"SCANDALO" DATAGATE : L'INTELLIGENCE E L'ETICA CHE NON C'E'

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""SCANDALO" DATAGATE : L'INTELLIGENCE E L'ETICA CHE NON C'E'"

Transcript

1 "SCANDALO" DATAGATE : L'INTELLIGENCE E L'ETICA CHE NON C'E' Nel mondo dell'intelligence non esistono limiti o etica che possa condizionarne l'operato. Appare quindi alquanto superfluo porre una discriminante tra cio' che e' considerato giusto o corretto e cio' che invece non lo e'. I Servizi di Informazione operano nell'interesse della tutela della sicurezza nazionale di un Paese. A fronte di questo obiettivo, e' lecito tutto ed il suo contrario. Non esistono regole, non esistono limiti. Al riguardo basterebbe ricordare il caso della spia Jonathan Jay Pollard, scoperto nel 1985 mentre trafugava i segreti americani per conto di Israele. La cooperazione su cui si basano le relazioni bilaterali o multilaterali fra Servizi sono sempre il frutto, magari pro-tempore, di interessi nazionali convergenti. Matrimoni di interesse, ma mai d'amore. Cio' non toglie che alcuni Servizi siano piu' legati e quindi piu' cooperativi tra loro rispetto ad altre organizzazioni similari. Ma, a fattor comune, anche quando prevale la cooperazione, questa avviene quasi sempre in un contesto di diffidenza. Perche' esiste l'informazione ed esiste anche la disinformazione. Perche' a volte quelli che un Paese etichetta come terroristi sono, per altre nazioni, dei patrioti, l'eliminazione di un personaggio puo' diventare un assassinio o legittima difesa, il tradimento dell'uno puo' diventare patriottismo per altri. Questo e' un mondo grigio, dove non e' importante quello che e' giusto o sbagliato, ma quello che fa comodo. Nel mondo delle spie ci sono pero' due settori considerati a piu' alto livello di segretezza e quindi difficilmente oggetto di condivisione con altri: i sistemi di crittazione e decrittazione e l'attivita' di intercettazione. La crittazione di un messaggio, notizia o informazione che sia, impedisce ad altri di conoscerne il contenuto. Nessun Servizio dice mai ad altri Servizi cosa o come fa in uno specifico settore. Ne andrebbe della propria sicurezza, verrebbero scoperte fonti e contatti, divulgate valutazioni o intenzioni, circostanze operative, dispositivi e quant'altro di delicato caratterizza l'attivita' di un Servizio. Piu' sofisticato e' il sistema di crittazione, piu' la comunicazione e' protetta, piu' difficile e' decrittarla. E abbinata all'attivita' difensiva della protezione delle comunicazioni, c'e' sempre un'attivita' offensiva che e' quella di riuscire a decrittare quello che gli altri inviano. Chi ci riesce non lo dice mai agli altri. Silenziosamente intercetta i messaggi, li decritta e viene cosi' a conoscenza di cose che altri Paesi vorrebbero nascondere. Un po' come il motto dell'aise: "Arcana Intellego". Una realta' che molti non conoscono e' che tutte le emissioni elettroniche e radio che si muovono nell'aria sono sistematicamente intercettate. O, almeno, sono potenziale oggetto

2 di intercettazione. Questi sono quei settori tecnicamente identificati come "SIGINT" (Signal Intelligence) ed "ELINT" (Electronic Intelligence). Comparti sviluppati da tutti i Servizi di Informazione. Per quanto riguarda il contesto italiano, l'attivita' di crittazione (leggasi anche fornitura dei sistemi e modalita' cifranti a tutti gli apparati dello Stato) e decrittazione sono di competenza dell'a.i.s.e.. La legge 124 del 2007 assegna sempre all'aise le competenze SIGINT (ovviamente in proiezione estera e non sul territorio nazionale). Ma veniamo all'oggetto del contendere: un tecnico che lavorava per la National Security Agency americana, Edward Snowden, ha recentemente divulgato la notizia che l'organismo per cui operava intercetta tutto, cittadini americani e stranieri, amici e nemici, alleati e non, sedi diplomatiche e membri di organizzazioni internazionali. E lo fa in modo sistematico e massivo, come le sue capacita' tecniche e umane gli permettono. Da li' lo scandalo. I Paesi oggetto delle attenzioni americane si ribellano. Si chiedono spiegazioni. Ci si accorge improvvisamente che le ambasciate di molti Paesi sul territorio americano, Italia compresa, sono state oggetto di spionaggio. Altrettanto e' avvenuto per alcune rappresentanze e delegazioni all'onu. Viene poi fuori che anche le strutture dell'unione Europea erano sotto stretto monitoraggio. La diatriba ha preso subito risvolti politici. Alcuni Paesi hanno manifestato sdegno, come se fossero stati traditi o feriti nell'orgolio di chi si riteneva un alleato affidabile. Ma, occorre dirlo, in tutto questo ci sono ampie dosi di ipocrisia. In qualunque parte del mondo le ambasciate dei Paesi stranieri sono oggetto di interesse informativo. Le loro sedi vengono vigiliate, il loro traffico di comunicazioni sistematicamente intercettato e, laddove possibile, all'interno di queste strutture si cercano e si pagano informatori. Quindi, in ultima analisi, si sta parlando di una prassi operativa largamente utilizzata nel campo del controspionaggio. Si puo' eventualmente obiettare sul fatto che l'attivita' di intercettazione e monitoraggio americana sia stata cosi' fortemente dedicata anche a Paesi politicamente considerati amici. Quindi - anche se su questo Snowden non si e' ancora sbilanciato - si puo' immaginare quale tipo di attivita' sia oggi in atto verso i Paesi ostili. E' su quest'ultimo argomento che il tecnico americano probabilmente si giochera' il proprio futuro acquisendo le benemerenze in primis dell's.v.r., "Služba vnešnej razvedki", il Servizio di intelligence internazionale russo erede del KGB. La National Security Agency, dall'11 Settembre 2001 in poi, ha beneficiato di una enorme crescita, in termini di finanziamenti (circa 5 miliardi di dollari di incrementi annuali), di personale (si stima che oggi lavorino per l'agenzia dai 50 ai tecnici, a cui vanno aggiunti i contractors di societa' esterne come Snowden) e di importanza nella Intelligence Community americana (dove oggi svolge un ruolo primario). La NSA si interessa di crittazione, decrittazione, SIGINT ed ELINT che, come abbiamo detto, sono gli aspetti piu' delicati di un'attivita' informativa. E se prima aveva un'unica sede centrale a Fort Meade

3 nel Maryland, la NSA ha adesso altre sedi operative a San Antonio (Texas), Denver (Colorado), Salt Lake City (Utah), Kunia (Hawaii) e Fort Gordon (Georgia). Ma il cosiddetto scandalo "Datagate" e' legato anche al fatto che la N.S.A., insieme ad altre Agenzie di altri Paesi, e' parte centrale di un sistema di intercettazioni (satellitari, radar, radio, telefoniche, internet etc.) a livello mondiale dove niente passa inosservato. La componente nota come "Echelon" e' in grado di intercettare comunicazioni radio, elettroniche, ma anche telefoniche. La struttura principale e' ad Harrogate, nello Yorkshire nel Regno Unito. Vi sono poi dei centri di ascolto a Sugar Grove (Virginia) e Yakima (Washington). A queste strutture principali si aggiungono altri centri di ascolto in tutto il mondo dedicati a monitoraggi regionali, come molto probabilmente anche l'erigendo centro radar di Sigonella alle dipendenze formali della Marina Militare statunitense e che proietta i suoi interessi verso il Medio Oriente. Al citato programma "Echelon" hanno aderito a suo tempo, accanto alla N.S.A., anche altri Paesi e relative Agenzie: il "Governement Communications Headquarters" inglese, il "Government Communications Security Bureau" neozelandese, il "Defence Signal Directorate" australiano ed il "Communications Security Establishment" canadese. Tutti questi Paesi, non casualmente anglofoni e fortemente radicati nel piu' stretto circolo delle alleanze americane, sono quindi comprimari ed ovviamente beneficiari di quanto viene captato nel mondo delle intercettazioni. Per onore di giustizia quindi si potrebbe quindi obiettare che quanto fatto dalla NSA contro ONU e sedi diplomatiche, Unione Europea e Banca centrale Europea, metta sul banco degli imputati non soltanto gli americani, ma anche gli altri comprimari del progetto Echelon. Ed e' un dato incontrovertibile che in questa levata di scudi contro le ossessive curiosita' di intelligence di Washington i sopramenzionati Paesi (vedasi soprattutto l'inghilterra) sono oggi particolarmente silenti. Il problema piu' grave e' che questa condivisione di dati di intelligence sensibili, derivanti da intercettazioni piu' o meno giustificate (il termine "lecite" non risulta appropriato), nel tempo si e' tramutato in una corsia preferenziale di cooperazione fra intelligence. Una specie di club ristretto al quale altri Servizi, altrettanto qualificati, non hanno accesso. L'effetto piu' devastante di questo "conventio ad excludendum" e' stato durante la guerra in Iraq. Dal 2003 in poi esistevano infatti due accessi ai dati informativi di intelligence su due terminali distinti: uno per i Paesi Echelon ed un altro per tutto il resto dei reparti che combattevano a fianco degli americani. Come se la guerra ed i rischi ad essa correlati permettesse questa distinzione nella condivisione di notizie. E molte volte e' anche emerso che notizie di interesse primario per la sicurezza del contingente di un Paese non siano pervenute agli aventi causa, ovvero siano pervenute con ritardo perche' circolanti in questo circuito riservato. Paesi come l'italia o la Francia non si sono lamentati di questo sistema discriminante in un contesto di guerra, di questa vergogna comportamentale, e cosi' facendo hanno peggiorato le condizioni di sicurezza dei propri soldati in quel Paese. Per accentuare

4 quanto fosse essenziale il flusso di notizie su questo canale basti pensare che in Iraq la copertura telefonica delle comunicazioni del Paese avvenivano allora attraverso un sistema di connettivita' americano. In pratica, quindi, tutto quello che veniva detto era automaticamente intercettato, ascoltato e tramutato in informazioni operative. Come si puo' immaginare c'e' una forte differenza tra un accesso sistematico a notizie di interesse attuato in un contesto di guerra politica, commerciale o finanziaria (condivise poi in modo selettivo) e quello che invece dovrebbe avvenire automaticamente tra cosiddetti amici in un contesto di guerra guerreggiata. Quello che e' venuto alla luce con la fuga e le rivelazioni di Snowden e' solo la punta dell'iceberg di un sistema di intelligence intrusivo sulla rete internet - il cosiddetto PRISM - che sicuramente oggi e' ancora piu' diffuso di quello che si pensi. Presto ci si accorgera' che tutti i piu' grandi motori di ricerca forniscono con continuita', soprattutto agli U.S.A., dati sugli utenti del mondo, permettendo di spiare su contatti, , telefonate e qualsivoglia tipo di comunicazione di ogni persona, sia essa americana o cinese o europea. Ogni Paese lo fa nel proprio ambito. Lo fa l'italia con un decreto governativo approvato dal governo Monti. Lo fa la Francia al suo interno. Alcuni accordi mettono in cooperazione gli Stati Uniti con singoli Enti Nazionali. L'unica variante e' che gli americani lo fanno anche in casa altrui. Nessuno pone oggi l'attenzione sul fatto che a Fort Meade, dove ha la sede principale la National Security Agency del Gen. Keith B. Alexander, si sta adesso creando una task force dove opereranno altri uomini con una grossa disponibilita' finanziaria. Si parla di cyber war che in questo caso significa non solo disturbare i sistemi altrui, ma soprattutto conoscere quello che circola nei sistemi informatici altrui. Gli obiettivi: tutti. Senza distinzione di amici o nemici. Ne riparleremo presto.

5 L'ENIGMA AMERICANO PER LA SIRIA Sulla Siria il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, aveva fissato una cosiddetta "red line", una linea rossa che non poteva essere superata e che era costituita dall'eventuale utilizzo di agenti chimici da parte del regime siriano nel combattere la ribellione. Dopo vari distinguo, presunte verifiche, pressioni internazionali e conferme da fonti giornalistiche, questa "red line" sembra essere stata oltrepassata. La diretta conseguenza di questa circostanza postulava che gli Stati Uniti sarebbero intervenuti contro Damasco. Ma dalle prime mosse dell'amministrazione Obama appare invece emergere un atteggiamento alquanto circospetto su quello che gli Usa intendono fare o dare per aiutare le forze ribelli a vincere contro i lealisti di Bashar al Assad. Esclusa, per questioni tecniche, l'applicazione di una no-fly zone sulla parte settentrionale della Siria, rimangono sul piano operativo solo due altre opzioni: la fornitura di armi ai ribelli e/o il sostegno diretto tramite all'apporto di truppe straniere al fianco della ribellione. L'imposizione di una no-fly zone implicherebbe la previa distruzione del sistema di difesa aerea siriano affinche' non costituisca un pericolo per i voli delle forze coinvolte nel provvedimento. Questo determinerebbe quindi un iniziale bombardamento delle postazioni radar e missilistiche asservite alla specifica difesa, nonche' un danneggiamento del sistema di comando e controllo avversario. Il sostegno diretto ai ribelli ed un loro affiancamento sul terreno, per ovvi motivi pratici, richiederebbe anch'esso il coinvolgimento diretto americano presentando aspetti di pericolosita' molto ampi. Un intervento armato postula inoltre la discesa in campo anche di altri Paesi (e sul mercato non ce ne sono). Quindi, obtorto collo, alla fine e' rimasta sul terreno una sola opzione : dare armi ai ribelli. La ritrosia americana ad un coinvolgimento diretto contro il regime di Bashar Assad non e' stata determinata dall'opposizione russa ad ogni intervento militare esterno nelle vicende siriane, ma da considerazioni di politica estera americana. Un intervento militare avrebbe smentito le linee di politica estera del Presidente Obama, dedicate ad un'uscita militare da teatri operativi come l'iraq e l'afghanistan dove le difficolta' ed i costi sono stati superiori ai guadagni. Nel contempo, un'azione armata avrebbe potuto determinare un risultato finale - come avvenuto poi in Libia - contrario agli interessi americani. La ritrosia si e' quindi trasformata in prudenza e la prudenza in misure pratiche risibili. In primo luogo sono emerse grosse difficolta' nel fornire armi ai ribelli perche' non tutti i gruppi che combattono Bashar al Assad sono "affidabili" e quindi idonei ad esser sostenuti dagli americani. Ci sono, infatti, gruppi come il Jabath al Nusra vicini ad Al Qaeda, ci sono fazioni integraliste a diverso livello di pericolosita' sociale ed quindi e' necessario capire, da parte di Washington, a chi conviene dare le armi e a chi no. Il problema di per se' non e' semplice perche' la variegata articolazione delle forze ribelli rende difficile ogni scelta. Inoltre, non e' neanche assicurato che le armi date ad un gruppo "affidabile" non vadano poi nelle disponibilita' di un gruppo "non affidabile". Nell'immaginario americano e' ancora presente quanto successo in Afghanistan, quando gli Stinger consegnati ai Mujahedin per combattere contro i sovietici sono poi finiti nelle mani delle frange terroristiche.

6 Il secondo problema e' relativo al tipo di armi da dare ai ribelli: diamo ai ribelli armi efficienti, soprattutto sistemi anti-aerei, come il teatro operativo e le esigenze dei ribelli impongono o ci si dobbiamo limitare a forniture di facciata, passando quindi da un supporto pratico ed operativo a un gesto soprattutto politico? E' evidente che se gli americani non sono sicuri di quale fine faranno le armi, si indirizzeranno verso forniture operativamente minimali. In un contesto come il Medio Oriente gia' pieno di armi, alimentare ulteriormente il mercato appare alquanto problematico. A tutto questo si aggiunge un altro problema da risolvere: sia il regime alawita che i ribelli utilizzano soprattutto armamenti provenienti dall'ex patto di Varsavia (oggi Paesi dell'est) e Russia (ieri Unione Sovietica). Quindi, anche per rendere piu' pratiche le linee di approvvigionamento logistico (ed anche perche' le armi dei lealisti possono essere catturate e poi utilizzate dalla controparte) e' bene che ai ribelli si continuino a dare forniture provenienti da quella parte di mondo. Questo implica che gli Stati Uniti si dovranno approvvigionare sul libero mercato entrando quindi in collisione, non solo politica ma anche pratica, con la Russia. Infine, nel risiko delle scelte americane si e' adesso frapposto un ultimo ostacolo: la Turchia. Ankara si rifiuta di consentire il transito di armi verso i ribelli. E' una scelta di Recep Tayyip Erdogan che il premier turco ha comunicato telefonicamente a Barack Obama il 19 giugno Perche' questo repentino cambio di posizione da parte della Turchia dopo aver dato a lungo ospitalita' all'opposizione siriana ed ai relativi comandi militari? I motivi sono di vario ordine e sono tra loro correlati. In primis, la Turchia e' diventata anch'essa obiettivo di attentati che denotano l'esportazione dell'instabilita' siriana sul proprio territorio (basti pensare all'attentato dell'11 maggio 2013 a Reyhanli con 53 morti). Il transito di armi verso i ribelli e la circolazione di gruppi armati da e verso la Siria non sono certo elementi che possono migliorare la sicurezza del Paese. Al quadro di instabilita' regionale si sono aggiunti e saldati anche questioni interne legate all'arroganza politica di Erdogan e del suo partito islamico. La diatriba tra il premier turco e il mondo occidentale e' stata innescata dalla critiche sull'operato del governo turco nei confronti delle proteste popolari, cosi' come e' stata messa sotto accusa la polizia ed i suoi modi brutali di repressione. Tutto questo non e' stato gradito ed ha creato una divergenza di posizioni, interessi e affinita' tra le autorita' turche e quella parte di mondo che sostiene la ribellione siriana. Recep Erdogan si e' sentito tradito e abbandonato ed ha, ancora una volta, re-indirizzato la propria politica estera in chiave neo-ottomana: maggiore distanza dal mondo europeo e dalle sue ossessive richieste di tutela dei diritti umani, maggiore attenzione alle problematiche arabe e regionali, perseguimento di una politica piu' equidistante dalla NATO. Anche perche' il casus belli della protesta popolare e' nato dalla volonta' dell'akp di introdurre misure sociali condizionate dai precetti islamici in una societa' sostanzialmente laica e occidentalizzata. L'allontanamento dall'occidente marca quindi ancora piu' questa diversita' dai connotati religiosi. Il premier turco e' anche preoccupato dalle vicende interne della Siria. La riconquista da parte dei lealisti della citta' di Qusayr certifica che il regime di Bashar al Assad e' ben

7 lontano dal collasso militare. La nemesi della ribellione siriana non ha ancora un finale ineludibile. Con l'apertura a Ginevra dei tentativi di mediazione e dei negoziati e' quindi oggi piu' saggio e prudente per la Turchia di mantenere un profilo piu' equidistante sulle questioni siriane. Del resto Erdogan non e' nuovo ad atteggiamenti preclusivi verso gli Stati Uniti. Anche nel 2003 aveva rifiutato agli americani l'apertura di un fronte armato nel nord dell'iraq. Quali che siano le motivazioni politiche o pratiche dell'atteggiamento turco, rimane il fatto che oggi Washington ha un ulteriore problema da affrontare: quello di come fare arrivare le armi ai ribelli. Esclusi il Libano e l'iraq per motivi di ordine pratico, escluso Israele per motivi di ordine politico, l'unica opzione per fare arrivare armi ai siriani e' quella giordana. Ed e' infatti li' che si stanno concentrando gli sforzi americani. Tuttavia, l'afflusso di armi dal sud della Siria penalizza il rifornimento al fronte nord della ribellione che, dopo la caduta di Qusayr, si e' visto precludere le forniture dei sunniti libanesi. In un prossimo futuro in cui si prefigura un combattimento per la supremazia in Aleppo e dintorni (dove sono gia' confluiti nell'area reparti Hezbollah, milizie sciite irachene e Basiji iraniani), l'afflusso di armi dal sud diventa problematico per i rifornimenti dei ribelli. La Giordania pone pero' diversi problemi logistici. Ha un solo attracco mercantile ad Aqaba (a fronte dei vari porti turchi). Non ha sul proprio territorio basi aeree o infrastrutture logistiche NATO (come invece avviene in Turchia). Quindi, sul piano pratico, e' meno funzionale non solo per la consegna di rifornimenti diretti in Siria, ma anche per l'afflusso di armi dall'estero. Re Abdallah guida una nazione da sempre gravitante nella sfera occidentale. Il suo Paese - privo di risorse significative - vive sistematicamente di aiuti internazionali e quindi l'asservimento agli interessi strategici americani e' un fatto scontato e gradito (perche' foriero di maggiori prebende future). Non e' un caso infatti che in Giordania fossero gia' presenti campi di addestramento di ribelli siriani con istruttori americani. Gli Stati Uniti, probabilmente per dare almeno un segnale piu' simbolico che pratico di risolutezza, hanno fatto confluire altri 700 militari in Giordania che si sono aggiunti ai 300 che dallo scorso anno soggiornano nel regno hashemita. Lo hanno fatto a cavallo delle esercitazioni congiunte che annualmente si tengono con Amman e che sono state poi interrotte proprio per la gravita' del momento. Insieme al contingente terrestre, sono adesso dislocate in Giordania 2 batterie di missili Patriots (anti-missile) con relativi equipaggi e supporti logistici ed una ventina di aeri caccia F-16, anch'essi venuti per le esercitazioni congiunte e non piu' fatti rientrare. Nel loro insieme le iniziative militari americane hanno un valore piu' difensivo che offensivo e, se volessiamo valutare meglio il loro impatto, indicano che gli Stati Uniti non sono intenzionati ad intervenire direttamente sul territorio siriano. Piu' che una minaccia per il regime alawita, costituiscono per Damasco una conferma del poter operare risolutamente contro i ribelli, magari dosando con prudenza l'utilizzo degli aggressivi chimici, e niente piu'. Nel mezzo della diatriba sul se intervenire o no in Siria c'e' anche il problema dei missili S- 300 che la Russia intenderebbe consegnare alle autorita' di Damasco. In una dichiarazione pubblica il 20 giugno 2013, il Ministro degli esteri russo Sergey Lavrov

8 avrebbe confermato l'intenzione di dare seguito alla fornitura. Anche questo e' un segnale da parte di Mosca che non intende lasciare agli americani mano libera sulla scacchiera mediorientale. Direttamente o indirettamente, la questione siriana e' diventata adesso un gioco ad alto contenuto strategico. Una guerra di nervi - tratteggiata da minacce alternate a profferte di mediazione o dialogo - nel tentativo di egemonizzare l'area mediorientale che rimane strategicamente importante finche' le sue risorse petrolifere saranno essenziali. E se nel campo delle minacce vengono a mancare i fondamentali che le rendano credibili, allora si lascia spazio a negoziati nell'apparente obiettivo di trovare una soluzione mediata alla crisi. Il "Ginevra 1" nasceva nel giugno 2012 quando un gruppo di sostegno alla Siria (composto da membri del Consiglio di Sicurezza dell'onu e da rappresentanti regionali) formulava l'ipotesi di creare un Governo di transizione nel Paese. Adesso siamo al "Ginevra 2" (una conferenza di cui non e' stata stabilita ancora una data di inizio) e ai colloqui informali durante il summit del G-8 in Irlanda del Nord nel giugno Ma piu' prende spazio un iter negoziale, anche se probabilmente inconcludente e retorico, piu' si allontana l'ipotesi che nelle vicende siriane gli Stati Uniti o altri attori internazionali possano sentire la necessita' di un coinvolgimento diretto. Ed allora ecco che nel dibattito interno americano sul a chi dare quali armi e come farle arrivare ai ribelli si utilizzano formule semantiche asservite ad un approccio diplomatico empirico e vago che salvi le apparenze mascherando la riluttanza di Barack Obama ad intervenire in Siria. Oggi i termini del negoziato sono gli stessi di ieri: l'impegno di porre fine alla guerra civile, l'obiettivo di creare un governo di transizione, l'impegno a fornire 1,5 miliardi di dollari in aiuti umanitari, l'obbligo dei partecipanti ai negoziati di rispettare gli accordi raggiunti, la volonta' di cacciare dal Paese terroristi ed estremisti, una forte condanna all'utilizzo di armi chimiche. Nel mentre Bashar al Assad rimane al potere, le efferatezze della guerra continuano, i "terroristi" e gli "estremisti" (non meglio identificati da che parte della barricata si trovino) continuano a spadroneggiare nel Paese, le armi chimiche - quelle che tutti negano di aver utilizzato - molto presto faranno probabilmente la loro ricomparsa sul terreno.

9 GLI STAN COUNTRIES ED IL RIFORNIMENTO DI RISORSE ENERGETICHE Sono definiti Stan Countries ( stan è un suffisso, in lingua persiana, che sta per luogo dei o degli.. ; è preceduto dall indicazione di una razza o di un etnia: ad esempio, Tagikistan è il luogo dei Tagiki ) i seguenti Paesi che negli anni si costituirono come Repubbliche Socialiste Sovietiche (R.S.S.) e che, nell ambito dell Unione Sovietica (nata il 31 dicembre 1922), ne seguirono le vicende storiche per 69 anni (fino al 25 dicembre 1991, la data appunto della implosione dell Unione Sovietica): - Kazakistan (capitale Astana), 16 milioni di abitanti; - Turkmenistan (capitale Asgabat), 5 milioni; - Uzbekistan (capitale Tashkent), 27 milioni; - Kirghizistan (capitale Bishkek), 5,5 milioni; - Tagikistan (capitale Dushanbe), 7,5 milioni. Gli Stan Countries, con il Caucaso, costituiscono per la Russia due importanti aree strategiche dell Asia Centrale. L Unione Sovietica, prima dell implosione (ovvero durante la costituita da 15 Repubbliche: Guerra Fredda ) era le quattro Repubbliche fondatrici : le R.S.F.S. di Russia, Ucraina, Bielorussia e Transcaucasia (quest ultima nel 1936 si sciolse, originando le tre R.S.S. di Georgia, Azerbaigian e Armenia); le cinque Stan Countries ; la Moldova; le tre Repubbliche Baltiche (Estonia, Lettonia, Lituania). Da considerare, in questo contesto, anche i Paesi satelliti dell Europa orientale, agganciati all Unione Sovietica con il Patto di Varsavia (14 maggio 1955). Dopo il periodo della Guerra Fredda e della Perestroika (ristrutturazione) di Mikhail Gorbaciov (Gorbaciov si dimise nel dicembre 1991) e dopo il decennio di leadership di Boris Eltsin, il potere in Russia è passato a Vladimir Putin che, a partire dal 2000 (ma già, in precedenza), ha cercato attraverso legittime elezioni di recuperare la dignità della Federazione Russa in un contesto politico caratterizzato da contrasti interni e internazionali. Per quanto d interesse per il tema in esame, si fa riferimento soprattutto alle due aree strategiche dell Asia Centrale (già menzionate) del Caucaso e degli Stan Countries. In particolare: a. il Caucaso del dopo-unione Sovietica risultò diviso dalla displuviale della catena montuosa omonima in Caucaso settentrionale, appartenente alla Russia, e Caucaso meridionale degli Stati indipendenti di Georgia, Armenia e Azerbaigian. Da tener presente che, oltre ai problemi di appartenenza etnica (vedasi, ad esempio, quello degli osseti divisi tra Russia e Georgia) sussistono interessi economici da parte

10 della Russia (le risorse energetiche ed il relativo centro di smistamento delle stesse di Baku, capitale dell Azerbaigian, verso l Europa) tanto da privilegiare, in un certo senso, l Azerbaigian a maggioranza musulmana rispetto all Armenia, quand anche quest ultima sia, come Mosca, a maggioranza cristiano-ortodossa. Non trascurabile altresì il conflitto ormai storico del Nagorno-Karabakh, una regione a prevalenza armena chiusa (in quanto enclave ) in territorio azero. b. gli Stan Countries sono stati corteggiati e lo sono tuttora dalla Russia per le loro risorse energetiche e questo anche attraverso alleanze di cooperazione militare e di sicurezza. Ma questi Paesi preferiscono una gestione in proprio delle loro risorse. Per introdurre il problema delle risorse energetiche russe, un breve cenno sulle forniture (gas e petrolio) all Italia e a quella che spesso viene definita la guerra del gas, sulla base dei dati al momento disponibili: - produzione annua : 13 miliardi di mc; - fabbisogno annuo : 81 miliardi di mc. L Italia, in sintesi, importa 68 miliardi di mc di gas dai seguenti Paesi (dati del 2011): - Russia (gasdotto TransAustriaGas-TAG): 24 mld; - Olanda/Norvegia (gasdotto Transitgas): 16 mld; - Algeria (gasdotto Transmed): 20 mld; - Libia (gasdotto Green Stream ): 8 mld. Si ritiene d interesse aggiungere che l Italia ha recentemente sottoscritto un accordo con l Azerbaigian che prevede la fornitura di gas dal giacimento azero Shah Deniz II di 10 mld di mc gas l anno attraverso il gasdotto Trans Adriatic Pipeline (TAP), fornitura estendibile a 20 mld di mc. Il gasdotto TAP, attraverso la Grecia, l Albania e il Mare Adriatico, raggiunge le coste del Salento: l Italia diventa così la porta d ingresso del gas caucasico in Europa. I rifornimenti di gas ai Paesi europei peraltro preoccupano a vario titolo: - eccessiva dipendenza dei Paesi europei dalla Russia, secondo gli Stati Uniti; - controversia, in questo settore, Russia/Ucraina (quest ultima è proprietaria delle tubazioni che insistono sul proprio territorio; ha ceduto peraltro in affitto alla Russia basi militari tra le quali la ben nota Sebastopoli, in cambio di facilitazioni sulla bolletta del gas che la Russia fornisce all Ucraina). La Russia, da parte sua, tende a ridurre l importo della facilitazione portando il prezzo del gas (per l Ucraina) verso quello di mercato; sta tentando inoltre il completamento e la messa in esercizio di due gasdotti per l aggiramento dell Ucraina North Stream e South

11 Stream. In merito è anche da considerare un terzo gasdotto, attraverso la penisola anatolica, voluto dagli Stati Uniti in contrapposizione al monopolio russo nella regione il famoso Nabucco ma sussistono difficoltà nel reperimento di giacimenti per l alimentazione, in relazione alla forte concorrenza della Cina, assetata di risorse energetiche; - i giacimenti dell Oceano Artico (sussistono al riguardo contrasti sull appartenenza delle risorse in questione tra i Paesi che si affacciano sul Circolo Polare); - ingerenze varie nel controllo di altri giacimenti, specie di quelli di più recente scoperta (concorrenza Francia/Italia per i giacimenti libici; contrasti Israele/Turchia per i due giacimenti del Mediterraneo orientale Afrodite e Leviatano ; accordi sotto-banco ecc ). Sulla base dei contrasti evidenziati, la Russia cerca spazio anche nei giacimenti dell Asia Centrale e non disdegna accordi con i Paesi Stan, specie quelli più fortunati in fatto di risorse energetiche (petrolio, gas e quant altro), come evidenziato nel prospetto a seguito: STAN COUNTRIES GAS PETROLIO URANIO ENERGIA ELETTRICA mc 1000 t t kwh Kazakistan (16 mln) Turkmenistan (5 mln) Uzbekistan (27 mln) Kirghizistan (5,5 mln) Tagikistan (7,5 mln) 20,2 mld 76069, (te)* 59,5 mld 8887,2 / (i)** 62,9 mld 1853, (te) 12,5 mln 49,9 / (i) 40 mln / / (i) * te = impianti termici ** i = impianti idroelettrici

12 Dal prospetto di cui sopra risulta quanto segue: - la produzione annua di gas dei primi tre Paesi stan è indicata in miliardi di metri cubi (mc): possibilità pertanto di esportazione; per i rimanenti due Paesi, la produzione è in milioni, insufficiente anche per il solo fabbisogno domestico ; - per la produzione di petrolio, analoga situazione; - per la produzione di energia elettrica, per contro, è significativa quella di tre Paesi (Turkmenistan, Kirghizistan e Tagikistan) che si avvalgono di centrali idroelettriche, in quanto a corto di risorse energetiche sono agevolati dalla posizione geografica (in vicinanza delle grandi catene montuose e dei ghiacciai). Gli altri due Paesi fanno ricorso alle risorse energetiche (gas e greggio di cui dispongono a sufficienza) utilizzando centrali termiche per la produzione di energia elettrica.

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE 544 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE Le reazioni degli attori internazionali 25 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le reazioni degli attori

Dettagli

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY D.1 Per il futuro dell Italia Lei ritiene che sia meglio partecipare attivamente agli affari internazionali o rimanerne fuori? - Partecipare attivamente - Rimanerne fuori D.2

Dettagli

È morta l architetta Zaha Hadid

È morta l architetta Zaha Hadid È morta l architetta Zaha Hadid Edifici distrutti dai bombardamenti del governo siriano a Damasco, il 10 febbraio 2016. (Bassam Khabieh, Reuters/Contrasto) 11MAR 201618.40 La spartizione della Siria è

Dettagli

Middle East and North Africa Energy

Middle East and North Africa Energy Middle East and North Africa Energy Chatham House, London 25th January 2016 https://www.chathamhouse.org/conferences/middle-east-and-north-africa-energy Intervento dell AD Claudio Descalzi Signore e signori

Dettagli

IL MODELLO TURCO TRA REALTÀ

IL MODELLO TURCO TRA REALTÀ 440 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com IL MODELLO TURCO TRA REALTÀ E GRAVI LIMITI 6 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 La guerra civile siriana Le fasi iniziali del conflitto

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012)

Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012) Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012) POLITIKA Napolitano e Nikolic, Non si devono porre nuove

Dettagli

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin Comunicato stampa Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin La sfida del regime di free zone per i punti franchi di Trieste lanciata dal presidente Marina Monassi. Il messaggio

Dettagli

Siria, possibile l intervento di terra di Turchia e Arabia Saudita?

Siria, possibile l intervento di terra di Turchia e Arabia Saudita? Siria, possibile l intervento di terra di Turchia e Arabia Saudita? Lookout News Rocco Bellantone I turchi continuano a bombardare a nord, mentre a Incirlik arrivano i caccia sauditi. La riunione del Gruppo

Dettagli

News > Esteri > Politica - Giovedì 06 Dicembre 2012, 19:44

News > Esteri > Politica - Giovedì 06 Dicembre 2012, 19:44 "Ancora dubbi sulle..." Guerra civile in Siria: il punto della situazione Lo scontro si fa ogni giorno più teso fra Al Assad e le forze ribelli, che si stanno rafforzando" Caterina Varenna Lo scontro si

Dettagli

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU)

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Marcello Flores Il 10 dicembre 1948 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvava la Dichiarazione Universale dei Diritti

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

La Siria e lo scacchiere internazionale

La Siria e lo scacchiere internazionale La Siria e lo scacchiere internazionale Dalla primavera araba alla guerra civile Clicca sugli stati per l approfondimento USA UK FRANCIA ITALIA TURCHIA EGITTO ISRAELE LIBANO ARABIA QATAR IRAN RUSSIA SAUDITA

Dettagli

GLORIA GAGGIOLI. (Comitato internazionale della Croce Rossa, Ginevra)

GLORIA GAGGIOLI. (Comitato internazionale della Croce Rossa, Ginevra) GLORIA GAGGIOLI (Comitato internazionale della Croce Rossa, Ginevra) L INTERRELAZIONE FRA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO E DIRITTI UMANI La questione della relazione tra il diritto umanitario e i diritti

Dettagli

Emergenza Iraq. Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione

Emergenza Iraq. Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione Emergenza Iraq Protezione e assistenza umanitaria agli sfollati iracheni in fuga dal conflitto e dalla discriminazione Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Report finale Il progetto finanziato

Dettagli

ARIETE CONTRO TUTTI ALLE OLIMPIADI RUSSE DEI TANK

ARIETE CONTRO TUTTI ALLE OLIMPIADI RUSSE DEI TANK ARIETE CONTRO TUTTI ALLE OLIMPIADI RUSSE DEI TANK Analisi Difesa Il 4 agosto di quest anno, quando le Olimpiadi invernali di Sochi saranno finite da un pezzo, atleti con le uniformi da carristi provenienti

Dettagli

PANEL 1: ENERGIA. Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori,

PANEL 1: ENERGIA. Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori, FORUM ECONOMICO-FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO PANEL 1: ENERGIA (Milano, 20 luglio 2009, ore 15) Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori,

Dettagli

Emergenza Iraq. Assistenza salva vita per i rifugiati iracheni in fuga. Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati

Emergenza Iraq. Assistenza salva vita per i rifugiati iracheni in fuga. Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Emergenza Iraq Assistenza salva vita per i rifugiati iracheni in fuga Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Anno di finanziamento e realizzazione del progetto: 2014 Sintesi del progetto

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Fabrizio Minniti Il regime di non proliferazione nucleare

Fabrizio Minniti Il regime di non proliferazione nucleare A12 Fabrizio Minniti Il regime di non proliferazione nucleare Copyright MMXV Aracne editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Quarto Negroni, 15 00040 Ariccia (RM) (06) 93781065

Dettagli

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012.

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. di Giacomo Fabiani e Vera Facchinutti, 5 F Sull'onda della moda esplosa negli ultimi anni degli studi sui servizi

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Investimenti Esteri Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 3 INVESTIMENTI ESTERI La Russia ha ricevuto negli ultimi anni ingenti investimenti esteri. Nel 2013 gli investimenti

Dettagli

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori,

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori, Roma, 18 giugno 2008 INTERVENTO VIDEO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA ALL ASSEMBLEA ANNUALE DELL UNIONE PETROLIFERA Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

Il conflitto in Siria ha tristemente festeggiato il suo 5 compleanno

Il conflitto in Siria ha tristemente festeggiato il suo 5 compleanno Il conflitto in Siria ha tristemente festeggiato il suo 5 compleanno L'attenzione dei media e dell'opinione pubblica è gradualmente diminuita in questi anni, quando invece le problematiche legate al conflitto

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

Avocats sans Frontières Italia

Avocats sans Frontières Italia Avocats sans Frontières Italia BAMBINI SOLDATO IN AFRICA UN DRAMMA NEL DRAMMA Presentazione del Rapporto di Amnesty International 21.000 bambini soldato in Liberia Roma 8 Novembre 2004 Processabilità e

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE LIBRERIE INDIPENDENTI E PICCOLA EDITORIA IN PIEMONTE SINTESI DEI DATI 15 Maggio 2010 La piccola editoria in Piemonte Il Piemonte si presenta oggi come il secondo polo produttivo d Italia sia per numero

Dettagli

Le evacuazioni di Security da aree ad alto rischio

Le evacuazioni di Security da aree ad alto rischio Convegno La gestione integrata della safety e della security aziendale e il ruolo del security manager ANMIL 22 Ottobre 2014 Bologna Penetrazione jihadista nel mondo nel 2011 In giallo evidenziati i Paesi

Dettagli

Superficie: 331.689 km² Popolazione: 85.700.000

Superficie: 331.689 km² Popolazione: 85.700.000 Superficie: 331.689 km² Popolazione: 85.700.000 Il territorio del Vietnam Il Vietnam è uno stato del Sud-est Asiatico. Confina a nord con la Cina, a Ovest con il Laos e la Cambogia, a est e a sud si affaccia

Dettagli

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Indice EXECUTIVE SUMMARY... 4 1. IL CONTESTO... 7 1.1 QUADRO INTERNAZIONALE DI RIFERIMENTO... 7 1.2 CONSIDERAZIONI SULLA TRANSIZIONE VERSO

Dettagli

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization )

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) Linea Guida sulla Responsabilità Sociale delle Organizzazioni. Nasce da lavoro

Dettagli

Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali?

Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali? Risoluzione 1971 (2014) Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali? 1. L Assemblea parlamentare ha affrontato la situazione dei rifugiati siriani nella sua Risoluzione 1902

Dettagli

Il gas naturale è formato quasi totalmente da metano, elemento chimico composto da un atomo di carbonio e quattro di idrogeno.

Il gas naturale è formato quasi totalmente da metano, elemento chimico composto da un atomo di carbonio e quattro di idrogeno. 1 2 3 Il gas naturale è formato quasi totalmente da metano, elemento chimico composto da un atomo di carbonio e quattro di idrogeno. Quando si trova un giacimento di metano, la forte pressione lo spinge

Dettagli

2. TAP/Diversificazione fonti di approvvigionamento

2. TAP/Diversificazione fonti di approvvigionamento 1. Reverse-Flow 2. TAP/Diversificazione fonti di approvvigionamento 3. Rapporto consumi/investimenti 4. Allineamento prezzi gas Italia all Europa 5. Stoccaggio Imprese 6. Servizio Maggior tutela (differenze

Dettagli

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA II REPARTO INFORMAZIONI E SICUREZZA CENTRO INTELLIGENCE INTERFORZE

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA II REPARTO INFORMAZIONI E SICUREZZA CENTRO INTELLIGENCE INTERFORZE STATO MAGGIORE DELLA DIFESA II REPARTO INFORMAZIONI E SICUREZZA CENTRO INTELLIGENCE INTERFORZE (NC) Ruolo e prospettive dell intelligence militare per la sicurezza cibernetica e a difesa delle infrastrutture

Dettagli

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization )

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) Linea Guida sulla Responsabilità Sociale delle Organizzazioni. Nasce da lavoro di un gruppo Multistakeholder internazionale, coordinato da

Dettagli

Il quadro strategico delle azioni Nato

Il quadro strategico delle azioni Nato Il quadro strategico delle azioni Nato Visita della delegazione Fondazione Alcide De Gasperi, Associazione La Democrazia e dello IASEM Istituto Alti Studi Euro Mediterranei presso il segretariato generale

Dettagli

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8 7 giugno 2006 Corte dei conti Italia Sicurezza energetica 1. L Italia e la sicurezza energetica Il tema della sicurezza

Dettagli

2. Iniziative comunitarie per agevolare l accesso ai finanziamenti - BERS. BANCA EUROPEA per la RICOSTRUZIONE e lo SVILUPPO

2. Iniziative comunitarie per agevolare l accesso ai finanziamenti - BERS. BANCA EUROPEA per la RICOSTRUZIONE e lo SVILUPPO BANCA EUROPEA per la RICOSTRUZIONE e lo SVILUPPO P R E M E S S A La Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo è stata creata nel 1991. Con sede a Londra, la BERS è un istituzione internazionale

Dettagli

Problematiche, prospettive e interventi

Problematiche, prospettive e interventi Anche gli imprenditori stranieri soffrono la crisi Burocrazia, ritardo dei pagamenti e l accesso al credito i maggiori ostacoli all attività Più difficoltà per le imprese edili e nel Centro Italia La crisi

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO

VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO Cenni storici e aspetti generali 1. Il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), con sede a Roma, è stato creato nel 1977 a seguito di una

Dettagli

SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO

SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO SOMMARIO: 1. Introduzione 2. Primo periodo: opting out; 3. Primi provvedimenti: passaggio all opting in; 4. li provvedimento del Garante per

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO E I CONSUMATORI FINALI

LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO E I CONSUMATORI FINALI Cosa vuole dire che il mercato del gas è "libero"? Con chi avrà rapporti contrattuali il cliente finale? Con la liberalizzazione cambierà la qualità del servizio? Cosa fa il distributore? Cosa fa il venditore?

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

Per iniziare, guarda questo breve video:

Per iniziare, guarda questo breve video: Per iniziare, guarda questo breve video: http:///la-carestia-in-somalia.htm Per svolgere le attività proposte, ricava notizie dal tuo libro di geografia e dai seguenti siti: https://it.wikipedia.org/wiki/carestia

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

The World Bank. Gazmend Daci The World Bank TIRANA OFFICE

The World Bank. Gazmend Daci The World Bank TIRANA OFFICE WORKSHOP Tirana International Hotel Aprile 3, 2012 Quadro normativo, opportunità commerciali e attrezzature nel settore energetico. Albania: il settore dell'energia e la Banca Mondiale Gazmend Daci TIRANA

Dettagli

TUNISIA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2016

TUNISIA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2016 TUNISIA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2016 Tunisia 1 INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico 1.a Principali indicatori economici 1.b Principali indicatori sociali e demografici 2.

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti LAURA PAPALEO Sempre più donne risultano attive nel settore dell information technology e la salvaguardia dei loro diritti e delle

Dettagli

il consorzio siamo noi.

il consorzio siamo noi. il consorzio siamo noi. Scelte consapevoli, vantaggi economici, etica del risparmio. Perchè il Consorzio Nel 2008 prendeva il via il progetto Rileggi la tua bolletta un gruppo d acquisto che veniva costituito

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Il Codice di condotta commerciale per la vendita di gas naturale Cosa riguarda Quando si applica Con la liberalizzazione del mercato del gas naturale, tutti i clienti del servizio gas hanno la possibilità

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli

INTERVENTO ON. BERGAMINI

INTERVENTO ON. BERGAMINI Informativa urgente del Governo sul trattamento riservato ai migranti nel Centro di soccorso e di prima accoglienza di Lampedusa, come emerso in un recente filmato trasmesso dalla RAI 21 dicembre 2013

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 974 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO 8 gennaio 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

I brevetti software. Una minaccia per il Software Libero. Simo Sorce. http://softwarelibero.it

I brevetti software. Una minaccia per il Software Libero. Simo Sorce. <simo@softwarelibero.it> http://softwarelibero.it I brevetti software Una minaccia per il Software Libero Simo Sorce http://softwarelibero.it Perchè i brevetti sulle idee sono dannosi per lo sviluppo e la libera impresa Coypright

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

L economia australiana brilla sulle altre

L economia australiana brilla sulle altre L economia australiana brilla sulle altre 28 marzo 2011 Le stime sulla crescita per molti paesi sviluppati hanno subito una flessione a causa della tragedia che continua a investire il Gippone, uno dei

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora !1 Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E Storia L Italia dopo l unificazione Prof.ssa Fulvia Spatafora I problemi del Regno d Italia I grandi

Dettagli

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed SPIN - Roma, 13 giugno 2005 Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed Renzo Vanetti, Amministratore Delegato 2 Lisbona/Barcellona: lo stesso concetto di cooperazione Lisbona

Dettagli

PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL

PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL COINVOLGIMENTO DEI BAMBINI NEI CONFLITTI ARMATI Gli Stati Contraenti il presente Protocollo, Incoraggiati dal travolgente

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

"Pure Performance" per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune

Pure Performance per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune "Pure Performance" per i Partner Una direzione chiara per una crescita comune 2 "Pure Performance" per i Partner "Pure Performance" per i Partner 3 Alfa Laval + Partner Valore per il Cliente Partner per

Dettagli

anno I, n.2, 2011 Recensioni

anno I, n.2, 2011 Recensioni L. Salamone, La disciplina giuridica dell'immigrazione clandestina via mare, nel diritto interno, europeo ed internazionale, Torino, Giappichelli 2011, pp. XXVI-406 Come è noto, gli arrivi irregolari per

Dettagli

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 31.8.2011 COM(2011) 543 definitivo 2011/0235 (NLE) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO che sospende in parte l'applicazione dell'accordo di cooperazione tra la Comunità economica

Dettagli

i dossier PAGAMENTI DELLA PA DOPO UN ANNO DI ANNUNCI EVANESCENTI DA PARTE DEL GOVERNO MONTI IL COMMISSARIO EU TAJANI SBLOCCA LA SITUAZIONE

i dossier PAGAMENTI DELLA PA DOPO UN ANNO DI ANNUNCI EVANESCENTI DA PARTE DEL GOVERNO MONTI IL COMMISSARIO EU TAJANI SBLOCCA LA SITUAZIONE 373 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com PAGAMENTI DELLA PA DOPO UN ANNO DI ANNUNCI EVANESCENTI DA PARTE DEL GOVERNO MONTI IL COMMISSARIO EU TAJANI SBLOCCA LA SITUAZIONE 20 marzo 2013

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

Note riviste sull applicazione dell Articolo 1D della Convenzione del 1951 riguardante lo Status di Rifugiato per i Rifugiati Palestinesi 1

Note riviste sull applicazione dell Articolo 1D della Convenzione del 1951 riguardante lo Status di Rifugiato per i Rifugiati Palestinesi 1 Note riviste sull applicazione dell Articolo 1D della Convenzione del 1951 riguardante lo Status di Rifugiato per i Rifugiati Palestinesi 1 Articolo 1D della Convenzione del 1951 riguardante lo status

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Principi cardine del DIU e organi della violenza bellica. Corso diritto internazionale avanzato Lez. 2/4 Aldo Piccone

Principi cardine del DIU e organi della violenza bellica. Corso diritto internazionale avanzato Lez. 2/4 Aldo Piccone Principi cardine del DIU e organi della violenza bellica Corso diritto internazionale avanzato Lez. 2/4 Aldo Piccone Contenuti: Principio di necessità militare Principio di proporzionalità Principio di

Dettagli

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV Riunione del 13/06//2013 celivo. - AIDO ass. donatori organi tessuti e cellule; - Ass. Il Cesto;

Dettagli

Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia.

Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia. Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia. Agosto 2011 - Donne e bambini nella Bay Region, Sud Somalia, beneficiari del progetto di COOPI. Foto archivio COOPI.

Dettagli

Lo scoppio della guerra fredda

Lo scoppio della guerra fredda Lo scoppio della guerra fredda 1) 1945: muta la percezione americana dell URSS da alleato ad avversario e nemico 2) 1946: ambio dibattito interno all amministrazione Truman sulla svolta in politica estera

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

LA QUESTIONE MERIDIONALE

LA QUESTIONE MERIDIONALE ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI Centro Linceo Interdisciplinare Beniamino Segre I LINCEI PER LA SCUOLA Lezioni Lincee di Economia Roma, 9 febbraio 2011 LA QUESTIONE MERIDIONALE Anna Giunta agiunta@uniroma3.it

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

LE GRANDI RIFORME. Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE

LE GRANDI RIFORME. Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE LE GRANDI RIFORME Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE Il sistema giudiziario inefficiente penalizza fortemente cittadini e imprese I PUNTI PRINCIPALI DELLA RIFORMA Semplificazione

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005)

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Documento a cura della Dr. Maria Vincenza Liguori Settore Epidemiologia Ambientale Direttore Dr. Laura

Dettagli