La scuola che vorrei

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La scuola che vorrei"

Transcript

1 PROGRAMMA EDUCATION FGA WORKING PAPER N. 11 (1/2009) La scuola che vorrei I Dirigenti Scolastici e i tempi dell autonomia Luisa Ribolzi Professore Ordinario di Sociologia dell educazione Facoltà di scienze della formazione dell Università di Genova

2 La ricerca è stata svolta da Gruppo CLAS con la supervisione scientifica di Luisa Ribolzi. L equipe era composta da Laura Sala, Theofanis Vervelacis, Fiorella Senni, Sonia La Rocca, Riccardo Bozano, Raffaele Solinas. Il trattamento dei dati è stato realizzato da Marco Razzi. Si ringraziano tutti i Dirigenti Scolastici che hanno trovato nella loro affollata giornata di lavoro il tempo per l intervista e la compilazione dei time budget. Senza il loro contributo questo lavoro non sarebbe stato possibile. Fondazione Giovanni Agnelli, 2009 Le opinioni espresse in questo testo sono responsabilità degli autori e non necessariamente riflettono quelle della Fondazione Giovanni Agnelli. The opinions expressed in this paper are the sole responsibility of the authors and do not necessarily reflect those of the Fondazione Giovanni Agnelli. 2

3 INDICE Introduzione metodologica...4 Premessa Qualche considerazione introduttiva I risultati della ricerca I docenti e i collaboratori Innovare e migliorare L uso del tempo I meccanismi e gli oggetti di delega Affrontare le criticità Limiti e opportunità dell autonomia L analisi del Time Budget giornaliero e del Time Budget annuale Il time budget giornaliero Il time budget annuale...28 Conclusioni: la scuola che vorrei

4 Introduzione metodologica Per la realizzazione dell indagine sull uso del tempo dei Dirigenti Scolastici, il gruppo di ricerca ha costruito strumenti di tipo sia quantitativo che qualitativo; questa scelta metodologica ha permesso inizialmente di ottenere una base informativa sull oggetto di ricerca estremamente interessante, che è stata poi integrata dalla seconda rilevazione qualitativa, producendo un quadro di riferimento ampio ed articolato. Nel dettaglio, per la raccolta di dati il team ha costruito: 1. una matrice in grado di rilevare le diverse attività svolte da ogni Dirigente durante singoli giorni di scuola, con una disaggregazione del tempo giornaliero in porzioni di 30 minuti (time budget giornaliero). Le attività predefinite in tale matrice sono state le seguenti: riunioni, telefonate, incontri a due, studio di normative, posta ed (inviate e ricevute), stesura di documenti, raccolta e diffusione di informazioni, diffusione di istruzioni e indicazioni, altro (con correlata specifica del contenuto dell eventuale nuova attività non precodificata). Ai rispondenti è stato richiesto di compilare tale matrice per tre giornate differenti, scelte autonomamente da ciascun intervistato fra quelle rappresentative della normale attività; 2. un prospetto riepilogativo del tempo utilizzato nell arco dell intero anno scolastico, suddiviso in sei macro temi: attività direzionale, arricchimento e ampliamento dell offerta, servizio formativo, servizi rivolti agli utenti, gestione delle risorse, rapporti istituzionali. Ciascuno di essi è stato ulteriormente scomposto in indicatori, in numero variabile a seconda dello specifico contenuto degli stessi macro temi. La misurazione richiesta è stata duplice: ogni rispondente doveva, in primo luogo, attribuire un peso percentuale a ciascun indicatore all interno dei macro temi, in secondo luogo ripetere la stessa operazione con riferimento all insieme di tali macro temi 1 ; 3. una traccia di intervista, composta da: una prima parte mirata alla raccolta di informazioni relative ai dati strutturali dei diversi intervistati (sesso, età, luogo di nascita, materia e anni di insegnamento) e delle scuole da loro dirette (tipologia, aspetti dimensionali, ossia totale dei docenti, del personale ATA e degli studenti, breve descrizione del contesto di riferimento della struttura scolastica). Infine ai rispondenti è stato richiesto di descrivere due casi di successi e due di insuccessi ottenuti come Dirigenti Scolastici; una seconda parte finalizzata a rilevare l approccio tenuto dai Dirigenti Scolastici nella gestione quotidiana delle strutture scolastiche di appartenenza, nella definizione degli obiettivi da raggiungere (sulla base dell autonomia ma anche delle risorse disponibili, non sempre adeguate), nel coinvolgimento del corpo docente per il raggiungimento di tali obiettivi anche attraverso meccanismi di delega, nel modo di affrontare e superare eventuali criticità, attraverso le seguenti nove domande2: a. Quale scuola vorrebbe? Quali progetti di miglioramento ha attivato (o sta promuovendo) per raggiungere questi obiettivi? b. L attuale gestione del tempo le consente di fare ciò che si è proposto? Quali scelte ha effettuato? Quali criticità ha riscontrato? c. Cosa potrebbe delegare e quali condizioni? d. Cosa ha fatto/potrebbe fare per coinvolgere maggiormente i suoi collaboratori, cosa ha fatto/potrebbe fare per far assumere loro gradualmente maggiori responsabilità? 1 Il totale percentuale degli indicatori del macro tema, analogamente alla somma del peso successivamente attribuito ad ogni macro voce, doveva quindi risultare pari al 100%. 2 E stato inoltre previsto uno spazio dedicato a note e integrazioni, utilizzabile anche dall intervistatore per sue eventuali osservazioni. 4

5 e. Secondo Lei come si ottiene il trasferimento delle competenze gestionali a breve e a medio-lungo termine? f. Cosa sta facendo o pensa di fare per superare le criticità riscontrate e per perseguire con maggiore efficacia i suoi obiettivi? ( la scuola che vorrei ) Quali risorse potrebbe utilizzare (disponibili o potenziali)? g. Quali limiti e quali opportunità offre l autonomia nella gestione del proprio tempo? Cosa ha prodotto l Autonomia: ha aumentato gli aspetti/i compiti burocratici? ha offerto strumenti e opportunità per dedicare più tempo alla realizzazione della propria mission? h. Come è cambiata la gestione del tempo negli ultimi anni? i. Come si colloca l Ufficio Scolastico Regionale rispetto al governo della scuola? I Dirigenti sono stati molto collaborativi, se si considera la mole di informazioni richiesta a ciascuno. L unica parziale eccezione è stata rappresentata dalla scheda relativa alla rilevazione dell impiego del tempo giornaliero per le varie attività, che ha creato qualche perplessità nei rispondenti non tanto in merito al contenuto, quanto più all impegno necessario per la sua compilazione, o addirittura alla sua applicabilità al lavoro del Dirigente Scolastico. Nel complesso all indagine hanno aderito 38 dirigenti, in scuole distribuite fra Nord (prevalente) e Centro Sud. Il time budget giornaliero è stato compilato da 13 dirigenti dell area settentrionale: uno ha ritenuto di restituire soltanto una scheda, mentre altri due hanno completato quelle relative a due giornate. Le rimanenti 10 scuole hanno svolto il lavoro richiesto per intero. Complessivamente il gruppo di lavoro ha potuto quindi disporre di 35 schede di time budget giornaliero, che sono state analizzate come altrettanti casi, prescindendo quindi dalla provenienza territoriale anche per ragioni di poca rappresentatività, vista l assenza di schede del Centro Sud. Con riferimento invece alle schede relative al time budget annuale, tutti i dirigenti aderenti all indagine le hanno compilate per intero, fornendo così uno spaccato significativo dell uso del tempo a diversi livelli e nelle diverse aree interessate dalla ricerca. Il numero di risposte ha permesso di realizzare ulteriori elaborazioni, sempre di tipo sperimentale. Gli indicatori dei macro argomenti strutturati nella scheda di time budget annuale sono stati inoltre ricondotti a due tipologie di governo della scuola: la prima, in cui prevale uno stile basato sul management, la seconda in cui lo stile è invece basato sulla leadership. Grazie alla collaborazione del dottor Daniele Vidoni 3, tutti gli indicatori costruiti dal gruppo di ricerca per la scheda del time budget annuale sono stati correlati ad entrambe le macrocategorie prima accennate e i pesi percentuali indicati dai rispondenti per tali indicatori sono stati ricondotti all una o all altra di tali macrocategorie: ne è derivata una ulteriore distribuzione dei Dirigenti intervistati in relazione al loro tipo di comportamento (più teso al management o alla leadership, appunto) 4. 3 Il gruppo di lavoro ringrazia il Dott. Daniele Vidoni, del CRELL Centre for REsearch on Lifelong Learning di Ispra per il supporto fornito nella riconduzione degli indicatori alle due macrocategorie di comportamento dei Dirigenti Scolastici da lui individuate nel corso della ricerca svolta sugli archivi OCSE-PISA e IED-TIMMS (per un breve approfondimento su tale ricerca si veda la successiva nota 5). 4 Daniele Vidoni ha svolto una ricerca su 18 paesi, di cui 14 europei (Belgio parte fiamminga, Bulgaria, Cipro, Inghilterra, Estonia, Ungheria, Italia, Lettonia, Lituania, Olanda, Romania, Scozia, Slovenia e Svezia) e 4 extraeuropei (Australia, Giappone, Norvegia e USA). In particolare ha analizzato due database, quello di OCSE 5

6 Lo strumento meriterebbe ulteriori approfondimenti: non è stato infatti possibile sapere per tutti i casi studiati se gli approcci rilevati rappresentano una naturale applicazione delle peculiarità caratteriali e professionali dei vari intervistati (quindi se essi siano per natura più manager che leader o viceversa) o se, invece, è il contesto di riferimento (sia esso interno o esterno alle strutture scolastiche di appartenenza) che guida l approccio dei Dirigenti stessi. Resta però innegabile la valenza di quanto emerso, che fra l altro ha permesso anche di contestualizzare e quindi comprendere meglio le motivazioni di alcune affermazioni proposte dai rispondenti nel corso delle rispettive interviste. Nelle pagine che seguono vengono presentati i risultati dell indagine. La prima parte contiene le riflessioni derivanti dalle interviste condotte con i vari Dirigenti Scolastici, mentre la seconda riguarda le elaborazioni dei dati raccolti attraverso le matrici (uso del tempo giornaliero) e dei prospetti (distribuzione del tempo annuale). Premessa Vorrei una scuola nella quale gli attuali vincoli che non supportano l esercizio dell autonomia scolastica fossero superati, attraverso il completamento della riforma di sistema e di una riforma dell istruzione secondaria che tenga conto degli obiettivi di Lisbona 2010 non come buone intenzioni ma come buone prassi, e soprattutto definizioni chiare di competenze e sostegno alla costruzione di un sistema virtuoso di governance. Vorrei una scuola dove la valutazione divenisse uno strumento operativo e di supporto allo sviluppo del miglioramento (Istituto Tecnico Commerciale, Nord). Nel contesto perennemente mutevole della scuola italiana, in cui è in corso dal gennaio del 1997 un processo di rinnovamento che non si completa mai perché, come nota uno dei Dirigenti da noi intervistati in Italia il sistema politico blocca il processo di cambiamento (Istituto. Professionale, Centro Sud), in quanto non riesce a trovare un accordo né sulle priorità degli obiettivi né sulle modalità di affrontare e risolvere i problemi, l unica trasformazione attuata, anche se solo in parte, è stata il passaggio da un sistema centralizzato ad un sistema di scuole autonome, con l attribuzione di PISA (per la parte relativa agli studenti) e quello di IED-TIMSS (che, con riferimento ai paesi selezionati e agli strumenti utilizzati da ognuno per le rispettive raccolte di dati, è risultato l unico ad avere un item mirato a rilevare come il tempo dei Dirigenti Scolastici venga impiegato per le diverse attività scolastiche), cercando di definire gli effetti che le competenze dei Dirigenti Scolastici possono avere sulla scuola di cui essi siano capo, ma anche sui processi di apprendimento e infine, aspetto più rilevante, sul potenziale successo degli studenti. Più precisamente Vidoni ha individuato due categorie: a. Dirigenti specializzati in management che, per loro capacità/preparazione (e anche per personale convinzione) risultano più concentrati sulla gestione delle questioni amministrative e burocratiche scolastiche, sulle pubbliche relazioni e su altre attività residuali, non direttamente riferibili all insegnamento nelle strutture di cui sono a capo; b. Dirigenti specializzati nella leadership, più attenti invece all insieme delle attività riconducili alla sfera educativa: dalla partecipazione diretta nella definizione dell offerta formativa scolastica e, più in generale, a tutti gli altri aspetti correlati alla stessa sfera educativa, alla costante supervisione dei docenti, fino al caso di Dirigenti che siano anche docenti. Va detto peraltro che questa ultima ipotesi non vale per le scuole italiane dove, come noto, il Dirigente può al massimo sostituire un docente se improvvisamente assente, mentre per le altre situazioni deve attivare le supplenze: in Italia, infatti, il Dirigente Scolastico è incompatibile per legge (quindi al di là di questioni di tempo) con le attività di docenza e supplenza. 6

7 un ruolo centrale di progettazione e governo per i Dirigenti. L autonomia consente ad ogni istituto di definire la propria offerta in relazione al contesto dei bisogni formativi rilevati, e ai maggiori spazi di scelta progettuale corrispondono maggiori e più forti istanze di controllo e verifica delle scelte effettuate. Il passaggio stesso da un sistema all altro, seppure il secondo non abbia ancora raggiunto una transizione alla governance prevista dalla norma in quanto non sono ancora chiari e definiti i poteri e le competenze di Stato e Regioni ha comunque già reso necessari nuovi compiti istituzionali alle autonomie funzionali delle scuole, e ciò si rileva anche nella gestione del tempo. Non è sufficiente una buona norma perché il cambiamento diventi effettivo. Occorre che i comportamenti professionali acquisiscano le nuove competenze che il sistema richiede. Nella fase attuale il Dirigente Scolastico lavora sulla base di un piano strategico che mira ad essere funzionale all esercizio dell autonomia, seppure in un quadro generale incompleto (Istituto Tecnico Commerciale, Nord) Questa lunga citazione ben esprime, con le parole di uno di loro, i motivi per cui abbiamo deciso di ascoltare i Dirigenti, piuttosto che di formulare astratte ipotesi di trasformazione della scuola. Non si tratta di una ricerca quantitativa, dai risultati generalizzabili, anche se abbiamo cercato di differenziare il più possibile tra loro i Dirigenti intervistati 5 : partendo dall esame di come essi usano il loro tempo, abbiamo cercato di identificare problemi e prospettive, e di capire che futuro vorrebbero per le scuole autonome le persone incaricate di farle funzionare. 1. Qualche considerazione introduttiva Il bravo dirigente è come uno sciatore esperto: sa che il successo dipende dal guardare avanti verso il traguardo, e non indietro verso la sicurezza delle colline BENNIS W. (1997), Managing people is like herding cats, Publishing, Provo, UT. Come già detto, nel lungo, incompiuto ed estenuante processo di rinnovamento della scuola italiana in atto dal gennaio del 1997, un solo punto si può dare per acquisito, ed è l istituzione, con la legge 59 (sempre del 1997), dell autonomia scolastica, a seguito della quale la scuola è passata da un modello centralizzato ed uniforme, in cui i singoli istituti erano poco più che semplici esecutori delle direttive emanate dal centro, a un sistema di scuole autonome caratterizzato dalla capacità di rispondere in modo efficace ad una domanda formativa per sua natura differenziata. Conseguenza dell autonomia è stato il conseguimento della dirigenza da parte dei capi di istituto, non più Direttori (nelle scuole elementari) o Presidi (nelle scuole secondarie), ma Dirigenti Scolastici. Questo passaggio segna un decisivo cambiamento nella funzione e nei compiti del Dirigente, che diviene non più garante dell osservanza delle norme centrali (in altre parole, un burocrate) ma l organizzatore di un ambiente complesso di apprendimento, garante verso i suoi utenti (studenti e famiglie, ma anche la comunità locale) della qualità dell istruzione erogata dalla scuola da lui diretta. Lo scambio fra autonomia e accountability prevede una valutazione compiuta dal centro per tutelare gli utenti e promuovere l equità, anche se questo controllo viene talvolta percepito come un limite 5 Come già accennato in precedenza, sono stati intervistati 38 Dirigenti in aree diverse del paese (Lombardia, Piemonte, Liguria, Trentino, Lazio, Campania e Calabria), di diversi ordini e indirizzi di scuola, così da raccogliere pareri il più possibili differenziati. 7

8 all autonomia decisionale delle scuole. Troviamo atteggiamenti diversi fra i nuovi dirigenti, che gradiscono la possibilità di avere più risorse da gestire come vogliono, e accettano di essere valutati sui risultati che ottengono, e i dirigenti più anziani che preferiscono lasciare al centro o ai provveditorati un buon numero di compiti, e anche se ritengono necessario essere efficienti ed efficaci, hanno resistenze a pensare i propri comportamenti in maniera misurabile. Se il fine ultimo di ogni politica scolastica è quello di garantire il successo degli studenti, nel senso che tutti devono ottenere il massimo in rapporto alle loro caratteristiche e alle loro aspettative, secondo il principio di personalizzazione, l obiettivo irrinunciabile di ogni scuola è il buon funzionamento, che non va misurato in termini assoluti (salvo che per il raggiungimento degli standard minimi fissati dal centro), ma in termini di valore aggiunto, di buon funzionamento di cui il dirigente è responsabile. E da rifiutare una forma identica e uniforme che tenda verso il basso: come dice il proverbio spagnolo, in questo caso mal de muchos, consuelo de tontos. Non può venire meno l aspetto del trasferimento delle responsabilità alla scuola, con una maggiore attenzione alla diversità, possibile solo se esiste una capacità di adattamento, di flessibilizzazione, che richiede un supporto alle scuole in difficoltà e una riaffermazione continua dell autonomia, che altrimenti muore. Possiamo allora dire che, accanto al compito di rappresentare lo Stato (che non è scomparso del tutto, ma è stato indebolito non tanto dall autonomia, quanto dal venir meno della coesione sociale e di un processo omogeneo di trasmissione di valori), si afferma sempre più come compito primario del dirigente quello di far funzionare la scuola, con l aiuto di strutture di supporto e all interno di una istituzionalizzazione che rimane forte, anche in mancanza di una riforma degli organi collegiali. Nei Dirigenti, accanto a quella per la complessità e scarsa chiarezza dei loro compiti, è abbastanza diffusa la preoccupazione per la perdita del ruolo di coesione sociale che era proprio della scuola, anche perché, nonostante la convinzione diffusa che spostare sulle stesse scuole la decisionalità fornisce agli studenti un ambiente di apprendimento migliore e più appropriato, il legame fra decentramento e collaborazione della comunità non è immediato. La reazione alle riforme ha visto l attuazione di strategie di adattamento diverse, in cui è difficile dire se prevalgono le caratteristiche dei Dirigenti (che determinano gli stili di leadership), o se sono le condizioni di contesto che diventano determinanti nel costruire tipologie di comportamenti direttivi. Dal 1997 sono diventate più forti le condizioni di stress, che hanno fatto crescere il fenomeno del prepensionamento: le ricerche svolte negli Stati Uniti sui fenomeni di disaffezione legati agli interventi di riforma indicano fra i fattori causali, nell ordine, l eccesso di lavoro, i compiti burocratici, le pressioni dell ambiente, l insoddisfazione per il lavoro, lo scarso supporto delle autorità locali (divenute cruciali in seguito ai processi di decentramento), le cattive relazioni interne alle scuole e le rivendicazioni di famiglie, personale docente e non docente o sindacati 6. Questi elementi si riscontrano anche in Italia, mentre il senso di isolamento indicato da molti negli ultimi anni sembra almeno in Italia essere diminuito. Un ultimo elemento che troviamo in embrione nelle scuole autonome, soprattutto nelle secondarie superiori, e che costituisce l immagine più nuova che emerge negli ultimi vent anni, è quello dell imprenditore educativo, teso a far crescere il successo della sua scuola e capace di far fronte ai cambiamenti, che essendo discontinui 6 J. DRAPER, P. McMICHAEL (1996), I am the eye of the needle and everything passes through me: primary headteachers explain their retirement, in School organisation, vol. 16, n.2, pp

9 impediscono alle riforme di essere come prima, solo di più in quanto il cambiamento non è più quello di una volta 7 2. I risultati della ricerca 2.1 I docenti e i collaboratori Non dimentichiamo che se l autonomia avrebbe dovuto rafforzare la dimensione di sistema, di fatto ancor oggi l unica figura di sistema è il Dirigente, che esercita la sua leadership in una scuola in cui gli autori principali, i docenti in primis, sono ancora dentro un idea di scuola pre-autonomia, e quindi non si vivono come membri di una comunità educativa in cui essere promotori attivi e consapevoli, protagonisti insieme al Dirigente di un progetto educativo. Prevale ancora un vissuto legato al vecchio modello burocratico autoritario-centralistico, in cui ricevere direttive ma essere sostanzialmente liberi nella propria attività di aula, svolta prevalentemente a livello individuale (Istituto Comprensivo, Nord) I Dirigenti Scolastici considerano assai negativamente l impossibilità di esercitare un effettivo controllo sulle risorse umane disponibili, sia perché per una scuola avere alcuni docenti non all altezza del compito che destabilizzano l ambiente rappresenta una grande criticità (Liceo Classico, Scientifico, Linguistico, Nord), sia perché non si riesce a creare una comunità in cui tutti lavorano per raggiungere un obiettivo condiviso (Istituto Comprensivo, Nord), mentre è importante riproporre il concetto di scuola intesa come comunità educante (Istituto Tecnico Industriale Centro- Sud), anche se gli studenti non capiscono lo spazio loro concesso, rifuggono da questa possibilità (Istituto Tecnico, Centro-Sud). Il fatto che la gestione del personale è ministeriale e non dipende dalla scuola credo che siamo uno degli ultimi paesi europei a mantenere ancora questa assurdità con un assegnazione centralizzata e non in relazione al programma, rende difficile la continuità, ed è problematico inserire i nuovi arrivati in un progetto magari avviato da anni: sarebbe auspicabile un sistema che vincoli gli insegnanti dopo la valutazione positiva del Dirigente almeno per un periodo triennale (Istituto Comprensivo, Nord). Dovrebbe essere anche superata l aleatorietà dei docenti, dall entrata in servizio ( ogni scuola dovrebbe verificare la sintonia fra le aspettative del docente e il piano dell offerta formativa ) ai trasferimenti ( sarebbe importante che gli interessi della scuola e del docente convergessero spesso accade che dei docenti si trasferiscano e la scuola si trovi all improvviso senza una professionalità e delle competenze su cui fino a quel momento ha potuto fare affidamento, oppure investe tempo ed energie su di una persona che l anno dopo cambierà scuola, Liceo Classico, Scientifico, Linguistico, Nord). 7 HANDY C. (1989), The age of unreason, Hutchinson, London, pp

10 La riluttanza è presente anche in un corpo docente stabile: favorire la discussione collegiale e la condivisione dei criteri di valutazione non è sempre semplice: i docenti si trincerano dietro la libertà di insegnamento (Istituto Statale D Arte, Nord) che si vede come messa a rischio da un lavoro comune, così che bisogna convincere le persone, attraverso un lavoro di anni, che programmare un percorso in comune con i propri colleghi non va a ledere la libertà di insegnamento... ognuno poi spenderà la propria professionalità e la propria fantasia nella propria classe, con attività che possono essere diverse, ma all interno di un percorso comune (Istituto Comprensivo, Nord). E frequente notare un conflitto su tutto quello che viene visto come imposizione di fronte a cui i docenti tendono peraltro a fare muro (Istituto Statale D Arte, Nord). E quindi fondamentale, per far funzionare la scuola e per promuovere iniziative, migliorare il clima e creare fiducia (Istituto Comprensivo, Nord), cercando la collaborazione dello staff e riflettendo in modo sistematico con i responsabili di area e di settore. Sull ambivalenza del ruolo, fra professionista e burocrate, ci sono poche osservazioni, in parte contraddittorie: un Dirigente colloca nel passato l età dell oro dell insegnante professionista, Era un professionista geniale, entusiasta, riconosciuto come carismatico, con una grande soddisfazione più che di tipo economico, dai ragazzi e dai genitori, aveva un ruolo riconosciuto nella società (Istituto Comprensivo, Nord), e vede ora la prevalenza della mentalità impiegatizia, tanto da paventare l andata in pensione delle vecchie generazioni che guardano ai pochi incentivi (un Dirigente ha affermato, a questo proposito, di avere assistito più di una volta a conflitti tra docenti durante i collegi, proprio per questioni economiche) 8 non si aggiornano e sono tutti appiattiti per mancanza di possibilità di carriera. Uno dei limiti fondamentali alle possibilità di gestione efficace della risorsa umana è la formale uniformità del corpo docente, legata al mito dell unicità della funzione insegnante: Purtroppo in Italia c è questa mentalità dell appiattimento, di livellamento del personale per cui non è prevista carriera, per cui anche le persone di buona volontà e con grosse competenze non hanno un riconoscimento né economico né giuridico e questo secondo me è inaccettabile (Istituto Comprensivo, Nord). I Dirigenti, invece, sono nella quasi totalità convinti della necessità che esista nelle scuole un middle management, una distinzione gerarchica legata all importanza delle funzioni (bisognerebbe poter usare docenti di diversa qualità.): a fronte dell impossibilità formale, troviamo una varietà di soluzioni informali nell identificazione dei collaboratori del Dirigente e nella ricerca di soluzioni premiali. E importante la capacità del Dirigente Scolastico di formare le avanguardie: E necessario unire didattica e ricerca altrimenti il docente diventa un praticone; spesso si incontrano docenti di buona volontà che però mancano di quella formazione pregressa che è indispensabile per poter progredire nella ricerca di una didattica più funzionale alle esigenze dell insegnamento il Dirigente avvia alla ricerca una minoranza di docenti che poi incide anche sugli altri (Liceo Classico, Scientifico, Linguistico, Nord). E necessario tendere alla costituzione di uno staff, composto di docenti specializzati, ma non solo: il Dirigente di un Istituto Comprensivo del 8 Questo Dirigente dichiara ho riscoperto una cosa molto vecchia che non si faceva più, e cioè l encomio, che non è altro che una lettera che rimane allegata al fascicolo del docente e nel quale il capo di istituto invia un encomio, cioè fa i complimenti per la realizzazione di una particolare attività. L ho riscoperto perché mi sono reso conto che se devo dare una gratifica ad un insegnante la devo discutere con le RSU, e succede che si cominciano a fare i conti della serva per cui magari dicono il tale insegnante prende già 100 ore, perché gliene vuole dare altre venti? E perché venti per quel progetto? Allora vuol dire che per lei quel progetto è più importante E io lo scrivo nella lettera le invio l unica cosa che posso fare senza doverla discutere con la RSU (Istituto Comprensivo, Nord) 10

11 Nord ha puntato su di un corso di formazione sull uso del tempo e delle risorse dedicato anche al personale non docente. 2.2 Innovare e migliorare La posizione dei Dirigenti nei confronti del cambiamento introdotto dalle riforme oscilla tra un moderato ottimismo ( Per il 70% questa è già la scuola che vorrei: la scuola che vorrei è quella in cui tutti i soggetti, insegnanti, personale scolastico, studenti e genitori, tengono, cioè fanno la loro parte. Serve la pluralità: il disagio dovuto al mescolamento delle diversità e delle culture e al basso senso di appartenenza si compensa con la ricchezza degli stili e delle motivazioni che contribuisce a far crescere la cultura di tutti, Istituto Sociopsicopedagogico, Nord), la speranza che sia comunque possibile cambiare ( L autonomia scolastica, anche se esercitata ancora con troppi vincoli, consente di sostenere una visione aperta e innovativa su molti processi, Istituto Tecnico Commerciale, Nord) la sfiducia nella possibilità di un reale cambiamento, e infine situazione relativamente nuova rispetto al passato la delusione per le aspettative tradite. Dichiara in proposito un Dirigente Ultimamente c è una grande insofferenza nel corpo docente, una grande stanchezza dovuta a un cambiamento molto pesante nel ruolo del docente, quello che è stato devastante sono state le tre riforme incompiute (Berlinguer, Moratti, Fioroni). La scuola ne esce a pezzi, è devastante. Gli anni migliori, quelli più esaltanti, sono stati dal 1996 al 2000, qualsiasi cosa proponevo al Consiglio veniva accolta con entusiasmo c era speranza per il futuro. Adesso prevale la chiusura in se stessi, come avviene in tutti i momenti di crisi, c è una grande stanchezza e qualsiasi proposta viene fatta cadere (Istituto Comprensivo, Nord). Sul miglioramento, siamo in presenza di due posizioni parzialmente sovrapposte, ma non coincidenti: per alcuni significa innovare, adeguarsi ai bisogni che emergono (questa riflessione è stata proposta dai Dirigenti di due diversi Istituti Comprensivi del Nord), per altri significa invece consolidare aggiornare l offerta in una linea di continuità (Liceo Scientifico, Nord). Nel tentativo di rendere più efficace la scuola, siamo di fronte a molta vivacità, ma anche ad una grande frammentazione. Possiamo distinguere fra miglioramenti di tipo: curricolare (nuove tecnologie, educazione scientifica, intensificazione della formazione disciplinare anche raccordata all inserimento dei ragazzi stranieri - Istituto Tecnico Turistico, Centro-Sud - stage e in generale contatti con le imprese). In particolare, un Dirigente afferma La scuola che io vorrei è quella delle pari opportunità educative, e cioè una scuola dove tutti i ragazzi abbiano un percorso comune di formazione, programmato per fasce, dalla prima elementare alla terza media (Istituto Comprensivo, Nord); extracurricolare (musica, giornalini, peer education, trattazione di temi culturali specialmente nei licei), con progetti trasversali (Istituto Tecnico Commerciale, Nord) fino alla creazione ad un Istituto di Istruzione Superiore del Nord di un ristorante con spettacoli e danza; metodologico, con l uso degli studenti più anziani per la tutorship dei piccoli poi integrata da studenti del servizio civile, Istituto Professionale, Nord - per la riduzione degli insuccessi e il sostegno dei soggetti in difficoltà (Istituto Comprensivo, Nord; Istituto Tecnico Industriale, Nord che ha creato una rete per prevenire la dispersione), la gestione integrata della classe (Istituto Comprensivo, Nord) e l uso della formazione su temi specifici; organizzativo, come la creazione di dipartimenti, la scelta comune dei libri di testo a partire dalla prima elementare, la creazione di reti per l integrazione e i servizi (Istituto Tecnico Nord; Istituto Comprensivo, Nord, Scuola Media Statale, Nord), il raccordo con i centri di formazione 11

12 permanente sul territorio per l orientamento (Istituto Comprensivo, Nord): Semplificare e informatizzare (assenze, scrutini, Istituto Professionale, Nord). Molte scuole citano la partecipazione a progetti qualità, il conseguimento della certificazione, l analisi del contesto; trasversale, con iniziative di educazione alla legalità (Istituto Tecnico, Centro-Sud), educazione civica, internazionalizzazione (Istituto Comprensivo, Nord; Liceo Linguistico, Nord). Alcuni Dirigenti sottolineano la necessità di coinvolgere le famiglia, migliorando l informazione ( lavorare con le famiglie anzitutto con più informazioni, altrimenti la concezione della scuola e quindi della società che viene trasmessa ai ragazzi è negativa, Liceo Scientifico, Nord) altri di promuovere la partecipazione degli studenti (Istituto Professionale di Stato, Centro-Sud; Liceo Scientifico, Nord, che ha avviato il progetto Protagonisti Noi ; Istituto Tecnico, Nord, e il cui Dirigente ha dichiarato di ricercare sempre il coinvolgimento nella scuola degli studenti e delle famiglie, anche se spesso negli esperimenti messi in atto gli studenti rifuggono questa disponibilità, non capiscono lo spazio loro, vi è una reale difficoltà a passare a questa fase di coinvolgimento ) e in generale di migliorare la comunicazione (Istituto Professionale, Nord). Degli studenti i Dirigenti Scolastici non parlano molto (uno dice con qualche rammarico che da gran parte del suo tempo è preso dall organizzazione, non ha quasi più contatti con loro..), anche se si indica l importanza di motivare i ragazzi più giovani migliorando la didattica nel biennio ( Istituto Tecnico Commerciale, Nord). Esiste un elevato consenso sul fatto che il cambiamento vada tenuto sotto controllo, con verifiche sistematiche e standardizzate sui risultati (Istituto Comprensivo, Nord), ma la valutazione, indicata da molti come punto cruciale, deve fare i conti con atteggiamenti pregiudiziali da parte dei docenti (Istituto Comprensivo, Nord) mentre sarebbe auspicabile introdurre un sistema premiante commisurato al raggiungimento degli obiettivi di efficacia e di efficienza (Istituto di Istruzione Superiore, Nord) per valorizzare chi lavora bene e offrirgli prospettive di carriera, mentre adesso i docenti migliori sono mortificati (Istituto Professionale, Centro-Sud). Sono stati fatti degli esperimenti innovativi, ma per lo più sugli apprendimenti degli studenti, introducendo forme di valutazione per competenze (Istituto Comprensivo, Nord). Dichiara un Dirigente: vorrei una scuola nella quale la valutazione riguardasse tutte le componenti e fosse riconosciuta come modalità di miglioramento della qualità dell istruzione e che consentisse di evidenziare e di intervenire sulle criticità (competenze degli studenti, competenze professionali dei docenti, del personale ATA, dei Dirigenti Scolastici). Vorrei un sistema chiaro ed equo, corretto ed imparziale, che funzionasse da riferimento. Vorrei che a fianco delle azioni di valutazione fosse finalmente riconosciuta come obbligo e finanziata una formazione in servizio che vincolasse le professionalità a riqualificare/aggiornare le proprie competenze (Istituto Tecnico Commerciale, Nord). Passando all esame delle difficoltà, secondo gli intervistati, il quadro complessivo del sistema non facilita le innovazioni, in particolare da una parte si cerca l identità formativa, e dall altra la si perde (Istituto Sociopsicopedagogico, Nord) e fin dall istituzione stessa dell autonomia la legge l ha assegnata alle scuole ma non ha fatto nulla per modificare le risorse disponibili, soprattutto umane ma non solo (non dovrebbero essere vincolate alla classe). Afferma un Dirigente (Istituto Tecnico Commerciale, Nord): attualmente stiamo inseguendo i cambiamenti. Appena ti organizzi, arriva un provvedimento che anziché chiarire crea ulteriore confusione. Da questo punto di vista c era maggiore chiarezza prima; a tal proposito un altro Dirigente sottolinea: noi eravamo l organo periferico dell amministrazione, per cui ogni settimana 12

13 ricevevo il pacco delle circolari ed eseguivo quello che c era scritto, lo mettevo in pratica (Istituto Comprensivo, Nord). Alcuni indicano però anche punti specifici, come l eccesso di burocrazia legato allo svolgimento dei compiti amministrativi che prima erano dei Provveditorati, gli orari troppo rigidi, soprattutto per le scuole in cui ci sono studenti che possono lavorare o l ingestibilità dei consigli di classe: ci sono troppi insegnanti, è impossibile farli lavorare insieme, sarebbe meglio accorpare le materie o insegnarle in periodi più brevi o anche per un solo anno (Istituto Professionale, Nord). 2.3 L uso del tempo La gestione del tempo viene definita un cardine di serietà e professionalità (Liceo Scientifico, Centro-Sud), e i Dirigenti Scolastici sono divisi in misura quasi uguale fra chi pensa che il tempo sia troppo poco, e chi pensa che sia sufficiente, anche se con fatica sempre maggiore; basta sapersi organizzare e soprattutto saper delegare a persone di cui ci si fida: i collaboratori me li scelgo direttamente fra il personale più valido e collaborativo (Liceo Scientifico, Centro-Sud). Molto pragmaticamente, un Dirigente nota che nel complesso l autonomia dà maggiori opportunità per organizzare il proprio tempo, le cose da fare però sono di più (Istituto d Arte, Nord). Le risposte alla domanda su che cosa è cambiato rispetto al passato possono essere catalogate in tre gruppi: 1. un gruppo dominante, che pensa che il carico di tempo richiesto al Dirigente sia aumentato rispetto al passato ( vi è stata una totale dilatazione del tempo per il Dirigente, Istituto Tecnico Commerciale, Nord; non ci sono più orari di servizio, è richiesta una presenza full time, Istituto Comprensivo, Nord; il tempo è aumentato in modo spaventoso, con abbattimento dei giusti tempi da destinare alla famiglia e con gravi rischi, anche certificati, alla salute, Istituto Tecnico Industriale, Centro-Sud), sia pure diversificando le motivazioni: l autonomia prevede un maggior carico di attività: C è una dilatazione del tempo in cui è richiesta la presenza del Dirigente a scuola, e i giorni diventano sempre più lunghi, perché vi sono sempre più compiti da svolgere (Liceo Scientifico, Nord); alla scuola negli ultimi anni sono state chieste sempre più risposte senza gli strumenti adeguati per poterle dare, non ci sono le risorse o gli investimenti giusti. Noi Dirigenti dobbiamo occuparci di aspetti che prima erano centralizzati presso gli organi di competenza (Ministero, Provveditorato). Ora tutto ricade su di noi (Liceo Linguistico, Nord); l autonomia prevede compiti più differenziati (e di conseguenza anche tempo per l aggiornamento, Istituto Tecnico Commerciale, Nord) ed ha sostanzialmente modificato i compiti e le responsabilità del Dirigente: l impegno orario è molto più oneroso. Prima il ruolo del Dirigente era prevalentemente esecutivo, con orario fisso (36 ore). Ora si è trasformato, con responsabilità più di tipo manageriale e di gestione, con circa 60 ore di lavoro settimanale, anche il pomeriggio e la sera (Liceo Istituto Istruzione Superiore, Nord); l autonomia ha generato una maggiore complessità è aumentata la complessità la responsabilità primaria del Dirigente che deve conoscere, leggere e interpretare dando delle direttive prima era un mero esecutore di compiti, ora è un gestore nel vero senso della parola (Istituto Istruzione Superiore, Nord); è peggiorato il contesto in cui opera il Dirigente 13

14 Scolastico: tagli di risorse e normative più complesse hanno complicato la gestione del tempo (Istituto Tecnico Industriale, Nord). La difficoltà a definire la distribuzione dei compiti è un elemento negativo, dal momento che il tempo si passa a far quello che altri dovrebbero fare, e quindi il tempo è molto limitato (Istituto Professionale, Centro-Sud). 2. Un secondo gruppo, più ridotto, secondo cui l introduzione delle deleghe, esonerando il Dirigente Scolastico dall impegno sulla gestione spicciola, ha invece rafforzato l impegno diretto sugli aspetti progettuali/gestionali (Istituto Professionale, Nord) ): ne consegue una possibilità di utilizzare il tempo in modo diverso, dedicandosi per esempio al territorio ed ai partner esterni (Scuola Media Statale, Nord), e, se si è in grado di razionalizzare le attività, organizzandosi in base alle proprie priorità, addirittura un risparmio di tempo, così che la flessibilità nel complesso ha portato benefici al ruolo di Dirigente Scolastico (Istituto Comprensivo, Nord). 3. Un ultimo gruppo sostiene che nulla è cambiato, tempo pieno prima e tempo pieno dopo: per ma la gestione del tempo non è cambiata: non ho mai badato all orario, a tempo pieno! (Liceo Classico, Nord); non è cambiato nulla, sono sempre stato abituato a lavorare così (Liceo Classico, Centro-Sud), oppure relativizza, asserendo che tutto dipende dal tipo di scuola, dai collaboratori disponibili o dallo stile che adotta il Dirigente (Istituto Sociopsicopedagogico, Nord). Comune è la lamentela sul dominio dei compiti burocratici, in quanto la gestione del tempo è concentrata soprattutto sugli aspetti burocratici e amministrativi a discapito di quelli didattici, per cui c è una forte delega ai collaboratori basata sulla grande fiducia costruita negli anni (Istituto Comprensivo, Nord). Molti dichiarano esplicitamente di non avere più tempo per seguire la didattica, con rammarico: sul piano della gratificazione personale mi piacerebbe occuparmi direttamente dei processi formativi (Istituto Comprensivo, Nord); la criticità maggiore nella gestione del mio tempo è di non riuscire a gestire gli aspetti didattici (Liceo Istituto Istruzione Superiore, Nord) o per sviluppare i rapporti con i collaboratori e gli studenti (Istituto Comprensivo, Nord; Liceo Scientifico, Centro-Sud), o per una programmazione di ampio respiro: non si ha più il tempo per pensare ad una mission futura. Si cerca di sopravvivere, anche se mi rendo conto che è un errore, perché è fondamentale pensare alle strategie per il futuro (Istituto Tecnico Commerciale, Nord). La ridotta disponibilità di tempo per seguire gli aspetti didattici costituisce per la maggioranza dei Dirigenti la principale, e rimpianta, differenza con il passato: Prima riuscivo ad avere un confronto significativo con i docenti e le classi (Istituto Comprensivo, Nord); una nota negativa per il ruolo del Dirigente è la drastica riduzione del tempo da dedicare alla didattica (Istituto Comprensivo, Nord); Prima dell autonomia, come Dirigente dedicavo più tempo alla didattica, all aspetto culturale con l autonomia devo dedicare più tempo all aspetto del management. E un limite quello di non riuscire ad intervenire come nel passato nel merito degli aspetti didattici, cerco di recuperarli in parte grazie al sistema qualità che mi permette di tenere sotto controllo con minore dispendio di tempo tutti i processi della scuola (Liceo Scientifico, Nord). Da queste e da altre dichiarazioni, emerge con una certa chiarezza che molti Dirigenti non riescono a staccarsi se non in parte dal ruolo docente rivestito per tanti anni (alcuni fanno in proposito un esplicito confronto) e continuano a considerarsi una specie di insegnante delegato ad altri compiti, piuttosto che titolari di una funzione in cui i compiti didattici sono compiti di organizzazione e controllo dell ambiente di apprendimento e non interventi sulla didattica: ricordo nei primi anni la mia presenza fisica nelle classi ad assistere alle lezioni, a dare consigli ai docenti anche rispetto alla 14

15 metodologia dei progetti nell ambito della lingua straniera da cui io provenivo (Istituto Comprensivo, Nord). Il lavoro del Dirigente non ha scadenze da rispettare, non ha orario (Istituto Comprensivo, Centro-Sud) e in più non può essere completamente programmato, sia perché non è costante ma ha dei momenti di picco (come gli esami e gli scrutini, Liceo Scientifico, Nord), sia perché si vive di urgenze che devono essere tutte presidiate dalla direzione (Istituto Comprensivo, Nord); le principali risorse di tempo sono dedicate alla risoluzione di problematiche ed emergenze, che privano il Dirigente della necessaria calma per dedicarsi alla gestione, organizzazione ed innovazione della didattica e dell Istituto (Istituto Comprensivo, Nord), oppure altri soggetti che emanano ordinanze non tengono conto dei tempi della scuola e di conseguenza tutto quello che è stato programmato viene stravolto (Istituto d Arte, Nord) e c è un appesantimento legato alla necessità di far fronte alle richieste dei soggetti esterni alla scuola (Liceo Linguistico, Nord). Ci sono anche situazioni di crisi, come quella del Dirigente che afferma in questo anno scolastico ho attivato azioni per rasserenare l ambiente interessato da problemi di indagine giudiziaria (Istituto Tecnico Industriale, Centro-Sud). La soluzione adottata è in molti casi, oltre alla delega ( è necessario creare figure intermedie tra Dirigenti e docenti per facilitare una responsabilità diffusa, anche esentando alcuni docenti part time o full time dall aula per compiti di responsabilità all interno dell istituto, Istituto Professionale, Nord; è necessaria la presenza di almeno due collaboratori con esonero parziale dalle lezioni, Istituto Comprensivo, Nord) e alla creazione di strutture decentrate flessibili, quella di ampliare o quantomeno rendere più flessibile l orario di lavoro, sfruttando il sabato o le ore serali per terminare le attività rimaste in sospeso (questa riflessione è stata proposta, fra gli altri, dai Dirigenti Scolastici di due Istituti Comprensivi dell area Nord, dal Dirigente di un Istituto Tecnico per il Turismo, Centro- Sud) o per svolgere attività di programmazione (Istituto Tecnico, Centro-Sud; Liceo Scientifico, Centro-Sud, che sottolinea anche la solitudine del Dirigente). In sintesi, troviamo quattro soluzioni possibili per la scarsità di tempo: aumentare la delega, aumentare il tempo di lavoro, migliorare l organizzazione e differenziare il tempo dedicato ai diversi compiti. L autonomia ha fatto crescere sia l impegno che le responsabilità e il problema che il Dirigente si trova a dover risolvere è quello di realizzare un equilibrio tra delega e responsabilità personale: le due posizioni estreme possono essere sintetizzate fra chi pensa che il tempo non sia sufficiente in quanto l emergenza non consente programmazione, e solo il Dirigente è in grado di farvi fronte, e chi pensa invece che se ci si organizzasse, il numero delle vere emergenze potrebbe diminuire, oppure che le stesse emergenze potrebbero essere prevenute, ad esempio attraverso un informazione efficace: Mi concentro sulla risoluzione dei problemi man mano che si presentano, o cercando di prevenirli o mettendo un piedi una struttura per fronteggiarli (Scuola Media Statale, Nord). Ci sono anche dei passaggi dall una all altra posizione, in quanto con l esperienza il tempo viene utilizzato al meglio e razionalizzato. In passato cercavo di seguire tutto, poi ho sempre più delegato e responsabilizzato i docenti (Istituto Professionale, Nord); l inesperienza propria ma anche dei docenti origina una difficoltà a decentrare. 15

16 2.4 I meccanismi e gli oggetti di delega Senza deleghe, il Dirigente perderebbe il suo tempo a fare il controllore (Liceo Classico, Scientifico, Linguistico, Nord), ma i rapporti personali sono l unico strumento su cui fare leva, perché il riconoscimento economico è insufficiente, non ci sono prospettive di carriera di nessun genere Ci vorrebbe un sistema di incentivi, altrimenti il rischio è che vengano coinvolte sempre le stesse persone (Istituto Comprensivo, Nord). Prima di approfondire le modalità adottate dai Dirigenti per delegare una parte dei propri compiti, che secondo il Dirigente di un Istituto Comprensivo del Nord potrebbe essere pari al 10-15%, è opportuno evidenziare una riflessione introduttiva: in pratica tutti gli intervistati considerano necessaria al funzionamento di una scuola autonoma l esistenza di quadri intermedi, quale che sia la definizione politicamente corretta data in burocratese: collaboratori di cui il Dirigente si fida, qualificati e in grado di svolgere funzioni particolari di supporto, costruendo una governance allargata. E allora, questa è la domanda esplicita o implicita che facciamo nostra, perché questo ruolo non può essere formalizzato e riconosciuto, con meccanismi premiali economici, ma soprattutto in termini di carriera docente? Le funzioni intermedie con responsabilità gestionali potrebbero anche essere introdotte nella scuola non per delega ai docenti, ma come professionalità autonome (Istituto Tecnico Commerciale, Nord). Vediamo, nel frattempo, come si sono organizzati gli intervistati: nel gruppo ma come si è detto le conclusioni non sono generalizzabili - notiamo che i Dirigenti del Nord sono più disponibili al decentramento ( ho delegato tutto quello che è delegabile, Istituto Sociopsicopedagogico, Nord), mentre nel Centro-Sud troviamo dichiarazioni come non delego, anzi accentro.. bisogna sempre stare attenti alla verifica e a dire l ultima parola (Istituto Tecnico Industriale, Centro-Sud), è un limite, non ho mai delegato nulla (Istituto Comprensivo, Centro-Sud), uso la delega, ma solo dopo aver pianificato nei particolari, e comunque facendo uso dello strumento della verifica per leggere costantemente lo stato dell arte (Istituto Comprensivo, Centro-Sud). Anzitutto, i Dirigenti, pur considerando fondamentale questo tipo di scelta, sottolineano che la responsabilità ultima delle decisioni resta loro, asserendo che la presenza e la conoscenza delle situazioni deve essere sempre condivisa e le azioni di intervento debbono essere coerenti e oggetto di una visione sistemica, per cui la responsabilità e la visione della direzione non può mai mancare, pur affidando al personale spazi e responsabilità (Istituto Tecnico Commerciale, Nord). A questo scopo spesso si mettono in atto verifiche dell efficacia della delega (Istituto Tecnico Commerciale, Nord), si esercita un ruolo di supervisione (Istituto Comprensivo, Nord) e si afferma che la condizione per la delega è il forte coordinamento fra il delegato e il Dirigente, e il criterio da seguire è la consegna di un obiettivo da raggiungere e non di una procedura da seguire (Istituto Sociopsicopedagogico, Nord). I Dirigenti mettono poi in evidenza che la delega è possibile solo se esistono persone capaci e disponibili, e in un clima di fiducia e chiara ripartizione dei compiti delegati ( bisogna avere una fiducia totale nel delegato, Liceo Scientifico, Nord, in quanto se si dà una delega, ma non si dà fiducia, la persona non cresce, Istituto Professionale, Nord). E necessaria una riflessione condivisa a livello di istituto: si condividono i criteri, ci si confronta, ma i docenti con deleghe devono lavorare autonomamente fin da subito, li si responsabilizza (Istituto d Arte, Nord). Importante anche il consenso da parte dei colleghi, per non avere ripercussioni negative sul clima della scuola, per cui fra le doti dei delegati deve esserci la capacità di gestire i rapporti con i colleghi (Istituto Comprensivo, 16

17 Nord). Il Dirigente di una Scuola Media Statale dell area Nord precisa di non delegare mai la soluzione di conflitti che possano sorgere fra i docenti, proprio per evitare ai propri collaboratori dei veri e propri conflitti di interesse. Il Dirigente di un Istituto Comprensivo dell area Nord, che dalla scheda tempo risulta essere uno dei più deleganti afferma che sta cercando di alleggerire i suoi collaboratori, che vengono individuati come parafulmine di qualsiasi malessere. L equivoco di fondo è che non c è gerarchia, quindi i docenti sono tutti uguali; per cui quando un collaboratore del Dirigente dice ad un insegnante guarda che non puoi uscire dieci minuti prima, la risposta che ricevono a volte è Tu chi sei? Come ti permetti?. Individuiamo tre categorie principali di delega: le questioni di ordinaria amministrazione, la gestione micro della giornata (Istituto Professionale, Nord), spesso lasciata al vicepreside; la gestione di aree specifiche di attività (disciplinari, come i dipartimenti, o trasversali, come gli stage, la salute ) o di progetti, dalla certificazione della qualità al sostegno dei disabili, alla complessiva progettualità di istituto (Istituto Professionale, Nord); la gestione delle risorse finanziarie ed umane e dei rapporti con l esterno (famiglie e comunità locale). A queste categorie si possono aggiungere le deleghe in base alle necessità, fissate di volta in volta. La struttura organizzativa attivata è la più varia, sia per numero che per composizione: in alcuni casi il vicario ha un ruolo fondamentale, in altri più rari è stato sostituito da uno staff di presidenza; il numero e la tipologia dei componenti lo staff varia, da due a sette, con o senza esonero parziale dalle lezioni, e vede talvolta il coinvolgimento di un membro del personale amministrativo. In alcuni pochi casi sono coinvolti anche degli esterni per funzioni specifiche, per esempio i controlli di sicurezza (Liceo Istituto Istruzione Superiore, Nord). Le modalità di coinvolgimento e sostegno dei collaboratori, in mancanza di un riconoscimento ufficiale e con un incentivo economico definito come irrisorio (Istituto Tecnico Commerciale, Nord), sono lasciate all inventiva dei Dirigenti, frenati dal poco tempo disponibile, anche se si impegnano in prima persona: sanno di potersi sempre rivolgere a me quale punto di riferimento e di aiuto costante (Istituto Tecnico Commerciale, Nord). Molti cercano, oltre all affiancamento personale, di creare gruppi di lavoro che si consolidano nel tempo: il caso più vistoso è probabilmente quello del Dirigente di un Liceo Scientifico dell area Nord, che è nella stessa scuola da 23 anni: tuttavia il tema ricorrente è quello della capacità di creare buoni rapporti personali con i propri collaboratori anche per conoscerli meglio e capire se sono adatti a svolgere un determinato compito ( se il Dirigente si limita ad avere con i docenti solo rapporti istituzionali, può conoscere le persone solo superficialmente, Istituto Professionale, Nord). Nei rapporti interpersonali sono fondamentali qualità come la fiducia, la chiarezza, la correttezza, la capacità di valorizzare le persone 9. Alcuni Dirigenti sottolineano che sarebbe necessaria una formazione, anche se questo bisogno non viene percepito come tale dai docenti, anzi i pochi momenti formativi che vengono organizzati spesso 9 Notiamo a margine che in due scuole liguri si afferma che bisogna aumentare la presenza maschile, ci sono troppe donne nel corpo docente (Istituto Professionale, Nord), e che lo staff è composto al 90% di donne, le donne sono più orientate al raggiungimento degli obiettivi (Liceo Scientifico, Nord). 17

18 non vengono frequentati, non sono vissuti come un obbligo (Liceo Scientifico, Nord), anche in vista di una crescita professionale dei collaboratori: ma la mancanza di risorse, di un giusto riconoscimento economico per premiare le eccellenze e i meritevoli (Liceo Istituto Istruzione Superiore, Nord) viene indicata da quasi tutti come un limite pesantissimo. Il Dirigente di un Liceo Classico dell area Nord parla esplicitamente di un approccio meritocratico in termini economici e di carriera. In assenza di incentivi, dunque, creazione di legami di fiducia, coinvolgimento finalizzato anche alla crescita professionale, collaborazione diretta sia personale che attraverso la creazione di gruppi (su questo insistono praticamente tutti i Dirigenti del Centro Sud), oltre a buoni rapporti risultano le strade percorribili per creare una governance diffusa che lavora per aree e per obiettivi, ma in cui il Dirigente mantiene il proprio ruolo di leader. Ci sembra tuttavia che il problema della formalizzazione dello staff di dirigenza nella scuola autonoma debba essere affrontato in modo deciso e sia troppo centrale per essere lasciato alla capacità dei singoli Dirigenti di individuare e coinvolgere i volonterosi. La necessità di una regolamentazione emerge anche quando si chiede ai Dirigenti di indicare le modalità che hanno utilizzato per trasferire ai loro collaboratori le competenze gestionali a breve e a medio-lungo termine: Manca il supporto della normativa, è difficile pensare a un medio-lungo termine perché da una parte non possiamo delegare più di tanto ai collaboratori, anche se validi e capaci, dall altro non abbiamo gli strumenti per compensare il loro lavoro e non possiamo quindi chiedere più dell impegno che già dimostrano (Istituto Tecnico Commerciale, Nord). Anche in questo caso possiamo individuare alcune modalità prevalenti, che sono spesso compresenti: l implementazione dei rapporti interpersonali, anche attraverso modalità informali ( girando per le scuole, per esempio in Norvegia mi aveva colpito che organizzavano le riunioni di staff curando molto anche l accoglienza (es. con fiori, il caffè, i cioccolatini, la frutta fresca ) sono tutte attenzioni che favoriscono la creazione di un buon clima collaborativo il 50% del lavoro è già fatto!, Istituto Comprensivo, Nord). Contano la capacità di ascolto e coinvolgimento, il dialogo quotidiano, la costruzione comune del miglioramento ( si interviene con azioni di accompagnamento, Istituto Professionale, Nord), ma anche le capacità personali del Dirigente ( utilizzo del carisma e della leadership da parte del Dirigente, Liceo Classico Nord; fondamentale è la capacità di ascolto e di coinvolgimento che deve essere esercitata dal Dirigente, Istituto Comprensivo, Nord); l affiancamento al Dirigente, sia come sostegno ( ho mantenuto il coordinamento costante, che significa stare vicino alle persone quando hanno bisogno diventando per loro un elemento di confronto e di sostegno, Istituto Sociopsicopedagogico, Nord) e attenzione nel valorizzare le competenze e le capacità dei singoli collaboratori, con attività di tipo tecnico, come l assegnazione specifica di competenze dettagliate ( all inizio dell anno scolastico viene fornito un organigramma con le deleghe e i compiti per ciascun ruolo, Istituto Comprensivo, Nord); la formazione, citata da quasi tutti, spesso nel binomio pratica e formazione (Istituto Tecnico Industriale, Centro-Sud; Istituto Tecnico, Centro-Sud), ma anche esplicitamente come organizzata e pianificata (Istituto Professionale, Nord), che però viene resa difficile a parere di alcuni dalla scarsa disponibilità di molti e può essere realizzata solo se esiste una voglia di mettersi in gioco da parte del collaboratore (Istituto Professionale, Nord): lo stesso Dirigente è l unico a dichiarare che il lavoro nello staff di dirigenza può costituire una preparazione ad un futuro ruolo da Dirigente: il mio obiettivo e il mio intento è proprio quello di pensare, con il lavoro quotidiano, di fare questo trasferimento di competenze gestionali, anche se non è affatto facile essere in grado di mettere nelle condizioni qualche collaboratore di fare il preside in futuro è necessario stimolarlo in modo da fargli venire la voglia in futuro di seguire le mie orme. 18

19 Le condizioni perché il trasferimento avvenga, oltre alla già citata disponibilità personale, sia del Dirigente che dei suoi collaboratori, sono la costruzione di un gruppo affiatato, e possibilmente consolidato, la progettazione di percorsi formativi in cui sia possibile acquisire anche competenze tecniche e in mancanza di un sistema premiante la capacità del Dirigente di operare impostando un sistema deontologico che spinga a comportamenti virtuosi per quel fine ultimo, relativo al miglior servizio di istruzione e formazione per gli studenti e le studentesse (Istituto Tecnico Commerciale, Nord). Lasciamo alle parole di questo stesso Dirigente una conclusione molto condivisibile: Il trasferimento delle competenze gestionali, in un sistema interno che prevede forme più o meno allargate di delega, comporta sempre una declinazione degli obiettivi, concreti e raggiungibili a breve, medio e lungo periodo. L analisi obiettiva del contesto è necessariamente responsabilità del Dirigente Scolastico, come del resto l individuazione dei fattori da governare e le priorità di intervento. Su questi fattori ho sempre coinvolto il gruppo dei docenti più attivi nella gestione delle attività di istituto, ma ho anche sempre ascoltato anche gli opinion leader negativi, ovvero le componenti critiche. 2.5 Affrontare le criticità Richiesti di indicare quali siano le criticità specifiche della loro scuole ma soprattutto quali azioni intraprendano per superarle, i Dirigenti mostrano un atteggiamento sostanzialmente realistico e puntano soprattutto sui rapporti (non parlano più delle criticità di sistema: per le criticità insite nel sistema non si può fare molto con tutti i limiti dell autonomia però il Dirigente può motivare le proprie risorse umane, (Liceo Classico, Scientifico, Linguistico, Nord); si punta tutto sulle risorse umane, l esperienza ha dimostrato che puntando tutto sulle persone si ottengono ottimi risultati, (Liceo Scientifico, Nord). I temi più indicati come cruciali sono la valutazione, la dispersione, l inserimento dei ragazzi stranieri, il rapporto con le famiglie, il miglioramento degli apprendimenti: la mancanza di fondi viene indicata sia indirettamente, l ipotesi, posta la presenza di risorse economiche sufficienti, è di coinvolgere maggiormente i collaboratori nella gestione dell Istituto (Liceo Istituto Istruzione Superiore, Nord); aumentare la collaborazione con il territorio nell ottica di un supporto alla scuola, che permetta di trovare risorse, altrimenti esigue (Istituto Comprensivo, Nord), sia direttamente: non vedo grosse criticità, se non forse quella della continua ricerca di finanziamenti economici per poter supportare alcune attività offerte dalla scuola e ripagare così l impegno dei miei insegnanti, Istituto Professionale di Istruzione Superiore, Nord; un solo Dirigente (Istituto Comprensivo, Nord) segnala il bullismo, contro cui pensa di istituire un osservatorio. Emerge anche qualche problema di carattere strutturale, come l altro tasso del turn over del personale di segreteria, Istituto Comprensivo, Nord, o la necessità di migliorare i laboratori di informatica (Istituto Comprensivo, Nord). Puntare tutto sui collaboratori, dunque, in modo chiaro: con dei compiti precisi e delle responsabilità ben precise, le persone lavorano meglio; il compito del Dirigente resta quello di ascoltare, monitorare, valutare le varie proposte (Liceo Classico, Scientifico, Linguistico, Nord). Il coinvolgimento delle risorse umane passa da molte strade: la formazione, indicata da molti come fondamentale sia come aggiornamento che come potenziamento, in generale o su singoli temi (di carattere disciplinare, come la matematica, le lingue e il latino, indicate fra gli altri da due Licei Classici uno dell area Nord e uno del Centro-Sud); l esempio del Dirigente, continuamente presente a motivare e sostenere; la 19

20 costituzione di gruppi di lavoro anche misti (ad esempio con i genitori, Istituto Comprensivo, Nord) secondo la lapidaria formula: fiducia, formazione e collaborazione (Istituto Tecnico, Centro-Sud). Le soluzioni non possono essere episodiche: Si tratta di continuare a lavorare sulle competenze che si insegnano nella scuola, tentando di captare le occasioni di formazione e di collaborazione con il mondo produttivo della regione. In una regione del Centro Sud la valutazione è un tasto dolente, non arrivano ulteriori finanziamenti se non statali, ed anche la compartecipazione dell Ente Regione per la formazione è scarsa. Solo con qualità e competenza si può costruire (Istituto Professionale, Centro- Sud). La collaborazione con l esterno ritorna in molte interviste, a partire dal grido di disperazione del Dirigente di un Istituto Professionale dell area Nord: Sono al limite delle mie possibilità. Servono cambiamenti provenienti dall esterno. Si auspica o si pratica la collaborazione con il territorio, con l uso di collaboratori esterni magari appartenenti a qualche associazione che sicuramente potrebbero portare un contributo positivo e valido vedendo la realtà con occhi esterni e portando soluzioni organizzative magari già testate in altri contesti di riferimento (Istituto Tecnico Commerciale, Nord). Più genericamente un altro Dirigente ha affermato: il mio impegno personale è quello di aumentare il rapporto di dialogo con gli interlocutori istituzionali per cercare di risolvere i problemi (Liceo Linguistico, Nord). Segnaliamo infine tre soluzioni di tipo complesso, diversamente attinenti all organizzazione, che i Dirigenti hanno attivato per far fronte alle criticità. La prima è il ricorso a iniziative del sistema Qualità (Istituto Comprensivo, Nord; Istituto Tecnico Commerciale, Nord), la seconda è la partecipazione a reti, o anche solo lo scambio con un altra scuola (un Liceo Scientifico dell area Nord ha attivato un iniziativa di didattica del latino con una scuola tedesca). La rete è vista come un ottima risorsa, sia per l organizzazione della scuola che per la didattica (Istituto d Arte, Nord). Infine, la partecipazione ai progetti su temi di interesse della scuola, nel caso specifico la dispersione scolastica (Liceo Istituto Istruzione Superiore, Nord). 2.6 Limiti e opportunità dell autonomia L autonomia non è stata una conquista, è stata una concessione e quindi risulta poco utilizzata (Istituto Sociopsicopedagogico, Nord). Anche in questo caso, nell analizzare limiti e opportunità dell autonomia ci troviamo di fronte ad un continuum di risposte che parte dall assoluta negatività : ( ) l autonomia ha sicuramente aumentato in maniera esponenziale i compiti burocratici ma ha offerto pochissimi strumenti per la sua vera realizzazione; di fatto non possiamo decidere quasi nulla se non il calendario scolastico, anche perché una scuola autonoma ha bisogno di fondi e io potrei svolgere un ruolo dirigenziale se avessi un budget da spendere (Istituto Comprensivo, Nord). In questo bellicoso intervento, che procede individuando altri limiti legati specificatamente alla figura e al ruolo del Dirigente ( tutto sommato un grande flop ) quali l assenza della valutazione, l impossibilità di incentivare gli insegnanti più bravi ( la classica pacca sulla spalla, perché non è possibile fare altro ) e la crescente distanza dagli altri paesi europei, compaiono due dei limiti più frequentemente indicati: l aggravio dei compiti burocratici e la mancanza di fondi ( le risorse economiche sono limitate rispetto alle esigenze per gestire le problematiche e i bisogni dell Istituto, Istituto Comprensivo, Nord). Sulla stessa linea 20

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI

PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI La formazione docente per l inclusione PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI TE I I European Agency for Development in Special Needs Education La formazione docente per l inclusione PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO n n u u m e r r o m o n o g r a nf i u c m o e r o m Sistemi scolastici europei Sistemi 2012 Sistemi di valutazione scolastici europei Sistemi sc dellõ istruzione in Europa2012 ALCUNI PAESI A CONFRONTO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione?

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione? 1. Anagrafica 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? Cooperativa Sociale Comune Consorzio Sociale ASL Azienda Servizi alla persona Organizzazione di volontariato Azienda Speciale Comunità

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Da Berlinguer alla Gelmini gli ultimi 15 anni di politica scolastica nel nostro Paese. di Walter Moro

Da Berlinguer alla Gelmini gli ultimi 15 anni di politica scolastica nel nostro Paese. di Walter Moro Da Berlinguer alla Gelmini gli ultimi 15 anni di politica scolastica nel nostro Paese. di Walter Moro Lo sfondo: tra continuità, discontinuità interventi parziali, assenza di un disegno complessivo di

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli