Le indagini finanziarie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le indagini finanziarie"

Transcript

1 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL NUOVO REDDITOMETRO E LE INDAGINI FINANZIARIE Le indagini finanziarie Massimiliano Sironi 19 Dicembre 2013 Cernusco sul Naviglio (Mi)

2 La finalità delle indagini finanziarie Finalità (Circ. Ag. Entrate n. 32/E del 19/10/2006) Attività istruttoria nell ambito dei processi di accertamento Rafforzamento poteri conoscitivi Agenzia Entrate (ampliamento ambiti soggettivo ed oggettivo) Strumento di indagine (indagini bancarie indagini finanziarie) Informazioni per il controllo e l accertamento ( abbinamento ) Rispetto del diritto di difesa garantito costituzionalmente dall art. 24 Cost. (Ordinanza Corte Cost. n.260 6/7/2000) (riserbo bancario e reale capacità contributiva; cfr. Corte Cost. sent. n.51 del 18/02/1992) 2

3 Riferimenti normativi essenziali Norma Argomento L. n. 311/2004 (art. 1 co ) Modifica e riordino i.f. Art. 37 co. 5 D.L. n.223/2006 Trasmissione informazioni fin. Art. 7 co.6 D.P.R. n.605/1973 Archivio dei rapporti finanziari II.DD.: Art. 32 co.1 p.to 7 D.P.R. n.600/1973 i.f. ai fini II.DD. Art. 32 co.1 p.to 2 D.P.R. n.600/1973 Contradditorio preventivo i.f. Art. 32 co. 2 D.P.R. n. 600/1973 Termini di risposta i.f. Art. 32 co.3 D.P.R. n.600/1973 Modalità operative i.f. Art. 37 co. 3 D.P.R. n. 600/1973 Interposizione soggettiva fittizia I.V.A. Art. 51 co. 2 p.to 7 D.P.R. n.633/1972 i.f. ai fini I.V.A. Art. 51 co. 2 p.to 2 D.P.R. n.633/1972 Contradditorio preventivo i.f. Art. 51 co. 3 D.P.R. n.633/1972 Termini di risposta i.f. Art. 51 co. 4 D.P.R. n.633/1972 Modalità operative i.f. REGISTRO - IPOT. - CATAST. Art.53-bis D.P.R. n.131/1986 i.f. - altre imposte indirette 3

4 Premessa aspetti fiscali dei controlli bancari Inadeguatezza della definizione controlli bancari Ambito Soggettivo (destinatari e soggetti sottoposti a controllo); Oggettivo (operazioni potenzialmente monitorate); Impositivo (II.DD., IRAP, IVA, Registro, Ipotecarie e catastali); Territoriale (domestico e internazionale). Evoluzione Normativa; Giurisprudenziale (no orientamento unitario). Cfr. anche circ. Ag. Entrate n. 32/E del 19/10/2006 4

5 Ambito soggettivo Destinatari richiesta I destinatari delle richieste degli organi procedenti: Banche Poste Italiane s.p.a. Altri intermediari finanziari Soggetti ex art. 106 co. 1 T.U.B. (per es. soggetti che concedono finanziamenti, società di leasing e simili) Soggetti ex art. 107 T.U.B. Soggetti che svolgono attività finanziaria non nei confronti del pubblico (holding di partecipazione) (*) Consorzi e Confidi e simili (art. 155 co. 4 T.U.B.) Soggetti che esercitano attività di cambiavalute (art. 155 co. 5 T.U.B.) Casse peota (art. 155 co.6 T.U.B.) Agenti in attività finanziaria Operatori professionali in oro (artt. 1 e 2 L. n.7/2000) Istituti di moneta elettronica (IMEL cfr. art.114-bis T.U.B.) Imprese di investimento (solitamente S.I.M.) Organismi di investimento collettivo del risparmio (O.I.C.R. cfr. art. 1 lett. m-t.u.f.) Società di gestione del risparmio (S.G.R. cfr. art. 1 T.U.F.) Società fiduciarie Società ed enti di assicurazione per le attività finanziarie (cfr. D.L. n.98/2011) Strutture accentrate (cfr. anche C.M. 116/E del 1996 e Circ. Ag. Entrate n.32/e 2006) (*) Le holding che si sono cancellate dall albo ex 113 T.U.B. (cfr. D.M. n.29/2009 Ministero Economia), sono da considerarsi escluse dall ambito soggettivo qui esaminato 5

6 Ambito soggettivo Destinatari richiesta (segue) Società fiduciarie: Allineamento di queste società agli altri intermediari finanziari (tramite modifica co.5 e 7 art. 32 D.P.R. n.600/1973) Due tipologie di richiesta Tipologia richiesta Elemento noto Elemento ignoto Per tutti gli intermediari (comprese fiduciarie) Persona sottoposta ad accertamento Operazioni da questa posta in essere Solo fiduciarie (cfr. art.32 co. 7 D.P.R. n.600/73) Oggetto di intestazione fiduciaria: - inequivocabilmente individuato - periodo temporale Identità del soggetto 6

7 Società ed enti di assicurazioni Art. 23 co. 24 D.L. n.98/2011 (cfr. circ. Ag. Entrate n. 41/E 2011): - Contratti di assicurazione sulla vita attraverso piani finanziari pluriennali di investimento e forme pensionistiche complementari individuali - informazioni relative alle polizze vita index-linked e alle polizze unit-linked - informazioni su acquisizione delle garanzie prestate dagli intermediari finanziari nell interesse dei clienti 7

8 Ambito soggettivo soggetti legittimati a richiesta Soggetti legittimati a richiesta a) uffici centrali Direzione centrale accertamento Agenzia Entrate b) uffici locali Agenzia Entrate c) Guardia di Finanza d) Commissioni tributarie provinciali e regionali Inoltro richiesta autorizzazione i.f. Soggetti con potere autorizzatorio 1) Direttore centrale per l'accertamento e la programmazione 2) Direttore regionale delle 3) Comandanti regionali della Guardia di Finanza 8

9 Ambito soggettivo soggetti effettivi destinatari i.f. Effettivi destinatari dell attività di indagine: Persone fisiche e giuridiche (privati, imprenditori, lavoratori autonomi) Soggetti residenti esteri (in attuazione di direttive comunitarie e di convenzioni contro le doppie imposizioni) Soggetti fittiziamente interposti (cfr. art. 37 co. 3 D.P.R. n.600/1973) In generale: ogni soggetto, titolare o meno di situazioni giuridiche che costituiscono il presupposto del tributo, anche come destinatario unitario soltanto di accertamento e non anche di imputazione del reddito (Circ. Ag. Entrate n.32/e 2006) 9

10 Un caso particolare le attività finanziarie segretate Imposta di bollo speciale sulle attività finanziarie segretate (cfr. art. 19 co D.L. n. 201/2011) - attività finanziarie oggetto di rimpatrio fisico - attività finanziarie oggetto di rimpatrio giuridico Scelta di lasciare le attività segretate o meno. Quando si perde la segretazione: - prelievo somme da conti segretati (segnalata nel quadro SO mod. 770 Ordinario dell intermediario) - accreditamento di somme diverse da quelle segretate - esibizione della dichiarazione riservata agli organi competenti Circolare n.18/e del 4/4/2007 ARF: - comunico l esistenza dell attività (senza indicarne la segretezza ), ma non il contenuto - valevole per le edizioni dello scudo ante vale per scudo-ter e quater? (la circ. 43/E 2009 non richiama la n.18/e del 2007) Art. 11 co. 2 5 D.L. n. 201/2011: - tale strada non sembra più percorribile: comunicazione ARF di tutte le movimentazioni dei rapporti finanziari, con relativo importo e informazioni di dettaglio ( segue) 10

11 Un caso particolare le attività finanziarie segretate / segue Istruzioni Ag. Entrate 9 Agosto 2013 (comunicazione annuale ARF provv. 25/3/2013) Sono da comprendersi anche i c.d. conti scudati [ ] ciò in quanto il regime di riservatezza che contraddistingue tali rapporti non rileva ai fini della comunicazione prevista dall art. 7, comma 6, del DPR 605/73, ma può essere eventualmente opposto all Amministrazione finanziaria all atto della richiesta di informazioni specifiche circa i contenuti del rapporto Elaborazione di liste selettive senza incidere sul principio di riservatezza Gestione dei dati relativi ai conti scudati con algoritmo e senza alcun intervento umano Motivo di innesco per indagini finanziarie? 11

12 Ambito oggettivo [ ] richiedere, dati, notizie e documenti relativi a qualsiasi rapporto intrattenuto od operazione effettuata, ivi compresi i servizi prestati, con i loro clienti, nonché alle garanzie prestate da terzi (art. 32 D.P.R. n.600/1973 e art. 51 D.P.R. n.633/1972). Attenzione: superamento della previgente nozione di copia dei conti trattenuti. 12

13 Ambito oggettivo - segue Definizioni (Circ. Ag.Entrate n.32/e del 2006) Rapporti tutte le attività aventi carattere continuativo [ ] esercitabili dagli intermediari finanziari, ovvero [i] servizi offerti continuativamente al cliente, instaurando con quest ultimo un <complesso scambio> all interno di una forma contrattuale specifica e durevole nel tempo. Operazioni e singoli servizi si caratterizzano per l assenza del complesso scambio. Operazioni extra-conto c.d. operazioni allo sportello (tipicamente contro presentazione di contante o assegni, senza transito su rapporti di conto). N.b.: Ante 1/1/05 solo quelle rilevate ai fini antiriciclaggio. 13

14 Ambito oggettivo - segue Esclusioni: pagamento pensioni; pagamento utenze; pagamento imposte, tasse e canoni radiotelevisivi; pagamento contributi assicurativi e previdenziali; pagamento ticket sanitari (C); pagamento canoni cimiteriali per lampade votive (C); pagamento relativo a titoli di trasporti pubblici e privati (C); pagamento e/o prenotazione biglietti (C); pagamenti/incassi effettuati nell ambito del servizio di tesoreria svolto per conto dello Stato o di enti pubblici non economici (C); pagamento per leasing operativo; operazioni eseguite da: addetti alla custodia e trasporto di valori; pubblici ufficiali; coadiutori di giustizia. Motivazione alla base delle esclusioni: 1. Operazioni già segnalate (in termini di contenuto informativo); 2. Operazioni di scarsa rilevanza ai fini delle i.f.; 3. Operazioni aventi natura non finanziaria; 4. Operazioni eseguite nell ambito di pubbliche funzioni. 14

15 Iter procedurale Soggetti autorizzatori Richiesta autorizzaz. Soggetti legittimati Concess/d iniego autorizzaz. Richiesta telematica (tramite PEC) agli intermediari finanziari da archivio rapporti finanziari Soggetti destinatari della richiesta: 1. Compilano file XML secondo specifiche tecniche 2. Inviano con PEC al soggetto legittimato Destinatario effettivo indagine finanziaria: 1. viene avvisato tempestivamente da intermediario; 2. gli viene fornita copia della documentazione consegnata 15

16 Iter procedurale - segue Alcune precisazioni: Richiesta di autorizzazione Atto endoprocedimentale non conoscibile dalla parte se non in fase contenziosa dopo aver ricevuto accertamento; Non viene allegato per ragioni di riservatezza all intermediario finanziario (tutela della riservatezza in fase istruttoria); Richiesta acquisizione dati Esclusivamente in via telematica; Atto ricettizio necessità di notifica formale (tramite PEC) L intermediario aderisce alla richiesta in adempimento di una prestazione imposta Informativa degli intermediari al contribuente L intermediario deve dare notizia immediata al soggetto interessato Tale notizia deve essere fornita con mezzo idoneo a garantire certezza e tempestività di comunicazione L inadempimento da parte dell intermediario non comporta vizio di legittimità dell atto Risposta a richiesta acquisizione dati L intermediario deve adempiere entro un termine minimo di almeno 30 gg., prorogabile a richiesta dell intermediario medesimo, di altri 20 gg. (art. 32.co.2 D.P.R. n.600/1973) Risposta con canale telematico (PEC) tramite formato XML Compilazione tramite tabella operazioni rapporti collegamenti come da provvedimento Direttore Agenzia Entrate Intermediario consegna copia della documentazione al contribuente 16

17 Autorizzazione e diritto alla difesa Diritto alla difesa (art. 24 Cost.) il contribuente [è] tempestivamente informato delle richieste di acquisizione delle copie dei conti, [ ] potendo egli esercitare pienamente, già in sede amministrativa [rich. presunzioni fase pre-contenziosa] e quindi in sede giurisdizionale [rich. contenzioso] il suo diritto a fornire documenti, dati, notizie e chiarimenti idonei a dimostrare che le risultanze dei conti non sono in contrasto con le dichiarazioni presentate o che esse riguardano operazioni imponibili (Ordinanza Corte Cost. n.260 del 6 luglio 2000) 17

18 Autorizzazione e diritto alla difesa/segue Sulla non impugnabilità autonoma dell autorizzazione: Consiglio di Stato Sez. IV n.264 del 19 aprile 1995 può essere sindacato nella fase contenziosa relativa all atto conclusivo che contiene la pretesa tributaria Infatti (cfr. Consiglio di Stato dec. n. 982 del 5 dicembre 1995) l acquisizione di dati e notizie nel corso di una verifica fiscale non modifica la posizione giuridica del contribuente verso il Fisco Art. 19 D.lgs. n.546/1992 atti impugnabili tassatività? (Cass. sent. n.6420 del 1 aprile 2004) L assenza di autorizzazione o i vizi della stessa pongono problematiche di immediata lesione normativa privacy* a cui è garantita tutela differita * (Cfr. A.Iorio S.Sereni L impugnabilità degli atti endoprocedimentali innanzi al giudice tributario in Il fisco fasc.1 n.42/2009) 18

19 Autorizzazione e diritto alla difesa/segue CTR Marche sez. VI sent. n. 111 del 7/5/2009 l avviso di accertamento fondato sulle presunzioni derivanti dalle movimentazioni bancarie è legittimo anche qualora la verifica sia stata eseguita in assenza dell autorizzazione Argomentazione utilizzata: in materia tributaria non vige il principio di inutilizzabilità delle prove irritualmente acquisite (cfr. Cass. n del 2009) Aspetti critici: Diritto alla difesa Presupposto dell avviso di accertamento (centralità della motivazione ex art. 42 D.P.R. n. 600/1973 e art. 7 L. n.212/2000) Funzione dell autorizzazione preventiva (cfr. anche Circ. Ag. Entrate n. 32/E del 1996). 19

20 Autorizzazione e diritto alla difesa/segue Cass. sent. n del 21/7/2009; un avviso di accertamento è illegittimo quando: Manca materialmente l autorizzazione a fare i.f. Tale mancanza abbia prodotto un concreto pregiudizio per il contribuente (cfr. anche Cass. n.18836/2006 e n.14023/2007). Non è richiesta l esibizione dell autorizzazione al contribuente sottoposto a controllo (cfr. ord. n del 4 maggio 2010) per la legittimità dello stesso: il controllo di legittimità è demandato ai soggetti autorizzatori. 20

21 Autorizzazione e diritto alla difesa/segue Come ottenere copia della richiesta di autorizzazione: L. n.241/1990 Accesso agli atti amministrativi (applicabile anche in ambito tributario, nonostante le limitazioni di cui all art. 24 cfr. in proposito il comma settimo) Art. 25: Il diritto di accesso si esercita mediante esame ed estrazione di copia dei documenti amministrativi, nei modi e con i limiti indicati dalla presente legge. L' esame dei documenti è gratuito. Il rilascio di copia è subordinato soltanto al rimborso del costo di riproduzione, salve le disposizioni vigenti in materia di bollo, nonché i diritti di ricerca e di visura. La richiesta di accesso ai documenti deve essere motivata. Essa deve essere rivolta all' amministrazione che ha formato il documento o che lo detiene stabilmente. 21

22 Valore delle informazioni raccolte Presunzione legale relativa (juris tantum) Esonera AF dal dimostrare la sussistenza dei requisiti di gravità, precisione e concordanza di cui all art c.c. Inversione onere della prova Validità della presunzione a prescindere dal carattere procedurale (cfr. Cass. n del 30/11/2009) criticità e apparente contraddizione Funzionamento della presunzione: Elemento noto Elemento ignoto Es.: prelievo con A/B risultanze contabili Elemento ignoto Elemento ignoto Es.: conto intestato formalmente ad altro soggetto 22

23 Funzionamento delle presunzioni legali relative/difesa Cass., Ord. N dep. il 26/11/2009 Al fine di evitare l operatività della presunzione, il contribuente non deve limitarsi a prospettare una spiegazione logica alternativa, essendo invece necessario che tale spiegazione logica alternativa del fatto appaia come l unica possibile (cfr.anche Cass. n del 12/02/2008). 23

24 Presunzioni nelle i.f. - come operano II.DD. (art. 32 D.P.R. n.600/1973)-versamenti: I dati e gli elementi risultanti dalle i.f. sono posti a base delle rettifiche e degli accertamenti previsti dagli artt. 38, 39, 40 e 41 se il contribuente non dimostra che ne ha tenuto conto per la determinazione del reddito soggetto ad imposta o che non hanno rilevanza allo stesso fine Circ. Ag. Entrate n.32/e del 1996: L espressione posto a base legittima dal punto di vista probatorio l accertamento L operatività di tale presunzione si estende quantomeno per i versamenti alla generalità dei soggetti passivi e alle diverse categorie reddituali 24

25 Presunzioni nelle i.f. - come operano/segue II.DD. (art. 32 D.P.R. n.600/1973)-prelievi: Se il contribuente non ne ha tenuto conto nella dichiarazione dei redditi o non hanno rilevanza fiscale I prelevamenti e gli importi riscossi non risultanti da scritture contabili (n.b.: diverso ambito applicativo) Sono considerati ricavi o compensi A meno che il contribuente non ne indichi il beneficiario In mancanza di registrazione contabile, indicare le generalità del beneficiario CTP Bologna n.158 del 2007 criticità e rischio di svuotamento dell inversione dell onere della prova 25

26 Presunzioni nelle i.f. - come operano/segue Attenzione: se il beneficiario viene indicato, ma il costo non è transitato in contabilità Applico gli ordinari criteri di accertamento (non scatta la presunzione di cui sopra) 26

27 Presunzioni nelle i.f. - come operano/segue IVA (art. 51 D.P.R. n. 633/1972): I dati e gli elementi risultanti dalle i.f. sono posti a base delle rettifiche e degli accertamenti previsti dagli artt. 54 e 55 se il contribuente non dimostra che ne ha tenuto conto nelle dichiarazioni o che non si riferiscono ad operazioni imponibili 27

28 Presunzioni nelle i.f. - come operano/segue IVA: Versamenti non giustificati Prelevamenti cessioni/prestazioni non contabilizzate acquisti "in nero" Si utilizza l'aliquota IVA della singola operazione e se la stessa non è determinabilesi adotta quella prevalentemente applicata 28

29 Presunzioni nelle i.f. - come operano/segue Lavoratore autonomo: Equiparazione con imprese ai fini i.f. La presunzione non risulta lesiva di alcun principio e non è fonte di discriminazione atteso che è suscettibile di prova contraria (Corte Cost. n.225 8/6/2005) Norma procedimentale e quindi retroattiva rispetto alla entrata in vigore (1/1/2005) (cfr. Circ. n.28/e del 4/8/2006) Non rilevano (elementi qualitativi, lasciati alla discrezione degli uffici) Spese esigue Spese occasionali Coerenti con il tenore di vita del lavoratore autonomo (connessione con il redditometro?) [vd. lucidi successivi] 29

30 Criticità per imprenditori individuali/lavoratori autonomi Caso: a.prestito di somme a parente (per es.: figlio) con A/B; b. restituzione somme da parente c. rischio di duplice conteggio somme sulla base del funzionamento presunzioni In generale: soggetti che non tengono distitinti c/c personali da quelli dell attività (C.T. reg. Roma n.27/29/ /6/2013 rinvio a Corte Cost.) 30

31 II.DD. Costi occulti Costi occulti = deducibilità dei costi e delle spese correlabili a ricavi/compensi non dichiarati e risultanti da i.f. 31

32 II.DD. Costi occulti/segue Tipologia accertamento Note Redditi di impresa su base scritture contabili deducibilità del costo solo se risulta da elementi certi e precisi art. 109 co. 4 T.U.I.R.) Accertamento: -analitico (art. 39 co.1 lett. a, b, c D.P.R.600/73) -analitico - induttivo (art. 39 co.1 lett. d D.P.R. 600/73) NESSUNA POSSIBILITA' DI RICONOSCIMENTO COSTI (Cass. n del 4/5/2005 e n del 28/09/2005) E' il contribuente che deve provare le proprie ragioni 32

33 II.DD. Costi occulti/segue Attenzione (cfr. Circ. Ag. Entrate n.32/e): Nei casi lucido precedente, qualora si fornisca in via extracontabile documentazione probante circa il sostenimento del costo Lo stesso, benché non annotato deve essere riconosciuto dagli organi procedenti Sulla base dei generali criteri di accertamento analitico e analitico-induttivo 33

34 II.DD. Costi occulti/segue Accertamento: -induttivo (art. 39 co.2 D.P.R.600/73) Determinazione del reddito di impresa "sulla base dei dati e delle notizie comunque raccolti " - Riconoscimento di % costi su ricavi NO IVA - Cass. n.7973/

35 i.f. e imposta di registro Art. 53 bis D.P.R. n.131/1986 Modificato dal D.L. n.223/2006 (conv. con modifiche dalla L. n.248/2006) Entrata in vigore 12/08/2006 Norma a carattere procedimentale (cfr. Circ. Ag. Entrate n. 6/E del 6/2/2007) per cui retroattiva Estensione all ambito delle i.f. a Imposta di registro Imposta ipotecaria Imposta catastale 35

36 Contradditorio preventivo L Ufficio ha la facoltà di invitare il destinatario di i.f. allo scopo di fornire dati, informazioni e notizie: l invito deve essere motivato passaggio opportuno e prodromico all atto di accertamento, ma non obbligatorio (al contrario di studi di settore e redditometro) il mancato invito non inficia la validità della verifica il resoconto del contradditorio è riportato in apposito verbale (con rilascio copia alla parte) 36

37 Documenti a valenza giustificativa - prassi Secondo Ag. Entrate (Circ. 32/E) hanno valenza giustificativa: atti e documenti che provengono dalla P.A. atti e documenti che provengono da soggetti aventi fede pubblica (per es.: notai) atti e documenti che provengono da soggetti terzi in qualità di parte di rapporti contrattuali di diversa natura (per es.: mutui, risarcimenti, prestiti) 37

38 Documenti a valenza giustificativa - giurisprudenza Giurisprudenza Dimostrazione che le movimentazioni bancarie in entrata di un lavoratore dipendente sono reddito di lavoro autonomo spetta preliminarmente all Ufficio tale dimostrazione (Cass. n dell 11/11/2009). Le dichiarazioni sostitutive di atti notori (e le autocertificazioni) hanno validità solo in alcune procedure amministrative, ma non hanno efficacia specifica nel processo tributario (Cass. n.6755 del 19/03/2010) Dichiarazioni rese da terzi in via extra-processuale: valore indiziario? 38

39 Documenti a valenza giustificativa - giurisprudenza Cass. n e n del 18/9/2013: Non basta la generica prova delle causali delle somme accreditate sui c/c [ ] è necessario che il contribuente fornisca la prova analitica della riferibilità di ogni singola movimentazione del conto (n ) Ammissibilità nella produzione di dichiarazioni di terzi valore probatorio di elementi indiziari (n.21305) 39

40 Documenti a valenza giustificativa - giurisprudenza Prova del contribuente [ ] attraverso presunzioni semplici, da sottoporre comunque ad attenta verifica da parte del giudice, il quale è tenuto ad individuare analiticamente i fatti noti dai quali dedurre quelli ignoti, correlando ogni indizio (purché grave, preciso e concordante) ai movimenti bancari contestati, il cui significato deve essere apprezzato nei tempi, nell ammontare e nel contesto complessivo, senza ricorrere ad affermazioni apodittiche, generiche, sommarie o cumulative (Cass. n /2013; cfr. anche Cass. n /2011) In senso opposto no presunzioni (Cass. n /2007; Cass. n /2010; Cass. n /2012) 40

41 Conti formalmente intestati a terzi La fattispecie: Conti formalmente intestati a terzi (intestazione soggettiva fittizia) Distorsione nell utilizzo dello strumento negoziale Finalizzato alla realizzazione di un illecito risparmio di imposta N.b.: sono esclusi da quest ambito i conti intestati a soggetti diversi dal controllato in virtù di deleghe espresse 41

42 Conti formalmente intestati a terzi/segue In tali casi, le i.f. sono anche estendibili a tali rapporti (cfr. per tutti, Cass. n.2738/2001); tuttavia l organo procedente è qui tenuto a provare che i movimenti dei conti bancari siano solo formalmente intestati ad un soggetto terzo (cfr. anche Cass. n del 14/11/2003) Non vi è alcun automatismo per l estensione (altrimenti avremmo una doppia presunzione, censurata dal nostro ordinamento) Quindi è necessario ripercorrere tutto l iter procedurale (ivi compresa l autorizzazione) 42

43 Conti formalmente intestati a terzi/segue A livello generale dunque: E' necessario provare l'interposizione fittizia ex art. 37 co. 3 D.P.R. n. 600/1973 Effettuazione indagini finanziarie su soggetti terzi intestatari Elemento noto Elemento ignoto 43

44 Conti formalmente intestati a terzi/segue L Ufficio: Deve acquisire preliminarmente la prova effettiva dell interposizione Anche per il tramite di elementi presuntivi che però siano Gravi Precisi Concordanti 44

45 Conti formalmente intestati a terzi/segue Giurisprudenza C/c formalmente intestato ad altri ma delega ad operare sì automatismo (Cass., sez. trib. 30/3/2007 n.7957; in senso critico A. Lovisolo in Rivista di giurisprudenza tributaria n.9/2007) Società a ristretta compagine sociale e c/c dei soci sì automatismo (Cass.,sez. trib.21/3/2007 n.6743; in senso critico A. Lovisolo, op.cit.) [rich. lucidi successivi] C/c intestato al coniuge del contribuente legittimità accertamenti bancari (Cass., sez. trib. 17/6/2002 n.8683 Cass. n /2007; Cass. n. 1452/2009; Cass. n /2012) 45

46 Conti formalmente intestati a terzi/segue Giurisprudenza: Conti e libretti intestati a soggetti formalmente diversi; presenza di imponente quadro indiziario è provata l interposizione (Cass. n dep. il 9/10/2009) Conto della suocera su cui opera un socio amministratore riconducibilità del conto ai soci sulla base del legame di parentela e sulla possibilità di operare direttamente (Cass. n del 13/09/2010). 46

47 Società a ristretta compagine societaria Orientamento della Cassazione: Nel caso di società a ristretta base azionaria (o familiare) si ritiene sufficiente la presenza di componenti positivi non dichiarati dalla società per legittimare la presunzione di utili extra-contabili attribuiti ai soci/familiari (si tratta di una presunzione legale relativa). 47

48 Tuttavia Società a ristretta compagine societaria/segue La Cassazione ritiene (es.: Cass. sent. n.5488 del 6/3/2009) che tale elemento non rientri tra le presunzioni, poiché il fatto noto da cui partire è la semplice esistenza di una ristretta compagine societaria, magari aggravata da ulteriori connotazioni: Tutti i soci appartengono alla stessa famiglia; Tutti i soci partecipano alla gestione. 48

49 Società a ristretta compagine societaria/segue Da tale impostazione discende la legittimità di operare tramite i.f. sui conti correnti dei soci, evitando di incappare nella c.d. doppia presunzione. La Cass. (sent. n del 10/6/2009) da un lato estende tale meccanismo anche al caso in cui un socio sia società di capitali (a sua volta a ristretta base azionaria) Con altra pronuncia (Cass. sent. n del 17/6/2009) scardina il meccanismo presuntivo delineato: la ristretta compagine societaria non giustifica alcun automatismo. 49

50 Società a ristretta compagine societaria/segue I.f. sui conti della società e sui conti dei soci (Cass. sent. n del 4/12/2009): La regolare tenuta della contabilità La dimostrazione che i flussi di pagamento sono regolari in capo alla società Impediscono di presumere che i movimenti bancari sui conti dei soci siano utili extracontabili o comunque non possono essere ricavi attribuiti all impresa. 50

51 Società a ristretta compagine societaria/segue In una s.r.l.: Padre, figlio e amministratore non ritirano utili e compensi già deliberati In sede di verifica l Ufficio presume che tali somme (dividendi ed emolumento) costituiscano un finanziamento alla società Imputando ai soci il reddito di capitale derivato dal computo di quanto finanziato al tasso legale Cass. sent. n del 29/04/2009 legittima tale impostazione a prescindere da i.f. 51

52 Conto cointestato In caso di conto cointestato: L ufficio non ha l onere di provare la riferibilità del conto al soggetto destinatario di i.f. L inversione dell onere della prova permane in capo al contribuente La banca è tenuta a fornire tutte le informazioni richieste anche su tali conti (C.M. 116 del 1995 e Circ. Ag. Entrate n.32/e 2006) 52

53 I.f. e divorzio C.T.R. Firenze n. 27/31/13 del 13/3/2013 Le indagini finanziarie svolte nell ambito della procedura di divorzio Possono anche essere utilizzate a fini tributari Eccezione di illegittima attività della GdF per mancanza di autorizzazione (autorizzazione concessa al giudice civile) - insussistente 53

54 Importanza dell ARF (*) quale banca dati Punto elenco secondo livello (*) dati tratti dall audizione del dr. Befera alla Commissione Parlamentare di vigilanza sull Anagrafe Tributaria del 27/1/

55 Importanza dell ARF (*) quale strumento di accertamento Gli accertamenti assistiti dalle indagini finanziarie risultano in costante crescita (oltre ) e hanno fatto registrare ottime performance (maggiori imposte accertate complessivamente superiori a 1 miliardo di euro). L attività sarà diretta, nel corso del 2012, a incrementarne ulteriormente la qualità e la capacità dissuasiva, attraverso la selezione mirata dei soggetti da sottoporre a controllo sulla base dell analisi del rischio effettuata per ciascuna macro-tipologia di contribuenti. Tale obiettivo potrà essere conseguito anche grazie alle recenti previsioni normative. In particolare, mi riferisco: all accertamento sintetico - nuovo redditometro; al c.d. spesometro ; alle nuove funzionalità dell Archivio dei rapporti finanziari; al tutoraggio dei Grandi contribuenti. (*) dichiarazione del dr. Befera alla Commissione Finanze Camera dei Deputati del 31/1/

56 Nuove funzionalità dell ARF (*) quale strumento di accertamento [ ] le predette informazioni, una volta comunicate dagli operatori finanziari, saranno utilizzate solo a livello centrale e all esclusivo fine di individuare posizioni a più alto rischio di evasione da segnalare alle strutture operative per i necessari controlli. Nessun ufficio dell Agenzia avrà dunque la possibilità di accedere alle informazioni medesime. Solo qualora sia attivato un controllo, l ufficio potrà ottenere informazioni di dettaglio sul contenuto dei rapporti finanziari seguendo le ordinarie procedure, vigenti ormai da molti anni, mediante specifica richiesta telematica agli intermediari finanziari. (*) dichiarazione del dr. Befera alla Commissione Finanze Camera dei Deputati del 31/1/

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

L ACCERTAMENTO SINTETICO. di Gianfranco Ferranti

L ACCERTAMENTO SINTETICO. di Gianfranco Ferranti L ACCERTAMENTO SINTETICO di Gianfranco Ferranti 1. PREMESSA L art. 38, commi quarto e seguenti, del DPR n. 600 del 1973 consente di rettificare le dichiarazioni presentate dai contribuenti persone fisiche

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Il valore normale degli immobili come criterio per l accertamento dei tributi

Il valore normale degli immobili come criterio per l accertamento dei tributi Il valore normale degli immobili come criterio per l accertamento dei tributi dott. Christian Attardi Agenzia delle Entrate Ufficio di Modena Parte 1 Il valore normale come criterio d accertamento nelle

Dettagli

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 16 luglio 2015

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 16 luglio 2015 CIRCOLARE N. 27/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 16 luglio 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio e nuovo strumento. di Carlo Nocera

L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio e nuovo strumento. di Carlo Nocera L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio e nuovo strumento di Carlo Nocera IL CONFRONTO ACCERTAMENTO SINTETICO RILEVANZA VECCHIO STRUMENTO RILEVANZA NUOVO STRUMENTO DISPONIBILITA E POSSESSO BENI

Dettagli

CIRCOLARE N. 10/E. Roma, 13 marzo 2015

CIRCOLARE N. 10/E. Roma, 13 marzo 2015 CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 13 marzo 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Risposte alle domande più frequenti (FAQ)

Risposte alle domande più frequenti (FAQ) COMUNICAZIONE DEI DATI DEI BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE E DEI FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL IMPRESA

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI Ufficio di Piano dei Servizi e degli Interventi Sociali dei Comuni appartenenti al Distretto di Menaggio REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli