Il nuovo accertamento sintetico e la tutela del contribuente (persona fisica)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il nuovo accertamento sintetico e la tutela del contribuente (persona fisica)"

Transcript

1 CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO IN DIRITTO TRIBUTARIO-FISCALE VI EDIZIONE ANNO 2011 Intervento sul tema Il nuovo accertamento sintetico e la tutela del contribuente (persona fisica) massimo crotti giudice tributario in reggio emilia Venerdì 17 Giugno 2011 ore 14,30 Camera di Commercio - sala leonelli - Via Ganaceto n Modena

2 TRIBUTARI ASSOCIAZIONE MAGISTRATI TRIBUTARI ASSOCIAZIONE MAGISTRATI Associazione Magistrati Tributari Sezione Provinciale di Modena Centro di diritto penale tributario Centre de droit pénal fiscal Centre for criminal tax law Associazione Magistrati Tributari Sezione Regionale Emilia Romagna CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO IN DIRITTO TRIBUTARIO-FISCALE VI EDIZIONE ANNO 2011 IL NUOVO ACCERTAMENTO TRIBUTARIO: avvisi di accertamento e atti equipollenti I PARTE (motivazione dell atto di accertamento, accertamento analitico, accertamento induttivo, accertamento sintetico, accertamento di maggior valore, accertamento con adesione, accertamento doganale, indagini bancarie, accessi, ispezioni e verifiche, presunzioni, studi di settore, redditometro, presunzioni e onere della prova, contraddittorio, autotutela, denunzia penale, principio di inerenza ed elusione fiscale, garanzie per il contribuente) Venerdì 17 Giugno 2011 ore 14,40 Camera di Commercio - SALA LEONELLI - Via Ganaceto n Modena - Ore 14,00 Registrazione partecipanti SALUTI Ore 14,40 DOTT. MAURIZIO TORREGGIANI Presidente della Camera di Commercio di Modena AVV. DANIELA GOBBI Presidente del Consiglio di Presidenza della Giustizia Tributaria CONS. ALDO SCOLA Consigliere di Stato-Giudice presso Tribunale Superiore delle Acque Presidente della Commissione Tributaria Regionale dell Emilia Romagna DOTT. ALBERTO PEDERIALI Presidente f.f. della Commissione Tributaria Provinciale di Modena Presidente I e II sezione CTP di Modena AVV. PROF. MIRELLA GUICCIARDI Presidente dell Associazione Magistrati Tributari - Sezione Provinciale di Modena - Coordinatore della Commissione formazione ed aggiornamento A.M.T. DOTT. ALESSANDRO CLO Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Modena PRESIEDE AVV. DANIELA GOBBI Presidente del Consiglio di Presidenza della Giustizia Tributaria Ore 15,00 Coordina CONS. ENNIO ATTILIO SEPE Sostituto Procuratore Generale presso Corte di Cassazione Presidente Associazione Nazionale Magistrati Tributari - A.M.T. - Il giusto procedimento nel quadro degli accertamenti penali CONS. PROF. MARIO CICALA Consigliere presso Corte di Cassazione - Sezione Tributaria - Presidente Commissione Tributaria Regionale della Toscana Elusione fiscale, operazioni intragruppo e principio di inerenza PROF. AVV. GIAN FRANCO GAFFURI Professore ordinario di Diritto Tributario Università degli Studi di Milano La motivazione dell avviso di accertamento e la sua esecutività PROF. AVV. GIANNI MARONGIU Professore ordinario di Diritto Tributario Università degli Studi di Genova Accertamento sintetico e redditometrico PROF. AVV. ANDREA PERINI Professore associato di Diritto Penale Tributario Università degli Studi di Torino Centro di diritto penale tributario Il nuovo accertamento tributario e la denunzia penale CON IL PATROCINIO DOTT. LUIGI MAGISTRO Direttore Centrale Accertamento Agenzia delle Entrate L esecutività dell avviso di accertamento e le garanzie per il contribuente Ore 18,30 DIBATTITO ED INTERVENTI PROGRAMMATI TEN. COL. T.ST PASQUALE RUSSO Comandante del I Gruppo Tutela Entrate - Nucleo Polizia Tributaria Guardia di Finanza di Bologna Indagini finanziarie: contraddittorio e prova contraria del contribuente DOTT. LUCA GAIANI Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Modena Esperto Il Sole 24 ore L accertamento per i costi imputati fuori competenza: difesa del contribuente e possibili rimedi Ore 19,00 CONCLUSIONI CONS. ENNIO ATTILIO SEPE COMUNICAZIONI E INTERVENTI SCRITTI DOTT. ANGELO MARTINELLI Consigliere della Corte di Appello di Roma Presidente della Sezione VI della Commissione Tributaria Provinciale di Bologna L accertamento fondato sui dati bancari DOTT. ERNESTINO BRUSCHETTA Giudice del dibattimento penale presso il Tribunale di Modena Vice Presidente Sezione II presso Commissione Tributaria Provinciale di Modena Le presunzioni nela giurisprudenza della C.T.P. di Modena DOTT. MASSIMO CROTTI Vice Presidente della Sezione I presso Commissione Tributaria Provinciale di Reggio Emilia Tutela del contribuente La partecipazione è gratuita Per informazioni e adesioni rivolgersi a: Rag. Marika Boni c/o Camera di Commercio - C.C.I.A.A. Via Ganaceto n Modena Tel. 059/ ISCRIZIONI SOLO ON-LINE SITO: Per ragioni organizzative si prega di dare conferma e di inviare la scheda di iscrizione on-line entro il 15 Giugno 2011 Prossimo incontro Venerdì 25 Novembre 2011 ore 14,30 L ACCERTAMENTO TRIBUTARIO II a parte CON IL CONTRIBUTO Consiglio di Presidenza della Giustizia Tributaria ASSOCIAZIONE NAZIONALE MAGISTRATI TRIBUTARI ASSOCIAZIONE NAZIONALE MAGISTRATI TRIBUTARI COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI MODENA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA CAMERA PENALE DI MODENA CARL ALBERTO PERROUX Provincia di Modena Comune di Modena Camera di Commercio di Modena Ordine degli Avvocati di Modena Ministero dell Economia e delle Finanze Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Modena Ordine dei Consulenti del lavoro di Modena Confindustria Modena, Confindustria Ceramica, ConfapiPMI- Associazione piccole e medie industrie-, Ascom Confcommercio, C.N.A., Confesercenti, Lapam Confartigianato Imprese, Lega provinciale delle cooperative e mutue Modena -Legacoop, Confcooperative Unione Provinciale di Modena, Fondazione Bellisario - Sezione Emilia Romagna -, C.I.F., A.I.D.D.A. Delegazione Emilia Romagna FONDAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI MODENA Il presente incontro vale ai fini dell attribuzione dei crediti formativi per gli Avvocati (n. 4), per i Dottori Commercialisti e gli Esperti contabili (n. 4), per i Consulenti del lavoro (n. 4). CON LA COLLABORAZIONE Coordinamento nazionale del personale delle Commissioni Tributarie

3 .note a margine La presente dispensa è stata realizzata attingendo, de plano, gli argomenti sul tema, trattati e pubblicati sul Sole. In particolare dagli editorialisti Deotto, Nocera, Iorio, Falcone e Criscione. Soltanto una continua ed incessante azione di aggiornamento ed archiviazione di commenti può consentire una sufficiente preparazione e sicurezza. Nessuno, oramai, inventa più l acqua calda e la semplice lettura della Gazzetta Ufficiale non è per nulla sufficiente.per come sono scritte le norme, per la loro complessità e per la pubblicazione, quasi isterica, di una prassi oramai impazzita. Ricorderò, sempre, una frase del fraterno amico Tommaso Lamedica, agli inizi degli anni 80. Eravamo all angolo tra Via della Signora e Largo Augusto, a Milano, in un negozio appena aperto, dell IPSOA, nota casa di editoria fiscale. Mi disse: vedi, noi non facciamo altro che studiare per chi dovrebbe studiare, questo è in nostro vero mestiere. Quante volte, entrando in alcuni studi, si vedono cataste del Sole, o del Corriere Tributario o del Fisco, ancora tutti incellofanati? E ci si chiede: come faranno mai, quei professionisti? Traendo spunto dal maestro Tommaso, anch io, spesso, quale piccolo piccolo contenitore di notizie e di argomenti, letti, selezionati, archiviati e digeriti, mi permetto farne un collage onde poterli porre a disposizione, unitamente all esperienza di magistrato tributario, a tutti coloro che possono trarne giovamento

