado di intercettare comunicazioni radio, elettroniche, ma anche telefoniche. La struttura principale e' ad Harrogate, nello Yorkshire nel Regno Unito. Vi sono poi dei centri di ascolto a Sugar Grove (Virginia) e Yakima (Washington). A queste strutture principali si aggiungono altri centri di ascolto in tutto il mondo dedicati a monitoraggi regionali, come molto probabilmente anche l'erigendo centro radar di Sigonella alle dipendenze formali della Marina Militare statunitense e che proietta i suoi interessi verso il Medio Oriente. Al citato programma "Echelon" hanno aderito a suo tempo, accanto alla N.S.A., anche altri Paesi e relative Agenzie: il "Governement Communications Headquarters" inglese, il "Government Communications Security Bureau" neozelandese, il "Defence Signal Directorate" australiano ed il "Communications Security Establishment" canadese. Tutti questi Paesi, non casualmente anglofoni e fortemente radicati nel piu' stretto circolo delle alleanze americane, sono quindi comprimari ed ovviamente beneficiari di quanto viene captato nel mondo delle intercettazioni. Per onore di giustizia quindi si potrebbe quindi obiettare che quanto fatto dalla NSA contro ONU e sedi diplomatiche, Unione Europea e Banca centrale Europea, metta sul banco degli imputati non soltanto gli americani, ma anche gli altri comprimari del progetto Echelon. Ed e' un dato incontrovertibile che in questa levata di scudi contro le ossessive curiosita' di intelligence di Washington i sopramenzionati Paesi (vedasi soprattutto l'inghilterra) sono oggi particolarmente silenti. Il problema piu' grave e' che questa condivisione di dati di intelligence sensibili, derivanti da intercettazioni piu' o meno giustificate (il termine "lecite" non risulta appropriato), nel tempo si e' tramutato in una corsia preferenziale di cooperazione fra intelligence. Una specie di club ristretto al quale altri Servizi, altrettanto qualificati, non hanno accesso. L'effetto piu' devastante di questo "conventio ad excludendum" e' stato durante la guerra in Iraq. Dal 2003 in poi esistevano infatti due accessi ai dati informativi di intelligence su due terminali distinti: uno per i Paesi Echelon ed un altro per tutto il resto dei reparti che combattevano a fianco degli americani. Come se la guerra ed i rischi ad essa correlati permettesse questa distinzione nella condivisione di notizie. E molte volte e' anche emerso che notizie di interesse primario per la sicurezza del contingente di un Paese non siano pervenute agli aventi causa, ovvero siano pervenute con ritardo perche' circolanti in questo circuito riservato. Paesi come l'italia o la Francia non si sono lamentati di questo sistema discriminante in un contesto di guerra, di questa vergogna comportamentale, e cosi' facendo hanno peggiorato le condizioni di sicurezza dei propri soldati in quel Paese. Per accentuare

4 quanto fosse essenziale il flusso di notizie su questo canale basti pensare che in Iraq la copertura telefonica delle comunicazioni del Paese avvenivano allora attraverso un sistema di connettivita' americano. In pratica, quindi, tutto quello che veniva detto era automaticamente intercettato, ascoltato e tramutato in informazioni operative. Come si puo' immaginare c'e' una forte differenza tra un accesso sistematico a notizie di interesse attuato in un contesto di guerra politica, commerciale o finanziaria (condivise poi in modo selettivo) e quello che invece dovrebbe avvenire automaticamente tra cosiddetti amici in un contesto di guerra guerreggiata. Quello che e' venuto alla luce con la fuga e le rivelazioni di Snowden e' solo la punta dell'iceberg di un sistema di intelligence intrusivo sulla rete internet - il cosiddetto PRISM - che sicuramente oggi e' ancora piu' diffuso di quello che si pensi. Presto ci si accorgera' che tutti i piu' grandi motori di ricerca forniscono con continuita', soprattutto agli U.S.A., dati sugli utenti del mondo, permettendo di spiare su contatti, , telefonate e qualsivoglia tipo di comunicazione di ogni persona, sia essa americana o cinese o europea. Ogni Paese lo fa nel proprio ambito. Lo fa l'italia con un decreto governativo approvato dal governo Monti. Lo fa la Francia al suo interno. Alcuni accordi mettono in cooperazione gli Stati Uniti con singoli Enti Nazionali. L'unica variante e' che gli americani lo fanno anche in casa altrui. Nessuno pone oggi l'attenzione sul fatto che a Fort Meade, dove ha la sede principale la National Security Agency del Gen. Keith B. Alexander, si sta adesso creando una task force dove opereranno altri uomini con una grossa disponibilita' finanziaria. Si parla di cyber war che in questo caso significa non solo disturbare i sistemi altrui, ma soprattutto conoscere quello che circola nei sistemi informatici altrui. Gli obiettivi: tutti. Senza distinzione di amici o nemici. Ne riparleremo presto.

5 L'ENIGMA AMERICANO PER LA SIRIA Sulla Siria il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, aveva fissato una cosiddetta "red line", una linea rossa che non poteva essere superata e che era costituita dall'eventuale utilizzo di agenti chimici da parte del regime siriano nel combattere la ribellione. Dopo vari distinguo, presunte verifiche, pressioni internazionali e conferme da fonti giornalistiche, questa "red line" sembra essere stata oltrepassata. La diretta conseguenza di questa circostanza postulava che gli Stati Uniti sarebbero intervenuti contro Damasco. Ma dalle prime mosse dell'amministrazione Obama appare invece emergere un atteggiamento alquanto circospetto su quello che gli Usa intendono fare o dare per aiutare le forze ribelli a vincere contro i lealisti di Bashar al Assad. Esclusa, per questioni tecniche, l'applicazione di una no-fly zone sulla parte settentrionale della Siria, rimangono sul piano operativo solo due altre opzioni: la fornitura di armi ai ribelli e/o il sostegno diretto tramite all'apporto di truppe straniere al fianco della ribellione. L'imposizione di una no-fly zone implicherebbe la previa distruzione del sistema di difesa aerea siriano affinche' non costituisca un pericolo per i voli delle forze coinvolte nel provvedimento. Questo determinerebbe quindi un iniziale bombardamento delle postazioni radar e missilistiche asservite alla specifica difesa, nonche' un danneggiamento del sistema di comando e controllo avversario. Il sostegno diretto ai ribelli ed un loro affiancamento sul terreno, per ovvi motivi pratici, richiederebbe anch'esso il coinvolgimento diretto americano presentando aspetti di pericolosita' molto ampi. Un intervento armato postula inoltre la discesa in campo anche di altri Paesi (e sul mercato non ce ne sono). Quindi, obtorto collo, alla fine e' rimasta sul terreno una sola opzione : dare armi ai ribelli. La ritrosia americana ad un coinvolgimento diretto contro il regime di Bashar Assad non e' stata determinata dall'opposizione russa ad ogni intervento militare esterno nelle vicende siriane, ma da considerazioni di politica estera americana. Un intervento militare avrebbe smentito le linee di politica estera del Presidente Obama, dedicate ad un'uscita militare da teatri operativi come l'iraq e l'afghanistan dove le difficolta' ed i costi sono stati superiori ai guadagni. Nel contempo, un'azione armata avrebbe potuto determinare un risultato finale - come avvenuto poi in Libia - contrario agli interessi americani. La ritrosia si e' quindi trasformata in prudenza e la prudenza in misure pratiche risibili. In primo luogo sono emerse grosse difficolta' nel fornire armi ai ribelli perche' non tutti i gruppi che combattono Bashar al Assad sono "affidabili" e quindi idonei ad esser sostenuti dagli americani. Ci sono, infatti, gruppi come il Jabath al Nusra vicini ad Al Qaeda, ci sono fazioni integraliste a diverso livello di pericolosita' sociale ed quindi e' necessario capire, da parte di Washington, a chi conviene dare le armi e a chi no. Il problema di per se' non e' semplice perche' la variegata articolazione delle forze ribelli rende difficile ogni scelta. Inoltre, non e' neanche assicurato che le armi date ad un gruppo "affidabile" non vadano poi nelle disponibilita' di un gruppo "non affidabile". Nell'immaginario americano e' ancora presente quanto successo in Afghanistan, quando gli Stinger consegnati ai Mujahedin per combattere contro i sovietici sono poi finiti nelle mani delle frange terroristiche.

6 Il secondo problema e' relativo al tipo di armi da dare ai ribelli: diamo ai ribelli armi efficienti, soprattutto sistemi anti-aerei, come il teatro operativo e le esigenze dei ribelli impongono o ci si dobbiamo limitare a forniture di facciata, passando quindi da un supporto pratico ed operativo a un gesto soprattutto politico? E' evidente che se gli americani non sono sicuri di quale fine faranno le armi, si indirizzeranno verso forniture operativamente minimali. In un contesto come il Medio Oriente gia' pieno di armi, alimentare ulteriormente il mercato appare alquanto problematico. A tutto questo si aggiunge un altro problema da risolvere: sia il regime alawita che i ribelli utilizzano soprattutto armamenti provenienti dall'ex patto di Varsavia (oggi Paesi dell'est) e Russia (ieri Unione Sovietica). Quindi, anche per rendere piu' pratiche le linee di approvvigionamento logistico (ed anche perche' le armi dei lealisti possono essere catturate e poi utilizzate dalla controparte) e' bene che ai ribelli si continuino a dare forniture provenienti da quella parte di mondo. Questo implica che gli Stati Uniti si dovranno approvvigionare sul libero mercato entrando quindi in collisione, non solo politica ma anche pratica, con la Russia. Infine, nel risiko delle scelte americane si e' adesso frapposto un ultimo ostacolo: la Turchia. Ankara si rifiuta di consentire il transito di armi verso i ribelli. E' una scelta di Recep Tayyip Erdogan che il premier turco ha comunicato telefonicamente a Barack Obama il 19 giugno Perche' questo repentino cambio di posizione da parte della Turchia dopo aver dato a lungo ospitalita' all'opposizione siriana ed ai relativi comandi militari? I motivi sono di vario ordine e sono tra loro correlati. In primis, la Turchia e' diventata anch'essa obiettivo di attentati che denotano l'esportazione dell'instabilita' siriana sul proprio territorio (basti pensare all'attentato dell'11 maggio 2013 a Reyhanli con 53 morti). Il transito di armi verso i ribelli e la circolazione di gruppi armati da e verso la Siria non sono certo elementi che possono migliorare la sicurezza del Paese. Al quadro di instabilita' regionale si sono aggiunti e saldati anche questioni interne legate all'arroganza politica di Erdogan e del suo partito islamico. La diatriba tra il premier turco e il mondo occidentale e' stata innescata dalla critiche sull'operato del governo turco nei confronti delle proteste popolari, cosi' come e' stata messa sotto accusa la polizia ed i suoi modi brutali di repressione. Tutto questo non e' stato gradito ed ha creato una divergenza di posizioni, interessi e affinita' tra le autorita' turche e quella parte di mondo che sostiene la ribellione siriana. Recep Erdogan si e' sentito tradito e abbandonato ed ha, ancora una volta, re-indirizzato la propria politica estera in chiave neo-ottomana: maggiore distanza dal mondo europeo e dalle sue ossessive richieste di tutela dei diritti umani, maggiore attenzione alle problematiche arabe e regionali, perseguimento di una politica piu' equidistante dalla NATO. Anche perche' il casus belli della protesta popolare e' nato dalla volonta' dell'akp di introdurre misure sociali condizionate dai precetti islamici in una societa' sostanzialmente laica e occidentalizzata. L'allontanamento dall'occidente marca quindi ancora piu' questa diversita' dai connotati religiosi. Il premier turco e' anche preoccupato dalle vicende interne della Siria. La riconquista da parte dei lealisti della citta' di Qusayr certifica che il regime di Bashar al Assad e' ben

7 lontano dal collasso militare. La nemesi della ribellione siriana non ha ancora un finale ineludibile. Con l'apertura a Ginevra dei tentativi di mediazione e dei negoziati e' quindi oggi piu' saggio e prudente per la Turchia di mantenere un profilo piu' equidistante sulle questioni siriane. Del resto Erdogan non e' nuovo ad atteggiamenti preclusivi verso gli Stati Uniti. Anche nel 2003 aveva rifiutato agli americani l'apertura di un fronte armato nel nord dell'iraq. Quali che siano le motivazioni politiche o pratiche dell'atteggiamento turco, rimane il fatto che oggi Washington ha un ulteriore problema da affrontare: quello di come fare arrivare le armi ai ribelli. Esclusi il Libano e l'iraq per motivi di ordine pratico, escluso Israele per motivi di ordine politico, l'unica opzione per fare arrivare armi ai siriani e' quella giordana. Ed e' infatti li' che si stanno concentrando gli sforzi americani. Tuttavia, l'afflusso di armi dal sud della Siria penalizza il rifornimento al fronte nord della ribellione che, dopo la caduta di Qusayr, si e' visto precludere le forniture dei sunniti libanesi. In un prossimo futuro in cui si prefigura un combattimento per la supremazia in Aleppo e dintorni (dove sono gia' confluiti nell'area reparti Hezbollah, milizie sciite irachene e Basiji iraniani), l'afflusso di armi dal sud diventa problematico per i rifornimenti dei ribelli. La Giordania pone pero' diversi problemi logistici. Ha un solo attracco mercantile ad Aqaba (a fronte dei vari porti turchi). Non ha sul proprio territorio basi aeree o infrastrutture logistiche NATO (come invece avviene in Turchia). Quindi, sul piano pratico, e' meno funzionale non solo per la consegna di rifornimenti diretti in Siria, ma anche per l'afflusso di armi dall'estero. Re Abdallah guida una nazione da sempre gravitante nella sfera occidentale. Il suo Paese - privo di risorse significative - vive sistematicamente di aiuti internazionali e quindi l'asservimento agli interessi strategici americani e' un fatto scontato e gradito (perche' foriero di maggiori prebende future). Non e' un caso infatti che in Giordania fossero gia' presenti campi di addestramento di ribelli siriani con istruttori americani. Gli Stati Uniti, probabilmente per dare almeno un segnale piu' simbolico che pratico di risolutezza, hanno fatto confluire altri 700 militari in Giordania che si sono aggiunti ai 300 che dallo scorso anno soggiornano nel regno hashemita. Lo hanno fatto a cavallo delle esercitazioni congiunte che annualmente si tengono con Amman e che sono state poi interrotte proprio per la gravita' del momento. Insieme al contingente terrestre, sono adesso dislocate in Giordania 2 batterie di missili Patriots (anti-missile) con relativi equipaggi e supporti logistici ed una ventina di aeri caccia F-16, anch'essi venuti per le esercitazioni congiunte e non piu' fatti rientrare. Nel loro insieme le iniziative militari americane hanno un valore piu' difensivo che offensivo e, se volessiamo valutare meglio il loro impatto, indicano che gli Stati Uniti non sono intenzionati ad intervenire direttamente sul territorio siriano. Piu' che una minaccia per il regime alawita, costituiscono per Damasco una conferma del poter operare risolutamente contro i ribelli, magari dosando con prudenza l'utilizzo degli aggressivi chimici, e niente piu'. Nel mezzo della diatriba sul se intervenire o no in Siria c'e' anche il problema dei missili S- 300 che la Russia intenderebbe consegnare alle autorita' di Damasco. In una dichiarazione pubblica il 20 giugno 2013, il Ministro degli esteri russo Sergey Lavrov

8 avrebbe confermato l'intenzione di dare seguito alla fornitura. Anche questo e' un segnale da parte di Mosca che non intende lasciare agli americani mano libera sulla scacchiera mediorientale. Direttamente o indirettamente, la questione siriana e' diventata adesso un gioco ad alto contenuto strategico. Una guerra di nervi - tratteggiata da minacce alternate a profferte di mediazione o dialogo - nel tentativo di egemonizzare l'area mediorientale che rimane strategicamente importante finche' le sue risorse petrolifere saranno essenziali. E se nel campo delle minacce vengono a mancare i fondamentali che le rendano credibili, allora si lascia spazio a negoziati nell'apparente obiettivo di trovare una soluzione mediata alla crisi. Il "Ginevra 1" nasceva nel giugno 2012 quando un gruppo di sostegno alla Siria (composto da membri del Consiglio di Sicurezza dell'onu e da rappresentanti regionali) formulava l'ipotesi di creare un Governo di transizione nel Paese. Adesso siamo al "Ginevra 2" (una conferenza di cui non e' stata stabilita ancora una data di inizio) e ai colloqui informali durante il summit del G-8 in Irlanda del Nord nel giugno Ma piu' prende spazio un iter negoziale, anche se probabilmente inconcludente e retorico, piu' si allontana l'ipotesi che nelle vicende siriane gli Stati Uniti o altri attori internazionali possano sentire la necessita' di un coinvolgimento diretto. Ed allora ecco che nel dibattito interno americano sul a chi dare quali armi e come farle arrivare ai ribelli si utilizzano formule semantiche asservite ad un approccio diplomatico empirico e vago che salvi le apparenze mascherando la riluttanza di Barack Obama ad intervenire in Siria. Oggi i termini del negoziato sono gli stessi di ieri: l'impegno di porre fine alla guerra civile, l'obiettivo di creare un governo di transizione, l'impegno a fornire 1,5 miliardi di dollari in aiuti umanitari, l'obbligo dei partecipanti ai negoziati di rispettare gli accordi raggiunti, la volonta' di cacciare dal Paese terroristi ed estremisti, una forte condanna all'utilizzo di armi chimiche. Nel mentre Bashar al Assad rimane al potere, le efferatezze della guerra continuano, i "terroristi" e gli "estremisti" (non meglio identificati da che parte della barricata si trovino) continuano a spadroneggiare nel Paese, le armi chimiche - quelle che tutti negano di aver utilizzato - molto presto faranno probabilmente la loro ricomparsa sul terreno.

9 GLI STAN COUNTRIES ED IL RIFORNIMENTO DI RISORSE ENERGETICHE Sono definiti Stan Countries ( stan è un suffisso, in lingua persiana, che sta per luogo dei o degli.. ; è preceduto dall indicazione di una razza o di un etnia: ad esempio, Tagikistan è il luogo dei Tagiki ) i seguenti Paesi che negli anni si costituirono come Repubbliche Socialiste Sovietiche (R.S.S.) e che, nell ambito dell Unione Sovietica (nata il 31 dicembre 1922), ne seguirono le vicende storiche per 69 anni (fino al 25 dicembre 1991, la data appunto della implosione dell Unione Sovietica): - Kazakistan (capitale Astana), 16 milioni di abitanti; - Turkmenistan (capitale Asgabat), 5 milioni; - Uzbekistan (capitale Tashkent), 27 milioni; - Kirghizistan (capitale Bishkek), 5,5 milioni; - Tagikistan (capitale Dushanbe), 7,5 milioni. Gli Stan Countries, con il Caucaso, costituiscono per la Russia due importanti aree strategiche dell Asia Centrale. L Unione Sovietica, prima dell implosione (ovvero durante la costituita da 15 Repubbliche: Guerra Fredda ) era le quattro Repubbliche fondatrici : le R.S.F.S. di Russia, Ucraina, Bielorussia e Transcaucasia (quest ultima nel 1936 si sciolse, originando le tre R.S.S. di Georgia, Azerbaigian e Armenia); le cinque Stan Countries ; la Moldova; le tre Repubbliche Baltiche (Estonia, Lettonia, Lituania). Da considerare, in questo contesto, anche i Paesi satelliti dell Europa orientale, agganciati all Unione Sovietica con il Patto di Varsavia (14 maggio 1955). Dopo il periodo della Guerra Fredda e della Perestroika (ristrutturazione) di Mikhail Gorbaciov (Gorbaciov si dimise nel dicembre 1991) e dopo il decennio di leadership di Boris Eltsin, il potere in Russia è passato a Vladimir Putin che, a partire dal 2000 (ma già, in precedenza), ha cercato attraverso legittime elezioni di recuperare la dignità della Federazione Russa in un contesto politico caratterizzato da contrasti interni e internazionali. Per quanto d interesse per il tema in esame, si fa riferimento soprattutto alle due aree strategiche dell Asia Centrale (già menzionate) del Caucaso e degli Stan Countries. In particolare: a. il Caucaso del dopo-unione Sovietica risultò diviso dalla displuviale della catena montuosa omonima in Caucaso settentrionale, appartenente alla Russia, e Caucaso meridionale degli Stati indipendenti di Georgia, Armenia e Azerbaigian. Da tener presente che, oltre ai problemi di appartenenza etnica (vedasi, ad esempio, quello degli osseti divisi tra Russia e Georgia) sussistono interessi economici da parte

10 della Russia (le risorse energetiche ed il relativo centro di smistamento delle stesse di Baku, capitale dell Azerbaigian, verso l Europa) tanto da privilegiare, in un certo senso, l Azerbaigian a maggioranza musulmana rispetto all Armenia, quand anche quest ultima sia, come Mosca, a maggioranza cristiano-ortodossa. Non trascurabile altresì il conflitto ormai storico del Nagorno-Karabakh, una regione a prevalenza armena chiusa (in quanto enclave ) in territorio azero. b. gli Stan Countries sono stati corteggiati e lo sono tuttora dalla Russia per le loro risorse energetiche e questo anche attraverso alleanze di cooperazione militare e di sicurezza. Ma questi Paesi preferiscono una gestione in proprio delle loro risorse. Per introdurre il problema delle risorse energetiche russe, un breve cenno sulle forniture (gas e petrolio) all Italia e a quella che spesso viene definita la guerra del gas, sulla base dei dati al momento disponibili: - produzione annua : 13 miliardi di mc; - fabbisogno annuo : 81 miliardi di mc. L Italia, in sintesi, importa 68 miliardi di mc di gas dai seguenti Paesi (dati del 2011): - Russia (gasdotto TransAustriaGas-TAG): 24 mld; - Olanda/Norvegia (gasdotto Transitgas): 16 mld; - Algeria (gasdotto Transmed): 20 mld; - Libia (gasdotto Green Stream ): 8 mld. Si ritiene d interesse aggiungere che l Italia ha recentemente sottoscritto un accordo con l Azerbaigian che prevede la fornitura di gas dal giacimento azero Shah Deniz II di 10 mld di mc gas l anno attraverso il gasdotto Trans Adriatic Pipeline (TAP), fornitura estendibile a 20 mld di mc. Il gasdotto TAP, attraverso la Grecia, l Albania e il Mare Adriatico, raggiunge le coste del Salento: l Italia diventa così la porta d ingresso del gas caucasico in Europa. I rifornimenti di gas ai Paesi europei peraltro preoccupano a vario titolo: - eccessiva dipendenza dei Paesi europei dalla Russia, secondo gli Stati Uniti; - controversia, in questo settore, Russia/Ucraina (quest ultima è proprietaria delle tubazioni che insistono sul proprio territorio; ha ceduto peraltro in affitto alla Russia basi militari tra le quali la ben nota Sebastopoli, in cambio di facilitazioni sulla bolletta del gas che la Russia fornisce all Ucraina). La Russia, da parte sua, tende a ridurre l importo della facilitazione portando il prezzo del gas (per l Ucraina) verso quello di mercato; sta tentando inoltre il completamento e la messa in esercizio di due gasdotti per l aggiramento dell Ucraina North Stream e South

11 Stream. In merito è anche da considerare un terzo gasdotto, attraverso la penisola anatolica, voluto dagli Stati Uniti in contrapposizione al monopolio russo nella regione il famoso Nabucco ma sussistono difficoltà nel reperimento di giacimenti per l alimentazione, in relazione alla forte concorrenza della Cina, assetata di risorse energetiche; - i giacimenti dell Oceano Artico (sussistono al riguardo contrasti sull appartenenza delle risorse in questione tra i Paesi che si affacciano sul Circolo Polare); - ingerenze varie nel controllo di altri giacimenti, specie di quelli di più recente scoperta (concorrenza Francia/Italia per i giacimenti libici; contrasti Israele/Turchia per i due giacimenti del Mediterraneo orientale Afrodite e Leviatano ; accordi sotto-banco ecc ). Sulla base dei contrasti evidenziati, la Russia cerca spazio anche nei giacimenti dell Asia Centrale e non disdegna accordi con i Paesi Stan, specie quelli più fortunati in fatto di risorse energetiche (petrolio, gas e quant altro), come evidenziato nel prospetto a seguito: STAN COUNTRIES GAS PETROLIO URANIO ENERGIA ELETTRICA mc 1000 t t kwh Kazakistan (16 mln) Turkmenistan (5 mln) Uzbekistan (27 mln) Kirghizistan (5,5 mln) Tagikistan (7,5 mln) 20,2 mld 76069, (te)* 59,5 mld 8887,2 / (i)** 62,9 mld 1853, (te) 12,5 mln 49,9 / (i) 40 mln / / (i) * te = impianti termici ** i = impianti idroelettrici

12 Dal prospetto di cui sopra risulta quanto segue: - la produzione annua di gas dei primi tre Paesi stan è indicata in miliardi di metri cubi (mc): possibilità pertanto di esportazione; per i rimanenti due Paesi, la produzione è in milioni, insufficiente anche per il solo fabbisogno domestico ; - per la produzione di petrolio, analoga situazione; - per la produzione di energia elettrica, per contro, è significativa quella di tre Paesi (Turkmenistan, Kirghizistan e Tagikistan) che si avvalgono di centrali idroelettriche, in quanto a corto di risorse energetiche sono agevolati dalla posizione geografica (in vicinanza delle grandi catene montuose e dei ghiacciai). Gli altri due Paesi fanno ricorso alle risorse energetiche (gas e greggio di cui dispongono a sufficienza) utilizzando centrali termiche per la produzione di energia elettrica.

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE 544 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE Le reazioni degli attori internazionali 25 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le reazioni degli attori

Dettagli

News > Esteri > Politica - Giovedì 06 Dicembre 2012, 19:44

News > Esteri > Politica - Giovedì 06 Dicembre 2012, 19:44 "Ancora dubbi sulle..." Guerra civile in Siria: il punto della situazione Lo scontro si fa ogni giorno più teso fra Al Assad e le forze ribelli, che si stanno rafforzando" Caterina Varenna Lo scontro si

Dettagli

La Siria e lo scacchiere internazionale

La Siria e lo scacchiere internazionale La Siria e lo scacchiere internazionale Dalla primavera araba alla guerra civile Clicca sugli stati per l approfondimento USA UK FRANCIA ITALIA TURCHIA EGITTO ISRAELE LIBANO ARABIA QATAR IRAN RUSSIA SAUDITA

Dettagli

Siria, possibile l intervento di terra di Turchia e Arabia Saudita?

Siria, possibile l intervento di terra di Turchia e Arabia Saudita? Siria, possibile l intervento di terra di Turchia e Arabia Saudita? Lookout News Rocco Bellantone I turchi continuano a bombardare a nord, mentre a Incirlik arrivano i caccia sauditi. La riunione del Gruppo

Dettagli

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012.

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. di Giacomo Fabiani e Vera Facchinutti, 5 F Sull'onda della moda esplosa negli ultimi anni degli studi sui servizi

Dettagli

È morta l architetta Zaha Hadid

È morta l architetta Zaha Hadid È morta l architetta Zaha Hadid Edifici distrutti dai bombardamenti del governo siriano a Damasco, il 10 febbraio 2016. (Bassam Khabieh, Reuters/Contrasto) 11MAR 201618.40 La spartizione della Siria è

Dettagli

IL MODELLO TURCO TRA REALTÀ

IL MODELLO TURCO TRA REALTÀ 440 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com IL MODELLO TURCO TRA REALTÀ E GRAVI LIMITI 6 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 La guerra civile siriana Le fasi iniziali del conflitto

Dettagli

Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali?

Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali? Risoluzione 1971 (2014) Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali? 1. L Assemblea parlamentare ha affrontato la situazione dei rifugiati siriani nella sua Risoluzione 1902

Dettagli

Traduzione dal francese per www.resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

Traduzione dal francese per www.resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare di Tony Busselen e Bert De Belder da Partito del Lavoro del Belgio Traduzione dal francese per www.resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare Se ci si fida dei politici e dei

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente MOZIONE SULLA SIRIA 11 settembre 2013

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente MOZIONE SULLA SIRIA 11 settembre 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 297 MOZIONE SULLA SIRIA 11 settembre 2013 2 La Camera, premesso che: la crisi siriana ha raggiunto

Dettagli

L ULTIMATUM DI PUTIN: MINACCIA GUERRA AL SOSTEGNO DI ERDOGAN ALL ISIS. PUTIN DÀ UN ULTIMATUM ALLA TURCHIA: BASTA A OGNI AIUTO MILITARE ALL ISIS

L ULTIMATUM DI PUTIN: MINACCIA GUERRA AL SOSTEGNO DI ERDOGAN ALL ISIS. PUTIN DÀ UN ULTIMATUM ALLA TURCHIA: BASTA A OGNI AIUTO MILITARE ALL ISIS REDAZIONE NOICOMUNISTI L ULTIMATUM DI PUTIN: MINACCIA GUERRA AL SOSTEGNO DI ERDOGAN ALL ISIS. PUTIN DÀ UN ULTIMATUM ALLA TURCHIA: BASTA A OGNI AIUTO MILITARE ALL ISIS Traduzione di Guido Fontana Ros 05/08/2015

Dettagli

Consultazione per il programma del PSE per le elezioni europee 2009: Documento di lavoro. L Europa nel mondo

Consultazione per il programma del PSE per le elezioni europee 2009: Documento di lavoro. L Europa nel mondo Consultazione per il programma del PSE per le elezioni europee 2009: Documento di lavoro 1. La sfida L Europa nel mondo Negli ultimi 20 anni, il mondo è cambiato in modo irreversibile. La stessa natura

Dettagli

I mercati di fronte alla crisi russo-georgiana

I mercati di fronte alla crisi russo-georgiana I mercati di fronte alla crisi russo-georgiana La crisi tra Russia e Georgia, scoppiata in tutta la sua drammaticità lo scorso 8 agosto, sembra spaventare i mercati finanziari, già messi a dura prova dalla

Dettagli

DOCUMENTI IAI LA COOPERAZIONE NATO-RUSSIA: SVILUPPI RECENTI E PROSPETTIVE. a cura dell Istituto Affari Internazionali

DOCUMENTI IAI LA COOPERAZIONE NATO-RUSSIA: SVILUPPI RECENTI E PROSPETTIVE. a cura dell Istituto Affari Internazionali DOCUMENTI IAI LA COOPERAZIONE NATO-RUSSIA: SVILUPPI RECENTI E PROSPETTIVE a cura dell Istituto Affari Internazionali Saggio presentato nell ambito de Osservatorio Transatlantico a cura dell Istituto Affari

Dettagli

Risale ad un anno fa, all indomani dell annuncio della sua

Risale ad un anno fa, all indomani dell annuncio della sua LA RUSSIA E LO SPAZIO EX SOVIETICO Angelica Attolico Risale ad un anno fa, all indomani dell annuncio della sua candidatura alle presidenziali di marzo 2012, la prima menzione ufficiale del progetto di

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

VALENTINA RANALDI * LE INIZIATIVE DEGLI STATI OCCIDENTALI NEI CONFRONTI DELL ISIS **

VALENTINA RANALDI * LE INIZIATIVE DEGLI STATI OCCIDENTALI NEI CONFRONTI DELL ISIS ** VALENTINA RANALDI * LE INIZIATIVE DEGLI STATI OCCIDENTALI NEI CONFRONTI DELL ISIS ** SOMMARIO: 1. Le reazioni della Comunità internazionale allo Stato Islamico di Iraq e Siria: l operazione militare internazionale

Dettagli

IL PROGETTO NABUCCO E LA CONCORRENZA RUSSA

IL PROGETTO NABUCCO E LA CONCORRENZA RUSSA IL PROGETTO NABUCCO E LA CONCORRENZA RUSSA FRANCESCO F. MILAN GIUGNO 2009 Nel 2006, mentre le grandi compagnie di diversi paesi europei, dopo aver concluso gli studi preliminari sulla fattibilità dell

Dettagli

Le armi leggere hanno alimentato il conflitto in Siria causando oltre 93mila morti

Le armi leggere hanno alimentato il conflitto in Siria causando oltre 93mila morti Osservatorio Permanente Armi Leggere e Politiche di Sicurezza e Difesa Onlus Viale Venezia 112 25123 Brescia C.F.98114040177 Website: www.opalbrescia.org - Email: info@opalbrescia.org Le armi leggere hanno

Dettagli

Elenco dei co-firmatari dell'atto Gruppo. Data firma BRUNETTA RENATO IL POPOLO DELLA LIBERTA' - BERLUSCONI PRESIDENTE

Elenco dei co-firmatari dell'atto Gruppo. Data firma BRUNETTA RENATO IL POPOLO DELLA LIBERTA' - BERLUSCONI PRESIDENTE MOZIONE 1/00178 Legislatura: 17 Firmatari Primo firmatario: SPERANZA ROBERTO Gruppo: PARTITO DEMOCRATICO Data firma: 10/09/2013 Nominativo cofirmatario Elenco dei co-firmatari dell'atto Gruppo Data firma

Dettagli

CONFLITTI nel MONDO (2015)

CONFLITTI nel MONDO (2015) CONFLITTI nel MONDO (2015) I giornali e le televisioni di tutto il mondo parlano ogni giorno del conflitto in corso tra Israele e Palestina. Continui aggiornamenti sul numero di vittime, sulle brevi tregue

Dettagli

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI Sede legale e amministrativa: Palazzo Besso - Largo di Torre Argentina, 11-00186 Roma Sede secondaria: Largo Luigi Antonelli, 4-00145 Roma Web: www.ifiadvisory.com; Mail: info@ifiadvisory.com Umberto Profazio

Dettagli

Storia d Israele in mappe

Storia d Israele in mappe Storia d Israele in mappe INDICE Introduzione............................................................. p. 1 MAPPE DEL PERIODO ANTICO ll regno di Davide e Salomone..........................................

Dettagli

66 Sessione istituto Alti Studi per la Difesa - Scenario internazionale

66 Sessione istituto Alti Studi per la Difesa - Scenario internazionale 9 gennaio 2015 Paolo Quercia @PQuercia www.paoloquercia.net Definizione della regione, intersezione di altre regioni, ruolo pivot/ponte, potenze regionali Conflitti in Siria e in Iraq, eventi baricentrici

Dettagli

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE L

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE L www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE L ipotesi di un intervento militare 4 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Introduzione L ipotesi di un intervento

Dettagli

Cav. Lav. Prof. Giancarlo Elia Valori (Presidente de La Centrale Finanziaria Generale ) Intervista a cura della redazione - 01 Giugno 2011

Cav. Lav. Prof. Giancarlo Elia Valori (Presidente de La Centrale Finanziaria Generale ) Intervista a cura della redazione - 01 Giugno 2011 1 Cav. Lav. Prof. Giancarlo Elia Valori (Presidente de La Centrale Finanziaria Generale ) Intervista a cura della redazione - 01 Giugno 2011 1. La politica del petrolio è una tradizionale attitudine sia

Dettagli

«TEMPO» DI FIDUCIA NELL ENERGIA NONOSTANTE TUTTO!

«TEMPO» DI FIDUCIA NELL ENERGIA NONOSTANTE TUTTO! «TEMPO» DI FIDUCIA NELL ENERGIA NONOSTANTE TUTTO! Edgardo Curcio Presidente onorario, AIEE Milano, 2 luglio 2014 «Shale Gas: una sfida per l Europa per mantenere competitiva la filiera chimica» e 4 Workshop

Dettagli

Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di

Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di cooperazione, entrato in vigore nel 1978. Queste relazioni

Dettagli

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori,

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori, Roma, 18 giugno 2008 INTERVENTO VIDEO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA ALL ASSEMBLEA ANNUALE DELL UNIONE PETROLIFERA Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore

Dettagli

Superficie: 331.689 km² Popolazione: 85.700.000

Superficie: 331.689 km² Popolazione: 85.700.000 Superficie: 331.689 km² Popolazione: 85.700.000 Il territorio del Vietnam Il Vietnam è uno stato del Sud-est Asiatico. Confina a nord con la Cina, a Ovest con il Laos e la Cambogia, a est e a sud si affaccia

Dettagli

ALLEGATO TRANSITO VERSO LA RUSSIA

ALLEGATO TRANSITO VERSO LA RUSSIA Transito verso la Russia Nel trasporto di ogni bene tra due nazioni sono coinvolti di norma vari soggetti, quali: venditore, trasportatore, dogana, acquirente ed assicurazione. Come dimostra l esperienza,

Dettagli

CIRCOLO DI STUDI DIPLOMATICI. Quaderni di Politica Internazionale

CIRCOLO DI STUDI DIPLOMATICI. Quaderni di Politica Internazionale CIRCOLO DI STUDI DIPLOMATICI Quaderni di Politica Internazionale 9 Tensioni geopolitiche e sicurezza energetica Amb. Fabio Fabbri (6 ottobre 2014) I conflitti e le crisi in corso nel Medio Oriente, nel

Dettagli

RASSEGNA STAMPA ESTERA

RASSEGNA STAMPA ESTERA www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com RASSEGNA STAMPA ESTERA 5 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta Rassegna stampa estera INDICE 2 1. Siria: occhi puntati sul G20 2. Cina: il Partito

Dettagli

LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012

LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012 LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012 Uff. VII, DGSP, M.A.E. - Roma Tel. 06 3691 + Int. personale - Fax 06 3691 3790 dgsp7@esteri.it N.B.

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

Storia contemporanea

Storia contemporanea Storia contemporanea Prof. Roberto Chiarini http://rchiarinisc.ariel.ctu.unimi.it Anno Accademico 2008/2009 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

OPPORTUNITÀ ECONOMICHE IN AZERBAIGIAN

OPPORTUNITÀ ECONOMICHE IN AZERBAIGIAN OPPORTUNITÀ ECONOMICHE IN AZERBAIGIAN Treviso, 7 giugno 2013 AMBASCIATA DELLA REPUBBLICA DELL AZERBAIGIAN IN ITALIA FATTI SALIENTI Data di fondazione 28 maggio 1918 Indipendenza 18 ottobre 1991 Relazioni

Dettagli

Risoluzione ONU 1973/2011 sulla Libia. Traduzione italiana dal testo inglese.

Risoluzione ONU 1973/2011 sulla Libia. Traduzione italiana dal testo inglese. Risoluzione ONU 1973/2011 sulla Libia. Traduzione italiana dal testo inglese. Ecco il testo integrale della risoluzione 1973 (2011) sulla Libia, approvata dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

Dettagli

Educazione ai diritti umani; campagna contro la

Educazione ai diritti umani; campagna contro la GIULIO TERZI MINISTRO DEGLI ESTERI 1 Educazione ai diritti umani; campagna contro la pena di morte; libertà di religione; diritti dei bambini nei conflitti; diritti delle donne e lotta contro le mutilazioni

Dettagli

SNOWLEOPARD SKI PROJECT

SNOWLEOPARD SKI PROJECT SNOWLEOPARD SKI PROJECT sciare oltre i 7000 metri per 5 volte Un idea, un sogno, un progetto che si è concretizzato durante fugaci conversazioni ai campi base di mille spedizioni, attraverso la ricerca

Dettagli

geopolitica del medio oriente

geopolitica del medio oriente Master in geopolitica del medio oriente Institute for Global Studies LiMes Rivista Italiana di Geopolitica Edizione 2011/12 Il Master in Geopolitica del Medio Oriente si tiene a Roma nella prestigiosa

Dettagli

726 a SEDUTA PLENARIA DEL FORO

726 a SEDUTA PLENARIA DEL FORO FSC.JOUR/732 Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa Foro di cooperazione per la sicurezza ITALIAN Original: ENGLISH Presidenza: Lussemburgo 726 a SEDUTA PLENARIA DEL FORO 1. Data:

Dettagli

PANEL 1: ENERGIA. Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori,

PANEL 1: ENERGIA. Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori, FORUM ECONOMICO-FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO PANEL 1: ENERGIA (Milano, 20 luglio 2009, ore 15) Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori,

Dettagli

FOCUS ON. Iran: sanzioni, export italiano e prospettive. A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT

FOCUS ON. Iran: sanzioni, export italiano e prospettive. A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT FOCUS ON Iran: sanzioni, export italiano e prospettive A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT Le sanzioni applicate a partire dal 2006 all Iran da Stati Uniti, ONU e Unione Europea (UE) hanno avuto

Dettagli

Stato Islamico IS/Daesh Gruppo terroristico islamista sunnita attivo in Siria e Iraq (SYRAQ)

Stato Islamico IS/Daesh Gruppo terroristico islamista sunnita attivo in Siria e Iraq (SYRAQ) Stato Islamico IS/Daesh Gruppo terroristico islamista sunnita attivo in Siria e Iraq (SYRAQ) I vari nomi del gruppo terroristico ISI (Islamic State of Iraq) ISIS (Islamic State of Iraq and Syria) ISIL

Dettagli

La questione curda. Introduzione: Territorio e Popolo

La questione curda. Introduzione: Territorio e Popolo La questione curda Introduzione: Territorio e Popolo Territorio: Kurdistan Il Kurdistan è un vasto altopiano sito nel Medio Oriente e più precisamente nella parte settentrionale e nord-orientale della

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Emergenza Iraq. Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione

Emergenza Iraq. Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione Emergenza Iraq Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Report finale Il progetto finanziato

Dettagli

Federica Guidi. Spunti per l intervento di. Presentazione del World Energy Outlook ENI. Ministro dello Sviluppo Economico. World Energy Otlook 2014

Federica Guidi. Spunti per l intervento di. Presentazione del World Energy Outlook ENI. Ministro dello Sviluppo Economico. World Energy Otlook 2014 Spunti per l intervento di Federica Guidi Ministro dello Sviluppo Economico Presentazione del World Energy Outlook ENI 1 Vorrei innanzitutto salutare e ringraziare l Agenzia Internazionale per l Energia

Dettagli

Fonti energetiche e strategie per la sicurezza

Fonti energetiche e strategie per la sicurezza Fonti energetiche e strategie per la sicurezza 1 Petrolio 2 3 4 5 Rapporto Prezzo/Riserve Prezzo di estrazione a tecnologia A $90,00 3 milioni di barili $60,00 2 milioni di barili $30,00 $0,00 100m 200m

Dettagli

LA CRISI SIRIANA. Dossier n. 6. A cura dell Ufficio Documentazione e Studi Gruppo PD Camera dei deputati

LA CRISI SIRIANA. Dossier n. 6. A cura dell Ufficio Documentazione e Studi Gruppo PD Camera dei deputati LA CRISI SIRIANA Dossier n. 6 A cura dell Ufficio Documentazione e Studi Gruppo PD Camera dei deputati 5 giugno 2013 IL PAESE: ::::::::::::::::::::::: :::::::::::::::::::::: :::: A dominare la scena politica

Dettagli

II PARTE. Processi territoriali delle aree asiatiche e le nuove dinamiche della mondializzazione

II PARTE. Processi territoriali delle aree asiatiche e le nuove dinamiche della mondializzazione II PARTE Processi territoriali delle aree asiatiche e le nuove dinamiche della mondializzazione 2. Un Asia, tante Asie: Paesi, aree e regioni dell estremo Oriente Inizio II Millennio ASIA centro della

Dettagli

Le sfide internazionali della cooperazione civile-militare

Le sfide internazionali della cooperazione civile-militare Le sfide internazionali della cooperazione civile-militare Prof. David Alexander CESPRO - Università di Firenze Assistenza militare nei disastri: situazione generale Valori medii annuali 1999-2008 Disastri:

Dettagli

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY D.1 Per il futuro dell Italia Lei ritiene che sia meglio partecipare attivamente agli affari internazionali o rimanerne fuori? - Partecipare attivamente - Rimanerne fuori D.2

Dettagli

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA CASA BIANCA Ufficio stampa PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA NOSTRA MISSIONE Il discorso del Presidente riafferma l obiettivo

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

Emergenza Iraq. Assistenza salva vita per i rifugiati iracheni in fuga. Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati

Emergenza Iraq. Assistenza salva vita per i rifugiati iracheni in fuga. Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Emergenza Iraq Assistenza salva vita per i rifugiati iracheni in fuga Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Anno di finanziamento e realizzazione del progetto: 2014 Sintesi del progetto

Dettagli

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA II REPARTO INFORMAZIONI E SICUREZZA CENTRO INTELLIGENCE INTERFORZE

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA II REPARTO INFORMAZIONI E SICUREZZA CENTRO INTELLIGENCE INTERFORZE STATO MAGGIORE DELLA DIFESA II REPARTO INFORMAZIONI E SICUREZZA CENTRO INTELLIGENCE INTERFORZE (NC) Ruolo e prospettive dell intelligence militare per la sicurezza cibernetica e a difesa delle infrastrutture

Dettagli

SEZIONE IV COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

SEZIONE IV COOPERAZIONE INTERNAZIONALE SEZIONE IV COOPERAZIONE LINEAMENTI GENERALI... 49 GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE... 50 GLI ESPERTI E GLI UFFICIALI DI COLLEGAMENTO ANTIDROGA PRESSO LE RAPPRESENTANZE DIPLOMATICHE ITALIANE... 52 47 Annuale

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino L Europa e la guerra nel Kosovo La guerra del Kosovo

Dettagli

TRATTATO DI AMICIZIA E COOPERAZIONE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA FEDERAZIONE RUSSA

TRATTATO DI AMICIZIA E COOPERAZIONE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA FEDERAZIONE RUSSA TRATTATO DI AMICIZIA E COOPERAZIONE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA FEDERAZIONE RUSSA La Repubblica Italiana e la Federazione Russa - fondandosi sulle secolari tradizioni di amicizia, cooperazione, simpatia

Dettagli

Il conflitto in Siria ha tristemente festeggiato il suo 5 compleanno

Il conflitto in Siria ha tristemente festeggiato il suo 5 compleanno Il conflitto in Siria ha tristemente festeggiato il suo 5 compleanno L'attenzione dei media e dell'opinione pubblica è gradualmente diminuita in questi anni, quando invece le problematiche legate al conflitto

Dettagli

Sostegno alle famiglie di rifugiati siriani in Libano e Giordania

Sostegno alle famiglie di rifugiati siriani in Libano e Giordania Sostegno alle famiglie di rifugiati siriani in Libano e Giordania Fondazione AVSI www.avsi.org 20158 Milano Via Legnone 4 Tel. +39.02.67.49.881 - milano@avsi.org 47521 Cesena (FC) - Via Padre Vicinio da

Dettagli

INFORMAZIONI SULL ISIS

INFORMAZIONI SULL ISIS INFORMAZIONI SULL ISIS Brevi linee di storia da Maometto all ISIS 1 2 3 L ISIS OGGI 4 IL MEDIO ORIENTE Superficie Italia kmq. 300.000 Superficie Iraq kmq. 430.000 Superficie Iran kmq. 1.640.000 Superficie

Dettagli

Strategia paese di Un ponte per su Iraq e Siria 2016/2017. Redatto a Roma nel Novembre 2015/Rivisto in Iraq marzo 2016

Strategia paese di Un ponte per su Iraq e Siria 2016/2017. Redatto a Roma nel Novembre 2015/Rivisto in Iraq marzo 2016 Strategia paese di Un ponte per su Iraq e Siria 2016/2017 Redatto a Roma nel Novembre 2015/Rivisto in Iraq marzo 2016 Analisi SWOT della presenza di UPP in Iraq Punti di forza Presenza nel paese dal 1991

Dettagli

ARIETE CONTRO TUTTI ALLE OLIMPIADI RUSSE DEI TANK

ARIETE CONTRO TUTTI ALLE OLIMPIADI RUSSE DEI TANK ARIETE CONTRO TUTTI ALLE OLIMPIADI RUSSE DEI TANK Analisi Difesa Il 4 agosto di quest anno, quando le Olimpiadi invernali di Sochi saranno finite da un pezzo, atleti con le uniformi da carristi provenienti

Dettagli

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Government Accountability Office Stati Uniti d America

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Government Accountability Office Stati Uniti d America Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8 7 giugno 2006 Government Accountability Office Stati Uniti d America Sicurezza energetica Per decenni gli Stati Uniti e

Dettagli

2011 2012: DUE ANNI IMPORTANTI

2011 2012: DUE ANNI IMPORTANTI 2011 2012: DUE ANNI IMPORTANTI Gli Stati Uniti, l Europa la Russia, la Cina e la Primavera Araba di Achille Albonetti Tutti gli anni sono importanti per la politica estera. Da essa dipendono due valori

Dettagli

LA NOSTRA POLITICA MILITARE

LA NOSTRA POLITICA MILITARE LA NOSTRA POLITICA MILITARE (24-25 gennaio 1934) Il testo che segue è un rapporto presentato da Mao Tse-tung a nome del governo centrale della Repubblica sovietica cinese al secondo Congresso nazionale

Dettagli

La crisi libica: un punto di svolta nella dottrina della responsabilità di proteggere?

La crisi libica: un punto di svolta nella dottrina della responsabilità di proteggere? La crisi libica: un punto di svolta nella dottrina della responsabilità di proteggere? di Carlo Focarelli La crisi libica può considerarsi, almeno per alcuni aspetti, un punto di svolta nella storia della

Dettagli

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino I figli non sono vostri figli. Sono i figli e le figlie della sete che di sé stessa ha la vita... Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L'Arciere vede il bersaglio

Dettagli

Middle East and North Africa Energy

Middle East and North Africa Energy Middle East and North Africa Energy Chatham House, London 25th January 2016 https://www.chathamhouse.org/conferences/middle-east-and-north-africa-energy Intervento dell AD Claudio Descalzi Signore e signori

Dettagli

La geopolitica del gas

La geopolitica del gas Working Papers SIET - ISSN 1973-3208 La geopolitica del gas Sandro Petriccione 1. Introduzione Gli aumenti delle quotazioni del petrolio a cui sono legati i prezzi fissati nei contratti di fornitura del

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES

Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES Lo scorporo delle reti di trasmissione del gas da Eni e l assetto organizzativo del mercato

Dettagli

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora !1 Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E Storia L Italia dopo l unificazione Prof.ssa Fulvia Spatafora I problemi del Regno d Italia I grandi

Dettagli

L amministrazione Reagan 1981-1989

L amministrazione Reagan 1981-1989 L amministrazione Reagan 1981-1989 Sul piano interno è portavoce del neoconservatorismo liberista e della deregulation già attuata dalla Thatcher in Gran Bretagna che prende il nome di Reaganomics Seconda

Dettagli

Privacy in rete: una panoramica della situazione internazionale

Privacy in rete: una panoramica della situazione internazionale Privacy in rete: una panoramica della situazione internazionale Alessio Frusciante algol@firenze.linux.it Convegno E-Privacy: riservatezza e diritti individuali in rete Firenze, Palazzo Vecchio - 27 Aprile

Dettagli

L A SICUREZZ A AT TRAVERSO IL PARTENARIATO

L A SICUREZZ A AT TRAVERSO IL PARTENARIATO L A SICUREZZ A AT TRAVERSO IL PARTENARIATO L A S I C U R E Z Z A A T T R A V E R S O I L P A R T E N A R I A T O Prefazione Il presente opuscolo ha lo scopo di spiegare i principi fondamentali che sono

Dettagli

Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti

Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti Seminario organizzato dalla Friedrich-Ebert-Stiftung e dalla Fondazione Italianieuropei Roma, venerdì 14 novembre ore

Dettagli

Le evacuazioni di Security da aree ad alto rischio

Le evacuazioni di Security da aree ad alto rischio Convegno La gestione integrata della safety e della security aziendale e il ruolo del security manager ANMIL 22 Ottobre 2014 Bologna Penetrazione jihadista nel mondo nel 2011 In giallo evidenziati i Paesi

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

L uso dell arbitrato internazionale nelle controversie commerciali: un indagine presso le imprese 1

L uso dell arbitrato internazionale nelle controversie commerciali: un indagine presso le imprese 1 L uso dell arbitrato internazionale nelle controversie commerciali: un indagine presso le imprese 1 Nello sviluppo e nelle dinamiche del commercio internazionale la sicurezza delle transazioni e la certezza

Dettagli

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 31.8.2011 COM(2011) 543 definitivo 2011/0235 (NLE) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO che sospende in parte l'applicazione dell'accordo di cooperazione tra la Comunità economica

Dettagli

L intelligence nell epoca della globalizzazione

L intelligence nell epoca della globalizzazione Sintesi dell intervento del Sottosegretario Autorità delegata per la sicurezza della Repubblica, Sen. Marco Minniti ConvegnoSISP - Scuola di Scienze Politiche Cesare Alfieri Firenze - 13 settembre 2013

Dettagli

Diritto Internazionale Umanitario. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone

Diritto Internazionale Umanitario. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone Diritto Internazionale Umanitario Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone DIRITTO Insieme di regole esterne alla morale o alla religione che disciplinano i rapporti sociali NAZIONALE: insieme di norme

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map LIBANO Capitale Beirut Popolazione (milioni) 4,06 73/100 71/100 81/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 64,31 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 16 ottobre 2015 (OR. en) EUCO 26/15 CO EUR 10 CONCL 4 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Segretariato generale del Consiglio Destinatario: delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

AUDIZIONE DELLE COMMISSIONI RIUNITE X E XIII PACCHETTO UNIONE DELL ENERGIA INTERVENTO DELL ING. BRUNO LESCOEUR AMMINISTRATORE DELEGATO DI EDISON

AUDIZIONE DELLE COMMISSIONI RIUNITE X E XIII PACCHETTO UNIONE DELL ENERGIA INTERVENTO DELL ING. BRUNO LESCOEUR AMMINISTRATORE DELEGATO DI EDISON AUDIZIONE DELLE COMMISSIONI RIUNITE X E XIII PACCHETTO UNIONE DELL ENERGIA INTERVENTO DELL ING. BRUNO LESCOEUR AMMINISTRATORE DELEGATO DI EDISON Onorevole Presidente Mucchetti, Onorevole Presidente Marinello,

Dettagli

... COSTI DI GUERRA COSTI DI GUERRA LA GUERRA IN IRAQ. 2000 miliardi di dollari. sta costando agli USA. LA GUERRA DEL GOLFO del 1991

... COSTI DI GUERRA COSTI DI GUERRA LA GUERRA IN IRAQ. 2000 miliardi di dollari. sta costando agli USA. LA GUERRA DEL GOLFO del 1991 I razzi M270A1 costato 1.88 milioni di dollari COSTI DI GUERRA - 1... COSTI DI GUERRA Eurofighter-2000 32 milioni di euro " COSTI delle armi fonte settimanale tedesco Stern LA GUERRA DEL GOLFO del 1991

Dettagli

Atti Parlamentari 7373 Camera dei Deputati. Cota, Reguzzoni, Dal Lago (A.C. 9/1094- A-R/2) che recita, tra l altro:

Atti Parlamentari 7373 Camera dei Deputati. Cota, Reguzzoni, Dal Lago (A.C. 9/1094- A-R/2) che recita, tra l altro: Atti Parlamentari 7373 Camera dei Deputati in questi giorni si è sviluppato un acceso dibattito, anche all interno della maggioranza di Governo, circa i fondi da attribuire alle Regioni del Mezzogiorno

Dettagli

CINEP: il caso dei falsi positivi 1 Mauricio García Durán SJ

CINEP: il caso dei falsi positivi 1 Mauricio García Durán SJ CINEP: il caso dei falsi positivi 1 Mauricio García Durán SJ Orizzonte e natura della nostra organizzazione I l Centro de Investigación y Educación Popular (CINEP) fu creato dalla Provincia colombiana

Dettagli

DECISIONE N.7/14 PREVENZIONE E LOTTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

DECISIONE N.7/14 PREVENZIONE E LOTTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE MC.DEC/7/14/Corr.1 1 Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa Consiglio dei ministri Basilea 2014 ITALIAN Original: ENGLISH Secondo giorno della ventunesima Riunione Giornale MC(21)

Dettagli

Diritti umani e attori non-statali. Il caso dell ISIS e degli altri gruppi armati attivi in Siria ed Iraq

Diritti umani e attori non-statali. Il caso dell ISIS e degli altri gruppi armati attivi in Siria ed Iraq Diritti umani e attori non-statali Il caso dell ISIS e degli altri gruppi armati attivi in Siria ed Iraq Programma della lezione Inquadramento generale del problema: gli attori nonstatali sono obbligati

Dettagli

Il quadro strategico delle azioni Nato

Il quadro strategico delle azioni Nato Il quadro strategico delle azioni Nato Visita della delegazione Fondazione Alcide De Gasperi, Associazione La Democrazia e dello IASEM Istituto Alti Studi Euro Mediterranei presso il segretariato generale

Dettagli

STORIA DELLA CROCE ROSSA

STORIA DELLA CROCE ROSSA STORIA DELLA CROCE ROSSA Corso Base Volontari Trento 28 gennaio 2013 Istruttore DIU Michele Beretta Perché?!?! Battaglia di Solferino/San Martino 24.06.1859 JEAN HENRY DUNANT (08.05.1828 30.10.1910) Creazione

Dettagli

CALRE, Santiago de Compostela, 7 NOVEMBRE 2014.

CALRE, Santiago de Compostela, 7 NOVEMBRE 2014. CALRE, Santiago de Compostela, 7 NOVEMBRE 2014. Colleghi, il ruolo che mi è stato affidato, di coordinatore del Gruppo di lavoro sull immigrazione della Calre, nel 2013, rappresenta un compito molto delicato

Dettagli

Indice-Sommario. Introduzione. Ius ad bellum, ius in bello, disarmo 19. Parte I La disciplina dell uso della forza nelle relazioni internazionali

Indice-Sommario. Introduzione. Ius ad bellum, ius in bello, disarmo 19. Parte I La disciplina dell uso della forza nelle relazioni internazionali Indice-Sommario Premessa alla quarta edizione XIII Premessa alla terza edizione XV Premessa alla seconda edizione XVII Premessa alla prima edizione XIX Abbreviazioni 1 Elenco delle opere citate (con il

Dettagli

NUMERI FONDI PRIORITA EMERGENZA IN IRAQ. 1,9 milioni. 150mila. +530mila. 8mila. 18mila. sfollati interni. rifugiati iracheni nei Paesi confinanti

NUMERI FONDI PRIORITA EMERGENZA IN IRAQ. 1,9 milioni. 150mila. +530mila. 8mila. 18mila. sfollati interni. rifugiati iracheni nei Paesi confinanti NUMERI EMERGENZA IN IRAQ Aggiornato al 1 dicembre 2014 1,9 milioni sfollati interni 150mila rifugiati iracheni nei Paesi confinanti +530mila sfollati assistiti con rifugi e aiuti umanitari primari 8mila

Dettagli

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia L inizio del conflitto: l invasione della Polonia La seconda Guerra Mondiale scoppiò nel 1939 dopo l invasione della Polonia da parte dei Tedeschi. La Repubblica Polacca non accettò le imposizioni tedesche

Dettagli

Ricordo che solo la coesione nazionale e la completa conoscenza dei fini ultimi dell intelligence, da parte della collettività di uno Stato, permette

Ricordo che solo la coesione nazionale e la completa conoscenza dei fini ultimi dell intelligence, da parte della collettività di uno Stato, permette A13 Ricordo che solo la coesione nazionale e la completa conoscenza dei fini ultimi dell intelligence, da parte della collettività di uno Stato, permette il superamento del dilemma morale che si cela dietro

Dettagli