Analisi di bilancio Rating Bancario ALFA S.P.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi di bilancio Rating Bancario ALFA S.P.A."

Transcript

1 Analisi di bilancio Rating Bancario ALFA S.P.A. 21/

2 Sommario Key Business Informations 3 Key performance indicators 10 Ratings 11 Merito di credito Tassi bancari Spese bancarie Test di continuità Relazione dell analista 19 Certificazione warrant Online 25 Allegati 26 Bilancio formato IV direttiva Cee Conto Economico riclassificato Stato Patrimoniale riclassificato Rendiconto Finanziario Warrant Online Key Business Informations Analisi di bilancio rating bancario 2/35

3 Key Business Informations Il settore di appartenenza di Alfa S.p.a. è quello della trasformazione di materie plastiche per la produzione di packaging; esso è ritenuto stabile nei prossimi mesi. L azienda in esame svolge l attività di stampaggio, soffiaggio e serigrafia per la produzione di contenitori da 0,5 a 5 lt di capacità. La clientela è rappresentata principalmente da realtà appartenenti ai settori del fito-farmaco, cosmetico e farmaceutico; essi sono ritenuti in crescita nei prossimi mesi. Alfa S.p.a. opera da circa 28 anni. Product & marketing mix L azienda in esame ha circa 300 clienti attivi ed ha circa 200 fornitori attivi. Il livello di concentrazione di fatturato per cliente è medio. Il livello di concentrazione di fatturato per prodotto/servizio è alto. Il nr medio di articoli di vendita attivi è 300. La variazione media percentuale dei prezzi medi ponderati di vendita negli ultimi 12 mesi è stata del 2%. La variazione media percentuale dei costi medi ponderati di acquisto dei fattori diretti di produzione negli ultimi 12 mesi è stata del 18%. Warrant Online Key Business Informations Analisi di bilancio rating bancario 3/35

4 ORGANIZZAZIONE & RISORSE UMANE I principali processi svolti risultano elencati nella tabella seguente, con a fianco l indicazione se realizzati all interno (make) e/o ad opera di fornitori esterni (buy): marketing & vendite design & progettazione programmazione per il magazzino logistica e magazzino Make trasformazione X X montaggi e collaudi X X manutenzioni X X amministrazione, finanza & controllo X X X X X Buy L'azienda ha in organico, nei ruoli di vertice, figure manageriali riconosciute di primo livello per il settore e le dimensioni aziendali. La società non ha subito dimissioni recenti di amministratori, sindaci e/o recesso di soci. La variazione percentuale del costo medio orario del personale negli ultimi 12 mesi è stata del 2%. La distribuzione del numero di addetti quanto a posizione, qualifica e stabilità di impiego in relazione agli ultimi 12 mesi risulta schematizzata nella tabella sottostante: nr medio addetti STABILI ultimi 12 m nr medio addetti SALTUARI ultimi 12 m Totale di cui (posizione) dir prod ind prod altri ind di cui (qualifica) operai impiegati quadri dirigenti amm.ri Indiretti 21% Diretti 79% Warrant Online Key Business Informations Analisi di bilancio rating bancario 4/35

5 Le figure chiave in azienda sono riportate nella tabella sottostante con dettagli circa il nominativo, la posizione, l anzianità in azienda e l eventuale quota di partecipazione al capitale sociale: nome e cognome posizione età anzianità in azienda % quota cap.soc. Giuseppe Rossi amm.re delegato % Mauro Bianchi direzione acquisti e pianificazione produzione % Paolo Gialli direzione commerciale % Franco Azzurri direzione produzione % INTERSCAMBIO CON L ESTERO ED ESPOSIZIONE A RISCHIO CAMBIO La quota di fatturato estero dell ultimo periodo è del 9%. Estero 9% Italia 91% La quota di fatturato in valuta estera dell ultimo periodo è dello 0%. La quota di acquistato dall estero dell ultimo periodo è del 10%. La quota di acquistato in valuta estera dell ultimo periodo è dello 0%. Warrant Online Key Business Informations Analisi di bilancio rating bancario 5/35