4 - 4 -

5 In attesa della lettera del Ministero L evasione fiscale? Meglio prevenirla che combatterla dopo. Sulla base di questo principio già da quest anno una forte azione di prevenzione potrebbe focalizzarsi sulle persone fisiche che negli anni scorsi hanno mostrato una capacità di spesa (documentata) eccessiva rispetto a quanto dichiarato al fisco. Prima della tornata dichiarativa e dei versamenti di giugno è allo studio la possibilità di inviare a contribuenti che presentano i due valori (spese effettuate e redditi dichiarati) starati in modo consistente, delle comunicazioni per avvisare che il fisco ha notato l anomalia e per ottenere comportamenti più virtuosi per gli anni a venire. Ma anche con un occhio al ravvedimento per il primo anno d imposta di applicazione del nuovo regime, ovvero il Le lettere sul redditometro seguiranno l esempio già adottato da qualche anno per gli studi di settore e che ormai è a regime: è infatti confermato anche per quest anno l invio di comunicazioni ai contribuenti che presentano rilevanti anomalie rispetto ai risultati di Gerico. Secondo l agenzia delle Entrate negli anni scorsi l operazione sugli studi ha prodotto sempre risultati rilevanti in termini di dissuasione rispetto a comportamenti poco corretti: l auspicio è che lo stesso effetto lo producano le comunicazioni sul redditometro. Il numero di soggetti che presentano differenze tra le spese che l amministrazione finanziaria riesce a ricostruire e i redditi denunciati è in realtà molto elevato. E più crescono i dati a disposizione dell agenzia delle Entrate più questa forbice si allarga. L operazione del Fisco perciò prevede che si vadano a vedere le differenze più rilevanti in termini percentuali (c è la questione delle soglie fissate dallo stesso redditometro per poter procedere all accertamento) ma anche in termini assoluti. Questo perché uno scostamento in termini percentuali molto elevato potrebbe non essere rilevante come importo definitivo (per esempio il 300% di euro è comunque 3.000). Da un numero rilevante di potenziali casi sospetti, l Agenzia mira ad arrivare a una platea di destinatari più contenuta e per la quale comunque è legittimo il sospetto di un evasione consistente. Il contribuente potrà indicare motivi di giustificazione dei redditi posseduti, ma vedendo un segnale di attenzione del fisco, potrebbe essere indotto a comportamenti di maggiore correttezza in termini fiscali. In realtà all Agenzia non si pensa a una forma aggressiva di comunicazione. Innanzitutto perché il contribuente - 5 -

6 potrebbe avere ancora la possibilità di effettuare il ravvedimento: questo può, infatti, essere realizzato per il 2009 che è il primo anno di avvio del nuovo redditometro e del nuovo spesometro (le nuove regole permettono di attribuire l intera spesa a reddito per l anno in cui è stata sostenuta, salva ovviamente la - non facile - prova contraria). In questa chiave, quindi, la mossa della comunicazione sarebbe anche una modalità di accesso soft al nuovo redditometro: i contribuenti sarebbero, infatti, messi sull avviso che ormai l amministrazione può facilmente ricostruire un reddito presunto ben lontano da quanto dichiarato sulla base delle spese e correre ai ripari prima che arrivi un accertamento. Nell ordine di grandezza degli anni scorsi dovrebbero essere anche le lettere per le anomalie per i soggetti che applicano gli studi di settore, che ormai si differenziano in quelle inviate direttamente ai contribuenti (nei casi più significativi) oppure agli intermediari che li rappresentano nelle loro comunicazioni con il fisco (quando siano state riscontrate violazioni più probabilmente legate a errori e dimenticanze). Si tratterà, quindi, di un numero di comunicazioni superiori alle 200mila, come già avvenuto lo scorso anno, anche se probabilmente un poco superiore, visto che di recente il direttore dell agenzia delle Entrate, Attilio Befera, (si veda Il Sole 24 Ore del 13 aprile) ha segnalato il rischio di comportamenti sospetti nell utilizzo dei correttivi anti-crisi. È allo studio dell agenzia delle Entrate l ipotesi di inviare, prima della trasmissione delle dichiarazioni dei redditi e prima dei versamenti fiscali di giugno, una comunicazione ai contribuenti (persone fisiche) che negli anni scorsi hanno mostrato una capacità di spesa eccessiva rispetto a quanto dichiarato al fisco. In queste lettere l amministrazione avviserebbe il contribuente che ha notato l anomalia. Con un occhio alla possibilità del ravvedimento, ammessa per il primo anno d imposta di applicazione del redditometro e del nuovo accertamento sintetico. Le lettere sul redditometro seguiranno l esempio già adottato da qualche anno per gli studi di settore e che ormai è a regime: è confermato anche per quest anno, infatti, l invio di oltre 200mila comunicazioni ai contribuenti che presentano rilevanti anomalie rispetto ai risultati di Gerico. Queste lettere sono inviate direttamente ai contribuenti (nei casi più significativi) oppure agli intermediari che li rappresentano nelle loro comunicazioni con il fisco (quando le violazioni sono più probabilmente legate a errori e dimenticanze) - 6 -

