Il dott. Di Pasquale parla delle diete povere di carboidrati e ricche di grassi.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il dott. Di Pasquale parla delle diete povere di carboidrati e ricche di grassi."

Transcript

1 Il dott. Di Pasquale parla delle diete povere di carboidrati e ricche di grassi. La ricerca recente ha mostrato che sono un ottimo mezzo per raggiungere i propri obiettivi nella composizione corporea. Sia il mio precedente Anabolic Diet e sia adesso i miei più sofisticati Dieta Metabolica e Soluzione Anabolica portano l equazione del povero di carboidrati a un livello superiore a quello di tutte le altre diete povere di carboidrati, non solo perché il livello di carboidrati si adatta al corredo genetico individuale di ogni persona, ma anche perché prevede un passaggio fra i macronutrienti. Questo passaggio dal povero al ricco di carboidrati è inteso aumentare gli effetti anabolici della dieta usando gli effetti anabolici dell insulina e limitando contemporaneamente l effetto dell insulina sul metabolismo dei grassi. Il passaggio alla fase povera di carboidrati che ho sviluppato (inizialmente con Anabolic Diet) e poi ho migliorato in Dieta Metabolica e Soluzione Anabolica, ha causato un po di scetticismo a causa della mania per il povero di grassi che ha stregato i nordamericani negli ultimi decenni. I grassi sono stati considerati un elemento indesiderabile per la dieta dell uomo. Sono stati legati all obesità, al diabete tipo II, ai problemi cardiovascolari e ad alcuni tipi di cancro. Queste associazioni hanno prodotto consigli alimentari quasi universali per la riduzione della quantità di grassi presente nella dieta. Adesso sono più di tre decenni che mi oppongo a questa visione negativa dei grassi, non è stato facile visto il mantra grassi è male che ha dominato il mondo dell alimentazione. Ho cominciato a sperimentare una dieta con fase di spostamento fra il ricco e il povero di carboidrati alla fine degli anni 60 e ho usato quella dieta per massimizzare la composizione corporea e la forza quando praticavo la lotta libera e la ginnastica al college e poi per aiutarmi a vincere i campionati del mondo di powerlifting nel 1976 e i World Games nel Sfortunatamente, allora e anche quando ho commercializzato la dieta alla fine degli anni 80 e la metà degli anni 90, i tempi non erano maturi per rendere popolare una dieta che si contrapponeva all isteria contro i grassi. Recentemente però la corrente è cambiata, in parte grazie alle osservazioni fatte da alcuni studi epidemiologici di larghe vedute e in parte grazie a una nuova comprensione di come è regolato il metabolismo dei grassi. Per esempio, la dieta del Mediterraneo meridionale è associata a un rischio più basso di malattie croniche come il cancro e i problemi cardiovascolari. Questa dieta è povera di grassi saturi e ricca di acido oleico che produce un effetto positivo sulle concentrazioni ematiche di HDL e LDL a digiuno. Le diete povere di carboidrati e moderate o ricche di grassi, se seguite correttamente, possono massimizzare la composizione corporea. Effetti sulla composizione corporea Poiché l adenosina trifosfato (ATP) è la fonte energetica per tutte le attività metaboliche nel corpo umano, ed è opinione comune che l ATP proviene dal consumo dei carboidrati, la maggior parte delle persone pensa che i carboidrati siano essenziali nella dieta. Dopotutto, l ATP, ovvero i carboidrati, è necessario per ottenere l energia di cui il corpo necessita per la contrazione muscolare, la respirazione, la funzione cerebrale e praticamente tutte le altre attività. Ma in realtà il corpo non ha bisogno dei carboidrati perché ha la capacità di produrre glucosio senza assumere i carboidrati semplicemente usando le proteine e i grassi (o direttamente o 1 / 5

2 attraverso la formazione del glucosio con la gluconeogenesi) per creare energia e rispristinare l ATP. Non è vero che i carboidrati alimentari sono indispensabili per la salute. Probabilmente i carboidrati sono necessari solo quando una persona ha una difficoltà genetica a usare i grassi in modo efficiente. E anche in questi casi è improbabile che ci sia bisogno di un livello di carboidrati alimentari estremamente alto come raccomandato da molti gruppi e agenzie. Quando i carboidrati rappresentano la parte più consistente della dieta, fondamentalmente si brucia il glucosio (e altri zuccheri che, come il glucosio, entrano nel percorso glicolitico) presente nei carboidrati per produrre energia. Il glucosio entra nel flusso ematico ed è usato immediatamente come energia oppure depositato come glicogeno nel fegato e nei muscoli (vi ricordate della nostra discussione precedente sull insulina?). Il glucosio non depositato come glicogeno è convertito in trigliceridi (grasso corporeo). Quando necessario per l energia, il glicogeno depositato è riconvertito in glucosio e usato direttamente dalle cellule o trasportato attraverso il flusso ematico ad altre cellule del corpo per la conversione e usato come energia. Quando i grassi e le proteine rappresentano una parte più consistente della dieta, il corpo non fa più affidamento sulle grosse quantità di glicogeno o glucosio per trarre energia. Una buona parte dell energia proviene dall uso degli acidi grassi liberi presenti nella dieta o dalla disgregazione e l ossidazione del grasso corporeo. Parte dell energia proviene dalla gluconeogenesi, la formazione di glucosio soprattutto grazie al glicerolo e agli amminoacidi. Invece di bruciare tutto il glicogeno depositato e il glucosio, il corpo brucia gli acidi grassi liberi o trigliceridi (la forma depositata degli acidi grassi liberi) e il glucosio che produce. Una dieta ricca di grassi attiva gli enzimi lipolitici (brucia grassi) nel corpo e diminuisce l attività degli enzimi lipogeni (che producono grassi). Gli acidi grassi liberi alimentari e i trigliceridi diventano la fonte energetica principale del corpo. I trigliceridi sono disgregati in acidi grassi liberi e parte degli acidi grassi sono metabolizzati in chetoni che a loro volta possono essere utilizzati come energia dalle cellule del corpo. L uso dei chetoni per produrre energia è particolarmente importante per il cervello che come fonte energetica può usare solo il glucosio e i chetoni. In parole povere, gli acidi grassi liberi e i chetoni prendono il posto del glucosio e i trigliceridi svolgono la funzione del glicogeno. Quando i carboidrati sono la forma principale di energia per il corpo, il corpo produce insulina per trasformarli e depositarli. Questo va benissimo però, come abbiamo detto prima, uno dei problemi con l insulina è che attiva gli enzimi lipogeni (che producono grasso) nel corpo e diminuisce l attività degli enzimi lipolitici (brucia grassi). Ciò crea un incremento del deposito di grasso corporeo e una riduzione del consumo del grasso corporeo precedentemente depositato. Con la dieta più ricca di grassi e più povera di carboidrati succede esattamente il contrario. Dopo aver eseguito il passaggio metabolico da macchina brucia carboidrati a macchina brucia grassi, la lipogenesi (la produzione e il deposito del grasso nel corpo) diminuisce e la lipolisi (il consumo dei grassi alimentari e corporei per produrre energia) aumenta. State bruciando i grassi come carburante principale e invece di usare il glicogeno o disgregare proteine preziose, per produrre l energia di cui avete bisogno brucerete i grassi presenti nel corpo. Ciò può produrre un grosso effetto sul grasso corporeo complessivo e la ricerca mostra che durante una dieta ricca di grassi e povera di carboidrati la riduzione del peso è dovuta quasi esclusivamente alla riduzione del grasso corporeo. In uno studio condotto su soggetti con peso 2 / 5

3 ideale, è stato scoperto che le diete più ricche di grassi erano accompagnate da un effetto lipolitico (brucia grassi) molto forte. In un altro studio che si è concentrato su soggetti obesi, è stato scoperto che quando sono state confrontate diete ricche di carboidrati e relativamente povere di grassi e diete povere di carboidrati e relativamente ricche di grassi, i soggetti delle diete povere di carboidrati hanno perso molto più grasso. Anche se l opinione comune diceva che le diete ricche di grassi rendono le persone più grasse, in realtà i soggetti hanno ridotto maggiormente il peso con le diete ricche di grassi. Contrariamente a quello che crede la maggior parte delle persone, l ossidazione dei grassi è regolata principalmente dall assunzione di carboidrati piuttosto che dall assunzione di grassi. Una volta adattati alla dieta ricca di grassi e povera di carboidrati, il grasso non genera grasso. Indifferentemente da quello che vi hanno detto, una dieta ricca di grassi e povera di carboidrati progettata correttamente non fa aumentare il grasso, lo fa diminuire. Nella mia esperienza, ho visto ripetutamente gli effetti positivi di una dieta ricca di grassi. I livelli di grasso corporeo diminuiscono mentre la massa muscolare aumenta o resta uguale grazie alla natura protettiva delle proteine della dieta. Le diete povere di carboidrati e ricche di grassi stanno guadagnando riconoscimento. Anche se negli ultimi due decenni le diete povere di carboidrati e ricche di grassi hanno ricevuto soprattutto critiche, i tempi stanno cambiando. Le ragioni di questa nuova accettazione delle diete ricche di grassi e povere di carboidrati sono molte. Prima di tutto, gli ultimi due decenni, di regno dello stile di vita povero di grassi e ricco di carboidrati, hanno visto un incremento senza precedenti dell obesità, l esatto contrario di quello che doveva succedere. Inoltre, molti ricercatori noti hanno pubblicato studi che confermano gran parte di quello che ho sempre detto sugli effetti delle diete povere di carboidrati sulla composizione corporea. L ultimo studio che ha esaminato la composizione corporea e la risposta ormonale a una dieta povera di carboidrati confermando le mie idee è stato pubblicato nel luglio Questo non significa che non ci sono state altre ricerche che hanno mostrato che una dieta povera di carboidrati si traduce in una riduzione significativa del grasso e una conservazione maggiore della massa muscolare, o di per se o in confronto a una dieta ricca di carboidrati. Per esempio, nel 1971 un gruppo di ricercatori ha osservato gli effetti di tre diete che avevano gli stessi livelli calorici e proteici, però avevano livelli di grassi e di carboidrati diversi. È stato scoperto che quando i carboidrati diminuivano si verificava un aumento della riduzione del peso e del grasso corporeo. In altre parole, quelli che seguivano le diete più povere di carboidrati hanno perso più peso e grasso corporeo. Nel 1998, un altro studio, questa volta condotto su teen-ager obesi, è arrivato a conclusioni simili. Dopo 8 settimane di una dieta povera di carboidrati, i ragazzi hanno perso quantità significative di peso e di grasso corporeo e sono anche riusciti ad aumentare la massa corporea magra. In uno studio del 2002, una dieta di sei settimane con carboidrati ridotti ha prodotto una risposta favorevole nella composizione corporea (minore massa grassa e maggiore massa magra) negli uomini di peso normale. I risultati di questo studio indicano che una dieta povera di carboidrati mobilita e brucia il grasso corporeo più di quanto fa una dieta ricca di carboidrati, conservando contemporaneamente la massa muscolare; parole magiche per quasi tutti quelli che conosco. Negli ultimi anni molti studi hanno mostrato che le diete povere di carboidrati sono più efficaci 3 / 5

4 per la riduzione del peso e del grasso rispetto alle diete ricche di carboidrati. I due più recenti sono stati pubblicati il 22 maggio 2003 sul New England Journal of Medicine e hanno scoperto che nel corso di sei mesi le persone assegnate alle diete ricche di proteine e grassi e povere di carboidrati hanno perso il doppio del peso di quelle assegnate alla dieta standard consigliata dalla maggior parte delle organizzazioni per la salute. In un proseguimento di questo studio, gli autori hanno scoperto che dopo un anno c erano molte risposte metaboliche favorevoli alla dieta povera di carboidrati. La cattiva reputazione dei grassi Esiste l opinione popolare sbagliata che l assunzione alimentare di grassi è aumentata parallelamente all incremento dell obesità. Nonostante l aumento dell obesità, non ci sono prove a sostegno che sia causato da un assunzione maggiore di grassi. I sensori dei grassi ricoprono un ruolo importante nella regolazione dell equilibrio energetico e del metabolismo dei lipidi, e le diete ipoenergetiche che traggono il 30-35% dell energia dai grassi favoriscono la riduzione del peso. Le cosiddette basi scientifiche per una riduzione dell energia tratta dai grassi al di sotto del 30% non sono confermate da dati sperimentali. Le misurazioni longitudinali dell assunzione alimentare sia negli USA sia in Gran Bretagna mostrano che negli ultimi 30 anni l assunzione di grassi non è aumentata né in proporzione all energia alimentare né in termini assoluti. Tuttavia, la prevalenza dell obesità è aumentata fortemente prima negli USA e ora nell Europa occidentale, in particolare negli ultimi 10 anni. Studio dopo studio, stiamo capendo che i grassi non sono i cattivi che erano considerati essere. I risultati di uno studio pubblicato nel luglio 2002 hanno mostrato che l uso a lungo termine di una dieta povera di carboidrati si è tradotto in maggiore riduzione del peso e del grasso e in forte miglioramento del profilo lipidico (minore colesterolo, trigliceridi e LDL, maggiore HDL). Un altro studio pubblicato nel maggio 2004 ha scoperto che, rispetto alla dieta povera di grassi, con la dieta povera di carboidrati la riduzione del peso era maggiore, i livelli di trigliceridi nel sangue diminuivano e il livello del colesterolo legato alle lipoproteine ad alta intensità aumentava. Inoltre, stiamo scoprendo che tipi diversi di grassi possono avere effetti diversi, molti positivi (tranne che dagli acidi transgrassi, un tipo di grassi presente nella margarina e in molti alimenti raffinati e confezionati) sui lipidi ematici. Anche l acido stearico, uno dei grassi saturi principali presenti nella carne bovina, denigrato dai fanatici contro i grassi, ha mostrato in uno studio recente di non avere nessun effetto negativo sui livelli di colesterolo. Mentre l acido oleico presente nella carne bovina ha mostrato di abbassare il colesterolo LDL. Recentemente è stata data maggiore enfasi all importanza degli acidi grassi essenziali e dei grassi monoinsaturi (come l olio di oliva), sia per la salute sia per la composizione corporea. Inoltre, stiamo vedendo che le diete ricche di carboidrati producono effetti negativi sui lipidi ematici, sia sui trigliceridi, in parte a causa della scarsità dei grassi, sia sul colesterolo (i grassi insaturi come l olio di oliva fanno bene e tendono ad aumentare i livelli di HDL, il colesterolo buono, e a ridurre i livelli di LDL, il colesterolo cattivo ). Sensori dei grassi 4 / 5

5 Una questione spesso avanzata a sostegno delle diete povere di grassi è che non ci sono sensori fisiologici per l assunzione di grassi o le riserve di grasso. Adesso questo concetto è stato dimostrato sbagliato come illustra la scoperta della leptina. È stato mostrato che i pasti che contengono grassi stimolano il rilascio di colecistochinina, che ha proprietà anoressanti. Inoltre i grassi ritardano lo svuotamento gastrico e quindi il trasporto del grasso all intestino tenue è rallentato. Aggiungere i grassi ai carboidrati diminuisce l indice glicemico di un alimento. Nel corso degli ultimi anni è apparso evidente che nel corpo c è una rete intricata di sensori del grasso che risponde alle variazioni delle concentrazioni dei lipidi cellulari. Questi recettori nucleari attivano una cascata di eventi di trascrizione genetica che mantengono l omeostasi lipidica. Un grosso passo avanti è stata la comprensione che il tessuto adiposo non è un organo inerte ma uno che produce mediatori chimici come la leptina, la proteina stimolante l acilazione, la resistina e l adiponectina. La leptina agisce come un segnale fisiologico per ridurre l appetito e aumentare il dispendio energetico. La produzione di leptina è regolata principalmente da cambiamenti nel metabolismo degli adipociti indotti dall insulina e le concentrazione ematiche di leptina aumentano con l aumentare del BMI e sono più grandi nelle donne che negli uomini. L adiponectina aumenta la sensibilità all insulina nel tessuto adiposo ed è stato scoperto che i livelli ematici di adiponectina sono più bassi nei soggetti obesi che sviluppano il diabete. Una dieta ricca di carboidrati e povera di grassi può causare resistenza all insulina nel breve termine e riduzione del colesterolo HDL e aumento dei trigliceridi ematici nel lungo termine. Con una dieta povera di grassi saturi e ricca di acidi grassi monoinsaturi succede il contrario. Conclusione Il punto di tutto ciò è che una dieta ricca di grassi, povera di carboidrati e con molte proteine, è la dieta ideale per minimizzare il grasso corporeo. Aggiungete una fase breve ricca di carboidrati e avrete la dieta ideale per massimizzare la massa muscolare e minimizzare il grasso corporeo. 5 / 5

Classificazione. In base alla composizione chimica i lipidi si classificano in: Lipidi semplici (costituiti da CHO)

Classificazione. In base alla composizione chimica i lipidi si classificano in: Lipidi semplici (costituiti da CHO) 1 2 LIPIDI Lipidi significa grasso. Sono composti ternari C, H, O. Sono detti anche grassi. Nel corpo umano costituiscono circa il 17% del peso corporeo (ma variano in funzione del grasso accumulato).

Dettagli

LA CORRETTA ALIMENTAZIONE

LA CORRETTA ALIMENTAZIONE 206 Test di verifica LA CORRETTA ALIMENTAZIONE 1 Che cosa significa etimologicamente il termine dieta? c a) Alimentazione corretta c b) Modo di vivere c c) Terapia dimagrante c d) Esercizio fisico 2 Sono

Dettagli

L AF fa bene alla salute e migliora la qualità di vita

L AF fa bene alla salute e migliora la qualità di vita Dobbiamo diffondere il valore della vita L AF fa bene alla salute e migliora la qualità di vita Prevenzione e cura del Diabete I benefici dell attività fisica diabete dieta L attività fisica è uno dei

Dettagli

Obesità e sovrappeso. -Educazione alimentare -Terapia nutrizionale -Esercizio fisico

Obesità e sovrappeso. -Educazione alimentare -Terapia nutrizionale -Esercizio fisico Obesità e sovrappeso L obesità e il sovrappeso sono l epidemia del Duemila. Un grave problema medico-sociale che richiede un mosaico di interventi: -Approccio cognitivo comportamentale -Educazione alimentare

Dettagli

Legami chimici. Covalente. Legami deboli

Legami chimici. Covalente. Legami deboli Legami chimici Covalente Legami deboli Legame fosfodiesterico Legami deboli Legami idrogeno Interazioni idrofobiche Attrazioni di Van der Waals Legami ionici STRUTTURA TERZIARIA La struttura tridimensionale

Dettagli

sfida per il medico...e

sfida per il medico...e L'obesità: una sfida per il medico...e per il chirurgo Paolo Limone Direttore S.C. Endocrinologia, Diabetologia e Malattie del Metabolismo A.O. Ordine Mauriziano di Torino Che cos'è l'obesità? Malattia

Dettagli

Ruolo del fegato nella nutrizione

Ruolo del fegato nella nutrizione Ruolo del fegato nella nutrizione Centro di distribuzione dei nutrienti per tutti gli altri organi Annulla le fluttuazioni del metabolismo determinate dall assunzione intermittente del cibo Funge da deposito

Dettagli

I grassi. Scritto da Annamaria Prioletta

I grassi. Scritto da Annamaria Prioletta I grassi sono elementi importanti della nostra alimentazione perché costituiscono la principale riserva di energia dell organismo, sono componenti strutturali delle nostre cellule e sono indispensabili

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI DEL VIGILE DEL FUOCO by prof. giorgio calabrese ALIMENTI PER L ENERGIA: CARBOIDRATI E GRASSI

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI DEL VIGILE DEL FUOCO by prof. giorgio calabrese ALIMENTI PER L ENERGIA: CARBOIDRATI E GRASSI I FABBISOGNI NUTRIZIONALI DEL VIGILE DEL FUOCO by prof. giorgio calabrese molti vigili del fuoco (vf) credono fermamente in speciali diete o in megadosi di vitamine o minerali o in additivi dietetici ergogenici

Dettagli

BMI DISTRIBUZIONE GRASSO CORPOREO SINDROME PLURIMETABOLICA

BMI DISTRIBUZIONE GRASSO CORPOREO SINDROME PLURIMETABOLICA BMI DISTRIBUZIONE GRASSO CORPOREO SINDROME PLURIMETABOLICA TAC ADDOME TAC ADDOME TAC ADDOME TAC ADDOME CARATTERISTICHE METABOLICHE DEL TESSUTO ADIPOSO PORTALE Il tessuto adiposo portale (grasso omentale

Dettagli

Diabete ed obesità Dr. Pietro Rampini

Diabete ed obesità Dr. Pietro Rampini L OBESITA Diabete ed obesità Dr. Pietro Rampini S. C. Diabetologia AO Fatebenefratelli-Oftalmico SOMMARIO Rapporti obesità-diabete - Epidemiologia obesità-diabete - Obesità viscerale - Insulinoresistenza

Dettagli

La motivazione a mangiare può dipendere da:

La motivazione a mangiare può dipendere da: La motivazione a mangiare può dipendere da: Anticipazione del cibo che verrà consumato Tempo trascorso dall ultimo pranzo Distanza dall ora dei pasti Quantità e tipo di cibo presenti nell intestino Livelli

Dettagli

PRINCIPI E RACCOMANDAZIONI NUTRIZIONALI PER IL DIABETE

PRINCIPI E RACCOMANDAZIONI NUTRIZIONALI PER IL DIABETE PRINCIPI E RACCOMANDAZIONI NUTRIZIONALI PER IL DIABETE Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti Clinica Pediatrica Università di Milano Ospedale Luigi Sacco PRINCIPI E RACCOMANDAZIONI

Dettagli

Alimentazione. Dieta mediterranea e accenni Dieta zona

Alimentazione. Dieta mediterranea e accenni Dieta zona Alimentazione Dieta mediterranea e accenni Dieta zona Doppia piramide alimentare Stile di vita responsabile Il modello della Doppia Piramide : alimentazione sana per le persone, sostenibile per il Pianeta,

Dettagli

MODULO 2 UNITÀ 2.3 I LIPIDI

MODULO 2 UNITÀ 2.3 I LIPIDI MODULO 2 UNITÀ 2.3 I LIPIDI Pag. 116 Aspetti generali I lipidi, anche detti grassi, sono composti ternari C, H, O (possono contenere anche P, N) Caratteristiche: sono untuosi al tatto sono insolubili in

Dettagli

I LIPIDI (GRASSI) Cosa sono

I LIPIDI (GRASSI) Cosa sono I LIPIDI (GRASSI) Cosa sono Comunemente chiamati "grassi", i lipidi comprendono una grande varietà di molecole, accomunate dalla caratteristica di essere insolubili in acqua. I lipidi più importanti dal

Dettagli

Bioenergetica. Bioenergetica

Bioenergetica. Bioenergetica Augusto Innocenti Dottore in Biologia Master in Biochimica e Biologia Molecolare Phd in Neurobiologia e Neurofisiologia Tutte le attività biologiche richiedono energia e questa energia viene fornita dai

Dettagli

La regolazione del COMPORTAMENTO ALIMENTARE

La regolazione del COMPORTAMENTO ALIMENTARE La regolazione del COMPORTAMENTO ALIMENTARE Bilancio energetico L energia non è rifornita in modo costante all organismo come avviene per l ossigeno Esistono pertanto numerosi meccanismi atti ad immagazzinare

Dettagli

Fattori di Rischio Modificabili_alcol

Fattori di Rischio Modificabili_alcol Fattori di Rischio Modificabili_alcol Controllare il consumo di bevande alcoliche: non più di 2-3 bicchieri di vino al giorno per gli uomini e 1-2 per le donne, tenendo conto che una lattina di birra o

Dettagli

Tessuto Adiposo - metabolismo degli acidi grassi

Tessuto Adiposo - metabolismo degli acidi grassi Tessuto Adiposo - metabolismo degli acidi grassi Insieme di numerose cellule, ADIPOCITI: AG + Glicerolo TAG 1. Funzione meccanica: protezione contro gli urti e sostegno degli organi interni 2. Funzione

Dettagli

FISIOLOGIA dell ALLENAMENTO. dai processi fisiologici alle metodiche di allenamento

FISIOLOGIA dell ALLENAMENTO. dai processi fisiologici alle metodiche di allenamento FISIOLOGIA dell ALLENAMENTO dai processi fisiologici alle metodiche di allenamento Introduzione alla fisiologia Metabolismo cellulare Il sistema cardiovascolare: funzione cardiaca vasi, flusso, pressione

Dettagli

I LIPIDI DELLA CARNE Alcuni miti da sfatare

I LIPIDI DELLA CARNE Alcuni miti da sfatare I LIPIDI DELLA CARNE Alcuni miti da sfatare In occasione di I Meat, 11 aprile 2016, Modena Mattiaccio Mary Dipartimento di Scienze mediche veterinarie mary.mattiaccio@unibo.it Il grasso nella carne Grasso

Dettagli

Alimentazione e sport. Scritto da Annamaria Prioletta

Alimentazione e sport. Scritto da Annamaria Prioletta L attività fisica è fondamentale per favorire e mantenere un buono stato di salute e un alimentazione corretta rappresenta un requisito indispensabile per chi pratica uno sport, sia esso a livello amatoriale

Dettagli

Alimentazione è benessere. Alessandra Bordoni DISTAL- sede di Cesena (Università di Bologna)

Alimentazione è benessere. Alessandra Bordoni DISTAL- sede di Cesena (Università di Bologna) Alimentazione è benessere Alessandra Bordoni DISTAL- sede di Cesena (Università di Bologna) Convegno «Alimentazione, salute e sicurezza». Imola, 19 novembre 2015 Gli alimenti Alimento: sostanza che, introdotta

Dettagli

I VALORI NUTRIZIONALI DI QUESTO PRODOTTO SONO STATI CONFRONTATI CON QUELLI MEDI DI UNA FOCACCIA-BASE PER PIZZA

I VALORI NUTRIZIONALI DI QUESTO PRODOTTO SONO STATI CONFRONTATI CON QUELLI MEDI DI UNA FOCACCIA-BASE PER PIZZA I VALORI NUTRIZIONALI DI QUESTO PRODOTTO SONO STATI CONFRONTATI CON QUELLI MEDI DI UNA FOCACCIA-BASE PER PIZZA Fonti: Tabelle di composizione degli alimenti, pizza bianca, INRAN http://nut.entecra.it/646/tabelle_di_composizione_degli_alimenti.html?idalimento=000700&quant=100

Dettagli

ALIMENTIAMO LO SPORT CENTRO DIAGNOSTICO ITALIANO. Dott.ssa Licia Maria Colombo Medico Specialista in Scienza dell Alimentazione e Dietetica

ALIMENTIAMO LO SPORT CENTRO DIAGNOSTICO ITALIANO. Dott.ssa Licia Maria Colombo Medico Specialista in Scienza dell Alimentazione e Dietetica ALIMENTIAMO LO SPORT CENTRO DIAGNOSTICO ITALIANO Dott.ssa Licia Maria Colombo Medico Specialista in Scienza dell Alimentazione e Dietetica ALIMENTAZIONE E SPORT Non esistono alimenti che possono far vincere

Dettagli

OLIO DI SEMI DI CANAPA BIO SPREMUTO A FREDDO 500 ML

OLIO DI SEMI DI CANAPA BIO SPREMUTO A FREDDO 500 ML OLIO DI SEMI DI CANAPA BIO SPREMUTO A FREDDO 500 ML OLIO DI SEMI DI CANAPA BIO SPREMUTO A FREDDO 500 ML Ascolta la video intervista del dot Jonas su olio di Canapa e rimedi naturali da non perdere L Olio

Dettagli

INTRODUZIONE. La regolazione di sistemi complessi quali il metabolismo energetico, la funzione

INTRODUZIONE. La regolazione di sistemi complessi quali il metabolismo energetico, la funzione INTRODUZIONE La regolazione di sistemi complessi quali il metabolismo energetico, la funzione riproduttiva ed il comportamento alimentare è il risultato della trasmissione di molteplici vie di segnale,

Dettagli

Esercizio aerobico L esercizio aerobico migliora la funzionalità dell apparato cariovascolare respiratorio. Svolge quindi

Esercizio aerobico L esercizio aerobico migliora la funzionalità dell apparato cariovascolare respiratorio. Svolge quindi Esercizio aerobico L esercizio aerobico migliora la funzionalità dell apparato cariovascolare e respiratorio. Svolge quindi un ruolo particolarmente rilevante nella prevenzione delle patologie cerebrovascolari,

Dettagli

Malnutrizione in Eccesso e in Difetto

Malnutrizione in Eccesso e in Difetto Malnutrizione in Eccesso e in Difetto Augusto Innocenti Dottore in Biologia Perfezionamento in Biochimica e Biologia Molecolare Phd in Neurobiologia e Neurofisiologia 1 Bilancio Energetico La risultanza

Dettagli

I eat Mediteraica, therefore I slim!

I eat Mediteraica, therefore I slim! I eat Mediteraica, therefore I slim! My personal 20 days slimming program Mediteraica: mangiare bene ed essere in forma. Di che cosa ha bisogno il nostro corpo? Da troppi anni avere qualche chilo di troppo

Dettagli

Gli alimenti si suddividono in Macro- e Microelementi.

Gli alimenti si suddividono in Macro- e Microelementi. ALIMENTAZIONE Un settore spesso trascurato è quello dell alimentazione. Possiamo definire Dieta l alimentazione equilibrata, completa, mirata e personalizzata in base agli obbiettivi di ogni soggetto (dimagrimento,

Dettagli

More details >>> HERE <<<

More details >>> HERE <<< More details >>> HERE http://dbvir.com/curacolest/pdx/ftpr651/ Tags: download free ebook *come

Dettagli

Ogni gruppo ha a disposizione il seguente materiale e deve svolgere quanto segue ed al termine provare a dare una spiegazione:

Ogni gruppo ha a disposizione il seguente materiale e deve svolgere quanto segue ed al termine provare a dare una spiegazione: Ogni gruppo ha a disposizione il seguente materiale e deve svolgere quanto segue ed al termine provare a dare una spiegazione: Materiale Farina di grano, tovagliolo di stoffa; tintura di iodio; vaschetta

Dettagli

Additional information >>> HERE <<<

Additional information >>> HERE <<< Additional information >>> HERE

Dettagli

I principi nutritivi

I principi nutritivi I principi nutritivi Quali sono? Qual è la loro funzione? In quali cibi si trovano? Perché sono importanti? Quante Kilocalorie sviluppano? Kilocalorie Unità di misura dell energia accumulata negli alimenti

Dettagli

Uova, colesterolo e grassi saturi. La rivalsa. Wanda Rizza

Uova, colesterolo e grassi saturi. La rivalsa. Wanda Rizza Uova, colesterolo e grassi saturi. La rivalsa. Wanda Rizza Uova, colesterolo e grassi saturi. La rivalsa. Identikit del colesterolo. Colesterolo, alimentazione e malattie cardiovascolari. Grassi saturi:

Dettagli

La motivazione ed il comportamento alimentare

La motivazione ed il comportamento alimentare La motivazione ed il comportamento alimentare La motivazione Il comportamento di ogni essere vivente è orientato alla realizzazione di un certo numero di scopi e alla soddisfazione di determinati bisogni

Dettagli

La scoperta mondiale del Dott Vassili: Quando smettiamo di perdere peso

La scoperta mondiale del Dott Vassili: Quando smettiamo di perdere peso La scoperta mondiale del Dott Vassili: Quando smettiamo di perdere peso By Dr. Vassili, Medico specializzato in Medicina Interna, perfezionato in Nutrizione Obesità e in Medicina Estetica. Lo studio è

Dettagli

FABBISOGNO ENERGETICO:

FABBISOGNO ENERGETICO: FABBISOGNO ENERGETICO: L apporto di energia di origine alimentare necessario a compensare il dispendio energetico di individui che mantengono un livello di attività fisica sufficiente per partecipare attivamente

Dettagli

Diabete e corretta alimentazione nella pratica delle discipline di potenza e resistenza dell atletica leggera

Diabete e corretta alimentazione nella pratica delle discipline di potenza e resistenza dell atletica leggera Diabete e corretta alimentazione nella pratica delle discipline di potenza e resistenza dell atletica leggera Dr Donatella Bloise, Specialista in Endocrinologia e Malattie metaboliche Referente Polo Diabetologico

Dettagli

Utilizzazione metabolica dei nutrienti

Utilizzazione metabolica dei nutrienti Utilizzazione metabolica dei nutrienti Il rifornimento di substrati è discontinuo Fase postprandiale utilizzazione dei nutrienti esogeni e messa in riserva Fase postassorbitiva (digiuno) mobilizzazione

Dettagli

Il pancreas endocrino

Il pancreas endocrino Il pancreas endocrino 1 Indice degli argomenti Che cos è il pancreas endocrino??? Funzioni principali degli ormoni pancreatici Anatomia del pancreas endocrino Innervazione nervosa Cellule β : INSULINA

Dettagli

un metodo efficace per la perdita e il mantenimento del peso corporeo. L Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) dà la sua approvazione.

un metodo efficace per la perdita e il mantenimento del peso corporeo. L Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) dà la sua approvazione. un metodo efficace per la perdita e il mantenimento del peso corporeo. L Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) dà la sua approvazione. I pasti sostitutivi sono alimenti destinati a diete

Dettagli

http://digilander.libero.it/glampis64 Idrogeno, ossigeno, carbonio e azoto costituiscono il 99% delle cellule. I composti del carbonio sono chiamati composti organici o molecole organiche. I composti organici

Dettagli

Indice generale 1. Introduzione alla biochimica 2. Acqua, ph, acidi, basi, sali, tamponi

Indice generale 1. Introduzione alla biochimica 2. Acqua, ph, acidi, basi, sali, tamponi Indice generale 1. Introduzione alla biochimica 1 Unità di misura 1 Energia e calore 3 Struttura dell atomo 3 Tavola periodica degli elementi 4 Legami chimici 8 Legami covalenti 8 Legami non covalenti

Dettagli

L apparato digerente è composto dal. Tubo digerente. Che comprende. Bocca. Faringe. Esofago. Stomaco. Intestino

L apparato digerente è composto dal. Tubo digerente. Che comprende. Bocca. Faringe. Esofago. Stomaco. Intestino L apparato digerente è composto dal Tubo digerente Che comprende Bocca Faringe Esofago Stomaco Intestino Ghiandole Salivari Costituita da Lingua Cosparsa di Producono 32 Denti Papille Gustative Saliva

Dettagli

Il podista dovrebbe essere il primo tra tutti gli sportivi, a seguire le regole base della dieta mediterranea.

Il podista dovrebbe essere il primo tra tutti gli sportivi, a seguire le regole base della dieta mediterranea. Il podista dovrebbe essere il primo tra tutti gli sportivi, a seguire le regole base della dieta mediterranea. La dieta mediterranea prevede l'assunzione di proporzioni: carboidrati, grassi e proteine

Dettagli

Cibo e Salute Centro di Educazione Nutrizionale ASL 1 Massa Carrara

Cibo e Salute Centro di Educazione Nutrizionale ASL 1 Massa Carrara Cibo e Salute Centro di Educazione Nutrizionale ASL 1 Massa Carrara Principi Nutritivi Sono sostanze indispensabili alla vita e al metabolismo e in particolare a: fornire energia per il mantenimento delle

Dettagli

I miti sul diabete. I miti sul diabete

I miti sul diabete. I miti sul diabete I miti sul diabete A nome dei milioni di americani che vivono o sono a rischio di diabete, ci impegniamo a sconfiggere i miti comuni e le idee sbagliate intorno a questa malattia cronica. Aiutaci ad educare

Dettagli

Additional information >>> HERE <<<

Additional information >>> HERE <<< Additional information >>> HERE

Dettagli

Corretta alimentazione Cosa significa?

Corretta alimentazione Cosa significa? Circa 1/3 delle malattie cardiovascolari e dei tumori possono essere evitati con una equilibrata e sana alimentazione. Organizzazione mondiale sella sanità (OMS) L organismo per funzionare correttamente

Dettagli

Impariamo a mangiare bene

Impariamo a mangiare bene Impariamo a mangiare bene I sei alimenti fondamentali I 6 alimenti fondamentali sono: Zuccheri Grassi Proteine Vitamine Acqua Sali minerali Soddisfazione dei fabbisogni biologici Nessun alimento da solo

Dettagli

Alimentazione. Qual è lo stato nutrizionale della popolazione? Quante e quali persone sono in eccesso ponderale?

Alimentazione. Qual è lo stato nutrizionale della popolazione? Quante e quali persone sono in eccesso ponderale? Alimentazione Lo stato nutrizionale è un determinante importante delle condizioni di salute di una popolazione; l eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali patologie

Dettagli

Prescrizione dell attività fisica. Dott. Antonio Verginelli MMG

Prescrizione dell attività fisica. Dott. Antonio Verginelli MMG Dott. Antonio Verginelli MMG Obiettivi generali: Imparare a conoscere e distinguere le tipologie dell attività fisica, Imparare a conoscere i reali benefici dell esercizio fisico a tutte le età, Imparare

Dettagli

Bioenergetica e Metabolismo

Bioenergetica e Metabolismo Bioenergetica e Metabolismo Anabolismo Comprende quel complesso di reazioni enzimatiche, definito anche BIOSINTESI che permette all'organismo di utilizzare i principi nutritivi introdotti con gli alimenti

Dettagli

60-75% metabolismo basale % attività fisica svolta. Effetto termogenico degli alimenti. Attività fisica 10% effetto termogenico degli alimenti

60-75% metabolismo basale % attività fisica svolta. Effetto termogenico degli alimenti. Attività fisica 10% effetto termogenico degli alimenti Effetto termogenico degli alimenti 60-75% metabolismo basale Attività fisica 10% effetto termogenico degli alimenti metabolismo basale 15-30% attività fisica svolta .. costituisce una parte del dispendio

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SPORT. Dott. Marcello Tence Specialista in Medicina dello Sport Direttore Sanitario Centro Medico Benefits

ALIMENTAZIONE E SPORT. Dott. Marcello Tence Specialista in Medicina dello Sport Direttore Sanitario Centro Medico Benefits ALIMENTAZIONE E SPORT Dott. Marcello Tence Specialista in Medicina dello Sport Direttore Sanitario Centro Medico Benefits IPPOCRATE (460-377 a.c.) Se fossimo in grado di fornire a ciascuno la giusta dose

Dettagli

I LIPIDI. Circa il 95% dei lipidi introdotti con la dieta è rappresentato da trigliceridi

I LIPIDI. Circa il 95% dei lipidi introdotti con la dieta è rappresentato da trigliceridi Metabolismo Lipidi I LIPIDI Circa il 95% dei lipidi introdotti con la dieta è rappresentato da trigliceridi In media il 40% o anche più dell energia richiesta giornalmente dall uomo nei paesi industrializzati

Dettagli

Product Disclaimer: These statements have not been evaluated by the Food and Drug Administration. This product is not intendedto treat, diagnose,

Product Disclaimer: These statements have not been evaluated by the Food and Drug Administration. This product is not intendedto treat, diagnose, Product Disclaimer: These statements have not been evaluated by the Food and Drug Administration. This product is not intendedto treat, diagnose, cure, or prevent any disease. Perché TRIM365? Secondo molti

Dettagli

Additional details >>> HERE <<<

Additional details >>> HERE <<< Additional details >>> HERE http://pdfo.org/curacolest/pdx/1139t353/

Dettagli

LA DIETA MEDITERRANEA dalle origini ad oggi. Dr.ssa Ylenja Persi Dietista Servizio Medicina Sportiva e SIAN USL Modena

LA DIETA MEDITERRANEA dalle origini ad oggi. Dr.ssa Ylenja Persi Dietista Servizio Medicina Sportiva e SIAN USL Modena LA DIETA MEDITERRANEA dalle origini ad oggi Dr.ssa Ylenja Persi Dietista Servizio Medicina Sportiva e SIAN USL Modena WHO FAO Ginevra 2003 Ruolo centrale dell alimentazione e dell attività fisica nel mantenimento

Dettagli

DR. Francesco Di Millo. LA SINDROME da DEFICIT di TESTOSTERONE come possibile NUOVO FATTORE di RISCHIO per le MALATTIE METABOLICHE

DR. Francesco Di Millo. LA SINDROME da DEFICIT di TESTOSTERONE come possibile NUOVO FATTORE di RISCHIO per le MALATTIE METABOLICHE DR. Francesco Di Millo LA SINDROME da DEFICIT di TESTOSTERONE come possibile NUOVO FATTORE di RISCHIO per le MALATTIE METABOLICHE COHN - BENDIT Testosterone nel Sangue Free T (nmol/l) SHBG (10-8 mol/l)

Dettagli

Mantenimento dell omeostasi

Mantenimento dell omeostasi Sistema Endocrino Ruolo nell omeostasi Ruolo nell esercizio fisico 1. Regolazione del metabolismo 2. Induzione di risposte adattative allo stress 3. Promozione della crescita e dello sviluppo sequenziale

Dettagli

COSA MANGIARE SE SI FA SPORT

COSA MANGIARE SE SI FA SPORT STILE DI VITA COSA MANGIARE SE SI FA SPORT La sana e corretta alimentazione, sia per chi è a riposo sia per chi pratica sport, si basa sugli stessi principi: equilibrio dei nutrienti, varietà, attenzione

Dettagli

Mantenimento dell omeostasi

Mantenimento dell omeostasi Sistema Endocrino Ruolo nell omeostasi Ruolo nell esercizio fisico 1. Regolazione del metabolismo 2. Induzione di risposte adattative allo stress 3. Promozione della crescita e dello sviluppo sequenziale

Dettagli

screening SINDROME METABOLICA

screening SINDROME METABOLICA screening SINDROME METABOLICA La prevenzione è la migliore arma di difesa per la tua salute. Fai lo Screening Sindrome Metabolica. Affidati a Lifebrain, la rete di laboratori più grande d Italia. Il paziente

Dettagli

Additional information >>> HERE <<<

Additional information >>> HERE <<< Additional information >>> HERE

Dettagli

Educazione Alimentare per migliorare la salute

Educazione Alimentare per migliorare la salute Educazione Alimentare per migliorare la salute Sandra Vattini 1 Dipartimento di Sanità Pubblica svattini@ausl.pr.it 1 L Agenda per i temi proposti Dati epidemiologici e fattori di rischio; Modello per

Dettagli

Capitolo 6 La respirazione cellulare

Capitolo 6 La respirazione cellulare Capitolo 6 La respirazione cellulare Introduzione alla respirazione cellulare 6.1 La respirazione polmonare rifornisce le nostre cellule di ossigeno ed elimina diossido di carbonio La respirazione polmonare

Dettagli

IL METABOLISMO. Dal carbonio agli OGM Capitolo 2

IL METABOLISMO. Dal carbonio agli OGM Capitolo 2 IL METABOLISMO Dal carbonio agli OGM Capitolo 2 IL METABOLISMO L'insieme delle trasformazioni chimiche ed energetiche che si verificano nelle cellule di un organismo vivente e ne garantiscono la conservazione,

Dettagli

Formazione dei chilomicroni

Formazione dei chilomicroni Formazione dei chilomicroni I triacilgliceroli forniscono il combustibile per i lunghi voli migratori del Piviere minore. I triacilgliceroli sono riserve di energia molto concentrate essendo ridotti ed

Dettagli

Come considerano il proprio peso le persone intervistate?

Come considerano il proprio peso le persone intervistate? Situazione nutrizionale e abitudini alimentari Lo stato nutrizionale è un determinante importante delle condizioni di salute di una popolazione; l eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante

Dettagli

Dieta Mediterranea ed Attività Fisica Modello salutistico per la prevenzione dell obesità e dei tumori

Dieta Mediterranea ed Attività Fisica Modello salutistico per la prevenzione dell obesità e dei tumori Dieta Mediterranea ed Attività Fisica Modello salutistico per la prevenzione dell obesità e dei tumori Dieta Mediterranea Cosa è la Dieta Mediterranea? antiche abitudini alimentari delle popolazioni dei

Dettagli

TESSUTO ADIPOSO. Caldarera Lehninger, cap.21

TESSUTO ADIPOSO. Caldarera Lehninger, cap.21 TESSUTO ADIPOSO E' costituito dall'insieme di numerose cellule, chiamate ADIPOCITI, deputate alla sintesi dei trigliceridi ed al loro rilascio sotto forma di glicerolo + acidi grassi. 1. Funzione meccanica:

Dettagli

Prevenzione primaria: stili di vita e alimentazione Sabina Sieri

Prevenzione primaria: stili di vita e alimentazione Sabina Sieri Prevenzione primaria: stili di vita e alimentazione Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, Milano Principali Ipotesi su Alimentazione e Cancro

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA Negli USA abbiamo 15 milioni di diabetici. In ITALIA nell anno 2012 risultano affetti da diabete 3,5 milioni di persone. Si stima che pi

EPIDEMIOLOGIA Negli USA abbiamo 15 milioni di diabetici. In ITALIA nell anno 2012 risultano affetti da diabete 3,5 milioni di persone. Si stima che pi OBESITA E DIABETE EPIDEMIOLOGIA Negli USA abbiamo 15 milioni di diabetici. In ITALIA nell anno 2012 risultano affetti da diabete 3,5 milioni di persone. Si stima che più di un altro milione di persone

Dettagli

Regolazione ormonale del metabolismo energetico. Lezione del 11 marzo 2014

Regolazione ormonale del metabolismo energetico. Lezione del 11 marzo 2014 Regolazione ormonale del metabolismo energetico Lezione del 11 marzo 2014 Effetti fisiologici e metabolici dell adrenalina: preparazione all azione EFFETTO IMMEDIATO EFFETTO COMPLESSIVO Effetto fisiologico

Dettagli

regole d oro per la prevenzione della calcolosi renale

regole d oro per la prevenzione della calcolosi renale 10 regole d oro per la prevenzione della calcolosi renale La calcolosi renale è una patologia frequente, ricorrente e potenzialmente pericolosa se non adeguatamente inquadrata, prevenuta e trattata. Se

Dettagli

Induzione della Fame

Induzione della Fame Induzione della Fame IPOTALAMO Mesencefalo Fame Sazietà NTS Eminenza Mediana Area Postrema? Sistema Simpatico Nervo Vago Grelina Stomaco Svuotamento Gastrico Intestino Ipoglicemia Calo [Acidi Grassi] Recettori

Dettagli

Stato nutrizionale e abitudini alimentari

Stato nutrizionale e abitudini alimentari Sistema di Sorveglianza PASSI 28 Stato nutrizionale e abitudini alimentari Lo stato nutrizionale è un determinante importante delle condizioni di salute di una popolazione; l eccesso di peso rappresenta

Dettagli

L ALIMENTAZIONE IL NOSTRO CORPO È UNA MACCHINA CHE HA BISOGNO CONTINUAMENTE DI ENERGIA ANCHE QUANDO È A RIPOSO.

L ALIMENTAZIONE IL NOSTRO CORPO È UNA MACCHINA CHE HA BISOGNO CONTINUAMENTE DI ENERGIA ANCHE QUANDO È A RIPOSO. L ALIMENTAZIONE IL NOSTRO CORPO È UNA MACCHINA CHE HA BISOGNO CONTINUAMENTE DI ENERGIA ANCHE QUANDO È A RIPOSO. L ENERGIA VIENE RICAVATA DAI PRINCIPI NUTRITIVI O NUTRIENTI ALIMENTARSI VUOL DIRE SODDISFARE

Dettagli

LIPIDI COMPLESSI E LIPOPROTEINE

LIPIDI COMPLESSI E LIPOPROTEINE LIPIDI COMPLESSI E LIPOPROTEINE Principali lipidi assunti con la dieta Fosfolipidi e colesterolo (membrane) Triacilgliceroli (olii e grassi) Le cellule importano ACIDI GRASSI e GLICEROLO SATURI MONOINSATURI

Dettagli

Biologia Terza edizione Capitolo 6:

Biologia Terza edizione Capitolo 6: D. SADAVA et al. Biologia Terza edizione Capitolo 6: Energia, enzimi e metabolismo D. Sadava et al., BIOLOGIA 3/E, Zanichelli editore S.p.A. Copyright 2009 6 1 6 2 Metabolismo Il metabolismo (dal greco

Dettagli

IL DISPENDIO ENERGETICO

IL DISPENDIO ENERGETICO IL DISPENDIO ENERGETICO 1 Bilancio energetico Rappresenta la differenza tra la quantità di energia introdotta con gli alimenti e la quantità di energia consumata. Qualsiasi variazione dei depositi di energia

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN DIETISTICA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN DIETISTICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN DIETISTICA TESI INTERVENTI SULLO STILE DI VITA E PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI RELATORE CANDIDATO

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIEE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIEE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIEE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I

Dettagli

Metabolismo lipidico. Digestione

Metabolismo lipidico. Digestione Metabolismo lipidico Digestione I lipidi della dieta sono Trigliceridi Fosfolipidi Colesterolo Digestione ed assorbimento dei lipidi (trigliceridi, fosfolipidi, colesterolo, esteri del colesterolo) emulsionamento

Dettagli

Cap.21 CATABOLISMO DEI LIPIDI

Cap.21 CATABOLISMO DEI LIPIDI Cap.21 CATABOLISMO DEI LIPIDI Glucosio= forma di energia immediatamente disponibile LIPIDI= Deposito energetico utilizzabile da tutti i tessuti, tranne cervello e globuli rossi Rispetto ai carboidrati,

Dettagli

OMEOSTASI ENERGETICA

OMEOSTASI ENERGETICA OMEOSTASI ENERGETICA Omeostasi energetica: i processi biologici con cui l organismo mantiene costante il peso corporeo, bilanciando l assunzione e la spesa energetica Gli animali tendono a modulare l assunzione

Dettagli

Stato nutrizionale e abitudini alimentari

Stato nutrizionale e abitudini alimentari Stato nutrizionale e abitudini alimentari Lo stato nutrizionale è un determinante importante delle condizioni di salute di una popolazione; l eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante

Dettagli

La lista completa della frutta secca a guscio: pro e contro

La lista completa della frutta secca a guscio: pro e contro La lista completa della frutta secca a guscio: pro e contro La frutta secca a guscio contiene molte proprietà benefiche per l organismo. Si tratta di alimenti molto energetici perché ricchi di proteine

Dettagli

Leptina. Proteina di 167 aa per circa 16 kda

Leptina. Proteina di 167 aa per circa 16 kda Leptina e grelina Leptina Proteina di 167 aa per circa 16 kda La leptina viene prodotta soprattutto negli adipociti del tessuto adiposo bianco. Inoltre è prodotta da tessuto adiposo bruno, placenta, ovaie,

Dettagli

BLOCCO RIASSORBIMENTO TUBULARE

BLOCCO RIASSORBIMENTO TUBULARE BLOCCO RIASSORBIMENTO TUBULARE 1) INIBITORI TRASPORTO Na;2Cl;K (diuretici dell ansa) Causano escrezione sodio, cloro, potassio, calcio 2) INIBITORI TRASPORTO Na;Cl (diuretici tiazidici) Causano escrezione

Dettagli

Attività fisica,sport e. Diabete

Attività fisica,sport e. Diabete Attività fisica,sport e Diabete Dieta ed esercizio fisico - un ruolo chiave nella gestione terapeutica del diabete mellito di tipo 2 Dieta ed esercizio fisico Insulino- resistenza Grazie a una restrizione

Dettagli

More information >>> HERE <<<

More information >>> HERE <<< More information >>> HERE

Dettagli

Adipociti e tessuto adiposo

Adipociti e tessuto adiposo Adipociti e tessuto adiposo adipociti o cellule adipose sono cellule specializzate nell immagazzinamento e sintesi di sostanze lipidiche (trigliceridi) Costituiscono aggregati che formano il tessuto adiposo

Dettagli

Fisiopatologia del metabolismo glucidico in gravidanza

Fisiopatologia del metabolismo glucidico in gravidanza Fisiopatologia del metabolismo glucidico in gravidanza Dott.ssa Rita Cavani Diabetologia USL Modena Cesena 10 Aprile 2010 Dipartimento Medicina Metabolica Prof. C. Carani La Gravidanza è caratterizzata

Dettagli

ADIPOCHINE NEL TESSUTO ADIPOSO UMANO CARMELA SANTANGELO

ADIPOCHINE NEL TESSUTO ADIPOSO UMANO CARMELA SANTANGELO ADIPOCHINE NEL TESSUTO ADIPOSO UMANO CARMELA SANTANGELO Centro Nazionale Qualità degli Alimenti e Rischi Alimentari Istituto Superiore di Sanità PPARγ FFA HSL ILβ, IL8, IL, TGFβ, NGF etc. Modificato da

Dettagli

GLUCIDI COME ALIMENTI

GLUCIDI COME ALIMENTI GLUCIDI COME ALIMENTI Fonti alimentari Vegetali Animali (latte e derivati) Classificazione Monosaccaridi (glucosio, fruttosio) Oligosaccaridi (saccarosio, lattosio) Polisaccaridi (amidi, glicogeno, cellulosa)

Dettagli