6 PORTAFOGLIO ORDINI Il portafoglio ordini clienti mediamente copre la nostra capacità produttiva media per nr 2 mesi. DIMENSIONI E TREND DEL NOSTRO MERCATO DI RIFERIMENTO Geograficamente i nostri mercati di riferimento possono essere suddivisi nei seguenti gruppi, i quali evidenziano le sottoriportate caratteristiche in termini rispettivamente di dimensione, trend recente e prossimo futuro, percentuale che rappresentano sul nostro fatturato, nostra quota di mercato: dimensione mkt rif trend ultimi 12 m trend prox 12 m % su fatt quota % stimata di mkt mercato nazionale (< 1000 km) lieve crescita lieve crescita 70% 40,00% mercato europa occidentale discreta crescita lieve crescita 5% 0,50% mercato medio oriente discreta crescita discreta crescita 15% 2,00% mercato nord africa forte crescita discreta crescita 10% 5,00% 5% mercato europa occidentale 10% mercato nord africa 15% mercato medio oriente 70% mercato nazionale (< 1000 km) Warrant Online Key Business Informations Analisi di bilancio rating bancario 6/35

7 LA CLIENTELA La nostra clientela quanto a caratteristiche dimensionali può essere suddivisa nei seguenti raggruppamenti con i rispettivi pesi sul nostro fatturato: % su fatt multinazionali 30% medie imprese (> 100 mil. ) 40% piccole imprese (> 2 mil. ) 25% micro imprese (< 2 mil. ) 5% 5% 25% micro imprese (< 2 mil. ) piccole imprese (> 2 mil. ) 30% multinazionali 40% medie imprese (> 100 mil. ) Warrant Online Key Business Informations Analisi di bilancio rating bancario 7/35

8 CARATTERISTICHE DISTINTIVE DELLA NOSTRA OFFERTA RISPETTO ALLA CONCORRENZA I nostri prodotti/servizi si distinguono da quelli offerti dalla concorrenza in virtù delle seguenti caratteristiche: caratteristiche tecnologia e processo costruttivo impiegati funzionalità d'uso permesse gamma / assortimento VANTAGGI COMPETITIVI L'azienda non gode di posizioni di vantaggio competitivo dovute a contratti, brevetti, leggi, regolamenti, licenze, permessi, concessioni, ecc. DISTRIBUZIONE Il sistema di distribuzione utilizzato dalla nostra azienda utilizza i canali schematizzati nella tabella seguente, i quali hanno indicato a fianco il relativo peso sul nostro fatturato complessivo: % su fatt clienti diretti 95% agenti 5% 5% agenti 95% clienti diretti Warrant Online Key Business Informations Analisi di bilancio rating bancario 8/35

9 PRODUZIONE Negli ultimi 12 mesi la nostra capacità produttiva fissa in termini di erogazione di beni/servizi è stata mediamente sfruttata tra il 50% ed il 70%. L organizzazione della nostra produzione rispetta le metodologie schematizzate nella tabella a seguire: produzione lavoro in serie programmazione sugli ordini clienti utilizzo di turni lavorativi utilizzo di straordinari utilizzo di personale interinale utilizzo di fornitori esterni per c/lavoro SISTEMA DI CONTROLLO DI GESTIONE INTERNO L'azienda conosce i propri costi e margini per singolo cliente/prodotto/famiglia. L'azienda è abituata a lavorare a budget. L'azienda dispone di un business plan, eventualmente attestato, e/o di un company profile. Warrant Online Key Business Informations Analisi di bilancio rating bancario 9/35

10 Key performance indicators Warrant Online Key performance indicators Analisi di bilancio rating bancario 10/35

11 Ratings Rating Merito di credito Capacità / rischio di variazione attuale "leva" finanziaria 38,59% 0%-20% Posizione ritenuta "incagliata" e quindi da revocare; assegnazione alla più "alta" classe deliberativa in termini di gerarchia interna di autorizzazione all'affidamento. 21%-40% 41%-50% 51%-60% 61%-80% 81%-100% Rischio imminente di revoca di linee di affidamento, richiesta di rientri; assegnazione ad una "medio-alta" classe deliberativa in termini di gerarchia interna di autorizzazione all'affidamento. Monitoraggio frequente da parte degli istituti, difficoltà nel concedere nuove linee incrementali a quelle esistenti e/o ristrutturazione delle medesime; assegnazione ad una classe deliberativa "intermedia" in termini di gerarchia interna di autorizzazione all'affidamento. Monitoraggio frequente da parte degli istituti, possibilità di concessione di nuove linee di "autoliquidante" o di ristrutturazione di attuali linee, con richiesta "firme" personali; assegnazione ad una "intermedia" classe deliberativa in termini di gerarchia interna di autorizzazione all'affidamento. Possibilità di ottenere ristrutturazione di attuali linee o linee aggiuntive di qualsiasi tipo, puntando ad evitare almeno parzialmente la concessione di garanzie e/o covenant; assegnazione ad una "medio-bassa" classe deliberativa in termini di gerarchia interna di autorizzazione all'affidamento. Capacità di ottenere di nuove linee incrementali di qualsiasi tipo senza garanzie; assegnazione ad una "bassa" classe deliberativa all'interno della banca in termini di gerarchia interna di autorizzazione all'affidamento. Warrant Online Ratings Analisi di bilancio rating bancario 11/35

12 Fattori agenti sulla capacità di aumento - rischio riduzione "leva finanziaria" Fattori agenti sulla capacità di aumento - rischio riduzione "leva finanziaria" 2010 My scoring (weighted) Best scoring Sostenibilità lorda del debito 10,58 37,50 50 Sostenibilità netta del debito 8,09-50 Disponibilità a prestare garanzie reali/fidejussorie di terzi 37,50 50 Ebitda finanziario % 8,43% 25,00 50 "Andamentale" bancario 7,50 30 Patrimonializzazione 5,75% - 40 Debt Coverage Ratio non calcolabile - 50 BP e controllo di gestione 22,50 30 Modello "mono banca" - capacità negoziale vs banca 8,00 7,50 30 Disponibilità innesto equity 30,00 40 Centrale rischi 10,00 40 Capacità di aumento "leva" - rischio di riduzione "leva" 177, Warrant Online Ratings Analisi di bilancio rating bancario 12/35

13 Rating - Rischio/opportunità tassi Predisposizione aumento/riduzione tassi 63,27% 0%-20% Si teme un serio rischio di aumento significativo nei tassi a parità di "leva" (> + 20% di quelli attuali) 21%-40% Si teme un rischio di discreto aumento nei tassi a parità di "leva" (max + 20% di quelli attuali) 41%-50% Si teme un rischio di lieve aumento nei tassi a parità di "leva" (max + 10% di quelli attuali) 51%-60% Si prevede una stabilità nei tassi a parità di "leva" 60%-75% Si ritiene di poter realizzare un lieve risparmio nei tassi a parità di "leva" (< - 10% di quelli attuali) 76%-90% Si ritiene di poter realizzare un discreto risparmio nei tassi a parità di "leva" (max - 20% di quelli attuali) Warrant Online Ratings Analisi di bilancio rating bancario 13/35

14 Fattori agenti sulla predisposizione al risparmio/innalzamento tassi Fattori qualitativi agenti nel determinare la potenzialità di risparmi nei tassi o il rischio di innalzamento 2010 My scoring (weighted) Best scoring Merito di credito (vedi apposito rating) 19,29 50 Predisposizione alla crisi (vedi apposito rating) 11,73 30 tassi mercato ultimi 12 mesi 20,00 40 tassi mercato prossimi 12 mesi 10,00 40 Linee di credito in prossima scadenza 7,50 30 Buone e frequenti relazioni bancarie 15,00 30 Controllo metodico estratti conto 10,00 40 propri istituti che applicano tassi peggiori di quelli medi di mercato 5,60% 30,00 40 propri istituti che applicano tassi in linea con i migliori di mercato 2,88% 22,50 30 potenzialità di risparmio tassi - rischio aumento tassi (in base a fattori qualitativi) 146, Warrant Online Ratings Analisi di bilancio rating bancario 14/35

15 Rating - Rischio/opportunità oneri e spese bancarie Predisposizione aumento/riduzione spese 24,66% 0%-20% si teme un serio rischio di aumento significativo nelle spese bancarie a parità di volumi (> + 20% di quelli attuali) 21%-40% Si teme un rischio di discreto aumento nelle spese bancarie a parità di volumi (max + 20% di quelli attuali) 41%-50% Si teme un rischio di lieve aumento nelle spese bancarie a parità di "leva" (max + 10% di quelli attuali) 51%-60% Si prevede una stabilità nelle spese bancarie a parità di volumi 60%-75% Si ritiene di poter realizzare un lieve risparmio nelle spese bancarie a parità di volumi (< - 10% di quelli attuali) 76%-90% Si ritiene di poter realizzare un discreto risparmio nelle spese bancarie a parità di volumi (max - 20% di quelli attuali) Warrant Online Ratings Analisi di bilancio rating bancario 15/35

16 Fattori agenti sulla predisposizione al risparmio/innalzamento spese bancarie Fattori quantitativi agenti nel determinare la potenzialità di risparmi nelle spese bancarie o il rischio di innalzamento 2010 My scoring (weighted) Best scoring Merito di credito 19,29 50 Predisposizione alla crisi (vedi apposito rating) 11,73 30 Buone e frequenti relazioni bancarie 15,00 30 Controllo metodico estratti conto 10,00 40 Propri istituti che applicano condizioni peggiori di quelle medie di mercato Propri istituti che applicano condizioni in linea con le migliori di mercato potenzialità di risparmio spese banca - rischio aumento spese banca (in base a fattori qualitativi) 30, , , Warrant Online Ratings Analisi di bilancio rating bancario 16/35

17 Rating - Test di continuità Stato di avanzamento crisi aziendale 39,10% 76%-100% Stato di continuità aziendale con bassa predisposizione ad entrare in stato di crisi prox 12 m 61%-75% Stato di continuità aziendale con discreta predisposizione ad entrare in stato di crisi prox 12 m 51%-60% Stato di continuità aziendale con elevata predisposizione ad entrare in stato di crisi prox 12 m 41%-50% Crisi aziendale risolvibile con piano di ristrutturazione interno 26%-40% Crisi aziendale risolvibile con piano turnaround 0%-25% Crisi aziendale risolvibile con liquidazione/fallimento Warrant Online Ratings Analisi di bilancio rating bancario 17/35

18 Fattori agenti sullo stato di avanzamento della crisi aziendale Fattori agenti nel determinare lo stato di avanzamento della crisi aziendale 2010 My scoring (weighted) Best scoring Andamento del settore 10,00 20 Merito di credito (vedi apposito rating) 19,29 50 Struttura di costi "lean" model 28,09% 7,50 30 Programmazione da portafoglio ordini 5,00 20 Richieste ufficiali di rientro/solleciti ricevute da parte di banche/fornitori/creditori 10,00 40 Dimissioni amministratori, sindaci, recesso soci 22,50 30 stato di avanzamento crisi aziendale 74, Warrant Online Ratings Analisi di bilancio rating bancario 18/35

19 Relazione dell analista I) Equilibri Complessivi Di Bilancio Dal punto di vista economico l'azienda combina uno sviluppo notevole del fatturato nel 2010 ad una redditività operativa lorda (EBITDA) sufficiente, il primo in andamento di forte crescita nel corso dell ultimo anno passato, il secondo in calo. DESCRIZIONE Var. % Var. % Fatturato ,04% 4,20% Ebitda ,50% 7,72% Ebitda % 8,43% 11,77% 11,38% -28,35% 3,38% Fatturato Ebitda % Il valore aggiunto si posiziona ad un livello medio del 20% lungo il triennio in tendenza al calo progressivo, il ché denuncia un complessivo peggioramento dell'effetto volumi-mix-prezzi, cagionato principalmente dal costante aumento del costo del venduto in termini di incidenza sul valore della produzione. Il margine di contribuzione in calo e l'andamento dei costi fissi in crescita contribuiscono lungo il triennio, in specie nell ultimo anno storico, ad un forte incremento del fatturato minimo di pareggio. Il risultato netto evidenzia un trend leggermente in crescita nel corso del triennio, posizionandosi nell ultimo anno su di uno 0,6% del valore della produzione. Warrant Online Relazione dell analista Analisi di bilancio rating bancario 19/35

20 DESCRIZIONE Var. % Var. % Valore Aggiunto ,74% -2,89% Valore Aggiunto % 18,24% 20,11% 21,80% -9,31% -7,74% Costo del venduto % 56,67% 50,28% 48,76% 12,70% 3,12% Margine di contribuzione % 30,46% 37,42% 37,37% -18,60% 0,14% Costi fissi ,77% 10,52% Risultato netto d'esercizio ,30% 85,19% Break even point operativo ,95% 10,37% Margine di contribuzione % Risultato netto d'esercizio PATRIMONIALMENTE nel medio/lungo periodo si osserva uno squilibrio, testimoniato da un margine di struttura ampiamente negativo, da un indice di patrimonializzazione molto basso, solo in parte controbilanciato da un "peso" degli impieghi fissi modesto sul totale dell'attivo. DESCRIZIONE Var. % Var. % Margine lordo di struttura 0,52 0,57 0,67-7,87% -15,70% Livello di patrimonializzazione 5,75% 5,82% 9,08% -1,24% -35,87% Peso % immobilizzazioni su totale attivo 23,89% 25,81% 25,08% -7,42% 2,91% Warrant Online Relazione dell analista Analisi di bilancio rating bancario 20/35

21 Margine lordo di struttura Livello di patrimonializzazione Nel "breve" il capitale circolante netto si mantiene costantemente negativo in incremento nell ultimo anno; nell ultimo periodo storico la dilazione media di incasso crediti da clienti assume valori alti (91 gg), tuttavia con trend al ribasso; nell ultimo periodo la dilazione media di pagamento a fornitori evidenzia valori nella norma (81 gg) con trend in forte ribasso; la durata media di giacenza del magazzino delle materie prime e delle merci evidenzia valori medio bassi (39 gg) con trend in leggere ribasso; la durata media di giacenza del magazzino dei prodotti finiti, semilavorati e lavori in corso evidenzia valori medio bassi (30 gg) con trend stabile; nel complesso l importante fabbisogno finanziario generato dal circolante viene soddisfatto soltanto da fonti di terzi a breve ed in nessuna parte con fonti proprie il ché crea uno squilibrio patrimoniale permanente. DESCRIZIONE Var. % Var. % Capitale circolante netto ,91% 53,33% Debt/Equity 22,81 24,95 17,39-8,57% 43,46% Capitale circolante netto Debt/Equity Warrant Online Relazione dell analista Analisi di bilancio rating bancario 21/35

22 L indebitamento appare a livelli elevatissimi e la sua sostenibilità risulta compromessa al termine dell ultimo esercizio storico di analisi, leggermente migliore nel medio/termine (sostenibilità netta) che nel breve (debt coverage ratio) dove addirittura non è calcolabile causa negativi dei flussi di cassa ante manovra finanziaria ovvero prima del rimborso delle rate di mutuo in scadenza nell esercizio; la sostenibilità del debito mostra lungo il periodo di analisi le stesse performance negative commentate dapprima in riferimento all ultimo esercizio. DESCRIZIONE Var. % Var. % Sostenibilità netta del debito 8,09 9,43 8,81-14,13% 6,96% PFN ,58% 9,45% PFN su fatturato 89,26% 124,51% 118,53% -28,31% 5,04% Debt coverage ratio non calcolabile 1,00 n.d. n.d. Sostenibilità netta del debito PFN PFN su fatturato Warrant Online Relazione dell analista Analisi di bilancio rating bancario 22/35

23 II) Indici di bilancio non rientranti nei parametri di accettabilità Si notino i seguenti indici di bilancio che evidenziano al termine dell'ultimo esercizio valori non rientranti nei range minimi di accettabilità DESCRIZIONE 2010 Valore minimo EBITDA % (criterio finanziario) 8,43% > 12% EBIT % 2,43% > 8% ROI % 3,57% > 6,5% Capitale circolante netto (finanziario) > 0 Copertura lorda delle immobilizzazioni (margine di struttura) Debt coverage ratio non calcolabile 0,52 > 1 > 1 Debt/Equity 22,81 < 3 Livello di patrimonializzazione 5,75% > 20% Sostenibilità netta del debito 8,09 < 3 PFN / Fatturato 89,26% < 30% III) Merito di credito e relative condizioni La lettura combinata degli elementi qualitativi e quantitativi del bilancio prospettano quanto alla capacità di ottenere nuovo credito aggiuntivo dal sistema bancario (leva finanziaria), la seguente situazione: rischio imminente di revoca di linee di affidamento, richiesta di rientri; assegnazione ad una "medio-alta" classe deliberativa in termini di gerarchia interna di autorizzazione all'affidamento. Dal punto di vista degli "interessi" si ritiene di poter realizzare un lieve risparmio nei tassi a parità di "leva" (< - 10% di quelli attuali) Infine quanto agli "oneri bancari" si teme un rischio di discreto aumento nelle spese bancarie a parità di volumi (max + 20% di quelli attuali) Warrant Online Relazione dell analista Analisi di bilancio rating bancario 23/35

24 IV) Continuità aziendale In riferimento al tema del giudizio di continuità, il presente bilancio evidenzia crisi aziendale risolvibile con piano turnaround. V) Coerenza rating di bilancio con "andamentale bancario" L'andamentale bancario dichiarato è nel complesso negativo come si evince dai suoi indicatori principali: % media insoluti base anno 20% Nr medio di ri.ba. Insolute mensile 15,00 Livello medio di utilizzo degli affidamenti "commerciali" (ultimi 6 m) 98% Livello medio di utilizzo degli affidamenti di c/c (ultimi 6 m) 90% Vi sono rate di debito scadute bancario? (es. mutui, leasing, utilizzo di castelletti, ecc) Vi sono segnalazioni in centrale rischi? (se si fornire copia centrale rischi) Ricevuto formali richieste di rientro e pagamento di scaduti da banche, fornitori e/o altri creditori negli ultimi 12 mesi? NO SI SI Il suddetto giudizio è allineato con quello sul bilancio espresso ai punti precedenti della relazione. Warrant Online Relazione dell analista Analisi di bilancio rating bancario 24/35

25 Certificazione Warrant Online sulla qualità dell informativa economico-finanziaria Al presente elaborato viene assegnata una certificazione Warrant Online a 4 stelle. NB: la certificazione Warrant Online si esprime nella scala da 1 a 5 stelle sulla base dei seguenti parametri: Completezza dei dati di input inseriti dall utente, sia storici che prospettici Tempestività di inserimento dei suddetti dati Coerenza di massima dei dati di input inseriti fra di loro Scambi informativi e di analisi tra utente e consulenti Warrant Online, compreso lo svolgimento della Web conference di analisi del report Correttezza dei calcoli eseguiti dalla piattaforma Warrant Online Rispondenza della reportistica storica e prospettica prodotto da Warrant Online agli standard di riferimento per la presentazione dell informativa economico-finanziaria (financial reporting framework) La certificazione Warrant Online prescinde dalla veridicità, correttezza e completezza originaria dei dati storici di input inseriti dal cliente nel sistema, in quanto sui medesimi non è effettuato alcun controllo in tali termini; essa prescinde altresì dal giudizio di adeguatezza e ragionevolezza delle ipotesi prospettiche inserite alla base del piano futuro; infine essa non considera eventuali mutamenti di scenari (fatti e circostanze) insorti dopo il rilascio dei dati di input da parte dell utente. Warrant Online Certificazione Warrant Online Analisi di bilancio rating bancario 25/35

26 Allegati Bilancio formato IV dir.cee Alfa S.p.A STATO PATRIMONIALE ATTIVO A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti Parte richiamata Parte da richiamare Totale crediti verso soci per versamenti ancora dovuti (A) B) Immobilizzazioni I - Immobilizzazioni immateriali 1) costi di impianto e di ampliamento ) costi di ricerca, di sviluppo e di pubblicità 3) diritti di brevetto industriale e diritti di utilizzazione delle opere dell'ingegno ) concessioni, licenze, marchi e diritti simili ) avviamento ) immobilizzazioni in corso e acconti 7) altre Totale immobilizzazioni immateriali II - Immobilizzazioni materiali 1) terreni e fabbricati ) impianti e macchinario ) attrezzature industriali e commerciali ) altri beni ) immobilizzazioni in corso e acconti. Totale immobilizzazioni materiali III - Immobilizzazioni finanziarie 1) partecipazioni a) imprese controllate b) imprese collegate c) imprese controllanti d) altre imprese Totale partecipazioni ) crediti a) verso imprese controllate esigibili entro l'esercizio successivo Totale crediti verso imprese controllate b) verso imprese collegate esigibili entro l'esercizio successivo Totale crediti verso imprese collegate c) verso controllanti esigibili entro l'esercizio successivo Totale crediti verso controllanti d) verso altri esigibili entro l'esercizio successivo Totale crediti verso altri Warrant Online Allegati Analisi di bilancio rating bancario 26/35

27 Alfa S.p.A Totale crediti ) altri titoli ) azioni proprie azioni proprie, valore nominale complessivo (per memoria) Totale immobilizzazioni finanziarie Totale immobilizzazioni (B) C) Attivo circolante I - Rimanenze 1) materie prime, sussidiarie e di consumo ) prodotti in corso di lavorazione e semilavorati 3) lavori in corso su ordinazione 4) prodotti finiti e merci ) acconti Totale rimanenze II - Crediti 1) verso clienti esigibili entro l'esercizio successivo Totale crediti verso clienti ) verso imprese controllate esigibili entro l'esercizio successivo Totale crediti verso imprese controllate ) verso imprese collegate esigibili entro l'esercizio successivo Totale crediti verso imprese collegate ) verso controllanti esigibili entro l'esercizio successivo Totale crediti verso controllanti bis) crediti tributari esigibili entro l'esercizio successivo Totale crediti tributari ter) imposte anticipate esigibili entro l'esercizio successivo Totale imposte anticipate ) verso altri esigibili entro l'esercizio successivo Totale crediti verso altri Totale crediti III - Attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni 1) partecipazioni in imprese controllate 2) partecipazioni in imprese collegate 3) partecipazioni in imprese controllanti 4) altre partecipazioni 5) azioni proprie azioni proprie, valore nominale complessivo (per memoria) 6) altri titoli Totale attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni IV - Disponibilità liquide 1) depositi bancari e postali ) assegni 3) danaro e valori in cassa Warrant Online Allegati Analisi di bilancio rating bancario 27/35

28 Alfa S.p.A Totale disponibilità liquide Totale attivo circolante (C) D) Ratei e risconti Ratei e risconti attivi Disaggio su prestiti emessi Totale ratei e risconti (D) Totale attivo PASSIVO A) Patrimonio netto I - Capitale II - Riserva da soprapprezzo delle azioni III - Riserve di rivalutazione IV - Riserva legale V - Riserve statutarie VI - Riserva per azioni proprie in portafoglio VII - Altre riserve, distintamente indicate Riserva straordinaria o facoltativa Riserva per rinnovamento impianti e macchinari Riserva ammortamento anticipato Riserva per acquisto azioni proprie Riserva da deroghe ex art Cod. Civ Riserva azioni (quote) della società controllante Riserva non distribuibile da rivalutazione delle partecipazioni Versamenti in conto aumento di capitale Versamenti in conto futuro aumento di capitale Versamenti in conto capitale Versamenti a copertura perdite Riserva da riduzione capitale sociale Riserva avanzo di fusione Riserva per utili su cambi Differenza da arrotondamento all'unità di Euro Riserve da condono fiscale: Riserva da condono ex L. 19 dicembre 1973, n. 823; Riserva da condono ex L. 7 agosto 1982, n. 516; Riserva da condono ex L. 30 dicembre 1991, n. 413; Riserva da condono ex L. 27 dicembre 2002, n Totale riserve da condono fiscale Varie altre riserve Totale altre riserve VIII - Utili (perdite) portati a nuovo IX - Utile (perdita) dell'esercizio Utile (perdita) dell'esercizio Acconti su dividendi Copertura parziale perdita d'esercizio Utile (perdita) residua Totale patrimonio netto B) Fondi per rischi e oneri 1) per trattamento di quiescenza e obblighi simili 2) per imposte, anche differite ) altri Totale fondi per rischi ed oneri C) Trattamento di fine rapporto di lavoro subordinato D) Debiti 1) obbligazioni esigibili entro l'esercizio successivo Warrant Online Allegati Analisi di bilancio rating bancario 28/35

29 Alfa S.p.A Totale obbligazioni ) obbligazioni convertibili esigibili entro l'esercizio successivo Totale obbligazioni convertibili ) debiti verso soci per finanziamenti esigibili entro l'esercizio successivo Totale debiti verso soci per finanziamenti ) debiti verso banche esigibili entro l'esercizio successivo Totale debiti verso banche ) debiti verso altri finanziatori esigibili entro l'esercizio successivo Totale debiti verso altri finanziatori ) acconti esigibili entro l'esercizio successivo Totale acconti ) debiti verso fornitori esigibili entro l'esercizio successivo Totale debiti verso fornitori ) debiti rappresentati da titoli di credito esigibili entro l'esercizio successivo Totale debiti rappresentati da titoli di credito ) debiti verso imprese controllate esigibili entro l'esercizio successivo Totale debiti verso imprese controllate ) debiti verso imprese collegate esigibili entro l'esercizio successivo Totale debiti verso imprese collegate ) debiti verso controllanti esigibili entro l'esercizio successivo Totale debiti verso controllanti ) debiti tributari esigibili entro l'esercizio successivo Totale debiti tributari ) debiti verso istituti di previdenza e di sicurezza sociale esigibili entro l'esercizio successivo Totale debiti verso istituti di previdenza e di sicurezza sociale ) altri debiti esigibili entro l'esercizio successivo Totale altri debiti Totale debiti E) Ratei e risconti Ratei e risconti passivi Aggio su prestiti emessi Warrant Online Allegati Analisi di bilancio rating bancario 29/35

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2013 DATI ANAGRAFICI Indirizzo Sede legale: RIMINI RN VIA DARIO CAMPANA 63 Numero REA: RN - 259282 Forma giuridica: SOCIETA' PER AZIONI

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

Fondamenti. G.GHELFI gghelfi@liuc.it

Fondamenti. G.GHELFI gghelfi@liuc.it Fondamenti di analisi i di bilancio i Le analisi di bilancio: introduzione gghelfi@liuc.it Le analisi di bilancio - Introduzione Il bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione l andamento

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio

Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio Sezione IX Del bilancio Art. 2423. Redazione del bilancio. Gli amministratori devono redigere il bilancio di esercizio, costituito

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Pratica: 1266018 Evasione: 2 giorni Fonti Banche dati Camere di Commercio Italiane Banche dati Atti Pregiudizievoli di Conservatoria Controllo operatori Reports Aggiornamento

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Allegato A) deliberazione nr.14 d.d. 28.04.2015 APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Il Presidente

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT CITTÀ DI TORINO ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT Rapporto 2007 ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Analisi di bilancio per indici e per flussi

Analisi di bilancio per indici e per flussi Prof. Marco Tutino, Dipartimento di Studi Aziendali Analisi di bilancio per indici e per flussi Dispensa per il corso di Bilancio, Corso Avanzato Prof. Marco Tutino 1 INDICE 1... INTRODUZIONE... 5 2...

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015 PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALEE PER L ESERCI IZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 20155 PAGINA BIANCA PAGINA BIANCA RATTI S.p.A. Sede in Guanzate (Como) Via Madonna, 30 Capitale Sociale

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Sede in Lecco - Via Amendola, n 4 Capitale Sociale 2.473.194 interamente versato Registro Imprese di Lecco n 02686430139 Rea C.C.I.A.A. di Lecco n 295486 BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Bilancio 2014

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI Milano, 17 Marzo 2010 AGENDA 1. Il Gruppo 2. Il mercato 3. Dati economico-finanziari 4. Il titolo Pag. 2 RELATORI LUIGI LUZZATI Presidente del CDA di Centrale del Latte di Torino

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Immobilizzazioni immateriali

Immobilizzazioni immateriali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni immateriali Gennaio 2015 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi Format Si è modificata la struttura del principio utilizzando il format standard dei nuovi principi salvo apportare i necessari adeguamenti

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

GESTIONE CENTRI DI COSTO

GESTIONE CENTRI DI COSTO GESTIONE CENTRI DI COSTO Basta attribuire un conto economico ad un solo centro di costo fisso, oppure ad un centro di costo generico che, a sua volta, ridistribuisce a percentuale fissa su altri centri

Dettagli

Il riparto dell utile nelle società per Azioni

Il riparto dell utile nelle società per Azioni Il riparto dell utile nelle società per Azioni Il riparto dell utile nelle spa è soggetto alle limitazioni imposte dal codice civile e dallo statuto. Solo dopo aver soddisfatto i predetti vincoli l utile

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

LA CONTABILITÀ E IL BILANCIO

LA CONTABILITÀ E IL BILANCIO LA CONTABILITÀ E IL BILANCIO CHIAREZZA, VERITÀ, CORRETTEZZA, I CONTI D ORDINE, IL BUDGET D ESERCIZIO, IL CONTROLLO DI GESTIONE, LA RICERCA DEL DATO FALSO O INATTENDIBILE: IL FALSO IN BILANCIO Relatore:

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli