Digital Storage Oscilloscope (DSO)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Digital Storage Oscilloscope (DSO)"

Transcript

1 Digital Storage Oscilloscope (DSO) 1 Indice degli argomenti trattati Principio di funzionamento Richiami su campionamento e quantizzazione Campionamento in tempo reale e tempo equivalente Gestione del processo di acquisizione e modalità di acquisizione Schema operativo (2) Post-trigger e pre-trigger Random sampling Esempio di specifiche di DSO commerciale 2 1

2 DSO Principio di funzionamento 3 Principio di funzionamento Architettura tipica di uno strumento digitale Condizionamento del segnale analogico in misura Campionamento del segnale e conversione in forma numerica Memorizzazione Elaborazione dei campioni acquisiti Visualizzazione nel dominio del tempo 4 2

3 Principio di funzionamento Serial-processing architecture 5 Principio di funzionamento Serial-processing architecture Attenuazione/amplificazione del segnale analogico di ingresso 6 3

4 Principio di funzionamento Serial-processing architecture Campionamento e quantizzazione del segnale analogico in misura 7 Principio di funzionamento Serial-processing architecture Memorizzazione della sequenza di codici numerici prodotti dall ADC 8 4

5 Principio di funzionamento Serial-processing architecture Elaborazione dei campioni acquisiti 9 Principio di funzionamento Serial-processing architecture Visualizzazione della forma d onda 10 5

6 Principio di funzionamento Serial-processing architecture L oscilloscopio osserva il segnale di ingresso in alcuni intervalli temporali, ma è cieco durante altri. La probabilità di perdere porzioni significative del segnale in misura decresce al crescere del waveform capture rate, parametro espresso in waveform/s. 11 DSO Schema operativo (1) 12 6

7 13 Circuiti analoghi a quelli di un oscilloscopio analogico 14 7

8 Peculiarità comune a tutti gli strumenti digitali è la presenza di una o più interfacce di comunicazione: Controllo ollo automatico delle operazioni di misura Trasmissione dei dati acquisiti ad un sistema esterno (post-elaborazione) Dispositivi di Input/output 15 Due sezioni distinte dal punto di vista della velocità 16 8

9 Sezione da cui dipendono alcune importanti caratteristiche del DSO, quali: Banda passante B (Hz) Incertezza delle misure di ampiezza Frequenza di campionamento f c (Sa/s) Profondità di memoria (Sa) 17 I circuiti analogici di ingresso determinano il comportamento in frequenza dello strumento 18 9

10 È fornita la banda passante I circuiti B a 3 db, analogici considerando di lo strumento come un filtro passa-basso ingresso con determinano frequenza di il taglio superiore pari a B. comportamento in L ampiezza di un segnale sinusoidale con frequenza dello strumento frequenza B è attenuata del 30%!!! Volendo ridurre l effetto sull ampiezza al 2% si applica la regola del 5x, ossia: B = 5 f max dove f max è la più alta componente in frequenza del segnale in misura 19 La banda passante del DSO pone anche un limite alle misure di tempo di salita, secondo la relazione: t so = K / B dove la costante K assume valori compresi tra 0.35 e 0.45 in base al tipo di risposta in frequenza del DSO. ESEMPIO DSO con B = 500 MHz (K = 0.35) Tempo di salita proprio del DSO = 0.7 ns 20 10

11 La linearità e la stabilità di questi stadi contribuiscono all incertezza delle misure di ampiezza Nella modalità Coupling AC, la risposta in frequenza del DSO diventa quella di un filtro passa-banda con frequenza di taglio inferiore dell ordine di alcuni hertz 21 Il convertitore Analogico/Digitale fornisce una versione discreta del segnale in misura nel dominio del tempo (campionamento) e nel dominio dell ampiezza (quantizzazione). Principali parametri di interesse dell ADC Frequenza di campionamento (sample rate) Numero di bit con cui è codificato ciascun campione 22 11

12 Richiami su campionamento e quantizzazione 23 Richiami su campionamento e quantizzazione Se il campionamento non è sufficientemente fitto, non è possibile ricostruire fedelmente il segnale in misura 24 12

13 Richiami su campionamento e quantizzazione Da un punto di vista matematico, il campionamento può essere espresso come il prodotto tra il segnale analogico x(t) ed un treno di impulsi s(t) ( ) di durata infinitesima e periodo T C + = ( t kt C k = s ( t ) δ ) + k ( t) = x( t) δ( t kt C k= x ) 25 Richiami su campionamento e quantizzazione + k ( t) = x( t) δ( t kt C k= x ) Nel dominio della frequenza è il prodotto di convoluzione tra le trasformate di Fourier di x(t) ed s(t) S( ω) = ω C + k= 2π δ ( ω kωc ); ωc = T C + k= X ( ω) = X( ω) S( ω) = ω X( ω kω ) C C C 26 13

14 Richiami su campionamento e quantizzazione Segnale x(t) a banda limitata f max La ricostruzione del segnale analogico x(t) richiede l impiego di un filtro passa-basso 27 Richiami su campionamento e quantizzazione Il segnale analogico può essere ricostruito fedelmente se vale la relazione espressa dal teorema del campionamento (o di Shannon): f c 2 f max In pratica, la condizione f c = 2 f max non ha interesse. Filtro ideale, fisicamente non realizzabile L anti-trasformata del filtro passa-basso ideale è la funzione sync t 28 14

15 Richiami su campionamento e quantizzazione Il segnale analogico (tempo-continuo) può essere ricostruito impiegando una funzione di pesatura sync: x + f sin xk t n= π () t = () 1 [ π fc ( t ntc ) ] fc( t nt ) C 2T 3T T C 2T C 3T C t ma sono necessari infiniti campioni!!! 29 Richiami su campionamento e quantizzazione In pratica, il rapporto f c /f max adatto a ricostruire in modo adeguato il segnale in misura dipende dalla tecnica di interpolazione impiegata fc Non è necessario interpolare (è > 20 f sufficiente la visualizzazione per punti) max 20 f > c > 10 f max È sufficiente un interpolatore lineare 10 > f f c > max 2.5 È necessario interpolare impiegando una funzione di pesatura sync 30 15

16 Richiami su campionamento e quantizzazione Esempio: segnale caratterizzato da f max = 1.5 khz t (s) x Richiami su campionamento e quantizzazione 2 f c = 40 khz (> 20 f max ) fc = 40 khz t (s) x t (s) x

17 Richiami su campionamento e quantizzazione 2 f c = 16.6 khz ( 11 f max ) fc = 16 khz t (s) x t (s) x Richiami su campionamento e quantizzazione 2 f c = 16.6 khz ( 11 f max ) fc = 16 khz 0 2 fc = 16 khz t (s) 1 2 x t (s) x t (s) x 10-3 Interpolazione lineare 34 17

18 Richiami su campionamento e quantizzazione 2 f c = 6 khz (= 4 f max ) fc = 6 khz t (s) x t (s) x Richiami su campionamento e quantizzazione 2 f c = 6 khz (= 4 f max ) fc = 6 khz 0 2 fc = 6 khz t (s) x t (s) x t (s) x 10-3 Interpolazione sync 36 18

19 Richiami su campionamento e quantizzazione Se il teorema del campionamento non è soddisfatto, è impossibile ricostruire fedelmente il segnale in misura (fenomeno dell ALIASING) NOTA Il segnale in misura non è mai a banda limitata (dovrebbe essere osservato da - a + ). Se le componenti in frequenza oltre f c /2 sono significative, la ricostruzione non è fedele si può limitare il contenuto in frequenza del segnale in misura mediante un filtro passa-basso ( anti-aliasing ) Negli oscilloscopi digitali NON è presente un filtro anti-aliasing 37 Richiami su campionamento e quantizzazione Il processo di quantizzazione nel dominio dell ampiezza introduce un ambiguità nell interpretazione dei codici numerici presenti all uscita di un ADC Caratteristica ingresso/uscita ideale di un ADC bipolare a 3 bit { Tensione di quantizzazione V q = V 2 FR Nb 38 19

20 Richiami su campionamento e quantizzazione Il processo di quantizzazione nel dominio dell ampiezza introduce un ambiguità nell interpretazione dei codici numerici presenti all uscita di un ADC Caratteristica ingresso/uscita ideale di un ADC bipolare a 3 bit { A tutti i valori di V in compresi in un intervallo di quantizzazione è associato lo stesso codice numerico 39 Richiami su campionamento e quantizzazione Caratteristica uscita/ingresso nominale (invertibile) di un ADC bipolare a 3 bit 40 20

21 Richiami su campionamento e quantizzazione Errore di quantizzazione 41 Richiami su campionamento e quantizzazione Errore di quantizzazione Non può essere corretto, in quanto V in non è nota. Rappresenta un contributo di incertezza (di quantizzazione): modello deterministico δe q = 0, 5 V q modello probabilistico 0,5 V q u ( e q ) = 3 La riduzione dell incertezza di quantizzazione richiede di ridurre l intervallo di quantizzazione a parità di campo di misura, si tratta di aumentare il numero di bit N b 42 21

22 Nei DSO, l ADC è solitamente di tipo flash (o parallelo) frequenza di campionamento massima f cmax dell ordine dei gigasample/s numero di bit non superiore a 10 (tipicamente N b = 8) 43 ESEMPIO: f cmax = 500 MSa/s; N b = 8; V FR = 10 V Possono essere ricostruiti fedelmente segnali con contenuto in frequenza limitato a circa 200 MHz V V 2 q FR δ eq = = Nb V = V Se V in = 5 V, l incertezza relativa di quantizzazione è pari allo 0.4% 44 22

23 La frequenza di campionamento è impostata dall operatore in modo indiretto, agendo sul comando time/div della sezione Base Tempi. tipicamente si mantiene costante il numero di campioni impiegato per ricostruire la forma d onda visualizzata sullo schermo. 45 DSO Gestione del processo di acquisizione 46 23

24 Gestione del processo di acquisizione In corrispondenza dell evento di trigger è avviata la fase di conversione A/D, con una frequenza di campionamento legata all impostazione time/div e per una durata tale da ottenere il numero predefinito di campioni. 47 Gestione del processo di acquisizione Sample point Record length 48 24

25 Gestione del processo di acquisizione I campioni acquisiti (sample points) sono trasferiti alla memoria di acquisizione, che è organizzata come una coda FIFO (First-In/First-out). Il ciclo di scrittura di ciascun campione deve avvenire in un tempo inferiore a t c se f cmax = 1 GSa/s, il ciclo di scrittura minimo è pari ad 1 ns costo elevato Il ciclo di lettura può essere eseguito a velocità inferiore. 49 Gestione del processo di acquisizione Una volta trasferiti alla memoria interna, i campioni acquisiti possono essere conservati per un tempo indefinito se non si verificano altri eventi di trigger. Lo schermo del DSO può quindi essere aggiornato continuamente, anche nel caso di segnali non ripetitivi i La capacità di visualizzare segnali transitori è una delle principali peculiarità di un DSO 50 25

26 Gestione del processo di acquisizione L acquisizione di segnali transitori deve essere eseguita rispettando il teorema del campionamento, ma nel caso di segnali ripetitivi, è possibile procurarsi i campioni necessari a ricostruire la forma d onda dalle successive ripetizioni del segnale. Nel primo caso si parla di campionamento in tempo reale mentre per segnali ripetitivi i si può operare mediante il campionamento in tempo equivalente 51 Campionamento in tempo equivalente Lo schema analizzato permette di operare secondo la tecnica del campionamento sequenziale: ogni volta che si verifica l evento di trigger, l acquisizione è avviata dopo un ritardo crescente (0, Δt, 2 Δt, 3 Δt, ) una volta acquisito un numero di campioni corrispondenti al record length, si procede a ordinarli sull asse dei tempi (è nota la loro posizione rispetto all evento di trigger) Questa tecnica garantisce di prelevare campioni diversi ad ogni evento di trigger

27 Campionamento in tempo equivalente 53 Campionamento in tempo equivalente Il passo tra i vari campioni è pari a Δt 54 27

28 Campionamento in tempo equivalente Operando secondo la tecnica del campionamento sequenziale, si ottiene una frequenza di campionamento equivalente: 1 f c eq = > fc Δt Per questo motivo, la banda B dei circuiti di ingresso è solitamente superiore ad f c /2 (limite imposto dal teorema del campionamento) L inconveniente di questa tecnica (adatta solo a segnali ripetitivi) è l elevata durata del processo di acquisizione 55 DSO multicanale soluzione a basso costo Gli N canali di ingresso (solitamente 2 o 4) condividono lo stesso ADC attraverso un multiplexer Ciascun canale è campionato alla frequenza f c /N In realtà si campiona ad una frequenza inferiore per problemi di settling time I campioni dei vari canali non sono simultanei 56 28

29 DSO multicanale soluzione ad alte prestazioni Un ADC per ciascun canale di ingresso Evita gli inconvenienti della soluzione precedente, ma Costi elevati 57 DSO multicanale capacità di trigger Oltre alle capacità di trigger tipiche degli oscilloscopi analogici (source, coupling, level, slope), nei DSO sono disponibili funzionalità avanzate. Condizioni di trigger multicanale CH1: levell 2V ; slope + CH2: livello logico (TTL) High Condizioni di trigger qualificato CH1: livello logico (TTL) Low CH2: pulse width < 10 ns 58 29

30 DSO multicanale capacità di trigger NOTA Lo schema finora analizzato permette di visualizzare esclusivamente porzioni di segnale successive all evento di trigger (post-trigger), come avviene nell oscilloscopio analogico. 59 Sezione a bassa velocità del DSO, a cui competono le seguenti funzioni: Elaborazione Visualizzazione In/Out 60 30

31 Il micro-processore gestisce il funzionamento dell intero sistema ed esegue l elaborazione dei campioni L evoluzione dei DSO ha portato all impiego di più μp, ciascuno dedicato ad una specifica funzione (acquisizione, elaborazione, visualizzazione, ) 61 I campioni acquisiti e trasferiti nella memoria interna possono essere soggetti a diversi algoritmi di elaborazione: Stima di parametri di ampiezza (V pp, V mean, V rms, ) e di tempo (T, f, PW, t s, ) analisi spettrale (DFT) interpolazione 62 31

32 I dati di uscita dell algoritmo di interpolazione (dots, linear, sync), ossia i punti dell oscillogramma, sono trasferiti alla memoria video, le cui celle sono organizzate come una matrice HxL: le celle della memoria video sono associate agli HxL pixel in cui è suddiviso lo schermo del tubo a raggi catodici (CRT) 63 Visualizzazione dell oscillogramma Il CRT è comunemente del tipo a deflessione magnetica ed impiega una scansione di tipo raster scan, come quella impiegata nei monitor dei PC: i segnali generati dal video controller ed inviati alle placchette di deflessione orizzontale e verticale del CRT, permettono al pennello elettronico l intera scansione dello schermo 64 32

33 Visualizzazione dell oscillogramma Traiettoria di scansione La scansione dello schermo è eseguita contemporaneamente alla scansione della memoria video Il contenuto di ciascuna cella della memoria video indica lo stato del pixel corrispondente 65 Visualizzazione dell oscillogramma Un importante differenza rispetto all oscilloscopio analogico è legata al fatto che la banda passante dell intero sistema è indipendente dal CRT ed è legata esclusivamente agli stadi analogici i di ingresso 66 33

34 Modalità di acquisizione In un DSO è possibile controllare il modo in cui sono creati i punti dell oscillogramma (waveform f points) ) a partire dai campioni presenti all uscita dell ADC (sample points). Modalità più comuni: Sample mode Average mode Peak detect mode Envelop mode High-resolution mode 67 Modalità di acquisizione Sample mode È la modalità più semplice, che prevede la costruzione dei waveform points a partire da sample points ottenuti con un periodo di campionamento t c pari al periodo dei punti dell oscillogramma (waveform interval t W ) ( ) 1 D t Time/div 10 t c = t W = = = f N N W dove N W è il numero di waveform points visualizzati sullo schermo W W 68 34

35 Modalità di acquisizione Sample mode Esempio: Time/div = 0.1 ms/div D t = 1 ms N W = ms t W = = 2 μs fw = 500 ksa/s 500 La frequenza di campionamento dell ADC sarà quindi impostata a 500 ksa/s 69 Modalità di acquisizione Average mode La frequenza di campionamento dell ADC è fissata come nella modalità sample, quindi t c = t w L oscillogramma è costruito mediando i waveform points di acquisizioni successive Riduzione del rumore senza perdita di banda passante Applicabile nel caso di segnali ripetitivi 70 35

36 Modalità di acquisizione Peak-detect mode La frequenza di campionamento dell ADC è mantenuta al massimo valore possibile indipendentemente dall impostazione time/div, quindi t c < t w I waveform points sono costituiti dal minimo e dal massimo valore dei sample points acquisiti durante due waverform interval t w Questa modalità permette di catturare impulsi brevi anche quando si acquisisce un intervallo di tempo elevato 71 Modalità di acquisizione Peak-detect mode Sample mode Glitch catturato come minimo sample-point in due waveform intervals adiacenti Bassa probabilità di catturare il glitch nella modalità sample 72 36

37 Modalità di acquisizione Envelop mode Modalità simile al peak-detect mode, per cui t c < t w I minimi ed i massimi waveform points di acquisizioni successive sono utilizzati per costruire un oscillogramma che mostra gli inviluppi minimo e massimo del segnale in misura 73 Modalità di acquisizione High-resolution mode Modalità simile al peak-detect mode, per cui t c < t w Ciascun waveform point è ottenuto come valor medio dei sample points corrispondenti ad un waveform interval t w Questa modalità permette di ridurre il rumore e migliorare la risoluzione nel caso di segnali con variazioni lente rispetto alla frequenza di campionamento 74 37

38 Modalità di acquisizione High-resolution mode waveform point Sample points 75 DSO Schema operativo (2) 76 38

39 Schema operativo (2) L evoluzione dei DSO ha riguardato soprattutto la gestione del processo di acquisizione, con importanti ricadute sulle capacità di trigger 77 Schema operativo (2) Il convertitore ADC opera continuamente alla massima frequenza di campionamento (modalità free-running) Il blocco a valle dell ADC opera una decimazione di ordine N La memoria di acquisizione è organizzata come un buffer circolare L avvio del processo di acquisizione non è più determinato dall evento di trigger 78 39

40 Schema operativo (2) Il blocco decimatore permette di ridurre il numero di sample points impiegati dall algoritmo di interpolazione nel caso di segnale sovracampionato Esempio f cmax = 1 GSa/s; campionamento di un segnale periodico con f = 1 khz Time/div = 0.1 ms/div, che corrisponde a D t = 1 ms Numero di sample points: 1 MSa!!! 79 Schema operativo (2) Il puntatore in scrittura avanza alla velocità dell ADC (ridotta eventualmente del fattore di decimazione N) Puntatore in scrittura 80 40

41 Schema operativo (2) Il puntatore in scrittura avanza alla velocità dell ADC (ridotta eventualmente del fattore di decimazione N) 81 Schema operativo (2) Il puntatore in scrittura avanza alla velocità dell ADC (ridotta eventualmente del fattore di decimazione N) 82 41

42 Schema operativo (2) Il puntatore in lettura scandisce la porzione di memoria di acquisizione che è trasferita alla memoria interna Puntatore in lettura 83 Schema operativo (2) L evento di trigger determina l avvio del ciclo di lettura del buffer circolare 84 42

43 Schema operativo (2) L evento di trigger determina l avvio del ciclo di lettura del buffer circolare 85 Schema operativo (2) Porzione di segnale visualizzato sullo schermo del DSO post-trigger trigger 86 43

44 Schema operativo (2) La memoria di acquisizione contiene anche i sample points che precedono l evento di trigger, che possono essere trasferiti alla memoria interna posizionando opportunamente il puntatore in lettura 87 Schema operativo (2) Porzione di segnale visualizzato sullo schermo del DSO pre-trigger 88 44

45 Schema operativo (2) È possibile posizionare il puntatore in lettura a cavallo dell evento di trigger, ottenendo la visualizzazione di una porzione di segnale antecedente e una porzione seguente l evento di trigger pre/post-trigger 89 Schema operativo (2) Campionamento in tempo equivalente La modalità free-running dell ADC impedisce l impiego della tecnica del campionamento sequenziale In questo caso, per segnali in misura ripetitivi, si adotta la tecnica del campionamento casuale (random sampling) 90 45

46 Schema operativo (2) Campionamento in tempo equivalente random sampling Gli impulsi di campionamento sono asincroni rispetto all evento di trigger 91 Schema operativo (2) Campionamento in tempo equivalente random sampling L evento di trigger è utilizzato come riferimento temporale per determinare la posizione i dei vari campioni i 92 46

47 Schema operativo (2) Campionamento in tempo equivalente random sampling A differenza del campionamento sequenziale, la tecnica random sampling non garantisce l acquisizione di campioni diversi dalle varie ripetizioni del segnale Se il rapporto T s /t c è un numero razionale, si acquisiscono sempre gli stessi campioni Situazione limite: T s = t c Si acquisisce i sempre lo stesso campione Il segnale in misura è ricostruito come una tensione continua 93 47

Oscilloscopi numerici Indice

Oscilloscopi numerici Indice 1 Indice unità 5 Struttura dello strumento Modalità di campionamento Modalità di trigger Presentazione Problemi di ricostruzione del segnale Prestazioni 2 Oscilloscopi numerici 3 Indice Generalità sul

Dettagli

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Area Didattica di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Lezioni del Corso di Misure Industriali 1 Università degli Studi di Cassino

Dettagli

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE Condizionamento ed acquisizione del segnale Prof. Salvatore Nuccio salvatore.nuccio@unipa.it, tel.: 0916615270 1 Circuito di condizionamento Un sensore/trasduttore (S/T)

Dettagli

Gli Oscilloscopi INDICE. A cura di ing. Domenicantonio Grillo

Gli Oscilloscopi INDICE. A cura di ing. Domenicantonio Grillo Gli Oscilloscopi A cura di ing. Domenicantonio Grillo INDICE 1 L oscilloscopio pag. 1 1.1 Lo schermo pag. 1 1.2 Tipi di oscilloscopi pag. 2 2 Oscilloscopi analogici pag. 2 2.1 Il tubo a raggi catodici

Dettagli

(25 min) Esercizio 1. 1a) Vedi libro e appunti del corso.

(25 min) Esercizio 1. 1a) Vedi libro e appunti del corso. (5 min) Esercizio 1 1) Con una scheda di acquisizione dati, con dinamica d ingresso bipolare, si devono misurare i seguenti segnali su un circuito: V 1 tensione di alimentazione di una connessione USB

Dettagli

STRUMENTAZIONE ELETTRONICA. Generatore di segnale

STRUMENTAZIONE ELETTRONICA. Generatore di segnale Strumentazione Elettronica pag. 1 STRUMENTAZIONE ELETTRONICA Generatore di segnale Il generatore di segnale è genericamente lo strumento che fornisce la sollecitazione nella analisi di rete e assume diversi

Dettagli

Elementi di teoria dei segnali /b

Elementi di teoria dei segnali /b Elementi di teoria dei segnali /b VERSIONE 29.4.01 Filtri e larghezza di banda dei canali Digitalizzazione e teorema del campionamento Capacità di canale e larghezza di banda Multiplexing e modulazioni

Dettagli

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A)

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) ELABORAZIONE ANALOGICA O DIGITALE DEI SEGNALI ELABORAZIONE ANALOGICA ELABORAZIONE DIGITALE Vantaggi dell elaborazione

Dettagli

L ACQUISIZIONE DIGITALE DEI SEGNALI I vantaggi principali dei sistemi digitali consistono in: elevata insensibilità ai disturbi bassa incertezza con costi relativamente contenuti compatibilità intrinseca

Dettagli

Esperienza n. 8 Uso dell oscilloscopio analogico

Esperienza n. 8 Uso dell oscilloscopio analogico 1 L oscilloscopio consente di visualizzare forme d onda e più in generale è un dispositivo che visualizza una qualunque funzione di 2 variabili. Per fare ciò esse devono essere o essere trasformate in

Dettagli

Sistema acquisizione dati

Sistema acquisizione dati 12 Sistema acquisizione dati 3.1 Introduzione: Per convertire i segnali analogici trasmessi dai sensori in segnali digitali dobbiamo usare i convertitori analogici digitali o più comunemente chiamati ADC(Analog-to-Digital

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 4 MACCHINA DI VON NEUMANN Anni 40 i dati e i programmi che descrivono come elaborare i dati possono essere codificati nello

Dettagli

Misure di frequenza e di tempo

Misure di frequenza e di tempo Misure di frequenza e di tempo - 1 Misure di frequenza e di tempo 1 - Contatori universali Schemi e circuiti di riferimento Per la misura di frequenza e di intervalli di tempo vengono diffusamente impiegati

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

SISTEMI DI ACQUISIZIONE

SISTEMI DI ACQUISIZIONE SISTEMI DI ACQUISIZIONE Introduzione Lo scopo dei sistemi di acquisizione dati è quello di controllo delle grandezze fisiche sia nella ricerca pura, nelle aziende e, per i piccoli utenti. I vantaggi sono:

Dettagli

Conversione A/D. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Conversione A/D. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Conversione A/D Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali Luca Facchini e-mail: luca.facchini@unifi.it Introduzione Quali strumenti vengono utilizzati? Le grandezze di interesse nelle

Dettagli

Analisi della qualità dell energia

Analisi della qualità dell energia Analizzatore della qualità di rete per installazione fissa QNA 412 e 413 Analizzatore della qualità di rete per installazione fissa QNA 202 e 303 Analizzatore tot ale della qualità di rete 3196 Analisi

Dettagli

Introduzione agli oscilloscopi

Introduzione agli oscilloscopi o s c i l l o s c o p i Indice Introduzione...3 Integrità del segnale Significato dell integrità del segnale..................................4 Perché l integrità del segnale è un problema?...........................4

Dettagli

ESPERIENZE DI LABORATORIO

ESPERIENZE DI LABORATORIO MISURE ELETTRICHE INDUSTRIALI (01GKDFD) ESPERIENZE DI LABORATORIO A.A. 010 011 GRUPPO 09 Faustino elettrix01 Ezio Maxwell LABORATORIO 01 Acquisizione dati attraverso una DAQ Board Obiettivi Comprendere

Dettagli

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Strumenti Digitali Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI ESAME DI SAO DI ISIUO POFESSIONALE A.S. 2000/2001 Indirizzo: ECNICO DELLE INDUSIE ELEONICHE ema di: ELEONICA, ELECOMUNICAZIONI E APPLICAZIONI Il candidato, formulando di volta in volta tutte le ipotesi

Dettagli

DISCRETIZZAZIONE DI UN SEGNALE ANALOGICO:

DISCRETIZZAZIONE DI UN SEGNALE ANALOGICO: DISCRETIZZAZIONE DI UN SEGNALE ANALOGICO: nel processo di digitalizzazione che permette di convertire un segnale analogico in modo da poterlo elaborare con dispositivi numerici di calcolo, si operano due

Dettagli

Taratura di un multicanale

Taratura di un multicanale COSO DI LABOATOIO DI FISICA A Scopo dell esperienza è la verifica della relazione lineare tra il canale individuato da un analizzatore multicanale (M.C.A.) e la carica elettrica media relativa a segnali

Dettagli

Dispense del corso di Elettronica Ls Prof. Guido Masetti

Dispense del corso di Elettronica Ls Prof. Guido Masetti Dispense del corso di Elettronica Ls Prof. Guido Masetti Elaborazione dei segnali 1 Sommario Elaborazione del segnale Sistemi lineari tempo invarianti (LTI), tempocontinui e tempo-discreti Analisi di Fourier

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Il Campionameto dei segnali e la loro rappresentazione. 1 e prende il nome frequenza di

Il Campionameto dei segnali e la loro rappresentazione. 1 e prende il nome frequenza di Il Campionameto dei segnali e la loro rappresentazione Il campionamento consente, partendo da un segnale a tempo continuo ovvero che fluisce con continuità nel tempo, di ottenere un segnale a tempo discreto,

Dettagli

1 - I segnali analogici e digitali

1 - I segnali analogici e digitali 1 - I segnali analogici e digitali Segnali analogici Un segnale analogico può essere rappresentato mediante una funzione del tempo che gode delle seguenti caratteristiche: 1) la funzione è definita per

Dettagli

Lab 4 Filtri con amplificatori operazionali

Lab 4 Filtri con amplificatori operazionali Aggiungendo alcuni condensatori e resistenze ad un semplice circuito con amplificatore operazionale (Op Amp) si possono ottenere molti circuiti analogici interessanti come filtri attivi, integratori e

Dettagli

MISURE CON L OSCILLOSCOPIO

MISURE CON L OSCILLOSCOPIO MISURE CON L OSCILLOSCOPIO Misure di ampiezza (1/4) Per effettuare misure di ampiezza con l oscilloscopio l di norma si eseguono in sequenza i seguenti passi: 1. Si procede innanzitutto alla predisposizione

Dettagli

Introduzione alle reti di telecomunicazioni

Introduzione alle reti di telecomunicazioni Introduzione alle reti di telecomunicazioni La comunicazione Nello studio dei sistemi di telecomunicazione si è soliti fare riferimento a tre entità fondamentali: il messaggio, che rappresenta l oggetto

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE DI BARONISSI IND. TECNICO INDUSTRIALE INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI. Programmazione A. S. 2012-2013 ELETTRONICA

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE DI BARONISSI IND. TECNICO INDUSTRIALE INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI. Programmazione A. S. 2012-2013 ELETTRONICA Classi quarte 1. Reti elettriche in a. c. Periodo: settembre/ottobre novembre/dicembre ore 60 1. La funzione sinusoidale. 2. Rappresentazione vettoriale della grandezze sinusoidali. 3. I componenti passivi

Dettagli

Corso di Fondamenti di Segnali e Trasmissione - Appello del 07 Settembre 2005

Corso di Fondamenti di Segnali e Trasmissione - Appello del 07 Settembre 2005 Corso di Fondamenti di Segnali e Trasmissione - Appello del 07 Settembre 2005 Gli esercizi devono essere risolti solo sui fogli dei colori indicati Per esiti e soluzioni si veda il sito web del corso:

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID SISTEMI OPERATIVI 08.c Gestione dei dischi e sistemi RAID Gestione dei dischi Caratteristiche dei dischi magnetici Schedulazione degli accessi al disco Sistemi RAID 1 Struttura meccanica 2 traccia testina

Dettagli

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica D.Gamba,P.P.Trapani April 9, 2004 1 1 Circuiti Digitali Integrati: Timer, ADC e DAC In questo Lab. si imparera ad usare alcuni circuiti integrati

Dettagli

Tensioni variabili nel tempo e Oscilloscopio

Tensioni variabili nel tempo e Oscilloscopio ensioni variabili nel tempo e Oscilloscopio RIASSUNO: ensioni variabili e periodiche Ampiezza, valor medio, ed RMS Generatori di forme d onda ensioni sinusoidali Potenza : valore medio e valore efficace

Dettagli

Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale.

Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale. Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale. Il segnale generato dai trasduttori in genere non è idoneo per la diretta elaborazione da parte dell unità di governo che realizza un algoritmo di controllo,

Dettagli

Lezione 8: Suono (1) Sommario. Informatica Multimediale. Docente: Umberto Castellani

Lezione 8: Suono (1) Sommario. Informatica Multimediale. Docente: Umberto Castellani Lezione 8: Suono (1) Informatica Multimediale Docente: Umberto Castellani Sommario Introduzione al suono Rappresentazione del suono Elaborazione digitale Standard MIDI Sintesi del suono Parlato (Speech)

Dettagli

Analisi spettrale. Applicazioni. Specifiche di un analizzatore di spettro. analizzatori di spettro. Specifiche di un analizzatore di spettro (2)

Analisi spettrale. Applicazioni. Specifiche di un analizzatore di spettro. analizzatori di spettro. Specifiche di un analizzatore di spettro (2) Analisi spettrale Che cos è lo spettro di un segnale? Perché e come si misura? Sia x(t) un segnale nel dominio del tempo. La sua trasormata di Fourier vale: X ( ) = + x( t) e jπ t < < + Le misure nel dominio

Dettagli

Introduzione all Analisi dei Segnali

Introduzione all Analisi dei Segnali Tecniche innovative per l identificazione delle caratteristiche dinamiche delle strutture e del danno Introduzione all Analisi dei Segnali Prof. Ing. Felice Carlo PONZO - Ing. Rocco DITOMMASO Scuola di

Dettagli

M320 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI

M320 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI M320 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTIALE COSO DI ODINAMENTO Indirizzo: ELETTONICA E TELECOMUNICAZIONI Tema di: ELETTONICA (Testo valevole per i corsi di ordinamento e per i corsi del progetto

Dettagli

Nota di Copyright. Leonardo Fanelli Urbino - Ottobre 05

Nota di Copyright. Leonardo Fanelli Urbino - Ottobre 05 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slide) è protetto dalle leggi sul copyright e dalle disposizioni dei trattati internazionali. Il titolo e i copyright relativi alle slides

Dettagli

Introduzione all acquisizione Dati

Introduzione all acquisizione Dati Introduzione all acquisizione Dati Laboratorio di Robotica Industriale Evoluzione della strumentazione Introduzione all acquisizione dati - 2 Trend nella strumentazione Introduzione all acquisizione dati

Dettagli

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso INFORMAZIONE AGLI UTENTI ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 15 Attuazione delle Direttive 2002/95/ CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell uso di sostanze

Dettagli

acquisire informazioni su grandezze analogiche, trasformandole in stringhe di bit

acquisire informazioni su grandezze analogiche, trasformandole in stringhe di bit Convertitori analogico/digitali Un convertitore analogico digitale ha la funzione inversa a quella di un convertitore DAC, poiché il suo scopo è quello di permetter ad un sistema a microprocessore di acquisire

Dettagli

Elaborazione di segnali biologici

Elaborazione di segnali biologici Modulo 4 Elaborazione di segnali biologici Bioingegneria per fisioterapisti Univ.degli Studi di Siena Laurea Univ. in Fisioterapia Ing. A. Rossi Sistemi acquisizione dati Conversione da segnale Analogico

Dettagli

1 - I segnali analogici e digitali

1 - I segnali analogici e digitali 1 1 - I segnali analogici e digitali Segnali analogici Un segnale analogico può essere rappresentato mediante una funzione del tempo che gode delle seguenti caratteristiche: 1) la funzione è definita per

Dettagli

Sistemi di acquisizione dati

Sistemi di acquisizione dati Sistemi di acquisizione dati - 1 Sistemi di acquisizione dati 1 - Configurazioni tipiche Generalità L impiego di tecniche numeriche per la rappresentazione dei segnali consente la successiva elaborazione

Dettagli

DATA LOGGER. Modello LR8410/20 LR8400/20 LR8401/20 LR8402/20 LR8431/20 8423. Portate: K, J, E, T, N, R, S, B, W, da -200 C a +2000 C

DATA LOGGER. Modello LR8410/20 LR8400/20 LR8401/20 LR8402/20 LR8431/20 8423. Portate: K, J, E, T, N, R, S, B, W, da -200 C a +2000 C DATA LOGGER Data Logger Misure Tensione Vcc Modello LR8410/20 LR8400/20 LR8401/20 LR8402/20 LR8431/20 8423 Temperatura termocoppie Temperatura termoresistenze PT100 e jpt100, a +800 C Umidità con sensore

Dettagli

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E MODULO 1: MANIPOLAZI ONE DEL SEGNALE AUDI O G.PRESTI - 12/03/2015 - LE ZI ON E 2 1. CONVERSIONE DA ANALOGICO A DIGITALE Convertire un segnale

Dettagli

CAPITOLO 16 ACQUISIZIONE ED ELABORAZIONE DEI SEGNALI

CAPITOLO 16 ACQUISIZIONE ED ELABORAZIONE DEI SEGNALI 352 CAPITOLO 16 ACQUISIZIONE ED ELABORAZIONE DEI SEGNALI Un settore importante dell'elettronica che svolge la funzione di interfaccia tra le grandezze fisiche reali e quelle elettriche è il settore che

Dettagli

Circuiti Elettrici. Un introduzione per studenti di Fisica. Giulio D Agostini. Dipartimento di Fisica, Università La Sapienza, Roma

Circuiti Elettrici. Un introduzione per studenti di Fisica. Giulio D Agostini. Dipartimento di Fisica, Università La Sapienza, Roma Circuiti Elettrici Un introduzione per studenti di Fisica Giulio D Agostini Dipartimento di Fisica, Università La Sapienza, Roma 6 marzo 2015 ii Indice 1 Forze gravitazionali e forze elettriche 1 1.1 Forze

Dettagli

Analisi dei sistemi di controllo a segnali campionati

Analisi dei sistemi di controllo a segnali campionati Analisi dei sistemi di controllo a segnali campionati Sistemi di controllo (già analizzati) Tempo continuo (trasformata di Laplace / analisi in frequenza) C(s) controllore analogico impianto attuatori

Dettagli

Imaging. Informatica. Prof. Pierpaolo Vittorini pierpaolo.vittorini@univaq.it

Imaging. Informatica. Prof. Pierpaolo Vittorini pierpaolo.vittorini@univaq.it pierpaolo.vittorini@univaq.it Università degli Studi dell Aquila Dip.to di Medicina Interna, Sanità Pubblica, Scienze della Vita e dell Ambiente Codifica di segnali I segnali provenienti da un apparato

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA CLASSE 5H Docenti: Raviola Giovanni Moreni Riccardo Disciplina: Sistemi elettronici automatici PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE COMPETENZE FINALI Al termine

Dettagli

Design and Implementation of a Wideband Channel Sounder for Low-Voltage Powerlines

Design and Implementation of a Wideband Channel Sounder for Low-Voltage Powerlines Università di Modena e Reggio Emilia Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Design and Implementation of a Wideband Channel Sounder for Low-Voltage Powerlines Ing. Fabio Gianaroli Prof. Fabrizio Pancaldi

Dettagli

Aspetti di carattere generale. Front-end analogico

Aspetti di carattere generale. Front-end analogico Aspetti di carattere generale Front-end analogico Front-end analogico Front-end! analogico Front-end analogico Circuitistica necessaria per trattare i segnali analogici prelevati dai sensori e filtrare

Dettagli

Periferiche di I/O. Architettura di Von Neumann. 02 novembre 2006 BUS. Schema generale di tipo funzionale del calcolatore.

Periferiche di I/O. Architettura di Von Neumann. 02 novembre 2006 BUS. Schema generale di tipo funzionale del calcolatore. Periferiche di I/O 02 novembre 2006 Architettura di Von Neumann Schema generale di tipo funzionale del calcolatore Unità Centrale Memoria Centrale Interfacce delle Periferiche BUS DATI BUS BUS CONTROLLO

Dettagli

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza Modulazioni Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 06 Modulazioni 1/29 Comunicazione a lunga distanza I segnali elettrici si indeboliscono quando viaggiano su un

Dettagli

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema I semestre 03/04 Trasmissione Dati Trasmissione Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Ogni tipo di informazione può essere rappresentata come insieme

Dettagli

1.1 Il processo di conversione da analogico a digitale

1.1 Il processo di conversione da analogico a digitale Capitolo 1 La conversione Analogico/Digitale Introduzione Come già visto nell'introduzione, l uso di strumentazione numerica per la misura e l elaborazione dei segnali elettrici corrispondenti alle più

Dettagli

Introduzione all analisi dei segnali digitali.

Introduzione all analisi dei segnali digitali. Introduzione all analisi dei segnali digitali. Lezioni per il corso di Laboratorio di Fisica IV Isidoro Ferrante A.A. 2001/2002 1 Segnali analogici Si dice segnale la variazione di una qualsiasi grandezza

Dettagli

Lezione 3: Architettura del calcolatore

Lezione 3: Architettura del calcolatore Lezione 3: Architettura del calcolatore Architettura di Von Neumann BUS, CPU e Memoria centrale Ciclo di esecuzione delle istruzioni Architettura del calcolatore Il calcolatore è: uno strumento programmabile

Dettagli

Corso Elettronica Industriale Anno Accademico 2005-2006. Prof Ing Lorenzo Capineri

Corso Elettronica Industriale Anno Accademico 2005-2006. Prof Ing Lorenzo Capineri AMPLIFICATORI IN CLASSE D Corso Elettronica Industriale Anno Accademico 25-26 Prof Ing Lorenzo Capineri Indice 1. Generalità degli amplificatori in Classe D 1.1 Risposta in frequenza 2. Principio di funzionamento

Dettagli

ELETTRONICA Tema di Sistemi elettronici automatici Soluzione

ELETTRONICA Tema di Sistemi elettronici automatici Soluzione ELETTRONICA Tema di Sistemi elettronici automatici Soluzione La traccia presenta lo sviluppo di un progetto relativo al monitoraggio della temperatura durante un processo di produzione tipico nelle applicazione

Dettagli

Convertitore analogico-digitale PicoScope 6407

Convertitore analogico-digitale PicoScope 6407 YE AR Convertitore analogico-digitale PicoScope 6407 CONVERTITORE ANALOGICO-DIGITALE AD ALTE PRESTAZIONI Potente e Programmabile Larghezza di banda 1 GHz Buffer da 1 GS Campionamento in tempo reale da

Dettagli

5 Amplificatori operazionali

5 Amplificatori operazionali 5 Amplificatori operazionali 5.1 Amplificatore operazionale: caratteristiche, ideale vs. reale - Di seguito simbolo e circuito equivalente di un amplificatore operazionale. Da notare che l amplificatore

Dettagli

CAMPIONAMENTO E RICOSTRUZIONE DI SEGNALI

CAMPIONAMENTO E RICOSTRUZIONE DI SEGNALI CAMPIONAMENTO E RICOSTRUZIONE DI SEGNALI 1 Fondamenti di segnali Fondamenti e trasmissione TLC Segnali in formato numerico Nei moderni sistemi di memorizzazione e trasmissione i segnali in ingresso sono

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni 1 - INTRODUZIONE Prof. Mario Barbera 1 Argomenti della lezione Cenni storici Definizioni: Sorgente di informazione Sistema di comunicazione Segnali trasmissivi

Dettagli

Elettronica per le telecomunicazioni

Elettronica per le telecomunicazioni POLITECNICO DI TORINO Elettronica per le telecomunicazioni Relazione di laboratorio Gruppo: A08 Antona Maria Gabriella Matricola: 148211 Degno Angela Rita Matricola: 148155 Fiandrino Claudio Matricola:

Dettagli

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA Risposta al quesito a Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA (A CURA DEL PROF. Giuseppe SPALIERNO docente di Elettronica

Dettagli

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali.

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 01CXGBN Trasmissione numerica parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 1 TRASMISSIONE NUMERICA Trasmissione da un utente TX a un utente RX di informazione discreta

Dettagli

Introduzione al Campionamento e

Introduzione al Campionamento e Introduzione al Campionamento e all analisi analisi in frequenza Presentazione basata sul Cap.V di Introduction of Engineering Experimentation, A.J.Wheeler, A.R.Ganj, Prentice Hall Campionamento L'utilizzo

Dettagli

- Algoritmi ed esecutori di algoritmi - ALGORITMI MACCHINA DI VON NEUMANN

- Algoritmi ed esecutori di algoritmi - ALGORITMI MACCHINA DI VON NEUMANN ALGORITMI E MACCHINA DI VON NEUMANN 1 COMPUTER= ELABORATORE NON CERVELLO ELETTRONICO CERVELLO: Capacità decisionali ELABORATORE: Incapacità di effettuare scelte autonome di fronte a situazioni impreviste

Dettagli

Elettronica I - Laboratorio Didattico - BREVE INTRODUZIONE AGLI STRUMENTI DEL BANCO DI MISURA

Elettronica I - Laboratorio Didattico - BREVE INTRODUZIONE AGLI STRUMENTI DEL BANCO DI MISURA Elettronica I - Laboratorio Didattico - BREVE INTRODUZIONE AGLI STRUMENTI DEL BANCO DI MISURA Generatore di Funzioni T T i - TG2000 Generatore di Funzioni T T i - TG2000 Genera i segnali di tensione Uscita

Dettagli

LabVIEW offre un ambiente di programmazione grafica

LabVIEW offre un ambiente di programmazione grafica 03 COME OTTIMIZZARE IN LABVIEW APPLICAZIONI DI TEST AUTOMATIZZATI PER PROCESSORI MULTICORE David Hall Vediamo come delle applicazioni scritte in LabVIEW possono essere ottimizzate sfruttando tecniche di

Dettagli

3145/20. Analizzatore cerca disturbi. Sensore per la ricerca dei disturbi 9754. Misura facilmente i disturbi sul cavo di terra

3145/20. Analizzatore cerca disturbi. Sensore per la ricerca dei disturbi 9754. Misura facilmente i disturbi sul cavo di terra 3145/20 Analizzatore cerca disturbi Progettato per misure dei disturbi in campo Localizza i disturbi e aiuta a sviluppare le contromisure contro le interferenze. Misure senza contatto per semplicità e

Dettagli

Vari tipi di computer

Vari tipi di computer Hardware Cos è un computer? Un computer è un elaboratore di informazione. Un computer: riceve informazione in ingresso (input) elabora questa informazione Può memorizzare (in modo temporaneo o permanente)

Dettagli

SpectraPLUS, SpectraPRO, SpectraRTA : L analizzatore di spettro nel PC Andrea Cerniglia hilbert@venus.it

SpectraPLUS, SpectraPRO, SpectraRTA : L analizzatore di spettro nel PC Andrea Cerniglia hilbert@venus.it SpectraPLUS, SpectraPRO, SpectraRTA : L analizzatore di spettro nel PC Andrea Cerniglia hilbert@venus.it (Estratto da Backstage n.9, maggio-giugno 1998, Gruppo editoriale Jackson) L analizzatore di spettro

Dettagli

Gli oscilloscopi ai fosfori digitali di terza generazione offrono caratteristiche senza precedenti di visualizzazione. d onda

Gli oscilloscopi ai fosfori digitali di terza generazione offrono caratteristiche senza precedenti di visualizzazione. d onda Gli oscilloscopi ai fosfori digitali di terza generazione offrono caratteristiche senza precedenti di visualizzazione delle forme d onda Un nuovo livello di confidenza Il DPO è un oscilloscopio digitale

Dettagli

Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ)

Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ) Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ) Ing. Andrea Zanobini - Maggio 2012 Dipartimento

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Lotto 1. Scheda Tecnica SEL003. Fornitura di apparecchiature per il Laboratorio Fotovoltaico. A) Analizzatore di segnali veloci

Lotto 1. Scheda Tecnica SEL003. Fornitura di apparecchiature per il Laboratorio Fotovoltaico. A) Analizzatore di segnali veloci Lotto 1 SEL003 A) Analizzatore di segnali veloci Analizzatore di segnali veloci con accessori La fornitura include un analizzatore di segnali veloci, corredato da sonde accessorie di misura, in grado di

Dettagli

Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale

Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale Barellini A. 1,Bogi L. 2, Licitra G. 3, Silvi A.M. 2 1 ARPA Toscana Dip. Prov.le Pisa via V.Veneto,

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

Rumore Elettronico. Sorgenti di rumore in Diodi, BJTs, MOSFETs Rumore equivalente all ingresso di amplificatori Rumore nel dominio del tempo

Rumore Elettronico. Sorgenti di rumore in Diodi, BJTs, MOSFETs Rumore equivalente all ingresso di amplificatori Rumore nel dominio del tempo umore Elettronico Sorgenti di rumore in Diodi, Js, MOSFEs umore equivalente all ingresso di amplificatori umore nel dominio del tempo 1 umore della Giunzione PN: Shot Noise La corrente che fluisce attraverso

Dettagli

INDICE. Sommario pag. 1. Introduzione pag. 8

INDICE. Sommario pag. 1. Introduzione pag. 8 SOMMARIO Questa tesi descrive la valutazione di schede commerciali basate su convertitori analogico-digitali ad alta risoluzione al fine dello sviluppo di applicazioni di sensoristica distribuita a scopo

Dettagli

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE INDICE 1. Introduzione...3 2. Lista delle abbreviazioni...3 3. Requisiti e architettura del test jig COMMS...4 3.1 I compiti

Dettagli

In questa seconda puntata

In questa seconda puntata TEORIA TEORIA MHZ RISORSE MHZ SPECIALE RISORSE SPECIALE PRATICA Visual Analyser 90 In questa seconda puntata presentiamo una delle applicazioni del programma Visual Analyser: la misura della risposta in

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 INGEGNERIA E TECNOLOGIE DEI SISTEMI DI CONTROLLO Laurea Specialistica in Ingegneria Meccatronica STRUMENTI MATEMATICI PER L ANALISI DEI SISTEMI DISCRETI Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it

Dettagli

Elementi di grafica raster

Elementi di grafica raster Elementi di grafica raster Le immagini Una immagine è una rappresentazione spaziale di un oggetto o di una scena Una immagine digitale è una rappresentazione di una scena anche 3D dopo il processo di acquisizione

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni 5 - EGALI DIGITALI E A IMPULI I BADA BAE Prof. Mario Barbera [parte ] Codifica La fase di codifica prevede che venga fatta una associazione tra il livello del segnale

Dettagli

logiche LE PORTE Nelle prime due lezioni del Corso di Elettronica Digitale (parte terza)

logiche LE PORTE Nelle prime due lezioni del Corso di Elettronica Digitale (parte terza) & imparare & approfondire di GIANLORENZO VALLE Corso di Elettronica Digitale (parte terza) LE PORTE logiche In questa puntata poniamo le prime basi per comprendere meglio il funzionamento delle porte logiche

Dettagli

Indice 3. Elenco delle figure 9. 1 Introduzione 17. I Azionamenti e Macchine Elettriche 1

Indice 3. Elenco delle figure 9. 1 Introduzione 17. I Azionamenti e Macchine Elettriche 1 Indice Indice 3 Elenco delle figure 9 1 Introduzione 17 I Azionamenti e Macchine Elettriche 1 2 Elementi di macchine elettriche 3 2.1 Motore brushed DC........................ 3 2.1.1 Modello matematico

Dettagli

Digitalizzazione EMG: Valori Tipici

Digitalizzazione EMG: Valori Tipici Digitalizzazione EMG: Valori Tipici Tipo Segnale Ampiezza V IN Risoluzione EMG ad Ago 0.1 20 mv 25600 µv 0.39 µv/digit 2 10000 Hz VCM 0.1 20 mv 25600 µv 0.39 µv/digit 2 10000 Hz VCS 1-100 µv 3200 µv 48.8

Dettagli

Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori

Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori Esercizio T T V V on riferimento al circuito di figura, si assumano i seguenti valori: = = kω, =. µf, = 5 V. Determinare

Dettagli

Informatica. Prof. Pierpaolo Vittorini. University of L Aquila Dep. of Life, Health and Environmental Sciences

Informatica. Prof. Pierpaolo Vittorini. University of L Aquila Dep. of Life, Health and Environmental Sciences Informatica Prof. Pierpaolo Vittorini University of L Aquila Dep. of Life, Health and Environmental Sciences Pierpaolo Vittorini (UnivAQ) Informatica 1 / 22 Imaging Pierpaolo Vittorini (UnivAQ) Informatica

Dettagli

Corso di orientamento. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI

Corso di orientamento. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI M320 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Corso di orientamento Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI Tema di: ELETTRONICA (Testo valevole per i corsi di ordinamento e per i corsi sperimentali

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli