Proposta di lettura statistica del database

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Proposta di lettura statistica del database"

Transcript

1 Proposta di lettura statistica del database Giovanni Aiassa Transiti nel Battaglione dei Cacciatori Franchi dal 1 gennaio 1859 al 31 dicembre 1861 Presentiamo dati e considerazioni che emergono dall analisi del database relativo ai ruoli matricolari del Battaglione dei Cacciatori Franchi messo a disposizione da parte dell'archivio di Stato di Torino. Con il termine Transiti, ricavato dai documenti dell epoca, sono indicati i militari che entrarono a far parte dei Cacciatori Franchi negli anni 1859, 1860 e 1861, quindi non tutti quelli presenti in quegli anni. L utilizzo della parola Transiti nasce presumibilmente dal fatto che in linea generale i militari venivano inviati ai Cacciatori Franchi per motivi disciplinari e quindi, una volta superata la situazione di difficoltà, ottenuto il recupero del militare, era previsto che questi, sussistendone le condizioni, fosse trasferito ad un altro reparto dell Esercito. Anche se è un termine un po particolare, nell'analisi statistica che qui presentiamo riferendoci ai Cacciatori Franchi utilizzeremo la parola Transiti; questo è un modo per respirare l aria delle antiche carte. I fogli matricola, gli assenti secondo la terminologia militare del tempo, rappresentati nel database sono in totale 1570 così suddivisi: - 93 nel nel nel 1861 In totale quindi 1491 a cui si devono aggiungere: - 55 riassentati Nei ruoli abbiamo individuato 55 assenti di militari entrati nei Cacciatori Franchi anteriormente al 1859 e che sono stati successivamente nuovamente assentati, quindi riassentati nei tre anni di nostro interesse. Il riassento nei Cacciatori Franchi si verificava quando un militare, regolarmente assentato nell anno di arrivo al reparto, si era o veniva successivamente allontanato dal reparto, ad esempio per diserzione o per scontare una pena di reclusione; al suo rientro a Fenestrelle il militare doveva però essere nuovamente inserito nei ruoli matricolari del reparto. - 3 vari 1

2 Si tratta di due assenti incompleti e senza data e di uno erroneamente riportato nelle registrazioni del 1861, in realtà di competenza del doppi assenti Segnaliamo che nei ruoli sono presenti 141 casi di assenti che rinviano ad una successiva registrazione, con nuovo numero di matricola, per la necessità di apportare modifiche e/o implementare i dati registrati nell assento precedente, o per mancanza, sul registro, dello spazio fisico necessario ad apporre aggiunte allo scritto preesistente. Per le valutazioni statistiche abbiamo tenuto conto di ciò, riducendo il numero dei transiti totali delle 21 unità riguardanti assenti doppi di Cacciatori. Entriamo ora nel merito degli assenti di nostro interesse, quelli cioè relativi ai Transiti regolari dei tre anni, in totale 1491 militari che rappresentiamo con il grafico n 1. Grafico n 1. Transiti suddivisi per anno. Prima di sviluppare considerazioni che si basano sul numero dei Transiti 1859, riteniamo opportuno riportare i dati di quelli relativi al periodo immediatamente precedente al 1859 stesso. Ci sono stati 106 Transiti nel 1856, 92 nel 1857 e 74 nel 1858; possiamo pertanto dire che il numero dei Transiti 1859 è in linea con le medie del periodo. Precisiamo che il calcolo per il 1859, uno degli anni oggetto della nostra ricerca, è stato fatto in modo analitico e approfondito, per i tre anni precedenti invece il calcolo è approssimativo. Possiamo ora ritornare alle considerazioni principali. Dall esame del grafico n 1 risulta evidente l incremento percentuale dei Transiti 1860 sul 1859, pari a + 839%, e del 1861 sempre sul 1859, pari a +465%. Tale fortissimo incremento è causato 2

3 dagli avvenimenti politico-militari del 1859 e 1860 che hanno determinato annessioni territoriali da parte del Regno di Sardegna e conseguente potenziamento della struttura militare. Anche i Cacciatori Franchi hanno subito, quindi, tale incremento di forza. Procediamo ora a un esame dettagliato, anno per anno, dei Transiti sopra ricordati disaggregando, ove possibile, i dati generali al fine di conoscere la storia militare dei nostri Cacciatori. Registriamo in prima battuta l esercito di primo assento, cioè quello della loro prima esperienza militare, e poi l esercito del reparto di appartenenza nel momento in cui arrivano ai Cacciatori Franchi; in questo modo possiamo avere un idea più completa dell esperienza militare acquisita al momento del loro arrivo. Poi indicheremo il loro grado militare al momento dell ingresso nei Cacciatori Franchi, un dato che ci è utile per conoscere la loro storia militare e comprendere anche alcune problematiche particolari che affronteremo, ad esempio il tema dei militari Volontari nei Cacciatori Franchi. In definitiva quindi ricostruiremo il passaggio dei Cacciatori Franchi da reparto dell Esercito del Regno di Sardegna a reparto dell Esercito del Regno d Italia. 3

4 Anno 1859 Transiti n. 93 Esercito di primo assento Procediamo ora ad una suddivisione del numero dei Transiti in valore assoluto, in base all esercito di primo assento e con il relativo peso percentuale Esercito N. Transiti Peso % Sardo % Austriaco 4 4,3% Totale % Tabella n 1. Grafico n 2. Ripartizione dei Transiti in base all esercito di primo assento. Il grafico evidenzia come la prima esperienza militare (primo assento) dei Transiti ai Cacciatori Franchi è nel 1859 ancora quasi esclusivamente legata all Esercito Sardo, con una piccola parte proveniente da quello Austriaco (a seguito dell acquisizione della Lombardia). Si vedono i primissimi riflessi della seconda guerra d Indipendenza. Esercito di appartenenza del reparto di provenienza Da dove provengono, dal punto di vista militare, gli uomini che arrivano al Battaglione dei Cacciatori Franchi? Analizzando l esercito del reparto di provenienza della maggioranza dei Transiti, per alcuni vedremo che non si tratta di un esercito bensì di un Corpo di Pubblica Sicurezza, per altri, che essi sono entrati nel Cacciatori Franchi non per punizione ma in qualità di 4

5 volontari, cioè per una scelta personale. Esercito di appartenenza N. Transiti Peso % Esercito Sardo 89 95,70% Volontario 3 3,30% Corpo Guardie di P.S. 1 1,00% Tabella n 2. Grafico n 3. Ripartizione dei Transiti in base all esercito di appartenenza del reparto di provenienza al momento dell arrivo ai Cacciatori Franchi. Grado d ingresso I 93 transiti si suddividono in 92 soldati e 1 sottoufficiale (capo armaiolo) Grafico n 4. Ripartizione dei Transiti in base al grado d ingresso nei Cacciatori Franchi. 5

6 Volontari Nel 1859 abbiamo n 3 volontari, un sottoufficiale capo armaiolo e due soldati. Grafico n 5. Ripartizione dei 93 Transiti totali in volontari e non volontari. 6

7 Anno 1860 Transiti n. 873 Esercito di primo assento Procediamo ora, come abbiamo fatto per il 1859, a una suddivisione del numero dei Transiti in valore assoluto in base all Esercito di primo assento e con il relativo peso percentuale. Esercito N. Transiti Peso % Emiliano ,4% Sardo ,0% Toscano 44 5,0% Austriaco 36 4,1% Parmense 11 1,3% Pontificio 7 0,8% Modenese 2 0,2% Napoletano 2 0,2% Totale ,00% Tabella n 2. Grafico n 6. Ripartizione dei Transiti in base all esercito di primo assento. Il 1860 è un anno di guerra con annessioni territoriali e con una forte tensione politica. I dati indicati riflettono questa situazione, in particolare si nota che il primo assento (cioè la prima 7

8 esperienza militare) dei Cacciatori non è più stato realizzato nell Esercito Sardo come nel 1859, bensì nell Esercito Emiliano con 648 uomini pari al 74,4%, seguito dall Esercito Sardo con 123 transiti pari al 14,0%. Seguono poi altri eserciti con percentuali pari o inferiori al 5%. La grande maggioranza dei transiti del 1860 ha realizzato la prima esperienza militare in un contesto di guerra e in eserciti con situazioni governative di riferimento fluide e incerte, all interno di un momento politico contrassegnato da una consistente generale indeterminatezza. Pensiamo alla situazione dell Emilia e dell area centrale dell Italia. Esercito di appartenenza del reparto di provenienza Vediamo i dati in valore assoluto e percentuale: Esercito N. Transiti Peso % Emiliano ,33% Sardo ,40% Toscano 14 1,60% Volontari 3 0,34% Napoletano 2 0,22% Corpo Guardie di P.S. 1 0,11% Totale ,00% Tabella n 3. Grafico n 7. Ripartizione dei Transiti in base all esercito di appartenenza del reparto di provenienza al momento dell arrivo ai Cacciatori Franchi. 8

9 Il primo dato che balza evidente è il fatto che confluiscono nei Cacciatori Franchi 634 militari, 72,6% del totale Transiti, con provenienza diversa dall Esercito Sardo; di questi 614 (70,33% del totale) provengono da reparti dell Esercito Emiliano, mentre quelli provenienti dall Esercito Sardo sono 239 pari al 27,40%. Questo ultimo dato comprende un numero consistente di soldati che in origine arrivano da altri eserciti e hanno solo un breve passaggio nell Esercito Sardo prima di transitare ai Cacciatori Franchi. Nel 1859 abbiamo visto l inizio del cambiamento, nel 1860 il cambiamento è molto più consistente. Il forte aumento di Transiti da reparti dell esercito Emiliano è generato, di fatto, dal passaggio ai Cacciatori Franchi del corrispondente reparto di punizione dell Esercito Emiliano, il Battaglione dei Cacciatori di Comacchio. Per l approfondimento di questo aspetto che, un po arditamente definiamo come emilianizzazione dei Cacciatori Franchi, rimandiamo ai testi presentati (LINK). Oltre al reparto disciplinare dell Esercito Emiliano, arriva ai Cacciatori Franchi anche una piccola parte della Compagnia di Correzione Toscana, il reparto disciplinare dell Esercito Toscano; in questo caso però si tratta di pochi soldati e di alcuni quadri del reparto (14 in tutto), più due ufficiali. Dalle tabelle e grafici precedenti ricaviamo una notizia particolare. Sono indicati 2 Transiti in arrivo dall Esercito Napoletano, si tratta di due sottoufficiali (sergenti) che arrivano in qualità di prigionieri a Fenestrelle nel novembre del 1860 e decidono pochi giorni dopo di arruolarsi nel Battaglione dei Cacciatori Franchi mantenendo il grado di sergente. E uno dei primi segnali di un problema molto interessante da analizzare, il rapporto degli ex soldati dell Esercito Napoletano con l Esercito Sardo, su cui il dibattito storiografico in corso offre notevoli squarci di luce. Pare opportuno seguire a grandi linee la storia di questi due soldati negli anni successivi; uno di essi diventerà sottotenente nei Cacciatori Franchi nel 1863, l altro diserterà nel 1861, ritornando poi come soldato semplice ai Cacciatori Franchi nel 1862 (dopo essere stato in carcere per diserzione), e riprenderà la carriera diventando caporale furiere sempre nel 1862 e poi sergente d amministrazione e quindi furiere nel 1863 Altro aspetto che segnaliamo è la presenza di 3 volontari: 2 sottoufficiali (1 capo calzolaio e 1 capo sarto) e 1 caporale proveniente dall Esercito Pontificio. Il caporale non è un ex prigioniero pontificio; egli risulta infatti Congedato d ufficio d ordine superiore in data 16 maggio 1860 dalla Gendarmeria Pontificia, con successivo arruolamento volontario nei Cacciatori Franchi il 5 luglio Anche per il 1860 come per il 1859 registriamo un transito in arrivo dal Corpo Guardie di P.S. 9

10 Grado d ingresso nel Battaglione dei Cacciatori Franchi Vediamo i dati in valore assoluto e percentuale: Grado N. Transiti Peso % Soldato ,6% Caporale 51 5,85% Tamburino 5 0,57% Sergente 23 2,63% Furiere 8 0,9% Vari 4 0,45% Totale ,00% Tabella n 4. Grafico n 8. Ripartizione dei Transiti in base al grado d ingresso nei Cacciatori Franchi. Alcune precisazioni: nei 782 Soldati è compreso un Soldato Scelto, nei Caporali troviamo anche un Caporale Maggiore e un Caporale Tamburino, negli 8 Furieri è indicato anche un Furiere Maggiore. Nei quattro Vari, accorpati per esigenze di visibilità grafica, sono indicati un Capo Sarto, un Capo Calzolaio, un Trombettiere e, infine, un Vivandiere. Volontari con reparto/esercito di provenienza Per il 1859 abbiamo parlato di tre Transiti volontari, si tratta di casi ove l assento non segnala un reparto/esercito di provenienza e precisa essere volontari. Abbiamo però anche dei volontari di altro tipo, che hanno cioè un reparto/esercito di provenienza 10

11 nel momento in cui arrivano ai Cacciatori Franchi con lo status di volontario. Per tale motivo sono compresi nei grafici precedenti all interno di un esercito del reparto di provenienza; nell assento però sono anche indicati con il termine volontario. Vediamo ora i numeri di questa nuova tipologia di volontari che compare nei dati relativi al Totale volontari n. 57 Presentiamo prima i valori assoluti con l esercito di provenienza e poi il loro peso percentuale. Esercito Volontari Peso % Emiliano 48 84,20% Sardo 4 7,02% Toscano 3 5,30% Napoletano 2 3,50% Totale ,00% Tabella n 5. Grafico n 9. Ripartizione dei Transiti volontari in base all esercito del reparto di provenienza. E interessante vedere ora la suddivisione dei volontari per il grado d ingresso ai Cacciatori Franchi: 11

12 Grafico n 10. Ripartizione dei Transiti volontari per grado d ingresso nei Cacciatori Franchi. Ai militari che sono o potranno essere in futuro i quadri delle varie compagnie del Battaglione dei Cacciatori Franchi, riteniamo che l Esercito proponga un arruolamento volontario che li impegni per un certo numero di anni. Nel 1860 si tratta però sostanzialmente di individui che in larga misura (84,2%) provengono dall Esercito Emiliano (Battaglione Cacciatori di Comacchio) dove già erano inseriti nei quadri. 12

13 Anno 1861 Transiti n. 525 Esercito di primo assento Procediamo ora, come abbiamo fatto per i due anni precedenti, a una suddivisione del numero dei transiti in valore assoluto in base all Esercito di primo assento e con il relativo peso percentuale. Esercito N Transiti Peso % Sardo ,30% Napoletano ,00% Emiliano 60 11,40% Austriaco 46 8,78% Toscano 35 6,66% Meridionale 14 2,66% Italiano 11 2,09% Parmense 6 1,14% Pontificio 3 0,57% Modenese 2 0,38% Totale % Tabella n 6. Grafico n 11. Ripartizione dei Transiti in base all esercito di primo assento. Il processo di unificazione avanza e i transiti ai Cacciatori Franchi ne sono una dimostrazione, 13

14 anche come primo assento. Compaiono gli eserciti che abbiamo già conosciuto nei precedenti anni, a questi si aggiungono l Esercito Napoletano, l Esercito Meridionale (cioè quello garibaldino) e l Esercito Italiano. Ricordiamo che nei Transiti con primo assento nell Esercito Sardo o nell Esercito Italiano sono già presenti numerosi giovani che provengono dalle regioni dell Italia Meridionale e che hanno firmato in tali eserciti il loro primo arruolamento. Esercito di appartenenza del reparto di provenienza Come già fatto per gli anni precedenti, vediamo i dati in valore assoluto e con il loro peso percentuale. N Esercito Transiti Peso % Italiano ,97% Sardo ,67% Corpo Guardie P.S. 18 3,42% Meridionale 15 2,85% Emiliano 10 1,90% Napoletano 1 0,19% Totale ,00% Tabella n 7. Grafico n. 1. Ripartizione dei Transiti in base all esercito di appartenenza del reparto di provenienza al momento dell arrivo ai Cacciatori Franchi. 14

15 Evidentemente la maggior parte dei Transiti (362) viene effettuata da parte dell'esercito Italiano, istituito il 4 maggio Prima di tale data abbiamo ancora l Esercito Sardo con un consistente numero di transiti, 119. Segnaliamo i 15 Transiti che provengono dall Esercito Meridionale, residuali e per motivi particolari quelli provenienti dai restanti eserciti. Ricordiamo i 18 Transiti che provengono dal Corpo Guardie di P.S. che confermano e incrementano una presenza marginale nel 1859 e Grado d ingresso nel Battaglione dei Cacciatori Franchi I 525 transiti si suddividono in 446 soldati e 79 caporali. Grado Transiti Peso % Soldati ,00% Caporali 79 15% Totale ,00% Tabella n 8. Grafico n. 13. Ripartizione dei Transiti in base al grado d ingresso nei Cacciatori Franchi. Nel punto seguente valuteremo questo consistente inserimento di caporali, il 15% dei transiti del Volontari con reparto/esercito di provenienza Per il 1861 non risulta il problema dei Transiti volontari senza reparto/esercito di provenienza. Si pone invece il dilemma dei volontari con esercito e reparto di provenienza, tema che abbiamo già 15

16 affrontato per il Vediamo i numeri di questa nuova tipologia di volontari nei dati relativi al 1861: essi sono 79. Provengono tutti dall Esercito Italiano e arrivano ai Cacciatori Franchi con il grado di caporale. Poiché l Esercito Italiano racchiude ormai il tutto, può essere interessante, come nota complementare, vedere in quale esercito i volontari hanno avuto il primo assento. Vediamo i dati in valore assoluto e con il loro peso percentuale: Esercito N. Transiti Peso % Sardo 53 67,1% Austriaco 19 24,1% Napoletano 3 3,8% Emiliano 2 2,5% Toscano 2 2,5% Totale ,00% Tabella n 9. Grafico n 14. Ripartizione dei Transiti volontari in base all esercito di primo assento. E interessante notare che per la scelta dei futuri sottufficiali dei Cacciatori Franchi, l Esercito Italiano si affida per un 67,1% a volontari con primo assento nell Esercito Sardo, per un 24,1% con primo assento nell Esercito Austriaco e poi per percentuali inferiori al 4% con primo assento nell Esercito Napoletano, Toscano ed Emiliano. Ricordiamo però che nel 1860 i Cacciatori avevano ricevuto dall Esercito Emiliano tutti i quadri del Battaglione dei Cacciatori di Comacchio e dall Esercito Toscano alcuni quadri della Compagnia di Correzione Toscana. I volontari del 1861 sono tutti caporali, pare quindi che la selezione dei quadri dell Esercito Italiano 16

17 tenda a inserire uomini di grado inferiore, per meglio valutarli. Vediamo ora tabella e grafico riassuntivi per i tre anni di nostro interesse del fenomeno Volontari. Anno Transiti totali Transiti Volontari senza esercito di provenienza Transiti Volontari con esercito di provenienza Transiti Volontari totali Totale Tabella n 10. Grafico n 15. Numero dei Transiti totali e numero dei Transiti volontari ripartiti per anno. Il peso percentuale dei Transiti Volontari totali sul numero dei Transiti totali è del 3,2% nel 1859, del 6,9% nel 1860 e del 15% nel Verificando, sia pure in modo superficiale, gli assenti dei volontari dei tre anni in questione si nota che la grande maggioranza di essi procederà nella carriera come sottoufficiale nei Cacciatori Franchi e/o in altri reparti dell Esercito Italiano. La proposta di lettura statistica termina qui. Abbiamo iniziato parlando dei militari transitati nei Cacciatori Franchi per motivi disciplinari e terminato parlando dei militari entrati volontariamente nel Corpo per motivi di carriera. 17

BATTAGLIONE CACCIATORI DI COMACCHIO

BATTAGLIONE CACCIATORI DI COMACCHIO BATTAGLIONE CACCIATORI DI COMACCHIO Franco Sasso 1 Il 6 gennaio 1860 il Capo di Stato Maggiore delle truppe della Lega dell Italia Centrale, colonnello Carlo Mezzacapo, inviò, dal quartier generale in

Dettagli

Banca Dati Giuridica del Personale della Polizia di Stato

Banca Dati Giuridica del Personale della Polizia di Stato All. 5 DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA Direzione Centrale per le Risorse Umane Banca Dati Giuridica del Personale della Polizia di Stato Manuale Utente 1. Manuale Utente Banca Dati Giuridica del

Dettagli

Cari Colleghi, Libertà di scelta della tipologia di investimento. Che cosa è il comparto? La definizione del piano previdenziale

Cari Colleghi, Libertà di scelta della tipologia di investimento. Che cosa è il comparto? La definizione del piano previdenziale Cari Colleghi, dopo un lungo periodo di analisi e discussioni, ci troviamo a confrontarci concretamente al pari di molti altri Fondi Pensione - con la possibilità di decidere direttamente le caratteristiche

Dettagli

IL BATTAGLIONE DEI CACCIATORI FRANCHI DAL 1859 AL 1868

IL BATTAGLIONE DEI CACCIATORI FRANCHI DAL 1859 AL 1868 IL BATTAGLIONE DEI CACCIATORI FRANCHI DAL 1859 AL 1868 Enrico Ricchiardi Nell'aprile del 1859 l'esercito piemontese, fortemente sostenuto da quello francese, si trovò nella necessità di utilizzare tutte

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141

S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141 S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141 La crisi economica europea ha avuto importanti conseguenze sulla tutela dei diritti fondamentali a causa della riduzione

Dettagli

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE I CAVALLI La prima guerra mondiale sfruttò moltissimo gli animali; cani, asini, muli, cavalli e piccioni vennero largamente usati nelle operazioni militari, in un

Dettagli

Leggere la riforma Sostenere i diritti

Leggere la riforma Sostenere i diritti Leggere la riforma Sostenere i diritti La scheda di analisi dei provvedimenti del Governo a cura della Uil Scuola 1 Con l anno scolastico 2015/2016 entra in vigore per alcune parti importanti la legge

Dettagli

assicurare la presa in carico, ridurre la burocrazia,,garantire i diritti

assicurare la presa in carico, ridurre la burocrazia,,garantire i diritti Punto unico di accesso ai servizi per assicurare la presa in carico, ridurre la burocrazia,,garantire i diritti Relazione del Consigliere regionale Maria Grazia Fabrizio Venerdì 11 luglio Milano Noi abitanti

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

GRADI ESERCITO TRUPPA Volontari in Ferma Prefissata a 1 anno

GRADI ESERCITO TRUPPA Volontari in Ferma Prefissata a 1 anno Gradi Forze Armate e di Polizia GRADI ESERCITO TRUPPA Volontari in Ferma Prefissata a 1 anno Soldato Caporale Caporale Scelto Volontari in Ferma Breve Caporale Caporale Caporale Caporale Caporal Caporal

Dettagli

Il processo di unificazione (1849-1861)

Il processo di unificazione (1849-1861) Il processo di unificazione (1849-1861) Il Piemonte dopo il 48 Il Regno di Sardegna è l unico stato italiano che mantiene lo Statuto. Crisi tra il re Vittorio Emanuele II e il suo ministro D Azeglio e

Dettagli

Sirio Tardella Direttore Servizio Statistico e Amministrativo. Bologna, 15 Maggio 2008

Sirio Tardella Direttore Servizio Statistico e Amministrativo. Bologna, 15 Maggio 2008 Sirio Tardella Direttore Servizio Statistico e Amministrativo Bologna, 15 Maggio 2008 Il mercato dell auto in Italia 5.500.000 5.000.000 4.500.000 4.000.000 3.500.000 3.000.000 2.500.000 2.000.000 1.500.000

Dettagli

I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE IN VENETO

I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE IN VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Programmazione Socio Sanitaria, Volontariato e Non Profit Newsletter dell Anno 5, N 64 novembre 2007 - SPECIALE I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA

Dettagli

Comune, imprese, lavori pubblici: le opportunità possibili Ing. Walter Murru

Comune, imprese, lavori pubblici: le opportunità possibili Ing. Walter Murru Comune di Oristano Comuni de Aristanis SETTORE LAVORI PUBBLI CI E M ANUTENZIONI SECONDA GIORNATA - 10 DICEMBRE 2014 Comune, imprese, lavori pubblici: le opportunità possibili Ing. Walter Murru LA CRISI

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

Questionario n. 7 Diritto penale militare

Questionario n. 7 Diritto penale militare Questionario n. 7 Diritto penale militare 1) Che differenza c è tra codice penale militare di pace (c.p.m.p.) e codice penale militare di guerra (c.p.m.g.)? A) il codice penale militare di pace non si

Dettagli

Avv. Fabio Leggi 29100 PIACENZA - GALLERIA SAN FRANCESCO, 2 Telefono e fax 0523/33.78.60 e.mail: fabioleggi@libero.it

Avv. Fabio Leggi 29100 PIACENZA - GALLERIA SAN FRANCESCO, 2 Telefono e fax 0523/33.78.60 e.mail: fabioleggi@libero.it Centro di Servizio per il Volontariato S.V.E.P. Avv. Fabio Leggi 29100 PIACENZA - GALLERIA SAN FRANCESCO, 2 Telefono e fax 0523/33.78.60 e.mail: fabioleggi@libero.it Circolare informativa per le Associazioni

Dettagli

LE CIRCOLARI DELL INPS/INPDAP SULLE PENSIONI PIETRO PERZIANI. (Marzo 2012)

LE CIRCOLARI DELL INPS/INPDAP SULLE PENSIONI PIETRO PERZIANI. (Marzo 2012) LE CIRCOLARI DELL INPS/INPDAP SULLE PENSIONI DI PIETRO PERZIANI (Marzo 2012) Dopo le Circolari della F.P. e del MIUR, sono uscite quelle dell Inps/Inpdap, la n. 35 e la n. 37 del 2012; la prima è diretta

Dettagli

Ufficiali in Ferma Prefissata

Ufficiali in Ferma Prefissata Allievi Ufficiali in Ferma Prefissata Questo nuovo ruolo è stato introdotto recentemente in sostituzione della quasi centenaria figura dell Ufficiale di Complemento, abolita in seguito alla sospensione

Dettagli

La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte

La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte Osservatorio sulla Comunicazione Politica, Dipartimento di Culture Politica e Società La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte ricerca condotta da Sara Minucci (Osservatorio

Dettagli

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca I LICENZIAMENTI NEGLI ANNI DELLA CRISI (2008-2012)

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca I LICENZIAMENTI NEGLI ANNI DELLA CRISI (2008-2012) VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca I LICENZIAMENTI NEGLI ANNI DELLA CRISI (2008-2012) MISURE/45 Aprile 2013 1. Introduzione e sintesi Il numero di licenziamenti registrati in Italia nel corso del 2012,

Dettagli

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione 1. Introduzione La Riserva Sinistri è l accantonamento che l impresa autorizzata all esercizio dei rami danni deve effettuare a fine esercizio in previsione dei costi che essa dovrà sostenere in futuro

Dettagli

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f.

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f. Egregio Dirigente, Le scrivo per informarla che sono state avviate le procedure per la realizzazione della rilevazione degli apprendimenti degli studenti per l anno scolastico 2009/10 nell ambito del Servizio

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue.

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue. Oggetto: Definizione dell assetto organizzativo della Direzione generale della Protezione Civile e modifica dell assetto organizzativo della Direzione generale del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale.

Dettagli

Avocats sans Frontières Italia

Avocats sans Frontières Italia Avocats sans Frontières Italia BAMBINI SOLDATO IN AFRICA UN DRAMMA NEL DRAMMA Presentazione del Rapporto di Amnesty International 21.000 bambini soldato in Liberia Roma 8 Novembre 2004 Processabilità e

Dettagli

e.toscana Compliance visione d insieme

e.toscana Compliance visione d insieme Direzione Generale Organizzazione e Sistema Informativo Area di Coordinamento Ingegneria dei Sistemi Informativi e della Comunicazione I.T.S.A.E. e.toscana Compliance visione d insieme Gennaio 2007 Versione

Dettagli

L unificazione dell Italia

L unificazione dell Italia L unificazione dell Italia Dopo i moti rivoluzionari del e la sconfitta piemontese nella prima guerra d indipendenza (1848-1849) negli stati italiani ci fu una dura repressione chiesta dall Austria. L

Dettagli

Piano Regionale di FORMAZIONE Regione Marche

Piano Regionale di FORMAZIONE Regione Marche Piano Regionale di FORMAZIONE Regione Marche periodo 1 ottobre 2010-30 settembre 2011 COMPOSIZIONE COMMISSIONE REGIONALE ALLENATORI (C.R.A.) Presidente: Componente: Componente: Formatore Nazionale: CARLETTI

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE

FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE Ancora una VOLTA il SAPPE RINGRAZIA la SENSIBILITA del PRAP di BARI che E VENUTA INCONTRO alle ESIGENZE della POLIZIA PENITENZIARIA e perché NO alle RICHIESTE di

Dettagli

QUADRO NORMATIVO PER LE RETI

QUADRO NORMATIVO PER LE RETI 1 QUADRO NORMATIVO PER LE RETI ELETTRICHE DI DISTRIBUZIONE GESTITE DA ENEL DISTRIBUZIONE S.P.A. 1.1 INTRODUZIONE Nel presente capitolo verrà illustrato per grandi linee il quadro normativo Italiano che

Dettagli

Valter Astolfi COME IMPOSTARE UNA COLLEZIONE SULLA STORIA POSTALE DI UN TERRITORIO

Valter Astolfi COME IMPOSTARE UNA COLLEZIONE SULLA STORIA POSTALE DI UN TERRITORIO Federazione fra le Società Filateliche Italiane Valter Astolfi COME IMPOSTARE UNA COLLEZIONE SULLA STORIA POSTALE DI UN TERRITORIO Seminario di filatelia tradizionale e storia postale Federazione fra le

Dettagli

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI STORIA ECONOMICA. Prof.ssa Stefania Manfrellotti

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI STORIA ECONOMICA. Prof.ssa Stefania Manfrellotti SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI STORIA ECONOMICA Prof.ssa Stefania Manfrellotti DEBITO PUBBLICO! Debito dello Stato nei confronti di altri soggetti, individui, imprese,

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

Donne e welfare. Novembre 2010

Donne e welfare. Novembre 2010 Donne e welfare Novembre 2010 1 Metodologia Universo di riferimento Donne residenti residenti in Italia Numerosità campionaria 800 donne disaggregate per età(giovani adulte anziane), condizione professionale

Dettagli

REPORT SCUOLE ITALIANO

REPORT SCUOLE ITALIANO REPORT SCUOLE ITALIANO Riuscire a fare una ricapitolazione di quanto emerso dai questionari effettuati non è stato facile, per via del fatto che le realtà prese in considerazione risultano essere abbastanza

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

La vita quotidiana durante la guerra

La vita quotidiana durante la guerra La vita quotidiana durante la guerra 1936: il discorso di Giuseppe Motta Ascoltiamo il discorso pronunciato da Giuseppe Motta, allora Consigliere federale, e quindi leggiamo il testo qui sotto riportato

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

La relazione presenta quanto emerso dalla prima indagine condotta sugli utenti della Biblioteca Isimbardi.

La relazione presenta quanto emerso dalla prima indagine condotta sugli utenti della Biblioteca Isimbardi. INTRODUZIONE La relazione presenta quanto emerso dalla prima indagine condotta sugli utenti della Biblioteca Isimbardi. Nel corso di alcuni mesi del 2008 sono state distribuite delle schede anonime, da

Dettagli

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA Perché si parla di libera circolazione dei lavoratori e delle persone? Sono due aspetti distinti? Al momento della sua nascita,

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Risorse Umane Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 18/07/2013 Circolare

Dettagli

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i liste di controllo per il manager r il manager liste di controllo per il manager di contr liste di liste di controllo per il manager i controllo trollo per il man liste di il man liste di controllo per

Dettagli

IMMIGRAZIONE E ACCOGLIENZA

IMMIGRAZIONE E ACCOGLIENZA Consiglio Regionale del Molise IMMIGRAZIONE E ACCOGLIENZA BREVE ANALISI DELLA SITUAZIONE IN ITALIA GRUPPO DI LAVORO IMMIGRAZIONE, POLITICHE SOCIALI E DIRITTI UMANI Le migrazioni forzate provocate da guerre,

Dettagli

LEO FABRIZIO 73010 SOLETO (LE)

LEO FABRIZIO 73010 SOLETO (LE) C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Cellulare Fax E-mail LEO FABRIZIO 73010 SOLETO (LE) Nazionalità Italiana Data di nascita [ 01, Maggio, 1976 ] ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

Lo stato di salute della scuola torinese

Lo stato di salute della scuola torinese Lo stato di salute della scuola torinese Gli indicatori di salute riferiti al mondo scolastico sono numerosi ma non sempre di facile lettura e reperibilità. Un analisi dettagliata e puntuale della situazione

Dettagli

[GLI INCENTIVI PER IL RIENTRO DEGLI ITALIANI DALL ESTERO IL PROGETTO CONTROESODO]

[GLI INCENTIVI PER IL RIENTRO DEGLI ITALIANI DALL ESTERO IL PROGETTO CONTROESODO] PROFESSIONISTINETWORK Pierluigi MAZZOLENA Davide INTEGLIA [GLI INCENTIVI PER IL RIENTRO DEGLI ITALIANI DALL ESTERO IL PROGETTO CONTROESODO] [Un commento alla strategia per l attrazione in Italia dei giovani

Dettagli

Il Direttore. rende noto il seguente AVVISO DI SELEZIONE DI PERSONALE

Il Direttore. rende noto il seguente AVVISO DI SELEZIONE DI PERSONALE Considerato che il Museo Egizio è ente di ricerca ed ha costituito plurimi fondi ad essa dedicati, in forza delle delibere del Consiglio di Amministrazione del 31/03/2016 e del Collegio dei Fondatori del

Dettagli

RELAZIONE SULLA SITUAZIONE DEL PERSONALE ISPRA - ANNO 2012

RELAZIONE SULLA SITUAZIONE DEL PERSONALE ISPRA - ANNO 2012 RELAZIONE SULLA SITUAZIONE DEL PERSONALE ISPRA - ANNO 202 La presente relazione costituisce la prima analisi della situazione del personale ISPRA effettuata dal CUG, riferita all anno 202, riguardante

Dettagli

Genio ALTRE ARMI E CORPI

Genio ALTRE ARMI E CORPI ALTRE ARMI E CORPI I Caduti varesini che militavano in altre Armi, Corpi e Servizi, oltre alla Fanteria e all Artiglieria, furono 487 così suddivisi: Genio Zappatori 73 Genio Telegrafisti 31 Genio Pontieri

Dettagli

FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO. Posizione Organizzativa - Capo 2^ Sezione - 1^ Divisione - I Reparto (Dirigenti- Professori)

FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO. Posizione Organizzativa - Capo 2^ Sezione - 1^ Divisione - I Reparto (Dirigenti- Professori) INFORMAZIONI PERSONALI Nome MOIO ROSARIA Data di nascita 08/10/1976 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO Posizione Organizzativa - Capo 2^

Dettagli

RELAZIONE A CURA DI ISA PIGA ASSESSORATO AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE

RELAZIONE A CURA DI ISA PIGA ASSESSORATO AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE RELAZIONE A CURA DI ISA PIGA ASSESSORATO AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE 1) Ruolo animatrice di P.O. Secondo il Dipartimento per le Pari Opportunità, la figura dell animatrice/animatore di P.O. è

Dettagli

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale Le caratteristiche must have del software gestionale ideale ww.microsa Quali sono i principali elementi da tenere in considerazione per la scelta del Quali software sono i ottimale? principali elementi

Dettagli

Consiglio Centrale di Rappresentanza X Mandato BOLLETTINO INFORMATIVO N 4

Consiglio Centrale di Rappresentanza X Mandato BOLLETTINO INFORMATIVO N 4 Consiglio Centrale di Rappresentanza X Mandato BOLLETTINO INFORMATIVO N 4 INDICE Modifiche status giuridico dei VFP1/VFP4 Commissione Difesa del Senato Riordino dei Ruoli Aspettativa per riduzione dei

Dettagli

Gaetano Cirelli. Inventario dell'archivio (1916-1919) a cura di Nicola Fontana

Gaetano Cirelli. Inventario dell'archivio (1916-1919) a cura di Nicola Fontana Gaetano Cirelli. Inventario dell'archivio (1916-1919) a cura di Nicola Fontana 2014 Sommario Premessa p. 3 Albero delle strutture p. 4 Albero dei soggetti produttori p. 5 Cirelli, Gaetano, Ferrara, 1898

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico la

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

Relazione sulla. SUA-CdS 2015-16

Relazione sulla. SUA-CdS 2015-16 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Presidio della Qualità di Ateneo Polo Centrale Relazione sulla SUA-CdS 2015-16 17 giugno 2015 Sommario INTRODUZIONE... 3 1. Indicatori di accreditamento iniziale... 4 1.1

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

Comunicato Stampa. Sgomento per il Poliziotto penitenziario suicida a Rossano

Comunicato Stampa. Sgomento per il Poliziotto penitenziario suicida a Rossano _ Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Ministeri Enti Pubblici Università E.P. Ricerca Vigili del Fuoco Comparto Sicurezza Presidenza del Consiglio Agenzie Fiscali Dirigenza Autorità amministrative

Dettagli

GLORIA GAGGIOLI. (Comitato internazionale della Croce Rossa, Ginevra)

GLORIA GAGGIOLI. (Comitato internazionale della Croce Rossa, Ginevra) GLORIA GAGGIOLI (Comitato internazionale della Croce Rossa, Ginevra) L INTERRELAZIONE FRA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO E DIRITTI UMANI La questione della relazione tra il diritto umanitario e i diritti

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani 20 maggio 2014 di Anthony Barnes Atkinson (*) La Stampa 19.5.14 Il grande economista inglese Anthony Atkinson rilancia il progetto di un reddito-base

Dettagli

Maurizio De Nuccio *

Maurizio De Nuccio * Servizio sanitario L accreditamento: un sistema per la qualità in piena evoluzione La ricostruzione legislativa della normativa in materia Maurizio De Nuccio * La definizione data da Wikipedia, l'enciclopedia

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE DESTINAZIONE DEL TFR MATURANDO A PARTIRE DALL 01.01.2007 IN APPLICAZIONE DELL ART. 8 COMMA 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005 N. 252 Ogni lavoratore del settore

Dettagli

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA PROGETTARE IN EUROPA Risultati attesi La partecipazione ad un bando europeo presuppone, prima di tutto, lo sviluppo di un idea progettuale contenutisticamente

Dettagli

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO PROF. ANGELO SCALA Indice 1 LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO ---------------------------------------------- 3 Per il proficuo studio

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA

SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA IL FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI ISTITUZIONALI CENTRALI E TERRITORIALI DELLA REPUBBLICA COSTA 6,4 MILIARDI DI EURO (209

Dettagli

La Circolare Tributaria n.2 del 14 gennaio 2013. La riproduzione con qualsiasi metodo è vietata

La Circolare Tributaria n.2 del 14 gennaio 2013. La riproduzione con qualsiasi metodo è vietata Il Punto sull Iva Crediti Iva in compensazione: una risorsa finanziaria da gestire con cautela a cura di Fabio Garrini Non è certo raro di questi tempi negli studi professionali il fatto di imbattersi

Dettagli

Tecnologia. www.mbm.it

Tecnologia. www.mbm.it Il portale SCM permette di comunicare con il mondo esterno all azienda, in particolare con fornitori e lavoranti esterni, fornendo strumenti e metodologie per un trasferimento veloce e sicuro delle informazioni

Dettagli

Anna Frank. C.T.P. Adulti

Anna Frank. C.T.P. Adulti Anna Frank Tito Maccio Plauto San Giorgio C.T.P. Adulti Scuola Secondaria di primo grado Via Anna Frank di Cesena Progetto Macramè MEDIATORI CULTURALI aa.ss. 2008/2009-2009/2010 2009/2011 Scuola Secondaria

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Saluto Ministro La presentazione del Rapporto INVALSI sulle prove standardizzate condotte dagli studenti italiani è una importante scadenza per il mondo della scuola. Le prove condotte dall INVALSI forniscono

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA Dott. Mirio Camuzzi L area relativa alla emergenza/urgenza rappresenta uno dei nodi più critici della programmazione sanitaria e si propone come una delle

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

La proposta di modifica dell ISEE nazionale. Bozza del Documento Tecnico della Comunità professionale Anci Toscana ISEE

La proposta di modifica dell ISEE nazionale. Bozza del Documento Tecnico della Comunità professionale Anci Toscana ISEE La proposta di modifica dell ISEE nazionale Bozza del Documento Tecnico della Comunità professionale Anci Toscana ISEE Presentato in occasione del convegno ISEE: Modelli a confronto Scandicci, 18 aprile

Dettagli

Provincia di Cremona

Provincia di Cremona Provincia di Cremona REGOLAMENTO DELLA CONSULTA PROVINCIALE PER IL COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI CREMONA Approvato con Delibera di Consiglio Provinciale N 17 del

Dettagli

La metodologia del test con gli utenti adottata per Sapienza Università di Roma

La metodologia del test con gli utenti adottata per Sapienza Università di Roma La metodologia del test con gli utenti adottata per Sapienza Università di Roma Questo paper ha la finalità di illustrare come gli utenti web dell Università Sapienza di Roma abbiano partecipato al percorso

Dettagli

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora.

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora. Dieci anni di sanità in Puglia 19 maggio 2011 Brindisi di Emilio Gianicolo È arduo il compito di mostrare in poche righe punti di forza e punti di debolezza di un sistema sanitario in confronto ai sistemi

Dettagli

HEAD OF THE BOARD 2015. Corso per Consiglieri di Amministrazione

HEAD OF THE BOARD 2015. Corso per Consiglieri di Amministrazione HEAD OF THE BOARD 2015 Corso per Consiglieri di Amministrazione Che cos è Head of the board Il progetto Head of the Board 2015 : - è il corso per consigliere di amministrazione finalizzato a sostenere

Dettagli

Il Ministro per gli Affari Esteri

Il Ministro per gli Affari Esteri Decreto Ministeriale 16 marzo 2001, n. 032/655, Procedure di selezione ed assunzione di Personale a contratto. DM VISTATO REGISTRATO AL PERSONALE DALL UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO DM n. 032/655 PRESSO

Dettagli

Passaggio a Nord-Ovest

Passaggio a Nord-Ovest Passaggio a Nord-Ovest di Edoardo E. Macallè 16 settembre 2013 NIKKAIA Strategie 1 Breve, Brevissimo, Medio, Lungo: parole che un tempo qualificavano anche coloro che giusto su tali basi operative lavoravano

Dettagli

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI Convegno LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici 14 dicembre 2011 Intervento di Luciano Baggiani, Presidente dell ANEA

Dettagli

Prot. n. 198/1 Torino, 30 gennaio 2002 Circ. reg. nr. 19

Prot. n. 198/1 Torino, 30 gennaio 2002 Circ. reg. nr. 19 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Direzione Generale Regionale per il Piemonte Via Pietro Micca, 20-10122 Torino dirreg@scuole.piemonte.it Prot. n. 198/1 Torino, 30 gennaio 2002

Dettagli

VERBALE n 08 a.s. 2014/2015 DEL COLLEGIO DOCENTI DEL 19/05/2015

VERBALE n 08 a.s. 2014/2015 DEL COLLEGIO DOCENTI DEL 19/05/2015 VERBALE n 08 a.s. 2014/2015 DEL COLLEGIO DOCENTI DEL 19/05/2015 Il giorno 19 maggio 2015, alle ore 14,30, nei locali dell Aula Magna dell Istituto Roncalli, su convocazione scritta, si riunisce il Collegio

Dettagli

COMUNE DI FORMIGINE LA PROGRAMMAZIONE ED IL CONTROLLO DI GESTIONE; UN ESEMPIO PRATICO ADOTTATO IN UN COMUNE DI 30.000 ABITANTI

COMUNE DI FORMIGINE LA PROGRAMMAZIONE ED IL CONTROLLO DI GESTIONE; UN ESEMPIO PRATICO ADOTTATO IN UN COMUNE DI 30.000 ABITANTI COMUNE DI FORMIGINE LA PROGRAMMAZIONE ED IL CONTROLLO DI GESTIONE; UN ESEMPIO PRATICO ADOTTATO IN UN COMUNE DI 30.000 ABITANTI Premessa Queste note rappresentano un esemplificazione di alcune procedure

Dettagli

Patrizia DE MICHELIS. Data di nascita Roma, 12 maggio 1951. Amministrazione Presta servizio presso il Ministero della difesa dal 9 novembre 1976.

Patrizia DE MICHELIS. Data di nascita Roma, 12 maggio 1951. Amministrazione Presta servizio presso il Ministero della difesa dal 9 novembre 1976. CURRICULUM VITAE Informazioni personali Nome Patrizia DE MICHELIS Data di nascita Roma, 12 maggio 1951. Qualifica Dirigente amministrativo II fascia con decorrenza giuridica 1 aprile 2001. Amministrazione

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA?

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? La cosidetta LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI delle attività di commercio al dettaglio e di somministrazione, ulteriormente confermata dal decreto

Dettagli

Il trend del mercato residenziale e la performance delle agenzie di intermediazione immobiliare

Il trend del mercato residenziale e la performance delle agenzie di intermediazione immobiliare Il trend del mercato residenziale e la performance delle agenzie di intermediazione immobiliare Dati a cura di Sauro Spignoli Responsabile Osservatorio Economico Confesercenti Il mercato immobiliare, dopo

Dettagli