7 L acquisto patrimoniale diviene reddito Il corrispettivo pagato per l acquisto di un immobile verrà imputato tutto al reddito presunto dell anno e non basterà dare dimostrazione della capacità di spesa con i redditi degli anni precedenti. Sono questi due aspetti, che derivano da altrettante risposte date dalle Entrate a Telefisco 2011, che rendono sempre più preoccupante lo scenario del nuovo accertamento sintetico. In passato - prima delle modifiche della manovra era stato giustamente considerato che una spesa per incrementi patrimoniali si presumesse sostenuta con il reddito dell anno e dei quattro precedenti (cinque precedenti, in origine). Con la manovra 2010, questo concetto è stato eliminato ed ora la norma fissa la presunzione che le spese di qualsiasi genere si presumono finanziate con il reddito dell anno. Nel concetto di spese di qualsiasi genere rientrano sia spese correnti che straordinarie o, comunque - come affermato dall Agenzia a Telefisco - anche quelle che in passato venivano individuate come spese per incrementi patrimoniali. Quindi, se un contribuente nel 2011 acquista un immobile per un corrispettivo di euro, coperto in parte dal mutuo per euro, mentre euro vengono corrisposti attraverso le proprie disponibilità finanziarie (ad esempio, un bonifico bancario), quest ultimo importo verrà imputato direttamente al reddito presunto dell anno L Agenzia ha confermato a Telefisco che si devono considerare le spese effettivamente sostenute, seguendo il criterio di cassa, per cui se viene dato un acconto di euro nel 2010 per acquistare l immobile e gli altri euro vengono corrisposti nel 2011, si avrà che tali importi verranno imputati rispettivamente al reddito presunto del 2010 e del Circa le possibilità di difesa del contribuente da una simile (irragionevole) presunzione, l Agenzia ha precisato che non potrà considerarsi sufficiente l astratta riferibilità della spesa alla capienza reddituale degli anni precedenti. Si tratta di capire, allora, come potrà esercitare il suo diritto di difesa il contribuente, visto che la norma afferma che la prova contraria può essere data dalla dimostrazione che la spesa è stata sostenuta con redditi di altri anni (precedenti), con redditi esenti, con redditi assoggettati a tassazione alla fonte oppure con altri accadimenti esclusi dalla base imponibile. Si pensi a chi non ha avuto donazioni o liberalità ed ha avuto come unica fonte il reddito conseguito. Come può dare dimostrazione della sua capacità di spesa, visto peraltro che molte volte il concetto di red

8 dito non corrisponde alla disponibilità effettiva liquida? La dimostrazione non potrà quindi essere data dagli estratti conto bancari, considerando ulteriormente che la norma vuole individuare la fonte (reddituale o non) che ha consentito la spesa e non il mezzo di pagamento. La soluzione è che il sintetico, come d altronde il redditometro, debba essere inquadrato tra le presunzioni semplici, in considerazione che lo standard di una spesa (a volte irrazionale, come l acquisto della casa imputata tutta a reddito dell anno), così come del redditometro, deve essere personalizzato e calato nella singola posizione del contribuente. Questa personalizzazione fa sì che non vi sia più un elemento noto stabilito per legge e, quindi, non si sia in presenza di una presunzione legale, ma di una presunzione semplice. Tutto ciò determina delle inevitabili conseguenze per l ufficio, il quale se, emetterà l atto di accertamento, dovrà dimostrare di avere provveduto a personalizzare il dato di partenza (la spesa o il risultato del redditometro) al singolo caso del contribuente

9 Come difendersi Giocare d anticipo. Quasi un imperativo per professionisti e contribuenti alle prese con vecchi e nuovi strumenti di accertamento. Soprattutto, in vista del prossimo 1 luglio quando gli atti impositivi in materia di imposte dirette e di Iva diverranno esecutivi decorsi sessanta giorni dalla relativa notifica. Peraltro, fatta eccezione per gli studi di settore, in tutti gli altri casi analizzati (indagini finanziarie, redditometro, spesometro) ci si trova dinanzi a strumenti di accertamento che determinano l inversione del l onere della prova. Pertanto, l ufficio mediante il semplice utilizzo dei diversi strumenti è dispensato dall onere di provare ulteriormente la condotta evasiva e la prova contraria deve essere sempre fondata su adeguata documentazione: una ragione in più, quindi, per predisporre per tempo le linee difensive idonee a divincolare il contribuente da una morsa affatto gradevole. Indagini finanziarie. Cominciamo con le indagini finanziarie che, in virtù delle modifiche normative degli ultimi anni, hanno acquisito speditezza e sono sempre più utilizzate dagli uffici. La lente del fisco si posa tanto sui rapporti quanto sulle singole operazioni : pertanto potranno essere scandagliate sia le movimentazioni effettuate su conti correnti, depositi titoli e quant altro, sia le operazioni effettuate, anche una tantum, presso un qualsiasi operatore finanziario sul territorio nazionale. Tenendo conto che i versamenti e i prelevamenti, in assenza di prova contraria, si presumono rappresentativi di corrispettivi imponibili, al fine di superare questa presunzione legale occorre che sia il contribuente a fornire la prova liberatoria, specifica e analitica, dimostrando la riferibilità di ogni singola movimentazione a circostanze estranee all attività svolta. Il che significa assumere come pratica di vita quotidiana quella di documentare sistematicamente ogni operazione «estranea», a nulla rilevando la causale delle spese. Per cui la donazione dei genitori al figlio per l estinzione anticipata del mutuo o per l acquisto di un automobile è necessario che venga tracciata con bonifico e adeguata causale: beninteso, i flussi che alimentano la posizione del contribuente, tanto in entrata quanto in uscita, devono essere congrui anche con riferimento alla posizione dei soggetti mittenti e destinatari (diversamente l ufficio può presumere una triangolazione o una corresponsione di ricavi o compensi in nero ). Dovrebbe essere in via di risoluzione anche la problematica di dover riconciliare - 9 -

10 e giustificare anche centinaia di operazioni in un lasso temporale decisamente ristretto: le difficoltà a reperire nei tempi imposti dai verificatori la documentazione presso gli istituti di credito, in quanto gli archivi di questi ultimi non erano strutturati, sino al 2006, per tenere pronta evidenza di tutte le operazioni effettuate, dovrebbero essere ormai alle spalle con l avanzata dei controlli sulle annualità successive. Per il contribuente è comunque opportuno predisporre, alla fine del periodo d imposta, un prospetto che almeno per le operazioni effettuate mediante assegni bancari evidenzi, a seconda dei casi, traente, beneficiario e causale. Accertamenti sintetici. Se dal punto di vista del rango delle presunzioni la questione non cambia, ossia è sempre il contribuente a dover fornire la prova contraria, quanto alla difesa, e alla sua anticipazione, le cose si complicano. Infatti, la giurisprudenza è inamovibile sul punto: al contribuente non è permesso sindacare il risultato al quale giungono i coefficienti che misurano la capacità contributiva e l unica via di uscita è quella di dimostrare, peraltro documentalmente, entità e provenienza di flussi aggiuntivi al reddito disponibile che hanno permesso il sostenimento del tenore di vita o l incremento patrimoniale. Pertanto, anche in questo caso occorre tracciare qualsiasi fonte finanziaria esterna. Il paradosso che è con l acquisizione di un bene mediante il ricorso all indebitamento rilevano soltanto i canoni o le rate corrisposte nell anno: se non fosse, però, che il bene acquisito comunque di per sé rileva ai fini della tabella ministeriale nel «vecchio» strumento un abitazione gravata di mutuo è favorita soltanto con un coefficiente moltiplicatore inferiore ma sconta la sommatoria delle rate annue pagate e allo stesso tempo sembra che si verifichi con la nuova versione del redditometro. In casi del genere, quindi, non resta che aggrapparsi alla famiglia e al «quoziente reddituale» che, almeno in materia di accertamento sintetico, ha trovato diritto di cittadinanza (circolare n. 47/E del 2007). Il contradditorio Solamente il contraddittorio potrà determinare l effettiva capacità di spesa del contribuente ai fini dell accertamento sintetico (redditometro compreso) per le molte situazioni in cui il reddito non viene determinato per cassa. Il principio di fondo dell accertamento sintetico e del redditometro è che quanto si è speso nel periodo d imposta è alimentato dal reddito dichiarato dal contri

11 buente. È un principio che si può dire ragionevole per le spese correnti e per tutte quelle tipologie reddituali che vengono dichiarate per cassa, come i redditi di lavoro dipendente ed assimilati. Questo in considerazione che, ai fini dell accertamento sintetico, rilevano le spese effettivamente pagate. Il principio di fondo dell accertamento sintetico e da redditometro non funziona più, invece, quando si è in presenza di spese che ragionevolmente non possono essere sostenute con il reddito dell anno, come le spese per incrementi patrimoniali, tipo l acquisto di un abitazione, di un autovettura o di una barca. Queste spese, infatti, non possono che essere effettuate con una ricchezza stratificata nel tempo e, quindi, con redditi di più anni (in passato, la vecchia norma stabiliva per presunzione, con prova contraria, che queste spese si potevano considerare sostenute con i redditi di cinque anni). Il principio dell accertamento sintetico non funziona, inoltre, per quelle moltissime situazioni in cui il reddito non viene determinato per cassa. Si pensi al reddito d impresa, il quale viene determinato per competenza. Competenza che riguarda tutte le voci, non solo accantonamenti ed ammortamenti. Ad esempio, i ricavi devono essere imputati come posta positiva di reddito per competenza, quindi a prescindere dall effettivo incasso, così come le spese si deducono, se di competenza, anche se vengono pagate negli anni successivi. Lo stesso problema si ha per i soci di società di persone (si vedano gli esempi riportati in pagina), ai quali viene attribuito un reddito determinato per competenza, a prescindere dall affettivo percepimento. Anche per i professionisti si pone lo stesso problema, visto che il reddito di lavoro autonomo ha delle voci che risultano determinate per competenza (ammortamenti, accantonamento tfr e leasing). Sia per i redditi d impresa che di lavoro autonomo, poi, si devono considerare le innumerevoli poste relative alle variazioni in aumento e in diminuzione per finalità esclusivamente fiscali. Basti pensare alle tantissime spese che, anche se effettivamente sostenute, non sono deducibili fiscalmente oppure sono deducibili solo in parte (interessi passivi, spese rappresentanza, spese auto, eccetera) o a quelle spese che sono deducibili figurativamente (come le detassazioni o le spese forfettarie). Senza contare che vi sono altri redditi, come quelli fondiari, che vengono determinati figurativamente. In tutti questi casi ben si comprende che quanto dichiarato dal contribuente non rappresenta affatto la sua capacità di spesa e, ancor prima, la sua capacità finanziaria. È chiaro, quindi, che in mol

12 tissime situazioni le spese effettive sostenute dal contribuente dovranno essere adeguate al reddito che si può definire disponibile del contribuente e non a quello dichiarato. Questa disomogeneità tra spesa effettiva, a base dell accertamento sintetico, e il reddito dichiarato, così come il fatto che una spesa per incrementi patrimoniali non può certo essere alimentata dal reddito dell anno, porta al necessario adeguamento del risultato del sintetico alla effettiva situazione personale del contribuente. Questa personalizzazione dovrà avvenire con la richiesta obbligatoria, da parte dell ufficio, di dati e notizie al contribuente stesso e attraverso il successivo contraddittorio (obbligatorio anch esso). Tutto ciò determina che, in caso di accertamento, la presunzione a base del sintetico e del redditometro, si inquadri tra le presunzioni semplici, non essendo basata su un fatto noto stabilito per legge (prerogativa delle presunzioni legali). L obbligo di attivazione del contraddittorio per il nuovo accertamento sintetico determina delle conseguenze per l eventuale atto di accertamento successivo. Il nuovo articolo 38 del Dpr 600/73 prevede l obbligo,per l ufficio, di invitare il contribuente a fornire dati e notizie rilevanti ai fini dell accertamento e poi di attivare il contraddittorio dell accertamento con adesione (si veda anche «Il Sole 24 Ore» di ieri). L obbligo di attivazione del contraddittorio anticipato ricalca quanto viene stabilito per gli studi di settore. In relazione alle eventuali conseguenze per il successivo atto di accertamento ( qualora ufficio e contribuente non trovino l accordo nel contraddittorio), la Cassazione a sezioni unite, con alcune sentenze del 18 dicembre 2009 (26635, 26636, e 26638) ha stabilito che l esito del contraddittorio deve fare parte della motivazione dell accertamento basato sugli studi, nel quale vanno illustrate le ragioni per cui i rilievi del contribuente, esposti nel corso del contraddittorio, sono stati disattesi. Nello stesso senso si era pronunciata la Cassazione in tema di redditometro. Con la sentenza 4624/08 la Corte ha affermato che l atto di accertamento fondato sul redditometro è nullo se la motivazione dello stesso non contiene un adeguata replica tale da superare le deduzioni del contribuente fatte nel corso del contraddittorio (facoltativo, al tempo della vicenda). In sostanza, la giurisprudenza di legittimità ha stabilito, sia per gli studi di settore sia per il redditometro, che se il contraddittorio viene attivato, e ufficio e contribuente non trovano l accordo nel corso dello stesso, quando poi viene emesso l atto di accertamento, quest ultimo deve

13 contenere le ragioni per le quali l ufficio non ha accettato le tesi del contribuente esposte nel contraddittorio. Altrimenti, l atto impositivo è nullo per difetto di motivazione. È un aspetto del quale gli uffici dovranno tenere conto - così come il contribuente per l impostazione della sua difesa - per gli accertamenti fondati sul nuovo accertamento sintetico, soprattutto ora che la norma prevede l obbligatorietà del contraddittorio preventivo. Non deve trarre in inganno il fatto che gli studi di settore rientrano tra le presunzioni semplici e il nuovo accertamento sintetico dovrebbe (vi è qualche perplessità, dopo la nuova versione della norma modificata dal decreto legge 78/10) essere inquadrato tra le presunzioni legali. Questo è un aspetto che riguarda la prova, che non va confusa con la motivazione dell atto di accertamento. Anche se prova e motivazione hanno dei punti in comune, nel senso che la prova rappresenta un elemento importante della motivazione, si tratta di istituti che agiscono su piani diversi. La motivazione agisce sul piano procedimentale della formazione dell atto di accertamento; la prova su quello processuale. Così che la motivazione dell atto di accertamento deve contenere tutti gli elementi, compreso l esito del contraddittorio, necessari per far comprendere al contribuente gli elementi di fatto e di diritto alla base della pretesa. Se poi quest ultima si fonda su delle presunzioni semplici, risulta onere dell ufficio provare nella fase processuale che gli elementi portati in giudizio hanno i caratteri di gravità, precisione e concordanza. Se, invece, la pretesa si fonda su una presunzione legale relativa, si inverte - sempre nella fase processuale- l onere probatorio,il quale si riversa sul contribuente

14 Il Giudice In tema di redditometro il giudice, una volta accertata l effettività dei beni indicatori di capacità contributiva esposti dall ufficio, non ha il potere di svalutare il loro valore presuntivo ma può soltanto apprezzare la prova che il contribuente offre sulla provenienza delle somme necessarie per mantenerne il possesso. A chiarirlo è la Corte di Cassazione con la sentenza 2726 depositata il 4/2/2011. A un contribuente veniva accertato maggior reddito sulla base del possesso di due autovetture detenute da tempo (immatricolate negli anni 70), nonchè di un immobile gravato da mutuo. Le commissioni tributarie provinciale e regionale ritenevano non fondato l accertamento in quanto l ufficio non aveva documentato che i redditi conseguiti negli anni non giustificavano la capacità di risparmio indispensabile per la manutenzione delle vetture e dell incremento patrimoniale. La Cassazione ha invece accolto il ricorso dell ufficio evidenziando, in sintesi, che il giudice, una volta accertata l esistenza degli elementi presuntivi di capacità contributiva, non ne può sindacare e svalutare la portata, ma deve verificare che l onere probatorio, che grava sul contribuente (esistenza di redditi esenti o soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta idonei a giustificare il maggior reddito) sia stato assolto. In questo caso, i giudici di merito, rimarcando il fatto che le autovetture erano state immatricolate in anni lontani rispetto al periodo dell accertamento, e che l immobile era gravato da mutuo, avevano di fatto svalutato la porta di tali indici e preteso che l ufficio provasse che i redditi conseguiti non giustificavano la capacità contributiva accertata. La sentenza applica le regole probatorie in tema di accertamento da redditometro: da un lato, l ufficio deve quantificare il maggior reddito del contribuente, sulla base di determinati indici ed elementi certi e, dall altra, in presenza di determinate incongruenze, il contribuente deve dimostrare la possibilità di poter acquistare, ovvero godere, di quei beni sulla base di altre fonti di reddito, tassate alla fonte o non tassabili. Tuttavia, è noto che questi indici, cui viene ricondotta una presunzione legale relativa, attualmente sono del tutto approssimativi con la conseguenza che, a questi fini, un immobile posseduto al centro di Roma è equivalente a un immobile di analoghe dimensioni posseduto in un paesino dell entroterra laziale.come sostiene la sentenza, il giudice non può sindacare tali circostanze: vi è solo da sperare che il nuovo redditometro sia decisamente più preciso e corretto circa la

15 capacità contributiva di tali indici, altrimenti sarà dura poter fornire le prove che l amministrazione richiede in questi casi

16 - 16 -

17 pagamento del tributo, particolare - michelangelo

18 - 18 -

19

20

L ACCERTAMENTO SINTETICO. di Gianfranco Ferranti

L ACCERTAMENTO SINTETICO. di Gianfranco Ferranti L ACCERTAMENTO SINTETICO di Gianfranco Ferranti 1. PREMESSA L art. 38, commi quarto e seguenti, del DPR n. 600 del 1973 consente di rettificare le dichiarazioni presentate dai contribuenti persone fisiche

Dettagli

L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio e nuovo strumento. di Carlo Nocera

L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio e nuovo strumento. di Carlo Nocera L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio e nuovo strumento di Carlo Nocera IL CONFRONTO ACCERTAMENTO SINTETICO RILEVANZA VECCHIO STRUMENTO RILEVANZA NUOVO STRUMENTO DISPONIBILITA E POSSESSO BENI

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

L ACCERTAMENTO SINTETICO REDDITOMETRICO

L ACCERTAMENTO SINTETICO REDDITOMETRICO MAURO NICOLA PREDIDENTE ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI NOVARA REVISORE LEGALE MEMBRO DELLA COMM. II. DD. DEL CNDCEC L ACCERTAMENTO SINTETICO REDDITOMETRICO IL NUOVO REDDITOMETRO

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico?

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? Accertamento sintetico Art. 38, dpr 29/9/73, n. 600; artt. 2727 e 2729 cc; artt. 4 e 5, D.Lgs. 10/3/00, n. 74 Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? di Alessandro Traversi* L'accertamento

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto Guida al Reclamo Indice Premessa 1 La fase del reclamo 3 Il ricorso all Arbitro Bancario Finanziario (ABF) 3 L Associazione Conciliatore BancarioFinanziario 7 L Ombudsman - Giurì bancario 7 La Mediazione

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali?

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? 1 R. Per gli enti non commerciali non sussiste, ai fini civilistici, relativamente

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015 CIRCOLARE N. 30/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 agosto 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE L'INSERTO 2 Analisi della rilevanza ai fini IRAP delle voci del Conto Economico A cura

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli