Punto cruciale: le zoppie. Tipologie di pavimento. Analisi economica. 38/2009 supplemento a L Informatore Agrario STRUTTURE STALLE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Punto cruciale: le zoppie. Tipologie di pavimento. Analisi economica. 38/2009 supplemento a L Informatore Agrario STRUTTURE STALLE"

Transcript

1 Quanto costa il pavimento giusto Per valutare il costo di un pavimento, oltre all investimento iniziale, vengono calcolate le lesioni podali e le conseguenti perdite di ricavo per manodopera e minori performance produttive. Il passaggio al calcestruzzo dal pavimento pieno deformabile in può comportare un vantaggio economico superiore a euro/anno per una mandria di 100 vacche di Paolo Rossi, Alessandro Gastaldo Le malattie podali rappresentano un grave problema nell allevamento bovino da latte, specialmente in quello a regime stallino, particolarmente diffuso nel Nord Italia. Tali malattie sono un rilevante problema di benessere animale: animali sofferenti e con difficoltà di deambulazione si trovano a un livello di benessere molto basso. Oggi la medicina veterinaria è abbastanza concorde nel considerare le malattie podali come il risultato di alcuni fattori sfavorevoli, fra i quali grande rilevanza assumono, oltre alle problematiche alimentari (acidosi ruminale) e gestionali (scarsa cura dei piedi), quelle ambientali (pavimenti duri, scivolosi, abrasivi, superfici di stabulazione bagnate e sporche di deiezioni). Analisi economica no considerare e per le influenze reciproche non sempre chiare fra questi stessi parametri, che a volte non rendono confrontabili i dati raccolti e le stime eseguite. Di seguito vengono riportati i risultati di una dettagliata analisi economica comparativa sulle diverse tipologie di pavimenti delle corsie delle stalle per vacche Le interazioni fra tipologie di pavimenti delle stalle, sanità dei piedi delle vacche e costi di produzione rappresentano un problema complesso, per i numerosi parametri che si devoda latte, realizzata dal Crpa all interno di un progetto di sperimentazione biennale finanziato dall Assessorato agricoltura della Regione Emilia-Romagna, dal titolo «Confronto tecnico-economico di pavimentazioni di stalle per bovini: implicazioni produttive e igienico-sanitarie e possibili effetti sul benessere animale e sull ambiente». L analisi ha tenuto conto dei costi d investimento e di esercizio e delle risultanze tecnico-gestionali che sono derivate dalle indagini e dai rilievi sperimentali eseguiti in altre attività all interno del progetto. Tipologie di pavimento Le soluzioni messe a confronto sono state: pieno di calcestruzzo ; pieno di malta resinosa e granuli di PVC; 5 PAVIMENTI Punto cruciale: le zoppie econdo molti ricercatori e veterinari le zoppie sono oggi al terzo posto in ordine di importanza fra le malattie che provocano le maggiori perdite economiche del settore lattiero-caseario, dopo ipofertilità e mastiti. Bisogna poi considerare che in molti casi i problemi di ipofertilità e mastiti sono causati o peggiorati proprio dalla zoppia. In un allevamento di vacche da latte il danno economico conseguente alle problematiche podali può variare da circa 180 a circa 500 euro/anno per vacca, a seconda della tipologia di pavimento della stalla. La stima è stata fatta dal Crpa attraverso una dettagliata analisi economica comparativa su 5 diverse tipologie di pavimenti utilizzate per le corsie delle stalle per vacche da latte, nell ambito del progetto di sperimentazione «Confronto tecnicoeconomico di pavimentazioni di stalle per bovini: implicazioni produttive e igienicosanitarie e possibili effetti sul benessere animale e sull ambiente» finanziato dalla Regione Emilia-Romagna. L analisi ha tenuto conto dei costi d investimento e di esercizio e delle risultanze tecnico-gestionali che sono derivate dalle indagini e dai rilievi sperimentali eseguiti in altre attività all interno del progetto. 25

2 TRUTTURE TALLE in calcestruzzo : 46 euro/m 2 Pavimento fessurato in calcestruzzo: 137 euro/m 2 FIGURA 1 - Costi di costruzione pieno deformabile di ; fessurato di calcestruzzo; fessurato deformabile di. Costi considerati econdo autorevoli ricercatori (Guard, 2007) una corretta analisi economica dell incidenza delle problematiche podali deve considerare i seguenti aspetti: lavoro supplementare degli addetti di stalla, onorario del veterinario, costo dei farmaci e dei presidi sanitari, minore produzione di latte, scarto di latte per tempi di sospensione, ritardo del concepimento e riforma prematura delle vacche. Il modello economico messo a punto dal Crpa ha previsto l analisi e la stima dei costi relativi ai seguenti 6 aspetti: costo di ammortamento delle strutture edili relative alle soluzioni di stalla esaminate, limitatamente agli elementi strettamente connessi con le pavimentazioni. L ammortamento, ovviamente, deriva dal costo d investimento stimato (più probabile costo di costruzione) per ogni tipologia presa in esame, nell ipotesi di nuova costruzione (figura 1); costo per la manodopera aggiuntiva Pavimento fessurato in calcestruzzo + : 197 euro/m 2 in calcestruzzo + : 101 euro/m 2 in malta : 83 euro/m 2 necessaria per le operazioni di isolamento, contenimento e cura degli animali problema, valutato in modo proporzionale al numero delle lesioni riscontrate; costo per le cure veterinarie, valutato in modo proporzionale al numero e alla gravità delle lesioni riscontrate; costo dei farmaci utilizzati nella terapia prescritta dal veterinario e di eventuale materiale sanitario utilizzato (solette, bende e disinfettanti per unghioni); mancato ricavo derivante dalla minore produzione di latte delle vacche problema rispetto alla media delle vacche senza problemi podali; costo imputabile al peggioramento delle performance riproduttive delle vacche problema, con particolare riferimento all allungamento dell intervallo partoconcepimento e alla riforma prematura (aumento della quota di rimonta). Non è stato considerato il mancato reddito per il latte non ritirato derivante da animali in terapia antibiotica, perché nella maggioranza dei casi esaminati i Le perdite di latte stimate sono di 200 kg per ogni lesione podale rilevata trattamenti sono stati fatti con un prodotto antibiotico con tempo di sospensione uguale a zero. Le stime dei costi illustrate di seguito fanno riferimento a una mandria convenzionale di 100 vacche da latte allevata in stalla libera a cuccette. Manodopera aggiuntiva Il maggiore impiego di manodopera aziendale, derivante dalla necessità di isolare gli animali con problemi, di manipolarli e di trattarli nella fase post-diagnosi, è stato valutato in modo proporzionale al numero medio di lesioni riscontrate nelle diverse tipologie di stalle. Dai dati dei rilievi sperimentali si sono ottenuti i seguenti numeri medi di lesioni, riferiti alla mandria di 100 vacche: pavimento pieno di calcestruzzo = 59,9; pavimento pieno di malta resinosa e granuli di PVC = 107,7; pavimento pieno di calcestruzzo + = 41,3; pavimento fessurato di calcestruzzo = 169; pavimento fessurato di calcestruzzo + = 182,2. ui dati relativi alle pavimentazioni fessurate pesa il fatto che la stalla con forata ha una situazione di sovraffollamento piuttosto spinta, se confrontata con le altre stalle, e questo sicuramente peggiora il livello di sanità dei piedi delle bovine, anche solo per il maggior tempo trascorso in piedi dalle vacche; la presenza di un numero di vacche ben superiore al numero di cuccette della stalla, infatti, comporta il fatto che un certo numero di animali ha difficoltà a trovare un posto libero in zona di riposo. ulla base di rilievi diretti, di valutazioni fatte dai titolari delle aziende e della bibliografia disponibile, si è stimato un tempo aggiuntivo di lavoro per ogni lesioni pari a 0,7 ore; al costo della manodopera di 12 euro/ora, il maggior costo del lavoro causato da una lesione podale è pari a 8,40 euro. Nel grafico 1 vengono riassunti i costi aggiuntivi per la manodopera. Cure del veterinario Per il costo attribuibile alle cure veterinarie specifiche si è valutato sia il numero di lesioni, sia la percentuale di le /2009 supplemento a L Informatore Agrario

3 Costi manodopera aggiuntiva (euro) GRAFICO 1 - Costi per manodopera aggiuntiva riferiti a mandria tipo di 100 vacche da latte e suddivisi per tipo di pavimento La maggior manodopera, derivante dalla necessità di isolare gli animali con problemi, è stata valutata in base al numero medio di problemi podali: si è stimato un tempo aggiuntivo di lavoro di 0,7 euro/lesione, al costo di 12 euro/ora. sioni gravi sul totale delle lesioni; la durata dell intervento veterinario e la cura del piede, infatti, aumentano in presenza di lesioni gravi. Non essendoci differenze significative fra il numero di lesioni gravi nelle diverse tipologie si è adottata la medesima percentuale per tutti i casi esaminati, stimata nel 10%. Per quanto riguarda il costo per lesione, sulla base di quanto rilevato durante gli interventi veterinari e di quanto dichiarato dagli stessi veterinari podologi, si è stimato un prezzo di 20 euro/lesione (nell ipotesi di cura di più animali nella stessa uscita), con un sovrapprezzo di 10 euro/lesione grave. Nel grafico 2 vengono riassunti i costi per le cure del veterinario. Farmaci e materiale sanitario Nelle lesioni podali di grave entità viene spesso prescritta una terapia a base di antibiotici (ceftiofur cloridrato, ossitetraciclina) e vengono anche usati prodotti antinfiammatori. In talune lesioni di media o grave entità, inoltre, il veterinario applica una soletta all unghione sano di un piede malato, per evitare l appoggio a terra dell unghione colpito dalla lesione; altri prodotti che possono essere usati sono le bende per fasciature (foto 1). La valutazione del costo di questi trattamenti, in accordo con le indicazioni dei veterinari podologi, è stata fatta come maggiorazione del costo dell intervento veterinario, a compensazione del maggior lavoro e del costo dei prodotti utilizzati. i è stimato un costo di 70 euro per una lesione trattata con antibiotico e un ulteriore costo di 20 euro per una lesione che richiede l applicazione di una soletta. I trattamenti antibiotici relativi alla tesi pavimento fessurato di calcestruzzo sono risultati molto bassi se confrontati con quelli di tutte le altre tesi; non è facile fornire una motivazione a questo fatto, ma la cosa viene confermata in 2 stalle utilizzate per la raccolta dei rilievi sperimentali. Nel grafico 2 vengono riassunti i costi per i farmaci e per il materiale sanitario. Minor produzione di latte Uno degli effetti più evidenti delle patologie podali è il calo della produzione di latte, soprattutto come conseguenza della minore ingestione di alimenti da parte delle vacche malate e sofferenti. Per la valutazione delle entità delle perdite di latte, ovviamente, non si è potuto fare riferimento alle produzioni rilevate, perché queste sono la media delle produzioni di vacche malate e di vacche sane e sono riferite alle lattazioni complete; non è stato possibile, infatti, seguire le singole vacche malate, perché ciò avrebbe comportato costi molti alti, non proponibili in un progetto di questo tipo. In questo caso, quindi, si è fatto ricorso ai dati disponibili in bibliografia, applicandoli a una produzioni media per lattazione di 305 giorni di kg/vacca; il Bende e fasciature La soletta è applicata per lesioni gravi; il costo è di circa 90 euro + + Cure veterinarie Costi (euro) Farmaci e materiale sanitario GRAFICO 2 - Costi per farmaci e cure veterinarie (mandria tipo di 100 vacche) Il costo per ogni lesione è stimato a 20 euro con l aggiunta di 10 euro per le lesioni gravi. Il costo del materiale e dei farmaci è di 70 euro per una lesione trattata con antibiotico. dato deriva dalla media delle produzioni unitarie di tutte le tesi a confronto, pari a 30,6 kg/giorno. Le perdite di latte sono state così stimate: 200 kg per ogni lesione rilevata; ulteriori 350 kg per ogni lesione grave rilevata, intesa come lesione che ha comportato il trattamento con antibiotico. Tali perdite corrispondono rispettivamente al 3,2 e al 6,4% della produzione media fissata. Il prezzo di vendita del latte in zona Parmigiano-Reggiano, con riferimento all annata 2007, è stato di 0,398 euro/kg. Peggioramento performance riproduttive Relativamente a questo ultimo punto le valutazioni economiche sono assai più complesse, perché gli effetti delle lesioni podali sulla fertilità, sul tasso di concepimento, sulla quota di rimonta e su altri parametri produttivi non sono di facile valutazione; ciò è anche dovuto al fatto che gli eventi riproduttivi si svolgono in tempi lunghi e non è sempre semplice separare gli effetti di eventuali problematiche podali da quelli derivanti dalla genetica, dall alimentazione, dall ambiente e dal management. Di fatto, i due elementi più rilevanti da considerare, anche sulla scorta della bibliografia, sono l aumento del tasso di riforma (scarto prematuro delle vacche con 27

4 TRUTTURE TALLE problemi non recuperabili) e l aumento dell intervallo parto-concepimento (per le vacche con problemi recuperabili). Mediante un apposito programma di calcolo realizzato dal Crpa si è impostata una situazione della mandria di 100 vacche definita «buona» dal punto di vista dei principali indici riproduttivi; i riferimenti sono stati i dati disponibili su un campione di aziende dell area del Parmigiano-Reggiano e i dati medi dei controlli della produzione di latte in Italia. I principali parametri definiti e calcolati sono i seguenti: intervallo parto-concepimento: 100 interparto medio di allevamento: 380 quota di rimonta annua: 24%; numero vitelli nati vivi per 100 parti: 93; mortalità vitelli in svezzamento: 4%; numero vitelli svezzati per anno: 85; e manze per la vendita): 19. Con il medesimo programma di calcolo si sono quindi modificati i dati per simulare una situazione «scarsa» per gli indici riproduttivi, come conseguenza diretta delle malattie podali non più recuperabili e come conseguenza indiretta dell infertilità. Per stimare il livello di peggioramento dei principali parametri si è fatto riferimento ai dati rilevati nelle aziende campione e a quelli disponibili nella bibliografia consultata. La simulazione di una situazione «scarsa» ha dato i seguenti parametri: intervallo parto-concepimento: 140 interparto medio di allevamento: 420 quota di rimonta annua: 30%; numero vitelli nati vivi per 100 parti: 93; mortalità vitelli in svezzamento: 4%; numero vitelli svezzati per anno: 77; AMMORTAMENTO Quanto costa un pavimento? e manze per la vendita): 9. Quindi, i differenziali dei singoli parametri nel passaggio dalla situazione «buona» a quella «scarsa» sono: intervallo parto-concepimento: +40 numero vacche riformate per anno: +6; e manze per la vendita): 10. A questo punto è stato attribuito un valore economico al peggioramento dei Uno degli effetti più evidenti delle patologie podali è il calo delle produzioni di latte, soprattutto come conseguenza della minor ingestione La valutazione del costo di costruzione è stata fatta a prezzi di mercato per una nuova costruzione, con riferimento al prezzario regionale per opere e interventi in agricoltura 2007 della Regione Emilia-Romagna. I costi di costruzione stimati, riferiti a 1 m 2 di superficie di pavimento e comprensivi di scavo, vespaio, calcestruzzo, acciaio d armatura e pavimento sono riportati in figura 1. Per le soluzioni a pavimento fessurato, ovviamente, è stato anche valutato il costo di costruzione delle vasche sotto fessurato, ipotizzando una vasca poco profonda (altezza utile di 0,6 m) del tipo a veicolazione dei liquami. Non sono stati considerati, invece, i costi per eventuali impianti di asportazione degli effluenti di allevamento, perché possono essere molto diversificati da caso a caso. Il costo della struttura, ovviamente, incide sul costo di gestione annuo per la sola quota di ammortamento del capitale, che per le opere edili viene convenzionalmente fissata al 3% (durata media prevista 30 anni). olo per i tappeti in viene calcolata una quota più alta (12%) a causa della minore durata prevista di questi materiali. L ammontare della quota annua per l unità di superficie (m 2 ) è quindi pari a: pavimento pieno di calcestruzzo = 1,38 euro; pavimento pieno di malta resinosa e granuli di PVC = 2,49 euro; pavimento pieno di calcestruzzo + = 7,98 euro; pavimento fessurato di calcestruzzo = 4,11 euro; pavimento fessurato di calcestruzzo + = 11,31 euro. Per passare alla quota di ammortamento riferita alla mandria tipo è stato prima necessario stabilire la superficie di pavimento attribuibile alla singola vacca, da intendersi come sommatoria delle superfici in zona di alimentazione e in corsia di smistamento. i è scelto il valore di 5 m2/vacca in quanto sufficientemente realistico e in linea con i più recenti standard tecnici per la progettazione delle stalle a cuccette. singoli parametri considerati. Per l intervallo parto-concepimento, in accordo con quanto indicato da alcuni autorevoli ricercatori, si è valutato un costo per giorno riferibile al mantenimento della vacca: tale costo è stato stimato sulla base del costo di produzione del latte in zona Parmigiano-Reggiano (Opuscolo Crpa n. 9/2008), considerando i soli costi direttamente legati al mantenimento degli animali. Nell ipotesi di una produzione totale di latte di 900 t/anno, al netto delle perdite medie stimate ed esposte in precedenza, e di un costo di mantenimento di 158 euro/ t per gli allevamenti di pianura, si è ottenuto un costo di mantenimento per vacca presente di 3,89 euro/giorno. Tale costo è stato moltiplicato per il fattore 0,75 per considerare il solo mantenimento delle vacche, con esclusione degli altri bovini. Il maggior costo per ogni giorno in più di intervallo parto-concepimento è stato quantificato pari a circa 2,9 euro/giorno; essendo i maggiori giorni di intervallo parto-concepimento della mandria pari a 4.000, il maggior costo per il peggioramento di questo parametro è stato valutato in euro/anno. Per il maggior numero di vacche riformate si può valutare il costo di riforma

5 Mancato ricavo per minori performance riproduttive (.000 euro) GRAFICO 3 - Mancato ricavo per minori performance riproduttive (mandria tipo di 100 vacche) facendo la differenza fra il valore della vacca sana (che potrebbe essere venduta sul mercato come animale da vita) e quello della vacca di scarto destinata al macello. Con riferimento ai principali mercati dell Emilia-Romagna, si sono stimati valori di euro/vacca da latte da vita e di 300 euro/vacca di scarto. La differenza di valore è quindi pari a 700 euro e il mancato ricavo per le 6 vacche riformate anticipatamente è ammontato a euro/anno. Infine, si è valutato il mancato ricavo per i minori animali da rimonta disponibili per la vendita; anche in questo caso si è fatto riferimento a prezzi medi riscontrabili sui principali mercati dell Emilia-Romagna, fissando un prezzo medio unitario di 1,6 euro/kg di peso vivo. Considerando un peso medio di 350 kg per i soggetti da rimonta, il loro valore complessivo è risultato pari a euro, corrispondente al mancato ricavo di un anno. Riassumendo, l ammontare totale del danno economico stimato per il peggioramento delle performance riproduttive della mandria nel caso di situazione «scarsa» (elevata incidenza di problematiche podali) è stimabile pari a euro/anno. A questo punto si è collegata questa perdita economica a una situazione precisa di incidenza di malattie podali, per poter attribuire in modo corretto l entità del danno ai singoli casi esaminati nel progetto. Essendo il numero massimo di lesioni per mandria tipo di 182,2 per anno (stalla a pavimento fessurato di calcestruzzo sormontato da pavimento deformabile fessurato in ), si è assunto che il danno massimo sopra calcolato sia applicabile a una situazione di 200 lesioni/anno per mandria tipo: ne è risultato un costo di 107 euro TABELLA 1 - Tipologie di pavimenti e relativi costi Tipologia di pavimento quote reintegrazione manodopera veterinario Costi ( 1 ) (euro) farmaci e materiale sanitario mancato ricavo per perdita latte mancato ricavo per performance totale differenza rispetto a Ppg ( 2 ) Pieno di calcestruzzo Pieno di malta Pieno di calcestruzzo di calcestruzzo di calcestruzzo ( 1 ) Considerata una mandria tipo di 100 vacche. ( 2 ) di calcestruzzo +. per ogni lesione. Questo costo è stato moltiplicato per il numero delle lesioni di ogni tesi per ottenere la stima del danno causato dalle zoppie sulle prestazioni riproduttive. Nel grafico 3 vengono riassunti i mancati ricavi annui per minori performance riproduttive riferiti alla mandria convenzionale di 100 vacche per le diverse tipologie di pavimento. Risultato tecnico economico Costi totali (.000 euro) GRAFICO 4 - Costi totali delle tipologie di pavimento (mandria tipo di 100 vacche) ommando i costi stimati nei precedenti paragrafi si ottiene la stima del danno totale attribuibile alle lesioni podali nelle 5 tesi messe a confronto. In tabella 1 e nel grafico 4 se ne riassumono i risultati. i evidenzia il risultato migliore della tipologia a pavimento pieno di calcestruzzo sormontato da pavimento deformabile in, con un costo globale di circa euro/anno, mentre il risultato peggiore è quello della tesi a pavimento fessurato di calcestruzzo sormontato da pavimento deformabile fessurato in, con oltre euro. Nell ipotesi che il valore del pavimento pieno di calcestruzzo con sia prossimo al costo «inevitabile» da attribuirsi agli effetti delle pavimentazioni migliori sui piedi delle vacche, in altre parole lo scotto da pagare dovendo allevare bovini in stalla anziché al pascolo (come possono fare altri Paesi europei), è interessante calcolare la differenza fra pavimento pieno di calcestruzzo con e le altre tesi. Il passaggio da pavimento pieno di calcestruzzo a pavimento pieno di calcestruzzo sormontato da pavimento deformabile in, caso oggi possibile in molte stalle, può comportare un vantaggio economico in termini di minori costi di euro/anno per la mandria di 100 vacche. Le altre soluzioni non appaiono economicamente interessanti per i costi totali nettamente maggiori, ma bisogna considerare che l eventuale scelta di una soluzione a pavimento fessurato può dipendere da molti altri fattori, primi fra tutti i sistemi di gestione degli effluenti. trano il risultato del pavimento fessurato di calcestruzzo sormontato da, che mostra un costo nettamente superiore alla soluzione a pavimento fessurato di calcestruzzo; ciò è dovuto al più alto valore della quota di ammortamento, ma anche ai peggiori risultati evidenziati nelle prove. La cosa può essere in parte spiegata con alcune condizioni particolari rilevate nelle stalle con pavimento fessurato di calcestruzzo con, fra cui principalmente il sovraffollamento. Paolo Rossi Alessandro Gastaldo Crpa - Reggio Emilia Guard C. (2007) - Definizione del problema zoppia a livello di mandria. Large Animal Review, 13. Crpa (2008) - Costo di produzione e di trasformazione del latte in Emilia-Romagna. Opuscolo 2.55, n

Sostenibilità economica dei pavimenti in gomma

Sostenibilità economica dei pavimenti in gomma COLLABORAZIONE SATA ANALISI DEI COSTI E DEI VANTAGGI ECONOMICI E PRODUTTIVI Sostenibilità economica dei pavimenti in gomma di Alessandro Gastaldo, Marzia Borciani, Marisanna Speroni Le malattie podali

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Analisi economica sull'uso dei pavimenti in gomma per le stalle di bovini da latte Descrizione estesa del risultato Le malattie podali rappresentano un grave problema nell

Dettagli

Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma

Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma IN AZIENDE CON VACCHE DA LATTE LOMBARDE STRUTTURE DI STALLA Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma Delle oltre 2.000 aziende esaminate il 4,7% utilizza pavimenti in gomma. Impiegato principalmente

Dettagli

Indagine in allevamento e impostazione prove sperimentali

Indagine in allevamento e impostazione prove sperimentali Seminario Pavimentazioni innovative nelle stalle per vacche da latte Aspetti tecnici, sanitari ed economici e confronto con soluzioni tradizionali e impostazione prove Alessandro Gastaldo, CRPA - Reggio

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Indagine di mercato sui pavimenti in gomma nella stalle di bovini da latte Descrizione estesa del risultato Già da alcuni anni, allevatori, tecnici, veterinari e ricercatori

Dettagli

Per la gestione dei reflui nelle stalle

Per la gestione dei reflui nelle stalle PECIALE VALUTAZIONE U DIVERE TIPOLOGIE DI TALLA Quanto costa ogni anno la gestione delle deiezioni Il costo totale annuo di esercizio per la gestione dei reflui oscilla tra. euro della stalla a cuccette

Dettagli

I sistemi di valutazione a indice aziendale

I sistemi di valutazione a indice aziendale BENEERE ANIMALE METODO IBA, INDICE DI BENEERE DELL ALLEVAMENTO Misurare il benessere aiuta gestione e produzione Determinare il benessere in stalla mediante un sistema di valutazione consente di rilevare

Dettagli

Pavimentazioni delle stalle

Pavimentazioni delle stalle STALLE A CUCCETTA PER VACCHE DA LATTE Istituto Tecnico Agrario Zanelli Reggio Emilia, 30 maggio 2007 Pavimentazioni delle stalle Dott. Agr. Paolo Ferrari Ufficio Edilizia I pavimenti devono fornire un

Dettagli

Lesioni podali e pavimento delle corsie di stabulazione

Lesioni podali e pavimento delle corsie di stabulazione Seminario Pavimentazioni innovative nelle stalle per vacche da latte Aspetti tecnici, sanitari ed economici e confronto con soluzioni tradizionali Bagnolo in Piano, 20 maggio 2009 Loris De Vecchis, veterinario

Dettagli

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO Giugno 2014 1 2 3 SINTETICO COLLETTIVO DI SPECIE E RAZZA Il sintetico collettivo è una elaborazione dei dati provenienti dalle singole produttrici di una medesima specie/razza.

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario. www.informatoreagrario.it

Edizioni L Informatore Agrario. www.informatoreagrario.it www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

!! " # $$%& ' & & && " +,$-./0 1$23" 4&1%53" & &6& &!+$$%9,./0 & + 193" # 4 + & 15,3" &%53 &+8$,$$$2($$$ % + # * # : + $$%# & 89, 8(9 +

!!  # $$%& ' & & &&  +,$-./0 1$23 4&1%53 & &6& &!+$$%9,./0 & + 193 # 4 + & 15,3 &%53 &+8$,$$$2($$$ % + # * # : + $$%# & 89, 8(9 + " ' $$( ' ",$-./0 1$23" 41%53" 6 1,%3"'78583" 9,./0 1993" 193" 4 $ 75-3" 7,53"47-(3" 15,3" %53 8$,$$$2($$$ % 523 89, 8(9 ; =>1 78(93" 723" ' ',83%5$$$2%/ %? 88,$$$ 2($$$ ( @9%/8$$0" $$5/$$, $$( > $$5/$,

Dettagli

Costi di produzione, prezzo del latte

Costi di produzione, prezzo del latte ASSEMBLEA APROLAV (TREVISO) 21 MAGGIO 2014 Costi di produzione, prezzo del latte Alberto Menghi (a.menghi@crpa.it) Centro Ricerche Produzioni Animali Desideria Scilla A.Pro.La.V. Le domande Il prezzo del

Dettagli

La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito?

La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito? INCONTRI ZOOTECNICI DAL 3 PARTO IN POI: ELIMINAZIONE DELLE VACCHE E IMPLICAZIONI ECONOMICHE La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito? Negli ultimi anni si parla con maggior insistenza

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Alimentazione e lesioni podali

Alimentazione e lesioni podali PAVIMENTAZIONI E MATERIALI A CONFRONTO Più benessere con i pavimenti in gomma Scivolosità, durezza e abrasività sono inconvenienti comuni dei pavimenti delle stalle, che possono causare cadute, lesioni

Dettagli

Sostenibilità economica di modelli innovativi di porcilaie da ingrasso

Sostenibilità economica di modelli innovativi di porcilaie da ingrasso Fondazione CRPA Studi Ricerche (FCSR) Viale Timavo 43/2 Reggio Emilia Sito internet. www.crpa.it Opportunità economiche per una suinicoltura innovativa e sostenibile Alessandro Gastaldo a.gastaldo@crpa.it

Dettagli

E dai liquami elettricità e ca

E dai liquami elettricità e ca DOSSIER E dai liquami elettricità e ca Aumentare il numero delle bovine non è più la sola opzione possibile quando si voglia investire. Lo sviluppo delle energie da fonti rinnovabili fa intravedere nuove

Dettagli

Le mastiti costano molto all allevatore

Le mastiti costano molto all allevatore INDAGINE IN 6 SALLE DI VACCHE DA LAE Le mastiti costano molto all allevatore A seconda della frequenza e della gravità le mastiti possono comportare perdite di reddito fino a oltre 2. euro in un allevamento

Dettagli

Analisi del costo e della redditività della produzione del latte in Italia

Analisi del costo e della redditività della produzione del latte in Italia Analisi del costo e della redditività della produzione del latte in Italia Indagine 2006 Redazione a cura della Direzione Mercati e risk management Executive Summary L analisi dei costi di produzione del

Dettagli

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha SCHEDA FERGUSON L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha comportato un adeguamento degli strumenti utili a valutare l efficienza e la redditività delle

Dettagli

Due elementi chiavi per il successo finanziario

Due elementi chiavi per il successo finanziario Due elementi chiavi per il successo finanziario Litri di Latte Venduti Il latte marginale venduto ogni giorno supera il latte marginale per vacca Salute della Mandria Top 10 (11) priorità per un allevamento

Dettagli

GAIA Note metodologiche

GAIA Note metodologiche GAIA Note metodologiche Questo documento tecnico, disponibile solo in formato elettronico sul sito internet di GAIA, è stato redatto A. Giampaolo sulla base di un documento di analisi di G. Seroglia 2008

Dettagli

Valutazione del benessere dei bovini IBA INDICE DI BENESSERE DELL ALLEVAMENTO

Valutazione del benessere dei bovini IBA INDICE DI BENESSERE DELL ALLEVAMENTO Valutazione del benessere dei bovini IBA INDICE DI BENESSERE DELL ALLEVAMENTO Il benessere degli animali è argomento di grande attualità; definito da Hughes (1976) come quello stato di completa salute

Dettagli

Software per l'analisi di fattibilità e redditività degli impianti

Software per l'analisi di fattibilità e redditività degli impianti Thematic Meeting Opportunità di innovazione nel campo dell efficienza energetica Sistemi di controllo degli impianti di digestione anaerobica, per ottimizzarne le rese energetiche Software per l'analisi

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

BILANCIO AZIENDALE. frumento. 6,5 ha frumento CALCOLO DEL FIENO NORMALE (FN) PRODOTTO IN AZIENDA E DELLA PLV-CEREALI. Produzione Totale (q)

BILANCIO AZIENDALE. frumento. 6,5 ha frumento CALCOLO DEL FIENO NORMALE (FN) PRODOTTO IN AZIENDA E DELLA PLV-CEREALI. Produzione Totale (q) BILANCIO AZIENDALE Calcolare il beneficio fondiario (Bf) di un azienda agraria cerealicola-zootecnica, ordinaria, avendo a disposizione i seguenti dati: - Superficie totale 40 ha; superficie improduttiva

Dettagli

Paratubercolosi nell allevamento della bovina da latte Conoscerla per combatterla

Paratubercolosi nell allevamento della bovina da latte Conoscerla per combatterla Sezione di Lodi Sezione di Piacenza (CRN per la paratubercolosi) Associazione provinciale allevatori Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Lodi Paratubercolosi nell allevamento della bovina da

Dettagli

Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte

Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Cosa sarà il mercato del latte italiano dopo

Dettagli

UD14. La ripartizione dei costi comuni. obiettivi

UD14. La ripartizione dei costi comuni. obiettivi _ MODULO 5 la gestione economica _ I UD14 La ripartizione dei costi comuni obiettivi Vedremo come si forma il costo e con quale metodologia i costi indiretti possono essere ripartiti tra i settori aziendali

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO VETERINARIO REGIONALE REGIONE LAZIO

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO VETERINARIO REGIONALE REGIONE LAZIO OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO VETERINARIO REGIONALE REGIONE LAZIO BRUCELLOSI BOVINA/BUFALINA SCHEDA DI RILEVAMENTO DATI IN UN FOCOLAIO La scheda debitamente compilata deve essere consegnata all'osservatorio

Dettagli

CORRELAZIONI TRA NUTRIZIONE, FERTILITA E BENESSERE NELLA BOVINA DA LATTE MARENE (CN) 18 SETTEMBRE 2008

CORRELAZIONI TRA NUTRIZIONE, FERTILITA E BENESSERE NELLA BOVINA DA LATTE MARENE (CN) 18 SETTEMBRE 2008 GIORNATA BUIATRICA CORRELAZIONI TRA NUTRIZIONE, FERTILITA E BENESSERE NELLA BOVINA DA LATTE MARENE (CN) 18 SETTEMBRE 2008 INTEGRAZIONE CON OMEGA-3 NELLE RAZIONI DI BOVINE DA LATTE Trend fertilità US Holstein

Dettagli

Le innovazioni di oggi per l azienda da latte del domani

Le innovazioni di oggi per l azienda da latte del domani Convegno Fieragricola, Verona Innovazione e tecnologia: così sarà l azienda da latte nel 2030 I risultati del progetto Innova Latte giovedì 2 febbraio 2012, ore 15 - Sala Puccini di oggi per l azienda

Dettagli

S.A.T.A. I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA

S.A.T.A. I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA Perché sfida? Vediamo la variazione di alcuni PREZZI VARIAZIONE PREZZI in Lire Dic. 1980 Gen. 2010 2010/1980 caffè espresso

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

Biogas Per impostare i nuovi progetti

Biogas Per impostare i nuovi progetti Elementi di progettazione e criticità per impianti di biogas negli allevamenti di bovini. La linea guida del Crpa Biogas Per impostare i nuovi progetti L autore è del Crpa di Reggio Emilia. di Claudio

Dettagli

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte 69^ FIERA INTERNAZIONALE DEL BOVINO D LATTE Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti ARAL - Ass Reg

Dettagli

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA COMUNE DI Prot. n. Data di presentazione AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA OGGETTO: D. Legislativi n. 99 del 29/3/2004 e n. 101/05 Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di Imprenditore

Dettagli

Analisi dei costi di produzione

Analisi dei costi di produzione Analisi dei costi di produzione industriale Analisi dei costi 1 Comportamento dei costi La produzione è resa possibile dall impiego di diversi fattori. L attività di produzione consuma l utilità dei beni

Dettagli

Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare?

Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Cristian Rota Cosa sarà il mercato del latte

Dettagli

Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne. Consumi di carne in Italia

Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne. Consumi di carne in Italia Università della Tuscia Dip. di Produzioni Animali Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne Amici Andrea Amici Consumi di carne in Italia Riduzione

Dettagli

IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories)

IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories) IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD IL RAPPORTO CON GLI ALTRI STANDARD OGETTO E FINALITÀ DELLO STANDARD AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA VALUTAZIONE

Dettagli

N. posizione INPS (ex SCAU)... Data Iscrizione... titolo di studio posseduto... attività agricola svolta dal...

N. posizione INPS (ex SCAU)... Data Iscrizione... titolo di studio posseduto... attività agricola svolta dal... MODELLO A Al Comune di. OGGETTO: D. Lgs. n. 60/98 - Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di imprenditore agricolo a titolo principale al fine di ottenere una concessione edilizia in area

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART. Cod. 121 D NOTA TECNICA. Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A

Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART. Cod. 121 D NOTA TECNICA. Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART Cod. 121 D NOTA TECNICA Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A MANZART: L ARTE DI ALLEVARE MANZE FORTI E ROBUSTE AL MINORE COSTO Il Programma Purina

Dettagli

Metodologia di indagine

Metodologia di indagine Istituto di Ingegneria Agraria Benessere e produttività delle bovine da latte: il ruolo della stalla Risultati di uno studio in Lombardia Elisabetta Riva Istituto di Ingegneria Agraria Scopo del progetto

Dettagli

ANALISI SULLE PRINCIPALI TIPOLOGIE DI ALLEVAMENTO BOVINO

ANALISI SULLE PRINCIPALI TIPOLOGIE DI ALLEVAMENTO BOVINO ANALISI SULLE PRINCIPALI TIPOLOGIE DI ALLEVAMENTO BOVINO Quanto costa costruire le diverse tipologie di stalla I costi di costruzione delle stalle variano da circa 2.000 euro/capo per i bovini da ingrasso

Dettagli

Allegato A al Decreto n. 104 del 31 marzo 2008 pag. 1/9 PREMESSE

Allegato A al Decreto n. 104 del 31 marzo 2008 pag. 1/9 PREMESSE Allegato A al Decreto n. 104 del 31 marzo 2008 pag. 1/9 TRATTAMENTO DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO: PERDITE DI AZOTO VOLATILE E CONTENUTO RESIDUO NELLE FRAZIONI PALABILE E NON PALABILE DEI MATERIALI TRATTATI

Dettagli

La maggior parte dei processi produttivi

La maggior parte dei processi produttivi METODI Controllo valorizzare gli scarti della lavorazione: come trasformare un costo in opportunità La maggior parte dei processi produttivi comporta la produzione di scarti di lavorazione sotto forma

Dettagli

Conto Economico Ricavi

Conto Economico Ricavi Conto Economico Il Conto Economico aiuta a dimostrare la fattibilità economica del progetto, senza la quale l idea non potrebbe apparire sostenibile nel medio/lungo termine. Tuttavia, al fine di redigere

Dettagli

Stalle da latte del Centro Italia, alternative per non chiudere

Stalle da latte del Centro Italia, alternative per non chiudere SIMULAZIONE DI DUE SCENARI POSSIBILI Stalle da latte del Centro Italia, alternative per non chiudere di Danluigi Bertazzi, Angelo Frascarelli Il settore del latte oggi è diventato molto più competitivo

Dettagli

Efficientamento energetico degli allevamenti zootecnici

Efficientamento energetico degli allevamenti zootecnici VALUTATI DAL CRPA 18 INTERVENTI PER IL COMPARTO SUINO, BOVINO E AVICOLO Efficientamento energetico degli allevamenti zootecnici Nel settore zootecnico sono possibili ampi margini di miglioramento in termini

Dettagli

P.A. Enrico Costa Tecnico Bonifiche Sarde S.P.A.

P.A. Enrico Costa Tecnico Bonifiche Sarde S.P.A. P.A. Enrico Costa Tecnico Bonifiche Sarde S.P.A. S W Strenghts (Punti di forza): ciò che l azienda è capace di fare bene Weaknesses (Punti di debolezza): ciò che l azienda non è capace di fare bene

Dettagli

Tendenze attuali e prospettive della produzione di carne bovina nel mondo e in Italia

Tendenze attuali e prospettive della produzione di carne bovina nel mondo e in Italia Incontro tecnico ASSEMBLEA GENERALE ASPROCARNE Tendenze attuali e prospettive della nel mondo e in Italia Kees de Roest - Claudio Montanari CRPA-Reggio Emilia Mercoledì 24 giugno 2015 Fossano Centro Ricerche

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA BOZZA Doc. XVIII n. 51 RISOLUZIONE DELLA 9ª COMMISSIONE PERMANENTE (Agricoltura e produzione agroalimentare) (Estensore SCOMA) approvata nella seduta del 12 febbraio

Dettagli

LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DELLA TREMONTI-QUATER

LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DELLA TREMONTI-QUATER INFORMATIVA N. 134 06 MAGGIO 2015 BILANCIO LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DELLA TREMONTI-QUATER Art. 18, DL n. 91/2014 Circolare Agenzia Entrate 19.2.2015, n. 5/E Principi contabili OIC 16 e 25 Informativa

Dettagli

CONSUMI E DIMENSIONI DEL

CONSUMI E DIMENSIONI DEL CONSUMI E DIMENSIONI DEL BIOLOGICO IN ITALIA FABIO DEL BRAVO ISMEA 12 settembre 2015 www.ismea.it www.ismeaservizi.it AGENDA Il contesto Le dinamiche recenti Il valore del mercato bio Il ruolo della GDO

Dettagli

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali La stima dei costi sociali intende quantificare il danno economico subito dalla società, e conseguentemente dal

Dettagli

Formazione del prezzo dei suini in Europa. Reggio Emilia Aprile 2010. www.sipconsultors.com

Formazione del prezzo dei suini in Europa. Reggio Emilia Aprile 2010. www.sipconsultors.com Formazione del prezzo dei suini in Europa Reggio Emilia Aprile 2010 www.sipconsultors.com Presentazione SIP Dal 1999 Modello per la Gestione economica delle aziende suinicole Circa 100 aziende suinicole

Dettagli

Strutture e impianti per la difesa dal caldo negli allevamenti di bovini da latte

Strutture e impianti per la difesa dal caldo negli allevamenti di bovini da latte In collaborazione con: Strutture e impianti per la difesa dal caldo negli allevamenti di bovini da latte Gabriele Mattachini, Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali (DISAA) Università

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

riduzione dell azoto contenuto nel digestato

riduzione dell azoto contenuto nel digestato BIOGAS $ $ CONVENIENZA E LIVELLO DI RISCHIO DEGLI INVESTIMENTI NEL BIOGAS ZOOTECNICO Redditività dei piccoli impianti, studio del caso da 99 kw Una ridotta taglia di potenza e un alimentazione composta

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Prova di verifica ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO di Rossana MANELLI MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE (Classe 5 a IT IGEA, 5 a IP Economico - gestionale) La prova, indirizzata

Dettagli

ECONOMIA DEL BESTIAME

ECONOMIA DEL BESTIAME CORSO DI PREPARAZIONE AGLI ESAMI DI ABILITAZIONE PER AGROTECNICO E AGROTECNICO LAUREATO ECONOMIA DEL BESTIAME Docente: Dott. Agr. FRUCI ANTONIO Sezione 2011 Sede di BRIATICO (VV) ECONOMIA DEL BESTIAME

Dettagli

Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte

Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte Codeluppi dottor Mauro Incontri tecnico scientifici con i Produttori Gioia del Colle, 20 Giugno

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA COMUNICAZIONE PER L UTILIZZO DEGLI EFFLUENTI ZOOTECNICI IN AGRICOLTURA A chi deve essere inviata la comunicazione 1. La comunicazione deve essere inviata: a) al Comune

Dettagli

I MIGLIORAMENTI FONDIARI Cap. 9, pagg. 236-247

I MIGLIORAMENTI FONDIARI Cap. 9, pagg. 236-247 I MIGLIORAMENTI FONDIARI Cap. 9, pagg. 236-247 Sono investimenti che vengono fatti in agricoltura e che riguardano il Capitale Fondiario Un investimento è un impiego di denaro in un attività produttiva

Dettagli

Nelle stalle di vacche da latte cresce l interesse per gli impianti di ricircolo e i separatori

Nelle stalle di vacche da latte cresce l interesse per gli impianti di ricircolo e i separatori INDAGINE DEL CRPA Nelle stalle di vacche da latte cresce l interesse per gli impianti di ricircolo e i separatori Nelle stalle a stabulazione libera i raschiatori ad asta rigida sono ancora la soluzione

Dettagli

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA REDAZIONE DEL BILANCIO CIVILISTICO 2014: LE PRINCIPALI NOVITA PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 Dr. Riccardo Bauer 2 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

L importanza dell Assistenza Tecnica Specialistica. per le aziende zootecniche del Veneto.

L importanza dell Assistenza Tecnica Specialistica. per le aziende zootecniche del Veneto. Paolo Paparella APA Padova L importanza dell Assistenza Tecnica Specialistica per le aziende zootecniche del Veneto. Tasso di sopravvivenza delle aziende zootecniche del Veneto: risultati produttivi e

Dettagli

Vicenza: senza aggregazione distretto lattiero-caseario a rischio

Vicenza: senza aggregazione distretto lattiero-caseario a rischio INDAGINE PROMOSSA DAL CONSORZIO LATTIERO-CASEARIO DI VICENZA CON IL CRPA Vicenza: senza aggregazione distretto lattiero-caseario a rischio La scarsa propensione degli allevatori ad aggregarsi è il punto

Dettagli

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria La superficie catastale di un'azienda ad indirizzo cerealicolo-zootecnico con allevamento di bovini da latte, è pari a ettari 50.75.25 completamente destinati a seminativo e foraggere. Il candidato, descritta

Dettagli

Presentazione situazione dell allevamento italiano

Presentazione situazione dell allevamento italiano Incontro tecnico Gruppo UNIPEG Tavola Rotonda Dalle produzioni eccellenti del territorio alla Riforma PAC Presentazione situazione dell allevamento italiano Kees de Roest - Claudio Montanari CRPA-Reggio

Dettagli

ESERCIZIO 1 ANALISI COSTI VOLUMI-RISULTATI + MARGINI DI CONTRIBUZIONE

ESERCIZIO 1 ANALISI COSTI VOLUMI-RISULTATI + MARGINI DI CONTRIBUZIONE ESERCIZIO 1 ANALISI COSTI VOLUMI-RISULTATI + MARGINI DI CONTRIBUZIONE La Penelope SPA è un azienda produttrice di telai. La produzione si articola su due linee: la linea Trama e la linea Ordito. Nel 2007

Dettagli

Scenari futuri per le produzioni animali e per la relativa ricerca

Scenari futuri per le produzioni animali e per la relativa ricerca Scenari futuri per le produzioni animali e per la relativa ricerca Andrea Rosati European Ambiente Socio Economico La popolazione mondiale raggiungerà 9,2 miliardi nel 2050 La produzione di cibo dovrà

Dettagli

1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito

1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito 1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito Esercizio: utile (euro) tasso d'inflazione aliquota fiscale (t) anno 2009 100 3,00% 50% anno 2010 120 4,00% 50% anno 2011 80 5,00% 50% Eventi: -Nel 2009:

Dettagli

GESTIRE I COSTI E PIANIFICARE I RICAVI: come realizzare il prospetto economico dell attività

GESTIRE I COSTI E PIANIFICARE I RICAVI: come realizzare il prospetto economico dell attività GESTIRE I COSTI E PIANIFICARE I RICAVI: come realizzare il prospetto economico dell attività CONTABILITA GENERALE e CONTABILITA ANALITICA le informazioni derivanti dalla Contabilità Generale (C.G.) si

Dettagli

IL BILANCIO AZIENDALE. come strumento strategico decisionale

IL BILANCIO AZIENDALE. come strumento strategico decisionale IL BILANCIO AZIENDALE come strumento strategico decisionale Il bilancio fornisce un quadro della situazione economica, finanziaria e patrimoniale dell'azienda È strumento di comunicazione, interna ed esterna,

Dettagli

Istanza Unica ai sensi del D.Lgs 387/2003 con pronuncia di Compatibilità Ambientale

Istanza Unica ai sensi del D.Lgs 387/2003 con pronuncia di Compatibilità Ambientale ALLEGATO A7 INDICE 1. PREMESSA...1 2. VALUTAZIONE ECONOMICA...1 2.1 COSTI DI INVESTIMENTO...1 2.2 STIMA ORIENTATIVA DEI RICAVI DALLA VENDITA DI ENERGIA...2 2.3 COSTI DI ESERCIZIO...2 2.4 CANONI E SOVRACANONI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di prof.ssa Maria Sole Brioschi Esercizi sulle decisioni aziendali di lungo periodo DLP-E2 Corso 20085 Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Edile Anno Accademico

Dettagli

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale 1. IL VALORE ATTUALE La logica di investimento aziendale è assolutamente identica a quella adottata per gli strumenti finanziari. Per poter

Dettagli

Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto

Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto I bilanci colturali e aziendali dell azoto sono degli indicatori semplici della valutazione della gestione dell azoto delle colture e agrotecniche ad

Dettagli

Il biogas negli allevamenti zootecnici

Il biogas negli allevamenti zootecnici Il biogas negli allevamenti zootecnici SEMINARIO Sostenibilità economica ed ambientale del biogas negli allevamenti Nicola Labartino CRPA SpA Martedì 10 giugno 2014 Agriturismo del Papa Pozza di Maranello

Dettagli

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1 un esempio molto semplice con la redazione di : bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione Andrea Quaglino ANABORAPI Associazione Nazionale Allevatori Bovini di Razza Piemontese Razza specializzata da carne Groppa doppia

Dettagli

BANCA D ITALIA. Imprese femminili e credito. Donne, banche e sviluppo ABI, 25-26 settembre 2012

BANCA D ITALIA. Imprese femminili e credito. Donne, banche e sviluppo ABI, 25-26 settembre 2012 BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A Imprese femminili e credito Juri Marcucci Banca d Italia Donne, banche e sviluppo ABI, 25-26 settembre 2012 I lavori Che Genere di impresa? Differenziali di performance

Dettagli

Leverage massimo 2 Dividendi normali e consueti. Valuation ratio 1 Capitale sociale reperibile in borsa

Leverage massimo 2 Dividendi normali e consueti. Valuation ratio 1 Capitale sociale reperibile in borsa ESERCIZIO N.1 Il candidato verifichi se nell azienda GAMMA, quotata in borsa, è soddisfatta la motivazione della sicurezza dopo aver effettuato i nuovi investimenti indispensabili, considerando che gli

Dettagli

UTILIZZO DI EMBRIONI MICROMANIPOLATI E CRIOCONSERVATI NEL RECUPERO DI BOVINE REPEAT BREEEDER. PRIME ESPERIENZE DI CAMPO.

UTILIZZO DI EMBRIONI MICROMANIPOLATI E CRIOCONSERVATI NEL RECUPERO DI BOVINE REPEAT BREEEDER. PRIME ESPERIENZE DI CAMPO. SIET 24 Convegno annuale Abano Terme 3-10 - 2015 UTILIZZO DI EMBRIONI MICROMANIPOLATI E CRIOCONSERVATI NEL RECUPERO DI BOVINE REPEAT BREEEDER. PRIME ESPERIENZE DI CAMPO. Marcello Lora L ALLEVAMENTO DEL

Dettagli

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti 16 L utile lordo di stalla Generalità Calcolo dell Uls La disponibilità di foraggi L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da latte L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da carne

Dettagli

Norma nazionale per la produzione, preparazione, commercializzazione ed etichettatura del coniglio biologico (art. 42 del Reg. (CE) n. 834/07).

Norma nazionale per la produzione, preparazione, commercializzazione ed etichettatura del coniglio biologico (art. 42 del Reg. (CE) n. 834/07). Norma nazionale per la produzione, preparazione, commercializzazione ed etichettatura del coniglio biologico (art. 42 del Reg. (CE) n. 834/07). 1. Generalità 1.1 Premessa L operatore che intende allevare

Dettagli

IL REGISTRO DI CARICO E SCARICO ALLEVAMENTI 18 bis del D.P.R. 600/73

IL REGISTRO DI CARICO E SCARICO ALLEVAMENTI 18 bis del D.P.R. 600/73 IL REGISTRO DI CARICO E SCARICO ALLEVAMENTI 18 bis del D.P.R. 600/73 Note operative ed Esempi Documento a cura di SEDI Srl - RIPRODUZIONE VIETATA 1 L articolo 18 bis del D.P.R. 600/73 prevede l obbligo

Dettagli

Fabbricati rurali. 18.1 Ricoveri per bovini. Ricoveri per bovini Ricoveri per suini Altri fabbricati. 18.1.1 Bovini da latte. Stabulazione fissa

Fabbricati rurali. 18.1 Ricoveri per bovini. Ricoveri per bovini Ricoveri per suini Altri fabbricati. 18.1.1 Bovini da latte. Stabulazione fissa 18 Fabbricati rurali Ricoveri per bovini Ricoveri per suini Altri fabbricati 18.1 Ricoveri per bovini 18.1.1 Bovini da latte Stabulazione fissa Nella stabulazione fissa gli animali sono legati alla mangiatoia.

Dettagli

IL SETTORE. COSTRUZIONI in provincia di Trento

IL SETTORE. COSTRUZIONI in provincia di Trento 26 marzo 2013 IL SETTORE DELLE COSTRUZIONI in provincia di Trento il contesto economico Nel 2012 l area dell euro è nuovamente in recessione, con una riduzione del Pil pari allo 0,6%; si stima che permanga

Dettagli

Parte I (punti 3-9): Misure sanitarie obbligatorie per il controllo della Paratubercolosi bovina

Parte I (punti 3-9): Misure sanitarie obbligatorie per il controllo della Paratubercolosi bovina LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DI PIANI DI CONTROLLO E PER L ASSEGNAZIONE DELLA QUALIFICA SANITARIA DEGLI ALLEVAMENTI NEI CONFRONTI DELLA PARATUBERCOLOSI BOVINA 1. Definizioni Ai sensi delle presenti linee

Dettagli

miglioramenti fondiari e il costo di esercizio delle macchine Prof. Giorgio Zagnoli

miglioramenti fondiari e il costo di esercizio delle macchine Prof. Giorgio Zagnoli La valutazione economica dei miglioramenti fondiari e il costo di esercizio delle macchine Prof. Giorgio Zagnoli Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie ALMA MATER - Università di Bologna macchine

Dettagli

Capitolo 2. Misurazione del sistema macroeconomico. Francesco Prota

Capitolo 2. Misurazione del sistema macroeconomico. Francesco Prota Capitolo 2 Misurazione del sistema macroeconomico Francesco Prota Piano della lezione La misurazione delle sei variabili chiave Tasso di cambio Mercato azionario Tassi di interesse Tasso di inflazione

Dettagli

! "#$%&%! '' ' * +,-..' ( & '" "( $' ( '' '' ' " # 5 +9023,*?& # >

! #$%&%! '' ' * +,-..' ( & ' ( $' ( '' '' '  # 5 +9023,*?& # > ! $%%! ) * +,- /01 * +-23, $ +*, * 6 07)18/+923,+ -318/, :3 ;$ 033)3 --) 18/$)2018/=> +9023,*? >? ):3+$,2:3+, - ;$ -3+=,073 +$,? 2 @ +, A-3 B @ +, +,>? C6!% 8 B! 3 0 A3 6 +073, D 23 E FEF+G, FF B! 6*6$

Dettagli

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte CONTROLLI NELLA FILIERA ALIMENTARE PER LA RICERCA DI RESIDUI DI SOSTANZE INDESIDERATE DA PARTE DEI SERVIZI DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA DELLA REGIONE LAZIO Le diossine sono un gruppo di 210 sostanze

Dettagli

Budget e marchi di impresa

Budget e marchi di impresa Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 11 dicembre 2009 Budget e marchi di impresa Costi e ricavi per la pianificazione dell attività Budget e marchi di impresa

Dettagli