LA GUIDA DEL SOLE 24 ORE AL BUSINESS PLAN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GUIDA DEL SOLE 24 ORE AL BUSINESS PLAN"

Transcript

1

2 Gjonata Bronconi, Stefano Cavaciocchi LA GUIDA DEL SOLE 24 ORE AL BUSINESS PLAN Come redigere un piano d impresa efficace e completo Prefazione di Giuseppe Incardona

3 Sommario VII Prefazione di Giuseppe Incardona XIII Presentazione 1 Introduzione Parte prima Definire il progetto di base La mission del progetto Rischi e opportunità Obiettivi e risultati Il progetto ideale che si intende realizzare Tempi di realizzazione Punti di forza Punti di debolezza Parte seconda Un business plan per Promuovere una nuova iniziativa imprenditoriale Investire in un azienda esistente Analizzare le dinamiche di sviluppo di un azienda

4 VI SOMMARIO Accedere al credito bancario Richiedere agevolazioni pubbliche Promuovere nuovi rapporti commerciali Ottenere certificazioni di qualità o ambientali Parte terza Costruire il business plan 189 Premessa L orizzonte temporale di riferimento La copertina e l indice Presentazione dei soggetti promotori e dell impresa Sintesi del progetto Il prodotto/servizio Il mercato di sbocco e la concorrenza Le strategie commerciali L organizzazione dei fattori produttivi Le risorse finanziarie da investire nel progetto Proiezioni economico-finanziarie dell impresa Appendice 323 Un business plan per la ristrutturazione di imprese in crisi 349 Esempio di business plan di un ipotetico gruppo industriale in campo cartario 395 Glossario 403 Bibliografia 407 Indice analitico

5 Prefazione di Giuseppe Incardona 1 Un business plan, in estrema sintesi, è la rappresentazione degli effetti economici, finanziari e patrimoniali di un progetto aziendale (un investimento in impianti produttivi, un investimento finanziario, l aggressione di un nuovo mercato, il lancio di un nuovo prodotto, l avvio di una campagna pubblicitaria, la modifica in corso d opera di un progetto precedente ecc.) sulla corrente gestione di un impresa. Esso si fonda sull individuazione di alcune ipotesi di lavoro, sulla traduzione di tali ipotesi in dati qualitativi e quantitativi e sull elaborazione di tali dati secondo specifiche tecniche più o meno articolate e raffinate. La fase successiva consiste nell interpretazione dei risultati ottenuti, per assumere decisioni che possono consistere nel dare seguito al progetto o abbandonarlo, ovvero apportare alcune modifiche alle ipotesi di partenza e procedere a ulteriori elaborazioni, fino alla decisione conclusiva. Tale strumento, così come descritto, trova normalmente impiego a fini interni, cioè per un esclusivo utilizzo da parte del management dell impresa. Esso tuttavia manifesta una grande rilevanza anche quando è destinato a soggetti esterni all impresa, al fine di consentire loro la valutazione del progetto imprenditoriale e l assunzione di una decisione che potrà attenere alla concessione di un finanziamento bancario o di un agevolazione, alla partecipazione al capitale di rischio ecc. È chiaro che, a seconda della finalità, il business plan assumerà connotati in parte differenti: quello interno sarà teso a mettere in luce gli eventuali 1 Giuseppe Incardona è stato dirigente responsabile dell ufficio del ministero dello Sviluppo Economico, direzione generale coordinamento incentivi alle imprese, preposto alla regolamentazione e concessione degli aiuti ai sensi della legge 488/1992 nelle aree sottoutilizzate del territorio. Ha coordinato, con il direttore generale Carlo Sappino, la stesura di tutta la norma di attuazione di quello che è stato il più importante strumento di incentivazione agli investimenti produttivi nel nostro Paese per oltre un decennio.

6 VIII PREFAZIONE elementi di criticità del progetto, quello esterno sarà invece teso a evidenziarne i punti di forza. Esso, in ogni caso, può rivelarsi di formidabile utilità, se elaborato correttamente, o di elevata rischiosità, qualora predisposto con superficialità o con l intento di rappresentare qualcosa di diverso dalla realtà. Negli ultimi anni vi è stato un crescente interesse per questa materia, e la letteratura tecnica si è arricchita di nuovi testi. Possiamo senz altro affermare che oggi chi vuole fare impresa in modo serio non può fare a meno di ricorrere a un business plan. La stessa pubblica amministrazione vi ha fatto ricorso, e la prima esperienza di rilievo in tal senso è stata certamente quella della legge 488/1992. Nel 1995, quando al ministero dell Industria ci apprestavamo a definire il regolamento e la circolare che consentissero la prima attuazione della legge n. 488/92, studiammo a fondo la normativa comunitaria alla quale avremmo dovuto attenerci per ottenere la necessaria autorizzazione della Commissione europea all attuazione del nuovo regime d aiuto. Uno degli argomenti che ci apparvero subito di più difficile trattazione fu appunto quello del business plan. La disciplina comunitaria in materia di aiuti di Stato per le piccole e medie imprese e la successiva corrispondenza che intrattenemmo con gli uffici della Commissione europea per tale autorizzazione ci apparvero chiari e determinati a tale riguardo: avremmo dovuto richiedere alle imprese un business plan. La difficoltà che si intravedeva non era certamente capire cosa intendesse la Commissione europea con business plan; era ben chiaro che essa voleva sottolineare l importanza, o meglio la necessità che, tra la documentazione progettuale da accompagnare alla domanda di agevolazione, vi fosse uno strumento che consentisse la puntuale individuazione del progetto imprenditoriale, della strategia per realizzarlo, dei suoi punti di forza e di quelli di debolezza, delle caratteristiche dell impresa e di quelle del contesto, interno ed esterno, con il quale l impresa stessa si apprestava a interagire. Ciò non solo ci appariva ben chiaro, ma ci vedeva decisamente favorevoli, anche perché lo ritenevamo un elemento che avrebbe ancor più qualificato una norma agevolativa dai connotati di forte innovazione rispetto a quelle del passato, fondata non più sui cosiddetti interventi a pioggia, bensì su una stretta selezione e valutazione tecnico-economico-finanziaria dei progetti imprenditoriali da parte di soggetti qualificati e su una competizione tra i progetti più validi attraverso una delicata procedura di tipo concorsuale. L ausilio del business plan avrebbe certamente favorito l azione dei valutato-

7 PREFAZIONE IX ri, a tutto vantaggio del risultato complessivo dell intervento e dell interesse pubblico al quale dovevamo rispondere. Il problema che ci è apparso di più complessa soluzione era casomai quello di dover inventare una metodologia di pratica predisposizione di questo piano d impresa, in modo che rispondesse contemporaneamente a più esigenze: corrispondere alle aspettative e alle finalità della Commissione europea (che, come detto, erano anche le nostre); risultare facilmente comprensibile e utilizzabile dall elevatissimo numero di imprese e consulenti cui sarebbe stato destinato, che allora immaginavamo poco avvezzi a un documento di questo tipo, in modo tale che non apparisse come una mera costrizione, utile solo a ottenere le agevolazioni; consentire una valutazione ugualmente efficace nei confronti di programmi di investimenti promossi da imprese di diversa dimensione, esperienza, affidabilità e strategia, operanti in settori produttivi sensibilmente diversi gli uni dagli altri e da parte di un rilevante numero di valutatori (le cosiddette banche concessionarie, alle quali era affidata l attività di valutazione dei progetti da agevolare, erano ben ventotto!). Di business plan, fino ad allora, dobbiamo dire che se n era parlato ben poco: era materia relegata a pochissimi testi tecnici, riservati a pochi cultori della materia. Sentivamo quindi la responsabilità di quanto ci accingevamo a fare. Se già allora avessimo avuto a disposizione un testo divulgativo semplice ed efficace come quello di Bronconi e Cavaciocchi, il nostro compito sarebbe stato decisamente più facile. Partimmo dalla convinzione che gli imprenditori, quelli veri, anche quelli a capo di piccolissime realtà produttive, non potevano non conoscere tale materia. Forse non sapevano cosa si intendesse letteralmente con business plan, ma eravamo certi che almeno una volta nella loro vita imprenditoriale, di fronte a decisioni di un certo impegno, seppur in forma rudimentale, forse solo mentalmente, probabilmente in modo disorganico, ne avessero predisposto uno. Occorreva quindi: mettere a punto uno strumento che sbarrasse la strada agli avventurieri, e cioè a coloro i quali, per così dire, intendevano solo tentare la fortuna a spese dello Stato;

8 X PREFAZIONE spingere con la massima semplicità, ma con la necessaria determinazione, nella direzione di un maggiore approfondimento chi non aveva mai affrontato in modo tecnico e organico, ma forse solo in modo elementare e per intuito, tali problematiche, meditando sui vantaggi del business plan; indirizzare chi aveva già avuto un approccio con tale strumento a soli fini interni, ad esempio per decidere se avviare una nuova attività o potenziare o diversificare un attività esistente, e che quindi ne conosceva già l importanza per tali fini, verso l altra importante finalità del business plan, quella esterna, di rappresentazione della propria realtà, dei propri punti di forza, delle proprie esperienze, delle proprie idee e del proprio programma di investimenti a beneficio di soggetti esterni chiamati a formulare un giudizio per la concessione di agevolazioni e, perché no, anche di un finanziamento. Non era e non è certamente nostro compito, né nostro intento, quello di salire in cattedra; si trattava, tuttavia, di agire con gradualità, nel modo più semplice possibile e soprattutto sforzandoci di chiarire che il vantaggio che l impresa avrebbe potuto trarre, se avesse preso dimestichezza con tale strumento, sarebbe andato ben oltre la semplice concessione delle agevolazioni della 488/1992. Era inoltre opportuno far comprendere a tutti la necessità di adottare uno schema standard, che consentisse a ventotto valutatori diversi di esprimersi in modo quanto più omogeneo possibile secondo canoni prestabiliti. Introducemmo così nella prima circolare del dicembre 1995 il concetto di piano strategico, attraverso il quale l impresa era chiamata a rappresentare, attraverso una semplice relazione, quali fossero i contenuti qualitativi del programma e come gli stessi fossero atti a conseguire gli obiettivi produttivi, economici e occupazionali prefissati. La medesima circolare, in linea con quanto ci eravamo ripromessi, accompagnava l utente nella stesura della relazione, indicando un elenco ragionato degli argomenti da trattare e richiedendo, tra gli altri, «tutti i dati e le informazioni che, a giudizio dell impresa richiedente le agevolazioni, sono necessari a integrazione di quelli già esposti nel modulo di domanda». Lasciando all impresa la libertà di decidere cos altro rappresentare, veniva implicitamente sottolineata la finalità esterna del business plan quale strumento attraverso cui l impresa ha l opportunità di convincere il proprio valutatore (per un finanziamento, un contributo ecc.)

9 PREFAZIONE XI della validità anche prospettica dell impresa e del piano d investimento da realizzare. Sono seguiti sviluppi e implementazioni, attraverso la definizione di contenuti sempre più puntuali e l introduzione anche della rappresentazione quantitativa del piano d impresa (conti economici, flussi di cassa, stati patrimoniali), fino alla predisposizione di uno specifico software per l elaborazione della parte numerica messo a punto grazie all apporto dei maggiori esperti in materia. L impiego del business plan nella legge 488/1992 è stato certamente facilitato (basti pensare alla forma estremamente semplificata della parte numerica richiesta per i programmi con investimenti inferiori a una determinata soglia prefissata), ma l adozione di tale strumento non ha avuto un valore puramente formale e il fine esclusivo di soddisfare le richieste dell Unione europea, né si è rivelata tanto meno inutile. Si consideri che nei soli primi cinque anni di applicazione della legge sono stati predisposti ed esaminati ben business plan, di cui circa completi della parte numerica. Se dovessimo, sulla base di tale corposa documentazione, tracciare un bilancio di questa esperienza, confortati anche dal continuo confronto sostenuto nel corso degli anni con le imprese, con i consulenti delle imprese stesse e, soprattutto, con i tecnici delle banche concessionarie preposti all esame e alla valutazione dei progetti imprenditoriali, potremmo certamente dirci soddisfatti di quanto è fin qui avvenuto. Le imprese e i consulenti hanno complessivamente risposto in modo soddisfacente. A parte quelli, non pochi in verità, che hanno dimostrato chiaramente di conoscere tale strumento e di averne già fatto uso in altre occasioni, non sono mancati i casi, purtroppo neanche questi rari, di predisposizioni affrettate, dichiaratamente insofferenti o furbesche, fondate su costruzioni apparentemente perfette, ma sostanzialmente prive di ogni fondamento. Molti hanno pensato che bastasse costruire una parte numerica che evidenziasse risultati positivi per superare l esame, in questo facilitati dal ricorso agli strumenti informatici, e hanno dimenticato o ignorato che l analisi di un business plan si fonda prima di tutto sulla congruenza e sulla veridicità delle ipotesi e dei dati posti a base dell elaborazione. I progetti che si sono dimostrati decisamente carenti sotto questo profilo riguardavano in gran parte nuove iniziative, mentre il fenomeno è risultato decisamente più ridotto nei casi di programmi di investimento relativi a potenziamenti, ammoderna-

10 XII PREFAZIONE menti o ristrutturazioni di unità produttive esistenti. La conclusione, evitando di pensar male, è che evidentemente c è molta voglia di fare, ma poca attitudine ad affrontare le problematiche in modo rigoroso, sottovalutando le insidie di cui è lastricata la strada che deve percorrere chi vuol fare impresa in modo serio. Col passare del tempo si è comunque manifestato un crescente affinamento dei documenti prodotti e l evidente intenzione della gran parte dei redattori di non svolgere un esercizio sterile e fine a se stesso. La sensazione è cioè che vada aumentando la consapevolezza delle potenzialità del business plan, e non solo a fini esterni. L attenzione crescente rivolta all analisi dei mercati, alla struttura e all andamento dei costi, alle verifiche critiche circa le reali fonti di approvvigionamento finanziario ecc. dimostra la volontà di approntare uno strumento per valutare e monitorare soprattutto a fini interni il progetto da realizzare. D altra parte, esclusi certi progetti confezionati ad arte da pochi consulenti senza scrupoli, un progetto nel quale rischiare, oltre a quelle dello Stato, le proprie risorse finanziarie, deve convincere chi lo propone prima ancora di chi lo deve valutare! Ed è senz altro un dato positivo il fatto che tale tipo di approccio cominci a farsi strada tra tanti imprenditori. Un ultimo aspetto che va sottolineato e apprezzato è il crescente affinamento dell attività dei valutatori. L avvio dell operazione 488, introducendo concetti legati alle previsioni economico-finanziarie del progetto imprenditoriale, ha trovato impreparate anche molte banche. Sono convinto che l introduzione del business plan sia servita anche a loro. Quella della legge 488/1992 è solo un esperienza, ancorché importante, in una materia relativamente nuova e dalle mille applicazioni. Credo che l impiego del business plan vada diffondendosi rapidamente. Le tecniche di redazione messe a punto sono ormai diverse, così come diversi sono i testi che affrontano la materia, da vari punti di vista e con diversi gradi di approfondimento. Il libro di Bronconi e Cavaciocchi ci accompagna nell esplorazione del business plan in modo chiaro e scorrevole, affrontando gli argomenti con la semplicità propria di chi è ottimo conoscitore della materia, senza tuttavia mai scendere a compromessi sul piano dell efficacia. Si tratta senz altro di un valido contributo nella giusta direzione per chi vuol fare impresa. Giuseppe Incardona

11 Presentazione Questo volume si propone di offrire un contributo pratico e concreto a tutti coloro, imprenditori o aspiranti tali (ma anche ai loro collaboratori interni o consulenti esterni) che devono accingersi a predisporre un business plan, a prescindere da quale che sia la loro motivazione di base. L obiettivo è cioè quello di fornire tutti gli elementi utili a comprendere l importanza di una corretta pianificazione, per consentire successivamente una efficace attuazione materiale del piano. Nel prendere in considerazione i diversi tipi di business plan che in definitiva non rappresentano che le principali finalità per le quali risulta opportuno redigere un efficace piano d impresa abbiamo cercato di porre l accento sulle peculiarità di ciascuno di essi, evidenziando ciò che in realtà il nostro interlocutore (cui è diretto il lavoro) si aspetta di trovare come risposte alle proprie specifiche esigenze. Ciascuno degli argomenti trattati, dal mercato alle strategie di marketing, dal processo produttivo all analisi economico-finanziaria, è oggetto da anni di accurati e sistematici studi aziendali e meriterebbe approfondimenti che purtroppo, per ovvie ragioni di spazio, non è possibile offrire in questa sede. Chiediamo quindi anticipatamente la massima comprensione a coloro che, nei vari aspetti esaminati, non troveranno quel rigore scientifico che dovrebbe accompagnare e contraddistinguere i singoli ambiti; come già detto, ciò che ci siamo prefissati era affrontare gli aspetti più significativi di ciascun argomento per offrire uno strumento immediatamente operativo, una guida che potesse costituire un adeguato supporto alla stesura di un efficace piano di impresa per ogni specifica esigenza aziendale. Nella prima parte effettueremo un analisi propedeutica alla stesura del

12 XIV PRESENTAZIONE business plan, prescindendo dalle sue finalità e dai suoi possibili utilizzatori. Non ci interesserà cioè come costruire un efficace piano d impresa, quanto definire un progetto base e valutare se ricorrano o meno i presupposti per portarlo avanti. Capire, in parole povere, se l idea sta in piedi oppure no. Passeremo quindi in rassegna i principali presupposti oggettivi e soggettivi che devono essere sottoposti a verifica prima di intraprendere uno sviluppo e un elaborazione sistematica del progetto, prima di procedere cioè a redigere il business plan vero e proprio. Nella seconda parte prenderemo invece in considerazione le diverse finalità (o quanto meno le principali) per le quali può essere predisposto un business plan, valutando gli aspetti e le caratteristiche più rilevanti di ciascuna delle fattispecie prospettate. Nella terza parte passeremo all aspetto più pratico del lavoro: come sviluppare i vari argomenti che compongono il business plan, dove reperire le informazioni necessarie, cosa porre in evidenza e gli errori invece da evitare. Tuttavia, per ogni principale argomento cercheremo di fornire indicazioni specifiche e puntuali, che tengano conto ancora una volta delle diverse finalità per le quali è redatto il lavoro e che contribuiranno a dare una connotazione specifica al nostro business plan. Molti capitoli sono inoltre corredati da tabelle che funzionano come una sorta di ceck list sui principali passi per costruire il proprio business plan. L articolazione complessiva del volume segue una costruzione modulare, nell intento di facilitare la consultazione al lettore: chi sarà interessato, ad esempio, alla stesura di un business plan per una nuova iniziativa imprenditoriale, potrà infatti andare direttamente alla parte desiderata, tralasciando le altre. Abbiamo ritenuto interessante alla luce di una tematica di crescente attualità proporre un appendice con una ulteriore, particolare tipologia di business plan, se vogliamo trasversale ad alcune di quelle viste in precedenza: quella finalizzata a rappresentare un vero e proprio documento di valutazione a supporto di processi di ristrutturazione aziendale nell ambito delle crisi di impresa. Dopo aver visto i vari aspetti teorici di un progetto imprenditoriale, abbiamo voluto proporre anche un caso concreto. L esempio prescelto non è stato quello di un azienda che presenti già un ottimo andamento gestionale, un equilibrato assetto economico e patrimoniale e il cui programma di investimenti miri a rafforzarne ulteriormente la posizione di mercato. Vo-

13 PRESENTAZIONE XV lutamente abbiamo preferito focalizzare la nostra attenzione su un impresa caratterizzata da risultati economici e produttivi negativi: rilevata da un nuovo gruppo imprenditoriale, è oggetto di un mirato progetto di rilancio che include un programma di investimenti dai cui risultati dipende il futuro dell azienda stessa. L esempio è supportato da una serie di elaborazioni e proiezioni di bilancio. Infine, in calce, abbiamo estratto un glossario delle più importanti espressioni e termini tecnici utilizzati nel corso del testo. Al volume è accluso anche un applicativo software, Fast Plan, che utilizza le potenzialità di Microsoft Excel e con il quale i lettori potranno anche esercitarsi nella redazione delle prime elaborazioni proiezionali di un proprio business plan.

14 Introduzione A dodici anni dalla prima pubblicazione di questo volume, è possibile affermare che il business plan rappresenti oggi, ancora più di prima, il più efficace strumento di analisi interna e di comunicazione esterna di un progetto imprenditoriale. Non vi è dubbio che in questi anni siano intervenuti importanti cambiamenti che hanno profondamente mutato lo scenario competitivo nel quale le imprese sono chiamate a muoversi. Ricordiamo, per citarne alcuni, le novità introdotte nel settore del credito (e non soltanto in quello) dalla piena attuazione dell accordo cosiddetto di Basilea 2, che si faranno ancora più significative con il passaggio a Basilea 3, e il processo di riforma del sistema degli incentivi pubblici, ad oggi ancora incompiuto. Ma, soprattutto, una globalizzazione sempre più spinta dei mercati, che fa sì che situazioni congiunturali negative come quella che stiamo attraversando assumano rapidamente connotati sovrannazionali rispetto ai quali le risposte individuali dei singoli paesi rischiano di avere scarsa efficacia. Queste considerazioni rendevano ormai indispensabile un nuovo importante aggiornamento del volume al fine di mantenerne inalterata l attualità dei contenuti. In tale contesto, pur lasciando sostanzialmente inalterato l impianto complessivo dell opera il cui apprezzamento mostrato in questi anni dai lettori è il miglior riconoscimento possibile cui un autore possa aspirare abbiamo provveduto a effettuare un ampia revisione che tenesse conto di alcuni importanti fattori. Possiamo infatti notare che: la diffusione del business plan si è considerevolmente estesa in ambito bancario, anche a seguito dell esigenza di fornire una valutazione qualitativa delle imprese favorita dai principi introdotti dall accordo di Basilea 2;

15 2 INTRODUZIONE la fase recessiva iniziata nel secondo semestre 2008 rispetto alla quale non si possono ancora scorgere, purtroppo, stabili segni di ripresa si è tradotta in una crescente difficoltà di accesso al credito da parte delle imprese (il cosiddetto credit crunch, formalmente non ammesso dal sistema bancario, ma nei fatti in atto) e in un aumento significativo dei livelli di selettività dei progetti finanziabili da parte delle istituzioni creditizie; le opportunità introdotte dalla riforma del diritto fallimentare che, se da una parte hanno consentito di estendere e normare gli interventi di supporto per le imprese in crisi, dall altra hanno limitato l ambito nel quale potevano essere definite operazioni di salvataggio attraverso operazioni non strutturate; l esigenza di pianificazione d impresa, in passato appannaggio solo delle aziende dimensionalmente maggiori, si è accresciuta sensibilmente anche nelle piccole e medie imprese, favorita anche dalla sempre maggior diffusione di strumenti informatici integrati che mettono a disposizione una quantità (e una qualità) di informazioni fino a pochi anni fa impensabili; il contesto normativo e operativo relativo ai sistemi di certificazione ambientale e di qualità si è notevolmente evoluto, consolidando la necessità di includere quest area nelle esigenze di pianificazione strategica d impresa; il decentramento della gestione del sistema agevolativo verso le Regioni, con la parcellizzazione degli strumenti operativi, si è tradotto in una crescita della diffusione del documento business plan per la valutazione e la selezione dei progetti da incentivare, anche per le forme contributive minori. Lo scopo è quello di offrire una pubblicazione di agevole lettura e aggiornata nei contenuti, di immediata comprensione e di facile utilizzo pratico, che possa continuare a rappresentare un efficace strumento di lavoro per la rappresentazione e l analisi di qualsiasi progetto imprenditoriale. In questo profondo lavoro di revisione, alcune cose sono, a nostro avviso, rimaste costanti; tra queste possiamo sicuramente citare la prefazione alla prima edizione, curata dall ingegnere Giuseppe Incardona, che mantiene intatta la sua validità di fondo, la sua forza comunicativa, ed è tutt oggi di incredibile attualità, rappresentando anzi un notevole spunto di riflessione critica.

16 INTRODUZIONE 3 Cos è un business plan La traduzione letterale di business plan potrebbe essere piano di affari, cui peraltro in genere si preferisce piano d impresa o (come sinonimo) piano aziendale. In realtà questo termine come tanti altri di derivazione anglosassone non sembra aver bisogno di traduzioni: entrato ormai nell uso comune anche della nostra lingua, viene correntemente utilizzato tale e quale (in verità non sempre a proposito) nelle più disparate occasioni. Ma cos è veramente un business plan? È uno strumento operativo che, in maniera organica e sistematica, esplicita tutti gli elementi che compongono qualunque progetto imprenditoriale, al fine di pianificarli, analizzarli, individuarne eventuali punti critici e valutarne tutte le possibili ricadute, sia da un punto di vista qualitativo sia da un punto di vista quantitativo. Si tratta quindi non solo di uno strumento di pianificazione, ma anche di comprensione, controllo e comunicazione che, se correttamente utilizzato, rappresenta un opportunità unica per analizzare tutte le fasi della vita di un azienda, dalla nascita al suo successivo sviluppo. Esso consente inoltre di valutare tutte le possibili conseguenze che derivano dalla realizzazione di diverse strategie produttive, organizzative, commerciali e finanziarie. Date le sue complesse funzioni, si compone generalmente di due parti distinte: una qualitativa (descrittiva), dove vengono presi in considerazione e illustrati tutti gli aspetti fondamentali che contraddistinguono il progetto imprenditoriale; una quantitativa (analitico-numerica), nella quale, attraverso proiezioni economico-finanziarie, si mira a individuare i risultati attesi dell iniziativa, nonché l impatto che questa potrà avere sulla struttura aziendale, qualora il progetto riguardi un impresa già esistente. A prescindere dallo scopo per il quale viene redatto, un valido business plan dovrebbe essere sempre composto di queste due parti, tra loro complementari. Predisporre un business plan in modo esclusivamente descrittivo, non supportandolo con adeguati riscontri numerici, è un po come scrivere un libro di buone intenzioni: non esiste controprova dell attendibilità e della concreta realizzabilità delle affermazioni che contiene. E un progetto magari validissimo nei contenuti, se per ipotesi dovesse risultare finanziariamente

17 4 INTRODUZIONE inattuabile, potrebbe anche pregiudicare il positivo prosieguo dell attività. Per contro, un business plan esclusivamente numerico non riuscirebbe mai a rappresentare compiutamente un iniziativa e neppure a dare un idea degli obiettivi perseguiti, delle strategie che si intendono attuare per conseguirli, dei punti di forza, di quelli critici e di molti altri aspetti ancora. Non esiste un modello prestabilito, un pacchetto preconfezionato che elenchi gli argomenti che dovranno trovare spazio in una buona pianificazione e quelli che invece non devono farne parte. In un business plan possono tranquillamente essere inseriti tutti gli elementi che si riterranno utili alla valutazione e rappresentazione del progetto imprenditoriale e al fine per cui viene elaborato, stante l adattabilità di questo strumento alle esigenze di impresa. Possiamo comunque individuare alcuni aspetti, per così dire basilari, che costituiscono altrettanti argomenti centrali nella vita di un impresa e che dovrebbero trovare spazio come requisiti minimi di forma e contenuto in qualsiasi business plan. Essi sono: una sintesi del progetto imprenditoriale; un analisi delle motivazioni di base che ne rendono opportuna o necessaria l attuazione; un analisi del mercato di riferimento; le strategie produttive e commerciali che l impresa pone e porrà in essere per mantenere e accrescere la propria competitività su tale mercato; i risultati attesi, in termini di proiezioni economico-finanziarie, dalla realizzazione del progetto e le sue ricadute sulla struttura aziendale esistente. Si tratta, in altre parole, di spiegare prima di tutto a noi stessi cosa intendiamo fare, perché è opportuno farlo, qual è l ambiente competitivo esterno nel quale ci muoviamo, come pensiamo di riuscire a essere competitivi sul mercato, quanto ci aspettiamo in termini di ritorni economici e finanziari dal progetto che ci proponiamo di porre in essere. Questi aspetti, che presuppongono a loro volta una serie di valutazioni e considerazioni che approfondiremo meglio in seguito (dinamiche del mercato, vantaggi e svantaggi, copertura finanziaria ecc.), rappresentano, come detto, i punti cardine dai quali un imprenditore non dovrebbe mai prescindere nel momento in cui

18 INTRODUZIONE 5 effettua anche per fini solo ed esclusivamente interni una valutazione della propria impresa. È chiaro che, accanto a questi elementi, nel momento in cui il business plan dovesse essere utilizzato per finalità esterne all ambito aziendale, ne troveremo altri ugualmente fondamentali, mirati a far conoscere l impresa e i suoi promotori, a descriverne l organizzazione, a illustrare i prodotti o i servizi realizzati, a esplicitare i fabbisogni di risorse e quant altro possa essere utile alla comprensione dell iniziativa da parte del soggetto nelle varie fattispecie coinvolto. Anche di questo cercheremo di fornire ogni utile elemento per un efficace pianificazione. A chi e a cosa serve Esiste la convinzione, ancora abbastanza diffusa, che il business plan sia uno strumento da predisporre esclusivamente per finalità esterne, siano esse la richiesta di un finanziamento, di un agevolazione o di una certificazione ambientale. Anzi, spesso tale strumento è visto come un inevitabile fardello cui dover sottostare per raggiungere l obiettivo prefissato. Accade così che venga predisposto affrettatamente, con considerazioni fra loro incongruenti, con ritorni economici ora eccessivamente modesti ora troppo ottimistici per essere considerati attendibili. In realtà niente è più sbagliato. Redigere un corretto business plan serve in primo luogo all imprenditore (o al management) per valutare la fattibilità di una qualunque iniziativa, per capire se le opportunità a essa correlate siano superiori ai rischi cui si andrà inevitabilmente incontro, per individuare un adeguata copertura finanziaria e così via. Nella corretta gestione di un impresa l approssimazione progettuale rappresenta forse il rischio maggiore. Al contrario, la competitività di un azienda discende spesso direttamente dalla sua capacità di pianificare, prevenire e anticipare gli eventi. Scelte istintive possono anche rivelarsi fortunate, ma le probabilità che tutto non vada esattamente così come ci si attende sono sicuramente superiori a quelle di una perfetta riuscita. Forse in passato la fortuna ci ha dato una mano, quando abbiamo preso importanti decisioni imprenditoriali un po affrettatamente, ma non per questo è il caso di insistere ancora per il futuro!

19 6 INTRODUZIONE Un progetto imprenditoriale non accuratamente pianificato può abortire sul nascere e causare il fallimento di una nuova iniziativa, ma può anche compromettere seriamente l andamento di un azienda ben avviata. Fra le principali cause di crisi finanziarie delle imprese italiane vi è proprio la realizzazione di investimenti che non sono stati analizzati in maniera adeguata in tutte le loro problematiche. Predisporre un business plan non serve soltanto all imprenditore per avviare una nuova attività o per pianificare un importante programma di investimenti, ma anche per monitorare l andamento della propria azienda, per coglierne le possibili dinamiche di sviluppo, per definire e aggiornare periodicamente le strategie d impresa. Inoltre, costringendo l imprenditore a prendere in considerazione tutta una serie di aspetti specifici e importanti per la gestione dell azienda, assolve anche a una funzione di autovalutazione e approfondimento interno su tematiche che altrimenti avrebbero finito per essere trascurate. Una volta esplicate queste imprescindibili funzioni interne, il business plan trova un suo concreto utilizzo anche all esterno dell impresa, come efficace e diretto mezzo di comunicazione volto a conseguire specifici obiettivi. Chiaramente, ogni diversa finalità cui potrà essere destinato il nostro piano d impresa presenta peculiarità proprie che la caratterizza e la contraddistingue dalle altre. Così, accanto ad alcuni argomenti comuni, che dovranno cioè essere sviluppati in qualunque business plan, ne esistono altri specifici che meriteranno di essere trattati o più o meno approfonditi in funzione della finalità del nostro progetto. Questo non significa che sia necessario redigere un business plan ad hoc, di volta in volta diverso per ciascuna situazione, col rischio di travisare la realtà dei fatti, ma che la singola situazione ci spingerà a porre in evidenza quegli elementi e quelle risposte che più efficacemente si prestano a chiarire gli argomenti affrontati. Il business plan che illustra un progetto, in definitiva, è una borsa da viaggio che ci accompagna nel nostro cammino imprenditoriale: se ne scegliamo una di formato standard con l idea che andrà sempre bene, finirà per essere troppo piccola in certe occasioni e troppo grande in altre. Per questo è preferibile ricorrere a misure diverse, ciascuna adatta a ogni specifica circostanza. Nella tabella riepiloghiamo i principali compiti cui può assolvere questo strumento. Con un importante e doverosa precisazione: il nostro business

20 INTRODUZIONE 7 plan, anche quando risponderà a quelle che sono indicate come funzioni esterne, dovrà prima di tutto servire a un analisi interna, per verificare la congruità e la fattibilità di quanto ci proponiamo di realizzare. Altrettanto vero è l inverso: valutazioni effettuate a fini interni potranno essere in un secondo momento sottoposte a terzi per coinvolgerli nel progetto imprenditoriale (ad esempio, l analisi di una nuova iniziativa potrà evidenziare una validità di fondo del progetto, ma anche la necessità di coinvolgere per la sua realizzazione un partner esterno). Principali funzioni del businnes plan Interne Strumento di analisi per valutare la fattibilità di una nuova iniziativa Strumento di pianificazione per valutare nuovi programmi di investimento Strumento di monitoraggio e controllo delle dinamiche di sviluppo dell attività Strumento di apprendimento e approfondimento interno Esterne Richiedere finanziamenti esterni Concorrere ad agevolazioni pubbliche Promuovere nuovi rapporti commerciali Conseguire certificazioni ambientali e di qualità

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan INDICE GENERALE 1. Il Business Plan 1.1 La funzione del Business Plan 1.2 Consigli per la predisposizione 2. L articolazione del Business Plan 2.1 L Executive summary

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Lo Sportello Informativo on line La tua Regione a portata di mouse

Lo Sportello Informativo on line La tua Regione a portata di mouse UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Per favorire il dialogo con i cittadini la Regione Calabria lancia lo sportello informativo, il servizio on line che consente di avere, in tempi certi,

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

DEL BUSINESS PLAN. A cura del Gruppo di Lavoro. Area Finanza Aziendale. Consigliere Delegato: Marcello Danisi

DEL BUSINESS PLAN. A cura del Gruppo di Lavoro. Area Finanza Aziendale. Consigliere Delegato: Marcello Danisi LINEE GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN A cura del Gruppo di Lavoro Area Finanza Aziendale Consigliere Delegato: Marcello Danisi Consiglieri Co Delegati: Giosuè Boldrini e Enrico Maria Guerra 1 SOMMARIO

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli